Istruzioni per l'uso Carrozzina multifunzione VARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzioni per l'uso Carrozzina multifunzione VARIO"

Transcript

1 Istruzioni per l'uso Carrozzina multifunzione VARIO REATIME S.R.L. Via Torino I-009 Varedo MI Telefono: +9()/90 Fax: +9()/9

2 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") Nota per il rivenditore: Le presenti Istruzioni per l'uso fanno parte integrante del prodotto e devono essere fornite assieme alla carrozzina.. Edizione 00 Tutti i diritti, compresi quelli di traduzione, riservati. Le presenti Istruzioni per l'uso non possono essere riprodotte, neppure parzialmente, con qualsiasi mezzo (stampa, fotocopia, microfilm od altro procedimento) senza l'autorizzazione scritta della casa produttrice né essere elaborate, duplicate o ampliate con l'ausilio di sistemi elettronici. Vermeiren Deutschland GmbH, 1999

3 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") INDICE Sezione Pagina Indice... Premessa... Dati tecnici... Generalità... Campo d'impiego... Ambito di fornitura... Organi di comando... Maniglie di spinta... Regolazione dell'inclinazione dello schienale... Schienale... 7 Regolazione dell'inclinazione del sedile... 7 Sedile... 8 Prolunga schienale... 8 Poggiapiedi... 8 Braccioli... 9 Freni Sostituzione degli pneumatici Gommatura... Protezione antiribaltamento... Trasporto della carrozzina... 1 Trasporto in auto... 1 Trasporto su rampe... 1 Accessori... 1 Poggiatesta regolabili (L)... 1 Poggiagambe... 1 Cintura di sicurezza (B8)... 1 Divaricatore gambe (B)... 1 Regolazione della profondità del sedile... 1 Freno a tamburo per accompagnatore (B7)... 1 Ripiano (B) Immobilizzatori per tronco (L0) Sicurezza Manutenzione Controllo Pulizia Rivestimenti Parti in plastica... 0 Trattamento superficiale... 0 Disinfezione... 0 Garanzia... Dichiarazione di conformità... Manutenzione programmata... Filiali...

4 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") PREMESSA Ringraziamo per la fiducia accordataci con l acquisto di una carrozzina di nostra produzione. In dotazione alla sedia viene fornita una chiave a brugola che serve per effettuare le regolazioni secondo quanto indicato sulle istruzioni per l'uso. Leggere attentamente le istruzioni per acquisire familiarità con l'uso della carrozzina. È importante conoscere anche le istruzioni per la pulizia e la manutenzione. Si prega di tenere presente che il rispetto di queste indicazioni consentirà di mantenere la carrozzina perfettamente efficiente e funzionante anche dopo anni. Per qualsiasi chiarimento rivolgersi al rivenditore. DATI TECNICI (dotazione standard) Quando si regolano le ruote motrice ed/o si utilizza la regolazione della profondità del sedile variano anche i dati relativi alla lunghezza totale. Lunghezza (posizione verticale) Lunghezza (in multifunzione) Lunghezza (senza poggiapiedi) Larghezza (in funzione della larghezza del sedile) Altezza (senza prolunga sedile) Altezza (con prolunga sedile) 10 cm 18 cm 7 cm 9 cm (), 1 cm (), cm (), 7 cm (0) (" ruota = + cm ingombro) 9 cm 10 - cm Profondità sedile cm Altezza sedile cm Altezza braccioli (sedile imbottito) 19 - cm Altezza braccioli (schienale imbottito) 71-7 cm Altezza schienale 7 cm Molla di compressione a gas per inclinazione 80 N (max. ca. ) sedile Molla di compressione a gas per inclinazione 80 N (max. ca. 1 ) schienale Portata nominale (carico massimo) 0 kg Pressione di gonfiaggio pneumatici ruote direttrici, bar (anteriori) Pressione di gonfiaggio pneumatici ruote,8 bar motrici/posteriori Tolleranza +/- 1, cm In caso di uso di ruote diverse da quelle di serie da noi montate rispettare sempre la pressione massima di gonfiaggio indicata sui pneumatici! Caratteristiche di guida Sterzata Angolo massimo con freno tirato in marcia avanti (senza ostacoli) Angolo massimo con freno tirato in marcia avanti (con ostacolo 0 mm) Angolo massimo con freno tirato in retromarcia Angolo massimo con freno tirato in retromarcia (con ostacolo 0 mm) Angolo massimo con freno tirato in marcia laterale (senza ostacoli) Angolo massimo con freno tirato in marcia laterale (con ostacolo 0 mm) Resistenza allo scorrimento circa 10 cm 7 1 (schienale + sedile inclinato all'indietro) (schienale + sedile verticale) 17 ca. 0 N

5 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") GENERALITÀ Le sedie a rotelle multifunzione VARIO e VARIO/Soft sono espressamente concepite per il comfort dell'utilizzatore e sono destinate ad esclusivo uso individuale di persone con incapacità o deficit motorio, con manovra autopropulsa o a spinta, all'interno o in spazi esterni limitati (piani e senza ostacoli). La serie VARIO consente diverse possibilità di mobilità come di seguito precisato. Si consiglia di leggere attentamente le presenti istruzioni per acquisire familiarità con il veicolo. CAMPO D'IMPIEGO Le numerose varianti per quanto concerne allestimento e accessori e la concezione modulare consentono l'uso da parte di persone con impossibilità/difficoltà di deambulazione conseguenti a: paralisi amputazione di arti inferiori difetti/deformazioni agli arti inferiori contratture/lesioni articolari patologie come l'insufficienza cardiaca e cardiocircolatoria, perturbazioni dell'equilibrio e cachessia, come pure per usi geriatrici. Lesioni midollari Inoltre, le dotazioni individuali consentono di adattare il veicolo a: taglia e peso del paziente (carico massimo 0 kg) condizioni psico-fisiche abitazione ambiente. La garanzia vale solo per l uso del prodotto nelle condizioni e per gli scopi previsti. AMBITO DI FORNITURA Telaio strutturale completo di schienale, maniglie di spi9nta, ruote motrici e direzionali, protezione antiribaltamento, agganci per poggiatesta preformati Poggiapiedi (standard: BZ7; ad inclinazione regolabile con equilibratura longitudinale) Sedile preformato Prolunga schienale completo di cuscino per collo (o poggiatesta L) Istruzioni per l'uso Serie di chiavi a brugola ORGANI DI COMANDO La carrozzina multifunzione viene fornita completamente assemblata, ad esclusione dei poggiapiedi, del sedile e della prolunga schienale (o poggiatesta) (vedere le singole descrizioni). Il rivenditore provvede ad assemblare completamente la sedia e ad informare l'utilizzatore sugli organi di comando e sul loro uso. Per maggiore chiarezza tali informazioni sono ripetute qui di seguito.

6 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") MANIGLIE DI SPINTA La carrozzina multifunzione è dotata di maniglie di spinta regolabili in altezza. La regolazione serve per facilitare la spinta dell'accompagnatore. Per regolare le maniglie allentare la vite (1) e tirare l'impugnatura nella posizione voluta. Quindi serrare la vite (1). Ripetere l'operazione per la maniglia dall'altro lato. 1 Quando si tira la maniglia fare attenzione che il tubolare non si sfili completamente ma lasciarlo inserito quanto basta per consentire la presa. Per impedire torsioni indesiderate le maniglie sono bloccate in modo tale da poter essere sfilate solo ad angolo. È tuttavia possibile bloccare le maniglie in un'altra posizione. A tal fine sfilare completamente il tubolare e reinserirlo nella posizione voluta. Quindi serrare la vite (1). Si tenga presente che variando la posizione delle maniglie di spinta cambiano anche la forza necessaria per la spinta e quella per l'inclinazione dello schienale e del sedile. REGOLAZIONE DELL'INCLINAZIONE DELLO SCHIENALE L'accompagnatore può regolare a piacimento l'inclinazione dello schienale agendo sulle maniglie di spinta dietro allo stesso. Tirare indietro la leva di sblocco della maniglia in modo da poter tirare all'indietro lo schienale (posizione sdraiata) o riportarlo in alto da quest'ultima posizione. Quando si effettua la regolazione dell'inclinazione dello schienale la sedia deve trovarsi saldamente con tutte e quattro le ruote su una superficie piana, con i freni tirati su ambo i lati, onde evitare il pericolo di ribaltamento. Le molle di compressione a gas sono regolate per il peso del paziente, per cui senza il paziente lo schienale è più difficile da regolare. La regolazione dello schienale con paziente a bordo dev'essere fatta solo da persone che ne conoscono le condizioni cliniche, e sono quindi in grado di valutare se la variazione di posizione della schiena non sia nociva per la sua salute. Si tenga presente che variando l'inclinazione dello schienale il baricentro del corpo del paziente si sposta all'indietro con conseguente pericolo di ribaltamento.

7 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") SCHIENALE Lo schienale della carrozzina multifunzione è in due parti. La parte inferiore serve per il comfort del paziente, consentendone il contenimento su tutti i lati ed un buon sostegno sulla schiena. La prolunga schienale regolabile (VARIO) o il poggiatesta regolabile (VARIO/Soft) si spostano verso l'alto. Entrambi i sistemi sono regolabili in altezza in base alle necessità del paziente. A tal fine allentare le apposite viti sullo schienale, portare la prolunga schienale nella posizione voluta e serrare le viti. L Cuscino per collo Vite Schienale Schienale Nel modello VARIO è possibile regolare anche la posizione del cuscino per collo con tirante in gomma, tirandolo lungo la prolunga schienale. Per la regolazione dello schienale utilizzare tutto il tempo necessario al fine di trovare la posizione ideale dei sostegni imbottiti. Se le dotazioni standard non sono adatte per il paziente, rivolgersi al rivenditore, il quale è in grado di consigliare l'accessorio più adatto. Consultare in proposito il capitolo "Accessori" delle presenti istruzioni per l'uso. Fare attenzione a non applicare ulteriori carichi allo schienale (come sacche etc.), perché ciò potrebbe sbilanciare la sedia all'indietro. Le viti del sistema poggiatesta devono essere sempre strette a fondo onde evitare il pericolo di schiacciamenti per paziente e accompagnatore. REGOLAZIONE DELL'INCLINAZIONE DEL SEDILE L'accompagnatore può regolare a piacimento l'inclinazione del sedile agendo sugli appositi pedali (destro e sinistro) posti all'estremità inferiore del telaio strutturale della sedia. Quando si effettua la regolazione dell'inclinazione del sedile la sedia deve trovarsi saldamente con tutte e quattro le ruote su una superficie piana, con i freni tirati su ambo i lati, onde evitare il pericolo di ribaltamento. Quando si effettua la regolazione del sedile non devono esserci persone ed/o oggetti sotto la sedia (pericolo di lesioni). 7

8 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") La regolazione del sedile con paziente a bordo dev'essere fatta solo da persone che ne conoscono le condizioni cliniche, e sono quindi in grado di valutare se la variazione di posizione non sia nociva per la sua salute. Pigiare il pedale delicatamente, perché una pressione eccessiva lo deforma, rendendolo inutilizzabile. Tenere presente che variando l'inclinazione del sedile varia anche il baricentro del corpo paziente, con conseguente pericolo di ribaltamento. SEDILE Il sedile in dotazione, preformato e imbottito, viene posto sui tubolari del telaio. Per togliere il sedile basta tirarlo verso l'alto. Prima dell'uso verificare che il sedile sia fissato saldamente al telaio, altrimenti il paziente corre il rischio di scivolare dentro la sedia. Senza il sedile la sedia non può essere utilizzata per il trasporto del paziente (pericolo di lesioni). PROLUNGA SCHIENALE La versione base della carrozzina multifunzione (modello VARIO) è dotata di prolunga schienale, che si inserisce nell'apposito alloggio sul retro dello stesso, bloccandolo con le viti di sicurezza. Utilizzando la prolunga in abbinamento al cuscino per collo è possibile aumentare il comfort del paziente, tirando quest'ultimo lungo la prolunga. Il cuscino è dotato a tal fine di un tirante un gomma. Il rivestimento del cuscino è sfoderabile. Sul retro del cuscino è prevista un'apposita chiusura a velcro. Prima dell'uso verificare che le viti di bloccaggio della prolunga schienale siano serrate a fondo. Si tenga presente che il cuscino serve per sostenere il collo, e non la nuca. Fare in modo che il tirante in gomma del cuscino non finisca tra le viti di bloccaggio della prolunga schienale, perché in tal caso il cuscino non potrebbe più essere tolto. Quando viene utilizzato il cuscino, il tirante in gomma dev'essere bloccato. In caso di danneggiamento della prolunga schienale a seguito di usura o altri fattori rivolgersi al rivenditore. POGGIAPIEDI La versione base della sedia multifunzione è dotata di poggiagambe. È possibile regolare a piacimento l'angolazione del poggiapiedi, l'altezza della piastra poggiapolpaccio e l'angolazione della pedana in funzione delle dimensioni del piede del paziente. La regolazione dev'essere effettuata da una persona competente, ad esempio il rivenditore. Per montare i poggiapiedi agganciare un poggiagambe all'esterno lateralmente sui perni e spostarli verso l'interno, fino a quando si bloccano. Se i poggiagambe non devono essere applicati 8

9 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") immediatamente, premere leggermente la leva di comando (). Procedere analogamente per l'altro lato (vedere figura). Per il trasporto e l'applicazione i poggiagambe possono essere afferrati solo sul bordo superiore dei montanti, altrimenti si rischia di schiacciarsi le dita nel meccanismo di sgancio. Per salire e scendere dalla sedia le pedane e i poggiapolpaccio sono ribaltabili. Le pedane servono solo per l'appoggio del piede. Per regolare la lunghezza dei poggiagambe servirsi della chiave a brugola in dotazione. All'estremità della pedana, sulla parte posteriore del poggiagamba, si trova una brugola a scomparsa che blocca la pedana nell'apposito alloggio. Allentando la vite la pedana può essere regolata in base alla lunghezza della gamba. Effettuata la regolazione serrare la vite. Verificare che le pedane si trovino ad almeno cm dal suolo onde evitare che durante la marcia tocchino in terra, il che potrebbe danneggiare la carrozzina e pregiudicarne la sicurezza d'uso, oltre a provocare danni al paziente. Non reggersi in piedi sulle pedane, perché sono destinate esclusivamente al sostegno del piede. Regolazione dell'angolazione: Sedersi sulla sedia dopo aver tirato i freni di stazionamento. Dopo aver applicato i poggiagambe mettere il piede sulle pedane. Afferrare lateralmente i poggiapiedi per il tubo lungo, tirare verso l'alto e lasciare libero nella posizione voluta. Per rilasciare i poggiapiedi tirare su la leva di sblocco (1). Tenere presente che appena si tira la leva il poggiapiedi cade giù completamente. Per evitare il pericolo di lesioni a persone e danni a cose, durante la regolazione dei poggiagambe non sostare e non tenere oggetti nel raggio d'oscillazione degli stessi. Verificare che nessun oggetto o parte del corpo finisca nel meccanismo di regolazione onde evitare lesioni e danni alla sedia. Per quadri clinici e/o handicap che impediscano un movimento regolare delle gambe sul poggiagambe sono disponibili accessori da installare su questo modello. Per informazioni rivolgersi al rivenditore. BRACCIOLI Di serie la sedia è dotata di braccioli ribaltabili verso l'alto e amovibili. I braccioli consentono l'appoggio laterale in posizione seduta e sono regolabili in altezza. I poggiabraccia imbottiti consentono un buon comfort anche in caso di uso prolungato. Quando si regola l'inclinazione dello schienale è opportuno intervenire anche sulla posizione dei braccioli, per garantire il massimo comfort. Per regolare l'altezza dei braccioli tirare il pomello (1) in avanti e sistemare il bracciolo nella posizione voluta. Il pomello (1) impegna uno degli appositi fori. Per togliere completamente il bracciolo tirare il pomello (1), inclinare il bracciolo all'indietro e sfilarlo completamente dall'alloggiamento tubolare sul retro dello schienale, dopo aver allentato la vite (). Per il rimontaggio procedere in senso contrario, facendo in modo che il tubolare del bracciolo venga inserito fino a battuta nella boccola di plastica e che il pomello di blocco scatti in posto. 1 9

10 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") Verificare che il pomello di blocco sia ben stretto nell'alloggio del bracciolo prima di caricare il bracciolo, altrimenti quest'ultimo non regge. Verificare che i braccioli siano inseriti a fondo negli alloggi sul tubolare dello schienale, altrimenti si possono produrre piegature che rendono i braccioli stessi inutilizzabili. I braccioli possono essere ripiegati o smontati solo quando si è certi che l'utilizzatore della carrozzina sia protetto contro le cadute laterali. In caso di modifiche, danni o usura dei braccioli rivolgersi al rivenditore. Non utilizzare la sedia in presenza di danni o usura delle sospensioni, perché ci comporterebbe rischi per la sicurezza. Eventuali modifiche ai braccioli e agli appoggi degli stessi vengono effettuate sotto la responsabilità dell'utilizzatore e comportano la decadenza immediata della garanzia. FRENI La carrozzina multifunzione è dotata di serie di freno di stazionamento sulle ruote motrici. Il freno dev'essere regolato in funzione del tipo di gommatura (" o ") Ad aria Piene Freno di stazionamento per pneumatici ad aria Se si usano pneumatici ad aria da " il freno di stazionamento funziona solo se le gomme sono sufficientemente gonfie (vedere sezione "Dati tecnici"). Se si utilizzano ruote a camera d'aria da " il freno di stazionamento agisce come freno a tamburo (il pedale del freno è azionabile solo dall'accompagnatore). La pressione di gonfiaggio degli pneumatici deve corrispondere ai valori indicati nel capitolo "Dati tecnici", altrimenti l'efficacia del freno di stazionamento diminuisce o è inesistente. Si tenga presente che i freni di stazionamento non servono per arrestare il veicolo in marcia. La loro unica funzione è di bloccare la sedia in posizione di stazionamento per impedire che si sposti inavvertitamente. Se i freni di stazionamento vengono usati durante la marcia si corre il rischio di provocare lesioni. Se, a seguito di usura ed/o danni, i freni dovessero perdere la funzionalità, rivolgersi al rivenditore il quale, disponendo dell'attrezzatura e delle conoscenze necessarie, è in grado di procedere alla sostituzione. Se si utilizzano attrezzi non adatti o in caso di uso improprio si possono provocare danni ed/o malfunzionamenti. Per regolare da sé i freni di stazionamento (con ruote da ") occorre disporre di idonee chiavi a brugola per allentare le due brugole che bloccano la sporgenza del freno sulla guida. A questo punto è possibile spostare il gruppo freno nella posizione voluta e serrare le due brugole. Verificare l'efficienza dei freni. La regolazione del freno da parte di persone non autorizzate è a loro esclusivo rischio e pericolo. La casa costruttrice declina ogni responsabilità in tal senso. Per la regolazione dei freni di stazionamento si consiglia di rivolgersi al rivenditore, che conosce i prodotti e le norme di sicurezza applicabili. Durante la regolazione del freno di stazionamento con ruote da ", agendo sulle viti di trazione del cavetto varia la tensione del tirante, consentendo di regolare la forza di frenata. Freno di stazionamento per gomme piene Quando si utilizzano gomme piene da " il freno di stazionamento potrebbe non funzionare se la distanza tra freno e gomma è tale che le ruote, una volta azionato il freno, vengono bloccate completamente. Con l'ausilio di un'idonea attrezzatura è possibile regolare il freno. È opportuno far fare le regolazioni al rivenditore. 10

11 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") Si tenga presente che i freni di stazionamento non servono per arrestare il veicolo in marcia. La loro unica funzione è di bloccare la sedia in posizione di stazionamento per impedire che si sposti inavvertitamente. Se i freni di stazionamento vengono usati durante la marcia si corre il rischio di provocare lesioni. Se il funzionamento dei freni della carrozzina non è soddisfacente rivolgersi immediatamente al rivenditore. La presenza di acqua, olio e sporcizia (con entrambe le gommature) sulle ruote riduce la capacità dei freni di stazionamento. Prima di utilizzare la sedia verificare sempre lo stato delle ruote. In caso di perdita di funzionalità dei freni a seguito di usura e/o danni rivolgersi immediatamente al rivenditore che provvederà alle necessarie sostituzioni con l'ausilio d'una speciale attrezzatura. La sostituzione delle coperture in PU non può essere effettuata dall'utente. SOSTITUZIONE DEGLI PNEUMATICI Per la sostituzione dei copertoni o delle camere d'aria procedere come segue: Per togliere il copertone, dopo aver lasciato sgonfiare completamente la camera d'aria, inserire tra il copertone e il cerchione un apposito estrattore, premendolo lentamente e delicatamente verso il basso. In tal modo il copertone fuoriesce dal cerchione. Facendo scorrere l'estrattore lungo il cerchio, il copertone viene via completamente. A questo punto è possibile tirare fuori delicatamente la camera d'aria. Prima di togliere la camera d'aria l'aria dev'essere completamente scaricata. Se si procede in modo errato si possono provocare danni al cerchione. È pertanto opportuno far eseguire queste operazioni al rivenditore. Prima di installare la nuova camera d'aria tenere presente quanto segue: Verificare che sulla superficie del cerchione e sulla parete interna del copertone non siano presenti corpi estranei e, se del caso, pulire accuratamente. Verificare lo stato della superficie del cerchione, in particolare in corrispondenza della foro per la valvola. Per una protezione di lunga durata contro i danni al tubolare (gommatura da / ) utilizzare protezioni in gomma per cerchioni. Utilizzare solo ricambi originali. La garanzia non è operativa in caso di danni provocati dall'uso di ricambi non originali. Rivolgersi al rivenditore Montaggio: Prendere il copertone e spingerlo dietro alla valvola, partendo da sopra al tallone del cerchione. Gonfiare leggermente la camera d'aria in modo che prenda forma circolare ed inserirla nel copertone. Quando la camera d'aria è stata inserita completamente e uniformemente nel copertone (se non è uniforme sfiatare un po' d'aria) è possibile montare sulla valvola la parte superiore del copertone rispetto alla valvola, agendo delicatamente con ambo le mani. 11

12 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") Verificare tutt'intorno su ambo i lati che la camera d'aria non sia bloccata tra il tallone dello pneumatico e il cerchione. Spostare leggermente all'indietro la valvola e riportarla in avanti in modo da trovare la posizione ideale per la valvola. Gonfiare la ruota introducendo aria quanto basta: la ruota è gonfia quando non si riesce più a comprimerla con i pollici. Quando la linea di controllo sui due lati dello pneumatico indica la stessa distanza rispetto al tallone del cerchione significa che la gomma è centrata. Altrimenti sgonfiare la gomma e rifare l'allineamento. Gonfiare la gomma alla massima pressione (non superare la pressione di gonfiaggio) ed applicare il tappo alla valvola. Fare attenzione che in fase di montaggio non finiscano oggetti o parti del corpo tra copertone e tallone del cerchione, onde evitare danni e lesioni Per un montaggio corretto è opportuno rivolgersi al rivenditore. In caso contrario, decade la garanzia. Non superare la pressione di gonfiaggio indicata sui fianchi del copertone (vedere "Dati tecnici"). Per il gonfiaggio utilizzare idonee apparecchiature dotate di manometro con lettura in "bar" o la pompa dell aria in dotazione. La garanzia decade in caso di utilizzo di apparecchiature di gonfiaggio diverse da quelle fornite dalla casa. GOMMATURA La carrozzina può essere fornita con diverse combinazioni di ruote. Di serie è dotata di ruote motrici da " x 1 /8 o x 1/ e ruote direzionali da 00 x 0. Per altri tipi di gommatura rivolgersi al rivenditore. Onde evitare incidenti verificare che la pressione delle gomme sia sufficiente. La pressione di gonfiaggio è riportata nella sezione "Dati tecnici". Inoltre tener conto della pressione indicata sugli pneumatici stessi. La garanzia decade in caso di uso di ruote di altre marche. PROTEZIONE ANTIRIBALTAMENTO Di serie la carrozzina multifunzione è dotata di protezione antiribaltamento che viene applicata all'estremità posteriore del telaio inferiore e bloccata con una vite (1). Per maggiore sicurezza del paziente la protezione antiribaltamento impedisce alla carrozzina di ribaltarsi completamente all'indietro. Prima di partire verificare che la protezione antiribaltamento sia ben sistemata su ambo i lati e bloccata con la vite (1). Prima di mettersi in marcia verificare che la protezione sia stata applicata in modo tale che, in caso di ribaltamento all'indietro, le ruote del sistema di protezione vadano a contatto col suolo, impedendo il ribaltamento completo della carrozzina.

13 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") Vite (1) Protezione Antiribaltamento TRASPORTO DELLA CARROZZINA Per il trasporto della carrozzina attenersi alle seguenti istruzioni: Dato che la carrozzina multifunzione non può essere ripiegata, per il trasporto occorrono almeno due persone. Agendo sulla leva di sblocco corrispondente mettere il sedile in posizione orizzontale e lo schienale in posizione verticale (vedere paragrafi Regolazione dell'inclinazione del sedile e dello schienale). Togliere i poggiapiedi (vedere paragrafo Poggiapiedi). Allentando le viti di bloccaggio il sistema poggiatesta si smonta completamente. A questo punto la sedia è pronta per il trasporto. Non afferrare mai la sedia per i poggiapiedi, i braccioli o le ruote, ma sempre e solo per il telaio (parte inferiore), anteriormente o posteriormente. Al momento di rimontare la sedia verificare che tutte le viti siano strette a fondo. Per trasportare la carrozzina in automobile o per recarsi in un determinato posto con la sedia attenersi alle seguenti istruzioni: Per salire e scendere scale con la sedia, per ribaltarla togliere le ruote di appoggio di sicurezza, altrimenti le stesse entrano un funzione impedendo la rotazione delle ruote motrici (vedere "Protezione antiribaltamento). Inclinare leggermente la sedia all'indietro. La sedia può fare la scala solamente in avanti un gradino dopo l altro grazie alla ruote motrici. Occorre essere in due, una persona davanti alla sedia, in modo tale che, una volta tolti i poggiapiedi, afferri il telaio inferiore in corrispondenza dei supporti delle ruote, procedendo all indietro. Per trasportare la sedia per le scale occorre essere sempre in due. Ricordare che, una volta tolti i poggiapiedi, la sicurezza del paziente è compromessa, con conseguente pericolo di lesioni. Durante il trasporto adottare un idoneo sistema di cinture di sicurezza (disponibili presso il rivenditore). Durante il trasporto sedere con calma sulla sedia, evitando qualsiasi movimento all indietro. Se le condizioni o la patologia del paziente non gli consentono di stare fermo durante il trasporto (es. spasticità leggera etc.), occorre che almeno altre due persone si pongano di lato alla sedia, afferrando la stessa per il telaio. Si tenga presente che, una volta smontata la protezione, non si è più protetti contro il ribaltamento all indietro. Verificare che il gruppo schienale sia ben saldo. Durante il trasporto fare attenzione che braccia e gambe non sporgano dalla sedia. Durante il trasporto non si deve trovare nessun oggetto o nessuna persona sotto alla sedia, onde evitare lesioni personali e danni alla sedia stessa. 1

14 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") TRASPORTO IN AUTO All interno del veicolo assicurare la carrozzina con le cinture di sicurezza in dotazione al veicolo o con apposite cinture accessorie. Per maggiore sicurezza utilizzare anche le cinture di sicurezza, se presenti, della sedia stessa. Bloccare la sedia con le cinture su una parte fissa del telaio. Verificare che la sedia sia bloccata dalle cinture in ogni direzione. Azionare anche i freni di stazionamento della sedia. Le parti smontate della sedia devono essere riposte in luogo sicuro. Per il trasporto su vetture da handicappati verificare che chi si occupa del trasporto rispetti le norme vigenti, garantendo così la sicurezza del paziente. Per il trasporto su veicoli generici (aerei, autobus, navi, tram, treni etc.), verificare in via preliminare con la compagnia che sia possibile trasportare in condizioni di sicurezza le sedie a rotelle. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per danni verificatisi durante il trasporto a opera di terzi. Il trasporto avviene a proprio rischio e pericolo. Per qualsiasi chiarimento in merito al trasporto. TRASPORTO SU RAMPE Se per superare un ostacolo si utilizza una rampa, osservare le seguenti precauzioni. A causa del peso proprio della sedia si sconsiglia di procedere lungo le rampe con la propria forza, in quanto c'è il rischio che la sedia rotoli all'indietro. Per superare le rampe farsi aiutare da un accompagnatore, che spinga la sedia. Rispettare il carico massimo indicato per la rampa. Utilizzare le cinture di sicurezza della sedia. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per danni derivanti dall'utilizzo di rampe non idonee. ACCESSORI POGGIATESTA REGOLILI (L) In alternativa alla prolunga schienale di serie abbinata al cuscino paracollo imbottito è disponibile un poggiatesta regolabile, imbottito regolabile mediante un meccanismo a ruota dentata (vedere figura). I poggiatesta sono regolabili in altezza in funzione della corporatura del paziente, inserendoli nell apposita sede ricavata nello schienale della sedia e fissandoli con l apposita vite. Verificare che il poggiatesta faccia sufficientemente presa nell'alloggio. 1

15 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") Con le viti di regolazione è possibile regolare la profondità del poggiatesta, allentandole leggermente fino a far muovere le ruote dentate. Regolare il poggiatesta a piacimento e ribloccare le viti. Se la posizione del poggiatesta non soddisfa ripetere la procedura su esposta. Verificare che la nuca con il sedile completamente eretto sia sostenuta saldamente dal poggiatesta. Si tenga presente che variando l'inclinazione del sedile ed/o dello schienale cambia anche la posizione del tronco. Prima della messa in uso del poggiatesta tutte le viti di bloccaggio devono essere strette a fondo, perché in caso di caduta o spostamento casuali del poggiatesta si possono produrre lesioni. Per una maggior sicurezza è possibile adattare il poggiatesta alle dimensioni laterali della testa, piegando leggermente in avanti le alette laterali, che agiscono in tal modo da sostegno per la testa del paziente. Verificare che la testa non poggi con troppa forza sulle alette laterali, onde evitare schiacciamenti. Le alette laterali non possono essere riunite assieme, perché potrebbero rompersi, con possibile rischio di lesioni e perdita di funzionalità. POGGIAGAMBE In caso di modifiche non autorizzate ai poggiatesta la garanzia decade. Se i poggiapiedi in dotazione non sono adatti alle esigenze del paziente è possibile utilizzarne altri tipi. La sede dei poggiapiedi è standardizzata, per cui è possibile adottare qualsiasi tipo di poggiapiedi. Per qualsiasi chiarimento in materia rivolgersi al rivenditore. CINTURA DI SICUREZZA (B8) Per maggiore sicurezza del paziente la carrozzina è dotata di una cintura di sicurezza con chiusura a scatto (come quelle installate sugli autoveicoli). Per allacciare la cintura tirare i passanti sopra i montanti posteriori del sedile. Per montare altri tipi di cinture di sicurezza rivolgersi al rivenditore. Queste operazioni devono essere eseguite dal rivenditore, altrimenti la garanzia decade. Per montare altri tipi di cinture di sicurezza rivolgersi al rivenditore. DIVARICATORE GAMBE (B) In alcune patologie o handicap le gambe in corrispondenza del femore devono essere allargate mediante un apposito divaricatore. A tal fine è disponibile un accessorio monoblocco imbottito delle dimensioni d'un pugno che viene montato sotto alla superficie del sedile mediante una barra e regolato nella posizione voluta. Per il montaggio ed il posizionamento del divaricatore rivolgersi al rivenditore. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per danni verificatisi in caso di montaggio ad opera di terzi. 1

16 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") REGOLAZIONE DELLA PROFONDITÀ DEL SEDILE Per pazienti con le gambe lunghe, per i quali le profondità standard del sedile non vanno bene, è possibile aumentarla di circa - cm intervenendo sul telaio. Rivolgersi al rivenditore Per regolare la profondità del sedile, il gruppo sedile può essere spostato in avanti e/o all'indietro sul telaio. Sui quattro tubolari del telaio sotto al profilato scatolato si trovano delle brugole cieche. Allentare le brugole e spostare il gruppo sedile. Regolare il sedile nella posizione voluta e serrare le brugole. Per queste operazioni rivolgersi esclusivamente al rivenditore. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per danni derivanti da un montaggio improprio e da parte di persone non autorizzate. Tenere presente che il cambiamento di posizione del sedile influisce sul funzionamento delle molle di compressione a gas e, di conseguenza, anche sulle possibilità di regolazione dell'inclinazione del sedile e dello schienale. 1 Per poter adattare anche la profondità dei poggiapiedi, dopo aver allentato lateralmente la brugola (1) sul telaio anteriore del sedile, tirare l'aggancio del poggiapiedi () nella posizione voluta e ribloccarlo serrando la brugola (1). Tirare fuori l'aggancio del poggiapiedi quanto basta a garantire una presa sicura. La regolazione della profondità del sedile dev'essere affidata al rivenditore che possiede l'attrezzatura e le conoscenze necessarie. Al momento del rimontaggio verificare che tutte le viti siano strette a fondo. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per lesioni e danni imputabili a montaggio e regolazione da parte di persone non autorizzate. FRENO A TAMBURO PER ACCOMPAGNATORE (B7) È disponibile un freno a tamburo per l'accompagnatore che spinge la sedia. Per indicazioni in merito rivolgersi al rivenditore. 1

17 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") L'adeguamento delle sedie a rotelle non dev'essere effettuato da persone non autorizzate. Rivolgersi al rivenditore RIPIANO (B) Per mangiare, scrivere ed altre attività da parte del paziente è disponibile un ripiano in legno a sezione curva (B), che può essere ribaltato lateralmente o applicato all'imbottitura del bracciolo, previo fissaggio della guida (B1) sotto al ripiano esternamente e lateralmente sotto al bracciolo. Gli alloggi in dotazione (B1) vengono posti tra imbottitura e tubolare del bracciolo, dopo aver tolto le viti dell'imbottitura. Dopo averle riavvitate a fondo l'appoggio è montato e l'asta del ripiano (B) può essere spostato dal davanti nell'alloggio (B1). Dopo aver bloccato le viti di arresto dell'alloggio (B1) del ripiano (B) quest'ultimo è utilizzabile. Per ribaltare lateralmente il ripiano allentare leggermente la vite a stella dell'alloggio (B1), sollevare lateralmente il ripiano (B) con ambo le mani e portarlo fuori verso destra, mantenendolo in posizione orizzontale, fino a quando non resta in posizione centrale sopra all'imbottitura del bracciolo di destra. Quindi abbassarlo lentamente con la mano destra, trattenendolo con la sinistra fino a quando non si trova perpendicolare alla sedia. Per riportare il ripiano in posizione procedere in senso contrario. Tenere presente che l'alloggio (B1) del ripiano può essere montato solo sulla destra della sedia per garantire la funzionalità del ripiano stesso (B). Prima dell'uso verificare che le viti di bloccaggio del ripiano siano serrate a fondo. Il ripiano non può essere ribaltato durante la marcia. Spostarsi con la sedia solo dopo aver tolto il ripiano o averlo fissato a mo' di tavolo. Fare attenzione che durante il montaggio del ripiano non finiscano oggetti o parti del corpo tra il ripiano e l'imbottitura del bracciolo, onde evitare danni e lesioni Quando si ribalta il ripiano sulla destra della sedia non devono esservi persone né oggetti, onde evitare pericoli di danni e lesioni. Quando si utilizza o si ribalta il ripiano i freni di stazionamento devono essere azionati, onde evitare improvvisi movimenti della sedia e, di conseguenza, danni e lesioni ad opera del ripiano stesso. Le operazioni di montaggio devono essere eseguite dal rivenditore, in possesso delle attrezzature e delle conoscenze necessarie. La casa produttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per lesioni e danni imputabili a montaggio improprio e da parte di persone non autorizzate. IMMOBILIZZATORI PER TRONCO (L0) Dovendo sostenere il tronco più rigidamente rispetto alla configurazione standard sono disponibili appositi immobilizzatori da applicare allo schienale. Le guide di scorrimento vengono applicate sul retro dello schienale ad una distanza laterale di circa cm. A tal fine, sullo schienale sono previsti appositi fori filettati (nei modelli più vecchi è possibile utilizzare viti a legno). I montanti degli stabilizzatori vengono inseriti dall'esterno nelle guide e bloccati con due viti con intaglio a croce. Per regolare l'altezza e la profondità degli immobilizzatori allentare leggermente le viti e portare gli immobilizzatori nella posizione voluta. Quindi ribloccare con le viti. Al termine dell'installazione verificare che tutte le viti siano serrate a fondo, altrimenti la stabilità dello schienale e degli immobilizzatori non è garantita, con conseguenti rischi di danni ed/o lesioni. 17

18 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") Se la sedie viene fornita senza immobilizzatori, per l'installazione rivolgersi al rivenditore, il quale dispone dell'attrezzatura e delle conoscenze necessarie. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità in caso di montaggio da parte di persone non autorizzate. Durante la regolazione degli immobilizzatori sedere tranquillamente sulla carrozzina in posizione naturale. Per qualsiasi chiarimento in merito agli immobilizzatori rivolgersi al rivenditore. SICUREZZA Di seguito sono riportati alcuni consigli per migliorare la sicurezza nell'uso della carrozzina: In caso di uso di pneumatici ad aderenza maggiorata seguire le istruzioni: Passando la mano leggermente aperta sullo pneumatico, solo il pollice e l'indice ricurvo devono sfiorarlo. Le altre dita vanno tenute chiuse a pugno, senza toccare lo pneumatico. Verificare che nessun oggetto o parte del corpo finisca tra i raggi delle ruote motrici onde evitare lesioni e danni alla sedia. Per salire e scendere dalla sedia non servirsi delle pedane. Ribaltare le pedane verso l'alto, o spostare l'intero poggiapiedi di lato. Verificare le conseguenze di spostamenti del baricentro sul comportamento della sedia, ad esempio in tratti discesa e in salita, inclinazioni laterali o superamento di ostacoli, solo con l'aiuto di un accompagnatore. Quando si afferrano oggetti posti davanti, di fianco e dietro alla sedie fare attenzione a non sporgersi troppo per non correre il rischio di ribaltarsi a causa dello spostamento del baricentro. Utilizzare la sedia in modo proprio, evitando, ad esempio, di procedere senza frenare verso ostacoli (gradini, spigoli) o saltare giù da sporgenze. Scendere le scale solo con l'ausilio di accompagnatori. Servirsi, se presenti, degli appositi sistemi, come rampe o ascensori. Verificare la gommatura degli pneumatici. Nella marcia su strada ricordarsi che valgono le norme del codice stradale. Come per tutti gli altri veicoli è vietata la guida in stato di ebbrezza o sotto l'influsso di farmaci. Ciò vale anche per gli spostamenti all'interno. Fuori di casa tenere conto delle condizioni atmosferiche e del traffico. Per essere visti nell'oscurità adoperare abiti chiari o muniti di catarifrangenti. Quando si è in compagnia attenzione soprattutto alle sigarette accese, perché i rivestimenti del sedile e dello schienale sono infiammabili. Per evitare ferite alle mani durante la marcia non afferrare la sedia tra la ruota motrice e la leva articolata del freno. Attenzione a non superare la portata massima (0 kg). Per la marcia all'esterno indossare guanti di pelle, che migliorano la presa e proteggono le dita dallo sporco e dal surriscaldamento. MANUTENZIONE Le sedie a rotelle necessitano di manutenzione come qualsiasi altro prodotto tecnologico. Di seguito sono riportate le misure da adottare per mantenere in perfetto stato di efficienza la sedia anche dopo molti anni. PRIMA DI PARTIRE - Verificare che le gomme non siano danneggiate e/o sporche. Pulire le gomme perché lo sporco riduce l'efficacia del freno di stazionamento. Se le gomme sono danneggiate farle sostituire da un gommista (vedere "Sostituzione degli pneumatici"). 18

19 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") - Prima di partire verificare il funzionamento del freno di stazionamento. Se non funziona bene rivolgersi al rivenditore (vedere "Freni"). - Controllare il gonfiaggio degli pneumatici ed eventualmente gonfiarli (vedere "Sostituzione degli pneumatici" e "Dati tecnici"). OGNI 8 SETTIMANE CIRCA - In funzione della frequenza d'uso lubrificare leggermente i seguenti componenti: Parti mobili del bloccabraccioli Supporto leva freno Parti mobili dei poggiapiedi OGNI MESI CIRCA - In funzione della frequenza d'uso verificare quanto segue: CONTROLLO Pulizia Stato generale Funzionamento delle ruote direzionali Se le ruote oppongono eccessiva resistenza occorre pulire i cuscinetti delle stesse e se ciò non basta rivolgersi al rivenditore. Si consiglia di far eseguire a personale autorizzato un controllo annuale, o comunque in occasione di una rimessa in funzione, sui seguenti aspetti, con redazione di apposito verbale: Controllo delle deformazioni plastiche e della funzionalità delle parti del telaio Esame visivo della vernice (pericolo di corrosione) Verifica funzionale delle ruote (rotolamento, marcia diritta, gioco assiale, gommatura, profilo, stato dei cerchioni, pressione degli pneumatici etc.) Controllo del serraggio e della posizione di tutte le connessioni a viti Stato di lubrificazione delle parti metalliche mobili Esame visivo delle fessure e della fragilità di tutti i particolari in plastica Verifica funzionale di braccioli e poggiapiedi (bloccaggio, carico, deformazione ed usura da sollecitazione). Verifica funzionale di altre parti amovibili (es. protezione antiribaltamento, sistema di ritenuta individuale, poggiatesta etc.) Completezza della fornitura Presenza del libretto con le istruzioni. La manutenzione deve essere eseguita da personale autorizzato e documentata come da programma. Se il rivenditore non esegue la manutenzione rivolgersi alla casa costruttrice, che provvederà ad indicare il nominativo di un centro assistenza autorizzato in zona. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per danni derivanti da manutenzione impropria o mancante. PULIZIA Per conservare la carrozzina in ottimo stato, anche dal punto di vista estetico, è necessario pulirla regolarmente, come di seguito indicato. RIVESTIMENTI I rivestimenti devono essere puliti con un panno imbevuto di acqua calda. In presenza di sporco resistente utilizzare un detergente delicato risciacquabile disponibile in commercio. Per eliminare le 19

20 Istruzioni per l'uso 79 ("Vario") macchie utilizzare una spugna o una spazzola. Per i rivestimenti SOFT non utilizzare spazzole o oggetti appuntiti. Non utilizzare detergenti aggressivi, ad esempio solventi, o spazzole a setole dure. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per danni derivanti dall'uso di detergenti impropri. PARTI IN PLASTICA Per pulire le parti in plastica della sedia utilizzare un detergente per plastica disponibile in commercio. Attenersi alle istruzioni che accompagnano il detergente. TRATTAMENTO SUPERFICIALE Lo speciale trattamento superficiale garantisce una protezione ottimale contro la corrosione. Nel caso in cui la verniciatura dovesse presentare danni dovuti a rigature o altre cause, provvedere alla riparazione con gli appositi bastoncini di vernice disponibili presso il rivenditore. Una lubrificazione regolare delle parti mobili (vedere "Manutenzione") garantisce una lunga durata della sedia. Per la pulizia delle parti cromate servirsi di un panno asciutto. Per pulire le zone opache e lo sporco resistente utilizzare un idoneo pulitore per cromo. Per mantenere a lungo la carrozzina in ottimo stato di manutenzione si consiglia di farla controllare almeno una volta all'anno dal rivenditore. Nella sezione "Manutenzione programmata" è possibile annotare le manutenzioni annuali. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per danni e lesioni dovute a mancanza di manutenzione e di pulizia. DISINFEZIONE La disinfezione della carrozzina deve essere eseguita da una persona competente o autorizzata. Tutte le parti della sedia devono essere sottoposte a disinfezione mediante sfregamento. Sostanzialmente tutte le superfici devono essere disinfettate prima di consegnare la sedia ad un altro paziente, o in caso di conclamata patologia infettiva del paziente, secondo le disposizioni emanate dalle autorità sanitarie competenti (USL/ASL). L'uso di disinfettanti spetta al personale autorizzato in possesso della necessaria specializzazione. Indossare indumenti di protezione onde evitare che il disinfettante venga a contatto con la pelle. Attenersi alle istruzioni allegate ai prodotti disinfettanti. L'uso dei disinfettanti da parte di persone non autorizzate è a loro esclusivo rischio e pericolo. La casa costruttrice declina ogni e qualsiasi responsabilità per danni e lesioni derivanti da uso improprio della disinfezione. 0

MANUALE D USO MB3195-IT-B

MANUALE D USO MB3195-IT-B MANUALE D USO IT -B Introduzione Ci congratuliamo con voi per aver acquistato questa nuova sedia a rotelle. La qualità e la funzionalità sono le caratteristiche fondamentali di tutte le sedie a rotelle

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A

MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A MANUALE D USO TROPHY 20 1015943A Italiano 2011 Handicare Tutti i diritti riservati. Le informazioni qui riportate non possono essere riprodotte e/o pubblicate in nessuna altra forma, mediante stampa,

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 Leggete attentamente le istruzioni riportate nel presente manuale. Questo manuale è parte integrante del prodotto e deve essere conservato in un luogo sicuro per future consultazioni.

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum.

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum. TIP-ON inside TIP-ON per AVENTOS HK Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia www.blum.com Facilità di apertura con un semplice tocco 2 Comfort di apertura per le

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Tasselli Pneumatici. Istruzioni per la sicurezza sul lavoro

Tasselli Pneumatici. Istruzioni per la sicurezza sul lavoro Tasselli Pneumatici Istruzioni per la sicurezza sul lavoro IL NON RISPETTO DELLE ISTRUZIONI E DELLE AVVERTENZE PER UN LAVORO SICURO CON I TASSELLI PNEUMATICI, PUÒ CAUSARE GRAVI DANNI FISICI E PERICOLO

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Guida alle situazioni di emergenza

Guida alle situazioni di emergenza Guida alle situazioni di emergenza 2047 DAF Trucks N.V., Eindhoven, Paesi Bassi. Nell interesse di un continuo sviluppo dei propri prodotti, DAF si riserva il diritto di modificarne le specifiche o l

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE DAL DEGAN 0 MANUALE USO E MANUTENZIONE POMPE A MEMBRANA SERIE DL DL DL DL 0 DL 0 DL DL DL 0 DL 0 DL 0 LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI PRIMA DI USARE LA POMPA IDENTIFICAZIONE COMPONENTI DL DL DL DL 0

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

PART 1 PART 1. Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN

PART 1 PART 1. Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung PART 1 PART 1 Manuel dʼinstructions et dʼentretien Manuel de Uso y Manutención Handleiding

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

TIP-ON per ante. Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata. www.blum.com

TIP-ON per ante. Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata. www.blum.com TIP-ON per ante Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata www.blum.com Apertura agevole al tocco Con TIP-ON, il supporto per l'apertura meccanico di Blum, i frontali senza maniglia

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

Regolatore della soglia (RLC, RLT & X)

Regolatore della soglia (RLC, RLT & X) Cannotto Tappo dell aria (forcelle ad aria) Regolatore dell escursione (TALAS) Manopola del precarico (forcelle a molla) Manopola del ritorno (tutte le forcelle) Levetta di bloccaggio (RL, RLC & RLT) Regolatore

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 EN 1004 752903 www.altrex.com 1 of 32 Manuale montaggio e uso N art. 752903

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

2 - TRASPORTO MOBILETTO

2 - TRASPORTO MOBILETTO Istruzioni per l'uso I Indice 1 - GENERALITA' 3 1.1 NORME DI SICUREZZA GENERALI 3 1.2 CAMPO DI UTILIZZO 4 1.3 DIMENSIONI D'INGOMBRO 4 1.4 DATI TECNICI 5 2 - TRASPORTO MOBILETTO 5 3 - ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Dettagli

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1 ie gelieferten bbildungen sind teilweise in arbe. Nur die Vorschaubilder sind in raustufen. ei ruckdatenerstellung bitte beachten, dass man die ilder ggf. in raustufen umwandelt. 햽 햾 Vielen ank 12.0/2010

Dettagli

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità.

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. Tagliando Manutentivo Km. 10.000/30.000/50.000 XP500 TMAX. Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. IMPORTANTE:

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici HFX-Mag HFX-Mag Plus HFX-9 HFX-9 HD Informazioni sulla sicurezza Questo tipo di freno è stato progettato per l uso su mountain

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L FORM FORM è un calorifero estremamente versatile ed elegante grazie alla forma particolare dei collettori e alle dimensioni dei tubi radianti, decisamente ridotte (ø1 mm). Form è prodotto in due modelli:

Dettagli

VICTORY ES10 *INFMANU4385*

VICTORY ES10 *INFMANU4385* VICTORY ES10 DIRETTIVE PER LA SICUREZZA AVVERTENZA! L impostazione iniziale di questo scooter deve essere eseguita da un fornitore autorizzato Pride o da un tecnico qualificato, che dovrà osservare tutte

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI LUGLIO 2012 LISTINO PREZZI Volt CHIAVI IN MANO CON IVA MESSA SU STRADA PREZZO DI LISTINO CON IVA PREZZO LISTINO (IVA ESCLUSA) 44.350 ALLESTIMENTI 1.400,00 42.950,00 35.495,87 SPECIFICHE

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI

CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI A cosa servono In genere, in caso di neve, vi sono due alternative per viaggiare sicuri: gli pneumatici da neve o le catene. Mentre i primi sono molto più

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

NR14-16N2S, NR14-20N2H, NR14-16N2HS, NR16N2, NR16N2(H)C, NR20-25N2X, NRM20-25K MAGGIORE PRODUTTIVITÀ CARRELLI RETRATTILI 1.4-2.

NR14-16N2S, NR14-20N2H, NR14-16N2HS, NR16N2, NR16N2(H)C, NR20-25N2X, NRM20-25K MAGGIORE PRODUTTIVITÀ CARRELLI RETRATTILI 1.4-2. NR14-16N2S, NR14-20N2H, NR14-16N2HS, NR16N2, NR16N2(H)C, NR20-25N2X, NRM20-25K MAGGIORE PRODUTTIVITÀ CARRELLI RETRATTILI 1.4-2.5 TONNELLATE MASSIMIZZARE I PROFITTI SCELTA TRA 13 DIVERSI MODELLI MODELLO

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA Al momento dell'acquisto di un veicolo, nuovo o usato, le persone disabili o i familiari che le hanno fiscalmente in carico possono usufruire di una riduzione dell'aliquota

Dettagli

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2...

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... CB 1 CB 2 Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... 1 Indice Note importanti Pagina Corretto impiego...8 Note di sicurezza...8 Pericolo...8 Applicabilità secondo articolo

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI Premessa 1. I materiali per la posa. 2. Il falso telaio. 3. Il fissaggio del serramento. 4. Istruzioni per la posa in opera

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Gentile cliente, Bongioanni spa

Gentile cliente, Bongioanni spa GX NE Gentile cliente, La ringraziamo per aver acquistato un prodotto Bongioanni. Questo libretto è stato preparato per informarla, con avvertenze e consigli, sulla installazione, il corretto uso e la

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 Emerson Power Transmission KOP-FLEX, INC., P.O. BOX 1696 BALTIMORE MARYLAND 21203, (419) 768 2000 KOP-FLEX

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli