CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SPAZIO 180 PER IL PERIODO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SPAZIO 180 PER IL PERIODO 01.01.2012 31.12.2014"

Transcript

1 CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SPAZIO 180 PER IL PERIODO Art. 1 - Oggetto dell appalto Oggetto dell appalto è l affidamento della gestione del Centro Polivalente Spazio 180 del Comune di Calenzano, via Petrarca, 180, secondo le indicazioni contenute nel presente capitolato. Art. 2 Importo e durata dell appalto L importo dell appalto posto a base di gara, per il periodo , è stimato in ,00 I.V.A. esclusa, di cui ,00 soggetti a ribasso e 1.500,00, relativi agli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso. Tali importi sono onnicomprensivi di tutte le prestazioni che l aggiudicatario effettuerà nell ambito dello svolgimento dell incarico oggetto del presente capitolato. Il Comune di Calenzano ha facoltà, nel corso della vigenza del rapporto contrattuale, di richiedere, e l aggiudicatario assume l obbligo di corrispondere alla richiesta, una variazione delle prestazioni richieste fino ad una percentuale del 20% in aumento o in diminuzione, ivi compresa la possibilità di estendere, nell ambito della percentuale di cui sopra, le stesse prestazioni con riferimento a servizi diversi ma di natura analoga a quelli oggetto della presente gara. Alla scadenza del contratto l aggiudicatario si impegna a proseguire il servizio agli stessi patti e condizioni, fino all espletamento delle procedure per un nuovo appalto e almeno fino all affidamento del servizio. Ai sensi dell art.9 della direttiva n. 2004/18/CE del e del Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs.163/2006), il Comune di Calenzano si riserva - ove la normativa vigente al momento della scadenza del contratto lo consenta - la facoltà di procedere al rinnovo o alla ripetizione del contatto a suo insindacabile giudizio valutato il servizio fornito nel suo complesso, le ragioni di pubblico interesse e ogni altro elemento ritenuto utile e/o necessario a tale valutazione. Art. 3 Requisiti di partecipazione, scelta del contraente e modalità di affidamento dell appalto La presente selezione, ai sensi dell art. 20, comma 1, del D.Lgs. 163/2006, non è soggetta alla disciplina del Codice dei contratti pubblici in quanto trattasi di servizi rientranti tra quelli esclusi di cui all allegato II B dello stesso. Il servizio sarà affidato tramite procedura aperta con il criterio dell offerta qualitativamente ed economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 12 della Legge Regionale della Toscana del , n. 87 e della deliberazione C.R.T. n. 199 del 31/10/2001 avente ad oggetto Approvazione direttive transitorie per l affidamento dei servizi alla persona punto 4 e sulla base degli elementi di valutazione specificati all articolo 13 del presente capitolato. E consentita la partecipazione alla gara da parte degli operatori economici in possesso dei seguenti requisiti: Iscrizione C.C.I.A.A ovvero se trattasi di soggetti stabiliti in altri Stati membri dell Unione Europea, iscrizione nei corrispondenti registri professionali o commerciali dello Stato di residenza ai sensi dell art. 39 del D.Lgs. 163/2006, con indicazione dei nominativi delle persone designate a rappresentare legalmente la Società; Inesistenza delle cause di esclusione dalla partecipazione alle gare di appalto previste dall art. 38 del D.Lgs 163/2006; 1

2 Ottemperanza alla normativa in materia di diritto al lavoro dei disabili ai sensi della L.68/1999 ovvero non assoggettamento agli obblighi di assunzione obbligatoria previsti dalla predetta legge; Inesistenza di alcun rapporto di controllo di cui all art del C.C con altre imprese concorrenti, fatto salvo quanto previsto dall art. 38, comma 2, del D.Lgs. n. 163/2006; Applicazione a favore dei propri lavoratori dipendenti delle condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai vigenti contratti di lavoro (CCNL) e dagli accordi locali integrativi degli stessi applicabili, alla data dell offerta, alla categoria e nella località in cui si svolge la fornitura con il preciso obbligo, in caso di aggiudicazione, di rispettare dette condizioni per tutta la durata del contratto; Avere preso integrale e accurata visione del disciplinare di gara, del Capitolato Speciale d'appalto e di tutta la documentazione di gara ed accettare tutte le clausole e prescrizioni ivi contenute; Possesso di certificazione della qualità riferita alla gestione dei servizi in oggetto (Centri giovani e CIAF); Aver gestito negli ultimi 3 (tre) anni almeno un servizio rivolto all adolescenza ed ai giovani della durata continuativa di almeno 6 mesi presso una Pubblica Amministrazione. Inoltre i partecipanti devono essere costituiti in una delle seguenti forme giuridiche e possedere la relativa iscrizione agli Albi (o idonei requisiti): a) cooperative sociali e consorzi costituiti come società cooperative iscritti nell Albo Regionale della Regione Toscana Sezione A o C ai sensi delle L , n. 381, artt. 8 e 9 e L.R.T , n. 87 articolo 3 e seguenti; b) cooperative sociali e consorzi costituiti come società cooperative con sede legale in altra regione purché iscritti nei rispettivi Albi Regionali, sezione A o C secondo la rispettiva normativa di riferimento; c) cooperative sociali e consorzi costituiti come società cooperative sezione A o C con sede legale in Regioni nelle quali non siano istituiti gli Albi Regionali ai sensi dell art. 9 della L , n Nel caso di cui al punto c) sono richiesti, in sostituzione all iscrizione agli Albi Regionali istituiti ai sensi dell art. 9 della L , n. 381, i requisiti previsti dalla L.R.T. del , n. 87 per l iscrizione nelle sezioni A (articolo 5) e C (articolo 6) dell Albo Regionale. Tali requisiti potranno anche essere autocertificati in fase di risposta all avviso di gara mentre tutta la documentazione prevista dovrà essere allegata all offerta per rendere la stessa valida. In particolare i requisiti richiesti sono i seguenti: - esplicita attestazione, all interno degli statuti, dell assenza di fini di lucro e previsione di finalità solidaristiche per il perseguimento dell interesse generale della comunità, esclusivamente attraverso l esercizio di una delle attività di cui all art. 1, comma 1, lettere a) e b) della L , n. 381; - effettiva autonomia tecnica, organizzativa ed economica, in relazione alla tipologia di attività da svolgere; - essere state costituite almeno sei mesi prima della data di emissione del presente bando; - applicazione per i lavoratori della normativa contrattuale vigente per il settore; - rispetto, per quanto riguarda i soci volontari delle disposizioni di cui all art. 2, commi 2 e 5 della L , n. 381; - nel caso di consorzi, questi devono essere costituiti da cooperative sociali in possesso dei requisiti previsti nei punti precedenti. 2

3 Sempre per quanto riguarda le cooperative e i consorzi di cui al punto c) la documentazione da allegare all offerta in sostituzione dell iscrizione agli Albi Regionali è la seguente: - copia dell atto costitutivo e dello statuto vigente; - certificato di iscrizione nella sezione cooperazione sociale del registro prefettizio di cui all art. 13 del D. Lgs C.P.S. del , n.1577 Provvedimenti per la cooperazione come modificato dall art. 6 della L , n. 381; - certificato di iscrizione alla Camera di Commercio di data non anteriore a mesi tre; - elenco dei soci, dei soci volontari e dei soci sovventori; - copia dell ultimo bilancio approvato, ivi incluse la nota integrativa, le relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale, di cui agli artt. 2428, 2429 del Codice Civile in conformità di quanto dispone l art dello stesso; - dichiarazione del legale rappresentante della cooperativa che attesti la regolare assunzione di tutti i lavoratori ed il rispetto della normativa contrattuale vigente; - dichiarazione del legale rappresentante della cooperativa attestante il possesso da parte dei lavoratori, dei soci o dei dipendenti della cooperativa dei titoli di studio o degli attestati professionali richiesti dalla normativa regionale e nazionale vigente; - relazione concernente le modalità organizzative delle attività svolte nell anno precedente e di quelle in programma, con l indicazione di ogni elemento utile a valutare la sussistenza del requisito di effettiva autonomia tecnica, organizzativa ed economica, in relazione alla tipologia di attività da svolgere; I soggetti che risulteranno in possesso dei requisiti richiesti possono rimettere la loro offerta tramite la presentazione di un progetto - offerta del servizio che dovrà essere redatto nel rispetto di quanto previsto dal presente capitolato e dalla normativa sopra citata. Anche in sede di gara l Amministrazione si riserva di chiedere chiarimenti e integrazioni sulla documentazione presentata. L affidamento del servizio sarà effettuato a favore del soggetto che avrà presentato l offerta qualitativamente ed economicamente più vantaggiosa sulla base dei criteri indicati dal successivo articolo 13. L aggiudicazione del servizio si intende vincolante per la cooperativa o consorzio aggiudicatario, mentre lo diventa per il Comune di Calenzano con la stipulazione del contratto. Non si procederà alla stipula del contratto in caso di mancato riscontro positivo da parte del Comune dei requisiti oggetto di autocertificazione, fatte salve le ulteriori conseguenze che la legge prevede in caso di dichiarazioni mendaci. In tal caso il servizio verrà aggiudicato al concorrente che risulterà secondo nella graduatoria redatta nel verbale di gara. L incarico sarà svolto dal soggetto aggiudicatario sulla base del proprio progetto di organizzazione e di gestione, da redigere tenendo conto delle indicazioni contenute negli articoli seguenti. Art. 4 Finalità del servizio Il Centro Polivalente - Spazio 180, situato in Calenzano, via Petrarca n. 180, di proprietà comunale, è uno spazio polivalente finalizzato prevalentemente allo svolgimento di attività rivolte ai giovani, con lo scopo di contribuire a fornire maggiori opportunità di realizzazione personale, di inserimento sociale e di aggregazione socioculturale all interno della comunità allargata (locale, nazionale, europea) anche attraverso la messa a disposizione di adeguati e aggiornati strumenti informativi e formativi. 3

4 Art. 5 Descrizione degli spazi Il Centro Polivalente è già predisposto e attrezzato per la realizzazione di diverse attività. Gli spazi dedicati allo svolgimento delle attività poste a base di gara del seguente capitolato sono i seguenti: Al piano terreno: l ingresso, i servizi igienici e un grande salone, divisibile attraverso l utilizzo di pannelli già in posa in tre grandi ambienti, utilizzabili per attività separate. Nel salone trova sede un palco composto da pedane PAV e da un impianto audio e video per concerti, conferenze e altri eventi. Sono inoltre presenti nel salone sedie e tavolini. Tali ambienti sono a disposizione del soggetto aggiudicatario della presente gara negli orari di apertura del Centro Polivalente. Per lo svolgimento delle attività di cui all art. 6 il soggetto gestore ha a disposizione, in via esclusiva, al piano superiore i seguenti locali: numero destinazione attività locali 2 Ufficio operatori e punto informativo descrizione allestimento Completamente arredato e dotato di tutte le attrezzature informatiche hardware e software necessarie all attività. 1 Sala Internet e multimediale Completamente arredato e dotato di tutte le attrezzature informatiche hardware e software necessarie all attività. 1 Sala artistica Completamente arredata e dotata di tutte le attrezzature necessarie all attività. 1 Sala polivalente Completamente arredato e dotato di tutte le attrezzature necessarie all attività. Presso l Area Servizi alla Persona sono disponibili ed in visione le planimetrie generali dei 2 piani della struttura. Art. 6 Servizi da gestire e tipologia di attività da realizzare L aggiudicatario dovrà gestire direttamente almeno le seguenti attività: 1. Organizzazione di attività tese a realizzare le finalità indicate nel precedente articolo 4, in particolare: a. Attività di aggregazione libera, socializzazione, promozione della creatività giovanile, predisposte in accordo con i giovani utenti del centro, volte a favorire la crescita del protagonismo giovanile e a rafforzare le azioni di sostegno educativo (partendo da un attenta lettura dei bisogni); progettazione di interventi educativi rispetto al vissuto giovanile, sia a livello individuale che di gruppo. Le attività minime da prevedere sono attività di accoglienza e di ascolto dei giovani frequentatori anche attraverso la realizzazione di laboratori. Particolare attenzione deve essere destinata per creare un clima di attenzione e di accoglienza della persona, (del singolo e/o del gruppo) e per sviluppare relazioni positive e collaborative nonché di rispetto delle regole. b. Attività per i ragazzi che frequentano il Centro con eventuale utilizzazione delle strumentazioni presenti nelle struttura relativamente, ad esempio, ai seguenti ambiti (elenco meramente esemplificativo e non esaustivo): 4

5 i. Sviluppo di esperienze musicali ed aggregative (percorsi musicali, laboratori); ii. Sviluppo di attività relative al cinema, alla comunicazione visiva, al video-making e alle tecniche multimediali come strumento di espressione e comunicazione; iii. Realizzazione di un laboratorio redazionale e di attività ed azioni indirizzate all impiego dei mezzi di comunicazione innovativi e tradizionali; iv. Sviluppo di attività creative e realizzazione di laboratori artistici relativi ad esempio a graffiti, pittura, fotografia; v. Realizzazione di laboratori espressivi, anche in collaborazione con le realtà presenti sul territorio; Per l organizzazione di tali attività il Gestore potrà avvalersi della collaborazione di tecnici e associazioni presenti sul territorio, in possesso delle necessarie competenze. 2. Organizzazione ogni anno di almeno 5 eventi culturali di interesse giovanile da tenersi nel salone al piano terra in orario serale, nel week-end. 3. Attività di informazione per coloro che frequentano lo Spazio 180, indicativamente nei settori relativi a Istruzione e Formazione, Servizi sociali e sanitari, Nuovo Servizio Civile Nazionale e Servizio Volontario Europeo, Socialità, cultura e tempo libero, Programmi europei rivolti ai giovani soggiorni studio, Esperienze di scuole o stages formativi per l apprendimento di lingue straniere; 4. Realizzazione di corsi a pagamento rivolti a tutta la cittadinanza da tenersi nelle sale attrezzate come descritte nella tabella sopra indicata. (Il gestore è autorizzato ad incassare i proventi derivanti dall organizzazione di tali corsi). La tipologia indicativa dei corsi dovrà essere indicata nel progetto di gara. Per l organizzazione dei corsi, il Gestore dovrà provvedere a coordinarsi con il Servizio Cultura del Comune di Calenzano, al fine di ampliare l offerta culturale e formativa rivolta alla cittadinanza, evitando il sovrapporsi o il ripetersi di iniziative simili. Art. 7 Orari minimi di apertura e personale impiegato Per l effettuazione di quanto sopra deve essere garantita l apertura minima dello Spazio 180 per 10 mesi l anno, con eventuale interruzione nel mese di luglio e agosto, con la seguente articolazione oraria minima di funzionamento del Centro: dal lunedì al giovedì ore Il numero minimo di operatori presenti presso il Centro Polivalente Spazio 180 in orario di apertura è fissato in 2 (due) operatori. In tali orari il gestore deve garantire, a propria cura, l apertura, chiusura, sorveglianza, custodia e pulizia dei locali assegnati. Art. 8 Funzioni e compiti dell aggiudicatario L aggiudicatario provvederà alla progettazione, programmazione, realizzazione, verifica e monitoraggio dei servizi e delle attività di cui al precedente punto 6, da effettuare sulla base di quanto previsto dal progetto presentato in fase di gara e dal presente capitolato e di cui si assume la completa responsabilità. L aggiudicatario dovrà garantire, oltre alla corretta esecuzione di quanto sopra e delle eventuali ulteriori prestazioni individuate nel progetto - offerta, lo svolgimento dei seguenti compiti e funzioni: a) Coordinamento dell intera attività e referenza costante con l Assessorato alle Politiche Giovanili e l apparato tecnico dell Amministrazione; b) collaborazione con le realtà istituzionali e dell associazionismo presenti sul territorio per la promozione 5

6 della conoscenza reciproca e dell integrazione e per la risoluzione di eventuali problematiche che si presentino in ordine all universo giovanile; c) assunzione a proprio carico della pulizia dei locali assegnati. Per il salone e i servizi igienici del piano terra, la pulizia dei locali verrà eseguita per i giorni e per gli orari nei quali la struttura è assegnata al soggetto aggiudicatario della presente gara, mentre per le sale del piano superiore indicate nell art. 5, la pulizia è ad esclusivo carico del soggetto aggiudicatario della presente gara. E a carico del soggetto aggiudicatario della presente gara anche la pulizia dei servizi igienici posti al piano superiore, delle scale e dell ingresso alla struttura. d) assunzione a proprio a carico della manutenzione ordinaria (ad esclusione della manutenzione ordinaria degli estintori) dei locali assegnati ad esclusione del salone. e) assunzione a proprio carico delle spese relative alle utenze telefoniche, compresa la linea ADSL e al contratto di voltura, delle spese di pubblicizzazione delle iniziative e della SIAE relative alle iniziative organizzate nell ambito dell attività prevista dal progetto, per il materiale necessario al funzionamento delle attività previste nel progetto. f) dovrà, inoltre, munire il proprio personale di tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del Datore di lavoro in osservanza di quanto disposto dall'art. 26, comma 8 del D. Lgs. 81/2008. Per la gestione dell emergenza: all atto di assegnazione del servizio l Amministrazione Comunale fornirà il Piano delle Emergenze; lo stesso Piano dovrà: essere oggetto di informazione e formazione alla totalità del personale, dandone evidenza con dichiarazione di effettuata attività; essere oggetto di coordinamento con le altre Associazioni o Enti presenti nell immobile, in occasione di eventi o comunque di momenti in cui presenti più Associazioni e/o Enti, dandone evidenza, su richiesta di questa Amministrazione, mediante verbali di coordinamento. In particolare in occasione di eventi o attività, anche in orario serale, dovrà essere garantita la presenza di personale in grado di intervenire nella gestione delle emergenze, in possesso quindi delle necessarie conoscenze attestate da dichiarazione di frequenza agli specifici corsi di formazione (incendio, primo soccorso, evacuazione). L amministrazione Comunale garantisce la presenza di mezzi mobili (estintori) per combattere un principio di incendio, il cui impiego deve essere riservato al personale adeguatamente formato ed istruito. Eventuali gravi violazioni di tali obblighi costituiscono motivo di immediata risoluzione del rapporto contrattuale da parte dell amministrazione committente, nonché motivo di denuncia alle competenti autorità; Allo stato attuale si rileva la presenza di interferenze e, pertanto, viene redatto il DUVRI di cui all allegato B) facenti parte integrante del presente capitolato. Le misure volte a eliminare le interferenze non hanno costi, in quanto le medesime misure sono da ricercarsi nella professionalità richiesta dalla prestazione. Il soggetto gestore provvederà ad integrare e aggiornare il DUVRI. In sede di aggiudicazione provvisoria, la stazione appaltante verificherà che vengano rispettati gli adempimenti di cui al D. Lgs. 81/2008 e successive modificazioni. A tal fine, il soggetto aggiudicatario dovrà dare evidenza: dell idoneità tecnico professionale di cui al punto 2 lettera a) comma 1 art. 26 D.Lgs. 81/2008; della nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione; della effettuata valutazione dei rischi; 6

7 della designazione degli addetti alla gestione delle emergenze e della relativa formazione (incendio, primo soccorso, evacuazione di cui al D.M. 10/03/1998 e D.M. 388/2003); della nomina, eventuale, del Medico competente, o dichiarazione della non obbligatorietà; della assolta informazione e formazione del proprio personale in materia di sicurezza e salute. dovrà effettuare, per le sale dell'immobile affidate alla sua gestione, l integrazione alla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, dandone evidenza. Art. 9 Ulteriori obblighi dell aggiudicatario L aggiudicatario dovrà inoltre: a) presentare annualmente, entro il 31 gennaio di ogni anno, un report delle attività svolte nell anno precedente. L Amministrazione si riserva, sulla base di proprie insindacabili valutazioni, di chiedere, nel corso della gestione, modifiche o integrazioni al programma delle attività indicate in sede di gara, nel caso ritenga opportuno adeguarlo ad eventuali mutate esigenze. b) assumere a proprio carico: b 1) tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi antinfortunistici, assistenziali e previdenziali per il personale impiegato nello svolgimento del servizio, di cui rimane l unico e solo responsabile; b 2) la responsabilità civile verso terzi (incluso il committente), per la quale risponderà direttamente dei danni alle persone o alle cose comunque provocati nell esecuzione del servizio, inclusi quelli provocati dagli utenti, restando a suo completo ed esclusivo carico qualsiasi risarcimento, senza diritto di rivalsa verso il committente, salvi gli interventi in favore dell aggiudicatario da parte di società assicuratrici. L aggiudicatario dovrà dotarsi di apposita polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi con un massimale minimo di ,00 In caso di danni ad attrezzature o ad arredi di proprietà dell Amministrazione comunale da chiunque prodotti l aggiudicatario dovrà provvedere al corretto ripristino degli stessi nel termine indicato dal competente Servizio comunale. Qualora l aggiudicatario non provveda in tal senso entro tale termine il committente procederà alla richiesta di risarcimento in misura corrispondente all entità del danno, rapportato al valore di mercato del bene danneggiato, anche detraendo il relativo importo dal corrispettivo ancora dovuto per il servizio, o se necessario, dalla cauzione prestata a garanzia di cui all art. 19. Rimane salvo il risarcimento del maggior danno; c) di obbligarsi ad attuare, nei confronti del personale comunque impiegato nelle prestazioni oggetto del presente capitolato, condizioni normative e retributive non inferiori a quelle dei contratti collettivi di lavoro vigenti al momento e per le località in cui si svolgerà il servizio; d) di dare immediata comunicazione al Servizio comunale competente per ogni eventuale impedimento e/o difficoltà e/o inconveniente tecnico imprevisti o imprevedibili che dovessero o potrebbero compromettere o impedire il corretto svolgimento del servizio; e) di assumere la qualifica di assegnatario e custode degli arredi e delle attrezzature presenti nei locali del Centro polivalente affidati alla sua gestione, di cui viene redatto verbale relativo alle attrezzature e relativo stato di conservazione, sottoscritto dalle parti contraenti, restando responsabile del rispetto e della buona conservazione di quanto ad essa concesso; Art. 10 Gestione banche dati L aggiudicatario, dal momento in cui stipula con l Amministrazione comunale il contratto per l affidamento della gestione del Centro polivalente, assume il ruolo di titolare del trattamento dei dati (ai sensi dell art. 28 del 7

8 Decreto Legislativo 196/2003) impegnandosi a svolgere gli adempimenti ad esso connessi. I dati relativi agli utenti dovranno essere utilizzati solo ed esclusivamente per le finalità strettamente connesse alle attività oggetto dell'appalto. Art. 11 Personale Tutte le prestazioni, le attività e le iniziative oggetto della presente gara saranno effettuate dal gestore, tramite proprio personale, adeguatamente preparato e formato a svolgere i compiti previsti dal presente capitolato e dal progetto presentato in sede di gara. L aggiudicatario è tenuto ad indicare il numero ed i nominativi di coloro che opereranno nel servizio. L aggiudicatario dovrà inoltre individuare un responsabile per i necessari compiti di coordinamento tecnico - organizzativo e per l efficace ed efficiente gestione dei servizi affidati, che risponderà dei collegamenti con il Servizio comunale competente con il quale concorda riunioni per la verifica comune del corretto sviluppo dell'attività programmata. Tutto il personale dovrà essere idoneo dal punto di vista fisico, morale e professionale. In sede di formulazione dell offerta tecnica dovrà essere specificato il profilo professionale e il livello di inquadramento contrattuale del personale che l aggiudicatario impiegherà nel servizio. Sono necessari almeno due anni di esperienza qualificata nel settore. Durante l espletamento del servizio dovrà essere garantita l immediata sostituzione degli operatori assenti dal servizio con altri operatori di pari qualifica professionale nonché di quelli che, per giudizio discrezionale del Comune dovessero risultare non idonei allo svolgimento delle prestazioni e/o non adatti al raggiungimento degli obiettivi preposti. Art. 12 Obblighi dell Amministrazione comunale Sono a carico dell Amministrazione Comunale, e per essa della Calenzano Comune s.r.l. a cui è affidata la gestione dei beni immobili del Comune, la manutenzione straordinaria dell immobile e degli impianti, la manutenzione del verde esterno, l assicurazione relativa a furto e incendio, le spese per le utenze (a titolo esemplificativo energia elettrica, acqua, riscaldamento e condizionamento, vigilanza, gestione dell ascensore) ad esclusione di quelle telefoniche, la manutenzione ordinaria dell ascensore, dell impianto d allarme e dell impianto antincendio. Art. 13 Criteri di valutazione L amministrazione comunale aggiudicherà l incarico al concorrente che avrà presentato l offerta economicamente più vantaggiosa determinata dalla somma totale del punteggio attribuito al progetto tecnicoorganizzativo (PUNTEGGIO MASSIMO 70 PUNTI) e all offerta economica (PUNTEGGIO MASSIMO 30 PUNTI). L appalto sarà aggiudicato all impresa che avrà presentato l offerta che otterrà il punteggio più elevato su un totale di 100 punti complessivamente da attribuire. 8

9 PROGETTO TECNICO-ORGANIZZATIVO (PUNTEGGIO MASSIMO 70 PUNTI): Il progetto tecnico organizzativo dovrà essere strutturato come segue: Merito Tecnico organizzativo - punti 35, di cui: a. Sistema organizzativo del servizio punti 25 b. Collaborazione con la rete informale e istituzionale punti 10 Qualità dell offerta punti 35, di cui: c. Progetto descrittivo di gestione - punti 25 d. Formazione/aggiornamento professionale punti 10 Merito Tecnico organizzativo: a) Indicazione del modello organizzativo del servizio in relazione ai compiti descritti nel presente capitolato: in particolare dovranno essere specificati l organizzazione delle risorse umane, gli operatori impiegati e la loro qualifica, il sistema di relazione interno e le modalità operative in relazione alle attività svolte: punti da 0 a 25; b) Rispondenza del progetto alle caratteristiche dell utenza, in relazione alla qualità dei fini da perseguire. Sarà valutato il rapporto del concorrente con il territorio nel quale viene svolto il servizio; in particolare, dovranno essere descritte l insieme delle sinergie da realizzarsi con gli altri operatori del territorio (famiglie, associazionismo, volontariato), durante la vigenza contrattuale. A tal proposito, dovranno essere presentati accordi documentati, o lettere di adesione, sottoscritti dal legale rappresentante: punti da 0 a 10. Qualità dell offerta: c) Descrizione della gestione complessiva. In coerenza e nel rispetto dei criteri specificati nel presente capitolato, si dovranno esporre organicamente gli obiettivi ed i risultati attesi, indicando il programma dettagliato delle attività: punti da 0 a 25. d) Indicazione delle attività di formazione/aggiornamento professionale destinate agli operatori da impiegare nel servizio, prodotte direttamente dal soggetto interessato o partecipate dall esterno, nell area specifica dei servizi educativi per adolescenti e giovani, programmate per il periodo di vigenza del contratto: punti da 0 a 10. Tale progetto deve essere debitamente sottoscritto dal legale rappresentante del concorrente e verrà valutato in base ai seguenti elementi di valutazione: 9

10 ELEMENTI DI VALUTAZIONE PUNTEGGIO a Il sistema organizzativo del servizio in relazione ai compiti descritti nel presente capitolato Dovranno essere specificati l organizzazione delle risorse umane, gli operatori impiegati e la loro qualifica, il sistema di relazione interno e le modalità operative in relazione alle attività svolte. MERITO TECNICO ORGANIZZATIVO max punti 35 DA 0 A 25 PUNTI 0 punti = Proposta non esplicitata 5 punti = proposta poco sviluppata o generica 10 punti = proposta sviluppata, ma insufficiente o inidonea allo scopo 15 punti = Proposta sviluppata in maniera sufficientemente articolata e adeguata allo scopo 25 punti = proposta di ottima qualità in cui vengono esplicitati chiaramente tutti gli aspetti del progetto b Collaborazione con la rete informale e istituzionale DA 0 A 10 PUNTI Sarà valutata la rispondenza del progetto alle caratteristiche dell utenza, cioè il rapporto del concorrente con il territorio nel quale viene svolto il servizio. In particolare, dovranno essere descritte l insieme delle sinergie da realizzarsi con gli altri operatori del territorio (famiglie, associazionismo, volontariato), durante la vigenza contrattuale. A tal proposito, dovranno essere presentati accordi documentati, o lettere di adesione, sottoscritti dal legale rappresentante. 0 punti = nessuna sinergia con il tessuto sociale 5 punti = limitate sinergie con il tessuto sociale 10 punti = buone sinergie con il tessuto sociale QUALITA DELL OFFERTA max punti 35 c Il progetto descrittivo di gestione DA 0 A 25 PUNTI Il progetto, in coerenza e nel rispetto dei criteri specificati nel presente capitolato, dovrà esporre organicamente gli obiettivi, i risultati attesi, indicando il programma dettagliato delle attività. 0 punti = Proposta non esplicitata 5 punti = proposta poco sviluppata o generica 10 punti = proposta sviluppata, ma insufficiente o inidonea allo scopo 15 punti = Proposta sviluppata in maniera sufficientemente articolata e adeguata allo scopo 25 punti = proposta di ottima qualità in cui vengono esplicitati chiaramente tutti gli aspetti del progetto d La formazione/aggiornamento professionale DA 0 A 10 PUNTI Dovranno essere specificate le attività di formazione/aggiornamento professionale destinate agli operatori da impiegare nel servizio, prodotte direttamente dal soggetto interessato o partecipate dall esterno, nell area specifica dei servizi educativi per adolescenti e giovani, programmate per il periodo di vigenza del contratto. 0 punti = fino a 20 ore annue di formazione 5 punti = da 21 ore a 25 ore annue di formazione 10 punti = oltre 26 ore annue di formazione Il punteggio complessivo di 70 punti, per il criterio progetto tecnico-organizzativo, verrà attribuito secondo i sotto elencati sub elementi: Merito Tecnico organizzativo, punteggio massimo attribuibile, punti 35/100, di cui: a) Sistema organizzativo del servizio punti 25; b) Collaborazione con la rete informale e istituzionale punti 10. Un punteggio inferiore a 21/35 relativo al merito tecnico organizzativo comporta l esclusione dell offerta. All offerta che, tra quelle presentate, consegue il punteggio più alto, purché uguale o superiore a 21/35, viene assegnato il massimo punteggio attribuibile, pari a 35/100. Qualità dell offerta punteggio massimo attribuibile, punti 35/100 di cui: c) Progetto descrittivo di gestione punti 25; 10

11 d) Formazione/aggiornamento professionale punti 10. Un punteggio inferiore a 21/35 relativo alla qualità dell offerta comporta l esclusione dell offerta. All offerta che, tra quelle presentate, consegue il punteggio più alto, purché uguale o superiore a 21/35, viene assegnato il massimo punteggio attribuibile, pari a 35/100. OFFERTA ECONOMICA (PUNTEGGIO MASSIMO 30 PUNTI) La valutazione dell economicità delle offerte avverrà attribuendo un punteggio a crescere in rapporto all entità del ribasso, secondo quanto previsto dalla Deliberazione C.R. n 199 del 31/10/2001, fino ad un massim o di 30 punti. I soggetti dovranno effettuare l offerta al netto dell IVA. La valutazione della economicità dell offerta - espressa in cifre e in lettere - avverrà attribuendo zero punti in assenza di ribasso, 30 punti a ribasso pari o oltre il 5,5%; i punteggi intermedi verranno attribuiti in proporzione alla percentuale di ribasso attuata. L aggiudicazione sarà effettuata a favore del soggetto che riporterà complessivamente il punteggio più alto, fino ad un massimo di 100 punti. In caso di parità di punteggio complessivo finale, l appalto verrà aggiudicato alla cooperativa o consorzio che avrà praticato/ottenuto il punteggio più elevato nell OFFERTA TECNICA. In caso di ulteriore parità, si procederà mediante sorteggio. Si potrà procedere all aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta, purché ritenuta valida. L Amministrazione si riserva di non procedere all espletamento della gara o all aggiudicazione senza che i soggetti partecipanti abbiano nulla da pretendere. Art. 15 Divieto di cessione del servizio L aggiudicatario può svolgere parte dell attività avvalendosi di altri soggetti, previa autorizzazione del Comune. E vietata la cessione totale o parziale del contratto salvo espressa autorizzazione del Comune. Art. 16 Recesso unilaterale Il Comune di Calenzano si riserva il diritto di recedere in ogni tempo dal contratto per sopravvenuti motivi di pubblico interesse. Art. 17 Risoluzione del contratto Il contratto potrà essere oggetto di risoluzione da parte del Comune per ogni inadempienza degli oneri e/o obblighi e/o modalità di espletamento del servizio risultanti dal presente capitolato, e del contratto di appalto stipulato, tale da compromettere la funzionalità degli interventi, previa diffida scritta entro congruo termine e sempre che questo sia decorso senza esito positivo o senza che siano state fornite appropriate giustificazioni. In ogni caso, pur in presenza di disdetta, l aggiudicatario è comunque tenuto ad ottemperare agli obblighi contrattuali, fino alla data di scadenza naturale della, qualora non possa essere assicurato il subentro di un altro gestore per l espletamento dei servizi. 11

12 Il contratto è, altresì, automaticamente risolta, con effetto immediato, qualora si verifichi la cancellazione della cooperativa o consorzio dall'albo Regionale di cui alla L. R.T. del , n. 87 o agli omologhi Albi Regionali. Con la risoluzione è fatto comunque salvo ogni ulteriore risarcimento del danno causato al Comune dal gestore. Art. 18 Fatturazione e pagamenti Il compenso stabilito nell offerta rimarrà fisso e invariabile per tutto il periodo contrattuale, salvo richiesta da parte dell aggiudicatario di adeguamento annuale, a far data dal secondo anno di incarico, del prezzo sulla base dell indice ISTAT (costo della vita delle famiglie di operai e impiegati). Il pagamento avverrà a seguito di fatturazione mensile posticipata, previo riscontro della corrispondenza delle prestazioni rese con quelle riportate in fattura, entro 90 giorni dalla data di arrivo al protocollo del Comune della fattura. L importo dovuto verrà calcolato rapportando l importo offerto in sede di gara ai mesi di attività. Il corrispettivo è soggetto ad aliquota I.V.A. prevista ai sensi di Legge, attualmente al 4%. Ogni altro onere fiscale (eccetto l I.V.A.) resta a carico dell aggiudicatario. La stazione appaltante subordina il pagamento del corrispettivo dovuto al gestore mensilmente, alla verifica della regolarità contributiva previdenziale e assicurativa obbligatoria per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dei dipendenti, attraverso l acquisizione del documento unico di regolarità contributiva (D.U.R.C.). Per la sospensione o ritardo di pagamento dovuta alla mancata regolarità contributiva, il soggetto gestore non potrà opporre eccezioni, né avrà titolo a risarcimento dei danni, né a pagamento di interessi. Art. 19 Cauzioni Sono dovute le cauzioni provvisoria pari al 2 per cento dell importo posto a base di gara, e definitiva pari al 10 per cento dell importo complessivo del contratto. Il concorrente dovrà presentare, in sede di gara, una cauzione provvisoria pari al 2 per cento dell importo posto a base di gara, valida almeno 180 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione dell offerta. L aggiudicatario, prima della stipula del contratto (convenzione), a garanzia degli obblighi contrattuali è obbligato a costituire una garanzia fideiussoria del 10 per cento dell importo contrattuale. La cauzione definitiva sarà svincolata, dietro richiesta dell aggiudicatario, al termine dell affidamento del servizio ed alla definizione di tutti i rapporti di inadempienza, anche parziale. Le garanzie provvisoria e definitiva potranno essere costituite anche a mezzo di fideiussione bancaria o polizza assicurativa e dovranno prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, e la rinuncia all eccezione di cui all art co. 2 del Codice Civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della Stazione Appaltante. Art Preavviso e interruzioni del servizio In caso di sciopero del personale dell aggiudicatario che determini l impossibilità di garantire il servizio, lo stesso sarà tenuto ad avvisare il Servizio comunale competente, con almeno 48 ore di anticipo. Il committente ha facoltà di quantificare l eventuale entità del danno ed a rivalersi, a titolo di risarcimento del medesimo, in primo luogo sul corrispettivo eventualmente ancora da corrispondere e, se ciò non fosse sufficiente, sulla cauzione prestata, facendo salvo, in ogni caso, il risarcimento del maggior danno. Art. 21 Penalità In caso di inosservanza nell espletamento degli obblighi e/o degli adempimenti previsti nel presente capitolato 12

13 e/o nel progetto offerta si applicano le seguenti penali: a) per ogni giorno di accertata inadempienza agli obblighi contrattuali riguardanti anche una parte delle attività: da un minimo di 250,00 ad un massimo di 2.000,00 al giorno a seconda della gravità e della frequenza della disfunzione e considerato anche il danno all immagine; b) non sostituzione entro 15 giorni dalla richiesta scritta del Comune, del personale non idoneo:. 250,00 al giorno per ogni giorno di mancata sostituzione; c) mancata indicazione di un referente organizzativo di cui all'art.11: 250,00; d) inadempienza agli altri obblighi previsti dal presente capitolato d appalto: da un minimo di 250,00 ad un massimo di 2.000,00 a seconda della gravità dell inadempienza e considerato anche il danno all immagine. In ogni caso il committente provvederà a quantificare l entità del danno ed a rivalersi, a titolo di risarcimento del medesimo, in primo luogo sul corrispettivo eventualmente ancora da corrispondere e, se ciò non fosse sufficiente, sulla cauzione prestata, facendo salvo, in ogni caso, il risarcimento del maggior danno. Nell ipotesi in cui il Comune accerti il verificarsi delle situazioni di cui sopra, procederà alla formalizzazione mediante l invio di una lettera di contestazione degli addebiti, fissando contestualmente un termine congruo (non inferiore a cinque giorni e non superiore a quindici) entro il quale l aggiudicatario può presentare le proprie controdeduzioni. Qualora le giustificazioni presentate vengano ritenute insoddisfacenti, il Comune dispone motivatamente l applicazione della penalità, provvedendo a quantificare l entità dell eventuale maggior danno. Art. 22 Spese contrattuali Il contratto di appalto viene stipulato in forma pubblico amministrativa e tutte le spese consequenziali sono a totale carico dell aggiudicatario. Art Controversie L'aggiudicatario non potrà sospendere l attività né rifiutarsi di eseguire le disposizioni che il Comune di Calenzano darà, a causa di contestazioni che dovessero sorgere fra le parti. Per tutte le controversie che dovessero sorgere nell'esecuzione degli obblighi previsti dal presente capitolato, le parti potranno provare ad esperire il tentativo di conciliazione disciplinato dal regolamento di conciliazione della Camera di Commercio di Firenze. In ogni caso, per tutte le controversie che saranno deferite alla competenza dell'autorità giudiziaria ordinaria, il Foro competente è quello di Prato. Art Revoca gara Il Comune si riserva la facoltà insindacabile di non dar luogo alla gara stessa, di revocarla in qualsiasi momento o di prorogarne la data senza che i concorrenti possano accampare alcuna pretesa al riguardo. Art Norme di rinvio Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente Capitolato speciale si fa richiamo al vigente "Regolamento per la disciplina delle gare e dei contratti adottato dal comune, al Codice Civile e Procedura Civile ed alla normativa vigente. Il Comune si riserva, comunque, il diritto di modificare in tutto o in parte i termini del presente capitolato qualora ne ravvisi l opportunità o intervengano diverse regolamentazioni legislative in materia, dandone comunicazione ai soggetti interessati. 13

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli