Battesimo, sorgente delle vocazioni ecclesiali Maria Campatelli centro Aletti - Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Battesimo, sorgente delle vocazioni ecclesiali Maria Campatelli centro Aletti - Roma"

Transcript

1 Battesimo, sorgente delle vocazioni ecclesiali Maria Campatelli centro Aletti - Roma 1. Una vita ricevuta Se guardiamo ai riti battesimali, tutti sottolineano con diverse accentuazioni due aspetti: quello della rinascita (Gv 3,5: il colloquio con Nicodemo che chiedeva come si può nascere una seconda volta: Se uno non nasce da acqua e da Spirito non può entrare nel regno di Dio), e quello della configurazione alla morte e risurrezione di Cristo (Rm 6: Non sapete che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù siamo stati battezzati nella sua morte? Per mezzo del battesimo siamo dunque stati sepolti insieme a lui nella morte, perché come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova). Entrambe queste sottolineature presuppongono due cose: che noi la vita non l abbiamo, non siamo noi la fonte della vita, ma la riceviamo. Dio ci ha dato la vita nella creazione, ma questa vita per essere tale deve restare in contatto con lui, sua sorgente: la vita è il rapporto con Dio che ci pone in dialogo con Lui e con questo ci fa partecipi della sua natura: l amore. La vita infatti nella Bibbia non è il formicolare degli esseri sulla terra, la cui esistenza è sempre minacciata, ma implica uno scopo da raggiungere, quel pieno sviluppo che corrisponde al progetto di Dio sull uomo. L esistenza ricevuta nella creazione, che si può chiamare vita nel senso di esistenza naturale, simboleggia (cioè è e non è allo stesso tempo) la vita che Dio vuole concedere all uomo, che è la relazione, la comunione con Lui, la vita che è pienezza di relazione e perciò è sicura, è vita eterna, non muore mai. Ma da quando, secondo il racconto della Genesi, Adamo vuole vivere l affermazione di sé attraverso il rifiuto di Dio, il rifiuto del dialogo con Lui, tagliando il suo legame con Dio, che è la vita, è chiaro che muore e percepisce la sua vita continuamente minacciata. Gregorio di Nissa ha una bella immagine: l uomo nel paradiso eretto che parlava faccia a faccia con Dio, il dialogo che è comunicazione della vita e dell amore di Dio. Poi, dopo il peccato, quando Adamo taglia il suo cordone ombelicale con la vita, con Dio, si ripiega su se stesso, non vede più niente, ma solo la propria ferita (omphaloskopoi), che gli ricorda il male dell esistenza. Da allora, da Gen 3, l uomo ha paura, paura dell altro, che costituisce per lui una minaccia, e paura di morire, perché non ha in sé la vita, per cui deve fagocitare tutto cose, relazioni per colmare questa voragine che sente aprirsi sotto i suoi piedi. Il peccato è penetrato così tanto nell uomo da contaminare la sua mentalità, la sua cultura e tutto il suo orizzonte che l uomo non riesce più a vedere che cosa sia il male. Il peccato interviene sull occhio stesso, in modo da falsare la visione. Noi uomini ci sforziamo di individuare i peccati e ci concentriamo una volta su un atto, un altra volta su un altro. Ma non è facile rendersi conto che il peccato sta più a monte, e che falsa la visione stessa. Se il peccato fosse solo un problema morale, psicologico o sociale, la morale, la psicologia e la sociologia basterebbero a guarirci. Ma non è così. Ecco allora la seconda cosa che presuppone il battesimo: da questa situazione non si esce da soli. C è bisogno di una nuova nascita, di una nascita dall alto. E una rigenerazione vera e propria, dal momento che il bagno nell amore di Dio è così radicale da costituire un nuovo inizio. Non si tratta della riparazione di un pezzo della macchina, rotto dal peccato, ma di un nuovo inizio, di una nuova creazione. Non siamo solo lavati, ma divinizzati. Nella piscina battesimale, il battezzato è immerso in tutto il mistero del triduo pasquale del nostro Signore Gesù Cristo, dove sperimentiamo non solo un perdono gratuito del peccato, ma viviamo una vera e propria risurrezione: scopriamo cioè noi stessi rigenerati, in possesso di una vita che non tramonta più.

2 2. Una vita che progredisce e si sviluppa Ma il battesimo non è un atto che si conclude il giorno in cui lo abbiamo ricevuto. Questa vita, che noi abbiamo ricevuto da Dio una volta per tutte, ha bisogno che noi la assimiliamo mediante il nostro sforzo personale. C è una bella parola cristiana, che nella Chiesa dei Padri era tanto usata: sinergia. Alla lettera significa co-azione, un azione frutto delle energie congiunte di Dio e dell uomo in Cristo: Dio dà, ma ci vuole anche che l uomo accolga per ricevere questo dono. Il dono di Dio è assimilato liberamente e in misura diversa, oppure anche non assimilato affatto perché Dio lascia liberi, da chi lo riceve. Più questa sinergia è forte, più sperimentiamo il dono di quanto abbiamo ricevuto. Se non ci fosse questa libera assimilazione del dono, il sacramento sarebbe qualcosa di magico. I doni che il sacramento comunica sono dati simultaneamente, al momento della celebrazione del sacramento, perché Dio dà tutto subito, ma la ricezione e l assimilazione di questa azione avvengono in genere in tempi lunghi e indeterminati. Questo vale non solo per il battesimo, ma anche per l ordine, per il matrimonio... Il matrimonio, il sacerdozio, è, sì, il giorno della loro celebrazione: lì Dio ha dato tutto, ma poi a noi serve tutta la vita per allargare questa grazia e includere in essa tutta la vita. Per questo la Chiesa, fin dall inizio, battezza i bambini, perché noi da questo punto di vista non siamo in una condizione diversa da quella dei bambini: bisogna dire di sì e crescere nel dono, un dono che diventa sperimentato nella vita nella misura in cui lo accogliamo, ma che diventerà realtà piena solo alla fine dei tempi, alla risurrezione. Ai tempi in cui il battesimo era celebrato insieme alla cresima e all eucarestia nella notte di pasqua, una volta amministrati il battesimo e la cresima c era una processione che portava il neobattezzato dal battistero alla chiesa, dove lo aspettava il resto della comunità per cominciare la liturgia eucaristica. Questa processione aveva il senso di far vedere che la nuova vita ricevuta nel battesimo non è una cosa statica, ma un cammino dinamico, la pasqua cioè il passaggio da questo mondo al regno di Dio, l entrata solenne nella chiesa, la loro gloriosa venuta al banchetto del regno. Di quale cammino si tratta? Se, come dice Efrem, con il battesimo tu sei entrato in paradiso prima della risurrezione, 1[1] questa entrata nel paradiso pian piano deve far vedere l esperienza della vita nuova nella vita ordinaria, in questo mondo. E questo il lento cammino: far vedere la vita nuova nella vita normale, compresa a questo punto come un passaggio, il pellegrinaggio e l ascensione verso il giorno senza tramonto inaugurato dalla risurrezione e in cui noi siamo stati trasportati con il battesimo. Sì, siamo stati trasportati con il battesimo nel regno di Dio, tanto che siamo 3. Nascosti con Cristo in Dio Dice san Paolo: Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio; pensate alle cose di lassù, non a quelle della terra. Voi infatti siete morti e la vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio! Quando si manifesterà Cristo, la vostra vita, allora anche voi sarete manifestati con lui nella gloria (Col 3,1-4). Nel battesimo ci troviamo innestati in Cristo, ci scopriamo corpo di Cristo glorioso e risorto. Un corpo che adesso vive, potremmo dire, su due registri: un primo registro presso il Padre, dove Cristo è tornato con l ascensione e dove celebra la liturgia eterna della sua pasqua, e un secondo registro nella storia, dove noi ancora viviamo. Ma siccome in entrambi questi registri, in entrambe queste dimensioni, si tratta dell unico suo corpo, anche noi nella storia partecipiamo al Cristo della gloria, dove la nostra vita è nascosta con Lui. 1[1] Efrem, Inni su Giuliano Saba 21,14: CSCO (Syr ), 78 (tr. 81).

3 Ma qui capiamo subito qual è il grande compito della vita cristiana: noi siamo in Cristo, siamo lassù, la nostra vita è lì, ma non ragioniamo come si ragiona lì. La nostra mentalità è ancora legata alla logica della carne, per ammazzare la quale Cristo doveva morire. Se io non comincio un ascesi della mia intelligenza secondo la vita nuova che ho ricevuto, io continuerò ad essere battezzato ma a pensare secondo l uomo vecchio. Ma siccome sono battezzato e cattolico, credo di pensare cristianamente con un cervello corroso dal peccato, e penserò da uomo vecchio la vita nuova. Dopo il battesimo si apre tutto un processo per sanare l uomo totalmente: nella carne, nell intelligenza (mente rinnovata in Cristo), i sentimenti (abbiate i sentimenti di Cristo), nei sensi (quei sensi che nel battesimo sono unti)... tutto viene restaurato e diventa nuovo. Ecco la dialettica di morte e vita che secondo la sequenza pasquale si sono affrontate in un prodigioso duello nella vita di Cristo, un duello che si ripete anche nella vita di ciascun cristiano. Bisogna lottare per diventare quello che siamo. Cabasilas dice che tutta la stoltezza del peccato consiste nel non accogliere la vita nuova ma nel difendere ad ogni costo quella che è già morta; noi difendiamo continuamente il nostro cadavere, la vita morta legata alla nostra fragilità. Con il battesimo a noi si apre la possibilità di aderire a questa resurrezione, perciò si tratta di accogliere. E perciò ci sono i due sacramenti successivi: se nel battesimo ti viene dato il germoglio di questa vita nuova, con cui sei inserito nella vita trinitaria, la cresima è il sigillo dello Spirito, cioè lo Spirito si lega a te in modo tale che hai a disposizione tutte le energie per realizzare questa vita nuova. Cresima attivazione delle energie ricevute nel battesimo. E perciò si unge per lottare contro il male, come si ungevano i lottatori greco-romani che combattevano seminudi e venivano unti con l olio per scivolare alla presa dell avversario. Dopo la cresima che noi abbiamo ridotto a puro moralismo di azione nel mondo il cristiano è lottatore. Si tratta di essere immuni, pronti alla lotta e con la cresima il cristiano ha tutte le energie del battesimo attivate per sviluppare questa vita nuova. E nell eucarestia viene realizzata in pienezza questa consustanzialità di corpo con corpo, sangue con sangue, volontà con volontà, intelligenza con intelligenza. Lì si nutre la vita di Cristo in me e lì contemplo quello che sarà nell escathon e lì si contempla il paradigma trasformante dello Spirito unito all energia di accoglienza dell uomo: come il pane e il vino, così la nostra vita. 4. La vocazione Che cos è allora la vocazione? La persona è un essere chiamato. Abbiamo visto all inizio, al momento della creazione, questo dialogo con Dio. Vocazione, vox, c è una voce che chiama. I Padri dicevano che l uomo è creato perché Dio gli ha rivolto la parola. L uomo è un essere cui è rivolta la parola. Questa è la prima chiamata dell uomo, quella dal nulla all esistenza. Ma dopo il peccato la nostra chiamata avviene nella morte, quando l uomo è morto. Adamo, dove sei?, chiede Dio ad Adamo che dopo il peccato si nasconde. Questo Adamo si nasconde fin nella tomba, per non farsi scoprire da Dio. Tanto che Dio deve scendere, morire, e andare lui negli inferi per tirar fuori Adamo. Ignazio di Loyola, negli esercizi della seconda settimana, che sono quelli del discernimento proprio della vocazione, colloca la prima meditazione proprio nell inferno. L inferno di Ignazio e il nulla prima della creazione sono lo sfondo su cui cade la parola con cui Dio ci chiama. Una volta ci ha chiamato dalla non esistenza all esistenza e una volta dalla morte, dal peccato alla vita piena con Lui. Se la prima chiamata è dal nulla all esistenza, la seconda è dalla morte, dal peccato. E quanto succede nel battesimo: immersi nella morte e risurrezione di Cristo, sperimentiamo che Cristo ci strappa dagli inferi e ci porta su. Da ora in poi tutta la nostra vita è assecondare quella parte di noi redenta, risorta, perché includa nel suo dinamismo quella parte che ancora di noi è uomo vecchio e sta nella tomba.

4 C è allora una perfetta coincidenza tra la chiamata e la redenzione, tra la salvezza e la vocazione. La vocazione è alla redenzione, la vita strappata dalla morte. Le vie dove questo si realizza sono infinite. Ma se non comprendiamo la teologia che sta a monte della vocazione, noi produciamo vocazioni che non sono la via della salvezza e alla fine della vita si trova tanta gente stanca e stufa, invece di essere redenta e gioiosa. Il Signore chiama dalla morte alla redenzione: Adamo esce dallo Sheol, esce dalla tomba. La vocazione è pertanto per ciascuno di noi la via alla resurrezione, alla vita risorta. nota: il bisogno di essere redenti, l esperienza della salvezza Ma qui c è già un primo elemento, una prima premessa, a qualsiasi discorso sulla vocazione vogliamo fare: per sentirsi chiamati, bisogna sperimentare di essere peccatori e di essere redenti. Bisogna sentirsi nel buio dello Sheol, dell inferno di Ignazio di Loyola, e sentire la voce che ci chiama fuori. Quanti guai nella Chiesa ci sono sempre stati perché le persone si sono sentite chiamate, ma mai avuto il bisogno di essere redente, non hanno mai sperimentato come attraverso questa vita che loro vivevano nella vocazione erano strappate dalla morte alla vita. Se il nostro Signore ci strappa dalla morte, e io sperimento questo essere trascinato via dal buio, dall isolamento, nasce in noi un adesione a Lui. Pensiamo a Lazzaro, che sente Cristo che lo chiama fuori dalla tomba, o Maria Maddalena, dalla quale dice il vangelo che aveva cacciato sette demoni: nasce un adesione. Come Pietro dice: dove vuoi che andiamo? Tu hai parole di vita eterna. Proprio perché tu sei la resurrezione e la vita, io aderisco a te, perché tu sei la porta alla vita. Mi offro a te. Ti chiedo solo di essere con te, il resto non mi interessa, perché la tua presenza è garanzia della vita. La volontà di Dio su di noi, la vocazione, non si può allora conoscere come una specie di idea o un pensiero sulla nostra vita. Nel battesimo, o nella riconciliazione per mezzo della quale mi è concesso di attingere alla vita nuova del battesimo, io sperimento questa salvezza. Lì realmente la vita divina, il suo amore, mi raggiunge nel mio male. Allora conoscere Dio non è più solo un idea o un pensiero, uno sforzo intellettuale, ma un esperienza. E anche questa esperienza non è qualcosa di isolato o di esoterico, ma è un incontro nell amore. Ma pensare e progettare la nostra vita senza essere mossi da questa forza creatrice dell amore, non è rispondere alla vocazione. Programmare la vita è una cosa. Fare della nostra esistenza un bel progetto è una cosa. Orientare la nostra vita sui grandi valori altruistici della solidarietà, della pace, del bene, può essere una bella cosa, ma non è la vocazione. E, appunto, un altra cosa. Come si può pensare di essere utili alla salvezza del mondo, se non si conosce questa salvezza, se non si è sperimentata? Chi non ha mangiato il miele non è molto convincente quando cerca di spiegare il sapore che ha, e prima o poi si stufa di fare queste spiegazioni. 5. La realizzazione della vocazione Se sono riuscita a farmi a stare dietro, la vocazione vuol dire sentire questa voce che ci chiama fuori dalla tomba e seguire questo risveglio dell amore, acconsentire a questa voce che di nuovo riusciamo a percepire fino a mettere la nostra vita integralmente a disposizione di una volontà d amore. La vocazione significa cioè pensare la nostra vita in coesione con l amore e secondo un intelligenza capace di amare. La vocazione si può dire allora che è questa voce che chiama dalla tomba e a cui io rispondo aderendo nel modo in cui più globalmente, più integralmente aderisco a questa voce. La vocazione è la strada dove più velocemente, più globalmente, più integralmente io aderisco alla Maria, Giovanni, Francesca nuova che in me è stata rigenerata nel battesimo. Non c è una sola vocazione, perché i modi di rispondere a questo amore sono tanti. L amore di Dio è unico, ma viene

5 sperimentato da ciascuno in un modo totalmente personale. Dio ama tutti dello stesso amore e su tutti ha l unica volontà che tutti siamo salvati, viviamo questa vita della risurrezione, ma che cosa fare nella vita affinché noi possiamo essere penetrati in modo più radicale e integro da questo amore e rispondergli, dipende da ognuno di noi. La volontà di Dio, poiché è l amore, è una sola. Ma tocca a ciascuno in modo personale percepire da solo dove può esporsi più radicalmente a questo amore, facendo che cosa può essere più pienamente al servizio di questo amore. Qui c è tutto il campo che si apre delle vocazioni nella vita della Chiesa. Infatti, un altra cosa è certa, oltre a quella che si risponde alla vocazione perché ci si sente amati e salvati: che siccome nel battesimo ho ricevuto una vita che è comunione lo Spirito Santo ci dà la vita costituendoci corpo di Cristo, siccome riceviamo una vita che è essenzialmente comunionale, ecclesiale, io questa vita la realizzerò secondo la natura con cui l ho ricevuta, al ritmo della comunione e della pasqua e in nessun altro modo. al ritmo della comunione Che cosa vuol dire al ritmo della comunione? Pensare alla volontà di Dio significa tener conto di se stessi, della propria vita, della propria esperienza, e questa unita in Cristo, che è il suo corpo, la sua Chiesa, tutto, perché dice san Paolo, tutto in lui sussiste (Col 1,1ss). La volontà di Dio non è qualcosa di esterno a me a cui io poi cerco di conformarmi come un liquido ad un recipiente, ma è qualcosa scritto nei miei cromosomi. Pensare alla volontà di Dio Padre è pensare a se stessi in Cristo, cioè nella comunione. E questo non è facile per noi del nostro tempo. Secoli della nostra tradizione culturale ci hanno abituati al dettaglio, alla comprensione del dettaglio, all analisi, ma non siamo più capaci di uno sguardo integrale, sintetico. La vocazione significa trovare il proprio posto nell amore. Cercando questo posto, si agisce già in sinergia ecco che ritorna questa parola con le energie unite di Dio e dell uomo in Cristo, che ora sono anche mie, perché io sono il suo corpo. Si impara a guardarsi nell insieme, non un solo nostro aspetto, ma tutto di noi, pensando anche a elementi di noi che mai avremmo considerato, e insieme agli altri. Teofane il Recluso aveva l abitudine di parlare di questo con un esempio plastico, ma che rende l idea. Immaginate di aver smontato una vecchia sveglia fino a quando non vi ritrovate con un mucchio di viti in mano. Poi provate a ricomporre il meccanismo e cercate le viti giuste per rimettere insieme tutto. Le dovete provare, senza forzare niente, semplicemente cercando quella che andrà liscia dentro al buco. Ecco, è così quando uno trova la sua vocazione: avverte questa connaturalità con la vita che conduce, cioè si sente a casa, come la vite nel buco adatto per lei. al ritmo della comunione e della pasqua Ma se lo scopo della vita dell uomo è l amore, dato che qualsiasi altra cosa non gli giova, l amore si realizza nella pasqua. Il luogo che per noi è la massima visibilità dell amore di Dio è infatti la pasqua. Il compimento dell uomo si ha nel mistero del triduo pasquale, quando si muore per risorgere, quando faccio morire l uomo vecchio per far posto al nuovo. Quando c è il sacrificio l uomo non è contento, perché non è schizofrenico, ma può essere felice, perché la felicità è la certezza di chi sa che sta camminando sulla strada giusta. La felicità non è la soddisfazione. La felicità è infatti l assaggio, l anticipo come possiamo oggi di quella vita piena, nascosta con Cristo in Dio, che sperimenteremo solo alla fine dei tempi. Abbiamo detto di questa realizzazione progressiva del battesimo che consiste nel dire di sì all uomo nuovo generato nelle acque battesimali e far morire l uomo vecchio che ancora ci prova. La realizzazione della vocazione sta allora nell arte del morire per poter risuscitare, cioè nel morire per amore. Quando si muore per amore, si risuscita, altrimenti si muore per morire e basta. Allora, si può soffrire, ma essere felici. Questo è solo dello Spirito e la garanzia che si cammina sulla strada giusta. Mentre trovare la soddisfazione nella propria sofferenza è indice di una patologia. Ora, dopo la redenzione che abbiamo accolto nel battesimo e rinnovato nella riconciliazione, tutto ciò diventa per noi possibile, perché non siamo noi a realizzare questo amore pasquale, ma lo ha realizzato Cristo e noi

6 semplicemente lo viviamo in Lui. Facciamo un esempio, per capirci meglio. Supponiamo che due, per la volontà di Dio, si sposino e vivano una vita nella quale si aiuteranno ad esporsi pienamente all amore di Dio. Devono allora entrare nel mistero del morire a loro stessi. E non sarà sempre facile essere capaci di morire a loro stessi per amore del marito o della moglie. E facile prevedere che ci saranno momenti così duri da non farcela, da ribellarsi e rimanere fuori dell amore. Ma ciò che questi due sono chiamati a vivere è già realizzato in Cristo. Nel battesimo Lui li ha visti con la loro umanità conformata al suo amore, perché la loro umanità è quella di Cristo. Lui l ha assunta, e in Cristo la troveremo non solo martirizzata sulla croce, ma anche risorta e già nella piena gloria del Padre. Così per il sacerdozio, così per la vita religiosa... le tappe della vocazione Un aspetto di questa dinamica di morte e risurrezione della vocazione, ma che ha bisogno di un attenzione particolare è il fatto che esistono delle tappe nella vocazione. Anche qui c è un cammino di progressione, ma soprattutto c è un momento molto importante, una sorta di seconda chiamata. Dio, per farsi capire da noi, ci chiama dentro le nostre categorie, entra all interno delle nostre coordinate. E la logica dell incarnazione. La chiamata di Dio ci raggiunge all interno del nostro orizzonte culturale, all interno dei valori che noi conosciamo e riteniamo tali. Il Signore chiama all interno del nostro mondo culturale, operando all interno dei nostri valori, delle cose che per noi sono importanti, e lo fa per una logica dell incarnazione, cioè per assumere la nostra realtà, per entrare nel nostro mondo e così potersi spiegare, farsi comprendere. Pietro ad esempio ha cominciato a seguire Gesù perché ha sentito che Lui lo avrebbe fatto pescatore di uomini, un linguaggio che capiva molto bene. Gesù infatti non lo ha chiamato dicendo sarai mio discepolo, per questo ti porteranno a Roma, dove morirai, perché Pietro non avrebbe accettato (cf Mt 1)6. Allora Dio ci chiama con le nostre categorie. Uno si fa sacerdote, religioso, perché vuole essere utile, uno si sposa perché ha voglia di protezione, ecc. Ma poi l opera di Dio consiste nel farci uscire dal nostro territorio. Pensiamo a quanto è importante il paradigma dell esodo nella Bibbia. C è un esodo che dobbiamo vivere anche nella nostra vocazione, che è uscire dai nostri orizzonti, da come ci eravamo immaginati noi le cose, dalle cose che noi consideriamo come valori, dalle nostre categorie, verso le categorie che sono di Cristo. Così, pian piano, anche nella nostra vocazione comincia a trasparire sempre di più il volto di Colui che ci chiama, il suo modo di pensare, di sentire, di volere e di agire. E noi iniziamo ad avvertire un forte conflitto: conflitto delle mentalità, delle volontà e anche delle azioni, cioè dei modi di agire. Uno si fa salesiano perché vuole lavorare con i giovani e poi lo mettono a fare l economo... O noi accettiamo questo morire alle nostre idee, alle nostre visioni, alle nostre aspettative, o compromettiamo la nostra vocazione e quindi anche la nostra vita. Ci sono tanti motivi per cui scegliamo la nostra vocazione, ma poi deve venire l esodo, e solo dopo la terra promessa. La vocazione consiste nel saper morire, perché i morti risorgeranno incorrotti. La grande sapienza spirituale della Chiesa è come far maturare un cristiano per la sua risurrezione, è iniziarlo alla sapienza di saper morire. Non esiste nessun maestro, nessun vescovo, nessuna madre generale, nessuna etica, nessun imperativo morale che possano convincere l uomo a sacrificare se stesso se non la forza dell amore versato nei nostri cuori direttamente dallo Spirito Santo. Allora, l arte spirituale sta proprio nell aiutare le persone ad aprirsi docilmente a questa sapienza, per poi maturare, passo per passo, sul cammino che questa stessa sapienza ci suggerirà.

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Preghiera per la Fede Paolo VI

Preghiera per la Fede Paolo VI Preghiera per la Fede Paolo VI Signore, io credo: io voglio credere in Te. O Signore, fa che la mia fede sia piena, senza riserve, e che essa penetri nel mio pensiero, nel mio modo di giudicare le cose

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini

PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini G. Ci mettiamo in cammino per le strade della nostra città per confermare la nostra fede nella presenza eucaristica di Cristo, che abbiamo celebrato

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Introduzione Ci ritroviamo insieme questa sera per celebrare la Cena del Signore, al termine del cammino quaresimale. Il clima pasquale fa da

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE. Lectio e meditatio

Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE. Lectio e meditatio Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE Lectio e meditatio Lc 22,19-27 Il Signore Gesù poi prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

LA QUARESIMA ORIGINE E STORIA DIMENSIONE BATTESIMALE - PENITENZIALE DIMENSIONE ECCLESIALE

LA QUARESIMA ORIGINE E STORIA DIMENSIONE BATTESIMALE - PENITENZIALE DIMENSIONE ECCLESIALE LA QUARESIMA STRUTTURA DELLA QUARESIMA Il tempo di Quaresima ha lo scopo di preparare la Pasqua mediante il ricordo del Battesimo e la penitenza. Inizia il Mercoledì delle ceneri e termina il Giovedì santo

Dettagli

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono:

Sacramento del. I segni importanti del Battesimo sono: Sacramento del Il Battesimo è la purificazione dal peccato originale e il dono della Nuova Vita, come amati e prediletti Figli di Dio, appartenenti alla famiglia della Chiesa per mezzo dello Spirito Santo.

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

EUCARISTIA, DONO DI AMORE

EUCARISTIA, DONO DI AMORE EUCARISTIA, DONO DI AMORE Voce guida La nostra processione, quest'anno, sarà accompagnata dalla lettera enciclica di Benedetto XVI, sul tema dell'amore di Dio come fondamento e sviluppo della nostra vita

Dettagli

PRIMO INCONTRO. OBIETTIVO: Aiutare i GG a comprendere il significato del Battesimo

PRIMO INCONTRO. OBIETTIVO: Aiutare i GG a comprendere il significato del Battesimo PRIMO INCONTRO OBIETTIVO: Aiutare i GG a comprendere il significato del Battesimo ATTIVITA : caccia al tesoro sui simboli presenti nel rito del battesimo Una variante della caccia al tesoro classica può

Dettagli

SALÌ AL CIELO E SIEDE ALLA DESTRA DEL PADRE

SALÌ AL CIELO E SIEDE ALLA DESTRA DEL PADRE SALÌALCIELOESIEDEALLADESTRADELPADRE At1,1 11 Ebr9,24 28;10,19 23 Lc24,46 53 L Ascensione è il ritorno al Padre, dove Gesù, seduto alla sua destra comincia un esistenzanuovainpienezzadivitaedipotenza.cristo,primadivenirealmondo,era

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Parrocchia della B.V. del Carmine Udine IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Incontro di riflessione e preghiera VENERDÌ 23 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE DELL INCONTRO Ci troviamo insieme stasera per prepararci

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

VEGLIA PASQUALE NELLA NOTTE SANTA

VEGLIA PASQUALE NELLA NOTTE SANTA VEGLIA PASQUALE NELLA NOTTE SANTA LA PASQUA Pasqua, in ebraico pesah, significa passaggio. Per gli Ebrei è il passaggio del Signore nell Egitto, quando furono sterminati i primogeniti degli egiziani e

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano

ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano PONTIFICIO ISTITUTO AMBROSIANO DI MUSICA SACRA ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano T E M P O DI P A S Q U A Ciclo feriale - Questi formulari per la preghiera

Dettagli

COME PREGARE? Che cos'è lo preghiera cristiana?

COME PREGARE? Che cos'è lo preghiera cristiana? COME PREGARE? Che cos'è lo preghiera cristiana? La preghiera cristiana è: elevazione dell'anima a Dio; dono di Dio e azione dell'uomo; colloquio, relazione dei figli di Dio col loro Padre, per mezzo del

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli BENEDIZIONE Il celebrante benedice le mamme, che tengono in braccio il loro bambino, quindi i papà e tutti i presenti, dicendo: Dio onnipotente, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla vergine Maria,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle.

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle. DIOCESI DI VIGEVANO 2 Introduzione Guida: Fratelli e sorelle. Questa veglia ci mette in sintonia con tutta la Chiesa nel condividere l ascolto della Parola e la preghiera, ed ancor più ci aiuta a riscoprire

Dettagli

I SANTI SEGNI. ASSUNTO: Tutti i SEGNI rimandano a Dio e raggiungono la loro pienezza nel SEGNO PIU GRANDE: l EUCARISTIA.

I SANTI SEGNI. ASSUNTO: Tutti i SEGNI rimandano a Dio e raggiungono la loro pienezza nel SEGNO PIU GRANDE: l EUCARISTIA. I SANTI SEGNI ASSUNTO: Tutti i SEGNI rimandano a Dio e raggiungono la loro pienezza nel SEGNO PIU GRANDE: l EUCARISTIA. In questo mondo, noi non vediamo Dio, in maniera diretta ed immediata ( = senza mediazioni),

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. È un cam m ino di preghiera m olto presente nella tradizione della Chiesa: essa aiuta i credenti a far m em oria della passione del Salvatore per rendere presente il suo am ore salvifico nella loro vita

Dettagli

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI 1 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC 3 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC Una valenza formativa peculiare

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Domande e risposte sommarie sulla fede cristiana evangelica 1. Chi ti ha creato? Mi ha creato Dio. 2. Che cosa ha fatto d'altro? Egli ha pure creato ogni altra

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI Una lacrima per i Defunti evapora, un fiore sulla tomba appassisce, una preghiera, invece, arriva fino al cuore dell Altissimo. (Sant Agostino) 1 L'eterno riposo

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli