COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE"

Transcript

1 Spediz. abb. post. 45% - art.2, comma 20/b Legge , n Filiale di Roma SERIE GENERALE PA R T E PR I MA Roma - Sabato, 6 novembre 2004 Anno 145ë Ð Numero 261 SI PUBBLICA TUTTI IGIORNINONFESTIVI DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - UFFICIO PUBBLICAZIONE LEGGI E DECRETI - VIA ARENULA ROMA AMMINISTRAZIONE PRESSO L'ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO - LIBRERIA DELLO STATO - PIAZZA G. VERDI ROMA - CENTRALINO La Gazzetta Ufficiale, oltre alla Serie generale, pubblica quattro Serie speciali, ciascuna contraddistinta con autonoma numerazione: 1 a Serie speciale: Corte costituzionale (pubblicata il mercoledõá) 2 a Serie speciale: ComunitaÁ europee (pubblicata il lunedõá e il giovedõá) 3 a Serie speciale: Regioni (pubblicata il sabato) 4 a Serie speciale: Concorsi ed esami (pubblicata il martedõá e il venerdõá) AVVISO AGLI ABBONATI Dal 4 ottobre vengono resi noti nelle ultime pagine della Gazzetta Ufficiale i canoni di abbonamento per l'anno Contemporaneamente sono state spedite le offerte di rinnovo agli abbonati, complete di bollettini postali premarcati (di colore rosso) per la conferma dell'abbonamento stesso. Si pregano i signori abbonati di far uso di tali bollettini e di utilizzare invece quelli prestampati di colore nero solo per segnalare eventuali variazioni. Si rammenta che la campagna di abbonamento avra termine il 31 gennaio 2005 e che la sospensione degli invii agli abbonati, che entro tale data non avranno corrisposto i relativi canoni, avra effetto dal 28 febbraio Si pregano comunque gli abbonati che non intendano effettuare il rinnovo per il 2005 di darne comunicazione via fax al Settore Gestione Gazzetta Ufficiale (n ) ovvero al proprio fornitore. LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 5 novembre 2004, n Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 settembre 2004, n. 233, recante modificazioni alla legge 20 luglio 2004, n. 215, in materia di risoluzione dei conflitti di interesse... Pag. 4 LEGGE 5 novembre 2004, n SOMMARIO DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI Ministero dell'economia e delle finanze DECRETO 14 ottobre Iscrizione nella tariffa di vendita al pubblico dei fiammiferi pubblicitari omaggio, denominati Athena Saf 40, Prometeo, Uragano, Etna Fiamma, Maxi 260 e variazione del prezzo di vendita al pubblico dei fiammiferi denominati Super Box S255 e Cuoco... Pag. 8 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 7 settembre 2004, n. 234, recante disposizioni urgenti in materia di accesso al concorso per uditore giudiziario.... Pag. 6 DECRETO 18 ottobre Scioglimento della societa cooperativa ûcontura societa cooperativa a r.l.ý, in Troppa... Pag. 9

2 DECRETO 20 ottobre Sostituzione di un componente supplente della commissione di conciliazione per le controversie individuali di lavoro di Crema... Pag. 10 DECRETO 20 ottobre Costituzione della commissione di certificazione, presso la Direzione provinciale del lavoro - Servizio politiche del lavoro di Rovigo... Pag. 10 DECRETO 21 ottobre Sostituzione di un componente, in rappresentanza dei lavoratori dipendenti, in seno al Comitato provinciale I.N.P.S. di Napoli... Pag. 11 DECRETO 21 ottobre Revoca del decreto del 9 giugno 2004, concernente lo scioglimento della societa cooperativa ûtelecinemaý, in Chieti. Pag. 11 Ministero delle politiche agricole e forestali DECRETO 28 settembre Modifica dei decreti di conferimento dell'incarico ai consorzi di tutela dei vini a denominazione di origine, a svolgere le funzioni di controllo, previste dal decreto ministeriale 29 maggio 2001 per le rispettive D.O.C.G. e D.O.C... Pag. 11 DECRETO 19 ottobre Differimento del termine di proroga dell'autorizzazione, rilasciata all'organismo di controllo denominato ûcamere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura di Genova, Savona, Imperia e La Speziaý, ad effettuare i controlli sulla denominazione di origine protetta ûriviera Ligureý, riferita all'olio extravergine di oliva... Pag. 12 Ministero dell'istruzione dell'universita e della ricerca DECRETO 27 settembre Modifica ai decreti 29 dicembre 2003 e 12 luglio 2004, relativi ai progetti autonomi, gia ammessi al finanziamento del Fondo per le agevolazioni alla ricerca.... Pag. 13 DECRETO 5 ottobre Modifica del decreto 21 giugno 2004, relativo ai progetti autonomi, gia ammessi al finanziamento del Fondo per le agevolazioni alla ricerca... Pag. 14 DECRETO 5 ottobre Modifica del decreto 29 dicembre 2003, relativo ai progetti autonomi, gia ammessi al finanziamento del Fondo per le agevolazioni alla ricerca... Pag. 16 ö 2 ö DECRETO 5 ottobre Ammissione di progetti autonomi al finanziamento del Fondo per le agevolazioni alla ricerca, per un impegno di spesa di e , Pag. 17 DECRETO 18 ottobre Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Approvazione della stazione di revisione ûr.s. S.r.l.ý, in Trieste... Pag. 20 TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 6 settembre 2004, n. 233, coordinato con la legge di conversione 5 novembre 2004, n. 261, recante: ûmodificazioni alla legge 20 luglio 2004, n. 215, in materia di risoluzione dei conflitti di interessiý... Pag. 21 Testo del decreto-legge 7 settembre 2004, n. 234, coordinato con la legge di conversione 5 novembre 2004, n. 262, recante: ûdisposizioni urgenti in materia di accesso al concorso per uditore giudiziarioý... Pag. 21 ESTRATTI, SUNTI E COMUNICATI Ministero dell'economia e delle finanze - Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato: Avviso relativo alle lotterie ad estrazione istantanea ûil gioco delle meraviglieý, ûlo zodiacoý e ûanimali Portafortunaý Pag. 23 Ministero del lavoro e delle politiche sociali: Istruttoria per lo scioglimento di dieci societa cooperative. Pag. 23 Provvedimenti di concessione del trattamento straordinario di integrazione salariale Pag. 23 Provvedimento di corresponsione del trattamento speciale didisoccupazione... Pag. 24 Provvedimento di accertamento della sussistenza dello stato di grave crisi dell'occupazione, ai sensi dell'articolo 11 dellaleggen.223/ Pag. 24 Comunicato concernente l'approvazione della delibera adottata in data 24 e 25 giugno 2004 dall'inarcassa Pag. 24

3 Comunicato concernente l'approvazione della delibera n. 7/04/PRV, successivamente rettificata in n. 8/04/PRV, adottata in data 16 giugno 2004 e delibera n. 65/04/PRV, adottata in data 24 giugno 2004 dall'enpapi.... Pag. 24 Agenzia italiana del farmaco: Modificazione dell'autorizzazione all'immissione in commercio della specialita medicinale per uso umano ûadiugripý. Pag. 24 Modificazione dell'autorizzazione all'immissione in commercio della specialita medicinale per uso umano ûviskený. Pag. 25 Modificazione dell'autorizzazione all'immissione in commercio della specialita medicinale per uso umano ûdiidergotý... Pag. 25 Modificazione dell'autorizzazione all'immissione in commercio della specialita medicinale per uso umano ûtrasitensiný... Pag. 25 Modificazione dell'autorizzazione all'immissione in commercio di alcune specialita medicinali per uso umano Pag. 25 Modificazione dell'autorizzazione all'immissione in commercio della specialita medicinale per uso umano ûibizolamý. Pag. 26 Modificazione dell'autorizzazione all'immissione in commercio della specialita medicinale per uso umano ûcleverý. Pag. 26 Regione Basilicata: Provvedimento concernente le acque minerali... Pag. 27 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Pistoia: Provvedimenti concernenti i marchi di identificazione dei metalli preziosi Pag. 27 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Siena: Provvedimenti concernenti i marchi di identificazione dei metalli preziosi Pag. 27 ö 3 ö

4 LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 5 novembre 2004, n Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 settembre 2004, n. 233, recante modificazioni alla legge 20 luglio 2004, n. 215, in materia di risoluzione dei conflitti di interesse. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; la seguente legge: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga Art Il decreto-legge 6 settembre 2004, n. 233, recante modificazioni alla legge 20 luglio 2004, n. 215, in materia di risoluzione dei conflitti di interesse, e convertito in legge con le modificazioni riportate in allegato alla presente legge. 2. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. Eé fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Data a Roma, add 5 novembre 2004 CIAMPI Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri Gasparri, Ministro delle comunicazioni Visto, il Guardasigilli: Castelli ö 4 ö

5 Senato della Repubblica (atto n. 3102): öööööö LAVORI PREPARATORI Presentato dal Ministro delle comunicazioni (Gasparri) il 17 settembre Allegato Assegnato alla 1 commissione (Affari costituzionali), in sede referente, il 21 settembre 2004, con parere delle commissioni 1 per presupposti costituzionali e della 8. Esaminato dalla 1 commissione (Affari costituzionali), in sede consultiva, sull'esistenza dei presupposti di costituzionalita il 21 e 22 settembre Esaminato dalla 1 commissione il e 29 settembre Esaminato in aula il 29 settembre e approvato il 5 ottobre Camera dei deputati (atto n. 5329): Assegnato alla I commissione (Affari costituzionali), in sede referente, il 6 ottobre 2004 con pareri del Comitato per la legislazione e delle commissioni VII e IX. Esaminato dalla I commissione il e 14 ottobre Esaminato in aula il ottobre 2004 ed approvato con modificazioni il 21 ottobre Senato della Repubblica (atto n B): Assegnato alla 1 commissione (Affari costituzionali), in sede referente, il 21 ottobre 2004 con pareri delle commissioni 5 e 8. Esaminato dalla 1 commissione il 26 e 27 ottobre Esaminato in aula il 28 ottobre 2004; 2 novembre 2004 e approvato il 3 novembre öööö Avvertenza: Il decreto-legge 6 settembre 2004, n. 233, e stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 211 dell'8 settembre A norma dell'art. 15, comma 5, della legge 23 agosto 1998, n. 400 (Disciplina dell'attivita di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri), le modifiche apportate dalla presente legge di conversione hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua pubblicazione. Il testo del decreto-legge, coordinato con la legge di conversione e corredato delle relative note, e pubblicato in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag G0298 ö 5 ö

6 LEGGE 5 novembre 2004, n Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 7 settembre 2004, n. 234, recante disposizioni urgenti in materia di accesso al concorso per uditore giudiziario. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; la seguente legge: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga Art Il decreto-legge 7 settembre 2004, n. 234, recante disposizioni urgenti in materia di accesso al concorso per uditore giudiziario, e convertito in legge con le modificazioni riportate in allegato alla presente legge. 2. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. Eé fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Data a Roma, add 5 novembre 2004 CIAMPI Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri Castelli, Ministro della giustizia Visto, il Guardasigilli: Castelli ö 6 ö

7 öööö LAVORI PREPARATORI Allegato Senato della Repubblica (atto n. 3103): Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (Berlusconi) e dal Ministro della giustizia (Castelli) il 17 settembre Assegnato alla 2 commissione (Giustizia), in sede referente, il 21 settembre 2004 con parere delle commissioni 1 e 7. Esaminato dalla 1 commissione (Affari costituzionali), in sede consultiva, sull'esistenza dei presupposti di costituzionalita il 21 e 22 settembre Esaminato dalla 2 commissione, il e 23 settembre Esaminato in aula e approvato il 28 settembre Camera dei deputati (atto n. 5302): Assegnato alla II commissione, in sede referente, il 29 settembre 2004 con pareri del Comitato per la legislazione e delle commissioni I e VII. Esaminato dalla II commissione il 7-13 e 14 ottobre Esaminato in aula il 19 ottobre 2004 ed approvato con modificazioni il 20 ottobre Senato della Repubblica (atto n B): Assegnato alla 2 commissione (Giustizia), in sede referente, il 21 ottobre 2004 con parere della 1 commissione. Esaminato dalla 2 commissione il 27 e 28 ottobre Esaminato in aula il 28 ottobre 2004; 2 novembre 2004 ed approvato il 3 novembre öööö Avvertenza: Il decreto-legge 7 settembre 2004, n. 234, e stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 211 dell'8 settembre A norma dell'art. 15, comma 5, della legge 23 agosto 1998, n. 400 (Disciplina dell'attivita di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri), le modifiche apportate dalla presente legge di conversione hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua pubblicazione. Il testo del decreto-legge, coordinato con la legge di conversione e corredato delle relative note, e pubblicato in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag G0299 ö 7 ö

8 DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 14 ottobre Iscrizione nella tariffa di vendita al pubblico dei fiammiferi pubblicitari omaggio, denominati Athena Saf 40, Prometeo, Uragano, Etna Fiamma, Maxi 260 e variazione del prezzo di vendita al pubblico dei fiammiferi denominati Super Box S255 e Cuoco. IL DIRETTORE GENERALE dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Vista la legge 13 maggio 1983, n recante l'adeguamento alla normativa comunitaria della disciplina concernente i monopoli del tabacco lavorato e dei fiammiferi; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, relativo all'istituzione dell'imposta sul valore aggiunto, e successive modificazioni; Visto l'articolo 29 del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331, convertito nella legge 29 ottobre 1993, n. 427, che disciplina tra l'altro, l'applicazione dell'imposta di fabbricazione sui fiammiferi di produzione nazionale o di provenienza comunitaria; Visto il decreto ministeriale 22 dicembre 1958, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 43 del 20 febbraio 1959, recante le caratteristiche delle marche contrassegno per fiammiferi, e successive modificazioni; Visto il decreto ministeriale 21 maggio 1992, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 129 del 3 giugno 1992, con il quale l'aggio per la vendita dei fiammiferi e stato fissato nella misura del 10 per cento del prezzo di vendita al pubblico; Visto il decreto ministeriale 1 marzo 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 aprile 2002, con il quale vengono, tra l'altro, rideterminati gli scaglioni di prezzo di vendita dei fiammiferi di ordinario consumo ai fini dell'applicazione delle aliquote di imposta di fabbricazione; Visto il decreto ministeriale 2 maggio 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 17 giugno 2002, con il quale vengono, tra l'altro, determinate l'imposta di fabbricazione e l'imposta sul valore aggiunto sui fiammiferi di ordinario consumo, in relazione al prezzo di vendita al pubblico; Visto il decreto direttoriale 16 dicembre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2003,conilqualee stato iscritto nella tariffa di vendita al pubblico un nuovo tipo di fiammifero denominato ûathena Saf 40ý; Visto il decreto direttoriale 16 ottobre 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 258 del 6 novembre 2003, con il quale sono stati iscritti nella tariffa di vendita al pubblico due nuovi tipi di fiammiferi denominati ûprometeoý eûuraganoý; Visto il decreto direttoriale 27 maggio 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 173 del 26 luglio 2004, con il quale sono stati iscritti nella tariffa di vendita al pubblico due nuovi tipi di fiammiferi denominati ûetna Fiammaý eûmaxi 260ý; Visto il decreto direttoriale 23 luglio 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 195 del 23 agosto 2003, con il quale e stato iscritto nella tariffa di vendita al pubblico un nuovo tipo di fiammifero denominato ûsuper Box S255ý; Vista l'istanza con la quale la ditta Tecnomatch chiede la variazione di una delle caratteristiche tecniche della scatola contenente il fiammifero denominato ûprometeoý, iscritto nella tariffa di vendita al pubblico con il citato decreto direttoriale 16 ottobre 2003; Viste le richieste di iscrizione in tariffa come pubblicitari omaggio di alcuni tipi di fiammiferi gia commercializzati come ordinario consumo presentate dalla ditta Tecnomatch, nonchë le richieste di variazione del prezzo di vendita al pubblico di alcuni tipi di fiammiferi presentate dalle ditte Euromatch e CO.F.I.; Attesa la necessita di procedere in linea con le citate richieste; Decreta: Art. 1. Il ruvido della scatola contenente il fiammifero denominato ûprometeoý e costituito da una striscia su di un lato di mm Art. 2. I fiammiferi ûathena Saf 40ý, ûprometeoý, ûuraganoý, ûetna Fiammaý e ûmaxi 260ý sono iscritti nella tariffa di vendita al pubblico anche come pubblicitari omaggio o nominativi, e la relativa imposta di fabbricazione e stabilita per ogni 10 fiammiferi o frazione di 10, nella misura di seguito indicata: ATHENA SAF 40 euro 0,0165 PROMETEO euro 0,090 URAGANO euro 0,0341 ETNA FIAMMA euro 0,0501 MAXI 260 euro 0,0083 Le caratteristiche delle marche contrassegno per i fiammiferi, previste all'articolo 1 del decreto ministeriale 22 dicembre 1958, si applicano anche per le marche contrassegno da apporre sui nuovi tipi di fiammiferi, omaggio o nominativi, di cui all'articolo 1 del presente decreto, con la seguente variante: colore ûblu caldoý, con legenda ûathena Saf 40ý in basso; colore ûgiallo limoneý, con legenda ûprometeoý in basso; ö 8 ö

9 colore ûverde americanoý, con legenda ûuraganoý in basso; colore ûrosso-gialloý, con legenda ûetna fiammaý in basso; colore ûamarantoý, con legenda ûmaxi 260ý in basso. Fino a quando non sara possibile disporre delle specifiche marche contrassegno, possono essere applicate sui condizionamenti pubblicitari omaggio o nominativi le marche di cui all'articolo 1 del ripetuto decreto ministeriale 22 dicembre 1958, indicate al n. 29 di colore rosso pompeiano, per i fiammiferi denominati ûathena Saf 40ý, al n. 18 di colore rosso-giallo, per i fiammiferi denominati ûprometeoý, al n. 17 di colore rosso-giallo, per i fiammiferi denominati ûuraganoý, al n. 22 di colore verde smeraldo, per i fiammiferi denominati ûetna Fiammaý,edaln.43dicolorerossoviolaceo, per i fiammiferi denominati ûmaxi 260ý. Art. 3. Il prezzo di vendita al pubblico dei seguenti tipi di fiammiferi, per singolo condizionamento, e variato come segue: scatola di cartoncino a tiretto passante, contenente 255 fiammiferi di legno paraffinati amorfi denominati ûsuper Box S255ý, da euro 1,00 a euro 0,85; scatola di cartoncino a tiretto passante, contenente 250 fiammiferi di legno paraffinati amorfi denominati ûcuocoý, da euro 0,80 a euro 1,00. Art. 4. L'imposta di fabbricazione e l'imposta sul valore aggiunto dovute per singolo condizionamento dei fiammiferi di ordinario consumo di cui all'articolo 3, in relazione al prezzo di vendita al pubblico, sono determinate come segue: Tipo di fiammiferi Prezzo di vendita (euro) Imposta di fabbricazione (euro) Imposta sul valore aggiunto (euro) Scatola di cartoncino a tiretto passante, contenente 255 fiammiferi di legno paraffinati amorfi denominati ûsuper Box S255ý 0,85 0, ,1417 Scatola di cartoncino a tiretto passante, contenente 250 fiammiferi di legno paraffinati amorfi denominati ûcuocoý , Il presente decreto entra in vigore dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 14 ottobre 2004 Il direttore generale: Tino Registrato alla Corte dei conti il 29 ottobre 2004 Registro n. 5 Economia e finanze, foglio n. 251 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 18 ottobre Scioglimento della societa cooperativa a r.l.ý, in Troppa. cooperativa ûcontura societa IL DIRETTORE PROVINCIALE DEL LAVORO di Vibo Valentia Visto l'art del codice civile integrato dall'articolo 18 della legge n. 59/1992, Visto l'art. 2 della legge 17 luglio 1975, n. 400; Visto il decreto legislativo n. 29 del 3 febbraio 1993; Visto il decreto del Direttore generale del Ministero del lavoro e della previdenza sociale del 6 marzo 1996; Visto il verbale di accertamento redatto in data 6 luglio 2004, dal quale esplicitamente si evince la sussistenza delle condizioni previste dai citati articoli 2544 e 2545 septiesdecies del codice civile; Visto il parere preventivo di massima espresso dalla Commissione centrale per le cooperative nella riunione del 15 maggio 2003; Rilevato che per la cooperativa sottoelencata ricorrono i presupposti di cui al predetto parere; Considerato che il provvedimento di scioglimento non comporta una fase liquidatoria; Decreta: La seguente societa cooperativa e sciolta ai sensi degli articoli 2544 e 2545 septiesdecies del codice civile come integrato dall'art. 18 della legge n. 59/1992, senza far luogo alla nomina del commissario liquidatore, in virtu dell'art. 2 della legge 17 luglio 1975, n. 400: societa cooperativa ûcontura societa cooperativa a r.l.ý, con sede in Troppa (Vibo Valentia), via Vittorio Veneto pal. Mazzara, 29, costituita per rogito del notaio Gualtieri Paola in Catanzaro n. repertorio in data 6 giugno 1994, posizione BUSC n. 3318/ , registro delle societa n presso la Camera di commercio di Vibo Valentia. Vibo Valentia, 18 ottobre 2004 Il direttore provinciale: Trapuzzano 04A10796 ö 9 ö 04A10664

10 DECRETO 20 ottobre Sostituzione di un componente supplente della commissione di conciliazione per le controversie individuali di lavoro di Crema. IL DIRETTORE PROVINCIALE DEL LAVORO di Cremona Visto l'art. 410 del codice di procedura civile, cos come modificato dalla legge 11 agosto 1973, n. 533; Visti i propri decreti: n. 296 del 4 dicembre 1974, e successive modificazioni, con il quale e stata costituita la commissione zonale di conciliazione per le controversie individuali di lavoro, operante presso la sezione circoscrizionale per l'impiego e per il collocamento in agricoltura di Crema; n. 18/2000 del 31 luglio 2000, con il quale e stata disposta la prosecuzione dell'attivita del citato organo collegiale presso la sede della direzione provinciale del lavoro di Cremona, corso Campi, 8; Atteso che di detta commissione fa parte, in rappresentanza dei datori di lavoro, il sig. Massimo Rossini, componente supplente; Considerato che il medesimo ha rassegnato le proprie dimissioni dall'incarico; Vista la nota del 23 agosto 2004, perfezionata il 18 ottobre 2004, con la quale la Libera associazione artigiani di Crema designa il sig. Luca Zuccotti quale sostituto del sig. Massimo Rossini; Ritenuto di dover provvedere; Decreta: Il sig. Luca Zuccotti viene nominato componente supplente della commissione di conciliazione delle controversie individuali di lavoro di Crema, ora operante presso la sede della direzione provinciale del lavoro di Cremona (corso Campi n. 8), in rappresentanza dei datori di lavoro ed in sostituzione del sig. Massimo Rossini, dimessosi da tale incarico. Il presente decreto sara pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Cremona, 20 ottobre 2004 Il direttore provinciale: Filosa 04A10662 DECRETO 20 ottobre Costituzione della commissione di certificazione, presso la Direzione provinciale del lavoro - Servizio politiche del lavoro di Rovigo. IL DIRETTORE PROVINCIALE DEL LAVORO di Rovigo Visto il decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali in data 21 luglio 2004 che all'art. 1, commi 1 e 2 prevede la costituzione della commissione di certificazione ex art. 76, comma 1 della lettera B del decreto legislativo n. 276/2003, presso ogni direzione provinciale del lavoro - servizio politiche dei lavoro; Considerato che detta commissione deve essere composta di diritto dal Dirigente preposto della direzione provinciale del lavoro che lo presiede, da due funzionari addetti alle politiche del lavoro, da un rappresentante dell'i.n.p.s. e da un rappresentante dell'inail; Considerato ancora che alle riunioni di detta commissione partecipano anche, a titolo consultivo, un rappresentante dell'agenzia delle entrate ed un rappresentante del Consiglio provinciale degli ordini professionali di appartenenza dei soggetti di cui all'art. 1 della legge n. 12/1979; Acquisite le designazioni di quanti hanno titolo a far parte dell'organo collegiale in parola, cos Decreta: 1) Eé costituita presso la direzione provinciale del lavoro di Rovigo - Servizio politiche del lavoro, ai sensi della normativa richiamata nelle premesse, la commissione di certificazione nelle persone dei signori: dott. Orazio Drago - dirigente - Direttore reggente della DPL di Rovigo con funzione di Presidente; dott. Vito Scavo - funzionario addetto al SPL; dott. Maurizio Franco - funzionario addetto al SPL; dott.ssa Marina Cavallari - Direttore della sede provinciale I.N.P.S. di Rovigo; dott.ssa Patrizia Clemente - direttore della Sede provinciale INAIL di Rovigo; quali componenti di diritto, sig.ra Giuseppina Bonura in rappresentanza dell'agenzia delle entrate; rag. Giancarlo Micheletti in rappresentanza dell'ordine dei Consulenti del lavoro; dott. Gregorio Vianna in rappresentanza dell'ordine dei dottori commercialisti; rag. Alessandro Franciosi in rappresentanza del collegio dei ragionieri; avv. Carlo Barotti in rappresentanza dell'ordine degli avvocati; quali componenti a titolo consultivo. 2) Ogni componente, di diritto ed a titolo consultivo, in caso di assenza od impedimento, potra essere sostituito da un supplente appositamente delegato. Il presente decreto a norma dell'art. 31, comma 1 della legge 24 novembre 2000, n. 340 verra pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. ö 10 ö

11 Avverso lo stesso, ai sensi dell'art. 3, comma 4 della legge n. 241/1990 e ammesso ricorso amministrativo al Ministero del lavoro e della previdenza sociale entro trenta giorni ovvero ricorso giurisdizionale, entro sessanta giorni, al TAR del Veneto. 04A10663 Rovigo, 20 ottobre 2004 DECRETO 21 ottobre Il direttore reggente: Drago Sostituzione di un componente, in rappresentanza dei lavoratori dipendenti, in seno al Comitato provinciale I.N.P.S. di Napoli. IL DIRETTORE PROVINCIALE DEL LAVORO di Napoli Visti gli articoli 1, 34 e 35 del decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1970, n. 639, recante norme di attuazione delle deleghe conferite al Governo con gli articoli 27 e 29 della legge 30 aprile 1969, n. 153, concernente la revisione degli ordinamenti pensionistici e norme in materia di sicurezza; Vista la legge 9 marzo 1989, n. 88, concernente la ristrutturazione dell'istituto nazionale della previdenza sociale, in particolare, gli articoli 44, 46 e 49; Visto il decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 479, in materia di riordino e soppressione di enti pubblici di previdenza ed assistenza; Visto il decreto direttoriale del 10 luglio 2003, con il quale e stato costituito il comitato provinciale INPS di Napoli; Vista la nota del 19 ottobre 2004, con la quale la Segreteria generale della CISL di Napoli comunica la sostituzione del sig. Tommaso Meles, deceduto, con il sig. Ersilio Di Matteo, quale proprio rappresentante, in seno al comitato provinciale I.N.P.S. di Napoli; Ravvisata la necessita di accedere alla richiesta; Decreta: Il sig. Ersilio Di Matteo, nato a Sant'Antimo (Napoli) il 2 marzo 1950, residente a Grumo Nevano (Napoli) alla via Anzaloni, 13, e nominato, in rappresentanza dei lavoratori dipendenti, membro del Comitato provinciale I.N.P.S. di Napoli, in sostituzione del sig. Tommaso Meles. Il presente decreto sara pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. 04A10665 Napoli, 21 ottobre 2004 Il direttore provinciale: Garofalo Visto il regolamento (CE) n. 1493/1999 del Consiglio del 17 maggio 1999 relativo all'organizzazione comune dei mercato vitivinicolo; Vista la legge 10 febbraio 1992, n. 164, recante nuova disciplina delle denominazioni d'origine dei vini; Visto il decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109, recante l'attuazione delle direttive (CE) 89/395 e 89/396 concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicita dei prodotti; Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali del 4 giugno 1997, n. 256, recante norme sulle condizioni per consentire l'attivita dei consorzi volonö 11 ö DECRETO 21 ottobre Revoca del decreto del 9 giugno 2004, concernente lo scioglimento della societa cooperativa ûtelecinemaý, in Chieti. IL DIRETTORE PROVINCIALE DEL LAVORO di Chieti Visto il proprio decreto di scioglimento della societa cooperativa ûtelecinemaý, con sede in Chieti del 9 giugno 2004 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 154 del 3 luglio 2004, emanato ai sensi dell'art septiesdecies del codice civile; Visto che la cooperativa di cui e stato disposto lo scioglimento d'ufficio senza nomina del liquidatore trovasi nelle condizioni previste dall'art octiesdecies, commi 2 e 3 del codice civile, in quanto gia in liquidazione volontaria e non in quelle previste dall'art septiedecies; Decreta la revoca del proprio decreto di scioglimento del 9 giugno 2004 della societa cooperativa ûtelecinemaý, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 154 del 3 luglio A10625 Chieti, 21 ottobre 2004 Il direttore provinciale: De Paulis MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI DECRETO 28 settembre Modifica dei decreti di conferimento dell'incarico ai consorzi di tutela dei vini a denominazione di origine, a svolgere le funzioni di controllo, previste dal decreto ministeriale 29 maggio 2001 per le rispettive D.O.C.G. e D.O.C. IL DIRETTORE GENERALE per la qualita dei prodotti agroalimentari e la tutela del consumatore

12 tari di tutela e dei consigli interprofessionali delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini; Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali 29 maggio 2001 concernente il controllo sulla produzione dei vini di qualita prodotti in regioni determinate (V.Q.P.R.D.); Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole e forestali 21 marzo 2002 concernente l'approvazione dello schema di piano dei controlli, delle relative istruzioni, e del prospetto tariffario ai fini dell'applicazione del citato decreto ministeriale 29 maggio 2001; Visti i decreti del Ministro delle politiche agricole e forestali 27 dicembre 2001, 9 agosto 2002 e 31 luglio 2003 concernenti la proroga del termine previsto dall'art. 4, comma 4, del citato decreto 29 maggio 2001, relativo alla scadenza della presentazione della domanda per ottenere l'incarico di controllo da parte dei consorzi di tutela; Visto in particolare l'art. 2 del citato decreto ministeriale 31 luglio 2003 che consente di poter autorizzare in via sperimentale i Consorzi di tutela che si siano candidati all'attivita di controllo in conformita alle istruzioni di cui al citato decreto ministeriale 21 marzo 2002; Visti i decreti con i quali, ai sensi della predetta normativa, sono stati incaricati in via sperimentale i consorzi di tutela a svolgere, le funzioni di controllo previste dal decreto ministeriale 29 maggio 2001; Viste le richieste pervenute da talune associazioni di produttori vitivinicoli intese a rendere facoltativa la apposizione sui recipienti dei vini sottoposti a controllo la dicitura di cui all'art. 2, comma 2, lettera d) nel periodo di attivita sperimentale di cui ai citati decreti di incarico; Considerata la necessita, in accoglimento delle predette richieste, di consentire ai predetti consorzi di tutela incaricati di rendere facoltativa la apposizione della dicitura sopra citata; Ritenuto di dover procedere alla modifica dell'art. 2, comma 2, lettera e) dei predetti decreti di incarico dei consorzi di tutela; Decreta: Articolo unico L'art. 2 comma 2, lettera e)dei decreti con i quali sono stati incaricati i Consorzi di tutela a svolgere le funzioni di controllo previste dal decreto ministeriale 29 maggio 2001, e modificato come segue: ûe) in deroga alle disposizioni di cui alla precedente lettera d), in via di prima applicazione del presente decreto, sino al termine dell'attivita di controllo sperimentale di cui trattasi, il Consorzio autorizzato puo rendere facoltativa l'apposizione della dicituras di cui alla predetta lettera d). Qualora i Consorzi non renderanno obbligatoria l'apposizione della citata dicitura, il sistema di identificazione numerico sara quello riferito al lotto, attribuito alla partita certificata dalla ditta imbottigliatrice e comunicato dalla medesima ditta al Consorzio autorizzato al momento del conseguimento del parere di conformita.ý. Il presente decreto sara pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 28 settembre 2004 Il direttore generale: Abate 04A10529 DECRETO 19 ottobre Differimento del termine di proroga dell'autorizzazione, rilasciata all'organismo di controllo denominato ûcamere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura di Genova, Savona, Imperia e La Speziaý, ad effettuare i controlli sulla denominazione di origine protetta ûriviera Ligureý, riferita all'olio extravergine di oliva. IL DIRETTORE GENERALE per la qualita dei prodotti agroalimentari e la tutela del consumatore Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ed in particolare l'art. 16, lettera d); Visti i decreti 29 novembre 2002, 8 aprile 2003, 1 luglio 2003, 28 ottobre 2003, 4 marzo 2004 e 7 luglio 2004, con i quali la validita dell'autorizzazione triennale rilasciata all'organismo di controllo denominato ûcamere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura di Genova, Savona, Imperia e La Speziaý, con decreto del 29 dicembre 1999, e stata prorogata fino al 27 novembre 2004; Considerato che il predetto organismo di controllo ûcamere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura di Genova, Savona, Imperia e La Speziaý, ha predisposto il piano dei controlli per la denominazione di origine protetta ûriviera Ligureý riferita all'olio extravergine di oliva, adottando lo schema tipo di controllo, trasmessogli con nota ministeriale del 7 dicembre 2001, protocollo n ; Considerato che il gruppo tecnico di valutazione organismi privati DOP-IGP nella riunione del 29 settembre 2004 ha approvato la bozza del piano di controllo della denominazione di origine protetta ûriviera Ligureý riferita all'olio extravergine di oliva; Considerato che il predetto organismo di controllo ûcamere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura di Genova, Savona, Imperia e La Speziaý, dovra procedere all'approvazione del predetto piano di controllo non appena terminate le verifiche operative necessarie nonche il relativo piano finanziario, necessario per la rideterminazione del prospetto tariffario collegato al piano di controllo stesso; Considerata la necessita di garantire la continuita del controllo concernente la denominazione di origine protetta ûriviera Ligureý riferita all'olio extravergine di oliva, anche nella fase intercorrente tra la scadenza della predetta autorizzazione e il rinnovo; ö 12 ö

13 Decreta: Art. 1. L'autorizzazione rilasciata all'organismo di controllo ûcamera di commercio, industria, artigianato ed agricoltura di Genova, Savona, Imperia e La Speziaý, coordinate da un comitato all'uopo costituito presso l'assessorato agricoltura parchi e foreste della regione Liguria, con decreto 29 dicembre 1999, ad effettuare i controlli sulla denominazione di origine protetta ûriviera Ligureý riferita all'olio extravergine di oliva registrata con il regolamento della Commissione CE n. 123/97 del 23 gennaio 1997, gia prorogata con decreti 29 novembre 2002, 8 aprile 2003, 1 luglio 2003, 28 ottobre 2003, 4 marzo 2004 e 7 luglio 2004, e ulteriormente prorogata fino al rinnovo dell'autorizzazione al predetto organismo di controllo che avverra con apposito decreto ministeriale. Art. 2. Nell'ambito del periodo di validita della proroga di cui all'articolo precedente l'organismo di controllo e obbligato al rispetto delle prescrizioni impartite con il predetto decreto 29 dicembre Il presente decreto e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. 04A10528 Roma, 19 ottobre 2004 Il direttore generale: Abate MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITAé E DELLA RICERCA DECRETO 27 settembre Modifica ai decreti 29 dicembre 2003 e 12 luglio 2004, relativi ai progetti autonomi, gia ammessi al finanziamento del Fondo per le agevolazioni alla ricerca. IL DIRETTORE GENERALE per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, istitutivo del Ministero dell'istruzione, dell'universita e della ricerca di seguito denominato MIUR; Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modifiche; Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 e successive modifiche; Visto il decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297: ûriordino della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno delle ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle tecnologie, per la mobilita dei ricercatoriý, e in particolare gli articoli 5 e 7 che prevedono l'istituzione di un Comitato, per gli adempimenti ivi previsti, e l'istituzione del Fondo agevolazioni alla ricerca; Visto il decreto ministeriale 8 agosto 2000, n. 593, recante: ûmodalita procedurali per la concessione delle agevolazioni previste dal decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297ý; Visto il decreto ministeriale, n. 860/Ric. del 18 dicembre 2000, di nomina del Comitato, cos come previsto dall'articolo 7 del predetto decreto legislativo; Viste le domande presentate ai sensi degli articoli 5, 6, 8 e 9 del predetto decreto ministeriale dell'8 agosto 2000, n. 593, e i relativi esiti istruttori; Viste le proposte formulate dal Comitato nella riunione del 24 giugno 2003 ed in particolare il progetto n presentato dalla Azienda italiana depuratori di Massimo dr. Paolo & C, per il quale il suddetto Comitato ha espresso parere favorevole ai fini dell'ammissione alle agevolazioni previste dal citato decreto n. 593 dell'8 agosto 2000; Visto il decreto dirigenziale n del 29 dicembre 2003, con il quale il predetto progetto n e stato ammesso alle agevolazioni; Considerato che all'art. 1 del citato decreto dirigenziale, nella scheda allegata (allegato 1), relativamente al progetto n presentato dalla Azienda italiana depuratori di Massimo dr. Paolo & C, per mero errore materiale, non sono state inserite le condizioni che subordinano la stipula del contratto cos come indicato nell'istruttoria dell'istituto convenzionato; Sentito il parere espresso dal Comitato nella seduta del 27 aprile 2004, relativamente alla suddetta condizione; Visto il decreto dirigenziale n. 902 del 12 luglio 2004, conilqualesie provveduto a modificare il decreto dirigenziale n del 29 dicembre 2003; Considerato che nel decreto dirigenziale n. 902 del 12 luglio 2004, per mero errore materiale, le condizioni che subordinano la stipula del contratto, cos come indicato nell'istruttoria dell'istituto convenzionato, non risultano riportate correttamente; Ritenuta la necessita di procedere alla relativa modifica del decreto dirigenziale n. 902 del 12 luglio 2004 relativamente al suddetto progetto; Decreta: Articolo unico 1) Le disposizioni relative al progetto n presentato dalla Azienda italiana depuratori di Massimo dr. Paolo & C, relativamente alle condizioni, contenute nella scheda allegata all'articolo 1 del decreto dirigenziale n del 29 dicembre 2003, e quelle contenute ö 13 ö

14 nel decreto dirigenziale n. 902 del 12 luglio 2004 sono sostituite dalle seguenti: Azienda italiana depuratori di Massimo dr. Paolo & C - Quartuccio (Cagliari) - Banca tissutale e cellulare per interventi in Sardegna e sul territorio nazionale. Rispetto a quanto decretato in data: 29 dicembre 2003; La stipula del contratto e subordinata alle seguenti condizioni: alla immissione di mezzi freschi per non meno di ke 450 sotto forma di finanziamento infruttifero dei soci con l'impegno a non chiederne la restituzione prima della conclusione del terzo anno solare successivo a quello di completamento del progetto di ricerca; prima erogazione delle agevolazioni (per ricerca e formazione) subordinata al completamento del previsto centro di ricerca prima dell'erogazione delle agevolazioni. Restano ferme tutte le altre disposizioni. Il presente decreto sara pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 27 settembre 2004 Il direttore generale: Criscuoli 04A10657 DECRETO 5 ottobre Modifica del decreto 21 giugno 2004, relativo ai progetti autonomi, gia ammessi al finanziamento del Fondo per le agevolazioni alla ricerca. IL DIRETTORE GENERALE per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, istitutivo del Ministero dell'istruzione, dell'universita e della ricerca di seguito denominato MIUR; Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modifiche; Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 e successive modifiche; Visto il decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297: ûriordino della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno delle ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle tecnologie, per la mobilita dei ricercatoriý, e in particolare gli articoli 5 e 7 che prevedono l'istituzione di un Comitato, per gli adempimenti ivi previsti, e l'istituzione del Fondo agevolazioni alla ricerca; Visto il decreto ministeriale 8 agosto 2000, n. 593, recante: ûmodalita procedurali per la concessione delle agevolazioni previste dal decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297ý; Visto il decreto ministeriale, n. 860/Ric. del 18 dicembre 2000, di nomina del Comitato, cos come previsto dall'art. 7 del predetto decreto legislativo; Viste le domande presentate ai sensi degli articoli 5, 6, 8 e 9 del predetto decreto ministeriale dell'8 agosto 2000, n. 593, e i relativi esiti istruttori; Tenuto conto delle proposte formulate dal Comitato nella riunione del 1 ottobre 2002, ed in particolare il progetto n presentato dalla Dompeé S.p.a., per il quale il suddetto Comitato ha espresso parere favorevole ai fini dell'ammissione alle agevolazioni ai sensi del decreto ministeriale 8 agosto 2000, n. 593; Visto il decreto dirigenziale n. 790 del 21 giugno 2004, con il quale il progetto n presentato dalla Dompe S.p.a., e stato ammesso alle agevolazioni ai sensi del decreto ministeriale 8 agosto 2000, n. 593; Considerato che all'art. 1 del citato decreto dirigenziale, nella scheda allegata (allegato 1), relativamente al progetto n presentato dalla Dompe S.p.a., nella sezione C ö Forma e misura dell'intervento, per mero errore materiale, e stato concesso un Contributo nella spesa di e ,00 anziche e ,00; Viste le disponibilita delle risorse del Fondo per le agevolazioni alla ricerca; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 giugno 1998, n. 252 ûregolamento recante norme per la semplificazione dei procedimenti relativi al rilascio delle comunicazioni e delle informazioni antimafiaý; Ritenuta la necessita di procedere alla relativa modifica del decreto dirigenziale n. 790 del 21 giugno 2004, relativamente al suddetto progetto; Decreta: Articolo unico 1. Le disposizioni relative al progetto n presentato dalla Dompeé S.p.a., contenute nella scheda allegata all'art. 1 del decreto dirigenziale n. 790 del 21 giugno 2004, sono sostituite dalla scheda allegata al presente decreto. 2. Il contributo nella spesa concesso con decreto dirigenziale n. 790 del 21 giugno 2004, per il progetto n presentato dalla Dompeé S.p.a., e conseguentemente aumentato di e ,00 mentre il credito agevolato risulta invariato. 3. La spesa complessiva, relativamente al progetto n presentato dalla Dompeé S.p.a., e aumentata di e ,00 e gravera sulle disponibilita del Fondo per le agevolazioni alla ricerca. Restano ferme tutte le altre disposizioni del predetto decreto dirigenziale. Il presente decreto sara pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. ö 14 ö Roma, 5 ottobre 2004 Il direttore generale: Criscuoli

15 Allegato ö 15 ö

16 04A10658 DECRETO 5 ottobre Modifica del decreto 29 dicembre 2003, relativo ai progetti autonomi, gia ammessi al finanziamento del Fondo per le agevolazioni alla ricerca. IL DIRETTORE GENERALE per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca Visto il decreto legislativo del 30 luglio 1999, n. 300, istitutivo del ûministero dell'istruzione dell'universita e della ricercaý; Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46, ûinterventi per i settori dell'economia di rilevanza nazionaleý che, all'articolo 7, prevede che la preselezione dei progetti presentati e la proposta di ammissione degli stessi agli interventi del fondo predetto siano affidate al Comitato tecnico scientifico composto secondo le modalita ivi specificate; Vista la legge 5 agosto 1988, n. 346, concernente il finanziamento dei progetti di ricerca applicata di costo superiore a 10 miliardi di lire; Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 e successive modifiche e integrazioni; Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20; Visto il decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297: ûriordino della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle tecnologie, per la mobilita dei ricercatoriý, e in particolare gli articoli 5 e 7 che prevedono l'istituzione di un Comitato, per gli adempimenti ivi previsti, e l'istituzione del Fondo agevolazioni alla ricerca; ö 16 ö Visto il decreto ministeriale 8 agosto 1997, recante: ûnuove modalita procedurali per la concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo speciale per la ricerca applicata; Visto il decreto ministeriale n. 860 Ric. del 18 dicembre 2000, di nomina del Comitato, cos come previsto dall'articolo 7 del predetto decreto legislativo; Viste le domande presentate ai sensi degli articoli 4 e 11 del decreto ministeriale 8 agosto 1997, n. 954, e i relativi esiti istruttori; Tenuto conto delle proposte formulate dal Comitato nella riunione del 26 novembre 2002, ed in particolare il progetto n presentato dalla Ring-o Valve S.r.l., per il quale il suddetto Comitato ha espresso parere favorevole ai fini dell'ammissione alle agevolazioni ai sensi del decreto ministeriale 8 agosto 1997, n. 954; Visto il decreto dirigenziale n del 29 dicembre 2003, con il quale il progetto n presentato dalla Ring-o Valve S.r.l. e stato ammesso alle agevolazioni ai sensi del decreto ministeriale 8 agosto 1997, n. 954; Rilevato che, nel predetto decreto dirigenziale, relativamente al progetto di ricerca n presentato dalla Ring-o Valve S.r.l., per mero errore materiale e stato indicato, quale titolare del progetto in argomento, a seguito di fusione per incorporazione la Ring-o Valve S.r.l. anziche Dresser Italia S.r.l. - Voghera (Pavia) cos come riportato nell'istruttoria da parte dell'istituto convenzionato del 13 marzo 2003 pervenuta in data 18 marzo 2003, prot. n. 3410; Ritenuta la necessita di procedere alla relativa modifica del predetto decreto dirigenziale;

17 Decreta: Articolo unico 1) Al seguente progetto di ricerca applicata, gia ammesso al finanziamento, sono apportate le seguenti modifiche: 4752 Ring-o Valve S.r.l. - Delbio (Sondrio) - Valvola subacquea per acque profonde per convogliamento misto olio e fanghi motorizzata con attuatore elettrico. DECRETO 5 ottobre Rispetto a quanto decretato in data: 29 dicembre Modifica della titolarita : da Ring-o Valve S.r.l. a Dresser Italia S.r.l. Il presente decreto sara pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. 04A10659 Roma, 5 ottobre 2004 Il direttore generale: Criscuoli Ammissione di progetti autonomi al finanziamento del Fondo per le agevolazioni alla ricerca, per un impegno di spesa di e ,00. IL DIRETTORE GENERALE per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca Visto il decreto legislativo del 30 luglio 1999, n. 300, istitutivo del ûministero dell'istruzione dell'universita e della ricercaý; Visto il decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297: ûriordino della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle tecnologie, per la mobilita dei ricercatoriý, e in particolare gli articoli 5 e 7 che prevedono l'istituzione di un Comitato, per gli adempimenti ivi previsti, e l'istituzione del Fondo agevolazioni alla ricerca; Visto il decreto ministeriale 8 agosto 2000, n. 593, recante: ûmodalita procedurali per la concessione delle agevolazioni previste dal decreto legislativo del 27 luglio 1999, n. 297ý e, in particolare, le domande presentate ai sensi degli articoli 5, 6, 8 e 9 che disciplinano la presentazione e selezione di progetti di ricerca e formazione; Visto il decreto ministeriale n. 860/Ric. del 18 dicembre 2000, di nomina del Comitato di cui all'art. 7 del predetto decreto legislativo, e successive modifiche e integrazioni; Viste le domande presentate ai sensi dell'articolo 6 del decreto ministeriale 8 agosto 2000, n. 593 e i relativi esiti istruttori; Tenuto conto delle proposte formulate dal Comitato nella riunione del 20 luglio 2004 e riportate al punto 3 del resoconto sommario; Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze n del 10 ottobre 2003 d'intesa con il Ministro dell'istruzione, dell'universita e della ricerca ûcriteri e modalita di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca (F.A.R.), registrato alla Corte dei conti il 30 ottobre 2003 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 novembre 2003, n. 274; Visto il decreto direttoriale n dell'11 novembre 2003; Tenuto conto delle disponibilita del Fondo per le agevolazioni alla ricerca per l'esercizio 2004; Considerato che per tutti i progetti proposti per il finanziamento nelle predette riunioni esiste o e in corso di acquisizione la certificazione di cui al decreto del Presidente della Repubblica del 3 giugno 1998, n. 252; Visto il decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 e successive modifiche e integrazioni; ö 17 ö