CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)"

Transcript

1 CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE Codice Istat Denominazione (precompilato, non modificabile) Sito internet (precompilato, non modificabile) Forma giuridica Regione Società a responsabilità limitata (S.r.l.) a prevalente capitale pubblico 0... Società a responsabilità limitata (S.r.l.) a prevalente capitale privato Società consortile S.r.l. a prevalente capitale pubblico. Comunità montana..... Società consortile S.r.l. a prevalente capitale privato... Azienda speciale (art. Legge 8 giugno 990, n. )... Società consortile S.p.A. a prevalente capitale pubblico... Azienda speciale consortile... 6 Società consortile S.p.A. a prevalente capitale privato. Consorzio... 7 Società cooperativa a r. l. a prevalente capitale pubblico... 6 Società per azioni (S.p.A.) a prevalente capitale pubblico 8 Società cooperativa a r. l. a prevalente capitale privato. 7 Società per azioni (S.p.A.) a prevalente capitale privato... 9 Altro (specificare) Codice fiscale / Partita IVA L ente è affidatario del servizio idrico integrato? Sì No. SEDE AMMINISTRATIVA Indirizzo Civico Cap. REFERENTI DELLA RILEVAZIONE Nome Cognome Telefono . CONFERMARE I DATI DEI QUESITI, e ENTRO IL 0 APRILE 0 cliccando sul pulsante Conferma dati Conferma dati Istruzioni per la compilazione Nelle sezioni che seguono sono precompilate alcune informazioni relative ai singoli impianti gestiti, come risultano nel sistema informativo Istat. È possibile aggiungere ulteriori moduli per gli impianti acquisiti dopo il 008 utilizzando la funzione "aggiungi modulo" presente nel riepilogo di ogni sezione. Qualora l'impianto non sia più gestito, è possibile indicarlo nell'apposito quesito all'interno del modulo. Vi ricordiamo di consultare le istruzioni complete per la compilazione presenti sul sito https://indata.istat.it/acqua

2 SEZIONE B - FONTE DI APPROVVIGIONAMENTO DI ACQUA PER USO POTABILE (compilare un modulo per ogni fonte di approvvigionamento gestita). DATI IDENTIFICATIVI DELLA FONTE Identificativo Istat Identificativo gestore Denominazione della fonte (precompilato, non modificabile) della fonte della fonte Tipologia della fonte Sorgente Lago naturale Pozzo Bacino artificiale Corso d acqua superficiale Acque marine o salmastre HA GESTITO QUESTA FONTE NEL CORSO DEL 0? Sì (Se Sì) Per quanti mesi nel 0 ha gestito la fonte? _ _ (-) No (Se non gestisce più o se ha gestito per meno di mesi nel 0) 7. QUALE ENTE HA ACQUISITO LA GESTIONE DELLA FONTE? Denominazione del nuovo gestore (visualizzare la lista dei gestori) Se il gestore non è nell elenco, inserire la denominazione Indirizzo Civico Cap 8. CONFERMARE I DATI DEI QUESITI, 6 e 7 ENTRO IL 0 APRILE 0 cliccando sul pulsante Conferma dati Conferma dati Se nel 0 non è stata gestita questa fonte di approvvigionamento la compilazione del modulo termina qui. Continuare quindi con la compilazione di un altro modulo, altrimenti proseguire con i quesiti successivi. 9. LOCALIZZAZIONE DELLA FONTE Coordinata X _ _ _ _ _ _ _ Coordinata Y _ _ _ _ _ _ _ Sistema di coordinate UTM ED Gauss Boaga (Roma 0) UTM WGS8.. Altro (specificare).. (Se il sistema di coordinate è UTM ED 0 oppure UTM WGS8, specificare il fuso) 0. Fuso UTM ED 0/WGS8 Fuso.. Fuso.. Fuso.. (Se il sistema di coordinate è Gauss Boaga, specificare il fuso). Fuso Gauss Boaga Fuso E.. Fuso W..

3 . VOLUME ANNUO DI ACQUA PRELEVATA PER USO POTABILE Volume di acqua prelevata Il volume di acqua è stato misurato? (se risposto alle modalità o del quesito precedente) Volume di acqua misurato In continuo per mesi.. In continuo per 6- mesi. In continuo per - mesi.. Misurato per meno di un mese/non misurato. L ACQUA PRELEVATA È STATA SOTTOPOSTA AD UN TRATTAMENTO DI POTABILIZZAZIONE? Il solo processo di disinfezione (clorazione o altra metodologia) non costituisce trattamento di potabilizzazione Sì ; No (Se Sì). VOLUME ANNUO DI ACQUA POTABILIZZATA Volume di acqua potabilizzata Il volume di acqua è stato misurato? (se risposto alle modalità o del quesito precedente) Volume di acqua misurato In continuo per mesi.. In continuo per 6- mesi. In continuo per - mesi.. Misurato per meno di un mese/non misurato SEZIONE B ALTRE FONTI DI APPROVVIGIONAMENTO DI ACQUA PER USO POTABILE. Dal sistema informativo Istat risulta che nei comuni di seguito elencati sono presenti anche altre tipologie di fonti di approvvigionamento. Confermare nella tabella sottostante la gestione, quindi inserire le fonti nella sezione precedente (sezione B), se non è stato già fatto. Se la tabella è vuota proseguire con la sezione successiva. di prelievo di prelievo Tipologia di fonte Gestione Sì No Sì No Sì No SEZIONE C ADDUZIONI E SCAMBI DI ACQUA PER USO POTABILE ACQUA POTABILE ADDOTTA 6. VOLUME ANNUO DI ACQUA PER USO POTABILE ADDOTTA AI COMUNI NON SERVITO di adduzione di adduzione Volume complessivo di acqua potabile ADDOTTA Il volume di acqua è stato misurato? (se misurato In parte ) Volume di acqua MISURATO Totalmente. In parte.. Non misurato In parte.. Totalmente. Non misurato.... In parte.. Totalmente. Non misurato.... Se un comune servito non è presente nell'elenco proposto, inserirlo nella tabella sottostante

4 7. VOLUME ANNUO DI ACQUA PER USO POTABILE ADDOTTA AI COMUNI non compresi in elenco (se misurato In parte ) Volume complessivo di di di Il volume di acqua è Volume acqua potabile adduzione adduzione misurato? di acqua ADDOTTA MISURATO Totalmente. In parte.. Non misurato. Totalmente. In parte.. Non misurato. Totalmente. In parte.. Non misurato. (Aggiungi riga ) 8. CONFERMARE I COMUNI SERVITI RIPORTATI NELLE TABELLE 6 e 7 ENTRO IL 0 APRILE 0 cliccando sul pulsante Conferma dati Conferma dati 9. VOLUME ANNUO DI ACQUA PER USO POTABILE ADDOTTA ALL INGROSSO PER USI DIVERSI DAL CIVILE (se misurato In parte ) Volume complessivo di Il volume di acqua Volume Uso acqua potabile è stato misurato? di acqua ADDOTTA MISURATO - Agricolo e zootecnico In parte.. Totalmente. Non misurato Industriale In parte.. Totalmente. Non misurato - Altro uso (specificare) In parte. Totalmente. Non misurato - Totale In parte. Totalmente. Non misurato... ACQUA POTABILE RICEVUTA E CEDUTA 0. VOLUME ANNUO DI ACQUA PER USO POTABILE RICEVUTA DA ALTRI GESTORI DEI SERVIZI IDRICI Volume complessivo di Denominazione del gestore da cui si RICEVE ACQUA Codice del gestore acqua potabile RICEVUTA (Visualizzare la lista dei gestori. Se il gestore non è presente nella lista, inserire la denominazione dell Ente nel quesito successivo) (Aggiungi riga ) (in automatico, non visibile). VOLUME ANNUO DI ACQUA PER USO POTABILE RICEVUTA DA ALTRI GESTORI DEI SERVIZI IDRICI non compresi in elenco Denominazione del gestore da cui si RICEVE ACQUA Volume complessivo di acqua potabile RICEVUTA. VOLUME ANNUO DI ACQUA PER USO POTABILE CEDUTA AD ALTRI GESTORI DEI SERVIZI IDRICI ESCLUSI I COMUNI Volume complessivo di Denominazione del gestore a cui si CEDE ACQUA Codice del gestore acqua potabile CEDUTA (Visualizzare la lista dei gestori. Se il gestore non è presente nella lista, inserire la denominazione dell Ente nel quesito successivo) (Aggiungi riga ) (in automatico, non visibile)

5 . VOLUME ANNUO DI ACQUA PER USO POTABILE CEDUTA AD ALTRI GESTORI DEI SERVIZI IDRICI ESCLUSI I COMUNI non compresi in elenco Denominazione del gestore a cui si CEDE ACQUA. LUNGHEZZA TOTALE DELLE CONDOTTE ADDUTTRICI _ _ _ _ _ km Volume complessivo di acqua potabile CEDUTA SEZIONE D - RETE DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE (compilare un modulo per ogni rete di distribuzione comunale gestita). DATI IDENTIFICATIVI DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE Identificativo Istat (precompilato, non modificabile) 6. HA GESTITO QUESTA RETE NEL CORSO DEL 0? Sì. (Se Sì) Per quanti mesi nel 0 ha gestito la rete? _ _ (-) No (Se non gestisce più o se ha gestito per meno di mesi nel 0) 7. QUALE ENTE HA ACQUISITO LA GESTIONE DELLA RETE? Denominazione del nuovo gestore (visualizzare la lista dei gestori) Se il gestore non è nell elenco, inserire la denominazione 8. Indirizzo Civico Cap 9. CONFERMARE I DATI DEI QUESITI, 6, 7, 8 ENTRO IL 0 APRILE 0 cliccando sul pulsante Conferma dati Conferma dati Se nel 0 non è stata gestita questa rete di distribuzione la compilazione del modulo termina qui. Continuare quindi con la compilazione di un altro modulo, altrimenti proseguire con i quesiti successivi. 0. VOLUME ANNUO DI ACQUA POTABILE IMMESSA COMPLESSIVAMENTE NELLA RETE Volume di acqua immessa Il volume di acqua è stato misurato? Totalmente In parte. Non misurato (se misurato In parte ) Volume di acqua misurato. VOLUME ANNUO DI ACQUA POTABILE EROGATA Volume di acqua erogata Il volume di acqua è stato misurato? Totalmente In parte. Non misurato (se misurato In parte ) Volume di acqua misurato

6 . VOLUME ANNUO DI ACQUA FATTURATA DI COMPETENZA 0 E NUMERO DI UTENTI SERVITI USO (se misurato In parte ) Volume di acqua Il volume di acqua è Volume di acqua Numero di FATTURATA MISURATO? MISURATO UTENTI SERVITI In parte. _ _ _ _ _ _ _ - Civile: domestico Totalmente.... Non misurato.... In parte. _ _ _ _ _ _ _ - Civile: non domestico Totalmente TOTALE USO CIVILE Non misurato.... Totalmente.... In parte. Non misurato Agricolo e zootecnico Totalmente.... In parte. Non misurato Industriale In parte. Totalmente TOTALE USO PRODUTTIVO 7 - Altro uso (specificare). Non misurato.... Totalmente.... In parte. Non misurato.... Totalmente.... In parte. Non misurato TOTALE In parte. Totalmente.... Non misurato..... INFORMAZIONI SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE COMUNALE _. Percentuale di popolazione residente servita dalla rete di distribuzione comunale _ _ _ % _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _. Lunghezza totale delle condotte della rete di distribuzione comunale (esclusi gli allacciamenti) _ _ _ _ km _. Numero di allacciamenti nella rete di distribuzione comunale _ _ _ _ _. Lunghezza degli allacciamenti nella rete di distribuzione comunale _ _ _ _ km _. Pressione media d esercizio della rete di distribuzione comunale _ _ _ _ _ _ _ m SEZIONE E - RETE FOGNARIA (compilare un modulo per ogni rete fognaria comunale gestita). DATI IDENTIFICATIVI DELLA RETE FOGNARIA Identificativo Istat (precompilato, non modificabile). HA GESTITO QUESTA RETE NEL CORSO DEL 0? Sì (Se Sì) Per quanti mesi nel 0 ha gestito la rete? _ _ (-) No (Se non gestisce più o se ha gestito per meno di mesi nel 0) 6. QUALE GESTORE HA ACQUISITO LA GESTIONE DELLA RETE? Denominazione del nuovo gestore (visualizzare la lista dei gestori) Se il gestore non è nell elenco, inserire la denominazione 7. Indirizzo Civico Cap 8. CONFERMARE I DATI DEI QUESITI,, 6, 7 ENTRO IL 0 APRILE 0 cliccando sul pulsante Conferma dati Conferma dati Se nel 0 non è stata gestita questa rete fognaria la compilazione del modulo termina qui. Continuare quindi con la compilazione di un altro modulo, altrimenti proseguire con i quesiti successivi. 6

7 COMUNE SERVITO 9. Tipologia della rete fognaria Totalmente mista.. Compresenza di tipologia mista e separata. Totalmente separata Utenze allacciate alla rete fognaria comunale Numero utenze civili allacciate Numero utenze produttive allacciate _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _. Popolazione servita dalla rete fognaria comunale Percentuale di popolazione residente servita _ _ _ %. Acque reflue in ingresso VOLUME MEDIO ANNUO DI ACQUE REFLUE confluite nella rete fognaria in tempo asciutto CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI BOD nelle acque confluite nella rete fognaria in tempo asciutto _ _ _ _ _ _ _ _ m _ _ _ _ _ mg/l. Destinazione dello scarico delle acque reflue confluite nella rete fognaria comunale (distribuzione percentuale) Impianto di depurazione _ _ _ % Corso d acqua superficiale _ _ _ % Lago naturale _ _ _ % Bacino artificiale _ _ _ % Acque di transizione _ _ _ % Mare _ _ _ % Condotta sottomarina con scarico al largo _ _ _ % Suolo _ _ _ % Totale 0 0 %. AGGLOMERATI SERVITI (tabella da ripetere per ogni agglomerato) IDENTIFICATIVO AGGLOMERATO DENOMINAZIONE AGGLOMERATO SERVITO TIPOLOGIA DELLA RETE FOGNARIA Numero utenze civili allacciate Numero utenze produttive allacciate Sì No Totalmente mista.. Compresenza di tipologia mista e separata. Totalmente separata UTENZE ALLACCIATE ALLA RETE FOGNARIA _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ POPOLAZIONE SERVITA DALLA RETE FOGNARIA DELL AGGLOMERATO Percentuale di popolazione residente servita _ _ _ % VOLUME MEDIO ANNUO DI ACQUE REFLUE confluite nella rete fognaria in tempo asciutto ACQUE REFLUE IN INGRESSO _ _ _ _ _ _ _ _ m CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI BOD nelle acque confluite nella rete fognaria in tempo asciutto _ _ _ _ _ mg/l DESTINAZIONE DELLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE CONFLUITE NELLA RETE FOGNARIA DELL AGGLOMERATO (distribuzione percentuale) Impianto di depurazione _ _ _ % Corso d acqua superficiale _ _ _ % Lago naturale _ _ _ % Bacino artificiale _ _ _ % Acque di transizione _ _ _ % Mare _ _ _ % Condotta sottomarina con scarico al largo _ _ _ % Suolo _ _ _ % Totale 0 0 % Se un agglomerato servito non è presente nell'elenco proposto, inserirlo nella tabella sottostante 7

8 . AGGLOMERATI SERVITI non compresi in elenco (tabella da ripetere per ogni agglomerato) DENOMINAZIONE AGGLOMERATO TIPOLOGIA DELLA RETE FOGNARIA Numero utenze civili allacciate Numero utenze produttive allacciate Totalmente mista.. Compresenza di tipologia mista e separata. Totalmente separata UTENZE ALLACCIATE ALLA RETE FOGNARIA _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ POPOLAZIONE SERVITA DALLA RETE FOGNARIA DELL AGGLOMERATO Percentuale di popolazione residente servita _ _ _ % VOLUME MEDIO ANNUO DI ACQUE REFLUE confluite nella rete fognaria in tempo asciutto CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI BOD nelle acque confluite nella rete fognaria in tempo asciutto ACQUE REFLUE IN INGRESSO _ _ _ _ _ _ _ _ m _ _ _ _ _ mg/l DESTINAZIONE DELLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE CONFLUITE NELLA RETE FOGNARIA DELL AGGLOMERATO (distribuzione percentuale) Impianto di depurazione _ _ _ % Corso d acqua superficiale _ _ _ % Lago naturale _ _ _ % Bacino artificiale _ _ _ % Acque di transizione _ _ _ % Mare _ _ _ % Condotta sottomarina con scarico al largo _ _ _ % Suolo _ _ _ % Totale 0 0 % SEZIONE F - IMPIANTO DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE 6. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Identificativo Istat Denominazione (precompilato, non modificabile) Indirizzo Civico 7. HA GESTITO QUESTO IMPIANTO NEL CORSO DEL 0? Sì (Se Sì) Per quanti mesi nel 0 ha gestito l impianto? _ _ (-) No (Se non gestisce più o se ha gestito per meno di mesi nel 0) 8. QUALE ENTE HA ACQUISITO LA GESTIONE DELL IMPIANTO? Denominazione del nuovo gestore (visualizzare la lista dei gestori) Se il gestore non è nell elenco, inserire la denominazione 9. Indirizzo Civico Cap Se nel 0 non è stata gestito questo impianto di depurazione la compilazione del modulo termina qui. Continuare quindi con la compilazione di un altro modulo, altrimenti proseguire con i quesiti successivi. 8

9 0. STATO DELL IMPIANTO AL //0 In esercizio... Non in esercizio... Dismesso In ristrutturazione NUMERO MESI D ESERCIZIO NEL 0 _ _ (0-). TIPOLOGIA DI TRATTAMENTO Primario Secondario Trattamento più avanzato a valle dei precedenti Vasca Imhoff (Se ha risposto Trattamento più avanzato a valle dei precedenti ). TRATTAMENTO DI TIPO AVANZATO Sì No Rimozione azoto Rimozione fosforo. ABITANTI EQUIVALENTI SERVITI ABITANTI EQUIVALENTI ABITANTI EQUIVALENTI ABITANTI EQUIVALENTI CIVILI INDUSTRIALI TOTALI DI PROGETTO _ _ _ _ _ _ _ _ EFFETTIVI _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _. COMUNI SERVITI DALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE NON SERVITO servita servito Distribuzione percentuale del volume di acqua trattata per comune. La somma delle percentuali SU TUTTI I COMUNI SERVITI deve essere pari a 00 _ _ _ % _ _ _ % _ _ _ % Se un comune servito non è presente nell'elenco proposto, inserirlo nella tabella sottostante. COMUNI SERVITI DALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE non compresi in elenco servita (Aggiungi riga ) servito Distribuzione percentuale del volume di acqua trattata per comune. La somma delle percentuali SU TUTTI I COMUNI SERVITI deve essere pari a 00 _ _ _ % _ _ _ % _ _ _ % 6. CONFERMARE I DATI DEI QUESITI da 6 a ENTRO IL 0 APRILE 0 cliccando sul pulsante Conferma dati Conferma dati 7. AGGLOMERATI SERVITI DALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE NON SERVITO Agglomerato servito Percentuale di acqua reflua, collettata nella rete fognaria dell agglomerato, trattata nell impianto di depurazione _ _ _ % _ _ _ % _ _ _ % Se un agglomerato servito non è presente nell'elenco proposto, inserirlo nella tabella sottostante 8. AGGLOMERATI SERVITI DALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE non compresi in elenco _ _ _ % _ _ _ % _ _ _ % Agglomerato Percentuale di acqua reflua, collettata nella rete fognaria servito dell agglomerato, trattata nell impianto di depurazione (Aggiungi riga ) 9

10 9. LOCALIZZAZIONE DELL IMPIANTO Coordinata X _ _ _ _ _ _ _ Coordinata Y _ _ _ _ _ _ _ Sistema di coordinate UTM ED Gauss Boaga (Roma 0) UTM WGS8.. Altro (specificare).. (Se il sistema di coordinate è UTM ED 0 oppure UTM WGS8, specificare il fuso) 60. Fuso UTM ED 0/WGS8 Fuso.. Fuso.. Fuso.. (Se il sistema di coordinate è Gauss Boaga, specificare il fuso) 6. Fuso Gauss Boaga Fuso E.. Fuso W.. 6. DESTINAZIONE DELLO SCARICO DESTINAZIONE Sì No - Corso d acqua superficiale - Lago naturale - Bacino artificiale - Acque di transizione - Mare 6 - Suolo 7 - Altro (specificare).. 6. TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO TRATTAMENTO Sì No - Disinfezione UV - Disinfezione cloro - Disinfezione ozono - Disinfezione con acido peracetico - Filtrazione a sabbia 6 - Microfiltrazione 6. LA DESTINAZIONE DELLO SCARICO SI TROVA IN AREA SENSIBILE? Sì No 6. LOCALIZZAZIONE DELLO SCARICO Coordinata X _ _ _ _ _ _ _ Coordinata Y _ _ _ _ _ _ _ Sistema di coordinate UTM ED Gauss Boaga (Roma 0) UTM WGS8.. Altro (specificare).. (Se il sistema di coordinate è UTM ED 0 oppure UTM WGS8, specificare il fuso) 66. Fuso UTM ED 0/WGS8 Fuso.. Fuso.. Fuso.. (Se il sistema di coordinate è Gauss Boaga, specificare il fuso) 67. Fuso Gauss Boaga Fuso E.. Fuso W RIUTILIZZO DELLE ACQUE REFLUE URBANE - Industriale Sì No (Se Sì) _ _ _ _ _ _ _ _ m - Irriguo Sì No (Se Sì) _ _ _ _ _ _ _ _ m - Altro (specificare) Sì No (Se Sì) _ _ _ _ _ _ _ _ m 0

11 69. PARAMETRI DELLE ACQUE IN INGRESSO - Media nell anno - Media relativa alla settimana di carico massimo registrato nell anno Portata (m /giorno) BOD COD Solidi sospesi Fosforo totale Azoto totale 70. PARAMETRI DELLE ACQUE IN USCITA - Media nell anno - Media relativa alla settimana di carico massimo registrato nell anno Portata (m /giorno) BOD COD Solidi sospesi Fosforo totale Azoto totale 7. FANGO PRODOTTO Quantità prodotta _ _ _ _ _ _ _ _ _ t/anno Percentuale di sostanza secca _ _ _ % DESTINAZIONE DEL FANGO DESTINAZIONE Quantità Percentuale di sostanza secca - Discarica Sì No _ _ _ _ _ _ _ _ _ t/anno _ _ _ % - Incenerimento/termovalorizzazione Sì No _ _ _ _ _ _ _ _ _ t/anno _ _ _ % - Compostaggio Sì No _ _ _ _ _ _ _ _ _ t/anno _ _ _ % - Utilizzo in agricoltura Sì No _ _ _ _ _ _ _ _ _ t/anno _ _ _ % - Scarico in mare Sì No _ _ _ _ _ _ _ _ _ t/anno _ _ _ % 6 - Altro (specificare). Sì No _ _ _ _ _ _ _ _ _ t/anno _ _ _ % 7. TIPOLOGIA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI Ispessimento Sì No - Disidratazione Sì No - Processo di digestione anaerobica Sì No - Processo di digestione aerobica Sì No Stabilizzazione chimica e fisica Sì No 6 Trattamenti supplementari (specificare). Sì No IMPIANTO DI DEPURAZIONE IN ESERCIZIO CON ALMENO A.E. (Questa sezione dev essere compilata soltanto per gli impianti di depurazione delle acque reflue urbane con almeno abitanti equivalenti) 7. UNITÀ COSTITUENTI L IMPIANTO - LINEA ACQUE Indicare le unità in esercizio costituenti la linea acque Unità Sollevamento in testa all impianto Grigliatura Stacciatura Dissabbiatura Disoleatura 6 Equalizzazione 7 Sedimentazione primaria 8 Flottazione primaria 9 Chiari-flocculazione primaria 0 Sistema a fanghi attivi in continuo tradizionale (con sedimentazione secondaria) Sistema a fanghi attivi in continuo del tipo MBR (senza sedimentazione secondaria) Sistema a fanghi attivi discontinuo del tipo SBR Sistema a fanghi attivi con utilizzo dell ossigeno puro (con sedimentazione secondaria) Sistema a colture adese con letti percolatori Sistema a colture adese con biofiltri 6 Sistema a colture adese con rotori biologici o biodischi 7. UNITÀ COSTITUENTI L IMPIANTO - LINEA ACQUE continua.. Unità

12 Processi a biomassa adesa su riempimento interno mobile (MBBR) Sistema anaerobico Sistema di nitrificazione combinata alla rimozione della sostanza organica Sistema di nitrificazione separata Sistema di denitrificazione separata 6 Sistema di nitrificazione e denitrificazione in discontinuo (SBR) 7 Sistema di rimozione biologica del fosforo 8 Sistema di rimozione chimica del fosforo 9 Separazione solido/liquida secondaria del tipo a gravità 0 Separazione solido/liquido secondaria per flottazione (flottazione secondaria) Affinamento con filtrazione di volume Affinamento con filtrazione di superficie Affinamento mediante adsorbimento su carboni attivi Affinamento mediante processi di ossidazione avanzata Affinamento mediante ossidazione chimica 6 Affinamento mediante lagunaggio aerato 7 Affinamento mediante lagunaggio naturale (stagni biologici) 8 Affinamento mediante fitodepurazione 9 Disinfezione con composti del cloro (ipoclorito di sodio e biossido di cloro) 0 Disinfezione con acido peracetico (PAA) Disinfezione con radiazione ultravioletta (UV) 7. VOLUME UTILE DEL BIOLOGICO Volume utile del biologico (m ) _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 76. ANNO DI COSTRUZIONE Anno di costruzione _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 77. ANNO DI ENTRATA IN FUNZIONE Anno di entrata in funzione _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 78. UNITÀ COSTITUENTI L IMPIANTO - LINEA FANGHI Indicare le unità in esercizio costituenti la linea fanghi Unità Pre-ispessimento a gravità con vasca dedicata Pre-ispessimento per co-sedimentazione Pre-ispessimento per addensamento dinamico Pre-ispessimento per flottazione Stabilizzazione aerobica 6 Stabilizzazione chimica 7 Ozonizzazione 8 Ossidazione ad umido 9 Sistema Cannibal 0 Altri sistemi per il contenimento della produzione dei fanghi (specificare nel campo note) Digestione anaerobica Processi per il trattamento dei surnatanti prima del loro ricircolo in linea acque Post-ispessimento a gravità con vasca dedicata Post-ispessimento per addensamento dinamico Condizionamento chimico del fango 6 Disidratazione meccanica con filtropresse a camera 7 Disidratazione meccanica con nastropresse 8 Disidratazione meccanica con centrifughe 9 Disidratazione naturale con letti di essiccamento 0 Essiccamento termico del fango 79. ANNO DI COSTRUZIONE Anno di costruzione _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 80. ANNO DI ENTRATA IN FUNZIONE Anno di entrata in funzione _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

13 (se ha indicato Digestione anaerobica al quesito 78.) 8. APPROFONDIMENTO DELLA DIGESTIONE ANAEROBICA DEI FANGHI Tipologia di digestione anaerobica A singolo stadio A doppio stadio Regime termico della digestione anaerobica Matrici in ingresso alla digestione anaerobica Utilizzazio ne del biogas prodotto dalla digestione anaerobica previo accumulo gas Psicrofilo Mesofilo Termofilo 6 Fango primario 7 Fango secondario 8 Fango primario e secondario (fango misto) 9 Altre matrici (specificare nel campo note) 0 Alla centrale termica Ai motori a gas per accoppiamento con macchine Ai motori a gas per produzione di energia elettrica Recupero del calore per cogenerazione Alla torcia Miscelazione del digestore mediante insufflazione del biogas 6 Accumulo in gasometro realizzato su struttura dedicata 7 Accumulo in gasometro realizzato sul digestore 8 Accumulo in gasometro realizzato sul digestore di secondo stadio 9 Pretrattamenti del biogas: trappole per condensa e sedimenti 0 Pretrattamenti del biogas: filtri a graniglia Trattamento del biogas: desolforazione Altri pretrattamenti e trattamenti del biogas (specificare nel campo note) 8. PARAMETRI CARATTERISTICI DELLA DIGESTIONE ANAEROBICA Carico del digestore (tonnellate di solidi totali/giorno) _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Biogas prodotto (m /giorno) _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Percentuale di metano (CH ) nel biogas prodotto _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Energia elettrica/termica prodotta (kwh) _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Volume utile del digestore di primo stadio (m ) _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ 6 Volume utile del digestore di secondo stadio (m ) _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 REPUBBLICA Mod. ISTAT DEP SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 Codici dell impianto di depurazione

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane.

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane. PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 Matera OGGETTO:

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE/RINNOVO ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE, INDUSTRIALI, METEORICHE

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione. Roma - 14 Giugno 2013

Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione. Roma - 14 Giugno 2013 Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione Roma - 14 Giugno 2013 L acqua: un bene prezioso! Il 3% dell acqua del pianeta è dolce Solo il 30,5% dell acqua

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI DI PIENA, SFIORATORI DI EMERGENZA DI STAZIONI DI SOLLEVAMENTO,

Dettagli

CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1

CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1 CATASTO DEGLI SCARICHI SCHEDA 1 1.1 SEDE INSEDIAMENTO RAGIONE SOCIALE _ INDIRIZZO N. COMUNE PROVINCIA C.A.P. CODICE FISCALE P.IVA TEL. _ FAX _ E.MAIL _ RESPONSABILE DATA INIZIO ATTIVITÀ 1.2 SEDE LEGALE

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

Impianti di trattamento delle acque reflue

Impianti di trattamento delle acque reflue Impianti di trattamento delle acque reflue Generalità sugli impianti di depurazione Un impianto di depurazione è costituito da una serie di trattamenti, volti alla rimozione degli inquinanti presenti nelle

Dettagli

SCHEDA INSEDIAMENTO 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP. VIA N.ro civico TELEFONO FAX E-MAIL CODICE FISCALE P.IVA RAGIONE SOCIALE

SCHEDA INSEDIAMENTO 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP. VIA N.ro civico TELEFONO FAX E-MAIL CODICE FISCALE P.IVA RAGIONE SOCIALE Catasto scarichi - Scheda ac. reflue domestiche Pag. 1 CATASTO SCARICHI - ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASMILABILI SCHEDA INSEDIAMENTO Data compilazione: 1. GENERALITA 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE

Dettagli

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Rapporto sui sistemi depurativi a servizio delle reti fognanti

Dettagli

SCHEDA INSEDIAMENTO 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP TELEFONO FAX E-MAIL CODICE FISCALE P.IVA RAGIONE SOCIALE PROVINCIA COMUNE CAP

SCHEDA INSEDIAMENTO 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP TELEFONO FAX E-MAIL CODICE FISCALE P.IVA RAGIONE SOCIALE PROVINCIA COMUNE CAP Catasto scarichi - acque reflue industriali Pag. 1 CATASTO SCARICHI - ACQUE REFLUE INDUSTRIALI SCHEDA INSEDIAMENTO Data compilazione: 1. GENERALITA 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP VIA N.ro

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

Relazione tecnica del processo depurativo

Relazione tecnica del processo depurativo Relazione tecnica del processo depurativo La presente Relazione ha lo scopo di illustrare il processo depurativo, dell impianto di trattamento acque reflue civili, sito in Riva Ligure (IM). L impianto

Dettagli

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate Francesca Pizza Processi e Controlli analitici Vettabbia S.c.a r.l. f.pizza@vettabbia.it Workshop «L acido peracetico nella disinfezione

Dettagli

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai Seminario biomassa da rifiuti Tecnologie per la produzione di biogas ed energia prof. ing. Antonio Lallai Dipartimento di Ingegneria Chimica e Materiali Università degli S tudi di Cagliari 1 Che cos è

Dettagli

Acque 2 sotterranee. Descrizione sintetica del ciclo produttivo e dell utilizzo dell acqua (da non compilare nel caso di usi civili)

Acque 2 sotterranee. Descrizione sintetica del ciclo produttivo e dell utilizzo dell acqua (da non compilare nel caso di usi civili) 1 Mod.AUA_Scheda_A_Scarichi_acque_reflue SCHEDA A SCARICHI DI ACQUE REFLUE 1 A.1 Quadro sinottico degli scarichi finali che nell impianto/stabilimento/attività sono presenti i seguenti scarichi, indicati

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI Sezione 1 - Informazioni generali 1.0 Codici d'identificazione del progetto 2 4 1 0 5 F 1 7 1.1 Denominazione del progetto Separazione reti fognarie dei comuni dell area AVS 1.2 Settore d'intervento Captazione

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO PROGETTO NITRANT 2014 Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

Il Depuratore come fonte alternativa LA STORIA

Il Depuratore come fonte alternativa LA STORIA DEGO Il Depuratore come fonte alternativa LA STORIA Il Consorzio di depurazione acque (C.I.R.A.) opera nell ambito dei Comuni Consorziati di Cairo Montenotte, Carcare, Dego, Altare e nei comuni convenzionati

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI Sezione 1 - Informazioni generali 1.0 Codici d'identificazione del progetto 2 4 1 0 5 F 0 1 1.1 Denominazione del progetto Completamento collettore principale del sistema fognario consortile Astico. 1.2

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

VISITA GUIDATA AI PROGETTI

VISITA GUIDATA AI PROGETTI VISITA GUIDATA AI PROGETTI LAVORI EDILI DI COMPLETAMENTO E ACQUISTO MACCHINARI DI UNA CANTINA DELL ISOLA. PROVINCIA DI CAGLIARI struttura esistente e completare la zona adibita alla lavorazione dei prodotti,

Dettagli

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE)

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE) Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato Codice 1 Denominazione Carico nominale Carico servito da rete fognaria Carico trattato 2 Portata annua trattata 3 (m 3 ) Caratteristiche delle

Dettagli

NOTIZIE GENERALI MATERIE PRIME UTILIZZATE

NOTIZIE GENERALI MATERIE PRIME UTILIZZATE ALLEGATO 2 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E/O INDUSTRIALI E DOMESTICHE CONGIUNTE E/O DI ACQUE METEORICHE POTENZIALMENTE INQUINATE CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE, SUL

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

http://svolgimentotracceesame.altervista.org/ Appunti concentrati dei Corsi di:

http://svolgimentotracceesame.altervista.org/ Appunti concentrati dei Corsi di: http://svolgimentotracceesame.altervista.org/ Appunti concentrati dei Corsi di: Il presente documento riassume in una decina di pagine per materia i concetti più importanti studiati nei rispettivi corsi

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010.

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. (Determinazione ENEA n. 267 / 2006/ D.G.) Ing. R. Pica, ENEA novembre

Dettagli

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

PO 01 All. 01 Scheda di caratterizzazione del rifiuto ai sensi della D.G.R. Regione Lombardia n X/2031 del 01/07/2014

PO 01 All. 01 Scheda di caratterizzazione del rifiuto ai sensi della D.G.R. Regione Lombardia n X/2031 del 01/07/2014 PO 01 All. 01 Scheda di caratterizzazione del rifiuto ai sensi della D.G.R. Regione Lombardia n X/2031 del 01/07/2014 ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ

Dettagli

Ing. Eugenio Bertolini Direttore Operativo di IREN EMILIA Spa. Bologna 22 Ottobre 2014

Ing. Eugenio Bertolini Direttore Operativo di IREN EMILIA Spa. Bologna 22 Ottobre 2014 Esperienze innovative in Italia sugli aspetti depurativi: un focus sui fanghi. L esperienza sulla gestione dei fanghi di depurazione del Gruppo Iren nell area emiliana Bologna 22 Ottobre 2014 Ing. Eugenio

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA

Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A. IL CICLO INTEGRATO DELL ACQUA IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Il servizio idrico integrato è costituito dall'insieme dei servizi pubblici di captazione,

Dettagli

12 APPENDICE: MONOGRAFIE DEI PRINCIPALI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

12 APPENDICE: MONOGRAFIE DEI PRINCIPALI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Servizio di redazione delle indagini e degli studi finalizzati alla predisposizione del Piano d ambito per i comuni dell ATO 2 Marche Centro, Ancona - Programma degli interventi 12 APPENDICE: MONOGRAFIE

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO INFORMAZIONI INFRASTRUTTURALI AMBITO N 36 dotazioni di infrastutture rete gas metano si

Dettagli

Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto. Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008

Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto. Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008 Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008 I servizi di Etra per i Comuni Etra nasce il 1 gennaio 2006 dall aggregazione dei

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Chi sono? Marco Rusconi Ingegnere, responsabile del settore contratti di Idrolario Srl (project manager per l esecuzione degli interventi di piano d ambito e delle manutenzioni

Dettagli

Fognatura e depurazione

Fognatura e depurazione Fognatura e depurazione LA TERZA UNIVERSITA DI ROMA ASSOCIAZIONE IDROTECNICA ing. Renato Drusiani ing. Marco Gatta SCHEMA DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche delle acque reflue La rete fognaria Gli impianti

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

Il sottoscritto 1 nato a ( ) il residente a ( ) indirizzo Recapito telefonico, codice fiscale, in qualità 2

Il sottoscritto 1 nato a ( ) il residente a ( ) indirizzo Recapito telefonico, codice fiscale, in qualità 2 Amministrazione Provinciale dell Aquila Servizio Tutela e Valorizzazione Risorse Idriche Via Saragat, Loc. Campo di Pile - 67100 L AQUILA Tel. 0862.299650 0862.299658 - Fax 0862.410305 e-mail: urp@cert.provincia.laquila.it

Dettagli

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26)

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26) Figura 24: Zone di influenza dei pozzetti delle reti centrale, perimetrale e di controllo. Si può osservare che, per un maggiore controllo ambientale, i volumi di influenza delle reti perimetrale e quella

Dettagli

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME)

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) L impianto di depurazione a fanghi attivi di Mili, a servizio della fognatura del comune di Messina, sito in località Barone, ha attualmente una potenzialità

Dettagli

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE Viene utilizzata tecnologia New Generation con Know How esclusivo. L impianto si identifica nelle seguenti fasi: a) Impianto di depurazione finalizzato allo scarico in acque

Dettagli

UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E ALTRE MATRICI ORGANICHE

UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E ALTRE MATRICI ORGANICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE SPIN-OFF Risa S. r. l. AMGA-NET ricerche UPGRADE DI DIGESTORI ANAEROBICI PER LA STABILIZZAZIONE DI FANGHI DI DEPURAZIONE E

Dettagli

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it

Cagliari 12 Marzo 2009. Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it Dessì Alessandro Cagliari 12 Marzo 2009 Laboratorio Biomasse labbiomasse@sardegnaricerche.it IL LABORATORIO BIOMASSE E BIOCOMBUSTIBILI Il laboratorio è stato realizzato nell ambito del Cluster Tecnologico

Dettagli

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi

Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi R IFIUTI PE R IC OLOS I Impianti per il trattamento chimico- fisico e biologico dei rifiuti liquidi Firenze, 13 dicembre 2007 R elazione a cura di: Dott. Chim. R enato Bargna CS A srl e-mai: r.bargna@

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA

PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA PROGETTO EDUCATIONAL CICLO IDRICO INTEGRATO PER UNA NUOVA CULTURA DELL ACQUA Anno scolastico 2013/ 2014 CICLO DELL ACQUA DISTRIBUZIONE E USO SOSTENIBILE DEPURAZIONE NON C È VITA SENZA ACQUA. L ACQUA È

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2005 dell impianto di depurazione delle acque reflue del comprensorio di Bolzano

Dichiarazione Ambientale 2005 dell impianto di depurazione delle acque reflue del comprensorio di Bolzano Dichiarazione Ambientale 2005 dell impianto di depurazione delle acque reflue del comprensorio di Bolzano Il Direttore di eco-center S.p.A. Dr. Ing. Karl Michaeler Bolzano, 16 novembre 2005 Indice 1. Premessa

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

AUSTEP tra esperienza e innovazione

AUSTEP tra esperienza e innovazione biogas impianti AUSTEP tra esperienza e innovazione Dal 1995 AUSTEP progetta e realizza impianti di trattamento anaerobici per il settore industriale. In seguito ai recenti cambiamenti ambientali e alle

Dettagli

Trattamento di acque reflue

Trattamento di acque reflue a cura della redazione Trattamento di acque reflue da digestione anaerobica La produzione di biogas, in crescita nel settore delle risorse rinnovabili, ha come effetto collaterale la creazione di un digestato

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Giovanni De Feo Sabino De Gisi Maurizio Galasso FANGHI DI DEPURAZIONE PRODUZIONE, CARATTERIZZAZIONE E TRATTAMENTO Dario Flaccovio Editore Giovanni De Feo Sabino De Gisi Maurizio Galasso FANGHI DI DEPURAZIONE

Dettagli

Caratteristiche dei rifiuti organici

Caratteristiche dei rifiuti organici Il trattamento della frazione organica dei rifiuti solidi urbani Caratteristiche dei rifiuti organici frazione umida: componente dei rifiuti urbani costituita dagli scarti di cucina originati sia dall

Dettagli

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso Il bacino imbrifero ALTO LURA Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso ALTO LURA S.r.l. Alto Lura S.r.l., ex Consorzio per la raccolta e la depurazione

Dettagli

Gli effluenti liquidi/2 Definizioni/2

Gli effluenti liquidi/2 Definizioni/2 Trattamenti delle acque reflue Materiali di supporto Dott.ssa Elisabetta Zavoli: elisabetta.zavoli@gruppohera.it Gli effluenti liquidi/1 Definizioni/1 D.lgs. 152/2006 art. 74 ACQUE NATURALI SUPERFICIALI:

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SCHEDA TECNICA ILLUSTRATIVA PER SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E ASSIMILATE / METEORICHE D. Lgs. maggio 999, n 52 Sezione A. IDENTIFICAZIONE DELL'AZIENDA.a) Identificazione

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Provincia di Brescia Settore Ambiente Ufficio Acqua Via Milano n.13 25126 Brescia OGGETTO: Decreto

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA ALLEGATO 1 alla Determinazione n. 145 del 24 Aprile 2010 Autorizzazione Integrata Ambientale dell impianto di depurazione reflui urbani ed industriali

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

cod. ISTAT del Comune prevalente di insediamento delle opere 26008 1.1 Autore, provenienza e denominazione del progetto

cod. ISTAT del Comune prevalente di insediamento delle opere 26008 1.1 Autore, provenienza e denominazione del progetto Sezione 1 - Informazioni generali 1. Codici d'identificazione del progetto cod. del progetto 268431 Cod. 268431 cod. ISTAT del Comune prevalente di insediamento delle opere 268 1.1 Autore, provenienza

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 30 Giugno 2014 Anno 2012 CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE Nel 2012 il volume complessivo di acqua prelevata per uso potabile è pari a 9,5 miliardi di metri cubi, con una crescita del 3,8% rispetto

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia Romagna n. 1053/03 - Regolamento Comunale per gli scarichi in

Dettagli

impianto di depurazione:

impianto di depurazione: La gestione dei fanghi in un impianto di depurazione: un processo chiave da tenere sotto controllo Ing. Maria Serena Gironi Product Manager Process Division HACH LANGE SRL mariaserena.gironi@hach-lange.it

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE/assimilabili... sottoscritt.. nat a.. il.. residente in..

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE/assimilabili... sottoscritt.. nat a.. il.. residente in.. Bollo * DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER L ATTIVAZIONE DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE/assimilabili... sottoscritt.. nat a.. il.. residente in.. via. n. cap. nella sua qualità di legale rappresentante

Dettagli

CHIEDE ai sensi degli art. 124 e 125 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

CHIEDE ai sensi degli art. 124 e 125 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. Mod. SCARICHI ACQUE REFLUE URBANE _ Rev. 03/2014 D.Lgs 152/2006 e s.m.i. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO FUORI DALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE REFLUE URBANE Alla Provincia di Pistoia (per Attività

Dettagli

UTILIZZO DI TRATTAMENTI COMBINATI MEMBRANE/UV PER LA RIMOZIONE DI BATTERI E VIRUS IN EFFLUENTI DEPURATI SPERIMENTAZIONE CON IMPIANTO PILOTA

UTILIZZO DI TRATTAMENTI COMBINATI MEMBRANE/UV PER LA RIMOZIONE DI BATTERI E VIRUS IN EFFLUENTI DEPURATI SPERIMENTAZIONE CON IMPIANTO PILOTA Riuso e Risparmio delle Acque Reflue Meteoriche 13 dicembre 7 Genova, Magazzini del Cotone UTILIZZO DI TRATTAMENTI COMBINATI MEMBRANE/ PER LA RIMOZIONE DI BATTERI E VIRUS IN EFFLUENTI DEPURATI SPERIMENTAZIONE

Dettagli

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA 1. APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Fonte: Acquedotto Pozzo privato Estremi dell autorizzazione o della denuncia Altro

Dettagli

esperienze in Sicilia

esperienze in Sicilia Programma di Cooperazione Transfrontaliera INTERREG IIIA Italia-Malta Gestione sostenibile delle risorse idriche in ambienti insulari aridi e semiaridi e uso delle acque reflue urbane depurate I trattamenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE Scheda 1 Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE A B C 4 D 1 - degrassatore - sedimentatore 2 -

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI PROVINCIA DI PAVIA Tel. 0382-995611 Via Cavour, 18 E-MAIL: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it D. Lgs. n 152/99 e D. Lgs. 258/00 SCHEDA DI RILEVAMENTO DELL ATTIVITA

Dettagli