NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O."

Transcript

1 NORMA TECNICA GESTIONE DEGLI ACCESSI DEI LOCALI DI TERMINAZIONE F.O. Compilato: F. Fabbro Rivisto: Autorizzato: M. Colonello D. Licursi Versione: 1 Variante: 9 IL PRESENTE DOCUMENTO COSTITUISCE REGISTRAZIONE DELLA QUALITA Tutti i diritti riservati. Proprietà INSIEL SpA. Documento ad uso e circolazione esclusivamente interna.

2 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.2 di 16 Compendio: La presente norma tecnica descrive sia la codifica con cui devono essere identificate le chiavi di accesso a locali tecnici interni, shelter, mini-shelter o armadi da esterno, presso i quali vengono terminati i cavi a fibre ottiche della rete regionale in realizzazione mediante il programma ERMES, sia la possibile gestione degli accessi, compresa pure la gestione degli allarmi. Riferimenti: Altri documenti correlati: Parole chiave: Norma Tecnica, Chiavi, Locali Tecnici, Shelter, Mini-shelter, Armadi da esterno, Codifica, ERMES, banda larga Moduli associati: Principali modifiche rispetto alla versione precedente: Marchi registrati: Revisione ed integrazione nessuno

3 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.3 di 16 Indice Indice... 3 Indice delle figure Oggetto Storia del documento Definizioni Situazione attuale Suddivisione in Aree di riferimento Gestione accessi Bussole Posizionamento bussole Chiavi accesso POP/Punti di concentrazione Allegati Allegato A - Suddivisione POP comunali per aree e relativo codice chiave Allegato B - Verbale consegna chiavi Indice delle figure Figura 1 - Mappa geografica dei POP comunali suddivisi per sottoaree... 6

4 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.4 di Oggetto Il presente documento intende fornire una Norma Tecnica interna per la gestione unificata delle chiavi di accesso agli shelter, ai mini-shelter, agli armadi da esterno ed ai locali tecnici dislocati presso le sedi POP ed i Punti di Concentrazione afferenti al Programma ERMES Regionale. 2. Storia del documento N Versione Data Modifiche Autore 1 Draft 25/06/2009 Prima versione L. Driutti /08/2009 Revisione L. Driutti /02/2010 Revisione A. Fumarola /03/2010 Revisione A. Fumarola /05/2010 Revisione A. Fumarola /07/2010 Revisione F. Fabbro /08/2010 Revisione F. Fabbro /09/2010 Revisione V. Roselli /07/2012 Revisione V.Roselli /01/2013 Revisione specifiche F. Fabbro 3. Definizioni. Nodo di rete: centro di gestione della rete presso il quale si ha l attestazione di più cavi di dorsale. POP: sede presso la quale avviene l attestazione dello spillamento dal cavo di dorsale, sono installati gli apparati di rete e dalla quale vengono effettuate le distribuzioni verso la Sede Comunale, le eventuali altre Sedi Utente ed i Punti di concentrazione. Può essere costituita da uno shelter, da un mini-shelter o da un armadio da esterno, oppure essere realizzata all interno di un locale tecnico. Punto di concentrazione: shelter, mini-shelter o armadio di terminazione da esterno, dislocato in genere presso le Zone Industriali e collegato alla Sede POP di afferenza con fibre conformi allo standard ITU-T G.652D. 4. Situazione attuale Sul territorio regionale sono (o saranno) presenti un gran numero di POP o Punti di concentrazione nei quali saranno terminate le fibre ottiche ed installati gli apparati di gestione delle Rete Pubblica Regionale. Questi elementi sono realizzati in locali tecnici con armadi da interno, presso Comuni o vari Enti, oppure costituiti da shelter, mini-shelter o armadi da esterno di produttori diversi. L accesso a tali siti deve essere opportunamente regolamentato per consentire il regolare svolgimento delle operazioni di manutenzione ordinaria o di intervento a seguito del verificarsi di emergenze.

5 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.5 di 16 Una gestione delle chiavi di accesso basata su una codifica differenziata per ciascuna chiave è stata valutata essere di difficile attuazione viste le condizioni di fornitura non sempre omogenee. Si è pertanto optato per una suddivisione del territorio in cinque aree di afferenza contraddistinte da un codice che identifica l intero gruppo chiavi di quel settore. Ciascuna area fa capo al Nodo di rete di riferimento. In tal modo il codice assegnato ad una certa chiave permette di risalire direttamente anche al Nodo di rete, al quale il POP si collega. Per quanto riguarda i Punti di concentrazione si procede in maniera del tutto simile: la suddivisione del territorio in aree di afferenza è la stessa che per i POP e a ciascuna area verrà assegnato un codice numerico univoco (che sarà diverso da quello dei POP in maniera tale da poter distinguere le due tipologie di siti). 5. Suddivisione in Aree di riferimento L allegato A riporta la suddivisione dei 218 comuni della regione secondo il POP di riferimento. A ciascun POP corrispondono due codici chiave (non riportati in quanto riservati): il primo codice verrà adottato per tutte le bussole (casseforti mini) nelle quali saranno contenute le chiavi dei locali tecnici, degli shelter, dei mini-shelter e degli armadi da esterno costituenti i POP che afferiscono ad uno stesso centro stella; il secondo codice verrà adottato per tutte le bussole nelle quali saranno contenute le chiavi degli shelter, dei mini-shelter e degli armadi da esterno da collocarsi presso le zone industriali che si collegano ai POP stessi. L appaltatore dovrà comunicare al fornitore delle serrature delle bussole solamente il numero di area di afferenza.

6 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.6 di 16 Cod: AREA 1 Cod: AREA 3 Cod: AREA 5 Cod: AREA 2 Cod: AREA 4 Figura 1 - Mappa geografica dei POP comunali suddivisi per sottoaree 6. Gestione accessi Nei pressi di ciascun sito verrà installata una bussola (casseforti mini), come di seguito specificato, dotata di serratura codificata come sopra descritto. L idea base è quella che un gestore/manutentore degli impianti/apparati possa accedere in ogni sito portando con sé cinque sole chiavi codificate (una per ciascuna Area di riferimento). All interno della bussola verranno inserite le chiavi di accesso al sito. Le chiavi di apertura delle bussole dovranno essere del tipo a duplicazione protetta, ovvero la copia dovrà essere consentita solamente tramite la presentazione di apposita card (certificato di proprietà) da parte di INSIEL S.p.A. al fornitore delle stesse. Le chiavi delle porte di ingresso apribili dall esterno dei locali tecnici, degli shelter, dei mini-shelter e degli armadi da esterno verranno inserite all interno della bussola.

7 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.7 di 16 Nel caso che gli shelter, i mini-shelter e gli armadi da esterno non siano direttamente accessibili dall esterno, ma siano accessibili tramite un recinto od un altro tipo di separatore, anche la chiave di apertura del recinto o del separatore andrà inserita all interno della bussola. Gli armadi all interno dei locali tecnici dovranno essere mantenuti chiusi, in modo da evitare intromissioni da parte di terzi. Le chiavi non devono essere contrassegnate con indirizzi/scritte tali da ricondurre all utilizzo nell ambito di INSIEL S.p.A.. Sarà responsabilità del Referente della Società/Ditta: - firmare apposito verbale (allegato B) all atto del ritiro delle chiavi; - restituire le chiavi al termine del periodo di validità del contratto; - dare immediata comunicazione a INSIEL S.p.A. in caso di smarrimento o furto delle chiavi; - restituire sollecitamente le chiavi, su richiesta di INSIEL S.p.A., in caso di uso improprio delle stesse. Si evidenzia che l incauta custodia delle chiavi (in particolare quelle unificate) comporta una pesante ricaduta sulla salvaguardia del patrimonio aziendale, favorendo eventuali intrusioni di terzi non autorizzati all interno dei siti Bussole Per la gestione delle chiavi di accesso ai siti si è scelto di utilizzare delle apposite bussole (casseforti mini), nelle quali saranno custodite le chiavi di accesso al singolo sito POP/Punto di concentrazione. Le bussole dovranno essere del tipo Disec - MB052 o equivalente. I cilindri delle bussole (tipo KABA - GEGE pextra o equivalenti) dovranno avere chiavi con duplicazione protetta, ovvero la copia dovrà essere consentita solamente tramite la presentazione di apposita card (certificato di proprietà) da parte di INSIEL S.p.A. al fornitore delle stesse. Le bussole dovranno avere inoltre una protezione anti trapano, che non permetta la distruzione del cilindro tramite foratura. Un dispositivo di emergenza deve consentire di azionare il cilindro anche se sul lato opposto c'è una chiave già inserita. È raccomandato, comunque, l'impiego delle piastre di protezione (defender), in modo da aumentare la resistenza ai tentativi di effrazione. Sono previste delle bussole portachiavi con le seguenti caratteristiche:

8 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.8 di 16 diametro 50 mm, lunghezza 165mm. Nel caso ci fosse l accesso ad un sito allarmato, all interno delle bussole dovranno essere inseriti anche il codice e le indicazioni per disinserire e reinserire l allarme Posizionamento bussole Di seguito vengono descritti i casi più comuni in cui verranno installate le bussole, dando le indicazioni sul posizionamento delle stesse: nel caso di locale interno senza eventuale recinto o altro tipo di separatore, la bussola dovrà essere installata sulla muratura esterna, previo accordo con l Ente competente, sul lato sinistro della porta di accesso ed all altezza della serratura della porta stessa. In tale bussola sarà custodita la chiave di accesso al locale tecnico; nel caso di shelter o mini-shelter senza eventuale recinto o altro tipo di separatore, la bussola sarà installata sullo zoccolo sinistro anteriore e saldata alla struttura stessa. In tale bussola sarà custodita la chiave di accesso allo shelter o al mini-shelter; nel caso di locale interno, di shelter o mini-shelter con eventuale recinto o altro tipo di separatore, la bussola sarà installata sul lato sinistro della porta di accesso della recinzione ed all altezza della serratura della porta di accesso. Nella bussola sarà custodita la chiave di accesso della recinzione e la chiave di apertura del locale tecnico, dello shelter o del mini-shelter; nel caso di armadio da esterno, la bussola verrà installata sul lato sinistro dell armadio. Se ci fossero delle situazioni che non rientrano nelle sopra citate casistiche il realizzatore dell infrastruttura dovrà concordare con INSIEL S.p.A. il posizionamento della bussola Chiavi accesso POP/Punti di concentrazione Le porte di accesso dei POP/Punti di concentrazione, costituiti da locali tecnici, shelter, mini-shelter e armadi da esterno, dovranno avere una serratura di accesso/apertura con chiavi che potranno avere una codifica a scelta del realizzatore dell opera e verranno inserite all interno della bussola.

9 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.9 di Allegati 7.1. Allegato A - Suddivisione POP comunali per aree e relativo codice chiave Provincia Comune Nodo di rete di afferenza AREA UD Amaro Amaro AREA 1 UD Ampezzo Amaro AREA 1 UD Arta Terme Amaro AREA 1 UD Cavazzo Carnico Amaro AREA 1 UD Cercivento Amaro AREA 1 UD Chiusaforte Amaro AREA 1 UD Comeglians Amaro AREA 1 UD Dogna Amaro AREA 1 UD Enemonzo Amaro AREA 1 UD Forni Avoltri Amaro AREA 1 UD Forni di Sopra Amaro AREA 1 UD Forni di Sotto Amaro AREA 1 UD Lauco Amaro AREA 1 UD Ligosullo Amaro AREA 1 UD Malborghetto Valbruna Amaro AREA 1 UD Moggio udinese Amaro AREA 1 UD Ovaro Amaro AREA 1 UD Paluzza Amaro AREA 1 UD Paularo Amaro AREA 1 UD Pontebba Amaro AREA 1 UD Prato Carnico Amaro AREA 1 UD Preone Amaro AREA 1 UD Ravascletto Amaro AREA 1 UD Raveo Amaro AREA 1 UD Resia Amaro AREA 1 UD Resiutta Amaro AREA 1 UD Rigolato Amaro AREA 1 UD Sauris Amaro AREA 1 UD Socchieve Amaro AREA 1 UD Sutrio Amaro AREA 1 UD Tarvisio Amaro AREA 1

10 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.10 di 16 UD Tolmezzo Amaro AREA 1 UD Treppo Carnico Amaro AREA 1 UD Venzone Amaro AREA 1 UD Verzegnis Amaro AREA 1 UD Villa Santina Amaro AREA 1 UD Zuglio Amaro AREA 1 GO Capriva del Friuli Palmanova AREA 2 GO Doberdò del Lago Palmanova AREA 2 GO Farra d'isonzo Palmanova AREA 2 GO Fogliano Redipuglia Palmanova AREA 2 GO Gorizia Palmanova AREA 2 GO Gradisca d'isonzo Palmanova AREA 2 GO Grado Palmanova AREA 2 GO Mariano del Friuli Palmanova AREA 2 GO Medea Palmanova AREA 2 GO Monfalcone Palmanova AREA 2 GO Moraro Palmanova AREA 2 GO Mossa Palmanova AREA 2 GO Romans d'isonzo Palmanova AREA 2 GO Ronchi dei Legionari Palmanova AREA 2 GO Sagrado Palmanova AREA 2 GO San Canzian d'isonzo Palmanova AREA 2 GO San Floriano del Collio Palmanova AREA 2 GO San Lorenzo Isontino Palmanova AREA 2 GO San Pier d'isonzo Palmanova AREA 2 GO Savogna d'isonzo Palmanova AREA 2 GO Staranzano Palmanova AREA 2 GO Turriaco Palmanova AREA 2 GO Villesse Palmanova AREA 2 UD Aiello del Friuli Palmanova AREA 2 UD Aquileia Palmanova AREA 2 UD Bagnaria Arsa Palmanova AREA 2 UD Bertiolo Palmanova AREA 2 UD Bicinicco Palmanova AREA 2 UD Camino al Tagliamento Palmanova AREA 2

11 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.11 di 16 UD Campolongo Tapogliano Palmanova AREA 2 UD Carlino Palmanova AREA 2 UD Castions di Strada Palmanova AREA 2 UD Cervignano del Friuli Palmanova AREA 2 UD Chiopris-Viscone Palmanova AREA 2 UD Codroipo Palmanova AREA 2 UD Fiumicello Palmanova AREA 2 UD Gonars Palmanova AREA 2 UD Latisana Palmanova AREA 2 UD Lestizza Palmanova AREA 2 UD Lignano Sabbiadoro Palmanova AREA 2 UD Marano Lagunare Palmanova AREA 2 UD Mortegliano Palmanova AREA 2 UD Muzzana del Turgnano Palmanova AREA 2 UD Palazzolo dello Stella Palmanova AREA 2 UD Palmanova Palmanova AREA 2 UD Pocenia Palmanova AREA 2 UD Porpetto Palmanova AREA 2 UD Pozzuolo del Friuli Palmanova AREA 2 UD Precenicco Palmanova AREA 2 UD Rivignano Palmanova AREA 2 UD Ronchis Palmanova AREA 2 UD Ruda Palmanova AREA 2 UD San Giorgio di Nogaro Palmanova AREA 2 UD San Vito al Torre Palmanova AREA 2 UD Santa Maria la Longa Palmanova AREA 2 UD Talmassons Palmanova AREA 2 UD Teor Palmanova AREA 2 UD Terzo d'aquileia Palmanova AREA 2 UD Torviscosa Palmanova AREA 2 UD Trivignano Udinese Palmanova AREA 2 UD Varmo Palmanova AREA 2 UD Villa Vicentina Palmanova AREA 2 UD Visco Palmanova AREA 2 PN Andreis Pordenone AREA 3

12 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.12 di 16 PN Arba Pordenone AREA 3 PN Arzene Pordenone AREA 3 PN Aviano Pordenone AREA 3 PN Azzano Decimo Pordenone AREA 3 PN Barcis Pordenone AREA 3 PN Brugnera Pordenone AREA 3 PN Budoia Pordenone AREA 3 PN Caneva Pordenone AREA 3 PN Casarsa della Delizia Pordenone AREA 3 PN Castelnovo del Friuli Pordenone AREA 3 PN Cavasso Nuovo Pordenone AREA 3 PN Chions Pordenone AREA 3 PN Cimolais Pordenone AREA 3 PN Claut Pordenone AREA 3 PN Clauzetto Pordenone AREA 3 PN Cordenons Pordenone AREA 3 PN Cordovado Pordenone AREA 3 PN Erto e Casso Pordenone AREA 3 PN Fanna Pordenone AREA 3 PN Fiume Veneto Pordenone AREA 3 PN Fontanafredda Pordenone AREA 3 PN Frisanco Pordenone AREA 3 PN Maniago Pordenone AREA 3 PN Meduno Pordenone AREA 3 PN Montereale Valcellina Pordenone AREA 3 PN Morsano al Tagliamento Pordenone AREA 3 PN Pasiano di Pordenone Pordenone AREA 3 PN Pinzano al Tagliamento Pordenone AREA 3 PN Polcenigo Pordenone AREA 3 PN Porcia Pordenone AREA 3 PN Pordenone Pordenone AREA 3 PN Prata di Pordenone Pordenone AREA 3 PN Pravisdomini Pordenone AREA 3 PN Roveredo in Piano Pordenone AREA 3 PN Sacile Pordenone AREA 3

13 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.13 di 16 PN San Giorgio della Richinvelda Pordenone AREA 3 PN San Martino al Tagliamento Pordenone AREA 3 PN San Quirino Pordenone AREA 3 PN San Vito al Tagliamento Pordenone AREA 3 PN Sequals Pordenone AREA 3 PN Sesto al Reghena Pordenone AREA 3 PN Spilimbergo Pordenone AREA 3 PN Tramonti di Sopra Pordenone AREA 3 PN Tramonti di Sotto Pordenone AREA 3 PN Travesio Pordenone AREA 3 PN Vajont Pordenone AREA 3 PN Valvasone Pordenone AREA 3 PN Vito d'asio Pordenone AREA 3 PN Vivaro Pordenone AREA 3 PN Zoppola Pordenone AREA 3 UD Forgaria nel Friuli Pordenone AREA 3 TS Duino Aurisina Trieste AREA 4 TS Monrupino Trieste AREA 4 TS Muggia Trieste AREA 4 TS San Dorligo della Valle Trieste AREA 4 TS Sgonico Trieste AREA 4 TS Trieste Trieste AREA 4 GO Cormons Udine AREA 5 GO Dolegna del Collio Udine AREA 5 UD Artegna Udine AREA 5 UD Attimis Udine AREA 5 UD Basiliano Udine AREA 5 UD Bordano Udine AREA 5 UD Buia Udine AREA 5 UD Buttrio Udine AREA 5 UD Campoformido Udine AREA 5 UD Cassacco Udine AREA 5 UD Cividale del Friuli Udine AREA 5 UD Colloredo di Monte Albano Udine AREA 5 UD Corno di Rosazzo Udine AREA 5

14 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.14 di 16 UD Coseano Udine AREA 5 UD Dignano Udine AREA 5 UD Drenchia Udine AREA 5 UD Faedis Udine AREA 5 UD Fagagna Udine AREA 5 UD Flaibano Udine AREA 5 UD Gemona del Friuli Udine AREA 5 UD Grimacco Udine AREA 5 UD Lusevera Udine AREA 5 UD Magnano in Riviera Udine AREA 5 UD Majano Udine AREA 5 UD Manzano Udine AREA 5 UD Martignacco Udine AREA 5 UD Mereto di Tomba Udine AREA 5 UD Moimacco Udine AREA 5 UD Montenars Udine AREA 5 UD Moruzzo Udine AREA 5 UD Nimis Udine AREA 5 UD Osoppo Udine AREA 5 UD Pagnacco Udine AREA 5 UD Pasian di Prato Udine AREA 5 UD Pavia di Udine Udine AREA 5 UD Povoletto Udine AREA 5 UD Pradamano Udine AREA 5 UD Premariacco Udine AREA 5 UD Prepotto Udine AREA 5 UD Pulfero Udine AREA 5 UD Ragogna Udine AREA 5 UD Reana del Rojale Udine AREA 5 UD Remanzacco Udine AREA 5 UD Rive d'arcano Udine AREA 5 UD San Daniele del Friuli Udine AREA 5 UD San Giovanni al Natisone Udine AREA 5 UD San Leonardo Udine AREA 5 UD San Pietro al Natisone Udine AREA 5

15 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.15 di 16 UD San Vito di Fagagna Udine AREA 5 UD Savogna Udine AREA 5 UD Sedegliano Udine AREA 5 UD Stregna Udine AREA 5 UD Taipana Udine AREA 5 UD Tarcento Udine AREA 5 UD Tavagnacco Udine AREA 5 UD Torreano Udine AREA 5 UD Trasaghis Udine AREA 5 UD Treppo Grande Udine AREA 5 UD Tricesimo Udine AREA 5 UD Udine Udine AREA 5

16 NORME TECNICHE PER LA GESTIONE DELL INFRASTRUTTURA DI RETE Pag.16 di Allegato B - Verbale consegna chiavi Il sottoscritto (nome e cognome) nato a (luogo) il (data), titolare del documento (indicare il tipo di documento e numero), della Società XXXX con sede legale in (indirizzo sede legale), in data odierna riceve da INSIEL S.p.A. n. (indicare quantità) delle seguenti chiavi: Descrizione chiave Descrizione chiave Descrizione chiave Descrizione chiave Descrizione chiave Il sottoscritto si impegna a far rispettare le norme di utilizzo delle chiavi. Società INSIEL S.p.A. Cognome e nome: Data: Firma: Cognome e nome: Data: Firma:

del biogas prodotto da residui agricoli

del biogas prodotto da residui agricoli Progetto co-finanziato dall Unione Europea Fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR) Titolo del progetto/ Projekttitel Autonomia energetica da fonti rinnovabili Selbstversorgung mit erneuerbaren Energien

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Elenco regionale imprese forestali art. n. 40 DPReg. 274/2012 GIUGNO 2015)

Elenco regionale imprese forestali art. n. 40 DPReg. 274/2012 GIUGNO 2015) 1 33080 Andreis Società cooperativa Ecoforest Andreis 2 33081 Aviano Pedemontana Boschi Via Strizzot n. 8 Via Nazario Sauro n. 20/2-21/4/2020 - tel. 0434652994 cell. 3337940980 pedemontanaboschi@alice.it

Dettagli

DESCRIZIONE ZDD03B2719 13 REGGIMENTO CARABINIERI FVG GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO 34170 GORIZIA STRUTTURA PROPONENTE

DESCRIZIONE ZDD03B2719 13 REGGIMENTO CARABINIERI FVG GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO 34170 GORIZIA STRUTTURA PROPONENTE ZDD03B2719 GORIZIA SERVIZIO AMMINISTRATIVO MANUTENZIONE ASCENSORI KONE SPA VIA FIGINO NR. 41 PERO (MI) MAM ASCENSORI SRL VIA ROMANA 27 34074 MONFALCONE (GO) ELTEC SNC VIA LAVORO ARTIGIANO 3 34077 RONCHI

Dettagli

2013 REGIONE IN CIFRE 2013 REGIONE IN CIFRE

2013 REGIONE IN CIFRE 2013 REGIONE IN CIFRE 2013 REGIONE IN CIFRE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Presidenza della Regione Direzione generale Servizio programmazione, pianificazione strategica, controllo di gestione e statistica Dirigente:

Dettagli

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Estratto: B) SUDDIVISIONE CLIMATICA DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA pag.2 C) VALORI MEDI pag. Livio Stefanuto OSMER Osservatorio Meteorologico Regionale ARPA Friuli-Venezia

Dettagli

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ"

AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ SERVIZI SANITARI NAZIONÂL - REGJON AUTONOME FRIÛL-VIGNESIE JULIE AZIENDE PE ASSISTENCE SANITARIE N. 3 "FRIÛL DE ALTE-CULINÂR-DI MIEÇ" Cul prin di Zenâr dal 2015 e je stade dade dongje la AZIENDE PE ASSISTENCE

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni

Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni WWF Friuli Venezia Giulia e Veneto Giugno 2003 0. Premessa Si rileva ancora

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA a cura di Il clima del Friuli Venezia Giulia Il clima viene definito come l'insieme delle condizioni atmosferiche medie (temperatura, umidità, pressione, venti...) e

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica)

Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica) Isontino = Friuli Orientale (anche nella cartografia storica) Lucio Peressi A considerare con sincero distacco, l'attribuzione di un nome molto diverso, rispetto all'originale, ad un popolo autoctono ed

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Regolamento (CE) 1698/2005 Asse IV Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Accordo Interparternariale di Cooperazione Sociale Progetto AGRICOLTURA

Dettagli

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI

STANDARD DI COMPOSIZIONE INDIRIZZI STANDARD DI COMPOZIONE INDIRIZZI EDIZIONE APRILE 2009 La corretta scrittura dell indirizzo da apporre sugli oggetti postali contribuisce a garantire un recapito rapido e sicuro. Per le aziende l indirizzo

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro ElEvata sicurezza - Catenaccio laterale

Dettagli

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati?

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati? ESPERTI RIFERME SERRATURE ITALIA - 20090 FIZZONASCO (MI) - V.LE UMBRIA 2 TEL. 02/90724526 FAX 02/90725558 E-mail: info@ersi.it Web Site: www.ersi.it Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto?

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

UDINE IMPORT-EXPORT DIRECTORY

UDINE IMPORT-EXPORT DIRECTORY UDINE IMPORT-EXPORT DIRECTORY 2011 seconda edizione Dati Statistici - Catalogo - Elenco Importatori - Esportatori della provincia di Udine - - Presentazione Il successo delle precedenti edizioni del catalogo

Dettagli

66 a Festa regionale del vino Friulano 32 a Mostra concorso vini Bertiûl tal Friûl. [programma duemilaquindici]

66 a Festa regionale del vino Friulano 32 a Mostra concorso vini Bertiûl tal Friûl. [programma duemilaquindici] 66 a Festa regionale del vino Friulano 32 a Mostra concorso vini Bertiûl tal Friûl [programma duemilaquindici] Programma Sabato 14 marzo ore 18.00 - Presso l'enoteca, cerimonia d'inaugurazione della 66ª

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

ARCHIVIO DI STATO Gorizia - via dell Ospitale n. 2

ARCHIVIO DI STATO Gorizia - via dell Ospitale n. 2 ARCHIVIO DI STATO Gorizia - via dell Ospitale n. 2 A DATI CATASTALI : : CONTADO F.M : 6 e. : 587/1 ente urbano mq 1.868 B DATI TAVOLARI : : CONTADO P.T : 1053 c.t. 1 : 587/1 archivio di stato e corte PROPRIETA

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 94

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 94 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Progetto di Zona 2012-2014

Progetto di Zona 2012-2014 Agesci Zona Udine Progetto di Zona 2012-2014 tempo (kronos o il tempo che scorre) Entusiasmo e leggerezza Responsabilità limite (kairos o il tempo giusto per) L insostenibile leggerezza dell essere Capi

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE I soggetti coinvolti nel trattamento dei dati personali, sono espressamente indicati dal Testo Unico sulla privacy, che ha provveduto anche a descriverne profilo e funzioni.

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015 22 febbraio Misano Adriatico (RN) 1 Misano Circuit Grand Prix organizzazione C.O. Giro d Italia info@girohandbike.it 348.2856213 www.girohandbike.it Cod fatt k 0001 ID fatt k 67047 1 marzo Treviso Gara

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec. nuovo senza colla.

Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec. nuovo senza colla. Fissaggio meccanico degli angoli nei serramenti in legno, con l'innovativo sistema MC della SFS intec nuovo senza colla senza tasselli Benefici del fissaggio meccanico degli angoli con il sistema MC Con

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 5 Transpadano Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico a) Rete TEN-T europea asse prioritario n 6 Lione - Lubiana

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

222X IT Manuale d uso

222X IT Manuale d uso 222X IT Manuale d uso INDICE 1 INTRODUZIONE 2 1.1 Benvenuto 2 1.2 Contatti per il servizio 2 1.3 Cosa fare se il vostro veicolo viene rubato 3 1.4 Autodiagnostica periodica del vostro dispositivo 4 1.5

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE MODULARIO TRASPORTI 29OTT010046 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015 22 febbraio Misano Adriatico (RN) 1 Misano Circuit HandBike Grand Prix organizzazione C.O. Giro d Italia HandBike info@girohandbike.it 348.2856213 www.girohandbike.it 0001 67047 1 marzo Treviso Gara Nazionale

Dettagli

Francia. Champagne. Gaston Chiquet. Propetaire recoltant. Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00. Egly Ouriet. Les Vignes de Vrigny 90,00

Francia. Champagne. Gaston Chiquet. Propetaire recoltant. Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00. Egly Ouriet. Les Vignes de Vrigny 90,00 Francia Champagne Gaston Chiquet Propetaire recoltant Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00 ( Pinot Meunier, Chardonnay, Pinot Nero ) Egly Ouriet Propetaire recoltant Les Vignes de Vrigny 90,00 ( Pinot Meunier

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

PROFILO AZIENDALE. Dal 1995 Lips Vago conferisce l incarico in esclusiva anche per la regione Marche.

PROFILO AZIENDALE. Dal 1995 Lips Vago conferisce l incarico in esclusiva anche per la regione Marche. ARCAE s.a.s. di Galli Patrizio & C. - Viale A. Silvani, 10/G - 40122 BOLOGNA Tel. 051 55 44 50 - Fax 051 52 02 54 E - mail: info@arcae.it - Internet: www.arcae.it Partita IVA: 04169300375 - C.C.I.A.A.

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Moimacco. Notiziario di. giugno 2013 - n. 12

Moimacco. Notiziario di. giugno 2013 - n. 12 giugno 2013 - n. 12 progetto grafico: SE Servizi Editoriali srl - stampa: Tipografia Moro - Tolmezzo (UD) Notiziario di Moimacco IN QUESTO NUMERO Ambiente Lavori pubblici e urbanistica Sport, innovazione,

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

TIP-ON per ante. Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata. www.blum.com

TIP-ON per ante. Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata. www.blum.com TIP-ON per ante Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata www.blum.com Apertura agevole al tocco Con TIP-ON, il supporto per l'apertura meccanico di Blum, i frontali senza maniglia

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli