AUTONOMOUS SYSTEMS. What

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTONOMOUS SYSTEMS. What"

Transcript

1 LEZIONE 19 (2012) Peering and Transit in the Internet (Interdomain Routing) Fulvio Risso (and Mario Baldi) Politecnico di Torino 1 Copyright notice! This set of transparencies, hereinafter referred to as slides, is protected by copyright laws and provisions of International Treaties. The title and copyright regarding the slides (including, but not limited to, each and every image, photography, animation, video, audio, music and text) are property of the authors specified on page 1.! The slides may be reproduced and used freely by research institutes, schools and Universities for non-profit, institutional purposes. In such cases, no authorization is requested.! Any total or partial use or reproduction (including, but not limited to, reproduction on magnetic media, computer networks, and printed reproduction) is forbidden, unless explicitly authorized by the authors by means of written license.! Information included in these slides is deemed as accurate at the date of publication. Such information is supplied for merely educational purposes and may not be used in designing systems, products, networks, etc. In any case, these slides are subject to changes without any previous notice. The authors do not assume any responsibility for the contents of these slides (including, but not limited to, accuracy, completeness, enforceability, updated-ness of information hereinafter provided).! In any case, accordance with information hereinafter included must not be declared.! In any case, this copyright notice must never be removed and must be reported even in partial uses. 2 AUTONOMOUS SYSTEMS 3 What " A set of subnets grouped based on " Topology " Organizational criteria " E.g., the subnets of a large internet service provider

2 Why " Addressing and routing tightly coordinated " Possibly multiple internal routing domains " Controlled AS interfacing " Data " Routing information " Administration " Autonomous internal routing choices " Negotiated external routing choices " Scalability " Not all information propagated everywhere!"#$ 2=>$ %=>$ 34$;<$ 34$79:$ %&'()*")$+,'(#,-$.")/()$+,'(#,-$."01/,)-$)"0'()$ 21'()*")$+,'(#,-$ 34$5678$ Administration Aspects Announcements determine data flows?$ 34$;<$ 34$79:$?$?$ 34$5678$

3 Exterior Routing " Not necessarily shorter path " Choice based on policies " Reflect agreements among ASs Scalability " Destinations can be aggregated " O/24 and O/24 can be announced as O/23 " Hierarchical routing Autonomous System (1)! From the interdomain routing point of view, Internet is organized into Autonomous Systems! An AS represents an homogeneous administrative entity! An AS represents the highest hierarchical level on the network! Definition of Autonomous System! A set of IP networks that are under control of a set of entities that agree to present themselves as an unique entity, everyone adopting the same set of routing policies! Example 1: A large is usually an AS! Example 2: the Italian research network (GARR) is an AS, while the Politecnico di Torino is not! An AS uses BGP to connect to other AS, using a set of coherent policies across the entire domain Dal punto di vista dell'architettura di routing, tutto Internet è organizzato in Autonomous System (= entità amministrativa omogenea). Alcuni possibili AS: - la rete accademica italiana - Fastweb Il Politecnico NON E' un AS. Prendiamo la rete accademica italiana: ci sono le dorsali sotto il controllo del GARR, colui che gestisce la rete fisica. Le "foglie" su questa rete sono le varie università. Dopodichè è ovvio che ciascuna università vuole avere il controllo sulla sua rete (l'admin del GARR non dice a PoliTO come organizzare la rete). Se qualcuno però ha qualcosa da ridire sull'organizzazione della rete contatta il GARR e non il PoliTO. Ci sono poi entità omogenee anche dal punto di vista operativa: nella rete di Telecom Italia c'è un admin che gestisce tutta la rete. Dal punto di vista dell'interconnessione l'as è il livello più alto nella gerarchia di Internet (= non c'è niente di più grande). 11 Autonomous System (2)! Some additional rules were enforced in the past 12! All the network had to be on the same administrative domain! This is not the case for the Italian Research Backbone and the Politecnico di Torino network, that had different administrators! The network had to be of at least a given size! Small networks cannot become AS! The AS had to be connected with at least two other AS! An AS had to guarantee, at least technically, transit to some external traffic directed to a third AS! Each AS is uniquely identified by a 32 bits number (IANA assigned)! Was 16 in the past Un AS, spesso, coincide con un alla fine della fiera. Formalmente, un AS è un elenco di reti IP sotto il controllo di un set di entità che si mettono d'accordo per presentarsi all'esterno di questo AS come un entità univoca. Tutti quanti adottano lo stesso set di routing policies. Nel routing interdominio si sceglievano i percorsi sulla base di parametri non strettamente "retistici": quando si dice che tutti hanno lo stesso set di routing policies si dice che, ad esempio, PoliTO e GARR hanno una politica di routing coerente verso tutti quelli al di fuori dell'as. Nel passato c'era una regola aggiuntiva: nel caso di AS bisognava avere dei vincoli particolari sulla struttura della rete. Negli anni recenti questi vincoli sono stati aboliti perchè c'è la necessità di avere AS estremamente piccoli (come quelli dei content provider). FIAT, ad esempio, è un AS perchè è l'unico modo per gestire la ridondanza della sua rete e il collegamento con più AS. Ogni AS è identificato da un numero su 32 bit (una volta erano 16), perchè nel passato AS = (dove per si intendono di un certo livello, tipo Telecom). Oggi siccome sono cambiate le esigenze di connettività si è passati a 32 bit.

4 Autonomous Systems: example Telecom Italia Fastweb Come sono collegati gli AS? Gli AS li possiamo immaginare come "nuvolette" che al loro interno hanno una certa topologia. Ogni AS è a sua volta collegato con altri AS. All'interno di un AS ci possono essere internamente partizioni aggiuntive (il GARR comprende PoliTO e PoliMI, ma questo all'esterno viene completamente nascosto). Seabone Research Network (GARR) PoliTO PoliMI Sprint Level3 13 Routing in Autonomous Systems! Each AS is completely independent from the other 14! Each AS decides internal routing according to its own preferences! IP packets are routed according to internal rules! Each AS can have one or more routing domains, served by IGP protocols! Each AS can adopt its IGP preferred routing protocol(s), independently from other AS! Redistribution between different IGP protocols can be active! Different AS must adopt the same EGP protocol for exchanging external routes 15! Interconnection provided by special routers called Autonomous System Boundary Routers (ASBR)! ASBR must participate in both the IGP and EGP processes Routing in Autonomous Systems AS A NetA1 Networks reachable through AS A: NetA1, AS A NetB1, AS A,B Networks reachable through AS C: NetC1, AS C NetC2, AS C NetC3, AS C NetB1, AS C,B Redistribution X NetC2 AS B NetB1 NetC1 NetC3 IGP (e.g., OSPF) Internal routes: NetC1, cost c1 NetC2, cost c2 NetC3, cost c3 AS C Il routing interno è completamente indipendente tra un AS e un altro AS: vengono utilizzati i protocolli che abbiamo già visto. Ogni AS può essere partizionato a sua volta in domini di routing (GARR: PoliTO, PoliMI, UniMI,...). I vari AS devono però adottare lo stesso protocollo esterno per scambiarsi le rotte. L'interconnessione viene fatta sfruttando speciali apparati (ASBR) che partecipano sia al dominio interno che a quello esterno. La cosa si vede meglio in quest'immagine. C è partizionato a sua volta in tante sottoreti ed è collegato all'esterno per mezzo di due ASBR. Il routing funziona in due direzioni: internamente si può usare, ad e- sempio, OSP per scambiarsi le rotte. Tale scambio di rotte lambisce anche l'apparato di frontiera: un'interfaccia dell'apparato parla dunque OSPF. A un certo punto anche l'apparato di frontiera conosce le rotte interne e, avendo due protocolli di routing abilitati nel suo processo di routing collegati mediante la redistribuzione (inizialmente a due versi). Il protocollo esterno dice all'altra entità che sta dall'altra parte del canale che si possono raggiungere le reti C1, C2, C3 passando per lui (sui costi tutto tace). Si dice anche che attraverso quell' apparato si riesce a raggiungere una rete B1 raggiungibile dagli AS C-B. L'ultima riga perchè c'è? Supponiamo che non ci sia e che vi siano solo le rotte che l'asbr ha imparato all'interno del suo AS. Il vicino non saprebbe. niente di B1: poco male perchè c'è l'altro collegamento. Se però l'altro collegamento salta sono fregato. Ci sono dunque due topologie di rotte: - rotte interne: si scoprono con OSPF - rotte esterne Negli annunci di routing verso altri AS (X) noi vediamo sia le rotte imparate internamente (attraverso il protocollo interno) sia quello che ho imparato attraverso il protocollo di routing esterno. I due apparati all'interno dell'as non hanno un link diretto per comunicarsi le rotte esterne (non è praticabile) però in qualche modo devono parlarsi direttamente (le istanze, ad esempio di BGP, si sincronizzano con una connessione TCP) IGP and EGP! The IGP protocol(s) must determine the routing internal to the AS! The EGP protocol must determine the routing between different AS! Must propagate to other AS the networks that are inside its domain! Must propagate to other AS the networks that are in other AS, but that can be reached through its AS! We must have one EGP protocol across the entire Internet! All AS must be connected to each other and exchange info between themselves, hence a unique protocol is needed! Border Gateway Protocol (BGP) 16

5 The ASBR router! ASBR must have both an IGP and an EGP protocol active! Redistribution must be configured between them! IGP must know the available paths toward the external destinations! EGP must know which destinations are present in the domain R1 L'ASBR assume importanza perchè deve avere due protocolli di routing installati (e attivi). Bisogna riconfigurare la redistribuzione attraverso i due protocolli (e non c'è santo che tenga, come in OSPF che andava "automatico"). Posso decidere se farla in entrambe le direzioni o solo da una parte. Spesso si fa una redistribuzione completa dall'ingresso verso l'uscita (in modo che io annuncio all'altra estremità tutte le rotte interne al mio dominio). Nell'altra direzione invece si fa in maniera parziale (viene immersa una rotta di default: se posso accontentarmi di una rotta di default è meglio rispetto al mettere tutte le rotte singolarmente). EGP (i.e., BGP) Networks reachable through AS C: -NetC1, AS C -NetC2, AS C -NetC3, AS C NetC1 R2 AS C NetC2 NetC3 Redistribution IGP (e.g., OSPF) Internal routes: -NetC1, cost c1 -NetC2, cost c2 -NetC3, cost c3 -Default route toward R2 Occhio che se io ho due uscite verso il resto del mondo e voglio distribuire il traffico in un certo modo predeterminato mi servono tot. rotte precise esterne all'interno del mio dominio OSPF. 17 Redistribution Attenzione a giocare con la redistribuzione. NON CREARE DEI LO- OP.! It defines:! Which internal networks must be known on the outside world! E.g., private networks must not be propagated to other AS! Which external networks must be known inside the AS! We may have the full network details, or large aggregations, or even a single default route! Usually configured in both directions! IGP to EGP, and EGP to IGP! Be careful not to create routing loops! E.g., a route learned in IGP, exported in EGP, and re-imported in IGP 18 Redistribution and policies! Policies represent the rules used by the network admin to modify the number and the characteristics of the info redistributed between two protocols Come abbiamo già detto, la redistribuzione può essere fatta sia automaticamente sia andando a modificare le opportune policies. Il processo di redistribuzione delle rotte dev'essere dunque mediato da opportuni comandi.! May be used e.g. to hide some existing destination! Strictly speaking, policies are not part of the redistribution but are very common in interdomain routing! Are used to control how redistribution does its job! Usually implemented through ACLs 19 Routing economics (1)! Networks have a cost! Infrastructure, maintenance, administration, electricity, etc.! Traffic within the AS! Almost free, excluding infrastructure costs! In fact, try to convince users to spend most of their time inside the AS Parte finanziaria. In base a che cosa configuriamo le policy? Principalmente in base ai soldi, perchè il traffico ha un costo. Frequenti sono ad esempio le situazioni in cui più persone usano un access point condiviso e paghiamo metà per uno: idem per un AS. Il fatto che qualcuno possa utilizzare il nostro AS per trasferire del traffico da un' altra parte può non essere tutta 'sta gran simpatia: ogni provider considera il traffico a lui interno come "free", mentre tutto quello che arriva dall'esterno non è free.!!!!! But an AS should connect to other Autonomous Systems, for two reasons! 1) An AS must be able to reach all the destinations present on the Internet! Metcalfe's Law!!!!! 2) An AS would like to achieve resilience in its connections toward the outside world 20

6 Routing economics (2)! Interconnections between one operator and another may not come for free! Usually, the interconnection between two AS is established only upon an economic agreement Dalla slide precedente è emerso come sia opportuno connettere tra loro più AS. Come sono interconnessi gli AS? Gratis o a pagamento? Peering: gratis. A pagamento: transit. Sia che l'interconnessione sia gratis o a pagamento ci dev'essere un contratto siglato tra le due entità, firmando un contratto e decidendo cosa è lecito far passare su quell'interconnessione e cosa no.! In fact, two types of agreements are possible! Transit, which represents the most natural choice from the economic viewpoint! Peering, when two AS discover that they can do better than transit 21 Routing economics: Transit! Usually AS try to get money out of their business 22! Nobody gives its resources out for free! Transit implies one party (e.g., A) that pays, and the other (e.g., B) that gets money! I.e., AS B guarantees the transit (i.e., the right to use its network) to the traffic coming from the other AS! The economic agreement states which destinations are reachable through the transit! Price for transit! Daily/monthly traffic cap, plus additional cost for traffic that exceeds that amount of data! Monthly fee for a max bandwidth!! E.g. link at 1Gbps, but agreement to send max 100Mbps Nel contratto di transito c'è un'entità che paga e una che viene pagata. In questi contratti si assume che un'entità A è più debole e paga un'entità B che riceve questi soldi. Supponiamo di iniziare un nuovo business e far partire un nel Torinese. Una volta accalappiati un certo numero di clienti devo agganciare la mia rete al resto del mondo: contatto un esistente e gli chiedo di tirare su un cavo. Nel momento in cui c'è un provider molto più forte "ha il coltello dalla parte del manico", quindi ci chiede un bel po'. Se noi paghiamo Telecom ci dà la possibilità di utilizzare la sua rete per trasportare il nostro traffico. Il contratto specifica anche cosa viene fatto di quel traffico e che traffico si può mandare: Telecom potrebbe dire che ha un ottimo collegamento con l'america e pessimi col Giappone. Possono dunque esserci limiti su questo traffico, sia tecnici (non più di 1 Gbit/s), sia interni di destinazione (traffico garantito solo verso alcune direttive e non altre). Si possono decidere diverse forme di pagamento. Gli accordi di transito non sono mai pubblici. Routing economics: Peering! Two AS agree to exchange traffic between themselves without having to pay each other! When two networks determine that the costs of interconnecting directly (peering) are lower than the costs of buying transit from each other, they'll have an economic incentive to peer! Peering does not allow traffic to transit the other domain and reach a third domain L'altro modello di scambio di traffico. Due AS si scambiano il traffico su base paritetica senza contropartite economiche. Un esempio potrebbe essere un accordo tra Telecom e Fastweb affinchè il traffico degli utenti Telecom possa finire sugli utenti Fastweb (e viceversa) senza dover transitare da un altro AS. Gli accordi di peering infatti non prevedono quasi mai l'utilizzo di un terzo AS. Quando facciamo accordi di peering? Quando ci accorgiamo che diventa molto più conveniente tirare su un link tra di noi (che comunque ha un costo) rispetto a passare da un terzo.! Peering costs are usually split equally by the two entities! After a peering has been established, the marginal cost of sending traffic is zero! Usually the peers send data at the full speed allowed by the L2 link 23 LEZIONE 20 (2012) Peering and Transit: policies! Policies are used to determine how two connected AS can exchange the traffic one with the other! Some examples! An AS does not want to be transit for external traffic, as its network is not robust enough! An AS can provide transit only to other European destinations, as its network does not reach other continents! An AS A does not want to accept traffic coming from an AS B that is well known to host many hackers! Policies influence the selection of the path, and may end up forcing the use of non-optimized paths 24

7 Peering and Transit: examples (1) Facciamo alcuni esempi di come possono essere organizzati peering e transito su Internet. In questo esempio abbiamo due AS collegati mediante un link diretto. Questo può essere un peering tra due AS regionali che si scambiano il traffico tra di loro. AS-1 Peering AS-2 Nel secondo esempio invece abbiamo un tipico caso di transito in cui due regionali non sono collegati tra loro ( italiano e giapponese): queste due entità vanno a comprare accesso da un'entità terza. AS-4 Transit Transit AS-3 AS-5 25 Peering and Transit: examples (2) AS-7 AS-8 Peering Transit Transit Dopodichè ci possono essere scenari più complessi. Nel terzo scenario c'è un AS-6 che transita sull'as-7. L'AS-7 non ha una rete estesa in tutto il mondo, così può attivare a sua volta accordi di peering o di transito verso altri AS (normalmente sono accordi di peering). AS-7 e AS-8 riescono così a trarre mutuo beneficio, specie se sono Tier 1. Da AS-8 può esserci un altro collegamento, a questo punto di transito, verso un AS più piccolo (AS-9). AS-6 AS-9 AS-11 Transit AS-12 Transit Transit AS-10 AS Peering and Transit: examples (3)! AS-16 may not advertise the presence of AS-18 to AS-15! AS-19 has no choice but to choose AS-17 to reach AS-18 AS-14 Quando si stabiliscono relazioni transit/peering si stabiliscono anche le destinazioni per le quali si utilizzano determinati percorsi. L'AS-19, ad esempio, usa un certo percorso per andare verso l'as-14 (si potrebbe andare anche verso il 18). Può dipendere da vari parametri che ho negoziato, oppure ho comprato l'accesso solo per determinate destinazioni. AS-15 AS-16 AS-17 AS-18 AS '()1('$E"0F1+$3)GH*'(G'0)($ Tier Tier 1 >)*D,'($C(()*1+$ Tier 1 Tier 2 Tier 2 Tier 2 Tier 2 Tier 1 >)*D,'($C(()*1+$ Tier 2 [LEZIONE 17] Quando il traffico passa da un AS a un altro ci sono accordi economici. Se noi caliamo i concetti appena visti su Internet, gli AS si possono dividere in tipi diversi. Si ipotizza dunque l'esistenza di Tier 1 (che hanno reti molto grosse con connettività intercontinentale, hanno tra loro relazioni di peering). Gli Tier 1 offrono accordi agli Tier 2 (si instaurano relazioni di transito perchè T2 usano la rete degli T1 per raggiungere il resto del mondo). A loro volta poi gli (che offrono servizi ad aziende e clienti). I collegamenti di private-peering si hanno tra dello stesso livello: lo fanno per scambiarsi il traffico tra le loro reti. E' interesse degli fare in modo che non passi traffico "di qualcun altro". 28

8 Network economics: vs. end users (1)! A big problem: different actors are charged differently 29! This implies that their choices are different, and it some cases those may clash! users! Monthly fee, independent from the destination of their traffic and the volume generated! Users do not care whether their traffic goes to Timbuktu or to another user on the same POP! Network operators! Traffic is basically free within their network, while often charged in volume when going outside! can see a huge difference when the traffic goes to Timbuktu or to another user on the same POP Un'altra "pillola" economica. Uno dei problemi che c'è su Internet (in particolare sul peering) è che attori differenti sul mondo Internet, tipo e utenti, hanno modelli di pagamento del traffico diversi e incompatibili uno dall'altro. Supponiamo di scaricare un film da BitTorrent. Nessuno si pone il problema di pensare dove sia dislocato. Un operatore ha un costo decisamente inferiore se ci si scambia traffico dentro il dominio, altrimenti ci possono essere costi differenziati a seconda del dominio che devo raggiungere. Gli utenti dunque non sono assolutamente interessati a dove va il loro traffico perchè loro hanno una tariffazione flat. C'è dunque una "guerra sotterranea" tra utenti e, che magari potrebbero limitare il P2P. Fastweb ai tempi no perchè era riuscita a fare un P2P in cui il traffico girava al 90% sulla sua rete. Nei programmi P2P attuali il provider "non può mettere naso", perchè è il client a scegliere da dove prendere il file. Per adesso, dunque, chi vince è l'utente. E' l'operatore che a limite blocca la banda. Network economics: vs. end users (2) Dicevamo che ci sono dei tentativi di riallineamento dei due modelli economici (qualcuno più intelligente e qualcuno più invasivo). Qualcuno ha cominciato a mettere dei tetti mensili alle connessioni.! Some push to re-align those costs! Incentives to privilege internal traffic! E.g., network operators that offer better service to some traffic that is generated inside the AS (e.g., Fastweb gives better service for internal P2P apps)! Monthly traffic cap 30 Business models for network operators! In the real words, we have two types of network operators! Edge AS! Pervasive coverage of a (limited) geographical area! Revenues coming from end-user customers! Tend to establish as many peers they can, for the other destination they buy transit! Also called Tier-2 or Tier-3 AS! Core AS! Long-haul network! E.g., world-wide coverage, but limited to the most important cities around the globe! Revenues coming from edge AS! Sell transit to edge AS! Also called Tier-1 Se io volessi mettere su la mia azienda di TLC specializzata nel trasporto di traffico Internet, quali sono i miei modelli di business? Ci sono gli operatori che si concentrano sul raccogliere il traffico degli u- tenti (edge) e operatori che invece vogliono fare collegamenti a lunga distanza (core). Modelli diversi, scelte tecniche diverse. Un Edge AS ha tendenzialmente MOLTI più utenti di un Core AS. I guadagni sono diversi, perchè gli Edge AS sono più "protetti" (gli u- tenti pagano sempre e difficilmente cambiano operatore, perchè è un po' una rogna). I Core invece sono un po' più "sotto pressione", il loro modello di business è quello di far soldi dal transito. Gli Edge AS sono noti anche come Tier-2 o Tier-3, i Core AS come Tier Tier-1 Network! Network that allows to reach (almost) every destination AS on the Internet, without having to buy transit from other providers or to pay some access fee! The network itself may not be connected to all the destinations! However, it may be connected to other Tier-1 networks (in peering mode)! Usually, a Tier-1 network is connected to a few Tier-1 and many Tier-2! A Tier-1 is a global provider that can advertise the fullroute (i.e., /0), independently from the geographical coverage of its network!! Also a regional provider connected to a (leaf) customer advertises the full route, but it is not a Tier-1 32

9 Tier-1 Network (2) Un Tier-1 è invece una rete di transito. Hanno la possibilità di raggiungere direttamente o attraverso peering tutto Internet. Non sono notissimi a livello retail.! Is it correct to say that a Tier-1 has only peering connections?! No, because Tier-2 providers will establish transit connections with him! However, a Tier-1 will not buy Internet access from any other provider; in fact, transit connections will be established only with its customers (Tier-2)! Examples of Tier-1 networks! In the old days, ARPANET and then NSFNET were Tier-1 networks! Some known names: AT&T, Global Crossing, Sprint, L3, Seabone (Telecom Italia Sparkle) 33 Tier-2 and Tier-3 networks Il Tier-2 tendenzialmente ha un set di peering con altri AS. Il Tier-3 è invece uno di quei provider "locali" che copre una zona limitatissima del territorio (nel 2000 erano molto in voga).! Tier-2! Network that has established some peering agreement with some providers, and that buys transit from a set of Tier-1 networks in order to reach the whole Internet! Tier-3! Network that does not have any peering agreement, and that simply buys transit from other Tier-2 (or Tier-1) providers 34 Tier-N economics! Tier-1 are under great pressure than Tier-2/3! Tier-2 owns end users! Difficult for users to switch provider! Change addresses (if provider-based)! Reconfigure routing! No competences in networking! Tier-1 is a very competitive market! Tier-2 can establish new peerings as soon as they becomes more convenient than transit! Perhaps more convenient to setup a new link toward another internet exchange and activate new peering there 35 Quando stabilire un per When to establish peering/transit (2)! Peering is obviously the preferred choice for Tier 2/3, but! An AS accepts my peering only if it finds it convenient! E.g., an international does not want my traffic to go into its network for free! It may not be so convenient to connect to all the AS present worldwide! E.g., the cost of a cable that connects an in Nepal to another in Namibia may not justify the amount of traffic exchanged between those two networks 36

10 When to establish peering/transit (3)! Transit is the obvious choice when an AS wants to connect with many destinations and! The AS does not want to establish direct peering! E.g., because it is not very convenient, e.g., the Namibia Nepal case! The AS cannot establish direct peering! E.g., the other does not accept that agreement! An AS can use the transit peering as a default route toward the rest o the world! Without having to negotiate peering agreements with everyone! Without having to setup a connection toward all the AS out there 37 When to establish peering/transit (4)! The dominant provider example! Better for this network operator to force its competitor to go through a Tier-1 operator International Backbone 5% of the traffic goes to MP 80% of the traffic goes to DP 38 Minor Provider Dominant Provider Example of real routing on the Internet Questo è un esempio di routing reale su Internet. IT1 e FR1 si sono messi d'accordo e fanno del peering. Attraverso il peering diretto riescono a scambiarsi il traffico senza mandarlo al Tier1. Tier1 International 1 International 2 Tier2 Regional (IT_1) Regional (IT_2) Regional (FR_1) Regional (JP) User1 User2 User3 User4 User5 User6 User7 User8 User9 39 Example of a real Tier-1 provider! Tier-1 split in multiple AS to better control routing! E.g., AS-1 peering with AS-10, but not allowed to send data to AS-12 AS-11 AS-10 AS-1 Tier-1 Fino a qui si è detto che un Tier1 provider è un operatore e quindi un AS. In realtà non è vero, perchè il concetto di operatore e di AS sono ancora leggermente diversi. Un operatore infatti può avere la necessità di differenziare il traffico nella sua rete: se per esempio ammettiamo un'equivalenza 1:1 tra Tier-1 e AS, quando l'as-1 viene abilitato a inviare traffico nel Tier-1 viene abilitato a mandare traffico dappertutto. Tier-1 però potrebbe avere necessità di differenziare le tariffe. Il problema si risolve partizionando la rete in pezzi diversi e assegnando ai pezzi AS diversi, sempre sotto lo stesso dominio amministrativo. AS- 12 AS-2 40

11 21'()1('$E"0F1+$3)GH*'(G'0)($ Tier 2 Tier 1 Tier 1 Tier 2 Tier 2 NAP/IXP Tier 2 Tier 2 Tier 1 Tier 2 [LEZIONE 17] NAP/IXP: l'idea è che i vari service provider vogliono creare dei link di peering. Costa. Mettiamoci d'accordo e colleghiamoci tutti in un punto comune. Creare il collegamento fisico a quel punto costa quasi nulla. Zone franche che non appartengono a nessun altro. Nuovo business. Si ottimizza il routing. Però anche i Tier-2 riescono a crearsi relazioni di peering: invece che pagare l'ira di Dio Tier-1 si paga il Neutral Access Point (molto di meno) 41 21'()1('$E"0F1+$3)GH*'(G'0)($ Cliente/fornitore Tier 2 Tier 2 Tier 1 Tier 2 Peering privato Cliente/ fornitore Tier 1 NAP/IXP Tier 2 Tier 2 Tier 1 Tier '()1('$E"0F1+$3)GH*'(G'0)($ Cliente/fornitore Tier 2 Tier 2 Tier 1 Tier 2 Peering privato Cliente/ fornitore NAP/IXP Tier 1 Tier 2 Tier 2 Tier 1 Tier '()1('$E"0F1+$3)GH*'(G'0)($ Cliente/fornitore Tier 2 Tier 2 Tier 1 Tier 2 Peering privato Cliente/ fornitore NAP/IXP Tier 1 Tier 2 Tier 2 Tier 1 Tier 2 44

12 Neutral Access Point (NAP) Internet exchange Point (IXP) " A LAN to which routers of different AS s (s) connect " Pairs of routers exchange routing information " Possibly sibl using BGP [LEZIONE 17] Com'è fatto il NAP? Visto che ci sono una serie di router di diversi che vogliono essere collegati, non è nient'altro che una LAN in cui tutti possono scambiare traffico con tutti (e non è detto che lo facciano). I router di che hanno accordi di peering scambieranno informazioni di routing, ad esempio col protocollo BGP. BGP BGP BGP BGP 45 La rete dev'essere ad alta velocità. >H-I*G,A$K"C"A"+-$ %'H()1('$I#*'GH$.")/()$ E"0'()$!*+H$$ IC((/$$ A*1J$ 46 How do we connect AS together?! Two options! Direct connection! Costly! Link cost! Interfaces on the routers! Through a Neutral Access Point! shared network that guarantees the connectivity with many network operators! A single link/router/interface can connect to all the Autonomous Systems present there AS1 AS2 wide-area link AS3 AS4 AS5 NAP network AS6 AS7 Come collego gli AS tra di loro? Ho due possibilità: - base: i due AS sono collegati da un link diretto. Usata poco perchè estremamente costosa e poco flessibile (se io voglio cambiare gli AS con cui mi interfaccio devo spostare il cavo) - Neutral Access Point: stanza in cui un certo numero di provider porta il suo apparato e tutti gli apparati sono collegati da una rete di L2. Potenzialmente si può fare peering o transito con tutte le entità presenti nella rete. 47 Internet Exchange Point (1)! Also known as Neutral Access Point! Sometimes NAP implies that the traffic has to be exchanged for free! IXP/NAP has be neutral and uninvolved in the business of its customers! IXP may be used also to establish transit relationships between AS! Technically, an L2 network connects all the routers there! No L3, as it would implies additional routes toward other routers! All the routers are directly reachable AS1 AS2 AS3 Non ci sono dei collegamenti diretti, ma sono nati un certo numero di punti in giro per il mondo in cui i provider hanno portato i loro apparati. Questi punti si chiamano Internet Exchange Point (altri li chiamano Neutral Access Point, anche se c'è una leggera differenza a livello di costi). Quello che è importante è che tutti vedano tutti (= ci sia una connessione di L2). Non è detto che poi questa possibilità venga sfruttata. La rete dev'essere UNICAMENTE di L2. 48 Intermediate L2 network AS4 AS5

13 Internet Exchange Point (2)! BGP peering technically available toward all the other entities! In practice, an AS establishes a BGP peering to only a subset of the other AS present there! A BGP peering for transit may be impossible because the IXP does not allow transit! An AS may prefer other peering points! A peering can be active, but used just as a backup (selection done in BGP) AS1 AS2 AS3 AS4 AS5 AS1 X X AS2 X X X X AS3 X AS4 X X AS5 Peering matrix X AS1 AS4 AS2 AS5 AS3 La matrice di peering non è infatti una matrice completa! L'Internet Exchange Point di Milano, ad esempio, non ammette connessioni di tipo transito (per statuto). Usare più Exchange Point va configurato. LEZIONE 21 (2012) Parlando ancora della tabella di peering. AS1 e AS3 teoricamente sono sulla stessa LAN ma non si scambiano del traffico in questo exchange point. Ovviamente lo possono fare in altri oppure scambiarselo tramite il passaggio da un AS intermedio. Comunque bisogna trovare un modo di scambiarsi il traffico perchè altrimenti si ha conoscenza parziale della rete. 49 Internet Exchange Point (3)! The IXP is in charge of the technical functioning of the switch! An IXP provides! A (fast) L2 network! Electrical power, conditioning! Some monitoring! A location close to most fiber backbones! Usually a single room, some examples of distributed IXP! Usually each AS pays a monthly fee! E.g., dependent on the speed of the connection to the IXP 50 Internet Exchange Point (4)! Often implemented in a single location (e.g., datacenter)! Some implementations are distributed! E.g., TOPIX runs across the entire Piedmont region! E.g., LINX has several locations in London! Not very common, though! The most important characteristic of IX is not its geographical architecture, but the fact that the network runs at L2! Of course the IX may have IP addresses (and often even an AS number) for its internal purposes 51 Internet Exchange Point examples! See map! Volume di traffico sui vari exchange point. In Italia il principale ha un traffico di picco sui 90 Gbps. Gli Internet Exchange Point europei sono più grandi per ragioni storiche, perchè c'è più mercato e perchè si può fare transito. Negli USA la distribuzione di traffico è più piccola, forse perchè ci sono reti più estese.! City Address Volume (Oct 2011) Italy Europe USA NAMEX (Roma) 15 Gbps MIX (Milano) 90 Gbps TOPIX (Torino) 30 Gbps LINX (London) 1 Tbps AMSIX (Amsterdam) 1.4 Tbps DECIX (Frankfurth) 2 Tbps NYIIX (New York) 150 Gbps 52

14 Network neutrality! Two problems:! Why should a network provider allow a content provider to make money for free, using its pipes?! Are there any case in which a network provider should "modify" the traffic that flows within its network? Il problema della neutralità della rete è molto attuale. Da ingegneri bisogna renderci conto che i problemi sono difficilmente risolvibili in maniera secca. Poniamoci qualche domanda: 1) perchè un Network Provider dovrebbe lasciare la rete a un Content Provider praticamente for free? Nei paesi del primo mondo, l'adsl è ormai una realtà. E' il contenuto che fa la differenza: il 15% del traffico italiano, ad esempio, va su Youtube. Se noi fossimo Telecom Italia, saremmo parecchio invidiosi: abbiamo costi bestiali, dobbiamo mantenere su la rete e quant'altro e i ritorni sulla rete sono abbastanza bassi (perchè le stesse cose le fa Tiscali). E' Youtube che invece fa il bello e il cattivo tempo, che sfrutta la rete di Telecom e fa utili. 2) ma davvero non ci sono casi in cui può essere sensato modificare il traffico in transito per ottenere determinati scopi? (es.: QoS) 53 Network neutrality economics! Network is a commodity, while services have higher value! are put under great economic pressure! Users do not understand the difference between an and its competitor! Switching costs for the users may not be so high! would like to participate to the revenues of the service/ content provider! Why Google/Youtube has to use my network for free?! Users are locked in because of the content! Switching costs (e.g., moving docs from Google Docs to Microsoft Live) may be rather high! In the end, content providers have the ball 54 Network operators and network neutrality! Network operators can be tempted to give "preferential treatment" to portions of traffic Il risultato è che gli operatori sono tendenzialmente contro la Network Neutrality. Con essa, infatti, loro hanno le mani legate. Se loro riuscissero a diminuire l'enfasi sulla neutralità riuscirebbero a partecipare agli utili di eventuali content provider.! Privilege some traffic! E.g., better service for traffic directed to a content provider that has a revenue sharing agreement with the network operator! Damage other traffic! E.g., worse service (or no service at all) to a content provider that represent a threat for its revenues! An example: damage other VoIP traffic when the network operator does provide its own voice service 55 The network neutrality debate! People in favor focus on the fact that all the entities (e.g. content provider) should have the same service! The risk is that we kill some service at the discretion of the network operator! People against point out that the problem is not the network neutrality, but how do we use those technologies! Preferential treatment can be useful in many other cases Il problema della neutralità della rete è un problema molto più complesso di quello che sembra. Ci sono dei motivi per cui conviene avere neutralità e motivi per i quali la neutralità è da temere. In Europa va per la maggiore la network neutrality.! Shall an privilege VoIP traffic against normal traffic?! Shall an drop incoming packets that are originated from an attack?! Shall an filter some traffic because it is malicious?! Shall an make choices (which traffic has to go our first) in case of network congestion?! Shall an make choices in order to preserve the functioning of its network (e.g., a sudden rise of the network traffic because of a new, unexpected application)? 56

15 A possible answer for network neutrality! At the end, there is no final answer! Enforcing pure network neutrality implies we cannot control the traffic at all, which may be useful in many cases! On the other end, if we admit that the network may not be neutral, we give to the network operator the power to privilege some traffic/content against the other! A possible answer: in an open market, leave the ball to the user! E.g., If users do not agree that their VoIP traffic is discriminated, they can switch to another network operator! In practice, this may not always be possible (network operators can create cartels) 57 Link che riportano alcuni dati sulla connessione tra AS. Some additional links! Fixed Orbit (http://www.fixedorbit.com)! Some data about the interconnections of different Autonomous Systems! CIDR Report (http://www.cidr-report.org/)! Number of Autonomous Systems, address aggregation! Geoff Huston blog and links (http://www.potaroo.net/) 58 Conclusions E' carino pensare che dopo aver parlato di cose tecniche in realtà se non si ha una visione anche economica del problema non ci rendiamo conto di quello che bisogna fare.! Internet routing is mainly driven by economics! Which makes sense, as someone has to pay for the network! Most important keywords here! Peering and transit! Internet Exchange Points! Routing policies 59

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Strato di rete. Argomenti: Obiettivi:

Strato di rete. Argomenti: Obiettivi: Strato di rete Obiettivi: Principi e servizi dello strato di rete: Routing (selezione del cammino da host sorg. (. dest a host Problemi di scala Come funziona un router Implementazione in Internet Argomenti:

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors

zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors zanzariera per porte - finestre flyscreen for french - doors ZANZAR SISTEM si congratula con lei per l acquisto della zanzariera Plissè. Questa guida le consentirà di apprezzare i vantaggi di questa zanzariera

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

LA DIFFERENZA È NECTA

LA DIFFERENZA È NECTA LA DIFFERENZA È NECTA SOLUZIONI BREVETTATE PER UNA BEVANDA PERFETTA Gruppo Caffè Z4000 in versione singolo o doppio espresso Tecnologia Sigma per bevande fresh brew Dispositivo Dual Cup per scegliere il

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni:

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: premium access user guide powwownow per ogni occasione Making a Call Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: 1. Tell your fellow conference call participants what

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

INSTRUCTION MANUAL Air-Lock (AL)

INSTRUCTION MANUAL Air-Lock (AL) DESCRIZIONE Il dispositivo pressostatico viene applicato su attuatori pneumatici quando è richiesto l isolamento dell attuatore dai dispositivi di comando (posizionatore o distributori elettropneumatici),

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server

Requisiti di sistema di Cisco WebEx Meetings Server Prima pubblicazione: 21 Ottobre 2012 Ultima modifica: 21 Ottobre 2012 Americas Headquarters Cisco Systems, Inc. 170 West Tasman Drive San Jose, CA 95134-1706 USA http://www.cisco.com Tel: 8 526-00 800

Dettagli