Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità."

Transcript

1 Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità. CAP.1: Presupposti per l avvio della procedura espropriativa. La presente guida si riferisce alla disciplina dell espropriazione, anche a favore di privati, dei beni immobili o di diritti relativi ad immobili, per l esecuzione di opere pubbliche o di pubblica utilità. Si considera opera pubblica o di pubblica utilità anche la realizzazione degli interventi necessari per l utilizzazione da parte della collettività di beni o di terreni, o di un loro insieme, di cui non è prevista la materiale modificazione o trasformazione. Sono presupposti per l avvio della procedura espropriativa: APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE unitamente all eventuale VARIANTE AL PRG. Il progetto preliminare stabilisce i profili e le caratteristiche più significative degli elaborati dei successivi livelli di progettazione, in funzione delle dimensioni economiche e della tipologia e categoria dell intervento, ed è composto, salva diversa determinazione del responsabile del procedimento, dai seguenti elaborati: a)relazione illustrativa; b)relazione tecnica; c)studio di prefattibilità ambientale; d)indagini geologiche, idrogeologiche e archeologiche preliminari; e)planimetria generale e schemi grafici; f)prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza; g)calcolo sommario della spesa 1. AVVISO dell AVVIO del PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO ex ART. 7 L. 7 AGOSTO 1990, N L ente provvede a dare notizia dell avvio del procedimento mediante comunicazione personale 2 ai soggetti nei confronti dei quali il provvedimento finale è destinato a produrre effetti diretti. Nella comunicazione devono essere indicati: a)l amministrazione competente per l approvazione del progetto di realizzazione di opera pubblica o di pubblica utilità (Comune) ; b)l oggetto del procedimento promosso (realizzazione di opera pubblica o di pubblica utilità); c)l ufficio o la persona responsabile del procedimento; d) l ufficio in cui si può prendere visione degli atti. Nel caso in cui per il numero dei destinatari la comunicazione personale non sia possibile 1 ART.18 D.P.R. 21 dicembre 1999, n.554, Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n.109, e successive modificazioni. 2 Cfr. fac-simile allegato n.1. 1

2 o risulti particolarmente gravosa, l Ente provvede con forme di pubblicità idonee di volta in volta stabilite dall Ente medesimo( ad esempio la pubblicazione all albo pretorio). Nel caso in cui i soggetti in esame non siano conosciuti, si provvede alla pubblicazione dell avviso nell albo pretorio del Comune in cui si trovano i beni. Entro il termine di 15 gg. dalla comunicazione, gli interessati possono presentare osservazioni scritte presso la segreteria del Comune, nel cui territorio sono compresi gli immobili da espropriare. APPROVAZIONE in GIUNTA del PROGETTO DEFINITIVO con CONTESTUALE DICHIARAZIONE di PUBBLICA UTILITÀ, INDIFFERIBILITÀ e URGENZA dei LAVORI. (Art. 1 L. 3 gennaio 1978 n.1, art. 1 L.R. 16 agosto 1984 n.42, e art.14 L. 11 febbraio 1994 n.109) Devono essere fissati contestualmente i termini iniziali e finali delle opere e delle espropriazioni ( art.13 L. 25 giugno 1865 n.2359). I termini in questione devono essere espressamente indicati oppure chiaramente desumibili dal progetto medesimo( ad es., dalla data di esecutività dell atto deliberativo o da quella di adozione dell atto). Talora la legge stessa dispone il termine di validità dell atto, così: 1. Il piano è valido 18 anni per i P.E.E.P.( art. 51 L. 5 agosto 1978 n.457); I piani urbanistici attuativi d ufficio hanno durata decennale, prorogabile dal Consiglio Comunale per un periodo non superiore a 5 anni ( art. 61, 4 comma, L.R. 27 giugno 1985 n. 61). L approvazione del progetto definitivo necessariamente presuppone la decisione di promuovere la procedura espropriativa per l acquisizione degli immobili necessari alla realizzazione dell opera di pubblica utilità. Inoltre deve espressamente riportare l indicazione delle risorse finanziarie da utilizzarsi per la copertura dell operazione. Al progetto dovranno essere allegati: PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO (art. 33 D.P.R. 21 dicembre 1999, n.554), il quale deve contenere in particolare l indicazione delle mappe catastali sulle quali siano individuate le aree da espropriare, nonché l elenco delle ditte che in catasto risultano proprietarie dell immobile da espropriare. Poiché le mappe esistenti presso ogni singolo Uff. Tecn. Comun. spesso non sono aggiornate alle ultime variazioni dovute a frazionamenti o agli aggiornamenti eseguiti direttamente dall Agenzia del Territorio, opportuna è la richiesta dell estratto di mappa all Agenzia del Territorio. Per quanto attiene l elenco delle ditte espropriande, si ritiene necessaria una verifica 2

3 presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari per ovviare ai notevoli ritardi nell aggiornamento catastale a cura dell Agenzia del Territorio 3. PLANIMETRIE DEI PIANI URBANISTICI VIGENTI, quindi lo stralcio del P.R.G. vigente, relativo alle aree da espropriare. RELAZIONE ESPLICATIVA DELL OPERA o DELL INTERVENTO DA REALIZZARE. Il progetto dovrà, comunque, contenere tutti gli elaborati riportati nella circolare n.1 inviata dalla scrivente Amministrazione nel gennaio ( Alcuni elaborati e/o documenti non sono espressamente indicati dalla normativa; tuttavia, si ritiene opportuno che tale ulteriore documentazione, diretta ad identificare con la massima precisione il bene da espropriare, possa evitare l insorgere di contenzioso tra Ente Pubblico e soggetto espropriando). Nel caso in cui l adozione del progetto comporti anche una variante al P.R.G. è necessario attendere la relativa approvazione da parte della Giunta regionale 4 ( art. 1, 5 comma, L. 1/78). In merito alla questione della modifica del P.R.G. successiva all approvazione del progetto definitivo si suggerisce, comunque, vista la complessità dell argomento, che ogni singola fattispecie venga specificamente approfondita. È opportuno che l Ente provveda a controdedurre alle osservazioni proposte dagli interessati contestualmente all approvazione del progetto definitivo, che potrà, se del caso e compatibilmente con il piano preliminare, essere modificato in accoglimento delle osservazioni medesime. 3 Cfr. Cons.St., sez.iv, sent.20 giugno 1983 n.443( è illegittima la procedura di espropriazione qualora non sia esplicata nei confronti o dei proprietari effettivi o degli intestatari catastali dei beni, in Cons.Stato, 1983, I, 654). 4 Salvo il caso delle varianti di cui all'art.50 L.R. 27 giugno 1985 n.61, come modificato dalla L.R. 5 maggio 1998 n.21: in tali ipotesi accelerate è necessario attendere l approvazione da parte del Comune. 3

4 CAP.2: Avvio della procedura espropriativa. DEPOSITO di DOCUMENTAZIONE presso la SEGRETERIA del COMUNE in cui devono essere eseguiti i lavori. COMUNICAZIONE agli INTERESSATI per EVENTUALI OSSERVAZIONI. Presso la segreteria del Comune nel cui territorio devono essere eseguiti i lavori va depositata la seguente documentazione: - la relazione esplicativa dell opera o dell intervento da realizzare; - piano particellare di esproprio( mappe catastali con individuate le opere da espropriare + elenco dei proprietari iscritti negli atti catastali); - planimetrie dei piani urbanistici vigenti. Entro 10 giorni dal deposito si deve provvedere a: notifica, tramite messo comunale/provinciale, agli espropriandi dell avvenuto deposito; La legge prevede che la notifica sia effettuata al proprietario individuato dalle risultanze catastali; peraltro, si ritiene opportuno un accertamento presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari. - affissione all albo comunale e provinciale dell avviso dell avvenuto deposito 5. Decorso il termine di 15 giorni dalla data di affissione, gli interessati possono presentare osservazioni scritte depositandole presso la Segreteria Comunale. Entro i successivi 15 giorni l Ente espropriante deve redigere delibera di controdeduzioni. Successivamente, si dà luogo all APPROVAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO dell opera da realizzare, tenendo conto anche delle osservazioni presentate dagli interessati. l Ente espropriante, quindi, provvede alla trasmissione di tutti gli atti al Presidente della Provincia, autorità delegata ai sensi dell art.1 L.R.2 aprile 1981 n L art.10, 2 comma, dispone l inserimento dell avviso dell avvenuto deposito nel Foglio degli annunci legali della Provincia; analogamente altre disposizioni della legge in esame prevedono il ricorso a tale forma di pubblicità di atti della procedura espropriativa. A decorrere dal 9 marzo 2001, però, i F.A.L. delle province sono stati aboliti ai sensi dell art. 31, 1 comma, L. 24 novembre In merito, la Scrivente Amministrazione, in attesa di un intervento legislativo o regolamentare della Regione, ritiene opportuna la sostituzione della pubblicazione sul F.A.L. con la pubblicazione all Albo pretorio ( Cfr. Circolare del prot. n 13875). 4

5 CAP.3: Richiesta di determinazione indennità provvisoria di esproprio. RICHIESTA DI DETERMINAZIONE DELL INDENNITÀ PROVVISORIA DI ESPROPRIO ( Art.10 L. 22 ottobre 1971 n.865 e art.3 L.R. 2 aprile 1981 n.11). L Ente espropriante deve chiedere alla Provincia la determinazione dell indennità provvisoria di esproprio 6. Il decreto di determinazione viene comunicato dalla Provincia alla Regione Veneto. Il decreto medesimo deve essere, a cura dell Ente espropriante: affisso, a cura dell Ente espropriante, all albo pretorio del Comune e della Provincia; notificato alle ditte espropriande nelle forme previste per la notifica degli atti processuali civili. Se, decorsi 30 giorni dalla notifica, l espropriando manifesta la volontà di concordare la CESSIONE VOLONTARIA del bene, l ente espropriante provvede alla stipula di apposito atto di compravendita e al pagamento dell indennità stabilita ( art.12 L.865/71). In alternativa l espropriando può manifestare la volontà di accettare l indennità 7 ; in tal caso, l ente espropriante chiede alla Provincia l emissione dell ordinanza di pagamento dell indennità accettata, e procede con l iter espropriativo. Il decreto che dispone il pagamento dovrà essere, a cura dell espropriante: - comunicato ai proprietari, nonché ai terzi titolari di diritti reali o obbligatori (ad es. titolari del diritto di ipoteca) sul bene oggetto di esproprio; - affisso all albo comunale e provinciale. 8 Se l espropriando non manifesta la volontà di concordare la cessione volontaria del bene, la procedura espropriativa prosegue con la fase successiva. 6 Cfr. fac-simile allegato n.2, dove è riportata inoltre la documentazione che deve integrare la richiesta medesima. 7Cfr. fac-simile allegato n.3, dichiarazione sostitutiva di atto notorio da produrre contestualmente all accettazione dell indennità. 8 Si evidenzia che la Corte costituzionale, con sent. 22 aprile 1991, n.173, ha disposto: è illegittimo l art. 12, 5 comma, l.22 ottobre 1971, n.865, così come modificato dalla l. n.10 del 1977, nella parte in cui non prevede che l espropriante, in alternativa al pagamento dell indennità accettata dall espropriato, possa esperire, entro sessanta giorni dal provvedimento con il quale il presidente della giunta regionale dispone detto pagamento, opposizione ai sensi dell art.19, l.865/71 ( in Foro it., 1992, I, 1094, n. CASO R.). Inoltre, gli artt.30 e 48 L.25 giugno 1865 n.2359 prevedono che il decreto con cui si dispone il pagamento dell indennità all avente diritto diventa esecutivo decorsi trenta giorni dal compimento dei detti adempimenti( comunicazione e pubblicazione), se non viene dai terzi proposta opposizione sia per quanto riguarda l ammontare della indennità sia per le garanzie. In ogni caso, non è ammessa l opposizione contro l indennità provvisoria offerta ai sensi dell art.11 L.865/71, in quanto essa non equivale al provvedimento espropriativo né implica la sua emissione ( Cass. Civ., sez.i, 15 dicembre 1997 n.12644). 5

6 CAP. 4: Richiesta di emissione ordinanza di deposito dell indennità provvisoria. RICHIESTA DI EMISSIONE DI ORDINANZA DI DEPOSITO DELL INDENNITÀ PROVVISORIA DI ESPROPRIO PRESSO LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI ( Art.12 L. 22 ottobre 1971 n.865). L Ente espropriante chiede alla Provincia di emettere l ordinanza di deposito dell indennità provvisoria di espropriazione presso la Cassa Depositi e Prestiti( c/o Direzione provinciale del Tesoro, Riviera Ruzante n.2, 35100, Padova), allegando: copia del decreto di determinazione dell indennità provvisoria comunicato, al fine di dimostrare l avvenuta notificazione nel rispetto delle forme di legge; copia dell avviso affisso all albo pretorio comunale e provinciale. 9 Il decreto contenente l ordine di deposito dovrà essere, a cura dell Ente espropriante: comunicato alle ditte espropriande, nonché ad eventuali terzi, titolari di diritti reali di godimento sui beni da espropriare; affisso all albo pretorio del Comune e della Provincia. Effettuato il deposito alla Cassa Depositi e Prestiti, l Ente espropriante prosegue con la fase successiva. 9 Cfr. fac-simile allegato n.4. 6

7 CAP.5: Richiesta di emissione del decreto di espropriazione definitiva e contestuale richiesta di determinazione dell indennità definitiva di esproprio. RICHIESTA DI EMISSIONE DEL DECRETO DI ESPROPRIAZIONE DEFINITIVA ( Art.13 L.22 ottobre 1971 n.865). L Ente espropriante chiede alla Provincia l emissione del decreto di espropriazione definitiva allegando la seguente documentazione 10 : attestazione del Comune dell avvenuta comunicazione alle ditte interessate, nonché dell avvenuta affissione all albo pretorio, dell ordinanza di deposito dell indennità provvisoria di esproprio; quietanze originali dei depositi effettuati presso la Cassa Depositi e Prestiti; - copia della visura catastale; - copia del tipo di frazionamento; - eventuale copia di atto di proprietà o di successione. Emesso il decreto, a cura dell Ente espopriante, si devono eseguire le seguenti operazioni: registrazione e trascrizione del decreto medesimo presso il competente Ufficio dei Registri Immobiliari, entro 15 giorni dalla data di emissione del medesimo; notificazione agli espropriati nelle forme degli atti processuali civili; affissione del decreto medesimo all albo comunale e provinciale. Il decreto viene comunicato, a cura della Provincia di Padova, alla Regione Veneto. L Ente espropriante deve provvedere alla voltura catastale dei beni oggetto di espropriazione. Inoltre viene data comunicazione anche ai consorzi di bonifica competenti allegando copia del decreto e tipo di frazionamento. DETERMINAZIONE DELL INDENNITÀ DEFINITIVA DI ESPROPRIO ( Artt.15 e 16 L. 22 ottobre 1971 n.865). Contestualmente all emissione del decreto di espropriazione, la Provincia chiede alla Commissione Provinciale la determinazione dell indennità definitiva di esproprio. La Commissione Provinciale Espropri, istituita in ogni Provincia, è composta dal Presidente della Provincia (o da un suo delegato), che la presiede, dall ingegnere capo del genio civile (o da un suo delegato), dal Presidente dell Istituto autonomo delle case popolari della provincia (o da un suo delegato), nonché da due esperti, nominati dalla Regione, in materia urbanistica ed edilizia e da tre esperti in materia di agricoltura e di foreste scelti dalla Regione stessa. Tale Commissione determina ogni anno il valore agricolo medio dei terreni secondo i tipi di coltura effettivamente praticati. La Commissione Provinciale, inoltre, su richiesta della Provincia (o della Prefettura in ipotesi di espropri a rilevanza statale), determina l indennità definitiva di espropriazione; quindi, provvede a comunicarla all Ente espropriante e, per conoscenza, alla Provincia. 10 Cfr. fac-simile allegato n.5. 7

8 L Ente espropriante, quindi, è tenuto a: notificare la relazione di stima della Commissione Provinciale agli espropriati nelle forme degli atti processuali civili; depositare la stima nella Segreteria del Comune territorialmente interessato; rendere noto l avvenuto deposito mediante avviso da affiggere all albo comunale e provinciale. 8

9 CAP.6: Indennità definitiva. DEPOSITO INDENNITÀ DEFINITIVA DI ESPROPRIO. Trascorso il termine di 30 giorni dalla notifica della relazione di stima, in assenza di dichiarazione di accettazione dell indennità da parte degli espropriati, l Ente espropriante deve chiedere alla Provincia l emissione dell ordinanza di deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti dell eventuale differenza tra l indennità definitiva e quella provvisoria. SVINCOLO INDENNITÀ DEPOSITATE PRESSO LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI Lo svincolo delle somme depositate presso la Cassa Depositi e Prestiti avviene su richiesta degli aventi titolo indirizzata alla Provincia di Padova (Ufficio Espropri) 11. Accertata l inesistenza di impedimenti allo svincolo, la Provincia medesima emette un decreto da inoltrarsi alla Cassa Depositi e Prestiti e, per conoscenza, anche ai richiedenti la riscossione, nonché all Ente espropriante. 11 Cfr. fac-simile allegato n.6. L allegato n.7, invece, fornisce il fac-simile della dichiarazione sostitutiva di atto notorio da produrre insieme alla richiesta di svincolo. 9

10 CAP.7: Occupazione temporanea o d urgenza. DECRETO DI OCCUPAZIONE D URGENZA. Il decreto di occupazione d urgenza 12 è disciplinato dalle seguenti disposizione di legge: art.71 L.2359/1865, art.20 L.865/71, art.106 D.P.R. 616/77, art.3 L.1/78. Esso consente l immissione in possesso, e quindi l utilizzazione del bene per la realizzazione dell opera pubblica o di pubblica utilità, senza attendere il completamento della procedura espropriativa. Ai fini della procedura espropriativa, ha validità, non prorogabile, di 5 anni. Inoltre, qualora l occupazione non venga effettuata entro 3 mesi dall emanazione del decreto di occupazione d urgenza, quest ultimo perde efficacia. Il decreto deve essere: - notificato alle ditte proprietarie degli immobili nelle forme previste per gli atti processuali civili; - affisso all Albo pretorio del Comune per 20 giorni; - comunicato alla Regione Veneto. INDENNITÀ DI OCCUPAZIONE. La determinazione dell indennità di occupazione, da parte della Commissione Provinciale, può seguire due distinti criteri normativi. È fissata: per le aree agricole e non classificabili come edificabili in base alle possibilità legali ed effettive di edificazione > in misura pari per ciascun anno di occupazione ad 1/12 dell indennità dovuta calcolata a norma dell art.16 della stessa legge ( art.20, 3 comma L.865/71); per le aree edificabili in base alle possibilità legali ed effettive di edificazione con il criterio dell interesse legale sulla somma corrispondente al valore venale, mediato con il reddito dominicale rivalutato decennale, decurtato del 40% (art.5bis L.8 agosto 1992 n.359). Contro la determinazione dell indennità gli interessati possono proporre opposizione davanti alla Corte d Appello competente per territorio, con atto di citazione notificato all occupante entro 30 giorni dalla comunicazione dell indennità a cura del sindaco nelle forme prescritte per la notificazione degli atti processuali civili ( art.20, comma 4, L.865/71) Cfr. infra, allegato n È illegittimo l art. 20, 4 comma, l. 22 ottobre 1971, n.865, nella parte in cui non prevede che anche l espropriante possa proporre opposizione davanti alla corte d appello contro la determinazione dell indennità di occupazione dei beni da espropriare, con atto di citazione notificato alle controparti nei modi ivi stabiliti e, quando l espropriante sia il comune, con decorrenza del termine per l opposizione dal giorno in cui sia pervenuta al comune stesso la comunicazione della determinazione di detta indennità da parte della commissione prevista dall art. 16 della legge citata ( Corte cost., 27 luglio 1992, n.365, in Foro it., 1992, I, 3210). 10

11 Il periodo da considerare per il calcolo dell indennità in esame decorre dalla data di immissione in possesso e termina con la data del decreto di espropriazione definitiva. Contro il decreto d occupazione d urgenza e contro il decreto di espropriazione può essere proposto ricorso: al Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, entro 60 giorni dalla notifica o dalla comunicazione del decreto, ai sensi dell art.21 L.6 dicembre 1971 n.1034; - al Presidente della Repubblica, con ricorso straordinario, entro 120 giorni dalla notifica e dalla comunicazione del decreto, ai sensi dell art.8 D.P.R. 1199/1971. Si ricorda che il ricorso straordinario è alternativo rispetto a quello giurisdizionale. 11

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA

ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA ESPROPRIAZIONE PER PUBBLICA UTILITA 1) Che cosa stabilisce la costituzione e il codice civile in materia di diritto alla proprietà privata e di esproprio. L art. 42 della costituzione stabilisce che la

Dettagli

Titolo I OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO

Titolo I OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TESTO UNICO Decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità (testo A). (pubblicato nella G.U.

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 65 DEL 11/02/2013 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 73 DEL 11/02/2013

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 91 del 19/08/2014 - Determinazione nr. 2223 del 19/08/2014 OGGETTO: Lavori di realizzazione della Circonvallazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 25 del 25/02/2014 - Determinazione nr. 501 del 26/02/2014 OGGETTO: Riqualificazione ed allargamento della

Dettagli

"Norme in materia di opere concernenti linee ed impianti elettrici fino a 150.000 volt".

Norme in materia di opere concernenti linee ed impianti elettrici fino a 150.000 volt. LEGGE REGIONALE 16 agosto 1982, N. 52 "Norme in materia di opere concernenti linee ed impianti elettrici fino a 150.000 volt". (BURL n. 33, 1º suppl. ord. del 18 Agosto 1982 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1982-08-16;52

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/2006. Direzioni Centrali, Consiglieri, Direzioni Regionali e Uffici Provinciali. Roma, 11 aprile 2006 Firmato: Mario Picardi

CIRCOLARE N. 3/2006. Direzioni Centrali, Consiglieri, Direzioni Regionali e Uffici Provinciali. Roma, 11 aprile 2006 Firmato: Mario Picardi CIRCOLARE N. 3/2006 PROT. N. 28334 ENTE EMITTENTE: Direzione dell Agenzia OGGETTO: Nuovi termini per l accatastamento delle unità immobiliari urbane, ai sensi dell art. 34-quinquies, comma 2, del decreto

Dettagli

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO STAZIONE DI CAPODICHINO PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO 1. PREMESSA 2. MAPPA CATASTALE 3. LA GEOREFERENZIAZIONE 4. LE TAVOLE GRAFICHE DEL PIANO PARTICELLARE 4.1. LA SIMBOLOGIA DEI TITOLI DI OCCUPAZIONE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato alla deliberazione di C.C. n./.. SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 REPUBBLICA

Dettagli

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 318/2010 del 29/12/2010

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 318/2010 del 29/12/2010 CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 318/2010 del 29/12/2010 Oggetto: Procedimento di sportello unico attività produttive - trasferimento due punti vendita

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 22-02-1993 REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 22-02-1993 REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 22-02-1993 REGIONE EMILIA-ROMAGNA Norme in materia di opere relative a linee ed impianti elettrici fino a 150 mila volts. Delega di funzioni amministrative Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI VENDITA ALL ASTA DI BENE IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE

AVVISO PUBBLICO DI VENDITA ALL ASTA DI BENE IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE Comune di Rimini Direzione gestione territoriale, patrimonio, attività economiche Ufficio Amministrativo Via Rosaspina n. 7-47900 Rimini C.F. e P. Iva n. 00304260409 tel. 0541 704312 fax 0541 704310 http://www.comune.rimini.it/

Dettagli

Denuncia di Inizio Attività Edilizia

Denuncia di Inizio Attività Edilizia B_modulo DIAE rev.6 del 20.04.2015 Al sig. Sindaco del Comune di Trebaseleghe: Denuncia di Inizio Attività Edilizia redatta ai sensi e per gli effetti dell art. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 OGGETTO: Il/

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA D.A. n. 502/DRU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L'ASSESSORE Regionale del Territorio ed Ambiente VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la Legge 17/08/42, n. 1150 e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE PIANO DI RECUPERO AREA DI RIQUALIFICAZIONE RQ12B EX CENTRO ZOOTECNICO LE PALLE. REGIME GIURIDICO DEI SUOLI. ATTO INTEGRATIVO ALLA CONVENZIONE STIPULATA IN DATA

Dettagli

CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI

CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI CRITERI ATTUATIVI dell articolo 54 della legge provinciale n. 1 del 22 aprile 2014 concernente disposizioni attuative in materia di edilizia abitativa agevolata per gli anni 2015 2018, approvati con deliberazioni

Dettagli

COMUNE DI OPPEANO. Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA D.I.A.

COMUNE DI OPPEANO. Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA D.I.A. COMUNE DI OPPEANO Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica Al Responsabile UTC Ed. Priv./Urbanistica del Comune di Oppeano (VR) P.zza G. Altichieri, n. 1 37050 OPPEANO (VR) DENUNCIA DI

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE PER PROCEDURA ORDINARIA PRESENTAZIONE DEL MODELLO COMUNALE, COMPITATO IN TUTTE

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari Allo Sportello Unico Edilizia Privata del Comune di Pula C.so Vittorio Emanuele n. 28 09010 Pula (CA) OGGETTO: DENUNCIA DI INIZIO DELL ATTIVITA, ai sensi degli articoli 2, 3 e 4 della Legge Regionale 23

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA E PERSONE in particolare, procedimenti in materia di: separazione e divorzio (compresi i giudizi di revisione,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL RICHIEDENTE

DICHIARAZIONE DEL RICHIEDENTE Marca da bollo 16,00 Enti pubblici esenti Alla Provincia di Como Settore Agricoltura e Pesca Servizio Boschi e Foreste Via Borgovico n. 171 22100 Como P E R P E R S O N E F I S I C H E Richiedente 1 Richiedente

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii)

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii) DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA (ai sensi della Legge 23.12.1996 n. 662 e della L.R. 23.10.2009 n. 4 e ss.mm.ii) Al Responsabile Ufficio Edilizia Privata Comune di Capoterra Il/La sottoscritto/a Cognome

Dettagli

REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL

REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL ART 1 OGGETTO Le disposizioni del presente regolamento disciplinano l alienazione a terzi dei beni immobili

Dettagli

GESTIONE DEL TERRITORIO

GESTIONE DEL TERRITORIO COMUNE DI TURATE Provincia di Como AREA GESTIONE DEL TERRITORIO Via Vittorio Emanuele n. 2, 22078 Turate - Tel. 02964251 - Fax. 0296480491 - C.F. 00520110131 E-Mail urbanistica@comune.turate.co.it REGOLAMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 19-02-1996 REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 19-02-1996 REGIONE CAMPANIA Legge 1996003 Pagina 1 di 12 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 19-02-1996 REGIONE CAMPANIA " Programmi integrati di riqualificazione urbanistica, edilizia ed ambientale in attuazione della legge 17 febbraio 1992,

Dettagli

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 20/05/1988, N. 034 Norme per la prevenzione dei rischi da valanga. da Art. 1 ad Art. 22 Art. 1 Finalita' della legge 1. La presente

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Pubblicato all Albo Pretorio di questo Comune dal 26/05/2008 al 10/06/2008 Numero di registro 317 L incaricato della pubblicazione C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 1 DEL 7 GENNAIO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 1 DEL 7 GENNAIO 2008 AVVISI DI DEPOSITO DI P.R.G. E/O ATTI URBANSITICI COMUNE DI CASTEL SAN LORENZO (SA) - Determina Dirigenziale Deposito indennità provvisoria per realizzazione lavori di sistemazione area di sedime P. Europa.

Dettagli

COMUNE di AGORDO Provincia di Belluno

COMUNE di AGORDO Provincia di Belluno P.le Marconi, 1 32021 AGORDO (BL) Tel. 0437 62295/63949 Fax. 0437 65019 C.F./P.I. 00103340253 e-mail: agordo@agordino.bl.it Internet: www.comune.agordo.bl.it e-mail cert.: agordo.bl@cert.ip-veneto.net

Dettagli

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 AREA TECNICA PROPOSTA N. 80 DEL 01/08/2014 RESPONSABILE DELLA AREA TECNICA: DOTT. ING. PLACIDO MANCARI PROPOSTA DI DELIBERA PER IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Variante ordinaria al vigente PRG D.A.R.T.A.

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-19 / 164 del 12/03/2013 Codice identificativo 880934

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-19 / 164 del 12/03/2013 Codice identificativo 880934 COMUNE DI PISA TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-19 / 164 del 12/03/2013 Codice identificativo 880934 PROPONENTE Area Sviluppo Territorio OGGETTO ESPROPRIO AREE PER REALIZZAZIONE

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

FAC-SIMILE CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA. L anno duemila, il giorno del mese di. ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di

FAC-SIMILE CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA. L anno duemila, il giorno del mese di. ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di FAC-SIMILE Rep. n. CONTRATTO DI COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila, il giorno del mese di ( / / ), in, via n., presso la sede della Filiale di dell Agenzia del Demanio, avanti a me, NOTAIO,

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO PROVINCIA DI SONDRIO

COMUNE DI VALDISOTTO PROVINCIA DI SONDRIO COMUNE DI VALDISOTTO PROVINCIA DI SONDRIO Deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 26.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA, LA PERMUTA DEI BENI IMMOBILI FACENTI PARTE DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

Dettagli

COMUNE DI IMPRUNETA PROVINCIA DI FIRENZE. N. 80 del registro delle deliberazioni del 25/09/2012. Adunanza ordinaria - seduta pubblica.

COMUNE DI IMPRUNETA PROVINCIA DI FIRENZE. N. 80 del registro delle deliberazioni del 25/09/2012. Adunanza ordinaria - seduta pubblica. CONSIGLIO COMUNALE N. 80 del registro delle deliberazioni del 25/09/2012 Adunanza ordinaria - seduta pubblica. OGGETTO: PIANO EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE LOCALITÀ POGGIO AI GRILLI IN VIA CASSIA A TAVARNUZZE

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

C I T T A D I M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI SPORTELLO UNICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

C I T T A D I M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI SPORTELLO UNICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE C I T T A D I M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI SPORTELLO UNICO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE OGGETTO: Approvazione schema di convenzione da stipularsi per la trasformazione del diritto di superficie in

Dettagli

Gli aspetti procedurali ed estimativi

Gli aspetti procedurali ed estimativi L espropriazione per pubblica utilità. Gli aspetti procedurali ed estimativi 10.XII.2013 La definizione dell espropriazione Lo scopo dell'espropriazione è quello di trasferire coattivamente la proprietà

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri della Giunta comunale. n. 67 dd. 20.04.2015

Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri della Giunta comunale. n. 67 dd. 20.04.2015 Deliberazione n. 67 dd. 20.04.2015 Pagina 1 di 5 COMUNE DI SAN LORENZO DORSINO Provincia di Trento Verbale di Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri della Giunta comunale n. 67 dd. 20.04.2015

Dettagli

Comunicazione di inizio lavori di manutenzione straordinaria ai sensi dell art. 6, comma 2, lett. a) e e-bis) del D.P.R. 6 giugno 2001, n.

Comunicazione di inizio lavori di manutenzione straordinaria ai sensi dell art. 6, comma 2, lett. a) e e-bis) del D.P.R. 6 giugno 2001, n. Timbro protocollo Spett.le COMUNE DI CASTIGLIONE OLONA UFFICIO TECNICO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Via Cardinal Branda n. 8 21043 Castiglione Olona (VA) Comunicazione di inizio lavori di manutenzione straordinaria

Dettagli

CRITERI ATTUATIVI CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI

CRITERI ATTUATIVI CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI Allegato parte integrante Allegato A CRITERI ATTUATIVI dell articolo 54 della legge provinciale n. 1 del 22 aprile 2014 concernente disposizioni attuative in materia di edilizia abitativa agevolata per

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 31/07/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Pag.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI VENDITA ALL ASTA DI UN BENE IMMOBILE DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO SI RENDE NOTO CHE

AVVISO PUBBLICO DI VENDITA ALL ASTA DI UN BENE IMMOBILE DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO SI RENDE NOTO CHE AVVISO PUBBLICO DI VENDITA ALL ASTA DI UN BENE IMMOBILE DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO In conformità alle disposizioni della legge 24 dicembre 1908, n. 783, del R.D. 17 giugno 1909,

Dettagli

Settore Gestione del Territorio. Permesso di costruire. Permesso di costruire per variante edilizia. Fattore della qualità

Settore Gestione del Territorio. Permesso di costruire. Permesso di costruire per variante edilizia. Fattore della qualità Settore Gestione del Territorio Fattore della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 11 DEL 17 MARZO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 11 DEL 17 MARZO 2008 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - Terna S.p.a. - Rete Elettrica Nazionale - Napoli - Dipartimento per la competitività - Direzione generale per l energia e le risorse minerarie di concerto con il Ministero

Dettagli

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI VILLAFALLETTO

COMUNE DI VILLAFALLETTO COMUNE DI VILLAFALLETTO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507 Testo coordinato del regolamento approvato

Dettagli

CIRCOLARE N. 12. Dipartimento per le Politiche Fiscali.

CIRCOLARE N. 12. Dipartimento per le Politiche Fiscali. PROT. n UDA/2890 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: CIRCOLARE N. 12 Direzione Agenzia del Territorio. Introduzione dell euro nelle procedure gestite dall Agenzia del Territorio. DESTINATARI: Agenzia del Territorio:

Dettagli

L ESECUZIONE ESATTORIALE

L ESECUZIONE ESATTORIALE L ESECUZIONE ESATTORIALE CONVEGNO DEL 22 OTTOBRE 2010 PORDENONE Fabio Gallio - Avvocato e Dottore Commercialista in Padova e-mail: fgallio@terrineassociati.com Federico Terrin - Avvocato Tributarista in

Dettagli

OGGETTO : VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO CON I CONTENUTI DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE, DEL COMPARTO C 3.31 DEL CAPOLUOGO. ADOZIONE.

OGGETTO : VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO CON I CONTENUTI DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE, DEL COMPARTO C 3.31 DEL CAPOLUOGO. ADOZIONE. OGGETTO : VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO CON I CONTENUTI DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE, DEL COMPARTO C 3.31 DEL CAPOLUOGO. DITTA "CONSORZIO DI LOTTIZZAZIONE MARCO POLO". ADOZIONE. LA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI MELAZZO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 09 del 01 Ottobre 2012 ARTICOLO N. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia

COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia Oggetto : INDIVIDUAZIONE ZONA DI RECUPERO A NORMA DELL ART. 27 LEGGE 457/78 IN VIA DELLA SUARDA E ADOZIONE RELATIVO PIANO DI RECUPERO Testo Proposta: VISTO che

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASFERIMENTO A TERZI DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASFERIMENTO A TERZI DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASFERIMENTO A TERZI DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Art. 1 Oggetto del regolamento Gli articoli che seguono disciplinano, ai sensi dell'art. 12, comma 2, della

Dettagli

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 Realizzazione Palestre

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N.18 del 10.05.2012 Il Caso della settimana A cura di Alessandro Borghese Reclamo su una ipotesi di ricostruzione indiretta di ricavi L art. 39, comma 9, del D.L. luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015 Rep. 2015/145 Oggetto n 84 Ufficio: 007 Comune di Verona Deliberazione della Giunta Comunale N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015 PRESENTI TOSI SIG. FLAVIO CASALI AVV. STEFANO CORSI P. I. ENRICO

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Piano di Recupero ambientale e di ristrutturazione urbanistica dell'area ex Eni Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 28/2/2005 e successiva variante approvata dal Consiglio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

COMUNE DI PATERNO Prov. di Catania UNITA OPERATIVA AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO AD ACTA - Dott.

COMUNE DI PATERNO Prov. di Catania UNITA OPERATIVA AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO AD ACTA - Dott. Prot. n. /Leg. del 02/07/2010 COMUNE DI PATERNO Prov. di Catania UNITA OPERATIVA AFFARI LEGALI E CONTENZIOSO DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO AD ACTA AVENTE IL SEGUENTE OGGETTO: Sentenza del T.A.R. di Catania,

Dettagli

SCHEMA TIPO DI CONTRATTO DI VENDITA DI IMMOBILI NELL AMBITO TERRITORIALE DEL CONSORZIO Z.I.P.A. CON FINANZIAMENTO DA PARTE DI SOCIETA DI LEASING

SCHEMA TIPO DI CONTRATTO DI VENDITA DI IMMOBILI NELL AMBITO TERRITORIALE DEL CONSORZIO Z.I.P.A. CON FINANZIAMENTO DA PARTE DI SOCIETA DI LEASING SCHEMA TIPO DI CONTRATTO DI VENDITA DI IMMOBILI NELL AMBITO TERRITORIALE DEL CONSORZIO Z.I.P.A. CON FINANZIAMENTO DA PARTE DI SOCIETA DI LEASING Premesso - che la ditta (in appresso denominata la Ditta

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO Cod. Fisc. 83000790820 UFFICIO TECNICO - SETTORE URBANISTICA P.zza Avv. P. Miserendino snc c.a.p. 90020 - Tel. 0921.558229 - Fax 0921.762007 PEC: tecnico@pec.comune.castellana-sicula.pa.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30

COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30 COMUNICATO STAMPA FABBRICATI RURALI: DOMANDE DI VARIAZIONE DELLA CATEGORIA CATASTALE ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2011 Il decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze 14 settembre 2011, pubblicato in data

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO SVILUPPO LOCALE CONVENZIONE CARRAIA GRUPPO DI PROGETTAZIONE: arch. Giulio Balistreri. arch. Daniele Galliani.

COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO SVILUPPO LOCALE CONVENZIONE CARRAIA GRUPPO DI PROGETTAZIONE: arch. Giulio Balistreri. arch. Daniele Galliani. COMUNE DI CAPANNORI SERVIZIO SVILUPPO LOCALE oggetto: ubicazione: CONVENZIONE CARRAIA GRUPPO DI PROGETTAZIONE: progettista: progetto viabilità di scorrimento: indagini geologiche: rilievi: collaborazione:

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE

REGOLAMENTO DEGLI ANTICIPI SULLA POSIZIONE INDIVIDUALE CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO Fondo Pensione Complementare iscritto al n. 1016 dell Albo dei Fondi Pensione - I Sezione Speciale Ente morale riconosciuto

Dettagli

3.4.4 La determinazione urgente dell indennità provvisoria

3.4.4 La determinazione urgente dell indennità provvisoria 42 può essere esercitata la facoltà di proporre opposizione alla stima. Tale ultimo termine è di trenta giorni decorrenti dalla data di notifica del decreto di esproprio o della stima peritale, se questa

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA ---------------

PROVINCIA DI VICENZA --------------- BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA CON IL METODO DELLE OFFERTE SEGRETE DI CUI ALL ART. 73 COMMA 1 Lettera C) del R.D. 23/05/1924 n 827 PER LA VENDITA DI UN IMMOBILE SITO IN VIA S.TOMA 7 A LONIGO Amministrazione

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

CONVENZIONE. premesso:

CONVENZIONE. premesso: CONVENZIONE ALLEGATO A) PER L AFFIDAMENTO DEI COMPITI DELL UFFICIO COMUNE PER LE ESPROPRIAZIONI, PREVISTO DALL ART. 6 COMMA 4 DEL D.P.R. N 327/2001, ALL UFFICIO PER LE ESPROPRIAZIONI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

PER PROCEDERE ALLA TRASCRIZIONE TACITA DELL EREDITA occorre esibire:

PER PROCEDERE ALLA TRASCRIZIONE TACITA DELL EREDITA occorre esibire: I DOCUMENTI NECESSARI PER IL TRASFERIMENTO DEGLI IMMOBILI A) FABBRICATI Il venditore deve, una volta perfezionato l accordo col futuro acquirente, consegnare allo stesso tutti i documenti attestanti i

Dettagli

Documento sulle Anticipazioni

Documento sulle Anticipazioni Allegato alla Nota Informativa CASSA DI PREVIDENZA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO CREDITO EMILIANO Documento sulle Anticipazioni Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

COMUNE DI VALDASTICO (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI VALDASTICO (Provincia di Vicenza) COMUNE DI VALDASTICO (Provincia di Vicenza) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 36 del 28.09.2012 e successivamente modificato REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

Dettagli

CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012

CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012 CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012 fra il COMUNE DI SPINEA, cf. 82005610272, rappresentato in questo atto dall arch. Fiorenza Dal Zotto nata

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in Cles

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in Cles COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in Cles Verbale di deliberazione N. 5 della Assemblea della Comunità OGGETTO : Piano Territoriale della Comunità della Val di Non. Piano stralcio di adeguamento ai criteri

Dettagli

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1 tratto di finanziamento non può essere FONDO REGIONALE COMMERCIO Mod. n. 60.01 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 1 e succ. m. e i. AIUTI ALL INVESTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA FISSAZIONE DEI CANONI DEGLI ALLOGGI DENOMINATI CASETTE DELLA CROCE ROSSA DI PROPRIETÀ DEL COMUNE E NON SOGGETTI ALLA DISCIPLINA

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

ESTRATTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 141 DEL 12.09.2005

ESTRATTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 141 DEL 12.09.2005 ESTRATTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 141 DEL 12.09.2005 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA E TARIFFE DEI SERVIZI MODIFICA D.G.C. N 348 DEL 04.07.1992. LA GIUNTA COMUNALE OMISSIS DELIBERA

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 2 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n.

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 2 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n. Comune di Oliva Gessi Provincia di Pavia Spazio riservato per il protocollo Servizio Territorio ed Ambiente Ufficio Edilizia Privata COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma

Dettagli

COMUNE DI RIOFREDDO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI RIOFREDDO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI RIOFREDDO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 2 DEL 19/04/2012 Art.1 Disposizioni Generali 1-

Dettagli

Ordinanza n. 151 del 17 Dicembre 2013

Ordinanza n. 151 del 17 Dicembre 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 151 del 17 Dicembre 2013 Localizzazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 In duplice copia Al Comune di SAN SALVO SERVIZIO URBANISTICA COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 Il/i sottoscritt, nato a.. Il con residenza e/o recapito in..

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA CITTA DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoli SETTORE URBANISTICA iservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. / OGGETTO: lavori di da eseguirsi nel (appartamento,

Dettagli

COMUNE DI LECCO Settore Patrimonio

COMUNE DI LECCO Settore Patrimonio COMUNE DI LECCO Settore Patrimonio ALIENAZIONE MEDIANTE ASTA PUBBLICA DI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LECCO SITI IN LECCO VIE ROSMINI- TRENTO CALDONE Capitolato ART. 1 oggetto della vendita In conformità

Dettagli

Rilevata la propria competenza ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. n 267/2000 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali e s.m. e i.

Rilevata la propria competenza ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. n 267/2000 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali e s.m. e i. Oggetto: SNAM RETE GAS S.p.A PRESA D ATTO DELL ATTO DIRIGENZIALE N. 4350 del 21/11/2014 DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E RATIFICA DELLA RELATIVA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO IL CONSIGLIO COMUNALE, Rilevata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE EDIFICABILI PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE EDIFICABILI PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE EDIFICABILI PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA INDICE GENERALE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 Finalità. Art.2 Modalità di cessione delle aree. Art.3 Requisiti

Dettagli

Documento sulle anticipazioni

Documento sulle anticipazioni Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sulle anticipazioni (depositato presso la

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 30 DEL 10 LUGLIO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 30 DEL 10 LUGLIO 2006 CITTA DI MONDRAGONE - (Provincia di Caserta) - Estratto del decreto relativo al deposito, presso la Cassa Depositi e Prestiti - Direzione Provinciale del Tesoro di Caserta - Servizio Cassa Depositi e Prestiti,

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI Prot. n. 3722 REGISTRO ON-LINE ATTO UNICO N. 6 DEL 02/02/2015 Il rilascio del presente atto è condizionato all accertamento dell avvenuto pagamento con bonifico bancario di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI OLEGGIO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 22.06.2011 Pagina 1 di 8 INDICE ART.

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli