ANALISI CRITICA DI UNA FONTE STORIOGRAFICA Le pagine di Boccaccio sulla peste del 1348 a Firenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI CRITICA DI UNA FONTE STORIOGRAFICA Le pagine di Boccaccio sulla peste del 1348 a Firenze"

Transcript

1 ANALISI CRITICA DI UNA FONTE STORIOGRAFICA Le pagine di Boccaccio sulla peste del 1348 a Firenze La morte colpisce con la lancia una coppia di innamorati (pittore della scuola di Jacques de Besançon, Breviario di Jost von Silenen, Miniatura per l ufficio dei defunti, Vol. I, foglio 359 r) La peste, codice Sercambi, Archivio di Stato di Lucca

2 Comincia la prima giornata del Decameron, nella quale dopo la dimostrazione fatta dall autore, per che cagione avvenisse di doversi quelle persone, che appresso si mostrano, ragunare 1 a ragionare 2 insieme, sotto il reggimento di Pampinea si ragiona di quello che più aggrada a ciascheduno Quantunque volte 3, graziosissime donne, meco 4 pensando riguardo quanto voi naturalmente 5 : tutte siete pietose, tante conosco che la presente opera al vostro iudicio avrà grave e noioso 6 principio, sì come è la dolorosa ricordazione della pestifera mortalità trapassata, universalmente a ciascuno che quella vide o altramenti conobbe dannosa 7, la quale essa porta nella sua fronte 8. Ma non voglio per ciò che questo di più avanti leggere vi spaventi, quasi 9 sempre tra sospiri e tralle lagrime leggendo dobbiate trapassare 10. Questo orrido cominciamento vi fia non altramenti 11 che a camminanti una montagna aspra e erta, appresso alla quale un bellissimo piano e dilettevole sia reposto, il quale tanto più viene 12 lor piacevole quanto maggiore è stata del salire e dello smontare la gravezza 13. E sì come la estremità della allegrezza il dolore occupa, così le miserie da sopravegnente letizia sono terminate 14. A questa brieve noia (dico brieve in quanto in poche lettere si contiene) seguirà prestamente la dolcezza e il piacere quale io v ho davanti 15 promesso e che forse da così fatto inizio non sarebbe, se non si dicesse, aspettato. E nel vero, se io potuto avessi onestamente 16 per altra parte menarvi a quello che io desidero che per così aspro sentiero come fia questo, io l avrei volentier fatto: ma per ciò che, qual fosse la cagione per che le cose che appresso si leggeranno ragunare: riunire. ragionare: parlare. quantunque volte che: ogni volta che. meco: fra me. naturalmente: per natura. noioso: doloroso. universalmente dannosa: dannosa per tutti quelli che la videro di persona o la conobbero in altro modo. la quale fronte: il quale ricordo la presente opera reca al suo inizio. quasi: come se. trapassare: andare avanti (a leggere). vi fia altramenti: sarà per voi come viene: diviene, risulta. gravezza: fatica. le estremità terminate: come il dolore sopraggiunge nell estrema allegria, così le miserie sono concluse dal sopraggiungere del piacere. davanti: in precedenza, nel Proemio. onestamente: convenientemente avvenissero 17, non si poteva senza questa rammemorazion dimostrare, quasi da necessità costretto a scriverle mi conduco 18. Dico adunque che già erano gli anni della fruttifera 19 incarnazione del Figliuolo di Dio al numero pervenuti di milletrecentoquarantotto, quando nella egregia città di Fiorenza, oltre ad ogn altra italica nobilissima, pervenne 20 la mortifera pestilenza 21 : la quale, o per operazion de corpi superiori 22 o per le nostre inique opere da giusta ira di Dio 23 a nostra correzione mandata sopra i mortali 24, alquanti anni davanti 25 nelle parti orientali 26 incominciata, quelle qual fosse avvenissero: qualunque fosse la causa per cui avvenissero le cose che in seguito si leggeranno. mi conduco: mi induco. fruttifera: fruttuosa. Boccaccio definisce la nascita di Cristo fruttuosa per gli uomini in quanto ha aperto loro la strada della salvezza eterna, della redenzione. pervenne: giunse. Sia la datazione che la descrizione della dinamica di sviluppo dell epidemia appaiono piuttosto attendibili. La peste, dice Boccaccio, si è sviluppata dapprima in Oriente ed è giunta a Firenze del Il cronista fiorentino Matteo Villani 21, cercando anch egli di ricostruire l origine dell epidemia, scriveva: «Cominciossi nelle parti d Oriente, nel detto anno [1346], inverso il Cattai [il nome con il quale veniva chiamata la Cina nel medioevo] e l India superiore, e nelle altre provincie circostanti a quelle marine dell oceano [si riferisce probabilmente ai territori africani che si affacciano sull Oceano Indiano+, una pestilenza tra gli uomini d ogni condizione di catuna [ciascuna] età e sesso, che cominciavano a sputare sangue, e morivano chi di subito, chi in due o tre dì * +. Questa pestilenzia si venne di tempo in tempo, e di gente in gente apprendendo [Qui Villani ci rivela in che modo circolavano le informazioni nel medioevo: non essendovi giornalisti, ovvero persone che per professione raccoglievano e diffondevano notizie, queste ultime si trasmettevano lentamente, attraverso il passaparola tra persona e persona. È proprio per questa ragione che le informazioni di cui disponiamo, sulla peste come su qualunque altro episodio della storia medievale, sono spesso imprecise e generiche], comprese infra il termine d uno anno la terza parte del mondo che si chiama Asia [Secondo i geografi medievali, i continenti erano tre (Europa, Asia e Africa) e ciascuno di essi era grande un terzo del mondo intero]. E nell ultimo di questo tempo s aggiunse alle nazioni del Mare Maggiore [il Mediterraneo], e alle ripe del Mare Tirreno, nella Soria [Siria] e nella Turchia, e in verso lo Egitto e la riviera del Mar Rosso, e dalla parte settentrionale la Rossia [Russia], la Grecia, e l Erminia [Armenia] e l altre conseguenti provincie * +»[M. Villani, Nuova cronica ( ), libro I, II]. Queste notizie trovano a loro volta conferma nei Viaggi, scritto dall esploratore marocchino di origine Ibn Baţţūţa ( ) e soprattutto nella testimonianza del medico arabo Ibn Hatimah, secondo il quale l epidemia aveva avuto origine in Cina operazion de corpi superiori: influenza dei corpi celesti, degli astri. inique opere ira di Dio: a causa delle nostre colpe dalla giusta ira di Dio. Questo passaggio del testo prende in considerazione il problema delle cause della peste. Boccaccio cita entrambe le ipotesi più diffuse al suo tempo: quella scientifica e quella religiosa. La prima si comprende tenendo presente che una delle spiegazioni scientifiche più diffuse all epoca era quella fornita da Gentile da Foligno (?-1348), professore di medicina all Università di Padova e poi a Perugia, nel Paradigma del soffio pestifero (titolo postumo), scritto proprio nel Per spiegare il contagio, Gentile parte da una premessa astrologica: il 23 marzo 1345 si sarebbe verificata una congiunzione sfavorevole di Marte, Giove e Saturno. In conseguenza di questo evento, esalazioni insalubri sarebbero state risucchiate dal mare, restituite all aria (dove si sarebbero riscaldate) e poi rigettate sulla - 2 -

3 d inumerabile quantità de viventi avendo private, senza ristare 27 d un luogo in uno altro continuandosi, verso l Occidente miserabilmente 28 s era ampliata. E in quella 29 non valendo alcuno senno né umano provedimento, per lo quale fu da molte immondizie purgata la città da oficiali sopra ciò ordinati 30 e vietato terra come venti corrotti. Questo soffio pestifero, se inspirato dall uomo, crea vapori velenosi che si raccolgono attorno al cuore e ai polmoni, infettando gli organi del corpo. La seconda spiegazione (che abbiamo definito religiosa ) attribuiva la peste alla volontà divina di punire gli uomini per i loro peccati. Si tenga presente che, di fronte alla scarsa efficacia delle spiegazioni mediche, l interpretazione della peste più convincente, agli occhi di un uomo medievale, era proprio quella religiosa. Secondo quest ultima, la peste sarebbe stata un flagello inflitto da Dio agli uomini per punirli dei loro peccati, oppure un segno con il quale Dio annunciava l imminenza della fine del mondo. In una prima fase, la spiegazione religiosa era essenzialmente rivolta a individuare la causa dell ira divina nei peccati compiuti dai cristiani. Successivamente, soprattutto in Germania, in Francia e in altri territori del Nord Europa, si diffuse la convinzione che l ira divina fosse causata dalle minoranze religiose che vivevano nella Cristianità e soprattutto dagli Ebrei. Si verificarono così numerosi episodi di persecuzione e veri e propri massacri di Ebrei, che sarebbero continuati per quasi un secolo. alquanti anni davanti: qualche anno prima. nelle parti orientali: in Oriente, cioè nelle parti orientali del mondo. senza ristare: senza arrestarsi. miserabilmente: provocando miseria. Interessante è la correlazione tra la peste e la miseria [riga 28]. Anche a questo proposito possiamo anzitutto stabilire un legame causale stretto tra miseria e peste, come riferisce il cronista fiorentino Giovanni Villani. Secondo costui, nel 1347 Firenze e il suo territorio agricolo vennero colpiti da una gravissima carestia, che probabilmente contribuì a indebolire notevolmente la popolazione, predisponendola alla diffusione dell epidemia l anno successivo. Villani descrive così gli effetti della carestia: «E fu sì grande la necessità, che le più delle famiglie de contadini abbandonavano i poderi, e rubavano per la fame l uno all altro ciò che trovavano e molti ne vennero mendicando in Firenze, e così de forestieri d intorno, ch era una pietà a vedere e udire, e non si poteno lavorare le terre né seminare; se non che coloro cui erano, se n'avieno il podere, convenia che pascesse quelli che le lavoravano, e fornire di seme, e quello con grande necessità e costo» [G. Villani, Nuova cronica ( ), libro XII, LXXIII]. Nella stessa Nuova Cronica, Giovanni Villani riferisce poi che nel novembre del 1347 «subitamente montò il grano in Firenze, da soldi ventidue che valeva lo staio, in uno mezzo fiorino d oro, e infine in soldi trentacinque lo staio, onde il popolo si meravigliò, temendo e dubitando forte che non tornasse la carestia passata». [G. Villani, Nuova cronica, Libro XII, CXIX]. La situazione fiorentina alla fine del 1347 è dunque caratterizzata da una forte crisi economica, che non provoca soltanto una generica paura che si ripeta la carestia degli anni precedenti, ma anche una effettiva modificazione dell alimentazione, soprattutto per i ceti più poveri della città, che quindi sono soggetti ad un indebolimento complessivo delle difese immunitarie e, di conseguenza, più esposti al rischio di epidemie di ogni genere. Infine, anticipiamo quando diremo più avanti e cioè che la peste è stata essa stessa causa di crisi economica e di miseria diffusa, poiché ha determinato a sua volta un crollo improvviso della produzione agricola, che a sua volta ha determinato un nuovo lungo periodo di penuria di cibo. in quella: contro quella (pestilenza). oficiali ordinati: funzionari cui era stato affidato il compito di controllare ciò (ovvero il mantenimento dell igiene pubblica) l entrarvi dentro a ciascuno infermo 31 e molti consigli dati a conservazion della sanità 32, né ancora umili supplicazioni 33 non una volta ma molte e in processioni ordinate, in altre guise a Dio fatte dalle divote persone, quasi nel principio della primavera dell anno predetto orribilmente cominciò i suoi dolorosi effetti, e in miracolosa 34 maniera, a dimostrare. E non come in Oriente aveva fatto, dove a chiunque usciva il sangue del naso era manifesto segno di inevitabile morte: ma nascevano nel cominciamento d essa a maschi e alle femine parimente o nella anguinaia 35 o sotto le ditella 36 certe enfiature 37, delle quali alcune crescevano come una comunal 38 mela, altre come uno uovo, e alcune più e alcun altre meno, le quali i volgari nominavan gavoccioli 39. E dalle due parti del corpo predette infra brieve spazio 40 cominciò il già detto gavocciolo mortifero indifferentemente in ogni parte di quello 41 a nascere e a venire: e da questo appresso s incominciò la qualità della predetta infermità a permutare in macchie nere o livide, le quali nelle braccia e per le cosce e in ciascuna altra parte del corpo apparivano a molti, a cui 42 grandi e rade e a cui minute e spesse. E come il gavocciolo primieramente era stato e ancora era certissimo indizio di futura morte, così erano queste a ciascuno a cui venieno. A cura delle quali infermità né consiglio di medico né virtù 43 di medicina alcuna pareva che valesse o facesse profitto: anzi, o che natura del malore nol patisse o che la ignoranza de medicanti 44 (de quali, oltre al numero degli scienziati, così di femine come d uomini senza avere alcuna dottrina di medicina avuta giammai, era il numero divenuto grandissimo) non conoscesse da che si movesse 45 e per consequente debito argomento non vi prendesse 46, infermo: malato. a conservazion della sanità: per conservare la salute. supplicazioni: suppliche. miracolosa: straordinaria. anguinaia: inguine. ditella: ascelle. enfiature: rigonfiamenti. comunal: comune, di normale dimensione. gavoccioli: il nome dato a quell epoca ai bubboni, cioè ai rigonfiamenti di cui si parla poco sopra. dalle due parti spazio: a breve spazio dalle due parti del corpo dette in precedenza (inguine e ascelle). di quello: del corpo. a cui: a chi. virtù: potere, effetto. ignoranza de medicanti: ignoranza, incapacità dei medici. da che si movesse: quale fosse la causa (della malattia)

4 55 60 non solamente pochi ne guarivano, anzi quasi tutti infra 47 l terzo giorno dalla apparizione de sopra detti segni, chi più tosto e chi meno 48 e i più senza alcuna febbre o altro accidente 49, morivano. E fu questa pestilenza di maggior forza per ciò che 50 essa dagli infermi di quella per lo comunicare insieme s avventava 51 a sani, non altramenti che faccia 52 il fuoco alle cose secche o unte quando molto gli sono avvicinate 53. E più avanti ancora ebbe di male 54 : ché non solamente il parlare e l usare 55 cogli infermi dava a sani infermità o cagione 56 di comune morte, ma ancora 57 il toccare i panni o qualunque altra cosa da quegli infermi stata tocca o adoperata pareva seco 58 quella cotale infermità nel toccator 59 transportare volte un dì così fatta esperienza: che, essendo gli stracci d un povero uomo da tale infermità morto 66 gittati nella via publica e avvenendosi 67 a essi due porci, e quegli secondo il lor costume prima molto col grifo e poi co denti presigli e scossiglisi alle guance, in piccola ora appresso 68, dopo alcuno avvolgimento, come se veleno avesser preso, amenduni 69 sopra li mal tirati stracci 70 morti caddero in terra 71. Dalle quali cose e da assai altre a queste simiglianti o maggiori nacquero diverse paure e immaginazioni in quegli che rimanevano vivi, e tutti quasi a un fine tiravano 72 assai crudele era di schifare 73 e di fuggire gl infermi e le lor cose; e così faccendo, si credeva ciascuno medesimo salute acquistare Maravigliosa 60 cosa è da udire quello che io debbo dire: il che, se dagli occhi di molti e da miei non fosse stato veduto, appena che io ardissi di crederlo 61, non che di scriverlo, quantunque da fededegna 62 udito l avessi. Dico che di tanta efficacia fu la qualità della pestilenzia narrata nello appiccarsi 63 da uno a altro, che non solamente l uomo all uomo, ma questo, che è molto più, assai volte visibilmente fece, cioè che la cosa dell uomo infermo stato, o morto di tale infermità, tocca 64 da un altro animale fuori della spezie dell uomo 65, non solamente della infermità il contaminasse ma quello infra brevissimo spazio uccidesse. Di che gli occhi miei, sì come poco davanti è detto, presero tra l altre per conseguente prendesse: e, conseguentemente, non fosse in grado di porvi rimedio. infra: entro. chi più tosto e chi meno: chi prima e chi poi. accidente: sintomo. per ciò che: per il fatto che. s avventava: si trasmetteva. non altramenti che faccia: non diversamente da come fa. il paragone con il fuoco, che vicino alle cose secche o unte si sviluppa molto rapidamente, vuole qui sottolineare la velocità di diffusione del contagio. E più avanti male: ed in seguito produsse anche maggiore danno. l usare: la frequentazione. cagione: causa. ancora: anche. seco: con sé. toccator: colui che aveva toccato. meravigliosa: straordinaria. appena che crederlo: io quasi non oserei credelo. fededegna: persona degna di fede, affidabile. appiccarsi: trasmettersi. tocca: toccata. spezie dell uomo: specie umana morto: ucciso. avvenendosi: avvicinandosi. in piccola ora appresso: in brevissimo tempo. amendue: entrambi. mal tirati stracci: stracci che avevano tirato a loro danno. Questo passo è molto interessante, anche se del tutto incredibile: Boccaccio dice di aver visto due maiali avvicinarsi ai vestiti appartenuti ad un uomo morto di peste, di averli visti grufolare e mordere i vestiti e, poco tempo dopo, di averli visti morire entrambi. Per quello che sappiamo oggi (grazie alla scienza) a proposito degli effetti della peste, l episodio è inverosimile (almeno così come lo presenta Boccaccio): la peste, infatti, è causata da un bacillo che richiede un tempo di incubazione che oscilla tra i due e i dodici giorni; è quindi impossibile che la malattia si riveli mortale pochissimo tempo (il testo farebbe pensare dopo poche ore o anche meno) dopo il contagio. In un caso come questo lo storico che analizza criticamente il documento potrebbe giungere alla conclusione che si tratti di un documento complessivamente inattendibile. Tuttavia possiamo cercare di capire se esista qualche spiegazione plausibile che, pur di fronte all inattendibilità dell evento raccontato, permetta di continuare a considerare complessivamente credibile la testimonianza di Boccaccio circa la peste a Firenze. La domanda che dovremmo porci è: come si potrebbe spiegare ciò che Boccaccio dice di avere visto con i propri occhi? La risposta a questa domanda è relativamente semplice: i due maiali potrebbero essere stati contagiati da tempo (il bacillo della peste, in effetti, può contagiare qualunque essere vivente con il quale viene a contatto) e, essendo già malati, avrebbero potuto morire a causa della malattia precedentemente contratta dopo avere casualmente giocato con i vestiti del morto. È evidente che in questo caso Boccaccio testimonia di un evento che egli fraintende. Ma non di un evento falso, o immaginario. Non abbiamo alcun motivo di credere che Boccaccio menta: diamo quindi per buono che questa scena egli la abbia vista davvero, così come deve aver visto tutte le scene descritte più avanti. Dal punto di vista dello storico che analizza un documento, potremmo aggiungere che il fraintendimento di Boccaccio è anch esso un elemento storicamente rilevante: esso ci permette di capire quanto fossero inadeguate le spiegazioni che gli uomini del tempo (non dimentichiamo che Boccaccio era un uomo molto istruito, uno dei maggiori intellettuali della sua epoca) erano in grado di dare a proposito di questa malattia. tiravano: tendevano. schifare: evitare. e così faccendo acquistare: facendo in questo modo (cioè evitando di venire a contatto con i malati e le loro cose) credevano di riuscire a conservare la salute

5 E erano alcuni, li quali avvisavano 75 che il viver moderatamente e il guardarsi 76 da ogni superfluità 77 avesse molto a così fatto accidente resistere 78 ; e fatta brigata 79, da ogni altro separati viveano, e in quelle case ricogliendosi e racchiudendosi, dove niuno infermo fosse e da viver meglio, dilicatissimi cibi e ottimi vini temperatissimamente 80 usando e ogni lussuria 81 fuggendo 82, senza lasciarsi parlare a alcuno o volere di fuori di morte o d infermi alcuna novella sentire, con suoni e con quegli piaceri che aver poteano si dimovano. Altri, in contraria oppinion tratti, affermavano il bere assai e il godere e l andar cantando attorno e sollazzando e il sodisfare d ogni cosa all appetito che si potesse e di ciò che avveniva ridersi e beffarsi esser 83 medicina certissima 84 a tanto male; e così come il dicevano mettevano in opera a lor potere, il giorno e la notte ora a quella taverna ora a quella altra andando, bevendo senza modo e senza misura, e molto più ciò per l altrui case faccendo, solamente che cose vi sentissero che lor venissero a grado o in piacere E ciò potevan far di leggiere 85, per ciò che ciascun, quasi non più viver dovesse, aveva, sì come sé 86, le sue cose messe in abbandono 87 ; di che 88 le più delle case erano divenute comuni, e così l usava lo straniere 89, pure che ad esse s avvenisse 90, come l avrebbe il proprio signore usate; e con tutto 91 questo proponimento bestiale sempre gl infermi fuggivano a lor potere E in tanta afflizione e miseria della nostra città era la reverenda 93 autorità delle leggi, così divine come umane, quasi caduta e dissoluta tutta per li 94 ministri e esecutori di quelle, li quali, sì come gli altri uomini, erano tutti o morti o infermi o sì di famigli rimasi stremi 95, che uficio alcuno non potean fare; per la qual cosa era a ciascun licito quanto a grado gli era d adoperare 96. Molti altri servavano, tra questi due di sopra detti, una mezzana via 97, non strignendosi nelle vivande 98 quanto i primi né nel bere e nell altre dissoluzioni 99 allargandosi 100 quanto i secondi, ma a sofficienza secondo gli appetiti le cose usavano e senza rinchiudersi andavano a torno, portando nelle mani chi fiori, chi erbe odorifere e chi diverse maniere di spezierie 101, quelle al naso ponendosi spesso, estimando essere ottima cosa il cerebro 102 con cotali odori confortare, con ciò fosse cosa che 103 l aere tutto paresse dal puzzo de morti corpi e delle infermità e delle medicine compreso 104 e puzzolente. Alcuni erano di più crudel sentimento, come che 105 per avventura più fosse sicuro, dicendo niuna altra medicina essere contro alle pestilenze migliore né così buona come il fuggir loro davanti; e da questo argomento mossi, non curando d alcuna cosa se non di sé, assai e uomini e donne abbandonarono la propia città, le propie case, i lor luoghi e i lor parenti e le lor cose, e cercarono l altrui o almeno il lor contado 106, quasi l ira di Dio a punire le avvisavano: sostenevano, ritenevano. il guardarsi: l evitare. superfluità: cosa superflua. avesse resistere: servisse a resistere (alla peste). fatta brigata: costituito un gruppo. temperatissimamente: con molta moderazione. lussuria: eccesso. fuggendo: evitando. esser: che era (l infinito è retto da affermavano riga 90, costruzione latina). certissima: efficacissima. di leggiere: facilmente. sì come sé: così come se stesso. messe in abbandono: abbandonate. di che: per cui. lo straniere: chi non vi risiedeva abitualmente. s avvenisse: succedesse. con tutto: malgrado. fuggivano a lor potere: se potevano evitavano (gli appestati) reverenda: degna di essere riverita. per li: a causa dei. di famigli stremi: rimasti quasi privi (stremi) di servitori (famigli). adoperare: fare. In questo passo troviamo un primo riferimento alle conseguenze della peste sull organizzazione politica e amministrativa della città. Boccaccio afferma che gli esecutori della legge (cioè tutti coloro che avevano compiti amministrativi o incarichi di governo), come tutti gli altri uomini, furono soggetti alla malattia e si comportarono come tutti gli altri. Molti di essi morirono e altrettanti rimasero privi di uomini ai quali dare gli ordini necessari per mantenere l organizzazione politico-amministrativa della città. Data questa situazione, l effetto della peste fu quello di produrre il discredito e la paralisi della pubblica autorità e la decadenza delle leggi, sia umane che divine. una mezzana via: una via di mezzo. non strignendosi vivande: non limitandosi nel cibarsi. dissoluzioni: dissolutezze. allargandosi: rilassandosi. maniere di spezierie: tipi di spezie. cerebro: cervello. con ciò che: poiché. compreso: riempito, saturato. come che: pensando che. lor contado: i loro possedimenti in campagna

6 iniquità degli uomini con quella pestilenza non dove fossero procedesse 107, ma solamente a coloro opprimere li quali dentro alle mura della lor città si trovassero, commossa 108 intendesse 109 ; o quasi avvisando 110 niuna persona in quella dover rimanere e la sua ultima ora esser venuta. E come che questi così variamente oppinanti 111 non morissero tutti, non per ciò tutti campavano: anzi, infermandone 112 di ciascuna molti e in ogni luogo, avendo essi stessi, quando sani erano, essemplo dato a coloro che sani rimanevano, quasi abbandonati per tutto languieno 113. E lasciamo stare che l uno cittadino l altro schifasse 114 e quasi niuno vicino avesse dell altro cura e i parenti insieme rade volte o non mai si visitassero e di lontano 115 : era con sì fatto spavento questa tribulazione 116 entrata né petti degli uomini e delle non dove fossero procedesse: non li colpisse ovunque si trovavano. commossa: una volta scatenata. Intendesse si riferisce a l ira di Dio (riga 120). Qui Boccaccio riferisce un modo di pensare molto diffuso, secondo il quale la peste sarebbe stata una punizione voluta da Dio per punire i peccati non di tutti gli uomini, ma più specificamente dei cittadini (così pensavano coloro che abbandonavano la città cercando scampo nelle campagne circostanti). L idea sottostante questa reazione era quella che vedeva la città come luogo anomalo, più peccaminoso rispetto alla campagna. avvisando: ritenendo. così variamente oppinanti: con opinioni così diverse. infermandone: ammalandosi. languieno: languivano, erano abbandonati. schifasse: evitasse. Questo passo è piuttosto significativo per comprendere il sistema delle relazioni che vigeva in città. Boccaccio, che qui riprende il discorso sulla decadenza delle leggi, sia umane che divine (cfr. sopra, righe e nota 94), afferma che (a) nessun vicino aveva cura dell altro e (b) i parenti si facevano visita raramente e restando lontani l uno dall altro anche durante la visita. Questo ordine può apparire sorprendente, perché i rapporti di vicinato appaiono evidentemente a Boccaccio quasi più importanti di quelli di parentela. Ciò non sorprende se si pensa alla struttura della città medievale e alla struttura dei rapporti parentali. Anzitutto, nella città gli spazi disponibili per la costruzione di nuovi edifici erano scarsissimi e di conseguenza chi, sposandosi, per qualche ragione andasse a vivere fuori della casa del padre doveva rassegnarsi a cercare una nuova abitazione anche piuttosto lontano dal parentado. Più frequentemente, se la dimora paterna era grande chi si sposava vi restava, poiché la norma non era la famiglia mononucleare (padre, madre e figli), bensì la famiglia plurigenerazionale, ampliata spesso anche ad amici e servitori (soprattutto nelle famiglie importanti). Ciò non valeva, naturalmente, per le figlie femmine che, una volta sposate, passavano dalla tutela del padre a quella del marito e, di conseguenza, recidevano i rapporti con la famiglia d origine. La conseguenza di questa struttura dei rapporti famigliari è che i legami parentali, che in linea generale erano l asse portante delle relazioni sociali medievali, finivano per essere meno intimi dei rapporti di vicinato. Di qui l insistenza di Boccaccio sul fatto che la mancanza di solidarietà tra vicini è uno dei segni più evidenti dell imbarbarimento della vita sociale conseguente allo sviluppo dell epidemia. tribulazione: preoccupazione donne, che l un fratello l altro abbandonava e il zio il nipote e la sorella il fratello e spesse volte la donna il suo marito; e (che maggior cosa è e quasi non credibile), li padri e le madri i figliuoli, quasi loro non fossero, di visitare e di servire schifavano. Per la qual cosa a coloro, de quali era la moltitudine inestimabile, e maschi e femine, che infermavano 117, niuno altro sussidio rimase che o la carità degli amici (e di questi fur pochi) o l avarizia de serventi, li quali da grossi salari e sconvenevoli tratti servieno, quantunque per tutto ciò molti non fossero divenuti: e quelli cotanti erano uomini o femine di grosso ingegno, e i più di tali servigi non usati, li qual niuna altra cosa servieno che di porgere alcune cose dagl infermi addomandate 118 o di riguardare 119 quando morieno; e, servendo in tal servigio, sé molte volte col guadagno perdeano. E da questo essere abbandonati gli infermi da vicini, da parenti e dagli amici e avere scarsità di serventi, discorse 120 uno uso 121 quasi davanti mai non udito: che niuna, quantunque leggiadra o bella o gentil donna fosse, infermando, non curava d avere a suoi servigi uomo, egli si fosse o giovane o altro, e a lui senza alcuna vergogna ogni parte del corpo aprire non altrimenti che a una femina avrebbe fatto, solo che la necessità della sua infermità il richiedesse; il che, in quelle che ne guerirono, fu forse di minore onestà, nel tempo che succedette, cagione 122. E oltre a questo ne seguio 123 la morte di molti che per avventura, se stati fossero atati 124, campati sarieno; di che 125, tra per lo difetto degli opportuni servigi, li quali gl infermi aver non poteano, e per la forza della pestilenza, era tanta nella città la moltitudine che di dì e di notte morieno, che uno stupore era a udir dire, non che a riguardarlo. Per che, quasi di necessità, cose contrarie a primi costumi 126 de cittadini nacquero tra quali 127 rimanean vivi. Era usanza (sì come ancora oggi veggiamo usare) che le donne parenti e vicine nella casa del morto si ragunavano e quivi con quelle che più gli infermavano: si ammalavano. addomandate: richieste. di riguardare: di assisterli. discorse: derivò. uso: usanza. cagione: ragione, causa. ne seguio: ne derivò. atati: aiutati di che: di conseguenza. a primi costumi: ai costumi antecedenti lo scoppio dell epidemia. quali: coloro che

7 appartenevano 128 piagnevano; e d altra parte dinanzi alla casa del morto co suoi prossimi 129 si ragunavano i suoi vicini e altri cittadini assai 130, e secondo la qualità 131 del morto vi veniva il chericato 132 ; ed egli sopra gli omeri 133 sé suoi pari, con funeral pompa di cera e di canti 134, alla chiesa da lui prima eletta 135 anzi la morte 136 n era portato. Le quali cose, poi che a montar 137 cominciò la ferocità 138 della pestilenza tutto o in maggior parte quasi cessarono e altre nuove in lor luogo ne sopravennero. Per ciò che, non solamente senza aver molte donne da torno morivan le genti, ma assai n erano di quelli che di questa vita senza testimonio trapassavano; e pochissimi erano coloro a quali i pietosi pianti e l amare lagrime de suoi congiunti fossero concedute 139, anzi in luogo di quelle s usavano per li più risa e motti e festeggiar compagnevole 140 ; la quale usanza le donne, in gran parte posposta 141 la donnesca pietà per la salute di loro, avevano ottimamente appresa. Ed erano radi 142 coloro, i corpi de quali fosser più che da un diece o dodici de suoi vicini alla chiesa acompagnati; li quali non gli orrevoli e cari 143 cittadini sopra gli omeri portavano, ma una maniera 144 di beccamorti sopravenuti di minuta gente 145, che chiamar si facevan becchini, la quale questi servigi prezzolata 146 faceva, sottentravano 147 alla bara; e quella con frettolosi passi, non a quella chiesa che esso aveva anzi la morte disposto ma alla più vicina le più volte il portavano, dietro a quattro o a sei cherici con poco lume 148 quelle che più gli appartenevano: le parenti più strette. prossimi: parenti. assai: molti. secondo la qualità: a seconda del livello sociale. chiericato: il clero, i religiosi. omeri: spalle. funeral canti: cerimonie funebri solenni con candele accese e intonazione di canti. eletta: scelta. anzi la morte: prima della morte. montar: crescere, dilagare. ferocità: gravità, ferocia. concedute: concesse. festeggiar compagnevole: festeggiamento in compagnia. posposta: trascurata. radi: rari. orrevoli e cari: onorati (onorevoli) e amati. maniera: specie. sopravvenuti gente: provenienti da famiglie di condizione molto umile. prezzolata: pagata. sottentravano: stavano sotto (cioè portavano la bara sulle spalle). con poco lume: con poche candele. 180 e tal fiata 149 senza alcuno; li quali con l aiuto de detti becchini, senza faticarsi in troppo lungo uficio 150 o solenne, in qualunque sepoltura disoccupata 151 trovavano più tosto 152 il mettevano Della minuta gente 153, e forse in gran parte della mezzana 154, era il ragguardamento di molto maggior miseria pieno 155 ; per ciò che 156 essi, il più o da speranza o da povertà ritenuti 157 nelle lor case, nelle lor vicinanze standosi, a migliaia per giorno infermavano; e non essendo né serviti né atati d alcuna cosa, quasi senza alcuna redenzione 158, tutti morivano. E assai n erano che nella strada pubblica o di dì o di notte finivano, e molti, ancora che nelle case finissero, prima col puzzo de lor corpi corrotti che altramenti facevano a vicini sentire sé esser morti; e di questi e degli altri che per tutto morivano, tutto pieno 159. Era il più da vicini una medesima maniera servata 160, mossi non meno da tema 161 che la corruzione 162 de morti non gli offendesse 163, che da carità la quale avessero a trapassati 164. Essi, e per sé medesimi e con l aiuto d alcuni portatori, quando aver ne potevano, traevano dalle lor case li corpi de già passati, e quegli davanti alli loro usci ponevano, dove, la mattina spezialmente, n avrebbe potuti veder senza numero chi fosse attorno andato: e quindi fatte venir bare 165, (e tali furono, che, per difetto di quelle, sopra alcuna tavole 166 ) ne portavano 167. tal fiata: talvolta. uficio: rito. sepoltura disoccupata: tomba vuota. più tosto: rapidamente. minuta gente: piccola gente (cioè i poveri). mezzana (riferito a gente): il ceto medio. era il ragguardamento pieno: suscitava molta più compassione (ragguardamento). per ciò che: poiché, a causa del fatto che. ritenuti: trattenuti. senza alcuna redenzione: senza alcuna possibilità di scampo. tutto pieno: è sottinteso il verbo (era). era servata: per lo più i vicini osservavano la medesima usanza. tema: timore. corruzione: decomposizione. gli offendesse: li contaminasse. Il senso complessivo di questo passo è: mossi non meno dal timore di essere contagiati dalla decomposizione dei corpi che dalla pietà nei confronti dei morti. fatte venir bare: fatte giungere delle bare

8 Né fu una bara sola quella che due o tre ne portò insiememente, né avvenne pure 168 una volta, ma se ne sarieno assai potute annoverare di quelle che la moglie e l marito, di due o tre fratelli, o il padre e il figliuolo, o così fattamente ne contenieno 169. E infinite volte avvenne che, andando due preti con una croce per alcuno, si misero tre o quatro bare, dà portatori portate, di dietro a quella: e, dove un morto credevano avere i preti a sepellire, n avevano sei o otto e tal fiata 170 più. Né erano per ciò questi da alcuna lagrima o lume o compagnia onorati; anzi era la cosa pervenuta a tanto, che non altramenti si curava degli uomini che morivano, che ora si curerebbe di capre; per che assai manifestamente 171 apparve che quello che il naturale corso delle cose non avea potuto con piccoli e radi 172 danni a savi mostrare doversi con pazienza passare, la grandezza de mali eziandio 173 i semplici far di ciò scorti e non curanti 174. Alla gran moltitudine de corpi mostrata, che a ogni chiesa ogni dì e quasi ogn ora concorreva portata, non bastando la terra sacra alle sepolture, e massimamente 175 volendo dare a ciascun luogo proprio 176 secondo l antico costume, si facevano per gli cimiterii delle chiese 177, poi che ogni parte era piena, fosse grandissime nelle quali a centinaia si mettevano i sopravegnenti: e in quelle stivati, come si mettono le mercatantie 178 nelle navi a suolo a suolo 179, con poca terra si ricoprieno infino a tanto che la fossa al sommo si pervenia. e tali tavole: ed erano talmente tanti che, per mancanza di quelle (cioè di bare) [li collocavano] sopra delle tavole. ne portavano: li collocavano (cioè collocavano i cadaveri). pure: solo. ma se ne sariano contenieno: ma se ne sarebbero potute annoverare molte nelle quali erano contenuti insieme i cadaveri della moglie e del marito, di due o tre fratelli, o di padre e figlio. tal fiata: talvolta. assai manifestamente apparve: apparve con molta evidenza. radi: sporadici. eziandio: anche, altresì. per che assai manifestamente curanti: così apparve con molta evidenza che la grandezza dei mali aveva reso consapevoli (scorti, cioè accorti) e rassegnati (non curati, cioè indifferenti) anche gli stupidi (i semplici) di fronte a quello che i piccoli danni, nello svolgimento normale (naturale) delle cose, non avevano potuto insegnare ai saggi a sopportare con pazienza. massimamente: tanto più. volendo dare proprio: volendo assegnare a ciascuno la propria sepoltura. per gli cimiterii delle chiese: nei cimiteri delle chiese. mercatantie: merci. a suolo a suolo: a strati sovrapposti, l uno sopra l altro E acciò che dietro a ogni particularità le nostre passate miserie per la città avvenute più ricercando non vada, dico che, così inimico tempo 180 correndo per quella, non per ciò meno d alcuna cosa risparmiò il circustante contado, nel quale, (lasciando star le castella, che simili erano nella loro piccolezza alla città) per le sparte ville 181 e per li campi i lavoratori miseri e poveri e le loro famiglie, senza alcuna fatica 182 di medico o aiuto di servidore, per le vie e per li loro colti 183 e per le case, di dì e di notte indifferentemente, non come uomini ma quasi come bestie morieno. Per la qual cosa essi, così nelli loro costumi come i cittadini divenuti lascivi 184, di niuna lor cosa o faccenda curavano; anzi tutti, quasi quel giorno nel quale si vedevano esser venuti la morte aspettassero, non d aiutare i futuri frutti delle bestie e delle terre e delle loro passate fatiche, ma di consumare quegli che si trovavano presenti si sforzavano con ogni ingegno. Per che adivenne 185 i buoi, gli asini, le pecore, le capre, i porci, i polli e i cani medesimi fedelissimi agli uomini, fuori delle proprie case cacciati, per li campi (dove ancora le biade abbandonate erano, senza essere, non che raccolte ma pur segate) come meglio piaceva loro se n andavano. E molti, quasi come razionali, poi che pasciuti erano bene il giorno, la notte alle lor case senza alcuno correggimento 186 di pastore si tornavano satolli. Che più si può dire (lasciando stare il contado e alla città ritornando) se non che tanta e tal fu la crudeltà del cielo, e forse in parte quella degli uomini, che infra l marzo e il prossimo luglio vegnente 187, tra per la forza della pestifera infermità e per l esser molti infermi mal serviti o abbandonati né lor bisogni per la paura ch aveono i sani, oltre a cento milia creature umane si crede per certo dentro alle mura della città di Firenze essere stati di vita tolti, che forse, anzi l accidente mortifero 188, non si saria estimato tanti avervene dentro avuti? O quanti gran palagi 189, quante belle case, quanti nobili abituri 190 inimico tempo: letteralmente tempo nemico, significa tempi duri. sparte ville: case (dal latino villae, cioè le case di campagna) sparse. fatica: intervento. colti: campi coltivati. lascivi: trascurati, negligenti. adivenne: accadde che. correggimento: qui significa guida. vegnente: successivo. anzi l accidente mortifero: prima dell epidemia mortale. palagi: palazzi. abituri: dimore

9 245 per adietro 191 di famiglie pieni, di signori e di donne, infino al menomo fante 192 rimaser voti! O quante memorabili schiatte 193, quante ampissime eredità, quante famose ricchezze si videro senza successor debito 194 rimanere! Quanti valorosi uomini, quante belle donne, quanti leggiadri giovani, li quali non che altri, ma Galieno, Ipocrate o Esculapio 195 avrieno giudicati sanissimi, la mattina desinarono co lor parenti, compagni e amici, che poi la sera vegnente appresso 196 nell altro mondo cenaron con li lor passati! [ ] per adietro: prima, in un tempo precedente. al menomo fante: al più umile servo. memorabili schiatte: famiglie degne di memoria (cioè successor debito: legittimo erede. Galieno, Ipocrate o Eusculapio: Galeno, Ippocrate ed Eusculapio erano famosissimi medici della Grecia classica. vegnente appresso: immediatamente successiva

Giovanni Boccaccio Decameron Seconda puntata La peste

Giovanni Boccaccio Decameron Seconda puntata La peste Giovanni Boccaccio Decameron Seconda puntata La peste 1/5 Nell introduzione al Decameron Giovanni Boccaccio parla dell epidemia della peste che nel Trecento martoriò tutta l Europa. Per comprendere bene

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Decameron. di Giovanni Boccaccio

Decameron. di Giovanni Boccaccio di Giovanni Boccaccio Decameron COMINCIA IL LIBRO CHIAMATO DECAMERON, COGNOMINATO PRENCIPE GALEOTTO, NEL QUALE SI CONTENGONO CENTO NOVELLE IN DIECI DI DETTE DA SETTE DONNE E DA TRE GIOVANI UOMINI. Umana

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo www.aiutobiblico.org pagina 1 Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo filename:50-0308.a01 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org la Cosa più Eccellente Fratelli, noi siamo stati creati a immagine di

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO CAPITOLO XXXVIII UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LUCIA CON LA VEDOVA. LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO SALUTÒ SENZA SCOMPORSI, MA IL

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Le Tre Ave Maria. shalom

Le Tre Ave Maria. shalom Le Tre shalom Curatore: don Giuseppe Brioschi SdB Editrice Shalom 27.11.2009 Beata Vergine Maria della Medaglia Miracolosa 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco d Assisi e Caterina da Siena, per

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

Voci d infanzia. I bambini abbandonati nell Italia moderna

Voci d infanzia. I bambini abbandonati nell Italia moderna Voci d infanzia I bambini abbandonati nell Italia moderna Philippe Ariès L autore da cui ha inizio una storiografia della prima età è Philippe Ariès (Padri( e figli nell Europa medievale e moderna, 1960).

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

SEGUIRE GESU' Questo giovane ; Riconosce in Gesù Colui davanti al quale ci si può inginocchiare ed anche qui s impone una facile considerazione:

SEGUIRE GESU' Questo giovane ; Riconosce in Gesù Colui davanti al quale ci si può inginocchiare ed anche qui s impone una facile considerazione: SEGUIRE GESU' Uno dei capi lo interrogò, dicendo: "Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?".e Gesù gli disse: "Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio.Tu conosci

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

PRENDERE LA PROPRIA CROCE

PRENDERE LA PROPRIA CROCE PRENDERE LA PROPRIA CROCE Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda la sua croce e mi segua. 25 Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà;

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli