DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA AI SENSI DELL ART. 26 COMMA 3 DEL D. LGS. 81/08 E S.M.I.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA AI SENSI DELL ART. 26 COMMA 3 DEL D. LGS. 81/08 E S.M.I."

Transcript

1 PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL GLOBAL SERVICE EDIFICI E INFRASTRUTTURE DI PERTINENZA DEL COMUNE DI PEGOGNAGA (MN) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE AI SENSI DELL ART. 26 COMMA 3 DEL D. LGS. 81/08 E S.M.I.

2 INDICE 1. PREMESSA SCOPO E CONTENUTI DEFINIZIONI INFORMAZIONI GENERALI COMMITTENTE ANAGRAFICA FIGURE DI RIFERIMENTO AI FINI DELL APPALTO FIGURE DI RIFERIMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 81/08 S.M.I APPALTATORE ANAGRAFICA FIGURE DI RIFERIMENTO AI FINI DELL APPALTO FIGURE DI RIFERIMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 81/08 S.M.I SUBAPPALTATORI OGGETTO DELL APPALTO ATTIVITA E LUOGHI OGGETTO DELL APPALTO DURATA DELL APPALTO VARIAZIONI PRINCIPI DI COOPERAZIONE E COORDINAMENTO MISURE DI COORDINAMENTO GENERALI MISURE PER IL RICONOSCIMENTO DEL PERSONALE NORME E REGOLAMENTI SOSPENSIONE DEI LAVORI RISCHI PRESENTI SUI LUOGHI OGGETTO DELL APPALTO METODO DI VALUTAZIONE RISCHI GENERATI DALLE ATTIVITA SVOLTE NEI LUOGHI DI LAVORO OGGETTO DELL APPALTO SCUOLE EDIFICI ISTITUZIONALI, MAGAZZINI, ABITAZIONI IMPIANTI SPORTIVI, EDIFICI RICREATIVI, CHIESA AMBULATORIO STRADE AREE VERDI RISCHI DA INTERFERENZE RISCHI DA INTERFERENZE GENERATI DALLE ATTIVITA IN APPALTO RISCHI DA INTERFERENZE GENERATI DALLA PRESENZA DI ATTIVITA CONTEMPORANEE DELL APPALTATORE INSIEME AD ALTRE DITTE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE GENERALI LUOGHI DI LAVORO COMPORTAMENTI DEI DIPENDENTI DELLA COMMITTENZA O DI ALTRE DITTE APPALTATRICI INFORMAZIONE AI DIPENDENTI DELLA COMMITTENZA O DI ALTRE DITTE APPALTATRICI VIE DI FUGA E USCITE DI SICUREZZA USO DELLE ATTREZZATURE USO DI ATTREZZATURE A INCANDESCENZA E FIAMME LIBERE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AGGIUNTIVE...13 Pagina 2 di 38

3 8.1 MISURE LEGATE ALLE ATTIVITA PROPRIE DEI LUOGHI OGGETTO DELL APPALTO MISURE ATTE A DIMINUIRE I RISCHI DA INTERFERENZE MISURE DI EMERGENZA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA PREMESSA METODO UTILIZZATO E STIMA DEI COSTI COMPLETAMENTO E AGGIORNAMENTO DEL DUVRI...13 FIRME...13 ALLEGATI: VERBALI DI COOPERAZIONE E COORDINAMENTO...13 Pagina 3 di 38

4 1. PREMESSA 1.1 SCOPO E CONTENUTI Il presente DUVRI preventivo costituisce la base per la redazione del DUVRI definitivo, che dovrà essere allegato al contratto di appalto. In ottemperanza all art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i., in esso sono contenute: le principali informazioni/prescrizioni che dovranno essere adottate dall impresa appaltatrice al fine di promuovere la cooperazione e il coordinamento tra Datori di Lavoro al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori; un indicazione sui rischi specifici esistenti nei luoghi di lavoro in cui l impresa appaltatrice è destinata ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate e da adottare; l indicazione delle possibili interferenze che possono presentarsi nello svolgimento dell appalto e le misure adottate per eliminarle; l individuazione dei pericoli, l analisi e la valutazione dei rischi derivanti dalle interferenze tra le attività lavorative svolte dall impresa appaltatrice e le attività svolte nei luoghi di lavoro oggetto dell appalto. A titolo esplicativo, si possono considerare rischi da interferenza i seguenti: rischi derivanti da sovrapposizioni di più attività svolte da operatori di appaltatori diversi; rischi immessi nel luogo di lavoro del committente dalle lavorazioni dell'appaltatore; rischi esistenti nel luogo di lavoro del committente ove e' previsto che debba operare l'appaltatore, ulteriori rispetto a quelli specifici dell'attività propria dell'appaltatore; rischi derivanti da modalità di esecuzione particolari richieste esplicitamente dal committente (che comportino pericoli aggiuntivi rispetto a quelli specifici dell'attività appaltata). Il presente documento non contiene la valutazione dei rischi specifici propri dell attività dell impresa appaltatrice. Il DUVRI definitivo sarà pertanto redatto sulla base del presente documento preliminare con eventuali modifiche ed integrazioni apportate dalla ditta appaltatrice relativamente ai rischi di interferenza o a seguito di esigenze sopravvenute. Tali proposte per eventuali modifiche di carattere tecnico, logistico o organizzativo, atte ad aumentare la garanzia della sicurezza nei luoghi di lavoro, dovranno essere sottoposte alla valutazione del committente da parte dell impresa appaltatrice entro 30 giorni dall aggiudicazione. Il giudizio positivo del committente ne determina l integrazione al presente DUVRI. 1.2 DEFINIZIONI Nel presente documento sono utilizzati i seguenti termini e definizioni: Committente/Stazione Appaltante: Amministrazione Comunale di Pegognaga (MN) Appaltatore: impresa, costituita nelle forme e con le modalità previste dalla legislazione vigente a livello nazionale e comunitario, alla quale viene affidato l Appalto e con cui l amministrazione della Stazione Appaltante firma il contratto. Contratto di Appalto: contratto che viene stipulato fra la Stazione Appaltante e l Appaltatore per l esecuzione dei servizi. Responsabile Unico del Procedimento (RUP): persona incaricata dalla Stazione Appaltante come responsabile dei rapporti con l Appaltatore. Al RUP spetta il compito Pagina 4 di 38

5 di verificare, monitorare e vagliare l attività dell Appaltatore. L Appaltatore deve fornire al RUP ogni informazione o documentazione richiesta. Responsabile del servizio competente: persona dipendente del Committente incaricata della gestione di uno o più edifici/attività oggetto dell appalto e che può essere indicata dal RUP all Appaltatore come riferimento per le attività di sua competenza. Responsabile di Commessa: rappresentante dell Appaltatore che dirige, in stretto coordinamento con la propria Direzione Tecnica, l intero processo manutentivo, di cui si assumerà tutta la responsabilità tecnica e operativa. Rappresenta inoltre l interfaccia principale con la Stazione Appaltante. Responsabile in Loco: persona fisica, individuata dall Appaltatore, responsabile del regolare svolgimento dei Servizi presso gli impianti oggetto dell'appalto, fermo rimanendo il ruolo di supervisione e di coordinamento del Responsabile di Commessa. Responsabili Tecnici: persone fisiche (uno per il servizio energia e per la manutenzione globale degli immobili, uno per la manutenzione del verde e delle strade, infine uno per la gestione e manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione), individuate dall Appaltatore e alle quali sono demandate le mansioni di coordinamento operativo delle maestranze impiegate. Tutto quanto non espressamente specificato è da intendersi come definito nel medesimo Capitolato. Pagina 5 di 38

6 2. INFORMAZIONI GENERALI 2.1 COMMITTENTE ANAGRAFICA RAGIONE SOCIALE: COMUNE DI PEGOGNAGA Provincia/CAP: MN Sede Legale: Piazza Matteotti n. 1 Telefono: 0376/ Fax: 0376/ Codice Fiscale: Partita IVA: FIGURE DI RIFERIMENTO AI FINI DELL APPALTO 1 RUOLO NOMINATIVO RECAPITO Responsabile Unico del Procedimento (RUP): Diego Tartari architetto FIGURE DI RIFERIMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 81/08 S.M.I. Piazza Matteotti n. 1 Pegognaga (MN) RUOLO NOMINATIVO RECAPITO Datore di Lavoro: Diego Tartari architetto Piazza Matteotti n. 1 Pegognaga (MN) R.S.P.P.: Marco Fila Geometra Piazza Matteotti n. 1 Pegognaga (MN) Medico Competente: Dott. Giuseppe Rossi Piazza Matteotti n. 1 Pegognaga (MN) 2.2 APPALTATORE ANAGRAFICA RAGIONE SOCIALE: Legale Rappresentante: Direttore Tecnico: Sede Legale: Sede Operativa: Telefono: Fax: Codice Fiscale: Partita IVA: N. CCIAA: Posizione INAIL: Posizione INPS: 1 Indicare i nominativi delle figure di riferimento per lo svolgimento delle attività da parte dell impresa (per es. responsabili dei luoghi oggetto dell appalto). Pagina 6 di 38

7 2.2.2 FIGURE DI RIFERIMENTO AI FINI DELL APPALTO RUOLO NOMINATIVO RECAPITO Responsabile Commessa: Responsabile in Loco: Responsabile tecnico servizio energia/manutenzione immobili Responsabile tecnico manutenzione verde/strade Responsabile tecnico pubblica illuminazione FIGURE DI RIFERIMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 81/08 S.M.I. RUOLO NOMINATIVO RECAPITO Datore di Lavoro: Diego Tartari architetto Piazza Matteotti n. 1 Pegognaga (MN) R.S.P.P.: Marco Fila Geometra Piazza Matteotti n. 1 Pegognaga (MN) Medico Competente: Dott. Giuseppe Rossi Piazza Matteotti n. 1 Pegognaga (MN) R.L.S.: Giovanella Fabrizio Piazza Matteotti n. 1 Pegognaga (MN) 2.3 SUBAPPALTATORI E consentito, previa autorizzazione della Stazione Appaltante, il subappalto delle opere specialistiche attinenti alle prestazioni di manutenzione ordinaria e non ordinaria nei limiti e con le modalità previste dall articolo 118 del DLgs 163/2006, con le limitazioni e prescrizioni di cui al Par. 2.9 del Capitolato Speciale d Appalto. Elencare nella tabella seguente le aziende subappaltatrici, con i nominativi dei Datori di Lavoro ai sensi del D. Lgs. 81/08 s.m.i. e la prestazione subappaltata. RAGIONE SOCIALE DATORE DI LAVORO PRESTAZIONE Pagina 7 di 38

8 3. OGGETTO DELL APPALTO L Appalto in oggetto consiste nell affidamento GLOBAL SERVICE EDIFICI E INFRASTRUTTURE DEL COMUNE al fine di disciplinare la gestione del patrimonio impiantistico termico, di climatizzazione, elettrici, antincendio, antintrusione, elevatori, idrico sanitari della Stazione Appaltante nonché del patrimonio edile, degli impianti di pubblica illuminazione, del verde pubblico e delle strade. La tabella seguente riporta l elenco delle prestazioni richieste dalla Stazione Appaltante per ciascun servizio: OGGETTO DEI SERVIZI SERVIZI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI - Impianti termici - Impianti di climatizzazione e condizionamento - Centrali termiche - Impianti elettrici - Impianti di terra - Impianti di illuminazione - Impianti di illuminazione di emergenza - Impianti FM - Impianti di protezione dalle scariche atmosferiche - Impianti citofonici - Impianti idrico-sanitari - Impianti antincendio - Porte REI e serrande tagliafuoco - Estintori - Impianti elevatori - Scanitnati - Soffitte - Magazzino comunale - Mensa scolastica - Verde pubblico - Avviamento dell impianto; - Conduzione dell impianto secondo le norme UNI-CTI vigenti; - Pronto intervento; - Spegnimento/attenuazione; - Azioni di controllo e di misura del rendimento di combustione previsti per legge; - Manutenzione ordinaria (pulizia/verifica/revisione) - Messa a riposo; - Manutenzione straordinaria - Interventi di riqualificazione tecnologica, ammodernamento, risparmio energetico MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI - Manutenzione ordinaria - Manutenzione straordinaria MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI IDRICO-SANITARI - Manutenzione ordinaria - Manutenzione straordinaria MANUTENZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO - Manutenzione ordinaria - Manutenzione straordinaria MANUTENZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI ELEVATORI - Manutenzione ordinaria - Manutenzione straordinaria DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE MANUTENZIONE DEL VERDE - Derattizzazione - Disinfestazione/deblattizzaizone - Gestione ordinaria del verde (sfalcio/pulizia/irrigazione) - Conduzione e manutenzione impianti di irrigazione - Manutenzione ordinaria delle attrezzature ludico-motorie e degli arredi urbani - Pronto intervento - Manutenzione straordinaria del verde e delle attrezzature - Fornitura a nolo di mezzi d opera (piattaforma aerea, trattore, ecc.) - Fornitura arredi urbani e attrezzature ludico-motorie - Pulizia fossi Pagina 8 di 38

9 GESTIONE E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE - Conduzione degli impianti - Manutenzione ordinaria e programmata-preventiva - Manutenzione straordinaria - Interventi di riqualificazione tecnologica, ammodernamento, risparmio energetico MANUTENZIONE E CONTROLLO STRUTTURE EDILI - Impianti di pubblica illuminazione - Impianti semaforici - Coperture - Muri perimetrali e tramezzi - Intonaci interni/esterni - Tinteggiature - Pavimentazioni interne/esterne - Rivestimenti e controsoffitti - Infissi interni/esterni - Tende fisse e persiane - Lucernari/rampe/botole/griglie - Ringhiere/corrimano/recinzioni/cancellate - Aree esterne e cordoli di delimitaizone - Strade comunali ad uso pubblico e relativi marciapiedi - Opere d arte e manufatti di pertinenza della rete stradale - Segnaletica stradale - Manutenzione ordinaria - Manutenzione straordinaria MANUTENZIONE STRADALE 3.1 ATTIVITA E LUOGHI OGGETTO DELL APPALTO - Manutenzione ordinaria - Manutenzione straordinaria I luoghi in cui vengono svolti i servizi sopra elencati sono gli edifici (scuole, edifici comunali, impianti sportivi), le strade e le aree verdi di proprietà del comune, che, ai fini della redazione del presente DUVRI, sono stati suddivisi in classi in base alle tipologie di rischio che vi possono rientrare. Nella tabella seguente sono riportate le classi di raggruppamento dei luoghi oggetto dell appalto insieme alle categorie di servizi che l appaltatore deve prestarvi: CLASSE EDIFICI SERVIZI SCUOLE EDIFICI ISTITUZIONALI MAGAZZINI Asilo nido Via Verdi Scuola materna Via Verdi Scuola elementare V. da Feltre Via Roma Scuola elementare De Amicis Via Roma Scuole medie Piazza Vittorio Veneto Mensa scolastica + 1 piano Via Roma Municipio Piazza Matteotti Biblioteca Via Verdi Teatro Via Verdi Ex scuole elementari di Polesine Via Papa Giovanni XXIII Informagiovani Viale San Lorenzo Locali archivio sopra CARIPLO Piazza Vittorio Veneto Centro Culturale Piazza Vittorio Veneto Magazzino Comunale Via Moro - Esercizio e manutenzione degli impianti termici - Manutenzione impianti elettrici - Manutenzione impianti idrico-sanitari - Manutenzione e controllo impianti antincendio - Manutenzione impianti elevatori - Derattizzazione e disinfestazione - Manutenzione del verde - Manutenzione e controllo strutture edili - Esercizio e manutenzione degli impianti termici - Manutenzione impianti elettrici - Manutenzione impianti idrico-sanitari - Manutenzione e controllo impianti antincendio - Manutenzione impianti elevatori - Derattizzazione e disinfestazione - Manutenzione e controllo strutture edili - Esercizio e manutenzione degli impianti termici - Manutenzione impianti elettrici - Manutenzione impianti idrico-sanitari - Manutenzione impianti elevatori - Derattizzazione e disinfestazione - Manutenzione e controllo strutture edili Pagina 9 di 38

10 CLASSE EDIFICI SERVIZI IMPIANTI SPORTIVI EDIFICI RICREATIVI ABITAZIONI AMBULATORIO CHIESA STRADE PARCHI Bocciodromo Via Curiel Piscina Via Curiel Palestra Via Verdi Spogliatoi campo sportivo Ferrarsi + spogliatoi tennis Strada Chiaviche Palestrina Via Roma Spogliatoi nuovo campo sportivo + deposito Via Gobetti Centro visite Parco San Lorenzo Strada Falconiera Bar Florida Via Verdi Casa custode cimitero Strada Petrate Palazzina Via Sissa Palazzina Via Berlinguer Palazzina Via Sauro 21/23 Palazzina Strada Mantovana Palazzina Via Rossi-Garibaldi Palazzina Via Battisti Palazzina Via Sauro 14 Palazzina Via Verdi Palazzina Via Bertazzoni Palazzine Via M. di Canossa Casa Strada Sacca Ambulatorio medico di Polesine Strada Mantovana Chiesa di San Lorenzo Strada Provinciale Tutte le strade comunali 3.2 DURATA DELL APPALTO Parco San Lorenzo Parco giochi c/o Parco Florida Via Verdi Parco giochi Via Berlinguer (in costruzione) Area giochi Polesine Via vescovo Bertazzoni Area giochi Parco delle Cicogne - Manutenzione e controllo strutture edili - Esercizio e manutenzione degli impianti termici - Manutenzione impianti elettrici - Manutenzione impianti idrico-sanitari - Manutenzione impianti elevatori - Manutenzione e controllo strutture edili - Manutenzione e controllo strutture edili - Manutenzione e controllo strutture edili - Manutenzione e controllo strutture edili - Gestione e manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione - Manutenzione stradale - Manutenzione del verde L Appalto avrà una durata pari a 12 anni a decorrere dalla data di consegna degli impianti. 3.3 VARIAZIONI In base a quanto riportato nel Par. 1.7 del Capitolato Speciale d Appalto il Comune ha la facoltà di estendere o ridurre le prestazioni di cui al medesimo Capitolato, aggiungendo o togliendo, per esempio, componenti, servizi, immobili o porzioni di immobili a quelli originariamente indicati in sede di gara, che, a causa di circostanze impreviste siano divenuti necessari per ottimizzare le prestazioni richieste dal presente contratto. Eventuali variazioni apportate dal Comune che comportino la necessità di modificare e/o estendere i contenuti del presente DUVRI saranno comunicate tempestivamente dal RUP all appaltatore. Pagina 10 di 38

11 4. PRINCIPI DI COOPERAZIONE E COORDINAMENTO I Datori di Lavoro, o i loro referenti, promuovono la cooperazione ed il coordinamento al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori; in particolare: cooperano all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto; coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell esecuzione dell opera complessiva. A tal fine si stabilisce che non potrà essere iniziata alcuna operazione da parte dell'impresa appaltatrice, se non a seguito di avvenuta presa visione dei luoghi di lavoro da parte dell appaltatore e firma congiunta tra committente e appaltatore del verbale di cooperazione e coordinamento, che costituisce parte integrante del presente DUVRI. 4.1 MISURE DI COORDINAMENTO GENERALI L appaltatore deve rivolgersi: al Responsabile Unico del Procedimento per qualsiasi questione riguardante l appalto: egli infatti assume gli obblighi di coordinamento delle attività in modo da garantire, ove possibile, che le aree di intervento siano libere da attività e materiali, che siano correttamente predisposte per l esecuzione dei lavori in appalto e che si eviti il passaggio di dipendenti del committente o di estranei o, in alternativa, che le stesse aree siano state messe in sicurezza con riferimento alle operazioni che l appaltatore dovrà svolgere; al Responsabile Unico del Procedimento per qualunque chiarimento in merito alle attrezzature e agli impianti della committenza; al R.S.P.P. anche attraverso il Responsabile Unico del Procedimento, per quanto attiene la segnalazione di difficoltà di applicazione delle misure indicate nel presente documento, o di nuovi rischi che richiedano l aggiornamento delle misure atte ad evitare interferenze, ecc MISURE PER IL RICONOSCIMENTO DEL PERSONALE Nell'ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto o subappalto, il personale occupato dall'impresa appaltatrice o subappaltatrice deve essere munito di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia e contenente i dati identificativi del lavoratore (nome, cognome, data di nascita, numero di matricola, ragione sociale dell azienda per cui lavora e nominativo del datore di lavoro). I lavoratori sono tenuti ad esporre detta tessera di riconoscimento (art. 26 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.). Tale obbligo grava anche sui lavoratori autonomi. 4.3 NORME E REGOLAMENTI Il personale dell appaltatore, al fine di evitare l esposizione ai pericoli presenti nelle aree in cui interviene, è soggetto all osservanza di tutte le norme di legge e regolamenti interni dei luoghi oggetto dell appalto, in particolare: alle norme di accesso; alla segnaletica di sicurezza; alle misure prescritte nei seguenti capitoli. Pagina 11 di 38

12 4.4 SOSPENSIONE DEI LAVORI Si stabilisce che: Il Responsabile Unico del Procedimento, il Responsabile del Servizio competente e il Responsabile di Commessa hanno l obbligo di interrompere le lavorazioni qualora ritengano che le misure stabilite nel presente documento ed eventualmente nei relativi allegati, anche per sopraggiunte nuove interferenze, non fossero più da considerarsi adeguate a garantire la sicurezza dei lavoratori. Di tale condizione dovrà essere data immediata comunicazione al R.S.P.P. della Stazione Appaltante. Le attività potranno riprendere, dietro autorizzazione del R.S.P.P. della Stazione Appaltante, previa definizione delle misure aggiuntive per la sicurezza, attraverso la compilazione congiunta di un nuovo verbale di cooperazione e coordinamento, che diverrà parte integrante del presente DUVRI; in caso di inosservanza di norme in materia di sicurezza o in caso di pericolo imminente per i lavoratori, il Committente potrà ordinare la sospensione del servizio in oggetto disponendone la ripresa solo quando sia di nuovo assicurato il rispetto della normativa vigente e siano ripristinate le condizioni di sicurezza e igiene sul lavoro; per sospensioni dovute a pericolo grave ed imminente il Committente non riconoscerà alcun compenso o indennizzo all Appaltatore. Pagina 12 di 38

13 5. RISCHI PRESENTI SUI LUOGHI OGGETTO DELL APPALTO 5.1 METODO DI VALUTAZIONE I rischi presenti presso i luoghi oggetto dell appalto (Cap. 3) legati alle attività che vengono svolte nei luoghi stessi sono valutati sulla base della nota formula Rischio = Probabilità x Danno, in cui il valore dei due fattori è così definito: VALORE PROBABILITÀ DEFINIZIONE 1 MOLTO BASSA 2 BASSA 3 MEDIA 4 ALTA Il verificarsi del danno provocherebbe grande stupore; in letteratura sono indicati solo casi rari; l evento dannoso si verifica solo al presentarsi di più cause aventi probabilità molto basse e indipendenti. Il verificarsi del danno provocherebbe stupore; sono noti casi in letteratura; l evento dannoso si verifica solo al presentarsi di più cause aventi probabilità basse e indipendenti. Il verificarsi del danno provocherebbe sorpresa; sono noti episodi analoghi; il danno e la causa sono direttamente correlate ad esempio condizioni anomale di funzionamento delle macchine o degli impianti, non corretto svolgimento delle procedure di lavoro, mancato utilizzo dei mezzi di prevenzione e protezione. Il verificarsi del danno non provocherebbe stupore o sorpresa; si sono già verificati episodi simili in azienda o in aziende simili; il danno e le cause sono direttamente correlate ad esempio condizioni anomale di funzionamento delle macchine o degli impianti, non corretto svolgimento delle procedure di lavoro, mancato utilizzo dei mezzi di prevenzione e protezione. VALORE DANNO DEFINIZIONE 1 BASSO 2 MEDIO 3 GRAVE 4 MOLTO GRAVE Infortunio o esposizione acuta con inabilità velocemente regredibile (prognosi < 8 gg. o assenza dal lavoro < 21 gg.); esposizione cronica con effetti facilmente reversibili. Infortunio o esposizione acuta con inabilità regredibile (prognosi da 8 a 25 gg. o assenza da 21 a 40 gg.); esposizione cronica con effetti reversibili. Infortunio o esposizione acuta con invalidità parziale (prognosi > 25 gg. o assenza > 40 gg.); esposizione cronica con effetti irreversibili e/o parzialmente invalidanti; coinvolgimento di più persone con danni bassi. Infortunio o esposizione acuta con effetto totalmente invalidante o mortale; esposizione cronica con effetti mortali e/o totalmente invalidanti; coinvolgimento di più persone con danni gravi. e il loro prodotto può assumere valori compresi da 1 a 16, definendo il livello di rischio sulla base della seguente matrice: D4 MB (valore 1) rischio molto basso D3 B (valore da 2 a 4) rischio basso D2 M (valore da 4 a 6) rischio medio D1 A (valore da 8 a 12) rischio alto P1 P2 P3 P4 MA (valore 16) rischio molto alto Pagina 13 di 38

14 5.2 RISCHI GENERATI DALLE ATTIVITA SVOLTE NEI LUOGHI DI LAVORO OGGETTO DELL APPALTO I rischi specifici per la sicurezza e la salute dei lavoratori presenti nei luoghi di lavoro oggetto dell appalto sono riportati nelle tabelle seguenti, suddivise per classi edifici in relazione a quanto riportato al Par. 3.1, insieme alla valutazione condotta secondo il criterio di cui sopra e alle misure di prevenzione e protezione adottate e da adottare di conseguenza SCUOLE RISCHI Urti, collisioni, investimenti (anche di terzi) Cadute dall alto Scivolamenti e cadute a livello RISCHI PRESENTI PRESSO LE SCUOLE VALUTAZIONE RISCHI PRESENTI NEI LUOGHI DI LAVORO 3 = B 9 = A (utenti orari ingresso/uscita) 6 = M 3 = B I rischi sono presenti: - durante l accesso e transito alle aree interessate dal passaggio di automezzi; - sempre durante l accesso e il transito alle aree esterne per la presenza di bambini e adulti con possibile affollamento durante le ore di entrata/uscita dalla scuola. Il rischio può essere presente sulle coperture per la mancanza di parapetti e di sistemi di sicurezza anticaduta. Possono essere presenti pavimenti scivolosi a seguito di pulizia con liquidi o per rovesciamento accidentale, nei periodi invernali, per la presenza di ghiaccio nelle aree esterne. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE L accesso agli edifici scolastici deve essere autorizzato dal RUP o dal responsabile dell edificio stesso e deve avvenire possibilmente lontano dagli orari di entrata/uscita dalla scuola. Il committente: - verifica che i propri dipendenti non accedano alle aree interessate dai lavori svolti dall appaltatore; - informa l appaltatore dell eventuale presenza straordinaria di pubblico; - organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni e, se questo non è possibile, avvisa l appaltatore della possibile presenza di altre imprese e/o degli utenti dell edificio e dà le necessarie istruzioni di coordinamento. I lavoratori della ditta appaltatrice devono rispettare i seguenti obblighi: - rispettare i percorsi carrabili e quelli pedonali; - per le manovre critiche e con scarsa visuale i conducenti dei mezzi di trasporto devono essere coadiuvati da almeno un collega a terra; - limite di velocità di accesso alle aree di 10 km/h. Durante interventi svolti sulle coperture devono essere adottati dispositivi adeguati di protezione personale/collettiva contro le cadute dall alto. Il committente organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni con il lavoro di altre ditte o dei propri dipendenti e, se questo non è possibile, avvisa l appaltatore della possibile presenza di altre imprese e/o degli utenti dell edificio e dà le necessarie istruzioni di coordinamento. Le operazioni di pulizia devono essere segnalate dalle imprese di pulizia. In caso di rovesciamenti Pagina 14 di 38

15 RISCHI Urti, colpi Urti, colpi Scottature Ustioni Elettrocuzione Rumore Agenti chimici pericolosi Esplosione RISCHI PRESENTI PRESSO LE SCUOLE VALUTAZIONE Nei locali per la presenza di arredi 4 = B e attrezzature e nei locali tecnici per la presenza degli impianti. RISCHI CONNESSI ALLA PRESENZA DI IMPIANTI 2 = B 1 = MB 3 = B 4 = M Il rischio è presente nelle centrali termiche in caso di rottura di tubazioni in pressione. Il rischio è presente nei locali in caso di rottura delle tubazioni degli impianti di riscaldamento o dei terminali. Il rischio è presente nelle centrali termiche in caso di: - rottura di parti di impianto contenenti acqua calda; - contatto con parti calde degli impianti. RISCHIO ELETTRICO Si può ritenere improbabile, anche se pur sempre possibile, il pericolo di elettrocuzione con riferimento a contatti elettrici diretti e indiretti nelle attività ordinarie di alimentazione attrezzature elettriche, accensione e spegnimento apparecchiature/interruttori. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE accidentali di liquidi, il personale addetto è tenuto a intervenire immediatamente per pulire e asciugare e segnalare l area di pavimento pericolosa. --- Interventi sugli impianti sono di stretta competenza dei tecnici incaricati della loro manutenzione. L uso di fiamme libere e/o attrezzature a incandescenza deve essere sempre autorizzato dal RUP e rispettare quanto riportato al Par E vietato sostare, transitare, intervenire su impianti in funzione, per tutti coloro che non siano incaricati dell impiego e/o alla manutenzione delle stesse. Gli impianti elettrici vengono verificati e manutenuti regolarmente. Gli impianti di messa a terra sono soggetti a verifiche periodiche biennali di efficienza. RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE AD AGENTI FISICI Durante le normali attività Il committente informa l'esposizione al rumore è inferiore al l appaltatore dell eventuale 1 = MB valore inferiore d'azione previsto presenza di fonti di rumore che dal D. Lgs. 81/08 s.m.i. (80 dba). superano i livelli minimi di azione. RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE A SOSTANZE PERICOLOSE 1 = MB Il rischio è collegato all eventuale presenza di depositi di agenti chimici normalmente utilizzati per la pulizia e/o al loro utilizzo da parte egli addetti alle pulizie. RISCHI CONNESSI ALLA PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE 4 = M Il rischio di formazione di atmosfere potenzialmente esplosive è collegato alla presenza delle linee di adduzione del combustibile di alimentazione delle caldaie e, se presente, del relativo serbatoio. Il committente organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni con il lavoro di altre ditte o dei propri dipendenti e, se questo non è possibile, avvisa l appaltatore della possibile presenza di altre imprese e dà le necessarie istruzioni di coordinamento in modo tale da evitarne l esposizione. Per questo motivo il rischio legato all esposizione viene valutato come irrilevante per la salute e basso per la sicurezza. L appaltatore ha il divieto di utilizzare prodotti chimici del committente. Vige il divieto di fumare in tutti i luoghi di lavoro. Vige il divieto di effettuare lavorazioni con attrezzature a incandescenza, fiamme libere o produzione di scintille vicino alle linee di adduzione del combustibile di alimentazione delle caldaie e, se presente, del relativo serbatoio. L uso di fiamme libere e/o Pagina 15 di 38

16 RISCHI Incendio 6= M RISCHI PRESENTI PRESSO LE SCUOLE VALUTAZIONE RISCHIO INCENDIO Sono presenti materiali combustibili vari: - arredi in legno; - carta; - materiale elettronico; - cavi, quadri e componenti degli impianti elettrici; - combustibile di alimentazione della rete. I rischi di innesco sono dati da: - possibilità di cortocircuiti e surriscaldamenti delle parti elettriche; - presenza di apparecchiature elettriche; - fulminazione; - esplosione (vd. rischio esplosione) EDIFICI ISTITUZIONALI, MAGAZZINI, ABITAZIONI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE attrezzature a incandescenza deve essere sempre autorizzato dal RUP e rispettare quanto riportato al Par Il committente informa l appaltatore sulle procedure da adottare in caso di emergenza e sui contenuti del piano di emergenza relativo all edificio dove dovranno svolgersi i lavori (se presente). Le vie di fuga e i mezzi di estinzione devono essere sempre facilmente raggiungibili attraverso percorsi mantenuti costantemente in condizioni tali da garantire una facile transitabilità da parte delle persone in caso di emergenza; devono essere sgombri da materiale combustibile e infiammabile, da ostacoli di qualsiasi genere, anche se temporanei. In generale non devono essere realizzati depositi di materiali infiammabili all interno dei locali. Possono essere stoccate solo le quantità di prodotti necessari al lavoro quotidiano. L uso di fiamme libere e/o attrezzature a incandescenza deve essere sempre autorizzato dal RUP e rispettare quanto riportato al Par RISCHI PRESENTI PRESSO GLI EDIFICI ISTITUZIONALI, I MAGAZZINI E LE ABITAZIONI RISCHI VALUTAZIONE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE RISCHI PRESENTI NEI LUOGHI DI LAVORO L accesso agli edifici deve essere autorizzato dal RUP o dal responsabile dell edificio stesso. Il committente: - verifica che i propri dipendenti non accedano alle aree interessate dai lavori svolti I rischi sono presenti: dall appaltatore; - durante l accesso e transito alle - informa l appaltatore aree esterne (cortili, strade, dell eventuale presenza ecc.) interessate dal straordinaria di pubblico; passaggio di automezzi; - organizza i lavori in maniera tale - durante l accesso e transito alle Urti, collisioni, investimenti da non generare 3 = B aree interne per l eventuale (anche di terzi) sovrapposizioni e, se questo non presenza di mezzi di è possibile, avvisa l appaltatore movimentazione dei carichi; della possibile presenza di altre - durante l accesso e il transito imprese e dà le necessarie alle aree esterne (cortili, strade, istruzioni di coordinamento. ecc.) interessate dal Per quanto riguarda la risoluzione passaggio di pedoni. delle interferenze nelle aree interne, il committente organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni con il lavoro di altre ditte o dei propri dipendenti o degli utenti dell edificio e, se questo non è possibile, avvisa l appaltatore Pagina 16 di 38

17 RISCHI RISCHI PRESENTI PRESSO GLI EDIFICI ISTITUZIONALI, I MAGAZZINI E LE ABITAZIONI MISURE DI PREVENZIONE E VALUTAZIONE PROTEZIONE della possibile presenza di altre imprese e dà le necessarie istruzioni di coordinamento. Inoltre tutti i lavoratori (committente e appaltatore) devono rispettare i seguenti obblighi: - rispettare i percorsi carrabili e quelli pedonali; - per le manovre critiche e con scarsa visuale i conducenti dei mezzi di trasporto devono essere coadiuvati da almeno un collega a terra; - limite di velocità di accesso alle aree di 10 km/h. Cadute dall alto Scivolamenti e cadute a livello Urti, colpi Urti, colpi Scottature Ustioni Elettrocuzione 6 = M 3 = B Il rischio può essere presente sulle coperture per la mancanza di parapetti e di sistemi di sicurezza anticaduta. Possono essere presenti pavimenti scivolosi a seguito di pulizia con liquidi o per rovesciamento accidentale, nei periodi invernali, per la presenza di ghiaccio nelle aree esterne. 4 = B Nei locali per la presenza di arredi e attrezzature e nei locali tecnici --- per la presenza degli impianti. RISCHI CONNESSI ALLA PRESENZA DI IMPIANTI 2 = B 1 = MB 3 = B 4 = M Il rischio è presente nelle centrali termiche in caso di rottura di tubazioni in pressione. Il rischio è presente nei locali in caso di rottura delle tubazioni degli impianti di riscaldamento o dei terminali. Il rischio è presente nelle centrali termiche in caso di: - rottura di parti di impianto contenenti acqua calda; - contatto con parti calde degli impianti. RISCHIO ELETTRICO Si può ritenere improbabile, anche se pur sempre possibile, il pericolo di elettrocuzione con riferimento a contatti elettrici diretti e indiretti nelle attività ordinarie di Durante interventi svolti sulle coperture devono essere adottati dispositivi adeguati di protezione personale/collettiva contro le cadute dall alto. Il committente organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni con il lavoro di altre ditte o dei propri dipendenti e, se questo non è possibile, avvisa l appaltatore della possibile presenza di altre imprese e dà le necessarie istruzioni di coordinamento. Le operazioni di pulizia devono essere segnalate dalle imprese di pulizia. In caso di rovesciamenti accidentali di liquidi, il personale addetto è tenuto a intervenire immediatamente per pulire e asciugare e segnalare l area di pavimento pericolosa. Interventi sugli impianti sono di stretta competenza dei tecnici incaricati della loro manutenzione. L uso di fiamme libere e/o attrezzature a incandescenza deve essere sempre autorizzato dal RUP e rispettare quanto riportato al Par E vietato sostare, transitare, intervenire su impianti in funzione, per tutti coloro che non siano incaricati dell impiego e/o alla manutenzione delle stesse. Gli impianti elettrici vengono verificati e manutenuti regolarmente. Gli impianti di messa a terra sono soggetti a verifiche periodiche Pagina 17 di 38

18 RISCHI PRESENTI PRESSO GLI EDIFICI ISTITUZIONALI, I MAGAZZINI E LE ABITAZIONI RISCHI VALUTAZIONE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE alimentazione attrezzature biennali di efficienza. elettriche, accensione e spegnimento apparecchiature/interruttori. RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE A SOSTANZE PERICOLOSE Il committente organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni con il lavoro di altre Agenti chimici pericolosi 1 = MB ditte o dei propri dipendenti e, se Il rischio è presente in caso di: questo non è possibile, avvisa - presenza di depositi di agenti l appaltatore della possibile chimici normalmente utilizzati presenza di altre imprese e dà le per la pulizia; necessarie istruzioni di - impiego di agenti chimici coordinamento in modo tale da pericolosi da parte egli addetti evitarne l esposizione. Per questo alle pulizie; motivo il rischio legato - eventuale presenza di agenti all esposizione viene valutato come chimici pericolosi in stoccaggio irrilevante per la salute e basso per nei magazzini. la sicurezza. L appaltatore ha il divieto di utilizzare prodotti chimici del committente. RISCHI CONNESSI ALLA PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE Esplosione Incendio 4 = M 3 = B Il rischio di formazione di atmosfere potenzialmente esplosive è collegato alla presenza delle linee di adduzione del combustibile di alimentazione delle caldaie (e del serbatoio se presente) e delle linee di adduzione del gas metano. RISCHIO INCENDIO Possono essere presenti materiali combustibili vari: - arredi; - carta/cartone; - materiale elettronico; - cavi, quadri e componenti degli impianti elettrici; - gas metano e combustibile di alimentazione dell impianto di riscaldamento. I rischi di innesco sono dati da: - possibilità di cortocircuiti e surriscaldamenti delle parti elettriche; - presenza di apparecchiature elettriche; - fulminazione; - esplosione (vd. rischio esplosione). Vige il divieto di fumare in tutti i luoghi di lavoro. Vige il divieto di effettuare lavorazioni con attrezzature a incandescenza, fiamme libere o produzione di scintille vicino alle linee di adduzione del combustibile di alimentazione delle caldaie e, se presente, del relativo serbatoio. L uso di fiamme libere e/o attrezzature a incandescenza deve essere sempre autorizzato dal RUP e rispettare quanto riportato al Par Il committente informa l appaltatore sulle procedure da adottare in caso di emergenza e sui contenuti del piano di emergenza relativo all edificio dove dovranno svolgersi i lavori (se presente). Le vie di fuga e i mezzi di estinzione devono essere sempre facilmente raggiungibili attraverso percorsi mantenuti costantemente in condizioni tali da garantire una facile transitabilità da parte delle persone in caso di emergenza; devono essere sgombri da materiale combustibile e infiammabile, da ostacoli di qualsiasi genere, anche se temporanei. In generale non devono essere realizzati depositi di materiali infiammabili all interno dei locali. Possono essere stoccate solo le quantità di prodotti necessari al lavoro quotidiano. L uso di fiamme libere e/o attrezzature a incandescenza deve essere sempre autorizzato dal RUP e rispettare quanto riportato al Par Pagina 18 di 38

19 5.2.3 IMPIANTI SPORTIVI, EDIFICI RICREATIVI, CHIESA RISCHI PRESENTI PRESSO GLI IMPIANTI SPORTIVI, GLI EDIFICI RICREATIVI, LA CHIESA RISCHI VALUTAZIONE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE RISCHI PRESENTI NEI LUOGHI DI LAVORO L accesso agli edifici deve essere autorizzato dal RUP o dal responsabile dell edificio stesso. Il committente: - verifica che i propri dipendenti non accedano alle aree interessate dai lavori svolti dall appaltatore; - informa l appaltatore dell eventuale presenza straordinaria di pubblico; - organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni e, se questo non è possibile, avvisa l appaltatore della possibile presenza di altre imprese e dà I rischi sono presenti: le necessarie istruzioni di 3 = B - durante l accesso e transito alle coordinamento. aree esterne (cortili, strade, Per quanto riguarda la risoluzione ecc.) interessate dal delle interferenze nelle aree Urti, collisioni, investimenti passaggio di automezzi; 9 = A interne, il committente organizza i (anche di terzi) - durante l accesso e il transito (investimento lavori in maniera tale da non di terzi in alle aree esterne (cortili, strade, generare sovrapposizioni con il presenza di ecc.) interessate dal lavoro di altre ditte o dei propri utenti) passaggio di pedoni e con dipendenti e, se questo non è possibilità di affollamento. possibile, avvisa l appaltatore della possibile presenza di altre imprese e dà le necessarie istruzioni di coordinamento. Inoltre tutti i lavoratori (committente e appaltatore) devono rispettare i seguenti obblighi: - rispettare i percorsi carrabili e quelli pedonali; - per le manovre critiche e con scarsa visuale i conducenti dei mezzi di trasporto devono essere coadiuvati da almeno un collega a terra; - limite di velocità di accesso alle aree di 10 km/h. Cadute dall alto Scivolamenti e cadute a livello 6 = M 3 = B Il rischio può essere presente sulle coperture per la mancanza di parapetti e di sistemi di sicurezza anticaduta. Possono essere presenti pavimenti scivolosi a seguito di pulizia con liquidi o per rovesciamento accidentale, nei periodi invernali, per la presenza di ghiaccio nelle aree esterne. Durante interventi svolti sulle coperture devono essere adottati dispositivi adeguati di protezione personale/collettiva contro le cadute dall alto. Il committente organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni con il lavoro di altre ditte o dei propri dipendenti e, se questo non è possibile, avvisa l appaltatore della possibile presenza di altre imprese e dà le necessarie istruzioni di coordinamento. Le operazioni di pulizia devono essere segnalate dalle imprese di pulizia. In caso di rovesciamenti accidentali di liquidi, il personale addetto è tenuto a intervenire immediatamente per pulire e asciugare e segnalare l area di Pagina 19 di 38

20 RISCHI PRESENTI PRESSO GLI IMPIANTI SPORTIVI, GLI EDIFICI RICREATIVI, LA CHIESA RISCHI VALUTAZIONE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE pavimento pericolosa. Urti, colpi 4 = B Nei locali per la presenza di arredi e attrezzature e nei locali tecnici --- per la presenza degli impianti. RISCHI CONNESSI ALLA PRESENZA DI IMPIANTI Il rischio è presente nei locali Urti, colpi 2 = B impianti in caso di rottura di tubazioni in pressione. Scottature Ustioni Elettrocuzione Rumore Agenti chimici pericolosi Agenti biologici Esplosione 1 = MB 3 = B 4 = M Il rischio è presente nei locali in caso di rottura delle tubazioni degli impianti di riscaldamento o dei terminali. Il rischio è presente nelle centrali termiche in caso di: - rottura di parti di impianto contenenti acqua calda; - contatto con parti calde degli impianti. RISCHIO ELETTRICO Si può ritenere improbabile, anche se pur sempre possibile, il pericolo di elettrocuzione con riferimento a contatti elettrici diretti e indiretti nelle attività ordinarie di alimentazione attrezzature elettriche, accensione e spegnimento apparecchiature/interruttori. Interventi sugli impianti sono di stretta competenza dei tecnici incaricati della loro manutenzione. L uso di fiamme libere e/o attrezzature a incandescenza deve essere sempre autorizzato dal RUP e rispettare quanto riportato al Par E vietato sostare, transitare, intervenire su impianti in funzione, per tutti coloro che non siano incaricati dell impiego e/o alla manutenzione delle stesse. Gli impianti elettrici vengono verificati e manutenuti regolarmente. Gli impianti di messa a terra sono soggetti a verifiche periodiche biennali di efficienza. RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE AD AGENTI FISICI Durante le normali attività Il committente informa l'esposizione al rumore è inferiore al l appaltatore dell eventuale 1 = MB valore inferiore d'azione previsto presenza di fonti di rumore che dal D. Lgs. 81/08 s.m.i. (80 dba). superano i livelli minimi di azione. RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE A SOSTANZE PERICOLOSE 1 = MB Il rischio è presente in caso di: - presenza di depositi di agenti chimici normalmente utilizzati per la pulizia; - impiego di agenti chimici pericolosi da parte egli addetti alle pulizie; - eventuale presenza di agenti chimici pericolosi in stoccaggio (es. piscina). RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Il rischio può essere presente durante le attività di manutenzione 1 = MB svolte presso la piscina (funghi, legionella, ecc.). RISCHI CONNESSI ALLA PRESENZA DI ATMOSFERE ESPLOSIVE 4 = M Il rischio di formazione di atmosfere potenzialmente esplosive è collegato alla presenza delle linee di adduzione del combustibile di alimentazione delle caldaie e, se presente, del relativo serbatoio. Il committente organizza i lavori in maniera tale da non generare sovrapposizioni con il lavoro di altre ditte o dei propri dipendenti e, se questo non è possibile, avvisa l appaltatore della possibile presenza di altre imprese e dà le necessarie istruzioni di coordinamento in modo tale da evitarne l esposizione. Per questo motivo il rischio legato all esposizione viene valutato come irrilevante per la salute e basso per la sicurezza. L appaltatore ha il divieto di utilizzare prodotti chimici del committente. --- Vige il divieto di fumare in tutti i luoghi di lavoro. Vige il divieto di effettuare lavorazioni con attrezzature a incandescenza, fiamme libere o produzione di scintille vicino alle linee di adduzione del combustibile di alimentazione delle caldaie e, se presente, del relativo serbatoio. L uso di fiamme libere e/o Pagina 20 di 38

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 1/5 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 Descrizione RdO Servizio ordinario di pulizia CIG ZDD118457B CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli