DEKRET DES LANDESHAUPTMANNS vom 28. Juni 2004, Nr. 148/1.4 Giochi proibiti... pag. 10 Verbotene Spiele...Seite 10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEKRET DES LANDESHAUPTMANNS vom 28. Juni 2004, Nr. 148/1.4 Giochi proibiti... pag. 10 Verbotene Spiele...Seite 10"

Transcript

1 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom SOMMARIO INHALTSVERZEICHNIS ANNO 2004 JAHR 2004 PARTE PRIMA ERSTER TEIL LEGGI E DECRETI GESETZE UND DEKRETE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME PROVINZ TRIENT [BO U020 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 22 giugno 2004, n. 6-16/Leg. Modificazioni alle competenze dei servizi provinciali (art. 65 della legge provinciale 3 aprile 1997, n. 7)... pag. 6 PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL [BO V010 R040 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 28 giugno 2004, n. 148/1.4 [AM V010 R040 ] DEKRET DES LANDESHAUPTMANNS vom 28. Juni 2004, Nr. 148/1.4 Giochi proibiti... pag. 10 Verbotene Spiele...Seite 10 [BO S020 ] DECRETO ASSESSORILE 24 giugno 2004, n. 512/23.2 Integrazione della deliberazione provinciale n del e successive integrazioni «Rubrica provinciale dei fornitori di dispositivi protesici ai sensi dell art. 16 dei criteri sull assistenza protesica»... pag. 11 [BO D020 ] DECRETO DEL DIRETTORE DI RIPARTIZIONE 2 luglio 2004, n. 81/19.0 Delega di funzioni amministrative al direttore dell Ufficio servizio lavoro... pag. 12 [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE DI AGENZIA 18 maggio 2004, n. 289/29.6 Copertura superficiale e ripristino ambientale di una discarica per rifiuti controllata - discarica per rifiuti «Teodone» di Brunico... pag. 12 [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE DI AGENZIA 21 giugno 2004, n. 392/29.6 Copertura superficiale e ripristino ambientale di una discarica per rifiuti, controllata - discarica per rifiuti «Klingelschmied» di Castelrotto, località Pontives/Val Gardena.. pag. 13 [AM S020 ] DEKRET DES LANDESRATES vom 24. Juni 2004, Nr. 512/23.2 Ergänzung zum Beschluss der Landesregierung Nr vom , in geltender Fassung «Landesverzeichnis der Lieferfirmen von prothesischen Behelfen im Sinne des Art. 16 der Kriterien zur prothesischen Betreuung»...Seite 11 [AM D020 ] DEKRET DES ABTEILUNGSDIREKTORS vom 2. Juli 2004, Nr. 81/19.0 Übertragung von Verwaltungsbefugnissen an den Direktor des Arbeitsservice...Seite 12 [AM R060 ] DEKRET DES AGENTURDIREKTORS vom 18. Mai 2004, Nr. 289/29.6 Oberflächenabdichtung und Rekultivierung einer geordneten Abfalldeponie - Abfalldeponie «Dietenheim» Bruneck...Seite 12 [AM R060 ] DEKRET DES AGENTURDIREKTORS vom 21. Juni 2004, Nr. 392/29.6 Oberflächenabdichtung und Rekultivierung einer geordneten Abfalldeponie - Abfalldeponie «Klingelschmied» Kastelruth, Örtlichkeit Pontives/Gröden...Seite 13

2 2 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE D UFFICIO 22 giugno 2004, n. 402/29.6 Deposito preliminare (D15) e messa in riserva (R13) per conto terzi di rifiuti urbani, rifiuti speciali pericolosi e non - centro di riciclaggio del Comune di Anterivo, Anterivo (BZ)... pag. 14 [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE D UFFICIO 22 giugno 2004, n. 408/29.6 Deposito preliminare (D15) e messa in riserva (R13) per conto terzi di rifiuti urbani, rifiuti speciali pericolosi e non - centro di riciclaggio di Bressanone, Bressanone (BZ).. pag. 20 [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE D UFFICIO 1 luglio 2004, n. 432/29.6 Deposito preliminare (D15) per conto terzi di rifiuti speciali pericolosi e non - (centro raccolta di veicoli a motore), ERAC Srl Bolzano (BZ)... pag. 30 [AM R060 ] DEKRET DES AMTSDIREKTORS vom 22. Juni 2004, Nr. 402/29.6 Zwischenlagerung (D15) und Ansammlung (R13) für Dritte von Hausmüll, gefährlichen und nicht gefährlichen Sonderabfällen - Recyclinghof der Gemeinde Altrei, Altrei (BZ)...Seite 14 [AM R060 ] DEKRET DES AMTSDIREKTORS vom 22. Juni 2004, Nr. 408/29.6 Zwischenlagerung (D15) und Ansammlung (R13) für Dritte von Hausmüll, gefährlichen und nicht gefährlichen Sonderabfällen - Recyclinghof Brixen, Brixen (BZ)...Seite 20 [AM R060 ] DEKRET DES AMTSDIREKTORS vom 1. Juli 2004, Nr. 432/29.6 Zwischenlagerung (D15) für Dritte von gefährlichen und nicht gefährlichen Sonderabfällen - (Sammelstelle für Autowracks), ERAC GmbH, Bozen (BZ)...Seite 30 DELIBERAZIONI, DISPOSIZIONI E COMUNICATI BESCHLÜSSE, BESTIMMUNGEN UND MITTEILUNGEN REGIONE AUTONOMA TRENTINO - ALTO ADIGE AUTONOME REGION TRENTINO - SÜDTIROL [BO S110 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 luglio 2004, n. 395 Eurobanca Privata Spa, con sede in Trento - modifica degli articoli 3, 9, 10, 13, 22 e 27 dello statuto sociale... pag. 32 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME PROVINZ TRIENT [BO C020 F020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 18 giugno 2004, n Legge provinciale 9 dicembre 1991 n. 24 recante «Norme per la protezione della fauna selvatica e per l esercizio della caccia» - articolo 26, comma 3 bis, come introdotto dall articolo 24 della legge provinciale 1 agosto 2003, n. 5 (disposizioni per la formazione dell assestamento del bilancio annuale 2003 e pluriennale della Provincia Autonoma di Trento) - modalità per la concessione dell indennizzo per i danni causati dall investimento di ungulati... pag. 34 [BO F065 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 luglio 2004, n Procedure e criteri di riconoscimento, concessione di contributo e gestione delle attività formative ai sensi dell art. 12 della LP 21/87 e s.m... pag. 37

3 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 luglio 2004, n LP , n. 7 articolo 2 - Comune di Cagnò: variante al piano regolatore generale per l adeguamento alla variante 2000 al piano urbanistico provinciale - approvazione con modifiche d ufficio... pag. 64 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 luglio 2004, n LP , n Comune di Cagnò: variante al piano regolatore generale per o- pere pubbliche - approvazione con modifica d ufficio... pag. 65 [BO D020 ] DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE 1 luglio 2004, n. 302 Autorizzazione alla sdemanializzazione della p.f in CC Vezzano... pag. 66 [BO E020 ] COMUNE DI ROVERETO - COMMISS.NE PER ASSEGNAZIONE AL- LOGGI EDILIZIA ABITATIVA 1 luglio 2004 Graduatoria comunale provvisoria ottobre/ novembre 2003 dei richiedenti l assegnazione di alloggi di edilizia abitativa pubblica... pag. 66 Comune di BORGO VALSUGANA [BO P025 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 7 giugno 2004, n. 16 Rettifica del PRG per correzione di errore materiale (omissione delle «aree produttive del settore terziario di interesse comprensoriale e locale di nuovo impianto») nella legenda delle tavole del sistema insediativo produttivo infrastrutturale... pag. 79 Comune di FONDO [BO S110 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 30 giugno 2004, n. 26 Modifica dello Statuto del Comune di Fondo... pag. 80 Comune di PRASO [BO S110 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 17 giugno 2004, n. 12 Comune di Praso: approvazione di modifiche allo Statuto... pag. 80 PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 24 maggio 2004, n Comune di Nova Ponente: approvazione di una modifica al piano urbanistico... pag. 81 [AM P025 ] AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 24. Mai 2004, Nr Gemeinde Deutschnofen: Genehmigung einer Abänderung zum Bauleitplan...Seite 81

4 4 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 7 giugno 2004, n Comune di Nova Ponente: approvazione di modifiche al piano urbanistico... pag. 82 [BO C180 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 giugno 2004, n «Gaiderbach - Erhaltungsgenossenschaft» con sede ad Andriano - riconoscimento della natura giuridica di consorzio di miglioramento fondiario ai sensi del RD 13 febbraio 1933, n pag. 84 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 giugno 2004, n Comune di Nova Ponente: approvazione di modifiche al piano urbanistico... pag. 85 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 giugno 2004, n Comune di Nova Levante: approvazione di modifiche al piano urbanistico... pag. 86 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 21 giugno 2004, n Comune di Aldino: approvazione di una modifica al piano urbanistico... pag. 88 [BO S090 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 giugno 2004, n Sostituzione di un componente del Consiglio di amministrazione dell Azienda speciale per i servizi antincendi e per la protezione civile... pag. 89 [BO S050 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 giugno 2004, n Criteri per la fruizione dei servizi abitativi della Provincia Autonoma di Bolzano nell ambito del diritto allo studio universitario. pag. 90 [BO P015 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 giugno 2004, n Nuovo vincolo di tutela ai sensi dell art. 10 del codice dei beni culturali e del paesaggio (decreto legislativo del , n. 42), nel Comune di Laives (zona archeologica Würstlhof)... pag. 96 [BO P025 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 giugno 2004, n Comune di Caldaro: approvazione di una modifica al piano urbanistico... pag. 97 [AM P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 7. Juni 2004, Nr Gemeinde Deutschnofen: Genehmigung von Abänderungen zum Bauleitplan...Seite 82 [AM C180 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 14. Juni 2004, Nr «Gaiderbach - Erhaltungsgenossenschaft» mit Sitz in Andrian - Anerkennung der Rechtsnatur eines Bodenverbesserungskonsortiums gemäß KD vom 13. Februar 1933, Nr Seite 84 [AM P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 14. Juni 2004, Nr Gemeinde Deutschnofen: Genehmigung von Abänderungen zum Bauleitplan...Seite 85 [AM P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 14. Juni 2004, Nr Gemeinde Welschnofen: Genehmigung von Abänderungen zum Bauleitplan...Seite 86 [AM P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 21. Juni 2004, Nr Gemeinde Aldein: Genehmigung einer Abänderung zum Bauleitplan...Seite 88 [AM S090 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 28. Juni 2004, Nr Ersetzung eines Mitgliedes des Verwaltungsrates des Sonderbetriebs für die Feuerwehr- und Zivilschutzdienste...Seite 89 [AM S050 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 28. Juni 2004, Nr Richtlinien für die Benutzung der Wohnmöglichkeiten der Autonomen Provinz Bozen im Rahmen des Rechtes auf Hochschulbildung...Seite 90 [AM P015 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 28. Juni 2004, Nr Neue Denkmalschutzbindung im Sinne des Art. 10 des Kodexes der Kultur- und Umweltgüter (Gesetzvertretendes Dekret vom , Nr. 42) in der Gemeinde Leifers (archäologische Zone Würstlhof)...Seite 96 [AM P025 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 28. Juni 2004, Nr Gemeinde Kaltern: Genehmigung einer Abänderung zum Bauleitplan...Seite 97

5 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom [BO S020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 giugno 2004, n Attuazione dell accordo del 13 gennaio 2003 vertente gli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, manutenzione e vigilanza delle piscine ad uso natatorio... pag. 98 [BO B020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 29 giugno 2004, n. 6/2004 Assestamento del bilancio di previsione del Consiglio provinciale di Bolzano per l anno finanziario pag.114 [BO V025 ] DELIBERA DEL COMITATO DI GESTIONE DEL FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO 18 giugno 2004, n. 4 Finanziamenti dei progetti delle organizzazioni di volontariato... pag.117 [BO A030 ] COMMISSIONE TECNICA PROVINCIALE 27 maggio 2004 Determinazione dell equo canone d affitto dei fondi rustici... pag.121 Comune di FIÉ ALLO SCILIAR [BO C110 S110 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 15 aprile 2004, n. 29 Statuto della Fondazione Casa di Riposo «Schlechtenhof» Fié allo Sciliar... pag.126 Comune di RENON [BO C110 S110 ] DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 29 giugno 2004, n a modifica dello Statuto del Comune di Renon... pag.133 [AM S020 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 28. Juni 2004, Nr Durchführung des Abkommens vom 13. Januar 2003 über die hygienisch-gesundheitlichen Aspekte betreffend den Bau, die Wartung und die Überwachung der Badeanstalten...Seite 98 [AM B020 ] BESCHLUSS DER LANDESREGIERUNG vom 29. Juni 2004, Nr. 6/2004 Berichtigung des Haushaltsvoranschlages des Südtiroler Landtages für das Finanzjahr Seite 114 [AM V025 ] BESCHLUSS DES VERWALTUNGSRATES DES SONDERFONDS FÜR DIE EHRENAMTLICHE TÄTIGKEIT vom 18. Juni 2004, Nr. 4 Förderung der Projekte der ehrenamtlichen Organisationen...Seite 117 [AM A030 ] TECHNISCHE LANDESKOMMISSION vom 27. Mai 2004 Festsetzung der angemessenen Pachtzinse für landwirtschaftliche Grundstücke...Seite 121 GEMEINDE VÖLS AM SCHLERN [AM C110 S110 ] GEMEINDERATSBESCHLUSS vom 15. April 2004, Nr. 29 Satzung der Altenheimstiftung «Schlechtenhof»Völs am Schlern...Seite 126 GEMEINDE RITTEN [AM C110 S110 ] GEMEINDERATSBESCHLUSS vom 29. Juni 2004, Nr Abänderung des Statutes der Gemeinde Ritten...Seite 133

6 6 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom ANNO 2004 JAHR 2004 PARTE PRIMA ERSTER TEIL LEGGI E DECRETI GESETZE UND DEKRETE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AUTONOME PROVINZ TRIENT [BO U020 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 22 giugno 2004, n. 6-16/Leg. (Registrato alla Corte dei Conti il , registro 1, foglio 3) Modificazioni alle competenze dei servizi provinciali (art. 65 della legge provinciale 3 aprile 1997, n. 7) IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA - Visto l art. 53, del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670, recante Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo Statuto speciale per il Trentino-Alto Adige, ai sensi del quale il Presidente della Giunta provinciale emana, con proprio decreto, i regolamenti deliberati dalla Giunta; - visto l art. 54, comma 1, numero 1, del medesimo decreto del Presidente della Repubblica, secondo il quale alla Giunta provinciale spetta la deliberazione dei regolamenti per l esecuzione delle leggi approvate dal Consiglio provinciale; - vista la deliberazione della Giunta provinciale n di data 11 giugno 2004, con la quale è stato approvato lo schema di regolamento recante Modificazioni alle competenze dei servizi provinciali (art. 65 della legge provinciale 3 aprile 1997, n. 7), il seguente regolamento: emana Art Alla declaratoria della scheda n. 1 Servizio legislativo dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, dopo il comma 3 è inserito il seguente: 3 bis. Fornisce supporto alle strutture provinciali per il recepimento normativo nell ordinamento provinciale degli atti normativi comunitari e per la verifica, ai fini del suo adeguamento, della legislazione provinciale rispetto alla normativa comunitaria. Art Alla declaratoria della scheda n. 21 Servizio lavoro dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, è aggiunto in fine il seguente comma: 6 bis. Esercita funzioni di vigilanza ispettiva sullo svolgimento delle azioni a coofinanziamento del fondo sociale europeo. Art Alla declaratoria della scheda n. 31 Servizio opere igienico-sanitarie dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, sono apportate le seguenti modificazioni:

7 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom a) il primo comma è sostituito dal seguente: Il servizio provvede agli adempimenti di ordine tecnico-amministrativo inerenti la costruzione, la sistemazione e la manutenzione degli impianti di depurazione degli scarichi di fognatura civili e dei collettori principali. ; b) il terzo comma è abrogato. Art Alla declaratoria della scheda n. 55 Servizio per le politiche di gestione dei rifiuti dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, è aggiunto in fine il seguente comma: 5 bis. Provvede agli adempimenti tecnico-amministrativi inerenti la costruzione, la sistemazione, la manutenzione e bonifica degli impianti di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti di competenza provinciale, fatte salve le funzioni attribuite ad altre strutture provinciali. Art Alla declaratoria della scheda n. 59 Servizio utilizzazione delle acque pubbliche dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, il comma 5 è sostituito dal seguente: 5. Provvede alla determinazione dei canoni relativi all utilizzo delle acque pubbliche e al controllo dell avvenuto pagamento. Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA L. DELLAI NOTE Avvertenza Note redatte dal Servizio organizzazione ed informatica al solo fine di facilitare la lettura: restano invariati valore ed efficacia del regolamento e degli atti trascritti. Nota al titolo - L art. 65, della legge provinciale 3 aprile 1997, n. 7 dispone: Art. 65 Adeguamento dell organizzazione 1. Fino all entrata in vigore della legge di riordino dell organizzazione della Provincia, la Giunta provinciale è autorizzata a modificare, con appositi regolamenti, anche in relazione all esercizio di funzioni derivanti da eventuali nuove competenze della Provincia o ad essa trasferite o delegate successivamente all entrata in vigore della presente legge, le competenze dei servizi o delle strutture ad essi equiparate anche pervenendo all accorpamento o alla soppressione degli stessi. 2. Al fine di rendere coerente l organizzazione in relazione ai principi della presente legge, anche sulla base delle rilevazioni dei carichi di lavoro delle strutture, la Giunta provvede a ridefinire le competenze e l organizzazione degli uffici e delle posizioni organizzative equiparate. Gli uffici e le posizioni organizzative possono costituire articolazioni dei dipartimenti, dei servizi e delle strutture ad essi equiparati. 3. Ai fini dell applicazione del principio della distinzione tra funzioni di indirizzo e funzioni di gestione di cui all articolo 2 della presente legge alle agenzie della Provincia istituite con leggi provinciali 16 giugno 1983, n. 19 (Organizzazione degli interventi di politica del lavoro), 3 settembre 1993, n. 23 (Disposizioni concernenti l autorizzazione e la variazione di spese previste da leggi provinciali e altre disposizioni finanziarie assunte per la formazione dell assestamento del bilancio annuale e pluriennale della Provincia Autonoma di Trento) e all azienda per la promozione turistica del Trentino di cui alla legge provinciale 4 agosto 1986, n. 21, la Giunta ridefinisce con regolamento i rapporti tra le competenze dei consigli di amministrazione e le competenze della dirigenza.

8 8 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom Nota alle premesse - L articolo 53 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670, recante Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige, come modificato dall articolo 4 della legge costituzionale 31 gennaio 2001, n. 2, dispone: Art. 53 Il Presidente della Provincia emana, con suo decreto, i regolamenti deliberati dalla Giunta. - L articolo 54 del decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670, recante Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige, dispone: Art. 54 Alla Giunta provinciale spetta: 1) la deliberazione dei regolamenti per la esecuzione delle leggi approvate dal Consiglio provinciale; 2) la deliberazione dei regolamenti sulle materie che, secondo l ordinamento vigente, sono devolute alla potestà regolamentare delle province; 3) l attività amministrativa riguardante gli affari di interesse provinciale; 4) l amministrazione del patrimonio della Provincia, nonché il controllo sulla gestione di aziende speciali provinciali per servizi pubblici; 5) la vigilanza e la tutela sulle amministrazioni comunali, sulle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza, sui consorzi e sugli altri enti o istituti locali, compresa la facoltà di sospensione e scioglimento dei loro organi in base alla legge. Nei suddetti casi e quando le amministrazioni non siano in grado per qualsiasi motivo di funzionare spetta anche alla Giunta provinciale la nomina di commissari, con l obbligo di sceglierli, nella provincia di Bolzano, nel gruppo linguistico che ha la maggioranza degli amministratori in seno all organo più rappresentativo dell ente. Restano riservati allo Stato i provvedimenti straordinari di cui sopra allorché siano dovuti a motivi di ordine pubblico e quando si riferiscano a comuni con popolazione superiore ai abitanti; 6) le altre attribuzioni demandate alla Provincia dal presente statuto o da altre leggi della Repubblica o della Regione; 7) l adozione, in caso di urgenza, di provvedimenti di competenza del consiglio da sottoporsi per la ratifica al Consiglio stesso nella sua prima seduta successiva. Nota all art. 1 - La scheda n. 1 Servizio legislativo dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, è la seguente: 1. Servizio legislativo 1. Cura l esame e la definitiva formulazione dei disegni di legge di iniziativa della Giunta provinciale. 2. Verifica la vigente legislazione provinciale e propone i necessari interventi di revisione normativa anche al fine della semplificazione e dell adeguamento ai processi di riforma dell amministrazione. 3. Elabora proposte per la razionalizzazione normativa delle funzioni provinciali nel rispetto del principio di sussidiarietà 3 bis. Fornisce supporto alle strutture provinciali per il recepimento normativo nell ordinamento provinciale degli atti normativi comunitari e per la verifica, ai fini del suo adeguamento, della legislazione provinciale rispetto alla normativa comunitaria 4. Fornisce le consulenze giuridico-interpretative richieste dalle strutture in ordine alla applicazione degli istituti di carattere generale previsti dalla legislazione provinciale anche in ordine ad eventuali atti di indirizzo sull applicazione dei medesimi istituti 5. Provvede alle attività di supporto alla Giunta provinciale per le decisioni da assumere in ordine ai profili di costituzionalità per quanto riguarda la legislazione statale, regionale e provinciale, nonché la lesione delle competenze provinciali nell esercizio di attività amministrative da parte di organi dello Stato o delle Regioni. Nota all art. 2 - La scheda n. 21 Servizio lavoro dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, è la seguente: 21. Servizio lavoro 1. Il servizio provvede alla trattazione degli affari di competenza della Provincia in materia di costituzione e funzionamento di commissioni comunali e provinciali per l assistenza e l orientamento dei lavoratori nel collocamento, di apprendistato, libretti di lavoro, categorie e qualifiche dei lavoratori; di costituzione e funzionamento di commissioni comunali e provinciali di controllo sul collocamento. Promuove iniziative per l integrazione delle disposizioni legislative dello Stato nella materia del collocamento e avviamento al lavoro. 2. Assicura le attività di segreteria della commissione provinciale per l impiego, fornendo altresì la documentazione dalla stessa richiesta, svolgendo l istruttoria degli atti e curando l esecuzione delle deliberazioni assunte. 3. Svolge le funzioni esercitate, secondo le leggi vigenti, dall ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, coordinando le attività previste dalle disposizioni dello Stato e della Provincia in materia di collocamento e di avviamento al lavoro. 4. Cura i rapporti con l Agenzia del lavoro e, per quanto di competenza, con gli enti locali e con il servizio addestramento e formazione professionale. 5. Svolge altresì le attività ed i compiti connessi all esercizio delle funzioni amministrative delegate alla Provincia in materia di vigilanza per l applicazione delle norme relative alla previdenza e alle assicurazioni sociali e di vigilanza e tutela del lavoro.

9 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom Organizza e svolge ogni altra attività concernente funzioni amministrative della Provincia in materia di lavoro, in quanto non espressamente attribuite dalla legge all Agenzia del lavoro o riservate ad altri organismi. 6 bis. Esercita funzioni di vigilanza ispettiva sullo svolgimento delle azioni a coofinanziamento del fondo sociale europeo. Nota all art. 3 - La scheda n. 31 Servizio opere igienico-sanitarie dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, è la seguente: 21. Servizio opere igienico-sanitarie Il servizio provvede agli adempimenti di ordine tecnico-amministrativo inerenti la costruzione, la sistemazione e la manutenzione degli impianti di depurazione degli scarichi di fognatura civili e dei collettori principali. Cura il controllo tecnico dei progetti concernenti lavori fognari, opere di acquedotto e opere cimiteriali di competenza degli enti soggetti a vigilanza e tutela della Giunta provinciale. Nota all art. 4 - La scheda n. 55 Servizio per le politiche di gestione dei rifiuti dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, è la seguente: 55 Servizio per le politiche di gestione dei rifiuti 1. Provvede alle attività di pianificazione e programmazione in materia di rifiuti, ivi compresi quelli speciali e pericolosi, salvo quanto specificatamente attribuito ad altre strutture. 2. Promuove e coordina le attività di natura intersettoriale ed interistituzionale concernenti la gestione dei rifiuti. 3. Elabora e sviluppa gli indirizzi in materia di informazione, promozione e sensibilizzazione della cittadinanza e dei soggetti comunque coinvolti nella gestione dei rifiuti. 4. Provvede inoltre alle attività di consulenza e vigilanza relative al controllo dell efficacia del sistema della raccolta differenziata su scala provinciale anche in relazione alle modalità di sfruttamento economico della stessa e vigilanza sullo stato di attuazione del piano provinciale di smaltimento dei rifiuti e relativi programmi. 5. Cura le attività di sviluppo e promozione del marchio per la riduzione e il recupero dei rifiuti. 5 bis. Provvede agli adempimenti tecnico-amministrativi inerenti la costruzione, la sistemazione, la manutenzione e bonifica degli impianti di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti di competenza provinciale, fatte salve le funzioni attribuite ad altre strutture provinciali. Nota all art. 5 - La scheda n. 59 Servizio utilizzazione delle acque pubbliche dell allegato C) della legge provinciale 29 aprile 1983, n. 12, è la seguente: 59 Servizio utilizzazione delle acque pubbliche 1. Il Servizio provvede alla trattazione degli affari in materia di utilizzazione delle acque pubbliche, curando gli adempimenti tecnico-amministrativi per le concessioni e le autorizzazioni di utilizzazione delle acque pubbliche. Supporta in particolare il competente Dipartimento, a mezzo dell apposito Ufficio, nelle attività di predisposizione del Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche e nelle attività di coordinamento intersettoriale e interistituzionale e nell interscambio dei dati afferenti le misurazioni i- drometriche, idrologiche, meteorologiche e climatologiche, curando altresì, a mezzo del medesimo Ufficio, la gestione e l attuazione del Piano generale sulla base delle direttive impartite dal Dipartimento stesso. 2. Provvede alle misurazioni idrometriche, idrologiche, meteorologiche, alle osservazioni climatologiche, glaciologiche ed alla tenuta del catasto dei ghiacciai. 3. Provvede alla pubblicazione degli annali idrologici nonché dei dati meteonivometrici, rilievi morfologici dei bacini imbriferi, delle acque superficiali e sotterranee. 4. Provvede inoltre, anche per conto dello Stato, all espletamento degli adempimenti attribuiti al servizio idrografico. 5. Provvede alla determinazione dei canoni relativi all utilizzo delle acque pubbliche e al controllo dell avvenuto pagamento.

10 10 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL [BO V010 R040 ] DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 28 giugno 2004, n. 148/1.4 Giochi proibiti IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA visto l articolo 11 della legge provinciale 14 dicembre 1988, n. 58, l articolo 9 della legge provinciale 13 maggio 1992, n. 13, gli articoli 86 e 110 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, nonché l articolo 20 dello Statuto speciale per il Trentino-Alto Adige, emana il seguente decreto [AM V010 R040 ] DEKRET DES LANDESHAUPTMANNS vom 28. Juni 2004, Nr. 148/1.4 Verbotene Spiele DER LANDESHAUPTMANN hat in Artikel 11 des Landesgesetzes vom 14. Dezember 1988, Nr. 58, in Artikel 9 des Landesgesetzes vom 13. Mai 1992, Nr. 13, in die Artikel 86 und 110 des Einheitstextes der Gesetze über die öffentliche Sicherheit, genehmigt mit königlichem Dekret vom 18. Juni 1931, Nr. 773, sowie in Artikel 20 des Sonderstatuts für Trentino-Südirol Einsicht genommen und erlässt folgendes Dekret Articolo 1 Giochi vietati (1) Sono vietati i giochi indicati nella tabella dei giochi proibiti, la quale con l allegato A costituisce parte integrante del presente decreto. (2) Gli apparecchi da gioco di cui all articolo 110, comma 6, regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, per i quali l Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato concede il nulla osta, possono essere installati negli esercizi pubblici, nelle sale giochi, nei punti di raccolta di scommesse e negli stabilimenti balneari. (3) La tabella dei giochi proibiti dev essere esposta, in modo ben visibile, solo nei locali ove vengono praticati giochi. Artikel 1 Verbotene Spiele (1) Verboten sind die Spiele, welche in der Tabelle der verbotenen Spiele angeführt sind, die als Beilage A Bestandteil dieses Dekretes bildet. (2) Die von Artikel 110, Absatz 6 des königlichen Dekretes vom 18. Juni 1931, Nr. 773, vorgesehenen Spielgeräte, für welche die Autonome Monopolverwaltung des Staates die Zulassungsbescheinigung erlässt, dürfen aufgestellt werden in: Gaststätten, Spielsälen, Wettannahmestellen und Badeanstalten. (3) Die Tabelle der verbotenen Spiele ist nur in jenen Lokalen gut sichtbar auszuhängen, wo Spiele betrieben werden. Articolo 2 Abrogazione (1) Il decreto del Presidente della Provincia 13 febbraio 2003, n. 23/1.4., è abrogato. Artikel 2 Aufhebung (1) Das Dekret des Landeshauptmanns vom 13. Februar 2003, Nr. 23/1.4, ist aufgehoben. Articolo 3 Entrata in vigore (1) Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA L. DURNWALDER Artikel 3 In-Kraft-Treten (1) Dieses Dekret tritt am Tag nach seiner Kundmachung im Amtsblatt der Region in Kraft. Jeder, dem es obliegt, ist verpflichtet, es zu befolgen und für seine Befolgung zu sorgen. DER LANDESHAUPTMANN L. DURNWALDER

11 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom Allegato A Anhang A Tabella dei giochi proibiti Tabelle der verbotenen Spiele Sono proibiti: i giochi d azzardo in genere, i giochi di scommessa, il gioco alle carte ed ai dadi per denaro, il gioco del poker con o senza video, i giochi del black-jack e roulette, gli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco che hanno insita la scommessa o che consentano vincite puramente aleatorie di un premio in denaro o in natura; sono ammessi gli apparecchi da gioco previsti dall art. 110 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, per i quali l Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato concede il nulla osta; gli apparecchi che congiungono la distribuzione di beni con vincite in denaro o in natura; gli apparecchi senza targhetta di identificazione sulla provenienza. Verboten sind: Glücksspiele im Allgemeinen, Wettspiele, Kartenspiele und Würfelspiele um Geld, Pokerspiel mit oder ohne Videogerät, die Spiele Black-Jack und Roulette, Automatische, halbautomatische und elektronische Spielgeräte und Vorrichtungen, welche im Spiel eine Wette verbergen oder den Gewinn eines Geld- oder Sachpreises rein zufällig machen. Zugelassen sind die Spielgeräte gemäß Art. 110 des Einheitstextes der Gesetze über die öffentliche Sicherheit, für welche die Autonome Monopolverwaltung des Staates die Zulassungsbescheinigung erlässt; Automaten, die mit der Warenausgabe den Gewinn eines Geld- oder Sachpreises verbinden; Spielgeräte ohne Erkennungsschild über die Herkunft. [BO S020 ] DECRETO ASSESSORILE 24 giugno 2004, n. 512/23.2 Integrazione della deliberazione provinciale n del e successive integrazioni «Rubrica provinciale dei fornitori di dispositivi protesici ai sensi dell art. 16 dei criteri sull assistenza protesica» [AM S020 ] DEKRET DES LANDESRATES vom 24. Juni 2004, Nr. 512/23.2 Ergänzung zum Beschluss der Landesregierung Nr vom , in geltender Fassung «Landesverzeichnis der Lieferfirmen von prothesischen Behelfen im Sinne des Art. 16 der Kriterien zur prothesischen Betreuung» L ASSESSORE ALLA SANITÀ E AL SERVIZIO SOCIALE DER LANDESRAT FÜR GESUNDHEITS- UND SOZIALWESEN omissis... decreta verordnet 1. di integrare l elenco di cui alla propria deliberazione n del pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 31 del e ulteriori integrazioni con l allegato elenco A che forma parte integrante del presente decreto; 2. di pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige. L ASSESSORE R. THEINER 1. das Verzeichnis gemäß eigenem Beschluss Nr vom , im Amtsblatt Nr. 31 vom veröffentlicht, in geltender Fassung, mit beiliegender Anlage A zu ergänzen; dieses Verzeichnis (Anlage A) ist integrierender Bestandteil dieses Dekretes; 2. dieses Dekret im Amtsblatt der Region Trentino- Südtirol zu veröffentlichen. DER LANDESRAT R. THEINER

12 12 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom RUBRICA PROVINCIALE DEI FORNITORI DI DISPOSITIVI PROTESICI CHE RICEVERANNO IL 100% DEL PREZZO PREVISTO PER I PRODOTTI DI CUI AL DM 332/99 LANDESVERZEICHNIS DER LIEFERFIRMEN VON PROTHESISCHEN BEHELFEN, DIE 100% DES PREISES LAUT ANLAGE 1 DES MD 332/99 BEKOMMEN FIRMA/DITTA ADRESSE INDIRIZZO CAP ORT CITTÀ TATIGKEIT/ATTIVITÀ Arte Ortopedica di/des Noto Francesco EUROCONTACT di/des Claudio Lanzieri Amba Alagistraße 28 Via Amba Alagi, Bozen Bolzano Orthopädisches Labor Laboratorio Ortopedico Magarottostraße 16 Via Magarotto, Padua Padova Augenprothesen protesi oculari [BO D020 ] DECRETO DEL DIRETTORE DI RIPARTIZIONE 2 luglio 2004, n. 81/19.0 Delega di funzioni amministrative al direttore dell Ufficio servizio lavoro omissis IL DIRETTORE DELLA RIPARTIZIONE LAVORO decreta 1. di delegare al direttore dell Ufficio servizio lavoro la competenza alla firma delle convenzioni con le aziende relative ai tirocini formativi e di orientamento nonché ai tirocini estivi. 2. Il proprio decreto del 22 giugno 1999, n. 58/19.0 è revocato. 3. Il presente decreto sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione. IL DIRETTORE DELLA RIPARTIZIONE H. SINN [AM D020 ] DEKRET DES ABTEILUNGSDIREKTORS vom 2. Juli 2004, Nr. 81/19.0 Übertragung von Verwaltungsbefugnissen an den Direktor des Arbeitsservice verfügt DER DIREKTOR DER ABTEILUNG ARBEIT 1. Dem Direktor des Arbeitsservice wird die Befugnis zur Unterschrift der Vereinbarungen mit den Betrieben über die Ausbildungs- und Orientierungspraktika, sowie der Sommerpraktika, delegiert. 2. Das eigene Dekret vom 22. Juni 1999, Nr. 58/19.0 ist widerrufen. 3. Dieses Dekret wird im Amtsblatt der Region veröffentlicht. DER ABTEILUNGSDIREKTOR H. SINN [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE DI AGENZIA 18 maggio 2004, n. 289/29.6 Copertura superficiale e ripristino ambientale di una discarica per rifiuti controllata - discarica per rifiuti «Teodone» di Brunico IL DIRETTORE DELL AGENZIA PROVINCIALE PER L AMBIENTE [AM R060 ] DEKRET DES AGENTURDIREKTORS vom 18. Mai 2004, Nr. 289/29.6 Oberflächenabdichtung und Rekultivierung einer geordneten Abfalldeponie - Abfalldeponie «Dietenheim» Bruneck DER DIREKTOR DER ANGENTUR FÜR UMWELT omissis... conferma l avvenuto risanamento e la chiusura della vecchia parte della ex-discarica per rifiuti Teodone nel Comune di Brunico bestätigt Die erfolgte Sanierung und Schließung des alten Teiles der ehemaligen Abfalldeponie Dietenheim in der Gemeinde Bruneck

13 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom e und autorizza con numero d autorizzazione: 2217 la chiusura della vecchia parte della ex-discarica per rifiuti Teodone nel Comune di Brunico con le seguenti prescrizioni: 1. Il responsabile per le misure post-esercizio da adottare alla risanata vecchia parte della exdiscarica Teodone è la Comunità Comprensoriale Valle Pusteria, con sede in Brunico, Via Dante 2; 2. La durata del periodo post-esercizio è stabilita in 5 anni dopo l avvenuta chiusura della discarica. Prima della scadenza del periodo di post-esercizio il responsabile deve richiedere al competente ufficio gestione rifiuti il rilascio dagli obblighi del post-esercizio. In base alle necessità l ente competente può dichiarare terminato oppure prolungare il periodo di post-esercizio. 3. Sono da apportare misure atte a garantire la continuità nel tempo e la funzionalità degli impianti per l abbattimento degli odori. 4. Tutti i danni che si potranno verificare nel corso degli anni a causa di cedimenti ecc. alla copertura superficiale, sono da riparare in conformità a misure adatte e corrispondenti allo stato della tecnica. IL DIRETTORE DELL AGENZIA W. HUBER ermächtigt mit Ermächtigungsnummer: 2217, die Schließung des alten Teiles der ehemaligen Abfalldeponie Dietenheim in der Gemeinde Bruneck mit folgenden Vorschriften: 1. Der Verantwortliche für die am sanierten alten Teil der ehemaligen Abfalldeponie Dietenheim durchzuführenden Nachsorgemaßnahmen ist die Bezirksgemeinschaft Pustertal mit Sitz in Bruneck, Dantestraße Die Dauer des Nachsorgezeitraumes ist mit 5 Jahren ab erfolgter Schließung der Deponie festgelegt. Vor Ablauf des Nachsorgezeitraumes muss der Verantwortliche beim zuständigen Landesamt für Abfallwirtschaft um die Entlassung aus der Nachsorge anzusuchen. Je nach Notwendigkeit kann die zuständige Behörde die Nachsorge der Deponie für beendet erklären bzw. diese verlängern. 3. Es sind Maßnahmen zu treffen, um den Fortbestand und die Funktionalität der Einrichtungen für die Minimierung der Geruchsemissionen gewährleisten zu können. 4. Sämtliche Schäden an der Oberflächenabdichtung, die sich infolge von Setzungen und dgl. im Laufe der Jahre ergeben könnten, sind durch geeignete und dem Stand der Technik entsprechenden Maßnahmen zu sanieren. DER AGENTURDIREKTOR W. HUBER [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE DI AGENZIA 21 giugno 2004, n. 392/29.6 Copertura superficiale e ripristino ambientale di una discarica per rifiuti, controllata - discarica per rifiuti «Klingelschmied» di Castelrotto, località Pontives/Val Gardena IL DIRETTORE DELL AGENZIA PROVINCIALE PER L AMBIENTE omissis conferma l avvenuto risanamento di una parte (A=ca m2) della discarica per rifiuti Klingelschmied nel Comune di Castelrotto, località Pontives/Val Gardena [AM R060 ] DEKRET DES AGENTURDIREKTORS vom 21. Juni 2004, Nr. 392/29.6 Oberflächenabdichtung und Rekultivierung einer geordneten Abfalldeponie - Abfalldeponie «Klingelschmied» Kastelruth, Örtlichkeit Pontives/Gröden DER DIREKTOR DER ANGENTUR FÜR UMWELT bestätigt die erfolgte Sanierung eines Teiles (A=ca m2) der Abfalldeponie Klingelschmied in der Gemeinde Kastelruth, Örtlichkeit Pontives/Gröden e und autorizza ermächtigt

14 14 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom con numero d autorizzazione: 2214, la chiusura di una parte (A=ca m2) della discarica per rifiuti Klingelschmied nel Comune di Castelrotto, località Pontives/Val Gardena con le seguanti prescrizioni: 1. Il responsabile per le misure post-esercizio da adottare alla parte risanata della discarica Klingelschmied è il Centro Tutela Ambiente Gardena-Castelrotto Srl con sede in Pontives, Ortisei. 2. La durata del periodo post-esercizio è stabilita in 5 anni dopo l avvenuta chiusura della discarica. Prima della scadenza del periodo di post-esercizio il responsabile deve richiedere al competente Ufficio gestione rifiuti il rilascio dagli obblighi del post-esercizio. In base alle necessità l ente competente può dichiarare terminato oppure prolungare il periodo di post-esercizio. 3. Sono da apportare misure atte a garantire la continuità nel tempo e la funzionalità degli impianti per l abbattimento degli odori. 4. Tutti i danni che si potranno verificare nel corso degli anni a causa di cedimenti ecc. alla copertura superficiale, sono da riparare in conformità a misure adatte e corrispondenti allo stato della tecnica. 5. Per garantire un adeguato abbattimento delle sostanze odorigene, il letto del biofiltro dovrà essere sostituito come minimo ogni 2 anni. IL DIRETTORE DELL AGENZIA W. HUBER mit Ermächtigungsnummer: 2214, die Schließung eines Teiles (A=ca m2) der Abfalldeponie Klingelschmied in der Gemeinde Kastelruth, Örtlichkeit Pontives/Gröden mit folgenden Vorschriften: 1. Der Verantwortliche für die am sanierten Teil der Abfalldeponie Klingelschmied durchzuführenden Nachsorgemaßnahmen ist das Umweltschutzzentrum Gröden-Kastelruth GmbH mit Sitz in Pontives, St. Ulrich. 2. Die Dauer des Nachsorgezeitraumes ist mit 5 Jahren ab erfolgter Schließung der Deponie festgelegt. Vor Ablauf des Nachsorgezeitraumes muss der Verantwortliche beim zuständigen Landesamt für Abfallwirtschaft um die Entlassung aus der Nachsorge anzusuchen. Je nach Notwendigkeit kann die zuständige Behörde die Nachsorge der Deponie für beendet erklären bzw. diese verlängern. 3. Es sind Maßnahmen zu treffen, um den Fortbestand und die Funktionalität der Einrichtungen für die Minimierung der Geruchsemissionen gewährleisten zu können. 4. Sämtliche Schäden an der Oberflächenabdichtung, die sich infolge von Setzungen und dgl. im Laufe der Jahre ergeben könnten, sind durch geeignete und dem Stand der Technik entsprechenden Maßnahmen zu sanieren. 5. Um einen ausreichenden Abscheidegrad der Geruchsemissionen zu gewähren, muss die Füllung des Biofilters (Kompostfilters) mindestens alle 2 Jahre erneuert werden. DER AGENTURDIREKTOR W. HUBER [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE D UFFICIO 22 giugno 2004, n. 402/29.6 Deposito preliminare (D15) e messa in riserva (R13) per conto terzi di rifiuti urbani, rifiuti speciali pericolosi e non - centro di riciclaggio del Comune di Anterivo, Anterivo (BZ) IL DIRETTORE D UFFICIO GESTIONI RIFIUTI [AM R060 ] DEKRET DES AMTSDIREKTORS vom 22. Juni 2004, Nr. 402/29.6 Zwischenlagerung (D15) und Ansammlung (R13) für Dritte von Hausmüll, gefährlichen und nicht gefährlichen Sonderabfällen - Recyclinghof der Gemeinde Altrei, Altrei (BZ) DER AMTSDIREKTOR FÜR ABFALLWIRTSCHAFT omissis... autorizza il Comune di Anterivo con sede legale in Anterivo (BZ), Piazza del Municipio 1, fino al , con numero d autorizzazione: 2221, ad effettuare deposito preliminare (D15) e messa in riserva (R13) per conto terzi dei sottoelencati tipi di rifiuti: Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: pitture e vernici di scarto, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose ermächtigt die Gemeinde Altrei mit rechtlichem Sitz in Altrei (BZ), Rathausplatz 1, bis , mit Ermächtigungsnummer: 2221, zur Zwischenlagerung (D15) und Ansammlung (R13) für Dritte der unten angeführten Abfallarten: Abfallkodex: Abfallart: Farb - und Lackabfälle, die organische Lösemittel oder andere gefährliche Stoffe enthalten

15 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: pitture di scarto e vernici diverse da quelle di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: residui di vernici o di sverniciatori Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: toner per stampa esauriti, contenenti sostanze pericolose Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: toner per stampa esauriti, diversi da quelli di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: oli dispersi Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: oli minerali per circuiti idraulici, clorurati Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: scarti di olio minerale per motori, ingranaggi e lubrificazione, non clorurati Abfallkodex: Abfallart: Farb- und Lackabfälle mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: Farb- oder Lackentfernerabfälle Abfallkodex: Abfallart: Tonerabfälle, die gefährliche Stoffe enthalten Abfallkodex: Abfallart: Tonerabfälle mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: Dispersionsöl Abfallkodex: Abfallart: chlorierte Hydrauliköle auf Mineralölbasis Abfallkodex: Abfallart: nichtchlorierte Maschinen-, Getriebe- und Schmieröle auf Mineralölbasis Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: scarti di olio sintetico per motori, ingranaggi e lubrificazione Abfallkodex: Abfallart: synthetische Maschinen-, Getriebe- Schmieröle und Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: olio per motori, ingranaggi e lubrificazione, facilmente biodegradabile Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: altri oli per motori, ingranaggi e lubrificazione Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: oli prodotti dalla separazione olio/acqua Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: olio combustibile e carburante diesel Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: petrolio Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: altri carburanti (comprese le miscele) Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: altre emulsioni Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: rifiuti non specificati altrimenti Abfallkodex: Abfallart: biologisch leicht abbaubare Maschinen-, Getriebe- und Schmieröle Abfallkodex: Abfallart: andere Maschinen-, Getriebe- und Schmieröle Abfallkodex: Abfallart: Öle aus Öl-/Wasserabscheidern Abfallkodex: Abfallart: Heizöl und Diesel Abfallkodex: Abfallart: Benzin Abfallkodex: Abfallart: andere Brennstoffe (einschließlich Gemische) Abfallkodex: Abfallart: andere Emulsionen Abfallkodex: Abfallart: Abfälle a. n. g.

16 16 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: imballaggi in carta e cartone Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: imballaggi in plastica Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: imballaggi metallici Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: imballaggi in materiali misti Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: imballaggi in vetro Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali sostanze Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: imballaggi metallici contenenti matrici solide porose pericolose (ad esempio amianto), compresi i contenitori a pressione vuoti Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: assorbenti, materiali filtranti (inclusi filtri dell olio non specificati altrimenti), stracci e indumenti protettivi, contaminati da sostanze pericolose Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: pneumatici fuori uso Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: filtri dell olio Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: componenti contenenti mercurio Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: componenti esplosivi (ad esempio "air bag") Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: pastiglie per freni, contenenti amianto Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: pastiglie per freni, diverse da quelle di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: serbatoi per gas liquido Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: metalli ferrosi Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: metalli non ferrosi Abfallkodex: Abfallart: Verpackungen aus Papier und Pappe Abfallkodex: Abfallart: Verpackungen aus Kunststoff Abfallkodex: Abfallart: Verpackungen aus Metall Abfallkodex: Abfallart: gemischte Verpackungen Abfallkodex: Abfallart: Verpackungen aus Glas Abfallkodex: Abfallart: Verpackungen, die Rückstände gefährlicher Stoffe enthalten oder durch gefährliche Stoffe verunreinigt sind Abfallkodex: Abfallart: Verpackungen aus Metall, die eine gefährliche feste poröse Matrix (z. B. Asbest) enthalten, einschließlich geleerter Druckbehältnisse Abfallkodex: Abfallart: Aufsaug- und Filtermaterialien (einschließlich Ölfilter a. n. g.), Wischtücher und Schutzkleidung, die durch gefährliche Stoffe verunreinigt sind Abfallkodex: Abfallart: Altreifen Abfallkodex: Abfallart: Ölfilter Abfallkodex: Abfallart: quecksilberhaltige Bestandteile Abfallkodex: Abfallart: explosive Bauteile (z. B. aus Airbags) Abfallkodex: Abfallart: asbesthaltige Bremsbeläge Abfallkodex: Abfallart: Bremsbeläge mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: Flüssiggasbehälter Abfallkodex: Abfallart: Eisenmetalle Abfallkodex: Abfallart: Nichteisenmetalle

17 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: plastica Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: vetro Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: componenti pericolosi diversi da quelli di cui alle voci da a , e Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: rifiuti non specificati altrimenti Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: gas in contenitori a pressione (compresi gli halon), contenenti sostanze pericolose Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: gas in contenitori a pressione, diversi da quelli di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: batterie al piombo Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: altre batterie e accumulatori Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: mattonelle e ceramiche Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, diverse da quelle di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: rifiuti di metalli non ferrosi Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: metalli non ferrosi Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: vetro Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, contenenti sostanze pericolose Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli di cui alla voce Abfallkodex: Abfallart: Kunststoffe Abfallkodex: Abfallart: Glas Abfallkodex: Abfallart: gefährliche Bauteile mit Ausnahme derjenigen, die unter bis , und fallen Abfallkodex: Abfallart: Abfälle a. n. g. Abfallkodex: Abfallart: gefährliche Stoffe enthaltende Gase in Druckbehältern (einschließlich Halonen) Abfallkodex: Abfallart: Gase in Druckbehältern mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: Bleibatterien Abfallkodex: Abfallart: andere Batterien und Akkumulatoren Abfallkodex: Abfallart: Fliesen, Ziegel und Keramik Abfallkodex: Abfallart: Gemische aus Beton, Ziegeln, Fliesen und Keramik mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: Boden und Steine mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: NE-Metall-Abfälle Abfallkodex: Abfallart: Nichteisenmetalle Abfallkodex: Abfallart: Glas Abfallkodex: Abfallart: sonstige Abfälle (einschließlich Materialmischungen) aus der mechanischen Behandlung von Abfällen, die gefährliche Stoffe enthalten Abfallkodex: Abfallart: sonstige Abfälle (einschließlich Materialmischungen) aus der mechanischen Behandlung von Abfällen mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen

18 18 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: carta e cartone Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: vetro Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: rifiuti biodegradabili di cucine e mense Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: solventi Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: acidi Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: sostanze alcaline Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: pesticidi Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: oli e grassi alimentari Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: oli e grassi diversi da quelli di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: vernici, inchiostri, adesivi e resine contenenti sostanze pericolose Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: vernici, inchiostri, adesivi e resine diversi da quelli di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: detergenti contenenti sostanze pericolose Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: detergenti diversi da quelli di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: medicinali citotossici e citostatici Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: medicinali diversi da quelli di cui alla voce Abfallkodex: Abfallart: Papier und Pappe/Karton Abfallkodex: Abfallart: Glas Abfallkodex: Abfallart: biologisch abbaubare Küchen- und Kantinenabfälle Abfallkodex: Abfallart: Lösemittel Abfallkodex: Abfallart: Säuren Abfallkodex: Abfallart: Laugen Abfallkodex: Abfallart: Pestizide Abfallkodex: Abfallart: Leuchtstoffröhren und andere quecksilberhaltige Abfälle Abfallkodex: Abfallart: gebrauchte Geräte, die Fluorchlorkohlenwasserstoffe enthalten Abfallkodex: Abfallart: Speiseöle und -fette Abfallkodex: Abfallart: Öle und Fette mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: Farben, Druckfarben, Klebstoffe und Kunstharze, die gefährliche Stoffe enthalten Abfallkodex: Abfallart: Farben, Druckfarben, Klebstoffe und Kunstharze mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: Reinigungsmittel, die gefährliche Stoffe enthalten Abfallkodex: Abfallart: Reinigungsmittel mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: zytotoxische und zytostatische Arzneimittel Abfallkodex: Abfallart: Arzneimittel mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen

19 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: batterie e accumulatori di cui alle voci , o nonché batterie e accumulatori non suddivisi contenenti tali batterie Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: batterie e accumulatori diversi da quelli di cui alla voce Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, diverse da quelle di cui alle voci e , contenenti componenti pericolose Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso, diverse da quelle di cui ai punti , e Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: plastica Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: metallo Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: rifiuti urbani non differenziati Codice di rifiuto: Tipologia di rifiuto: rifiuti ingombranti Abfallkodex: Abfallart: Batterien und Akkumulatoren, die unter , oder fallen, sowie gemischte Batterien und Akkumulatoren, die solche Batterien enthalten Abfallkodex: Abfallart: Batterien und Akkumulatoren mit Ausnahme derjenigen, die unter fallen Abfallkodex: Abfallart: gebrauchte elektrische und elektronische Geräte, die gefährliche Bauteile enthalten, mit Ausnahme derjenigen, die unter und fallen Abfallkodex: Abfallart: gebrauchte elektrische und elektronische Geräte mit Ausnahme derjenigen, die unter , und Abfallkodex: Abfallart: Kunststoffe Abfallkodex: Abfallart: Metalle Abfallkodex: Abfallart: gemischte Siedlungsabfälle Abfallkodex: Abfallart: Sperrmüll Sede di stoccaggio: centro di riciclaggio del Comune di Anterivo 1. I recipienti fissi e mobili devono essere dislocati come indicato nel progetto approvato con parere favorevole dell Ufficio VIA prot. n del Le disposizioni del regolamento del centro di riciclaggio del Comune di Anterivo devono essere rispettate. 3. È vietata l accettazione presso il centro di riciclaggio di rifiuti solidi urbani. 4. Le operazioni relative allo stoccaggio provvisorio di rifiuti dovranno avvenire con modalità tali da evitare spandimenti e pericoli per l incolumità degli addetti e della popolazione nonché per l ambiente, e comunque dev essere rispettato il punto 4.1. della deliberazione 27 luglio 1984 del Comitato Interministeriale. 5. Allo scopo di rendere nota, durante lo stoccaggio provvisorio, la materia e la pericolosità dei rifiuti devono essere posti presso l area di stoccaggio dei contrassegni ben visibili. 6. La fase di stoccaggio definitivo, del trattamento e del recupero dei rifiuti stoccati provvisoriamente dovrà avvenire in discariche o impianti autoriz- Ort der Zwischenlagerung: Recyclinghof der Gemeinde Altrei 1. Die standortgebundenen und die beweglichen Behälter müssen entsprechend den mit Gutachten des Amtes für UVP Prot. Nr vom genehmigten Projekt aufgestellt werden. 2. Die Bestimmungen der Betriebsordnung des Recyclinghofes der Gemeinde Altrei, müssen eingehalten werden. 3. Die Annahme von Restmüll am Recyclinghof ist verboten. 4. Die Zwischenlagerung der Abfälle hat in einer Weise zu erfolgen, dass sie nicht in die Umwelt gelangen und dass keine Gefahr für die Beschäftigten und die Bevölkerung sowie für die Umwelt entsteht. Weiters muss Punkt 4.1. des Beschlusses des interministeriellen Komitees vom 27. Juli 1984 eingehalten werden. 5. Der Lagerplatz muss mit Schildern oder Aufschriften versehen werden, die auf die Art und Gefährlichkeit der Abfallstoffe hinweisen. 6. Die endgültige Lagerung, die Behandlung und die Verwertung der vorübergehend gelagerten Abfälle hat in ermächtigten Deponien bzw. Anlagen

20 20 Bollettino Ufficiale n. 29/I-II del Amtsblatt Nr. 29/I-II vom zati. Prima che i rifiuti vengano consegnati a terzi per lo smaltimento o il recupero, il responsabile deve accertare che i ricevitori siano muniti delle autorizzazioni secondo le normative vigenti. 7. In conformità all articolo 12 del testo aggiornato del decreto legislativo n. 22 del 5 febbraio 1997 deve essere tenuto un apposito registro di carico e scarico. Le annotazioni devono essere effettuate entro 24 ore. 8. Il richiedente ha l obbligo di trasmettere alla CCIAA competente per territorio entro il 30 di aprile di ogni anno il MUD ai sensi dell art. 6 della legge n. 70 del Si fa osservare che con delibera della Giunta provinciale n. 1307/91 del è stato vietato in assenza di specifiche autorizzazioni, da rilasciare a seguito di formali accordi con altre Regioni o Province, il conferimento e lo stoccaggio di rifiuti di qualsiasi genere provenienti da territori extraprovinciali, all interno del territorio della Provincia di Bolzano. 10. Il presente provvedimento è soggetto a sospensione, previa diffida, per un periodo massimo di dodici mesi, ove risulti l inosservanza delle prescrizioni ivi contenute, la pericolosità o dannosità dell attività esercitata o nei casi di accertata violazione di legge o delle normative tecniche. Decorso tale termine senza che il richiedente abbia osservato le prescrizioni del presente atto, il provvedimento stesso viene revocato. Il presente decreto sostituisce il decreto n. 569 del IL DIRETTORE D UFFICIO G. ANGELUCCI zu erfolgen. Bevor die Abfälle zur Entsorgung oder zur Verwertung an Dritte abgegeben werden, muss der Verantwortliche feststellen, ob die Empfänger die Ermächtigungen laut geltender Bestimmungen besitzen. 7. Gemäß Artikel 12 Buchstabe d) des aktualisierten Textes des Legislativdekretes Nr. 22 vom 5. Februar 1997 muss ein eigenes Eingangs- und Ausgangsregister geführt werden, Die Eintragungen müssen innerhalb von 24 Stunden erfolgen. 8. Der Antragsteller hat die Pflicht, der zuständigen Handelskammer innerhalb 30. April des nachfolgenden Jahres den Einheitsdruck für die Erklärung im Umweltbereich gemäß Art. 6 des Gesetzes Nr. 70 vom einzureichen. 9. Es wird darauf hingewiesen, dass mit Beschluss der Landesregierung Nr. 1307/91 vom beschlossen wurde, ohne besondere Ermächtigung, die aufgrund von formalen Abkommen mit anderen Regionen oder Provinzen ausgestellt werden, die Ablieferung und Lagerung von Abfällen jedwelcher Art, die von außerhalb des Landes kommen, auf dem Gebiet der Autonomen Provinz Bozen zu verbieten. 10. Gegenständliche Maßnahme wird nach Verwarnung zeitweilig für höchstens zwölf Monaten aufgehoben, sofern die vorgesehenen Vorschriften nicht beachtet werden, die ausgeübte Tätigkeit als gefährlich oder schädlich befunden wird oder ein Verstoß gegen die einschlägigen Gesetze oder gegen die technischen Auflagen vorliegt. Falls der Antragsteller nach Ablauf dieser Frist die Auflagen des Dekretes noch immer nicht einhält, wird die Ermächtigung widerrufen. Das gegenwärtige Dekret ersetzt das Dekret Nr. 569 vom DER AMTSDIREKTOR G. ANGELUCCI [BO R060 ] DECRETO DEL DIRETTORE D UFFICIO 22 giugno 2004, n. 408/29.6 Deposito preliminare (D15) e messa in riserva (R13) per conto terzi di rifiuti urbani, rifiuti speciali pericolosi e non - centro di riciclaggio di Bressanone, Bressanone (BZ) IL DIRETTORE D UFFICIO GESTIONI RIFIUTI [AM R060 ] DEKRET DES AMTSDIREKTORS vom 22. Juni 2004, Nr. 408/29.6 Zwischenlagerung (D15) und Ansammlung (R13) für Dritte von Hausmüll, gefährlichen und nicht gefährlichen Sonderabfällen - Recyclinghof Brixen, Brixen (BZ) DER AMTSDIREKTOR FÜR ABFALLWIRTSCHAFT omissis... autorizza L Azienda servizi municipalizzati Bressanone con sede legale in Bressanone (BZ), Via A. Ammon 24, fino al , con numero d autorizzazione: 2224, ad ermächtigt Die Stadtwerke Brixen mit rechtlichem Sitz in Brixen (BZ), A.-Ammon-Str. 24, bis , mit Ermächtigungsnummer: 2224, zur Zwischenlagerung (D15)

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006

Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Allegati alla parte IV del D. Lgs 152/2006 Categorie di rifiuti Allegato A Q1 Residui di produzione o di consumo in appresso non specificati Q2 Prodotti fuori norma Q3 Prodotti scaduti Q4 Sostanze accidentalmente

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141)

LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) LEGGE 10 maggio 1976, n. 319 (*) «Norme per la tutela delle acque dall inquinamento». (1) (G.U. 29 maggio 1976, n. 141) Titolo I FINALITÀ DELLA LEGGE E COMPITI DELLO STATO Art. 1. La presente legge ha

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

n. 77 del 16 Dicembre 2011 REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania

n. 77 del 16 Dicembre 2011 REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l'articolo

Dettagli

Il lavoro: garanzia del futuro

Il lavoro: garanzia del futuro Pubblicazione semestrale a cura della UIL-SGK - Unione Italiana del Lavoro Südtiroler Gewerkschaftskammer Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

I - PRINCIPI GENERALI

I - PRINCIPI GENERALI D.Lgs. 17 agosto 1999, n. 334 Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose (G.U. 28.09.1999, n. 228, s. o)

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Gli interventi per la non autosufficienza

Gli interventi per la non autosufficienza I.P. 06 Gli interventi per la non autosufficienza L Alto Adige che mi aiuta Due anni di legge provinciale - Un primo bilancio AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 24 - Familie und Sozialwesen PROVINCIA

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

ITALIA IN MUSICA. Istituzioni:

ITALIA IN MUSICA. Istituzioni: Rassegna Stampa ITALIA IN MUSICA Il concerto Italia in Musica ha ottenuto un forte impatto mediatico. Gli articoli usciti sui vari giornali e le altre attività mediatiche hanno un valore complessivo di

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento ordinario n. 160 al Bollettino Ufficiale n. 32 del 27 agosto 2011 Poste Italiane S.p.A. - Spediz. in abb. postale 70% - DCR Roma REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

1. Situazione generale dell azienda. 1.1 Attività principale e soci

1. Situazione generale dell azienda. 1.1 Attività principale e soci Informatica Alto Adige S.p.A. - Bolzano (BZ) Capitale sociale 5.000.000,00 interamente versato Iscritta al Registro delle imprese di Bolzano al n. 01468500218 Relazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 SOMMARIO Art. 1, comma 1 Modifiche all articolo 13 della legge regionale 14 luglio 2008, n. 10 (Disposizioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

Procedura di registrazione

Procedura di registrazione Agentur für die Verfahren und die Aufsicht im Bereich öffentliche Bau-, Dienstleistungs- und Lieferaufträge Agenzia per i procedimenti e la vigilanza in materia di contratti pubblici di lavoro, servizi

Dettagli