******* NOTA INFORMATIVA 7 Luglio A cura del Dr. Francesco Scopacasa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "******* NOTA INFORMATIVA 7 Luglio 2003. A cura del Dr. Francesco Scopacasa"

Transcript

1 ******* NOTA INFORMATIVA 7 Luglio 2003 A cura del Dr. Francesco Scopacasa Installazione dei misuratori fiscali per l emissione del titolo di accesso : soggetti esonerati - precisazioni dell Agenzia delle entrate (Circolare n. 34/E del 15 giugno 2003) Con la precedente nota informativa del 13 giugno 2003 Vi è stato segnalato che il 30 giugno 2003 è entrato in vigore l obbligo di rilasciare un titolo di accesso con appositi misuratori fiscali o biglietterie automatizzate per le manifestazioni di intrattenimento e di spettacolo e che, con il provvedimento del 9 giugno 2003, l Agenzia delle Entrate ha disposto un ulteriore moratoria fino al 1 novembre 2003; la moratoria é utilizzabile solo da quei contribuenti che sono in grado di comprovare di avere regolarmente ordinato l apparecchio al fornitore in tempo utile, e che la mancata installazione è dovuta a motivi tecnici attribuibili esclusivamente al fornitore dell hardware o del software; è da ritenere quindi che - a richiesta degli organi di controllo - il contribuente deve essere in grado di esibire la copia dell ordine di acquisto inviato al fornitore e una comunicazione del fornitore medesimo attestante la mancata consegna del prodotto entro il 30 giugno 2003 per cause tecniche imputabili a se stesso o a terzi. E importante la precisazione relativa al software contenuta nel provvedimento; essa chiarisce quindi che la mera consegna del bene materiale (hardware) non impedisce al contribuente di usufruire legittimamente della moratoria, qualora essa non sia accompagnata anche dalla consegna e installazione del relativo bene immateriale (software) necessario per il funzionamento del sistema di emissione dei titoli di accesso. Fino al momento dell installazione dell apparecchio misuratore o biglietteria automatizzata, il contribuente dovrà certificare i corrispettivi mediante emissione: a) dei biglietti recanti il contrassegno SIAE e la numerazione progressiva, ovvero mediante b) ricevuta fiscale, ovvero mediante c) scontrino fiscale manuale prestampato o a tagli fissi. In proposito é da ritenere che nel periodo transitorio la cerificazione sarà effettuata essenzialmente per mezzo dei biglietti SIAE e delle tessere-abbonamento, mentre il ricorso alla ricevuta fiscale o agli scontrini fiscali manuali o a tagli fissi sarà presumibilmente scarso o nullo. La Circolare n. 34/E del 15 giugno 2003 Con la Circolare n. 34/E del 15 giugno 2003, l Agenzia delle Entrate ha fornito importanti precisazioni evidenziando, tra l altro, quali soggetti sono esonerati dall obbligo di installare i misuratori fiscali in quanto possono certificare i corrispettivi mediante uno strumento manuale sostitutivo (ricevuta fiscale, scontrino manuale o a tagli fissi, biglietto SIAE). Periodo transitorio Nel caso di legittimo utilizzo della moratoria nel periodo transitorio, i documenti sostitutivi dei titoli d accesso (es. biglietti SIAE), devono ritenersi validamente emessi anche se sono relativi ad eventi che avranno luogo in data successiva a quella d avvio del sistema di emissione. Così, ad esempio, il biglietto emesso oggi per una manifestazione teatrale che avverrà a dicembre 2003 sarà a tale data considerato validamente emesso, anche se nel frattempo - comunque entro il 31 ottobre si è provveduto all installazione del misuratore fiscale. Analogo discorso può essere fatto per 1

2 le tessere abbonamento rilasciate oggi, che danno diritto ad assistere ad eventi che avranno luogo a partire dal 1 novembre Aumento dei prezzi delle consumazioni Per quanto riguarda le attività di intrattenimento, devono essere certificati mediante il titolo di accesso non solo i corrispettivi pagati per l ingresso o l occupazione del posto e, quindi, par partecipare all intrattenimento, ma anche quelli relativi a: - aumenti apportati ai prezzi delle consumazioni o servizi offerti al pubblico; a tale proposito è stato opportunamente precisato che non é necessario rilasciare una certificazione separata per l aumento, rispetto alla certificazione per il prezzo delle consumazioni o servizi, potendo essere emesso un unico titolo di accesso per l importo comprensivo della maggiorazione; - cessioni e prestazioni di servizi obbligatoriamente imposte; - abbonamenti; - diritti di prevendita. Attività occasionali I soggetti che effettuano le manifestazioni in modo occasionale non sono obbligati ad installare i misuratori fiscali sia se sono estranei all esercizio di impresa (ad esempio, un ente non commerciale), sia se invece esercitano un attività commerciale diversa - ovviamente - dalle attività di intrattenimento e spettacolo (ad esempio, un attività di bar o ristorante). Infatti, se trattasi di attività occasionale di intrattenimento, l organizzatore che non esercita attività d impresa dovrà effettuare preventivamente la dichiarazione alla SIAE e, entro il quinto giorno successivo alla chiusura della manifestazione, dovrà presentare la dichiarazione contenente i dati identificativi dell evento e i corrispettivi percepiti. Se trattasi di attività occasionale di spettacolo, la mancanza della qualità di soggetto passivo d imposta pone l operazione fuori del campo applicativo dell IVA e quindi per essa non sorge alcun obbligo di certificazione. Se invece l organizzatore esercita un attività d impresa soggetta alla certificazione dei corrispettivi (come è nell esempio sopra indicato dell attività di bar o di ristorante), è consentita la certificazione mediante lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale anche per i corrispettivi relativi all intrattenimento, e alle eventuali operazioni accessorie (art. 3, c. 1, primo periodo, del DPR n. 544). La Circolare n. 34/E, par , lett. b), ha esteso tale opportunità anche all ipotesi in cui il contribuente organizzi attività occasionali di spettacolo, ancorché il citato art. 3 del DPR n. 544/99 si riferisca esplicitamente alle sole attività di intrattenimento. Società e associazioni sportive dilettantistiche Alle società ed associazioni sportive dilettantistiche é applicabile, in via di opzione, uno speciale regime tributario forfetario (Legge 16 dicembre 1991 n. 398). Deve trattarsi di società o associazioni senza scopo di lucro, aventi ad oggetto lo svolgimento di attività sportive riconosciute come dilettantistiche ai sensi delle leggi vigenti, e che non hanno conseguito nell anno precedente proventi per attività commerciali per un importo superiore a euro (e fino a che non superano tale limite nell anno in corso). La qualificazione soggettiva di tali società e associazioni è abbastanza complessa e per essa si fa rinvio alla recente circolare dell Agenzia delle entrate n. 21/E del che ha precisato anche i requisiti statutari che dette società o associazioni devono possedere. Per le sopra descritte associazioni che abbiano regolarmente manifestato l opzione per il regime fiscale forfetario previsto dalla legge n. 398/1991, fermo restando l obbligo generale di certificazione dei corrispettivi stabilito dall art. 2, c. 4 della medesima legge 398/91, è stato tuttavia 2

3 previsto che detta certificazione possa essere effettuata con modalità semplificate (art. 32 della L n. 388 che ha inserito il c. 2 bis nell art. 18 del D. Lgs n. 60). In attuazione di tale disposizione è stato emanato il DPR 13 marzo 2002 n. 69 che consente di certificare i corrispettivi delle attività sportive mediante il rilascio di titoli di ingresso (biglietti) o abbonamenti recanti il contrassegno della SIAE. In particolare, per quanto riguarda le attività di intrattenimento a favore dei soci detti soggetti sono stati esonerati dall obbligo di utilizzare i misuratori fiscali (art. 6, c. 3 bis del DPR n. 640, inserito con l art. 33, c. 13 della L n. 388); ne consegue la possibilità di certificazione dei relativi corrispettivi con il sistema manuale dei tradizionali biglietti SIAE. Se, ad esempio, sono effettuate delle serate danzanti, e queste possono configurarsi come intrattenimenti svolti a favore dei soci, resta ferma la possibilità di ricorrere ai biglietti SIAE in alternativa all utilizzo dei misuratori fiscali. Se invece tali manifestazioni sono svolte a favore di non soci o anche di non soci, ovvero assumono natura di spettacolo (se, per esempio, sono effettuate con esecuzione di musica dal vivo per l intera durata dell evento o per un periodo di tempo pari o superiore al cinquanta per cento di esso), non è più applicabile il beneficio della semplificazione e sussiste quindi l obbligo di emissione dei regolari titoli di accesso emessi mediante l uso di misuratori fiscali o biglietterie automatizzate. In tal senso si veda la Circolare n. 34/E, par In conclusione, per le società ed associazioni sportive dilettantistiche, l aver optato per il regime forfetario previsto dalla legge n. 398/1991 non comporta automaticamente l esonero dall obbligo di utilizzare il misuratore fiscale per tutte le attività svolte; l esonero si applica, infatti, alle: - attività di spettacolo consistenti in manifestazioni sportive dilettantistiche; - attività di intrattenimento rese a favore di soggetti soci dell associazione. L obbligo resta invece fermo per: - le attività di spettacolo diverse dalle manifestazioni sportive dilettantistiche; - le attività di intrattenimento rese a favore di soggetti non soci dell associazione; - le attività di intrattenimento rese sia a favore di soci, sia a favore di soggetti non soci dell associazione. Associazioni di promozione sociale (ONLUS) Come già detto per le società e associazioni sportive dilettantistiche, anche le associazioni di promozione sociale (ONLUS) previste dall art. 5 del D. Lgs n. 460, sono state esonerate dall obbligo di utilizzare i misuratori fiscali per le (sole) attività di intrattenimento svolte a favore dei soci (art. 6, c. 3 bis del DPR n. 640/1972). Associazioni pro-loco Alle associazioni pro-loco è stato invece accordato, con l art. 80, c. 37 della L n. 289, un esonero più ampio, in quanto esse possono certificare mediante i biglietti SIAE di cui al DPR n. 69/2002, i corrispettivi relativi a tutte le manifestazioni dalle stesse organizzate. Rientrano quindi nella semplificazione sia gli intrattenimenti, sia gli spettacoli, resi nei confronti di chiunque. Contribuenti minori Con tale terminologia ci si riferisce a soggetti che non hanno superato nell anno precedente il limite di ,84 euro di volume d affari ai fini IVA. In tal caso la Circolare dell Agenzia entrate n. 34/E, par. 1.4, distingue tra: a) soggetti che esercitano attività di intrattenimento (anche congiuntamente ad altre attività non soggette all imposta sugli intrattenimenti): 1. in tal caso la certificazione dei corrispettivi può essere effettuata mediante ricevuta fiscale o scontrino fiscale manuale o prestampato a tagli fissi di cui al DM , 3

4 integrati con le indicazioni riguardanti la natura dell attività d intrattenimento, la data e l ora dell evento, la tipologia, il prezzo e ogni altro elemento identificativo dell intrattenimento e delle attività accessorie (si osserva tuttavia che tale facoltà è chiaramente prevista per le attività di spettacolo - come indicato nella successiva lettera b) - mentre per le attività d intrattenimento manca un diretto riscontro normativo); 2. se l attività è definibile di minima importanza ai sensi dell art. 4, c. 1 e dell art. 10, c. 2 del DPR n. 544/1999, si applica l esonero dall obbligo di certificazione dei corrispettivi (art. 2, c. 1, lettera tot, del DPR n. 696); b) soggetti che esercitano attività di spettacolo: la certificazione dei corrispettivi può essere effettuata mediante ricevuta fiscale o scontrino fiscale manuale o prestampato a tagli fissi di cui al DM , integrati con le indicazioni riguardanti la natura dell attività di spettacolo, la data e l ora dell evento, la tipologia, il prezzo e ogni altro elemento identificativo dello spettacolo e delle attività accessorie (art. 8, c. 1 del DPR n. 544). Per la determinazione del volume d affari non superiore a ,84 euro deve farsi riferimento alla sola attività di spettacolo (Nota n. 153/02 dell dell Avvocatura generale dello Stato, già riportata nella Circolare dell Agenzia delle entrate n. 50/E del 12 giugno 2002). In conclusione, per i cosiddetti contribuenti minori, non sussiste l obbligo di installare i misuratori fiscali, potendo essi fare comunque ricorso agli strumenti manuali di certificazione dei corrispettivi per le operazioni soggette a tale obbligo. Esercizio dell attività di spettacolo viaggiante I soggetti che esercitano l attività di spettacolo viaggiante beneficiano del regime IVA forfetario unitamente agli altri esercenti attività spettacolistiche che non abbiano superato nell anno solare precedente il limite di ,84 euro di volume d affari (i cosiddetti contribuenti minori di cui al paragrafo che precede), e beneficiano altresì della certificazione semplificata dei corrispettivi tramite ricevuta fiscale o scontrino manuale o a tagli fissi (art. 8 del DPR n. 544). La Circolare n. 34/E, par. 1.9, ribadisce tale affermazione, ricordando che detti documenti devono essere integrati con le indicazioni riguardanti la natura dell attività spettacolistica, la data e l ora dell evento, la tipologia, il prezzo e ogni altro elemento identificativo dello spettacolo e delle attività accessorie. La Circolare ricorda inoltre che le attività considerate piccole e medie attrazioni e i teatri viaggianti e i teatrini di burattini e marionette, sempre che le attrazioni non siano installate in parchi permanenti di divertimento ed in presenza del predetto limite di volume d affari, sono esonerati dagli obblighi di certificazione a norma dell art. 2, c. 1, lett. tt) del DPR n In conclusione, per le attività di spettacolo viaggiante potremmo avere: - spettacoli di burattini e marionette entro il limite di volume d affari annuo di euro ,84: esonero dall obbligo di certificazione; - spettacoli viaggianti in genere, entro il limite di volume d affari annuo di euro ,84: certificazione semplificata senza misuratore fiscale, con ricevuta fiscale o scontrino manuale anche a tagli fissi; - altri spettacoli viaggianti diversi dai casi precedenti: certificazione ordinaria mediante rilascio di un titolo di accesso emesso per mezzo degli speciali misuratori fiscali. Esercizio dell attività del gioco del bowling Premesso che detta attività è esplicitamente richiamata tra le attività di intrattenimento nel punto 2 della Tariffa allegata al DPR n. 640/1972, per essa la Circolare n. 34/E, par , ribadisce 4

5 l obbligo di determinare la base imponibile in via ordinaria e di certificare i corrispettivi con il titolo di accesso emesso mediante i misuratori fiscali. Da notare che l obbligo era già stato confermato dall Agenzia delle entrate con la Risoluzione n. 24/E del in risposta ad uno specifico interpello di un contribuente che invece, ipotizzando per tale gioco la qualificazione di apparecchio da divertimento e intrattenimento, aveva ritenuto applicabile la determinazione dell imponibile in maniera forfetaria a norma dell art. 14 bis del DPR n. 640/72 e - conseguentemente - l esonero dall obbligo di certificazione dei corrispettivi. Nel punto 2 della Tariffa, unitamente al gioco del bowling figurano anche l utilizzazione ludica di strumenti multimediali e il noleggio di go-kart. Esercizio dell attività del gioco del bigliardo La Circolare n. 34/E, nel punto 1.1.2, premesso che per l utilizzazione dei bigliardi (nonché per l utilizzazione di elettrogrammofoni, bigliardini e altri apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento), l imposta é determinata forfetariamente, ha dichiarato che l individuazione di imponibili medi forfetari esclude la necessità della certificazione dei corrispettivi e, pertanto, per le attività in argomento non sussiste l obbligo di emissione dei titoli di accesso mediante gli apparecchi misuratori fiscali o biglietterie automatizzate.. Prendiamo atto di tale interpretazione che esonera, di fatto i gestori delle sale da bigliardo dall obbligo della certificazione dei corrispettivi, anche se sussistono vari dubbi di compatibilità con la normativa attualmente vigente. 5

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie.

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. RISOLUZIONE N. 91/E Roma, 13 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. QUESITO La Società

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 09 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 09 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 agosto 2005 OGGETTO: Art. 3, comma 3-bis, del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito dalla legge 31 marzo 2005, n. 43. Sistema

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

RISOLUZIONE N.125/E. Roma, 29 settembre 2004

RISOLUZIONE N.125/E. Roma, 29 settembre 2004 RISOLUZIONE N.125/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 settembre 2004 Oggetto: Istanza di Interpello X - Disciplina applicabile ai compensi d intermediazione richiesti dalla agenzie di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 257/E

RISOLUZIONE N. 257/E RISOLUZIONE N. 257/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 giugno 2008 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 - Aliquota IVA applicabile alle esecuzioni

Dettagli

ATTIVITA DI SPETTACOLO E DI INTRATTENIMENTO

ATTIVITA DI SPETTACOLO E DI INTRATTENIMENTO ATTIVITA DI SPETTACOLO E DI INTRATTENIMENTO PREMESSA criteri della riforma fonte normative circolari ministeriali ATTIVITÀ DI SPETTACOLO parte generale classificazione attività principi impositivi obblighi

Dettagli

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.24/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 aprile 2003 OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Sanatorie fiscali Associazioni sportive dilettantistiche, associazioni senza fini

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA DISCIPLINA MISURATORI FISCALI E BIGLIETTERIE AUTOMATIZZATE

DESCRIZIONE DELLA DISCIPLINA MISURATORI FISCALI E BIGLIETTERIE AUTOMATIZZATE DESCRIZIONE DELLA DISCIPLINA MISURATORI FISCALI E BIGLIETTERIE AUTOMATIZZATE 1. Normativa e istruzioni ministeriali Nell ambito della revisione della disciplina concernente l imposta sugli spettacoli disposta

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA DISCIPLINA MISURATORI FISCALI E BIGLIETTERIE AUTOMATIZZATE

DESCRIZIONE DELLA DISCIPLINA MISURATORI FISCALI E BIGLIETTERIE AUTOMATIZZATE DESCRIZIONE DELLA DISCIPLINA MISURATORI FISCALI E BIGLIETTERIE AUTOMATIZZATE 1. Normativa e istruzioni ministeriali Nell ambito della revisione della disciplina concernente l imposta sugli spettacoli disposta

Dettagli

Decreto Ministeriale del 13/07/2000

Decreto Ministeriale del 13/07/2000 Decreto Ministeriale del 13/07/2000 Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 171 del 24/07/2000 (così come modificato dal Provvedimento dell Agenzia delle Entrate n. 2004/137221 del 3 agosto 2004) Attuazione

Dettagli

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Deroga al limite all utilizzo del denaro contante per gli acquisti effettuati da turisti stranieri. Disponibile la comunicazione di adesione alla disciplina Deroga al

Dettagli

Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione

Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione In data 25 Marzo 2008 l Agenzia delle Entrate ha divulgato la Circ. n. 25/E in merito alle modifiche apportate alla disciplina

Dettagli

Roma, 24 aprile 2013. OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE CIRCOLARE N. 9/E PREMESSA.

Roma, 24 aprile 2013. OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE CIRCOLARE N. 9/E PREMESSA. CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2013 OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE PREMESSA.3 2 1. EFFETTI DELLA MANCATA TENUTA

Dettagli

ATTIVITA DI SPETTACOLO E DI INTRATTENIMENTO

ATTIVITA DI SPETTACOLO E DI INTRATTENIMENTO ATTIVITA DI SPETTACOLO E DI INTRATTENIMENTO PREMESSA criteri della riforma fonte normative circolari ministeriali ATTIVITÀ DI SPETTACOLO parte generale classificazione attività principi impositivi obblighi

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16)

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16) SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Maggio 2016 Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande Dom.15 (termine differito a lunedì 16) Iva Registrazione Termine ultimo per l annotazione delle

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 123/E Roma, 07 novembre Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. 2006/155146 OGGETTO: Istanza di interpello Art.1 della legge n. 398 del 1991 Superamento nel periodo d imposta del

Dettagli

APPUNTI SULL OPERATIVITA FISCALE ED AMMINISTRATIVA DELLE ASSOCIAZIONI PRO LOCO

APPUNTI SULL OPERATIVITA FISCALE ED AMMINISTRATIVA DELLE ASSOCIAZIONI PRO LOCO APPUNTI SULL OPERATIVITA FISCALE ED AMMINISTRATIVA DELLE ASSOCIAZIONI PRO LOCO Innanzitutto le Pro Loco sono enti non commerciali in quanto la loro attività statutarie ed istituzionale non è a scopo di

Dettagli

INTRATTENIMENTI. e SPETTACOLI normativa e adempimenti

INTRATTENIMENTI. e SPETTACOLI normativa e adempimenti INTRATTENIMENTI e SPETTACOLI normativa e adempimenti INTRATTENIMENTI E SPETTACOLI: NORMATIVA E ADEMPIMENTI INTRODUZIONE I cittadini hanno diritto a riunirsi pacificamente e senz armi. Per le riunioni,

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

Modello EAS semplificato: istruzioni per l uso.

Modello EAS semplificato: istruzioni per l uso. ARSEA INFORMA 120 _2009 Modello EAS semplificato: istruzioni per l uso. Proseguiamo l esame della Circolare n.45 del 29 ottobre 2009 dell Agenzia delle Entrate esaminando in questa sede esclusivamente

Dettagli

Milano, 25 giugno 2003. Titoli d accesso per le attività d intrattenimento e di spettacolo. Egregio Associato,

Milano, 25 giugno 2003. Titoli d accesso per le attività d intrattenimento e di spettacolo. Egregio Associato, Milano, 25 giugno 2003 Associazione Nazionale Aziende distributrici Prodotti e servizi per l ufficio, l informatica e la telematica Titoli d accesso per le attività d intrattenimento e di spettacolo Egregio

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA AGGIORNATA CON IL DECRETO 28 MARZO 2007 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009 RISOLUZIONE N. 126/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 maggio 2009 Oggetto: Acquisto di aeromobili e di altri beni e servizi destinati ad attività di trasporto aereo a prevalente carattere

Dettagli

Adempimenti ai fini I.V.A. delle Pro Loco in regime agevolato previsto dalla Legge 398/91

Adempimenti ai fini I.V.A. delle Pro Loco in regime agevolato previsto dalla Legge 398/91 RELAZIONE SULL OPERATIVITA FISCALE ED AMMINISTRATIVA DELLE ASSOCIAZIONI PRO LOCO Le Pro Loco sono enti non commerciali in quanto la loro attività statutaria ed istituzionale non è a scopo di lucro; è inoltre

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 114 del 31 Luglio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Stabilimenti balneari: senza ricevuta o scontrino rischio sospensione attività Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 308/E QUESITO RISOLUZIONE N. 308/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2007 OGGETTO: Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972 IVA. Esenzione Corsi di formazione per l accesso alla professione

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 23 del 30 settembre 2009 Enti associativi e società sportive dilettantistiche - Comunicazione all Agenzia delle Entrate dei dati fiscalmente rilevanti - Approvazione

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (IV PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015 Anche per il 2015, gli enti sportivi ( associazioni e società sportive ) sono interessati da rilevanti novità, che vanno a regolamentare alcune situazioni e fattispecie per le quali si avvertiva da tempo

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015

RISOLUZIONE N. 98/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25/11/2015 OGGETTO: Consulenza giuridica Fatturazione delle prestazioni rese dai medici di medicina generale operanti in regime di convenzione con

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 Come compilare correttamente il Modello EAS Ottobre 2009 Seconda edizione PRIMA PARTE Articolo 30: cosa cambia per l'associazionismo italiano Il 2 settembre

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 87/E. Roma, 20 agosto 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 87/E. Roma, 20 agosto 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 87/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 agosto 2010 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Fatturazione delle prestazioni sanitarie effettuate nell ambito di strutture

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative -

La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative - I Dossier fiscali La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative - Aprile 2014 pag. 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 Decorrenza del nuovo regime... 3 La procedura di fatturazione elettronica...

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

Roma, 19 novembre 2014

Roma, 19 novembre 2014 RISOLUZIONE N. 102/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica L obbligo di tracciabilità previsto dall articolo 25, comma 5, della legge 13 maggio 1999, n. 133,

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2015

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2015 SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2015 Entro lunedì 1 giugno (il 31 è festivo) LAVORO/COMMITTENTI. DICHIARAZIONI E COMUNICAZIONI. IMPOSTE E TARIFFE. Entro venerdì 5 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007).

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007). C CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,07 marzo 2008 OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco

Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco Ipsoa Quotidiano LA RISOLUZIONE N. 102/E/2014 20 novembre 2014 ore 06:00 Tracciabilità dei pagamenti anche per associazioni no profit e pro-loco L obbligo di tracciabilità dei pagamenti e dei versamenti

Dettagli

per la parte fuori UE

per la parte fuori UE APPENDICE ACCONTO IVA (Rigo VH13) L obbligo del versamento dell acconto IVA, da effettuare annualmente entro il 27 dicembre, è stato introdotto con l articolo 6, commi da 2 a 5-quater, della legge 29 dicembre

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

Studio Carlin e Laurenti & associati

Studio Carlin e Laurenti & associati Studio Carlin e Laurenti & associati C O M M E R C I A L I S T I 45014 PORTO VIRO (Rovigo) Palazzo Europa - Via XXIV Maggio n. 3/A Tel. e Fax 0426.025.010 (6 linee r.a.) alla cortese attenzione dei Sigg.

Dettagli

Scadenziario Febbraio 2015

Scadenziario Febbraio 2015 Studio Creanza & Partners Creanza rag. Flavio D Onofrio rag. Loredana Stramazzo dott.ssa Caterina Scadenziario Febbraio 2015 1 Domenica Soggetti con partita Termine iniziale per la presentazione telematica

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO)

Dettagli

Via Aldo Moro, 109 65019 Pianella (PE) tel. 392 0733309 tel. 085 4988692 fax. 085 4988692 info@ciaotickets.it

Via Aldo Moro, 109 65019 Pianella (PE) tel. 392 0733309 tel. 085 4988692 fax. 085 4988692 info@ciaotickets.it Via Aldo Moro, 109 65019 Pianella (PE) tel. 392 0733309 tel. 085 4988692 fax. 085 4988692 info@ciaotickets.it Presentazione dei nuovi ed economici servizi di biglietteria SIAE in prestampa massiva A partire

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. RISOLUZIONE N. 140/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 novembre 2004 Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. Con

Dettagli

RISOLUZIONE N. 45/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 45/E QUESITO RISOLUZIONE N. 45/E Roma, 7 aprile 2005 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Procedura di rettifica dell IVA per le operazioni di vendita documentate con scontrino fiscale ex articolo 12

Dettagli

BIANCO FIDUCIARIA E DI REVISIONE S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile

BIANCO FIDUCIARIA E DI REVISIONE S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile S.R.L. società fiduciaria e di revisione contabile Milano, 04 febbraio 2014 Oggetto: E-commerce: fattura o corrispettivi? storia di un decreto mai nato. a) premessa: e-commerce indiretto ed e-commerce

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 273/E. Roma, 03 luglio 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 273/E. Roma, 03 luglio 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 273/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 luglio 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 Trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri

Dettagli

anno III n. 1-15.1.2000 Scadenze Fiscali

anno III n. 1-15.1.2000 Scadenze Fiscali anno III n. 1-15.1.2000 Scadenze Fiscali NOVITA FISCALI LEGGE FINANZIARIA 2000 ED ALTRI PROVVEDIMENTI Forniamo di seguito brevi informazioni relative ad alcune novità fiscali che possono interessare direttamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma,27 giugno 2003

CIRCOLARE N. 34/E. Roma,27 giugno 2003 CIRCOLARE N. 34/E Roma,27 giugno 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Installazione degli apparecchi misuratori fiscali e delle biglietterie automatizzate idonei all emissione dei titoli

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI.

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. Franca Della Pietra Dottore Commercialista - Revisore legale dei conti - Trento Via

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X

OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X RISOLUZIONE N. 100/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2005 Imprese e finanziaria OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X Con l interpello

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. Entro martedì 3 giugno (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 giugno è festivo)

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. Entro martedì 3 giugno (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 giugno è festivo) SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 Entro martedì 3 (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 è festivo) DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi gli enti associativi che abbiano

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

RISOLUZIONE N. 145/E

RISOLUZIONE N. 145/E RISOLUZIONE N. 145/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 giugno 2007 OGGETTO: Tattamento tributario riservato, ai fini IVA, al diritto d autore Chiarimenti in merito alla corretta applicazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

Contributo di approfondimento

Contributo di approfondimento Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Il commercio elettronico di prodotti digitali

Il commercio elettronico di prodotti digitali UNIONE EUROPEA. Istruzioni per l uso Allegato al n. 1/2013 Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Il commercio elettronico di prodotti digitali Aspetti fiscali Approfondimento a

Dettagli

HELP 39. 1. Quando l attività editoriale configura attività commerciale

HELP 39. 1. Quando l attività editoriale configura attività commerciale a cura di Flavio Chistè ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITA EDITORIALE Gli enti non commerciali possono, nello svolgimento della propria attività, assumere la veste di editori ossia pubblicare libri, giornali,

Dettagli

Fiscal Adempimento N. 10. La presentazione del Modello EAS. La circolare di aggiornamento professionale 16.03.2015. Premessa.

Fiscal Adempimento N. 10. La presentazione del Modello EAS. La circolare di aggiornamento professionale 16.03.2015. Premessa. Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 10 16.03.2015 La presentazione del Modello EAS Categoria: Associazioni Sottocategoria: Adempimenti L art. 30, D.L. 29.11.2008, n. 185,

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 marzo 2009 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle spese relative a prestazioni alberghiere e

Dettagli

IL REGIME FISCALE AGEVOLATO

IL REGIME FISCALE AGEVOLATO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO La legge 398/91 a cura di: Introduzione Associazione sportiva dilettantistica con personalità giuridica Associazione sportiva dilettantistica senza personalità giuridica Società

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Novità in materia di fatturazione elettronica, trasmissione telematica delle fatture, dei corrispettivi e dei relativi dati Indice 1. Premessa 2. Fatturazione elettronica

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

OGGETTO: Agenzie di viaggi e turismo. Permuta di servizi, applicazione degli articoli 11, 21 e 74-ter del DPR 26 ottobre 1972, n. 633.

OGGETTO: Agenzie di viaggi e turismo. Permuta di servizi, applicazione degli articoli 11, 21 e 74-ter del DPR 26 ottobre 1972, n. 633. RISOLUZIONE 331/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 luglio 2008 OGGETTO: Agenzie di viaggi e turismo. Permuta di servizi, applicazione degli articoli 11, 21 e 74-ter del DPR 26 ottobre

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO NON PROFIT 25.5.2015 5 PER MILLE

GRUPPO DI LAVORO NON PROFIT 25.5.2015 5 PER MILLE GRUPPO DI LAVORO NON PROFIT 25.5.2015 5 PER MILLE 2015 DAL SITO DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMAZIONI GENERALI I contribuenti possono destinare una quota pari al 5 per mille dell Irpef a finalità di

Dettagli

Spett.le ASSOFIDUCIARIA Via Piemonte, 39 00187 ROMA. Alla cortese attenzione di Dott.ssa Lucia FRASCARELLI. Roma, 3 giugno 2004

Spett.le ASSOFIDUCIARIA Via Piemonte, 39 00187 ROMA. Alla cortese attenzione di Dott.ssa Lucia FRASCARELLI. Roma, 3 giugno 2004 Spett.le ASSOFIDUCIARIA Via Piemonte, 39 00187 ROMA Alla cortese attenzione di Dott.ssa Lucia FRASCARELLI Roma, 3 giugno 2004 Rispondo alla Vostra richiesta di parere in merito all operatività dell art.

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

RISOLUZIONE N. 458/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 458/E QUESITO RISOLUZIONE N. 458/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,01 dicembre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Interventi risparmio energetico Pompe di calore

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli