ANALISI ECONOMICA INCENTIVI Altre Rinnovabili elettriche detrazioni 50% e 55% Unione Comuni Val Samoggia. Monteveglio, 17 novembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI ECONOMICA INCENTIVI Altre Rinnovabili elettriche detrazioni 50% e 55% Unione Comuni Val Samoggia. Monteveglio, 17 novembre 2012"

Transcript

1 1 Unione Comuni Val Samoggia Dove e come ridurre i consumi energetici negli usi civili attraverso il risparmio energetico e la maggiore efficienza degli impianti e delle apparecchiature Monteveglio, 17 novembre 2012 ing. Cristiano Gillardi Ambiente Italia Srl 2 Il menù di oggi: 1. Cenni al bilancio energetico dell Emilia-Romagna I problemi della generazione elettrica con lo sviluppo del FV 3. I limiti delle bioenergie 4. Dove e come ridurre i consumi attraverso maggiore efficienza e autentico risparmio di fonti non rinnovabili I cicli produttivi non industriali (esigenze specifiche, criticità tecnico-economiche) Tecnologie specifiche: accorgimenti, innovazioni ANALISI ECONOMICA INCENTIVI Altre Rinnovabili elettriche detrazioni 50% e 55%

2 3 Analisi economico-finanziaria Lo studio completo di fattibilità di un intervento comprende: progetto di massima analisi tecnico-economico-finanziaria screening di impatto ambientale richiesta autorizzazioni (tra cui PAS, DIA, comunicazione) istruttorie per domande di contributo e finanziamenti 4 Presupposti: Individuata la lista degli interventi di efficientamento, sono necessarie alcune verifiche preventive prima di procedere alle valutazioni tecnico-economiche: a) Gli interventi devono essere realizzabili fisicamente (per es. è inutile produrre calore di recupero se non vi sono possibilità reali di utilizzo nelle vicinanze) b) Gli interventi non devono interferire (negativamente) con il ciclo produttivo (ospedali, alberghi), con la qualità del prodotto e con le procedure di manutenzione. c) L azienda deve garantire la disponibilità di capitali

3 5 Esiste una serie di fattori che aumentano la probabilità di risparmio energetico: Precedenti negligenze nella progettazione, realizzazione e conduzione di un impianto Le dimensioni delle apparecchiature: al crescere delle dimensioni i risparmi aumentano più degli investimenti per effetto scala Le molte ore di funzionamento all anno La vita tecnica utile molto lunga (tecnologia consolidata impianto ben realizzato) Un costo del denaro contenuto: è più redditizio investire nel risparmio energetico se il costo del denaro è basso Un costo elevato o crescente dell energia ( /kwh): più è elevato, maggiore è la redditività dell intervento associato 6 La risoluzione delle possibili problematiche nate dall analisi tecnica: verifica della convenienza tecnica del progetto scelta delle alternative migliori dimensionamento ottimale si concretizza nella ricerca dell ottimale economico. In ogni caso (o quasi) sarà una valutazione di tipo economico (finanziario) a determinare la scelta finale. Si osserva che l analisi di fattibilità economica è basata su delle premesse circondate da incertezze, per es.: futuri cambiamenti nei costi energetici e nei tassi di interesse....

4 7... questo può comportare che i risultati calcolati rientrino in un certo campo di variabilità. D altra parte non tutti i vantaggi di un uso razionale dell energia possono venire espressi facilmente in termini monetari, tuttavia: livelli di confort maggiori, manutenzione semplificata, minimizzazione del rischio, sicurezza di approvvigionamento, ricadute sociali ed ambientali (contesto locale, economia nazionale), possono influire sulle decisioni in modo significativo. 8 Inoltre l orizzonte temporale per valutare il ritorno economico degli interventi in campo energetico è più ampio (quindi con vita tecnica più lunga, ma maggiori incertezze) rispetto a investimenti in impianti di produzione, che richiedono plausibilmente un più veloce ritorno di capitale. Infine, però, nelle misure di risparmio energetico, i costi comparati sono ben individuabili e fissi: e sono gli inevitabili costi di approvvigionamento energetico Ogni misura (intervento, azione) in grado di ottenere il servizio energetico desiderato ad un costo inferiore rispetto al costo di approvvigionamento energetico, è una misura economica.

5 9 Caratteristiche dell analisi economica: 1. oggettività 2. applicabilità ad ogni caso 3. validità in ogni contesto economico e politico 4. rigorosità, compatibilmente con l input 5. esplicabilità tramite indici di immediata lettura La logica è quella di confrontare un investimento con i benefici che da questo si attendono, opportunamente contestualizzati e riferiti allo stesso momento temporale (analisi dinamica). 10 Procedure statiche e procedure dinamiche Procedure statiche I metodi statici delle analisi economiche non sono complicati e possono essere condotti con poca spesa. Tuttavia sono limitatamente significativi. Pay Back Time In campo energetico, il tempo di ammortamento (T.A. o Pay Back Time) è diffuso come metodo statico per ottenere rapide valutazioni. Consiste nel calcolare semplicemente il Numero di anni entro i quali gli investimenti sono ripagati dai profitti (risparmi energetici). Fornisce una misura del grado di rischio correlato all investimento: più breve è il periodo di recupero, più economiche diventano le misure adottate.

6 11 Per la valutazione dell ottimizzazione della tecnologia, il T.A. (PBT) è limitatamente appropriato perché i profitti maturati dopo il periodo di ammortamento non vengono riconosciuti. L analisi del tempo di ammortamento non permette alcuna conclusione definitiva circa l efficacia del costo dell investimento. Questo è il motivo per cui è usato per la valutazione del rischio di investimento, e meno per una valutazione economica dell investimento. Il metodo porta ad adottare una categoria preferenziale di soluzioni che consentono il risparmio di un po di energia con investimenti minimi (es: lampadine CFL >>> ritorno economico in 2-3 anni) Esempio: Sostituzione a tappeto di tutti i corpi illuminanti con lampade a LED Costo energia elettrica: ore picco = 0,145 /kwh; ore f.p. = 0,095 /kwh; prezzo medio = 0,125 /kwh 12 Risparmio energia elettrica per illuminazione Potenza Potenza Ore/anno Consumo Consumo N vecchia (W) nuova (W) accensione vecchio (kwh) nuovo (kwh) Differenza (kwh) Valorizzazione Piazzali , , ,00 629,28 Officine , , , ,92 Magazzino , , , ,00 Uffici , , ,00 615,00 Uffici , , ,00 294, , , , ,20 Tipo lampada a Led Potenza (W) Costo x 1 Investimento A ,00 B ,00 C ,00 D ,00 E ,00 Investimento totale ,00 PBT 7,48 Anni

7 13 Esempio: Sostituzione a tappeto di tutti i corpi illuminanti con lampade a LED Il solo risparmio energetico non sempre giustifica l investimento. Diventa determinante la minor sostituzione delle lampade: Analisi costo evitato sostituzione lampade Potenza vecchia (W) Costo cad. Durata (h) N sostituzioni nel periodo Costo nel periodo considerato Minor costo nel periodo N Piazzali , ,84 174, ,60 Officine ,30 115, ,00 Magazzino ,68 268, ,80 Uffici ,00 100, ,00 Uffici ,15 189, ,00 Risparmio totale per la sostituzione ,40 PBT 5,33 Anni Cfr fg xls 14 Nel caso di analisi economiche di periodi più lunghi di tempo, il tasso d interesse è fondamentale che sia tenuto in considerazione. I metodi dinamici (più periodi) includono ciò entro le loro analisi, in contrasto con i metodi statici (periodo singolo).

8 15 Metodo dell annualità L investimento viene ripartito in rimborsi annuali uguali da sostenere durante gli anni di utilizzo. Il confronto indicizzato rispetto al budget annuale consente una prima valutazione del tipo SI/NO Incidenza investimento sul budget complessivo Investire Fare niente 7,00% 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% 0,00% Calcolo delle annualità Tipicamente i costi annuali per gli investimenti unici sono calcolati utilizzando il metodo dell annualità, che consiste in una serie di pagamenti uguali in un lasso di tempo specificato (ratei) I I = C i,n * a i,n = Investimento ovvero Importo del prestito C i,n = Costo annuale a i,n = Fattore di annualità

9 17 Il fattore di annualità determina semplicemente il valore attuale di un importo annuale che viene pagato per un numero predeterminato di anni con un dato costo del denaro. i = tasso di interesse n = numero di anni a 1 1 i 1 i, n = n ( 1+ i) I valori per il fattore di annualità per diversi periodi di tempo e i tassi di interesse sono disponibili come tabelle. Cfr fg xls 18 Esempio di annualità Una caldaia a vapore nuova costa La sua vita utile è di 20 anni. Il tasso di interesse applicabile attuale è del 5%. Qual è il costo annuale utilizzando il metodo dell annualità? I = C i,n * a i,n ovvero C i,n = I / a i,n

10 19 Fattore di annualità = Σ j=1 n 1/(1+i) j i i i i i i i n 3,0% 3,5% 4,0% 4,5% 5,0% 5,5% 6,0% 10 8, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,46992 Il fattore di annualità è una vita equivalente dell investimento, che invecchia tanto più velocemente quanto più elevato è il tasso di interesse 20 Esempio di costi annuali Fattore di annualità: a i 1 1, n = 1 = 12, ( ) Costo annuale: ,46 Ci, n= = Che è come dire che la caldaia mi sarà costata in 20 anni

11 21 Se l interesse applicato fosse del 3% annuo, avrei: I = a = 14,877 C = 3.024,707 e, quindi, un costo a 20 anni di (contro ) 22 Meccanismi di capitalizzazione e sconto Il confronto corretto tra spese e ricavi diversamente distribuiti nel tempo è dato dall interesse, inteso come quota percentuale delle quantità in questione. Sia R questa quantità annua Tra creditore e debitore si conviene quindi che un capitale K0 disponibile in questo momento, equivale ad un capitale K1 disponibile tra 1 anno, pari a K1 = K0 + K0 * R = K0 *(1 + R) e, in cascata: K2 = K1 + K1 * R = K0 *(1 + R) + K0 *(1 + R) * R = K0 + K0 * R + K0 * R + K0 * R 2 = = K0 + 2*(K0 * R) + K0 * R 2 = K0 *(1 + R) 2 disponibile tra 2 anni.

12 23 Meccanismi di capitalizzazione e sconto La regola generale della capitalizzazione composta è quindi la seguente : K n = K 0 * (1 + R) n e, al contrario, si definisce la formula per scontare ad oggi un capitale disponibile tra n anni: K 0 = K n /(1 + R) n e il fattore 1/(1 + R) n è detto fattore di sconto (tabellato) 24 Flussi di cassa e Valore Attuale Netto (VAN) (NPV in inglese) Supponiamo: Capitale iniziale = I0 che dà origine a n flussi di cassa annuali (positivi o negativi) FC1, FC2, FCj,..... FCn durante gli n anni di durata dell investimento Per confrontare i flussi FCj con l investimento, dobbiamo attualizzarli: FC1/(1+R) + FC2/(1+R) FCn/(1+R) n = Σ j=1,n FCj/(1+R) j Si definisce il VAN = Valore Attuale Netto = Σ j=1,n FC j /(1+R) j I 0 come differenza tra i Flussi di Cassa Attualizzati e l Investimento

13 25 Qualora il VAN fosse positivo, al termine della vita utile dell investimento i benefici prodotti avranno un importo scontato (attualizzato) superiore all investimento stesso, quindi la proposta sarà remunerativa e quindi da attuare. Spesso, all inizio, per indeterminatezza dei FC futuri o per semplificazione, si pongono tutti gli FC uguali e la formula si semplifica: VAN = FC * [ Σ j=1,n 1/(1+R) j ] I0 = FC * (FA) I0 in cui FA = fattore di annualità funzione solo di n e di R e quindi tabellabile Evidentemente i FC possono essere: Tutti positivi In parte negativi Comunque in genere variabili parlando di produzione o risparmio di energia 26 Tipi di costi da considerare nei Flussi di Cassa 1. Costi di capitale: per rifinanziare l investimento (interessi o oneri del debito) 2. Costi di consumo: Fonti di energia: biomasse, elettricità, gas 3. Costi di funzionamento: Manutenzione, staff, assicurazioni, amministrazione (extracosti!) 4. Ammortamenti 5. Entrate da vendita di energia, 6. Tariffe incentivanti 7. Flussi monetari (+ o -) 8. Oneri e benefici fiscali

14 27 Investimento Nell investimento vanno inclusi: a) costo netto dell apparato/impianto/struttura isolante, ecc. b) trasporti ed eventuali tasse c) progettazione, montaggi d) avviamento e collaudi e) materiali di scorta, accessori e vanno detratti i profitti dalla vendita di materiali, macchinari ecc. dismessi, finanziamenti in conto capitale, 28 Investimento Nell investimento vanno poi considerati: A la vita utile dell investimento scelta tra vita fisica: dopo 15 anni un pullman è un rottame vita tecnica (obsolescenza): dopo 7 anni un pullman è vecchio vita commerciale: dopo 5 anni un pullman vale 1/5 del valore iniziale vita politica: tra 3 anni diventerà proibitivo viaggiare in pullman e va scelta (ragionevolmente) la minore, come orizzonte temporale per calcolare il n di FC generati dall investimento B l interesse (tasso di sconto) se si ricorre al credito = il più alto tasso debitorio se in autofinanziamento = il più basso interesse attivo

15 29 Esempio: caso A: ricorso al credito: 3 linee di credito a tassi del 5,50, 6,30 e 7,25: si presumono già saturate le prime 2 linee di credito e di dover attingere alla terza, a meno di apertura di una linea di credito dedicata; caso B: l imprenditore dispone di 3 attività finanziarie a tasso decrescente (BOT, azioni, altre attività produttive): l imprenditore sacrificherà l attività con il rendimento minore, e così via. Pertanto il VAN consente di confrontare il maggior (o minor) reddito di un uguale capitale investito. 30 Influenza dell inflazione e dell aumento differenziato dei prezzi 1. Inflazione L inflazione produce (sempre) un aumento generalizzato dei prezzi nel tempo. Un ipotizzato flusso FC, disponibile alla fine del 1 anno, dovrà essere incrementato di una quota dovuta al generale aumento dei prezzi, cioè al fenomeno inflativo. Se f è l inflazione annua, la quota che va ad incrementare FC alla fine del 1 anno sarà: FC * f ed il flusso di cassa alla fine del 1 anno sarà : FC + FC * f = FC *(1 + f) al termine del 2 anno sarà: FC *(1 + f) + FC *(1 + f) * f = FC *(1 + f) 2 e così via. Occorrerà quindi attualizzare questi nuovi flussi di cassa ed il VAN diventerà: VAN = FC * [ Σ j=1,n (1 + f) j / (1+R) j ] I 0

16 31 2. Aumento differenziato dei prezzi Tiene conto di dinamiche di variazione del costo del tipo di beni da acquistare diverse dall inflazione (es.: i combustibili) attraverso un indice f : cioè al 1ºanno FC *(1+f) diventa: FC *(1+f) + FC *(1+f) * f = FC * (1+f)*(1+f ) ed al 2ºanno avremo: FC *(1+f) 2 *(1+f ) 2 ed al j-esimo anno sarà: FC *(1+f) j *(1 +f ) j estendendo tali considerazioni alla formula del VAN, otterremo: VAN = FC * [ Σ j=1,n (1+f) j *(1+f ) j /(1+R) j ] I 0 Per valori non troppo elevati di R, f ed f si può ritenere: (1+f) j * (1+f ) j / (1+R) j = 1 / (1 + R - f - f ) j = 1/(1 + i) j in cui: Aumento differenziato dei prezzi in cui: i = R f f rappresenta l effettivo costo del denaro per l imprenditore o tasso di attualizzazione e possiamo scrivere: VAN = FC * [ Σ j=1,n 1/(1+i) j ] I 0 = FC * (FA) I 0 in cui FA è il solito Fattore di Annualità Nel caso più generale di FC, R, f ed f variabili per ogni anno avremo sempre: VAN = Σ j=1,n FCj* (1+f) j *(1+f ) j /(1+R) j I 0 Cfr fg xls

17 33 Nel caso di nostro interesse di investimenti per il risparmio energetico e le FER la formula precedente diventa: VAN = Σ j=1,n [ P j * Q j / (1+i) j ] I 0 in cui: Pj = prezzo dell energia e Qj quantità risparmiata nell anno j; il costo del capitale è sempre dato da i = R f f in cui f è il differenziale di variazione del costo dell energia rispetto all inflazione. Se Q è costante vale la : VAN = P 0 * Q * (FA) I 0 Attenzione, però, a non dimenticare la variazione dei costi di O & M indotta dal nuovo investimento (positiva o negativa) 34 Nella pratica finanziaria, in realtà, si preferisce calcolare i costi (e i ricavi) tenendo conto di vari tassi di crescita o di decrescita (produzione FV che diminuisce, costo dell energia che aumenta, costo delle materie prime che aumenta) ma sempre al netto dell inflazione, che, quindi, non viene calcolata. Inoltre per il tasso di attualizzazione si considerano anche i fattori di rischio dell investimento e la stato di salute dell investitore (es.: ESCO) e di altri indicatori economici e finanziari. Ne scaturisce un tasso, chiamato con l acronimo anglosassone WACC = Weighted Average Cost of Capital. Il WACC è il tasso minimo che un'azienda deve generare come rendimento dei propri investimenti per remunerare i creditori, gli azionisti e gli altri finanziatori. Il WACC è calcolabile facilmente perché viene esplicitato in una formula standard; come poi alimentare la formula è un altro paio di maniche. In pratica si tiene il tasso di attualizzazione pari al tasso richiesto da un istituto di credito per finanziare l iniziativa ovvero pari al tasso di rendimento atteso dall investitore

18 35 ESEMPIO: sostituzione di un generatore di calore Descrizione Consumo annuo gasolio rendimento generatore Investimento Costo gasolio Prima 100 t 0,70 1,25 /kg Dopo 0, ,25 /kg Tasso di sconto = 7 % ; Inflazione = 2,5 % ; Differenziale inflazione gasolio = 1 % Investimento effettuato interamente nel 1 anno Vita tecnica della caldaia = 12 anni Consumo gasolio = 100 * 0,70 / 0,85 = 82,353 t con un risparmio di kg; il relativo FC = * 1,25 = /anno il Tasso di attualizzazione diventa = 7-2,5-1 = 3,5 % ed il FA = 9,663 da cui il VAN = (FC * FA) I 0 = ( * 9,663) = Indicatori economici Per la valutazione immediata e per poter confrontare tra loro diverse opzioni di investimento, si ricorre a indici o indicatori economici: 1. Tasso interno di rendimento (TIR) 2. Tempo di Ritorno Attualizzato (TRA) 3. PBT (con i suoi limiti già analizzati) 4. Costo dell energia risparmiata (CER) Con riferimento all ipotesi di realizzare un intervento di risparmio energetico, vediamo l utilizzo degli indicatori e svolgiamo anche un analisi di sensibilità, cioè vediamo come certe assunzioni influiscono sui risultati, in particolare il costo del denaro e la variazione dei costi dell energia nel tempo.

19 37 Indicatori economici 1 - Tasso interno di rendimento (TIR) = valore di i per il quale il VAN è nullo e se il VAN è > 0 per valori inferiori al TIR allora l investimento è conveniente. VAN , , , , ,0 VAN ,0 0, ,0 TIR 2,47% 3,52% 4,57% 5,62% 6,67% 7,72% 8,77% 9,82% Tempo di Ritorno Attualizzato = n di anni per i quali il VAN da negativo passa a positivo; l investimento è interessante se il TRA è inferiore al tempo di vita previsto per l investimento VAN , , , , , ,0 0, , , anni ,0

20 39 Esempio di business plan Impianto a biomasse (pirolitico) cogenerativo da 1 MWe Costo totale impianto: Ammortamento opere civili: 15 anni Ammortamento opere meccaniche: 15 anni IRAP = (3,90 + 1,1)% IRES = 27,50 % Tassazione cumulata = 32,50 Energia termica vendibile = 35% Ricavi annuali solo energia elettrica Ricavi annuali en. elettrica + termica Ricavi annuali en. elettrica + termica + TEE Esempio di business plan con autofinanziamento Anno Entrate Costi Contributo al esercizio e Margine manutenzio Operativo Lordo ne Investimento Ammorta_ mento Contributo al Margine Operativo Tasse Contributo all'utile Netto Flusso di Cassa Flusso di Cassa Cumulato VAN (i= 4%) = ; PayBackTime (dopo le tasse) = 7,62 anni ; TIR = 18,64 %

21 41 Esempio di business plan con autofinanziamento Flussi di cassa Valore [ ] Flusso di Cassa Anno di esercizio Flusso di Cassa Cumulato BUSINESS PLAN con prestito 42 Capitale Tasso annuo 0,05 Rate annuali 12 Anni finanziamento 15 Totale rate 180 Rata mensile Totale rate annue Totale rimborso mutuo , , ,5 Anno Contributo al Margine Operativo Lordo Investimento Ammorta_ mento Oneri del debito Contributo al Margine Operativo Tasse Contributo all'utile Netto VAN (i= 4%) = ; PayBackTime (dopo le tasse) = 8,88 anni Flusso di Cassa Flusso di Cassa Cumulato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,0 0, ,

22 43 BUSINESS PLAN con prestito FLUSSI DI CASSA Valore [ ] Flusso di Cassa Flusso di Cassa Cumulato Anno di esercizio 44 Analisi di sensibilità (impianto FV) Valutazione della variazione del VAN in funzione di n anni e di altri fattori VAN ,00 Analisi di sensibilità E = 11; int. E = 15; non int. E = costo energia ( c/kwh) , , , , , , , , ,00 anni

23 45 E = costo energia; i = differenziale aumento costo energia VAN , , ,00 Analisi di sensibilità E = 14,5; i = 0,5 E = 12; i = 4, , , , , , Anni , ,00 46 Fabbrica laterizi - Esempio di piano investimenti per il Resp. Energia precedenza ai progetti con VAN maggiore Investimento (k ) Risparmio (k /a) T.R. = Tempo di Ritorno VAN (k ) T.R. (a) VAN / I N Intervento 1 Produzione vapore per essiccatoi con recupero calore dai fumi forni ,75 3,4 2 Cogenerazione ,5 0,7 3 Preriscaldo aria comburente forni ,6 1,1 4 Ottimizzazione contratto elettrico nullo 2,7 20 n.d. n.d. 5 Recupero aria calda da locale forni per riscaldamento ambienti Razionalizzazione recupero condense ,6 4 0,9 7 Illuminazione ambienti ,67 3,6 8 Programmazione carichi elettrici ,7 0,15 9 Regolazione caldaia 1 0,5 2,9 2 2,9 TOTALI ,2 1118,5 3,14 1,53

24 47 Piano ordinato degli investimenti Limitazione del Capitale - Se il fattore limitante è la disponibilità di capitale, dovremo sempre dimensionare i progetti in modo da massimizzare il VAN; poi, però, i progetti andranno riclassificati non secondo il VAN, ma secondo l'indice VAN/I 0 e verranno preferiti gli interventi a maggior indice VAN/I 0 Investimento Risparmio VAN T.R. N Intervento (k ) (k /a) (k ) (a) VAN / I 4 Ottimizzazione contratto elettrico nullo 2,7 20 n.d. n.d. 8 Illuminazione ambienti ,67 3,6 3 Produzione vapore con recupero calore dai fumi forni ,75 3,4 1 Regolazione caldaia 1 0,5 2,9 2 2,9 7 Preriscaldo aria comburente forni ,6 1,1 9 Recupero aria calda da locale forni per riscaldamento ambienti Razionalizzazione recupero condense ,6 4 0,9 2 Cogenerazione ,5 0,7 6 Programmazione carichi elettrici ,7 0,15 TOTALI ,2 1118,5 3,14 1,53 T.R. = Tempo di Ritorno 48 Break-even point (BEP) o investimento totale massimo In questo caso (investimenti per il risparmio energetico) il BEP si identifica con la spesa massima che si intende affrontare avendo fissato a priori: il tasso di sconto del capitale il n massimo di anni in cui si intende recuperare l investimento il risparmio energetico (economico) conseguibile con l investimento in questione. La formula, legata sempre alle formule dell attualizzazione di una serie di flussi di cassa distribuiti nel tempo, è la seguente: I 0 = costo di investimento ( ) s = risparmio nei costi ( ) i = tasso di interesse (%) n = tempo di ammortamento (anni) I n (1 + i) 1 = n i (1 + i) o S

25 49 Esempio Calcolo dell investimento massimo possibile Un nuovo inverter farebbe risparmiare ogni anno in costi di elettricità. L investimento deve venire ammortizzato in cinque anni e il tasso d interesse è del 7%. A quanto ammonta il costo massimo accettabile dell inverter? I o 5 (1 + 0,07) 1 = 0,07 (1 + 0,07) = ,6 Quindi tutte le proposte che costano meno di sono convenienti. 50

26 51 INCENTIVI dal 2013 alle RINNOVABILI ELETTRICHE FOCUS su BIOMASSE & BIOGAS I punti principali del DM 6 luglio 2012 In questo nuovo decreto rinnovabili si parla pur sempre di incentivi alla produzione di energia elettrica 52 QUALI IMPIANTI RICADONO NEL DM 6 LUGLIO 2012 Accedono agli incentivi con le modalità e alle condizioni fissate dal decreto gli impianti IAFR di potenza non inferiore a 1 kw, che entrano in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2012 e che sono: nuovi, oppure integralmente ricostruiti, oppure riattivati, oppure oggetto di intervento di potenziamento o di rifacimento. Sono esclusi gli impianti fotovoltaici incentivati secondo il V Conto Energia

27 53 TRANSIZIONE DAL VECCHIO AL NUOVO MECCANISMO ( ) Le regole di transizione si applicano agli impianti che entrano in esercizio entro il 30 aprile 2013 e che hanno ottenuto l autorizzazione entro l'11 luglio 2012 (entrata in vigore del Dm) NB: impianti alimentati da rifiuti con frazione biodegradabile forfettaria: entrata in esercizio entro 30 giugno 2013 Agli impianti si applicano i coefficienti CV e le tariffe onnicomprensive attualmente in vigore, ma ridotti del 3% al mese a decorrere da gennaio 2013 NB: impianti alimentati da rifiuti con frazione biodegradabile forfettaria : riduzione da maggio DURATA DEGLI INCENTIVI (VITA TECNICA) Per le tipologie e le taglie di impianti qui trattati il DM 6 luglio 2012 prevede l incentivazione per 20 anni

28 55 Fatti salvi gli impianti che accedono direttamente agli incentivi, i valori di soglia indicano la modalità secondo la quale si applica il meccanismo incentivante: al di sotto si accede agli incentivi tramite iscrizione al registro, al di sopra si accede tramite asta. Per le diverse fonti i valori di soglia sono: fonte idroelettrica 10 MW (potenza nominale di concessione) fonte geotermoelettrica tutte le altre fonti 5 MW 20 MW Noi qui trattiamo gli impianti che accedono direttamente agli incentivi (quindi addirittura sotto la soglia di accesso ai Registri) 56 ACCESSO DIRETTO ALL INCENTIVAZIONE (1) Possono accedere senza esclusioni e senza necessità di iscrizione ai registri gli impianti di potenza nominale inferiore a quella prevista per ogni specifica tecnologia: 1. eolico e fonte oceanica >> potenza fino a 60 kw 2. idroelettrico >> potenza nominale di concessione fino a 50 kw (soglia elevata a 250 kw in casi particolari) 3. biomassa da prodotti e sottoprodotti di Tab. 1-A >> potenza fino a 200 kw 4. biogas >> potenza fino a 100 kw;

29 57 ACCESSO DIRETTO ALL INCENTIVAZIONE (2) e, inoltre: 5. impianti oggetto di potenziamento, se il divario di potenza prima e dopo l'intervento non è superiore ai valori indicati per ciascuna fonte 6. gli impianti oggetto di rifacimento di potenza complessiva post intervento non superiore ai valori indicati per ciascuna fonte 7. gli impianti realizzati con procedure ad evidenza pubblica da Amministrazioni pubbliche, di potenza fino al doppio dei valori indicati per ciascuna fonte 8. gli impianti previsti dai progetti di riconversione del settore bieticolosaccarifero 58 TIPOLOGIE DI ALIMENTAZIONE IMPIANTI A BIOMASSE E BIOGAS a) prodotti di origine biologica ( Tipo A ); b) sottoprodotti di origine biologica di cui alla Tab. 1-A( Tipo B ); c) rifiutiper i quali la frazione biodegradabile èdeterminata forfetariamente con le modalità di cui all'allegato 2 ( Tipo C ); d) rifiutinon provenienti da raccolta differenziata diversi dalla lettera c)e la frazione organica dei rifiuti urbani (FORSU) utilizzata in ingresso agli impianti a biogas ( Tipo D );

30 59 LE DIFFERENZE CON IL SISTEMA ATTUALE Fino ad oggi:tariffa onnicomprensiva (incentivo + acquisto dell energia) solo per impianti fino a 1 MW; oltre quella soglia intervengono i Certificati Verdi. Nel nuovo sistema: rimane, fino alla potenza di 1 MW, l opzionetariffa onnicomprensiva(il GSE ritira e acquista l energia), oltre 1 MW,il GSE non acquista piùl energia, ma attribuisce esclusivamente la quota di incentivo, lasciando la proprietà dell energia al produttore, che la vende autonomamente sul mercato libero (IPEX). 60 RITIRO DEDICATO E SCAMBIO SUL POSTO Le formule di: 1. Ritiro dedicato (vendita semplificata di elettricità alla rete) 2. Scambio sul posto sono alternative (cioè non più compatibili) con il sistema incentivante previsto dal decreto La disciplina dello Scambio sul posto verrà riformulata dall AEEG entro 120 giorni dall entrata in vigore del decreto (8 novembre 2012), con la finalità precisata della semplificazione.

31 61 INCENTIVI BIOGAS (vita utile impianto 20 anni) Fonte Potenza kw Tariffa base A) prodotti di origine biologica 1 < P < P < P < P B) sottoprodotti origine biologica e rifiuti non lettera c) C) rifiuti con frazione biodegradabile riconosciuta forfettariamente P > < P < P < P < P P > < P < P P > INCENTIVI BIOMASSE (vita utile impianto 20 anni) Fonte Potenza kw Tariffa base Tipo A) prodotti di origine biologica 1 < P Tipo B) sottoprodotti origine biologica e rifiuti non lettera c) Tipo C) rifiuti con frazione biodegradabile riconosciuta forfettariamente 300 < P < P P > < P < P < P P > < P P >

32 63 INCENTIVI BIOLIQUIDI SOSTENIBILI (vita utile impianto 20 anni) Potenza kw Tariffa incentivante base 1 < P P > Art. 8 - (Disposizioni specifiche per gli impianti alimentati da biomassa, biogas, e bioliquidi sostenibili) 1. Per gli impianti alimentati da bioliquidi sostenibili, l accesso ai meccanismi di incentivazione di cui al presente decreto è subordinato al rispetto e alla verifica dei criteri di sostenibilità, da effettuarsi con le modalità di cui all articolo 38 del Dlgs n. 28 del COME INDIVIDUARE LA TARIFFA DI RIFERIMENTO La tipologia di alimentazione deve essere chiaramente indicata nell autorizzazione dell impianto, altrimenti il GSE assegna quella più bassa possibile. Se l'autorizzazione prevede più di una tipologia di alimentazione, il GSE attribuisce all'intera produzione la tariffa di minor valore fra quelle riferibili alle tipologie utilizzate. Eccezione: gli impianti <1 MW possono utilizzare biomasse di Tipo A, cioè prodotti (max 30% in peso) e di Tipo B, cioè sottoprodotti - in miscela - ottenendo la tariffa di questi ultimi (più alta).

33 65 PREMIO RIDUZIONE EMISSIONI INQUINANTI E assegnato un premio di 30 /MWh per impianti di qualsiasi potenza alimentati con biomasse di "Tipo A" e/o di "Tipo B, che soddisfano i requisiti di emissione in atmosfera riportati nella tabella dell'all.to 5 del Decreto. Inquinante Valore limite (mg/nm 3 ) Impianti < 6 MWt di Potenza Termica Nominale NOx (espressi come NO 2 ) NH 3 (*) CO SO 2 COT Polveri (*) Nel caso di utilizzo di una tecnica di abbattimento ad urea o ammoniaca (SCR, SNCR), negli impianti ove è previsto il controllo in continuo degli NOx, dovrà essere installato lo specifico analizzatore di NH 3. Un decreto stabilirà le modalità con le quali le competenti ARPA verificano e comunicano al GSE il rispetto delle condizioni per l accesso al premio. Il GSE eroga l incentivo minimo spettante e corrisponde gli incrementi previsti a conguaglio. 66 PREMIO COGENERAZIONE ALTO RENDIMENTO Agli impianti alimentati con biomasse di "Tipo A, biogas di "Tipo A"o bioliquidisostenibili, èassegnato un premio di 40 /MWhse gli impianti operano in regime di Cogenerazione Alto Rendimento (CAR). Il premio scende a 10 /MWhse gli impianti operanti in regime di cogenerazione ad alto rendimento sono alimentati con biomasse di "Tipo B" e/odi "Tipo C" o conbiogas di "Tipo B" e/o di "Tipo C". Il GSE applica il premio alla sola produzione netta riconosciutacome energia elettrica cogenerata (DM 4 agosto 2011).

34 67 PREMIO COGENERAZIONE ALTO RENDIMENTO + TELERISCALDAMENTO Agli impianti alimentati con biomasse di "Tipo b" è assegnato un premio di 40 /MWh se gli impianti operano in regime di cogenerazione ad alto rendimento ed utilizzano il calore cogenerato per teleriscaldamento. Il GSE applica il premio alla sola produzione netta riconosciuta come energia elettrica cogenerata (DM 4 agosto 2011). Attenzione: questo premio non è cumulabile con quello per la CAR descritto al punto precedente. 68 PREMIO RECUPERO 60% AZOTO + CAR E assegnato un ulteriore premio di 30 /MWh agli impianti a biogas operanti in regime di cogenerazione ad alto rendimento, che prevedono il recupero dell'azoto dalle sostanze trattate con la finalità di produrre fertilizzanti, a condizione che: a) il titolare presenti una comunicazione di spandimento... che preveda una rimozione di almeno il 60% dell'azoto totale in ingresso all'impianto; b) sia verificata la conformità dei fertilizzanti prodotti... e sia questi che il loro produttore siano iscritti ai rispettivi registri (Dlgs 75/2010); c) la produzione del fertilizzante non preveda apporti energetici termici da fonti non rinnovabili; d) le vasche di stoccaggio del digestato e quelle di alimentazione dei liquami in ingresso siano dotate di copertura impermeabile; e) il recupero dell'azoto non comporti emissioni di ammoniaca o altri composti ammoniacali in atmosfera.

35 69 PREMIO RECUPERO 30% AZOTO + CAR In alternativa, per impianti a biogas fino a 600 kw: E assegnato un premio di 20 /MWh agli impianti operanti in regime di CAR, che recuperano l'azoto dalle sostanze trattate con la finalità di produrre fertilizzanti, a condizione che: attraverso la produzione di fertilizzante sia realizzato un recupero del 30% dell'azoto totale in ingresso all'impianto; le vasche di stoccaggio del digestato e quelle di alimentazione dei liquami in ingresso siano dotate di copertura impermeabile; il recupero dell'azoto non comporti emissioni di ammoniaca o altri composti ammoniacali in atmosfera. 70 PREMIO RECUPERO 40% AZOTO E assegnato un premio di 15 /MWh agli impianti (< 600 KW) anche non operanti in regime di CAR che recuperano l'azoto dalle sostanze trattate con la finalità di produrre fertilizzanti, a condizione che: a) attraverso la produzione di fertilizzante si realizzi la rimozione del 40% dell'azoto totale in ingresso all'impianto; b) le vasche di stoccaggio del digestato e di alimentazione dei liquami in ingresso siano dotate di copertura impermeabile; c) il recupero dell'azoto non comporti emissioni di ammoniaca o altri composti ammoniacali in atmosfera.

36 71 CARATTERISTICHE PREMIALITA AZOTO Tutti e tre i premi precedentemente descritti sono tra loro alternativi e quindi non cumulabili. Il MIPAAF, avvalendosi di AGEA, dovrà predisporre procedure semplificate per verificare il rispetto delle condizioni previste. Il GSE eroga l incentivo minimo spettante e corrisponde gli incrementi previsti a conguaglio, a seguito di comunicazione di esito positivo dei controlli e delle verifiche definite dalla procedura MIPAAF. Autoconsumo standardizzato per servizi ausiliari, perdite nei trasformatori e perdite di linea 72 Valori espressi in termini percentuali sull'energia elettrica prodotta lorda

37 73 Costi Una Tantum: GSE 2. I soggetti che richiedono l accesso ai meccanismi di incentivazione di cui al presente decreto devono corrispondere al GSE un contributo per le spese di istruttoria. Il contributo è pari alla somma di una quota fissa, stabilita in 100 euro, più una quota variabile sulla base della potenza dell impianto, come di seguito indicata: a) 80 per gli impianti di potenza > 50 kw e < 200 kw; b) 500 per gli impianti di potenza > 200 kw e non superiore a 1 MW; c) 1320 per gli impianti di potenza > 1 MW e non superiore a 5 MW; d) 2200 per gli impianti di potenza superiore a 5 MW. Oneri gestione GSE: 0,05 c per ogni kwh incentivato 74 Tabella 1.A - ELENCO SOTTOPRODOTTI/RIFIUTI UTILIZZABILI NEGLI IMPIANTI A BIOMASSE E BIOGAS 1. Sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano - Reg. Ce 1069/2009 classificati di Cat. 3 (con specifiche di utilizzo previste nel regolamento stesso e nel regolamento CE n. 142/2011): carcasse e parti di animali macellati non destinati al consumo umano per motivi commerciali; prodotti di origine animale o prodotti alimentari contenenti prodotti di origine animale non più destinati al consumo umano per motivi commerciali o a causa di problemi di fabbricazione o difetti che non presentano rischi per la salute pubblica o degli animali; sottoprodotti di origine animale derivanti dalla fabbricazione di prodotti destinati al consumo umano, compresi ciccioli, fanghi da centrifuga o da separatore risultanti dalla lavorazione del latte; sangue che non presenti alcun sintomo di malattie trasmissibili all uomo o agli animali; tessuto adiposo di animali che non presenti alcun sintomo di malattie trasmissibili all uomo o agli animali; rifiuti da cucina e ristorazione; sottoprodotti di animali acquatici;

38 75 Tabella 1.A - ELENCO SOTTOPRODOTTI/RIFIUTI UTILIZZABILI NEGLI IMPIANTI A BIOMASSE E BIOGAS classificati di Cat. 2 (con specifiche di utilizzo previste nel regolamento stesso e nel regolamento CE n. 142/2011 ) stallatico (escrementi e/o urina di animali, guano non mineralizzato, ecc.); tubo digerente e suo contenuto; Farine di carne e d ossa ; sottoprodotti di origine animale raccolti nell ambito del trattamento delle acque reflue a norma delle misure di attuazione adottate conformemente all articolo 27, primo comma, lettera c): da stabilimenti o impianti che trasformano materiali di categoria 2; o da macelli diversi da quelli disciplinati dall articolo 8, lettera e); Tutti i sottoprodotti classificati di Cat.1 ed elencati all articolo 8 del regolamento CE n. 1069/2009 (con specifiche di utilizzo previste nel regolamento stesso e nel regolamento CE n. 142/2011) 76 Tabella 1.A - ELENCO SOTTOPRODOTTI/RIFIUTI UTILIZZABILI NEGLI IMPIANTI A BIOMASSE E BIOGAS 2. Sottoprodotti provenienti da attività agricola, di allevamento, dalla gestione del verde e da attività forestale effluenti zootecnici; paglia; pula; stocchi; fieni e trucioli da lettiera. residui di campo delle aziende agricole; sottoprodotti derivati dall espianto; sottoprodotti derivati dalla lavorazione dei prodotti forestali; sottoprodotti derivati dalla gestione del bosco; potature, ramaglie e residui dalla manutenzione del verde pubblico e privato.

39 77 Tabella 1.A - ELENCO SOTTOPRODOTTI/RIFIUTI UTILIZZABILI NEGLI IMPIANTI A BIOMASSE E BIOGAS 3. Sottoprodotti provenienti da attività alimentari ed agroindustriali sottoprodotti della trasformazione del pomodoro (buccette, bacche fuori misura, ecc.); sottopr. d. trasformaz. delle olive (sanse, sanse di oliva disoleata, acque di vegetazione); sottopr. d. trasformaz. dell uva (vinacce, graspi, ecc.); sottopr. d. trasformaz. della frutta (condizionamento, sbucciatura, detorsolatura, pastazzo di agrumi, spremitura di pere, mele, pesche, noccioli, gusci, ecc.); sottopr. d. trasformaz. di ortaggi vari (condizionamento, sbucciatura, confezionamento, ecc.); sottopr. d. trasformaz. delle barbabietole da zucchero (borlande; melasso; polpe di bietola esauste essiccate, suppressate fresche, suppressate insilate ecc.); sottopr. derivati dalla lavorazione del risone (farinaccio, pula, lolla, ecc.); sottopr. d. lavoraz. dei cereali (farinaccio, farinetta, crusca, tritello, glutine, amido, semi spezzati, ecc.); sottopr. d. lav. di frutti e semi oleosi (panelli di germe di granturco, lino, vinacciolo, ecc.); panello di spremitura di alga; sottopr. industria della panificazione, della pasta alimentare, dell industria dolciaria (sfridi di pasta, biscotti, altri prodotti da forno, ecc.); sottoprodotti della torrefazione del caffè; sottoprodotti della lavorazione della birra; 78 Tabella 1.A - ELENCO SOTTOPRODOTTI/RIFIUTI UTILIZZABILI NEGLI IMPIANTI A BIOMASSE E BIOGAS 4. Sottoprodotti provenienti da attività industriali sottoprodotti della lavorazione del legno per la produzione di mobili e relativi componenti.

40 79 Tabella 1-B Elenco prodotti di cui all articolo 8, comma 6, lettera b) 80 Tabella 1-B Elenco prodotti di cui all articolo 8, comma 6, lettera b)

41 81 Tabella 1-B Elenco prodotti di cui all articolo 8, comma 6, lettera b) 82 Detrazioni 50 e 55 % Informazioni tratte dal sito di Edizioni AmbienteSrl, Milano, specializzato nella legislazione, nelle procedure autorizzativee nelle forme di incentivazione delle fonti rinnovabili e del risparmio energetico

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

FAQ (domande più frequenti)

FAQ (domande più frequenti) FAQ (domande più frequenti) N.B. Le FAQ sotto riportate derivano dalle risposte effettivamente fornite da ENEA ai vari richiedenti nell'arco degli ultimi anni. Sono basate sull'esperienza del nostro Gruppo

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento gennaio 2014 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento ottobre 2013 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli