VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 56

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 56"

Transcript

1 Copia COMUNE DI BALSORANO (Prov. L Aquila) VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 56 Oggetto: Gestione servizi cimiteriali anno Approvazione schema di convenzione L anno duemilaundici addì venticinque del mese di giugno alle ore 13,30 nella sala delle adunanze del palazzo municipale di Balsorano, convocata per le vie brevi, si è riunita la Giunta Comunale nelle persone Cognome Nome Qualifica Presente Assente Siciliani Francesca Sindaco X Capoccitti Gino Vice Sindaco X Tuzi Giovanni Assessore X Tullio Servio Assessore X Perruzza Michele Assessore X Troiani Raffaele Assessore X Perruzza Monica Assessore X Riconosciuta legale l adunanza per il numero degli intervenuti il Sindaco Presidente invita la Giunta a deliberare sull argomento in oggetto. Assiste il Segretario Comunale dott. Angelo Mascolo

2 GIUNTA COMUNALE OGGETTO: GESTIONE CIMITERI COMUNALI PER L'ANNO APPROVAZIONE SCHEMA CONVENZIONE. Preso atto che per il corso dell anno 2011 si intende organizzare specificatamente il servizio cimiteriale onde poi demandare al Resp.UTC l'affidamento esterno del servizio; Visto lo schema di convenzione e l annesso capitolato tecnico redatto dal Resp.UTC nel quale sono indicate le attività che si debbono svolgere nell'espletamento del servizio e che deve essere rapportato al periodo mensile di effettivo esercizio; Visto che la somma necessaria per l'affidamento del servizio in argomento trova copertura finanziaria nella parte corrente del bilancio; Visto il parere favorevole in merito alla regolarità tecnica reso ai sensi dell art.49 c.1 del decreto Legislativo 18/08/2000 n.267; Con voti unanimi palesemente resi; DELIBERA 1) di approvare, allegandolo al presente deliberato quale parte integrante e sostanziale, lo schema di convenzione per l'affidamento del servizio di gestione dei cimiteri per l'anno ) di dare mandato all'ufficio Tecnico di procedere alla definizione di tutti gli atti consequenziali per l'espletamento del servizio 3) Di dichiarare data l urgenza del provvedere con separata votazione la presente deliberazione immediatamente eseguibile

3 SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA COMUNE DI BALSORANO E LA COOPERATIVA SOCIALE. L'Ente Comune di Balsorano, in applicazione dei principi contenuti nell'art.9, paragrafo a) della legge Regionale 8 Novembre 1994, n 85 per la `" fornitura di beni e servizi diversi da quelli sociosanitari ed educativi", della delibera della Giunta Regionale d'abruzzo n 2327 del 03/05/1995, stipula la presente convenzione con la. che agisce per conto delle associate, qualora le attività convenzionate siano elusivamente svolte da cooperative sociali di cui alla lettera b) dell'art.l della Legge 381/94. In data TRA L'Ente Comune di Balsorano con sede a, in via P.I. _ rappresentato dal nato a e La con sede in via C.F. P.I. iscritta nella Sezione B" o ''C" dell'albo Regionale delle Cooperative Sociali, nella persona del suo Legale Rappresentante sig. abilitato con delibera del C.d.A. alla sottoscrizione del presente atto; - Visti gli artt-.l,2,.4,5 e 9-della-Legge 381/91 -e gli artt ;-13-14,15 L.R.85/94 - Che con l'affidamento alla Cooperativa delle attività in oggetto della convenzione l'ente si pone i seguenti obiettivi: migliorare il servizio cimiteriale del Comune di Balsorano - che la scelta del convenzionarnento con la cooperativa sociale è motivata dal fatto che: nelle cooperative sociali si svolgono le attività anche con persone svantaggiate di cui alla legge n 381/91 e verso le quali questa Amministrazione vuole porre particolare. attenzione offrendo delle opportunità di lavoro - Che la Cooperativa è stata individuata a seguito di procedimento negoziale nel rispetto dei criteri previsti dal Decreto Legislativo n 358 del 24 luglio 1992, della D.G.R. n 2327 del 03/05/1995 e delle modalità di cui all'art. 5 della Legge 381/91, in materia di forniture di beni e servizi diversi da quelli socio-sanitari ed educativi; SI CONVIENE. A- Di affidare alla Cooperativa.la fornitura dei seguenti servizi: a) la manutenzione ordinaria di tutti i cimiteri comunali;

4 b) la cura dei giardini, la pulizia e la raccolta rifiuti; c) la gestione delle operazioni cimiteriali; d) la custodia dei cimiteri e) servizi extra quali attivazioni di lampade votive e manutenzione di quelle già esistenti B- la convenzione ha la durata di anni 1 (uno) a partire dalla stipula della presente convenzione ( contratto) ed è rinnovabile con le modalità e nei limiti di cui all'art.6 comma 2) della legge n 537/1993, salvo casi di risoluzione di cui al successivo punto G); essa si intende prorogata per un massimo di sei mesi alle medesime modalità e corrispettivi nell'esclusivo caso in attesa dell'espletamento delle procedure per il formale rinnovo. C- la Cooperativa si impegna: 1- ad organizzare l'attività lavorativa impiegando in essa persone in, condizioni di svantaggio nella misura minima del 30% come previsto dall'art. 4 della L.381/9l; 2- ad impiegare per 'l'espletamento delle attività oggetto della convenzione operatori ed eventuali soci volontari in possesso dei requisiti di professionalità utili alla corretta gestione dell attività. Gli operatori ed i soci volontari devono essere-dettagliati in due distinti elenchi debitamente sottoscritti contenenti tutte le informazioni possibili a definire la posizione e professionalità di ognuno ( figura professionale, qualifica, livello titolo di studio ect.). La Cooperativa si assume ogni responsabilità in merito alla veridicità dei dati riportati; 3- a nominare quale responsabile dello svolgimento.-delle attività..il -sig._ qualifica professionale 4- ad utilizzare i soci volontari nel rispetto delle norme contenute nell art.2 della Legge 381/91, per prestazioni complementari e non- sostitutive a quelle degli operatori; 5- a rispettare, per il personale impiegato nell'attività e peri soggetti svantaggiati inseriti, tutte le norme e gli obblighi assicurativi previsti dai CCNL di settore.in particolare la Cooperativa si impegna ad applicare condizioni normative e retributive non inferiori a quelle previste dal CCNL delle Cooperative Sociali o da eventuali contratti nazionali. 6- ad assicurare lo svolgimento del servizio nel rispetto di tutte le--norme vigenti in materia. assicurativa, previdenziali e di prevenzione infortuni éd igiene del lavoro. 7- Ad adeguare eventualmente, secondo la normativa vigente, la propria struttura sé fornita per l'espletamento del servizio. 8- Ad assumersi qualsiasi responsabilità ed onere nei confronti déll'ente o di terzi nei casi di mancata adozione di quei provvedimenti utili alla salvaguardia delle persone e degli strumenti coinvolti, nella esecuzione del servizio

5 9- A garantire l'assunzione, per la durata della convenzione, di persone svantaggiate, secondo le tipologie e le modalità indicate dall'art. 4 della Legge 381/ A seguire le indicazioni dell'ente, comunicate con almeno 3 giorni di anticipo, sulla base di piani relativi ai lavori da eseguire che lo stesso Ente predispone. Le modalità esecutive ed ogni altro criterio operativo sono definite nel capitolato d oneri 11-A trasmettere annualmente all'ente un elenco degli operatori inseriti, debitamente sottoscritto, contenente per ogni persona la tipologia di svantaggio, il tipo di rapporto di lavoro e la data di assunzione. L'Ente garantisce la massima riservatezza delle notizie acquisite. D- L'Ente si impegna a corrispondere alla Cooperativa Sociale per la gestione del servizio convenzionato il corrispettivo complessivo di Euro ,00 comprensivo di IVA, da rapportare al periodo mensile prestato per il corrente esercizio finanziario. E- Per ritardati pagamenti L'Ente si impegna.a versare alla Cooperativa gli interessi di Legge. E' ammessa la revisione prezzi nei casi in cui la variazione dell'indice Istat del costo della vita sia superiore al 4%. F- L Ente può risolvere il contratto a seguito: - di grave inadempimento della Cooperativa - contestazione scritta degli addebiti o successiva diffida nel persistere nelle inadempienze rilevate - riduzione del numero dei giorni di prestazione superiore al 40% di quello previsto H- A garanzia della regolare esecuzione dell'attività o prestazione di servizi, la Cooperativa costituisce cauzione di Euro 1.500,00 pari al 10% dell'importo annuo mediante versamento in contanti presso il tesoriere dell'ente o fideiussione rilasciata da idoneo istituto valida per tutta la durata della convenzione.la cauzione resta vincolata sino al termine del rapporto contrattuale e sarà restituita alla Cooperativa entro 30 giorni dalla scadenza di tale termine e su richiesta della medesima. I- La presente convenzione, redatta in duplice copia originale e soggetta a registrazione solo in caso d'uso, ai sensi dell'art. 5, secondo comma del D.P.R. 26/04/86 n 131. L- Sono parte integrante della convenzione i seguenti allegati: copia del decreto di iscrizione all'albo regionale, elenco operatori, elenco volontari, capitolato tecnico, garanzia fideiussoria. M- L'Ente nomina quale suo referente il Responsabile Area Tecnica del Comune di Balsorano a cui la Cooperativa si rivolgerà per qualsiasi problema di carattere organizzativo e gestionale. N- Le parti si danno reciprocamente atto del rispetto delle norme dettate dalla L.R. 85/94 e della D.G.R. n 2327 del 03/05/1995 Copia della presente convenzione sarà inviata alla Regione Abruzzo _Servizio Lavoro

6 Letto, confermato e sottoscritto Per la Cooperativa Sociale (Timbro e Firma) Per l'ente ( Timbro e Firma)

7 CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE COMUNALE ARTICOLO 1 OGGETTO 1. La convenzione ha per oggetto a) la,manutenzione ordinaria di tutti i cimiteri comunali b) la cura dei giardini, la pulizia e la raccolta dei rifiuti c) la gestione delle operazioni cimiteriali; d) la custodia dei cimiteri del Capoluogo e la sorveglianza. dei cimiteri: delle Frazioni;. ARTICOLO 2 IMPORTO E DURATA 1 L'importo :della convenzione è fissato in Euro.. fino al L'importo di cui sopra verrà corrisposto mediante rate mensili costanti posticipare. 3. Le operazioni cimiteriali saranno contabilizzate applicando, al numerai degli interventi eseguiti. e riscontrati, se occorre, in contraddittorio fra cooperativa e privato 4. Nel caso di esecuzione contestuale di più operazioni nel :medesimo cimitero, il corrispettivo spettante complessivamente per tali operazioni si intende ridotto del 20%., 5 La convenzione ha la durata di anni l( uno) a partire dalla stipula del contratto ed è rinnovabile con le modalità e nei limiti di cui all'art. 6, comma 2, della legge n 537/1993. In. capo di mancato. rinnovo la cooperativa è.- comunque tenuta, su richiesta dell'amministrazione,.a proseguire la convenzione per un periodo massimo, di sei mesi, agli stessi. prezzi, patti e condizioni,al fine di assicurare la. continuità.del.servizio. ARTICOLO 3 OBBLIGHI GENERALI DELLA COOPERATIVA I. La cooperativa è tenuta all'esatta osservanza.. delle leggi e disposizioni vigenti circa l'assistenza sociale, le assicurazioni, prevenzione degli infortuni sul lavoro ed igiene sul lavoro ed in genere di tutte le leggi e norme in vigore sui Lavori Pubblici nonché delle disposizioni delle leggi sulle assicurazioni obbligatorie 2. La cooperativa ha l'obbligo di attuare nei confronti dei lavoratori dipendenti occupati nei lavori in oggetto e se Cooperative, anche nei confronti dei Soci, condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavori applicabili, alla data dell'offerta,, alla categoria e nelle località in cui si.svolgono i lavori, nonché le condizioni risultanti dalle successive modifiche ed integrazioni ed in genere ad ogni altro contratto collettivo applicabile. La cooperativa

8 è obbligata altresì a continuare ad applicare i suindicati contratti collettivi anche dopo la scadenza.e fino a loro sostituzione. I suddetti obblighi vincolano la cooperativa anche nei caso che la stessa non sia aderente alle Associazioni stipulanti o receda da esse. 3. E' obbligo alla cooperativa adottare tutte quelle cautele ed i provvedimenti necessari per garantire la vita e la incolumità degli operai e delle persone addette comunque ai lavori, ai terzi e così pure per evitare danni ai beni pubblici e privati, alla circolazione stradale. Ogni più ampia responsabilità ricadrà pertanto sulla cooperativa nel caso di infortuni, restandone sollevato il Comune. La cooperativa è inoltre responsabile di eventuali danni procurati da terzi nell'espletamento dei lavori. ARTICOLO 4 ADEMPIMENTI Sono inoltre a carico della cooperativa : la fornitura di operai. strumenti ed attrezzi necessari per l'effettuazione dei lavori attività e prestazioni oggetto della convenzione i lavori di pulizia interna compresi i servizi igienici, la, pulizia delle aree esterne e lo svuotamento dei contenitori rifiuti dovranno eseguirsi due volte!a settimana, di norma nei giorni di raccolta salvo diversa richiesta dei Comune. La falciatura dei tappeti erbosi dovrà avvenire secondo le necessità in dipendenza dell'andamento. stagionale e della crescita del manto erboso La pulizia delle aree pavimentate esterne o interne,vialetti,scale,portici seminterrati ecc dovrà avvenire secondo quanto richiesto dalle condizioni delle aree stesse ed. in ogni caso almeno una. volta alla settimana: In caso di nevicate dovranno essere garantiti gli accessi e la percorribilità dei camminamenti essenziali, con particolare riguardo a piazzali, scale, zone di sepoltura a tumulazione ed a inumazione Il Comune ha altresì la facoltà di richiedere nell'arco di ogni anno, fino a n l0 interventi specifici all'anno in concomitanza di particolari eventi quali manifestazioni, festività o similari. Resta invece di esclusiva competenza dell impresa I'organizzazione dei lavori per aumentare il rendimento della produzione lavorativa La raccolta ed il conferimento al pubblico servizio-comunale dei. rifiuti di provenienza cimiteriale deve avvenire mediante distinta ed adeguata gestione dei rifiuti pericolosi rispetto ai rifiuti non pericolosi, compresi i rifiuti vegetali ARTICOLO 5 SPECIFICHE PER L'ESECUZIONE DEI LAVORI Sono stabilite le seguenti specifiche per l'esecuzione dei lavori di manutenzione e pulizia:

9 Rasatura dei tappeti erbosi da eseguirsi con mezzo meccanico di dimensioni appropriate (tosaerba, decespugliatore, ecc.) compreso la raccolta e l'asportazione di tutto il materiale di risulta. Il taglio dovrà essere eseguito a perfetta regola d'arte, avendo cura di non danneggiare tombe, alberi, cespugli, impianti elettrici e. quant'altro e comunque prima che. l'erba abbia raggiunto l altezza di: cm 7 (sette) salvo diversa disposizione del Comune. Si prevedono un minimo di n 12 (dodici) interventi nell'arco dell'anno Zappatura. vangatura e concimatura delle aiuole piantumate da eseguirsi con idonea attrezzatura avendo cura di "scolmare" nel periodo primaverile-estivo e "colmare" nel periodo autunnale. Sono previsti n. 3 (tre) interventi minimi annuali Innaffiatura di cespugli nelle aiuole e fioriere esistenti, da eseguirsi ogni qualvolta le condizioni climatiche lo rendano necessario Si prevede un minimo di n 5 (cinque) interventi settimanali Pulizia e diserbamento dei vialetti, dei camminamenti, delle piazzole, dei porticati, delle gallerie,. delle scalinate, dette vetrate, parapetti, cancelli ed ogni altra struttura esistente La pulizia comprende la esportazione di rifiuti, la spazzatura, la lavatura dei pavimenti, la lavatura degli infissi dei vetri, ecc. Mentre. per l asportazione dei rifiuti.e spazzatura si prevedono n. 2' (due). interventi settimanali nelle giornate di raccolta, la lavatura dei pavimenti dovrà essere effettuata almeno una volta la settimana ed invece il lavaggio degli infissi e dei vetri potrà essere eseguito all'occorrenza e comunque in accordo e su richiesta del Comune. Messa a dimora di piante e fiori forniti dal Comune Svuotamento dei contenitori di rifiuti: comprendono la totale esportazione del materiale, la pulizia della zona circostante, il carico ed il trasporto della risulta al cassonetto più vicino, posto al di fuori dei cimiteri. Si prevedono n'2 (due) interventi settimanali. nelle giornate di raccolta salvo diversa richiesta del Comune, Pulizia dei servizi igienici: comprende la spazzatura e la lavatura dei pavimenti e la pulizia della zona circostante, da effettuarsi nelle due giornate settimanali di lunedì e venerdì Il lavaggio deve eseguirsi con prodotti detergenti e disinfettanti per lavabi, vasi igienici, ecc: da effettuarsi nelle stesse giornate. Il lavaggio di infissi e vetri da effettuarsi secondo le richieste del Comune Lo sgombero della neve (apertura passaggi, spazzatura, distribuzione prodotti antisdrucciolevoli e trasporto neve) dovrà essere svolto con la massima cura e tempestività,. onde garantire lo svolgimento delle operazioni mortuarie nonché l'affluenza dei visitatori; potrà essere effettuato con mezzi meccanici, ove consentito, e normalmente negli altri casi. E' assolutamente vietato l'uso di prodotti chimici che possano danneggiare pavimentazioni e patrimonio o di qualunque prodotto non autorizzato dal Comune. Sarà consentito il solo impiego di segatura o perla di riso nelle zone a scalinata, o. particolarmente scivolose, da concordare comunque con lo stesso Comune. Qualora si verificasse un fenomeno nevoso ripetuto e di una certa consistenza, l'impresa dovrà in accordo con il Comune provvedere all'asportazione dei cumuli di neve delle zone interne stabilite, agli spazi esterni preventivamente indicati. Cura delle piante e delle siepi e la loro potatura secondo accordi presi con il Comune.

10 ARTICOLO 6 ESECUZIONE DEI LAVORI NON PREVISTI NELLA CONVENZIONE In caso di necessità di lavori, attività o prestazioni eventuali: non previsti nel presente capitolato; e. che esulino dal normale concetto di manutenzione ordinaria, la cooperativa li potrà eseguire in accordo con l Ufficio Tecnico, con prezzi che saranno all'occorrenza pattuiti ARTICOLO 7 PENALI PER LA MANCATA O RITARDATA ESECUZIONE DI LAVORI DI MANUTENZIONE Ogni qualvolta l Ufficio Tecnico comunale ordina l esecuzione di un intervento di ordinaria manutenzione previsto dal presento capitolato, lo stesso dovrà essere iniziato entro il termine di giorni tre. Viene stabilita una penale di. per ogni giorno di ritardo, oltre al rimborso delle spese e fato salvo í1 risarcimento di ulteriori danni. La penale è applicata tramite sui corrispettivi spettanti alla cooperativa. Qualora l esecuzione dei lavori non sia a regola d'arte. o sia in contrasto con quanto previsto nel presente capitolato, o comunque rispetto a quanto impartito dall'ufficio Tecnico comunale, l impresa dovrà eseguire di nuovo i lavori; contrariamente gli verrà addebitata una penale di.500,00 dopo aver fatto constatare all'impresa la mancata o cattiva esecuzione dei lavori, tramite trattenuta sui corrispettivi spettanti alla cooperativa stessa. E' fatto salvo il risarcimento degli ulteriori danni Le disposizioni dei precedenti commi si applicano anche nel caso di lavori ordinati ex officio dall'ufficio Tecnico comunale ARTICOLO 8 OPERAZIONI CIMITERIALI Sono posti a carico della cooperativa la prestazione di mano d'opera, la. fornitura di prodotti e materiali e l'impiego di attrezzature idonee per l esecuzione delle seguenti operazioni cimiteriali: a) ricevimento: salme e trasporto dei feretri dall'ingresso al posto di tumulazione o inumazione, previa verifica degli avvenuti adempimenti di polizia mortuaria anche tariffari, da parte degli utenti; b) predisposizione preliminare di ponteggi ove le operazioni si svolgano ad altezze superiori a m e la cooperativa non utilizzi idonei montaferetri c) predisposizione preliminare a piè d'opera di materiali e mezzi d'opera; le malte, peraltro necessarie sempre in modesta quantità, dovranno essere approntate nella zona destinata a magazzino o in altra zona indicata dal Comune d) tumulazioni in cappelle loculi e ossari: e) chiusura dal loculo mediante fornitura e posa in opera di mattoni pieni a una testa, legati con malta cementizia o altro materiale avente caratteristiche di stabilità e spessore, atti a garantire la

11 dovuta resistenza meccanica e sigillati con cemento ad espansione in modo da rendere la chiusura a tenuta ermetica; 'le tamponature dovranno essere rivestite.e sigillate con intonaco di malta cementizia dello spessore minimo di mm. 15; nel caso in cui il loculo sia sprovvisto di lapide,, unicamente all intonaco dovrà essere posta in opera una piccola lapide "provvisoria" (max cm30x20) fornita prima delle operazioni dai parenti della salma (nome, cognome, data di nascita e di decesso); f) posa in opera di lastra di materiale lapideo, fornita dai parenti della salma e dal concessionario dei loculo.' Ove detta lapide non fosse fornita prima del completamento, le stesse ( le generalità della salma ricavate dai- documenti o richieste dalla direzione del cimitero) saranno, dal muratore incise in modo leggibile sull intonaco fresco. e) estumulazioni in cappelle e loculi; g) demolizioni delle murature o esportazione senza danneggiarla, della lapide in dotazione del loculo- e sua rimessa in ripristino dopo la disinfezione, compreso accatastamento.a piè d'opera dei.materiali di risulta e trasporto a pubblica discarica. Le. operazioni e forniture necessarie per l'asportazione e/o posa in opera delle lapidi di rivestimento e gli altri arredi ad essa pertinenti (scritte commemorative,. generalità, lampade, vasi portatori, decorazioni) sono a totale carico e rischio della cooperativa,. la quale in caso di danno dovrà provvedere al relativo risarcimento; h) inumazioni a terra: i) scavo della fossa con eventuali sostegni per evitare il cedimento dei terreno e rinterro della salma con primo strato di terreno sabbioso e strato superficiale con terreno vegetale. Apposizione di una croce di materiale metallico provvisoria, su indicazione del Comune, con su riportati nome e. cognome, data di nascita e di decesso della salma; l) scavo, prelevamento e trasporto al deposito del feretro, rinterro della fossa con strato di terreno ghiaioso e strato superficiale di terreno vegetale.. L esecuzione di operazioni cimiteriali di esumazione e di estumulazione comprende anche il trattamento dei resti mortali successivamente allo svolgimento delle operazioni stesse. In particolare, in caso di completa mineralizzazione della salma, la cooperativa deve provvedere alla collocazione delle ossa nelle cassettine di zinco di cui all'art.36 dei D.P.R. n. 285/1990 ed al loro deposito nell ossario comune, ovvero su richiesta, nelle cellette, colombaie o loculi posti entro il recinto del cimitero assegnato in concessione ai privati, in caso di non completa mineralizzazione della salma, la cooperativa deve provvedere alla collocazione dei resti mortali nelle speciali casse per la reinumazione. Le cassette di zinco per le ossa e le casse speziali per la reinumazione sono a carico degli udenti, che possono anche acquistarli dalla cooperativa a prezzi preventivamente concordati con l Amministrazione Comunale. La cooperativa deve assicurare l'esecuzione delle operazioni :cimiteriali che dovessero essere richieste contemporaneamente in più cimiteri. L utilizzo di eventuali attrezzature comunali (sollevatori idraulici od altro) è consentito solo ed` esclusivamente per le operazioni di tumulazioni delle salme

12 I rifiuti da esumazione e da estumulazione e i rifiuti derivanti da altre attività cimiteriali ( materiali lapidei, inerti derivanti da lavori di edilizia cimiteriale, terre di scavo, murature e similari, altri` oggetti metallici o non metallici asportati prima della cremazione,. della tumulazione o inumazione) debbono essere gestiti in conformità al D.P.R. 15/07/2003 n..254 artt 12 e 13. In particolare i rifiuti da esumazione e estumulazione prodotti in tutti i cimiteri comunali debbono essere, a cura e spese dell impresa, inseriti in apposito imballaggio a perdere flessibile di colore distinguibile, recante la scritta Rifiuti urbani da esumazioni o estumulazioni trasportati e stoccati nell'apposito cassone scarrabile fornito.dal Comune, parcheggiato nell'apposita area del cimitero ARTICOLO 9 PENALE PER IL RITARDO NELLE. OPERAZIONI CIMITERIALI Qualora la cooperativa ritardi 1'intervento senza giustificato motivo, di oltre 1(una) ora sul tempo prefissato come da regolamento, sarà sottoposta al pagamento di penale che viene stabilita in.500,00 per ogni intervento ritardato da detrarsi dai corrispettivi che il Comune dovrà versare alla cooperativa; ARTICOLO 10 MODALITA' DI SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI Il servizio sarà richiesto alla cooperativa direttamente dal privato utente con un preavviso scritto di almeno 6 (sei) ore sull'orario previsto. Sulle attività della cooperativa vigilerà direttamente l Ufficio Tecnico del Comune e quello di P.M. ARTICOLO 11 CUSTODIA E SORVEGLIANZA DEI CIMITERI E. Sono a carico della cooperativa: a) la custodia dei cimiteri mediante continua presenza, in tutti i giorni dell'anno compreso i festivi, di una persona incaricata negli orari prestabiliti b) la pronta reperibilità presso gli altri cimiteri comunali, in caso di richiesta di interventi da parte dei Comune o degli utenti; c) la tenuta e conservazione della documentazione e dei registri di cui all'art.52 dei D.Lgs. n 252/1990 e di tutti gli atti comunque prescritti dalle vigenti disposizioni in materia di polizia mortuaria o a tale scopo disposti dal Comune; d) il ricevimento del pubblico per almeno un'ora al giorno in luogo fisso nell'ambito dei locali di servizio del cimitero e) La vigilanza e sorveglianza delle strutture, degli impianti, degli.arredi e dei servizi esistenti in tutti i cimiteri comunali con obbligo di referto al Comune in caso di emergenza, inconvenienti o altra sopravvenienza

13 Del che si è redatto il presente verbale, che letto e confermato viene qui sottoscritto IL SINDACO f.to Avv. Francesca M. Siciliani IL SEGRETARIO f.to Dott. Angelo Mascolo Il sottoscritto responsabile del servizio delle pubblicazioni aventi effetto di pubblicità legale, visti gli atti d ufficio; Visto lo statuto comunale, A T T E S T A che la presente deliberazione è stata pubblicata, in data odierna, per rimanervi per 15 giorni consecutivi nel sito web istituzionale di questo Comune accessibile al pubblico (art. 32, comma 1, della legge 18 giugno 2009, n. 69) ed è stata compresa nell elenco prot.n, in data odierna, delle deliberazioni comunicate ai capigruppo consiliari (art. 125, del T.U. n. 267/2000). Dalla residenza comunale, lì Timbro f.to Il Responsabile del servizio Dr.Angelo Mascolo Il sottoscritto, visti gli atti d ufficio, A T T E S T A che la presente deliberazione è stata pubblicata nel sito web istituzionale di questo Comune per quindici giorni consecutivi dal al ed è stata dichiarata immediatamente esecutiva nella seduta del (art. 134, c. 4, del T.U. n. 267/2000). Dalla residenza comunale, lì f.to Il Responsabile del servizio Dr. Angelo Mascolo E copia conforme all originale per uso amministrativo IL SEGRETARIO COMUNALE Dr. Angelo Mascolo

14

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 264 del 30/12/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO Approvazione Convenzione con la Cooperativa Sociale Nuvola Lavoro per servizio di custodia

Dettagli

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari Città di Portogruaro Provincia di Venezia Area Tecnica Settore Manutenzioni Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014 Elenco offerta prezzi unitari Data 3.11.2010 Il Responsabile del Procedimento

Dettagli

COMUNE DI BALSORANO (Prov. L Aquila) VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 28

COMUNE DI BALSORANO (Prov. L Aquila) VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 28 Copia COMUNE DI BALSORANO (Prov. L Aquila) VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 28 Oggetto: Approvazione regolamento per gestione Albo Pretorio on - line L anno duemilaundici addì diciannove

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 164 IN DATA 23/12/2008 O G G E T T O APPROVAZIONE NUOVE TARIFFE DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI RIPARBELLA

COMUNE DI RIPARBELLA COMUNE DI RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE seduta del 2 novembre 2013 Verbale n. 22 OGGETTO : Gestione del Cimitero aggiornamento tariffe per sepolture. COPIA

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA COPIA COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA N 38 dell 08/02/2013 Tariffe Servizi Cimiteriali anno 2013. OGGETTO L anno duemiladodici, addì 08 del mese di febbraio in Gaeta e nella

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO COMUNE DI POTENZA U.D. AMBIENTE ENERGIA PARCHI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO OGGETTO: ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI POTENZA. SPECIFICA INTERVENTI: apertura fosse,

Dettagli

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI

OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI OGGETTO: AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI ELENCO PREZZI UNITARI \\cluster\settore4\p_paoli\cimitero38\garaservizicimiteriali\2011 nuova gara\determina approvazione disciplinare\elenco

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO IL LAVORO S.C.S. onlus IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE E LEG. RAPPRESENTANTE Esente dall'imposta di bollo ai sensi dell'art. 27 bis del D.P.R.26.10.1972 n. 642 (Onlus). Rep. n. atti privati CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CIMITERO COMUNALE DI MEZZOLOMBARDO

Dettagli

All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI BIENNIO 2014-2015 All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IL PROGETTISTA SETTORE POLITICHE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE Ufficio Manutenzioni arch. Giovanni Ruffinatto Rivalta

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno

COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 30 del 30.04.2015 OGGETTO: Approvazione convenzione tra il Comune di Taibon Agordino e l Associazione

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE C O P I A N. 11 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: SERVIZI CIMITERIALI: VARIAZIONE TARIFFE. Addì TREDICI FEBBRAIO

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A

LA GIUNTA COMUNALE. Visto l articolo 48 del T.U.E.L. - approvato con Decreto Legislativo in data 18.08.2000 n. 267; D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE Vista la proposta di deliberazione avanzata dall'ufficio Servizi cimiteriali relativa al seguente oggetto: SERVIZI CIMITERIALI. MODIFICA SCHEMI SCRITTURE PRIVATE PER CONCESSIONI LOCULI

Dettagli

COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PAGANI PROVINCIA DI SALERNO Numero 29 Data 23/03/2011 Copia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: L anno :2011, Il giorno : 23 del mese di : Marzo, alle ore : 09.30 nella sala delle adunanze,

Dettagli

con sede a.. via.n.. C.f.. rappresentato da... nato a.. il.. abilitato alla sottoscrizione del presente atto con... n... del.

con sede a.. via.n.. C.f.. rappresentato da... nato a.. il.. abilitato alla sottoscrizione del presente atto con... n... del. Schema di convenzione tipo tra Ente Pubblico e Cooperativa Sociale ai sensi dell'art. 5 legge 381/91 dellart. 7 paragrafo b) L.R. 16/93 dell'art.5 comma 5 L.R. 14/97 L Ente. al fine di creare opportunità

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti ALLEGATO A AL CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI DESCRIZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ A SERVIZIO SEPOLTURE ED ATTIVITA CONNESSE A1 -

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari Comune di Pieve di Cento P.zza Andrea Costa, n 17 Pieve di Cento - Provincia di Bologna - C.A.P. 40066 P.I. 00510801202 - C.F. 00470350372 - Tel. 051/6862681 - Fax 051/6862692 III Settore - Ufficio Tecnico

Dettagli

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO ALLEGATO F SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI LADISPOLI E LA COOPERATIVA SOCIALE TIPO B, Al SENSI DELL'ART. 5 LEGGE 381/91, PER LA GESTIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI LADISPOLI

Dettagli

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI

Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI Comune di Sinalunga (Prov. di Siena) REGOLAMENTO COMUNALE CIMITERI 1 S O M M A R I O Art. Descrizione Art. Descrizione 1 2 3 CAPO I NORME GENERALI Oggetto del Regolamento Norme applicabili alle concessioni

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta dell Unione NR. 84 DEL 29-12-2011 DETERMINAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI NECROFORICI. ANNO 2012.

Verbale di Deliberazione della Giunta dell Unione NR. 84 DEL 29-12-2011 DETERMINAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI NECROFORICI. ANNO 2012. UNIONE BASSA EST PARMENSE (Provincia di Parma) Sede legale: Sorbolo, Piazza Libertà, n 1 Sede amministrativa: Sorbolo, Via del Donatore, n 2 Telefono 0521/669611, fax 0521/669669 (C.A.P. 43058) partita

Dettagli

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA -

COMUNE DI CADREZZATE PROVINCIA DI VARESE - AREA TECNICA - CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI PERIODO 01 GIUGNO 2009 31 MAGGIO 2011. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Formano oggetto del seguente appalto le prestazioni relative a

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV)

SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI LAURO (AV) ARTICOLO 1 (Oggetto dell appalto) L'appalto ha per oggetto l esecuzione di tutte le prestazioni, le opere e le provviste occorrenti

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 216 IN DATA 23/05/2013 PROTOCOLLO N 0021022 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 29/05/2013 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN RI O Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera consiliare n.19 del 10.3.92 - Modificato con delibere consiliari nn.44 del 28.6.93, 77 del

Dettagli

CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI

CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI CAPITOLATO INTEGRAZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI CIMITERI COMUNALI 1. PROFILO DEL SERVIZIO LINEE DI GESTIONE Il progetto mette in luce la necessità, da parte dell ente titolare del servizio, cioè il

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago e Vigo-Vangadizza) ALLEGATO A) OPERAZIONI CIMITERIALI Cap.

Dettagli

COMUNE DI BALSORANO (Prov. L Aquila)

COMUNE DI BALSORANO (Prov. L Aquila) COMUNE DI BALSORANO (Prov. L Aquila) VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 23 OGGETTO:Lavori per allaccio in bagno esistente- GIUNTA. INDIRIZZI DELLA L anno duemilaquindici addì quattro del mese

Dettagli

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari

SERVIZI CIMITERIALI A RICHIESTA CIMITERO UNICO CAPOLUOGO. Descrizione opere compiute e relativi prezzi unitari Comune di Pieve di Cento P.zza Andrea Costa, n 17 Pieve di Cento - Provincia di Bologna - C.A.P. 40066 P.I. 00510801202 - C.F. 00470350372 - Tel. 051/6862681 - Fax 051/6862692 III Settore - Ufficio Tecnico

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DELLE OPERAZIONI DI AFFISSIONE. Art. 1 SERVIZI CIMITERIALI

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DELLE OPERAZIONI DI AFFISSIONE. Art. 1 SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E DELLE OPERAZIONI DI AFFISSIONE Art. 1 SERVIZI CIMITERIALI Per Servizi cimiteriali si intendono tutti i lavori e le forniture necessarie

Dettagli

COMUNE DI FOGLIZZO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46

COMUNE DI FOGLIZZO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46 ESTRATTO Provincia di Torino COMUNE DI FOGLIZZO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46 OGGETTO : TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI ANNO 2015. L anno duemilaquindici addì diciotto del mese

Dettagli

COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 54 In data 26/03/2015 COMUNE DI GODEGA DI SANT URBANO PROVINCIA DI TREVISO *************** Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE PER

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) VERBALE delle DELIBERAZIONI della GIUNTA COMUNALE (DELIBERAZIONE N 34 del 13/02/2014) OGGETTO: TARIFFE LOCULI E AREE CIMITERIALI, LAMPADE VOTIVE,

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Deliberazione n. 109 del 13-09-2012 immediatamente eseguibile Comunicata ai capigruppo consiliari il 25-09-2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 96 del 29/07/2011. OGGETTO: ADEGUAMENTO ALL'INDICE DI RIVALUTAZIONE DELL'ISTAT DEI CANONI CONCESSORI

Dettagli

COMUNE DI PRESEGLIE Provincia di Brescia

COMUNE DI PRESEGLIE Provincia di Brescia COMUNE DI PRESEGLIE Provincia di Brescia CODICE ENTE 10403 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 24 DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: DETERMINAZIONE DEI RIMBORSI PER SERVIZI CIMITERIALI PER L'anno duemilaquindici,

Dettagli

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA

COMUNE DI CUASSO AL MONTE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA COMUNE DI CUASSO AL MONTE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA Approvato con delibera del Consiglio comunale n. in data 1 TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI TICENGO. P r o v i n c i a d i C r e m o n a. Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI TICENGO. P r o v i n c i a d i C r e m o n a. Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N.14 COMUNE DI TICENGO P r o v i n c i a d i C r e m o n a Adunanza del 16/04/2015 Codice ente: 10807 7 Ticengo Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: TARIFFE CIMITERIALI

Dettagli

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1

COMUNE DI PORTOFERRAIO Provincia di Livorno AREA 1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI E LA MANUTENZIONE DEL CIMITERO COMUNALE biennio 2013-3014 Oggetto del presente capitolato sono le modalità di gestione e le condizioni

Dettagli

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE

Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE Allegato 7 REGOLAMENTO TIPO PER LA GESTIONE E LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO CIMITERIALE FONTI NORMATIVE - D.M. 26-6-2000 n. 219 (Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari,

Dettagli

COMUNE DI GONZAGA CODICE CIG: 0539680E02 ALLEGATO A) ELENCO PREZZI UNITARI/ COMPUTO METRICO OPERAZIONI CIMITERIALI E MANUTENZIONI

COMUNE DI GONZAGA CODICE CIG: 0539680E02 ALLEGATO A) ELENCO PREZZI UNITARI/ COMPUTO METRICO OPERAZIONI CIMITERIALI E MANUTENZIONI COMUNE DI GONZAGA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEI CIMITERI DEL COMUNE DI GONZAGA Periodo: 01 gennaio 2011 31 dicembre 2015 CODICE CIG: 0539680E02 ALLEGATO A) ELENCO

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale N. 11 Reg. Seduta del 19/02/2015 OGGETTO: SERVIZI CIMITERIALI - DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE. L anno duemilaquindici,

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 39 In data: 06/03/2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE VARIAZIONI ALLE TARIFFE CIMITERIALI L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA COPIA COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 30 DEL 16/04/2009 ESTRATTO DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI,

Dettagli

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE - N. 7 /2012 OGGETTO: CIMITERI - INDIRIZZI ART. 4 DEL D. LGS. N. 165 DEL 2001. DETERMINAZIONE TARIFFE SPECIALI.

Dettagli

C O M U N E di M O Z Z O

C O M U N E di M O Z Z O C O M U N E di M O Z Z O Provincia di Bergamo ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 10 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Rilascio concessioni cimiteriali - Rideterminazione e ricognizione tariffe.

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 32 DEL 08.03.2011 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INTEGRAZIONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.233 DEL 28/12/2010

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari ai sensi dell'art. 125 D.Lgs. 267/2000 il 03/04/2013 Nr. Prot. 1470 Affissa all'albo

Dettagli

COMUNE DI BORDIGHERA (IM)

COMUNE DI BORDIGHERA (IM) Allegato n. 5 alla determinazione dirigenziale n. 173 R.G. del 23/03/2015 COMUNE DI BORDIGHERA (IM) APPALTO DEI SERVIZI CIMITERIALI CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO E LOCALIZZAZIONE DELL APPALTO L appalto

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 04 DD. 29/01/2015 SCADENZA 12/02/2015. OGGETTO: Determinazione delle tariffe dei servizi cimiteriali comunali - anno 2015.

DELIBERAZIONE N. 04 DD. 29/01/2015 SCADENZA 12/02/2015. OGGETTO: Determinazione delle tariffe dei servizi cimiteriali comunali - anno 2015. DELIBERAZIONE N. 04 DD. 29/01/2015 SCADENZA 12/02/2015 OGGETTO: Determinazione delle tariffe dei servizi cimiteriali comunali - anno 2015. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - La legge 28 febbraio 2001 n.

Dettagli

OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011.

OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011. COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 220 OGGETTO: RIDETERMINAZIONE TARIFFE PER I SERVIZI CIMITERIALI CON DECORRENZA GENNAIO 2011. L anno duemiladieci addì due del mese di Dicembre alle

Dettagli

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011

COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 COMUNE DI TRICASE TARIFFE DEI SERVIZI CIMITERIALI 2011 Seppellimento in terra di una salma e di un'urna cineraria Esumazione ordinaria e straordinaria Tumulazione in loculo Tumulazione di resti o ceneri

Dettagli

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI IN REGIME DI MERCATO LIBERO Approvato con deliberazione C.C. n 5 del 17/03/2014 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago, Vigo-Vangadizza, San Vito e Canove) ALLEGATO A) OPERAZIONI

Dettagli

Le operazioni di esumazione

Le operazioni di esumazione Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI Le operazioni di esumazione Nota informativa allegata a: MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ESUMAZIONI 1 PERCHÉ

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 84 del 22/12/2011 ================================================================= OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA C O P I A REVIIONE DEI DIRITTI E DELLE TARIFFE CIMITERIALI APPLICATE ALLE OPERAZIONI DI POLIZIA MORTUARIA PRETATE NEI CONFRONTI

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO Prot. n. 17.613 AVVISO DI PRESELEZIONE OPERATORI ECONOMICI PER INVITO ALLA PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI ( art. 57 del D. Lgs. 12.04.2006

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 51 IN DATA 09/02/04 PROTOCOLLO N. 0005399 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 16/02/2004 COMUNICAZIONE AL PREFETTO (art. 135 D.Lgs. 267/2000) DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE

Dettagli

COMUNE DI RAVARINO. Giunta Comunale

COMUNE DI RAVARINO. Giunta Comunale COMUNE DI RAVARINO Provincia di Modena Deliberazione nr. 60 del 15/10/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE Giunta Comunale OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI RAVARINO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AUSER

Dettagli

L anno il giorno, nella sede municipale, innanzi a me dott. Segretario generale del comune di Giovinazzo, legittimato

L anno il giorno, nella sede municipale, innanzi a me dott. Segretario generale del comune di Giovinazzo, legittimato ALLEGATO F SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI GIOVINAZZO E LA COOPERATIVA SOCIALE TIPO B Al SENSI DELL'ART. 5 LEGGE 381/91 PER LA GESTIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO L anno il giorno, nella

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 151 del 27/12/2012 OGGETTO: APPALTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI,

Dettagli

COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE

COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE C O P I A DELIBERA N. 21 COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE Provincia di Bologna GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AGGIORNAMENTO TARIFFE ANNO 2011 PER PRESTAZIONI CIMITERIALI NEL COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE L'anno

Dettagli

COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA. Deliberazione della Giunta Comunale N. 114

COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA. Deliberazione della Giunta Comunale N. 114 C O P I A COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA Deliberazione della Giunta Comunale N. 114 OGGETTO: REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA: MODIFICHE, INTEGRAZIONE E APPROVAZIONE. L anno duemilatredici

Dettagli

Comune di Latina Provincia di Latina ***

Comune di Latina Provincia di Latina *** Comune di Latina Provincia di Latina *** REGOLAMENTO DEL SERVIZIO CIMITERIALE DI TUMULAZIONE, INUMAZIONE, ESTUMULAZIONE, ESUMA- ZIONE INDICE DEGLI ARGOMENTI PREMESSA SEZIONE 1 Modalità di gestione del

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 114 del 19/12/2012 C O P I A OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE CIMITERIALI PER L'ANNO 2013 Oggi diciannove Dicembre duemiladodici alle ore 13:00 nella Casa Comunale,

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago e Vigo-Vangadizza) ALLEGATO B) ATTIVITA DI GESTIONE Cap. 37045

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

COMUNE DI CORNUDA PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI CORNUDA PROVINCIA DI TREVISO COPIA Delibera N. 72 del 11/06/2015 COMUNE DI CORNUDA PROVINCIA DI TREVISO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE PER CONCESSIONI

Dettagli

COMUNE DI SAN PIETRO IN CERRO (Provincia di Piacenza) ---------------------------------------------

COMUNE DI SAN PIETRO IN CERRO (Provincia di Piacenza) --------------------------------------------- ORIGINALE N.36/2010 COMUNE DI SAN PIETRO IN CERRO (Provincia di Piacenza) --------------------------------------------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Adeguamento tariffe servizi

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 201 OGGETTO: Servizi funebri a pezzi calmierati - Accordo convenzionale con le imprese funebri. L anno duemiladodici,

Dettagli

COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SANREMO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE Cimitero Comunale di Valle Armea,Cimitero Monumentale della Foce, Cimiteri frazionali

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 36 del 23.02.2012 Oggetto: Prestazioni di Servizi cimiteriali a domanda Aggiornamento tariffe Ambito di Settore:Urbanistica

Dettagli

CONCESSIONI AREA CIMITERIALE

CONCESSIONI AREA CIMITERIALE TARIFFARIO SERVIZI CIMITERIALI ISTITUZIONALI delibera del C.d.A. di AGEC n 44 del 22/12/2007 delibera del C.d.A. di AGEC n 140 del 21/10/2008 delibera del C.d.A. di AGEC n 157 del 25/11/2008 delibera del

Dettagli

MODULO OFFERTA PREZZI

MODULO OFFERTA PREZZI MODULO OFFERTA PREZZI ALLEGATO AL CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI INUMAZIONE, TUMULAZIONE, ESUMAZIONE, ESTUMULAZIONE E OPERE ACCESSORIE) DEI CIMITERI DEL COMUNE DI

Dettagli

GIUNTA COMUNALE n.82. Tordone Mauro Sindaco X. Capoccitti Gino Vice Sindaco X. Valentini Francesco Assessore X. Tullio Servio Assessore X

GIUNTA COMUNALE n.82. Tordone Mauro Sindaco X. Capoccitti Gino Vice Sindaco X. Valentini Francesco Assessore X. Tullio Servio Assessore X COMUNE DI BALSORANO ( Provincia Di L Aquila ) C.F. 00211900667 - SEDE : Piazza T. Baldassarre n 13-67052 BALSORANO TEL 0863951215 FAX 0863951249 c/c postale 11674678 GIUNTA COMUNALE n.82 Oggetto: Approvazione

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 26 del 9 aprile 2011

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 26 del 9 aprile 2011 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 del 9 aprile 2011 OGGETTO: Approvazione convenzione con la Società di Mutuo Soccorso di Avigliano per l utilizzo temporaneo

Dettagli

Comune di Torre de Negri

Comune di Torre de Negri Comune di Torre de Negri G.C. 5 13/02/2012 PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Incarico a Ditta esterna per esumazioni/inumazioni, tumulazioni/ estumulazioni e servizi connessi.

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Cologna Veneta,San Andrea, San Sebastiano e Spessa) ALLEGATO B) ATTIVITA DI GESTIONE ATTIVITA DI GESTIONE COMPLESSI

Dettagli

C O M U N E di S U R B O

C O M U N E di S U R B O C O M U N E di S U R B O (Provincia di Lecce) Prot. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI GARA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CIMITERIALI PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI SURBO PER IL BIENNIO 2007-2009 ART. 1 OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO Provincia di Milano CAPITOLATO D APPALTO SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO I servizi che il Comune affida alla Appaltatrice da

Dettagli

COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE COPIA N. 15 del Reg. Delibere COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Tariffe servizi cimiteriali anno 2010.- L anno duemiladieci, il giorno venticinque

Dettagli

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA Codice Ente 33042 ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 13 in data: 10.02.2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: TARIFFE PER CONCESSIONI CIMITERIALI E

Dettagli

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI OFFLAGA ORIGINALE PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 3 Del 25-02-2014 Oggetto: APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI,

Dettagli

COMUNE DI CANZO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI CANZO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI CANZO PROVINCIA DI COMO ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE N. 9 del Registro Deliberazioni OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE: CONCESSIONI CIMITERIALI E DIRITTI SERVIZI

Dettagli

DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013

DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013 DETERMINAZIONE DI REPERTORIO GENERALE N. 103 DEL 05-04-2013 COPIA Settore II: Oggetto: PRESTAZIONI CIMITERIALI PRESSO CIMITERI COMUNALI DI CAPANNOLI E S.PIETRO BELVEDERE. Impegno di Spesa - Affidamento.

Dettagli

Comune di Zibido San Giacomo Provincia di Milano

Comune di Zibido San Giacomo Provincia di Milano Comune di Zibido San Giacomo Provincia di Milano 20080, Piazza Roma 1 - C.F. 80102330158 - P. IVA 05067450154 www.comune.zibidosangiacomo.milit DOCUMENTO N. SUB B Allegato alla deliberazione del OGGETTO:

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI

ART. 1 FINALITA ART. 2 DEFINIZIONI ART. 1 FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina tutte le fasi della gestione dei rifiuti cimiteriali come definiti dall'art.7, comma 2 lett. f) D.Lgs.22/97 e successive modificazioni ed integrazioni,

Dettagli

9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 8 Concessione ventennale ossari/cinerari doppi

9^ - 10^ - 11^ - 12^ fila 88,00 8 Concessione ventennale ossari/cinerari doppi ALLEGATO A TARIFFE CONCESSIONI CIMITERIALI 2012 1 Concessione quarantennale di loculo di 1.610,00 punta. Dal corrispettivo della concessione sono escluse le operazioni di apertura loculo, l inserimento

Dettagli

COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA SERVIZIO GESTIONE EDILIZIA PUBBLICA CIMITERI E PARCHI OGGETTO: SERVIZIO DI MANUTENZIONE E PRESTAZIONI VARIE INERENTI LA GESTIONE DEI SEI CIMITERI COMUNALI: MIRANO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 43 Reg. Delib. Oggetto: TARIFFE PER LE CONCESSIONI E I SERVIZI CIMITERIALI PER L'ANNO 2013. L'anno duemilatredici il

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 130 DEL 20 DICEMBRE 2011 ART. 1 DEFINIZIONI Ai fini della Legge Regionale 3 agosto 2011 n. 15 costituisce trasporto

Dettagli

COMUNE DI SENNA COMASCO Provincia di Como

COMUNE DI SENNA COMASCO Provincia di Como COMUNE DI SENNA COMASCO Provincia di Como COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE NUMERO 8 DEL 16-02-16 PROT. N. Oggetto: APPROVAZIONE DELLA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SENNA COMASCO

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE

DISPOSIZIONI APPLICATIVE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/5 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria DISPOSIZIONI APPLICATIVE REQUISITI DELLA CASA FUNERARIA (Art. 2, comma 2,

Dettagli

riunita la Giunta Comunale alle ore 18:30 con l'intervento dei Sigg. :

riunita la Giunta Comunale alle ore 18:30 con l'intervento dei Sigg. : COMUNE DI SANT'OMERO Provincia di Teramo Copia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. Data 80 30/05/2013 Oggetto: DETERMINAZIONE TARIFFE CIMITERIALI - ANNO 2013 L'anno DUEMILATREDICI, addì TRENTA, del

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 49 del 18/03/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE PER LA MANUTENZIONE DI AIUOLE DI PERTINENZA DELLA ZONA VERDE

Dettagli

COMUNE DI FAVARA ( PROVINCIA DI AGRIGENTO) Tel. 0922/448144 fax 0922/448199 P.O. N. 4 - AREA TECNICA SERVIZIO 3 SERVIZI CIMITERIALI

COMUNE DI FAVARA ( PROVINCIA DI AGRIGENTO) Tel. 0922/448144 fax 0922/448199 P.O. N. 4 - AREA TECNICA SERVIZIO 3 SERVIZI CIMITERIALI COMUNE DI FAVARA ( PROVINCIA DI AGRIGENTO) Tel. 0922/448144 fax 0922/448199 P.O. N. 4 - AREA TECNICA SERVIZIO 3 SERVIZI CIMITERIALI OGGETTO: Servizio di estumulazione e tumulazione ordinaria e straordinaria

Dettagli

Comune di Castrolibero Provincia di Cosenza

Comune di Castrolibero Provincia di Cosenza Comune di Castrolibero Provincia di Cosenza Deliberazione Originale della Giunta N 53 Data 30/04/2010 OGGETTO AFFIDAMENTO SERVIZIO MANUTENZIONE AREE A VERDE DEL TERRITORIO COMUNALE COOPERATIVA SOCIALE

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE C O P I A N. 15 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE. DETERMINAZIONE TARIFFE E/O

Dettagli

TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015

TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015 TABELLA MODIFICHE TARIFFE SERVIZI E CONCESSIONI CIMITERIALI ANNO 2015 TRASPORTO SALME / CADAVERI 2014 2015 Trasporto salme / cadaveri (vedi rilascio autorizzazione al trasporto) Accoglienza salme / cadaveri

Dettagli