PROPOSTA DI DELIBERAZIONE RELAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI DELIBERAZIONE RELAZIONE"

Transcript

1 Per l esame e le determinazioni di competenza si trasmette la seguente PROPOSTA DI DELIBERAZIONE RELAZIONE OGGETTO: CONVENZIONE PER LA CONDIVISIONE DELL INFRASTRUTTURA GESTIONALE, TRA IL SISTEMA BIBLIOTECARIO MILANO EST (SBME) ED IL SISTEMA BIBLIOTECARIO VIMERCATESE (SBV) E LINEE GUIDA PER IL NUOVO REGOLAMENTO DELA BIBLIOTECA- APPROVAZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE CONSIDERATA la necessità di avviare le attività per la condivisione dell infrastruttura gestionale, tra il Sistema bibliotecario Milano Est ed il Sistema bibliotecario vimercatese, mediante l approvazione di una convenzione tra i due Sistemi bibliotecari e nel contempo di dare mandato al Comune di Melzo, nella sua qualità di capo fila del Sistema bibliotecario Milano Est, di sottoscrivere e dare attuazione alla convenzione stessa; PREMESSO a) Che il sistema bibliotecario Milano Est e il sistema bibliotecario del vimercatese, attraverso gli organi mediante cui è realizzata la consultazione e la partecipazione dei Comuni sottoscrittori delle rispettive convenzioni, hanno espresso la volontà di condividere, mediante reciproche prestazioni di servizi ed estensione dell interoperatività dei servizi già fruiti, l infrastruttura gestionale dei due sistemi bibliotecari, al fine di conseguire le rispettive finalità secondo criteri di maggiore efficienza, efficacia ed economicità; b) Che, in particolare, il progetto di condivisione dell infrastruttura gestionale tra i due sistemi bibliotecari, tra cui la migrazione dei dati e l adozione per entrambi i sistemi del software gestionale Unibibliox, ha ricevuto il parere favorevole della Commissione Tecnica del SBME nella riunione tenutasi in data e il parere favorevole della Commissione tecnica del SBV nella riunione tenutasi in data ; c) Che il progetto è stato approvato dalla Conferenza dei Sindaci del SBV nella riunione tenutasi in data e dalla Conferenza dei Sindaci del SBME Est nella riunione tenutasi in data ; d) Che, contestualmente all approvazione del progetto, le Conferenze dei Sindaci dei due sistemi bibliotecari, nelle rispettive riunioni, hanno approvato la declaratoria che ne regolamenta la realizzazione, nei modi e nei tempi; e) Che, come previsto dallart. 30 del T.U. Enti Locali (D.lgs 267/2000), gli Enti Locali hanno la facolta di stipulare tra loro apposite convenzioni finalizzate a svolgere in modo coordinato funzioni e servizi determinati.

2 f) Che l art. 14, comma 2 della convenzione intercomunale del SBME autorizza il Comune Centro Sistema a negoziare e a stipulare con terzi contratti finalizzati alla realizzazione delle funzioni proprie del Sistema, espresse dall art. 6, così come l art. 12, comma 2 della convenzione del SBV dispone che Il Comune capofila, su delega della Conferenza dei Sindaci possa essere autorizzato a negoziare e a stipulare con terzi contratti finalizzati alla realizzazione delle funzioni proprie del sistema con l intento ultimo di potenziare il livello di integrazione e di snellire l attività amministrativa delle biblioteche dei Comuni associati ; g) Che la Conferenza dei Sindaci del SBME nella riunione tenutasi in data ha approvato il programma pluriennale e piano attuativo annuale delle attività e degli obiettivi nonché delle risorse umane, finanziarie e tecniche per la loro attuazione, nonché i criteri di ripartizione dei contributi dei Comuni convenzionati, conformemente all art. 8 della convenzione vigente, tenendo specificamente conto delle attività, prestazioni, obbligazioni, corrispettivi e costi del progetto di condivisione dell infrastruttura gestionale dei due sistemi bibliotecari; ugualmente la Conferenza dei Sindaci del SBV nella riunione tenutasi in data ha approvato il programma pluriennale e piano attuativo annuale delle attività e degli obiettivi, nonché delle risorse umane, finanziarie e tecniche per la loro attuazione, nonché i criteri di ripartizione dei contributi dei Comuni convenzionati, conformemente all art. 7 della convenzione vigente, tenendo specificamente conto delle attività, prestazioni, obbligazioni, corrispettivi e costi del progetto di condivisione dell infrastruttura gestionale dei due sistemi bibliotecari; h) Che nelle riunioni della Conferenza dei Sindaci dei due Sistemi bibliotecari sono stati anche esaminati i risultati di maggiore efficienza, efficacia ed economicità attesi dall attuazione del progetto di condivisione dell infrastruttura gestionale. i) Che la Conferenza dei Sindaci del Sistema Bibliotecario Milano Est ha approvato il testo della convenzione tra i due Sistemi Bibliotecari con i seguenti tempi e modalità: o SBME: Conferenza Sindaci ( ) presentazione del testo convenzionale o Invio ai Comuni SBME per valutazioni/proposte emendamento (entro 60gg) o SBME: Conferenza Sindaci (25 ottobre 2014) approvazione del testo o Invio ai Comuni per approvazione definitiva e modifica dei Regolamenti di Biblioteca di tutti i Comuni SBME (entro 60gg) PRESO ATTO del progetto per la condivisione dell infrastruttura gestionale, tra il Sistema bibliotecario Milano Est ed il Sistema bibliotecario Vimercatese, che di seguito viene così sintetizzato: Larea SBME/SBV acquisisce un dimensionamento ottimale ( ab su 57 Comuni) Lomogeneità della infrastruttura permette di far lavorare gli staff dei 2 Centroservizi in sinergia, evitando ripetizione di medesime attività (economie), ampliando la gamma dei servizi offerti

3 Gli staff dei 2 Sistemi sono complementari (SBME privo di personale sufficiente; SBV non in grado di sostenere il costo del proprio). La delega di funzioni per attività contrattuali permetterà di realizzare importanti economie Finalità del nuovo soggetto sarà quella di espandere la propria attività, in ottica sistemica, ad altri ambiti di intervento culturale Lavvio del progetto richiede lomogeneizzazione della infrastruttura tecnicoorganizzativa La crescita di dimensionamento permette sostenibilità economica anche a fronte dei tagli di Regione e Province senza effettuare tagli ai servizi Larmonizzazione delle quote di adesione tra i 2 Sistemi avverrà a partire dal Fino ad allora la quota dei Comuni SBV sarà maggiore (ma in diminuzione); quella dei Comuni SBME in crescita (2014: 0, : 0, : 0,90). SBV destina circa di accantonamenti 2012/2013 per finanziare gran parte dello startup VISTO il testo della convenzione per la condivisione dell infrastruttura gestionale, tra il Sistema bibliotecario Milano Est ed il Sistema bibliotecario Vimercatese, allegato alla presente deliberazione di cui costituisce parte integrante che di seguito viene così sintetizzato: La convenzione permette di: a) Definire i principi, gli ambiti e le relazioni tra SBV e SBME che singolarmente continuano ad esistere immodificati ma che iniziano a gestire in modalita associata molte attivita. b) Favorire il coordinamento e larmonizzazione delle politiche di servizio bibliotecario c) Istituire un organo di governance politica del nuovo soggetto d) Armonizzare le logiche di funzionamento delle biblioteche verso gli utenti e) Definire la formalizzazione del piano economico annuale e triennale dei servizi associati CONSIDERATO CHE congiuntamente alla presente convenzione vengono approvate anche le linee-guida per la redazione di regolamenti e carte dei servizi delle biblioteche, comuni ai due sistemi bibliotecari, come allegato della convenzione stessa, allegate alla presente deliberazione di cui costituiscono parte integrante ed il cui significato viene qui di seguito brevemente sintetizzato:

4 Le linee-guida armonizzate e condivise dai due sistemi permetteranno: condividere integralmente le risorse messe a disposizione dalle biblioteche (materiali presenti a catalogo, tessera discrizione, richieste interbibliotecarie, servizi online, tariffe, sitoweb, ecc) appena la condivisione dell infrastruttura gestionale diventerà operativa (data prevista: 1/3/2015), ed erogare servizi simili a tutti gli utenti delle biblioteche SBV e SBME; far collaborare tra loro specularmente, le biblioteche dei 2 Sistemi, come se fossero nello stesso Sistema (procedure di lavoro uguali, software uguali, ), permettendo che le REGOLE DI FRUIZIONE delle BIBLIOTECHE da parte degli utenti siano integralmente UNIFORMATE Sentito in merito il parere della Commissione Consiliare consultiva Politiche Educative: Scuola - Cultura - Politiche Giovanili - Pari opportunità - Rapporti con le etnie territoriali - Sport e Tempo Libero - Volontariato riunitasi in data 26 gennaio 2015; Visto il decreto legislativo del 16/4/94 n. 297 "Testo Unico delle disposizioni legislative in materia distruzione"; Visto che non risulta necessario il parere di regolarità contabile da parte del dirigente competente trattandosi di mero atto programmatorio. Visto il parere favorevole acquisito, ai sensi e per gli effetti dellart. 49 del D.lgs 267 del e ai sensi dell art.9 della legge 102/2009, in merito alla regolarità tecnica allegato agli atti: Con voti... DELIBERA 1) DI RITENERE OPPORTUNO procedere alla condivisione dell infrastruttura gestionale, tra il Sistema bibliotecario Milano Est ed il Sistema bibliotecario Vimercatese, regolando le relazioni tra gli Enti capofila secondo le modalita indicate nel testo convenzionale, allegato alla presente, e per perseguire gli obiettivi del progetto, così come descritti nella premessa alla presente deliberazione; 2) DI APPROVARE le Linee-guida per la redazione di carte dei servizi e regolamenti delle biblioteche SBME e relativi allegati, i cui testi sono parte integrante della presente deliberazione. 3) DI DARE MANDATO al Comune di Melzo, nella sua funzione di comune capofila del Sistema Bibliotecario Milano Est a sottoscrivere detta convenzione con il Comune di Vimercate, nella sua funzione di comune capofila del Sistema Bibliotecario Vimercatese. 4) DI DARE AVVIO alliter di revisione e/o aggiornamento del regolamento della biblioteca civica utilizzando lo schema fornito nellallegato_4 alla Convenzione - Linee-guida per la redazione di carte dei servizi e regolamenti delle biblioteche SBME ad oggetto Schematipo di regolamento per biblioteche SBME, facendo in modo che il nuovo testo regolamentare sia formalmente approvato ed esecutivo con delibera di Consiglio

5 Comunale entro il , in considerazione del fatto che a partire dal si darà avvio alla gestione associata del servizio bibliotecario intersistemico. Dato atto che sono stati acquisiti i pareri di cui all art.49 del D.Lgs 267/2000 e smi, qui allegati Lì IL PROPONENTE VISTO: IL RESPONSABILE L ASSESSORE

6 CONVENZIONE ISTITUTIVA DELLAREA DI COOPERAZIONE TRA IL SISTEMA BIBLIOTECARIO MILANO-EST (ente capofila: Comune di Melzo) ED IL SISTEMA BIBLIOTECARIO VIMERCATESE (ente capofila: Comune di Vimercate)! " # $ # # % & & ( )#*#, )#*#, -,.! / " 0,1,203,20456# # *,260#3,14## /##$$756# # *,1 89

7 [1] Istituzione dellarea di cooperazione bibliotecaria [1.A] Il Sistema Bibliotecario Vimercatese (ente capofila: Comune di Vimercate; di seguito anche SBV o Parte o Sistema o Ente ) ed il Sistema Bibliotecario Milano Est (ente capofila: Comune di Melzo; di seguito anche SBME o Parte o Sistema o Ente ), a nome e per conto dei Comuni ed essi associati, stipulano una convenzione per listituzione di unarea di cooperazione intersistemica, per il conseguimento delle finalita indicate nel successivo articolo 2; [1.B] Larea di cooperazione prende il nome di CUBI: culture biblioteche in rete. [2] Finalita Listituzione dellarea di cooperazione CUBI e lo strumento mediante il quale SBV e SBME intendono conseguire livelli di maggiore efficacia, efficienza ed economicita nella realizzazione e nel coordinamento dei servizi bibliotecari erogati a beneficio delle biblioteche aderenti ai due Sistemi. Per il raggiungimento di tale fine i due Sistemi estendono e rendono interoperativa linfrastruttura tecnico-gestionale in uso in SBV sullintera area di cooperazione ed armonizzano i propri modelli organizzativi, le procedure di lavoro, nonche le regole di utilizzo delle biblioteche da parte dellutenza. Per il raggiungimento di tale fine i due sistemi estendono e rendono interoperativa l infrastruttura tecnico-gestionale in uso in SBV sull intera area di cooperazione ed armonizzano i propri modelli organizzativi, le procedure di lavoro, nonche le regole di utilizzo delle biblioteche da parte dellutenza, in una logica di cooperazione che, rispettando l individualità e autonomia di ogni biblioteca, consenta un miglioramento del servizio erogato, a fronte di considerevoli risparmi economici. Lomogeneita di questi aspetti operativi rende possibile la condivisione delle risorse delle biblioteche, a prescindere dal Sistema Bibliotecario di appartenenza e a vantaggio dellutenza di entrambi i Sistemi cooperanti. Nellambito di questa finalita i Sistemi potranno ripartire tra loro specifiche deleghe di funzioni, operando in luogo e per conto delluna e dellaltra Parte, anche mediante istituzione di uffici comuni cui affidare la realizzazione operativa di servizi e attivita. [3] Attivita e servizi [3.1] Per perseguire le finalita di cui al precedente articolo, i Sistemi Bibliotecari realizzano - condividendone le risorse (umane, finanziarie e strumentali) necessarie le funzioni, le attivita ed i servizi indicati in allegato_1; i contenuti di tale allegato possono essere aggiornati e modificati di comune accordo tra le Parti, a seguito di apposita approvazione da parte delle Conferenze dei Sindaci di entrambi i Sistemi, senza che cio renda necessarie modifiche alla presente convenzione. [3.2] Le funzioni, le attivita ed i servizi, di cui al comma precedente, verranno realizzati in forma cooperativa con gradualita, nel corso delle varie annualita in cui si articola la presente convenzione, secondo liter di pianificazione descritto al successivo punto 3.3. Soltanto per la prima annualita, relativa al 2015, viene predefinito lambito della cooperazione intersistemica che si focalizzera sullavvio delle attivita: a, b, c, d, e, f, g2, g3, g4, g5, g6, h1, h3, h5, i, m, r dellallegato 1.

8 [3.3] Entro il 30 ottobre di ogni annualita, la Conferenza Intersistemica (di cui al successivo articolo 5) predispone il piano di coordinamento intersistemico (di cui ai successivi art.8.1 e 8.2) che definisce le funzioni, le attivita ed i servizi che si intendono attuare nellannualita successiva. [4] Durata [4.1] La presente convenzione ha durata decennale, a decorrere dal sino al , previa approvazione da parte dei Consigli Comunali degli Enti capofila. La stipulazione della Convenzione da parte degli Enti capofila avverra a seguito delliter previsto per la delega alla stipulazione di nuove nuove convenzioni, definito in ciascuna delle due convenzioni istitutive del Sistema Bibliotecario Vimercatese e del Sistema Bibliotecario Milano Est. [4.2] Qualora, prima della scadenza decennale della presente convenzione, dovesse giungere il naturale termine di scadenza delle convenzioni istitutive dei due Sistemi sottoscrittori della presente, questi si impegnano - nei rispettivi atti di proroga o rinnovo - a dare atto e rinnovare gli impegni assunti con la presente convenzione. Se tale impegno non viene assunto, si applicheranno sul Sistema la cui convenzione istitutiva e scaduta gli oneri previsti dallarticolo 12.2 della presente, relativi alla fattispecie del recesso unilaterale. [4.3] Eventuali successive adesioni o recessi di singoli Comuni ai singoli Sistemi Bibliotecari SBV e SBME, non renderanno necessarie modifiche alla presente convenzione. [4.4] Resta inteso che se nel periodo di durata della convenzione i Sistemi Bibliotecari, di comune accordo, giungessero alla determinazione di istituire formule di gestione associata diverse dalla presente, si procedera alla dichiarazione di decadenza della presente convenzione ed eventualmente delle convenzioni istitutive dei due Sistemi Bibliotecari cooperanti, provvedendo nel contempo agli impianti giuridici alternativi e ai necessari iter di approvazione, presso ogni Amministrazione Comunale aderente ai due Sistemi. [4.5] In particolar modo, si annota che nel caso in cui si procedesse alla costituzione di un soggetto giuridico intercomunale dotato di propria personalita giuridica tutti i contratti di fornitura stipulati dai Comuni Capofila degli attuali due Sistemi, nellambito delle finalita della presente convenzione, verranno volturati e riportati a tale soggetto. [5] Conferenza intersistemica e forme di partecipazione Lorgano politico che verifica lattuazione della presente convenzione e la Conferenza Intesistemica. La Conferenza Intersistemica e costituita dai Presidenti e Vice-Presidenti dei due Sistemi Bibliotecari e da due componenti aggiuntivi, individuati - uno per ogni Sistema - dalle relative Conferenze dei Sindaci. La Conferenza si puo avvalere dei pareri e del supporto organizzativo dei due coordinatori dei Sistemi. Nessun onere aggiuntivo dovra gravare sulla convenzione per il funzionamento della Conferenza. Il ruolo di presidenza e di vice-presidenza della Conferenza Intersistemica spettano con turnazione annuale ai Presidenti dei due Sistemi. Nel corso della prima riunione della

9 Conferenza verra designato il Presidente in carica per la prima annualita. Alla Conferenza Intersistemica sono attribuite le seguenti competenze: vigilare sulla piena attuazione delle finalita della convenzione; rappresentare i sistemi bibliotecari, relativamente alle finalita previste nella convenzione, verso Terzi, con particolare riferimento agli Enti sovraterritoriali competenti in tema di politiche bibliotecarie e culturali; esprimere proposte e pareri e svolgere le piu opportune attivita dirette a favorire il coordinamento e larmonizzazione delle politiche di servizio e delle attivita degli Organi Politici dei due Sistemi affinche la compartecipazione di risorse finanziarie, richieste per lattuazione delle attivita di cui allart. 3 (comma 1 e 3), sia paritetica o rispetti criteri predefiniti e accettati dalle Parti; proporre le opportune rimodulazioni degli obblighi tra le Parti, in caso di sopravvenuti fatti che alterino lequilibrio economico-finanziario delle attivita realizzate nellambito della presente convenzione; fornire pareri in ordine alla composizione in via bonaria di eventuali controversie in ordine allinterpretazione o allattuazione della convenzione. La Conferenza Intersistemica si riunisce di diritto ogni sei mesi o su richiesta di una delle Parti e assume le proprie decisioni con il consenso di almeno due terzi dei presenti. Per le espressioni di voto nelle quali non si raggiunge tale livello di consenso, la Conferenza intersistemica redige un verbale che espone le differenti posizioni emerse e rinvia alla Conferenza dei Sindaci dei due Sistemi lassunzione della relativa decisione. [6] Forme di coordinamento tecnico In relazione alla attuazione delle attivita oggetto della presente convenzione sono previste le seguenti forme di coordinamento tecnico: [6.1] Nellintero periodo di vigenza della presente convenzione, i coordinatori dei due Sistemi Bibliotecari realizzeranno la propria attivita in stretta e costante collaborazione. Nellambito di questa attivita i coordinatori: proporranno alle Commissioni Tecniche dei due Sistemi un piano annuale e pluriennale di lavoro, da sviluppare contestualmente e armonicamente, su tutte la tematiche coerenti con le attivita e le finalita previste dalla presente convenzione, con specifico riferimento a quelle contenute del Piano di coordinamento intersistemico, di cui al successivo articolo 8.1 e 8.2; su tutti gli aspetti per i quali le due convezioni prevedono un ruolo consultivo delllorgano tecnico, verra chiesta lespressione di un apposito parere. La collaborazione tecnica intersistemica non preclude la possibilita di un piano di lavoro, anche autonomo e differenziato allinterno delle due Commissioni Tecniche, purche questo non pregiudichi lattuazione delle finalita della presente convenzione; organizzeranno lattivita lavorativa dello staff assegnato ai due Centri-Servizi in profonda sinergia, riorganizzando quando opportuno - funzioni e responsabilita e/o prevedendo team di lavoro misti. [6.2] Sui temi di maggiore rilevanza e complessita, si favorira lavvio di gruppi di lavoro intersistemici, costituiti da operatori delle biblioteche di entrambi i sistemi, eventualmente supportati da soggetti terzi con specifiche competenze in materia. Si favoriranno inoltre attivita utili a favorire la conoscenza personale e lo scambio professionale tra operatori attivi nelle biblioteche dei due Sistemi anche mediante iniziative

10 che, seppure in via eccezionale, coinvolgano in contemporanea i componenti di entrambe le Commissioni Tecniche. [7] Armonizzazione di regolamenti, carte dei servizi e altri documenti di programmazione biblioteconomica e organizzativa uniformi I Sistemi Bibliotecari e indirettamente i Comuni ad essi associati - al fine di rendere effettivamente omogenei e coordinati i servizi erogati alle, dalle e tra le biblioteche, si impegnano a redigere, mantenere aggiornati ed adottare, anche formalmente, atti regolamentari, carte dei servizi ed altri documenti di programmazione biblioteconomica uniformi. La bozza preliminare di tali atti, redatta su impulso della Conferenza Intersistemica, verra inviata agli organi competenti di ogni Sistema che attueranno questo impegno, utilizzando le modalita e gli istituti di partecipazione e condivisione delle scelte previsti nella propria convenzione istitutiva, definendo di concerto con laltro Sistema lallineamento temporale di detti processi. Per dare concreta applicazione a questo indirizzo, costituiscono parte integrante del presente atto gli allegati 2 e 3, denominati rispettivamente Linee-guida per la redazione di regolamenti e carte dei servizi delle biblioteche aderenti a SBME e Aggiornamento della tabella N e degli allegati 2, 3 e 5 delle Linee-guida per la redazione di regolamenti e carte dei servizi delle biblioteche aderenti a SBV, redatti in forma differenziata ma perfettamente armonica. I Sistemi si impegnano a dare immediato avvio alliter di approvazione degli stessi, nelle modalita previste dalle proprie convenzioni, al fine di renderli perfezionati ed esecutivi entro il [8] Definizione dei costi e ripartizione tra le parti [8.1] Le attivita e i servizi realizzati in forma cooperativa tra i due Sistemi devono essere definiti annualmente dal piano di coordinamento intersistemico, documento di programmazione che definisce gli impegni finanziari-economici ed organizzativi della collaborazione, su base triennale. Il piano viene predisposto dalla Conferenza Intersistemica entro il 30 ottobre di ogni anno - con riferimento al triennio successivo - e viene sottoposto ad approvazione di entrambe le Conferenze dei Sindaci, preliminarmente alla approvazione del Bilancio Preventivo dei singoli Sistemi, in quanto una volta approvato condiziona il quadro economico generale di questi ultimi, in virtu degli oneri assunti dalla collaborazione intersistemica. Solo dopo lapprovazione dei bilanci pluriennali di entrambi i Sistemi da parte delle Conferenze dei Sindaci, il piano di coordinamento intersistemico assume sostanziale efficacia, salvo eventuali impegni pluriennali, gia assunti nelle annualita precedenti. [8.2) Il piano di coordinamento intersistemico deve contenere le seguenti previsioni, relative ad ogni singolo servizio o attivita o funzione che si ipotizza di realizzare in forma cooperativa e ripartita tra i due diversi Enti che se ne faranno carico: benefici ottenibili dalla realizzazione in forma associata della funzione/attivita/servizio; definizione della titolarita e delega di funzioni inerenti lattivita/servizio tra le parti; costo preventivato della attivita/servizio, articolato in: costi di personale strutturato; costi di personale non strutturato; componente relativa a prestazioni di servizio connesse;

11 componente relativa ad acquisto di beni connessi; eventuali altri costi connessi; componente dei costi generali gravanti sullente che si fa carico della realizzazione; criterio di riparto dei costi tra i due Enti, connessi a quella specifica attivita/servizio (vd. Art.8.4); obiettivi e indicatori di monitoraggio associati alla attivita/servizio, da verificare in itinere e a consuntivo. Al termine della previsione analitica per attivita/servizio, dovranno emergere i costi complessivi sostenuti da ognuna delle singole Parti e la relativa quota di compensazione economica che dovra essere corrisposta per raggiungere una paritetica situazione di equilibrio finanziario. Gli importi di compensazione, calcolati preventivamente, verranno iscritti nei bilanci preventivi dei Sistemi Bibliotecari, come trasferimento in entrata per la Parte creditrice, come trasferimento in uscita per la Parte debitrice. [8.3] La corresponsione degli importi tra le Parti, di cui al precedente art. 8.2, v erra realizzata, a seguito di rendicontazione e comunicazione tra le Parti, due volte lanno, entro il 31 luglio (relativa la primo semestre) ed entro il 30 novembre (relativa al secondo semestre). Qualora le stime di spesa (in particolare quelle dellultimo bimestre dellanno) fossero difformi rispetto alla rendicontazione di fine esercizio, si procedera con un conguaglio da trasferire al creditore nella annualita successiva. [8.4] I criteri di riparto dei costi tra i due Sistemi vengono definiti nel piano per ognuna delle tipologie di servizio previste e potranno essere, a seconda della natura e della logica di produzione e fruizione della attivita, dei seguenti tipi: ripartizione in parti uguali: 50% in carico ad ogni sistema; per unita di prodotto/servizio fruito dalle singole parti; ripartita per numero di biblioteche fruitrici; ripartita per bacini di utenza potenziale fruitrice del servizio erogato; secondo altri criteri, purche oggettivati e descritti nel piano e quindi approvati dalle parti. [8.5] Ogni Sistema Bibliotecario nella fase di redazione e nella approvazione del proprio Bilancio Preventivo terra specificamente conto delle attivita, prestazioni, obbligazioni, corrispettivi e costi previsti dal Piano nei confronti dellaltra Parte; sulla base del rispetto prioritario di tali vincoli redigera le eventuali altre ed autonome voci di spesa non specificamente connesse con la presente forma di cooperazione intersistemica. [9] Forme di finanziamento Il costo dei servizi e delle attivita realizzate nellambito della presente convenzione e sempre finanziato con risorse proprie dei due Sistemi sottoscrittori, contabilmente iscritte nei bilanci dei Sistemi stessi, che costituiscono parte del bilancio del relativo Ente capofila. Tali entrate derivano da una o piu delle seguenti voci: finanziamenti ordinari o straordinari di Regione, Provincia o altri Enti pubblici; quote annuali ordinarie di adesione al Sistema dei Comuni associati; quote di adesioni dei Comuni a progetti e forniture centralizzate delegate al Sistema; proventi derivanti da tariffazione dei servizi allutenza; risorse provenienti da sponsorizzazioni e altre attivita similari; altre entrate. [10] Obblighi e garanzie tra i Sistemi Bibliotecari [10.1] I due sistemi bibliotecari si impegnano, nella operativita e nella formalizzazione dei propri atti di programmazione organizzativa, economica e finanziaria, a rispettare pienamente e con diligenza e puntualita tutti gli impegni assunti nella presente convenzione,

12 considerando le attivita ivi previste come di assoluta priorita, rispetto ad altre autonome iniziative. [10.2] Ciascun Sistema si impegna a tenere indenne laltra Parte da conseguenze dannose derivanti da inadempimenti dei Comuni aderenti in relazione ad atti e attivita rivolti allattuazione della presente convenzione. [10.3] Qualora durante la vigenza della presente convenzione, per cause estranee alladempimento degli obblighi assunti dalle parti sopravvenissero fatti comportanti il venir meno della sostenibilita organizzativa e/o dellequilibrio economico e finanziario delle attivita previste dalla presente convenzione, le Parti si renderanno disponibili a valutare la rimodulazione dei reciproci obblighi, mediante espressa e consensuale modifica del presente atto. [11] Obblighi e garanzie dei Comuni aderenti ai Sistemi Bibliotecari [11.1] Le quote di adesione dei Comuni ai Sistemi Bibliotecari per il triennio sono state approvate dagli organi politici competenti dei due Enti. Tali quote, difformi tra loro nelle annualita 2014 e 2015, si allineano su un medesimo importo, a partire dalla annualita 2016; tale importo, calcolato sulla base del numero di residenti registrati presso i singoli Comuni, e calcolato su scala sistemica, salva lautonomia di ogni Sistema di modulare, tra i propri associati, un importo a carico di ogni singola Amministrazione secondo criteri differenziati. I Sistemi, ed i Comuni ad essi associati, sono vincolati, anche per le annualita successive al 2016, a mantenere un importo minimo unificato tra i due Sistemi per tali quote, al fine di garantire lequilibrio economico necessario per lattuazione della presente convenzione. Resta intesa lautonomia di ogni Sistema, tramite approvazione dei propri Organi competenti, di integrare tale importo qualora un singolo Sistema volesse finanziare autonome attivita e servizi aggiuntivi che esulano dagli impegni assunti con la presente convenzione. [11.2] I Comuni aderenti ai due Sistemi Bibliotecari, con riferimento allart. 7 della presente convenzione, si assumono limpegno di dare atto e seguito agli indirizzi di uniformita operativa e di armonizzazione delle politiche di servizio delle proprie biblioteche che dovessero essere approvati nellambito delle finalita della presente convenzione e nel rispetto delliter previsto per simili normazioni, come disciplinato nelle convenzioni istitutive del proprio Sistema Bibliotecario. In caso di inadempimenti, la Conferenza Intersistemica, come definita nel precedente art. 5, e lorgano deputato ad esercitare forme di dialogo e di pressione su eventuali inadempienti, per garantire lattuazione delle finalita della presente convenzione. [11.3] SBV viene delegato ad assolvere le funzioni inerenti lestensione della contrattualizzazione relativa al software applicativo di gestione delle biblioteche, denominato Unibiblio, gia in uso presso le biblioteche SBV, fornito dalla azienda KeyOver srl. In funzione di cio, spettano a SBV la titolarita, gli oneri e lattuazione delle attivita relative la tutela della privacy degli utenti precedentemente iscritti alle biblioteche SBME che con lattuazione del progetto - dovranno confluire nella medesima anagrafe-utenti di SBV. Nello specifico, spetta a SBV disciplinare nei corretti termini di legge: la definizione dei responsabili al trattamento dei dati; la definizione degli incaricati tecnici al trattamento dei dati; la definizione delle istruzioni da utilizzare per assicurare la tutela della privacy da impartire agli operatori di biblioteca; la modifica dei testi delle informative sulla privacy da utilizzare nel processo di iscrizione dei nuovi utenti del servizio.

13 [12] Recesso [12.1] E facolta delle Parti recedere prima della scadenza naturale della presente convenzione con atto, scritto e motivato, approvato dai competenti organi politici del Sistema e deliberato secondo le procedure previste da ciascun Sistema per la stipula della presente convenzione. Il recesso avra effetto a decorrere dal 31 dicembre dellanno successivo. [12.2] Gli impegni e gli oneri finanziari del recedente restano a carico dello stesso per intero e senza eccezioni, sino alla data delleffettivo recesso. Entro 120 giorni dal ricevimento della comunicazione dellintenzione di recesso, laltra Parte provvedera ad inviare alla Parte recedente la quantificazione dei seguenti oneri straordinari - totalmente a carico del recedente - relativi a: a) gli eventuali costi per le attivita di natura tecnica che dovranno essere realizzate al fine di dare concreta attuazione al recesso che determina una separazione, anche operativa, dei due Sistemi. A titolo esemplificativo e non esaustivo si citano: la riconfigurazione delle infrastrutture informatiche e la rimozione degli archivi catalografici e anagrafici dai data-base, relativi alla Parte non recedente; b) eventuali oneri che la Parte non recedente dovra continuare ad assolvere, anche dopo la data di recesso, in relazione ai contratti di fornitura precedentemente sottoscritti con esplicita delega o sulla base del presente accordo convenzionale a beneficio della Parte recedente, qualora ancora in esecuzione alla data del recesso e fino alla loro naturale scadenza. Relativamente alla gestione e alla titolarita dei beni in caso di recesso, si rinvia allarticolo 13.3 [13] Beni acquisiti nellambito della convenzione [13.1] I beni di acquistati per comune necessita dai due Sistemi, nellambito delle attivita previste dalla presente Convenzione e pertanto finanziati con risorse conferite dai bilanci di entrambi i Sistemi, restano a disposizione di entrambi i Sistemi. [13.2] In caso di scioglimento della presente convenzione per comune accordo tra le Parti, la Conferenza Intesistemica definira i criteri e le modalita di assegnazione e redistribuzione dei beni di cui al comma 13.1 tra le Parti. [13.3] In caso di recesso unilaterale, la Parte non recedente avra facolta di divenire proprietaria dei beni acquisiti per lattuazione delle finalita della presente convezione, se funzionalmente necessari allerogazione dei servizi. In questa eventualita dovra essere riconosciuto in indennizzo allaltra Parte. [14] Comunicazioni tra le parti Le comunicazioni formali tra le Parti relative a temi di significativa rilevanza - e comunque tutte quelle inerenti gli articoli 4, 8,10,11,12,13,15 disciplinati dalla presente convenzione - avvengono mediante posta elettronica certificata, ai seguenti indirizzi: per SBME/Comune di Melzo: per SBV/Comune di Vimercate: Eventuali variazioni dell indirizzo di posta elettronica certificata dovranno essere comunicate all altra parte, senza che ciò determini necessità di modificazione del presente atto.

14 [15] Foro competente Le vertenze che dovessero sorgere tra le parti sullinterpretazione o esecuzione della presente convenzione, che non si possano definire in via amichevole o attraverso forme di conciliazione, saranno definire dal Foro di Milano. [16] Norme di rinvio Per quanto non previsto dal presente atto, si fa rinvio alle norme in materia di ordinamento degli enti locali e in materia di biblioteche pubbliche. [17] Disposizioni transitorie Con esclusivo riferimento alla annualita 2015, il piano di coordinamento intersistemico (come definito in art.8) verra sottoposto ad approvazione delle Conferenze dei Sindaci entro 30 giorni dalla data di effettiva stipulazione della presente convenzione; detto Piano non potra prevedere variazioni rispetto al principale parametro di finanziamento a carico dei Comuni (ossia lentita della quota di adesione), gia definito ed approvato per gli anni 2014/2015/2016 dai bilanci annuali e pluriennali dei due Sistemi Bibliotecari. ALLEGATI [1] Elenco delle attivita e dei servizi realizzabili in collaborazione tra SBV e SBME; [2] Solo per SBME: Linee-guida per la redazione di regolamenti e carte dei servizi delle biblioteche associate al Sistema Bibliotecario Milano-Est e relativi allegati; [3] Solo per SBV: Aggiornamento della tabella N e degli Allegati 2, 3, e 5 delle Lineeguida per la redazione di regolamenti e carte dei servizi delle biblioteche associate al Sistema Bibliotecario Vimercatese.

15 [ALL. 1] Elenco delle attivita e dei servizi realizzabili in collaborazione tra SBV e SBME [a] armonizzazione delle politiche di servizio e dellattivita degli organi politici dei Sistemi; [b] coordinamento delle attivita degli organi tecnici; [c] catalogazione centralizzata; [d] gestione del servizio di prestito interbibliotecario intersistemico; [e] servizio di helpdesk per le biblioteche relativo a problematiche tecnico-organizzative; [f] attivita di aggiornamento professionale e addestramento del personale; [g] gestione unificata (anche tramite appalti di servzio) delle attivita inerenti: 1) linee di connettivita; 2) gestione delle posta elettronica e dei sw di collaborazione degli operatori; 3) housing e hosting delle infrastrutture server; 4) assistenza sistemistica; 5) assistenza, manutenzione e sviluppo sw applicativo di gestione della biblioteca; 6) sito web del sistema bibliotecario; 7) profili social network; 8) sw di gestione della navigazione internet degli utenti; [h] realizzazione di centrali di acquisto sui seguenti prodotti/servizi: 1) assistenza hardware delle attrezzature informatiche delle biblioteche; 2) acquisto libri; 3) acquisto di risorse digitali; 4) gestione abbonamenti a periodici e riviste; 5) acquisto e noleggio hardware per le biblioteche; 6) acquisto beni di consumo per le biblioteche; [i] coordinamento delle attivita di promozione dei servizi bibliotecari e comunicazione; [l] coordinamento e realizzazione di attivita di promozione della lettura; [m] adesione a progetti di collaborazione con altri sistemi bibliotecari; [n] iniziative di fund-raising; [o] coordinamento iniziative di people-raising, crowd-funding e fidelizzazione dellutenza; [p] valorizzazione e/o realizzazione di eventi e attivita di formazione delle biblioteche; [q] eventuali nuovi servizi in ambito biblioteconomico, culturale, archivistico e museale. [r] attivita amministrativa e contabile inerente le attivita citate in precedenza.

16 Linee-guida per la redazione di regolamenti e carte dei servizi delle biblioteche Sbme Versione 1.0 del [1] Gli obiettivi e i principi di erogazione dei servizi bibliotecari pag Gli obiettivi della biblioteca pubblica 1.2.I principi di erogazione dei servizi bibliotecari pubblici a) Uguaglianza b) Imparzialità e continuità c) Partecipazione d) Efficienza ed efficacia e) Separazioni delle funzioni politiche e tecniche f) Professionalità g) Cooperazione bibliotecaria h) Autonomia dellutente i) Ampiezza, aggiornamento e pluralismo delle raccolte documentarie j) Lavoro di rete sul territorio k) Qualità e innovazione nei servizi [2] Descrizione dei servizi al pubblico pag Il contesto di servizio (sede, staff, attrezzature, ecc) 1.4.I servizi: a) Lettura e consultazione b) Prestito c) Prestito tra le biblioteche del Sistema Milanoest d) Prestito con altri sistemi bibliotecari convenzionati e) Assistenza e consulenza allutente f) Informazioni rapide e di comunità g) Fotocopie e riproduzioni h) Servizi OnLine i) Servizi per bambini e ragazzi j) Servizi per adolescenti k) Servizio Internet e multimedialità l) Attività di promozione m)riepilogo modalità operative del servizio di prestito [3] Le risorse e gli strumenti gestionali pag Il personale bibliotecario e la formazione professionale 3.2 La gestione della raccolta documentaria 3.3 I servizi dinformazione, lattività di reference e la relazione con lutente 3.4 La promozione della lettura e dei servizi 3.5 Organizzazione e procedure di lavoro 3.6 La gestione dei solleciti e dei pagamenti per ritardata riconsegna 3.7 Il sito web e i servizi on-line 3.8 La pianificazione ed il monitoraggio dei servizi 1

17 [4] Forme di comunicazione e partecipazione pag Le comunicazioni biblioteca-utente 4.2 Le comunicazioni utente-biblioteca 4.3 Associazioni di utenti e altre forme di partecipazione [5] Diritti e doveri pag Le Amministrazioni comunali 5.2 Il personale della biblioteca 5.3 Gli utenti 5.4 Reclami e rimborsi [6] Disposizioni finali pag Disposizioni transitorie 6.2 Meccanismi di aggiornamento del documento Allegati (vedi altro file) All. 1 (allegato ad aggiornamento annuale) Principi di applicazione e articolazione dei pagamenti per ritardata riconsegna dei materiali presi in prestito All. 2 (allegato ad aggiornamento annuale) Tariffe in vigore nelle biblioteche Sbme All. 3 Documentazione tecnico-normativa di riferimento All. 4 Schema-tipo di regolamento per biblioteche Sbme 2

18 1.Obiettivi e principi di erogazione dei servizi bibliotecari Le biblioteche pubbliche aderenti al Sistema Bibliotecario Milanoest considerano propri gli obiettivi ed i principi di erogazione del servizio di seguito enunciati: 1.1 Gli obiettivi della biblioteca pubblica La biblioteca pubblica é il centro informativo locale che si propone di rendere disponibile ogni genere di conoscenza, nei limiti delle proprie finalità informative non specialistiche. Tutti sono liberi di frequentare la biblioteca e di utilizzarne le risorse e i documenti. I compiti chiave della biblioteca pubblica riguardano laccesso allinformazione, il supporto a percorsi formativi e autoformativi e la promozione culturale, attività che devono essere rivolte a tutte le fasce detà, a gruppi, associazioni e istituzioni attive localmente. I servizi della biblioteca sono forniti secondo criteri e modalità che si ispirano a fonti normative e tecniche ufficiali ed autorevoli, che riconoscono come fondamentali i seguenti principi: 1.2 I principi di erogazione dei servizi bibliotecari pubblici a) Uguaglianza La biblioteca riconosce luguaglianza di diritti degli utenti e la pari dignità personale e culturale di ogni cittadino, senza distinzione di età, razza, sesso, religione, nazionalità, lingua, condizione fisica e sociale o grado di istruzione. b) Imparzialità e continuità Il personale della biblioteca si impegna ad agire secondo criteri di obiettività ed imparzialità, garantendo la regolarità e la continuità dei servizi, nel rispetto delle leggi. In caso di eventuali cambiamenti o interruzioni dei servizi, il personale si impegna a ridurre il disagio degli utenti e a ripristinare tempestivamente le attività. c) Partecipazione La biblioteca promuove la partecipazione degli utenti, siano essi individui o gruppi, e la loro collaborazione al miglioramento dei servizi attraverso suggerimenti, richieste, osservazioni e reclami. d) Efficienza ed efficacia La biblioteca si ispira per il suo funzionamento a criteri di efficienza e di efficacia, organizzando le proprie risorse per conseguire il risultato migliore e il piu adeguato ai bisogni degli utenti. A tal fine vengono effettuati periodicamente monitoraggi e verifiche per misurare la qualità dei servizi forniti rispetto agli standard previsti. 3

19 e) Separazione delle funzioni politiche e tecniche Gli organi politico-amministrativi (Assessori, Presidenti, Commissioni...) e il personale della biblioteca hanno compiti e funzioni distinte. Gli organi politico-amministrativi svolgono una funzione di indirizzo e controllo, cioé individuano gli obiettivi che la biblioteca deve raggiungere, assegnano le risorse necessarie (finanziarie, umane e strumentali) e verificano periodicamente lattuazione dei programmi. Il personale bibliotecario realizza gli obiettivi assegnati definiti dal ruolo istituzionale della biblioteca pubblica e dal mandato politico dell Amministrazione utilizzando strumenti di pianificazione e di progettazione dei servizi. Il bibliotecario in quanto responsabile diretto del servizio, si occupa in prima persona del funzionamento della biblioteca nei suoi principali aspetti gestionali, quali: scelta e acquisto dei documenti, selezione dei periodici in abbonamento, iter di lavorazione del libro, collocazione dei documenti e loro aggiornamento annuale attraverso lo scarto dei titoli invecchiati, gestione delle relazioni con lutenza e delle operazioni di prestito, attività di promozione e animazione, organizzazione degli spazi. f) Professionalità Gli organi politico-amministrativi dotano la biblioteca di personale con specifiche competenze professionali e si assumono limpegno di garantire ad esso laggiornamento e la formazione necessari. Laggiornamento é altresì un compito del personale bibliotecario che, in piena autonomia, opera secondo deontologia professionale e nel rispetto dei doveri previsti dalla normativa vigente. g) Cooperazione bibliotecaria La cooperazione bibliotecaria é promossa in una prospettiva di intergrazione e di condivisione delle risorse, nel rispetto dei principi di autonomia di ciascuna biblioteca. In concreto, la cooperazione é attuata dalla biblioteca attraverso ladesione al Sistema Bibliotecario: unapposita Convenzione regolamenta diritti e doveri, servizi e adempimenti reciproci che il Sistema Bibliotecario e le biblioteche ad esso aderenti si impegnano a rispettare per fornire un miglior servizio agli utenti del territorio. h) Autonomia dellutente Allutente é garantita la massima autonomia daccesso ai servizi della biblioteca attraverso guide ai servizi, depliant informativi, pagine web on-line e segnaletica ben visibile. È comunque sempre assicurata la consulenza e lassistenza del personale, qualora sia richiesta e necessaria per un miglior utilizzo dei servizi. 4

20 i) Ampiezza, aggiornamento e pluralismo delle raccolte documentarie Il patrimonio documentario comprende tutte le forme di documentazione disponibili su qualunque supporto e riflette gli orientamenti attuali e levoluzione della società, senza trascurare la memoria storica degli eventi e degli uomini. I documenti sono costantemente aggiornati attraverso una regolare attività di revisione e scarto dei titoli invecchiati e obsoleti, sia nel contenuto che nel supporto. Le raccolte e i servizi non sono soggetti ad alcun tipo di censura ideologica, politica o religiosa, né per quanto possibile dalle attuali dinamiche di distribuzione a pressioni commerciali. Ai minori é garantita una selezione di titoli adeguata alle varie fasce detà, allestita in spazi e aree della biblioteca a loro appositamente dedicati, unitamente ad alcune attività di educazione e promozione della lettura. La biblioteca non esercita forme di censura in merito ai contenuti dei documenti, salvo per quanto vietato dalla normativa vigente e quindi il personale non é responsabile delle scelte effettuate dagli utenti sia per il prestito che per la lettura e consultazione in sede. j) Lavoro di rete sul territorio La biblioteca, al fine di promuovere una positiva influenza sulla qualità della vita del territorio, collabora con le altre istituzioni culturali, educative, sociali attive localmente. I partner coinvolti tramite una progettazione condivisa e lo sviluppo di una costante rete di relazioni potranno piu efficacemente realizzare e valorizzare i propri interventi sviluppando cultura, informazione e socializzazione. k) Qualità e innovazione dei servizi Il Sistema Bibliotecario e le biblioteche ad esso aderenti svolgono unazione costante di confronto con le realtà bibliotecarie piu avanzate sia italiane che internazionali, per conseguire il miglioramento continuo e linnovazione tecnologica nella fornitura dei servizi. 5

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ;

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ; CONVENZIONE FRA I COMUNI DI BIBBIANO, CAMPEGINE, CANOSSA, CAVRIAGO, GATTATICO,, MONTECCHIO EMILIA, SAN POLO D ENZA, SANT ILARIO D ENZA, UNIONE VAL D ENZA PER IL TRASFERIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA)

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento di FONDIMPRESA, Fondo paritetico interprofessionale nazionale per

Dettagli

Carta dei servizi. della BIBLIOTECA CIVICA DI GROSIO

Carta dei servizi. della BIBLIOTECA CIVICA DI GROSIO COMUNE DI GROSIO Provincia di Sondrio Via Roma n. 34 2303 GROSIO (SO) Tel. 0342-8412 (Centralino) Fax 0342-841231 Tel. Biblioteca 0342/841228 e-mail: protocollo@comune.grosio.so.it Carta dei servizi della

Dettagli

l Ente produttore di seguito congiuntamente indicate le Parti ;

l Ente produttore di seguito congiuntamente indicate le Parti ; SCHEMA DI CONVENZIONE CON GLI ENTI DEL TERRITORIO PER I SERVIZI DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI tra la Regione Marche, rappresentata dal Dirigente della P.F. Sistemi Informativi e Telematici

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO ASSOCIATO DI FUNZIONI COMUNALI

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO ASSOCIATO DI FUNZIONI COMUNALI Comune di San Rocco al Porto Comune di Guardamiglio Comune di Caselle Landi L anno duemilaquattordici il giorno dodici del mese di dicembre presso la sede di del Comune di San Rocco al Porto, in qualità

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE COMUNE DI RANZANICO PROVINCIA DI BERGAMO SEDE: PIAZZA DEI CADUTI, 1 - C.A.P. 24060 - CODICE FISCALE E PARTITA I.V.A. 00579520164 TEL. (035) 829022 - FAX (035) 829268 - E-MAIL: info@comune.ranzanico.bg.it

Dettagli

PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI

PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI TITOLO I CRITERI DELLE GESTIONI ASSOCIATE Art. 192 Finalità della forma associata 1. In applicazione dello statuto le funzioni comunali possono essere

Dettagli

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra

CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra COMUNE DI CUNEO SETTORE ELABORAZIONE DATI ED ATTIVITA PRODUTTIVE Via Roma 28, 12100 CUNEO CONVENZIONE DI SERVIZIO DELLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI RELATIVI AI SERVIZI DI tra Il Comune di Cuneo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 OGGETTO: CONVENZIONE TRA LA COMUNITÀ MONTANA ED I COMUNI ADERENTI ED ALTRI ENTI PER LA GESTIONE UNIFICATA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO 3 ART. 2 - COOPERAZIONE INTERBIBLIOTECARIA 3 ART. 3 - DOCUMENTAZIONE DI RILEVANZA LOCALE E SEZIONE LOCALE

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO TELEFONICO PUBBLICO (di emergenza) 114

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO TELEFONICO PUBBLICO (di emergenza) 114 CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO TELEFONICO PUBBLICO (di emergenza) 114 L anno 2006, il giorno del mese di dicembre, nella sede del Ministero delle Comunicazioni in Roma, Largo

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF)

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DOCUMENTARIO INTEGRATO DELL AREA FIORENTINA (SDIAF) tra i Comuni di: Bagno a Ripoli, Barberino Val d Elsa, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline Valdarno,

Dettagli

L anno duemila..., il giorno del mese di ( xx/xx/xxxx), nella sede del Comune di Lastra a Signa, con la presente scrittura privata a valere ad

L anno duemila..., il giorno del mese di ( xx/xx/xxxx), nella sede del Comune di Lastra a Signa, con la presente scrittura privata a valere ad Allegato A CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLA BANCA DATI DELLE POSIZIONI ASSICURATIVE DEI LAVORATORI ISCRITTI ALLA GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DELL INPS (EX INPDAP) TRA I COMUNI DI CALENZANO,

Dettagli

Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013

Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013 MODIFICA REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ESERCIZIO DEL CONTROLLO ANALOGO SULLA SOCIETA IN HOUSE PROVIDING. Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013 Sommario Sommario... 2 Art. 1 - Istituzione del

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI TALAMONA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE (SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA VALTELLINA)

COMUNE DI TALAMONA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE (SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA VALTELLINA) COMUNE DI TALAMONA Provincia di Sondrio REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE (SISTEMA BIBLIOTECARIO DELLA VALTELLINA) SOMMARIO: Sommario per sezioni SEZIONE A) - Istituzione e finalità del servizio SEZIONE

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO SCOLASTICO RELATIVO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA TRA I COMUNI DI GARBAGNA NOVARESE NIBBIOLA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO SCOLASTICO RELATIVO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA TRA I COMUNI DI GARBAGNA NOVARESE NIBBIOLA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO SCOLASTICO RELATIVO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA TRA I COMUNI DI GARBAGNA NOVARESE E NIBBIOLA Ai sensi dell art. 30 del D.Lgs. 267/2000 Allegato alla deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 PRESENTAZIONE TITOLO PRIMO: Finalità del servizio TITOLO SECONDO: Direzione, personale e

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE

SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE SCHEMA DI REGOLAMENTO PER LA BIBLIOTECA COMUNALE ART. 1 - COMPITI E SERVIZI DELLA BIBLIOTECA 1. La Biblioteca comunale di Gignod è un istituzione culturale aperta al pubblico e costituisce unità di servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani STATUTO del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani ART. 1 E costituito il Coordinamento Nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti Umani (di seguito denominato

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA Tra Poste Italiane S.p.A. con sede legale in Roma, Viale Europa 190, rappresentata dall Ing. Massimo Sarmi, (omissis) nella sua qualità di Amministratore Delegato di Poste

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA TITOLO I Art. 1 Finalità della Pubblica Tutela L Azienda per i Servizi Sanitari n 5 Bassa Friulana si impegna

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna ***** SETTORE RISORSE INTERNE E DEMOGRAFIA SERVIZIO INFORMATICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 763 / 2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL CONTRATTO PER LA MANUTENZIONE E

Dettagli

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO Regolamento di funzionamento del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

Articolo 1 Composizione

Articolo 1 Composizione Regolamento interno di organizzazione per il funzionamento della Conferenza nazionale per la garanzia dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Istituita dall art. 3, comma 7, della legge 12 luglio

Dettagli

Carta dei Servizi Biblioteca Civica

Carta dei Servizi Biblioteca Civica Carta dei Servizi Biblioteca Civica CS V1 Rev. 1 PRINCIPI FONDAMENTALI La biblioteca pubblica, servizio informativo e documentario di base della comunità, è un istituzione che concorre a garantire il diritto

Dettagli

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2016 APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 9 DEL 31/01/2014

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. TRA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA TRA I COMUNI DI DOLIANOVA, SERDIANA E SOLEMINIS. In data presso il Comune di Dolianova, Piazza Brigata Sassari TRA Il Comune

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE «UNA STRADA» approvato dall Assemblea Straordinaria del 2015

STATUTO ASSOCIAZIONE «UNA STRADA» approvato dall Assemblea Straordinaria del 2015 STATUTO ASSOCIAZIONE «UNA STRADA» approvato dall Assemblea Straordinaria del 2015 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE ASSESSORATO ALLA CULTURA SERVIZIO BIBLIOTECHE

PROVINCIA DI LECCE ASSESSORATO ALLA CULTURA SERVIZIO BIBLIOTECHE PROVINCIA DI LECCE ASSESSORATO ALLA CULTURA SERVIZIO BIBLIOTECHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE DI LECCE Bozza del PREMESSA Premesso che: - la Provincia di Lecce

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

PROCEDURA --------------------------------------

PROCEDURA -------------------------------------- PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DI BENI IMMOBILI (AREE O FABBRICATI) FUNZIONALI ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -------------------------------------- La PROVINCIA DI GENOVA, nella sua qualità

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 EBILOG REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 INDICE Art. 1 - Funzionamento degli Organi pag. 1 Art. 2 - Contribuzione pag. 1 Art. 3 Spese per il funzionamento

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Art.1 Oggetto Il programma triennale per la trasparenza e l integrità, in attuazione dell art.11 comma 7 del d.lgs. 150/09 ha come oggetto la definizione

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa tra Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (di seguito denominato INPS), E Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) per la valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36)

Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36) Legge regionale 29 agosto 1994, n. 38. Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36) Il Consiglio regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. IL

Dettagli