Curriculum vitae di Chiara Berti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Curriculum vitae di Chiara Berti"

Transcript

1 Curriculum vitae di Chiara Berti CHIARA BERTI Dipartimento di Scienze Psicologiche, umanistiche e del territorio Università "G. d Annunzio" di Chieti-Pescara, Via dei Vestini Chieti Tel.: Titoli di studio Maturità classica presso il Liceo Vittorio Emanuele II di Jesi (54/60), conseguita nell anno scolastico (24 luglio 1975) Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'università di Bologna (107/110) con una dissertazione su "L'approccio psicosomatico all'artrite Reumatoide" (relatore: prof. G. Trombini - Cattedra di Medicina Psicosomatica) nell a.a (30/12/1982) Diploma di Specializzazione in Psicologia Clinica presso l'università di Bologna (70/70 e lode) con una dissertazione su "Compiti di sviluppo: percorsi maschili e percorsi femminili" (relatore: prof. F. Carugati - Cattedra di Psicologia Pedagogica) nell a.a Diploma di Specializzazione in Psichiatria presso l'università di Ancona (46/50) con una dissertazione su: "Problemi del trattamento psicoterapeutico dei perseguitati politici cileni" (relatore: prof. G. Vetrone - Cattedra di Psicoterapia) nell a.a Stage di formazione Stage presso il Laboratorio di Psicologia Sociale Sperimentale (Unité EXSO prof. J.P. Di Giacomo) dell'università di Louvain a Louvain La Neuve (Belgio) (1-30 giugno 1991) Partecipazione al viaggio di studio negli U.S.A. su "Drug Education and Public Awareness" promosso dall'u.s.i.s. (United States Information Service) e organizzato dal N.W.R.E.L. (Northwest Regional Educational Laboratory) (19 luglio - 10 agosto 1992) 1

2 Posizione universitaria Professore associato confermato per il settore scientifico-disciplinare M-PSI/05 Psicologia Sociale presso la Facoltà di Psicologia dell Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara (dal 30 dicembre 2007) Professore associato non confermato per il settore scientifico-disciplinare M-PSI/05 Psicologia Sociale presso la Facoltà di Psicologia dell Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara (dal 30 dicembre 2004 al 29 dicembre 2007) Ricercatore per il settore scientifico-disciplinare M-PSI/05 Psicologia sociale, presso la Facoltà di Scienze della Formazione della Libera Università degli Studi di Urbino (dall 1 novembre 2000 al 31 ottobre 2003) Ricercatore per il settore scientifico-disciplinare M-PSI/05 Psicologia sociale presso la Facoltà di Psicologia dell Università degli Studi di Chieti G. d Annunzio (dall 1 novembre 2003 al 29 dicembre 2004). Associazioni professionali Iscritta all Ordine dei Medici Chirurghi dal 1983 Iscritta all'elenco degli Psicoterapeuti dal 1994 Società scientifiche Associazione Italiana di Psicologia (A.I.P.), sezione di Psicologia Sociale (dal 2002) International Society for Justice Research (I.S.J.R.) (dal 2006) International Association for Outcome-based Evaluation and Research on Family and Children s Services (iaoberfcs) (dal 2006) International Research Network Foster Care Research (dal 2007) S.I.S.M.A. (Scuola Interdisciplinare Studi di Mitigazione Ambientale) (dal 2010) Società Italiana di Psicoterapia Medica (dal 2012) Associazioni culturali Associazione "Orlando" di Bologna (dal 1986) 2

3 Attività didattica Dal 1986 al 1989 Docente di "Psicologia" per gli anni scolastici , , presso la Scuola per Infermieri Professionali dell'usl 23 di Imola (Bo) Dal 1988 al 1990 Professore a contratto presso l'isef (Istituto Superiore di Educazione Fisica) di Bologna (corso integrativo di "Aspetti psico-biologici e comportamentali dello stress in ambito sportivo" presso il corso ufficiale di "Psicologia") a.a Professore a contratto presso l'isef (Istituto Superiore di Educazione Fisica) di Bologna (corso integrativo di "Aspetti cognitivi ed emozionali dell'attività sportiva" presso il corso ufficiale di "Psicologia") a.a Dal 1989 al 1997 Responsabile dell'area Psicologica dei Corsi Biennali di Qualificazione sul Lavoro per Educatori professionali dell'azienda USL di Bologna 1995 Professore a contratto di "Metodologia della Ricerca Psicosociale" presso il Corso di Laurea in Psicologia (Università di Urbino) a.a Professore a contratto di "Tecnica della ricerca psicologica e analisi dei dati" a.a Dal 1996 al 2000 Professore a contratto di "Psicologia sociale" (corso progredito) presso il Corso di Laurea in Psicologia (Università di Urbino) a.a ; a.a ; a.a ; a.a ; a.a Dal 1997 al 1999 Professore a contratto di "Teoria e tecnica della dinamica di gruppo" presso il Corso di Laurea in Psicologia (Università di Urbino) a.a ; a.a ; a.a Dal 1997 al 2000 Professore a contratto di "Psicologia giuridica" presso la Facoltà di Psicologia (Università di Bologna) a.a ; a.a ; a.a Docente presso i corsi Biennali di Specializzazione per il Sostegno presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell Università di Urbino (a.a ; a.a ; a.a ) 1999 Docente di "Teoria e tecnica della dinamica di gruppo" e di "Teoria e tecniche del colloquio psicologico" presso il Corso di Perfezionamento in Formazione di tutor di tirocinio (Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Urbino) a.a Incarico di supplenza "Psicologia dei gruppi presso il Corso di Laurea in Psicologia (Università di Urbino) a.a

4 Dal 2000 al 2004 Incarico di supplenza per "Psicologia giuridica" presso la Facoltà di Psicologia (Università di Bologna) a.a ; a.a ; a.a ; a.a Docente presso il Corso di Perfezionamento Diagnosi e intervento in psicologia giuridica (Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Urbino) a.a ; a.a ; a.a ; a.a Incarico di supplenza per "Psicologia sociale presso il Corso di Laurea in Psicologia, il Corso di Laurea in Scienze Psicologiche dell intervento clinico (A-L), il Corso di Laurea in Scienze Psicologiche del Lavoro, il Corso di Laurea in Scienze dell Educazione (1 e 2 biennio), il Corso di laurea in Servizio Sociale e il D.U. in Servizio Sociale (Università di Urbino) a.a Docente di Psicologia delle organizzazioni presso il Corso di Formazione Gestione delle risorse negli Enti locali (Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Urbino) a.a Docente di Psicologia Giuridica presso il Corso di qualificazione per Ufficiali di Polizia Giudiziaria (Ministero della giustizia Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria Provveditorato Regionale dell Emilia Romagna) Dal 2001 al 2003 Docente presso il Master Disagio scolastico ed extrascolastico nelle età preadolescenziali (Dipartimento della Formazione - Università degli Studi della Repubblica di San Marino) a.a ; a.a Dal 2002 al 2003 Incarico di supplenza per "Psicologia sociale presso il Corso di Laurea in Scienze Psicologiche dell intervento clinico (A-L), il Corso di Laurea in Scienze Psicologiche del Lavoro e il Corso di Laurea in Servizio Sociale (Università di Urbino) a.a Docente del corso Psicologia sociale della decisione giudiziaria presso la Facoltà di Psicologia (Università di Chieti-Pescara) a.a Incarico di supplenza per "Psicologia sociale presso il Corso di Laurea in Scienze Psicologiche e di Psicologia sociale applicata presso il Corso di Laurea Specialistica in Psicologia (Università di Chieti-Pescara) a.a Docente del Gruppi e influenza sociale presso il Corso di Laurea a distanza in Psicologia (Università Nettuno) Dal 2004 al 2009 Titolare dell insegnamento di "Psicologia sociale II presso il Corso di Laurea in Scienze Psicologiche e di Psicologia sociale applicata presso il Corso di Laurea Specialistica in Psicologia dell Università di Chieti-Pescara (a.a ; a.a ; a.a ; a.a ; a.a ) 2004 Docente di Psicologia Sociale presso il Master di II livello per Esperto nella gestione dei gruppi, tra normalità, devianza e marginalità dell Università di Bologna (a.a ) 4

5 Dal 2005 al 2009 Titolare dell insegnamento di Fondamenti di psicologia sociale (2 CFU) nell ambito del corso integrato di Scienze psicosociali di base e applicate del Corso di Laurea in Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Bologna (a.a ; a.a ; a.a ; a.a ) 2005 Docente presso il Corso di Alta Formazione per Esperti Giuridici a tutela dei minori e delle loro famiglie a supporto dei Servizi Territoriali (Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna) Docente di Psicologia dei Gruppi presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia della salute dell Università di Bologna (a.a ) Dal 2006 al 2008 Titolare dell insegnamento di "Psicologia dei gruppi presso il Corso di Laurea Specialistica in Psicologia dell Università di Chieti-Pescara (a.a ; a.a ) 2007 Docente presso il Master di II livello Esperto in scienze psicologiche, giuridiche e forensi presso la Seconda Università di Napoli (a.a ) Dal Titolare del insegnamento di Psicologia sociale presso il Corso di Laurea Triennale on-line di Scienze Psicologiche dell Ateneo Telematico Leonardo da Vinci di Torrevecchia Teatina (CH) Titolare del corso Psicologia sociale della giustizia presso il Corso di Laurea Triennale online di Scienze Psicologiche dell Ateneo Telematico Leonardo da Vinci di Torrevecchia Teatina (CH) 2008 Docente presso il Corso di Perfezionamento in Scienze criminologiche e politiche della sicurezza dell Università di Chieti-Pescara (a.a ) 2009 Titolare dell insegnamento di "Tecniche di intervento nei gruppi e nelle organizzazioni presso il Corso di Laurea in Scienze Psicologiche dell Università di Chieti-Pescara (a.a ) Dal Titolare dell insegnamento di Psicologia Giuridica presso il Corso di Laurea Magistrale in Psicologia dell Università di Chieti-Pescara (a.a , , ) Titolare dell insegnamento di Psicologia Sociale II presso il Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche dell Università di Chieti-Pescara (a.a , , ) 5

6 Titolare dell insegnamento di Psicologia Sociale presso il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate dell Università G. d Annunzio di Chieti-Pescara Docente presso il Corso Professione docente e carcere: insegnare, apprendere, educare (Università degli Studi di Bologna, Area Alta Formazione - Fondazione Alma Mater). Docente al Corso di Perfezionamento La giustizia minorile: minori e famiglia dell Università G. d Annunzio di Chieti-Pescara Attività di ricerca Membro dell'équipe di ricerca psicosomatica presso la Cattedra di Medicina Psicosomatica dell'università di Bologna Membro dell'unità Operativa "Prevenzione della Tossicodipendenza" Progetto Finalizzato CNR "Medicina Preventiva e Riabilitativa" SP7 "Tossicodipendenza" istituita presso il Dipartimento di Scienze dell'educazione dell'università di Bologna Progettazione e realizzazione del progetto di ricerca su: "Gli interventi in ambito locale sulle situazioni a rischio di devianza minorile: una indagine esplorativa presso alcune USL dell'emilia Romagna" (Assessorato ai Servizi Sociali - Regione Emilia Romagna) Membro dell'équipe del Dipartimento di Scienze dell'educazione dell'università di Bologna operante nell'ambito della Convenzione con la Regione Emilia-Romagna (Assessorato ai Servizi Sociali) su un progetto di ricerca-intervento sul disagio adolescenziale rivolto a operatori dei Servizi Sociosanitari impegnati nel settore delle tossicodipendenze Responsabile dello studio-pilota sull'uso di droghe tra gli studenti delle scuole medie superiori di Bologna promosso dal Consiglio d'europa (Groupe de coopération en matière de lutte contre l'abus et le trafic illecite des stupefiants - Groupe Pompidou) Membro dell'équipe di ricerca del progetto CNR "L'immagine della giustizia negli avvocati e nei magistrati" diretto dal prof. A. Palmonari (Università di Bologna) in collaborazione con il Centro Studi e Ricerche sull'ordinamento Giudiziario (Università di Bologna) Membro del Nucleo Operativo di Valutazione (Dipartimento Affari Sociali Presidenza del Consiglio) per attività di analisi e verifica dell'attuazione dei progetti di prevenzione, riabilitazione e riduzione del danno finanziati col "Fondo nazionale per la lotta alla droga" 6

7 Membro dell'équipe di ricerca del progetto: "Individualità, generazioni e popolazioni giovanili: tracciati, valori, cornici" promosso dal LANDIS (Laboratorio nazionale di didattica della storia) Membro dell'unità operativa "Rapporto tra il significato attribuito alla pena dal giudice e dal condannato" del Progetto del Comitato nazionale scienze giuridiche e politiche del CNR "La rappresentazione sociale della pena" (coordinatore: prof. A. Quadrio) 1998 Membro dell'équipe di ricerca su "Bologna del cuore. I legami affettivi dei bolognesi con la loro città" finanziata da Coop-Adriatica e da La Repubblica Membro dell'unità di ricerca Criteri di valutazione delle comunità residenziali per minori del progetto: Strumenti di valutazione del processo psicoterapeutico e dell intervento riabilitativo psicosociale (MURST) (responsabile scientifica dell unità di ricerca: prof.ssa Francesca Emiliani) 2001 Responsabile del progetto di ricerca Lo studio della psicologia e il lavoro dello psicologo: l immagine di un campione di studenti di psicologia (Istituto di Psicologia - Università di Urbino) (fondi ex-60% Università di Urbino) Dal Collaborazione con l Arbeitsgruppe Wirtschaftspsychologie dell Università di Vienna (responsabile: prof. Erich Kirchler) nell ambito di progetti di ricerca congiunti sulla psicologia dei processi decisionali nelle organizzazioni e sulla psicologia del comportamento fiscale Responsabile del progetto di ricerca Percezione di Giustizia e cooperazione nei gruppi: una ricerca su lavoratori temporanei (Facoltà di Psicologia - Università Chieti-Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti-Pescara) Membro del gruppo di lavoro del progetto COESO (Comunicazione e Socialità- L impatto dell informazione nella lotta all esclusione sociale) del Programma Comunitario di Azione per combattere l emarginazione sociale (Decisione n.50/2002/ce) per conto della Fondazione E. Zancan Dal Membro del gruppo di studio del Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna (ex unità di ricerca Criteri di valutazione delle comunità residenziali per minori del progetto MURST ) Coordinamento scientifico del seminario di ricerca La continuità genitoriale nei casi di famiglie separate e famiglie ricostituite: il quadro socioculturale, i problemi e le strategie di intervento organizzato dalla Fondazione E. Zancan in collaborazione con l International Association for Outcome-based Evaluation and Research on Family and Children s Services e la Graduate School of Social Work-Boston College 7

8 Coordinamento scientifico del progetto di ricerca "Estensione e prosecuzione della sperimentazione sociosanitaria. Azione innovativa del piano sociale della Regione Abruzzo per conto della Fondazione E. Zancan 2005 Responsabile del progetto di ricerca Fattori antecedenti ed effetti della percezione di giustizia nei gruppi (Facoltà di Psicologia - Università Chieti-Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti-Pescara) Coordinamento scientifico del seminario di ricerca La continuità genitoriale nei casi di famiglie separate e famiglie ricostituite: il quadro socioculturale, i problemi e le strategie di intervento organizzato dalla Fondazione E. Zancan in collaborazione con l International Association for Outcome-based Evaluation and Research on Family and Children s Services e la Graduate School of Social Work-Boston College 2006 Responsabile del progetto di ricerca Fattori antecedenti ed effetti della percezione di giustizia nei gruppi (Facoltà di Psicologia - Università Chieti-Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti-Pescara) 2007 Responsabile del progetto di ricerca Identificazione, giustizia, cooperazione nei gruppi e atteggiamento verso le istituzioni: Una verifica empirica del Group engagement model nel contesto universitario (Facoltà di Psicologia - Università Chieti-Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti-Pescara) 2008 Responsabile del progetto di ricerca Tra naturale e culturale: rappresentazioni e atteggiamenti nei confronti di gruppi minoritari (Facoltà di Psicologia - Università Chieti- Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti-Pescara) 2009 Responsabile del progetto di ricerca Giustizia in Classe: Concezioni di genitori, studenti, insegnanti sulla distribuzione delle risorse per l educazione (Facoltà di Psicologia - Università Chieti-Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti-Pescara) 2010 Responsabile del progetto di ricerca Fiducia e compliance fiscale (Facoltà di Psicologia - Università Chieti-Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti-Pescara) Dal 2010 Collaborazione con la Sonoma State University (USA) (prof. Heather Smith) nell ambito di progetti di ricerca congiunti sulla psicologia della giustizia sociale Responsabile del progetto di ricerca Identificazione, fiducia e cooperazione nei gruppi (Facoltà di Psicologia - Università Chieti-Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti- Pescara) 8

9 2012 Responsabile del progetto di ricerca L influenza della fiducia nelle autorità sull engagement degli studenti (Facoltà di Psicologia - Università Chieti-Pescara) (fondi ex-60% Università di Chieti-Pescara) Referee per riviste nazionali e internazionali e di valutazione di progetti per altre università italiane Attività di referee per le riviste Giornale Italiano di Psicologia, Psicologia Sociale, Psicologia Clinica dello Sviluppo, Bullettin de Psychologie e dei programmi di ricerca della Facoltà di Psicologia dell Università di Padova Attività istituzionale presso l Università G. d Annunzio di Chieti-Pescara Attività istituzionale nella Facoltà di Psicologia o Referente dell Area psicosociale (dal 2004) o Componente della Commissione Didattica (dal 2004) o Componente del Nucleo Garante degli Studenti (dal 2005 al 2008) o Referente per l accordo bilaterale di mobilità di studenti e docenti per l anno accademico nell ambito del Programma Socrates/Erasmus tra la Faculdade de psicologia e de ciências da educação dell Università di Porto (Portogallo) e la Facoltà di Psicologia dell Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara. o Referente per l accordo bilaterale di mobilità di studenti e docenti per l anno accademico nell ambito del Programma Socrates/Erasmus tra la Facultad de Psicología dell Università di Oviedo (Spagna) e la Facoltà di Psicologia dell Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara. o Componente della Commissione Didattica Paritetica (dal 2008) o Membro della Commissione giudicatrice (sessioni giugno e novembre 2008) per gli Esami di abilitazione all esercizio della professione di Psicologo o Responsabile didattico - organizzativo delle attività di Tirocinio (dal 2009) o Coordinatrice del Nucleo Garante degli Studenti e Garante per il corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (dal 2009) Attività istituzionale nell Ateneo G. d Annunzio o Membro del Comitato Paritetico Mobbing dell Università G. d Annunzio (dal 2006) o Componente del Comitato tecnico-scientifico biblioteconomico (CSB) della Biblioteca interfacoltà E. Paratore (Facoltà di Lettere e Filosofia, di Psicologia, di Scienze Sociali, Scienze della Formazione) in qualità di rappresentante della Facoltà di Psicologia (dal 2005 al 2011) 9

10 o Membro della Commissione giudicatrice per la selezione interna per l affidamento di incarico di Direttore dell area Gestione economica e finanziaria dell Università G. d Annunzio (gennaio 2006). o Membro della Commissione giudicatrice per la selezione pubblica per l affidamento di incarico di Direttore dell area Gestione economica e finanziaria dell Università G. d Annunzio (settembre 2006) o Docente nei corsi di formazione sulla Psicologi dei gruppi nell ambito del corsoconcorso per personale tecnico- amministrativo dell Università G. d Annunzio ( ) rivolti al personale tecnico- amministrativo dell Università G. d Annunzio o Componente della Commissione giudicatrice per progressione verticale mediante corso-concorso per personale tecnico-amministrativo dell Università G. d Annunzio (dal novembre 2006 al febbraio 2008). Attività istituzionale nel Dipartimento di Scienze Biomediche Componente del Collegio dei Docenti del Corso di Dottorato di ricerca in Psicologia (XXI, XXII, XXIII, XIV CICLO) Membro della della commissione giudicatrice per l ammissione al corso di dottorato di ricerca in Psicologia XXI CICLO dell Università G. d Annunzio di Chieti- Pescara. Tutor di dottorato in psicologia (XXI, XXII Ciclo) Attività istituzionale nel Dipartimento di Scienze Psicologia, Umanistiche e del Territorio Componente della Giunta di Dipartimento (dal 2012) Attività per l A.I.P. Componente del Collegio dei Revisori (dal 2012) Membro del Comitato organizzatore locale del Congresso Nazionale AIP Chieti 2012 Membro del Comitato Scientifico del Congresso Nazionale AIP Sezione di Psicologia Sociale, Chieti 2012 Attività di consulenza, formazione e supervisione Consulente presso enti pubblici, servizi sociosanitari e organizzazioni aziendali e scolastiche nel campo della formazione psicosociale Consulente presso l'assessorato ai Servizi Sociali (Ufficio Minori) della Regione Emilia- Romagna per l'elaborazione di ipotesi operative e percorsi programmatici in materia di disadattamento e devianza giovanile 10

11 Conduzione di Gruppi di Formazione Psicosociale nel Corso Triennale per Educatori professionali dell'usl 27 di Bologna Conduzione di Gruppi di Formazione Psicosociale presso la Scuola per Terapisti della Riabilitazione dell'ospedale S.Orsola di Bologna Attività di supervisione degli operatori della Cooperativa "L'Ulivo" (Bologna) impegnati in interventi educativi su bambini e adolescenti in situazioni di disagio e rischio psicosociale Conduzione di Gruppi di Formazione Psicosociale presso la scuola per Terapisti della Riabilitazione dell'usl di Cesena, Imola e Ravenna Consulente della Presidenza del Consiglio dei Ministri presso il Dipartimento per gli Affari Sociali in quanto membro del Nucleo Operativo di Valutazione per attività di analisi e verifica dell'attuazione dei progetti di prevenzione, riabilitazione e riduzione del danno finanziati col "Fondo nazionale per la lotta alla droga" Consulente del Comune di Bologna per attività di supervisione di un nucleo di Operatori di Strada Attività di supervisione dei volontari del Centro "Aurora Leo" (Bologna) impegnati nel campo dell'aids pediatrico Coordinamento formativo per conto della Fondazione "E. Zancan" del progetto formativo "L'integrazione dei servizi alle persone nel distretto sociosanitario" (AUSL di Senigallia e Comune di Senigallia) 1999 Coordinamento scientifico per conto dell'istituzione G.F. Minguzzi (Bologna) e della Regione Emilia Romagna del Seminario di studio "La tutela dei diritti del minore tra servizi e giustizia. L'abuso sessuale e i maltrattamenti psicofisici sui minori" (Bologna e Reggio- Emilia, febbraio/maggio 1999) 11

12 Chiara Berti Pubblicazione e comunicazioni a convegni Volumi 1) Berti C., Mestitz A., Palmonari A. e Sapignoli M. (1998) Avvocati, magistrati e processo penale. Analisi socio-psicologica di una fase di transizione. Roma, Carocci 2) Berti C., Camillo F., Marzano G. e Parenti P. (1999) Bologna del cuore. Una ricerca sui legami affettivi tra i bolognesi e la loro città. Milano, Lupetti 3) Berti C. (2002) Psicologia sociale della giustizia Bologna, Il Mulino 4) Berti e Cavicchi (a cura di) (2007) Essere responsabili verso se stessi, gli altri e la comunità. Costruire la rete delle persone, Fondazione Zancan, Padova Capitoli in volumi collettivi 1) Berti C. (1987) I test comportamentali nello studio delle alterazioni delle funzioni superiori del S.N.C. In F. S. Violante (a cura di), Tecniche di studio della patologia neurologica di origine professionale, Bologna, Analisi 2) Berti C., Palmonari A. e Macchia T. (1988) Drug Abuse Prevention: Changes of Attitudes toward Drugs in a Sample of adolescents and Young People. In C.E.W.G. (a cura di), Epidemiology of Drug Abuse in the U.S.A. and Europe, Rockville, Md., N.I.D.A. 3) De Leo G. e Berti C. (1989)Sul versante dell'ente locale. In G. De Leo (a cura di), Lo psicologo criminologo, Milano, Giuffrè 4) Berti C. (1991) Adolescenza e sport a rischio: nuovi riti di iniziazione? In G. Speltini (a cura di), Aspetti psicologici dell'attività motoria e sportiva, Bologna, CLUEB 5) Berti C. (1993) La devianza adolescenziale. In A. Palmonari (a cura di), Psicologia dell'adolescenza, Bologna, Il Mulino 6) AA.VV. (1993) Libro bianco sulle tossicodipendenze. Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli Affari Sociali. 1 a Conferenza Nazionale sulla droga, Palermo, giugno

13 7) Berti C. (1996) Perché a volte è così difficile credere a una donna che afferma di essere stata violentata. Lezioni di Donne alle istituzioni. Quaderni del Comitato di donne per il Governo della città, 1 (L'ordine pubblico) - Comune di Bologna 8) Berti C. (1997) La devianza adolescenziale. Seconda Edizione In A. Palmonari (a cura di), Psicologia dell'adolescenza, Bologna, Il Mulino 9) Berti C. (1997) La formazione indifferente: operatori sanitari e bisogni di genere. Lezioni di Donne alle istituzioni. Quaderni del Comitato di donne per il Governo della città, 2 (La sanità) - Comune di Bologna 10) Berti C., Mestitz A. e Palmonari A. (1997) Le rappresentazioni sociali della giustizia: alcuni risultati di uno studio sul processo penale. In F. Braga Illa (a cura di), Livelli di rappresentazione: percorsi tra naturale e artificiale, Urbino, Quattro Venti 11) Berti C. (1997) L'importanza di chiamarsi Jovanovic: quesiti sugli interventi giudiziari nei confronti dei nomadi. In A. Mestitz (a cura di), La tutela del minore tra norme, psicologia ed etica. Milano, Giuffrè 12) Berti C. (1997) Desideri, paure, certezze. In N. Baiesi e E. Guerra (a cura di), Interpreti del loro tempo. Ragazzi e ragazze tra scena quotidiana e rappresentazione della storia. Bologna, CLUEB 13) Palmonari A., Berti C. e Mestitz A. (1998) Due Process and Crime Control in the Social Representations of Criminal Justice. In A. Ligas (a cura di) Social Representations and Contemporary Social Problems, Atene, Ellenika Grammata 14) Berti C. (1998) La cultura dell'adolescenza. In C. Buzzi e A. Terzi (a cura di), Generazione casuale. Como, Prospettive 15) Berti C. (2003) L'interazione tra la psicologia e il sistema del diritto: problemi aperti e prospettive di intervento. In L. Carli e C. Tonzar (a cura di) Psicologia e nuove professionalità. Prime riflessioni all'avvio della riforma universitaria, Liguori, Napoli 16) Berti C. (2005) Antisocialità, devianza e rischio nell adolescenza. In G. Speltini (a cura di) Minori, disagio e aiuto psicosociale, Il Mulino, Bologna 17) Berti C. (2005) Giustizia, processi di categorizzazione e identità sociale. In G. Sarchielli e B. Zani (a cura di) Persone, gruppi e comunità. Scritti di psicologia sociale in onore di Augusto Palmonari, Il Mulino, Bologna 13

14 18) Berti C. (2005) Il sapere psicologico a confronto con la pratica giuridica nei casi di abuso In AA.VV. Maltrattamento, trascuratezza e abuso all infanzia. L intervento coatto: un paradosso terapeutico, CEIS, Pescara 19) Berti C. e Canali C. (2006) I bambini con più famiglie. In R. Marinaro, W. Nanni e T. Vecchiato (a cura di) Vite fragili. Rapporto 2006 su povertà ed esclusione sociale in Italia, Il Mulino, Bologna 20) Berti C. (2007) Etica e servizi sociosanitari: alcuni contributi dalle teorie psicosociali sulla giustizia. In C. Berti e F. Cavicchi (a cura di) Essere responsabili verso se stessi, gli altri e la comunità. Costruire la rete delle persone, Fondazione Zancan, Padova 21) Berti C., Berto I. e Vecchiato T. (2008) Continuità assistenziale. In T. Vecchiato e E. L. L. Mazzini (a cura di) L integrazione sociosanitaria: risultati di sperimentazioni e condizioni di efficacia, Fondazione Zancan, Padova 22) Palareti L., Bastianoni P. e Berti C. (2008) Sistemi di relazione negli interventi di comunità per minori. In A. Taurino, P. Bastianoni e S. De Donatis (a cura di) Scenari familiari in trasformazione. Teorie, strumenti e metodi per la ricerca clinico-dinamica e psicosociale sulle famiglie e la genitorialità, Aracne Editrice, Roma 23) Pajardi D. e Berti C. (2008) Funzione della pena e condizione carceraria: una ricerca empirica sulla percezione sociale nei magistrati e nei detenuti. In D. Pajardi (a cura di) Oltre a sorvegliare e punire. Esperienze e riflessioni di operatori su trattamento e cura in carcere, Giuffrè, Milano 24) Palareti L., Berti C. e Emiliani F. (2008) Effectiveness conditions in out-of-home placements of children and adolescents. In C. Canali, T. Vecchiato & J. Whittaker (a cura di) Assessing the "Evidence-base" of intervention for vulnerable children and their families. Cross national perspectives and challenges for research, practice and policy, Fondazione Zancan, Padova 25) Berti C., Di Battista M. e Pivetti M. (2010) Exploring engagement in the university context: The role of justice and social identification. WCES-2010 Procedings, Procedia Social and Behavioural Science Journal, Elsevier Ltd, vol.2. issue 2 26) Berti C. (2011) L ingiustizia nelle organizzazioni. In M. Santinello e A.Vieno (a cura di) Non è giusto. Psicologia dell ingiustizia sociale, Napoli, Liguori pp ) Berti C. (2011) La devianza. In A. Palmonari (a cura di) Psicologia dell adolescenza, Bologna, Il Mulino pp ) Berti C. e S. Di Battista (2011) Framing Student Engagement through perception of justice: The role of trust in authorities in educational context. In R. J. Newley (a cura di) Classrooms: 14

15 Management, Effectiveness, and Challenges, Hauppauge, N.Y., Nova Science Publishers (pp.59-75) 29) Berti C., Mestitz A., Palmonari A. e Sapignoli M. (2013) Social representations of Italian criminal justice: Ideals and reality. In A. M. de Rosa (a cura di) Social Representation in the "Social Arena, London, Routledge (pp ) Articoli in riviste internazionali con referee 1) Piergiacomi G., Blasetti P., Berti C., Ercolani M. e Cervini C. (1989) Personality pattern in rheumatoid arthritis and fibromyalgic syndrome: psychological investigation. Zeitschrift fur Rheumatologie, 48 (Steinkopff, Darmstadt) 2) Kirchler E., Hofmann E., Mühlbacher S. e Berti C. (2003) Konflikte in Organisationen: Erprobung eines Instrumentes zur Messung von Einflusstaktiken. Der Markt, 2 3) Muehlbacher S., Kirchler E. e Hoelzl E., Ashby J., Berti C. et al. (2008) Hard-earned income and tax compliance: A survey in eight nations. European Psychologist, 13(4) 4) Palareti L. e Berti C. (2009) Different ecological perspectives for evaluating residential care outcomes: Which window for the black box? Children and Youth Services Review, 31 5) Palareti L. e Berti C. (2010) Relational climate and effectiveness of residential care: Adolescent perspectives. Journal of Prevention and Intervention in the Community, 38 6) Berti C., Molinari L. e Speltini G. (2010) Classroom justice and psychological engagement: Students and teachers perceptions Social Psychology of Education: An International Journal, 13(4) 7) Berti C. e Passini S. (2013) Common future and personal responsibilities: A comparison between Italian and Burundian Students International Journal of Psychology Articoli in riviste nazionali con referee 1) Ercolani M., Zizzo A., Berti C. e Piergiacomi G. (1988) Sindrome Fibromialgica Primaria: Una valutazione psicometrica di 110 casi. Medicina Psicosomatica, 33 2) Kirchler E. e Berti C. (1990) Immagini del dare e ricevere in alcune relazioni sociali. Giornale Italiano di Psicologia, 1 15

16 3) Vetrone G. e Berti C. (1991) Problemi del trattamento psicoterapeutico di vittime della repressione dittatoriale. Psicoterapia e scienze umane, 3 4) Berti C. e Kirchler E. (1994) Adolescenza deviante: cause, sanzioni e gravità nella rappresentazione del senso comune. Scienze dell'interazione, 1 5) Kirchler E. e Berti C. (1996) Convincersi a vicenda nelle relazioni di coppia. Giornale Italiano di Psicologia, 4 6) Berti C. e Kirchler E. (2001) Contributi e contribuenti: una ricerca sulle rappresentazioni del sistema fiscale. Giornale Italiano di Psicologia, 3 7) Berti C. e Kirchler E. (2002) La reattanza verso il sistema fiscale: una ricerca sugli atteggiamenti di imprenditori e liberi professionisti. Giornale Italiano di Psicologia, 2 8) Berti C. (2003) Alcune riflessioni sulla responsabilità degli adolescenti. Psicologia scolastica, 1 9) Bastianoni, P., Rubino, F., Taurino, A., Palareti, L., Berti, C. (2005) Rappresentazioni della qualità nei servizi di comunità per minori: un esperienza di focus group. Psicologia Scolastica, 2 10) Palareti L., Berti C. e Bastianoni P. (2006) Valutare le comunità residenziali per minori: la costruzione di un modello ecologico. Psicologia della salute, 1 11) Berti C. e Kirchler E. (2007) Convincere i colleghi: sviluppo di un questionario sulle tattiche di influenza nelle organizzazioni. Bollettino di Psicologia Applicata, ) Berti C., Pivetti M. e Melotti G. (2008) Dal public understanding of science allo scientific understanding of public: Rappresentazioni sociali del Progetto Genoma. Psicologia sociale, 2 13) Berti C., Pivetti M., Di Giampaolo M. (2010) Il contatto può alimentare il pregiudizio? Il caso degli zingari abruzzesi. Studi Zancan, 3, , ISSN ) Berti C. e Palareti L. (2010) Efficacia e qualità degli interventi delle comunità residenziali per minori Studi Zancan, 5, , ISSN

17 15) Berti C. (2010) Le basi morali della legittimità Psicologia sociale, 2 16) Palareti L., Berti C. e Emiliani F. (2012) Valutare la qualità degli interventi residenziali per minori: un modello di analisi dell esosistema, Psicologia Clinica dello sviluppo, 1, 71-95, ISBN ) Berti C., Kastlunger B. e Kirchler E. (accettato, in stampa) La china scivolosa del comportamento fiscale: un contributo alla costruzione di uno strumento per la ricerca sulla compliance, Giornale Italiano di Psicologia Articoli in riviste nazionali senza referee 1) Ravenna M. e Berti C. (1986) Entrare e uscire dalla droga. Scuola e Professione, 3 2) Berti C. (1986) Operatori sociali e condizione giovanile. Scuola e professione, 4 3) Berti C. (1988) Disagio giovanile: quali politiche degli Enti locali. Scuola e Professione, 6 4) De Leo G. e Berti C. (1988) Situazioni a rischio e interventi in ambito locale. Esperienze di Giustizia Minorile, 4 5) Berti C. (1991) Alcune tendenze nello studio della devianza minorile. Appunti, 3 6) Berti C. e Terzi A. (1994) Comunicazione sociale: una lezione dalla droga. Quaderni Iard, 5 7) Berti C. (1997) Il Mobbing nelle organizzazioni lavorative. Il Giornale dei servizi ambientali, 9 8) Berti C. (1998) Il Mobbing nelle organizzazioni lavorative: modalità e costi della prevenzione. Il Giornale dei servizi ambientali, 10 9) Berti C., Canali C. e Vecchiato T. (1999) Il fenomeno della pedofilia in Italia. Politiche sociali, 2 17

18 10) Berti C. e Pajardi D. (2003) A che serve la pena? Una ricerca empirica su magistrati e detenuti.. Studi Urbinati-Scienze umane e sociali 11) Berti C., Gattoni B. e Gungui I. (2003) La rappresentazione dell oggetto di lavoro in psicologia: una ricerca empirica su un campione di studenti di psicologia. Studi Urbinati- Scienze umane e sociali 12) Berti C., Morresi D. e Costantini L. (2005) Tattiche di influenza nelle organizzazioni: uno studio su dirigenti italiani. Studi Urbinati- Scienze umane e sociali 10) Berti C. e Canali C. (2006) La continuità genitoriale nei casi di famiglie separate: il quadro di fondo. Studi Zancan, 1 13) Berti C. e Canali C. (2007) Bambini con più famiglie, educhiamo ad adattarsi. IC Italia Caritas, 2 14) Berti C., Pivetti M. e Di Giampaolo M. (2010) Il contatto può alimentare il pregiudizio? Il caso degli zingari abruzzesi. Studi Zancan, 3, pp Comunicazioni a congressi internazionali 1) Berti C., Canali C. e Vecchiato T. (1999) Sexual abuse e paedophile activity. Paper presentato alla Conference on cross border paedophile activity and trafficking for sexual purposes, Leeds Castle, Gran Bretagna, febbraio ) Kirchler E. e Berti C. (1999) Representations of taxes in five employment groups in Austria and Italy. Paper presentato alla 24 a conferenza IAREP, Belgirate, Italia, luglio ) Berti C. (1999) Restorative justice in the Italian experience. Paper presentato al Third international meeting on restorative justice for juvenile, Leuven, Belgio, ottobre ) Berti C., Gattoni B., Palareti L. e Lucianetti L. (2004) De qué se habla cuando hablamos de justicia? Representaciones sociales en trabajadores y estudiantes universitarios. Atti della VII Conferencia internacional de representaciones sociales, Guadalajara, Messico, settembre ) Berti C. (2005) Accessibility to services: Inequalities or social inclusion? Atti del Workshop Instruments for exercising social citizenship in favour of the excluded persons, Heraklion, Grecia, 8-9 aprile

19 6) Berti C., Gattoni B., Palareti L. e Lucianetti L. (2005) The relationship between work experiences and social representations of justice and injustice. Atti del XII European Congress of Work and Organizational Psychology dell EAWOP, Istanbul, Turchia, maggio ) Berti C., Gattoni B., Palareti L. e Lucianetti L. (2005) Work experiences and social representations of justice and injustice Atti del Colloque International Citoyenneté, Justice et Psychologie, Lione, Francia, luglio ) Palareti L., Emiliani F., Bastianoni P. e Berti C. (2006) An ecological approach for assessing residential placements of children and adolescents. Atti della X EARA Conference, Antalya, Turchia, 2-6 maggio ) Berti C. e Gattoni B. (2006) Les «lieux communs» sur la justice et sur l injustice dans le monde du travail: analyse lexicale sur les comptes rendus personnels. Atti del XIV Congres de Psychologie du travail et des organisations, Hammamet, Tunisia, 7-10 luglio ) Berti C., Gattoni B. e Melotti G. (2006) The role of social insertion and victimization in generating social representations of justice and injustice in work settings. Atti della XI International Social Justice Conference, Berlino, Germania, 2-5 agosto ) Pivetti M., Berti C. e Melotti G. (2006) Social representations of the human genoma project: which anchoring for the new biotechnologies? Atti della VIII International Conference on Social Representations: media and society, Roma, 28 agosto 1 settembre ) Palareti L., Berti C. ed Emiliani F. (2008) Effectiveness conditions in out-of-home placements of children and adolescents. Atti della X Eusarf International Conference: Assessing the "Evidence-base" of Intervention for Vulnerable Children and Their Families, Padova, marzo ) Palareti L., Emiliani F. e Berti C. (2008) Effectiveness conditions in residential care for children and adolescents: results from an Italian study". Atti della Care Matters: Transforming Lives - Improving Outcomes Conference - Incorporating the 8th International Looking After Children Conference. Oxford, UK, 7-9 luglio ) Berti C., Pivetti M. e Melotti G. (2008) From the public understanding of science to the scientific understanding of public: social representations of the human genome project. Atti del 15 th General Meeting of the European Association of Experimental Social Psychology (EAESP), Opatija, Croazia, Giugno

20 15) Berti C., Di Battista S. e Pivetti M., D Oria R. e Grazia A. (2009) May contact affect prejudice? An italian study on dehumanization of gypsy. Annual Meeting at Trinity College, Dublin, Irlanda, luglio, ) Volpini L., Berti C. e Scardaccione G. (2009) Parental ability assessment in Cassazione Civile (Supreme Court) cases from 1996 to 2007: An explorative research. 19 th Conference of the European Association of Psychology and Law (EAPL), Sorrento, 2-5 settembre ) Berti C., Di Battista S, Pivetti M. e Filipponi L. (2010) Do sense of justice and social identification favour engagement? An italian study in the university context World Conference on Educational Sciences, Bahcesehir University, Istanbul, Turchia, 4-8 febbraio ) Berti, C., Di Battista S., Fiorilli G., Sciascia L., Russo F., Pagliaro S., Pivetti M. (2010). Political ideology as a social representation: An Italian study on moral judgments. 10 th Conference internazionale sur les representations sociales. Representations, transmission des savoirs et transformations sociales. Gammart, Tunisia, 5-8 luglio ) Speltini G., Molinari L. e Berti C. (2010) Classroom justice and psychological engagement: Students and teachers representations. 10 th Conference internazionale sur les representations sociales. Representations, transmission des savoirs et transformations sociales. Gammart, Tunisia, 5-8 luglio ) Berti, C., Di Battista S. (2011). Framing engagement in justice perspective. PIDOP Conference 2011, Bologna, Italia, Maggio ) Berti, C., Di Battista S., Smith, H. J. (2011). The influence of benevolence, competence, and identification on academic engagement. 16th EASP General Meeting, Stockholm, Svezia, luglio ) Palareti L. e Berti C. (2012) Identifying Issues and Theories for Comparative Studies on Residential Services: From a critical examination to a study proposal. 12th International EUSARF Conference, Glasgow Scotland, 4-7 September, Symposium on Residential Services for High-Resource Using Youth: Learning from Cross-National Perspectives, co-sponsored by IAOBER, International Association of Outcome-Based Evaluation and Research in Family & Children s Services, Padua, Italy. Comunicazioni a congressi nazionali 1) Berti C. e Ercolani M. (1983) Artrite Reumatoide: Contributi e prospettive della ricerca psicosomatica. 20

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass I Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Rouame Abdelaziz Indirizzo(i) 7, via S. Andrea, 48022, Lugo di Romagna, Italia Telefono(i) 051 6597766/ 0545 24698 Mobile: 3282119380

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Area di pratica professionale PSICOLOGIA PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE RISORSE UMANE Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Classificazione EUROPSY Work

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

..DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNI SUCCESSIVI..

..DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNI SUCCESSIVI.. Corso di laurea.... C.L. specialistica/magistrale... Curriculum/Indirizzo... Matricola.. Marca da bollo da 16,00 se non assolta in modo virtuale AL MAGNIFICO RETTORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani 24 ottobre 2005 Classificazione Istat dei titoli di studio italiani Anno 2003 Nota metodologica 1. INTRODUZIONE In occasione del Censimento 2001 della popolazione, il settore Istruzione dell Istat è stato

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli