Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 CHUCK SI GIRA

2 LIVELLO 1 Nell anno 2819 canguri e umani hanno raggiunto lo stesso livello di sviluppo. Le città dei canguri sono maggiormente sviluppate rispetto a quelle degli umani. Queste ultime sono cupe e degradate, mentre le città dei canguri sono pulite, economicamente avanzate e ricche di spazi verdi. Sul mondo, reso migliore dal progresso dei canguri, incombe una terribile minaccia: il dr. Acca, scienziato tanto brillante quanto follemente ambizioso, progetta di conquistare il mondo e sottomettere i canguri per ottenere il potere. Chuck, un canguro di Sydney, decide di combattere il dottor Acca. LIVELLO 2 Il parco Budapest si trovava in periferia di Sydney. Il cancello in acciaio dava accesso ad una distesa verde ricca di fiori che si apprestavano a sbocciare. Gli alberi proiettavano le loro ombre sul terreno irradiato dal sole. Su di una panchina sedeva Steven, vecchio amico di Chuck. <<Ciao Chuck>>disse Steven.<<Come stai?>> <<Bene, grazie.>> <<Hai mai sentito parlare del dottor Acca?>> <<No, è un nome che mi suona totalmente nuovo.>> <<È uno scienziato che ha una mente brillante e un obiettivo ambizioso: la conquista del mondo e la sottomissione della nostra civiltà e tu devi fermarlo, poiché sei la persona più adatta a svolgere questo compito.>> <<D accordo, dimmi come fermarlo ed io combatterò contro di lui.>> <<Dunque, il dr. Acca è impegnato alla costruzione di una macchina che gli consentirà di sottometterci. I nostri scienziati hanno già pensato a come far fronte a questa minaccia, con grande successo. Hanno inventato un altra macchina, la SC, ben più potente della macchina di Acca. Ogni parte della macchina è nascosta in un covo segreto in alcuni Stati del mondo, allo scopo che il dottor Acca non possa trovarli e assemblarli. Il primo covo è in Giappone, a Tokyo. Questa è la chiave per aprirlo. Per proseguire il viaggio non temere, un nostro agente di Tokyo ti fornirà le indicazioni necessarie per raggiungere il covo successivo.>> <<E come posso trovarlo?>> <<Sarà lui a trovare te.>>

3 LIVELLO 3 Chuck andò in Giappone attraverso l elaborato sistema di teletrasporto di cui i canguri disponevano. Giunse direttamente presso gli uffici dell azienda informatica Oki Electric Industry, con sede a Minato, uno dei quartieri speciali di Tokyo. Un canguro dal pelo chiaro avanzò verso di lui; proveniva dall edificio. <<Tu sei Chuck, giusto?>>gli chiese. <<Sì.>>rispose Chuck. <<Sono Jigoro. Ti accompagnerò alla base di Tokyo, poi, quando avrai ottenuto la parte di SC di cui hai bisogno e dopo che avrai distrutto il covo, ti darò la chiave per proseguire nel tuo percorso.>> La base era sotterranea. Jigoro condusse Chuck in una stanza segreta attraverso una rampa di scale che partivano dagli uffici principali degli affari economici della Oki. Un grande portone in un materiale resistente testato dai canguri impediva il passaggio. Chuck con la chiave lo aprì. Era una stanza fornita di ogni strumento tecnologico utile per condurre la battaglia contro il dr. Acca: un enorme monitor, varie apparecchiature ed una grande cassaforte proprio nel centro della stanza. Lì era contenuta la SC. La chiave della base apriva anche la cassaforte, così Chuck la aprì e prese la parte della macchina che gli serviva, dopodiché la base si disintegrò gradualmente: sparirono le attrezzature, sparì la cassaforte e sparirono le pareti. Chuck si ritrovò all aria aperta, assieme a Jigoro. Chuck e Jigoro si salutarono, quindi Chuck partì per proseguire la sua missione. LIVELLO 4 Chuck si ritrovò teletrasportato nella Piazza Rossa a Mosca. Il freddo era pungente e lui a fatica riusciva a sopportarlo. Le persone camminavano tranquillamente, senza fare troppo caso a lui. Per fortuna lì l intolleranza verso i canguri non era ancora scoppiata. Un canguro con un pesante cappotto marrone ed un colbacco in testa si avvicinò a lui. Porse a Chuck un altro cappotto, blu, ed un colbacco identico al suo. <<Tieni>>gli disse<<qui fa freddo.>> Chuck indossò gli abiti offerti dal suo nuovo amico. <<Io mi chiamo Nikita. Sei pronto per infiltrarti nel Cremlino?>> <<Nel Cremlino? Ma è troppo rischioso! Non mi avevano avvisato.>> <<Non vedo quale sia il problema.>> <<Il Cremlino, suppongo, sarà eccezionalmente sorvegliato! Non potrò mai passare inosservato.>>

4 Nikita sorrise.<<non c è problema, invece. Abbiamo deciso, per lasciarti il campo libero, che un nostro agente verrà ricevuto dal governo umano qui a Mosca, proprio al Cremlino. Quando tu entrerai, tutti saranno nell aula delle conferenze, a discutere dei rapporti tra uomini e canguri. È un diversivo, ma credo che funzionerà.>> <<D accordo, sono più tranquillo. Spiegami: come arrivo alla base?>> <<Alla base ti condurrò io, ma da lì in poi dovrai arrangiarti. La base ha una pianta rettangolare e vi sono varie stanze, tutte disposte a lato di un corridoio. A questo corridoio si giunge attraverso una rampa di scale che iniziano da una stanza segreta del Cremlino stesso. Non sappiamo, purtroppo, in quale stanza sia contenuta la parte di SC, quindi dovrai ispezionarle tutte, ma fa attenzione! Ogni stanza è fornita di una rete di sicurezza laser, per cui se apri la porta ed essa viene a contatto con il laser >> <<Che succede?>> <<Divieni un ottimo conduttore di elettricità.>>> Chuck rabbrividì. <<Questo è quanto sappiamo. Non posso far altro che dirti in bocca al lupo e sperare che crepi.>> LIVELLO 5 Chuck si ritrovò, con grande sorpresa, sul Tower Bridge, a Londra. La giornata era nebbiosa, e fu una sorpresa ancor maggiore trovarsi alla spalle un canguro avvolto da un cappotto nero che gli appoggiò una mano sulla spalla. Chuck sobbalzò. <<Non devi avere paura, Chuck. Sono Winston, il tuo punto di riferimento a Londra.>> <<Spiegami che devo fare.>> <<L obiettivo è vicino. La base si trova sotto il fondale del Tamigi.>> <<Sotto il fondale del Tamigi? Ed io come posso sapere in quale punto esatto si trova?>> <<Sappiamo che si trova presso il Vauxhall Bridge. Ti immergerai là. Vedrai una botola essa è l entrata alla base.>> <<D accordo. E cosa mi dici riguardo alla piantina della base?>> <<Devi stare molto attento: è rettangolare ed ha molte stanze, una di seguito all altra, tutte munite di videocamere di ultimo modello. La cassaforte con ciò che cerchi si trova, come facilmente immagini, nell ultima di queste stanze. In ognuna di queste stanze, se individuato dalla telecamera, puoi trovare la morte: è mio dovere avvertirti dell enorme rischio che corri. Queste stanze sono dieci e nella decima è contenuta la cassaforte.>> <<Capisco e come posso evitare le telecamere?>>

5 <<Esse continuano a girare, quindi hai qualche possibilità... ma devi essere estremamente agile e veloce. Pensi di riuscirci?>> Chuck annuì. <<Sì, posso riuscirci. Devo riuscirci.>> <<Mi piace questo spirito. Bravo, Chuck. Proveremo, affinché tu sia maggiormente protetto, a stabilire un contatto tra te e noi, attraverso il quale dovremmo riuscire a fornirti qualche indicazione utile circa i tuoi spostamenti. Ti metto subito al corrente che tale contatto potrebbe non funzionare.>> <<Non importa. In un modo o l altro, non permetteremo che Acca vinca la nostra battaglia.>> Capitolo 6, Chicago Chicago,ore Chuck si risvegliò improvvisamente. All inizio non riuscì a capire dove si trovava:un fiume color pece scorreva lento davanti ai suoi occhi e dall altra parte del fiume si stagliavano degli edifici un tempo maestosi, ridotti a un mucchio di macerie. C era un solo edificio in piedi: una grande torre rettangolare gli sembrava molto familiare. Chuck attraversò il fiume inquinato con un salto e,lentamente. cominciò ad avvicinarsi alla torre. Improvvisamente una voce lo fermò: sei Chuck giusto? Un canguro dal pelo nero saltò fuori da una carcassa arrugginita Io sono Jimmy e ti aiuterò a recuperare il pezzo dell SC che si trova qui, a Chicago. Chuck sorrise e strinse la zampa di Jimmy: Quella è la Willis tower?

6 Esatto, un tempo era l edificio più grande e maestoso del mondo e guarda com è ridotta ora lo sguardo di Jimmy si rabbuiò mentre raccontava a Chuck della tremenda guerra accaduta a Chicago tra canguri e umani. Pensavamo di aver sconfitto una volta per tutte il terribile dottor Acca ma a quanto pare è ritornato ed è intenzionato a sterminare la nostra specie mentre parlava con Chuck, Jimmy cercava di mettere in moto la sua vecchia macchina, con scarso successo. Dopo molti tentativi si girò preoccupato verso di Chuck: la macchina non parte dobbiamo per forza andare a piedi. La strada è lunga e pericolosa ma non abbiamo scelta, dobbiamo andare nell unico posto sicuro in tutta Chicago prima che scenda la notte. Chuck annuì: ok, allora sarà meglio metterci in cammino subito. I due canguri si allontanarono saltando le macerie, senza accorgersi di un ombra che li seguiva, silenziosa come la notte. Dopo qualche ora di cammino Chuck e Jimmy decisero di fermarsi a riposare nel Rainbow Beach Park, o quello che ne rimaneva

7 Durante la guerra la spiaggia era stata utilizzata come discarica ed era completamente ricoperta di immondizia di ogni genere

8 Chuck si tappò il naso, disgustato: Con tutti i posti che ci sono, dobbiamo fermarci proprio qui? Jimmy sospirò: Si, questo è un luogo quasi sicuro, non viene mai nessuno qui Tirò fuori dal suo marsupio una grande mappa e la distese su un tavolo da biliardo rotto. Ecco disse, indicando un puntino rosso qui, nel Calumet park si trova la nostra base mentre qui disse, indicando un puntino nero C è la base nemica, al Chicago State University. Perché hanno costruito la loro base proprio lì? chiese Chuck Hanno preso in ostaggio tutti gli studenti canguri per farli lavorare alla macchina del Dr. Acca Jimmy chiuse la mappa di scatto e porse un hamburger bruciacchiato. No,grazie disse Chuck sono vegetariano e comunque non ho molta fame, il teletrasportatore mi ha messo sotto-sopra lo stomaco Jimmy aprì la bocca per ribattere, quando un rumore di vetri infranti lo fece scattare in piedi. Lo sapevo disse a Chuck ci hanno seguiti. Una scarica di proiettli mancò Chuck per un soffio. Entrambi si buttarono tra le macerie e Jimmy caricò il suo fucile, puntandolo verso la scarica di proiettili. Penso che siano in due sussurrò Chuck Tu distraili, mentre io faccio il giro e li attacco da dietro. Jimmy annuì e cominciò a sparare in direzione dei nemici. Chuck, intanto, strisciava lentamente tra le macerie, facendo attenzione a non fare rumore. Quando era quasi arrivato alla macchina rovesciata, dietro alla quale erano nascosti gli umani urtò con una zampa un vaso che rotolò e si ruppe, provocando un gran fragore. Chuck sbuffò, doveva muoversi in fretta, i nemici ormai avevano individuato la sua posizione: scattò in piedi e si tuffò dietro l auto, prendendo i due umani di sorpresa. Senza perdere un secondo, il canguro si scaraventò contro l uomo armato e con un pugno ruppe il fucile. I due si ripreso dal colpo e cercarono di mettere al tappeto Chuck, con scarsi risultati visto che li stava tempestando di pugni e calci. Jimmy raggiunse Chuck e riuscì a colpire un umano, uccidendolo. Chuck mise K.O l altro con un pugno. Andiamo via di qui prima che ne arrivino altri disse Jimmy. Nascosero i corpi dei due umani sotto il tavolo da biliardo e si incamminarono verso la base Chicago State University, ore 5.00

9 L università era molto grande, aveva delle finestre triangolari azzurre e le pareti color crema. Chuck la osservò attentamente col binocolo, nascosto in un cespuglio. Nella base di Jimmy si era riposato e si sentiva pieno di energia, voleva salvare i canguri rinchiusi lì dentro e recuperare l SC: Qual è il piano? chiese a Jimmy che era sdraiato vicino a lui. Ci sono cinque telecamere esterne e sette interne,la base nemica è nei piani inferiori e una nostra spia ha scoperto che l SC si trova alla fine del secondo piano, nella stanza vicino all uscita. Il primo piano non è molto controllato, il problema è il secondo. La spia non è riuscita a fare una stima precisa delle guardie presenti ma di sicuro saranno una decina, più il custode dell SC che non ha una buona fama. Ai piani superiori si trovano gli studenti intrappolati, lì non dovrebbero esserci molte guardie ma non si sa mai. Il piano è questo: il nostro infiltrato ci ha assicurato che riuscirà a oscurare le telecamere fra esattamente dieci minuti, avremmo dieci minuti per entrare dall entrata di sicurezza e sistemare il primo piano, poi ci divideremo e avrai altri venti minuti per superare i primi corridoi e liberarti delle guardie. Io penserò a liberare gli studenti, tu ti occuperai del secondo piano e dell SC. Ricordati di cercare la chiave che dovrebbe essere nascosta a metà del secondo piano. È tutto chiaro?

10 Chuck annuì certo, quando cominciamo? Capitolo 7: Rio de Janeiro, ore 8 del mattino Questa volta Chuck si ritrovò su una spiaggia a Rio. Davanti a lui si stagliava un'enorme distesa d'acqua verdastra sulla quale galleggiavano dei relitti di barche consumate dalla ruggine. La spiaggia era popolata da diverse famiglie umane che si girarono sorprese verso Chuck: non vedevano un canguro da parecchio tempo. Chuck si scrollò la sabbia di dosso e s'incamminò verso il Cristo Redentore spezzato a causa di una bomba umana. Arrivato di fronte ai resti di quella che una volta era simbolo della città incontrò Paulo: un canguro dal pelo bruno riconoscibile grazie ad un piccolo orecchino sull'orecchio destro. Lui sarebbe stato il suo punto di riferimento durante la missione. Ciao lo salutò Chuck. Ciao rispose Paulo ti stavo aspettando Lo sapevo che hai da dirmi? Prova a indovinare Sono pronto a scommettere un occhio della testa che hai qualche importante lavoro da assegnarmi Vedo che sei perspicace Eheh Bene, basta con i complimenti ti devo parlare il Dott. Acca ha qui a Rio una base che è per lui molto importante, quindi quale pensi che sia il tuo compito? Non è difficile rispondere Bene, quindi tu la dovrai distruggere. Ma dov è la base? Scommetto che ti stai facendo questa domanda ecco, la base si trova sotto la Cattedrale Metropolitana ed è possibile accedervi tramite un passaggio segreto sotto l altare che si svela azionando una leva presente nel tabernacolo. Attraversato il passaggio ti troverai in un enorme edificio sotterraneo a 2 piani organizzati entrambi nello stesso modo: ci sono due vie principali che vanno a formare una specie di X, il momento in cui dovrai stare maggiormente attento è il punto d incontro tra le strade, qui sono infatti piazzate alcune telecamere dalle quali non ti puoi far scovare. Superato questo ostacolo scoprirai che ogni piano è diviso in 4 settori dove sono situati i vari uffici dove gli umani lavorano. Se essi dovessero scoprire che tu sei entrato nella loro base le porte si aprirebbero e per te non ci sarebbe più nessuna speranza quindi fa attenzione a non farti scoprire o Rio sarà l ultima città che tu vedrai nella tua vita Wow, praticamente un suicidio Non se sarai furbo abbastanza

11 Mmm Mi dispiace ma non posso più stare qui quindi che dire abbi fortuna e E non farti ammazzare Ecco, bravo Vabbe spero potremmo rivederci un giorno CAPITOLO 8: PRETORIA Eccoti finalmente, welcome to South Africa! a parlare era Trevor, il nuovo alleato di Chuck. Oh, allora sono in Sud Africa... ho sempre desiderato di andarci Beh sei un tipo coraggioso, guardati un po in giro, ti sembra un paradiso? In effetti non sembrava proprio la meta ideale per delle vacanze, tutto era macerie e aleggiava un malsano odore di marcio che è poi difficile scordarsi, la strada era affollatissima è il trambusto era tremendo. Sullo sfondo sbucavano quei grigi e cupi grattacieli che i canguri non hanno mai e mai vorranno costruire. Una classica città popolata in gran parte da umani. Probabilmente hai ragione ammise Chuck ma perché mi stavi aspettando? Qui a Pretoria è presente una tra le più grandi basi che il dott. Acca possegga e il tuo compito è smantellarla. Fidati di me, fatta questa, avrà ancora ben poche speranze di raggiungere la sua meta. Oh, interessante mentre Chuck diceva ciò già si immaginava acclamato da tutti i canguri del mondo per averli salvati da quel malvagio di Acca e non stava nella pelle. Voleva iniziare la sua missione. E dove si troverebbe questo grande covo? Ecco non lo si sa con certezza ma secondo alcune ricerche che abbiamo svolto potrebbe trovarsi dentro l antichissima caserma del Castro Pretorio, essa è infatti passata sotto il controllo del dott. Acca e nessuno sa più a quale scopo sia utilizzata, ti avviso, questa missione sarà più complicata delle altre e di certo non sarà una passeggiata. Mi hai preso per un codardo? Sono pronto a tutto! Bene, mi piaci sai? Non mi aspettavo che avrei incontrato un canguro di questo spessore Beh, grazie ma hai qualche indicazione in più su quello che dovrò fare? Certo! Innanzitutto hai bisogno della chiave, e poi potrei darti qualche indicazione su come muoverti all interno del covo Che aspetti!? Allora probabilmente non sarai ben accolto, e per questo all entrata moltissimi nemici ti attaccheranno. Superato ciò, avrai dei momenti di relativa tranquillità nei quali dovrai esplorare per provare a capire i tranelli [in questo livello per aprire le

12 varie stanze si devono azionare in diverse combinazioni vari interruttori nascosti nei muri, questo bisognerebbe coglierlo durante l osservazione, quando sono visibili nei muri delle piccole luci gialle o azzurrine. Altrimenti ci si può arrivare con la fortuna], fatto ciò dovrai iniziare i combattimenti veri e propri sino ad arrivare al boss. Lui è uno dei maggiori aiutanti di dott. Acca e l idea di riportare i canguri allo stato poco evoluto di secoli orsono è probabilmente arrivata da lui. Probabilmente avrà grandi poteri e di certo non sarà facile sconfiggerlo [il corpo del boss non è un corpo umano ma è meccanico. Questo rende più complicato l esaurimento della sua vita e rende quindi più difficile la vittoria. Il corpo metallico gli permette inoltre di sferrare attacchi che Chuck non aveva mai dovuto affrontare], quindi, che posso dire Good Luck my Friend! Hasta la vista, Amigo! Capitolo 9 : Il Cairo Il Cairo, ore 9.30 Chuck si risvegliò sopra una superficie dura. La prima cosa che notò fu il caldo tremendo, poi si alzò in piedi e si guardò intorno: attorno a lui c era solo deserto, e sotto di lui troneggiava una bellissima piramide. Chuck sbuffò: Devo ricordarmi di chiedere a Steven di essere più preciso con il teletrasporto, altrimenti rischio di trovarmi sopra la Torre Eiffel la prossima volta! Era talmente assorto nei suoi pensieri che non si accorse di essere in compagnia. Un canguro con un turbante in testa lo stava aspettando vicino alla base della piramide: Chuck, sono qui, scendi con cautela, questa piramide è stata costruita nel 2560 a.c Chuck iniziò a scendere lentamente ma a metà percorso si stufò e con un salto atterrò vicino al canguro egiziano, sollevando una grande quantità di sabbia. Piacere sono Hassan disse l altro canguro tossendo per la sabbia. Piacere mio rispose Chuck Allora qual è il piano? Purtroppo la situazione sta peggiorando, il terribile dr. Acca ha quasi completato la sua macchina infernale, quindi non avrai tempo per riposarti, dobbiamo partire subito. Ok, dove si trova la base nemica? Ci siamo davanti, la base nemica è all interno della piramide di Cheope Hassan indicò la piramide sulla quale era atterrato Chuck. La piramide è piena di trabocchetti e trappole

13 Io conosco solo la parte inferiore della piramide, man mano che saliremo sarà sempre più difficile andare avanti. Ho sentito delle storie sul guardiano della chiave... si dice che il dr. Acca sia riuscito a riportare in vita le mummie dei faraoni! Chuck ridacchiò: Hassan, non crederai mica a queste storie! Il Dr. Acca sarà un genio del male ma resuscitare i morti è impossibile. Hassan incrociò le zampe, offeso: Come vuoi, comunque la piramide ha tre camere principali: la camera della regina, la camera dei re e quella delle saracinesche. L ultimo pezzo dell SC si trova nella camera dei re, insieme al guardiano. La chiave è nascosta nella camera inferiore che è molto pericolosa perchè il soffitto non è sicuro e potrebbe crollare da un momento all altro. Ah, giusto, dimenticavo, tieni questo scarabeo ti servirà per aprire la porta della camera dei re. Io ti aiuterò fino alla camera della regina, non voglio spingermi oltre, non si scherza con le maledizioni. Chuck prese lo scarabeo e si addentrò nell entrata buia della piramide, ripensando alle parole di Hassan: Ho sentito delle storie sul guardiano della chiave... si dice che il dr. Acca sia riuscito a riportare in vita le mummie dei faraoni!

14 Capitolo 10: Madoogali

15 Isola Madoogali, ore 14 Chuck aprì gli occhi, con in testa l immagine della mummia che si scaraventava contro di lui e rimase senza fiato: si trovava alle Maldive, uno dei pochi luoghi non rovinati dall azione distruttiva del Dr.Acca. Chuck si avvicinò all acqua cristallina e cercò di infilare una zampa nell acqua, senza riuscirci: l acqua sembrava un illusione ottica. Non c è veramente il mare lì disse un canguro alle spalle di Chuck: è solo un ologramma creato dal Dr.Acca per non destare sospetti. In realtà quest isola è scomparsa, è rimasto solo un mucchio di sabbia e qualche conchiglia. Le belle casette tradizionali che vedi laggiù sono enormi costruzioni di cemento del Dr.Acca. Chuck si girò e osservò il canguro femmina di fronte a lui: nella mano sinistra stringeva una pistola ed era piena di ferite e tagli coperte da qualche fasciatura, aveva un occhio coperto da una benda e nel suo marsupio faceva capolino la testa di un piccolo canguro addormentato. Questa è la piccola Hope, mia figlia e io sono Omi disse lei notando lo sguardo incuriosito di Chuck. Siete rimaste solo voi due? chiese Chuck. Sì, mio marito è morto due settimane fa Omi accarezzò la testa di Hope Non sono molto forte, ma ti aiuterò come posso. Chuck scosse la testa: Non se ne parla proprio, devi stare con Hope e riposarti Omi tirò uno schiaffo a Chuck mio marito è morto per questo, io cosa dovrei fare, restare a guardare? Se tu dovessi fallire tutti i canguri morirebbero! Chuck si massaggiò la guancia, stupito dalla forza e dalla tenacia di Omi Come vuoi, ma non entrerai nella base, lì è troppo pericoloso. Omi annuì e si incamminarono verso la tana del leone. Man mano che si avvicinavano le casette scomparivano, lasciando spazio a degli enormi edifici grigi. Ecco disse Omi questo è l edificio principale, nel quale si nasconde il Dr.Acca All esterno non ci sono guardie perchè l interno è controllatissimo, ci sono guardie, telecamere e controlli di ogni genere. Nessun canguro è mai uscito vivo da lì. Grazie per il tuo aiuto Omi disse Chuck Buona for... Omi non riuscì a terminare la frase: una scarica di proiettili le attraversò il petto. In un lampo Chuck raccolse la pistola di Omi e sparò al suo aggressore, uccidendolo con un colpo. Si girò verso Omi, ormai era troppo tardi: i proiettili l avevano colpita in pieno. La piccola Hope non era stata colpita e si guardava intorno, spaventata. Ch...Chuck...prenditi cura... di... Hope mormorò Omi tra un colpo di tosse e l altro. Te lo prometto disse Chuck tristemente e prese la piccola Hope in braccio. Strinse la mano di Omi e aspettò fino a quando non udì più il suo respiro affannoso. Chuck nascose Hope in un barile vuoto. Mi dispiace, ma devo lasciarti qui, tornerò a prenderti quando sarà finito tutto. Detto questo il canguro corse verso l entrata, pronto a combattere il suo più grande nemico

16 Capitolo 11 Dopo la battaglia tra Chuck e il Dr. Acca il mondo era cambiato rapidamente: distruggendo la macchina del Dr. Acca, era tornato ad essere un posto tranquillo e sicuro, dove canguri e bambini giocavano insieme. Gli umani si resero conto di ciò che aveva fatto il Dr. Acca e decisero di reagire, pulendo strade e parchi, utilizzando solo energia pulita e piantando piante dove prima c era solo polvere. Il Dr. Acca venne chiuso nella prigione più sicura, assieme ai suoi scagnozzi. Chuck diventò un eroe mondiale e venne eletto capo del governo. Non dimenticò la promessa di Omi e adottò Hope. Steven diventò uno scienziato di fama mondiale e costruì una nuova macchina del tempo, più precisa e sicura. Sono passati dieci anni e, come ogni anno, oggi si festeggia l anniversario della distruzione della macchina del Dr. Acca e vengono ricordati i canguri valorosi caduti. Per non dimenticare. Mai.

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Cerchi d acqua e policromie cristalline

Cerchi d acqua e policromie cristalline Cerchi d acqua e policromie cristalline Entriamo nella casa del lago. Vanni scruta l ambiente da esperto. Apre le grandi finestre, lasciando entrare l aria fresca e pulita. Un odore d antico c investe.

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il Regalo di Natale più bello

Il Regalo di Natale più bello Il Regalo di Natale più bello This ebook is distributed under Creative Common License 3.0 http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/ You are free to copy, distribute and transmit this work under

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Seconda. Codici.

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Seconda. Codici. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI!

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! 17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! IL TI-ENNE-GI SUL VULCANO Con quella tua giravolta, navicella imbranata, sembravi ubriaca peggio di un pirata! Siamo finiti in un cratere rosso e arancione: ho fame, ho sete

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE

SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE SILICIO, BEN E IL FURTO DELLE BOTTIGLIE Un giorno Silicio fu messo nella campana del vetro. Era lì quando, ad un tratto, sentì una voce che diceva: - Svuotiamo la campana nel camion! Silicio disse: - Evviva!

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!»

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!» 1 SHOPPING SFRENATO Tom attraversò il vialetto a passo di lumaca, trascinando i piedi. Sua madre e sua nonna erano già sedute in macchina. «Sbrigati, Tom!» gridò la sua mamma sporgendosi dal finestrino.

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

TOUR ALLA SCOPERTA DELLO ZAINO SCOLASTICO

TOUR ALLA SCOPERTA DELLO ZAINO SCOLASTICO LEZIONE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Insegnante: Londei Fabiola anno scolastico 2012-2013 Ciao cari ragazzi e ragazze di quarta B e C, sono un vostro quotidiano osservatore, vi guardo tutte le mattine arrivare

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Serenella Caputo, Debora Curulli, Giulio Iazzetta, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, don Enrico

Dettagli