VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 56

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 56"

Transcript

1 Copia COMUNE DI BALSORANO (Prov. L Aquila) VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 56 Oggetto: Gestione servizi cimiteriali anno Approvazione schema di convenzione L anno duemilaundici addì venticinque del mese di giugno alle ore 13,30 nella sala delle adunanze del palazzo municipale di Balsorano, convocata per le vie brevi, si è riunita la Giunta Comunale nelle persone Cognome Nome Qualifica Presente Assente Siciliani Francesca Sindaco X Capoccitti Gino Vice Sindaco X Tuzi Giovanni Assessore X Tullio Servio Assessore X Perruzza Michele Assessore X Troiani Raffaele Assessore X Perruzza Monica Assessore X Riconosciuta legale l adunanza per il numero degli intervenuti il Sindaco Presidente invita la Giunta a deliberare sull argomento in oggetto. Assiste il Segretario Comunale dott. Angelo Mascolo

2 GIUNTA COMUNALE OGGETTO: GESTIONE CIMITERI COMUNALI PER L'ANNO APPROVAZIONE SCHEMA CONVENZIONE. Preso atto che per il corso dell anno 2011 si intende organizzare specificatamente il servizio cimiteriale onde poi demandare al Resp.UTC l'affidamento esterno del servizio; Visto lo schema di convenzione e l annesso capitolato tecnico redatto dal Resp.UTC nel quale sono indicate le attività che si debbono svolgere nell'espletamento del servizio e che deve essere rapportato al periodo mensile di effettivo esercizio; Visto che la somma necessaria per l'affidamento del servizio in argomento trova copertura finanziaria nella parte corrente del bilancio; Visto il parere favorevole in merito alla regolarità tecnica reso ai sensi dell art.49 c.1 del decreto Legislativo 18/08/2000 n.267; Con voti unanimi palesemente resi; DELIBERA 1) di approvare, allegandolo al presente deliberato quale parte integrante e sostanziale, lo schema di convenzione per l'affidamento del servizio di gestione dei cimiteri per l'anno ) di dare mandato all'ufficio Tecnico di procedere alla definizione di tutti gli atti consequenziali per l'espletamento del servizio 3) Di dichiarare data l urgenza del provvedere con separata votazione la presente deliberazione immediatamente eseguibile

3 SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA COMUNE DI BALSORANO E LA COOPERATIVA SOCIALE. L'Ente Comune di Balsorano, in applicazione dei principi contenuti nell'art.9, paragrafo a) della legge Regionale 8 Novembre 1994, n 85 per la `" fornitura di beni e servizi diversi da quelli sociosanitari ed educativi", della delibera della Giunta Regionale d'abruzzo n 2327 del 03/05/1995, stipula la presente convenzione con la. che agisce per conto delle associate, qualora le attività convenzionate siano elusivamente svolte da cooperative sociali di cui alla lettera b) dell'art.l della Legge 381/94. In data TRA L'Ente Comune di Balsorano con sede a, in via P.I. _ rappresentato dal nato a e La con sede in via C.F. P.I. iscritta nella Sezione B" o ''C" dell'albo Regionale delle Cooperative Sociali, nella persona del suo Legale Rappresentante sig. abilitato con delibera del C.d.A. alla sottoscrizione del presente atto; - Visti gli artt-.l,2,.4,5 e 9-della-Legge 381/91 -e gli artt ;-13-14,15 L.R.85/94 - Che con l'affidamento alla Cooperativa delle attività in oggetto della convenzione l'ente si pone i seguenti obiettivi: migliorare il servizio cimiteriale del Comune di Balsorano - che la scelta del convenzionarnento con la cooperativa sociale è motivata dal fatto che: nelle cooperative sociali si svolgono le attività anche con persone svantaggiate di cui alla legge n 381/91 e verso le quali questa Amministrazione vuole porre particolare. attenzione offrendo delle opportunità di lavoro - Che la Cooperativa è stata individuata a seguito di procedimento negoziale nel rispetto dei criteri previsti dal Decreto Legislativo n 358 del 24 luglio 1992, della D.G.R. n 2327 del 03/05/1995 e delle modalità di cui all'art. 5 della Legge 381/91, in materia di forniture di beni e servizi diversi da quelli socio-sanitari ed educativi; SI CONVIENE. A- Di affidare alla Cooperativa.la fornitura dei seguenti servizi: a) la manutenzione ordinaria di tutti i cimiteri comunali;

4 b) la cura dei giardini, la pulizia e la raccolta rifiuti; c) la gestione delle operazioni cimiteriali; d) la custodia dei cimiteri e) servizi extra quali attivazioni di lampade votive e manutenzione di quelle già esistenti B- la convenzione ha la durata di anni 1 (uno) a partire dalla stipula della presente convenzione ( contratto) ed è rinnovabile con le modalità e nei limiti di cui all'art.6 comma 2) della legge n 537/1993, salvo casi di risoluzione di cui al successivo punto G); essa si intende prorogata per un massimo di sei mesi alle medesime modalità e corrispettivi nell'esclusivo caso in attesa dell'espletamento delle procedure per il formale rinnovo. C- la Cooperativa si impegna: 1- ad organizzare l'attività lavorativa impiegando in essa persone in, condizioni di svantaggio nella misura minima del 30% come previsto dall'art. 4 della L.381/9l; 2- ad impiegare per 'l'espletamento delle attività oggetto della convenzione operatori ed eventuali soci volontari in possesso dei requisiti di professionalità utili alla corretta gestione dell attività. Gli operatori ed i soci volontari devono essere-dettagliati in due distinti elenchi debitamente sottoscritti contenenti tutte le informazioni possibili a definire la posizione e professionalità di ognuno ( figura professionale, qualifica, livello titolo di studio ect.). La Cooperativa si assume ogni responsabilità in merito alla veridicità dei dati riportati; 3- a nominare quale responsabile dello svolgimento.-delle attività..il -sig._ qualifica professionale 4- ad utilizzare i soci volontari nel rispetto delle norme contenute nell art.2 della Legge 381/91, per prestazioni complementari e non- sostitutive a quelle degli operatori; 5- a rispettare, per il personale impiegato nell'attività e peri soggetti svantaggiati inseriti, tutte le norme e gli obblighi assicurativi previsti dai CCNL di settore.in particolare la Cooperativa si impegna ad applicare condizioni normative e retributive non inferiori a quelle previste dal CCNL delle Cooperative Sociali o da eventuali contratti nazionali. 6- ad assicurare lo svolgimento del servizio nel rispetto di tutte le--norme vigenti in materia. assicurativa, previdenziali e di prevenzione infortuni éd igiene del lavoro. 7- Ad adeguare eventualmente, secondo la normativa vigente, la propria struttura sé fornita per l'espletamento del servizio. 8- Ad assumersi qualsiasi responsabilità ed onere nei confronti déll'ente o di terzi nei casi di mancata adozione di quei provvedimenti utili alla salvaguardia delle persone e degli strumenti coinvolti, nella esecuzione del servizio

5 9- A garantire l'assunzione, per la durata della convenzione, di persone svantaggiate, secondo le tipologie e le modalità indicate dall'art. 4 della Legge 381/ A seguire le indicazioni dell'ente, comunicate con almeno 3 giorni di anticipo, sulla base di piani relativi ai lavori da eseguire che lo stesso Ente predispone. Le modalità esecutive ed ogni altro criterio operativo sono definite nel capitolato d oneri 11-A trasmettere annualmente all'ente un elenco degli operatori inseriti, debitamente sottoscritto, contenente per ogni persona la tipologia di svantaggio, il tipo di rapporto di lavoro e la data di assunzione. L'Ente garantisce la massima riservatezza delle notizie acquisite. D- L'Ente si impegna a corrispondere alla Cooperativa Sociale per la gestione del servizio convenzionato il corrispettivo complessivo di Euro ,00 comprensivo di IVA, da rapportare al periodo mensile prestato per il corrente esercizio finanziario. E- Per ritardati pagamenti L'Ente si impegna.a versare alla Cooperativa gli interessi di Legge. E' ammessa la revisione prezzi nei casi in cui la variazione dell'indice Istat del costo della vita sia superiore al 4%. F- L Ente può risolvere il contratto a seguito: - di grave inadempimento della Cooperativa - contestazione scritta degli addebiti o successiva diffida nel persistere nelle inadempienze rilevate - riduzione del numero dei giorni di prestazione superiore al 40% di quello previsto H- A garanzia della regolare esecuzione dell'attività o prestazione di servizi, la Cooperativa costituisce cauzione di Euro 1.500,00 pari al 10% dell'importo annuo mediante versamento in contanti presso il tesoriere dell'ente o fideiussione rilasciata da idoneo istituto valida per tutta la durata della convenzione.la cauzione resta vincolata sino al termine del rapporto contrattuale e sarà restituita alla Cooperativa entro 30 giorni dalla scadenza di tale termine e su richiesta della medesima. I- La presente convenzione, redatta in duplice copia originale e soggetta a registrazione solo in caso d'uso, ai sensi dell'art. 5, secondo comma del D.P.R. 26/04/86 n 131. L- Sono parte integrante della convenzione i seguenti allegati: copia del decreto di iscrizione all'albo regionale, elenco operatori, elenco volontari, capitolato tecnico, garanzia fideiussoria. M- L'Ente nomina quale suo referente il Responsabile Area Tecnica del Comune di Balsorano a cui la Cooperativa si rivolgerà per qualsiasi problema di carattere organizzativo e gestionale. N- Le parti si danno reciprocamente atto del rispetto delle norme dettate dalla L.R. 85/94 e della D.G.R. n 2327 del 03/05/1995 Copia della presente convenzione sarà inviata alla Regione Abruzzo _Servizio Lavoro

6 Letto, confermato e sottoscritto Per la Cooperativa Sociale (Timbro e Firma) Per l'ente ( Timbro e Firma)

7 CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO CIMITERIALE COMUNALE ARTICOLO 1 OGGETTO 1. La convenzione ha per oggetto a) la,manutenzione ordinaria di tutti i cimiteri comunali b) la cura dei giardini, la pulizia e la raccolta dei rifiuti c) la gestione delle operazioni cimiteriali; d) la custodia dei cimiteri del Capoluogo e la sorveglianza. dei cimiteri: delle Frazioni;. ARTICOLO 2 IMPORTO E DURATA 1 L'importo :della convenzione è fissato in Euro.. fino al L'importo di cui sopra verrà corrisposto mediante rate mensili costanti posticipare. 3. Le operazioni cimiteriali saranno contabilizzate applicando, al numerai degli interventi eseguiti. e riscontrati, se occorre, in contraddittorio fra cooperativa e privato 4. Nel caso di esecuzione contestuale di più operazioni nel :medesimo cimitero, il corrispettivo spettante complessivamente per tali operazioni si intende ridotto del 20%., 5 La convenzione ha la durata di anni l( uno) a partire dalla stipula del contratto ed è rinnovabile con le modalità e nei limiti di cui all'art. 6, comma 2, della legge n 537/1993. In. capo di mancato. rinnovo la cooperativa è.- comunque tenuta, su richiesta dell'amministrazione,.a proseguire la convenzione per un periodo massimo, di sei mesi, agli stessi. prezzi, patti e condizioni,al fine di assicurare la. continuità.del.servizio. ARTICOLO 3 OBBLIGHI GENERALI DELLA COOPERATIVA I. La cooperativa è tenuta all'esatta osservanza.. delle leggi e disposizioni vigenti circa l'assistenza sociale, le assicurazioni, prevenzione degli infortuni sul lavoro ed igiene sul lavoro ed in genere di tutte le leggi e norme in vigore sui Lavori Pubblici nonché delle disposizioni delle leggi sulle assicurazioni obbligatorie 2. La cooperativa ha l'obbligo di attuare nei confronti dei lavoratori dipendenti occupati nei lavori in oggetto e se Cooperative, anche nei confronti dei Soci, condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavori applicabili, alla data dell'offerta,, alla categoria e nelle località in cui si.svolgono i lavori, nonché le condizioni risultanti dalle successive modifiche ed integrazioni ed in genere ad ogni altro contratto collettivo applicabile. La cooperativa

8 è obbligata altresì a continuare ad applicare i suindicati contratti collettivi anche dopo la scadenza.e fino a loro sostituzione. I suddetti obblighi vincolano la cooperativa anche nei caso che la stessa non sia aderente alle Associazioni stipulanti o receda da esse. 3. E' obbligo alla cooperativa adottare tutte quelle cautele ed i provvedimenti necessari per garantire la vita e la incolumità degli operai e delle persone addette comunque ai lavori, ai terzi e così pure per evitare danni ai beni pubblici e privati, alla circolazione stradale. Ogni più ampia responsabilità ricadrà pertanto sulla cooperativa nel caso di infortuni, restandone sollevato il Comune. La cooperativa è inoltre responsabile di eventuali danni procurati da terzi nell'espletamento dei lavori. ARTICOLO 4 ADEMPIMENTI Sono inoltre a carico della cooperativa : la fornitura di operai. strumenti ed attrezzi necessari per l'effettuazione dei lavori attività e prestazioni oggetto della convenzione i lavori di pulizia interna compresi i servizi igienici, la, pulizia delle aree esterne e lo svuotamento dei contenitori rifiuti dovranno eseguirsi due volte!a settimana, di norma nei giorni di raccolta salvo diversa richiesta dei Comune. La falciatura dei tappeti erbosi dovrà avvenire secondo le necessità in dipendenza dell'andamento. stagionale e della crescita del manto erboso La pulizia delle aree pavimentate esterne o interne,vialetti,scale,portici seminterrati ecc dovrà avvenire secondo quanto richiesto dalle condizioni delle aree stesse ed. in ogni caso almeno una. volta alla settimana: In caso di nevicate dovranno essere garantiti gli accessi e la percorribilità dei camminamenti essenziali, con particolare riguardo a piazzali, scale, zone di sepoltura a tumulazione ed a inumazione Il Comune ha altresì la facoltà di richiedere nell'arco di ogni anno, fino a n l0 interventi specifici all'anno in concomitanza di particolari eventi quali manifestazioni, festività o similari. Resta invece di esclusiva competenza dell impresa I'organizzazione dei lavori per aumentare il rendimento della produzione lavorativa La raccolta ed il conferimento al pubblico servizio-comunale dei. rifiuti di provenienza cimiteriale deve avvenire mediante distinta ed adeguata gestione dei rifiuti pericolosi rispetto ai rifiuti non pericolosi, compresi i rifiuti vegetali ARTICOLO 5 SPECIFICHE PER L'ESECUZIONE DEI LAVORI Sono stabilite le seguenti specifiche per l'esecuzione dei lavori di manutenzione e pulizia:

9 Rasatura dei tappeti erbosi da eseguirsi con mezzo meccanico di dimensioni appropriate (tosaerba, decespugliatore, ecc.) compreso la raccolta e l'asportazione di tutto il materiale di risulta. Il taglio dovrà essere eseguito a perfetta regola d'arte, avendo cura di non danneggiare tombe, alberi, cespugli, impianti elettrici e. quant'altro e comunque prima che. l'erba abbia raggiunto l altezza di: cm 7 (sette) salvo diversa disposizione del Comune. Si prevedono un minimo di n 12 (dodici) interventi nell'arco dell'anno Zappatura. vangatura e concimatura delle aiuole piantumate da eseguirsi con idonea attrezzatura avendo cura di "scolmare" nel periodo primaverile-estivo e "colmare" nel periodo autunnale. Sono previsti n. 3 (tre) interventi minimi annuali Innaffiatura di cespugli nelle aiuole e fioriere esistenti, da eseguirsi ogni qualvolta le condizioni climatiche lo rendano necessario Si prevede un minimo di n 5 (cinque) interventi settimanali Pulizia e diserbamento dei vialetti, dei camminamenti, delle piazzole, dei porticati, delle gallerie,. delle scalinate, dette vetrate, parapetti, cancelli ed ogni altra struttura esistente La pulizia comprende la esportazione di rifiuti, la spazzatura, la lavatura dei pavimenti, la lavatura degli infissi dei vetri, ecc. Mentre. per l asportazione dei rifiuti.e spazzatura si prevedono n. 2' (due). interventi settimanali nelle giornate di raccolta, la lavatura dei pavimenti dovrà essere effettuata almeno una volta la settimana ed invece il lavaggio degli infissi e dei vetri potrà essere eseguito all'occorrenza e comunque in accordo e su richiesta del Comune. Messa a dimora di piante e fiori forniti dal Comune Svuotamento dei contenitori di rifiuti: comprendono la totale esportazione del materiale, la pulizia della zona circostante, il carico ed il trasporto della risulta al cassonetto più vicino, posto al di fuori dei cimiteri. Si prevedono n'2 (due) interventi settimanali. nelle giornate di raccolta salvo diversa richiesta del Comune, Pulizia dei servizi igienici: comprende la spazzatura e la lavatura dei pavimenti e la pulizia della zona circostante, da effettuarsi nelle due giornate settimanali di lunedì e venerdì Il lavaggio deve eseguirsi con prodotti detergenti e disinfettanti per lavabi, vasi igienici, ecc: da effettuarsi nelle stesse giornate. Il lavaggio di infissi e vetri da effettuarsi secondo le richieste del Comune Lo sgombero della neve (apertura passaggi, spazzatura, distribuzione prodotti antisdrucciolevoli e trasporto neve) dovrà essere svolto con la massima cura e tempestività,. onde garantire lo svolgimento delle operazioni mortuarie nonché l'affluenza dei visitatori; potrà essere effettuato con mezzi meccanici, ove consentito, e normalmente negli altri casi. E' assolutamente vietato l'uso di prodotti chimici che possano danneggiare pavimentazioni e patrimonio o di qualunque prodotto non autorizzato dal Comune. Sarà consentito il solo impiego di segatura o perla di riso nelle zone a scalinata, o. particolarmente scivolose, da concordare comunque con lo stesso Comune. Qualora si verificasse un fenomeno nevoso ripetuto e di una certa consistenza, l'impresa dovrà in accordo con il Comune provvedere all'asportazione dei cumuli di neve delle zone interne stabilite, agli spazi esterni preventivamente indicati. Cura delle piante e delle siepi e la loro potatura secondo accordi presi con il Comune.

10 ARTICOLO 6 ESECUZIONE DEI LAVORI NON PREVISTI NELLA CONVENZIONE In caso di necessità di lavori, attività o prestazioni eventuali: non previsti nel presente capitolato; e. che esulino dal normale concetto di manutenzione ordinaria, la cooperativa li potrà eseguire in accordo con l Ufficio Tecnico, con prezzi che saranno all'occorrenza pattuiti ARTICOLO 7 PENALI PER LA MANCATA O RITARDATA ESECUZIONE DI LAVORI DI MANUTENZIONE Ogni qualvolta l Ufficio Tecnico comunale ordina l esecuzione di un intervento di ordinaria manutenzione previsto dal presento capitolato, lo stesso dovrà essere iniziato entro il termine di giorni tre. Viene stabilita una penale di. per ogni giorno di ritardo, oltre al rimborso delle spese e fato salvo í1 risarcimento di ulteriori danni. La penale è applicata tramite sui corrispettivi spettanti alla cooperativa. Qualora l esecuzione dei lavori non sia a regola d'arte. o sia in contrasto con quanto previsto nel presente capitolato, o comunque rispetto a quanto impartito dall'ufficio Tecnico comunale, l impresa dovrà eseguire di nuovo i lavori; contrariamente gli verrà addebitata una penale di.500,00 dopo aver fatto constatare all'impresa la mancata o cattiva esecuzione dei lavori, tramite trattenuta sui corrispettivi spettanti alla cooperativa stessa. E' fatto salvo il risarcimento degli ulteriori danni Le disposizioni dei precedenti commi si applicano anche nel caso di lavori ordinati ex officio dall'ufficio Tecnico comunale ARTICOLO 8 OPERAZIONI CIMITERIALI Sono posti a carico della cooperativa la prestazione di mano d'opera, la. fornitura di prodotti e materiali e l'impiego di attrezzature idonee per l esecuzione delle seguenti operazioni cimiteriali: a) ricevimento: salme e trasporto dei feretri dall'ingresso al posto di tumulazione o inumazione, previa verifica degli avvenuti adempimenti di polizia mortuaria anche tariffari, da parte degli utenti; b) predisposizione preliminare di ponteggi ove le operazioni si svolgano ad altezze superiori a m e la cooperativa non utilizzi idonei montaferetri c) predisposizione preliminare a piè d'opera di materiali e mezzi d'opera; le malte, peraltro necessarie sempre in modesta quantità, dovranno essere approntate nella zona destinata a magazzino o in altra zona indicata dal Comune d) tumulazioni in cappelle loculi e ossari: e) chiusura dal loculo mediante fornitura e posa in opera di mattoni pieni a una testa, legati con malta cementizia o altro materiale avente caratteristiche di stabilità e spessore, atti a garantire la

11 dovuta resistenza meccanica e sigillati con cemento ad espansione in modo da rendere la chiusura a tenuta ermetica; 'le tamponature dovranno essere rivestite.e sigillate con intonaco di malta cementizia dello spessore minimo di mm. 15; nel caso in cui il loculo sia sprovvisto di lapide,, unicamente all intonaco dovrà essere posta in opera una piccola lapide "provvisoria" (max cm30x20) fornita prima delle operazioni dai parenti della salma (nome, cognome, data di nascita e di decesso); f) posa in opera di lastra di materiale lapideo, fornita dai parenti della salma e dal concessionario dei loculo.' Ove detta lapide non fosse fornita prima del completamento, le stesse ( le generalità della salma ricavate dai- documenti o richieste dalla direzione del cimitero) saranno, dal muratore incise in modo leggibile sull intonaco fresco. e) estumulazioni in cappelle e loculi; g) demolizioni delle murature o esportazione senza danneggiarla, della lapide in dotazione del loculo- e sua rimessa in ripristino dopo la disinfezione, compreso accatastamento.a piè d'opera dei.materiali di risulta e trasporto a pubblica discarica. Le. operazioni e forniture necessarie per l'asportazione e/o posa in opera delle lapidi di rivestimento e gli altri arredi ad essa pertinenti (scritte commemorative,. generalità, lampade, vasi portatori, decorazioni) sono a totale carico e rischio della cooperativa,. la quale in caso di danno dovrà provvedere al relativo risarcimento; h) inumazioni a terra: i) scavo della fossa con eventuali sostegni per evitare il cedimento dei terreno e rinterro della salma con primo strato di terreno sabbioso e strato superficiale con terreno vegetale. Apposizione di una croce di materiale metallico provvisoria, su indicazione del Comune, con su riportati nome e. cognome, data di nascita e di decesso della salma; l) scavo, prelevamento e trasporto al deposito del feretro, rinterro della fossa con strato di terreno ghiaioso e strato superficiale di terreno vegetale.. L esecuzione di operazioni cimiteriali di esumazione e di estumulazione comprende anche il trattamento dei resti mortali successivamente allo svolgimento delle operazioni stesse. In particolare, in caso di completa mineralizzazione della salma, la cooperativa deve provvedere alla collocazione delle ossa nelle cassettine di zinco di cui all'art.36 dei D.P.R. n. 285/1990 ed al loro deposito nell ossario comune, ovvero su richiesta, nelle cellette, colombaie o loculi posti entro il recinto del cimitero assegnato in concessione ai privati, in caso di non completa mineralizzazione della salma, la cooperativa deve provvedere alla collocazione dei resti mortali nelle speciali casse per la reinumazione. Le cassette di zinco per le ossa e le casse speziali per la reinumazione sono a carico degli udenti, che possono anche acquistarli dalla cooperativa a prezzi preventivamente concordati con l Amministrazione Comunale. La cooperativa deve assicurare l'esecuzione delle operazioni :cimiteriali che dovessero essere richieste contemporaneamente in più cimiteri. L utilizzo di eventuali attrezzature comunali (sollevatori idraulici od altro) è consentito solo ed` esclusivamente per le operazioni di tumulazioni delle salme

12 I rifiuti da esumazione e da estumulazione e i rifiuti derivanti da altre attività cimiteriali ( materiali lapidei, inerti derivanti da lavori di edilizia cimiteriale, terre di scavo, murature e similari, altri` oggetti metallici o non metallici asportati prima della cremazione,. della tumulazione o inumazione) debbono essere gestiti in conformità al D.P.R. 15/07/2003 n..254 artt 12 e 13. In particolare i rifiuti da esumazione e estumulazione prodotti in tutti i cimiteri comunali debbono essere, a cura e spese dell impresa, inseriti in apposito imballaggio a perdere flessibile di colore distinguibile, recante la scritta Rifiuti urbani da esumazioni o estumulazioni trasportati e stoccati nell'apposito cassone scarrabile fornito.dal Comune, parcheggiato nell'apposita area del cimitero ARTICOLO 9 PENALE PER IL RITARDO NELLE. OPERAZIONI CIMITERIALI Qualora la cooperativa ritardi 1'intervento senza giustificato motivo, di oltre 1(una) ora sul tempo prefissato come da regolamento, sarà sottoposta al pagamento di penale che viene stabilita in.500,00 per ogni intervento ritardato da detrarsi dai corrispettivi che il Comune dovrà versare alla cooperativa; ARTICOLO 10 MODALITA' DI SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI Il servizio sarà richiesto alla cooperativa direttamente dal privato utente con un preavviso scritto di almeno 6 (sei) ore sull'orario previsto. Sulle attività della cooperativa vigilerà direttamente l Ufficio Tecnico del Comune e quello di P.M. ARTICOLO 11 CUSTODIA E SORVEGLIANZA DEI CIMITERI E. Sono a carico della cooperativa: a) la custodia dei cimiteri mediante continua presenza, in tutti i giorni dell'anno compreso i festivi, di una persona incaricata negli orari prestabiliti b) la pronta reperibilità presso gli altri cimiteri comunali, in caso di richiesta di interventi da parte dei Comune o degli utenti; c) la tenuta e conservazione della documentazione e dei registri di cui all'art.52 dei D.Lgs. n 252/1990 e di tutti gli atti comunque prescritti dalle vigenti disposizioni in materia di polizia mortuaria o a tale scopo disposti dal Comune; d) il ricevimento del pubblico per almeno un'ora al giorno in luogo fisso nell'ambito dei locali di servizio del cimitero e) La vigilanza e sorveglianza delle strutture, degli impianti, degli.arredi e dei servizi esistenti in tutti i cimiteri comunali con obbligo di referto al Comune in caso di emergenza, inconvenienti o altra sopravvenienza

13 Del che si è redatto il presente verbale, che letto e confermato viene qui sottoscritto IL SINDACO f.to Avv. Francesca M. Siciliani IL SEGRETARIO f.to Dott. Angelo Mascolo Il sottoscritto responsabile del servizio delle pubblicazioni aventi effetto di pubblicità legale, visti gli atti d ufficio; Visto lo statuto comunale, A T T E S T A che la presente deliberazione è stata pubblicata, in data odierna, per rimanervi per 15 giorni consecutivi nel sito web istituzionale di questo Comune accessibile al pubblico (art. 32, comma 1, della legge 18 giugno 2009, n. 69) ed è stata compresa nell elenco prot.n, in data odierna, delle deliberazioni comunicate ai capigruppo consiliari (art. 125, del T.U. n. 267/2000). Dalla residenza comunale, lì Timbro f.to Il Responsabile del servizio Dr.Angelo Mascolo Il sottoscritto, visti gli atti d ufficio, A T T E S T A che la presente deliberazione è stata pubblicata nel sito web istituzionale di questo Comune per quindici giorni consecutivi dal al ed è stata dichiarata immediatamente esecutiva nella seduta del (art. 134, c. 4, del T.U. n. 267/2000). Dalla residenza comunale, lì f.to Il Responsabile del servizio Dr. Angelo Mascolo E copia conforme all originale per uso amministrativo IL SEGRETARIO COMUNALE Dr. Angelo Mascolo

14

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune Direzione Generale INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento. Principi generali,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli