CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER:"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE ANNUALE DEL CIMITERO COMUNALE COMPRENSIVO DI: MANUTENZIONE ORDINARIA, APERTURA, CHIUSURA, CUSTODIA, INUMAZIONE ED ESUMAZIONE, TUMULAZIONE ED ESTUMULAZIONE. Categoria di servizi: n. 27 Allegato II B - D. Lgs. 163/2006 e s.m.i. ART. 1 OGGETTO DEI SERVIZI 1. Il presente Capitolato d Oneri regola i rapporti tra il Comune di Cuglieri (nel seguito del presente Capitolato semplicemente AMMINISTRAZIONE ) e la Ditta nel seguito del presente Capitolato semplicemente DITTA ), circa i servizi, specificati nei successivi articoli, riguardanti la sorveglianza e gestione del complesso cimiteriale. 2. La DITTA si obbliga e si sottomette nella più ampia forma legale ad eseguire, a perfetta regola d arte, in conformità alle vigenti norme tecnico/esecutive disciplinanti i diversi ambiti d intervento ed a totale sua cura, diligenza, rischio e pericolo, con personale e mezzi propri ed adeguata attrezzatura, i servizi di che trattasi, nella più stretta e rigorosa osservanza delle condizioni, norme e modalità stabilite nel presente Capitolato. 3. Le strutture e gli immobili costituenti il complesso cimiteriale posto nel Piazzale della basilica Santa Maria della Neve, oggetto dei servizi in questione, risultano come di seguito: A) impianto originario con ingresso dalla Piazza Basilica Santa Maria della Neve, e da Piazzale Ziu Lesu compresi i locali di servizio, bagni e capella; B) primo ampliamento con ingresso da Piazzale Ziu Lesu; C) secondo ampliamento con ingresso da Piazzale Ziu Lesu. 4. I servizi dovranno essere svolti dalla DITTA attraverso organizzazione di capitali, mezzi, macchinari ed attrezzature proprie e mediante l utilizzo, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavori attinenti al presente appalto. 5. La DITTA è obbligata ad eseguire i servizi, attenendosi alle indicazioni riportate nel presente Capitolato; per quanto non previsto nel presente Capitolato, la DITTA potrà proporre le proprie indicazioni e proposte all Area Tecnica Comunale, che a seguito di attenta analisi, esprimerà le proprie valutazioni alle quali la DITTA stessa dovrà uniformarsi ed attenersi. ART. 2 AMMONTARE DELL APPALTO 1. L importo annuale dell appalto a base d asta è determinato in complessivi ,00, di cui ,00 per servizi cimiteriali, servizi di pulizia, apertura, vigilanza e chiusura del complesso cimiteriale, 3.000,00 per servizi cimiteriali da eseguirsi in occasione di funerali ed 2.650,00 per oneri di sicurezza (non soggetti a ribasso), oltre l IVA di legge. 2. L importo mensile dell appalto a basa d asta è determinato in complessivi 2.137,50, di cui ,00 per servizi di pulizia, apertura, vigilanza e chiusura del complesso cimiteriale,. 220,50 oneri sulla

2 sicurezza ed 237,50 per servizi cimiteriali (si è ipotizzato un numero di 50 funerali all anno e per ognuno di essi un intervento straordinario compensate ad 60,00 cadauno), oltre l IVA di legge. 3. Il canone è comprensivo di tutte le spese, dirette ed indirette, che la DITTA dovrà sostenere per il personale, per materiali, mezzi ed attrezzature e per qualsiasi altro onere necessario per l espletamento del complesso dei servizi di cui al presente Capitolato. 4. Il canone resterà fisso ed invariabile per tutta la durata dell appalto. 5. La DITTA per l esecuzione dei servizi di cui al presente Capitolato nelle giornate festive non potrà pretendere o rivendicare ulteriori compensi oltre al canone sopra determinato. ART. 3 DESCRIZIONE DEI SERVIZI E LAVORI 1. L appalto disciplinato dal presente Capitolato ha per oggetto i servizi e lavori da svolgersi nel complesso cimiteriale di seguito sommariamente indicati: A) servizi di custodia e vigilanza; B) servizi e lavori di pulizia e manutenzione aree interne ed esterne al complesso; C) servizi e lavori di pulizia edifici accessori e di servizio; D) servizi cimiteriali; 2. I servizi oggetto del presente Capitolato sono considerati di pubblico interesse ad ogni effetto e, come tali, non potranno essere sospesi o abbandonati dalla DITTA in assenza di specifica autorizzazione dell AMMINISTRAZIONE. ART. 4 SERVIZI DI CUSTODIA E VIGILANZA: 1. I servizi di cui al presente articolo consistono in: A) Controllo apertura/chiusura dei cancelli d ingresso secondo gli orari di apertura e chiusura al pubblico stabiliti dall AMMINISTRAZIONE: Lunedi (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Martedi (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Mercoledì (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00), Giovedì (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Venerdì (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Sabato (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); Domenica (indicativamente dalle ore 8,00 alle 17,00); nel periodo primavera/estate la chiusura sarà posticipata alle 19,30); in occasione di festività e ricorrenze particolari (secondo calendario stabilito da AMMINISTRAZIONE indicativamente dalle ore 8,00 alle 18,30) nonché nel periodo di Commemorazione dei defunti (secondo calendario ed orari stabiliti da AMMINISTRAZIONE);

3 B) gli anzidetti servizi comprendono la presenza del personale della DITTA (minimo n. 1 unità) compatibilmente con gli orari del contratto collettivo di lavoro nell arco di apertura al fine di verificare e far osservare corretti e consoni utilizzi e comportamenti da parte degli utenti; C) Controllo apertura/chiusura dei cancelli d ingresso in occasione di funerali e di eventuali cerimonie o celebrazioni (comunque autorizzate dall AMMINISTRAZIONE), compresa la continua presenza di personale della DITTA (minimo n. 1 unità) per l intera loro durata al fine di verificare e far osservare corretti e consoni utilizzi e comportamenti da parte degli utenti; D) apertura/chiusura della camera mortuaria qualora ospiti una salma, compresa la continua presenza di personale della DITTA (minimo n. 1 unità) per l intero arco orario di sua eventuale apertura al pubblico al fine di verificare e far osservare corretti e consoni utilizzi e comportamenti da parte degli utenti; E) apertura/chiusura e libera disponibilità al pubblico dei locali adibiti a servizi igienici durante gli orari di apertura al pubblico; F) Controllo apertura e chiusura dei cancelli d ingresso per consentire all AMMINISTRAZIONE l esecuzione, diretta o mediante impresa appaltatrice, di lavori di qualsiasi entità e tipo alle opere cimiteriali; G) Controllo apertura e chiusura dei cancelli d ingresso, secondo gli orari ed i giorni di apertura stabiliti dall AMMINISTRAZIONE, per l esecuzione da parte di terzi di lavori, manutenzioni, ecc. nelle tombe e nei loculi; H) verificare che i lavori, manutenzioni, ecc. nelle tombe e nei loculi da parte di terzi, siano eseguiti previa autorizzazione dell Area Tecnica Comunale ed in conformità ai vigenti Regolamenti Cimiteriale e di Polizia Mortuaria; I) verificare che qualsiasi lavoro e/o manutenzione inerente il Cimitero e le sue opere e strutture, da chiunque eseguita, non arrechi danni a persone e cose e non pregiudichi la pulizia ed il decoro del Cimitero stesso, pretendendone, in caso contrario, l immediata riparazione e la completa ed accurata ripulitura delle aree interessate; il verificarsi di quest ultima ipotesi dovrà essere tempestivamente segnalato all Area Tecnica Comunale; J) vietare l introduzione all interno del Cimitero di animali, cicli, motocicli e veicoli (ad eccezione di quelli strettamente indispensabili per la mobilità di soggetti a ridotta capacità motoria e di quelli necessari per l esecuzione di lavori/opere, sempre che non arrechino danni alle opere e strutture cimiteriali); K) segnalare tempestivamente all Area Tecnica Comunale ogni e qualsiasi eventuale disfunzione o precarietà riscontrata alle opere, strutture ed impianti cimiteriali; L) segnalare tempestivamente per iscritto all Area Tecnica Comunale ogni e qualsiasi eventuale danno e/o manomissione alle opere, strutture ed impianti cimiteriali da chiunque cagionato; M) segnalare tempestivamente per iscritto all Area Tecnica Comunale ogni e qualsiasi deficienza e precarietà igienico sanitaria riscontrata; N) scrupolosa esecuzione dei predetti servizi nel pieno rispetto del vigente Regolamento di Polizia Mortuaria.

4 ART. 5 SERVIZI E LAVORI DI PULIZIA E MANUTENZIONE AREE INTERNE ED ESTERNE AL COMPLESSO CIMITERIALE 1. I servizi di cui al presente articolo consistono in: A) pulizia dei viali, dei sentieri, delle aree verdi e degli spazi fra le tombe e tra i comparti di loculi, ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima bisettimanale al fine di renderli sempre decorosi e sgombri da rifiuti di ogni genere, anche di più piccole dimensioni, prodotti da attività umane, dagli animali, dalla caduta di foglie/frutti di alberi, arbusti e fiori o dagli agenti atmosferici; B) pulizia delle aree esterne (aiuole, marciapiedi, aree di parcheggio o ad altro uso destinate ma comunque a servizio del complesso cimiteriale stesso) ogni qual volta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale al fine di renderle sempre decorose e sgombre da rifiuti di qualsiasi genere, anche di più piccole dimensioni, prodotti da attività umane, dagli animali, dalla caduta di foglie/frutti di alberi, arbusti e fiori o dagli agenti atmosferici; C) svuotamento continuativo dei cestini porta rifiuti, sia esistenti che da installarsi all interno ed esterno del complesso cimiteriale, compresa la sostituzione dei relativi sacchetti, la pulizia ed eventuale lavaggio dei cestini stessi ogni qualvolta sia necessario e delle aree adiacenti qualora si verificasse dispersione accidentale del contenuto o nel caso in cui il materiale venga depositato erroneamente fuori dai medesimi contenitori; D) svuotamento (ogni qualvolta siano pieni ma comunque con frequenza minima bisettimanale) dei contenitori dei fiori avvizziti e rinsecchiti, sia esistenti che da installarsi all interno del complesso cimiteriale, compresa la pulizia e l eventuale lavaggio dei contenitori stessi ogni qualvolta sia necessario; E) raccolta (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima bisettimanale) di corone, cuscini fioriti e fiori avvizziti e rinsecchiti ancora presenti nelle tombe e nei loculi e loro deposito negli appositi contenitori; F) svuotamento (ogni qualvolta siano pieni ma comunque con frequenza minima settimanale) dei contenitori per la raccolta delle diverse frazioni merceologiche (secco indifferenziato, imballaggi e contenitori di vetro, di alluminio, di plastica, carta e cartone, ecc.), sia esistenti che da installarsi all interno del complesso cimiteriale, compresa la sostituzione dei relativi sacchetti, la pulizia e l eventuale lavaggio dei contenitori stessi ogni qualvolta sia necessario e delle aree adiacenti qualora si verificasse dispersione accidentale del contenuto o nel caso in cui il materiale venga depositato erroneamente fuori dai medesimi contenitori; G) sfalcio e/o estirpazione continuativa di erbacce e vegetazione spontanea, cresciuta in qualsiasi opera o struttura sia all interno del complesso cimiteriale, i marciapiedi e le aree di parcheggio o ad altro uso destinate ma comunque a suo servizio; H) lavori e servizi continuativi di manutenzione, innaffiamento e taglio di eventuali prati e tappeti erbosi artificiali (con frequenza rapportata allo sviluppo stagionale ed immediata raccolta e sgombero del materiale di sfalcio), esistenti compresa la tenuta in perfetta efficienza degli impianti di innaffiamento; I) lavori e servizi continuativi di manutenzione, innaffiamento, regolazione, potatura e taglio di fiori, siepi ed essenze arbustive ed arboree (con frequenza rapportata allo sviluppo stagionale ed immediata raccolta e sgombero del materiale di risulta), sia esistenti che da mettersi a dimora;

5 M) eventuali lavori di messa a dimora di nuovi fiori, siepi ed essenze arbustive ed arboree; N) durante lo svolgimento dei predetti lavori/servizi andrà evitato il sollevamento di polvere, anche con opportune bagnature delle superfici interessate, e si dovrà adottare ogni cautela necessaria per evitare danni e pericolo a persone e cose e precarietà igienico sanitarie; O) lavori e servizi continuativi per la corretta gestione, manutenzione e funzionalità degli impianti idrico, di innaffiamento, fognario, di raccolta e scarico delle acque meteoriche (compresa pulizia pozzetti, caditoie, canali di scolo, ecc.) e di altri eventuali impianti tecnologici, esclusi quelli elettrici e di illuminazione; P) lavori e servizi continuativi per la regolare funzionalità dei cancelli dei diversi ingressi del Cimitero, compresa la loro verniciatura (ogni qual volta sia necessario ma comunque con frequenza minima annuale), esclusa la fornitura delle vernici a carico dell AMMINISTRAZIONE; Q) l esecuzione dei suddetti servizi dovrà avvenire, compatibilmente con le specifiche necessità ed esigenze, al di fuori degli orari di apertura al pubblico e di eventuali funerali o cerimonie. ART. 6 SERVIZI E LAVORI DI PULIZIA EDIFICI ACCESSORI E DI SERVIZIO 1. I servizi di cui al presente articolo da eseguirsi negli edifici e locali adibiti a servizi igienici, camera mortuaria, magazzini, depositi, ecc. consistono in: A) spazzatura, pulizia e lavaggio (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima trisettimanale), con prodotti disinfettanti, dei pavimenti, battiscopa, soglie e davanzali interni; B) pulizia (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale) di pareti piastrellate mediante lavaggio con mezzi e detergenti idonei; C) pulizia ad umido (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale) degli arredi e delle attrezzature ed eventuale riordino delle suppellettili; D) svuotamento continuativo dei cestini porta rifiuti, sia esistenti che da installarsi, compresa la sostituzione dei relativi sacchetti, la pulizia ed eventuale lavaggio dei cestini stessi ogni qualvolta sia necessario e delle aree adiacenti qualora si verificasse dispersione accidentale del contenuto o nel caso in cui il materiale venga depositato erroneamente fuori dai medesimi contenitori; E) pulizia, lavaggio, disincrostazione e disinfezione (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima trisettimanale) di tutti gli apparecchi igienico sanitari, di specchi, rubinetti, mensole ed altri accessori; F) pulizia (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale), con appositi detergenti, della parte esterna di armadietti, armadi vari e scaffalature; G) pulizia e disinfezione accurata (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima settimanale) di porte interne, maniglie, lampade, interruttori e prese elettriche, ecc.; H) pulizia ed eventuale lavaggio (ogni qualvolta sia necessario ma comunque con frequenza minima quindicinale) di infissi e serramenti esterni, comprese maniglie, vetri, soglie, davanzali, ecc.; I) pulizia di inferriate, grate e cancelli esterni; J) eliminazione continuativa di ragnatele da pareti e soffitti;

6 L) fornitura di tutti i prodotti e materiali occorrenti per l esecuzione dei predetti servizi (sapone liquido, carta igienica, detergenti, disinfettanti, ecc.); M) durante lo svolgimento dei predetti servizi si dovrà adottare ogni cautela necessaria per evitare danni e pericolo a persone e cose e precarietà igienico sanitarie; N) lavori di tinteggiatura interna, ogni qual volta sia necessario ma comunque con frequenza minima annuale, esclusa la fornitura delle tinte a carico dell AMMINISTRAZIONE; O) lavori di verniciatura di inferriate, grate, ecc. (ogni qual volta sia necessario ma comunque con frequenza minima biennale), esclusa la fornitura delle vernici a carico dell AMMINISTRAZIONE; P) lavori e servizi continuativi per tenere in perfetta efficienza e funzionalità le grondaie ed i canali di scarico delle acque meteoriche delle copertura a tetto degli edifici e dei comparti di loculi; Q) l esecuzione dei suddetti servizi dovrà avvenire, compatibilmente con le specifiche necessità ed esigenze, al di fuori degli orari di apertura al pubblico e di eventuali funerali o cerimonie. ART. 7 SERVIZI CIMITERIALI I servizi di cui al presente articolo consistono in: A) assistenza ai funerali, compresa la preventiva pulizia dei loculi e la loro chiusura e sigillatura e la verifica, nel caso di tombe private, che i relativi lavori/opere di chiusura siano eseguiti a regola d arte ed in conformità al vigente Regolamento di Polizia Mortuaria; B) assistenza ai medici incaricati di eseguire autopsie disposte dall Autorità Giudiziaria; C) verificare che durante lo svolgimento di funerali e delle suddette operazioni straordinarie siano osservate ed applicate tutte le norme/misure atte a scongiurare nocumento alla salute ed igiene pubblica e previste dalla vigente normativa in materia di polizia mortuaria; D) ricezione e successiva consegna ai competenti uffici comunali della documentazione inerenti le sepolture e le sopradette operazioni straordinarie; E) affissione, nelle apposite bacheche, di avvisi, manifesti e materiali informativi inerenti il Cimitero, forniti dall AMMINISTRAZIONE o da altri enti/uffici; F) affissione, nelle predette bacheche, di propri avvisi e manifesti, in particolare di quelli indicanti i servizi al pubblico ed i nominativi e le modalità di reperimento del personale addetto. ART. 8 DURATA DELL APPALTO 1. La durata ANNUALE dell'appalto è stabilita per il periodo dal al. 2. L effettivo inizio dei servizi risulterà da apposito verbale da redarsi in contraddittorio fra le parti. 3. La Ditta aggiudicataria dovrà garantire l effettuazione dei servizi in oggetto, anche oltre il termine finale del, nelle more dell espletamento della procedura pubblica di individuazione del nuovo esecutore dei servizi stessi; in tal caso, rimangono ferme tutte le condizioni ed i prezzi stabiliti nel contratto e nel presente Capitolato vigenti all atto dell eventuale proroga.

7 ART. 9 PAGAMENTI ED ADEGUAMENTO CANONE 1. I servizi e lavori oggetto del presente Capitolato saranno fatturati mensilmente. 2. Le relative fatture dovranno essere pagate dall AMMINISTRAZIONE entro 30 (trenta) giorni dalla data di ricevimento. 3. Alla DITTA sarà liquidato il canone mensile a corpo per il complesso dei servizi effettivamente e regolarmente svolti esclusi i servizi cimiteriali da eseguirsi in occasione di funerali di cui al precedente art. 7, lett. a), che saranno liquidati con le modalità di cui al successivo art. 10; qualora qualcuno dei singoli servizi venga svolto in maniera difforme (per quantità e/o per qualità) dalle disposizioni del presente Capitolato, verrà applicata una riduzione percentuale, determinata dall AMMINISTRAZIONE e sentita comunque in merito la DITTA, rapportata alle prestazioni svolte parzialmente e/o irregolarmente. 4. Sarà cura dell AMMINISTRAZIONE richiedere la dichiarazione cumulativa resa nei termini di legge (DURC) prima della liquidazione della fattura. 5. La liquidazione del canone (qualora di importo superiore ad ,00) è subordinata alla verifica che la DITTA non sia inadempiente all obbligo di versamento, derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento, come disposto dall art. 48 bis del DPR. 302/1973 e disciplinato dal Regolamento approvato dal Ministero dell Economia e delle Finanze con Decreto , n Il calcolo del tempo contrattuale per la decorrenza di eventuali interessi relativi al ritardato pagamento del canone, non terrà conto dei giorni intercorrenti tra la richiesta telematica e la successiva comunicazione della Equitalia Servizi SpA di non inadempimento della DITTA alle verifiche di cui al predetto art. 48 bis del DPR. 302/ Si procederà all adeguamento periodico dei prezzi ai sensi dell art. 115 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm. e pertanto mediante istruttoria condotta dall AMMINISTRAZIONE sulla base dei dati di cui all art. 7, comma 4, lett. c) e comma 5, da svolgersi con cadenza annuale e quindi a partire dal mese di agosto In caso di eccessiva onerosità sopravvenuta per il verificarsi di avvenimenti straordinari ed imprevedibili la DITTA potrà domandare la risoluzione del contratto ai sensi dell art del Codice Civile; la risoluzione non può essere domandata se la sopravvenuta onerosità rientra nell alea normale del contratto; la DITTA qualora richieda la risoluzione contrattuale per l ipotesi appena indicata dovrà dimostrare tale situazione all AMMINISTRAZIONE con dati certi ed inconfutabili. 9. L AMMINISTRAZIONE si riserva la facoltà di accettare la domanda di risoluzione del contratto o di offrire modifiche eque alle condizioni del contratto. ART. 10 PAGAMENTI SERVIZI CIMITERIALI IN OCCASIONE DI FUNERALI 1. I servizi cimiteriali da eseguirsi in occasione di funerali specificatamente indicati al precedente art. 7, lett. a) si è ipotizzato un numero di 50 funerali all anno, e per ognuno di essi un intervento straordinario compensato ad 60,00 cadauno), oltre l IVA di legge. 2. I predetti servizi saranno fatturati mensilmente ed in maniera separata dal canone mensile; le modalità di liquidazione e di adeguamento degli anzidetti servizi saranno quelle indicate al precedente art. 9.

8 3. La DITTA per l esecuzione dei presenti servizi nelle giornate festive non potrà pretendere o rivendicare ulteriori compensi oltre a quello sopra determinato. ART. 11 PERSONALE DELLA DITTA 1. Per lo svolgimento dei servizi di cui al presente Capitolato, la DITTA dovrà assumere il personale secondo le norme del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per attività coincidente con quella oggetto del presente appalto Iscrizione alla C.C.I.A.A. per servizi cimiteriali. 4. Il predetto personale dovrà essere regolarmente assunto dalla DITTA per un periodo minimo non inferiore alla durata contrattuale dei servizi di che trattasi ovvero, per il periodo indicato dall AMMINISTRAZIONE, qualora la stessa voglia effettuare rotazione tra il personale da utilizzarsi; nel caso di rinnovo contrattuale dell appalto l assunzione del medesimo personale dovrà essere prolungata per un periodo minimo non inferiore alla durata del rinnovo contrattuale stesso. 5. La DITTA è direttamente responsabile del personale addetto all espletamento dei servizi in questione e risponderà del suo operato sia nei riguardi dell AMMINISTRAZIONE che di terzi. 6. Resta inteso che tutto il personale addetto ai servizi di cui al presente Capitolato è alle dirette dipendenze tecniche, amministrative e disciplinari della DITTA, rimanendo l AMMINISTRAZIONE estranea ad ogni e qualsiasi rapporto di lavoro con il suddetto personale. 7. La DITTA dovrà assumere a suo esclusivo e totale carico tutte le spese, dirette ed indirette, inerenti tutto il personale necessario ad espletare, in maniera organica e continuativa, il complesso dei servizi previsti dal presente Capitolato. 8. Tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi, antinfortunistici, assistenziali e previdenziali inerenti il personale sono a carico della DITTA con esclusione di qualsiasi obbligo o rivalsa nei confronti dell AMMINISTRAZIONE. 9. Il personale deputato allo svolgimento dei servizi in oggetto, dovrà, ai sensi dell art. 41 del D.Lgs. 81/2008, essere sottoposto alla sorveglianza sanitaria e risultare idoneo, sulla base delle visite mediche, alla mansione specifica cui destinato. ART. 12 VISITE E CONTROLLI IN CORSO DI ESECUZIONE 1. Nel periodo contrattuale l'amministrazione si riserva la facoltà di effettuare verifiche e controlli sul mantenimento da parte della DITTA dei requisiti dallo stesso certificati e/o dichiarati ai fini dell affidamento dell appalto e di stipula del contratto. 2. L'AMMINISTRAZIONE si riserva inoltre la facoltà di effettuare verifiche e controlli sulla corretta e puntuale esecuzione dei servizi di cui al presente Capitolato, mediante i propri uffici e personale o tramite soggetti esterni. ART. 13 DIVIETO DI SUBAPALTO 1. E vietato alla DITTA cedere o subappaltare anche parzialmente i servizi assunti pena l immediata risoluzione del contratto e la perdita del deposito cauzionale, salvo ulteriore risarcimento all AMMINISTRAZIONE dei maggiori danni accertati. ART. 14 CAUZIONE DEFINITIVA

9 1. La DITTA, a garanzia dell assolvimento delle obbligazioni contrattuali, dovrà prestare la cauzione definitiva prevista dall art. 113 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.., con le modalità e le condizioni previste dal medesimo articolo e dall art. 75 dello stesso D.Lgs.. 2. L importo della cauzione definitiva sarà determinato ai sensi dell art. 113, comma 1, del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.. 3. Nell ipotesi in cui l AMMINISTRAZIONE debba avvalersi in tutto o in parte di tale cauzione, la DITTA è obbligata alla reintegrazione della stessa fino alla percentuale di cui al comma 1 del presente articolo. 4. E fatto comunque salvo il diritto al risarcimento del maggior danno eventualmente patito dall AMMINISTRAZIONE. 5. La garanzia cessa di avere effetto ed è svincolata automaticamente all'emissione del certificato di regolare esecuzione dei servizi e lavori. ART. 15 ORDINI DI SERVIZIO 1. Verificandosi deficienze o abusi nell'adempimento dei servizi e lavori di cui al presente Capitolato e qualora la DITTA, appositamente diffidata, non ottemperi alle disposizioni ricevute impartite nel congruo termine assegnatogli, l AMMINISTRAZIONE avrà la facoltà di ordinare e far eseguire d'ufficio ad altro operatore economico gli interventi necessari per la corretta e regolare degli stessi servizi e lavori, in danno della DITTA stessa e con i costi sostenuti maggiorati del 20%. 2. Al verificarsi dell ipotesi di cui al comma 1, l AMMINISTRAZIONE si riserva la facoltà inoltre di applicare una penale ai sensi del successivo art. 28 e rapportata alla gravità dell inadempienza e di procedere alla risoluzione del contratto incamerando la cauzione e salvo l'ulteriore risarcimento del danno. ART. 16 RISPETTO NORME D.LGS. 81/ La DITTA è tenuta all'osservanza delle disposizioni del D.Lgs. 81/2008 e dovrà ottemperare alle norme in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; a tal fine la DITTA dovrà dotare il personale addetto di indumenti appositi e di mezzi di protezione atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti e dovrà adottare tutti i procedimenti e le cautele atte a garantire l'incolumità dello stesso personale e dei terzi. 2. La DITTA dovrà pertanto, in base alla tempistica stabilita dal D.Lgs. 81/2008, adottare e porre in essere tutte le procedure e gli adempimenti previsti dal medesimo D.Lgs., sollevando l'amministrazione da ogni onere e responsabilità in merito. ART. 17 DANNI A PERSONE E COSE 1. La DITTA è civilmente e penalmente responsabile dei danni derivati da cause ad essa imputabili, di qualunque natura, che risultino arrecati dal proprio personale, mezzi ed attrezzature a cose, persone o animali, tanto dell'amministrazione che di terzi, in dipendenza di omissioni o negligenze nell'esecuzione dei servizi in oggetto, sollevando l'amministrazione, nonché i soggetti da essa preposti alla verifica e controllo, da ogni responsabilità al riguardo. 2. A tal fine la DITTA è obbligata a stipulare un'idonea polizza di Responsabilità Civile verso Terzi (RCT) e di Responsabilità Civile verso i Prestatori di Lavoro (RCO) per i rischi inerenti le attività di cui ai servizi in

10 oggetto, valida per l'intero periodo dei servizi affidati e con massimali non inferiori ai seguenti: A) RCT: a) per sinistro: ,00; b) per persona: ,00; c) per danni: ,00; B) RCO: a) per sinistro: ,00; b) per persona lesa: , L'AMMINISTRAZIONE non è responsabile dei danni causati da comportamenti di terzi estranei al suo organico al personale, ai mezzi ed alle attrezzature della DITTA. ART. 18 ADEGUAMENTO DEI SERVIZI E LAVORI 1. Le sole variazioni del corrispettivo dell'appalto ammissibili sono quelle dipendenti da minori o maggiori prestazioni, sia di personale che di mezzi, ovvero da aggiunta di servizi e dovranno risultare da preventivi accordi, da formalizzare tra l AMMINISTRAZIONE e la DITTA. 2. Non si procederà a dette variazioni, a seguito di verifica effettuata in contraddittorio tra l AMMINISTRAZIONE e la DITTA, qualora le modifiche ai servizi e lavori rientrino all interno dell intervallo pari al ± 5% (più o meno cinque per cento) dell importo del canone mensile riferito alla strutture o immobile oggetto d intervento. ART. 19 OBBLIGHI DEL PERSONALE ADDETTO AI SERVIZI 1. Nell esecuzione dei servizi e lavori di cui al presente Capitolato, il personale della DITTA dovrà: A) mantenere un contegno decoroso ed irreprensibile, riservato, corretto e disponibile alla collaborazione con altri operatori ed in particolare nei riguardi dell'utenza; B) svolgere diligentemente i servizi affidatigli, adottando, nell ambito delle proprie competenze, tutti i necessari accorgimenti e misure al fine di assicurarne la migliore esecuzione ed il massimo risultato; C) sottostare ed adempiere prontamente ad eventuali indicazioni e/o disposizioni impartite dall AMMINISTRAZIONE mediante i soggetti, propri dipendenti od esterni, investiti delle funzioni di controllo e vigilanza sui servizi di cui al presente Capitolato; D) essere dotato di adeguato abbigliamento, sempre in ordine e pulito, di cartellino di riconoscimento riportante l intestazione della DITTA ed il nome dello stesso dipendente; E) assicurare la massima puntualità oraria nell espletamento di specifici servizi; F) abbandonare immediatamente, al termine dello svolgimento dei servizi affidatigli, il luogo di lavoro; G) avvertire preventivamente la DITTA della necessità di approvvigionare prodotti e materiali la cui fornitura sia posta a suo carico; H) avvertire preventivamente l AMMINISTRAZIONE della necessità di approvvigionare prodotti e materiali la cui fornitura sia posta a suo carico; I) mantenere il segreto d'ufficio su fatti e circostanze di cui venga a conoscenza nell'espletamento dei propri compiti; J) attenersi scrupolosamente a tutte le indicazioni segnaletiche ed in particolar modo osservare rigorosamente i divieti contenuti nei cartelli indicatori e in apparecchiature di segnalazione luminosa e/o acustica;

11 K) osservare ed attuare tutte le norme in materia di prevenzione e sicurezza, in special modo prendendosi cura della propria sicurezza e di quella di altre persone presenti nel luogo di lavoro, sulle quali potrebbero ricadere gli effetti di sue azioni od omissioni; L) utilizzare macchine, attrezzature, materiali e prodotti in maniera diligente ed in conformità agli specifici manuali e modalità d uso; M) utilizzare in maniera corretta ed appropriata i dispositivi di protezione, individuali e/o collettivi, segnalando immediatamente alla DITTA eventuali deficienze degli stessi dispositivi o l esistenza di condizioni di pericolo, adoperandosi direttamente in caso di urgenza e nell ambito delle proprie competenze, per eliminare o ridurre al minimo dette deficienze e pericoli; N) economizzare al massimo l uso dell energia elettrica e dell acqua, sia per usi igienico sanitari che per le operazioni di innaffiamento; O) consegnare direttamente (o a mezzo della DITTA) all AMMINISTRAZIONE o alla forza pubblica, ogni oggetto rinvenuto nell espletamento dei propri compiti che possa essere stato da chiunque smarrito nelle strutture ed immobili oggetto dei servizi di che trattasi; P) accertare che porte e cancelli degli edifici e delle strutture oggetto dei servizi di cui al presente Capitolato, siano perfettamente chiusi e che al loro interno non siano eventualmente ancora presenti utenti; Q) accertare che eventuali impianti tecnologici degli edifici e delle strutture oggetto dei servizi, per i quali non è previsto l esercizio continuativo, siano disattivati e non funzionanti, quali ad esempio impianti di illuminazione, idrici, di condizionamento, ecc.. 2. Nell esecuzione dei servizi di cui al presente Capitolato, il personale della DITTA dovrà assolutamente evitare: a) di arrecare qualsiasi danno alle persone, agli animali ed ai beni e proprietà pubbliche e private; b) di trattenersi nelle strutture ed immobili di lavoro al di fuori degli orari stabiliti; c) di accedere senza specifica autorizzazione a locali ed aree diverse da quelle interessate ai servizi; d) di utilizzare, senza specifica autorizzazione macchine, attrezzature, materiali e prodotti di proprietà dell AMMINISTRAZIONE o comunque esistenti presso le strutture ed immobili oggetto dei servizi; e) di introdurre sostanze infiammabili, tossiche o nocive, ovvero materiali e prodotti non necessari all esecuzione dei servizi, in particolare di quelli di pulizia; f) di compiere di propria iniziativa ogni e qualsiasi operazione e manovra che non sia di sua competenza ovvero che possa compromettere la sicurezza propria o di altre persone o che possa cagionare danno alle strutture ed immobili oggetto dei servizi ed a quanto al loro interno esistente, quali rimuovere, modificare o manomettere in alcun modo i dispositivi di sicurezza e/o le protezioni di impianti, macchine ed attrezzature; g) di intralciare, se non per il tempo strettamente necessario all esecuzione dei servizi, vie ed aree pubbliche, passaggi, corridoi, vie di fuga, uscite di sicurezza con macchinari e materiali di qualsiasi natura;

12 h) di chiudere al pubblico transito, anche temporaneamente, vie, strade ed aree pubbliche senza specifiche autorizzazioni o in assenza, qualora necessario, di prescritte ordinanze emanate dai competenti uffici dell AMMINISTRAZIONE; i) di chiudere al pubblico, anche temporaneamente durante gli stabiliti orari di apertura, strutture ed immobili senza specifiche autorizzazioni o in assenza, qualora necessario, di prescritte ordinanze emanate dai competenti uffici dell AMMINISTRAZIONE; j) di utilizzare apparecchiature elettriche a tensioni superiori a quelle consentite; k) di compiere, su organi in moto, qualsiasi operazione di manutenzione e/o pulizia; l) di eseguire servizi e lavori in condizioni di precarietà e pericolo, quali operare su scale e ponteggi in elevazione non conformi alle vigenti norme di sicurezza o transitare sotto carichi sospesi; m) di usare, sul luogo di lavoro, indumenti od abbigliamento che, in relazione alla natura dei servizi e lavori da svolgere, possano costituire pericolo per chi lo indossa; n) di usare indumenti od abbigliamento di lavoro non adeguato e consono all ambiente in cui opera o agli specifici servizi e lavori da svolgere; o) di ostacolare le attività che si svolgono nell ambito delle strutture ed immobili oggetto dei servizi e lavori di cui al presente Capitolato; p) di creare disordine, soprattutto durante i servizi e lavori di pulizia, tra gli arredi e le suppellettili, tra i documenti e le attrezzature, né aprire armadi, cassetti od altro; q) di gettare negli scarichi fognari degli edifici o nei pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, carta, stracci ed altro materiale che possa determinarne l ostruzione o limitarne la funzionalità. ART. 20 ATTREZZATURE E MACCHINARI 1. Per il corretto svolgimento di tutti i servizi oggetto del presente Capitolato la DITTA è tenuta ad impiegare le attrezzature ed i macchinari più idonei in relazione alla loro natura e specificità ed alla loro più celere e migliore esecuzione, nel massimo rispetto delle vigenti norme tecniche e di sicurezza, con onere a totale ed esclusivo suo carico. 2. Le attrezzature ed i macchinari utilizzati per l effettuazione dei servizi dovranno sempre essere rispondenti alle vigenti disposizioni in materia di circolazione stradale, di sicurezza sul lavoro, di prevenzione infortuni, ecc., e pertanto dotati dei necessari atti e/o certificazioni di omologazione, di collaudo, d esercizio, ecc.. ART. 21 ONERI ED OBBLIGHI A CARICO DELLA DITTA 1. Sono a carico della DITTA gli oneri e le spese: A) di fornitura al personale dipendente di indumenti, attrezzatura antinfortunistica, dispositivi di protezione individuale e tutte le incombenze relative all applicazione del D.Lgs. 81/2008 in materia di salute e sicurezza nei posti di lavoro o stabilite dai vigenti C.C.N.L. di categoria; B) di pieno ed integrale rispetto delle vigenti norme e disposizioni in materia di sicurezza nel lavoro e di prevenzioni infortuni nell ambito dello svolgimento dei servizi e lavori di che trattasi;

13 C) di predisposizione ed installazione durante l esecuzione dei servizi e lavori, in conformità alle vigenti norme e leggi, della segnaletica di indicazione di lavori in corso, comprese eventuali recinzioni, protezioni e segnali luminosi. 2. Per il corretto svolgimento di tutti i servizi oggetto del presente Capitolato, in particolare per quelli di pulizia, la DITTA è tenuta, a totale ed esclusivo suo carico, ad utilizzare esclusivamente materiali e prodotti: a) normalmente in commercio, di facile uso, di odore non sgradevole, ad azione rapida, a basso residuo, che non alterino i materiali con cui vengono a contatto; b) atti garantire il pieno rispetto delle norme igieniche e di salvaguardia delle persone e degli ambienti, attualmente vigenti o che dovessero entrare in vigore nel periodo di validità contrattuale; c) che non siano tossici, corrosivi, inquinanti o dannosi per uomini, animali, cose ed ambiente; d) rispondenti alle norme vigenti (ed a quelle che dovessero entrare in vigore nel periodo di validità contrattuale) per quanto riguarda etichettatura, dosaggi, pericolosità, biodegradabilità e modalità d uso; e) più idonei ed efficaci in relazione al tipo ed alle caratteristiche della superficie/supporto da trattare. 3. I prodotti disinfettanti devono essere muniti di registrazione del Ministero della Salute e/o di eventuali altre previste dalle norme vigenti e da quelle che dovessero entrare in vigore nel periodo di validità contrattuale. 4. Non è ammesso l utilizzo di materiali e prodotti anonimi o con etichette illeggibili o abrase. 5. Eventuali errori nell uso di materiali e prodotti e quindi ogni conseguente danno sarà imputato alla DITTA, la quale sarà tenuto al risarcimento del danno causato. 6. I prodotti detergenti e disinfettanti devono essere correttamente conservati in locali non accessibili a terzi ed estranei ai servizi, in contenitori chiusi non sottoposti a diluizione e stoccati in conformità alle vigenti leggi. 7. I rifiuti prodotti e/o raccolti durante l esecuzione dei servizi in oggetto dovranno essere smaltiti, nel rispetto della normativa vigente sulla raccolta differenziata dei rifiuti urbani, mediante conferimento all apposito servizio comunale di raccolta r.s.u. o eventuale diverso smaltimento secondo altre indicazioni dall AMMINISTRAZIONE. 8. I contenitori vuoti ed eventuali residui derivanti dall utilizzo di sostanze impiegate nei servizi di pulizia devono essere immediatamente smaltiti dalla DITTA, direttamente mediante conferimento differenziato al servizio comunale di raccolta r.s.u.. 9. E a totale e completo carico della DITTA il rifornimento continuativo del materiale di consumo dei servizi igienici del complesso cimiteriale: carta igienica, sapone liquido, salviette asciugamani, ecc.). 10. L AMMINISTRAZIONE ha la facoltà di verificare e controllare l idoneità dei materiali e prodotti impiegati e, se ritenuto opportuno, di pretendere la sostituzione di quei prodotti non idonei o non rispondenti ai predetti requisiti. 11. La DITTA è tenuta a rispettare nei confronti del personale le clausole dei contratti collettivi nazionali e degli accordi regionali, territoriali ed aziendali di riferimento, sia per la parte economica che per la parte normativa.

14 12. La DITTA ha l obbligo di segnalare immediatamente all AMMINISTRAZIONE tutte quelle circostanze e fatti che, rilevati nell espletamento del suo compito, possano pregiudicare il regolare svolgimento dei servizi in oggetto. 13. La DITTA si obbliga a sollevare l AMMINISTRAZIONE da qualsiasi azione che possa essergli intentata da terzi o per mancato adempimento degli obblighi di cui al presente Capitolato o per trascuratezza o colpa nell adempimento dei medesimi. 14. La DITTA, prima dell inizio dei servizi e comunque entro e non oltre 10 (dieci) giorni dal loro inizio, dovrà esibire all AMMINISTRAZIONE i documenti comprovanti l avvenuta denuncia del cantiere in questione agli enti previdenziali, assicurativi, ed infortunistici. 15. La DITTA dovrà garantire i servizi di apertura al pubblico del complesso cimiteriale nel rispetto dei calendari disposti dall AMMINISTRAZIONE ed in tutte le previste giornate festive nessuna esclusa, anche nell eventualità che queste siano consecutivamente superiori ad una giornata (festività doppie o triple). ART. 22 ONERI ED OBBLIGHI A CARICO DELL AMMINISTRAZIONE 1. È riservata a carico dell AMMINISTRAZIONE la fornitura: A) dell acqua per gli usi igienico sanitari, di pulizia e di innaffiamento; B) dell energia elettrica per gli impianti elettrici e di illuminazione interna ed esterna; C) delle tinte per tinteggiatura interna degli edifici accessori e di servizio; D) delle vernici e prodotti protettivi per cancelli, inferriate, grate, ecc.; E) di concimi e prodotti, chimici o biologici, per l effettuazione dei programmi di concimazione e di trattamenti antiparassitari di manti erbosi artificiali, di fiori ed essenze arboree ed arbustive; F) di fiori, siepi ed essenze arbustive ed arboree da mettere a dimora; G) di silicone o materiale similare per la sigillatura/chiusura dei loculi. ART. 23 SERVIZI E LAVORI STRAORDINARI 1. L'AMMINISTRAZIONE potrà richiedere alla DITTA l esecuzione di servizi/lavori straordinari, maggiori e/o diversi rispetto a quelli previsti dal presente Capitolato. 2. Gli oneri sostenuti in tali occasioni dalla DITTA verranno liquidati a parte, previo accordo tra le parti. ART. 24 NORME E DISPOSIZIONI VARIE Tutte le prestazioni ed i relativi orari di svolgimento dei servizi previsti dal presente Capitolato verranno concordati fra l AMMINISTRAZIONE e la DITTA nel rispetto sia delle disposizioni stabilite dal C.C.N.L. vigente per la categoria ed il settore di riferimento che di altre norme comunque disciplinanti i servizi di che trattasi. ART. 25 CESSIONE DEL CREDITO Ai sensi dell art. 1260, comma 2, del Codice Civile, è esclusa qualunque cessione di crediti da parte della DITTA senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell AMMNISTRAZIONE.

15 ART. 26 CESSIONE DEL CONTRATTO 1. E fatto assoluto divieto alla DITTA di cedere, sotto qualunque forma, in tutto o anche solo in parte, il contratto d appalto a pena di nullità. 2. Sono fatti salvi i casi di trasformazione, fusione e scissione della DITTA per i quali la cessio ne del contratto è consentita ai sensi delle vigenti norme e leggi, previa autorizzazione dell AMMINISTRAZIONE ed a condizione che il cessionario, oppure il soggetto risultante dall avvenuta trasformazione, fusione o scissione, possieda i requisiti previsti per l affidamento dei servizi in oggetto e accetti incondizionatamente tutti gli obblighi e disposizioni di cui al presente Capitolato. ART. 27 RISOLUZIONE ANTICIPATA DEL CONTRATTO. L AMMINISTRAZIONE si riserva la facoltà di procedere a risoluzione anticipata del contratto per grave inadempimento ai sensi dell art del Codice Civile e mediante semplice lettera raccomandata con messa in mora di 15 (quindici) giorni, senza necessità di ulteriori adempimenti, nei seguenti casi: A) frode nell'esecuzione dei servizi e lavori; B) inadempimento alle disposizioni dell AMMINISTRAZIONE riguardo alle modalità ed ai tempi di esecuzione dei servizi e lavori; C) manifesta incapacità o inidoneità, anche solo legale, nell'esecuzione dei servizi e lavori; D) inadempienza accertata alle norme di legge sulla prevenzione degli infortuni, la sicurezza sul lavoro e le assicurazioni obbligatorie del personale; E) sospensione e/o interruzione dei servizi e lavori senza giustificato motivo; F) rallentamento dei servizi e lavori, senza giustificato motivo, in misura tale da pregiudicarne la corretta e regolare esecuzione degli stessi nei termini previsti dal presente Capitolato; G) subappalto abusivo, associazione in partecipazione, cessione anche parziale del contratto; H) non rispondenza di materiali e beni forniti alle disposizioni del presente Capitolato ed allo scopo dei servizi e lavori. Al verificarsi di qualsiasi delle anzidette ipotesi di risoluzione contrattuale, la DITTA è sempre tenuta al risarcimento dei danni all AMMINISTRAZIONE. ART. 28 PENALITA 1. Le inadempienze contrattuali, accertate dagli organi preposti dall AMMINISTRAZIONE e contestate alla DITTA, fatti salvi i casi di forza maggiore e non riconducibili a colpa grave o volontà della stessa, comportano l'applicazione delle seguenti penalità: A) per ritardato (o non effettuato) servizio di apertura/chiusura al pubblico del complesso cimiteriale o anche di uno sola struttura che lo compone: per ogni inadempienza sarà applicata una penale di importo non inferiore ad 25,00 (venticinque) e non superiore ad 100,00 (cinquecento);

16 B) per tutti i servizi: sarà applicata una penale di importo non inferiore ad 50,00 (cinquanta) e non superiore ad 500,00 (cinquecento) per ogni servizio non svolto nei giorni/orari stabiliti o svolto in quantità e qualità inadeguate. 2. L'AMMINISTRAZIONE si obbliga a segnalare per iscritto, ogniqualvolta vengano accertate, le eventuali inadempienze rilevate nell'operato della DITTA. 3. Le eventuali giustificazioni della DITTA dovranno essere fatte per iscritto e pervenire all'amministrazione entro il termine di 5 (cinque) giorni dalla data di ricezione delle note di infrazione di cui al comma precedente. 4. Trascorso detto termine senza che la DITTA abbia fornito giustificazioni, o che le stesse siano ritenute insufficienti a insindacabile giudizio dell'amministrazione, si procederà ad applicare le anzidette penali. 5. Le penalità addebitate verranno trattenute dall'importo mensile del canone. ART. 29 CONTROVERSIE La risoluzione di eventuali controversie è unicamente demandata all Autorità Giudiziaria ordinaria. Il foro competente è quello del Tribunale di ORISTANO. ART. 30 CONTRATTO La DITTA è obbligata a stipulare il contratto di affidamento dei servizi e lavori in oggetto che avrà luogo in forma pubblico amministrativa, previo versamento dei diritti di segreteria e delle spese inerenti e conseguenti al contratto che sono a totale carico della DITTA stessa. ART. 31 COSTITUZIONE IN MORA I termini e le comminatorie del presente Capitolato, operano nel pieno diritto senza obbligo per l AMMINISTRAZIONE della costituzione in mora della DITTA. ART. 32 RISPETTO IN MATERIA DI PRIVACY 1. La DITTA è tenuta alla piena e totale osservanza delle disposizioni del D.Lgs. 193/2003; a tal fine la DITTA dovrà comunicare all AMMINISTRAZIONE il proprio responsabile della privacy. ART. 33 DISPOSIZIONI FINALI La DITTA si considera, all'atto dell'assunzione dei servizi, a perfetta conoscenza delle strutture, immobili e luoghi su cui dovranno eseguirsi i medesimi servizi oggetto del presente Capitolato. L AMMINISTRAZIONE notificherà alla DITTA tutte le deliberazioni, ordinanze o altri provvedimenti ed atti che comportino variazione della situazione iniziale di contratto. ART. 34 NORME DI RINVIO 1. Per quanto non espressamente previsto nel presente Capitolato si rinvia a quanto espressamente previsto dalle norme vigenti in materia di servizi pubblici e di polizia cimiteriale.

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari,

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Viale dei Giornalisti 6, Edificio E, per una durata di 24 mesi. L anno duemilatredici, il giorno 07 del mese di agosto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune Direzione Generale INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento. Principi generali,

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli