Paderno D Adda New York, un sogno lungo 26,2 miglia.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paderno D Adda New York, un sogno lungo 26,2 miglia."

Transcript

1 Paderno D Adda New York, un sogno lungo 26,2 miglia...prima di questa avventura, lessi un commento che recitava così : la maratona di New York sta ad un amante della corsa come Disneyland ad un bambino di 8 anni. Ora so perché! 29/10/2008 finalmente si parte per la grande mela. Con un po di rammarico per aver lasciato i nostri 2 angioletti a casa, mercoledì io e mia moglie Barbara ci svegliamo prestissimo, carichiamo le valige in macchina e via, alla volta di Malpensa. Ora 09:30 l aereo parte per il grande sogno che ora si sta realizzando. Dopo circa 9 ore di volo ci siamo; siamo atterrati al JFK di New York. Dopo una lunga ed interminabile coda per il controllo passaporti, siamo sul pullman diretti in hotel. Paesaggio, nel tragitto, neanche tanto americano, se non per le innumerevoli bandiere a stelle e strisce; ma quando ci avviciniamo al tunnel che ci porterà a Manhattan, si iniziano a scorgere i primi grattacieli visti 1000 volte in cartolina, la febbre cresce. Arriviamo in hotel, e dopo aver sbrigato le formalità del caso e sistemato i bagagli, siamo già in strada. WOW anche se il vento è sferzante e gelido non riesce a distogliere la nostra meraviglia. Così ci tuffiamo sulla 42 e poi sulla 5 avenue con il naso perennemente puntato all insù. Posti visti in innumerevoli film, dal Rockfeller center con la sua pista di pattinaggio (piccola rispetto a quanto appaia nei film) a Tiffany, alla Saint Patrick s cathedral, alla Trump Tower, al Chrysler building e agli innumerevoli negozi alla moda. Trump Tower Rockfeller center Tiffany Saint Patrick s cathedral Chrysler building 1

2 Dopo aver camminato per un po, ci rifugiamo in uno Starbucks (che diventerà il nostro posto per le future colazioni) per bere qualcosa di caldo e per sgranocchiare qualche dolce. Barbara prende un hot chocolate, ed io, che mi sono già calato nella parte, prendo un small coffee con tanto di dolcetti; dopo che mi consegnano questa piscina a 8000 gradi, posso tranquillamente affermare, che è un luogo comune dire che il caffè americano non è buono, infatti fa letteralmente schifo. Ora la stanchezza ci assale, torniamo in hotel a riposarci un momento per poi uscire per la cena.. 30/10/2008 escursione per Manhattan..infatti il riposino si tramuta in uno svenimento, ma alle 4 e 30 del mattino (con grande rammarico di Barbara), vuoi per il fuso, vuoi per l eccitazione sono già sveglio, pronto per un nuovo giorno. Oggi è previsto un tour in pullman per Manhattan lungo tutta la giornata, con sosta nel pomeriggio all Expo per il ritiro del pettorale. Dopo aver raccolto altre persone del gruppo in alberghi vicini, inizia il nostro giro, attraverso NY. Anche se ha una storia relativamente breve, la città non manca di affascinarci; il nostro tour parte da Manhattan Uptown, dove si trova l immenso Central Park, in questa stagione sfoggia dei favolosi colori autunnali; sembra incredibile che ci possa essere un oasi di verde così proprio al centro dell universo, entriamo nel parco dal viale Strawberry fields, intitolato a John Lennon, dove si trova il mosaico dedicato alla pace nel mondo. Ma per esigenza di tempo facciamo solo una toccata e fuga, ci sarà tempo in futuro. Central Park Mosaico in Central Park Risaliamo in pullman e tra il traffico impressionante ricominciamo il giro per Manhattan. Attraversiamo i quartieri Greenwich Village, Soho, Chinatown, Little Italy, Wall Street, Brooklyn. Ad ogni quartiere corrisponde un paesaggio ed un etnia differente, che va dai sudamericani, passando dagli europei, cinesi ed ebrei, con tanto di cappello nero e boccoli il tutto contornato da palazzoni a non finire. 2

3 Ferro da stiro Edificio zona Central Park Le famose scale antincendio Scorcio del Manhattan Bridge Il toro in Wall street Skyline di Brooklin A mezzogiorno si va a pranzare al Pier 17, ottimo pranzo a base di pesce; terminato c è ancora un po di tempo per ammirare il favoloso ponte di Brooklin. 3

4 Pier 17 Pier 17 Brooklin bridge Brooklin bridge Dopo le foto di rito si riprende il pullman in direzione Expo. Bella costruzione, ma soprattutto si inizia a respirare veramente odore di maratona; dopo il controllo dei passaporti e il ritiro della sacca gara con il pettorale, ci aggiriamo per i numerosi stand alla ricerca di qualche t-shirt che ricordi l evento. Fa bella mostra di sé la gigantografia del percorso, PELLE D OCA!!!, la maratona si snoda per i 5 distretti di New York : Staten Istand, Brooklin, Queens, Manhattan e Bronks. Memore dei consigli di Pizzolato e di chi ha già fatto questa esperienza, cerco di impostare una bozza di strategia per la gara. Si risale sul pullman e si torna in hotel, non prima di aver preso tra le mani il mio pettorale per la corsa, numero ; non ho mai visto un numero simile in una maratona, speriamo mi porti bene. Foto pettorale 4

5 Alle 19:00 circa siamo in hotel, il tempo di una doccia e usciamo per la cena. Ci avviamo verso Time Square. E buio ma sembra di essere in pieno giorno, centinaia di schermi giganteschi ci tempestano di spot, siamo immersi in un enorme albero di natale. Times square Cena a base di hamburger, tappa alla Lewis per qualche paio di jeans e negozio di giocattoli per i bimbi. Stravolti torniamo in hotel. Buona notte! 31/10/2008 Allenamento in Central park e gita a Manhattan Sveglia presto (come sempre). Oggi c è l allenamento alle 07:00 in Central Park, capitanato da lui, il mio guru podistico, Orlando Pizzolato. Mi alzo dal letto cercando di non svegliare Barbara (invano, come sempre), infilo le scarpette, pantaloncini e felpa arancione del mio gruppo. Dopo aver mangiato qualcosa incontro Antonio di Ercolano e con lui iniziamo a correre alla volta di Central Park. Sulla 42 incontriamo uno strano tipo vestito da faraone egizio; Antonio mi guarda ed esclama: e chist?!, ovviamente sentendomi quasi newyorkese (lui è arrivato solo il giorno prima), gli rispondo: Antò, lascia fare, siamo a New York 5

6 Arriviamo in Central Park alle 06:40 e già ci sono parecchi arancioni. Dopo aver corricchiato ancora un po per il parco torniamo al luogo di ritrovo, dove oltre ad innumerevoli italiani c è anche Pizzolato. Ora tutti in posa per le foto di rito. Gruppo Terramia (trovatemi!!!). Foto non ridotta Parte il nostro allenamento all interno del parco; l emozione di correre al fianco di un campione è tale da stargli praticamente incollato. Corriamo in uno splendido scenario, l alba inizia a fare capolino, e quando il sole si riflette sui grattacieli tra il rosso del cielo, lo spettacolo è mozzafiato. Percorriamo l anello del laghetto reso celebre dal film il maratoneta di Dustin Hoffman, altra dose di adrenalina. Durante la corsa rivolgo qualche timida domanda a Pizzolato, che non si risparmia in simpatia e consigli. BELLA LI!!! proprio quello che ci vuole. Foto durante l allenamento L allenamento termina, e con nostra sorpresa ci aspettano alcuni VIP, e allora, foto d obbligo. 6

7 Linus Teocoli Terminato l allenamento, doccia, e poi si parte ancora alla scoperta dell America. Io e Barbara oggi abbiamo deciso di girare un po per New York, stile fai da te. Dopo la colazione, ci precipitiamo in metropolitana e dopo qualche figura (mia) da italiano in gita, riusciamo ad arrivare in Central Park (la metrò non è il massimo). La cosa sconcertante di questo posto è che ti senti veramente immerso nella natura e quasi ti scordi di essere all interno della città in cui ruota quasi tutto il mondo, ma quando alzi lo sguardo, al posto delle montagne ti trovi questi colossi di acciaio e specchi. Spettacolo incredibile. Central Park Dopo una bella scarpinata, si riprende la metropolitana alla volta dei quartieri più alla moda del momento, e via verso downtown, si scende a Soho e si prosegue a Noho, Palazzi e negozi architettonicamente bellissimi, qualcuno mooolto strano, tipo quello che vende solo scheletri ed ossa, ma soprattutto c è fermento per la febbrile preparazione per la sfilata di halloween. Tra parecchia polizia, e gente mascherata in ogni modo, ci fermiamo in un bel locale a bere qualcosa. 7

8 Polizia nei pressi della sfilata solo una parola, fantastico!!!! Qui brillante idea di Barbara: visto che parecchia gente è alla sfilata, perché non approfittiamo per una visita all Empire? Si prende la metrò e si torna alla base. Scendiamo alla Grand Central Station e ci avviamo sulla 5 avenue in direzione dell Empire State Building. Empiare State Building Entrata Empire L idea di Barbara è azzeccatissima, infatti la fila chilometrica non c è, e in un batter d occhio siamo all 86 piano del mitico Empire State Building. Appena usciamo dalla terrazza che circonda il piano, ci accorgiamo di avere New York ai nostri piedi. Complice una limpidissima nottata ci appare un panorama pazzesco, indescrivibile, tanto da affermare tranquillamente che foto o filmati non possono descrivere minimamente lo spettacolo. E così ipnotico da indugiare nonostante il forte vento. 8

9 Panorama dall Empire (foto non ridotte) Dopo aver fatto il pieno di luci ed emozioni è l ora di pensare alla cena. Ci fermiamo al ristorante sotto l Empire per una bisteccona ai ferri e una birra fresca. E ora di andare a nanna, domani c è un altro allenamento e altre cose da vedere; ma lo spettacolo non è finito, sulla strada del ritorno, gente mascherata in ogni modo. 01/11/2008 International Friendship Run, e visita alla statua della libertà Sveglia di buon mattino (come sempre). Oggi c è l International Friendship Run, corsa riservata agli stranieri che corrono la maratona di New York. Il ritrovo è nelle vicinanze del palazzo dell Onu. Qui i vari gruppi gareggiano per originalità. A mio avviso i più originali sono i giapponesi, quasi tutti vestiti da geishe o da samurai, qualche vichingo, qualche parrucca strana, ma soprattutto tanta voglia di stare insieme. Prima della partenza, discorsi e premiazione dell atleta americana di spicco. Capito niente!!! ma quando iniziano ad elencare tutti i paesi partecipanti e si elevano cori corrispondenti agli stati, mi accorgo che quasi tutto il mondo è rappresentato. E incredibile! Una fiumana di atleti di tutti i colori e lingue inizia a correre. La corsa è di soli 5 Km, il traguardo è lo stesso della maratona e già sono emozionato. Foto prima della partenza Terminata la corsa, non c è tempo per il ristoro e subito mi precipito in hotel; doccia e siamo di nuovo sulle strade della grande mela. Metrò fino a Battery Park (punta a sud di Manhattan) dove partono le imbarcazioni per la statua della libertà ed Ellis Island. 9

10 Cosa emozionante del parco è la scultura the Sphere, di per se niente di rilevante (a mio avviso), ma molto simbolico perché in precedenza era collocata tra le torri gemelle; qui trasportata dopo il loro crollo, da allora arde sempre una fiamma ai suoi piedi. The Sphere, comè. com era Dopo circa un ora e mezza di coda, saliamo sul traghetto e dopo un quarto d ora passiamo davanti alla statua. E una sensazione strana, l ho vista talmente tante volte che quasi mi sembra di essere in poltrona a guardare la TV. Sbarchiamo sull isola, purtroppo non si può salire sulla statua, bisognava prenotare tempo prima. Io e Barbara sotto la statua Primo piano Facciamo il giro dell isolotto ammirando la statua da ogni angolazione e soprattutto scattando decine di foto al favoloso skyline che si gusta da qui. 10

11 Prima e dopo Dopo un pranzo all immancabile fast food, ci rimbarchiamo per Ellis Island. La visita di quest isola è veramente toccante, infatti questo è il posto dove arrivavano gli emigranti da ogni parte del mondo. Ci muniamo di guida sonora e ci incamminiamo per il museo. Pensare che milioni di persone sono passate di qui rincorrendo un sogno o scappando dalla miseria, mi mette i brividi e un po a disagio paragonandolo alle mie motivazioni, pur trattandosi sempre di sogni. Interno del museo Terminato il tour riprendiamo il battello per Battery Park e qui ci incamminiamo per il Financial District. World trade center; ora un enorme cantiere, quasi anonimo se non si pensa a quel 11 settembre, ma è praticamente impossibile che la mente non ripercorra quelle immagini, e allora ti accorgi che non sono solo le torri a mancare. La guida del tour di Manhattan, ci aveva detto che entro il 2012 costruiranno le restanti 7 torri che riempiranno questo vuoto materiale. 11

12 World trade center oggi Scopriamo con nostro grande rammarico che la Saint Paul's Chapel, che è divenuta il simbolo della strage, è già chiusa, non ci resta che vederla da fuori. Visto il fuori programma, c è tempo per un po di shopping. Si torna in metrò verso l hotel, non prima di aver fatto il pieno di carboidrati da SBARRO, catena di ristoranti italiani. Giunto in camera sento già la tensione del pre gara, cerco di sdrammatizzare preparando tutto l occorrente per il giorno dei giorni. P.S. Con mio grande piacere, scopro che in America (o meglio, in questa parte d America) entra in vigore l ora legale, bene, si dorme un ora in più. 02/11/2008 ING New York City Marathon Sveglia alle 05:00 già elettrizzato, preparo tutto l occorrente per la corsa, mi vesto: pantaloncini, maglietta intima, maglia a maniche lunghe leggera (che tempo farà? che temperatura ci sarà?, mi assalgono i soliti dubbi del pre gara), e soprattutto lei, la mitica canotta con la scritta ITALIA, tuta, scarpe e sono pronto. Barbara mi guarda da sotto le coperte; in bocca al lupo, sono fiera di te!, ci abbracciamo. Scendo nella hall dell hotel mangiando i 2 dolci alla banana, comprati la sera prima dall ormai irrinunciabile Starbucks. Incontro Antonio e numerosissimi altri italiani del mio gruppo. Facce tese e nervosismo agonistico allo stato puro. Alle 06:00 il nostro pullman parte alla volta di Staten Island, ammiriamo il sole sorgere. Alle 07:00 circa, arriviamo all imbocco del ponte di Verrazzano, tra circa 3 ore lo rifarò al contrario; la tensione inizia a palesarsi. Ci scaricano all interno dell area adibita alla raccolta degli atleti, ci incanaliamo nei vari settori a noi destinati, arancione per quanto mi riguarda (destino?). Purtroppo le persone che ho conosciuto partono da waves differenti. Ma qui non è difficile fare conoscenza, infatti anche nel mio settore, gli italiani sono innumerevoli. Faccio subito amicizia con un ragazzo di Torino e altri 2 veneti. La temperatura è attorno ai 5 gradi, e purtroppo, cosa non preventivata da me, con un vento gelido che ci taglia le orecchie. Si capisce subito, quelli che non sono alla loro prima esperienza qui a New York, infatti parecchia gente è munita di sacchi a pelo e ogni genere di indumento di alta quota. Per ingannare la febbrile attesa, ci aggiriamo tra i vari stand, sgranocchiando e bevendo qualcosa. La folla è impressionante, mi sembra incredibile che una passione possa richiamare così tanta gente. Più i minuti passano, più la tensione cresce, cerchiamo di sdrammatizzare raccontandoci le nostre prodezze sportive, non certo strabilianti, ma comunque sufficienti per essere qui. 12

13 Ore 09:30, è l ora di consegnare la sacca ai vari furgoni preposti. Quest anno per la prima volta, la partenza è divisa in 3 onde. La prima parte alle 09:40, la seconda alle 10:00 (la mia) e la terza alle 10:20. Ore 09:40, sparo di cannone, ha inizio la 39 edizione della ING New York City Marathon. Mi tremano le gambe. Ore 09:45, l altoparlante in diverse lingue, ci invita a prendere posizione nelle nostre griglie...bene, bene, scambio qualche battuta con alcuni italiani a mio fianco, si scherza con gente arrivata da chissà dove, un occhio ai pace delle 4 ore, OK!! tutto sotto controllo!!! Al secondo colpo di cannone mi accorgo che proprio nulla è sotto controllo, l adrenalina è già altissima, e sale ancora di più, quando vedo i primi della mia onda varcare il mitico ponte di Verrazzano. Inizia la consueta svestizione degli atleti; un colossale streep tease, a volte con indumenti improbabili. Eccolo finalmente il colosso! passo sotto lo start, aziono il cronometro, mentre Frank Sinatra ci urla a squarciagola New York New York, l eccitazione è già ai massimi livelli. Sono sul ponte di Verrazzano, assieme a altri atleti, un puntino insignificante visto dall alto, ma sono qui!!, sono io!! Fiero nella mia canotta tricolore. Mi guardo attorno, mamma mia quanti siamo!!, ma si corre subito e si corre bene, senza caos (forse grazie alle partenze intelligenti ). Non mancano alcune figure folcloristiche, ne vedo uno vestito da faro, con tanto di impalcatura in legno (lo vedrò anche al traguardo), chi vestito da donna, da statua della libertà, parrucche a go go, ma tutti con il sorriso sulle labbra.almeno per ora. Partenza (foto da cellulare) Verrazzano visto dall alto Terminato il ponte, faccio volare anche la mia felpa, pochissimo vento, sole e temperatura ottimale per correre. Siamo a Brooklin; premettendo che non sono un tipo che si emoziona facilmente, ma gli spettatori sono talmente tanti e calorosi che mi viene un groppo alla gola. E spettacolare, un emozione mai provata. Sui vari blog, avevo letto di scrivere il proprio nome sulla canottiera, e allora oltre agli incitamenti, sento Go Roby, Go Italy, gridato da centinaia di persone. Ottimo!! ho percorso solo un miglio e qualsiasi tattica avessi adottato è già andata a farsi benedire!!. Tutto questo ti mette le ali ai piedi e un sorriso a 32 denti. I chilometri, o meglio, le miglia scorrono sotto i miei piedi, e gli spettatori sono sempre più numerosi, non riesco a non sorridere a tutti, salutare chi mi chiama per nome o dare il 5 a migliaia di bambini; so che pagherò questo spreco di energia, ma non fa nulla, è praticamente impossibile restare concentrati in questa bolgia. 13

14 La corsa vista dall alto E un susseguirsi di gente favolosa, di complessi che suonano a tutto volume, di bambini festanti, di cartelli che ci inneggiano come loro eroi, qualche spettatore offre huggs free (abbracci gratis), e qualche atleta si ferma pure! Sono al 15 Km senza neanche accorgermi; mi sento però già un po stanco, per la prima volta guardo il cronometro, caspita, sono andato troppo veloce (ne mancano ancora 27!!); fino ad ora ho corso con il cuore, ora bisogna usare un po la testa. Sono alla mezza, il cronometro si fissa a 01:49:21, la fatica inizia a farsi sentire, però c è la forza di ubbidire ai cartelli dello staff, sorridi ti stiamo fotografando. Foto durante la gara Con mio rammarico scopro che i ristori offrono solo acqua ed integratori, inizio a sentire il bisogno di zuccheri. Come fare?? domanda stupida alla più grande maratona del mondo! Basta guardarsi intorno, la gente ti offre di tutto: cioccolato, biscotti, banane, arance e ancora acqua e sali, perfino nell austero quartiere ebraico i bambini offrono caramelle. Attorno al 25 Km si imbocca il Queensboro bridge, che unisce il Queens a Manhattan, la salita è abbastanza dura, le gambe si fanno pesanti, ma c è anche chi (atleta) corre per tutto il ponte 14

15 cantando a squarciagola. Da qui si può ammirare lo skyline di Manhattan, è uno spettacolo che ti toglie il fiato (metaforicamente per fortuna). Si arriva sulla First Avenue, trattenuta dalle transenne, la folla oceanica si moltiplica e il boato è assordante, cerco di trarre tutta l adrenalina possibile da tutto ciò, cercando di non perdere la concentrazione. Ho bisogno di mangiare!, opto per una banana; questa no, quella no, questa si, visto che si può scegliere, perché non approfittarne? La First Avenue taglia tutta Manhattan per la sua lunghezza; seguendo sempre questa strada ci dirigiamo verso Harlem, ora siamo attorno al 32 Km, il panorama cambia, la gente cambia, ma il calore è lo stesso, si prosegue a ritmo di rap. Will Avenue bridge; siamo nel Bronx, la maggior parte della gente è nera, come ad Harlem, ma niente guerrieri, giochiamo a fare la guerra, anche qui è festa cittadina. Un po di cioccolato e una bibita energetica mi danno un po di forza. Percorriamo il breve tratto nel Bronx, imbocchiamo il Madison Avenue bridge e siamo di nuovo ad Harlem in Manhattan. Il pubblico inizia ad aumentare, così come i chilometri, siamo attorno al 35, e spero che mi capiti ciò che mi è successo nelle ultime 2 maratone, e cioè un energia improvvisa dal 37 alla fine. Vado avanti, le gambe sono sempre più pesanti, intorno a me parecchia gente cammina; ora la corsa diventa solo un fatto di testa., la concentrazione deve aver la meglio sull emozione si vede Central Park, migliaia di persone ci incitano a più non posso, gli spettatori italiani si fanno sentire. Faccio il pieno di adrenalina e allungo il passo, le mie speranze si avverano, mi sento come i primi 10 Km, sto da dio!.ho parlato troppo presto. Al 38, crampo al quadricipite destro, mai provato un dolore simile, non riesco a respirare, mi sdraio per terra e arrivano subito i soccorsi. Infermieri?? Ma no!! Alla maratona di New York non ce né bisogno, in mio soccorso arrivano 3 spettatori che mi stirano il muscolo e mi massaggiano la coscia. Tutto passato, si riparte, ma appena appoggio il piede ho ancora crampi; questa volta faccio da solo, stiro ancora il muscolo della coscia, ma quando appoggio il piede la contrazione è immediata. La sosta si protrae per 4-5 minuti. Un occhio al cronometro, cavolo! Fino ad ora è il mio tempo migliore! Niente da fare, non passa. NOOO!!! Sfogo la mia rabbia su un parchimetro (mi sa che c è ancora l impronta del mio pugno) e penso: non posso essere arrivato fin qui e non finirla!!! O la va o la spacca, nonostante il dolore riparto, e.miracolo, solo dopo pochi metri sparisce del tutto. Questo mi da una carica pazzesca, allungo nuovamente il passo, ora sono decisamente sotto i 5 minuti al chilometro. Si entra in Central Park. Manca poco ormai. Supero centinaia di corridori, adesso ho anche l energia di incoraggiare gli italiani che trovo in difficoltà e rispondere ai saluti l euforia è al massimo, mi appresto a compiere la penultima curva. Corro lungo la periferia sud del parco. E finita!!! Ci gridano degli italiani tra la folla. Arriviamo al Columbus Circus, dove solo 2 giorni prima ci siamo trovati per l allenamento. Ultima curva, ora c è solo un rettilineo che ci separa dall arrivo. Allungo ancora di più, sono al limite, le ultime energie me le regala il pubblico. 600 iarde, 400 iarde; ma quant è una iarda? Allora, se un miglio è ma chi se ne frega sono arrivato! Mancano circa 200 metri, aumento ancora di più, 100 metri, il traguardo si avvicina, alzo le braccia al cielo e taglio il traguardo. Il cronometro si ferma su 03:44:37, il mio record personale! 15

16 Foto del mio arrivo (per i più maliziosi, il tempo sul display è preso dal primo sparo) Sensazione strana, misto tra orgoglio, sfinimento e commozione. Riceviamo i complimenti e la medaglia tanto agognata. La ammiro a lungo. Foto di rito e mantellina in alluminio sulle spalle per il freddo. Foto dopo il traguardo Medaglia Mi incammino mooolto lentamente per il ritiro della sacca, sul tragitto ricevo complimenti e indicazioni da parte degli organizzatori, mi cambio e mi fermo un po a guardare la gente che arriva. Facce stravolte ma contente. Vedo Antonio, è stanchissimo, ci confrontiamo, lui ha impiegato 03:55:00, niente male per essere la sua prima maratona. Ci avviamo verso i pullman, e dopo un ora e mezza di traffico infernale siamo in hotel. Apro la porta, Barbara mi sta aspettando con un dolce, le mostro orgoglioso la medaglia, ci abbracciamo e le racconto tutto. L eccitazione è ancora forte, che non se ne parla proprio di riposare. Faccio una doccia bollente lunga mezzora, mi cambio e sono pronto. La tradizione vuole che chi ha terminato la corsa sfoggi la sua medaglia. Così con la mia medaglia in bella mostra si esce. 16

17 Sguardi di assenso e sorrisi tra i passanti quando mi vedono con il mio trofeo e c è il posto anche per qualche complimento..fatemela tirare un po Un po di shopping sulla 5 Avenue, di corsa in hotel a posare le borse e siamo sul taxi diretti in un ristorante per la cena organizzata dal nostro gruppo. Mangiamo un ottima bistecca, ci voleva proprio. Si parla, ci si confronta, si ride, ormai la fatica è solo un lontano ricordo, restano solo le cose belle da raccontare. Terminata la cena, essendo l ultima sera, io e Barbara decidiamo di tornare a piedi. La stanchezza inizia a farsi sentire. 03/11/2008 Si torna a casa Per la prima volta la sveglia non suona prestissimo. Visto che il ritrovo per l aeroporto è alle 12:40, abbiamo del tempo per gli ultimi acquisti. Un po per abitudine, un po perché ci mancherà, colazione al solito posto. Ci immergiamo nella New York fashion, dove stanno già comparendo i primi segni del Natale. Con una lacrimuccia torniamo in hotel dove ci aspetta il pullman che ci porterà al JFK. Alle 17:00 il nostro aereo si alza dal suolo americano per fare ritorno a casa. se voglio ripetere questa esperienza?? Fate voi. Roby Ora sei tu il tuo avversario, corri la tua gara. Se vuoi correre corri un miglio; se vuoi conoscere una nuova vita, corri la Maratona. Emil Zatopek (campione olimpico) 17

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

E purtoppo Vivi ci prova

E purtoppo Vivi ci prova VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 14 L adolescenza E purtoppo Vivi ci prova Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Kristina Dunker (1973). A 17 anni pubblica il suo primo libro per ragazzi. Si iscrive

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

obotica per il relax A New York un esperienza all insegna della tecnologia senza rinunciare ai comfort

obotica per il relax A New York un esperienza all insegna della tecnologia senza rinunciare ai comfort l hotel hi-tech R obotica Se siete persone indipendenti e cercate un ambiente alternativo davvero easy, potete organizzare un giro intercontinentale a New York. Non solo per la città pulsante di vita e

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

- permette a chi soffre di dolori alle ginocchia e alle articolazioni di allenarsi senza subire lesioni;

- permette a chi soffre di dolori alle ginocchia e alle articolazioni di allenarsi senza subire lesioni; Dalla Poltrona alla Prima Maratona Quasi incredibile la metamorfosi che un metodo di allenamento dolce, progressivo e senza forzature riesce a produrre anche sul più pigro dei sedentari - Beninteso: basta

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli