REGOLAMENTO INTERNO ALUNNI PLESSO PASCOLI allegato b. Istituto comprensivo De Amicis

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO INTERNO ALUNNI PLESSO PASCOLI allegato b. Istituto comprensivo De Amicis"

Transcript

1 REGOLAMENTO INTERNO ALUNNI PLESSO PASCOLI allegato b Istituto comprensivo De Amicis

2 1) Ingresso Al suono della campana delle ore 7,55 i bambini accedono all edificio scolastico. Gli alunni le cui aule sono ubicate al piano terra raggiungono direttamente le aule dove li attenderà l insegnante della prima ora; gli allievi le cui classi sono situate al piano superiore entrano nell atrio e appena organizzati per classi, raggiungeranno le loro aule,accompagnati dai docenti della prima ora di lezione.

3 2) ritardi Gli alunni che giungono in ritardo a scuola devono essere accompagnati dai genitori che dovranno compilare l apposito modulo di giustificazione. Ripetuti e abituali ritardi non saranno tollerati e verranno segnalati al dirigente scolastico.

4 3) assenze Le assenze devono essere giustificate tramite diario. Per le assenze di durata superiore a cinque giorni (comprensivi di eventuali festività o vacanze), dovute a motivi di salute, non si richiede che venga allegato alla giustificazione il certificato medico. La regione Lombardia ha abolito l obbligo di rilascio del certificato medico di riammissione scolastica oltre i cinque giorni di assenza. Le giustificazioni sono presentate al mattino al docente della prima ora di lezione che, per delega del dirigente scolastico, riammette l'alunno alle lezioni, giustificandolo. Si ricorda che le assenze possono essere di due tipi: per motivi di famiglia e per malattia. Le assenze per motivi di famiglia, qualora siano ripetute e abituali e i motivi stessi ritenuti inattendibili, possono essere, secondo la norma, non giustificate, con comunicazione alla famiglia da parte del dirigente. Quanto sopra per evitare eccessi che,talvolta, si verificano. Nel caso di assenze prolungate si impegneranno al recupero del lavoro svolto in classe.

5 4) COMUNICAZIONI Le famiglie sono invitate a utilizzare il diario e/o quaderno delle comunicazioni per ogni necessità comunicativa. Le comunicazioni tramite diario e/o quaderno comunque non intendono sostituire i colloqui fra docenti e genitori che sono fondamentali. Il genitore è invitato a presentarsi ai colloqui per informarsi della situazione educativa e didattica del figlio.

6 5) INTERVALLO E CAMBI D ORA Gli alunni durante la mattinata usufruiscono dell'intervallo dopo la seconda ora di lezione. Durante lo stesso, gli alunni e le alunne si servono dei servizi loro riservati sullo stesso piano dell'aula, in cui hanno lezione. Sotto la sorveglianza del docente che ne è responsabile l intervallo si svolge generalmente in classe dove non sono permessi il gioco libero di movimento, il gioco con la palla e la corsa. In caso di bel tempo gli allievi possono uscire in giardino con le loro insegnanti.

7 5) INTERVALLO E CAMBI D ORA Durante il cambio dell'ora gli alunni restano in aula. Saranno sotto la vigilanza del docente o del personale ausiliario. In assenza di tali figure il cambio dell ora avverrà nel più breve tempo possibile. Al termine delle lezioni i docenti accompagnano gli alunni in fila ordinata, precedendoli sulla scala, fino all'uscita o alla sede della mensa.

8 6) 6) Mensa e intervallo dopo mensa Gli alunni che utilizzano la mensa vengono accompagnati nel locale apposito dal docente in servizio alla V ora o da quello incaricato. Subito dopo mensa, gli alunni, se la giornata lo consentirà, potranno fermarsi in cortile fino alle ore 13.55, sempre sotto la vigilanza dei docenti. In caso di maltempo, sempre sotto la vigilanza dei docenti, possono rimanere in classe o utilizzare lo spazio interciclo. Sia in classe sia negli spazi interciclo non sono permessi il gioco libero di movimento, il gioco con la palla e la corsa. Per i bambini che non usufruiscono del servizio mensa, la responsabilità dei docenti inizia a partire dall ingresso nell edificio scolastico, ore 13.55

9 7) Uscita fuori orario Per le richieste di uscita fuori orario devono essere completato l apposito modulo da parte del genitore che verrà a prelevare il proprio figlio. Qualora si presentasse a scuola non il genitore, ma la persona delegata si procederà alla fotocopia del documento d identità della stessa, che verrà allegato al modulo specifico. Nel caso la persona delegata fosse sprovvista del documento di identità dovrà rilasciare un autocertificazione. In caso di malessere dell'alunno verrà avvisata dalla scuola la famiglia che prontamente dovrà rilevare l alunno. In caso di urgente necessità, la scuola penserà a chiamare il 112, avvertendo nel contempo la famiglia.

10 8) EDUCAZIONE FISICA Durante le lezioni di educazione fisica, gli alunni sono tenuti ad indossare la tuta. E' vietato andare in palestra se non calzando le apposite scarpe da ginnastica. Modalità di richiesta esoneri dalle lezioni di Educazione Fisica. Può capitare che sia necessario, per motivi diversi, un esonero limitato ad una sola giornata, in tal caso la famiglia potrà richiederlo, sempre tramite diario, al docente, specificandone il motivo.

11 9) Assemblee sindacali e scioperi In caso di assemblee sindacali o di scioperi del personale docente e non docente le famiglie verranno preavvertite di un eventuale cambiamento di orario scolastico.

12 10) ) Norme generali di comportamento L'alunno deve presentarsi a scuola con tutto l'occorrente per le lezioni del giorno. Il diario e/o quaderno delle comunicazioni deve essere tenuto in ordine e mantenuto in buono stato. La famiglia è tenuta a controllare quotidianamente il diario, strumento di comunicazione ufficiale scuolafamiglia; pertanto i genitori sono tenuti a firmare qualsiasi tipo di comunicazione proveniente dalla scuola.

13 10) ) Norme generali di comportamento Gli alunni devono rispettare le aule e le suppellettili scolastiche, qualsiasi danno apportato al materiale scolastico dovrà essere risarcito dalle famiglie.non saranno tollerati comportamenti scorretti e di mancato rispetto delle regole educative in tutti gli ambienti scolastici, mensa compresa. In tal caso il docente ammonirà verbalmente l'alunno, e, qualora necessario, riporterà una nota sull'episodio che verrà portata all'attenzione della presidenza e della famiglia. In casi estremi verranno applicate le norme che prevedono anche la sospensione dalle lezioni, a cura degli organi collegiali della scuola. All interno del cortile scolastico, gli alunni che raggiungono la scuola in bicicletta devono accompagnarla a piedi onde evitare eventuali spiacevoli incidenti.

14 11) AVVISI Si avvertono i genitori e gli alunni che la scuola non risponde di oggetti smarriti o dimenticati. Si invitano pertanto gli alunni a non portare a scuola né oggetti di valore né denaro. Si fa presente altresì che la scuola non risponde di eventuali furti di biciclette o danni da esse riportati in quanto non è materialmente possibile alcun controllo dello spazio destinato alle biciclette. Il dirigente scolastico riceve i genitori su appuntamento.

15 12) USCITA ALUNNI Al termine delle lezioni: , l insegnante di turno accompagna la scolaresca fino alla porta d uscita. Si comunica alle famiglie che l obbligo della vigilanza da parte della scuola termina con il licenziamento degli alunni dall edificio scolastico.