IL SACERDOTE: UOMO DELLA PREGHIERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SACERDOTE: UOMO DELLA PREGHIERA"

Transcript

1 ARCIDIOCESI DI NAPOLI - ASSEMBLEA DEL PRESBITERIO - 2 MARZO 2010 Riflessione di S. E. R. Mons. MAURO PIACENZA Segretario della Congregazione per il Clero IL SACERDOTE: UOMO DELLA PREGHIERA Eminenza Carissima, Eccellenze, cari Confratelli, in questo Tempo di Quaresima, che ci richiama, attraverso le opere di penitenza, alla memoria reale dell Evento pasquale, è bello condividere una sosta che ci rinfranca nel cammino e ci dona nuove energie per poter ripartire rinnovati, sia personalmente, sia per il servizio ministeriale. Il clima quaresimale dell Esodo, del cammino verso la Terra promessa e della lotta e della vittoria sulla tentazione, non è certo estraneo a noi sacerdoti e, in generale, alla spiritualità sacerdotale. La stessa nostra esistenza di presbiteri si configura, infatti, come una condizione di esodo [1], poiché noi siamo separati dal resto del mondo e, nel contempo, a servizio del resto del mondo, e la nostra condizione esodale coincide, paradossalmente, con la nostra stessa liberazione. Si configura come pellegrinaggio verso la Terra promessa [2], sia in senso escatologico, personale e universale, sia in quell anticipo di Terra promessa che è l esercizio del nostro Ministero, in particolar modo nella Celebrazione Eucaristica. Si configura come cammino di preghiera, a misura del cuore di Cristo [3], voce della Sua Voce, cuore del Suo Cuore ed amore del Suo Amore. Si configura, infine, come lotta contro le tentazioni [4], per quella necessaria battaglia, che quotidianamente il Ministero domanda, e che oggettivamente i fedeli laici si aspettano di vedere esemplarmente nella vita del Ministro. Sono questi i punti della spiritualità sacerdotale che vorrei declinare in questa meditazione, ponendo, per ciascuno, particolare attenzione all elemento esistenzialmente costitutivo della preghiera, quale condizione imprescindibile di ogni percorso. 1. Uomini in esodo orante Oltre ad essere un evento storico, ampiamente documentato dalle Scritture vetero e neotestamentarie, l esodo è una preziosa dimensione spirituale.

2 2 Come nella sua dimensione storica e salvifica, l Esodo del popolo di Israele ha rappresentato la liberazione dalla schiavitù dell Egitto e la possibilità di mettersi in cammino verso la Terra promessa, guidati da Mosè e, attraverso di lui, dallo stesso Signore che ha liberato il popolo, così, per ciascun uomo, l esodo dalla schiavitù del peccato ed il cammino di progressiva liberazione spirituale, per opera della grazia, rappresenta il cuore ed il significato di un intera esistenza. Siamo tutti nella permanente condizione dell esodo, siamo pellegrini che, liberati dalla schiavitù del peccato, camminano, non senza stanchezze, fiduciosi e certi della meta. In questa fiducia e in questa certezza della meta consiste la differenza tra il pellegrino e il viandante, l uomo dell esodo e il girovago. Talvolta, la cultura contemporanea favorisce una mentalità e un esperienza da viandanti e girovaghi, apparentemente o realmente privi di punti di riferimento, per i quali ogni meta potrebbe equivalere ad un altra lo chiamiamo relativismo, oppure ogni meta è buona, purché appaghi i propri sensi e le proprie voglie lo chiamiamo edonismo. Il girovago ed il viandante, tuttavia, dopo una prima ebbrezza di apparente libertà, non fanno che trovarsi soli e sperduti, senza meta e senza compagnia, stremati anche nelle loro forze. Il cuore dell uomo non è fatto per vagare inutilmente, il popolo di Israele non avrebbe potuto resistere quarant anni, vagando inutilmente; il cuore dell uomo è costitutivamente creato da Dio per una meta, per camminare, pellegrino gioioso, verso un compimento, sia storico sia interiore. La condizione dell esodo, dunque, non è principalmente da guardare per le fatiche che essa comporta, ma per la meta che sottintende ed implica. Certamente, attraversare il deserto non è impresa facile, né lo è permanervi per quarant anni. Chiunque scapperebbe dal deserto se esso fosse l orizzonte ultimo, se non fosse la condizione di passaggio, di esodo, per raggiungere la Terra promessa. Anche la nostra vita spirituale, talvolta, può sembrare un deserto, sia per l aridità che il Signore, permette per guidarci alla Terra promessa, stimolando la nostra sete di Lui, sia per quell aridità nella quale noi stessi ci autoconfiniamo ogni qualvolta ci separiamo dalla piena comunione con Lui. La condizione che permette di stare nel deserto e di attraversarlo è la ferma intuizione che esso non è la meta, ma, al massimo, la condizione per raggiungere la meta. Nessuno potrebbe vivere nel deserto che, anche storicamente, è luogo di morte e non di vita. Nel deserto, nell aridità spirituale, la prima autentica medicina è la memoria delle promesse di Dio, la fede nel compimento di tali promesse e la conseguente preghiera che, costantemente, alimenta sia la memoria sia la fede.

3 3 Nel giorno della nostra Vocazione, sacramentalmente confermato dal giorno della nostra Ordinazione, ci è stata promessa una terra : la nostra Terra promessa. Come nel popolo di Israele, la tribù di Levi non prese parte alla suddivisione della terra, poiché la sua eredità era il Signore, così nel Sacerdozio neotestamentario, interpretato come radicale novità, ma anche in continuità, rispetto a quello veterotestamentario, il Sacerdote non ha una terra in questo mondo, ma sa che il Signore è sua parte di eredità e suo calice (cf. Sal 16,5). La promessa di Dio, il Quale «anche se noi manchiamo di fede [...] rimane fedele, perché non può rinnegare Se stesso» (2Tm 2,13), non è, per il Sacerdote, semplicemente una terra, né un bene o una condizione. L eredità del Sacerdote è Dio stesso; è Lui la nostra Terra promessa; è Lui la sola ragione per la quale vale la pena l esodo, con la sua fatica e, talvolta, il suo deserto. La chiarezza su ciò che ci è stato promesso e su ciò che, oggi, ci è promesso perché Dio, fuori dal tempo, e Cristo Risorto, eterno presente, rendono attuale, con la forza dello Spirito, ogni promessa è fondamentale per comprendere adeguatamente la nostra identità sacerdotale e, conseguentemente, orientare correttamente tutta la nostra azione missionaria e pastorale. A quale terra aneliamo davvero? Quale meta è di fronte a noi? Qualunque terra promessa che non sia Dio stesso e, per conseguenza, la nostra santità, che è Suo dono ed implica la vicinanza a Dio attraverso l adempimento della Sua Volontà, è troppo poco e non permette di vivere l esodo, né di attraversare i deserti. Siamo Sacerdoti, partecipi del Ministero di Cristo, capaci di agire nella Sua Persona e, pertanto, aventi come meta la glorificazione del Padre. Nel compimento di quest opera, la nostra stessa esistenza trova significato e i nostri deserti fioriscono. La Quaresima, come esperienza esodale, ci associa al popolo di Israele, ci permette di immedesimarci con Mosè che lo guidava, ci rende partecipi del cammino di Cristo, il Quale, «fu condotto dallo Spirito nel deserto» (Mt 4,1). Ciò che permise al popolo di non perdersi nei quarant anni di pellegrinaggio nel deserto fu, innanzitutto, la preghiera di Mosè. Lo stesso Cristo, nel deserto, sceglie di non sottrarsi alla prova della tentazione, per condividere davvero in tutto la nostra esperienza umana. Anche nel deserto che Gesù sceglie di abitare per quaranta giorni, la preghiera è protagonista, significando il Suo stesso rapporto col Padre, l adempimento pieno della Volontà del Padre. Carissimi sacerdoti, solo la preghiera permette di attraversare il deserto, solo la preghiera può sostenere il nostro esodo e custodire in noi la memoria delle promesse

4 4 del Signore. Essa è, ben lo sappiamo, non appena un dovere, seppure la legge canonica, per esempio per l Ufficio divino, sostiene la nostra fragile libertà, ma è la condizione di possibilità di ogni autentica fedeltà e della efficacia del nostro Ministero. La preghiera è nota caratteristica dell amante, di colui che davvero ama sia il Signore, sia il popolo. Mosè pregava il Dio di Abramo nell esperienza dell Esodo, intercedendo, in tal modo, per il popolo e divenendo profezia e figura del Signore Gesù, nel Quale l incontro tra Dio e l uomo è pieno e definitivo. La preghiera non è solo l esperienza dell amante, ma anche il bisogno dell amato: chi si sente davvero prediletto dal Signore, chi fa l esperienza di essere stato scelto e amato in modo particolare, anche attraverso la Chiamata ed il Ministero ricevuto, avverte la preghiera come un bisogno costante ed irrinunciabile, come il respiro per la vita, come la sola vera possibilità di stare con l Amato. Il deserto è anche un luogo di separazione, talvolta di solitudine, e, in questo senso, icona della nostra condizione sacerdotale. La parola greca cleros indica quella parte del popolo separata, non per scelta propria, ma perché chiamata da Dio e, in tal senso, altra terra, altra eredità, anzi, nuova terra, nuova eredità. Siamo chiamati, come presbiteri, a vivere un esodo continuo da noi stessi, per servire Dio e, in Lui, il Popolo che ci è affidato. In questo esodo, che è affidato alla nostra libertà, ma è opera di Dio in noi, consiste fondamentalmente la nostra liberazione. L abbandono dell uomo vecchio e di ogni schiavitù conduce, in un primo momento, nel deserto, ma è una condizione transitoria, carica di promessa e, di fatto, sollevata dal giogo del male e della schiavitù. Sino all ultimo giorno della nostra vita saremo chiamati a questo esodo, a questo abbandono dell uomo vecchio, schiavo del peccato, che sempre, nonostante il dono di grazia, alberga in ciascuno di noi. Per quanto dolorosi possano apparire alcuni tagli, essi non solo sono necessari, ma determinano la guarigione, permettono alla libertà di esprimersi pienamente e, speriamo, definitivamente a favore della grazia e della sua azione salvifica e liberatrice. Oltre all esodo da noi stessi, siamo chiamati, paradossalmente, ad un esodo continuo dal popolo, per preservare la nostra condizione sacerdotale ed essere quella guida, che il popolo stesso attende. Attraverseremo così, come Mosè, il deserto non nonostante il popolo, ma insieme al popolo; non separati dal popolo, ma guidando il popolo, che condivide la nostra stessa esperienza. Certamente abbiamo una responsabilità in più, quella di chi conosce la meta, l ha vista in quella Trasfigurazione che è la propria Vocazione ed è chiamato costantemente a testimoniarla e ad indicarla, anche nel tempo della prova e delle lamentazioni. Ma c è anche un grande privilegio in più: quello di chi ha

5 5 già conseguito la meta, ha già ricevuto la Terra promessa, il compimento, proprio nell Ordinazione sacerdotale che configura a Cristo. In questo senso è possibile anche amare il deserto, poiché, dopo Gesù Cristo, esso non è più semplicemente l aridità necessaria per giungere alla Terra promessa, né solo luogo di morte o di distanza ; con Cristo, anche il deserto fiorisce, divenendo luogo di ristoro dell anima, di silenzio, di nascondimento e di pace. Anche il deserto diventa luogo di incontro salvifico e, in certo senso, Terra promessa. Il deserto, abitato dalla presenza del Signore, riconosciuta e riconoscibile per mezzo dell anima sacerdotale orante, diviene luogo da abitare, vera e propria dimora sottratta alla frenesia del tempo e nella quale è ricostituita e ci viene restituita la stessa identità sacerdotale. Per queste ragioni dobbiamo amare il deserto, custodirlo, desiderarlo; soprattutto quel deserto che non è isolamento desolante ma solitudine abitata dalla nostra libertà, che respira della preghiera, e dalla presenza del Mistero, il Quale, proprio attraverso la preghiera, si rende riconoscibile. 2. L opera del cammino Se l esodo ha come meta la Terra promessa, tale meta si raggiunge attraverso un cammino, il quale non è altro dalla nostra vita, ma coincide con essa, ed è vera e propria opera, nel senso latino del termine, cioè opus, operazione, atto che qualifica un ente. Il battezzato prima, e il Sacerdote poi, non sono mai fermi, ma, proprio per quella dinamica che è dynamis, forza di movimento che proviene dallo Spirito, essi sono perennemente in cammino, consapevoli della propria origine, coscienti del proprio pellegrinare e certi, nella fede, della meta. Come per ogni cammino umano è necessario compiere, passo dopo passo, un tragitto, così per il cammino spirituale, anch esso profondamente umano, è necessario il movimento della libertà, la quale, con passi progressivi, segue il percorso tracciato dalla Volontà divina. Per noi sacerdoti, per quel mirabile disegno provvidenziale, che è lo stesso Ministero ordinato, la nostra vita non è altra cosa dal nostro cammino, ma le tre dimensioni dell esistenza, del cammino di santificazione e del Ministero, tendono a coincidere in un unico grande disegno. Lo stesso Benedetto XVI, nella Lettera d indizione dell Anno Sacerdotale, ha indicato l identificazione tra la persona del Sacerdote ed il suo Ministero, come punto fondamentale della santità del Curato d Ars, che l 11 giugno prossimo sarà proclamato Patrono di tutti i sacerdoti. Una tale identificazione è ciò che permette di evitare ogni perico-

6 6 loso funzionalismo, ogni tentazione di proporsi o auto-concepirsi come la risposta ai problemi dell uomo e della società. Nel Sacerdozio, l opera ministeriale che siamo chiamati a compiere è essa stessa il cammino spirituale che dobbiamo percorrere. Del resto, sarebbe piuttosto strano un sacerdote che, compiendo gli abituali atti di Ministero, non pregasse incessantemente anch egli proprio attraverso di essi. È una grazia straordinaria che ciò a cui siamo stati chiamati coincida con il cammino della nostra santificazione e divenga, progressivamente ma realmente, l opera della nostra stessa purificazione e perfezione. Al vertice del Ministero, ben lo sappiamo, troviamo la Celebrazione Eucaristica, la quale, tra i molti significati, è anticipo di quel compimento definitivo al quale tutti siamo chiamati. In tal senso l Eucaristia è, per ogni fedele, ma in particolare per il Sacerdote che la celebra, Terra promessa, piena realizzazione qui in terra della Sovranità di Cristo Risorto sugli uomini e sul cosmo. L Eucaristia, che noi quotidianamente celebriamo, che dovremmo celebrare, sempre spiritualmente preparati e liturgicamente attenti, per favorire sia la nostra personale preghiera che quella del popolo, non disgiuntamente ad una sana devozione, è, nel medesimo tempo, Presenza e Meta. Come Presenza, l Eucaristia diviene cibo, nutrimento, sostegno per il nostro cammino, indispensabile alimento, perché si compia in noi l opera della salvezza, secondo la parola del Signore: «Se uno mangia di questo Pane, vivrà in eterno» (Gv 6,51). Come Meta, Essa ci attrae continuamente a quel cammino di trasfigurazione e di divinizzazione, che per noi è cristificazione, cammino promesso dall Eucaristia stessa. Anche in questo caso, la preghiera non è cosa differente dal Ministero, ma, come insegnano i Padri della Chiesa, essa è Opus Dei, opera di Dio. Il Sacerdote che celebra fedelmente, ogni giorno, le Ore del divino Ufficio, unendo la propria preghiera a quella della Chiesa e pregando a nome della Chiesa per tutto il popolo, - anche quella parte di esso che sta purificandosi nello stato di purgatorio - compie una vera e propria opera di cammino, percorrendo egli stesso parte del proprio tragitto di santificazione e permettendo al popolo, per il quale egli prega, di compierlo. Dobbiamo domandare continuamente allo Spirito Santo il dono della fedeltà all orazione, della lucidità nel giudizio di riconoscimento di ciò che Egli opera nel concreto nostro Ministero, di stupore profondo e reale, per i grandi prodigi che, dentro la limitatezza oggettiva delle nostre persone, il Signore è capace di manifestare. La preghiera, che è opera del cammino, diviene nel contempo, frutto di tale cammino. Il modo di pregare negli anni cambia, nel senso che si perfeziona, si appro-

7 7 fondisce. Pur restando non immune a battute d arresto, imperfezioni e distrazioni, esso cresce come cresce la spiritualità della persona, è testimonianza costante del Mistero e permette quella giusta umiltà verso se stessi e verso gli altri, che è la radice di un rispetto comune, il quale permette potentemente allo Spirito di agire. 3. Pregare a misura del Cuore di Cristo Non si può essere testimoni di Cristo senza la preghiera. Cristo, infatti, discese sulla terra per portarvi il canto che risuona nel Cielo, così, nella Costituzione sulla Sacra Liturgia leggiamo: «Il Sommo Sacerdote della Nuova ed Eterna Alleanza, Cristo Gesù, prendendo la natura umana, ha introdotto in questo esilio terreno l Inno che viene eternamente cantato nelle sedi celesti» (SC 83). La vita di Cristo fu vita di preghiera. La preghiera animava lo stesso l esodo pasquale di Gesù, come si legge nella Institutio generalis de Liturgia Orarum, al n. 4: «Prima della Sua Passione, la Domenica delle Palme, pregava: Ora l anima mia è turbata... Padre, glorifica il Tuo Nome (Gv 12,27-28); pregò all Ultima Cena, con la magnifica preghiera sacerdotale (cf. Gv 17,1-26). Quindi si recò nell Orto degli Ulivi dove: pregava più intensamente (Lc 22,44); pregò sulla Croce: Padre perdona loro (Lc 23,34); spirò con la preghiera: Padre, nelle Tue mani consegno il mio Spirito (Lc 23,46)». Cristo portò sulla terra l inno che in Cielo è cantato a Gloria di Dio, e volle che questo inno fosse cantato da tutti gli uomini. Pertanto «Egli unisce a Sé tutta la comunità degli uomini, se l associa nell elevare questo divino canto di lode» (SC 83). Cristo ci inserisce nella Sua preghiera per mezzo del Mistero del Suo Corpo Mistico: Preghiamo Gesù Cristo come Dio nostro, Gesù Cristo prega per noi come nostro Sacerdote, ma ciò non basta: Gesù Cristo prega in noi, come scrive Sant goststino (Enarrationes in Psalmos, 85). Gesù Cristo è il Capo del Corpo Mistico e noi ne siamo le membra, quando ci rivolgiamo a Dio, è il nostro Capo, Cristo, che parla a Dio di noi. Perciò riconosciamo la nostra voce in Cristo e la voce di Cristo in noi (ivi). Dio non poteva fare agli uomini un più grande dono, grida in estasi Sant Agostino! Questa estasi di Sant Agostino dobbiamo viverla noi, specialmente quando prendiamo tra le mani il nostro Breviario. Perché Cristo «ha introdotto in questo esilio terrestre quell inno che viene eternamente cantato nelle sedi celesti... specialmente con la Celebrazione dell Ufficio divino» (SC 83). Il Breviario è la «preghiera di Cristo, che, in unione al Suo Corpo, eleva al Padre» (SC 84). Il Breviario «è veramente la voce della Sposa stessa che parla allo Sposo» (ivi). Da ciò bene si comprende la particolare dignità della preghiera del Breviario: la voce del Sa-

8 8 cerdote che celebra la Liturgia delle Ore è la voce di Cristo! La voce del Sacerdote è la voce della Chiesa! Non esiste un Sacerdozio privato, perché c è solamente il Sacerdozio di Cristo, di cui noi partecipiamo: così non c è un Breviario privato: il nostro Breviario è la preghiera di Cristo in noi, che formiamo il Suo Corpo Mistico, che è la Chiesa, e quindi è la preghiera pubblica della Chiesa. Per questo il Breviario ci obbliga alla testimonianza del cuore dilatato, della preghiera comunitaria e della preghiera incessante. Christus orat in nobis. La Liturgia delle Ore è Anamnesi del Mistero di Gesù. Le singole Ore commemorano singole azioni salvifiche: le Lodi ricordano la Risurrezione; l Ora Terza, l invio dello Spirito Santo o la Crocifissione; l Ora Nona, la morte in Croce, etc. Nei Salmi, Gesù - scrive Sant Ambrogio - non solamente è preannunciato nella Sua nascita per noi, ma accetta anche la Sua Passione, come causa di Salvezza. Per noi muore, risorge, sale al Cielo, siede alla Destra del Padre. Come Anamnesi e celebrazione dell Opera salvifica di Cristo, il Breviario ci obbliga e incalza i nostri cuori perché si dilatino a misura del Cuore di Cristo, perché Egli prega in noi, nei nostri cuori. È Cristo a pregare in noi, quel medesimo Cristo, il cui Cuore non negava nulla al Padre. Prega in noi con le parole del Salmo: «Signore mio Dio (...), ecco io vengo. Sul rotolo del Libro di me è scritto che io faccia il Tuo volere. La tua legge è nel profondo del mio Cuore» (Sal 39,6-9). Perciò il Breviario deve essere la preghiera del nostro cuore dilatato, aperto come il Cuore di Cristo per compiere tutta la volontà di Dio. Cristo prega in noi, e nel Suo Cuore trovano posto il pubblicano, la Maddalena, il Ladrone, i persecutori e i peccatori; il Suo Cuore è aperto a tutti i bisogni della Chiesa e dell umanità. Ogni qualvolta prendiamo tra le mani il Breviario, noi prendiamo in mano due miliardi di uomini fedeli; prendiamo nelle mani il fratello delle Chiese di tutto il mondo. Il Breviario non è una preghiera privata, è preghiera ufficiale, quindi gravata da tutto il fardello della Chiesa. Fino a quando non ci rendiamo conto di esprimere la preghiera di tutta la Chiesa, non ne comprenderemo né la bellezza, né il peso specifico, né la gravità dell obbligo, che è obbligo di carità pastorale e di amore. Non c è dubbio che Dio faccia dipendere, in un certo modo, dal nostro Breviario le sorti della Chiesa e delle anime, soprattutto le anime dei Sacerdoti. Perciò non è lecito trascurarne la Celebrazione sine gravi causa, come stabilisce l Institutio generalis. E ciò perché la Celebrazione quotidiana è gravis obligatio. Non tralasciamo il Breviario! Non ce ne dispensiamo con facilità, perché da esso dipendono troppe cose; esso è la preghiera ufficiale e porta su di sé il fardello di tutta la Chiesa.

9 9 Christus orat in nobis! Per questo il Breviario deve essere testimonianza di preghiera incessante. Cristo pregava incessantemente: «al mattino, in un luogo deserto» (Mc 1,35); «sul monte... venuta la sera» (Mt 14,23-25); «la notte passò in orazione» (Lc 6,12). Supera le nostre forze comprendere fino in fondo l incessante unione del Figlio con Dio Padre nel Mistero dell Unione ipostatica; ma Cristo vuole pregare incessantemente in ciascuno di noi. «Perciò disse una parabola sulla necessità di pregare sempre senza stancarsi» (Lc 18,1ss). Immersi nelle parole di questo mandato di Cristo, grandi spiriti come Antonio, Benedetto, Agostino affrontarono il fondamentale problema: cosa fare per pregare sempre? La Chiesa ha risposto con la Liturgia delle Ore, che trabocca di lodi da mane a sera. Le Lodi e i Vespri sono veluti cardo, sono i punti fondamentali (cf. Institutio generalis, n. 29). Le Ore medie innalzano a Dio la nostra attività quotidiana ricordandoci le ore dell opera salvifica di Cristo e le ore del lavoro e della preghiera di Pietro e degli Apostoli; l Ufficio delle Letture, recitato in qualunque momento della giornata, è una Celebrazione della Parola di Dio, che ci illumina e guida; la Compieta è il coronamento dell Opus Dei, prima del riposo. Il Breviario, quindi, è la realizzazione per noi della preghiera incessante, della preghiera esistenziale. Così la nostra Liturgia delle Ore, qui in terra, si trasformerà un giorno nell incessante Liturgia celeste, piena di ineffabile felicità. 4. Atleti vittoriosi nella lotta contro il maligno La terza ed ultima dimensione del cammino quaresimale, che mi ero proposto di sottolineare, riguarda la lotta contro il maligno e le tentazioni da esso proposte; lo stesso Signore ha scelto di partecipare della nostra condizione di esseri limitati ed e- sposti ad ogni attacco. Da questo punto di vista, con realismo ed umiltà, non dobbiamo mai dimenticare che, come ricorda il racconto evangelico, il demonio non si ritirò da Gesù se non «dopo aver esaurito ogni specie di tentazione» (Lc 4,13). Allo stesso modo, a ciascun cristiano, ed in particolare a noi sacerdoti, non è risparmiato nulla della fatica e del travaglio della tentazione. Come per Gesù, il demonio non si ferma, finché, anche con noi sacerdoti, non esaurisce ogni specie di tentazione. Forse le tentazioni più volgari, nel senso di comuni, le abbiamo superate: il potere, il danaro e il sesso possono non avere più alcun fascino sulla nostra vita, perché ne abbiamo già compreso (e magari sperimentato) l inutilità, la menzogna, il danno, e, soprattutto, la totale inadeguatezza e non corri-

10 10 spondenza ai reali bisogni del nostro cuore e alla profonda statura della nostra persona, creata a immagine e somiglianza di Dio. Sia bene inteso, ho detto forse, perché anche da queste più comuni tentazioni nessuno, mai, può dirsi totalmente immune e contro di esse è necessario costantemente vigilare, perché, come ricorda l Apostolo, «chi crede di stare in piedi, guardi di non cadere» (cf. 1Cor 10,12). Ci sono tuttavia, nella vita e nel Ministero dei presbiteri, tentazioni più sottili, meno eclatanti, che possono essere coltivate per lungo tempo, senza apparente scandalo, le quali tuttavia minano, anche profondamente, il nostro percorso di santità ed efficacia del Ministero a noi affidato. Una di queste è l autosufficienza, il ritenere che, come uomini e come sacerdoti, pur non ammettendolo esplicitamente, ci sentiamo, in fondo, autonomi, cioè non dipendenti da Dio, né dal legame costitutivo con il Vescovo nel Presbiterio. La tentazione dell autonomia, più che nella diretta ed esplicita disobbedienza, si documenta, in maniera particolarmente grave, in quella sottile autonomia di giudizio, che spesso abita i nostri cuori ed è coltivata, con mille infinite riserve e sfumature, dalle nostre menti. Quando esprimiamo riserve, soggettive ed infondate, sul Magistero pontificio, sulle scelte e sull operato del Santo Padre e della Chiesa, del Vescovo e dei nostri superiori, in realtà anteponiamo noi stessi al Signore, il nostro piccolo e determinato punto di vista alla sintetica e globale visione della Chiesa. L autonomia, oltre che nel giudizio, si manifesta specialmente nell operare, che, quando parte da criteri non comunionali, diviene particolarmente infecondo, se non oggettivamente dannoso. La Chiesa è un Corpo, nel quale ciascun membro ha il proprio posto, e che funziona come un organismo vivente: l ordine, l armonia, il rispetto dei ruoli e l attività di ciascun organismo garantiscono, a questo Corpo, non tanto l esistenza, la quale dipende da un dono assolutamente gratuito della grazia e dall assistenza soprannaturale dello Spirito, quanto piuttosto la capacità di accogliere e, soprattutto, non sprecare quella vita che lo Spirito dona al Corpo ecclesiale. Vivere il Ministero concependosi autonomi dalla Chiesa è una sottile tentazione. È una tentazione da prevenire, alimentando l amore, la conoscenza e la comunione con la Chiesa; è una tentazione, come ogni altra tentazione, da evitare e combattere intensamente e, ove vi si cada, dalla quale guarire. Non c è nulla di più bello ed edificante, di più efficace e missionario, di un sacerdote profondamente teonomo, la cui norma

11 11 (nomos) del pensare, dell agire, dell operare e della stessa vita è Dio, accolto, amato e seguito nella comunione ecclesiale. Particolarmente preoccupante, mi si permetta ancora di sottolineare, è l autonomia, o la presunzione di autonomia, nella predicazione, nella catechesi e nella liturgia, soprattutto rispetto agli insegnamenti magisteriali e agli stessi esempi del Sommo Pontefice. Essa, oltre a rendere illegittima tale predicazione, rischia di separare i fedeli da quel ricco deposito della fede, a cui essi hanno il diritto di alimentarsi, e che costituisce il presupposto di ogni autentico servizio pastorale. Ci sono duemila anni di continuità. L esegesi della continuità è il più ovvio ed elementare criterio ecclesiale! Una seconda tentazione, oggi particolarmente diffusa, e sulla quale desidero soffermarmi, è quella dell attivismo sia teorico, sia pratico. Esso è figlio dell autonomia e segno di un uomo che rischia di confidare più in se stesso che in Dio. La giusta operosità e lo zelo missionario che sempre siamo chiamati a vivere e che affonda le proprie radici nello stesso mandato apostolico «Andate in tutto il mondo annunciate il Vangelo ad ogni creatura» (Mc 16,15), non devono mai trasformarsi in agitazione disordinata e presuntuosa, che, cioè, presume di risolvere naturalmente, e non per via soprannaturale, i problemi. Anche nelle situazioni di maggiore emergenza culturale, sociale e pastorale, non possiamo mai ridurre il nostro Ministero ad un orizzontalistico agire sociale, il quale, per quanto animato da lodevoli intenzioni, rimarrebbe muto, nel senso che non direbbe Dio al mondo. I santi hanno sempre operato come se tutto dipendesse da loro, agendo in modo tale che trasparisse dalla loro esistenza un chiaro ed inequivocabile teocentrismo, la certezza che tutto dipende sempre assolutamente da Dio. Da questo esempio siamo chiamati e a questo modello dobbiamo conformarci, non mancando in nulla, in ordine all impegno e allo zelo missionario, ed annunciando sempre, in ogni istante, la centralità e l efficacia dell azione di Dio. A tale riguardo, e concludo, mi si permetta di ribadire che la più autentica, feconda, efficace, e gradita a Dio tra le azioni pastorali del Presbitero, è la preghiera, il sapere innalzare le braccia al Cielo, intercedendo per il popolo come Mosè, nel cammino dell Esodo, pellegrini verso la Terra promessa e resistendo di fronte ad ogni tentazione. La Beata Vergine Maria, alla quale ogni mattina vogliamo consacrare noi stessi, il nostro popolo e ogni azione, sostenga questo nostro cammino con il popolo e davanti al popolo; Lei che di tutti i popoli è la Signora, l Avvocata e, lasciate che vi dica, con tanto affetto fraterno, con il Vostro grande Arcivescovo: a Maronn v accumpagn!

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

Chiediamo il Battesimo di nostro figlio

Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1.a tappa: prepar azione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio scheda di approffondimento 3. i Sacramenti della Fede Cristiana Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora MISTERO DELLA PASQUA lezionario festivo anno C Sabato 13 febbraio 2016,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A.

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A. Il Figlio dell uomo Possiamo affermare legittimamente, realmente, che ogni uomo è signore della terra? Possiamo affermarlo pienamente di qualcuno? Dov è l uomo nel suo candore di bambino, nel suo stupore

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Cari fratelli e sorelle, oggi, come ogni anno, ricordiamo san Carlo Borromeo,

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

Manda, Signore, operai alla vigna del Senario, gloriosa eredità della Vergine Madre, ceppo che tu hai piantato.

Manda, Signore, operai alla vigna del Senario, gloriosa eredità della Vergine Madre, ceppo che tu hai piantato. II. PREGATE IL SIGNORE DELLA MESSE (Mt 9, 38) Le seguenti orazioni possono essere usate sia nella preghiera personale sia, in momenti opportuni, nella preghiera comunitaria: A DIO PADRE Manda, Signore,

Dettagli

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE Oggi dobbiamo riflettere su una dimensione profonda della vita coniugale. Prima però di cominciare dobbiamo fare un piccolo sforzo di memoria nel ricordare ciò che

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo La Messa in rito ambrosiano spiegata ai bambini e non solo 2 3 RITI DI INTRODUZIONE! Le parti più importanti: Riti di introduzione Accoglienza Canto d ingresso Atto penitenziale Liturgia della parola Inno

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi

Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi Cammino di perfezione/20 Vinci le antipatie con l amore sii amico di tutti Vorrei avviare questa riflessione soffermandomi sull amore come anima di ogni comunità familiare, ecclesiale, sociale. Una comunità

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione

Dettagli

La preghiera liturgica 15 febbraio 2009

La preghiera liturgica 15 febbraio 2009 La preghiera liturgica 15 febbraio 2009 Sintesi delle lezioni precedenti I principi della vita di preghiera: - più si prega, più si desidera pregare - meno si prega, meno si desidera pregare: atrofia,

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

Hogar San Francisco nostra Hogar San Francisco

Hogar San Francisco nostra Hogar San Francisco Carissimi amici, Hogar San Francisco sarà da oggi uno strumento per sentirci uniti, un semplice foglio informativo della nostra missione in Venezuela. Perché questo nome? Sostanzialmente perché, con i

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli