Il clustering HA con Linux: Kimberlite

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il clustering HA con Linux: Kimberlite"

Transcript

1 Il clustering HA con Linux: Kimberlite Simone Piccardi: February 4, 2002

2 Perché un cluster Un cluster è un insieme di computer in grado di eseguire insieme una certa serie di compiti.

3 Perché un cluster Un cluster è un insieme di computer in grado di eseguire insieme una certa serie di compiti. Possibilità di creare architetture scalabili Possibilità di utilizzare meglio le strutture disponibili Soluzione efficiente e con costi contenuti

4 Perché un cluster Un cluster è un insieme di computer in grado di eseguire insieme una certa serie di compiti. Possibilità di creare architetture scalabili Possibilità di utilizzare meglio le strutture disponibili Soluzione efficiente e con costi contenuti

5 Perché un cluster Un cluster è un insieme di computer in grado di eseguire insieme una certa serie di compiti. Possibilità di creare architetture scalabili Possibilità di utilizzare meglio le strutture disponibili Soluzione efficiente e con costi contenuti

6 Perché un cluster Un cluster è un insieme di computer in grado di eseguire insieme una certa serie di compiti. Possibilità di creare architetture scalabili Possibilità di utilizzare meglio le strutture disponibili Soluzione efficiente e con costi contenuti

7 Linux e il clustering Ci sono molti vantaggi nell uso di Linux per implementare soluzioni clusterizzate, specie in ambito scientifico.

8 Linux e il clustering Ci sono molti vantaggi nell uso di Linux per implementare soluzioni clusterizzate, specie in ambito scientifico. Pro software libero hardware comune costi ridotti Contro software non ancora maturo

9 Linux e il clustering Ci sono molti vantaggi nell uso di Linux per implementare soluzioni clusterizzate, specie in ambito scientifico. Pro software libero hardware comune costi ridotti Contro software non ancora maturo

10 Linux e il clustering Ci sono molti vantaggi nell uso di Linux per implementare soluzioni clusterizzate, specie in ambito scientifico. Pro software libero hardware comune costi ridotti Contro software non ancora maturo

11 Linux e il clustering Ci sono molti vantaggi nell uso di Linux per implementare soluzioni clusterizzate, specie in ambito scientifico. Pro software libero hardware comune costi ridotti Contro software non ancora maturo

12 Linux e il clustering Ci sono molti vantaggi nell uso di Linux per implementare soluzioni clusterizzate, specie in ambito scientifico. Pro software libero hardware comune costi ridotti Contro software non ancora maturo

13 Le tipologie di cluster Le principali tipologie di cluster sono:

14 Le tipologie di cluster Le principali tipologie di cluster sono: calcolo distribuito Usati per rispondere alle necessità di grandi capacità di calcolo calcolo distribuito Usati per distribuire il carico delle richieste dalla rete alta disponibilità Usati laddove necessita la continua disponibilità di un servizio

15 Le tipologie di cluster Le principali tipologie di cluster sono: calcolo distribuito Usati per rispondere alle necessità di grandi capacità di calcolo calcolo distribuito Usati per distribuire il carico delle richieste dalla rete alta disponibilità Usati laddove necessita la continua disponibilità di un servizio

16 Le tipologie di cluster Le principali tipologie di cluster sono: calcolo distribuito Usati per rispondere alle necessità di grandi capacità di calcolo calcolo distribuito Usati per distribuire il carico delle richieste dalla rete alta disponibilità Usati laddove necessita la continua disponibilità di un servizio

17 Le tipologie di cluster Le principali tipologie di cluster sono: calcolo distribuito Usati per rispondere alle necessità di grandi capacità di calcolo calcolo distribuito Usati per distribuire il carico delle richieste dalla rete alta disponibilità Usati laddove necessita la continua disponibilità di un servizio

18 Le tipologie di cluster Le principali tipologie di cluster sono: calcolo distribuito Usati per rispondere alle necessità di grandi capacità di calcolo calcolo distribuito Usati per distribuire il carico delle richieste dalla rete alta disponibilità Usati laddove necessita la continua disponibilità di un servizio

19 Le tipologie di cluster Le principali tipologie di cluster sono: calcolo distribuito Usati per rispondere alle necessità di grandi capacità di calcolo calcolo distribuito Usati per distribuire il carico delle richieste dalla rete alta disponibilità Usati laddove necessita la continua disponibilità di un servizio

20 Le tipologie di cluster Le principali tipologie di cluster sono: calcolo distribuito Usati per rispondere alle necessità di grandi capacità di calcolo calcolo distribuito Usati per distribuire il carico delle richieste dalla rete alta disponibilità Usati laddove necessita la continua disponibilità di un servizio

21 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono:

22 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono: computer farm, cluster di workstation suddivide il lavoro di calcolo fra i membri del cluster uso di programmi dedicati per il calcolo parallelo (PVM, MPI) scopo principale: la massima potenza di calcolo esempi: Beowulf e Mosix

23 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono: computer farm, cluster di workstation suddivide il lavoro di calcolo fra i membri del cluster uso di programmi dedicati per il calcolo parallelo (PVM, MPI) scopo principale: la massima potenza di calcolo esempi: Beowulf e Mosix

24 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono: computer farm, cluster di workstation suddivide il lavoro di calcolo fra i membri del cluster uso di programmi dedicati per il calcolo parallelo (PVM, MPI) scopo principale: la massima potenza di calcolo esempi: Beowulf e Mosix

25 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono: computer farm, cluster di workstation suddivide il lavoro di calcolo fra i membri del cluster uso di programmi dedicati per il calcolo parallelo (PVM, MPI) scopo principale: la massima potenza di calcolo esempi: Beowulf e Mosix

26 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono: computer farm, cluster di workstation suddivide il lavoro di calcolo fra i membri del cluster uso di programmi dedicati per il calcolo parallelo (PVM, MPI) scopo principale: la massima potenza di calcolo esempi: Beowulf e Mosix

27 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono: computer farm, cluster di workstation suddivide il lavoro di calcolo fra i membri del cluster uso di programmi dedicati per il calcolo parallelo (PVM, MPI) scopo principale: la massima potenza di calcolo esempi: Beowulf e Mosix

28 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono: computer farm, cluster di workstation suddivide il lavoro di calcolo fra i membri del cluster uso di programmi dedicati per il calcolo parallelo (PVM, MPI) scopo principale: la massima potenza di calcolo esempi: Beowulf e Mosix

29 Cluster di calcolo Le caratteristiche di un cluster per il calcolo sono: computer farm, cluster di workstation suddivide il lavoro di calcolo fra i membri del cluster uso di programmi dedicati per il calcolo parallelo (PVM, MPI) scopo principale: la massima potenza di calcolo esempi: Beowulf e Mosix

30 Cluster per carico distribuito Le caratteristiche di un cluster per la distribuzione del carico sono:

31 Cluster per carico distribuito Le caratteristiche di un cluster per la distribuzione del carico sono: server farm, web cluster distribuisce le richieste dalla rete fra i membri del cluster scopo principale: massima velocità di risposta alle richieste esempi: LVM, piranha

32 Cluster per carico distribuito Le caratteristiche di un cluster per la distribuzione del carico sono: server farm, web cluster distribuisce le richieste dalla rete fra i membri del cluster scopo principale: massima velocità di risposta alle richieste esempi: LVM, piranha

33 Cluster per carico distribuito Le caratteristiche di un cluster per la distribuzione del carico sono: server farm, web cluster distribuisce le richieste dalla rete fra i membri del cluster scopo principale: massima velocità di risposta alle richieste esempi: LVM, piranha

34 Cluster per carico distribuito Le caratteristiche di un cluster per la distribuzione del carico sono: server farm, web cluster distribuisce le richieste dalla rete fra i membri del cluster scopo principale: massima velocità di risposta alle richieste esempi: LVM, piranha

35 Cluster per carico distribuito Le caratteristiche di un cluster per la distribuzione del carico sono: server farm, web cluster distribuisce le richieste dalla rete fra i membri del cluster scopo principale: massima velocità di risposta alle richieste esempi: LVM, piranha

36 Cluster per carico distribuito Le caratteristiche di un cluster per la distribuzione del carico sono: server farm, web cluster distribuisce le richieste dalla rete fra i membri del cluster scopo principale: massima velocità di risposta alle richieste esempi: LVM, piranha

37 Cluster per carico distribuito Le caratteristiche di un cluster per la distribuzione del carico sono: server farm, web cluster distribuisce le richieste dalla rete fra i membri del cluster scopo principale: massima velocità di risposta alle richieste esempi: LVM, piranha

38 Cluster per l alta disponibilità Le caratteristiche di un cluster ad alta disponibilità sono:

39 Cluster per l alta disponibilità Le caratteristiche di un cluster ad alta disponibilità sono: back-end di database, failover cluster trasferisce il servizio ad un membro di riserva in caso di problemi scopo principale: massima affidabilità nella fornitura del servizio esempi: Failsafe, Kimberlite

40 Cluster per l alta disponibilità Le caratteristiche di un cluster ad alta disponibilità sono: back-end di database, failover cluster trasferisce il servizio ad un membro di riserva in caso di problemi scopo principale: massima affidabilità nella fornitura del servizio esempi: Failsafe, Kimberlite

41 Cluster per l alta disponibilità Le caratteristiche di un cluster ad alta disponibilità sono: back-end di database, failover cluster trasferisce il servizio ad un membro di riserva in caso di problemi scopo principale: massima affidabilità nella fornitura del servizio esempi: Failsafe, Kimberlite

42 Cluster per l alta disponibilità Le caratteristiche di un cluster ad alta disponibilità sono: back-end di database, failover cluster trasferisce il servizio ad un membro di riserva in caso di problemi scopo principale: massima affidabilità nella fornitura del servizio esempi: Failsafe, Kimberlite

43 Cluster per l alta disponibilità Le caratteristiche di un cluster ad alta disponibilità sono: back-end di database, failover cluster trasferisce il servizio ad un membro di riserva in caso di problemi scopo principale: massima affidabilità nella fornitura del servizio esempi: Failsafe, Kimberlite

44 Cluster per l alta disponibilità Le caratteristiche di un cluster ad alta disponibilità sono: back-end di database, failover cluster trasferisce il servizio ad un membro di riserva in caso di problemi scopo principale: massima affidabilità nella fornitura del servizio esempi: Failsafe, Kimberlite

45 Cluster per l alta disponibilità Le caratteristiche di un cluster ad alta disponibilità sono: back-end di database, failover cluster trasferisce il servizio ad un membro di riserva in caso di problemi scopo principale: massima affidabilità nella fornitura del servizio esempi: Failsafe, Kimberlite

46 Problematiche comuni Qualunque sia la tipologia di cluster, esistono una serie di problematiche comuni, che li riguardano tutti.

47 Problematiche comuni Qualunque sia la tipologia di cluster, esistono una serie di problematiche comuni, che li riguardano tutti. migrazione dei processi filesystem distribuiti controllo di attività intercomunicazione

48 Problematiche comuni Qualunque sia la tipologia di cluster, esistono una serie di problematiche comuni, che li riguardano tutti. migrazione dei processi filesystem distribuiti controllo di attività intercomunicazione

49 Problematiche comuni Qualunque sia la tipologia di cluster, esistono una serie di problematiche comuni, che li riguardano tutti. migrazione dei processi filesystem distribuiti controllo di attività intercomunicazione

50 Problematiche comuni Qualunque sia la tipologia di cluster, esistono una serie di problematiche comuni, che li riguardano tutti. migrazione dei processi filesystem distribuiti controllo di attività intercomunicazione

51 Problematiche comuni Qualunque sia la tipologia di cluster, esistono una serie di problematiche comuni, che li riguardano tutti. migrazione dei processi filesystem distribuiti controllo di attività intercomunicazione

52 La struttura di Kimberlite

53 Caratteristiche generali

54 Caratteristiche generali Nessun single point of failure per l hardware. Metodi di comunicazione multipla. Failover e rilocazione manuale dei servizi.

55 Caratteristiche generali Nessun single point of failure per l hardware. Metodi di comunicazione multipla. Failover e rilocazione manuale dei servizi.

56 Caratteristiche generali Nessun single point of failure per l hardware. Metodi di comunicazione multipla. Failover e rilocazione manuale dei servizi.

57 Caratteristiche generali Nessun single point of failure per l hardware. Metodi di comunicazione multipla. Failover e rilocazione manuale dei servizi.

58 Punti di forza

59 Punti di forza Struttura semplice. Possibilità di uso di hardware comune. Documentazione dettagliata.

60 Punti di forza Struttura semplice. Possibilità di uso di hardware comune. Documentazione dettagliata.

61 Punti di forza Struttura semplice. Possibilità di uso di hardware comune. Documentazione dettagliata.

62 Punti di forza Struttura semplice. Possibilità di uso di hardware comune. Documentazione dettagliata.

63 Punti di debolezza

64 Punti di debolezza Scarsa scalabilità per più di due nodi. Controllo indiretto sulla disponibilità del servizio. Nessuna forma di distribuzione del carico.

65 Punti di debolezza Scarsa scalabilità per più di due nodi. Controllo indiretto sulla disponibilità del servizio. Nessuna forma di distribuzione del carico.

66 Punti di debolezza Scarsa scalabilità per più di due nodi. Controllo indiretto sulla disponibilità del servizio. Nessuna forma di distribuzione del carico.

67 Punti di debolezza Scarsa scalabilità per più di due nodi. Controllo indiretto sulla disponibilità del servizio. Nessuna forma di distribuzione del carico.

68 Una possibile configurazione hardware Due nodi. Un disk array (SCSI). Una connessione seriale. Due schede ethernet.

69 Una possibile configurazione hardware Due nodi. Un disk array (SCSI). Una connessione seriale. Due schede ethernet.

70 Una possibile configurazione hardware Due nodi. Un disk array (SCSI). Una connessione seriale. Due schede ethernet.

71 Una possibile configurazione hardware Due nodi. Un disk array (SCSI). Una connessione seriale. Due schede ethernet.

72 Una possibile configurazione hardware Due nodi. Un disk array (SCSI). Una connessione seriale. Due schede ethernet.

73 Una configurazione ottimale

74 Una configurazione ottimale

75 Caratteristiche specifiche

76 Caratteristiche specifiche Utilizzo dello storage condiviso per il controllo dei nodi. Possibilità di distribuire i servizi (se diversi). Uso delle librerie STOMITH per il controllo del failover.

77 Caratteristiche specifiche Utilizzo dello storage condiviso per il controllo dei nodi. Possibilità di distribuire i servizi (se diversi). Uso delle librerie STOMITH per il controllo del failover.

78 Caratteristiche specifiche Utilizzo dello storage condiviso per il controllo dei nodi. Possibilità di distribuire i servizi (se diversi). Uso delle librerie STOMITH per il controllo del failover.

79 Caratteristiche specifiche Utilizzo dello storage condiviso per il controllo dei nodi. Possibilità di distribuire i servizi (se diversi). Uso delle librerie STOMITH per il controllo del failover.

Progetto M.A.Y.H.E.M.

Progetto M.A.Y.H.E.M. Progetto M.A.Y.H.E.M. In informatica un computer cluster, o più semplicemente un cluster (dall'inglese 'grappolo'), è un insieme di computer connessi tra loro tramite una rete telematica. Lo scopo di un

Dettagli

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB.

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. SISTEMI E RETI Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. CRITTOGRAFIA La crittografia è una tecnica che si occupa della scrittura segreta in codice o cifrata

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

Apache e Mysql cluster

Apache e Mysql cluster Apache e Mysql cluster Index Affrontare il clustering da 4 a 400 nodi con strumenti open-source di livello enterprise (o meglio :>). Deploy di ambienti clusterizzati (Load Balancing e High Availability).

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical

Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical Infrastrutture tecnologiche Open Source Based in ambienti mission critical Come, quando e perché? Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Open Source Expo - Rovigo, 28 settembre 2007 Perchè

Dettagli

VMware. Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem

VMware. Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem VMware Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem La struttura informatica di una azienda Se ad esempio consideriamo la struttura di una rete aziendale, i servizi offerti agli utenti possono essere numerosi:

Dettagli

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw Informatica o Information Technology La componente tecnologica dei sistemi informativi m. rumor Architettura del Sistema tecnologico Sistema tecnologico: insieme di componenti connessi e coordinati che

Dettagli

Openmosix e Beowulf: introduzione e confronto

Openmosix e Beowulf: introduzione e confronto Openmosix e Beowulf: introduzione e confronto Giovanni Perbellini Cluster Introduzione Cluster ESD Openmosix Comandi principali Beowulf (PVM) Comandi principali Libreria PVM API Agenda 1 Introduzione -

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical

Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical Infrastrutture tecnologiche in ambienti mission critical Come, quando e perché? Antonio Baldassarra Seeweb S.r.l. Smau e-academy - Milano, 17 ottobre 2007 Un utile premessa.. sul

Dettagli

Sistemi Operativi. Conclusioni e nuove frontiere

Sistemi Operativi. Conclusioni e nuove frontiere Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Conclusioni e nuove frontiere Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Definizione di sistema operativo Evoluzione futura

Dettagli

I sistemi distribuiti

I sistemi distribuiti I sistemi distribuiti Sistemi Operativi e Distribuiti A.A. 2003-2004 Bellettini - Maggiorini Perchè distribuire i sistemi? - Condivisione di risorse - Condivisione e stampa di file su sistemi remoti -

Dettagli

Implementazione in sistemi EMC VPLEX di Microsoft Hyper-V e SQL Server con supporto potenziato del clustering di failover

Implementazione in sistemi EMC VPLEX di Microsoft Hyper-V e SQL Server con supporto potenziato del clustering di failover Implementazione in sistemi EMC VPLEX di Microsoft Hyper-V e SQL Server con Tecnologia applicata Riepilogo Questo white paper prende in esame l implementazione e l integrazione delle soluzioni Microsoft

Dettagli

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire:

In estrema sintesi, NEMO VirtualFarm vuol dire: VIRTUAL FARM La server consolidation è un processo che rappresenta ormai il trend principale nel design e re-styling di un sistema ICT. L ottimizzazione delle risorse macchina, degli spazi, il risparmio

Dettagli

Scenario di Progettazione

Scenario di Progettazione Appunti del 3 Ottobre 2008 Prof. Mario Bochicchio SCENARIO DI PROGETTAZIONE Scenario di Progettazione Il Committente mette a disposizione delle risorse e propone dei documenti che solitamente rappresentano

Dettagli

Cluster per architetture a componenti

Cluster per architetture a componenti Luca Cabibbo Architetture Software Cluster per architetture a componenti Dispensa ASW 442 ottobre 2014 Un buon progetto produce benefici in più aree. Trudy Benjamin 1 -Fonti [IBM] Clustering Solutions

Dettagli

WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN

WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN D. Salomoni Davide.Salomoni@cnaf.infn.it INFN-CNAF CdC CNAF, 16/11/2009 D. Salomoni (INFN-CNAF) WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud

Dettagli

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE ELEMENTI DI PROGETTAZIONE SOFTWARE Massimiliano Redolfi Architetture Architetture logiche e fisiche Stand Alone tipico applicativo anni 1980 nessun problema di concorrenza spesso nessuna scomposizione

Dettagli

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi. Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.it @Pec: info.afnet@pec.it Web: http://www.afnetsistemi.it E-Commerce:

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Introduzione alla Virtualizzazione

Introduzione alla Virtualizzazione Introduzione alla Virtualizzazione Dott. Luca Tasquier E-mail: luca.tasquier@unina2.it Virtualizzazione - 1 La virtualizzazione è una tecnologia software che sta cambiando il metodo d utilizzo delle risorse

Dettagli

Installare MDaemon su un cluster Microsoft

Installare MDaemon su un cluster Microsoft MDaemon Installare MDaemon su un cluster Microsoft Questo documento è stato scritto per MDaemon versione 10.x Abstract... 2 Procedura per l'installazione... 2 Abstract Un computer cluster, o più semplicemente

Dettagli

Linux nel calcolo distribuito

Linux nel calcolo distribuito openmosix Linux nel calcolo distribuito Dino Del Favero, Micky Del Favero dino@delfavero.it, micky@delfavero.it BLUG - Belluno Linux User Group Linux Day 2004 - Belluno 27 novembre openmosix p. 1 Cos è

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3

CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3 CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3 ARRAY PROCESSORS. ARCHITETTURE A PARALLELISMO MASSIVO ESEMPI In questa lezione vengono presentati alcuni esempi di architetture a parallelismo massivo. Si

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Operazioni di Comunicazione di base. Cap.4

Operazioni di Comunicazione di base. Cap.4 Operazioni di Comunicazione di base Cap.4 1 Introduzione: operazioni di comunicazioni collettive Gli scambi collettivi coinvolgono diversi processori Sono usati massicciamente negli algoritmi paralleli

Dettagli

Capitolo 1: Introduzione

Capitolo 1: Introduzione Capitolo 1: ntroduzione Che cos è un sistema operativo? Sistemi mainframe. Sistemi desktop. Sistemi multiprocessore. Sistemi distribuiti. Sistemi cluster. Sistemi in tempo reale. Sistemi palmari. Migrazione

Dettagli

INTERNET INTRANET EXTRANET

INTERNET INTRANET EXTRANET LEZIONE DEL 17/10/08 Prof.ssa Antonella LONGO In un sistema WEB possono esserci tre configurazioni possibili: internet, intranet ed extranet. La differenza viene fatta dalla presenza o meno di firewall

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S.

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S. UFFICIO S. I. R. S. CAPITOLATO TECNICO Specifiche tecniche e funzionali ALLEGATO C1 Pagina i di 14 Indice 1. Scopo del Documento...3 2. Architettura infrastruttura multi-tier Regionale...4 2.1 Ambiente

Dettagli

Firewall applicativo per la protezione di portali intranet/extranet

Firewall applicativo per la protezione di portali intranet/extranet Firewall applicativo per la protezione di portali intranet/extranet Descrizione Soluzione Milano Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it 20121 MILANO (MI)

Dettagli

Dal software al CloudWare

Dal software al CloudWare Dal software al CloudWare La tecnologia del cloud computing ha raggiunto ormai una maturità e una affidabilità tali da offrire risorse inimmaginabili rispetto all attuale sistema client/server. 3ware ha

Dettagli

Progetto Virtualizzazione

Progetto Virtualizzazione Progetto Virtualizzazione Dipartimento e Facoltà di Scienze Statistiche Orazio Battaglia 25/11/2011 Dipartimento di Scienze Statiche «Paolo Fortunati», Università di Bologna, via Belle Arti 41 1 La nascita

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX Windows vs LINUX 1 di 20 Windows vs LINUX In che termini ha senso un confronto? Un O.S. è condizionato dall architettura su cui gira Un O.S. è condizionato dalle applicazioni Difficile effettuare un rapporto

Dettagli

BEOWULF Cluester Linux/BSD

BEOWULF Cluester Linux/BSD BEOWULF Cluester Linux/BSD Nardo Guido 784169 Introduzione Negli anni passati, il mondo del Supercomputer inteso come clusters, è sempre stato dominato da architetture e software proprietario delle maggiori

Dettagli

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche m.bernaschi@iac.cnr.it L'evoluzione del calcolo ad alte prestazioni dal punto di vista dell'utente e dello sviluppatore

Dettagli

SEMINARIO DI SISTEMI DISTRIBUITI 2002/2003 IL CLUSTERING

SEMINARIO DI SISTEMI DISTRIBUITI 2002/2003 IL CLUSTERING SEMINARIO DI SISTEMI DISTRIBUITI 2002/2003 IL CLUSTERING INDICE INDICE...2 Introduzione...3 Un esempio...3 Architetture tradizionali...4 Architettura cluster...4 Caratteristiche generali del Cluster Service

Dettagli

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5

Indice. Indice... 2 1. Premessa e scopo del documento... 3 2. Ambiente operativo... 4 3. Architettura di sistema... 5 Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Trasmissione e raccolta dati

Trasmissione e raccolta dati Trasmissione e raccolta dati Esempi applicativi Gestione dati macchina Il sistema di acquisizione dati descritto nel seguito, utilizza una rete Ethernet/CANBus come supporto per integrare i dati all'interno

Dettagli

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Caso di successo Microsoft Virtualizzazione Gruppo Arvedi Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Informazioni generali Settore Education Il Cliente Le

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618

RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618 RISPOSTA ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTI RELATIVAMENTE ALLA GARA PER L ACQUISIZIONE DI DUE SISTEMI DI STORAGE, CIG. N. 0728535618 1. DOMANDA: Con riferimento a quanto riportato alla pag. 20 dell ALLEGATO

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

VDI IN A BOX. www.lansolution.it - info@lansolution.it - 051 5947388

VDI IN A BOX. www.lansolution.it - info@lansolution.it - 051 5947388 VDI IN A BOX Con le soluzioni Citrix e la professionalità di Lansolution, ora puoi: -Ridurre i costi -Garantire la sicurezza -Incrementare la produttività -Lavorare ovunque* La flessibilità del luogo di

Dettagli

CALCOLO PARALLELO SUPERARE I LIMITI DI CALCOLO. A cura di Tania Caprini

CALCOLO PARALLELO SUPERARE I LIMITI DI CALCOLO. A cura di Tania Caprini CALCOLO PARALLELO SUPERARE I LIMITI DI CALCOLO A cura di Tania Caprini 1 CALCOLO SERIALE: esecuzione di istruzioni in sequenza CALCOLO PARALLELO: EVOLUZIONE DEL CALCOLO SERIALE elaborazione di un istruzione

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC)

Per organizzazioni di medie dimensioni. Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC) Per organizzazioni di medie dimensioni Oracle Product Brief Real Application Clusters (RAC) PERCHÉ UN ORGANIZZAZIONE NECESSITA DI UNA FUNZIONALITÀ DI CLUSTERING? La continuità operativa è fondamentale

Dettagli

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Redatto: Nucleo Gestione Innovazione e fornitori IT Versione: 1.0 Data emissione: 9/11/2006

Dettagli

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center FAMIGLIA EMC VPLEX Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center CONTINUOUS AVAILABILITY E DATA MOBILITY PER APPLICAZIONI MISSION- CRITICAL L'infrastruttura di storage è in evoluzione

Dettagli

I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA. Milano 3 Ottobre 2005. Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte

I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA. Milano 3 Ottobre 2005. Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte I SERVIZI DI DATA VENDING DI BORSA ITALIANA Milano Training & Congress Center - Palazzo Mezzanotte La soluzione ASP di BIt Systems Titolo capitolo I Servizi di Data Vending di Borsa Italiana Offre soluzioni

Dettagli

VMUG UNIPI 2015 FEDERICO BENNEWITZ MAURIZIO TERRAGNOLO VIRTUALIZZAZIONE NELLA NAUTICA VM-NAUTICA

VMUG UNIPI 2015 FEDERICO BENNEWITZ MAURIZIO TERRAGNOLO VIRTUALIZZAZIONE NELLA NAUTICA VM-NAUTICA VMUG UNIPI 2015 FEDERICO BENNEWITZ MAURIZIO TERRAGNOLO VIRTUALIZZAZIONE NELLA NAUTICA VM-NAUTICA LA NAUTICA LE CIFRE DELLA CANTIERISTICA NAUTICA I DIVERSI TIPI DI YACHT: DALLE IMBARCAZIONI ALLE NAVI INFORMATICA

Dettagli

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service - Cos è IT Cloud Service è una soluzione flessibile per la sincronizzazione dei file e la loro condivisione. Sia che si utilizzi

Dettagli

Laboratorio Virtuale NEPTUNIUS (Numerical. codes for computational fluid dynamics and. fluid structure interactions)

Laboratorio Virtuale NEPTUNIUS (Numerical. codes for computational fluid dynamics and. fluid structure interactions) Laboratorio Virtuale NEPTUNIUS (Numerical codes for computational fluid dynamics and fluid structure interactions) NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201001 NOME FILE: NTN201001-Neptunius-v1_0.doc DATA:

Dettagli

Receptionist 2.0. La soluzione semplice ed affidabile per il contact center

Receptionist 2.0. La soluzione semplice ed affidabile per il contact center Receptionist 2.0 La soluzione semplice ed affidabile per il contact center Il nostro Open Source ONC crede nell opportunità dell open source e ha basato due delle sue soluzioni full IP sulla piattaforma

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Distribuiti

Introduzione ai Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ai Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Definizioni di SD Molteplici

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

IT for education. soluzioni avanzate per la gestione della rete informatica del tuo Istituto

IT for education. soluzioni avanzate per la gestione della rete informatica del tuo Istituto IT for education soluzioni avanzate per la gestione della rete informatica del tuo Istituto Gli Istituti Scolastici spesso non sono dotati di una struttura centralizzata ed efficiente dedicata alla gestione

Dettagli

Il sistema operativo TinyOS

Il sistema operativo TinyOS tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo candidato Giovanni Chierchia Matr. 534 / 804 ::. Obiettivi del lavoro di tesi Studio del sistema operativo TinyOS Studio

Dettagli

D 3) 9.4.1 - PUNTEGGIO TECNICO DELL APPALTO SPECIFICO

D 3) 9.4.1 - PUNTEGGIO TECNICO DELL APPALTO SPECIFICO Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici, ai sensi dell art. 2, comma 225, L. n. 191/2009, sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici per la fornitura di Server Blade, delle relative

Dettagli

Soluzioni NAS di seconda generazione. Per soddisfare la domanda crescente di storage

Soluzioni NAS di seconda generazione. Per soddisfare la domanda crescente di storage Soluzioni NAS di seconda generazione. Per soddisfare la domanda crescente di storage Sommario 1 Introduzione 2 Il ruolo tradizionale del NAS 3 Sfruttamento dei vantaggi del NAS 4 I limiti del NAS nelle

Dettagli

Software per la gestione delle stampanti MarkVision

Software per la gestione delle stampanti MarkVision Software e utilità per stampante 1 Software per la gestione delle stampanti MarkVision In questa sezione viene fornita una breve panoramica sul programma di utilità per stampanti MarkVision e sulle sue

Dettagli

Applicativo SBNWeb. Configurazione hardware e software di base di un server LINUX per gli applicativi SBNWeb e OPAC di POLO

Applicativo SBNWeb. Configurazione hardware e software di base di un server LINUX per gli applicativi SBNWeb e OPAC di POLO Applicativo SBNWeb Configurazione hardware e software di base di un server LINUX per gli applicativi SBNWeb e OPAC di POLO Versione : 1.0 Data : 5 marzo 2010 Distribuito a : ICCU INDICE PREMESSA... 1 1.

Dettagli

IBM Tivoli Storage Manager

IBM Tivoli Storage Manager IM Software Group IM Tivoli Storage Manager Panoramica IM Tivoli Storage Manager La soluzione per la protezione dei dati distribuiti Soluzione completa per lo Storage Management ackup/restore funzionalità

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

Applicazione di algoritmi di routing dinamico su reti wireless in ambiente portuale

Applicazione di algoritmi di routing dinamico su reti wireless in ambiente portuale 1 Applicazione di algoritmi di routing dinamico su reti wireless in ambiente portuale Tesi svolta presso il Fantuzzi Reggiane Electronic Department (FRED) Relatore: Prof. G. Dodero Candidato: Daniele Venzano

Dettagli

Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4

Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4 Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4 La piattaforma di virtualizzazione di nuova generazione L infrastruttura Virtuale permette di allocare alle applicazioni

Dettagli

2 Congresso Nazionale Banche Club TI. CLUSTER GEOGRAFICI Quando la tecnologia diventa un opportunità

2 Congresso Nazionale Banche Club TI. CLUSTER GEOGRAFICI Quando la tecnologia diventa un opportunità 2 Congresso Nazionale Banche Club TI Verona 24 giugno 2005 CLUSTER GEOGRAFICI Quando la tecnologia diventa un opportunità Piero Vicari Sysproject Reply - Manager Auditorium del Banco Popolare di Verona

Dettagli

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna 1 IMPLEMENTAZIONE OPERATIVA DI UN MODELLO DI PREVISIONI METEOROLOGICHE SU UN SISTEMA DI CALCOLO PARALLELO LINUX/GNU Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno Emilia Romagna LM-COSMO-LAMI 2 Il modello LM

Dettagli

Il Successo nel Cloud Computing con Oracle Advanced Customer Services (ACS)

<Insert Picture Here> Il Successo nel Cloud Computing con Oracle Advanced Customer Services (ACS) Il Successo nel Cloud Computing con Oracle Advanced Customer Services (ACS) Sandro Tassoni Oracle Support Director Maggio 2011 Agenda Panoramica Strategia Portafoglio ACS per Cloud

Dettagli

UNA SOLUZIONE COMPLETA

UNA SOLUZIONE COMPLETA P! investimento UNA SOLUZIONE COMPLETA La tua azienda spende soldi per l ICT o li investe sull ICT? Lo scopo dell informatica è farci lavorare meglio, in modo più produttivo e veloce, e questo è l obiettivo

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale BANDO ACQUISIZIONI Strumentazione informatica ALLEGATO Offerta Economica Allegato : Offerta economica Pag. ALLEGATO OFFERTA ECONOMICA La busta C Gara per l acquisizione di strumentazione informatica -APQ

Dettagli

Progetto Vserver- HighAvailability

Progetto Vserver- HighAvailability Progetto Vserver- HighAvailability 16.12.2003 Alberto Cammozzo - Dipartimento di Scienze Statistiche - Università di Padova mmzz@stat.unipd.it Nell'ambito dell'aggiornamento dei servizi in corso si propone

Dettagli

Scalabilità, Controllo distribuito e Console multiple

Scalabilità, Controllo distribuito e Console multiple Scalabilità, Controllo distribuito e Console multiple Alessio Bechini Sommario Elementi logici Modello NNM (di HP) per distribuzione e scalabilita` Management attraverso consoles multiple Strategie di

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S.

REGIONE BASILICATA UFFICIO S. I. R. S. UFFICIO S. I. R. S. INFRASTRUTTURA TECNOLOGICA TARGET PREVISTA PER IL NUOVO SI.HR SISTEMA INFORMATIVO PER L AREA RISORSE UMANE Pagina i di 11 Indice Controllo

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

M-BOX V. 1.00. Profilo di Prodotto

M-BOX V. 1.00. Profilo di Prodotto M-BOX V. 1.00 Pag 2 di 8 1 Descrizione M-BOX è un prodotto che consente di inviare e-mail da un applicativo SUPER-FLASH. È nato per semplificare l operazione di invio di e-mail e per gestire le problematiche

Dettagli

CVserver. CVserver. Micky Del Favero micky@linux.it. BLUG - Belluno Linux User Group Linux Day 2008 - Feltre 25 ottobre 2008. Un cluster di VServer

CVserver. CVserver. Micky Del Favero micky@linux.it. BLUG - Belluno Linux User Group Linux Day 2008 - Feltre 25 ottobre 2008. Un cluster di VServer Un cluster di VServer Micky Del Favero micky@linux.it BLUG - Belluno Linux User Group Linux Day 2008 - Feltre 25 ottobre 2008 p. 1 Motivazione Legge di Murphy: Se qualcosa può andare storto allora lo farà.

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

NON C'È CLOUD SENZA STORAGE. CEPH - distributed object storage system

NON C'È CLOUD SENZA STORAGE. CEPH - distributed object storage system NON C'È CLOUD SENZA STORAGE CEPH - distributed object storage system Chi sono? Nome: Dimitri Bellini Biografia: Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management

Dettagli

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica Analisi e Recupero Dati da Hard Disk in ambito Forense e studio delle metodologie con strumenti Hardware e Software Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

VIRTUAL VIRTUAL DATACENTER DATACENTER

VIRTUAL VIRTUAL DATACENTER DATACENTER VIRTUAL crea e gestisci in autonomia un datacenter virtuale resiliente e scalabile progettato per ospitare applicazioni business critical che cosa è... un servizio che tramite un pannello di controllo

Dettagli

Sistemi RAID. Corso di Calcolatori Elettronici. Feragotto Elena

Sistemi RAID. Corso di Calcolatori Elettronici. Feragotto Elena Sistemi RAID Corso di Calcolatori Elettronici Feragotto Elena Cos è RAID Nato all Università di Berkeley nel 1968, RAID significa: Redundant Array of Inexpensive Disk L idea era quella di sostituire un

Dettagli

Tecnico Hardware & Sistemistica

Tecnico Hardware & Sistemistica Tecnico Hardware & Sistemistica Modulo 1 - Hardware (6 ore) Modulo 2 - Software (8 ore) Modulo 3 - Reti LAN e WLAN (12 ore) Modulo 4 - Backup (4 ore) Modulo 5 - Cloud Computing (4 ore) Modulo 6 - Server

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

Deploy di infrastrutture di rete business tramite ambienti completamente virtualizzati

Deploy di infrastrutture di rete business tramite ambienti completamente virtualizzati Deploy di infrastrutture di rete business tramite ambienti completamente virtualizzati Dott. Emanuele Palazzetti Your Name Your Title Your Organization (Line #1) Your Organization (Line #2) Indice degli

Dettagli

Caratteristiche di una LAN

Caratteristiche di una LAN Installatore LAN Progetto per le classi V del corso di Informatica Caratteristiche di una LAN 26/02/08 Installatore LAN - Prof.Marco Marchisotti 1 Ruolo dei computer I computer di una rete possono svolgere

Dettagli

Comunicazione istantanea per l azienda

Comunicazione istantanea per l azienda Comunicazione istantanea per l azienda Una netta riduzione dei costi, il miglioramento della produttività, standard elevati in termini di affidabilità e sicurezza, un sistema di messaging che garantisca

Dettagli

Mac Application Manager 1.3 (SOLO PER TIGER)

Mac Application Manager 1.3 (SOLO PER TIGER) Mac Application Manager 1.3 (SOLO PER TIGER) MacApplicationManager ha lo scopo di raccogliere in maniera centralizzata le informazioni piu salienti dei nostri Mac in rete e di associare a ciascun Mac i

Dettagli

Laboratorio di Informatica I

Laboratorio di Informatica I Struttura della lezione Lezione 1: Le Architetture Distribuite Vittorio Scarano Algoritmi e Strutture Dati: Algoritmi Distribuiti Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno Le architetture distribuite

Dettagli