I L CO NSIGL IO CO MUNAL E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I L CO NSIGL IO CO MUNAL E"

Transcript

1 Pag. 1 I L CO NSIGL IO CO MUNAL E Premesso che: - con deliberazione giuntale n. 607 del 27 dicembre 2010 è stato deciso di dar corso alla redazione della progettazione preliminare/definitiva finalizzata alla costruzione del nuovo forno crematorio da realizzare nel cimitero comunale di Sant Anna; - tale progettualità è stata affidata all Acegas-Aps S.p.A., ai sensi del contratto di affidamento dei servizi funerari stipulato con atto Rep.n del 30 maggio 2000; - con deliberazione consiliare n. 6 del 7 marzo 2011 concernente l approvazione del bilancio di previsione per l anno 2011 ed il bilancio pluriennale , l Amministrazione ha individuato tra le priorità d intervento la costruzione dell impianto in parola, suddividendo le lavorazioni in due distinte fasi operative (rispettivamente Fase 1 da realizzare nell anno in corso e Fase 2 da realizzare nel corso del 2012), di cui i codici progetto n.ri e 11068, debitamente inseriti nel Piano Triennale dei Lavori Pubblici ; rilevato che: - l intervento dianzi citato comporta inevitabilmente una modifica del vigente Piano Regolatore Cimiteriale del cimitero comunale di Sant Anna, approvato con deliberazione consiliare n. 80 del 24 e 25 luglio 1997; - ai sensi dell art. 91 del Regolamento di polizia mortuaria, approvato con D.P.R. n.285 del 1990, le aree cimiteriali destinate alla costruzione di sepolture private devono essere previste nei Piani Regolatori Cimiteriali, - ai sensi dell art. 54 del Regolamento, dianzi citato, gli uffici comunali o consorziali competenti, devono essere dotati di una planimetria in scala 1:500 dei cimiteri esistenti nel territorio del comune, estesa anche alle zone circostanti comprendendo le relative zone di rispetto cimiteriale; - tali planimetrie devono essere aggiornate ogni cinque anni o quando siano creati nuovi cimiteri o siano soppressi quelli vecchi o quando a quelli esistenti siano state apportate modifiche ed ampliamenti; - la Divisione Servizi Funerari dell Acegas-Aps S.p.A., in data 24 ottobre 2011 ha presentato alla Direzione dell Area Servizi di Direzione Generale/Servizi Gestione e Controllo Demanio e Patrimonio Immobiliare il progetto preliminare per la realizzazione del nuovo forno crematorio e conseguente variante al Piano Cimiteriale del cimitero comunale di Sant Anna;

2 Pag. 2 vista la documentazione predisposta dalla Società, composta dai seguenti elaborati: VARIANTE AL PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DEL CIMITERO DI SANT ANNA 1) Elab. 1.vpc - Relazione tecnico-illustrativa; 2) Elab. 2.vpc - Stato di fatto Piano cimiteriale e P.R.G.C.; 3) Elab. 3.vpc - Stato di progetto e planivolumetrico PROGETTO PRELIMINARE 1^FASE - OPERE EDILI Tav. 1.ed - Documentazione generale - Opere edili Tav. 1.rg. - Relazione generale e quadro economico generale complessivo Tav. 2.ed - Capitolato speciale prestazionale - Opere edili Tav. 3 ed - Stato di fatto - Strumenti urbanistici Tav. 4.ed - Stato di fatto - Planimetria Tav. 5.ed - Stato di fatto - Prospetti e sezioni Tav. 6.ed - Stato di progetto - Piante, prospetti e sezioni Tav. 7.ed - Stato di progetto - Impianto elettrico Tav. 8.ed - Stato di progetto - Impianto termico PROGETTO PRELIMINARE 2^FASE - FORNO CREMATORIO Tav. 1.fc - Documentazione generale impianto forno crematorio Tav. 2.fc - Capitolato speciale prestazionale impianto forno crematorio Tav. 3.fc - Studio di prefattibilità ambientale e impianto forno crematorio Tav. 4.fc - Schemi grafici impianto forno crematorio PROGETTO PRELIMINARE 3^FASE - ARREDI E OPERE COMPLEMENTARI Tav. 1.ar - Relazione generale arredi e opere complementari Tav. 2.ar - Stato di progetto arredi e area esterna preso atto che: - il progetto presentato dalla Società prevede che l impianto in questione venga realizzato all interno del cimitero di Sant Anna - e più precisamente in prossimità dell area

3 Pag. 3 denominata cimitero ottomano - dove sussiste una zona disponibile ad eventuali modifiche di destinazione d uso e non ancora utilizzata per altri fini; - la variante al Piano cimiteriale di cui sopra prevede l utilizzazione di un area per una superficie pari a 1500 mq per la realizzazione di un impianto crematorio di superficie corrispondente a 485 mq con una cubatura urbanistica di 2300 mc, sfruttando l attuale sedime del capannone presso il quale veniva ospitato il dismesso trituratore, il tutto delimitato da una cornice di area verde; - in tale ambito nella restante area tecnica vi è la possibilità di individuare un ulteriore ampliamento fino a 1.130mc per un totale complessivo finale di mc; osservato che sotto il profilo economico la spesa necessaria alla realizzazione degli interventi di cui sopra è riassunta come segue: Riepilogo generale 1^ fase - Opere edili A Importo dei lavori Euro ,00 B Somme a disposizione Euro ,00 C Totale 1^fase Euro ,00 Riepilogo generale 2^ fase - Forno Crematorio A Importo dei lavori Euro ,00 B Somme a disposizione Euro ,41 C Totale 2^fase Euro ,41 Riepilogo generale 3^ fase - Arredi e opere complementari A Importo dei lavori Euro ,00 B Somme a disposizione Euro ,00 C Totale 3^fase Euro ,00 Riepilogo generale 1^,2^ e 3^ fase A Importo dei lavori Euro ,00 B Somme a disposizione Euro ,41 C Totale 1^,2^,3^ fase Euro ,41 considerato che: - come illustrato dalla Relazione generale (Elab. 1.rg) facente parte integrante del presente provvedimento, l impianto di cremazione esistente denota dei limiti propri determinati dall obsolescenza, pur risultando i parametri di esercizio entro i valori di autorizzazione,

4 Pag. 4 - le autorizzazioni rilasciate dalla Provincia verranno a scadere nel 2013; - la Provincia di Trieste con nota di data 7 agosto 2011, condividendo i principi tecnici esposti dall Acegas-Aps SpA auspica che la realizzazione del nuovo impianto di cremazione avvenga nei tempi più rapidi possibili in quanto il nuovo impianto costituisce un miglioramento tecnologico volto a diminuire l impatto ambientale e pertanto in grado di rientrare nei parametri; - la realizzazione di nuovo impianto assicura ampiamente il rispetto dei parametri anche in presenza di limiti più restrittivi previsti dalle norme in materia, tenuto conto della tendenza a diminuire l impatto ambientale in termini di emissioni nell atmosfera, - necessita quindi prevedere la realizzazione di una terza linea di cremazione che supporti e sostituisca gli impianti esistenti, consentendo di dare continuità al servizio di cremazione, evitando conseguentemente una pesante ricaduta in termini di necessità di spazi da destinare a sepolture; osservato che - ai sensi del V comma dell art. 2 dell allegato A, al contratto di affidamento su richiamato, l Acegas-Aps S.p.A. effettua la progettazione degli interventi necessari per dare attuazione a quanto previsto nei Piani Regolatori Cimiteriali del Comune di Trieste, nonché la costruzione dei relativi manufatti; - dall ambito urbanistico, la variante al Piano cimiteriale del cimitero di sant Anna viene affrontato nella sua completezza, aggiornando con il presente provvedimento i nuovi orientamenti determinati dalla realizzazione del nuovo impianto in parola; dato atto che: - il progetto preliminare per la realizzazione di un nuovo forno crematorio e la correlata proposta di variante al Piano Cimiteriale risultano conformi con il P.R.G.C. vigente, che include il cimitero di Sant Anna in U1 zone per servizi ed attrezzature pubbliche ; - ai sensi dell art delle Norme tecniche di attuazione del P.R.G.C., in tali zone gli interventi di ampliamento e di nuova realizzazione devono essere corredati da uno studio preliminare e planivolumetrico (S.P.P.), soggetto ad approvazione del Consiglio comunale, diretto a definire i parametri edilizi degli interventi, le interconnessioni tra le altre attrezzature, l accessibilità ed il rapporto con la struttura viaria esistente, le qualità ambientali e paesaggistiche del sito, adeguate sistemazioni dei parcheggi e del verde; - lo S.P.P. è altresì soggetto alla valutazione della Commissione per il Paesaggio; esaminati gli elaborati prodotti da Acegas-Aps S.p.A., prot. corr. 12-9/8-1/26-10 e prot. corr. 12-9/8-1/19-10, costituenti lo S.P.P. e di seguito elencati:

5 Pag. 5 STUDIO PRELIMINARE E PLANIVOLUMETRICO Elab. 4.1vpc - Stato di progetto (SPP) - Parametri urbanistici, planivolumetrico, documentazione fotografica Elab. 4.2vpc - Stato di progetto (SPP) Accessibilità e assetto vegetazionale Elab. 4.3vpc - Stato di progetto (SPP) Servizi a rete Elab. 3. vpc - Stato di progetto e planivolumetrico visti: - la valutazione nel merito espressa dal Servizio Sanitario Regionale/Azienda per i Servizi Sanitari n. 1-Triestina/Unità Funzionale di Polizia Mortuaria, con parere del 29 settembre 2011, conservato in atti, a seguito del quale la Società ha provveduto alla revisione del progetto presentato secondo le indicazioni espresse dall Azienda medesima; - il parere favorevole espresso dall Area Pianificazione Territoriale, del 29 novembre 2011, in quanto lo studio soddisfa quanto disposto dalle norme del P.R.G.C., con l avvertenza che negli elaborati progettuali dovrà essere perimetrata l area di intervento posizionata all interno della zona U1. A tale riguardo si osserva che quanto sopra segnalato viene recepito nella tavola 3.vpc, allegata al presente provvedimento; - ai sensi dell art. 1, comma 2, lettera C), del Regolamento per l istituzione e la disciplina della Commissione per il Paesaggio, la Commissione medesima in data 28 novembre 2011 ha espresso parere favorevole all intervento proposto; - l art.42 del D.lgs , n.267, in ordine alla competenza del Consiglio Comunale quale organo preposto all approvazione dei piani di cui trattasi; dato atto altresì che l approvazione della variante del Piano Regolatore Cimiteriale di Sant Anna, non comporta e non costituisce variante al P.R.G.C.; ritenuto pertanto di dar corso: - all approvazione, ai sensi degli artt. 54, comma 2, e 91 del D.P.R. 10 settembre 1990, n.285, Regolamento di Polizia Mortuaria della variante del Piano Regolatore Cimiteriale di Sant Anna; - all approvazione dello studio preliminare e planivolumetrico, ai sensi dell art delle Norme tecniche di attuazione del P.R.G.C., prodromica all intervento di modifica ed ampliamento della costruzione esistente e di sistemazione di un area destinata alla realizzazione di un nuovo forno crematorio nel comprensorio cimiteriale di Sant Anna, situato in U1 zone per servizi ed attrezzature pubbliche ;

6 Pag. 6 - all approvazione del progetto preliminare del nuovo forno crematorio da realizzarsi nel cimitero comunale di Sant Anna, in conformità al progetto presentato dalla Divisione Servizi Funerari dell dall Acegas-Aps S.p.A. in data 24 ottobre 2011, che forma parte integrante del presente provvedimento; di riconoscere alla Società la corresponsione degli oneri dovuti a titolo di prestazioni professionali, resi per la progettazione di cui sopra quantificate in Euro ,00 Iva in misura di legge inclusa, le quali trovano copertura al Capitolo Incarichi professionali esterni relativi ai cimiteri a cura del Servizio Controllo Attività Esternalizzate - finanziati con avanzo di amministrazione - del Bilancio 2010, CEC P3000, Impegno 10/8399, assunto con deliberazione giuntale n.607 del 27 dicembre 2010 ; dato atto che il suddetto progetto è previsto nel piano triennale delle opere come segue: - 1 fase per euro ,00 nell esercizio 2011 finanziato con mutuo da assumere con la CDDPP (programma 63001, progetto 08109); - 2 fase per euro ,00 finanziato con contributo regionale (programma 63001, progetto 11068); dato atto altresì che è in corso di predisposizione il piano triennale delle opere nel quale verrà inserito quanto segue: - 2 fase per euro ,41; - 3 fase per euro ,00; richiamato il Titolo VI del Regio Decreto 27 luglio 1934, n Testo unico delle leggi sanitarie relativo alla polizia mortuaria; vista la circolare esplicativa del Ministero della Sanità 24 giugno 1993, n. 24; acquisiti i pareri dei seguenti consigli Circoscrizionali: (ai sensi dell art. 24 Funzioni consultive, punti 3) e 4) del Regolamento delle Circoscrizioni di Decentramento - Approvato con D.C. n. 108 dd e s.m.i.) tutto ciò premesso e ritenuto d e l i b e r a 1) di approvare, ai sensi degli artt. 54, comma 2, e 91 del D.P.R. 10 settembre 1990, n.285, Regolamento di Polizia Mortuaria, la variante al Piano Regolatore Cimiteriale del cimitero di Sant Anna, finalizzata alla realizzazione del nuovo forno crematorio, in conformità agli elaborati grafici, denominati Variante al Piano Cimiteriale (Elab. 1.vpc, 2.vpc, 3.vpc), redatti dalla Divisione Servizi Funerari dell Acegas-Aps S.p.A. in data 24 ottobre 2011, che formano parte integrante del presente provvedimento;

7 Pag. 7 2) di approvare contestualmente lo Studio preliminare e planivolumetrico, ai sensi dell art delle Norme tecniche di attuazione del P.R.G.C., relativo all intervento in parola ricadente in U1 zone per servizi ed attrezzature pubbliche, costituito dagli elaborati grafici elencati in premessa sotto tale voce, allegati al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale; 3) di approvare altresì in linea tecnica il progetto preliminare del nuovo forno crematorio da realizzarsi nel cimitero comunale di Sant Anna, in conformità agli elaborati grafici, denominati Progetto Preliminare - 1^, 2^ e 3^ fase, redatti dalla Società medesima, in data 24 ottobre 2011, che formano anch essi parte integrante del presente provvedimento; 4) di dare atto il suddetto progetto è previsto come segue nel piano triennale delle opere : - 1 fase per euro ,00 nell esercizio 2011 finanziato con mutuo da assumere con la CDDPP (programma 63001, progetto 08109); - 2 fase per euro ,00 finanziato con contributo regionale (programma 63001, progetto 11068); 5) di dare atto altresì che è in corso di predisposizione il piano triennale delle opere nel quale verrà inserito quanto segue: - 2 fase per euro ,41; - 3 fase per euro ,00; 6) di dare atto che l approvazione della variante al Piano Regolatore Cimiteriale del cimitero di Sant Anna, di cui trattasi, non comporta e non costituisce variante al P.R.G.C.; 7) di dare atto altresì che l approvazione dei singoli progetti d intervento, avverrà secondo le norme vigenti in materia di lavori pubblici, sanità ed urbanistica, nel contesto della programmazione triennale delle opere. 8) di riconoscere alla Società la corresponsione degli oneri dovuti a titolo di prestazioni professionali, resi per la progettazione di cui sopra quantificati in Euro ,00 Iva in misura di legge inclusa, i quali trovano copertura al Capitolo Incarichi professionali esterni relativi ai cimiteri a cura del Servizio Gestione e Controllo Demanio e Patrimonio Immobiliare - finanziati con avanzo di amministrazione - del Bilancio 2010, CEC P3000, Impegno 10/8399, assunto con deliberazione giuntale n.607 del 27 dicembre 2010.

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Città di Ugento Provincia di Lecce SETTORE LAVORI PUBBLICI Tel. 0833/557222-224-246 - Fax 0833/955128 Codice Fiscale 81003470754 www.comune.ugento.le.it e-mail: ufficiolavoripubblici@comune.ugento.le.it

Dettagli

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI MELICUCCA Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it Sommario STUDIO DI FATTIBILITA PROJECT FINANCING INTERVENTO INSERITO NEL BILANCIO 2010-2012 REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 13/2015 Promossa dalla Giunta al Consiglio Comunale nella seduta del 5 febbraio 2015 OGGETTO: Realizzazione del Campus sportivo di Beata Giuliana. Affidamento della costruzione e gestione mediante concessione

Dettagli

L anno duemilaotto, addì nove del mese di luglio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 9,30

L anno duemilaotto, addì nove del mese di luglio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 9,30 PAG. 1 OGGETTO: Ampliamento Civico Cimitero secondo lotto primo stralcio Edificio principale, torre ascensori e tombe di famiglia. Approvazione progetto definitivo. L anno duemilaotto, addì nove del mese

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 588 DEL 06 DICEMBRE 2010 OGGETTO: CIMITERI - FORNO CREMATORIO PRESSO IL CIMITERO URBANO DI BIELLA. PROPOSTA DI FINANZA DI PROGETTO.

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Progettisti: Geom. Giuseppe Pugliese Geom. Fabio Reho INTRODUZIONE Il progetto

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Il Cons. Boer chiede di portare il punto riguardante la documentazione dell appalto in Consiglio comunale.

Il Cons. Boer chiede di portare il punto riguardante la documentazione dell appalto in Consiglio comunale. N. 14 in data 4 marzo 2008 OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE AMPLIAMENTO E ADEGUAMENTO FUNZIONALE DELLA CASA DI RIPOSO DEL COMUNE DA REALIZZARE MEDIANTE CONCESSIONE DI COSTRUZIONE CON GESTIONE PLURIENNALE DELLA

Dettagli

Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino

Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino Comune di Piobesi Torinese Provincia di Torino COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.75 OGGETTO: PROPOSTA PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE IN CONCESSIONE, CON LA FORMULA DELLA "FINANZA

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19..

DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19.. DCC n. del 16.07.2014. Oggetto: Piano Regolatore Comunale Adozione Variante parziale n. 19.. Il Sindaco, prima di iniziare la discussione relativa alla Variante Parziale n.19 dà lettura del comma 2 dell'art.

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA. n. 29 del 3/02/2015

PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA. n. 29 del 3/02/2015 COPIA PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA n. 29 del 3/02/2015 Oggetto: Comune di Osimo Variante al PRG ex Consorzio Agrario Parere favorevole L anno 2015, il giorno tre del mese

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

RENDE NOTO. Prot. n. 12617 del 24.10.2014

RENDE NOTO. Prot. n. 12617 del 24.10.2014 Piazza Roma, 365 0823 759511 759523 0823 759517 C.F. 80004570612 - P. IVA 01299510618 Prot. n. 12617 del 24.10.2014 Sito web : http//www.comunesantamariaavico.it e-mail : gennaro.isoletti@comunesantamariaavico.it

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI LUCIGNANO Provincia di Arezzo DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Atto n. 17 Seduta del 12 maggio 2008 Oggetto: Variante n. 9/R.U. per il Piano di Recupero in loc. Tozzo ai sensi dell art. 73,

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 168/2010 della Giunta comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 168/2010 della Giunta comunale COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Ufficio Delibere originale VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 168/2010 della Giunta comunale OGGETTO: «REALIZZAZIONE NUOVA SCALA ESTERNA PRESSO LA SCUOLA ELEMENTARE

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROVINCIA DI ALESSANDRIA PROCEDURA DI GARA APERTA COL SISTEMA DELLA FINANZA DI PROGETTO AI SENSI DEGLI ARTT.153 E SEGUENTI DEL D.LGS. 163/06 E SS.MM.II. PER L AFFIDAMENTO IN

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO N. 30/C Reg. Determinazioni Valeggio s/m 30/05/2013 Determinazione del Responsabile del Settore Lavori Pubblici Oggetto: REALIZZAZIONE SCUOLA DELL'INFANZIA A SALIONZE. REVISIONE INCARICO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G E T T O

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G E T T O C O P I A Comune di Bovolenta Provincia di Padova Deliberazione n. 24 in data 30-07-2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione O G G

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale N. 00 del 00/00/014 Area: AREA TECNICA Oggetto: CONTRODEDUZIONE ALLE RISERVE FORMULATE DALLA GIUNTA PROVINCIALE E ALLE OSSERVAZIONI PERVENUTE E APPROVAZIONE DELLA VARIANTE

Dettagli

Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II

Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II Sistema Gestionale FIPRO2 Fase II Domanda di finanziamento: documenti obbligatori, spese ammissibili, supporto alla compilazione Dott. Fabio CHERCHI Venturina, 14 Ottobre 2011 Sommario della presentazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014 OGGETTO: PIANO DI RECUPERO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 7 MAGGIO 1985 N. 57 FINALIZZATO ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

AREA CITTA' E TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE ED ENERGIA PO ENERGIA E IMPIANTI REG. DET. DIR. N. 3288 / 2012. Prot. corr.

AREA CITTA' E TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE ED ENERGIA PO ENERGIA E IMPIANTI REG. DET. DIR. N. 3288 / 2012. Prot. corr. Pag. 1 / 4 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CITTA' E TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE ED ENERGIA PO ENERGIA E IMPIANTI REG. DET. DIR.

Dettagli

- Tavola A Planimetria catastale; planimetria del contesto; pianta dello stato attuale e interventi; pianta del soppalco;

- Tavola A Planimetria catastale; planimetria del contesto; pianta dello stato attuale e interventi; pianta del soppalco; Richiamata la deliberazione della Giunta Comunale n. 105 del 30.10.2006 avente ad oggetto Adozione del programma triennale dei Lavori Pubblici anni 2007 2009 ; Richiamata la determina n. 448 del 01.12.2006

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE

PERMESSO DI COSTRUIRE Pratica Edilizia n. 1192/2011 Prot. n. 6903 Area Tecnica Del 16/06/2011 PERMESSO DI COSTRUIRE (ai sensi del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. e della L.R. 16/2008 e s.m.i.) IL RESPONSABILE AREA TECNICA - Vista

Dettagli

Riqualificazione Area Logistica Magazzini Malpensa

Riqualificazione Area Logistica Magazzini Malpensa Riqualificazione Area Logistica Magazzini Malpensa CONCORSO DI IDEE ECOPARK MM 1. Soggetto Banditore Il soggetto banditore è la Società MAGAZZINI MALPENSA S.p.A. Sede Legale in via del Gregge, 220-21015

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER I CRITERI DI RIPARTIZIONE E PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROCEDURA INERENTE I CONTRIBUTI INTROITATI DAL COMUNE A TITOLO DI ONERI DI URBANIZZAZIONE

Dettagli

CONCORSO D IDEE PER LA PROGETTAZIONE DEL NUOVO TEMPIO SOCREM PRESSO IL CIMITERO MONUMENTALE DI PAVIA

CONCORSO D IDEE PER LA PROGETTAZIONE DEL NUOVO TEMPIO SOCREM PRESSO IL CIMITERO MONUMENTALE DI PAVIA SOCREM Società Pavese per la Cremazione Fondata nel 1881 - Ente Morale 1 CONCORSO D IDEE PER LA PROGETTAZIONE DEL NUOVO TEMPIO SOCREM PRESSO IL CIMITERO MONUMENTALE DI PAVIA 1. SOCIETA BANDITRICE Società

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 318 di data 24 giugno 2014

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 318 di data 24 giugno 2014 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 318 di data 24 giugno 2014 OGGETTO: Affidamento alla ditta Ser. Cim. Ledrense del servizio di

Dettagli

ADOZIONE DEL PIANO ATTUATIVO DENOMINATO P.L. 8 IN VARIANTE SITO TRA LE VIE PADRE TUROLDO/S.P.121, AI SENSI DELL'ART. 14 DELLA L.R. N 12/2005 E S.M.I.

ADOZIONE DEL PIANO ATTUATIVO DENOMINATO P.L. 8 IN VARIANTE SITO TRA LE VIE PADRE TUROLDO/S.P.121, AI SENSI DELL'ART. 14 DELLA L.R. N 12/2005 E S.M.I. ADOZIONE DEL PIANO ATTUATIVO DENOMINATO P.L. 8 IN VARIANTE SITO TRA LE VIE PADRE TUROLDO/S.P.121, AI SENSI DELL'ART. 14 DELLA L.R. N 12/2005 E S.M.I. Proposta di delibera del 09/07/15 Su proposta dell

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 105522 del 16/04/2009

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 105522 del 16/04/2009 Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste AREA-07 Servizio: URBANISTICA Ufficio: URBANISTICA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 105522 del 16/04/2009 OGGETTO: AREA N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE Deliberazione consiliare n. 87 dd. 9 ottobre 2008 divenuta esecutiva in data 1 novembre 2008 2 REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE

Dettagli

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società

MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI COSTRUIRE DATI DEL RICHIEDENTE. Il/La sottoscritto/a La Società ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio D.I.A. MODULO D.I.A. IN ALTERNATIVA AL PERMESSO DI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Ufficio Delibere originale VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 148/2010 della Giunta comunale OGGETTO: Consegna ai familiari delle ceneri di persona defunta e dispersione

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI CAPURSO. (Provincia di Bari) Convenzione urbanistica di lottizzazione per l organizzazione

COMUNE DI CAPURSO. (Provincia di Bari) Convenzione urbanistica di lottizzazione per l organizzazione COMUNE DI CAPURSO (Provincia di Bari) Rep. n. Convenzione urbanistica di lottizzazione per l organizzazione conformativa del territorio comunale ai sensi dell art. 28 legge regionale n. 56 del 1980, dell

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI

CITTA' DI CASTROVILLARI CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI EDICOLE PRIVATE NEL CIMITERO DI CASTROVILLARI. Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.8 del 23 Marzo 2007

Dettagli

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 174 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 174 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 174 in data 17/10/2011 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: INTERVENTO DI RECUPERO PIAZZALE ARTIGIANI - APPROVAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore MARCONI FABIO. Responsabile del procedimento MARCONI FABIO. Responsabile dell' Area G. ARCA' Direttore Regionale M.

DETERMINAZIONE. Estensore MARCONI FABIO. Responsabile del procedimento MARCONI FABIO. Responsabile dell' Area G. ARCA' Direttore Regionale M. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI DETERMINAZIONE N. G08763 del 17/06/2014 Proposta n. 8773 del 19/05/2014 Oggetto: RAECYCLE

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI

COMUNE DI NICOLOSI. Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI COMUNE DI NICOLOSI Provincia di Catania STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI LOCULI CIMITERIALI NEL CIMITEROCOMUNALE DI NICOLOSI Indice: A) RELAZIONE ILLUSTRATIVA: pag: 3 1. Inquadramento

Dettagli

Secondo Bando. Provincia di Roma

Secondo Bando. Provincia di Roma Provincia di Roma Programma per la formazione di interventi integrati di valorizzazione e sviluppo degli insediamenti storici della Provincia di Roma - PRO.V.I.S. 2007 Secondo Bando Programma per la formazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE. - Provincia di Bologna - REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE. - Provincia di Bologna - REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE - Provincia di Bologna - Repertorio n.. REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA REGIONALE 24 MARZO 2000, N. 20 E ART. 11 LEGGE N.

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa

COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa COMUNE DI PONSACCO Provincia di Pisa 3 SETTORE Ufficio Urbanistica RELAZIONE TECNICA-URBANISTICA ISTRUTTORIA PRATICA EDILIZIA: n 04/2010 Intestatario:Taliani Luigi ed altri Oggetto Intervento: Lottizzazione

Dettagli

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO. Il sottoscritto cod. fisc.

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO. Il sottoscritto cod. fisc. AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO N. Prot. OGGETTO: COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Istallazione di un impianto fotovoltaico (Art.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA ATTO AGGIUNTIVO AL CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA COSTRUZIONE E GESTIONE DELL IMPIANTO DI CREMAZIONE

REPUBBLICA ITALIANA ATTO AGGIUNTIVO AL CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA COSTRUZIONE E GESTIONE DELL IMPIANTO DI CREMAZIONE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA ATTO AGGIUNTIVO AL CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA COSTRUZIONE E GESTIONE DELL IMPIANTO DI CREMAZIONE NELL AREA CIMITERIALE. Repertorio n. 6198

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

SERRAVALLE SCRIVIA. PROGETTO PRELIMINARE Art. 22 CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA E QUADRO ECONOMICO

SERRAVALLE SCRIVIA. PROGETTO PRELIMINARE Art. 22 CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA E QUADRO ECONOMICO COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA PROPOSTA DI PROJET FINANCING PER LA REALIZZAZIONE E GESTIONE DI UN TEMPIO CREMATORIO CON ANNESSA SALA DEL COMMIATO DA REALIZZARSI NEL CIMITERO COMUNALE REALIZZAZIONE AI SENSI

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO

ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO ATTIVITÀ FUNEBRE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IMPRESA FUNEBRE/GESTIONE CASA FUNERARIA COMUNICAZIONE GESTIONE CASA DEL COMMIATO AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _ D. Lgs. 59/2010, L. 241/1990...l... sottoscritt...:

Dettagli

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ( ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE) N. 1 17/01/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA PIANO DEL

Dettagli

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 374 di data 20 agosto 2015 OGGETTO: Trattativa privata ai sensi dell art. 21, commi 2 lettera

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI LOCULI NEL CIMITERO COMUNALE DI BUCCIANO

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI LOCULI NEL CIMITERO COMUNALE DI BUCCIANO RICHIAMATI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI LOCULI NEL CIMITERO COMUNALE DI BUCCIANO IL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO Il vigente regolamento comunale di polizia mortuaria, approvato con delibera Consiliare

Dettagli

38 CON DELIBERAZINE CONSILIARE N. 37/08.07.2009 SONO STATE APPROVATE LE SEGUENTI MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA, APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 100 IN DATA

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 220 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 31/12/2014 OGGETTO APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE DEI LAVORI PER IL PERIODO 2015-2017 E DELL'ELENCO ANNUALE DEI LAVORI PER L'ANNO

Dettagli

COMUNE DI MILIS PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI MILIS PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI MILIS PROVINCIA DI ORISTANO P IAZZA M ARCONI, 4 -CAP 09070 0783 51665/6/7 - FAX 078351680 AREA TECNICA Prot. n. del 12.02.2013 Reg. Pubbl. Albo n. del 12.02.2013 OGGETTO: Manifestazione di interesse

Dettagli

polizia amministrativa agibilità articolo 80 del TULPS modello 6_04_02

polizia amministrativa agibilità articolo 80 del TULPS modello 6_04_02 N. identificativo marca da bollo: (La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale a cura del soggetto interessato) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE 1 PREMESSA Nella elaborazione del presente piano Cimiteriale, redatto ai sensi dell articolo 6 del Regolamento Regionale n.6 in data 09.11.2004

Dettagli

ELABORATO B SCHEMA DI ACCORDO QUADRO

ELABORATO B SCHEMA DI ACCORDO QUADRO COMUNE DI TRIESTE AREA RISORSE ECONOMICHE FINANZIARIE E DI SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO FINANZIARIO TRIBUTI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE E CONTROLLO QUALITA DEI SERVIZI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI FUNEBRI ESSENZIALI

Dettagli

all. sub. C COMUNE DI ALBIGNASEGO (Provincia di Padova) ATTO DI CONCESSIONE PER ANNI NOVANTANOVE DI UN AREA

all. sub. C COMUNE DI ALBIGNASEGO (Provincia di Padova) ATTO DI CONCESSIONE PER ANNI NOVANTANOVE DI UN AREA all. sub. C Imposta di bollo assolta con le modalità telematiche, ai sensi del D.M. 22 febbraio 2007, mediante Modello Unico Informatico (M.U.I.) per l'importo di 45,00". COMUNE DI ALBIGNASEGO (Provincia

Dettagli

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873]

PRC-SETTEMBRE 2010 PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE. [info@manzoniarchitetti.it +39035463873] PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PIANO REGOLATORE CIMITERIALE DI GRUMELLO DEL MONTE PREMESSA Il Piano Regolatore Cimiteriale è lo strumento che definisce la programmazione degli spazi

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10 1 REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 12 DEL 25/03/10 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2010, n. 50-13546 L.R. 5.12.1977 n. 56 e successive modificazioni. Comune di CARIGNANO (TO). Variante

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE

DISPOSIZIONI APPLICATIVE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/5 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria DISPOSIZIONI APPLICATIVE REQUISITI DELLA CASA FUNERARIA (Art. 2, comma 2,

Dettagli

COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA AREA: USO ASSETTO TERRIT. UFFICIO: URBANISTICA Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO DEL 05-08-14 N.75 O G G E T T O APPROVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Adozione Piano di Lottizzazione della zona F4B2 PRUSST Via Ciccotti ed approvazione progetto preliminare strada di collegamento tra

Dettagli

PEC Via Omegna_Relazione Tecnico-Illustrativa

PEC Via Omegna_Relazione Tecnico-Illustrativa A PREMESSA L area delimitata da Via Omegna, Via Cumiana, Via Parma presenta attualmente una destinazione d uso artigianale (sono presenti capannoni e bassi fabbricati adibiti a differenti lavorazioni ed

Dettagli

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA Prot. gen. del Comune Riservato al Servizio Prat. Edilizia: n. / Modalità di inoltro fax posta a mano via telematica Servizio Edilizia Privata (1) Sportello Unico Attività Produttive (2) Al Comune di CORTONA

Dettagli

AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDIL. SCOLASTICA E SPORTIVA, PROJECT FINANCING, COORD. PTO E AMM.VO LAV. PUBBLICI

AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDIL. SCOLASTICA E SPORTIVA, PROJECT FINANCING, COORD. PTO E AMM.VO LAV. PUBBLICI Pag. 1 / 9 comune di trieste piazza Unità d'italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDIL. SCOLASTICA E SPORTIVA, PROJECT FINANCING, COORD. PTO

Dettagli

N. 66 del 28.06.2010 LA GIUNTA COMUNALE. Premesso:

N. 66 del 28.06.2010 LA GIUNTA COMUNALE. Premesso: Premesso: OGGETTO: CONCESSIONE DI COSTRUZIONE E GESTIONE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, AMPLIAMENTO E RECUPERO FUNZIONALE DELLA CASA DI RIPOSO DI PONTE DI PIAVE

Dettagli

Art. 4 Competenze, obblighi e responsabilità delle Parti 1. Sono di competenza del Comune, in quanto non trasferibili per legge:

Art. 4 Competenze, obblighi e responsabilità delle Parti 1. Sono di competenza del Comune, in quanto non trasferibili per legge: Allegato con le modifiche al contratto di servizio con la società ADE Spa per la gestione dei servizi cimiteriali e funebri, gestione disciplinata da contratto di Servizio rep. n. 9139/2004, successivamente

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato alla deliberazione di C.C. n./.. SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 REPUBBLICA

Dettagli

I Siti Militari studio di fattibilità

I Siti Militari studio di fattibilità I Siti Militari studio di fattibilità Razionalizzazione, accorpamento ed ammodernamento del patrimonio immobiliare in uso al Ministero della Difesa nella città di Milano Indice Premessa 3 Siti Militari

Dettagli

COMUNE DI FRACONALTO Provincia di Alessandria Via Capoluogo 29 15060 FRACONALTO

COMUNE DI FRACONALTO Provincia di Alessandria Via Capoluogo 29 15060 FRACONALTO COMUNE DI FRACONALTO Provincia di Alessandria Via Capoluogo 29 15060 FRACONALTO Settore Urbanistica Sportello Unico per l Edilizia SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER OPERE EDILIZIE (artt.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE LEGGI E REGOLAMENTI LEGGE REGIONALE N.20 del 9 ottobre 2006 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e di loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena)

COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena) SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE Servizio proponente SUPPORTO AMMINISTRATIVO L.P. DETERMINAZIONE N. 165/LP DEL 11/11/2014 OGGETTO APPALTO DEI LAVORI PER LA MANUTENZIONE

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE...

PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE... INDICE PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE... 4 INTERVENTO PROGETTUALE PROPOSTA DI PROJECT FINANCING...

Dettagli

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori)

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Descrizione del procedimento e riferimenti normativi Le attività di edilizia libera sono individuate all art. 6 D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380. Ai

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO Determinazione nr. 1915 Trieste 01/08/2013 Proposta nr. 351 Del 24/05/2013 Oggetto: Avviso pubblico per la presentazione di domande di contributo destinate

Dettagli

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO STAZIONE DI CAPODICHINO PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO 1. PREMESSA 2. MAPPA CATASTALE 3. LA GEOREFERENZIAZIONE 4. LE TAVOLE GRAFICHE DEL PIANO PARTICELLARE 4.1. LA SIMBOLOGIA DEI TITOLI DI OCCUPAZIONE

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2015/2017 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2015/2017 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2015/2017 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RISORSE

Dettagli

PROGETTISTA INCARICATO

PROGETTISTA INCARICATO 06032013 TIMBRO PROTOCOLLO C I T T A D I S A C I L E N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 521-2014 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 521 Data: 30-07-2014 SETTORE : AFFARI GENERALI E

Dettagli

N. 1 d ordine COPIA. OGGETTO : Adozione Piano di Rischio Aeroportuale ai sensi dell'art.707 Codice della Navigazione parte Aeronautica.

N. 1 d ordine COPIA. OGGETTO : Adozione Piano di Rischio Aeroportuale ai sensi dell'art.707 Codice della Navigazione parte Aeronautica. N. 1 d ordine COPIA OGGETTO : Adozione Piano di Rischio Aeroportuale ai sensi dell'art.707 Codice della Navigazione parte Aeronautica. ESTRATTO dal verbale delle deliberazioni adottate dal Consiglio comunale

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. COMUNE DI CAMPO NELL ELBA Provincia di Livorno ****** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione n. 55 del 18/08/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

Dettagli

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)

SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piazza Confalonieri, 3, 20092 Cinisello Balsamo Provincia di Milano tel. 02/660231 fax 02/66023445 C.F. 01971350150- P.I. 00727780965 Settore V Lavori Pubblici, Arredo Urbano

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli