Calcolo parallelo, Grid e sistemi ad alta affidabilita'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Calcolo parallelo, Grid e sistemi ad alta affidabilita'"

Transcript

1 Calcolo parallelo, Grid e sistemi ad alta affidabilita'

2 Finalità del corso Gli obiettivi del corso sono quelli di eseguire una panoramica sugli strumenti che l'open source mette a disposizione nell'ambito del parallel computing e dell'hpc in genere. L'intento principale è mostrare come e perchè i sistemi informatici ad alte prestazioni, o HPC (High Performance Computing), stanno rapidamente diventando un vantaggio competitivo in tutti gli ambienti di ricerca, produzione e business dei nostri giorni. Oggi, non sono più solo scienziati e aziende di grandi dimensioni a utilizzare le soluzioni HPC per migliorare l'efficienza delle proprie soluzioni, ma anche i laboratori di ricerca, gli studi professionali, gli agenti di borsa e in alcuni casi le pubbliche amministrazioni. Descrivere le varie macchine parallele: come funzionano, pregi e difetti Descrivere (qualitativamente) alcuni linguaggi paralleli: OpenMP, MPI Fornire informazioni base per parallelizzare un codice

3 Parte I Ere e modelli di calcolo Evoluzione delle strutture di calcolo e delle reti Introduzione al calcolo parallelo Classificazione delle architetture Applicazioni del calcolo parallelo

4 Ere e modelli di calcolo 1984 Computer Food Chain Mainframe Mini Computer Workstation PC Vector Supercomputer

5 How to Build a Supercomputer: 1980 s A supercomputer was a vector SMP (symmetric multi-processor) Custom CPUs Custom memory Custom packaging Custom interconnects Custom operating system Cray* 2 Costs were Extreme: Around ~$5 million/gigaflop Technology Evolution Tracking: ~1/3 Moore s Law Predictions

6 Ere e modelli di calcolo 1994 Computer Food Chain (hitting wall soon) Mini Computer Workstation (future is bleak) Mainframe Vector Supercomputer PC MPP

7 How to Build a Supercomputer: 1990 s A supercomputer was an MPP (massively parallel processor) COTS1 CPUs COTS memory Custom packaging Custom interconnects Custom operating system 1 COTS = Commercial Off The Shelf Intel processor based ASCI - Red Costs were High: Around $200K/gigaFLOP Technology Evolution Tracking: ~1/2 Moore s Law Predictions

8 NCSA 1990 s Former Cluster ~1,500 processor SGI de-commissioned Too costly to maintain Software too expensive Takes up large amounts of floor space (Great for tours, looks impressive, nice displays) Gradually being taken out when floor space required Now being used as network file servers

9 Ere e modelli di calcolo Computer Food Chain (Now and Future)

10 How to Build a Supercomputer: 2000 s A Supercomputer is a Cluster COTS1 CPUs COTS Memory COTS Packaging COTS Interconnects COTS Operating System COTS = Commercial Off The Shelf 1 Loki: an Intel processor based cluster at Los Alamos National Laborry (LANL Costs are Modest: Around $4K/gigaFLOP Technology Evolution Tracks Moore s Law

11 Clustering Today Clustering gained momentum when 3 technologies converged: 1. Very HP Microprocessors workstation performance = yesterday supercomputers 2. High speed communication Comm. between cluster nodes >= between processors in an SMP. 3. Standard tools for parallel/ distributed computing & their growing popularity.

12 Introduzione al calcolo parallelo Cos'è il calcolo parallelo? Perchè ne abbiamo bisogno? Tipi di computer Breve storia dell'hpc Linguaggi di Programmazione Parallela OpenMP e Message Passing Terminologia

13 Cos'è il calcolo parallelo? (parallel computing) Utilizzo simultaneo di più di un processore o computer per risolvere un problema È una evoluzione del calcolo seriale Per girare su piu CPU, un problema è diviso in parti discrete che possono essere risolte concorrentemente Ogni parte è a sua volta divisa in una serie di istruzioni Le istruzioni di ogni parte sono eseguite contemporaneamente su CPU diverse

14 Perchè abbiamo bisogno del calcolo parallelo? Il calcolo seriale per molti problemi è troppo lento. Spesso c'è bisogno di grandi quantità di memoria non accessibili da un singolo pro cessore.

15 Perchè usare il calcolo parallelo? Risolvere problemi più grandi. Risparmiare tempo. Ma anche: Utilizzare un insieme di risorse locali Superare i vincoli di memoria Contenere i costi N processori economici invece che 1 più costoso

16 Perchè usare il calcolo parallelo? Esempio: Previsioni del tempo su scala globale L atmosfera è modellata mediante una suddivisione in celle tridimensionali. Il calcolo di ogni cella è ripetuto molte volte per simularne l andamento temporale. Se supponiamo che: l intera atmosfera sia suddivisa in celle di taglia 1 miglio x 1miglio x 1miglio fino ad un altezza dal suolo di 10 miglia (10 celle in altezza), avremo in totale ~ 5 x 10^8 celle. ogni calcolo richieda 2000 operazioni floating point, allora in un singolo time-step dovremo effettuare 10^12 operazioni floating point.

17 Perchè usare il calcolo parallelo? Esempio (2): Previsioni del tempo su scala globale Se vogliamo simulare una previsione fino a 10 giorni usando un passo temporale di 10 minuti Un computer che lavora ad una potenza di 1 Gflops (10^9 operazioni floating point/sec) impiegherà~ 20 giorni. Per terminare il calcolo in 20 minuti occorrerà un computer operante a 1.2 Tflops (1.2 x 10^12 operazioni floating point/sec). Il più potente calcolatore esistente è capace di oltre 1026 Tflops di picco (IBM Roadrunner) costato 133 milioni di dollari.

18 Perchè usare il calcolo parallelo? (2): Superare i limiti strutturali del calcolo seriale: limiti fisici: Velocità di propagazione di un segnale limiti tecnici: clock estremamente alti causano alta dissipazione > 100 Watt limiti economici notare che: già adesso i processori seriali presentano un parallelismo interno (funzionale): più pipeline indipendenti già adesso un singolo chip può presentare più processori

19 Calcolo parallelo È l emulazione di ciò che avviene quotidianamente intorno a noi: molti eventi complessi e correlati che avvengono in contemporanea È motivato dalla simulazione numerica di sistemi molto complessi, cioè Grand Challenge Problems : Modellazione del clima globale Simulazioni di reazioni chimiche e nucleari Studio del genoma umano Studio delle proprietà di materiali complessi Simulazione di attività geologica e sismica Progettazione di veicoli più efficienti e sicuri

20 Applicazioni commerciali Attualmente diverse applicazioni commerciali sono un elemento trainante nello sviluppo di computer sempre più veloci Applicazioni che richiedo il processing di grandi moli di dati con algoritmi spesso molto sofisticati esempi: Database paralleli e data mining Esplorazione petrolifera Motori di ricerca per il web Diagnostica medica Grafica avanzata e realtà virtuale Broadcasting su network ed altre tecnologie multimediali Ambienti di lavoro collaborativi virtuali

21 Terminologia Mega -> 10^6 Giga -> 10^9 Tera -> 10^12 Peta -> 10^15 singolo PC -> 1 Gflops macchine parallele entry level -> 10 Gflops macchine parallele livello medio -> 100 Gflops macchine parallele livello alto -> 1000 Gflops = 1 Tflops nota: 1 Mega secondi = s -> 11 giorni 1 Giga secondi = s -> 31 anni

22 Chi utilizza il calcolo parallelo

23 HPC (High Performance Computing) Definizione di HPC: Non ne esiste una precisa ma in genere ogni sistema di calcolo che necessita di più di un 1 Gigaflop/s*; in alternativa e più precisamente ogni computer che ha prestazioni di almeno un ordine di grandezza su periori a quelle di una corrente workstation di fascia alta. Applicazioni dell'hpc large scientific, engineering, and medical applications. business and commerce are applying financial modelling techniques. database applications for fast retrieval of large quantities of data. Virtual Reality. *A Flop is a floating point operation per second. SI prefixes M(ega)Flop is a million Flops, G(iga)Flops 1000 million flops and T(era)Flops billion flops

24 HPC Platforms Supercomputer: Un sistema HPC in grado di processare efficientemente problemi tecnici di larga scala. Cluster: Un sistema HPC che integra i più comuni ed economici componenti reperibili in commercio (commodity compo nents) per processare problemi generali di larga scala (technical computing, business applications, networking services).

25

26 Architecture of high-performance computers The main architectural classes (taxonomy of Flynn) SISD (Single Instruction Single Data) SIMD (Single Instruction Multiple Data) MISD (Multiple Instruction Single Data) MIMD (Multiple Instruction Multiple Data)

27 Classificazione delle architetture parallele Si può classificare in base a due aspetti: Secondo la disposizione fisica della memoria che può essere centralizzata o distribuita. Secondo la condivisione o meno dello spazio di indirizzamento che può essere appunto individuale o condiviso.

28 Architetture a memoria condivisa Si possono dividere in due classi: Uniform Memory Access (UMA) Chiamati anche Symmetric MultiProcessor (SMP) Elaboratori costituiti da più processori identici I tempi d accesso a tutta la memoria sono uguali per ogni processore Non-Uniform Memory Access (NUMA) Sono realizzate attraverso il collegamento di due o più SMP. Ogni SMP può accedere alla memoria degli altri SMP I processori non hanno lo stesso tempo d accesso a tutta la memoria. Se è mantenuta la cache coherency si parla di architetture CCNUMA (Cache Coherent NUMA)

29 Parallel computer architectures: memory centralized shared address space SMP (Symmetric Multiprocessor) architecture uses shared system resources such as memory and I/O subsystem that can be accessed equally from all the processors. As shown in Figure 1, each processor has its own cache which may have several levels. SMP machines have a mechanism to maintain cohe rency of data held in local caches. The connection between the processors (caches) and the memory is built as either a bus or a crossbar switch. A single operating system controls the SMP machine and it schedules processes and threads on processors so that the load is balanced.

30 Architetture a memoria distribuita Ogni processore dispone di un area di memoria locale I processori possono scambiare dati solo attraverso il network di comunicazione Non è previsto un concetto di spazio di indirizzi globale tra i processori: il programmatore deve definire in modo esplicito come e quando comunicare i dati e deve sincronizzare i task residenti su nodi diversi È importante l infrastruttura di comunicazione utilizzata

31 Parallel computer architectures: memory distributed individual address space MPP (Massively Parallel Processors) architecture consists of nodes connec ted by a network that is usually high speed. Each node has its own processor, memory, and I/O subsystem. The operating system is running on each node, so each node can be considered a workstation. Despite the term massively, the number of nodes is not necessarily large. In fact, there is no criteria. What makes the situation more complex is that each node can be an SMP node.

32 Parallel computer architectures memory distributed shared address space NUMA (Non Uniform Memory Access) architecture machines are built on a similar hardware model as MPP, but it typically provides a shared address space to applications using a hardware/software directory ba sed protocol that maintains cache coherency. As in an SMP machine, a single operating system controls the whole system. The memory latency varies according to whether you access local memory directly or remote memory through the interconnect.

33 Cos'è un Cluster? Definizione di Cluster: Collezione di sistemi di calcolo indipendenti (worksta tions or PCs) collegati mediante una rete di interconnes sione a basso costo (commodity interconnection Net work), che viene utilizzata come una singola unificata ri sorsa di calcolo.

34

35 A brief supercomputer history

36 HPC progress in 25 years

37

38 I costi del calcolo parallelo Le macchine parallele sono: in genere di complessa gestione spesso costose in genere voluminose Il calcolo parallelo implica una modifica pesante dei codici codici paralleli non girano su macchine seriali algoritmi intrinsecamente seriali forte legame tra prestazioni ed architettura usata

39 Cluster Vs. Supercomputers Cost: Supercomputers cost 10 to 20 times as much per node (processor) as workstations, PCs, or low end SMPs. Cluster: The sheer volume reduces production costs and amortizes the significant R&D costs over a larger number of units. a low cost solution.

40 The Top 500 Project The Top 500 project started in 1993 Top 500 sites reported Report produced twice a year EUROPE in JUNE USA in NOV Performance based on LINPACK benchmark

41 The Top 500 Project (2) Lista delle più grosse macchine parallele installate (omogenee) Ordinate rispetto un benchmark di risoluzione di un sistema lineare (linpack): sustained performance > 50% ( caso realistico?) È un buon benchmark? È rappresentativo del vostro problema?

42 The top 500 project (3) Le principali installazioni (Novembre 2006)

43 The top 500 project (4) Solo due anni fà: Le principali installazioni (Novembre 2004):

44 Linux Cluster Perchè usare un cluster Linux? poco costoso facile da installare e gestire si possono aggiungere facilmente nodi oppure upgradarli ottimo rapporto prezzo/prestazioni (da 5 a 10 volte migliore rispetto ai tradizionali super computers Per cosa si possono usare? come parallel computer (usando MPI o PVM o OpenMP) come un insieme di CPU as a virtual MP computer (Mosix)

45 Linux Cluster Hardware nodi CPU: PIII, PIV Xeon (fascia bassa) CPU: Itanium (fascia alta) RAM (512 Mb 4 Gb) dischi ATA SerialATA o SCSI Network Fascia bassa: Fast Ethernet (100 Mbps) -Gigabit Ethernet (1Gbps) Fascia alta: Myrinet (1.2Gbps) -QsNet (2.6Gbps)

46 Una rete è definita da: Topologia: struttura della rete di interconnessione Ring Ipercubo tree t Latenza (L): tempo necessario per spedire un messaggio vuoto (tempo di start-up) Bandwidth (B): velocitàdi trasferimento dei dati (Mb/sec.) Tempo di comunicazione (T) di un messaggio di N MB: T = L + N/B

47 Interconnessione di rete Latenza vs. Bandwidth grossa bandwidth e grande latenza: poche comunicazioni ma molto grosse; grossa bandwidth e bassa latenza: il migliore dei mondi possibili; piccola bandwidth e grande latenza: il peggiore dei mondi possibili; piccola bandwidth e bassa latenza: molte comunicazioni molto piccole.

48 Network interconnections costs

49 Tipi di Cluster Beowulf nato come un progetto della NASA, viene utilizzato per ottenere cluster Linux con computer ad elevate prestazioni. OpenMOSIX Soluzione OpenSource che prevede delle modifiche al kernel di Linux. Implementa un meccanismo di adaptive (online) loadbalancing. Utilizza il meccanismo di migrazione dei processi tra nodi per ottenere il massimo vantaggio dalle risorse disponibili. Linux Virtual Server E una soluzione per implementare load-balancing cluster in ambiente Linux applicando opportune modifiche al kernel e strumenti di gestione.

50 Utilizzo dei Cluster High Availability (HA) HA fornisce un ambiente fail-safe attraverso la ridondanza di hardware, software e middleware. High Performance Computing (HPC) HPC tipicamente coinvolge applicazioni parallele su larga scala aggregando la potenza di calcolo di molti computer.

51 Cluster Linux costruito con comuni PC

52 Beowulf Cluster Il cluster può essere assemblato con PC eterogenei Lavora in user space, non necessita di modifiche al Kernel E' ideale per far girare programmi paralleli I nodi del cluster possono anche essere privi di disco di boot. Normalmente il cluster usa una rete privata per connettere i nodi Non è necessaria alcuna configurazione particolare: la sola richiesta è che ogni nodo accetti connessioni tipo rsh dal nodo front-end.

53 Beowulf: vantaggi e svantaggi Vantaggi: Semplice da installare e configurare Svantaggi: non si tiene conto delle caratteristiche dei nodi del cluster (velocità, memoria...) non permette di distribuire dinamicamente il carico di lavoro

54 Mosix E' un insieme di patches per il kernel di Linux. Ne esistono due tipi: Mosix (uso libero) ed OpenMosix (Open Software) permette il bilanciamento dinamico del carico grazie alla migrazione dei processi verso nodi più liberi in termini di memoria e CPU prende in considerazione la velocità dei nodi e la disponibilità di RAM migra i processi sulla base di un algoritmo complesso in modo da assicurare le migliori performance può lavorare su una rete privata, ma anche con una rete pubblica quando un nodo viene spento (shut-down) i suoi job vengono migrati verso gli altri nodi può far girare codici paralleli e multiprocesso

55 Mosix: vantaggi e svantaggi Vantaggi permette di gestire in maniera efficiente i nodi del cluster è trasparente dal lato utente il cluster è facilmente gestibile ed è facile aggiungere o togliere nodi è possibile bloccare i processi in modo da girare sul nodo di start up oppure forzarne la migrazione dispone di un utile interfaccia grafica per l'amministrazione Svantaggi non è detto che possa essere installabile su ogni macchina il suo buon funzionamento dipende dalla velocità della rete di interconnessione le applicazioni che fanno uso di thread non migrano, perciò non esiste ancora supporto per il distributed shared memory

56 Il nuovo cluster del dipartimento di fisica dell'unical Cluster di 16 CPU eterogeneo 8 Nodi 4 Dual Xeon (Kernel Openmosix) 4 Dual Opteron (Kernel 2.6.4) RAM : 2 Gb per nodo (Totale: 16 Gb) Dischi: 480 Gb SerialATA Gb IDE Network Gigabit Ethernet

57 Librerie e software utilizzati Compilers Intel C/C++ Compiler 8.0 Intel Fortran Compiler 8.0 Mpi Libraries Lam/Mpi MPICH2 Math Libraries Atlas Blas Goto Blas Intel Math Kernel Library 7.0 AMD Core Math Library 2.1.0

58 HPL Linpack NxN Cos'è? Risolve sistemi di equazioni lineari misura il tempo di esecuzione per un problema di una data dimensione (size) Cosa misura? Rmax le prestazioni date in Gflop/s ottenute per il problema in esame Rpeak il valore in Gflop/s della prestazione di picco ovverosia la massima ottenibile teoricamente dalla data macchina LINPACK NxN è usato per compilare la lista TOP500 dei 500 più veloci computer al mondo

59

60 Analisi dei risultati OpenMosix Cluster 4 dual xeon nodes Poichè gli Xeon possono svolgere 2 operazioni in virgola mobile (doppia precisione) per ciclo. Cioè hanno un massimo teorico utilizzabile di 2 Flops. Allora il massimo teorico per processore è Rpeak = 2 x 2.8 GHz= 5.6 GFlops (circa lo stesso del processore p Ghz che può svolgere 4 Flops per ciclo). Mentre il massimo teorico per l'intero cluster è Rpeak = 8 x 2 x 2.8 GHz= 44.8 Gflops I nostri risultati massimo reale per processore = 4.55 Gflops -> Efficienza=81,25% massimo reale del cluster = Gflops -> Efficienza=61%

61 Analisi dei risultati Beowulf Cluster 4 dual opteron nodes Poichè gli Opteron possono svolgere 2 operazioni in virgola mobile (doppia precisione) per ciclo. Cioè hanno un massimo teorico utilizzabile di 2 Flops. Allora il massimo teorico per processore è Rpeak = 2 x 1.4 GHz= 2.8 GFlops Mentre il massimo teorico per l'intero cluster è Rpeak = 8 x 2 x 1.4 GHz= 22.4 Gflops I nostri risultati massimo reale per processore = Gflops -> Efficienza=84% massimo reale per l'intero cluster = > Efficienza=59%

62 Applicazioni sul Cluster Applicazioni scientifiche Simulazioni di sistemi di particelle Descrizione di plasmi astrofisici Fluidodinamica Automi cellulari Applicazioni Aziendali Database: Mysql Cluster J2EE: Jboss Cluster (sperimentale) Tecniche numeriche: Montecarlo, FFT, differenze finite

63 I calcolatori dell' HPCC Centro di Eccellenza per il calcolo ad alte prestazioni

64 Prestazioni Ulisse Voyager misurato 128,5 GFlops efficienza 80.3% Galileo misurato 54,26 GFlops efficienza 85.3% misurato 119,6 GFlops efficienza 83 % Il nuovo cluster del dipartimento di Fisica misurato 40.5 Gflops efficienza 60 % I costi dei supercomputer dell'hppc: 0,3-1,5 Milioni di Euro Il costo del nuovo cluster del dip. di fisica: Euro

65 Cluster Linux I cluster Linux sono la soluzione HPC col miglior rapporto costo/prestazioni.

66 Parallel Programming Languages? High Performance Fortran (HPF) directive based extension to Fortran works on both shared and distributed memory systems not widely used (more popular in Japan?) not suited to applications using irregular grids OpenMP directive based support for Fortran 90/95 and C/C++ shared memory programming only

67 Most Parallel Programmers use... Fortran 90/95, C/C++ with MPI Fortran 90/95, C/C++ with OpenMP Passaggio esplicito delle variabili da un processo ad un altro perciò ogni processo può gestire un segmento della memoria del pro gramma; può essere usato sia su sistemi a memoria distribuita che a memoria condivisa. Permette la distribuzione di processi e dati su macchine SMP sfrut tando le prestazioni della memoria condivisa di un singolo nodo. Hybrid combination of MPI/OpenMP approccio più recentemente utilizzato.

68 The myth of automatic parallelization (2 common versions) Compilers can do anything (but we may have to wait a while) Automatic parallelization makes it possible (or will soon make it possible) to port any application to a parallel machine and see wonderful speedups without any modifications to the source. Compilers can't do anything (now or never) Automatic parallelization is useless. It ll never work on real code. If you want to port an application to a parallel machine, you have to restructure it extensively. This is a fundamental limitation and will never be overcome.

Flops. Differenza tra sustained performance, e di picco (cenni a proposito dei metodi di ottimizzazione, il compilatore ed oltre)

Flops. Differenza tra sustained performance, e di picco (cenni a proposito dei metodi di ottimizzazione, il compilatore ed oltre) LaTop500 Flops Differenza tra sustained performance, e di picco (cenni a proposito dei metodi di ottimizzazione, il compilatore ed oltre) La valutazione dell'effettiva potenza di calcolo dev'essere effettuata

Dettagli

IL MULTIPROCESSING. Tendenza attuale: distribuire il calcolo tra più processori.

IL MULTIPROCESSING. Tendenza attuale: distribuire il calcolo tra più processori. IL MULTIPROCESSING Il problema: necessità di aumento della potenza di calcolo. La velocità di propagazione del segnale (20 cm/ns) impone limiti strutturali all incremento della velocità dei processori

Dettagli

Parte VIII. Architetture Parallele

Parte VIII. Architetture Parallele Parte VIII Architetture Parallele VIII.1 Motivazioni Limite di prestazioni delle architetture sequenziali: velocità di propagazione dei segnali, la luce percorre 30 cm in un nsec! Migliore rapporto costo/prestazioni

Dettagli

Speedup. Si definisce anche lo Speedup relativo in cui, invece di usare T 1 si usa T p (1).

Speedup. Si definisce anche lo Speedup relativo in cui, invece di usare T 1 si usa T p (1). Speedup Vediamo come e' possibile caratterizzare e studiare le performance di un algoritmo parallelo: S n = T 1 T p n Dove T 1 e' il tempo impegato dal miglior algoritmo seriale conosciuto, mentre T p

Dettagli

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna 1 IMPLEMENTAZIONE OPERATIVA DI UN MODELLO DI PREVISIONI METEOROLOGICHE SU UN SISTEMA DI CALCOLO PARALLELO LINUX/GNU Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno Emilia Romagna LM-COSMO-LAMI 2 Il modello LM

Dettagli

ARCHITETTURE MULTIPROCESSORE E CALCOLO PARALLELO (Motivazioni e Classificazioni)

ARCHITETTURE MULTIPROCESSORE E CALCOLO PARALLELO (Motivazioni e Classificazioni) ARCHITETTURE MULTIPROCESSORE E CALCOLO PARALLELO (Motivazioni e Classificazioni) Michele Colajanni Università di Modena e Reggio Emilia E-mail: colajanni@unimo.it Perché le Architetture Multiprocessor?

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

CALCOLO PARALLELO SUPERARE I LIMITI DI CALCOLO. A cura di Tania Caprini

CALCOLO PARALLELO SUPERARE I LIMITI DI CALCOLO. A cura di Tania Caprini CALCOLO PARALLELO SUPERARE I LIMITI DI CALCOLO A cura di Tania Caprini 1 CALCOLO SERIALE: esecuzione di istruzioni in sequenza CALCOLO PARALLELO: EVOLUZIONE DEL CALCOLO SERIALE elaborazione di un istruzione

Dettagli

Il clustering HA con Linux: Kimberlite

Il clustering HA con Linux: Kimberlite Il clustering HA con Linux: Kimberlite Simone Piccardi: piccardi@firenze.linux.it February 4, 2002 Perché un cluster Un cluster è un insieme di computer in grado di eseguire insieme una certa serie di

Dettagli

Parte IV Architettura della CPU Central Processing Unit

Parte IV Architettura della CPU Central Processing Unit Parte IV Architettura della CPU Central Processing Unit IV.1 Struttura della CPU All interno di un processore si identificano in genere due parti principali: l unità di controllo e il data path (percorso

Dettagli

Architetture parallele

Architetture parallele 1 Calcolatori paralleli A meno di una nuova rivoluzione scientifica la legge di Moore (che pronostica un raddoppio del numero di transistor su un singolo chip ogni 18 mesi) non potrà rimanere valida per

Dettagli

Openmosix e Beowulf: introduzione e confronto

Openmosix e Beowulf: introduzione e confronto Openmosix e Beowulf: introduzione e confronto Giovanni Perbellini Cluster Introduzione Cluster ESD Openmosix Comandi principali Beowulf (PVM) Comandi principali Libreria PVM API Agenda 1 Introduzione -

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Architetture. Paride Dagna. SuperComputing Applications and Innovation Department 18/02/2013

Architetture. Paride Dagna. SuperComputing Applications and Innovation Department 18/02/2013 Architetture Paride Dagna SuperComputing Applications and Innovation Department 18/02/2013 Introduzione Grazie alle moderne tecniche di programmazione e agli strumenti di sviluppo attualmente disponibili,

Dettagli

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Classificazione delle Architetture Parallele

Classificazione delle Architetture Parallele Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Classificazione delle Architetture Parallele Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2009/10 Architetture parallele

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Linux nel calcolo distribuito

Linux nel calcolo distribuito openmosix Linux nel calcolo distribuito Dino Del Favero, Micky Del Favero dino@delfavero.it, micky@delfavero.it BLUG - Belluno Linux User Group Linux Day 2004 - Belluno 27 novembre openmosix p. 1 Cos è

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

BEOWULF Cluester Linux/BSD

BEOWULF Cluester Linux/BSD BEOWULF Cluester Linux/BSD Nardo Guido 784169 Introduzione Negli anni passati, il mondo del Supercomputer inteso come clusters, è sempre stato dominato da architetture e software proprietario delle maggiori

Dettagli

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla 1. Which are three reasons a company may choose Linux over Windows as an operating system? (Choose three.)? a) It

Dettagli

Calcolo Parallelo e Distribuito II

Calcolo Parallelo e Distribuito II Calcolo Parallelo e Distribuito II Presentazione del corso - A.A. 2008-2009 Prof. Marco Lapegna tel. 081 675623 studio 155 DMA (VI liv.) marco.lapegna@dma.unina.it sito web in fase di aggiornamento 1 Contenuti

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Matematica 15 31 gennaio 2007. Calcolo parallelo. Claudia Truini

Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Matematica 15 31 gennaio 2007. Calcolo parallelo. Claudia Truini Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Matematica 15 31 gennaio 2007 Calcolo parallelo Claudia Truini 1 Le finalità del corso Descrivere le varie macchine parallele; come funzionano pregi e difetti

Dettagli

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche m.bernaschi@iac.cnr.it L'evoluzione del calcolo ad alte prestazioni dal punto di vista dell'utente e dello sviluppatore

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

La Gestione delle risorse Renato Agati

La Gestione delle risorse Renato Agati Renato Agati delle risorse La Gestione Schedulazione dei processi Gestione delle periferiche File system Schedulazione dei processi Mono programmazione Multi programmazione Gestione delle periferiche File

Dettagli

Capitolo 1: Introduzione

Capitolo 1: Introduzione Capitolo 1: ntroduzione Che cos è un sistema operativo? Sistemi mainframe. Sistemi desktop. Sistemi multiprocessore. Sistemi distribuiti. Sistemi cluster. Sistemi in tempo reale. Sistemi palmari. Migrazione

Dettagli

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica

LabVIEW offre un ambiente di programmazione grafica 03 COME OTTIMIZZARE IN LABVIEW APPLICAZIONI DI TEST AUTOMATIZZATI PER PROCESSORI MULTICORE David Hall Vediamo come delle applicazioni scritte in LabVIEW possono essere ottimizzate sfruttando tecniche di

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul sistema HPC CRESCO di ENEA GRID NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NEPTUNIUS PROJECT 201001 NOME FILE: NEPTUNIUS201001.doc DATA: 03/08/10 STATO: Versione rivista

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Il computer

Laboratorio di Informatica. Il computer per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 1 Il computer 1 INTRODUZIONE 2 1 L informatica È la disciplina scientifica che studia I calcolatori, nati in risposta all esigenza di eseguire

Dettagli

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM Davide Barbieri Contatti skype: davbar86 mail: davide.barbieri@ghostshark.it Panoramica corso Introduzione al mondo delle GPU Modello GPGPU Nvidia

Dettagli

Introduzione. Classificazione di Flynn... 2 Macchine a pipeline... 3 Macchine vettoriali e Array Processor... 4 Macchine MIMD... 6

Introduzione. Classificazione di Flynn... 2 Macchine a pipeline... 3 Macchine vettoriali e Array Processor... 4 Macchine MIMD... 6 Appunti di Calcolatori Elettronici Esecuzione di istruzioni in parallelo Introduzione... 1 Classificazione di Flynn... 2 Macchine a pipeline... 3 Macchine vettoriali e Array Processor... 4 Macchine MIMD...

Dettagli

Architettura degli Elaboratori, corso A, a.a. 2005-06. Appendice A: Caratteristiche di processori esistenti

Architettura degli Elaboratori, corso A, a.a. 2005-06. Appendice A: Caratteristiche di processori esistenti Architettura degli Elaboratori, corso A, a.a. 2005-06 Appendice A: Caratteristiche di processori esistenti Queste note riportano le caratteristiche di alcuni processori esistenti, selezionati in modo da

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/30

Dettagli

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni

CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni CAPITOLO 5 - Sistemi Operativi Moderni PRESENTAZIONE DI INSIEME Vedremo ora come si è evoluta nel tempo la struttura di un sistema operativo, per passare dalle vecchie strutture di tipo normalmente modulari,

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Archite(ura di un calcolatore. L unità di elaborazione (CPU) Sequenza di le(ura. Il bus di sistema

La macchina di Von Neumann. Archite(ura di un calcolatore. L unità di elaborazione (CPU) Sequenza di le(ura. Il bus di sistema La macchina di Von Neumann rchite(ura di un calcolatore us di sistema Collegamento Unità di Elaborazione (CPU) Memoria Centrale (MM) Esecuzione istruzioni Memoria di lavoro Interfaccia Periferica P 1 Interfaccia

Dettagli

Fluidodinamica computazionale su cluster Gigabit Ethernet: il ruolo del software di comunicazione

Fluidodinamica computazionale su cluster Gigabit Ethernet: il ruolo del software di comunicazione Fluidodinamica computazionale su cluster Gigabit Ethernet: il ruolo del software di comunicazione Giuseppe Ciaccio DISI -- Universita di Genova Calcolatori Cluster + CPU commodity = rivoluzione nel calcolo

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3

CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3 CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3 ARRAY PROCESSORS. ARCHITETTURE A PARALLELISMO MASSIVO ESEMPI In questa lezione vengono presentati alcuni esempi di architetture a parallelismo massivo. Si

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Architetture della memoria

Architetture della memoria Architetture della memoria Un elemento determinante per disegnare una applicazione parallela e' l architettura della memoria della macchina che abbiamo a disposizione. Rispetto all architettura della memoria

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010

Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Soft Control facile con RTX e Windows Embedded Standard 7 RTX 2009: funzionalità ed uso pratico Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Definizione di Sistema Tempo Reale: Definizione

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

Sommario. Analysis & design delle applicazioni parallele. Misura delle prestazioni parallele. Tecniche di partizionamento.

Sommario. Analysis & design delle applicazioni parallele. Misura delle prestazioni parallele. Tecniche di partizionamento. Sommario Analysis & design delle applicazioni parallele Misura delle prestazioni parallele Tecniche di partizionamento Comunicazioni Load balancing 2 Primi passi: analizzare il problema Prima di iniziare

Dettagli

Laboratorio di Informatica I

Laboratorio di Informatica I Struttura della lezione Lezione 1: Le Architetture Distribuite Vittorio Scarano Algoritmi e Strutture Dati: Algoritmi Distribuiti Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno Le architetture distribuite

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione al sistema operativo Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Che cos è un sistema operativo Alcuni anni fa un sistema operativo era definito come: Il software necessario a controllare

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 5 Caratterizzazione di un sistema di calcolo distribuito convenzionale High

Dettagli

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009)

Parte I. Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) Parte I Evoluzione dei Sistemi di Elaborazione (a.a. 2008-2009) I.1 Evoluzione degli Elaboratori N.B. Quasi tutto è successo negli ultimi 50 anni I.2 Generazione 0 (1600-1945) Pascal (1623-1662) Pascaline:

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/29

Dettagli

Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni

Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni Università di Siena Laboratori remoti ad uso didattico: generalità ed applicazioni Marco Casini Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università di Siena Email: casini@ing.unisi.it - 4 Aprile 2008

Dettagli

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D Introduzione Versioni al tratto Versione 3D Sistemi La versione negativa Distribuiti 3D prevede l utilizzo dell ombra esclusivamente sul fondo colore Rosso Sapienza. Laurea magistrale in ingegneria informatica

Dettagli

Case History Workstation certificate per Matrox Axio e RTX2

Case History Workstation certificate per Matrox Axio e RTX2 Case History 2006 Case History Workstation certificate per Matrox Axio e RTX2 Sistemi: E2090, E8090 E5090 su tecnologia Intel Woodcrest Campo di applicazione: montaggio video in HD e SD, qualità broadcasting

Dettagli

ENEA GRID un'infrastruttura al servizio della ricerca e delle imprese

ENEA GRID un'infrastruttura al servizio della ricerca e delle imprese ENEA GRID un'infrastruttura al servizio della ricerca e delle imprese Francesco Beone Alessio Rocchi Cristina Baracca Patrizia Ornelli Silvio Migliori Nasce nel 1998 con 6 cluster geografici nazionali

Dettagli

L informatica INTRODUZIONE. L informatica. Tassonomia: criteri. È la disciplina scientifica che studia

L informatica INTRODUZIONE. L informatica. Tassonomia: criteri. È la disciplina scientifica che studia L informatica È la disciplina scientifica che studia INTRODUZIONE I calcolatori, nati in risposta all esigenza di eseguire meccanicamente operazioni ripetitive Gli algoritmi, nati in risposta all esigenza

Dettagli

IV Workshop INFN-Grid. Campus Grid a Napoli. Esperienze in un anno di attività. Paolo Mastroserio. IV Workshop INFN-Grid

IV Workshop INFN-Grid. Campus Grid a Napoli. Esperienze in un anno di attività. Paolo Mastroserio. IV Workshop INFN-Grid Esperienze in un anno di attività Perchè Campus Grid Molti progetti prevedono l acquisizione di mezzi di calcolo avanzato Nessun progetto prevede fondi per la gestione di strutture al di fuori dei limiti

Dettagli

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Silvia Ravelli Giovanna Barigozzi UNIVERSITA di BERGAMO Raffaele

Dettagli

Sistemi Operativi e informatica 1

Sistemi Operativi e informatica 1 1 Dip. Scienze dell Informatica Università degli Studi di Milano, Italia marchi@dsi.unimi.it a.a. 2011/12 1 c 2010-2012 M.Monga R.Paleari M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5

Dettagli

API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based

API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based API e socket per lo sviluppo di applicazioni Web Based Cosa sono le API? Consideriamo il problema di un programmatore che voglia sviluppare un applicativo che faccia uso dei servizi messi a disposizione

Dettagli

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E Lezione 5: Software Firmware Sistema Operativo Architettura del Calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti: Hardware e Software Firmware: strato di (micro-)programmi

Dettagli

Soluzioni di storage per le aziende on demand

Soluzioni di storage per le aziende on demand Soluzioni di storage per le aziende on demand Sistemi IBM Storage Server X206 Storage Server x226 Storage Server HS20 Storage Server x346 Storage Server Caratteristiche principali Differenziazione e innovazione

Dettagli

Cloud Amazon S3 e EC2 - Evidenze a un anno dall introduzione. Marzo 2010

Cloud Amazon S3 e EC2 - Evidenze a un anno dall introduzione. Marzo 2010 Cloud Amazon S3 e EC2 - Evidenze a un anno dall introduzione Marzo 2010 Agenda Amazon S3 Amazon EC2 Casi d uso reale in Zero9 Conclusioni page 2 Amazon S3 Amazon Simple Storage Service (S3) è una soluzione

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server

Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Pagina 1 di 5 Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Ottimizzazioni delle prestazioni di un Web server Spesso il server non è in grado di gestire tutto il carico di cui è gravato. Inoltre, una

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013 tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Università di Torino Mar 6, 2013 il centro di calcolo INFN Università di Torino Mar 6, 2013-2/417 Cosa facciamo a torino Ricerca tecnologica Core

Dettagli

Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to. Real Time Hypervisor

Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to. Real Time Hypervisor Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to Real Time Hypervisor Esperti di Real-Time e Sistemi Embedded Real-Time Systems GmbH Gartenstrasse 33 D-88212 Ravensburg

Dettagli

Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing

Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing Chi sono Studente del terzo anno di informatica (tra circa un mese mi laureo :) ) Presidente

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

La genealogia di Windows. Windows NT e Windows 95/98. Dimensioni del codice. Parte IX. Windows

La genealogia di Windows. Windows NT e Windows 95/98. Dimensioni del codice. Parte IX. Windows La genealogia di Windows Parte IX Windows Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 DOS: sistema operativo monoutente Windows 3.1 interfaccia a finestre che gira su DOS Windows 95/98

Dettagli

Parte IX. Windows. Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1

Parte IX. Windows. Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 Parte IX Windows Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 IX - 1 La genealogia di Windows DOS: sistema operativo monoutente Windows 3.1 interfaccia a finestre che gira su DOS Windows 95/98

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX Windows vs LINUX 1 di 20 Windows vs LINUX In che termini ha senso un confronto? Un O.S. è condizionato dall architettura su cui gira Un O.S. è condizionato dalle applicazioni Difficile effettuare un rapporto

Dettagli

Architettura di un sistema operativo

Architettura di un sistema operativo Architettura di un sistema operativo Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Struttura di un S.O. Sistemi monolitici Sistemi a struttura semplice Sistemi a livelli Virtual Machine Sistemi

Dettagli

Infrastrutture critiche e cloud: una convergenza possibile

Infrastrutture critiche e cloud: una convergenza possibile Infrastrutture critiche e cloud: una convergenza possibile I possibili ruoli della Banca d Italia nel cloud Stefano Fabrizi Banca d Italia Unità di Supporto dell Area Risorse Informatiche e Rilevazioni

Dettagli

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo I Thread 1 Consideriamo due processi che devono lavorare sugli stessi dati. Come possono fare, se ogni processo ha la propria area dati (ossia, gli spazi di indirizzamento dei due processi sono separati)?

Dettagli

Studio di un prototipo per la gestione dinamica di ambienti virtuali.

Studio di un prototipo per la gestione dinamica di ambienti virtuali. Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Tesi di Laurea Studio di un prototipo per la gestione dinamica di ambienti virtuali.

Dettagli

Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici

Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici Scenari evolutivi nei sistemi e nella tecnologia e loro impatti sui CED e sui loro consumi energetici (relazione per convegno ISTUD) Fabrizio Renzi Direttore tecnico, area sistemi IBM Italia Fabrizio_renzi@it.ibm.com

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

Obiettivi del corso: Fornire le nozioni di base sull architettura dei sistemi di calcolo Fornire i primi strumenti di descrizione e di analisi dei sistemi digitali Descrivere in modo verticale il funzionamento

Dettagli

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA

ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA ACQUISTARE LA WORKSTATION PERFETTA UNA GUIDA ALL ACQUISTO PER OTTENERE IL MASSIME PRESTAZIONE E AFFIDABILITÀ CON IL CAD/CAM SOMMARIO Considerazioni sulle prestazioni... 2 1. CPU... 3 2. GPU... 3 3. RAM...

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI CALCOLATORI INTRODUZIONE

ORGANIZZAZIONE DEI CALCOLATORI INTRODUZIONE ORGANIZZAZIONE DEI CALCOLATORI INTRODUZIONE Mariagiovanna Sami 1 08-2 - UN PO DI STORIA L idea di calcolatore programmabile risale alla prima metà dell Ottocento - la macchina analitica di Charles Babbage

Dettagli

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura Carmine Spagnuolo 1 Simulazione Multi-Agente Una simulazione multi-agente è un sistema in cui entità (agenti) intelligenti

Dettagli

Prestazioni adattabili all ambiente del business

Prestazioni adattabili all ambiente del business Informazioni sulla tecnologia Prestazioni intelligenti Prestazioni adattabili all ambiente del business Il processore Intel Xeon sequenza 5500 varia in modo intelligente prestazioni e consumo energetico

Dettagli

INFORMATICA. INFORmazione automatica

INFORMATICA. INFORmazione automatica INFORMATICA INFORmazione automatica Insieme di discipline e tecniche per rappresentare, elaborare e trasmettere automaticamente delle informazioni. Computer - Elaboratore elettronico: e macchina concepita

Dettagli

Progetto M.A.Y.H.E.M.

Progetto M.A.Y.H.E.M. Progetto M.A.Y.H.E.M. In informatica un computer cluster, o più semplicemente un cluster (dall'inglese 'grappolo'), è un insieme di computer connessi tra loro tramite una rete telematica. Lo scopo di un

Dettagli

LOGISTICA. Informatica. Scopo della lezione. Bibliografia. corso di laurea in Scienze Geologiche

LOGISTICA. Informatica. Scopo della lezione. Bibliografia. corso di laurea in Scienze Geologiche 1 2 LOGISTICA corso di laurea in Scienze Geologiche LEZIONE 1 - Cos è l informatica andrea.trentini@unimi.it Scrivere SOLO da nome.cognome@studenti.unimi.it Ricevimento su appuntamento (mail) www.sl-lab.it

Dettagli

Embedded Linux Introduzione

Embedded Linux Introduzione Embedded Linux Introduzione Progetto STRAGO su WSN, Fase 1 pascione@napoli.consorzio-cini.it cotroneo@unina.it Napoli, 16 Gennaio 2006 macinque@unina.it Perché Embedded Linux? Perchè Linux? Codice sorgente

Dettagli

SUN MICROSYSTEMS PRESENTA I NUOVI SERVER X64 AD ALTA SCALABILITÀ: PER I DATACENTER, VIRTUALIZZAZIONE ED EFFICIENZA DI NUOVA GENERAZIONE

SUN MICROSYSTEMS PRESENTA I NUOVI SERVER X64 AD ALTA SCALABILITÀ: PER I DATACENTER, VIRTUALIZZAZIONE ED EFFICIENZA DI NUOVA GENERAZIONE SUN MICROSYSTEMS PRESENTA I NUOVI SERVER X64 AD ALTA SCALABILITÀ: PER I DATACENTER, VIRTUALIZZAZIONE ED EFFICIENZA DI NUOVA GENERAZIONE I nuovi server Sun basati su processore Intel Xeon fissano un nuovo

Dettagli

ENEA GRID. CRESCO: Corso di introduzione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com

ENEA GRID. CRESCO: Corso di introduzione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com ENEA GRID CRESCO: Corso di introduzione Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com 1 Lezione 1 Introduzione Architettura Connessione Lancio di job Riferimenti 2 Introduzione 3 Introduzione

Dettagli

Progetto Vserver- HighAvailability

Progetto Vserver- HighAvailability Progetto Vserver- HighAvailability 16.12.2003 Alberto Cammozzo - Dipartimento di Scienze Statistiche - Università di Padova mmzz@stat.unipd.it Nell'ambito dell'aggiornamento dei servizi in corso si propone

Dettagli

Simulazioni in remoto ovvero quali risorse di calcolo utilizzare per il MonteCarlo?

Simulazioni in remoto ovvero quali risorse di calcolo utilizzare per il MonteCarlo? Simulazioni in remoto ovvero quali risorse di calcolo utilizzare per il MonteCarlo? Barbara Caccia Dipartimento Tecnologie e Salute Reparto Modelli di Sistemi Complessi Istituto Superiore di Sanità Viale

Dettagli