CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER:"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE ANNUALE DEL CIMITERO COMUNALE COMPRENSIVO DI: MANUTENZIONE ORDINARIA, APERTURA, CHIUSURA, CUSTODIA, INUMAZIONE ED ESUMAZIONE, TUMULAZIONE ED ESTUMULAZIONE. Categoria di servizi: n. 27 Allegato II B - D. Lgs. 163/2006 e s.m.i. ART. 1 OGGETTO DEI SERVIZI 1. Il presente Capitolato d Oneri regola i rapporti tra il Comune di Cuglieri (nel seguito del presente Capitolato semplicemente AMMINISTRAZIONE ) e la Ditta nel seguito del presente Capitolato semplicemente DITTA ), circa i servizi, specificati nei successivi articoli, riguardanti la sorveglianza e gestione del complesso cimiteriale. 2. La DITTA si obbliga e si sottomette nella più ampia forma legale ad eseguire, a perfetta regola d arte, in conformità alle vigenti norme tecnico/esecutive disciplinanti i diversi ambiti d intervento ed a totale sua cura, diligenza, rischio e pericolo, con personale e mezzi propri ed adeguata attrezzatura, i servizi di che trattasi, nella più stretta e rigorosa osservanza delle condizioni, norme e modalità stabilite nel presente Capitolato. 3. Le strutture e gli immobili costituenti il complesso cimiteriale posto nel Piazzale della basilica Santa Maria della Neve, oggetto dei servizi in questione, risultano come di seguito: A) impianto originario con ingresso dalla Piazza Basilica Santa Maria della Neve, e da Piazzale Ziu Lesu compresi i locali di servizio, bagni e capella; B) primo ampliamento con ingresso da Piazzale Ziu Lesu; C) secondo ampliamento con ingresso da Piazzale Ziu Lesu. 4. I servizi dovranno essere svolti dalla DITTA attraverso organizzazione di capitali, mezzi, macchinari ed attrezzature proprie e mediante l utilizzo, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavori attinenti al presente appalto. 5. La DITTA è obbligata ad eseguire i servizi, attenendosi alle indicazioni riportate nel presente Capitolato; per quanto non previsto nel presente Capitolato, la DITTA potrà proporre le proprie indicazioni e proposte all Area Tecnica Comunale, che a seguito di attenta analisi, esprimerà le proprie valutazioni alle quali la DITTA stessa dovrà uniformarsi ed attenersi. ART. 2 AMMONTARE DELL APPALTO 1. L importo annuale dell appalto a base d asta è determinato in complessivi ,00, di cui ,00 per servizi cimiteriali, servizi di pulizia, apertura, vigilanza e chiusura del complesso cimiteriale, 3.000,00 per servizi cimiteriali da eseguirsi in occasione di funerali ed 2.650,00 per oneri di sicurezza (non soggetti a ribasso), oltre l IVA di legge. 2. L importo mensile dell appalto a basa d asta è determinato in complessivi 2.137,50, di cui ,00 per servizi di pulizia, apertura, vigilanza e chiusura del complesso cimiteriale,. 220,50 oneri sulla

2 sicurezza ed 237,50 per servizi cimiteriali (si è ipotizzato un numero di 50 funerali all anno e per ognuno di essi un intervento straordinario compensate ad 60,00 cadauno), oltre l IVA di legge. 3. Il canone è comprensivo di tutte le spese, dirette ed indirette, che la DITTA dovrà sostenere per il personale, per materiali, mezzi ed attrezzature e per qualsiasi altro onere necessario per l espletamento del complesso dei servizi di cui al presente Capitolato. 4. Il canone resterà fisso ed invariabile per tutta la durata dell appalto. 5. La DITTA per l esecuzione dei servizi di cui al presente Capitolato nelle giornate festive non potrà pretendere o rivendicare ulteriori compensi oltre al canone sopra determinato. ART. 3 DESCRIZIONE DEI SERVIZI E LAVORI 1. L appalto disciplinato dal presente Capitolato ha per oggetto i servizi e lavori da svolgersi nel complesso cimiteriale di seguito sommariamente indicati: A) servizi di custodia e vigilanza; B) servizi e lavori di pulizia e manutenzione aree interne ed esterne al complesso; C) servizi e lavori di pulizia edifici accessori e di servizio; D) servizi cimiteriali; 2. I servizi oggetto del presente Capitolato sono considerati di pubblico interesse ad ogni effetto e, come tali, non potranno essere sospesi o abbandonati dalla DITTA in assenza di specifica autorizzazione dell AMMINISTRAZIONE. ART. 4 SERVIZI DI CUSTODIA E VIGILANZA: 1. I servizi di cui al presente articolo consistono in: A) Controllo apertura/chiusura dei cancelli d ingresso secondo gli orari di apertura e chiusura al pubblico stabiliti dall AMMINISTRAZIONE: Lunedi (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Martedi (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Mercoledì (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00), Giovedì (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Venerdì (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Sabato (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Domenica (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); nel periodo primavera/estate la chiusura sarà posticipata alle 19,30); in occasione di festività e ricorrenze particolari (secondo calendario stabilito da AMMINISTRAZIONE indicativamente dalle ore 8,00 alle 18,30) nonché nel periodo di Commemorazione dei defunti (secondo calendario ed orari stabiliti da AMMINISTRAZIONE);

3 B) gli anzidetti servizi comprendono la presenza del personale della DITTA (minimo n. 1 unità) compatibilmente con gli orari del contratto collettivo di lavoro nell arco di apertura al fine di verificare e far osservare corretti e consoni utilizzi e comportamenti da parte degli utenti; C) Controllo apertura/chiusura dei cancelli d ingresso in occasione di funerali e di eventuali cerimonie o celebrazioni (comunque autorizzate dall AMMINISTRAZIONE), compresa la continua presenza di personale della DITTA (minimo n. 1 unità) per l intera loro durata al fine di verificare e far osservare corretti e consoni utilizzi e comportamenti da parte degli utenti; D) apertura/chiusura della camera mortuaria qualora ospiti una salma, compresa la continua presenza di personale della DITTA (minimo n. 1 unità) per l intero arco orario di sua eventuale apertura al pubblico al fine di verificare e far osservare corretti e consoni utilizzi e comportamenti da parte degli utenti; E) apertura/chiusura e libera disponibilità al pubblico dei locali adibiti a servizi igienici durante gli orari di apertura al pubblico; F) Controllo apertura e chiusura dei cancelli d ingresso per consentire all AMMINISTRAZIONE l esecuzione, diretta o mediante impresa appaltatrice, di lavori di qualsiasi entità e tipo alle opere cimiteriali; G) Controllo apertura e chiusura dei cancelli d ingresso, secondo gli orari ed i giorni di apertura stabiliti dall AMMINISTRAZIONE, per l esecuzione da parte di terzi di lavori, manutenzioni, ecc. nelle tombe e nei loculi; H) verificare che i lavori, manutenzioni, ecc. nelle tombe e nei loculi da parte di terzi, siano eseguiti previa autorizzazione dell Area Tecnica Comunale ed in conformità ai vigenti Regolamenti Cimiteriale e di Polizia Mortuaria; I) verificare che qualsiasi lavoro e/o manutenzione inerente il Cimitero e le sue opere e strutture, da chiunque eseguita, non arrechi danni a persone e cose e non pregiudichi la pulizia ed il decoro del Cimitero stesso, pretendendone, in caso contrario, l immediata riparazione e la completa ed accurata ripulitura delle aree interessate; il verificarsi di quest ultima ipotesi dovrà essere tempestivamente segnalato all Area Tecnica Comunale; J) vietare l introduzione all interno del Cimitero di animali, cicli, motocicli e veicoli (ad eccezione di quelli strettamente indispensabili per la mobilità di soggetti a ridotta capacità motoria e di quelli necessari per l esecuzione di lavori/opere, sempre che non arrechino danni alle opere e strutture cimiteriali); K) segnalare tempestivamente all Area Tecnica Comunale ogni e qualsiasi eventuale disfunzione o precarietà riscontrata alle opere, strutture ed impianti cimiteriali; L) segnalare tempestivamente per iscritto all Area Tecnica Comunale ogni e qualsiasi eventuale danno e/o manomissione alle opere, strutture ed impianti cimiteriali da chiunque cagionato; M) segnalare tempestivamente per iscritto all Area Tecnica Comunale ogni e qualsiasi deficienza e precarietà igienico sanitaria riscontrata; N) scrupolosa esecuzione dei predetti servizi nel pieno rispetto del vigente Regolamento di Polizia Mortuaria.

4 ART. 5 SERVIZI E LAVORI DI PULIZIA E MANUTENZIONE AREE INTERNE ED ESTERNE AL COMPLESSO CIMITERIALE 1. I servizi di cui al presente articolo consistono in: A) pulizia dei viali, dei sentieri, delle aree verdi e degli spazi fra le tombe e tra i comparti di loculi, ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima bisettimanale al fine di renderli sempre decorosi e sgombri da rifiuti di ogni genere, anche di più piccole dimensioni, prodotti da attività umane, dagli animali, dalla caduta di foglie/frutti di alberi, arbusti e fiori o dagli agenti atmosferici; B) pulizia delle aree esterne (aiuole, marciapiedi, aree di parcheggio o ad altro uso destinate ma comunque a servizio del complesso cimiteriale stesso) ogni qual volta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale al fine di renderle sempre decorose e sgombre da rifiuti di qualsiasi genere, anche di più piccole dimensioni, prodotti da attività umane, dagli animali, dalla caduta di foglie/frutti di alberi, arbusti e fiori o dagli agenti atmosferici; C) svuotamento continuativo dei cestini porta rifiuti, sia esistenti che da installarsi all interno ed esterno del complesso cimiteriale, compresa la sostituzione dei relativi sacchetti, la pulizia ed eventuale lavaggio dei cestini stessi ogni qualvolta sia necessario e delle aree adiacenti qualora si verificasse dispersione accidentale del contenuto o nel caso in cui il materiale venga depositato erroneamente fuori dai medesimi contenitori; D) svuotamento (ogni qualvolta siano pieni ma comunque con frequenza minima bisettimanale) dei contenitori dei fiori avvizziti e rinsecchiti, sia esistenti che da installarsi all interno del complesso cimiteriale, compresa la pulizia e l eventuale lavaggio dei contenitori stessi ogni qualvolta sia necessario; E) raccolta (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima bisettimanale) di corone, cuscini fioriti e fiori avvizziti e rinsecchiti ancora presenti nelle tombe e nei loculi e loro deposito negli appositi contenitori; F) svuotamento (ogni qualvolta siano pieni ma comunque con frequenza minima settimanale) dei contenitori per la raccolta delle diverse frazioni merceologiche (secco indifferenziato, imballaggi e contenitori di vetro, di alluminio, di plastica, carta e cartone, ecc.), sia esistenti che da installarsi all interno del complesso cimiteriale, compresa la sostituzione dei relativi sacchetti, la pulizia e l eventuale lavaggio dei contenitori stessi ogni qualvolta sia necessario e delle aree adiacenti qualora si verificasse dispersione accidentale del contenuto o nel caso in cui il materiale venga depositato erroneamente fuori dai medesimi contenitori; G) sfalcio e/o estirpazione continuativa di erbacce e vegetazione spontanea, cresciuta in qualsiasi opera o struttura sia all interno del complesso cimiteriale, i marciapiedi e le aree di parcheggio o ad altro uso destinate ma comunque a suo servizio; H) lavori e servizi continuativi di manutenzione, innaffiamento e taglio di eventuali prati e tappeti erbosi artificiali (con frequenza rapportata allo sviluppo stagionale ed immediata raccolta e sgombero del materiale di sfalcio), esistenti compresa la tenuta in perfetta efficienza degli impianti di innaffiamento; I) lavori e servizi continuativi di manutenzione, innaffiamento, regolazione, potatura e taglio di fiori, siepi ed essenze arbustive ed arboree (con frequenza rapportata allo sviluppo stagionale ed immediata raccolta e sgombero del materiale di risulta), sia esistenti che da mettersi a dimora;

5 M) eventuali lavori di messa a dimora di nuovi fiori, siepi ed essenze arbustive ed arboree; N) durante lo svolgimento dei predetti lavori/servizi andrà evitato il sollevamento di polvere, anche con opportune bagnature delle superfici interessate, e si dovrà adottare ogni cautela necessaria per evitare danni e pericolo a persone e cose e precarietà igienico sanitarie; O) lavori e servizi continuativi per la corretta gestione, manutenzione e funzionalità degli impianti idrico, di innaffiamento, fognario, di raccolta e scarico delle acque meteoriche (compresa pulizia pozzetti, caditoie, canali di scolo, ecc.) e di altri eventuali impianti tecnologici, esclusi quelli elettrici e di illuminazione; P) lavori e servizi continuativi per la regolare funzionalità dei cancelli dei diversi ingressi del Cimitero, compresa la loro verniciatura (ogni qual volta sia necessario ma comunque con frequenza minima annuale), esclusa la fornitura delle vernici a carico dell AMMINISTRAZIONE; Q) l esecuzione dei suddetti servizi dovrà avvenire, compatibilmente con le specifiche necessità ed esigenze, al di fuori degli orari di apertura al pubblico e di eventuali funerali o cerimonie. ART. 6 SERVIZI E LAVORI DI PULIZIA EDIFICI ACCESSORI E DI SERVIZIO 1. I servizi di cui al presente articolo da eseguirsi negli edifici e locali adibiti a servizi igienici, camera mortuaria, magazzini, depositi, ecc. consistono in: A) spazzatura, pulizia e lavaggio (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima trisettimanale), con prodotti disinfettanti, dei pavimenti, battiscopa, soglie e davanzali interni; B) pulizia (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale) di pareti piastrellate mediante lavaggio con mezzi e detergenti idonei; C) pulizia ad umido (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale) degli arredi e delle attrezzature ed eventuale riordino delle suppellettili; D) svuotamento continuativo dei cestini porta rifiuti, sia esistenti che da installarsi, compresa la sostituzione dei relativi sacchetti, la pulizia ed eventuale lavaggio dei cestini stessi ogni qualvolta sia necessario e delle aree adiacenti qualora si verificasse dispersione accidentale del contenuto o nel caso in cui il materiale venga depositato erroneamente fuori dai medesimi contenitori; E) pulizia, lavaggio, disincrostazione e disinfezione (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima trisettimanale) di tutti gli apparecchi igienico sanitari, di specchi, rubinetti, mensole ed altri accessori; F) pulizia (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale), con appositi detergenti, della parte esterna di armadietti, armadi vari e scaffalature; G) pulizia e disinfezione accurata (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale) di porte interne, maniglie, lampade, interruttori e prese elettriche, ecc.; H) pulizia ed eventuale lavaggio (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima quindicinale) di infissi e serramenti esterni, comprese maniglie, vetri, soglie, davanzali, ecc.; I) pulizia di inferriate, grate e cancelli esterni; J) eliminazione continuativa di ragnatele da pareti e soffitti;

6 L) fornitura di tutti i prodotti e materiali occorrenti per l esecuzione dei predetti servizi (sapone liquido, carta igienica, detergenti, disinfettanti, ecc.); M) durante lo svolgimento dei predetti servizi si dovrà adottare ogni cautela necessaria per evitare danni e pericolo a persone e cose e precarietà igienico sanitarie; N) lavori di tinteggiatura interna, ogni qual volta sia necessario ma comunque con frequenza minima annuale, esclusa la fornitura delle tinte a carico dell AMMINISTRAZIONE; O) lavori di verniciatura di inferriate, grate, ecc. (ogni qual volta sia necessario ma comunque con frequenza minima biennale), esclusa la fornitura delle vernici a carico dell AMMINISTRAZIONE; P) lavori e servizi continuativi per tenere in perfetta efficienza e funzionalità le grondaie ed i canali di scarico delle acque meteoriche delle copertura a tetto degli edifici e dei comparti di loculi; Q) l esecuzione dei suddetti servizi dovrà avvenire, compatibilmente con le specifiche necessità ed esigenze, al di fuori degli orari di apertura al pubblico e di eventuali funerali o cerimonie. ART. 7 SERVIZI CIMITERIALI I servizi di cui al presente articolo consistono in: A) assistenza ai funerali, compresa la preventiva pulizia dei loculi e la loro chiusura e sigillatura e la verifica, nel caso di tombe private, che i relativi lavori/opere di chiusura siano eseguiti a regola d arte ed in conformità al vigente Regolamento di Polizia Mortuaria; B) assistenza ai medici incaricati di eseguire autopsie disposte dall Autorità Giudiziaria; C) verificare che durante lo svolgimento di funerali e delle suddette operazioni straordinarie siano osservate ed applicate tutte le norme/misure atte a scongiurare nocumento alla salute ed igiene pubblica e previste dalla vigente normativa in materia di polizia mortuaria; D) ricezione e successiva consegna ai competenti uffici comunali della documentazione inerenti le sepolture e le sopradette operazioni straordinarie; E) affissione, nelle apposite bacheche, di avvisi, manifesti e materiali informativi inerenti il Cimitero, forniti dall AMMINISTRAZIONE o da altri enti/uffici; F) affissione, nelle predette bacheche, di propri avvisi e manifesti, in particolare di quelli indicanti i servizi al pubblico ed i nominativi e le modalità di reperimento del personale addetto. ART. 8 DURATA DELL APPALTO 1. La durata ANNUALE dell'appalto è stabilita per il periodo dal al. 2. L effettivo inizio dei servizi risulterà da apposito verbale da redarsi in contraddittorio fra le parti. 3. La Ditta aggiudicataria dovrà garantire l effettuazione dei servizi in oggetto, anche oltre il termine finale del, nelle more dell espletamento della procedura pubblica di individuazione del nuovo esecutore dei servizi stessi; in tal caso, rimangono ferme tutte le condizioni ed i prezzi stabiliti nel contratto e nel presente Capitolato vigenti all atto dell eventuale proroga.

7 ART. 9 PAGAMENTI ED ADEGUAMENTO CANONE 1. I servizi e lavori oggetto del presente Capitolato saranno fatturati mensilmente. 2. Le relative fatture dovranno essere pagate dall AMMINISTRAZIONE entro 30 (trenta) giorni dalla data di ricevimento. 3. Alla DITTA sarà liquidato il canone mensile a corpo per il complesso dei servizi effettivamente e regolarmente svolti esclusi i servizi cimiteriali da eseguirsi in occasione di funerali di cui al precedente art. 7, lett. a), che saranno liquidati con le modalità di cui al successivo art. 10; qualora qualcuno dei singoli servizi venga svolto in maniera difforme (per quantità e/o per qualità) dalle disposizioni del presente Capitolato, verrà applicata una riduzione percentuale, determinata dall AMMINISTRAZIONE e sentita comunque in merito la DITTA, rapportata alle prestazioni svolte parzialmente e/o irregolarmente. 4. Sarà cura dell AMMINISTRAZIONE richiedere la dichiarazione cumulativa resa nei termini di legge (DURC) prima della liquidazione della fattura. 5. La liquidazione del canone (qualora di importo superiore ad ,00) è subordinata alla verifica che la DITTA non sia inadempiente all obbligo di versamento, derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento, come disposto dall art. 48 bis del DPR. 302/1973 e disciplinato dal Regolamento approvato dal Ministero dell Economia e delle Finanze con Decreto , n Il calcolo del tempo contrattuale per la decorrenza di eventuali interessi relativi al ritardato pagamento del canone, non terrà conto dei giorni intercorrenti tra la richiesta telematica e la successiva comunicazione della Equitalia Servizi SpA di non inadempimento della DITTA alle verifiche di cui al predetto art. 48 bis del DPR. 302/ Si procederà all adeguamento periodico dei prezzi ai sensi dell art. 115 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm. e pertanto mediante istruttoria condotta dall AMMINISTRAZIONE sulla base dei dati di cui all art. 7, comma 4, lett. c) e comma 5, da svolgersi con cadenza annuale e quindi a partire dal mese di agosto In caso di eccessiva onerosità sopravvenuta per il verificarsi di avvenimenti straordinari ed imprevedibili la DITTA potrà domandare la risoluzione del contratto ai sensi dell art del Codice Civile; la risoluzione non può essere domandata se la sopravvenuta onerosità rientra nell alea normale del contratto; la DITTA qualora richieda la risoluzione contrattuale per l ipotesi appena indicata dovrà dimostrare tale situazione all AMMINISTRAZIONE con dati certi ed inconfutabili. 9. L AMMINISTRAZIONE si riserva la facoltà di accettare la domanda di risoluzione del contratto o di offrire modifiche eque alle condizioni del contratto. ART. 10 PAGAMENTI SERVIZI CIMITERIALI IN OCCASIONE DI FUNERALI 1. I servizi cimiteriali da eseguirsi in occasione di funerali specificatamente indicati al precedente art. 7, lett. a) si è ipotizzato un numero di 50 funerali all anno, e per ognuno di essi un intervento straordinario compensato ad 60,00 cadauno), oltre l IVA di legge. 2. I predetti servizi saranno fatturati mensilmente ed in maniera separata dal canone mensile; le modalità di liquidazione e di adeguamento degli anzidetti servizi saranno quelle indicate al precedente art. 9.

8 3. La DITTA per l esecuzione dei presenti servizi nelle giornate festive non potrà pretendere o rivendicare ulteriori compensi oltre a quello sopra determinato. ART. 11 PERSONALE DELLA DITTA 1. Per lo svolgimento dei servizi di cui al presente Capitolato, la DITTA dovrà assumere il personale secondo le norme del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per attività coincidente con quella oggetto del presente appalto Iscrizione alla C.C.I.A.A. per servizi cimiteriali. 4. Il predetto personale dovrà essere regolarmente assunto dalla DITTA per un periodo minimo non inferiore alla durata contrattuale dei servizi di che trattasi ovvero, per il periodo indicato dall AMMINISTRAZIONE, qualora la stessa voglia effettuare rotazione tra il personale da utilizzarsi; nel caso di rinnovo contrattuale dell appalto l assunzione del medesimo personale dovrà essere prolungata per un periodo minimo non inferiore alla durata del rinnovo contrattuale stesso. 5. La DITTA è direttamente responsabile del personale addetto all espletamento dei servizi in questione e risponderà del suo operato sia nei riguardi dell AMMINISTRAZIONE che di terzi. 6. Resta inteso che tutto il personale addetto ai servizi di cui al presente Capitolato è alle dirette dipendenze tecniche, amministrative e disciplinari della DITTA, rimanendo l AMMINISTRAZIONE estranea ad ogni e qualsiasi rapporto di lavoro con il suddetto personale. 7. La DITTA dovrà assumere a suo esclusivo e totale carico tutte le spese, dirette ed indirette, inerenti tutto il personale necessario ad espletare, in maniera organica e continuativa, il complesso dei servizi previsti dal presente Capitolato. 8. Tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi, antinfortunistici, assistenziali e previdenziali inerenti il personale sono a carico della DITTA con esclusione di qualsiasi obbligo o rivalsa nei confronti dell AMMINISTRAZIONE. 9. Il personale deputato allo svolgimento dei servizi in oggetto, dovrà, ai sensi dell art. 41 del D.Lgs. 81/2008, essere sottoposto alla sorveglianza sanitaria e risultare idoneo, sulla base delle visite mediche, alla mansione specifica cui destinato. ART. 12 VISITE E CONTROLLI IN CORSO DI ESECUZIONE 1. Nel periodo contrattuale l'amministrazione si riserva la facoltà di effettuare verifiche e controlli sul mantenimento da parte della DITTA dei requisiti dallo stesso certificati e/o dichiarati ai fini dell affidamento dell appalto e di stipula del contratto. 2. L'AMMINISTRAZIONE si riserva inoltre la facoltà di effettuare verifiche e controlli sulla corretta e puntuale esecuzione dei servizi di cui al presente Capitolato, mediante i propri uffici e personale o tramite soggetti esterni. ART. 13 DIVIETO DI SUBAPALTO 1. E vietato alla DITTA cedere o subappaltare anche parzialmente i servizi assunti pena l immediata risoluzione del contratto e la perdita del deposito cauzionale, salvo ulteriore risarcimento all AMMINISTRAZIONE dei maggiori danni accertati. ART. 14 CAUZIONE DEFINITIVA

9 1. La DITTA, a garanzia dell assolvimento delle obbligazioni contrattuali, dovrà prestare la cauzione definitiva prevista dall art. 113 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.., con le modalità e le condizioni previste dal medesimo articolo e dall art. 75 dello stesso D.Lgs.. 2. L importo della cauzione definitiva sarà determinato ai sensi dell art. 113, comma 1, del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.. 3. Nell ipotesi in cui l AMMINISTRAZIONE debba avvalersi in tutto o in parte di tale cauzione, la DITTA è obbligata alla reintegrazione della stessa fino alla percentuale di cui al comma 1 del presente articolo. 4. E fatto comunque salvo il diritto al risarcimento del maggior danno eventualmente patito dall AMMINISTRAZIONE. 5. La garanzia cessa di avere effetto ed è svincolata automaticamente all'emissione del certificato di regolare esecuzione dei servizi e lavori. ART. 15 ORDINI DI SERVIZIO 1. Verificandosi deficienze o abusi nell'adempimento dei servizi e lavori di cui al presente Capitolato e qualora la DITTA, appositamente diffidata, non ottemperi alle disposizioni ricevute impartite nel congruo termine assegnatogli, l AMMINISTRAZIONE avrà la facoltà di ordinare e far eseguire d'ufficio ad altro operatore economico gli interventi necessari per la corretta e regolare degli stessi servizi e lavori, in danno della DITTA stessa e con i costi sostenuti maggiorati del 20%. 2. Al verificarsi dell ipotesi di cui al comma 1, l AMMINISTRAZIONE si riserva la facoltà inoltre di applicare una penale ai sensi del successivo art. 28 e rapportata alla gravità dell inadempienza e di procedere alla risoluzione del contratto incamerando la cauzione e salvo l'ulteriore risarcimento del danno. ART. 16 RISPETTO NORME D.LGS. 81/ La DITTA è tenuta all'osservanza delle disposizioni del D.Lgs. 81/2008 e dovrà ottemperare alle norme in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; a tal fine la DITTA dovrà dotare il personale addetto di indumenti appositi e di mezzi di protezione atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti e dovrà adottare tutti i procedimenti e le cautele atte a garantire l'incolumità dello stesso personale e dei terzi. 2. La DITTA dovrà pertanto, in base alla tempistica stabilita dal D.Lgs. 81/2008, adottare e porre in essere tutte le procedure e gli adempimenti previsti dal medesimo D.Lgs., sollevando l'amministrazione da ogni onere e responsabilità in merito. ART. 17 DANNI A PERSONE E COSE 1. La DITTA è civilmente e penalmente responsabile dei danni derivati da cause ad essa imputabili, di qualunque natura, che risultino arrecati dal proprio personale, mezzi ed attrezzature a cose, persone o animali, tanto dell'amministrazione che di terzi, in dipendenza di omissioni o negligenze nell'esecuzione dei servizi in oggetto, sollevando l'amministrazione, nonché i soggetti da essa preposti alla verifica e controllo, da ogni responsabilità al riguardo. 2. A tal fine la DITTA è obbligata a stipulare un'idonea polizza di Responsabilità Civile verso Terzi (RCT) e di Responsabilità Civile verso i Prestatori di Lavoro (RCO) per i rischi inerenti le attività di cui ai servizi in

10 oggetto, valida per l'intero periodo dei servizi affidati e con massimali non inferiori ai seguenti: A) RCT: a) per sinistro: ,00; b) per persona: ,00; c) per danni: ,00; B) RCO: a) per sinistro: ,00; b) per persona lesa: , L'AMMINISTRAZIONE non è responsabile dei danni causati da comportamenti di terzi estranei al suo organico al personale, ai mezzi ed alle attrezzature della DITTA. ART. 18 ADEGUAMENTO DEI SERVIZI E LAVORI 1. Le sole variazioni del corrispettivo dell'appalto ammissibili sono quelle dipendenti da minori o maggiori prestazioni, sia di personale che di mezzi, ovvero da aggiunta di servizi e dovranno risultare da preventivi accordi, da formalizzare tra l AMMINISTRAZIONE e la DITTA. 2. Non si procederà a dette variazioni, a seguito di verifica effettuata in contraddittorio tra l AMMINISTRAZIONE e la DITTA, qualora le modifiche ai servizi e lavori rientrino all interno dell intervallo pari al ± 5% (più o meno cinque per cento) dell importo del canone mensile riferito alla strutture o immobile oggetto d intervento. ART. 19 OBBLIGHI DEL PERSONALE ADDETTO AI SERVIZI 1. Nell esecuzione dei servizi e lavori di cui al presente Capitolato, il personale della DITTA dovrà: A) mantenere un contegno decoroso ed irreprensibile, riservato, corretto e disponibile alla collaborazione con altri operatori ed in particolare nei riguardi dell'utenza; B) svolgere diligentemente i servizi affidatigli, adottando, nell ambito delle proprie competenze, tutti i necessari accorgimenti e misure al fine di assicurarne la migliore esecuzione ed il massimo risultato; C) sottostare ed adempiere prontamente ad eventuali indicazioni e/o disposizioni impartite dall AMMINISTRAZIONE mediante i soggetti, propri dipendenti od esterni, investiti delle funzioni di controllo e vigilanza sui servizi di cui al presente Capitolato; D) essere dotato di adeguato abbigliamento, sempre in ordine e pulito, di cartellino di riconoscimento riportante l intestazione della DITTA ed il nome dello stesso dipendente; E) assicurare la massima puntualità oraria nell espletamento di specifici servizi; F) abbandonare immediatamente, al termine dello svolgimento dei servizi affidatigli, il luogo di lavoro; G) avvertire preventivamente la DITTA della necessità di approvvigionare prodotti e materiali la cui fornitura sia posta a suo carico; H) avvertire preventivamente l AMMINISTRAZIONE della necessità di approvvigionare prodotti e materiali la cui fornitura sia posta a suo carico; I) mantenere il segreto d'ufficio su fatti e circostanze di cui venga a conoscenza nell'espletamento dei propri compiti; J) attenersi scrupolosamente a tutte le indicazioni segnaletiche ed in particolar modo osservare rigorosamente i divieti contenuti nei cartelli indicatori e in apparecchiature di segnalazione luminosa e/o acustica;

11 K) osservare ed attuare tutte le norme in materia di prevenzione e sicurezza, in special modo prendendosi cura della propria sicurezza e di quella di altre persone presenti nel luogo di lavoro, sulle quali potrebbero ricadere gli effetti di sue azioni od omissioni; L) utilizzare macchine, attrezzature, materiali e prodotti in maniera diligente ed in conformità agli specifici manuali e modalità d uso; M) utilizzare in maniera corretta ed appropriata i dispositivi di protezione, individuali e/o collettivi, segnalando immediatamente alla DITTA eventuali deficienze degli stessi dispositivi o l esistenza di condizioni di pericolo, adoperandosi direttamente in caso di urgenza e nell ambito delle proprie competenze, per eliminare o ridurre al minimo dette deficienze e pericoli; N) economizzare al massimo l uso dell energia elettrica e dell acqua, sia per usi igienico sanitari che per le operazioni di innaffiamento; O) consegnare direttamente (o a mezzo della DITTA) all AMMINISTRAZIONE o alla forza pubblica, ogni oggetto rinvenuto nell espletamento dei propri compiti che possa essere stato da chiunque smarrito nelle strutture ed immobili oggetto dei servizi di che trattasi; P) accertare che porte e cancelli degli edifici e delle strutture oggetto dei servizi di cui al presente Capitolato, siano perfettamente chiusi e che al loro interno non siano eventualmente ancora presenti utenti; Q) accertare che eventuali impianti tecnologici degli edifici e delle strutture oggetto dei servizi, per i quali non è previsto l esercizio continuativo, siano disattivati e non funzionanti, quali ad esempio impianti di illuminazione, idrici, di condizionamento, ecc.. 2. Nell esecuzione dei servizi di cui al presente Capitolato, il personale della DITTA dovrà assolutamente evitare: a) di arrecare qualsiasi danno alle persone, agli animali ed ai beni e proprietà pubbliche e private; b) di trattenersi nelle strutture ed immobili di lavoro al di fuori degli orari stabiliti; c) di accedere senza specifica autorizzazione a locali ed aree diverse da quelle interessate ai servizi; d) di utilizzare, senza specifica autorizzazione macchine, attrezzature, materiali e prodotti di proprietà dell AMMINISTRAZIONE o comunque esistenti presso le strutture ed immobili oggetto dei servizi; e) di introdurre sostanze infiammabili, tossiche o nocive, ovvero materiali e prodotti non necessari all esecuzione dei servizi, in particolare di quelli di pulizia; f) di compiere di propria iniziativa ogni e qualsiasi operazione e manovra che non sia di sua competenza ovvero che possa compromettere la sicurezza propria o di altre persone o che possa cagionare danno alle strutture ed immobili oggetto dei servizi ed a quanto al loro interno esistente, quali rimuovere, modificare o manomettere in alcun modo i dispositivi di sicurezza e/o le protezioni di impianti, macchine ed attrezzature; g) di intralciare, se non per il tempo strettamente necessario all esecuzione dei servizi, vie ed aree pubbliche, passaggi, corridoi, vie di fuga, uscite di sicurezza con macchinari e materiali di qualsiasi natura;

12 h) di chiudere al pubblico transito, anche temporaneamente, vie, strade ed aree pubbliche senza specifiche autorizzazioni o in assenza, qualora necessario, di prescritte ordinanze emanate dai competenti uffici dell AMMINISTRAZIONE; i) di chiudere al pubblico, anche temporaneamente durante gli stabiliti orari di apertura, strutture ed immobili senza specifiche autorizzazioni o in assenza, qualora necessario, di prescritte ordinanze emanate dai competenti uffici dell AMMINISTRAZIONE; j) di utilizzare apparecchiature elettriche a tensioni superiori a quelle consentite; k) di compiere, su organi in moto, qualsiasi operazione di manutenzione e/o pulizia; l) di eseguire servizi e lavori in condizioni di precarietà e pericolo, quali operare su scale e ponteggi in elevazione non conformi alle vigenti norme di sicurezza o transitare sotto carichi sospesi; m) di usare, sul luogo di lavoro, indumenti od abbigliamento che, in relazione alla natura dei servizi e lavori da svolgere, possano costituire pericolo per chi lo indossa; n) di usare indumenti od abbigliamento di lavoro non adeguato e consono all ambiente in cui opera o agli specifici servizi e lavori da svolgere; o) di ostacolare le attività che si svolgono nell ambito delle strutture ed immobili oggetto dei servizi e lavori di cui al presente Capitolato; p) di creare disordine, soprattutto durante i servizi e lavori di pulizia, tra gli arredi e le suppellettili, tra i documenti e le attrezzature, né aprire armadi, cassetti od altro; q) di gettare negli scarichi fognari degli edifici o nei pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, carta, stracci ed altro materiale che possa determinarne l ostruzione o limitarne la funzionalità. ART. 20 ATTREZZATURE E MACCHINARI 1. Per il corretto svolgimento di tutti i servizi oggetto del presente Capitolato la DITTA è tenuta ad impiegare le attrezzature ed i macchinari più idonei in relazione alla loro natura e specificità ed alla loro più celere e migliore esecuzione, nel massimo rispetto delle vigenti norme tecniche e di sicurezza, con onere a totale ed esclusivo suo carico. 2. Le attrezzature ed i macchinari utilizzati per l effettuazione dei servizi dovranno sempre essere rispondenti alle vigenti disposizioni in materia di circolazione stradale, di sicurezza sul lavoro, di prevenzione infortuni, ecc., e pertanto dotati dei necessari atti e/o certificazioni di omologazione, di collaudo, d esercizio, ecc.. ART. 21 ONERI ED OBBLIGHI A CARICO DELLA DITTA 1. Sono a carico della DITTA gli oneri e le spese: A) di fornitura al personale dipendente di indumenti, attrezzatura antinfortunistica, dispositivi di protezione individuale e tutte le incombenze relative all applicazione del D.Lgs. 81/2008 in materia di salute e sicurezza nei posti di lavoro o stabilite dai vigenti C.C.N.L. di categoria; B) di pieno ed integrale rispetto delle vigenti norme e disposizioni in materia di sicurezza nel lavoro e di prevenzioni infortuni nell ambito dello svolgimento dei servizi e lavori di che trattasi;

13 C) di predisposizione ed installazione durante l esecuzione dei servizi e lavori, in conformità alle vigenti norme e leggi, della segnaletica di indicazione di lavori in corso, comprese eventuali recinzioni, protezioni e segnali luminosi. 2. Per il corretto svolgimento di tutti i servizi oggetto del presente Capitolato, in particolare per quelli di pulizia, la DITTA è tenuta, a totale ed esclusivo suo carico, ad utilizzare esclusivamente materiali e prodotti: a) normalmente in commercio, di facile uso, di odore non sgradevole, ad azione rapida, a basso residuo, che non alterino i materiali con cui vengono a contatto; b) atti garantire il pieno rispetto delle norme igieniche e di salvaguardia delle persone e degli ambienti, attualmente vigenti o che dovessero entrare in vigore nel periodo di validità contrattuale; c) che non siano tossici, corrosivi, inquinanti o dannosi per uomini, animali, cose ed ambiente; d) rispondenti alle norme vigenti (ed a quelle che dovessero entrare in vigore nel periodo di validità contrattuale) per quanto riguarda etichettatura, dosaggi, pericolosità, biodegradabilità e modalità d uso; e) più idonei ed efficaci in relazione al tipo ed alle caratteristiche della superficie/supporto da trattare. 3. I prodotti disinfettanti devono essere muniti di registrazione del Ministero della Salute e/o di eventuali altre previste dalle norme vigenti e da quelle che dovessero entrare in vigore nel periodo di validità contrattuale. 4. Non è ammesso l utilizzo di materiali e prodotti anonimi o con etichette illeggibili o abrase. 5. Eventuali errori nell uso di materiali e prodotti e quindi ogni conseguente danno sarà imputato alla DITTA, la quale sarà tenuto al risarcimento del danno causato. 6. I prodotti detergenti e disinfettanti devono essere correttamente conservati in locali non accessibili a terzi ed estranei ai servizi, in contenitori chiusi non sottoposti a diluizione e stoccati in conformità alle vigenti leggi. 7. I rifiuti prodotti e/o raccolti durante l esecuzione dei servizi in oggetto dovranno essere smaltiti, nel rispetto della normativa vigente sulla raccolta differenziata dei rifiuti urbani, mediante conferimento all apposito servizio comunale di raccolta r.s.u. o eventuale diverso smaltimento secondo altre indicazioni dall AMMINISTRAZIONE. 8. I contenitori vuoti ed eventuali residui derivanti dall utilizzo di sostanze impiegate nei servizi di pulizia devono essere immediatamente smaltiti dalla DITTA, direttamente mediante conferimento differenziato al servizio comunale di raccolta r.s.u.. 9. E a totale e completo carico della DITTA il rifornimento continuativo del materiale di consumo dei servizi igienici del complesso cimiteriale: carta igienica, sapone liquido, salviette asciugamani, ecc.). 10. L AMMINISTRAZIONE ha la facoltà di verificare e controllare l idoneità dei materiali e prodotti impiegati e, se ritenuto opportuno, di pretendere la sostituzione di quei prodotti non idonei o non rispondenti ai predetti requisiti. 11. La DITTA è tenuta a rispettare nei confronti del personale le clausole dei contratti collettivi nazionali e degli accordi regionali, territoriali ed aziendali di riferimento, sia per la parte economica che per la parte normativa.

14 12. La DITTA ha l obbligo di segnalare immediatamente all AMMINISTRAZIONE tutte quelle circostanze e fatti che, rilevati nell espletamento del suo compito, possano pregiudicare il regolare svolgimento dei servizi in oggetto. 13. La DITTA si obbliga a sollevare l AMMINISTRAZIONE da qualsiasi azione che possa essergli intentata da terzi o per mancato adempimento degli obblighi di cui al presente Capitolato o per trascuratezza o colpa nell adempimento dei medesimi. 14. La DITTA, prima dell inizio dei servizi e comunque entro e non oltre 10 (dieci) giorni dal loro inizio, dovrà esibire all AMMINISTRAZIONE i documenti comprovanti l avvenuta denuncia del cantiere in questione agli enti previdenziali, assicurativi, ed infortunistici. 15. La DITTA dovrà garantire i servizi di apertura al pubblico del complesso cimiteriale nel rispetto dei calendari disposti dall AMMINISTRAZIONE ed in tutte le previste giornate festive nessuna esclusa, anche nell eventualità che queste siano consecutivamente superiori ad una giornata (festività doppie o triple). ART. 22 ONERI ED OBBLIGHI A CARICO DELL AMMINISTRAZIONE 1. È riservata a carico dell AMMINISTRAZIONE la fornitura: A) dell acqua per gli usi igienico sanitari, di pulizia e di innaffiamento; B) dell energia elettrica per gli impianti elettrici e di illuminazione interna ed esterna; C) delle tinte per tinteggiatura interna degli edifici accessori e di servizio; D) delle vernici e prodotti protettivi per cancelli, inferriate, grate, ecc.; E) di concimi e prodotti, chimici o biologici, per l effettuazione dei programmi di concimazione e di trattamenti antiparassitari di manti erbosi artificiali, di fiori ed essenze arboree ed arbustive; F) di fiori, siepi ed essenze arbustive ed arboree da mettere a dimora; G) di silicone o materiale similare per la sigillatura/chiusura dei loculi. ART. 23 SERVIZI E LAVORI STRAORDINARI 1. L'AMMINISTRAZIONE potrà richiedere alla DITTA l esecuzione di servizi/lavori straordinari, maggiori e/o diversi rispetto a quelli previsti dal presente Capitolato. 2. Gli oneri sostenuti in tali occasioni dalla DITTA verranno liquidati a parte, previo accordo tra le parti. ART. 24 NORME E DISPOSIZIONI VARIE Tutte le prestazioni ed i relativi orari di svolgimento dei servizi previsti dal presente Capitolato verranno concordati fra l AMMINISTRAZIONE e la DITTA nel rispetto sia delle disposizioni stabilite dal C.C.N.L. vigente per la categoria ed il settore di riferimento che di altre norme comunque disciplinanti i servizi di che trattasi. ART. 25 CESSIONE DEL CREDITO Ai sensi dell art. 1260, comma 2, del Codice Civile, è esclusa qualunque cessione di crediti da parte della DITTA senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell AMMNISTRAZIONE.

15 ART. 26 CESSIONE DEL CONTRATTO 1. E fatto assoluto divieto alla DITTA di cedere, sotto qualunque forma, in tutto o anche solo in parte, il contratto d appalto a pena di nullità. 2. Sono fatti salvi i casi di trasformazione, fusione e scissione della DITTA per i quali la cessio ne del contratto è consentita ai sensi delle vigenti norme e leggi, previa autorizzazione dell AMMINISTRAZIONE ed a condizione che il cessionario, oppure il soggetto risultante dall avvenuta trasformazione, fusione o scissione, possieda i requisiti previsti per l affidamento dei servizi in oggetto e accetti incondizionatamente tutti gli obblighi e disposizioni di cui al presente Capitolato. ART. 27 RISOLUZIONE ANTICIPATA DEL CONTRATTO. L AMMINISTRAZIONE si riserva la facoltà di procedere a risoluzione anticipata del contratto per grave inadempimento ai sensi dell art del Codice Civile e mediante semplice lettera raccomandata con messa in mora di 15 (quindici) giorni, senza necessità di ulteriori adempimenti, nei seguenti casi: A) frode nell'esecuzione dei servizi e lavori; B) inadempimento alle disposizioni dell AMMINISTRAZIONE riguardo alle modalità ed ai tempi di esecuzione dei servizi e lavori; C) manifesta incapacità o inidoneità, anche solo legale, nell'esecuzione dei servizi e lavori; D) inadempienza accertata alle norme di legge sulla prevenzione degli infortuni, la sicurezza sul lavoro e le assicurazioni obbligatorie del personale; E) sospensione e/o interruzione dei servizi e lavori senza giustificato motivo; F) rallentamento dei servizi e lavori, senza giustificato motivo, in misura tale da pregiudicarne la corretta e regolare esecuzione degli stessi nei termini previsti dal presente Capitolato; G) subappalto abusivo, associazione in partecipazione, cessione anche parziale del contratto; H) non rispondenza di materiali e beni forniti alle disposizioni del presente Capitolato ed allo scopo dei servizi e lavori. Al verificarsi di qualsiasi delle anzidette ipotesi di risoluzione contrattuale, la DITTA è sempre tenuta al risarcimento dei danni all AMMINISTRAZIONE. ART. 28 PENALITA 1. Le inadempienze contrattuali, accertate dagli organi preposti dall AMMINISTRAZIONE e contestate alla DITTA, fatti salvi i casi di forza maggiore e non riconducibili a colpa grave o volontà della stessa, comportano l'applicazione delle seguenti penalità: A) per ritardato (o non effettuato) servizio di apertura/chiusura al pubblico del complesso cimiteriale o anche di uno sola struttura che lo compone: per ogni inadempienza sarà applicata una penale di importo non inferiore ad 25,00 (venticinque) e non superiore ad 100,00 (cinquecento);

16 B) per tutti i servizi: sarà applicata una penale di importo non inferiore ad 50,00 (cinquanta) e non superiore ad 500,00 (cinquecento) per ogni servizio non svolto nei giorni/orari stabiliti o svolto in quantità e qualità inadeguate. 2. L'AMMINISTRAZIONE si obbliga a segnalare per iscritto, ogniqualvolta vengano accertate, le eventuali inadempienze rilevate nell'operato della DITTA. 3. Le eventuali giustificazioni della DITTA dovranno essere fatte per iscritto e pervenire all'amministrazione entro il termine di 5 (cinque) giorni dalla data di ricezione delle note di infrazione di cui al comma precedente. 4. Trascorso detto termine senza che la DITTA abbia fornito giustificazioni, o che le stesse siano ritenute insufficienti a insindacabile giudizio dell'amministrazione, si procederà ad applicare le anzidette penali. 5. Le penalità addebitate verranno trattenute dall'importo mensile del canone. ART. 29 CONTROVERSIE La risoluzione di eventuali controversie è unicamente demandata all Autorità Giudiziaria ordinaria. Il foro competente è quello del Tribunale di ORISTANO. ART. 30 CONTRATTO La DITTA è obbligata a stipulare il contratto di affidamento dei servizi e lavori in oggetto che avrà luogo in forma pubblico amministrativa, previo versamento dei diritti di segreteria e delle spese inerenti e conseguenti al contratto che sono a totale carico della DITTA stessa. ART. 31 COSTITUZIONE IN MORA I termini e le comminatorie del presente Capitolato, operano nel pieno diritto senza obbligo per l AMMINISTRAZIONE della costituzione in mora della DITTA. ART. 32 RISPETTO IN MATERIA DI PRIVACY 1. La DITTA è tenuta alla piena e totale osservanza delle disposizioni del D.Lgs. 193/2003; a tal fine la DITTA dovrà comunicare all AMMINISTRAZIONE il proprio responsabile della privacy. ART. 33 DISPOSIZIONI FINALI La DITTA si considera, all'atto dell'assunzione dei servizi, a perfetta conoscenza delle strutture, immobili e luoghi su cui dovranno eseguirsi i medesimi servizi oggetto del presente Capitolato. L AMMINISTRAZIONE notificherà alla DITTA tutte le deliberazioni, ordinanze o altri provvedimenti ed atti che comportino variazione della situazione iniziale di contratto. ART. 34 NORME DI RINVIO 1. Per quanto non espressamente previsto nel presente Capitolato si rinvia a quanto espressamente previsto dalle norme vigenti in materia di servizi pubblici e di polizia cimiteriale.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Centro Direzionale Zona Industriale 85050 TITO SCALO (PZ) Tel.0971/659111 Fax 0971/485881 Sito internet: www.consorzioasipz.it E-mail: asi@consorzioasipz.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 di COMUNE DI TORTORA P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 tel. 0985-7660240-7660216 (ufficio tecnico) fax 0985-7660400

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

COMUNE DI VALPELLINE

COMUNE DI VALPELLINE COMUNE DI VALPELLINE c/o Municipio: Loc. Les Prailles, 7 11010 Valpelline (AO) - Tel. 0165/73227 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFITTO LOCALI DEL BAR RISTORANTE DI PROPRIETÀ COMUNALE, SITO IN FRAZ. LES PRAILLES

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Città di Marigliano Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE III RESPONSABILE DEL SETTORE III: ing. A. Ciccarelli Registro Generale n. 1689 del 29.12.2014 Registro Settore n. 25

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

3529,1&,$',%5,1',6, $57 2JJHWWRGHOO DSSDOWR

3529,1&,$',%5,1',6, $57 2JJHWWRGHOO DSSDOWR $OOHJDWR³* DOOD'HWHUPLQD]LRQHQƒGHO 3529,1&,$',%5,1',6, &$3,72/$7263(&,$/(' $33$/72 2JJHWWRGHOO DSSDOWR L appalto ha per oggetto i lavori di manutenzione ordinaria, pronto intervento e interventi straordinari

Dettagli

COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO. Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L.

COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO. Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L. COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L. MARINA SERVICE DI PORTO SAN GIORGIO GESTIONE SERVIZIO DI SALVATAGGIO A MARE NELLE SPIAGGE LIBERE DEL

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA -

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA - CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI PERIODO 01 GIUGNO 2009 31 MAGGIO 2011. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Formano oggetto del seguente appalto le prestazioni relative a

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Il Coordinamento delle Confraternite della Diocesi di Cerignola Ascoli Satriano, con sede in Cerignola, Via Addolorata n. 12, Tel. 0885/417501 (Presidente Dr. Vito Colangione

Dettagli

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo

COMUNE DI PALERMO SETTORE FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Via Roma n. 209 90133 Palermo LOTTO N. 12 CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO ALUNNI PER VISITE FUORI COMUNE. IMPORTO DISPONIBILE 27.272,72 oltre IVA (10%) ART. 1) OGGETTO DEL SERVIZIO, DESCRIZIONE

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

COMUNE DI SAN PRISCO CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI. L anno duemila il giorno del mese di,

COMUNE DI SAN PRISCO CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI. L anno duemila il giorno del mese di, COMUNE DI SAN PRISCO (PROVINCIA DI CASERTA) Rep. N. CONTRATTO DI APPALTO DEL SERVIZIO DI ESECUZIONE OPERAZIONI CIMITERIALI - PER UN PERIODO DI ANNI DUE. CIG:_54816332A7. L anno duemila il giorno del mese

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E BROKERAGGIO ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO Il servizio oggetto del presente disciplinare concerne lo svolgimento dell'attività di brokeraggio per

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI IN USO AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PRESSO LA SEDE DI VIA VITTORIO VENETO N.

Dettagli

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035. AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.399050 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO CONTRATTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DELLA CCIAA DI LODI PER IL PERIODO - 01/01/2011-31/12/2013 CIG 06218796C7 FRA Camera di Commercio di Lodi, P.IVA 11125130150

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164 DISCIPLINARE TECNICO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, STRADE E CORTILI DELLO STABILIMENTO MILITARE DEL MUNIZIONAMENTO TERRESTRE, BAIANO DI SPOLETO. ARTICOLO 1 Il servizio sarà atto

Dettagli

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO AFFIDAMENTO Servizio di somministrazione lavoro temporaneo Capitolato prestazionale - Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona Allegato alla determina del R.F. n. 63 del 02.11.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Fornitura del servizio di pulizie degli uffici e della palestra comunali

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DELL AZIENDA DI SOGGIORNO E TURISMO DI TERMOLI

SCHEMA DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DELL AZIENDA DI SOGGIORNO E TURISMO DI TERMOLI Allegato alla delibera n 04 del 20.01.2016 SCHEMA DI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DELL AZIENDA DI SOGGIORNO E TURISMO DI TERMOLI Periodo 01 marzo 2016 31 dicembre 2018 Allegato alla

Dettagli

COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE DERATTIZZAZIONE E DISINFEZIONE DEI LOCALI INTERNI

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento alla Società

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009 Novembre 2008 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di fornitura gasolio

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE.

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. Art. l - PRINCIPI GENERALI Il presente capitolato ha per oggetto la gestione del servizio

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PRELIEVO, CARICO, TRASPORTO IN REGIME ADR (SE PREVISTO DALLE NORME), CONFERIMENTO AD IMPIANTO AUTORIZZATO PER RECUPERO E/O SMALTIMENTO DEI RIFIUTI PRODOTTI PRESSO

Dettagli

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO Comune di Calliano Provincia Autonoma di Trento Ufficio Tecnico CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO ART. 1 - OGGETTO E PREZZO DELL

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI VEICOLI DEL COMITATO REGIONALE CRI DELLA TOSCANA CIG: 28951999C9

Dettagli

Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow.

Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow. Comune di Casalnuovo Monterotaro (Provincia di Foggia) 71033 P. zza Municipio - tel. 0881/558183 - fax 0881/558145 - e.mail: decesare@wooow.it AREA TECNICA - IV Settore Capitolato Speciale di Appalto SERVIZI

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

COMUNE DI BARZIO CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRADE, SVUOTAMENTO CESTINI E PULIZA TOMBINI CON MEZZO MECCANICO

COMUNE DI BARZIO CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRADE, SVUOTAMENTO CESTINI E PULIZA TOMBINI CON MEZZO MECCANICO COMUNE DI BARZIO amministrativo CAPITOLATO D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA STRADE, SVUOTAMENTO CESTINI E PULIZA TOMBINI CON MEZZO MECCANICO Il presente Capitolato disciplina i servizi di: Art. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE Esente dall'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27 bis del D.P.R.26.10.1972 n. 642 (Onlus). Rep. n. atti privati CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO COMUNALE DI MEZZOLOMBARDO

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE.

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Articolo 1 OGGETTO DELLA FORNITURA Le prestazioni richieste al soggetto appaltatore

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO tra il Sig... codice fiscale... residente in... proprietario di (*)...di cui dispone dei libero uso, sito in... e il Sig... residente in... nella qualifica di... dell impresa... codice fiscale...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CONDIZIONI DI ESECUZIONE ART.

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL'OPERA NAZIONALE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO CIG 6201196CD0

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 BANDO DI GARA NOLEGGIO FOTOCOPIATRICI Alle ditte RCO - l.bassotti@rcoonline.it Vema Copy info@vemacopy.it BASCO BAZAR info@basco-bazar2.it FASTREND

Dettagli

COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI ART. 1) OGGETTO DELLA FORNITURA E DESCRIZIONE

COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI ART. 1) OGGETTO DELLA FORNITURA E DESCRIZIONE COMUNE DI PALERMO R A G I O N E R I A G E N E R A L E SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER LA FORNITURA DI: MANGIME PER CANI E GATTI IMPORTO DISPONIBILE 47.603,31 OLTRE

Dettagli

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente CONVENZIONE Attività di ballo e ginnastica presso i Centri Anziani del Municipio 18 CIG n. 5110477308 Il giorno. del mese di. dell anno 2013 presso la sede del Servizio Sociale del Municipio 18 Roma Aurelio,

Dettagli

CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012

CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012 COMUNE DI PRAIANO Provincia di Salerno CIMITERO COMUNALE Servizi Cimiteriali TRIENNIO 2009 2012 CAPITOLATO D ONERI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO La ditta aggiudicataria dei servizi di seppellimento, di custodia

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA

CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA Provincia di Torino SETTORE POLITICHE EDUCATIVE E SOCIALI UFFICIO ISTRUZIONE CAPITOLATO SPECIALE DEL SERVIZIO DI RICARICA CONTO FAMIGLIA PER LA MENSA SCOLASTICA PERIODO SETTEMBRE 2015 GIUGNO 2020 1 INDICE

Dettagli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI ART. 1 MANSIONARIO DELLE PULIZIE E CONTROLLI La

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D. LGS. 81/2008 ART. 1. OGGETTO DEL SERVIZIO L incarico comporta lo svolgimento di

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA Servizio di manutenzione di tutti gli estintori installati presso gli Uffici Comunali. Questa Amministrazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Manutenzione maniglioni antipanico e porte REI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Verbania, lì ottobre 2011 IL DIRIGENTE DIPARTIMENTO LL.PP. Ing. Noemi Comola Art. 1 Oggetto dell appalto L appalto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia dei seguenti

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona Tel. 019 618211/Fax 019 618226

COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona Tel. 019 618211/Fax 019 618226 COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di Savona Tel. 019 618211/Fax 019 618226 AREA AFFARI GENERALI N. AG 59 DEL 09/04/2010 OGGETTO: INCARICO DI SISTEMAZIONE E RIORDINO ARCHIVIO COMUNALE CONFERITO CON DETERMINAZIONE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE "SANTOBONO-PAUSILIPON" VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE SANTOBONO-PAUSILIPON VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630 AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE "SANTOBONO-PAUSILIPON" VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630 CONTRATTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO ANNUALE (PROROGABILE DI UN ULTERIORE ANNO)

Dettagli

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E LA MANUTENZIONE DEL CIMITERO COMUNALE biennio 2013-3014 Oggetto del presente capitolato sono le modalità di gestione e le condizioni

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DELL AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO Art. 1 - OGGETTO DELL INCARICO Il servizio ha per

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO INDICE Articolo 1 Affidamento del servizio pagina 2 Articolo

Dettagli

Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi

Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi Capitolato speciale d oneri Procedura aperta per la fornitura di n. 8 autoveicoli con prodotti assicurativi e finanziari connessi Pagina 1 di 8 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 QUALITÀ E CARATTERISTICHE ART.

Dettagli

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale.

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO RELATIVO ALLA FORNITURA DI n 1 MINIBUS ELETTRICO, CHIAVI IN MANO, PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PERSONE ALL INTERNO DEL CIMITERO CIVICO MONUMENTALE 1. ENTE APPALTANTE Comune

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE

REPUBBLICA ITALIANA. Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE REPUBBLICA ITALIANA Repertorio: n. I.N.R.C.A. AMMINISTRAZIONE CENTRALE Oggetto: Contratto d appalto per l affidamento del servizio di gestione dell albo fornitori telematico e delle gare on-line da parte

Dettagli

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona

COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona COPIA Comune di Trescore Cremasco Provincia di Cremona Determinazione del 16.04.2014 N Generale: 81 N Settoriale: 24 AREA AMMINISTRATIVA UFFICIO OGGETTO: APPALTO LAVORI CIMITERIALI. AFFIDAMENTO DIRETTO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha ad oggetto l affidamento del

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann, 15 (cap. 26900) P.IVA 11125130150, nella persona del Segretario Generale f.f.,

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

Documentazione di gara

Documentazione di gara Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa SETTORE 3 OGGETTO ALLESTIMENTO DEGLI SPAZI ESPOSITIVI ALL INTERNO DEL PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO E RECUPERO DELL AREA DELLA ROCCA CON

Dettagli

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ART.1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente documento sono le clausole amministrative relative al contratto di appalto per la fornitura di prodotti alimentari surgelati per le esigenze delle mense

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE NUMERO GARA 2367978 CIG 229069989B CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI RIMINI E.. PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI MATERIALE A FAVORE DEI SERVIZI ED ISTITUZIONI FACENTI

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C.

COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C. COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C. CHIENIS - Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEI SERVIZI PER VILLA E O APPARTAMENTO DELLA PUGLIA NEW LIFE S.r.l Bari I gentili clienti sono tenuti a leggere e a impegnarsi al rispetto del presente regolamento per il buon funzionamento

Dettagli

Via G. Marconi, 187 CAP 37050 C.F. 00660940230 Tel. (045) 7135022 FAX (045) 7135640 e-mail: tecnico@comune.isolarizza.vr.it

Via G. Marconi, 187 CAP 37050 C.F. 00660940230 Tel. (045) 7135022 FAX (045) 7135640 e-mail: tecnico@comune.isolarizza.vr.it Via G. Marconi, 187 CAP 37050 C.F. 00660940230 Tel. (045) 7135022 FAX (045) 7135640 e-mail: tecnico@comune.isolarizza.vr.it ALLEGATO 3 Allegato alla determinazione n. 126 del 21.06.2013 CAPITOLATO DEGLI

Dettagli