Nuove tecnologie e tutela della riservatezza nei rapporti di lavoro. New Technologies and privacy protection in working relationship

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuove tecnologie e tutela della riservatezza nei rapporti di lavoro. New Technologies and privacy protection in working relationship"

Transcript

1 LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI STUDI IN SCIENZE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI CATTEDRA DI DIRITTO DEL LAVORO Nuove tecnologie e tutela della riservatezza nei rapporti di lavoro New Technologies and privacy protection in working relationship RELATORE Prof.ssa Valentina Lostorto CORRELATORE Prof. Carlo Gelosi CANDIDATO Federico Bernabei Matricola 08059/400 ANNO ACCADEMICO

2 INDICE INTRODUZIONE... 6 CAPITOLO PRIMO I. LA RIVOLUZIONE INFORMATICA NEI LUOGHI DI LAVORO. 9 I.1. Premessa I.2. Dalla rivoluzione informatica alla privacy. 11 CAPITOLO SECONDO II. DISCIPLINA SULLA RISERVATEZZA NEI RAPPORTI DI LAVORO.. 19 II.1. La normativa in ambito europeo II.1.1. Direttiva 95/46/CE del Parlamento europeo. 26 II.1.2. I documenti del gruppo di lavoro dei garanti europei per la tutela della privacy II.2. Il quadro normativo italiano.. 35 II.2.1. La Costituzione II.2.2. Lo Statuto dei Lavoratori

3 II Il controllo a distanza disciplinato dall art. 4 dello Statuto.48 II.2.3. La Legge 675/96.56 II.2.4 Codice in materia di protezione dei dati personali 66 II.2.5. Dal quadro normativo agli aspetti più tecnici dei monitoraggi sui luoghi di lavoro 84 CAPITOLO TERZO III. MONITORAGGI SUI LUOGHI DI LAVORO.. 86 III.1. Inquadramento del complesso problema.. 86 III.1.1. Le linee guida del Garante per la posta elettronica ed internet.. 92 III.1.2. La sentenza della Corte Europea dei Diritti dell Uomo del 3 aprile III.1.3. Riferimento al modello USA. 105 III.2. Accesso ad internet 111 III.3.Utilizzo della posta elettronica III.4. I controlli mediante rilevazioni biometriche

4 III.5. Similitudini e differenze nella tutela della riservatezza informatica tra Amministrazioni Pubbliche ed organizzazioni private 147 III.5.1. La posta elettronica come strumento di notifica di procedimenti disciplinari nei confronti dei dipendenti pubblici III.6. Le sanzioni a carico del datore di lavoro CAPITOLO QUARTO IV. TUTELA DELLA RISERVATEZZA NEI PRINCIPALI ORDINAMENTI GIURIDICI EUROPEI..163 IV.1.In Francia IV.2. In Inghilterra.166 IV.3. In Olanda 169 IV.4. In Germania CONCLUSIONI

5 ABSTRACT 176 ENGLISH ABSTRACT.178 BIBLIOGRAFIA.183 5

6 INTRODUZIONE Da anni stiamo assistendo ad un processo di profonda trasformazione dovuto allo sviluppo di nuove tecnologie informatiche che, se da un lato rivoluzionano in modo positivo moltissimi settori della nostra società, potenziando e migliorando la quasi totalità delle attività, dall altro ampliano il conflitto, da sempre esistito, tra libero flusso delle informazioni e riservatezza della vita privata. Le nuove applicazioni delle tecnologie informatiche consentono, infatti, forme di sorveglianza, di raccolta delle informazioni, di aggregazione, scomposizione e ricomposizione delle stesse molto dettagliate, il che provoca un sensibile disagio nel lavoratore. Difatti, lo sviluppo e il continuo evolversi della tecnologia consente oggi di avere sempre nuovi strumenti non solo per lo svago e il tempo libero, ma anche e soprattutto strumenti di lavoro all avanguardia che, posti dalle aziende a disposizione dei propri dipendenti, rendano possibile l aumento la produttività e l efficienza. Internet, , palmari, cellulare, ma anche centralini telefonici super computerizzati, sistemi di localizzazione satellitare, etc. spesso 6

7 costituiscono importanti strumenti di lavoro a disposizione del dipendente; con questi il datore di lavoro può facilmente sorvegliare l attività di chi li utilizza. Dal punto di vista giuridico, a confronto ci sono due importanti diritti. Da una parte, il diritto del datore di lavoro di esercitare un certo potere di controllo, nel senso che è legittimato a verificare il corretto andamento dell organizzazione produttiva e, quindi, anche lo svolgimento dell attività lavorativa. Dall altra, il diritto del lavoratore a non essere leso nella propria dignità, libertà e riservatezza. In tal senso, una giusta via di mezzo tra i due diversi interessi sta nella possibilità, grazie alla moderna tecnologia, di bloccare l accesso, via internet, a siti non autorizzati o filtrare le s ricevute dai dipendenti. Difatti, l adozione di accorgimenti tecnici di cosiddetto filtraggio consentono il venir meno della stessa esigenza di effettuare controlli con riferimento a quei comportamenti indesiderati che vengono conseguentemente resi a priori irrealizzabili. Nella casistica delle operazioni di controllo, poste in essere dal datore di lavoro, che possono essere ritenute in contrasto con la tutela della riservatezza e della privacy rientra anche l interessante caso dell utilizzo di apparecchiature finalizzate alla rilevazione delle impronte digitali, c.d. rilevatore biometrico, o di altri analoghi sistemi. I sistemi biometrici sono applicazioni di tecnologie biometriche che consentono l identificazione e l autenticazione automatica di un individuo 7

8 Il legislatore è più volte intervenuto a dettare una disciplina che realizzasse un contemperamento tra gli interessi ed i diritti di entrambe le parti coinvolte nel rapporto di lavoro (datore di lavoro e lavoratore). Pur considerando che la legislazione sulla privacy è di matrice europea e, dunque, che i principi fondamentali sulla tutela dei dati personali, anche sul luogo di lavoro, sono applicati in tutti i paesi della Comunità, occorre porre in evidenza il fatto che in questo campo specifico l Italia ha una marcia in più: lo Statuto dei lavoratori, strumento straordinariamente avanzato per la tutela dei diritti dei lavoratori che riesce pertanto ad essere ancora attuale. Inoltre, nel corso degli anni si è provveduto a rafforzare il lato debole dello Statuto con l adozione della legge 675/96, dei successivi decreti legislativi e, infine, con l emanazione del Codice della privacy che ha il grande merito di avere raccolto in modo organico e sistematico tutte le norme in materia di dati personali e, nello stesso tempo, di avere introdotto una serie di norme capaci di bilanciare la diffusione delle nuove tecnologie con la tutela della privacy di cittadini ed imprese, che un uso indiscriminato delle stesse avrebbe potuto mettere in pericolo. Oltre a ciò il Garante della privacy ha dato vita in questi anni ad una significativa esperienza umana e professionale per alimentare la cultura della protezione dei dati personali. 8

9 CAPITOLO PRIMO I. LA RIVOLUZIONE INFORMATICA NEI LUOGHI DI LAVORO. I.1. Premessa. Da anni stiamo assistendo ad un processo di profonda trasformazione dovuto allo sviluppo di nuove tecnologie informatiche che, se da un lato rivoluzionano in modo positivo moltissimi settori della nostra società, potenziando e migliorando la quasi totalità delle attività, dall altro ampliano il conflitto, da sempre esistito, tra libero flusso delle informazioni e riservatezza della vita privata. In effetti, i nuovi strumenti digitali 1 rischiano di permettere in modo più agevole l invasione, da parte di terzi, di territori che fino ad ora si consideravano come indiscutibili spazi riservati al singolo individuo. Le nuove applicazioni delle tecnologie informatiche consentono, infatti, forme di sorveglianza, di raccolta delle informazioni, di 1 Per un approfondimento sul punto si veda: Borruso R., Glossario di diritto delle nuove tecnologie e dell'e-government, Milano,

10 aggregazione, scomposizione e ricomposizione delle stesse molto dettagliate, il che provoca un sensibile disagio nel lavoratore. 2 Lo sviluppo ed il continuo evolversi della tecnologia consente oggi di avere sempre nuovi strumenti non solo per lo svago e il tempo libero. Il riconoscimento di un diritto di tutela della riservatezza informatica, ossia la segretezza dei propri dati personali, non si può tradurre però in un divieto di trattamento di tali dati perché questo sarebbe in contrasto con il diritto all informazione o con il potere direttivo del datore di lavoro 3. Inoltre, benché potenzialmente invasive della sfera personale, la raccolta e l elaborazione dei dati sono, allo stesso tempo, operazioni di grande utilità per il perseguimento di finalità tra le più diverse e comunque degne di tutela, ma anche e soprattutto strumenti di lavoro all avanguardia che, posti dalle aziende a disposizione dei propri dipendenti, rendano possibile l aumento di produttività e di efficienza. Internet, , palmari, cellulare, ma anche centralini telefonici super computerizzati, sistemi di localizzazione satellitare, etc. spesso costituiscono importanti strumenti di lavoro a disposizione del dipendente; con questi il datore di lavoro può facilmente sorvegliare l attività di chi li utilizza. Resta il fatto che, anche se lo sviluppo 2 L autorità Garante francese (Commision Nationale de l Informatique et des Libertes-CNIL) ha sottolineato, nel ventesimo Rapport d activitè 1999 che l introduzione massiccia delle nuove tecnologie nell impresa può fare del lavoratore un lavoratore sotto sorveglianza il citato rapporto è consultabile alla pagina web 3 Al datore di lavoro è attribuito il potere di individuare le mansioni che il lavoratore è obbligato ad eseguire otre ad un potere di controllo e vigilanza sul comportamento tenuto dal lavorato medesimo. Tutto ciò rientra nel potere direttivo riconosciuto dall ordinamento in capo al datore di lavoro. Il diritto di informazione è sancito dall art. 21 della Costituzione italiana e concerne un diritto ad informare ed un diritto ad essere informati su fatti ed avvenimenti di pubblico interesse. 10

11 tecnologico consente certe forme di sorveglianza, ciò non significa che il loro uso sia lecito alla stregua dei principi normativi. Dal punto di vista giuridico, a confronto vi sono due importanti diritti. Da una parte, il diritto del datore di lavoro di esercitare un certo potere di controllo, nel senso cheegli è legittimato a verificare il corretto andamento dell organizzazione produttiva e, quindi anche lo svolgimento dell attività lavorativa. Dall altra, il diritto del lavoratore a non essere leso nella propria dignità, libertà e riservatezza. La questione al centro del dibattito, non sempre di facile soluzione, è stabilire in che misura possa il datore di lavoro controllare il corretto utilizzo di quegli strumenti tecnologici di lavoro che mette a disposizione del dipendente ed, eventualmente, sanzionarne l uso non corretto. In altri termini, capire fin dove sia lecito il potere di controllo del datore di lavoro e quando, viceversa, esso sia lesivo della riservatezza del lavoratore. I.2. Dalla rivoluzione informatica alla privacy. In questo scenario complessivo, il mondo della produzione e del lavoro, il settore della vita sociale che più e più rapidamente recepisce 11

12 il progresso tecnologico, è stato investito da un ondata innovativa senza precedenti 4. La c.d. Rivoluzione informatica 5 è da tempo entrata in un processo evolutivo particolarmente accelerato, investendo tutti gli aspetti dei processi di produzione: il sistema di produzione in senso stretto, le tecniche di programmazione e di organizzazione dell attività lavorativa, le condizioni di vita materiali e morali dei lavoratori nei luoghi di lavoro. In relazione all attività lavorativa la tecnologia informatica si presenta sotto il duplice aspetto di tecnologia di produzione, e di tecnologia di gestione, utilizzata per l elaborazione delle decisioni, la direzione del lavoro altrui e la risoluzione dei problemi. La stima del suo valore è quindi da ricondursi, da un lato, alla maggiore efficienza dei macchinari adoperati come strumenti di lavoro, dall altro, alla più completa e rapida interazione tra i processi decisionali e quelli operativi 6. Oggi non può essere tralasciata neanche la funzione di vigilanza e controllo realizzata con la tecnologia informatica, valido strumento in mano al datore di lavoro per vigilare sui suoi processi produttivi. La rivoluzione informatica che inaugura l era dell accesso alle reti e alla comunicazione globale, si consuma tutta tra il 1945 e il Qui 4 De Luca Tamajo R., Nuove tecnologie e tutela della riservatezza dei lavoratori, Milano, pag La rivoluzione informatica o tecnologica odierna ha avuto inizio e si è sviluppata all interno della precedente epoca industriale sino a stabilirsi come elemento dominante e strutturale di un nuovo tipo di società avente propria identità e caratteristiche, da alcuni definita come società dell informazione. In tal modo si esprime De Luca Tamajo R., op cit. pag In questo senso: Ciborra C. Maggiolini P., Informatica e organizzazione: una introduzione all approccio sociologico, in studi organizzativi,

13 le date in cui vengono scoperte nuove tecnologie, nuovi utilizzi, si addensano: non solo vanno ad anni, ma a mesi e giorni dello stesso mese. Quel che succede dopo 1985 è un velocissimo processo di espansione, una campagna di conquista dell intero pianeta e di tutte le coscienze del mondo che già può dirsi concluso. Oltre la soglia del 1985 le date si contano a centinaia con cadenza quotidiana e sfuggono al controllo, alla selezione e a ogni sorta di gerarchia. La rivoluzione si ormai è conclusa, ha imposto il suo tempo. Quindi, con la rivoluzione tecnologica 7, è cambiato il modo di lavorare e di produrre negli uffici e nelle fabbriche; nei primi ha preso sempre più piede l office automation 8, cioè l automazione del tradizionale lavoro impiegatizio mediante l adozione di sofisticati meccanismi di immagazzinamento, trattamento e trasmissione delle informazioni, nelle seconde si è diffuso il modello automatico di produzione ed i sistemi computerizzati di progettazione, pianificazione e controllo. L innovazione tecnologica, nell ambito lavorativo, ha prodotto effetti contraddittori sull occupazione, sulla professionalità, sulla salute e sulla riservatezza dei dati personali dei lavoratori. In tutti questi campi conseguenze positive, come la nascita di nuovi settori produttivi e quindi di nuove occasioni lavorative, 7 Un analisi completa delle problematiche generate dalla rivoluzione industriale è offerta da Carinci F., rivoluzione tecnologica e diritto del lavoro, in atti dell VIII Congresso nazionale di diritto del lavoro, Milano, Oppure: Zanelli P., Impresa, lavoro e innovazione tecnologica, Milano, Bracchi G. Dallara M., L automazione dell ufficio, Milano,

14 l arricchimento professionale di alcune mansioni e il miglioramento delle condizioni di vita sui luoghi di lavoro, si accompagnano ad effetti di segno opposto, come la disoccupazione dovuta all automazione di alcune fasi del processo produttivo, l emersione di patologie da lavoro informatico e la perdita del controllo sulla riservatezza dei dati personali. Proprio quest ultimo tema possiede da sempre una precipua rilevanza nel diritto del lavoro. Inoltre, è innegabile che l argomento venga oggi investito da nuove suggestioni e problematicità, non tanto per le enormi potenzialità di rilevazione, di elaborazione e di memoria delle tecnologie elettroniche, quanto perché la frequente compenetrazione, sovente inscindibile, tra gli strumenti stessi del lavoro informatico e gli apparecchi di controllo dei lavoratori rischia di delineare una drastica alternativa tra la conservazione delle garanzie di riservatezza del lavoratore e il potere di controllo riconosciuto in capo al datore di lavoro 9. Tale contenzioso riflette una più generale e forse esasperata contrapposizione valutativa tra modelli culturali antagonistici emersi a proposito del fenomeno tecnologico-informatico. Su un versante, si delinea infatti un orientamento influenzato da preoccupazioni di stampo garantistico che giungono talora fino alla demonizzazione della rivoluzione elettronica e dei suoi effetti, nel conclamato timore del Grande Fratello che tutto vede e tutto sente 10. Sull altro versante si 9 De Luca Tamajo, op cit. pag Ibidem. 14

15 attesta un incondizionata adesione ai postulati dell informatizzazione delle società e dell azienda e l esaltazione delle nuove tecnologie nonché del diritto del datore di lavoro ad usarle per salvaguardare la propria attività. Siffatto scenario multiforme ha costituito e costituisce un importante argomento di dibattito per il diritto del lavoro anche se per molto tempo ne è rimasto spiazzato; la problematica stava nel fatto che mentre negli anni precedenti gli studiosi del diritto del lavoro avevano tutto il tempo di adeguare le normative alle sporadiche innovazioni tecnologiche, oggi, la velocità espansiva ed evolutiva delle nuove tecnologie non consente un immediato e pronto inquadramento dei problemi da esse indotte 11. Questa rivoluzione informatica ha portato alla nascita e al consolidamento di molti concetti ed istituti nel nostro ordinamento; ad esempio, la privacy è il risultato di quell innovazione tecnologica applicata ai vari settori della vita e costituisce il punto di incontro tra i poteri di intrusione della società e la sfera privata dell individuo. La privacy è riconosciuta come un fondamentale diritto dell uomo e si è ormai affermata come uno dei principali diritti della persona umana nell età moderna. Il concetto legale di privacy è stato sviluppato negli anni 90 del XIX secolo dal giudice della corte suprema degli Stati Uniti, Louis Brandeis, come diritto ad essere lasciato per proprio 11 De Luca Tamajo, op cit. p

16 conto 12. Tale diritto alla privacy si dispiega, dunque, nei rapporti dell individuo nei confronti degli altri con cui si relaziona, nei confronti della P.A., all interno delle organizzazioni e delle formazioni sociali, nei luoghi di lavoro. Proprio quest ultimo aspetto merita di essere approfondito in modo particolareggiato considerato che il settore del lavoro, particolarmente vitale per l uomo, è quello interessato in modo più significativo dalle trasformazioni tecnologiche e, dunque, in esso con più facilità il diritto alla riservatezza potrebbe essere leso 13. Il luogo di lavoro rappresenta lo spazio in cui il soggetto-lavoratore deve potersi muovere con la consapevolezza di non essere leso nella propria riservatezza ed identità e di poter vivere un esistenza libera e dignitosa, così come espressamente previsto da norme costituzionali e di rango primario. Proprio nel tentativo di dare piena attuazione a tali principi di rango costituzionale, nel corso degli anni, il legislatore è più volte intervenuto a dettare una disciplina che realizzasse un contemperamento tra gli interessi ed i diritti di entrambe le parti coinvolte nel rapporto di lavoro (datore di lavoro e lavoratore). Pur considerando che la legislazione sulla privacy è di matrice europea e, dunque, che i principi fondamentali sulla tutela dei dati personali, anche sul luogo di lavoro, sono applicati in tutti i paesi della Comunità, occorre porre in evidenza il fatto che in questo campo specifico l Italia ha una marcia in più: lo 12 Favalli G., Privacy e lavoro, nuovo testo unico sulla privacy e disciplina del rapporto di lavoro, Milano, pag Supra. 16

17 Statuto dei lavoratori 14, strumento straordinariamente avanzato per la tutela dei diritti dei lavoratori che riesce pertanto ad essere ancora attuale. Inoltre, nel corso degli anni si è provveduto a rafforzare il lato debole dello Statuto con l adozione della legge 675/96 15, dei successivi decreti legislativi e, infine, con l emanazione del Codice della privacy 16 che ha il grande merito di avere raccolto in modo organico e sistematico tutte le norme in materia di dati personali e, nello stesso tempo, di avere introdotto una serie di norme capaci di bilanciare la diffusione delle nuove tecnologie con la tutela della privacy di cittadini ed imprese, che un uso indiscriminato delle stesse avrebbe potuto mettere in pericolo. Oltre a ciò il Garante della privacy ha dato vita in questi anni ad una significativa esperienza umana e professionale per alimentare la cultura della protezione dei dati personali. Rispetto a questa incredibile metamorfosi, l Autorità ha agito con l obiettivo di governare, per quanto è possibile, il cambiamento in corso potenziando, nei settori maggiormente esposti, le attività di disciplina, di verifica e di accertamento. Di qui l elevata quantità di pronunce, pareri, provvedimenti emessi in questi ultimi anni e la particolare attenzione rivolta alla tematica riguardante la tutela delle informazioni personali dei lavoratori, che presenta sempre nuove dimensioni e sfaccettature 14 Legge 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei lavoratori), sarà ampiamente trattata nel capitolo II, paragrafo Vedi cap. 2, paragrafo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n Sul punto vedi cap. 2, paragrafo

18 Oltre quello della privacy, anche altri argomenti, anch essi prodotti della rivoluzione informatica, come posta elettronica, computer, internet, sono diventati concetti fondamentali nel diritto del lavoro disciplinati da apposite norme e Codici al fine di trovare un punto di equilibrio tra i ben noti 17 interessi coinvolti. 17 Supra pag

19 CAPITOLO SECONDO II. DISCIPLINA DELLA RISERVATEZZA NEI RAPPORTI DI LAVORO. II.1. La normativa in ambito europeo Il problema dei limiti al potere di controllo del datore di lavoro sui suoi dipendenti è tornato recentemente di grande attualità con l introduzione delle nuove tecnologie in ambito lavorativo. In particolare, un problema oggetto di acceso dibattito in Italia ed in Europa 18 è stato quello del controllo sui lavoratori che si realizza attraverso l uso di computer adoperati dai dipendenti e collegati in rete. Per cui, il tema della tutela della riservatezza nei rapporti di lavoro e, più in generale, della privacy dell individuo trova importanti legittimazioni in ambito europeo e non solo. Il sistema normativo delle garanzie, a tutela del diritto della privacy in Europa, può essere concepito all insegna di un reticolo complesso in cui si intrecciano disposizioni dell Unione, dichiarazioni internazionali, 18 Il dibattito è stato approfondito in un apposito Workshop durante il Convegno dell European Employment Lawyers Association, svoltosi a Madrid il aprile 2002 nonché nel congresso svoltosi ad Atene il maggio 2005 (www.eela.org). 19

20 tradizioni costituzionali comuni degli stati membri e la giurisprudenza della Corte europea di giustizia 19. Già la dichiarazione Universale dei Diritti Umani deliberata nel 1948 dalle Nazioni Unite stabilisce all art. 12: Nessun individuo potrà essere sottoposto ad interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nella sua casa, nella sua corrispondenza, né a lesioni del suo onore e della sua reputazione. Ogni individuo ha diritto ad essere tutelato dalla legge contro tali interferenze o lesioni 20. In Europa il fondamento normativo è dato dall art. 8 della Convenzione per la Protezione dei Diritti dell Uomo e delle Libertà 19 Pagallo U., La tutela della privacy negli Stati Uniti d America ed in Europa: modelli giuridici a confronto, Milano, 2008, pag La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani fu adottata dall'assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre I trenta articoli di cui si compone sanciscono i diritti individuali, civili, politici, economici, sociali, culturali di ogni persona. Vi si proclama il diritto alla vita, alla libertà e sicurezza individuali, ad un trattamento di uguaglianza dinanzi alla legge, senza discriminazioni di sorta, ad un processo imparziale e pubblico, ad essere ritenuti innocenti fino a prova contraria, alla libertà di movimento, pensiero, coscienza e fede, alla libertà di opinione, di espressione e di associazione. Vi si proclama inoltre che nessuno può essere fatto schiavo o sottoposto a torture o a trattamento o punizioni crudeli, disumani o degradanti e che nessuno dovrà essere arbitrariamente arrestato, incarcerato o esiliato. Vi si sancisce anche che tutti hanno diritto ad avere una nazionalità, a contrarre matrimonio, a possedere dei beni. a prendere parte al governo del proprio paese, a lavorare, a ricevere un giusto compenso per il lavoro prestato, a godere del riposo, a fruire di tempo libero e di adeguate condizioni di vita e a ricevere un'istruzione. Si contempla inoltre il diritto di chiunque a costituire un sindacato o ad aderirvi e a richiedere asilo in caso di persecuzione. Molti paesi hanno compendiato i termini della Dichiarazione entro la propria costituzione. Si tratta di una dichiarazione di principi con un appello rivolto all'individuo singolo e ad ogni organizzazione sociale al fine di promuovere e garantire il rispetto per le libertà e i diritti che vi si definiscono. Gli stati membri delle Nazioni Unite non furono tenuti a ratificarla (la dichiarazione non essendo di per sé vincolante), sebbene l'appartenenza alle Nazioni Unite venga di norma considerata un'accettazione implicita dei principi della Dichiarazione. Va sottolineato che in base alla Carta delle Nazioni Unite gli stati membri s'impegnano ad intervenire individualmente o congiuntamente, per promuovere il rispetto universale e l'osservanza dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Questo è un obbligo di carattere legale. La dichiarazione rappresenta un'indicazione autorevole di che cosa siano i diritti umani e le libertà fondamentali. 20

21 Fondamentali 21, che espressamente recita: Ogni persona ha diritto al rispetto della sua vita privata e familiare, del suo domicilio e della sua corrispondenza. Non può esservi ingerenza di una autorità pubblica nell'esercizio di tale diritto a meno che tale ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria per la sicurezza nazionale, per la pubblica sicurezza, per il benessere economico del paese, per la difesa dell'ordine e per la prevenzione dei reati, per la protezione della salute o della morale, o per la protezione dei diritti e delle libertà altrui. Come emerge dal dato letterale, l art. 8 sancisce la inviolabilità della vita privata e familiare dell individuo, nonché del suo domicilio e della sua corrispondenza; la rilevanza fondamentale e, per così dire, pubblica di tale diritto individuale viene ribadita dal comma 2, là dove viene sancito che la compressione di tale diritto inviolabile può essere ammessa solo per ragioni determinate di natura pubblicistica. 22 Oltre all art. 8 cit., anche l art. 10 della Convenzione Europea va nella direzione di tutelare la riservatezza dell individuo, disponendo al comma 1: Ogni persona ha diritto alla libertà d'espressione. Tale diritto include la libertà d'opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza considerazione di frontiera. e, al comma 2: l'esercizio di queste libertà, poiché comporta doveri e responsabilità, può essere sottoposto alle formalità, condizioni, 21 Sottoscritta a Roma il 4 novembre Favalli G., Privacy e lavoro, nuovo testo unico sulla privacy e disciplina del rapporto di lavoro, Milano, 2004, pag

22 restrizioni o sanzioni che sono previste dalla legge e che costituiscono misure necessarie, in una società democratica, per la sicurezza nazionale, per l'integrità territoriale o per la pubblica sicurezza, per la difesa dell'ordine e per la prevenzione dei reati, per la protezione della salute o della morale, per la protezione della reputazione o dei diritti altrui, per impedire la divulgazione di informazioni riservate o per garantire l'autorità e l'imparzialità del potere giudiziario. Successivamente a tale Convenzione, alcune nazioni europee hanno iniziato ad emanare, nel corso degli anni 70, provvedimenti legislativi tendenti ad affrontare le problematiche poste dall utilizzo dei calcolatori o elaboratori 23. Al fine di comporre le asimmetrie delle varie disposizioni nazionali, il Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa 24 ha approvato, in data 22 settembre 1980, un progetto di convenzione intitolato Protezione delle persone dal trattamento automatizzato dei dati a carattere personale 25. Tale Convenzione è poi stata approvata a Strasburgo in data 28 gennaio 1981 dal Consiglio d Europa In ordine a tali provvedimenti normativi nonché in generale per un analisi comparata delle varie disposizioni europee, Losano G., La privacy nelle legislazioni europee, in Matteucci N. (a cura di), Privacy e banche dei dati, Bologna, Il Comitato dei Ministri è l organo decisionale del Consiglio d Europa. È composto dai Ministri degli Esteri di tutti gli Stati membri o dai loro Rappresentanti diplomatici permanenti a Strasburgo. 25 Esplicito per capire il senso di tale convenzione risulta essere l art. 1 che espressamente recita: Scopo della presente Convenzione è quello di garantire, sul territorio di ogni Parte, ad ogni persona fisica, qualunque siano la sua cittadinanza o residenza, il rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, ed in particolare del diritto alla vita privata, nei confronti dell elaborazione automatizzata dei dati di carattere personale che la riguardano ("protezione dei dati"). 26 Favalli G., op. cit., pag

23 Inoltre, merita, a questo punto, di essere ricordata la Raccomandazione n.2 del 1989 del Consiglio d Europa che si basa, a sua volta, sulla sovra citata Convenzione di Strasburgo. Essa, indirizzata sia ai settori pubblici che privati, prende le mosse dalla constatazione della utilizzazione crescente dell informatica nelle relazioni tra datori di lavoro e lavoratori e dei vantaggi che ne derivano, assumendo lo scopo di ridurre al minimo i rischi dell utilizzo dei metodi di elaborazione informatica per i diritti e le libertà fondamentali dei lavoratori, in particolare il rispetto della vita privata. 27 Tale raccomandazione concerne la raccolta e l utilizzazione, con trattamento automatico, dei dati e delle altre informazioni sui dipendenti, secondo i seguenti principi: rispetto della vita privata e della dignità umana dei lavoratori; informazione e consultazione dei lavoratori; raccolta dei dati con il consenso dei lavoratori; registrazione dei dati e utilizzo interno; comunicazione dei dati ai rappresentanti dei lavoratori; limiti alla comunicazione esterna dei dati; divieto di raccolta dei dati particolari; sicurezza e segretezza dei dati; conservazione dei dati. 28 Frutto di questa esperienza normativa è stata la Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea, approvata a Nizza il 7 dicembre Borghi P. Mieli G., Guida alla privacy nel rapporto di lavoro, Roma, 2005, pag Ibidem. 23

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione.

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione. PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY GENERALE RIVOLTA AI NAVIGATORI DEL SITO WWW.ITALIANCONVERTER.IT RESA AI SENSI DELl ART. 13 DEL D.LGS. 196/2003 Il D. Lgs 196/2003, denominato Codice in materia di protezione

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009*

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* PRIVACY E RAPPORTO DI LAVORO Il trattamento dei dati personali dei lavoratori per finalità di gestione del rapporto di lavoro costituisce una tematica molto complessa

Dettagli

Dichiarazione dei diritti in Internet

Dichiarazione dei diritti in Internet Dichiarazione dei diritti in Internet Questo documento costituisce il nuovo testo della Dichiarazione elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet a seguito della consultazione

Dettagli

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria

Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria Il provvedimento e le linee guida del Garante privacy in materia di biometria di Valentina Fiorillo * Lo scorso novembre il Garante per la protezione dei dati personali ha adottato un provvedimento prescrittivo

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA PAG. 1 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Edizione n 0 1 rev. 0 approvata dall Amministratore Unico con delibera del Questo manuale è di proprietà

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS corso di formazione per il personale dell Università e degli Enti convenzionati con il Servizio Catalogo Unico TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.2008 e successive modiche e integrazioni TRATTAMENTO DEI DATI NELLE ISTITUZIONI

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE Il Codice privacy è entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e riunisce in un unico contesto la legge 675/1996 e gli altri decreti legislativi in materia, i regolamenti e i codici

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

PICTURES ON HUMAN RIGHTS

PICTURES ON HUMAN RIGHTS Luciano Nadalini ISBN 978-88-97046-01-1 euro 9,90 (i.i.) 9 788897 046011 CAMERA CHIARA EDIZIONI 4 Articolo 1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 3 del 20/01/2011 Pagina 1 di 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. In ossequio ai principi

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Privacy. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13, D. Lgs. 196/2003. Ultimo aggiornamento: gennaio2015

Privacy. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13, D. Lgs. 196/2003. Ultimo aggiornamento: gennaio2015 Privacy INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13, D. Lgs. 196/2003 Ultimo aggiornamento: gennaio2015 In osservanza a quanto previsto dal Decreto legislativo 30 giugno 2003,

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231)

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231) PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231) Sommario 1 Definizioni 3 2 Finalità 4 3 Ambito di applicazione 4 4 Responsabilità e diffusione

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

QUESTIONARIO. A) Dichiarazione Titolare del Rapporto

QUESTIONARIO. A) Dichiarazione Titolare del Rapporto QUESTIONARIO Adeguata verifica del cliente ai fini della valutazione del livello di rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo (ai sensi dell art. 21 Decreto Legislativo n. 231/2007) Gentile

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

2. Il trat (Indicare le modalità del trattamento: manuale / informatizzato / altro.) FAC-SIMILE

2. Il trat (Indicare le modalità del trattamento: manuale / informatizzato / altro.) FAC-SIMILE B1 Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003 dati comuni Gentile Signore/a, Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 ( Codice in materia di protezione dei dati personali ) prevede la

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Corbetta Provincia di Milano Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto del 5 Novembre 2013 Il presente regolamento entra in vigore il

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI La privacy policy di questo sito INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Perché questo avviso? In questa pagina si descrivono le modalità

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci n. 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: soic814008@istruzione.it

Dettagli

D. Lgs. 231/01 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

D. Lgs. 231/01 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA D. Lgs. 231/01 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA Reggiolo, lì 22-04-2013 1 DEFINIZIONI... 3 2 FINALITÀ... 4 3 AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4 RESPONSABILITÀ E DIFFUSIONE... 4 5 OGGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra PROTOCOLLO D INTESA Tra UNAR Ufficio Nazionale per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull origine etnica PROVINCIA DI MANTOVA E COMUNE

Dettagli

Questionario Operazioni Occasionali

Questionario Operazioni Occasionali Questionario Operazioni Occasionali INDUSTRIAL AND COMMERCIAL BANK OF ICBC Milan Branch informa che ai sensi dell art 15 e 18 del Decreto Legislativo 231/2007 è tenuta all osservanza degli obblighi di

Dettagli

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali"

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali Allegato (Modello privacy) INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali" Con la presentazione delle domande di immatricolazione

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA

PROPOSTA DI DELIBERA COMUNE DI COMO PROPOSTA DI DELIBERA Oggetto: ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA Il consiglio comunale di Como Premesso che: - Con l espressione testamento biologico (o anche

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica. Consorzio PolieCo. Società/Ditta. Referente:

ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica. Consorzio PolieCo. Società/Ditta. Referente: ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica Consorzio PolieCo Società/Ditta Sede Istituto di Credito: BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. Referente: Tel. n... Fax n. Spazio

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

Il trattamento dei dati personali tramite videosorveglianza. Il trattamento dei dati personali tramite videosorveglianza

Il trattamento dei dati personali tramite videosorveglianza. Il trattamento dei dati personali tramite videosorveglianza SOMMARIO Considerazioni introduttive Gli strumenti internazionali di tutela della vita privata La videosorveglianza ai sensi della Direttiva 95/46/CE La videosorveglianza in Italia Considerazioni introduttive

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

141 95127 C A T A N I A

141 95127 C A T A N I A MODELLO INFORMATIVA PRIVACY Informativa ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) La presente per informarla

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

Privatista Domanda d'esame Corso Tradizionale A.A.2008/2009

Privatista Domanda d'esame Corso Tradizionale A.A.2008/2009 Privatista Domanda d'esame Corso Tradizionale A.A.2008/2009 Riservato al protocollo CONSERVATORIO DI MUSICA BRESCIA SEZIONE STACCATA DARFO Prot. N Cat CP Del. Al Sig. Direttore del Conservatorio di Musica

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge n. 300/1970 e all'art. 171 d.lgs. n.

2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge n. 300/1970 e all'art. 171 d.lgs. n. C O N FEDERAZIO NE G ENE RALE ITALIANA D EL LAVO RO Ufficio giuridico e vertenze Roma, 8 luglio 2015 2) PRIMO COMMENTO SULLA REVISIONE ART. 4 STATUTO SU CONTROLLI A DISTANZA (Modifiche all'art. 4, legge

Dettagli

Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali. Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014

Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali. Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014 Il diritto antidiscriminatorio tra norme internazionali, europee e nazionali Chiara Favilli Torino 12 giugno 2014 NORME INTERNAZIONALI Divieto nel godimento degli altri diritti sanciti Autonomo Obblighi

Dettagli

1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6.

1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6. 1 1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6. MODALITA DI SEGNALAZIONE 7. INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D,LGS. 196/2003

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO (Statuto art. 4-5 - 6 7)

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO (Statuto art. 4-5 - 6 7) ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE "FAMIGLIA DI NAZARETH DI TRENTO legge 7 dicembre 2000 n 383 38100 Trento Via Saluga, 7. Tel. 0461 980093 - Fax 0461 260718- E-mail: sacrafamigliatrento@pssf.it DOMANDA

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196.

Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Informazioni in materia di protezione dei dati personali. - Art. 13 del Decreto Legislativo 30 maggio 2003 n. 196. Ai sensi dell articolo 13 del decreto legislativo 30 maggio 203 n.196:

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

Normativa. Autorizzazione n.6 / 2002. al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati

Normativa. Autorizzazione n.6 / 2002. al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati Il Garante Autorizzazioni generali Autorizzazione n.6 / 2002 al trattamento di alcuni dati sensibili da parte degli investigatori privati Versione ottimizzata per la stampa In data odierna, con la partecipazione

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Autorità di Vigilanza: Ministero della Giustizia

AVVISO PUBBLICO. Autorità di Vigilanza: Ministero della Giustizia AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI SUPPORTO TECNICO ALLA SEGRETERIA DELL ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E FORESTALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

Si basano La loro premessa fondamentale è Sono chiamati diritti umani perché

Si basano La loro premessa fondamentale è Sono chiamati diritti umani perché I diritti umani Umano: Membro della specie Homo sapiens; un uomo, donna o bambino; una persona. Diritti: Cose che ti spettano o che ti sono concesse; libertà che sono garantite. Diritti umani: I diritti

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA CODICE ETICO 1. PREMESSA 1.1.L Istituto Universitario di Studi Europei (di seguito l Istituto ) è un'associazione senza scopo di lucro che ha ottenuto dalla Regione Piemonte l'iscrizione nel registro regionale

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 22.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 339/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1210/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 relativo all autenticazione

Dettagli

(ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196: D.Lgs. 196/2003 )

(ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196: D.Lgs. 196/2003 ) INFORMATIVA (ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196: D.Lgs. 196/2003 ) Ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 recante il codice in materia di protezione dei dati personali,

Dettagli

CODICE PRIVACY & CAD:

CODICE PRIVACY & CAD: DR. ERIC FALZONE PADOVA 04 Dicembre 2006 CODICE PRIVACY & CAD: La Privacy nel Codice dell Amministrazione Digitale INDICE INTRODUZIONE I IL RUOLO DELLA DISCIPLINA PRIVACY NEL CAD II RICHIAMI E RIFERIMENTI

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 104 RISOLUZIONE DELLA 8ª COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) (Estensore FILIPPI) approvata nella seduta del 28 gennaio 2016

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli