PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI 9^ SETTORE CULTURA TURISMO SPORT E POLITICHE SOCIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI 9^ SETTORE CULTURA TURISMO SPORT E POLITICHE SOCIALI"

Transcript

1 P.O. FESR Linea 4.2. azione lett. F Provincia Barletta Andria Trani Regione Puglia Investiamo per il futuro (art. 9 Reg. CE n. 1828/2006) PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI 9^ SETTORE CULTURA TURISMO SPORT E POLITICHE SOCIALI Capitolato Il presente Capitolato contiene l oggetto e la descrizione della gara per l'aggiudicazione del servizio di digitalizzazione dei libri antichi, rari e di pregio, di periodici, cartografie e stampe delle biblioteche del polo SBN della Provincia BAT, riferito alla Misura 3 del Programma Operativo FESR Puglia Asse IV Linea di intervento 4.2, Azione 4.2.1, lett. F Riqualificazione e valorizzazione del Sistema delle Biblioteche. 1

2 cüéä Çv t UtÜÄxààt TÇwÜ t gütç Settore Cultura Sport Turismo e Politiche Sociali PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIGITALIZZAZIONE DI LIBRI ANTICHI, RARI E DI PREGIO, DI PERIODICI, CARTOGRAFIE E STAMPE DELLE BIBLIOTECHE DEL POLO SBN DELLA PROVINCIA BARLETTA ANDRIA TRANI. CIG : E CAPITOLATO PREMESSA La Provincia di Barletta Andria Trani, intende esperire la gara di cui al presente capitolato al fine di affidare il servizio di digitalizzazione di libri antichi, rari e di pregio, di periodici, cartografie e stampati delle biblioteche aderenti al Polo. Il Progetto ha come finalità la realizzazione di collezioni digitali le cui risorse digitali e metadati dovranno rispettare gli standard definiti dall ICCU, come di seguito indicto per essere acquisiti nella MagTeca dell ICCU e messi a disposizione degli utenti della rete attraverso il portale delle biblioteche italiane dedicato al digitale: Di conseguenza tutta l attività verrà sottoposta a controlli di qualità da parte dell ICCU al fine del buon esito per una corretta visualizzazione dei dati nella rete. Art. 1 OGGETTO Il presente intervento comprende le seguenti attività: 1) la scansione ottica; 2) l indicizzazione delle immagini ottenute; 3) predisposizione e consegna del prodotto finale, per circa scansioni digitali di documenti cartacei posseduti da parte delle biblioteche aderenti al POLO SBN della Provincia BAT come successivamente specificato. La fornitura dei servizi richiesti deve essere rispondente ai requisiti indicati nel presente Capitolato. In particolare l intervento riguarderà le seguenti tipologie di materiale documentario: - n pagine circa relativi a volumi antichi ante 1930, stampe e manifesti; - n pagine circa di periodici editi fino al 1950; conservati presso le seguenti biblioteche, così come appresso specificato: 2

3 Biblioteca Pagine Libro Antico, stampe e manifesti Periodici editi fino al 1950 Trani Andria San Ferdinando di Puglia TOTALE Art. 2 IMPORTO A BASE D ASTA L importo a base d asta per il servizio in oggetto è di ,00 IVA esclusa; Art. 3 DESCRIZIONE DEL LAVORO L intero intervento sarà coordinato dal referente indicato dalla Provincia Barletta Andria Trani, d intesa con il referente dell ICCU. In fase operativa saranno analizzati i singoli fondi bibliografici da digitalizzare e saranno concordate con gli operatori eventuali ulteriori specifiche tecniche, in relazione alle caratteristiche e alle peculiarità del materiale da trattare. 3.1 Digitalizzazione per scansione ottica dei documenti Il lavoro di scansione sarà effettuato presso le Biblioteche indicate in tabella art. 4 del presente Capitolato, in orario da concordare e comunque all interno del normale orario d ufficio. Le successive opzioni di raffinamento delle immagini potranno essere svolte in altra sede idonea. La consegna e ricollocazione dei materiali originali sarà a cura della Bivlioteca. Per tutte le altre attività di impostazione, verifica e controllo, il Capo progetto dell Impresa aggiudicataria farà riferimento ai responsabili delle Biblioteche. Sarà compito dell Impresa aggiudicataria fornire il personale e installare sia gli scanner sia le relative unità di controllo (Computer, memorie di massa, periferiche di backup, gruppi di continuità). Modalità di ripresa La scansione ottica dovrà essere effettuata con attrezzatura appropriata e nel luogo indicato, nel pieno rispetto della normativa vigente in tema di sicurezza del lavoro. La Provincia di Barletta Andria Trani e le Biblioteche indicate nella tabella all art. 4, sono esenti da ogni responsabilità per danni a persone e/o cose provocati durante le operazioni di digitalizzazione. Per l effetto, l Impresa aggiudicataria o gli individui addetti ai lavori assumono la piena responsabilità di danni a persone,opere e/o cose conseguenti alle attività svolte nei locali delle Biblioteche. 3

4 4 In sede di realizzazione del prototipo di cui al successivo paragrafo Controlli della qualità, alla Società aggiudicataria sarà fornito da ciascuna Biblioteca un documento contenente l elenco delle pagine dei volumi, ecc, periodici da digitalizzare con annesse le modalità di identificazione dei singoli file/immagine, come in seguito specificato al paragrafo Identificazione delle immagini nelle memorie di massa. Tenendo conto del pregio e della delicatezza degli originali, le modalità di ripresa (apertura dei volumi, illuminazione, manipolazione) dovranno essere tali da non arrecare loro danno, e a tal fine il responsabile delle procedure verificherà con l impresa per ciascun volume, il posizionamento, l apertura e la possibilità di ripresa a pagina singola o - ove richiesto - a doppia pagina. Al fine di garantire sia la piena salvaguardia dei documenti originali che un elevato volume di immagini digitalizzate al giorno, per singola postazione, sono richieste obbligatoriamente soluzioni tecniche in grado di ottimizzare e velocizzare i processi di acquisizione. Dovranno inoltre essere messe in atto tutte le necessarie operazioni (utilizzo di connessioni proprietarie ad alta velocità, ecc.) per minimizzare il tempo di trasferimento dei dati dalle periferiche di acquisizione verso l hardware di controllo e le periferiche di memorizzazione. Le immagini saranno acquisite appoggiando i piatti della legatura su una superficie idonea e rivolgendo verso l alto la superficie da riprodurre. Si avrà cura nello sfogliare le pagine e non sarà esercitata alcuna pressione sul documento, in particolare sui dorsi delle legature. Durante tutte le operazioni connesse alla digitalizzazione il personale addetto dovrà indossare appositi guanti di cotone. La riproduzione deve avvenire con l utilizzo di lampade a luce fredda (standard minimo: 5400 Kelvin), prive di componente ultravioletta. Si esclude l utilizzo di scanner piatti, a piano fisso, o che prevedano l esercizio di pressione sui volumi. Qualora il volume presenti un dorso piuttosto alto devono essere usati altri strumenti di ripresa digitale del dorso e dei tagli superiore e inferiore dei piatti. Scansione ottica dei documenti Verrà prodotto un file immagine (oggetto digitale) per ciascuna scansione relativa a: ciascun verso e recto delle carte. Vanno escluse dalla scansione le carte bianche consecutive quando superiori a una carta; carte di guardia contenenti antiche segnature e altri elementi; elementi della legatura: piatti, dorso, tagli, (mostrando capitelli, fermagli, borchie, cantonali); scala cromatica sarà posizionata una sola volta su carta originale non significativa di ciascun volume, la carta da scansionare sarà concordata con il responsabile del progetto; scala millimetrica sarà posizionata una sola volta su carta originale di ciascun volume e nel caso di spogli, su ciascuno spoglio una sola volta, la carta da scansionare sarà concordata con il responsabile del progetto. La scala millimetrica sarà posizionata esternamente alla carta e lungo il bordo inferiore con lo zero allineato al bordo verticale della carta, il righello sarà lungo almeno quanto la carta da riprendere; le carte saranno riprese in modo naturale, includendo i margini delle carte e delle parti del volume sottostante, senza interferire con la qualità dei colori sulla profondità di campo. Le riprese saranno effettuate su sfondo nero ed in modo da comprendere un area minima circostante la carta digitalizzata che ne consenta la visualizzazione nel contesto, comunque in modo tale che non venga mai esclusa dalla ripresa nessuna parte del documento. eventuali lacerazioni, presenza di fori di tarlo e ossidazione degli inchiostri, le carte devono essere mascherate con carta bianca in modo da evitare di riprendere il contenuto sottostante.

5 Scala cromatica, scala millimetrica, saranno conservati nella sola copia master e comunque posti alla fine di tutta la sequenza di immagini di ciascun volume, non saranno gestiti dal mag. Formati elettronici degli oggetti digitali copia Master e formati compressi Il procedimento di digitalizzazione dovrà essere svolto nel formato: TIFF 6.0 non compresso ad alta risoluzione, 600 dpi ottici, profondità di colore di 24 bit RGB per formato inferiore o uguale ad A4; e con una risoluzione di 400 dpi ottici, profondità di colore di 24 bit RGB per formato superiore ad A4. Tale digitalizzazione è destinata alla conservazione fuori linea e come copia di sicurezza (master). Dal master verranno successivamente prodotti: JPEG in formato compresso a media risoluzione, 300 dpi ottici e profondità di colore di 24 bit RGB, destinata alla consultazione intranet; JPEG in formato compresso a bassa risoluzione, 72/100 dpi ottici, profondità di colore di 24 bit RGB, e con una risoluzione di 120 dpi ottici (da definire in fase di prototipo), profondità di colore di 24 bit RGB per formato superiore ad A4, con fattore di ridimensionamento da definire in funzione di una agevole consultabilità internet (pixel al di sotto 2000 lato maggiore), in particolare per i periodici di grande formato. Va sempre previsto il ricorso a programmi di miglioramento e fotoritocco (riduzione del bordo nero esterno, correzione delle micro-rotazioni, rafforzamento del contrasto con filtri di smoothing e di riduzione del rumore, ecc.). Le immagini nel formato destinato alla rete dovranno avere una buona leggibilità a video anche con ingrandimento requisito indispensabile. La qualità delle immagini sarà tale da consentire eventuali processi di riconoscimento automatizzato OCR. Prototipo scansioni e Controlli di qualità Il sistema di controllo della qualità delle immagini è finalizzato ad assicurare la buona leggibilità a video di tutto il contenuto informativo presente negli originali. Il controllo consiste in: 1) creazione di un prototipo del prodotto sulla base di un campione significativo dei materiali fornito dai responsabili delle attività per conto delle Biblioteche; 2) verifiche periodiche a cura dei medesimi responsabili, che avranno facoltà di chiedere la ripetizione delle scansioni difettose. Il prototipo che individua i parametri più opportuni, viene approvato con verbale dai responsabili delle Biblioteche, dell Impresa e dell ICCU, e costituisce il riferimento di qualità per le attività di scansione. In sede di valutazione delle offerte si terrà conto della proposta di sistemi di controllo aggiuntivi e di ogni altro elemento che, in modo diretto o indiretto, sia suscettibile di migliorare la qualità finale dei risultati, come prestazioni dei mezzi di scansione utilizzati, programmi automatici di individuazione delle immagini difettose, interventi migliorativi sulla resa grafica, struttura del processo di acquisizione e sistemi di verifica aggiuntivi della qualità delle immagini, documentazione e registri delle fasi di attività, quantità e organizzazione dei controlli sul flusso di lavoro, raccordo di immagini fronte/retro ove richiesto, ecc. 5

6 Identificazione delle immagini nelle memorie di massa Nomi immagini Durante la realizzazione del prototipo di cui sopra, insieme all elenco dei materiali da digitalizzare, i Responsabili dell attività per conto della biblioteca forniranno alla Società la lista dei nomi o la procedura più idonea per attribuire a ciascuna immagine un nome identificativo univoco di lunghezza prefissata (filename di venti caratteri al massimo) Sono ammessi caratteri non accentati A Z, a z, 0 9 ), e alcuni segni di interpunzione: il punto (.),il trattino (-), l undescore (_). I filename saranno completati a cura della Società con l estensione fissa più opportuna,.tif o.jpg, prevedendo in quest ultimo caso un metodo per distinguere fra loro le immagini dei formati jpeg), di cui al precedente paragrafo Formato delle immagini. Nelle memorie di massa, i file-immagine saranno distribuiti in più directories, almeno una per ciascuna unità catalografica, anch esse denominate secondo il procedimento appena esposto, in modo da preservare l organizzazione complessiva dei materiali. Potrà variare per tipologie di materiali dove l oggetto digitale è composto di una sola immagine. 3.2 Indicizzazione creazione dei metadati Allo scopo di espletare l attività di indicizzazione, l Impresa aggiudicataria dovrà servirsi di software per la creazione dei metadati, che devono essere realizzati nello standard Mag, versione 2.0.1, per ciascuna unità catalografica trattata e/o parte componente di unità catalografica. La sezione BIB del Mag viene compilata elettronicamente mappando i dati Unimarc (nel caso di documenti di cui si dispone di scarico Unimarc da db catalografico) nel Dublin Core della sez. BIB. Nel caso di manoscritti e/o altri materiali non catalogati elettronicamente, i responsabili per le Biblioteche forniranno alla Società fogli elettronici contenenti i dati impostati sul Dublin Core della sez. BIB del Mag. All indirizzo sono pubblicati gli strumenti utili (Schema Mag, mappatura Unimarc/Dublin Core, linee guide, manuali) per la corretta compilazione dei metadati secondo lo Schema Mag. Dal momento che oggetti digitali e metadati dovranno essere acquisiti dalla MagTeca dell ICCU si segnala la presenza di alcune restrizioni rispetto allo Schema Mag, riportate nella stessa pagina del portale. Il responsabile dell ICCU sarà coinvolto nella determinazione e valutazione dei dati per la compilazione dei metadati descrittivi e gestionali. Prototipo dei metadati e Controllo di qualità I prototipi xml su una campionatura di oggetti digitali saranno realizzati dall Impresa sulle indicazioni ricevute dai responsabili per la Biblioteche in accordo con il responsabile per l ICCU. Il prototipo approvato con verbale è vincolante per l Impresa, costituendo riferimento per la produzione dei metadati, insieme alle modalità operative determinate dall Amministrazione, sarà vincolante anche ai fini del collaudo. Elaborazione OCR Per tutte le tipologie di materiali a stampa previste nel presente capitolato (periodici, antico, moderno), per ogni immagine digitale prodotta, sarà eseguita una elaborazione OCR per produrre un file in formato TXT, nomenclato come il file immagine di riferimento. L elaborazione OCR sarà di tipo non verificato e senza interventi di correzione. Sarà trattato nella sez. OCR dei metadati secondo lo Schema Mag. 6

7 Nomenclature delle immagini Durante la preparazione del prototipo, i responsabili del progetto per le Biblioteche forniscono per ciascun volume da digitalizzare le indicazioni della nomenclatura delle immagini per la compilazione del tag nomenclature della sez. IMG del mag, da consegnare al responsabile del progetto per l Impresa; i responsabili per le Biblioteche dovranno altresì rendere disponibili i dati catalografici per la compilazione della sez. BIB del mag. Check well-formedness Validate file A conclusione delle attività di creazione dei metadati e oggetti digitali, prima della consegna, l Impresa dovrà effettuare le seguenti verifiche con verbale conclusivo: validazione del formato XML con parcer XML validazione degli xml allo Schema MAG 2.01 con restrizioni di MagTeca per i progetti che saranno destinati alla MagTeca, pubblicato in: corrispondenza tra ciascun file multimediale e chiave md5 generata nella fase di indicizzazione. 3.3 Predisposizione e Consegna degli oggetti digitali e metadati I file-immagine saranno distribuiti in modo logico e congruente alla tipologia delle risorse digitali, in modo univoco. Saranno distribuiti in più cartelle, almeno una per ogni unità catalografica, e comunque rispettando le caratteristiche delle consegne per MagTeca dell ICCU, pubblicate in: Supporti di consegna Al termine dell attività, il prodotto finale verrà consegnato su HD Desk con interfaccia USB completo delle cartelle degli oggetti digitali dei TIFF, JPG (300), JPG (72/120), TXT e dei files xml. In tre copie, insieme un breve rapporto descrittivo del lavoro svolto, di tutte le scelte tecniche operate, nonché l elenco dei contenuti degli HD Desk. Una delle tre copie dell intero progetto sarà consegnata su HD Desk di marca diversa dalle altre. Una copia delle altre due copie deve essere consegnata all ICCU per il controllo, validazione e finale e caricamento sulla MagTeca dell ICCU per l harvesting dai servizi di Internet Culturale. Consegna all ICCU per caricamento sulla MagTeca L impresa aggiudicataria dovrà consegnare all ICCU una delle tre copie in HD Desk completa, per ottenere la validazione necessaria al caricamento, e in caso di correzioni segnalate dall ICCU, provvedere alle modifiche richieste. Gli oneri stimati tra euro, derivanti dall attività dell ICCU, sono a totale carico dell Impresa, che a tal fine prenderà accordi direttamente con il responsabile della MagTeca dell ICCU. Art. 4 CONDIZIONI DI ESECUZIONE L attività di scansione sarà eseguita presso le biblioteche indicate, nei locali e negli orari che i responsabili delle singole biblioteche indicheranno. Gli operatori dovranno attenersi alle disposizioni ed indicazioni dei responsabili della biblioteca, con riferimento sia ai materiali da scansionare sia con riferimento alle modalità di esecuzione di ciascuna delle operazioni indicate all art. 3. 7

8 Ogni biblioteca metterà a disposizione un ambiente adatto all attività. Più precisamente gli indirizzi e gli orari di disponibilità presso le biblioteche sono le seguenti: Tabella Biblioteche: Biblioteca Indirizzo Referente Biblioteca Comunale Giovanni Bovio Biblioteca Comunale Marino Piazzolla Biblioteca Comunale G. Ceci Piazzetta San Francesco n. 1 Trani Piazza Umberto I San Ferdinando di Puglia Via Napoli n. 9 Andria Numero di postazioni offerte dalla biblioteca Dr.ssa Maria Dettori 1 Dr.ssa Patruno Maria 2 Dr. Giovanni Aloisio 2 Orario di disponibilità delle postazioni Lun-Ven h 9-13 e (mesi apr-set) Lun-Ven h 9-13 e (mesi ottmar) Lun-Ven h Mar-Merc-Giov dalle h 16,30 alle 18,30 Lun-Ven Mar-Giov Rec. telefonici Il numero dei documenti da trattare per ciascuna biblioteca di cui all ART. 1 costituisce una previsione di massima, in sede di esecuzione del lavoro il responsabile del Polo potrà prevedere, in ragione delle reali esigenze delle biblioteche che aderiranno e/o per motivi legati alla corretta e coerente esecuzione del lavoro, una differente suddivisione dei materiali da digitalizzare. Entro 20 giorni dalla stipula del contratto l appaltatore dovrà predisporre un Piano dettagliato di esecuzione dei lavori, indicante l ordine cronologico degli interventi e che tenga conto delle reali condizioni (disponibilità e agibilità dei locali, presenza delle attrezzature necessarie) delle singole biblioteche. Tale piano dovrà essere approvato dal referente biblioteconomico del Polo e potrà, nel corso dei lavori, essere modificato previa approvazione delle modifiche da parte dello stesso referente. Art. 5 CAPO PROGETTO E SUOI REQUISITI TECNICI È obbligo dell appaltatore nominare un Capo Progetto che sarà considerato responsabile dell organizzazione e della conduzione dell appalto. Il Capo Progetto e dovrà garantire l affidabilità scientifica e tecnologica delle digitalizzazioni, delle indicizzazioni e dei metadati MAG prodotti, nonché della masterizzazione delle restituzioni digitali, ivi compresi i supporti utilizzati, che devo essere prodotti da primarie ditte. L appaltatore è anche tenuto a comunicare all Appaltante un sostituto di esperienza simile, responsabile durante le assenze del Referente. Il Capo Progetto rappresenterà, a tutti gli effetti nell esecuzione dell appalto, l appaltatore, pertanto tutte le comunicazioni a lui rivolte dal responsabile del procedimento con riferimento ai tempi e alle modalità di esecuzione del lavoro si intenderanno rivolte all appaltatore. I requisiti indispensabili e obbligatori richiesti per il Capo Progetto sono i seguenti: 1. diploma di laurea in Lettere, Conservazione dei Beni Culturali o equipollenti, Informatica o equipollenti; 2. esperienza almeno biennale di conduzione di progetti di digitalizzazione di edizioni antiche, di manoscritti, di periodici etc. etc. 8

9 I requisiti del Capo progetto dovranno essere dimostrati dalla ditta provvisoriamente aggiudicataria ai fini della aggiudicazione definitiva. Le attestazioni di esperienze lavorative dovranno essere rilasciate dai direttori delle Istituzioni presso le quali l attività è stata svolta. Le attestazioni di corsi professionali dovranno essere rilasciate dagli enti che li hanno organizzati; entrambe le tipologie di attestazioni dovranno essere esibite in originale o copia conforme all originale. Il Referente presentato dalla ditta appaltatrice dovrà assolvere i compiti seguenti: - organizzare, condurre, coordinare e effettuare la supervisione del lavoro della parte appaltatrice addetto al servizio; - garantire il rispetto dei termini di scadenza del servizio e della produttività del personale addetto al servizio; - essere garante dell affidabilità delle digitalizzazioni, indicizzazioni e dei metadati MAG e più nel dettaglio quanto previsto all art. 3 del presente Capitolato; - di concerto con il Responsabile del Polo SBN, risolvere le questioni riguardanti i ritocchi e le indicizzazioni delle immagini; - svolgere la funzione rappresentativa della società affidataria riguardo l esecuzione del lavoro, garantendo modalità e tempi di esecuzione richiesti; - sottoscrivere i verbali di collaudo effettuati dalla parte appaltante, composte bonariamente le ev. divergenze con il rimedio delle lacune ev. riscontrate; -assicurare la presenza giornaliera del personale della ditta appaltatrice nelle sedi interessate dal servizio o la reperibilità di sostituti nei tempi più rapidi ove necessario. Art. 6 REQUISITI DEGLI OPERATORI L intervento di scansione sarà svolto da un team di operatori competenti, precisamente ciascun operatore dovrà essere in possesso dei seguenti requisiti: - diploma di laurea in Lettere, Conservazione dei Beni Culturali o equipollenti, Informatica o equipollenti; - attestato di frequenza di uno o più corsi di durata minima annuale di qualificazione, aggiornamento e specializzazione in materie biblioteconomiche e/o informatiche; - esperienza di almeno 5 mesi continuativi nell uso di scanner per la riproduzione digitale di documenti; - esperienza di almeno 5 mesi nell uso di software per indicizzazione con schema MAG. I requisiti dei catalogatori dovranno essere dimostrati dalla ditta provvisoriamente aggiudicataria ai fini della aggiudicazione definitiva. Le attestazioni di esperienze lavorative devono essere rilasciate dai direttori delle istituzioni presso le quali l attività è stata svolta. Le attestazioni di corsi professionali dovranno essere rilasciate dagli enti che li hanno organizzati; entrambe le tipologie di attestazioni dovranno essere esibite in originale o copia conforme all originale. L appaltatore avrà l obbligo di comunicare all Amministrazione i nomi degli incaricati e degli eventuali subentranti, nonché il tipo di rapporto di lavoro intercorrente tra l appaltatore medesimo e gli addetti. L Amministrazione si riserva il diritto di chiedere, motivatamente e sia prima dell inizio sia in corso d opera, l immediata sostituzione del personale che non fosse, per qualunque motivo, ritenuto idoneo a svolgere l incarico. 9

10 Art.7 CONTROLLO SULLA REGOLARE ESECUZIONE La piena e corretta esecuzione dell appalto in ogni suo aspetto sarà vigilata dalla Provincia di Barletta Andria Trani senza esclusione di obbligo alcuno dell appaltatore, a mezzo del responsabile unico del procedimento o di un suo sostituto. L Amministrazione esercita la supervisione ed il controllo delle prestazioni rese e del comportamento tenuto dal personale destinato all espletamento dei servizi e si riserva la facoltà di ricusare detto personale per giustificati motivi, notificati all impresa per iscritto. L impresa dovrà provvedere alla sostituzione del personale ricusato con unità di pari livello professionale, dimostrato attraverso il deposito del curriculum, entro 15 giorni dalla richiesta. Per qualsiasi inosservanza o inottemperanza agli obblighi di cui al presente punto l Amministrazione può disporre la risoluzione del contratto, in danno dell Impresa inadempiente, senza che l Impresa possa sollevare eccezione alcuna e fatte salve le eventuali sanzioni connesse accertate dalle Autorità competenti. Durante il periodo di svolgimento dell intervento di digitalizzazione il Responsabile biblioteconomico del Polo effettuerà controlli sistematici o a campione sulla qualità dei servizi, con particolare riferimento alla conformità delle normative, alle specifiche tecniche concordate ed ai tempi di trattamento. In particolare, ciascun operatore dovrà fornire ogni trenta giorni i report giornalieri individuali e i tabulati di produzione mensili redatti e compilati secondo i modelli concordati con il Referente del Polo. Ogni 60 giorni, inoltre, il Capo progetto relazionerà sullo stato di avanzamento dei lavori, con riferimento al piano di esecuzione di cui all art.4. Su richiesta del Referente del Polo, l Impresa provvederà a correggere eventuali errori riscontrati nella qualità delle immagini, nella indicizzazione e nella consegna. Art. 8 OBBLIGHI DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO L Impresa ha l obbligo di eseguire i servizi nel rispetto delle condizioni del presente capitolato, degli standard qualitativi indicati nell offerta tecnica e delle norme di funzionamento delle biblioteche definite dall Amministrazione. L appaltatore è tenuto ad organizzare direttamente il personale addetto all esecuzione del presente appalto; è altresì obbligato ad osservare scrupolosamente, nei rapporti di lavoro che lo prevedano, tutti gli obblighi derivanti dalle leggi vigenti in materia di obblighi assicurativi, assistenza e previdenza. L appaltatore è tenuto, in particolare, ad osservare, nei confronti del personale impiegato nell esecuzione del presente appalto, le condizioni normative, retributive e contributive fissate dalle disposizioni legislative o dai contratti e accordi collettivi di lavoro applicabili alla categoria. Il personale adibito allo svolgimento del presente appalto dovrà rispondere ai requisiti previsti nel presente capitolato e, pertanto, l appaltatore avrà l obbligo di comunicare all Amministrazione i nomi degli incaricati e degli eventuali subentranti, nonché il tipo di rapporto di lavoro intercorrente tra l appaltatore medesimo e gli addetti. L Impresa dovrà impiegare personale di assoluta fiducia e di provata riservatezza, il quale dovrà astenersi dal manomettere o prendere conoscenza di pratiche, documenti e corrispondenza ovunque posti. 10 L'Impresa è responsabile dei danni di qualsiasi natura che dovessero essere causati per fatto proprio o da parte dei suoi dipendenti a persone, cose, beni immateriali, sia

11 dell Amministrazione che di terzi, durante il periodo contrattuale, intendendosi pertanto sollevata l Amministrazione da qualsiasi responsabilità da ciò derivante. È a carico dell appaltatore l osservanza delle norme in materia di sicurezza, prevenzione degli infortuni e igiene del lavoro per quanto di spettanza; a tal fine dovrà dimostrare di essere in regola con tutti gli adempimenti stabiliti dal D.Lgs. 626/94, adottare le procedure e misure di tutela dei lavoratori previste a carico del datore di lavoro e indicare il nominativo del proprio responsabile per la sicurezza per le attività che verranno svolte presso le biblioteche del sistema. L Amministrazione si uniforma alle disposizioni riportate nell art.7 del D.Lgs.626/94 anche al fine dell adozione di eventuali misure alternative, e non risponde dei rischi specifici propri dell attività dell appaltatore o dei singoli lavoratori autonomi impiegati nell appalto. L appaltatore dovrà garantire il pieno rispetto da parte del personale addetto all appalto delle disposizioni dell Amministrazione rivolte a garantire la sicurezza dei luoghi. Su richiesta dell Amministrazione l appaltatore dovrà esigere dai propri addetti il rispetto di norme quali il divieto di accesso in aree determinate, se non accompagnati da personale dipendente dall Amministrazione, e comunque garantire l osservanza da parte del proprio personale delle regole di comportamento che di volta in volta saranno impartite per iscritto dall Amministrazione. Tali norme, comunque, non dovranno comportare ulteriori oneri per l appaltatore rispetto a quelli previsti nel presente capitolato. Art. 9 DURATA DEL CONTRATTO Il contratto avrà durata di mesi sedici, con decorrenza dal giorno di stipula. Alla scadenza, si intenderà automaticamente risolto, senza necessità di disdetta formale. Art. 10 PENALITÀ In caso di inadempimento rispetto agli obblighi contrattuali o di mancata o errata prestazione, l Amministrazione si riserva di applicare una penale pari a 200,00 per ogni infrazione relativa all esecuzione del servizio, rispetto alle modalità di lavoro indicate nel capitolato d oneri,o per ogni giornata di ritardo nella consegna del lavoro, rispetto ai tempi indicati nell offerta. Se l infrazione relativa all esecuzione del servizio viene reiterata più volte, è facoltà dell Amministrazione raddoppiare l importo previsto per la prima. L ammontare delle penalità è addebitato sui crediti dell impresa, in sede di liquidazione fattura. E fatta salva la facoltà per l impresa di presentare all Amministrazione le proprie controdeduzioni in merito alle contestazioni ricevute; ove le giustificazioni addotte vengano ritenute congruenti, l Amministrazione potrà non applicare le penali o procedere ad una applicazione parziale. Art. 11 RISOLUZIONE L Amministrazione ha facoltà di dichiarare la risoluzione del contratto in caso di inadempimento dell'impresa rispetto alle prestazioni e agli obblighi contrattuali, che si protragga oltre il termine assegnato dall Amministrazione per porre fine all inadempimento, fermo restando l applicazione delle penali previste. L'Amministrazione ha diritto di recedere unilateralmente dal contratto, ai sensi dell art.1456 C.C., in qualsiasi momento e senza formale preavviso, nel caso di: 11

12 a) per motivi di pubblico interesse, in qualunque momento; b) nel caso di inadempienze da parte dell appaltatore, in particolare in caso di non conformità dei dati immessi con le indicazioni fornite e di mancato rispetto delle procedure. E ritenuta accettabile una percentuale d errore che non superi il 5% della quantità dei documenti trattati. In caso di segnalazione da parte del referente biblioteconomico del Polo della Provincia di Barletta Andria Trani, l Amministrazione provinciale si riserva di revocare unilateralmente il contratto. c) situazioni di fallimento, liquidazione, cessione di attività, concordato preventivo ed equivalenti a carico dell Impresa nonché qualora venga meno anche uno solo dei requisiti di idoneità giuridica e morale dichiarati in sede di offerta; d) cessione del contratto a terzi o subappalto non autorizzato dall Amministrazione; e) frode o grave negligenza nell adempimento degli obblighi contrattuali nonché reiterata negligenza nello svolgimento delle prestazioni; f) inadempienza accertata o violazione di legge in merito agli obblighi in materia di rapporto di lavoro del personale, inottemperanza rispetto alle norme sulla prevenzione degli infortuni, la sicurezza sul lavoro e le assicurazioni obbligatorie; g) sostituzione del personale con altro personale privo di curriculum corrispondente a quanto dichiarato in sede di gara e/o mancata sostituzione degli operatori ricusati. La risoluzione si verifica di diritto mediante comunicazione unilaterale dell Amministrazione all Impresa tramite raccomandata a.r., senza che l Impresa abbia nulla a pretendere salvo il pagamento dei corrispettivi per le prestazioni di servizio regolarmente rese. A seguito della risoluzione del contratto, l Amministrazione, oltre ad incamerare la cauzione definitiva, si riserva il diritto di affidare ad altri la fornitura, in danno dell Impresa inadempiente e fermo restando il diritto al risarcimento dell eventuale maggior danno. Art. 12 COLLAUDO Il collaudo ha lo scopo di verificare la percentuale di errori nell esecuzione del servizio, certificata nel relativo verbale di collaudo steso dal collaudatore, con l indicazione precisa degli errori riscontrati. E considerato errore ogni xml metadato affetto da vizi o lacune, sviste sintattiche del linguaggio xml ed errori rispetto allo schema Mag, che comunque impediscono l acquisizione nella MagTeca dell ICCU e devono essere superati. Non sono considerati errori i vizi già esistenti in dati cartografici contenuti in scarico Unimarc. Il collaudo sarà effettuato da personale incaricato dalla Provincia Barletta Andria Trani e si svolgerà in due fasi: - intermedia: sedute di controllo, in corso d opera, a cadenza mensile, nelle quali sarà accertato che il numero di scansioni effettuate sia congruente con le disposizioni previste nel presente bando; quindi sarà testato un campione di 100 immagini scelte a discrezione, per tipologie di materiali; la quantità di errori non potrà essere superiore al 5% sul totale dei riscontri (soglia di tolleranza). - finale: entro una settimana solare dalla scadenza dei 60 giorni lavorativi previsti, con il caricamento sulla MagTeca dell ICCU e dopo l l harvesting di Internet Culturale, la quantità di errori massima tollerabile sarà del 5 % sul totale. Qualora gli errori risultino contenuti entro la soglia di tolleranza, la ditta appaltante deve correggere gli errori a suo carico entro 5 giorni lavorativi dalla comunicazione del verbale di collaudo. 12

13 Art. 13 PAGAMENTI Il pagamento dei lavori è a carico della Provincia di Barletta Andria Trani. I corrispettivi dovuti verranno liquidati dietro presentazione di regolari fatture posticipate emesse trimestralmente, sulla base delle immagini digitalizzate e dopo esito positivo del controllo qualitativo da parte del coordinamento, salvo diverso accordo con l Impresa aggiudicataria. Le fatture devono riportare il riferimento al contratto stipulato, il C.I.G., il totale dei file prodotti, l organizzazione degli stesi file ed i relativi supporti e l importo totale delle prestazioni; devono inoltre essere corredate dal rendiconto dei servizi svolti nel mese e dal riepilogo delle ore rese da ciascun addetto. Il pagamento verrà effettuato sulla base di tale documentazione, convalidata dal Responsabile Unico del Procedimento ai fini dell attestazione di regolare esecuzione degli obblighi contrattuali, nel termine di trenta giorni data ricevimento fattura, con le modalità indicate dall Impresa. Eventuali irregolarità di fatturazione o contestazioni in merito ai dati riportati in fattura o nel rendiconto, comunicate per iscritto all Impresa, sospenderanno la decorrenza del termine di pagamento. Si precisa che trattandosi di trasferimento di fondi regionali, i pagamenti sono effettuati in costanza di effettivo accreditamento delle somme garantite dalla Regione Puglia e vincolate dalla Provincia BAT agli effetti del presente appalto. Il Responsabile del Procedimento Dr.ssa Lisa Pietropaolo 13

Investiamo nel vostro futuro. Provincia di Brindisi. Servizio Culturale Biblioteca CAPITOLATO TECNICO

Investiamo nel vostro futuro. Provincia di Brindisi. Servizio Culturale Biblioteca CAPITOLATO TECNICO P.O. Fondo Europeo Sviluppo Regionale 2007-2013. Obiettivo Convergenza Linea 4.2. azione 4.2.1 lett. F Ministero dello Sviluppo Economico Investiamo nel vostro futuro Regione Puglia Provincia di Brindisi

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO UNICO DELLE BIBLIOTECHE ITALIANE E PER LE INFORMAZIONI BIBLIOGRAFICHE Bando di gara a procedura aperta Digitalizzazione di

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIGITALIZZAZIONE ED INDICIZZAZIONE DELLE RACCOLTE DELLE BIBLIOTECHE DEL POLO SBN DI FOGGIA

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIGITALIZZAZIONE ED INDICIZZAZIONE DELLE RACCOLTE DELLE BIBLIOTECHE DEL POLO SBN DI FOGGIA PROVINCIA DI FOGGIA Settore Appalti, Contratti e Assicurazioni Piazza XX settembre 20 71121 Foggia Tel 0881791867 fax 0881791330 www.provincia.foggia.it - protocollo@cert.provincia.foggia.it Oggetto PROCEDURA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

PER UN CAPITOLATO TECNICO DI PROGETTO DI DIGITALIZZAZIONE E NORME REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE IN RETE

PER UN CAPITOLATO TECNICO DI PROGETTO DI DIGITALIZZAZIONE E NORME REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE IN RETE PER UN CAPITOLATO TECNICO DI PROGETTO DI DIGITALIZZAZIONE E NORME REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE IN RETE Nell ambito dei progetti di digitalizzazione è stato approvata l applicazione dello standard MAG

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE.

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. Art. l - PRINCIPI GENERALI Il presente capitolato ha per oggetto la gestione del servizio

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

Liceo Scientifico e Linguistico Orazio Tedone Via Alessandro Volta, 13

Liceo Scientifico e Linguistico Orazio Tedone Via Alessandro Volta, 13 Liceo Scientifico e Linguistico Orazio Tedone Via Alessandro Volta, 13 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) C.F. 80017660723 Codice M.I.U.R. BAPS09000R Tel./Fax: 080/3601414-080/3601415 e.mail: baps09000r@istruzione.it

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

Disciplinare Tecnico

Disciplinare Tecnico Ministero per i Beni e le Attività Culturali Archivio di Stato di Digitalizzazione del fondo Disciplinare Tecnico PREMESSA 0.1 OGGETTO DEL PROGETTO 1 DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI 1.1 Personale 1.2 Luogo

Dettagli

ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO

ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO ALLEGATO B COMUNE DI ORBETELLO Capitolato tecnico per l'affidamento della fornitura di creazione di una banca dati, tramite digitalizzazione delle schede individuali e dei fogli di famiglia del servizio

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013 Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto l appalto della gestione di

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-7-2005 al 31-12-2006

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-7-2005 al 31-12-2006 COMUNE DI CREMONA Settore Economato CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA Dal 1-7-2005 al 31-12-2006 INDICE 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA C.A.P. 55011 tel. 0583 / 216455 c.f. 00197110463 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per affidamento incarico del servizio di brokeraggio assicurativo 1 INDICE ART.1 Oggetto

Dettagli

REGOLE PER L ACQUISIZIONE DEGLI OGGETTI DIGITALI IN MAGTECA E PER IL PROTOCOLLO OAI-PMH VERSO INTERNET CULTURALE

REGOLE PER L ACQUISIZIONE DEGLI OGGETTI DIGITALI IN MAGTECA E PER IL PROTOCOLLO OAI-PMH VERSO INTERNET CULTURALE REGOLE PER L ACQUISIZIONE DEGLI OGGETTI DIGITALI IN MAGTECA E PER IL PROTOCOLLO OAI-PMH VERSO INTERNET CULTURALE PER L AFFIDAMENTO DIRETTO DELLE COLLEZIONI DIGITALI AL REPOSITORY MAGTECA DELL ICCU Gli

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA. Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI TELEFONIA FISSA DI BASE PER IL CENTRALINO DEL COMUNE DI CREMONA Dal 1-5-2007 al 31-12-2008 INDICE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CONDIZIONI DI ESECUZIONE ART.

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann,

Dettagli

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO Ai sensi dell art. 125 comma 12 del D. Lgs. n. 163 del 2006 e s.m.i., avente ad oggetto il Codice

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO AFFIDAMENTO Servizio di somministrazione lavoro temporaneo Capitolato prestazionale - Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

Investiamo nel vostro futuro PROVINCIA DI BARI

Investiamo nel vostro futuro PROVINCIA DI BARI P.O. FESR 2007 2013. Linea 4.2. azione 4.2.1 lett. F Ministero dello Sviluppo Economico Regione Puglia Investiamo nel vostro futuro PROVINCIA DI BARI Servizio Beni ed Attività Culturali, Biblioteca, Orchestra,

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CONCESSIONE IN USO ESCLUSIVO IRREVOCABILE (I.R.U.) O, IN ALTERNATIVA, SERVIZIO DI FIBRA SPENTA, ALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE PER ALMENO 24 MESI DI DUE COPPIE DI FIBRE

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI VEICOLI DEL COMITATO REGIONALE CRI DELLA TOSCANA CIG: 28951999C9

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE SETTORE IV: IL RESPONSABILE DEL SETTORE: Ing. Pasquale Matrisciano Registro Generale n. 91 del 10/02/2015 Registro Settore n. 12 del 06/02/2015 O

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Centro Direzionale Zona Industriale 85050 TITO SCALO (PZ) Tel.0971/659111 Fax 0971/485881 Sito internet: www.consorzioasipz.it E-mail: asi@consorzioasipz.it

Dettagli

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto

Scheda tecnica servizio di accompagnamento al trasporto SCHEDA TECNICA N. 4 SERVIZIO DI ASSISTENZA AL TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO, NONCHE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI 1 Scheda

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO Durata : Dal 1 MAGGIO 2012 AL 30 APRILE 2015 PRESCRIZIONI SPECIFICHE E TECNICHE ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO:

AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO: AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO CUI AFFIDARE IL SEGUENTE SERVIZIO: REALIZZAZIONE COLLEGAMENTI INTERNET FRA LE SEDI COMUNALI, FRA LE SEDI COMUNALI E SITI ESTERNI OVVERO FRA SITI ESTERNI

Dettagli

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO

FRA 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO CONTRATTO PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DELLA CCIAA DI LODI PER IL PERIODO - 01/01/2011-31/12/2013 CIG 06218796C7 FRA Camera di Commercio di Lodi, P.IVA 11125130150

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA Le presenti condizioni generali di fornitura regoleranno i rapporti intercorrenti tra: Piaggio & C. S.p.A., con

Dettagli

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818

Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 Prot. 9740/C14g Roma 15 ottobre 2014 CIG N. ZEE113F818 BANDO DI GARA NOLEGGIO FOTOCOPIATRICI Alle ditte RCO - l.bassotti@rcoonline.it Vema Copy info@vemacopy.it BASCO BAZAR info@basco-bazar2.it FASTREND

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014. Alle imprese fornitrici di arredo urbano. Sul MEPA. Loro SEDI

Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014. Alle imprese fornitrici di arredo urbano. Sul MEPA. Loro SEDI COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa Allegato sub. A SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/62311 Fax 0588/65470 Prot. N. VI/5/ 5505 Pomarance, lì 03/07/2014 Alle

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Racc. Contr / BOLLO ALLEGATO C Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Schema di A: c.f. p.iva LETTERA CONTRATTO PER AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA CONTABILE/FISCALE E

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Prov. NA)

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Prov. NA) COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Prov. NA) CONVENZIONE PER L INCARICO PROFESSIONALE DI DIRETTORE OPERATIVO DEI LAVORI DI manutenzione istituti scolastici e immobili comunali, comprensive degli impianti

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 1 Oggetto della fornitura Il presente Capitolato ha per

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Art. 1 PREMESSA. Art. 2 OGGETTO DELLA GARA

Art. 1 PREMESSA. Art. 2 OGGETTO DELLA GARA allegato B) CAPITOLATO D ONERI PER LA FORNITURA DI SACCHETTI IN MATER-BI PER LE RACCOLTE DIFFERENZIATE C.I.G. 3581325ADF Art. 1 PREMESSA 1. Il presente Capitolato d Oneri ha per oggetto l affidamento della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. 15 del 21 Dicembre 2015 FORMAZIONE ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 Istituzione e ambito di applicazione

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DELL INCARICO

ART. 1 - OGGETTO DELL INCARICO DISCIPLINARE RELATIVO AL CONTRATTO TRA IL COMUNE DI FORLI E IL SIG PER INCARICO PROFESSIONALE DI MEDIATORE FAMILIARE PRESSO IL CENTRO FAMIGLIE DEL COMUNE DI FORLI ART. 1 - OGGETTO DELL INCARICO 1. Il Comune

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

CONTRATTO QUADRO CAR2GO

CONTRATTO QUADRO CAR2GO CONTRATTO QUADRO CAR2GO Pagina 1 di 5 Fra il cliente e car2go Italia S.r.l. (di seguito denominata "car2go")viene stipulato il seguente Contratto Quadro di car sharing (il Contratto Quadro ): 1) Il presente

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

COMUNE DI PIANO DI SORRENTO -Prov. di Napoli SCRITTURA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ALLESTIMENTO * * * * * * * *

COMUNE DI PIANO DI SORRENTO -Prov. di Napoli SCRITTURA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ALLESTIMENTO * * * * * * * * REG. NUM. COMUNE DI PIANO DI SORRENTO -Prov. di Napoli S C H E M A SCRITTURA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ALLESTIMENTO STAND FIERA DI SAN MICHELE PERIODO 2015/2019. C.I.G.: 6353738676 * *

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE

COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE COMUNE DI PISTOIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA INFORMATIVE E FORMATIVE DEL CENTRO INTERCULTURALE ART. 1 - ATTIVITA DEL CENTRO INTERCULTURALE ED OGGETTO

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D.

TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. ACEA S.p.A. DISCIPLINARE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE (D. Lgs. 81/2008 - Art. 89 punto 1 lett. e) e Art. 91) Roma, marzo 2015 Disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

Comune di Mori Provincia di Trento

Comune di Mori Provincia di Trento FORMAZIONE OBBLIGATORIA SICUREZZA D. LGS. 81/08 CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DELLA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI MORI

Dettagli

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER FORNITURE DI GAS NATURALE NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 Premessa: Brescia Trasporti S.p.A. intende istituire un proprio sistema di qualificazione al fine di selezionare operatori

Dettagli

Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08)

Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08) Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08) Art. 1 Strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi. Nell

Dettagli

CONTRATTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI VALORIZZAZIONE DEI BREVETTI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA.

CONTRATTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI VALORIZZAZIONE DEI BREVETTI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA. CONTRATTO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI VALORIZZAZIONE DEI BREVETTI DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA. CIG: Z6618122FF L anno 2016, il giorno. del mese di. 2016 Con la presente scrittura

Dettagli

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DEGLI ARTT. 19 E 27 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA SPECIALISTICA PER L ELABORAZIONE DEL MODELLO DI FLUSSO DEGLI ACQUIFERI E DI DISPERSIONE DEGLI

Dettagli

CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti

CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti 1/7 ART. 1 OBBLIGATORIETA (Articolo 2 e 3 del Regolamento dei Contratti) 1.1. In virtù della delega contenuta nell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Approvato con Determinazione del Direttore n. 007/DD del 22.01.2013 REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. ARTICOLO. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO....

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Procedura negoziata con aggiudicazione mediante il ricorso al criterio del prezzo più basso per la fornitura di lavoratori in somministrazione 1. Finalità e oggetto. Il presente atto

Dettagli

CITTÀ DI LAMEZIA TERME PROVINCIA di CATANZARO

CITTÀ DI LAMEZIA TERME PROVINCIA di CATANZARO CITTÀ DI LAMEZIA TERME PROVINCIA di CATANZARO AREA TECNICA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA PERIODICA A NORMA DEL DPR 22 OTTOBRE 2001, N 462 E ART. 13 DPR 162 DEL

Dettagli

I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:241236-2011:text:it:html I-Crema: Attrezzature per gas sotto pressione 2011/S 145-241236 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO BOZZA DI CONVENZIONE L anno duemilaquattordici (2014) addì (.) del mese di in Treviso Via Cal di Breda, 116, nella sede della Provincia di Treviso,

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308

COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308 COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308 Area A2 - Socio Assistenziale CAPITOLATO SPECIALE Art. 1 OGGETTO Costituisce oggetto del presente

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL'OPERA NAZIONALE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO CIG 6201196CD0

Dettagli

SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE PISTOIA

SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE PISTOIA Comune di PISTOIA SERVIZIO PERSONALE, INFORMATICA E COMUNICAZIONE U.O. ORGANIZZAZIONE, RAPPORTO DI LAVORO E RELAZIONI SINDACALI Piazza del Duomo 1 51100 Pistoia (PT) Tel 0573.371220-231-233 Fax 0573.371359

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine 2010\PAR 2010.doc AVVISO DI GARA

Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine 2010\PAR 2010.doc AVVISO DI GARA COMUNE DI BROGLIANO SETTORE 3 - TECNICO U.O. 1: Edilizia Privata Urbanistica Ambiente Piazza Roma n. 8 36070 BROGLIANO (VI) c.f. 00267040244 ; tel. 0445-947570 ; fax 0445-947682 Prot. n. 3681 \\Winserver\silvia\Determine\Determine

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 320 DEL 07/02/2014 IX Settore - Cultura Sport e Turismo - Politiche Sociali (Provincia BAT) N. 26 Reg. Settore del 29/01/2014 Oggetto:

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 1 DISTRETTO DELLA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO FORNITURA GASOLIO AUTOTRAZIONE PER AUTOMEZZI - ANNO 2009 Novembre 2008 Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di fornitura gasolio

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

PROVINCIA DI BRINDISI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO $//(*$72³% DOOD'HWHUPLQD]LRQH'LULJHQ]LDOH1GHO PROVINCIA DI BRINDISI 9LD'H/HR%5,1',6, CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO 6(59,=,2',67(127,3,$&20387(5,==$7$ 5(62&217$=,21(75$6&5,=,21((67$03$'(,/$925, '(/&216,*/,23529,1&,$/($66(0%/((5,81,21,

Dettagli

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALLʹAFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602 COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce Via Monticelli 47 C.A.P. 73030- Telefono 0833 763611 / Fax 0833 763602 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Procedura aperta art. 3, comma 37 e Art.

Dettagli

BANDO DI GARA. per l affidamento del servizio di noleggio di n. 1 macchina fotocopiatrice

BANDO DI GARA. per l affidamento del servizio di noleggio di n. 1 macchina fotocopiatrice Prot. 5006/D8 Casalnuovo di Napoli, 21/11/2014 ALBO SITO WEB BANDO DI GARA per l affidamento del servizio di noleggio di n. 1 macchina fotocopiatrice CIG: Z0511DA8A1 Codice Univoco Ufficio: UFQTTI E indetta

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato

COMUNE DI CREMONA. Settore Economato Allegato A) COMUNE DI CREMONA Settore Economato Capitolato speciale d oneri relativo a: FORNITURA CON CONSEGNE RIPARTITE DI CARTA NATURALE E RICICLATA PER LE FOTOCOPIATRICI DEGLI UFFICI COMUNALI ANNO 2014

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala

PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala Allegato A alla Determinazione Dirigenziale n - del PROVINCIA DI BRINDISI SETTORE PROTEZIONE CIVILE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Fornitura di un software per la gestione della Sala Operativa

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli