23 settembre Studio legale Trentini Corso Porta Nuova 76 Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "23 settembre 2014. Studio legale Trentini Corso Porta Nuova 76 Verona"

Transcript

1 PROF. AVV. ALESSANDRO LOLLI ORDINARIO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO NELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA BOLOGNA - VIA G. VACCARO, 6 TEL FAX MAIL 23 settembre 2014 Studio legale Trentini Corso Porta Nuova 76 Verona Oggetto: Parere legale sulla concessione di lavori avente ad oggetto la progettazione, realizzazione e gestione del collegamento stradale per il completamento dell anello circonvallatorio Nord Traforo delle Torricelle Amministrazione aggiudicatrice: Comune di Verona 1 Premessa Con riferimento alla concessione di lavori pubblici di cui all oggetto, è stato richiesto parere legale in ordine ad una proposta di revisione (formulata dal RTI aggiudicatario alla Amministrazione concedente) delle tempistiche esecutive e di gestione/esercizio del Traforo delle Torricelle, opera centrale dello stipulando contratto di concessione, rispetto alle tempistiche individuate nel cronoprogramma oggetto dell aggiudicazione definitiva. In particolare, è stato richiesto se, a fronte della aggiudicazione definitiva disposta a conclusione della perfezionata fase di negoziazione fra l Amministrazione comunale e il promotore ex art. 153, D.lgs n. 163/2006 (ora aggiudicatario) ed anteriormente alla stipulazione del relativo contratto, sia ammissibile introdurre in conseguenza della prospettata (dall aggiudicatario) sussistenza di difficoltà di ordine finanziario in punto a sostenibilità dell opera una modificazione del progetto in ordine alle tempistica di esecuzione (e correlata 1

2 gestione/esercizio) del citato Traforo delle Torricelle, che sarebbe eseguito non in un unica fase (come appunto nel progetto aggiudicato) ma in due fasi di cui, la prima avente ad oggetto la realizzazione solo della prima canna del traforo (progettata a quattro corsie e due canne), la seconda, avente ad oggetto la realizzazione della seconda canna della Galleria, con avvio decorsi 5-7 anni dall inizio dell esercizio/gestione dell opera oggetto di concessione (comprensiva dello stesso traforo), con conseguente riduzione dell investimento iniziale previsto a carico del promotore in sede di aggiudicazione. 2. Profili rilevanti in punto di fatto In punto di fatto, in particolare, si evidenzia che: - l aggiudicazione della concessione di lavori pubblici in oggetto è avvenuta a perfezionamento di una procedura - ora espressamente definita dalla normativa come finanza di progetto - ai sensi dell art. 153 ss., D.lgs. n. 163/2006 nella versione vigente al tempo della pubblicazione del relativo avviso indicativo (9 aprile 2008); - a fronte della pubblicazione del suddetto avviso e ad esito della prima fase della procedura, disciplinata dalle disposizioni di cui agli articoli sopra citati, con deliberazione di Giunta Comunale n. progr. 152 in data 29 maggio 2009 è stata dichiarata di pubblico interesse ai sensi dell art. 154, D.lgs. n. 163/2006 (allora vigente) la proposta progettuale (progetto preliminare), prestazionale e finanziaria formulata dal Raggruppamento Temporaneo con mandataria la ditta Technital S.p.A. e mandanti Girpa S.p.A. e Verona Infrastrutture Consorzio Stabile (altre due proposte sono state ritenute come non meritevoli di dichiarazione di pubblico interesse); raggruppamento che ha assunto quindi il ruolo di Promotore dell operazione; - dagli atti analizzati e sulla base di quanto riferito, è presumibile che già in fase di presentazione della originaria proposta fosse prevista che la realizzazione del Traforo delle Torricelle (a due canne) fosse previsto in unica fase, anteriormente all inizio dell esercizio/gestione della complessiva opera. - vero in ogni caso è che il Comune di Verona, con la delibera sopra citata, ha disposto che il progetto preliminare proposto dal RTI Promotore fosse oggetto di lievi adeguamenti e migliorie, specificatamente individuate 2

3 in dieci punti; nessuna delle suddette riguardava le tempistiche realizzative del Traforo delle Torricelle; - il rilievo di cui sopra vale altresì per le ulteriori richieste di integrazione e di precisazione formulate dal Comune di Verona con nota n in data ed alle successive ulteriori richieste formulate dall Amministrazione Comunale, così come per la proposta integrata (comprensiva anche di opere integrative ) presentata dal RTI promotore, come deducibile dalla Deliberazione di Giunta Comunale n. progr. 1 in data 13 gennaio In detta sede il costo complessivo dell investimento, a seguito delle apportate integrazioni e migliorie progettuali, è stato rideterminato, senza peraltro alterazioni né della durata della concessione (45 anni di esercizio) né del termine per la progettazione ed esecuzione (integrale) dell opera (4,5 anni) di cui alla proposta iniziale ; - nella citata Deliberazione n. prog. n. 1 del 13 gennaio 2010, il Comune di Verona ha quindi definitivamente approvato la proposta adeguata e modificata dall ATI Promotore ed il Piano economico finanziario asseverato presentato dallo stesso a copertura dell investimento (rideterminato) ed a comprova della fattibilità dell operazione come ridefinita a seguito delle suddette modifiche ed integrazioni. Come testualmente ivi previsto, dette modifiche ed integrazioni alla proposta iniziale sono state motivate al fine di ottenere una proposta il più aderente possibile alle esigenza della collettività, con la garanzia peraltro a tutela della par condicio fra gli operatori interessati - della celebrazione della procedura di gara ai fini dell individuazione del concessionario dell opera ai sensi dell art. 155, D.lgs. n. 163/2006 (a base della quale è difatti posto il progetto preliminare presentato dal promotore, eventualmente modificato sulla base delle determinazioni delle amministrazioni aggiudicatrici cfr. art. 155 cit., comma 1, lett. a) - ulteriori migliorie al piano economico finanziario ed al progetto preliminare dell infrastruttura sono state infine introdotte dal Comune di Verona con la successiva deliberazione GC n. progr. 104 in data 20 aprile 2011, nell ambito della quale, la stessa Amministrazione comunale ha puntualizzato che la facoltà di richiedere modifiche alla proposta è propria 3

4 della fase sia preliminare che immediatamente successiva alla scelta del promotore, ma deve comunque avere luogo prima delle selezione delle offerte da porre in gara con quella del promotore ; ragion per cui è stato fra l altro richiesto l adeguamento del piano economico-finanziario alla sopravvenienza di un contributo pubblico; - con bando in data 11 agosto 2011 è stata quindi indetta la procedura ristretta ai sensi dell art. 155, comma 1, lett. a), al fine della selezione degli eventuali competitors del promotore, ponendo a base di gara il progetto preliminare come sopra modificato/integrato e la relativa bozza di convenzione di concessione da cui risulta: la durata della concessione in 49 anni e 6 mesi dalla stipulazione del contratto, di cui 4 anni e sei mesi per la progettazione e realizzazione dell intera Infrastruttura e 45 anni di esercizio/gestione (come risulta dal cronoprogramma allegato al progetto preliminare a base della procedura e recante, come da bozza di convenzione, l indicazione dei tempi massimi di svolgimento delle varie attività di progettazione, approvazione, affidamento, esecuzione e collaudo eventualmente (ed esclusivamente) riducibili in sede di gara (con attribuzione di relativo punteggio di merito); conseguentemente, la realizzazione delle due canne del Traforo delle Torricelle in un unica fase comunque da perfezionarsi anteriormente all inizio dell esercizio/gestione dell Infrastruttura (come risulta ancora dal cronoprogramma allegato al progetto preliminare a base della procedura cantiere 1); Conformemente a quanto previsto dall art. 155, comma 1, lett. b), D.lgs. n. 163/2006 veniva poi previsto che l aggiudicazione della concessione sarebbe avvenuta in fase successiva all esperimento della presente gara, all esito di procedura negoziata, da svolgersi fra il promotore ed i soggetti individuati con il presente bando ; il Disciplinare prevedeva inoltre che nel caso in cui la procedura vada deserta la concessione sarà aggiudicata al soggetto promotore previa negoziazione di migliorie con lo stesso. - nella indetta procedura ristretta ai sensi dell art. 155, comma 1, lett. a) hanno presentata domanda di partecipazione quattro concorrenti (fra un RTI 4

5 costituendo composto da Impregilo S.p.A., Impresa di Costruzione Mantovani S.p.A. e Itinera S.p.a.) Nessuno di questi ha presentato offerta; - conseguentemente, a seguito del verifica della comprova dei requisiti del concessionario in capo al promotore, nell ambito delle quale parte degli stessi sono stati comprovati mediante avvalimento della Ditta Mantovani S.p.A., già candidata nella procedura ristretta andata deserta (questione non oggetto del presente parere) il Comune di Verona ha quindi proceduto alla negoziazione di migliorie della proposta, già posta a base della procedura ristretta ai fini dell aggiudicazione, invitando il promotore a presentare migliorie o varianti migliorative che sarebbero state oggetto di contrattazione (nota Comune di Verona prot 043 del n ). - nelle more della fase di negoziazione, la mandante Girpa S.p.A. ha ceduto alla mandataria Technital S.p.a. l intera partecipazione all iniziativa in oggetto (nota Technitale del ). - la proposta di varianti formulata dal RTI promotore in data , con nota prot. 043 in data , è stata nella sostanza respinta dal Comune di Verona che ha sottolineato come se la sopravvenuta crisi finanziaria addotta dallo stesso promotore può legittimare l avvio di trattative per il riequilibrio economico-finanziario dell operazione peraltro limitatamente alle sole specificazioni, chiarimenti, limitate integrazioni ed aggiustamenti del PEF, non possono essere accettate le rilevanti modifiche presentate dal Promotore che anche qualora fossero necessarie perché derivanti da una realistica situazione di forte cambiamento del mercato finanziario, sono di rilevanza tale da comportare un nuovo esperimento di gara sulla base delle suddette nuove condizioni. con regressione del procedimento alla procedura ristretta che andrebbe quindi nuovamente indetta, ponendo a base di nuovi valori ; - a fronte della richiesta dell Amministrazione Comunale di proporre migliorie alla proposta a base di gara che tengano conto della limitata modificabilità del PEF, si sono quindi tenute dal dicembre 2012 al febbraio 2013 svariate riunioni volte alla negoziazione di migliorie alla proposta posta a base della procedura ristretta andata deserta. Nell ambito di detta fase, 5

6 l advisor per conto del Comune di Verona, nel proprio Rapporto Finale di verifica, ha fra l altro sottolineato (pagg. 9-10) le affermazioni rese dal Promotore circa l accollo in capo al futuro concessionario dell alea di gestione dell opera e di conseguenza della realizzazione della stessa ; - con deliberazione GC n. progr. 54 in data , il Comune di Verona: ha evidenziato le proposte di migliorie presentate dal Promotore a conclusione della descritta fase di negoziazione; ha preso atto che la bozza di convenzione (già sottoscritta per accettazione dal promotore) ed il PEF (a sua volta asseverato) hanno recepito dette migliorie, al pari del Cronoprogramma a sua volta aggiornato ha reputato detti atti meritevoli di approvazione in ragione a) dell affermata natura migliorativa (per l Amministrazione comunale) delle modifiche apportate al PEF ed alla bozza di convenzione rispetto a quelle poste a base di gara ; b) della natura di lieve entità delle modifiche apportate. - la concessione è stata aggiudicata in via definitiva al RTI proponente con determinazione dirigenziale n. 978 in data con l aggiudicazione definitiva e l approvazione della bozza di convenzione, del PEF e del Cronoprogramma a seguito della fase di migliorie procedimentalizzata nella lex specialis, è da ritenersi che si siano conclusivamente definiti i contenuti del contratto di concessione a tutt oggi, a quanto riferito, ancora da stipularsi. 3. I contenuti degli atti di concessione oggetto di definitiva approvazione da parte del Comune di Verona. Dall analisi della documentazione di concessione definitivamente approvata di cui al precedente paragrafo (quantomeno da quella a disposizione, spec. bozza di convenzione e cronoprogramma di progetto) risulta che: 6

7 - il Traforo delle Torricelle è ricompreso nella cd. Opera principale definiti all art. 1, lett. k) della bozza di convenzione approvata come l insieme delle aree e delle opere stradali su di esse realizzate, puntualmente descritte nel progetto preliminare, costituenti il <<Collegamento stradale per il completamento dell anello circonvallatorio a nord Traforo delle Torricelle>> comprensivo delle opere compensative; - la durata totale della concessione è la medesima della proposta posta a base di gara della procedura ristretta (49 anni e sei mesi dalla stipula della convenzione); - egualmente la stessa è la specificazione della tempistica per la progettazione/esecuzione dell opera (comprensiva del Traforo delle Torricelle) pari a 4 anni e sei mesi e per la gestione (45 anni) art. 5, bozza di convenzione; - conseguentemente, anche nella versione degli atti oggetto di aggiudicazione, la realizzazione delle due canne del Traforo delle Torricelle è prevista in un unica fase comunque da perfezionarsi anteriormente all inizio dell esercizio/gestione dell Opera (come risulta ancora dal cronoprogramma approvato cantiere 1); - specifica precisazione rinvenibile nello Schema di convenzione approvata, espressamente introdotta nell ambito della fase di negoziazione finale, prescrive che il Concessionario si impegna ad attenersi scrupolosamente al Cronoprogramma e all ordine di esecuzione ivi previsto (art. 10, comma 3); il Cronoprogramma delle fasi attuative è definito all art. 1, lett. e) della Convenzione come il documento contrattuale recante l indicazione dei tempi massimi di svolgimento delle varie attività di progettazione, approvazione, affidamento, esecuzione e collaudo. 4. La proposta dell aggiudicataria rispetto al quadro normativo ed agli atti già assunti dall Amministrazione Comunale Alla luce delle sopra riportate risultanze documentali, si pone la questione oggetto del presente parere, in punto alla possibilità di accogliere una proposta di revisione (formulata dall aggiudicataria) delle tempistiche esecutive e di 7

8 gestione/esercizio del Traforo delle Torricelle (avvio della gestione ad avvenuta esecuzione della sola prima canna ) rispetto alle tempistiche individuate negli atti (spec., ma non solo, Cronoprogramma e schema di convenzione) come revisionati ad esito della negoziazione finale fra Comune di Verona e Promotore (ex art. 155, comma 1, lett. b) ed oggetto dell aggiudicazione definitiva. Tale possibilità risulta scarsamente sostenibile sotto una pluralità di profili. 4.2 Il profilo normativo-giurisprudenziale In primo luogo, anche alla luce di quanto evidenziato in punto di fatto, risulta difficile negare che l ipotesi prospettata si risolva in una modifica sostanziale (nel senso comunitario del termine, v. ultra) all assetto negoziale costituitosi progressivamente attraverso il complesso procedimento ex art. 153 ss., D.lgs. n e consolidatosi con l aggiudicazione definitiva ad esito della negoziazione finale. La previsione della realizzazione della sola prima canna del Traforo anteriormente all avvio della gestione, con impegno alla realizzazione della seconda canna in corso di gestione (a 5-7 anni dall inizio della stessa) determina evidentemente la possibilità di ridurre in modo del tutto consistente (intuitivamente almeno pari alla metà del costo integrale del Traforo) l investimento iniziale del concessionario. Ciò tenuto altresì conto che, a quanto riferito, il Traforo delle Torricelle rappresenta l opera d arte puntuale di per sé più significativa del complessivo intervento cui è chiamato il concessionario. Analiticamente, sin dalla proposta del promotore, passando per la procedura ristretta ex art. 155, comma 1, lett. a) e per la negoziazione finale fino all aggiudicazione definitiva, l operazione di finanza di progetto è sempre stata caratterizzata dalla previsione dell avvio della gestione solo alla totale ultimazione (e collaudo) delle opere di cui al progetto preliminare (proposto anch esso dall aggiudicatario), senza possibilità quindi di avvii differenziati in relazione agli stati di avanzamento dell opera; tanto che, in sede di procedura ristretta, veniva esclusivamente premiata la riduzione delle tempistiche massime poste a base della stessa per la progettazione e realizzazione dell intera opera come descritta nel progetto preliminare. Di qui, la considerazione secondo cui l introduzione della variabile in esame non solo posteriormente all indizione della procedura ristretta ex art. 155, comma 1, lett. 8

9 a), ma addirittura a procedimento concluso a seguito della fase negoziata di cui alla successiva lettera b), proprio per le già sottolineate conseguenze in punto alla complessiva sostenibilità economico-finanziaria dell operazione, può ragionevolmente rappresentare una modifica sostanziale dell assetto contrattuale vietata dall ordinamento comunitario (v.ultra). Ciò, si può ulteriormente osservare, tanto più che detta modificazione è prospettata non nel corso di un rapporto contrattuale consolidato (a realizzazione già avanzata), ma addirittura anteriormente al perfezionamento dei patti contrattuali che si realizza per legge ed espresse previsioni di lex specialis esclusivamente con la sottoscrizione del contratto. Alla luce di quanto sopra rilevato (mancato consolidamento del rapporto contrattuale) devono essere conseguentemente interpretate in modo ancora più stringente e rigoroso le indicazioni della giurisprudenza comunitaria (fra le varie Corte di Giustizia, 19 giugno 2008, in causa C-454/06, Pressetext Nachrichtenagentur, C-454/06; Corte di Giustizia, 13 aprile 2010, in causa C-91/08, ) che ha statuito il divieto di disporre o pattuire modificazioni sostanziali nei rapporti contrattuali in corso; ove sono annoverabili fra dette fattispecie non consentite: - sia quelle che determinano l'alterazione dell'equilibrio economico contrattuale in favore dell'aggiudicatario in modo non previsto nel contratto originario; - sia quelle che introducono nuove condizioni/clausole che se fossero state contenute nella procedura iniziale di aggiudicazione della concessione, avrebbero consentito l ammissione di candidati diversi da quelli inizialmente selezionati o l accettazione di un offerta diversa da quella inizialmente accettata" anche nell accezione, ora positivamente formalizzata per il futuro nella Direttiva 2014/23 (sull aggiudicazione dei contratti di concessione), di modifiche che avrebbero attirato ulteriori partecipanti alla procedura di aggiudicazione della concessione. Ragion per cui Al fine di assicurare la trasparenza delle procedure e la parità di trattamento degli offerenti, le modifiche sostanziali apportate alle disposizioni essenziali di un contratto di concessione di servizi costituiscono una nuova aggiudicazione di appalto, quando presentino caratteristiche sostanzialmente diverse rispetto a quelle del contratto di concessione iniziale e siano, di 9

10 conseguenza, atte a dimostrare la volontà delle parti di rinegoziare i termini essenziali di tale appalto (così Corte di Giustizia, 13 aprile 2010, in causa C-91/08, 37). Sulla scorta della giurisprudenza comunitaria il giudice amministrativo nazionale è giunto alle medesime conclusioni. Si richiama, ex multis, Cons. Giust. Amm. n. 290/2011 che, richiamando la giurisprudenza comunitaria, ha ulteriormente sottolineato come il principio di par condicio - che promana direttamente dal canone fondamentale di imparzialità dell amministrazione, ancor prima che nell interesse dei partecipanti alle procedure (platea, nella specie, individuabile nelle imprese, potenzialmente e ipoteticamente, interessate a conseguire l aggiudicazione della concessione, qualora fossero state offerte fin dall inizio le medesime condizioni, successivamente rinegoziate con la sola ditta aggiudicataria), è stabilito in vista del perseguimento dell interesse dell amministrazione indicente a concludere i contratti o gli accordi, di volta in volta esitati, alle migliori condizioni possibili, dati i presupposti dell affidamento. Il principio di imparzialità costituisce quindi un rimedio all assenza di concorrenza nel settore delle pubbliche commesse. Che il settore degli appalti sia sottratto alle regole economiche della concorrenza è del tutto evidente, in quanto le relative vicende si collocano in un contesto di assetti coercitivi. Ed invero, se l affidamento dei pubblici appalti avvenisse in un ambiente effettivamente concorrenziale non vi sarebbe alcuna necessità di procedimentalizzarne lo svolgimento, posto che sarebbero le stesse <<regole del mercato>>, ossia l esigenza di un allocazione efficiente delle risorse pubbliche (ossia il prezzo degli appalti e delle concessioni o le esclusive di sfruttamento assegnate con queste ultime), a determinarne l attribuzione soggettiva, postulandosi ovviamente la razionalità dei vari attori economici. Così però non è, posto che ogni affidamento di contratti o accordi pubblici presuppone un intermediazione discrezionale dell amministrazione attraverso l esercizio di un potere autoritativo e allora si versa, per l appunto, nell ambito di un tipico assetto coercitivo. Sono, insomma, le stesse amministrazioni a determinare le condizioni dell affidamento (e, in primis, il prezzo o l utilità ricavabile dal privato aggiudicatario) e ad orientare, in via consequenziale, le scelte razionali degli investitori. 10

11 Proprio tale assenza di concorrenzialità impone la procedimentalizzazione delle procedure (che, non a caso, vengono meno nei settori realmente liberalizzati), dal momento che soltanto attraverso la fissazione della regola di pari trattamento si possono ricreare, sebbene in modo virtuale le condizioni di (un simulacro) di mercato competitivo, con il conseguente incentivo alla scelta di soluzioni allocative efficienti dal punto di vista economico. In sintesi, nel settore del public procurement l imparzialità è in funzione dell efficienza dell affidamento e, quindi, soltanto in negativo può ritenersi che la relativa disciplina appartenga alla disciplina della concorrenza, nel senso cioè che, attraverso lo svolgimento di un procedimento amministrativo imparziale, si cerca di ricostruire in parte e in vitro, ancorché nell ambito di un assetto coercitivo, le condizioni di operatività delle ordinarie regole di mercato. Tanto premesso, una volta calate le precedenti considerazioni al caso di specie, emerge con nitida chiarezza come l aver rinegoziato, a procedura ormai conclusa, le condizioni di affidamento del servizio si risolve in una manifesta violazione dell imparzialità e, in via consequenziale, in un illegittimità delle scelte compiute dall amministrazione nonché in una seria lesione del buon andamento (il sottolineato è nostro). Il medesimo giudice ribadisce il concetto sottolineando che che tal modo di procedere si presterebbe ad un agevole e manifesta elusione di tutte le regole dell evidenza pubblica, giacché per orientare l esito degli affidamenti le amministrazioni, in contesti patologici, potrebbero semplicemente scegliere di fissare in prima battuta condizioni di affidamento <<fuori mercato>> per poi rinegoziare le medesime condizioni, una volta aggiudicata la procedura a una determinata impresa. Si tratterebbe, in sostanza, di un facile modo per escludere i concorrenti non graditi. Quanto sopra, è poi tanto più stridente proprio con riferimento alla fattispecie in questione, solo ove si consideri che l assetto negoziale/realizzativo/gestorio iniziale (mai modificato in corso di procedura sotto il profilo qui di interesse) è stato addirittura proposta dallo stesso Promotore divenuto aggiudicatario, a quanto pare, anche sotto il profilo delle tempistiche di esecuzione dell opera e dell inizio della gestione. Come sottolineato in giurisprudenza, neppure potrebbe affermarsi che non vi sarebbe lesione del principio di imparzialità perché nessuno dei quattro operatori 11

12 invitati nella procedura ristretta ex art. 155, comma 1, lett. a), D.lgs n. 163/2006 (come rilevato sub punto 2) ha presentato offerta: infatti, la rinegoziazione attraverso la riapertura postuma della procedura di affidamento costituisce invece, di per sé, la prova eclatante di tale violazione (Cons. Giust. Amm. cit.). Senza peraltro considerare come uno dei suddetti quattro operatori sia divenuto ausiliario del Promotore per la comprova di alcuni requisiti necessari per l aggiudicazione della concessione Da rilevare poi come la giurisprudenza nazionale, sempre sulla scorta di quella comunitaria, abbia a più riprese avvertito che, con lo svolgimento della procedura di evidenza pubblica e con la conseguente cristallizzazione, negli atti di gara, delle condizioni del contratto alla cui conclusione essa risulta preordinata, l ente perde la disponibilità del contenuto del rapporto contrattuale che resta regolato inderogabilmente alle risultanze della gara e perde correlativamente la capacità di convenire con la controparte condizioni diverse da quelle già esternate e conosciute dai partecipanti al confronto concorrenziale (cfr. T.A.R. Lazio, Roma, Sez. IIbis, 15 marzo 2013, n. 3801, T.A.R. Lombardia, Milano, Sez. III, n. 2419, T.A.R. Brescia Lombardia, 12 gennaio 2007 n. 12). Per tutto quanto sopra rilevato e sotto un primo profilo l ipotizzata revisione della aggiudicata concessione risulta porsi in rapporto di assai discutibile linearità con il quadro ordinamentale di riferimento alla luce dell interpretazione giurisprudenziale. 4.3 Il rapporto contraddittorio con atti precedenti. Sotto un secondo profilo ed a comprova di quanto sopra osservato - deve poi rilevarsi come l accoglimento della proposta di revisione formulata dall aggiudicatario risulta porsi in contraddizione con quanto già espresso dal Comune di Verona in molteplici atti assunti nel procedimento che ha portato alla aggiudicazione della concessione al RTI promotore. Come evidenziato sub punto 2, difatti, il Comune di Verona, sia anteriormente alla indizione della procedura ex art. 155, comma 1 lett. a), D.lgs. n. 163/2006 sia posteriormente alla stessa, ha disposto/acconsentito a modificazioni della proposta iniziale, prescindendo da un confronto concorrenziale sulle stesse, solo: - (in sede di dichiarazione di pubblico interesse e quindi anteriormente all indizione della procedura ristretta ex art. 155, comma 1, lett. a, D.lgs n. 12

13 163/2006 per l individuazione dei possibili competitors del Promotore) se consistenti in lievi adeguamenti e migliorie, comunque finalizzate ad ottenere una proposta il più aderente possibile alle esigenza della collettività, con la garanzia peraltro della celebrazione della procedura di gara ai fini dell individuazione del concessionario dell opera ai sensi dell art. 155, D.lgs. n. 163/2006. E stata la stessa Amministrazione a sottolineare, nella deliberazione GC n. progr. 104 in data 20 aprile 2011, che la facoltà di richiedere modifiche alla proposta è propria della fase sia preliminare che immediatamente successiva alla scelta del promotore, ma deve comunque avere luogo prima delle selezione delle offerte da porre in gara con quella del promotore. In sede di procedura ristretta, peraltro, si prevedeva quale elemento di valutazione dell offerta esclusivamente la possibilità di ridurre le tempistiche per la conclusione della progettazione ed esecuzione dell intera opera; - (successivamente alla procedura ristretta andata deserta, in sede di negoziazione finale con il Promotore ai fini dell aggiudicazione della concessione) se di natura di lieve entità e comunque di natura migliorativa (rispetto agli interessi di cui è portatrice l Amministrazione comunale) - deliberazione GC n. progr. 54 in data Di ciò l Amministrazione risulta consapevole come è particolarmente evidente nella replica formulata dal Comune di Verona, con nota prot. 043 in data , alla proposta formulata del RTI promotore in data dove il primo ha sottolineato che se la sopravvenuta crisi finanziaria addotta dallo stesso promotore può legittimare l avvio di trattative per il riequilibrio economico-finanziario dell operazione peraltro limitatamente alle sole specificazioni, chiarimenti, limitate integrazioni ed aggiustamenti del PEF, non possono essere accettate le rilevanti modifiche presentate dal Promotore che anche qualora fossero necessarie perché derivanti da una realistica situazione di forte cambiamento del mercato finanziario, sono di rilevanza tale da comportare un nuovo esperimento di gara sulla base delle suddette nuove condizioni. con regressione del procedimento alla procedura ristretta che andrebbe quindi nuovamente indetta, ponendo a base di nuovi valori. 13

14 Non è infine revocabile in dubbio la importanza conferita dall Amministrazione comunale alla scansione temporale dell esecuzione dei lavori oggetto di concessione (da completarsi ivi compreso il Traforo delle Torricelle nelle sua due canne - anteriormente all inizio della gestione degli stessi) di cui al Cronoprogramma: comprova di quanto rilevato è riposta nel già riportato precisazione di cui all art. 10, comma 3, dello Schema di convenzione che impegna il Concessionario ad attenersi scrupolosamente al Cronoprogramma e all ordine di esecuzione ivi previsto. 5. Conclusioni. L eventuale accoglimento della proposta di revisione delle tempistiche esecutive e di gestione/esercizio del Traforo delle Torricelle (ai fini della stipulazione del contratto di concessione), formulata dal RTI aggiudicatario, non risulta ammissibile (a maggior ragione non risultando ad oggi perfezionato il relativo rapporto contrattuale): - sia in relazione alla qualificazione di detta revisione alla stregua di modifica sostanziale vietata dall ordinamento comunitario (e per converso nazionale) al di fuori di specifica procedura competitiva di aggiudicazione, nella fattispecie già perfezionatesi con la disposta aggiudicazione definitiva (cfr. par. 3) - sia in quanto non congruente rispetto al contenuto degli atti assunti nel procedimento che ha portato alla aggiudicazione della concessione al RTI promotore, nell ambito dei quali ogni modificazione alla proposta iniziale che è stata reputata introducibile nelle fasi successive della procedure è stata motivata dalla lieve entità e dalla natura migliorativa della stessa, caratteristiche queste non ravvisabili nella fattispecie in esame. Nei termini di cui sopra è il mio parere *** Avv. Prof. Alessandro Lolli 14

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Tribunale Amministrativo Regionale Emilia Romagna Bologna sez. I, 23/10/2009 n. 1947

Tribunale Amministrativo Regionale Emilia Romagna Bologna sez. I, 23/10/2009 n. 1947 Tribunale Amministrativo Regionale Emilia Romagna Bologna sez. I, 23/10/2009 n. 1947 Raggruppamenti temporanei negli appalti di servizi- Obbligo di sottoscrizione offerta congiunta - Obbligo di specificazione

Dettagli

Parere n. 106 del 27/06/2012

Parere n. 106 del 27/06/2012 MASSIMA Albo Nazionale dei Gestori Ambientali e Avvalimento. Così come è consentito l avvalimento per il requisito dell attestazione della certificazione SOA, deve ritenersi, quindi, consentito effettuare

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 10 dicembre 2014 n. 34 a cura di ESTER FERRARA

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 10 dicembre 2014 n. 34 a cura di ESTER FERRARA NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 10 dicembre 2014 n. 34 a cura di ESTER FERRARA L Adunanza Plenaria e la cauzione provvisoria, quale funzione di garanzia del mantenimento dell offerta

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche

Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche Filippo Romano Giuseppe Failla Roma, 11-14 maggio 2009 Filippo

Dettagli

Osservatorio Appalti e Contratti: analisi casi operativi tratti dalla giurisprudenza 2014

Osservatorio Appalti e Contratti: analisi casi operativi tratti dalla giurisprudenza 2014 Osservatorio Appalti e Contratti: analisi casi operativi tratti dalla giurisprudenza 2014 Avv. Viviana Cavarra CAP Holding, 9 marzo 2015 1 ARGOMENTI TRATTATI La regolarità contributiva. Questione sul momento

Dettagli

Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012

Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012 Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012 Siamo di fronte ad un esempio di vera e propria giurisprudenza creativa che di fatto introduce nell ordinamento un principio nuovo, per di più in

Dettagli

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Il DPR 207/2010 prevede espressamente all art. 275 che, anche in relazione all affidamento dei servizi, la mandataria in ogni caso deve possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria.

Dettagli

Prot. 2014/47561. DISPOSIZIONE n. 185 del 05/12/2014

Prot. 2014/47561. DISPOSIZIONE n. 185 del 05/12/2014 Equitalia SpA Sede legale Via Giuseppe Grezar n. 14 00142 Roma Tel. 06.989581 Fax 06.95050424www.gruppoequitalia.it Divisione Servizi Accentrati di Corporate Prot. 2014/47561 DISPOSIZIONE n. 185 del 05/12/2014

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Legge n. 161/2014: ennesima puntata della telenovela <>

Legge n. 161/2014: ennesima puntata della telenovela <<l avvalimento frazionato>> Legge n. 161/2014: ennesima puntata della telenovela di Arrigo Varlaro Sinisi 1 1.- Premessa La nuova puntata della telenovella su l avvalimento frazionato è costituita dalla

Dettagli

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing Osservazioni sulla proposta dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture di Linee Guida per la redazione dei documenti di gara e per l utilizzo dell offerta economicamente

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 Le novità introdotte dal terzo decreto correttivo Project Financing Il

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione PARERE N. 144 DEL 02 settembre 2015 PREC 120/15/S Autorità Nazionale Anticorruzione OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. 163/2006 presentata

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture Definizione dell oggetto dell affidamento MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO b1 Processi Fasi Rischi Individuazione delle caratteristiche del bene o del servizio rispondente alle necessità

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA Sull esercizio del c.d. potere di soccorso in materia di gare pubbliche Inquadramento della

Dettagli

Deliberazione n. 22/2009/P

Deliberazione n. 22/2009/P Deliberazione n. 22/2009/P Repubblica Italiana la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza generale del 10 novembre

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Non si ritiene assolto l'obbligo di dimostrazione dei requisiti di partecipazione ex art. 48 del D. Lgs. 163/2006 qualora vengano prodotti documenti aventi ad oggetto servizi difformi da quelli dichiarati

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

di Massimo Gentile 2 1 In corso di pubblicazione su Appalti&Contratti 2 Studio Legale Associato Gentile Varlaro Sinisi - www.studiogvs.

di Massimo Gentile 2 1 In corso di pubblicazione su Appalti&Contratti 2 Studio Legale Associato Gentile Varlaro Sinisi - www.studiogvs. Cade il divieto per il progettista di partecipare alle gare di affidamento dei lavori 1 di Massimo Gentile 2 1. La Legge 30 ottobre 2014 n. 161 - recante Disposizioni per l adempimento degli obblighi derivanti

Dettagli

Quesito n. 2. Autorità ATO dei Rifiuti Comunità di Ambito Toscana Sud

Quesito n. 2. Autorità ATO dei Rifiuti Comunità di Ambito Toscana Sud Quesito n. 1 In risposta al precedente quesito in cui venivano richiesti chiarimenti riguardo alla ripartizione del possesso dei requisiti tecnico organizzativi relativi alla gestione del servizio tra

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA. contro.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA. contro. N. 03580/2013REG.PROV.COLL. N. 01904/2013 REG.RIC. N. 01749/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 7 N. 01041/2014 REG.PROV.COLL. N. 00844/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima)

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.62 del 14/10/2014 PREC 95/14/S OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presentata dalla Ecosprint

Dettagli

Business International. Concessioni relative ad infrastrutture strategiche e Dialogo competitivo

Business International. Concessioni relative ad infrastrutture strategiche e Dialogo competitivo Business International La nuova disciplina delle Concessioni alla luce del Codice dei Contratti Concessioni relative ad infrastrutture strategiche e Dialogo competitivo Avv. Rosalba Cori Unità Tecnica

Dettagli

Consiglio di Stato, sez. III, sentenza n. 3580 del 5 luglio 2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato, sez. III, sentenza n. 3580 del 5 luglio 2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato Consiglio di Stato, sez. III, sentenza n. 3580 del 5 luglio 2013 N. 03580/2013 REG.PROV.COLL. N. 01904/2013 REG.RIC. N. 01749/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

GARA PER LA REALIZZAZIONE DEL POLO OSPEDALIERO UNIVERSITARIO NUOVO SANTA CHIARA IN CISANELLO (PI)

GARA PER LA REALIZZAZIONE DEL POLO OSPEDALIERO UNIVERSITARIO NUOVO SANTA CHIARA IN CISANELLO (PI) RISPOSTE AI QUESITI PERVENUTI SINO AL 2 OTTOBRE 2014, Q1: Si chiede di voler confermare che in sostituzione delle categorie OS3, OS28, OS30 si possa partecipare con la categoria OG11 classifica VIII così

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

CONSIDERATO che, con l Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010, si è inteso dare attuazione agli interventi del PON;

CONSIDERATO che, con l Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010, si è inteso dare attuazione agli interventi del PON; Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Determina a contrarre per l affidamento della Progettazione, Direzione dei lavori, Misura e Contabilità e Coordinatore Sicurezza dei

Dettagli

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni

INDICE ARTICOLO 1. Istituzione del sistema di qualificazione - classifiche. ARTICOLO 2 Requisiti per le iscrizioni Decreto del Presidente della Repubblica Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per i contraenti generali delle opere strategiche e di preminente interesse nazionale, ai sensi dell

Dettagli

LA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE VALLE D AOSTA/VALLÉE D AOSTE. Del. n. 19/2013/PAR. composta dai magistrati:

LA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE VALLE D AOSTA/VALLÉE D AOSTE. Del. n. 19/2013/PAR. composta dai magistrati: Del. n. 19/2013/PAR LA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE VALLE D AOSTA/VALLÉE D AOSTE composta dai magistrati: Gaetano D Auria Presidente Claudio Gorelli Michele Cosentino Adriano Del

Dettagli

I REQUISITI DI CAPACITA ECONOMICA E FINANZIARIA NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE FATTURATO GLOBALE E FATTURATO SPECIFICO

I REQUISITI DI CAPACITA ECONOMICA E FINANZIARIA NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE FATTURATO GLOBALE E FATTURATO SPECIFICO I REQUISITI DI CAPACITA ECONOMICA E FINANZIARIA NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE FATTURATO GLOBALE E FATTURATO SPECIFICO di Avv. Gianluca Piccinni SOMMARIO: 1. Capacità economica e finanziaria (art.

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI

MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI MAPPATURA DEI PROCESSI, IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEL RISCHIO APAC - SERVIZIO APPALTI LAVORI PUBBLICI Il Pubblici svolge funzione di stazione appaltante a favore del sistema unico provinciale e delle

Dettagli

ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE

ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE Guida operativa ITACA per l utilizzo del criterio d aggiudicazione dell offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici di sola esecuzione ROMA, giovedì 20 GIUGNO 2013 1 Le condizioni

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5882 del 20.11.2012

Consiglio di Stato n. 5882 del 20.11.2012 MASSIMA: Sulla possibilità per i soggetti senza scopo di lucro di partecipare alle gare. L'assenza dello scopo di lucro non impedisce la qualificazione di un soggetto come imprenditore e non ne giustifica

Dettagli

contro nei confronti di

contro nei confronti di . N. 00174/2012REG.PROV.COLL. N. 05054/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.88 del 12/11/2014 Autorità Nazionale Anticorruzione PREC 226/14/F OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. 163/2006 presentata da

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda) N. 00031/2015 REG.PROV.COLL. N. 01106/2005 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 8 N. 01690/2014 REG.PROV.COLL. N. 00816/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria (Sezione Seconda)

Dettagli

Comune di QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia

Comune di QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia SULL'AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DELLE LAMPADE VOTIVE Verifica conformità ai requisiti dell'ordinamento europeo e definizione degli obblighi di \\srv-pdc\areadoc\tecnico\bilancio S3\ARTICOLO 34\LAMPADA

Dettagli

Prof. Sergio Foà Supervisore Progetto Oplab

Prof. Sergio Foà Supervisore Progetto Oplab In riferimento alla legge Merloni (109/1994 e successive modifiche) ed in particolare a quanto previsto dall art. 17, co. 12, qual è la procedura corretta da esperire per l affidamento di incarichi professionali,

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5805 del 05/12/2013

Consiglio di Stato n. 5805 del 05/12/2013 MASSIMA Come si è premesso, la sentenza impugnata ha accolto il motivo relativo alla composizione della commissione aggiudicatrice, in numero pari di membri. Tale composizione, tuttavia, non determina

Dettagli

Direzione Servizi Amministrativi 2015 02299/107 Area Sport e Tempo Libero Servizio Tempo Libero CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Servizi Amministrativi 2015 02299/107 Area Sport e Tempo Libero Servizio Tempo Libero CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Servizi Amministrativi 2015 02299/107 Area Sport e Tempo Libero Servizio Tempo Libero CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 190 approvata il 27 maggio 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 5 NOVEMBRE 2015 519/2015/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA - RIF. 222/2014/A - CIG 5748085DC9 - INDETTA IN AMBITO NAZIONALE FINALIZZATA ALLA STIPULA DI

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00328/2014 REG.PROV.COLL. N. 01295/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 33 del 27/02/2013

Decreto Dirigenziale n. 33 del 27/02/2013 Decreto Dirigenziale n. 33 del 27/02/2013 Approvazione capitolato d'oneri e disciplinare di gara per l'affidamento del servizio di assistenza organizzativa presso gli uffici giudiziari della Campania terza

Dettagli

STUDIO OLIVERI Consulenze e progettazioni

STUDIO OLIVERI Consulenze e progettazioni Sciacca, 22 Settembre 2014 Spett.le Dipartimento Lavori Pubblici e Concorsi CNAPPC Via Santa Maria dell'anima 10 00186 ROMA TRASMESSA VIA E-MAIL Oggetto: BANDO P.O.I. ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

TAR Lazio, sez. I, 22/5/2008 n. 4820

TAR Lazio, sez. I, 22/5/2008 n. 4820 TAR Lazio, sez. I, 22/5/2008 n. 4820 Si applica l istituto dell avvalimento anche nel caso in cui il bando di gara non lo preveda. La mancanza nel bando di gara di una previsione volta a consentire l avvalimento

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro

Rilancio dei project bond, Pf per l edilizia carceraria e nuove regole per il subentro 6 n 5 2012 Dopo il decreto Salva-Italia anche il Dl sulle liberalizzazioni interviene sulla disciplina del project financing. Altre novità riguardano le norme sulla progettazione, quelle sulle concessioni

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri MONITORAGGIO SUI BANDI DI PROGETTAZIONE Preliminare analisi giuridica dei bandi anomali rilevati tra l 1 il 7 aprile 2013 (c.r.416_iii) Roma, 9 aprile 2013 COMUNE

Dettagli

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO

Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Il Consiglio ATTO DI SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO Oggetto: Cooperative sociali e fondazioni. Requisito del capitale sociale di cui all art. 98, comma 1, lett. b) del d.p.r. 21 dicembre 1999,

Dettagli

I-Fabriano: Lavori di costruzione di case di riposo per anziani 2011/S 85-139137 CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI

I-Fabriano: Lavori di costruzione di case di riposo per anziani 2011/S 85-139137 CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:139137-2011:text:it:html I-Fabriano: Lavori di costruzione di case di riposo per anziani 2011/S 85-139137 CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI

Dettagli

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829 Sulle circolari della Direzione generale della giustizia civile in materia di iscrizione e controllo sugli organismi di mediazione e sugli enti formatori. Richiesta di chiarimenti 1. In ordine alla circolare

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 451 del 8-7-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 451 del 8-7-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 451 del 8-7-2015 O G G E T T O Affidamento in concessione della gestione del servizio di asilo nido dell'azienda Ulss

Dettagli

Provincia di Ferrara ****** AREA WELFARE E SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 153 / 2015

Provincia di Ferrara ****** AREA WELFARE E SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 153 / 2015 Provincia di Ferrara ****** AREA WELFARE E SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 153 / 2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZIO INTEGRAZIONE SCOLASTICA ALUNNI DISABILI NELLE SCUOLE DEL TERRITORIO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n 007/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 14 gennaio 2009, composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Daniela

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE di BELLANTE Provincia di Teramo DETERMINAZIONE N. 299 (Data 27 SET. 2013 ) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO UFFICIO SOCIO - CULTURALE PUBBLICA ISTRUZIONE OGGETTO: Proroga tecnica per

Dettagli

COMUNE DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA tel. 0444/476589 476585 e-mail: ufficio.contratti@comune.arzignano.vi.it SERVIZIO APPALTI E CONTRATTI Prot. n. 16485/BL Arzignano, 30 maggio 2013 BANDO PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Ai SINDACI dei COMUNI della LIGURIA. Ai PRESIDENTI delle PROVINCE di: - GENOVA - IMPERIA - LA SPEZIA - SAVONA. E, p.c.:

Ai SINDACI dei COMUNI della LIGURIA. Ai PRESIDENTI delle PROVINCE di: - GENOVA - IMPERIA - LA SPEZIA - SAVONA. E, p.c.: Genova, 16 novembre 2005 Prot. n. 160220/504 Oggetto: Integrazione ed aggiornamento delle indicazioni fornite con la circolare esplicativa della legge regionale 6.8.2001 n. 24 sul recupero ai fini abitativi

Dettagli

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA IL COMMISSARIO AD ACTA DELIBERAZIONE n.1 del 15.2.2013 PREMESSO CHE: Con sentenza emessa dal TAR del LAZIO sede

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI

REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARTANO PIANO SOCIALE DI ZONA 2010-2012 REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI Approvato dal Coordinamento

Dettagli

COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO Provincia di Roma

COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO Provincia di Roma COMUNE DI SANT'ANGELO ROMANO Provincia di Roma Piazza Santa Liberata, 2 Sant'Angelo Romano Cap. 00010 Tel. 0774/300808 Fax 0774/420100 - Cod. Fisc. P. IVA 02146071002 C.F. 86002210580 CIG N. 60538188A5

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER SERVIZI SANITARI DI AMBULANZA DI TRASPORTO PAZIENTI ED EMODIALIZZATI CON CONTRATTO QUINQUENNALE.

DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER SERVIZI SANITARI DI AMBULANZA DI TRASPORTO PAZIENTI ED EMODIALIZZATI CON CONTRATTO QUINQUENNALE. DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER SERVIZI SANITARI DI AMBULANZA DI TRASPORTO PAZIENTI ED EMODIALIZZATI CON CONTRATTO QUINQUENNALE. PREMESSA Il servizio deve avvenire secondo le norme previste

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

L anno 2016, il giorno quattordici del mese di marzo, il dott. Matteo Minchillo, Direttore Generale di Pugliapromozione:

L anno 2016, il giorno quattordici del mese di marzo, il dott. Matteo Minchillo, Direttore Generale di Pugliapromozione: Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016 15477 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE PUGLIAPROMOZIONE 14 marzo 2016, n. 61 Procedura negoziata telematica ai sensi dell art. 125 commi

Dettagli

I.2) TIPO DI AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE E PRINCIPALI

I.2) TIPO DI AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE E PRINCIPALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE GUARDIA DI FINANZA REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO LIGURIA BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI PERVENUTI DA PARTE DI OPERATORI ECONOMICI INTERESSATI ALLA

RISPOSTE A QUESITI PERVENUTI DA PARTE DI OPERATORI ECONOMICI INTERESSATI ALLA SETTORE AVVOCATURA SERVIZIO APPALTI CONTRATTI ASSICURAZIONI - DEMANIO E PATRIMONIO OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO E SERVIZIO DI LOSS ADJUSTER (CIG: 62123208A2) DETERMINA

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

FATTO. - della determina n. 851 del 3 novembre 2005 di riapertura delle operazioni di gara, originariamente aggiudicata alla ricorrente;

FATTO. - della determina n. 851 del 3 novembre 2005 di riapertura delle operazioni di gara, originariamente aggiudicata alla ricorrente; C.G.A., sez. giurisdiz., 03.10.07, n. 906 Pres. Barbagallo, Est. Trovato - Edilstyl di Licciardello Geom. Corrado (Avv. Calpona) c. Comune di Casteldaccia (n.c.) ed Impresa Costruzioni Eredi Marotta Salvatore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI Art. 1 Oggetto e finalità. Il presente regolamento disciplina l affidamento dei servizi socio-assistenziali erogati dal Piano di Zona Ambito

Dettagli

Avv. LLM Francesco Piron. 17 maggio 2010

Avv. LLM Francesco Piron. 17 maggio 2010 Mercato del gas ed opportunità per i comuni nel rinnovo dei rapporti concessori Forum PA - Fiera di Roma La situazione normativa e gli orientamenti più recenti in tema di gare Avv. LLM Francesco Piron

Dettagli

CAPITOLO X LA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI ED IL PROJECT FINANCING

CAPITOLO X LA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI ED IL PROJECT FINANCING CAPITOLO X LA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI ED IL PROJECT FINANCING SOMMARIO: 1. La concessione di lavori pubblici. - 2. Il project financing. 3. Il c.d. contraente generale: cenni. 1. La concessione

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Originale DETERMINAZIONE N. 102 del 17/02/2015 AREA 4 - AMMINISTRAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio amministrazione del personale Oggetto:

Dettagli

AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI. Determinazione n. 310 del 23.12.2014

AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI. Determinazione n. 310 del 23.12.2014 GESTIONE COMMISSARIALE EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28.06.2013, n. 15 Disposizioni in materia di riordino delle province Decreto P.G.R. n. 90 del 02.07.2013 AREA DEI SERVIZI TECNOLOGICI

Dettagli

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI NAPOLI. - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: - prof. avv. Enrico Quadri... Presidente - avv. Giuseppe Leonardo Carriero... membro designato dalla Banca d'italia - prof. avv. Giuseppe Conte... membro designato

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

COMUNE DI VALENZA. (Provincia di Alessandria) ------------------------------------- BANDO DI GARA

COMUNE DI VALENZA. (Provincia di Alessandria) ------------------------------------- BANDO DI GARA COMUNE DI VALENZA (Provincia di Alessandria) ------------------------------------- BANDO DI GARA AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE MEDIANTE PROJECT FINANCING della PROGETTAZIONE COSTRUZIONE e GESTIONE ECONOMICA-FUNZIONALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA N. 03677/2012REG.PROV.COLL. N. 00583/2011 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA sul

Dettagli

Allegato A. Linee guida per l affidamento di servizi alle cooperative sociali di inserimento lavorativo

Allegato A. Linee guida per l affidamento di servizi alle cooperative sociali di inserimento lavorativo Allegato A Linee guida per l affidamento di servizi alle cooperative sociali di inserimento lavorativo 1. Finalità ed oggetto delle Linee guida Al fine di riconoscere ed incentivare il ruolo delle cooperative

Dettagli

COMUNE di LAURIA SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI. DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013

COMUNE di LAURIA SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI. DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013 SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI E LEGALI DETERMINAZIONE N. 122 del 24/06/2013 N. Reg. Gen. 310 del 24/06/2013 Id. Documento 246715 Servizio/Ufficio proponente: SETTORE I AFFARI GENERALI - ISTITUZIONALI

Dettagli

N. 00849/2011 REG.PROV.COLL. N. 01006/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 00849/2011 REG.PROV.COLL. N. 01006/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 00849/2011 REG.PROV.COLL. N. 01006/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

ERRATA CORRIGE. A. L ultimo capoverso del par. 4.1 ( Condizioni di partecipazione ) del Disciplinare di gara, il quale recita:

ERRATA CORRIGE. A. L ultimo capoverso del par. 4.1 ( Condizioni di partecipazione ) del Disciplinare di gara, il quale recita: Gara per l affidamento dei servizi di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili, per gli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado e per i centri di

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

DECRETO N. 05 DEL 14.02.2014 IL SINDACO

DECRETO N. 05 DEL 14.02.2014 IL SINDACO LAVORI RIQUALIFICAZIONE, MESSA IN SICUREZZA, RISTRUTTURAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO SCUOLA MATERNA E SCUOLA ELEMENTARE DETERMINAZIONE A CONTRARRE - INDIZIONE GARA MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA

Dettagli

Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici

Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici NEWS N.75/ 24 giugno 2015 Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici Analisi dei fabbisogni, criteri per la distinzione tra servizi e lavori, suddivisione in lotti e determinazione

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli