Start up innovative. Incentivi per gli investitori e altre misure fiscali di favore

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Start up innovative. Incentivi per gli investitori e altre misure fiscali di favore"

Transcript

1 Padova, 19 marzo 2014 Start up innovative Incentivi per gli investitori e altre misure fiscali di favore A cura di Antonio Magarotto e Paolo Revelant Componenti Commissioni di studio in materia societaria e fiscale Ordine dei Dottori Commercialisti

2 Indice 1. Incentivi fiscali per gli investitori pag. 4 (art. 29, D.L. 179/2012) 2. Agevolazioni e semplificazioni fiscali per le start up e gli incubatori certificati pag. 14 (artt. 26, commi 4 e 8, e 27-bis, D.L. 179/2012) 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera pag. 16 (art. 27, D.L. 179/2012)

3 Principali riferimenti D.L , n. 179, convertito con modifiche dalla legge , n. 221, come modificato dal D.L , n. 76 (conv. L , n. 99); relazione illustrativa al D.L. 179/2012 Bozza del Decreto Ministeriale (MEF/MISE), attuativo dell art. 29, commi 1-7, D.L. 179/2012, non ancora pubblicato in G.U. (di seguito «D.M.») Decisione della Commissione UE C(2013) 8827 («Decisione UE») (approvazione dell agevolazione fiscale di cui all art. 29, D.L. 179/2012) Istruzioni Unico 2014 PF/SC Circolare Assonime n. 11 del

4 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 Natura dell incentivo Investitori soggetti Irpef Detrazione dall imposta lorda pari al 19% (25% in caso di start up a vocazione sociale (*) ed energetiche ad alto valore tecnologico (**)) della somma investita nel capitale sociale della start up innovativa Investitori soggetti Ires Deduzione dal reddito pari al 20% (27% nei casi di cui sopra) della somma investita nel capitale sociale della start up innovativa Ambito temporale Investimenti effettuati nei periodi d imposta 2013, 2014, 2015 e 2016 (l estensione al 2016 è stata disposta dall art.9, comma 16-ter, del D.L , n. 76, conv. L. 99/2013) Orizzonte temporale diverso rispetto a quello «ordinario» della normativa sulle start up innovative (4 anni dalla costituzione) (*) secondo la definizione all art. 2, c. 1, D.Lgs , n. 155 (**) secondo i codici ATECO 2007 di cui alla tabella in allegato al D.M. 4

5 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Nozione di investimento agevolato Art. 29 del D.L. 179/2012 «somma investita ( ) nel capitale sociale» Estensione operata dal D.M. Art. 3, comma 1, del D.M. Art. 3, comma 2, del D.M. «conferimenti in denaro iscritti alla voce del capitale sociale e della riserva da sovrapprezzo, ( ) anche in seguito alla conversione di obbligazioni convertibili in azioni o quote di nuova emissione» «si considera conferimento in denaro anche la compensazione dei crediti in sede di sottoscrizione di aumenti del capitale, ad eccezione dei crediti risultanti da cessioni di beni o prestazioni di servizi diverse da quelle previste dall articolo 27» del D.L. 179/2012 Resterebbero esclusi i versamenti «generici» a fondo perduto e le semplici rinunce a finanziamenti soci 5

6 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Investimento massimo detraibile / deducibile Soggetti Irpef: euro in ciascun periodo d imposta Soggetti Ires: euro in ciascun periodo d imposta Misura massima dell agevolazione Risparmio d imposta max/p. d i. euro Risparmio d imposta max/p. d i. euro Il D.M. (letto anche alla luce della Decisione UE) sembra aver risolto la questione, emersa in dottrina, se l importo di euro fosse da intendere prima dell applicazione del 20% o dopo. In questo secondo caso l investimento massimo sarebbe di euro 9 milioni (9 mln x 20% = 1,8 mln) e il risparmio massimo di euro 495mila (1,8mln x 27,5% = 495mila) Limite globale di investimento (art. 4, c. 8, D.M.) Oltre ai limiti di importo agevolabile per singolo investitore, il D.M. introduce un ulteriore vincolo, non presente nel D.L. 179/2012; l art. 4, comma 8 del D.M. condiziona infatti l applicazione dell agevolazione al non superamento della soglia complessiva di euro di investimenti rilevanti effettuati in ogni periodo d imposta per ciascuna singola start up innovativa. N.B. Nella Decisione UE si afferma che «qualora una start up ammissibile riceva una tranche di investimento annua superiore a detto importo, gli investitori perdono il diritto alle agevolazioni fiscali anche per la parte dell investimento inferiore al massimale annuo». 6

7 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Considerazioni di convenienza A parità di importo, l investimento da parte del soggetto Irpef è più conveniente rispetto a quello del soggetto Ires (ipotizzando l imposta lorda e reddito pre deduzione sempre capiente). Il differenziale, molto elevato per importi sino a euro , si riduce man mano che ci si avvicina a euro ,73, ammontare che rappresenta il punto di indifferenza; Per investimenti superiori a euro , è più conveniente (ma in misura molto modesta) l investimento da parte di un soggetto Ires. Momento di rilevanza dell investimento (art. 3, D.M.) I conferimenti rilevano nel periodo d imposta in corso alla data del deposito per l iscrizione nel registro delle imprese dell atto costitutivo o della deliberazione di aumento del capitale sociale ovvero, se successiva, alla data del deposito dell attestazione che l aumento del capitale è stato eseguito ai sensi degli articoli 2444 e 2481-bis del codice civile; I conferimenti derivanti dalla conversione di obbligazioni convertibili rilevano nel periodo d imposta in corso alla data in cui ha effetto la conversione. 7

8 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Riporto in avanti (art. 4, D.M.) Soggetti Irpef L ammontare non detraibile nell anno di riferimento per incapienza dell imposta lorda può essere portato in detrazione negli anni successivi, ma non oltre il terzo. Investitori soggetti Ires L ammontare della deduzione superiore al reddito complessivo dichiarato può essere computata in diminuzione dal reddito complessivo dei periodo d imposta successivi, ma non oltre il terzo. La modalità di riporto in avanti del beneficio per i soggetti Ires è una «novità» del D.M., a fronte del silenzio della norma primaria sul punto, tanto che, in precedenza, si riteneva che la deduzione potesse tradursi in una perdita (o maggior perdita), riportabile negli periodi successivi e utilizzabile in compensazione secondo le regole ordinarie (in tal senso Assonime). Rispetto al riporto della perdita, il riporto della deduzione non utilizzata non sconta il limite di utilizzo di cui all art. 84, c. 1, Tuir (ove applicabile, cioè dal quarto periodo d imposta dalla costituzione), ma subisce d altro canto una limitazione temporale. 8

9 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Decadenza dall agevolazione (art. 6, D.M.) L agevolazione decade se, entro due anni dalla data in cui l investimento rileva, si verifica: La cessione, anche parziale, a titolo oneroso, delle partecipazioni ricevute in cambio degli investimenti agevolati (inclusi costituzioni e trasferimenti di diritti reali di godimento); La riduzione di capitale o la ripartizione di riserve e altri fondi costituiti con sovraprezzi di emissione; Il recesso o l esclusione degli investitori; La perdita di uno dei requisiti previsti per la qualifica di start up innovativa (art. 25, comma 2, D.L. 179/2012) conseguenza Obbligo di restituzione dell importo detratto (soggetti Irpef) o di recupero a tassazione dell importo dedotto (soggetti Ires), più interessi legali (in sede di dichiarazione dei redditi del periodo in cui si verifica la decadenza) Non si considerano cause di decadenza: I trasferimenti a titolo gratuito e mortis causa, nonché quelli conseguenti ad operazioni straordinarie; La perdita della qualifica di start up innovativa dovuta al decorso del termine di 4 anni dalla costituzione (o del diverso termine previsto per le start up già costituite alla data di entrata in vigore della legge di conversione del D.L. 179/2012). 9

10 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Investimenti «indiretti» Possono godere dell agevolazione anche gli investimenti «indiretti», cioè quelli effettuati per il tramite di OICR o società che investono «prevalentemente» in start up innovative; questi soggetti, tuttavia, non possono a loro volta godere dell agevolazione per il loro investimento nelle start up. Nel caso di investimento tramite società che investono prevalentemente in start up innovative, l agevolazione è proporzionale al rapporto tra il valore delle partecipazioni possedute nelle start up innovative e il valore complessivo delle immobilizzazioni finanziarie. Nozione di prevalenza (art. 1, D.M.) Sono OICR che investono «prevalentemente» in start up innovative i fondi comuni e le Sicav che, al termine del periodo di gestione in cui è effettuato l investimento agevolabile, detengono azioni o quote di start up innovative di valore almeno pari al 70% del valore complessivo degli investimenti in strumenti finanziari risultanti dal rendiconto di gestione / bilancio di esercizio Sono società che investono «prevalentemente» in start up innovative quelle che, al termine del periodo d imposta in cui è effettuato l investimento agevolabile, detengono azioni o quote di start up innovative, classificate nella categoria delle immobilizzazioni finanziarie, di valore almeno pari al 70% del valore complessivo delle immobilizzazioni finanziarie iscritte nel bilancio chiuso nel periodo d imposta considerato. 10

11 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Altre limitazioni agli investimenti agevolati (art. 2, D.M.) L agevolazione non può essere richiesta nei seguenti casi: Per gli investimenti in imprese classificabili come «imprese in difficoltà» (*) ed in imprese operanti nei settori della costruzione navale, del carbone e dell acciaio; Per gli investimenti indiretti effettuati tramite OICR e società direttamente o indirettamente di partecipazione pubblica; Per gli investimenti effettuati da start up innovative e da incubatori certificati; Per gli investimenti effettuati da OICR e da società di capitali che investono prevalentemente in start up innovative; Per gli investimenti, diretti o indiretti, effettuati da soggetti che, alla data di effettuazione dell investimento, possiedono nella start up innovativa beneficiaria dell investimento partecipazioni, titoli o diritti che rappresentano complessivamente una percentuale di diritti di voto oppure una partecipazione al capitale o al patrimonio della start up superiore al 30%. Si tiene conto anche delle partecipazioni possedute dal coniuge, dai parenti entro il 3 grado e dagli affini entro il 2, nonché da società controllate ai sensi del 2359, c. 1, n. 1, c.c. (*) come definite nella Comunicazione della Commissione Europea «Orientamenti comunitari sugli aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà» (2004/C 244/02) 11

12 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Non rilevanza ai fini Irap Sulla base del tenore letterale della disposizione di cui all art. 29, D.L. 179/2012 («non concorre alla formazione del reddito dei soggetti passivi dell imposta sul reddito delle società»), e tenuto conto del silenzio del D.M. sul punto, si dovrebbe poter concludere che l agevolazione in esame non assuma rilevanza ai fini Irap. Ulteriori precisazioni Nei limiti massimi di detraibilità/deducibilità indicati, possono essere agevolati più investimenti in diverse start up nel medesimo periodo d imposta; Per le Snc e le Sas la detrazione è fruita dai soci in proporzione alle rispettive quote di partecipazione agli utili e il limite di investimento agevolabile si applica con riferimento al conferimento effettuato dalla società; Disposizioni specifiche sono dettate per i casi di investimenti da parte di società in regime di trasparenza fiscale di cui agli artt. 115 e 116 Tuir e in regime di consolidato fiscale di cui agli artt. 117 e ss. Tuir. 12

13 1. Incentivi fiscali per gli investitori art. 29, D.L. 179/2012 (segue) Adempimenti (art. 2, D.M.) Il decreto attuativo ha introdotto alcuni adempimenti a carico degli investitori e delle start up al fine di godere dell agevolazione in commento (ulteriori rispetto alla compilazione della dichiarazione dei redditi). In particolare gli investitori dovranno ricevere dalla start up e conservare la seguente documentazione: a) una certificazione della start up attestante il rispetto del limite massimo di euro 2,5 milioni; b) Una copia del piano di investimento della start up, contenente informazioni dettagliate sull oggetto dell attività, sui prodotti, nonché sull andamento delle vendite e dei profitti; c) In caso di start up a vocazione sociale ed energetiche ad alto valore tecnologico, una certificazione attestante l oggetto della propria attività. Adempimenti specifici sono poi previsti nel caso di investimenti indiretti a carico degli OICR e delle società che investono prevalentemente in start up innovative. 13

14 2. Agevolazioni fiscali per start up e incubatori certificati artt. 26, commi 4 e 8, e 27-bis, D.L. 179/2012 Alle start up innovative non si applica la disciplina delle società di comodo Sia nella versione cd. «da ricavi» (art. 30, Legge 724/1994), Sia nella versione cd. «da perdite sistemiche» (art. 2, c. da 36-decies a 36-duodecies, D.L. 138/2011). MA Nulla è disposto sulla durata dell esonero. Dovrebbe valere il principio generale di cui all art. 31, comma 4: l esonero non potrebbe più essere invocato una volta venuta meno la qualifica di start up innovativa, per sopravvenuta mancanza dei requisiti o per cessazione del termine (Nello stesso periodo d imposta o in quello successivo? Causa di esclusione o di disapplicazione?) Dal momento dell iscrizione nella sezione speciale, le start up innovative e gli incubatori certificati sono esonerati dal pagamento dell imposta di bollo e dei diritti di segreteria dovuti per gli adempimenti relativi alle iscrizioni nel Registro delle Imprese, nonché dal pagamento del diritto annuale dovuto alle CCIAA. In questo caso, la norma espressamente prevede che l esenzione sia condizionata al mantenimento dei requisiti previsti per la qualifica di start up innovativa e di incubatore certificato e cessi comunque dopo il quarto anno dall iscrizione. 14

15 2. Agevolazioni fiscali per start up e incubatori certificati artt. 26, commi 4 e 8, e 27-bis, D.L. 179/2012 (segue) Per le start up innovative e gli incubatori certificati il cd. «bonus assunzioni» (art. 24, D.L. 83/2012) presenta le seguenti particolarità: Si applica anche nel caso di contratti di apprendistato (e dunque non solo per le assunzioni a tempo indeterminato o per le trasformazioni da determinato a indeterminato); Presenta alcune semplificazioni procedurali (istanza in forma semplificata, certificazioni contabili non richieste); una quota (euro 2 milioni) dello stanziamento complessivo (50 milioni a decorrere dal 2013) è riservata prioritariamente alle start up, che possono accedervi provvisoriamente in regime «de minimis» (sino all eventuale autorizzazione della UE). Credito d imposta pari al 35% del costo aziendale sostenuto, per un periodo di 12 mesi, per le assunzioni a tempo indeterminato di personale «altamente qualificato». Destinatari: tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dimensioni aziendali, settore economico. Limite annuo per impresa: euro (non concorre al superamento del limite generale di euro previsto per i crediti da «quadro RU») 15

16 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera art. 27, D.L. 179/2012 A) Irrilevanza fiscale e contributiva delle assegnazioni di strumenti finanziari da parte di start up innovative ed incubatori certificati Destinatari «(i) gli amministratori, (ii) i lavoratori legati da un rapporto di lavoro dipendente con la start up innovativa o con l incubatore certificato, anche se a tempo determinato o part-time, nonché (iii) i collaboratori continuativi, vale a dire tutti quei soggetti, ivi inclusi i lavoratori a progetto, il cui reddito viene normalmente assimilato a quello di lavoro dipendente ai fini fiscali, diversi dai prestatori di opere e servizi» (Relazione illustrativa al Decreto 179/2012). Oggetto Assegnazione, a titolo oneroso o gratuito, non solo di azioni (v. art. 51, comma 2, lett. g, Tuir), ma anche di quote e strumenti finanziari in genere (ad es. diritti di opzione), senza limiti di valore, emessi dalla start up innovativa (o incubatore certificato). L esenzione si applica all attribuzione di strumenti finanziari emessi dalla start up innovativa (o incubatore certificato) con i quali i soggetti intrattengono il rapporto di lavoro nonché di quelli emessi da società direttamente controllate da una start up innovativa (o incubatore certificato). 16

17 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera art. 27, D.L. 179/2012 (segue) Divieto di riacquisto Gli strumenti finanziari non devono essere oggetto di riacquisto da parte delle start up (o incubatore) o di qualsiasi altro soggetto che direttamente controlla o è controllato dalla start up (o incubatore), ovvero è controllato dallo stesso soggetto che controlla la start up (o incubatore), pena il recupero a tassazione del reddito di lavoro precedentemente esentato. Decorrenza L esenzione trova applicazione con riferimento alle assegnazioni avvenute, ovvero ai diritti di opzione attribuiti ed esercitati, dopo il , data di entrata in vigore della legge di conversione del D.L. 179/2012 (Legge 221/2012). Successiva cessione Le plusvalenze realizzate mediante la cessione a titolo oneroso degli strumenti finanziari ricevuti sono assoggettate ai regimi ordinariamente applicabili. Cumulabilità con la detrazione/deducibilità dell investimento L agevolazione è cumulabile con quella di cui all art. 29, D.L. 179/2012 (art. 4, c. 9, D.M.). 17

18 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera art. 27, D.L. 179/2012 (segue) Confronto con l agevolazione di cui all art. 51, comma 2, lett. g), Tuir Art 51, comma 2, lett. g), Tuir Art. 27, D.L. 179/2012 Azioni Destinate alla «generalità dei dipendenti» (come interpretata dall AE, v. ad es. Ris. 378/2007 e Ris. 103/2012) Per un valore non superiore a euro 2.065,83 nel periodo d imposta Emesse dall impresa che impiega i lavoratori, da sue controllate, controllanti o «sorelle», anche indirette Divieto di riacquisto e divieto di cessione a terzi per tre anni Strumenti finanziari Destinati anche a singoli soggetti Senza limiti di valore Emessi dalla start up che impiega i lavoratori o da un controllata diretta Divieto di riacquisto, ma libertà di cessione a terzi fin da subito 18

19 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera art. 27, D.L. 179/2012 (segue) Problematiche applicative - 1 Calcolo del risultato della cessione a terzi A proposito dell art. 51, comma 2, lett. g), Tuir, l AF, nella circ. n. 30/2000, ha precisato che «in caso di successiva cessione a titolo oneroso delle azioni ricevute, la plusvalenza si determina confrontando il corrispettivo percepito e il valore normale delle azioni al momento dell assegnazione, a condizione che detto valore sia stato assoggettato a tassazione a titolo di lavoro dipendente. Pertanto, il valore normale delle azioni non assoggettato a tassazione al momento dell assegnazione non può essere scomputato dal corrispettivo di cessione» e quindi «l intero importo del corrispettivo percepito costituisce plusvalenza ( ). Naturalmente si deve in ogni caso tener conto delle eventuali somme corrisposte dal dipendente a fronte dell assegnazione delle azioni». Se si aderisce a questa tesi, l agevolazione di cui all art. 27, D.L.179/2012 consisterebbe, come quella prevista dal Tuir, non in una detassazione definitiva, ma in un differimento della tassazione, con spostamento in altra categoria reddituale (da reddito di lavoro dipendente a reddito diverso). 19

20 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera art. 27, D.L. 179/2012 (segue) Problematiche applicative - 2 Effetti in caso di riacquisto (decadenza dell agevolazione) Secondo quanto chiarito nella Relazione al Decreto, qualora venga violato il divieto di riacquisto, «l intero valore degli strumenti finanziari ( ) che non è stato assoggettato a tassazione al momento dell assegnazione ( ), sarà assoggettato a tassazione quale reddito di lavoro nel periodo d imposta in cui si verifica la cessione. A tale fine, pertanto, rileverà il valore che gli strumenti finanziari ( ) avevano al momento dell assegnazione ( ) e non il diverso valore che tali strumenti finanziari ( ) avevano al momento della cessione». L eventuale plusvalore (differenza tra corrispettivo e valore assoggettato a tassazione per effetto di quanto sopra) costituisce capital gain (tassabile ai sensi dell art. 67, c. 1, lett. c e c-bis, Tuir). Effetto penalizzante qualora emerga una minusvalenza (in quanto non compensabile con il reddito di lavoro derivante dalla decadenza) Opportunità di predisporre una valutazione sul valore di quanto attribuito? 20

21 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera art. 27, D.L. 179/2012 (segue) Problematiche applicative - 3 Efficacia nel tempo In base all art. 31, comma 4, del D.L. 179/2012, la disciplina sulle start up innovative cessa di essere efficace qualora vengano meno i requisiti previsti dalla norma ed in ogni caso, una volta decorsi 4 anni dalla costituzione. In conseguenza di ciò, è da ritenere che Una volta cessata l efficacia, non dovrebbe più essere possibile assegnare di strumenti finanziari godendo dell esenzione; Per le assegnazioni già avvenute, la disciplina agevolativa dovrebbe conservare efficacia nella sua interezza (ipotesi di decadenza compresa); Dato il riferimento testuale alle sole start up, la questione non dovrebbe riguardare gli incubatori certificati, che quindi potrebbero assegnare strumenti finanziari in esenzione anche oltre il termine quadriennale. 21

22 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera art. 27, D.L. 179/2012 (segue) B) Irrilevanza fiscale degli apporti di opere e servizi e di relativi crediti Apporti di opere e servizi in una start up o in un incubatore certificato S.p.A.: S.r.l.: emissione di strumenti finanziari partecipativi con diritti patrimoniali o anche amministrativi ma senza diritto di voto nell assemblea dei soci (art. 2346, c. 6, c.c.). Divieto di imputazione a capitale (art. 2342, c.5, c.c.) emissione di quote (con garanzia assicurativa o fideiussoria) (art. 2464, c. 6, c.c.), ovvero emissione di strumenti finanziari partecipativi con diritti patrimoniali o anche amministrativi ma senza diritto di voto nell assemblea dei soci (art. 26, comma 7, D.L. 179/2012). Apporti di crediti derivanti dalla prestazione di opere e servizi S.p.A./S.r.l. emissione di azioni/quote, ovvero emissione di strumenti finanziari partecipativi 22

23 3. Agevolazioni fiscali per i lavoratori, collaboratori e prestatori d opera art. 27, D.L. 179/2012 (segue) B) Irrilevanza fiscale degli apporti di opere e servizi e di relativi crediti La Circolare 10/2005 dell AE aveva già riconosciuto la non imponibilità degli apporti di opere e servizi nelle S.p.A. a fronte dell emissione di strumenti finanziari partecipativi, sulla base di due argomentazioni: La S.p.A. che riceve l apporto non può iscrivere alcun valore nel proprio attivo di bilancio, non potendosi determinare alcun incremento di patrimonio in forza del divieto di cui all art. 2342, c. 5, c.c. (escludendo quindi la possibilità di un «salto d imposta», che si verificherebbe a seguito del riconoscimento in capo alla conferitaria dei maggiori valori fiscali dei beni conferiti); L art. 9, comma 2, Tuir fa riferimento soltanto al conferimento di «beni» e «crediti» e non risulta quindi applicabile agli apporti di «opere» e «servizi». La disposizione di cui all art. 27, comma 4, D.L. 179/2012 estende l irrilevanza fiscale anche all apporto di opere e servizi a favore di S.r.l., sia quando dà luogo ad emissione di strumenti finanziari partecipativi (permessa alle S.r.l. solo se start up o incubatori) sia quando viene imputato a capitale sociale. In assenza di tale estensione, avrebbe trovato applicazione il meccanismo delineato dall AE con Ris. n. 35/2005 (graduale deduzione da parte della società del costo corrispondente alla parte di prestazione ricevuta e tassazione del medesimo importo in capo al prestatore, con le modalità proprie dell attività svolta da quest ultimo). Anche in questo caso, le plusvalenze realizzate mediante la cessione a titolo oneroso degli strumenti finanziari ricevuti sono assoggettate ai regimi ordinariamente applicabili. 23

Le agevolazioni fiscali

Le agevolazioni fiscali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO START UP INNOVATIVE E CROWDFUNDING Le agevolazioni fiscali Cristina Erminero 17 Dicembre 2014 Oggetto dell agevolazione fiscale Soggetti passivi IRPEF DETRAZIONE

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 01/2013 Oggetto LE START-UP INNOVATIVE E IL CREDITO DI IMPOSTA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO DIGITALI Sommario

Dettagli

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA Paolo Maria Farina Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA GLI INCENTIVI FISCALI PER LE START-UP INNOVATIVE. Con la pubblicazione del decreto interministeriale, è finalmente operativo

Dettagli

L idea del Legislatore è semplice quanto geniale : sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di R&S.

L idea del Legislatore è semplice quanto geniale : sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di R&S. Start up innovative, tutte le agevolazioni fiscali Una delle colonne portanti del nuovo D.L. Sviluppo è costituita dall introduzione di una nuova figura di società, le c.d. start up innovative (e i relativi

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Circolare N. 39 del 11 Marzo 2016

Circolare N. 39 del 11 Marzo 2016 Circolare N. 39 del 11 Marzo 2016 Start Up innovative: conferma agli incentivi sugli investimenti effettuati nel 2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Commissione UE ha recentemente

Dettagli

1. Condizioni, requisiti e deroghe

1. Condizioni, requisiti e deroghe Sommario 1. Condizioni, requisiti e deroghe INQUADRAMENTO GENERALE 1 DEFINIZIONE E REQUISITI 2 1. Forma societaria 2 1.1 Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) 3 2. Requisiti cumulativi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 39 del 11 Marzo 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Start Up innovative: conferma agli incentivi sugli investimenti effettuati nel 2016 Gentile cliente, con la presente

Dettagli

La disciplina fiscale delle Start-up

La disciplina fiscale delle Start-up S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PER UN RILANCIO DELLE PMI: STRUMENTI, FINANZIAMENTI, MERCATI ED INCENTIVI FISCALI La disciplina fiscale delle Start-up Dott. Attilio Picolli 7 Febbraio 2013,

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Pagina 1 di 8 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 25 febbraio 2016 Modalita' di attuazione dell'articolo 29 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Start-up Innovative: Dott.ssa Eleonora Briolini. Milano 19 novembre 2012

Start-up Innovative: Dott.ssa Eleonora Briolini. Milano 19 novembre 2012 Start-up Innovative: tutte le agevolazioni fiscali Dott.ssa Eleonora Briolini Milano 19 novembre 2012 Misure agevolative Le agevolazioni fiscali contenute nel D.l. 18 ottobre 2012 n. 179 ( il Decreto )

Dettagli

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Ai gentili clienti Loro sedi Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Con il DL n. 3 del 24.01.2015 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo regime

Dettagli

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge.

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge. Circolare del 31 Ottobre 2012 Pag. 1 di 5 Circolare Numero 43/2012 Oggetto D.L. 179/2012 C.D. NUOVO DECRETO CRESCITA Sommario Nuove misure del governo per stimolare la crescita imprenditoriale e produttiva

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali

Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali di Rita Friscolanti e Bruno Pagamici La novità Con il decreto nascono le start-up innovative, destinate a contribuire alla crescita sostenibile, alla

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 41 del 19 Marzo 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Start-Up innovative: le agevolazioni e gli investimenti ammessi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO UNICO 2014 Prospetto per deduzioni e detrazioni da start-up nell UNICO 2014 Antonio Mastroberti - Esperto fiscale NOVITA " RIFERIMENTI "

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014

DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014 Borgo S. Spirito, 78 00193 Roma Tel. 0668.000.1 Fax. 0668.134.236 DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014 Prot. n. 2730/tdv Oggetto: AGEVOLAZIONI

Dettagli

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino Torino, lunedì 20 ottobre 2014 LE PRINCIPALI AGEVOLAZIONI DI CUI AL D.L. N. 179/2012

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 8 febbraio 2013 LA START-UP INNOVATIVA E INCUBATORE CERTIFICATO SCADENZA 16.02.2013 Gli articoli dal 25 al 32 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito

Dettagli

INVESTMENT COMPACT. Novità per PMI innovative. Unindustria 28 aprile 2015 1

INVESTMENT COMPACT. Novità per PMI innovative. Unindustria 28 aprile 2015 1 INVESTMENT COMPACT Novità per PMI innovative Unindustria 28 aprile 2015 1 LEGGE 33/2015 Il DL 3/2015 convertito in Legge 33/2015 estende alle PMI innovative i benefici riconosciuti alle start up innovative

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, recante il testo unico delle imposte sui redditi;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, recante il testo unico delle imposte sui redditi; Decreto Ministeriale 30 gennaio 2014 Modalità di attuazione dell'articolo 29, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, in materia

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 41 14.05.2015 Le detrazioni per investimenti in start-up innovative L ipotesi di decadenza dall agevolazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Incentivi fiscali all investimento in start-up innovative. Relazione illustrativa

Incentivi fiscali all investimento in start-up innovative. Relazione illustrativa Incentivi fiscali all investimento in start-up innovative Relazione illustrativa 1. Il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (cd. crescita bis), recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese,

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO D.M. 30 gennaio 2014 (1). Modalità di attuazione dell'articolo 29, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, in materia di incentivi

Dettagli

Con l occasione, il legislatore è intervenuto con alcune variazione e integrazioni sulla disciplina fino ad ora in vigore.

Con l occasione, il legislatore è intervenuto con alcune variazione e integrazioni sulla disciplina fino ad ora in vigore. Start up innovative: gli incentivi 2016 Decreto Ministero, Economia e finanze 25/02/2016, G.U. 11/04/2016 Pubblicato il 27/04/2016 E arrivata finalmente l estensione ufficiale all anno 2016 delle agevolazioni

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale

Studio Associato di Consulenza Aziendale Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI TITOLO VI TITOLO VII DISPOSIZIONI GENERALI DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI Art. 41. 1. I componenti del Direttorio e tutti i dipendenti dell Istituto non possono svolgere attività nell interesse di banche,

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata modificata la previgente disciplina in tema di Srl minori comportando

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina studio ciraci - gaviraghi e associati consulenza del lavoro, aziendale e tributaria rag. antonietta ciraci dott. antonello gaviraghi fabrizia pontara consulente del lavoro consulente del lavoro consulente

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

Circolare N. 162 del 10 Dicembre 2014

Circolare N. 162 del 10 Dicembre 2014 Circolare N. 162 del 10 Dicembre 2014 DL Sblocca Italia - le nuove agevolazioni sull acquisto degli immobili Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il DL sblocca Italia (n. 133

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

Agevolazioni fiscali per gli investimenti nelle start-up innovative

Agevolazioni fiscali per gli investimenti nelle start-up innovative Focus di pratica professionale di Luigi Scappini Agevolazioni fiscali per gli investimenti nelle start-up innovative Il D.L. n.179/12, noto come Decreto crescita bis aveva introdotto le start up innovative,

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

TREMONTI-TER. art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09. Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com. Studio De Vito & Associati

TREMONTI-TER. art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09. Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com. Studio De Vito & Associati TREMONTI-TER art. 5 D.L. 78/ 09 C.M. 44/ 09 Dott. Davide Tersigni d.tersigni@devitoeassociati.com 1 D.L. 01-07-2009, n. 78 Art. 5 - Detassazione degli investimenti in macchinari (testo in vigore dal 5

Dettagli

Stock Options e Work for Equity

Stock Options e Work for Equity Gli strumenti di remunerazione e incentivazione: Stock Options e Work for Equity Avv. Stefano Ferri Dott. Andrea Rocchi Gruppo di lavoro «StartUp» CCIAA di Reggio Emilia Palazzo Scaruffi - 22 maggio 2015

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 25 del 16 dicembre 2011 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI NATALIZI L avvicinarsi delle festività natalizie rappresenta l occasione da parte di aziende

Dettagli

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014 La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società Roma, 18 marzo 2014 La start-up innovativa Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (legge 17 dicembre 2012, n. 221, artt. 25-32) Favorire la nascita,

Dettagli

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Incentivi Smart & Start.Iil futuro guarda alle Start-up innovative Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha introdotto

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO

DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA STARTUP INNOVATIVE ALBERTO PERONI MARTEDI 28 OTTOBRE 2014 Cosa sono le STARTUP INNOVATIVE?

Dettagli

Imprese innovative Walter Rotondaro Walter Rotondaro dottore commercialista

Imprese innovative Walter Rotondaro Walter Rotondaro dottore commercialista Imprese innovative A cura di: Walter Rotondaro Dottore Commercialista Politecnico di Torino 23 novembre 2012 Quadro normativo DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179 Articoli 25-32 in vigore dal 20 ottobre

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio Normativa Art.7 co. 2 del DL 13.5.2011 n. 70, convertito nella L.12.7.2011 n. 106: Termine per la rivalutazione delle

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali Massimiliano Sironi 23 Settembre 2015 Milano Premessa L inquadramento fiscale del recesso del socio

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Circolare 20. del 29 luglio 2015. School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE

Circolare 20. del 29 luglio 2015. School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE Circolare 20 del 29 luglio 2015 School bonus e detrazione IRPEF per le spese scolastiche Novità della L. 13.7.2015 n. 107 INDICE 1 Premessa... 2 2 Credito d imposta per le erogazioni liberali agli istituti

Dettagli

Siamo (ri) partiti da.

Siamo (ri) partiti da. Siamo (ri) partiti da... Piano d azione 2020 per l imprenditorialità della Commissione Europea del gennaio 2013 afferma : Per riportare l Europa sul sentiero della crescita e su più alti livelli occupazionali

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione

Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Le norme tributarie disciplinanti la liquidazione Art. 182 Tuir: regole di determinazione del reddito d impresa durante la fase di liquidazione; Art. 17 e 21 Tuir: condizioni e modalità per la tassazione

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

Roma, 6 dicembre 2011

Roma, 6 dicembre 2011 CIRCOLARE N.53/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 dicembre 2011 OGGETTO: Chiarimenti in tema di trattamento fiscale delle perdite d impresa ai sensi del decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011, convertito

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 START-UP INNOVATIVE Le start-up innovative sono imprese innovative ad alto valore tecnologico introdotte con il decreto legge 18 Ottobre 2012 n 179, aventi

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

Definizione di start up innovativa e novità societarie

Definizione di start up innovativa e novità societarie Definizione di start up innovativa e novità societarie 11 febbraio 2013 Di Antonia Verna, Giuseppe Battaglia, Luca Gambini e Dario Morelli Q&A PER START- UP INNOVATIVE DOMANDE La start up innovativa è

Dettagli

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato:

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: Definizione È: Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia le cui azioni

Dettagli

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Circolare 8 del 3 marzo 2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... 2 3 Ambito oggettivo di applicazione...

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI

FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI 20 MARZO 1 FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI Esame dell agevolazione alla luce anche dei chiarimenti contenuti nella circolare dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

In linea generale della disciplina di favore prevista per le start-up innovative si può

In linea generale della disciplina di favore prevista per le start-up innovative si può Circolare Clienti n. 4/2013 Milano, 4 marzo 2013 OGGETTO: DISCIPLINA DELLA START-UP INNOVATIVA 1. PREMESSA Con gli artt. 25-32 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 1, (c.d. Decreto Crescita 2.0 di seguito

Dettagli

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura 1 PREMESSA L art. 1 del DL 31.5.2014 n. 83, entrato in vigore l 1.6.2014 e convertito nella L. 29.7.2014 n. 106, ha introdotto

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

Assegnazione e cessione beni ai soci

Assegnazione e cessione beni ai soci MAP Assegnazione e cessione beni ai soci Le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 A cura di Alberto Marengo Dottore Commercialista in Torino L articolo esamina la disciplina introdotta dalla

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA

LA TREMONTI-TER TER. Dott. Giampiero GUARNERIO AGENDA LA TREMONTI-TER TER Dott. Giampiero GUARNERIO Diretta 17 maggio 2010 AGENDA Che cosa è la Tremonti-ter Principali differenze rispetto alle precedenti versioni Quali soggetti ne possono beneficiare Quali

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015 Como, 3.3.2015 INFORMATIVA N. 11/2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... pag. 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli