IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI"

Transcript

1 IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI Oggetto del collaudo Il collaudo rappresenta l atto conclusivo della realizzazione di un opera pubblica, mediante il quale viene verificato e certificato che l opera pubblica sia stata eseguita a regola d arte e secondo gli elaborati contrattuali, nonché secondo le eventuali perizia di variante debitamente approvate ed attuate in corso d opera. Il collaudo ha altresì l obiettivo di verificare l esattezza della contabilità finale, la corrispondenza dei documenti contrattuali con lo stato di fatto, non solo relativamente alle quantità e dimensioni, ma anche per la qualità dei materiali e dei componenti. Il collaudo comprende, inoltre, tutte le verifiche tecniche previste dalle leggi in materia, riguardanti la specificità e la tipologia delle opere compiute. È di competenza del collaudo, infine, l esame delle eventuali riserve dell appaltatore, sulle quali non sia già intervenuta una risoluzione definitiva in corso d opera, sempreché tali riserve siano state iscritte nel registro di contabilità e confermate nel conto finale, nei termini e nei modi stabiliti dal DPR 207/2010. Il collaudo può essere espletato alla fine dei lavori, ovvero iniziato ed effettuato dopo la data di ultimazione dei lavori o in corso d opera, ovvero iniziato dopo la consegna dei lavori, svolto durante il corso delle lavorazioni e terminato dopo la data di ultimazione dei lavori Ai sensi dell art. 141, comma 7 del Codice, il collaudo in corso d opera è obbligatorio, nei seguenti casi: a) quando la direzione lavori sia stata affidata a soggetti esterni all amministrazione (art. 130, comma 2, lettere b e c del Codice) b) in caso di lavoro di particolare complessità di cui all art. 236 del DPR 207/2010 c) nel caso di intervento affidato in concessione ai sensi artt. 142 o 153 del Codice, nonché mediante locazione finanziaria o dialogo competitivo d) nel caso di intervento affidato ai sensi dell art 53, comma 2, lettera c o d del Codice, ovvero appalti di progettazione esecutiva e/o definitiva ed esecuzione dei lavori e) nel caso di opere pubbliche comprendenti particolari e complesse lavorazioni, non più ispezionabili in sede di collaudo finale f) nei casi di aggiudicazione con ribasso d asta superiore alla soglia di anomalia. Le stazioni appaltanti entro trenta giorni dalla data di ultimazione dei lavori, ovvero dalla data di consegna dei lavori in caso di collaudo in corso d opera, affidano l incarico del collaudo secondo i dettami riportati nell art. 120, comma 2 bis del Codice. doc. 1/2013

2 Il collaudo deve avere termine non oltre sei mesi dalla data di ultimazione dei lavori, salvo i casi di particolare complessità dell opera, in cui il termine può essere elevato sino ad un anno. Per tutti i lavori oggetto del Codice, viene redatto un certificato di collaudo, il quale ha carattere provvisorio e assume carattere definitivo decorsi due anni dall emissione del medesimo. Superato tale termine, il collaudo si intende tacitamente approvato, se l atto formale di approvazione da parte della stazione appaltante, non sia intervenuto entro due mesi dalla scadenza del medesimo termine. Nel caso di lavori di importi: fino a , 00 euro il certificato di collaudo è sostituito da quello di regolare esecuzione; per i lavori compresi fra ,00 ed ,00 è facoltà del soggetto appaltante di sostituire il certificato di collaudo con quello di regolare esecuzione per importi eccedenti il milione di euro è obbligatorio il certificato di collaudo Il certificato di regolare esecuzione è redatto e sottoscritto dal direttore dei lavori e confermato dal responsabile del procedimento. Tale certificato deve essere emesso in data non superiore a tre mesi dall ultimazione dei lavori e deve contenere gli stessi elementi che vanno riportati nel certificato di collaudo (art. 229 DPR 207/2010). Tutte le opere realizzate comprendenti strutture ( in c.a., metalliche, in legno o miste), così come definite dall art. 1 della Legge 1086/1971, devono essere sottoposte a collaudo statico. Tale collaudo deve essere svolto dal soggetto incaricato del collaudo o da uno dei componenti della commissione di collaudo, purché gli stessi abbiano la competenza tecnica e i requisiti specifici, previsti dalla legge per la tipologia delle opere da collaudare. In caso contrario va incaricato un soggetto esterno che possegga tali requisiti. Per lavori eseguiti in zone classificate come sismiche, il collaudo deve essere esteso alla verifica dell osservanza delle norme tecniche emanate in materia. 2

3 Il RUP trasmette all organo di collaudo i seguenti documenti: copia del contratto d appalto e dei documenti facenti parte integrante dello stesso contratto d appalto, compresa l approvazione del progetto. Eventuali perizie di variante e suppletive Copia del programma di esecuzione dei lavori con i relativi aggiornamenti Verbale di consegna dei lavori Ordini di servizio emessi Eventuali verbali di sospensione e ripresa dei lavori Certificato di ultimazione dei lavori Originali di tutti i documenti contabili Verbali di prova sui materiali, nonché le relative certificazioni Conto finale dei lavori Relazione del direttore dei lavori allegata al conto finale, nonché l esito dell avviso ad opponendum dei creditori Relazione del RUP sul conto finale Relazione riservate, sia del direttore dei lavori che del RUP, sulle eventuali riserve iscritte nel registro di contabilità e confermate nello stato finale, non definite in corso d opera ai sensi artt. 239 e 240 del codice Controlli eseguiti in cantiere nel corso delle varie fasi di lavoro, nel caso di interventi complessi di cui all art. 3, comma 1 del DPR 207/2010 Certificati dei produttori di cui all art. 79, comma 17 del DPR 207/2010, limitatamente ai lavori previsti dalla categoria OS12A (barriere stradali di sicurezza) È facoltà dell organo di collaudo chiedere al RUP o al DL ulteriore documentazione, ritenuta necessaria per l espletamento dell incarico. In caso di collaudo in corso d opera, tale documentazione viene trasmessa periodicamente all organo di collaudo. Procedimento di collaudo La procedura di collaudo si svolge in più fasi, in cui si possono evidenziare tre avvenimenti fondamentali: - La verifica dell opera - L emissione del certificato di collaudo - L approvazione del collaudo da parte della S.A. 3

4 Esaminati i documenti acquisiti e accertata la loro completezza, l organo di collaudo procede alla verifica dell opera e fissa il giorno della visita di collaudo e ne informa il RUP e il DL. Quest ultimo ne dà tempestivo avviso all appaltatore che, se non interviene alla suddetta visita, questa viene espletata alla presenza di due testimoni estranei alla stazione appaltante, mentre il DL ha l obbligo di presenziare. Nel caso di collaudo in corso d opera l organo di collaudo, compreso quello statico, effettua visite durante lo svolgimento dei lavori, con la cadenza richiesta dall esecuzione delle opere più significative, la cui verifica risulti impossibile, o particolarmente complessa, da eseguirsi successivamente all esecuzione. Della visita di collaudo è redatto un verbale che deve contenere: Sintetica descrizione dell opera Data della visita di collaudo e generalità degli intervenuti alla visita Numerazione, descrizione ed esito delle verifiche compiute, i saggi effettuati ed i risultati ottenuti I processi verbali oltre che dall organo di collaudo e dall appaltatore, sono firmati dal DL e dal RUP e da coloro che sono obbligati ad intervenire. Tutte le spese per eseguire le visite e le verifiche dell organo di collaudo sono a carico dell appaltatore. La verifica della buona esecuzione di un lavoro può e deve essere effettuata tramite accertamenti saggi e riscontri, ritenuti necessari ad insindacabile giudizio dell organo di collaudo (art. 219, comma 2 del DPR 207/2010). Se durante le visite dell organo di collaudo emergono difetti o mancanze riguardo l esecuzione dei lavori di piccola entità e riparabili in poco tempo, l organo di collaudo prescrivere specificatamente le lavorazioni da eseguire, assegnando all appaltatore un termine; il certificato di collaudo non è rilasciato sino a che, da apposita dichiarazione del DL, sottoscritta dal RUP, risulti che l appaltatore abbia completamente eseguito le lavorazioni prescrittegli. Se i difetti non pregiudicano la stabilità dell opera e la sua usabilità, l organo di collaudo determina nell emissione del certificato, la somma che, in conseguenza dei riscontrati difetti, deve detrarsi dal credito dell appaltatore. Se i difetti e le mancanze rendono il lavoro assolutamente inaccettabile, l organo di collaudo non emette il certificato relativo, informandone la S.A. Se quanto sopra detto, determina un prolungamento delle operazioni di collaudo rispetto al termine di cui all art. 141, comma 1 del codice, l organo di collaudo trasmette formale comunicazione all appaltatore ed al RUP, bloccando i tempi previsti per le operazioni di collaudo. 4

5 L organo di collaudo deve valutare anche la corrispondenza tra le opere eseguite e quanto contabilizzato e corrisposto all appaltatore, portando quelle correzioni nel conto finale che ritiene necessarie, previa informazione al RUP e alla S.A. ove riscontri anomalie e discordanze, esercitando così un controllo su quanto effettuato dai soggetti, quali la DL, preposti allo svolgimento dell appalto. L organo di collaudo deve valutare anche la corrispondenza tra le opere eseguite e quanto contabilizzato e corrisposto all appaltatore, portando quelle correzioni nel conto finale che ritiene necessarie, previa informazione al RUP e alla S.A. ove riscontri anomalie e discordanze, esercitando così un controllo su quanto effettuato dai soggetti, quali la DL, preposti allo svolgimento dell appalto. In definitiva l organo di collaudo, dopo aver confrontato lo stato di fatto dell opera, con i dati di progetto, e formulato le proprie considerazioni sul modo in cui l appaltatore ha osservato le prescrizioni contrattuali e le disposizione impartite dal DL, di fatto determina: Se il lavoro sia o no collaudabile A quali condizioni si possa collaudare I provvedimenti da prendere qualora non sia collaudabile Le modifiche da introdursi nel conto finale Il credito residuo dell appaltatore L organo di collaudo esprime altresì le sue valutazione sulle modalità di conduzione dei lavori da parte dell appaltatore e degli eventuali subappaltatori e, tramite apposita relazione riservata, espone il proprio parere sulle riserve iscritte dall appaltatore e sulle eventuali penali per le quali non sia già intervenuta una risoluzione definitiva. Certificato di collaudo Ultimate le operazioni di cui ai paragrafi precedenti, l organo di collaudo, se ritiene collaudabile il lavoro, emette il certificato di collaudo che deve contenere: Dati identificativi dell opera e descrizione del suo svolgimento Quadro economico degli importi autorizzati Tempo prescritto per l esecuzione dei lavori con l indicazione delle eventuali proroghe Eventuali processi verbali di consegna, di sospensione, di ripresa e di ultimazione dei lavori Importi riportati nel conto finale Eventuali ordini di servizio ed eventuali non conformità riscontrate e loro risoluzione Indicazione di eventuali danni di forza maggiore e degli eventuali infortuni verificatisi 5

6 Posizione dell appaltatore e dei subappaltatori nei riguardi degli adempimenti assicurativi e previdenziali Citazione dei verbali dei sopralluoghi in corso d opera e della visita definitiva La sintesi delle valutazioni dell organo di collaudo circa la collaudabilità dell opera La certificazione di collaudo, in cui si riassume per sommi capi il costo dell opera, si determina la somma a carico dell appaltatore per danni da rifondere alla S.A., ove esistano, si dichiara l importo a saldo da liquidare all appaltatore, si attesta la collaudabilità dell opera con le eventuali prescrizioni Qualora nell intervallo tra il collaudo provvisorio e quello definitivo (due anni) dovessero emergere vizi dell opera, il RUP provvederà a denunciare entro il medesimo periodo tale vizio e ad accertare, sentiti il DL, l organo di collaudo e l appaltatore, a chi attribuirne la responsabilità. Se detti difetti derivano da carenze nella realizzazione dell opera, l esecutore sarà tenuto a porvi rimedio, poiché nell arco di tale biennio l appaltatore è tenuto alla garanzia per la difformità e vizi dell opera, indipendentemente dall avvenuta liquidazione del saldo. Alla data di emissione del certificato provvisorio del certificato di regolare esecuzione, o decorso il termine fissato dalla legge per le operazione di collaudo (ferme restando le responsabilità eventualmente accertate a carico dell appaltatore) si procede allo svincolo della cauzione definitiva di cui all art. 113 del codice, sotto le riserve previste dall art del codice civile. Si procede altresì, previo il rilascio di garanzia fideiussoria da parte dell appaltatore, al pagamento della rata di saldo, non oltre il 90 giorno dall emissione dei certific ati sopra citati. Il certificato di collaudo viene trasmesso per la sua accettazione all appaltatore, il quale deve firmarlo nel termine di 20 giorni. All atto della firma lo stesso appaltatore può aggiungere le richieste che ritiene opportune, rispetto alle operazioni di collaudo; tale richieste devono essere formulate e giustificate secondo i modi prescritti per l iscrizione delle riserve negli atti contabili (art. 190 Reg.) L organo di collaudo riferisce al RUP sulle singole richieste fatte dall appaltatore sul certificato di collaudo, formulando le proprie considerazioni e, condotte a termine le operazioni connesse allo svolgimento del proprio mandato, trasmette al RUP tutta la documentazione relativa alle stesse operazioni. La S.A. preso in esame l operato e le deduzioni dell organo di collaudo, delibera entro 60 giorni dalla data di ricevimento degli atti di collaudo, sull ammissibilità del certificato di collaudo, sulle domande dell appaltatore e sui risultati agli avvisi dei creditori. 6

7 Per quanto concerne il collaudo relativo alle infrastrutture strategiche, l art. 178 del codice sancisce che al collaudo delle infrastrutture si provvede con le modalità e nei termini previsti dall art. 141 dello stesso codice. Per le infrastrutture di grande rilevanza, il soggetto aggiudicatore può autorizzare la commissione di collaudo ad avvalersi dei servizi di supporto e di indagine, specializzati nel settore. L affidatario del supporto al collaudo non può avere rapporti di collegamento con chi ha progettato, diretto o eseguito in tutto o in parte l infrastruttura. L approvazione del collaudo da parte della S.A., non è un atto di ulteriore controllo tecnico dell opera realizzata (funzione che resta a totale carico dell organo di collaudo, nonché delle altre figure previste a tale scopo) ma un mero atto amministrativo. Con tale atto la S.A., facendo comunque proprie le conclusioni dell organo di collaudo, di fatto accetta l opera nel suo complesso, liquida l appaltatore e chiude il rapporto negoziale, che con lo stesso si era aperto, nel momento dell aggiudicazione della gara d appalto e la sottoscrizione del relativo contratto. Quindi i due atti di cui si compone il collaudo, ovvero il certificato di collaudo e l approvazione dello stesso da parte della S.A., sono atti distinti, ed entrambi necessari il primo attenendo ad una verifica e ad una dichiarazione di natura prettamente tecnica, anche se propedeutica alla formalizzazione del secondo atto, mentre quest ultimo presuppone l accettazione finale dell opera e rappresenta il compimento finale del rapporto contrattuale da parte della S.A. 7

CONTABILITA DEI LAVORI

CONTABILITA DEI LAVORI CONTABILITA DEI LAVORI E un attività che viene svolta, nel processo di realizzazione di ogni opera, in due fasi ben distinte e con due diverse finalità: In fase preventiva: all atto della redazione del

Dettagli

Il Collaudo. Il Collaudo. Elementi generali

Il Collaudo. Il Collaudo. Elementi generali Il Collaudo Elementi generali La fase conclusiva del procedimento riguardante l'esecuzione dei lavori pubblici attiene al collaudo degli stessi. Finalità del collaudo è quella di verificare che i lavori

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO. Segreteria Tecnica Dirigente Programma triennale. Proposta di decreto caso di

CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO. Segreteria Tecnica Dirigente Programma triennale. Proposta di decreto caso di Segreteria Tecnica Art. 128 D. Lgs. Proposta Art. 128 D. Lgs. Programmazione e 163/2006 s.m.i. D.M. Programma triennale Pubblicazione Piano Programmazione dei 163/2006 s.m.i. Sviluppo Ufficio Ministero

Dettagli

SERVIZIO TECNICO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE DI COLLAUDO LAVORI DI. IMPRESA CONTRATTO IN DATA.N.. DI REP. REGISTRATO IN DATA IL AL N. MOD.. VOL.

SERVIZIO TECNICO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE DI COLLAUDO LAVORI DI. IMPRESA CONTRATTO IN DATA.N.. DI REP. REGISTRATO IN DATA IL AL N. MOD.. VOL. COMUNE DI PROVINCIA DI SERVIZIO TECNICO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE DI COLLAUDO LAVORI DI. IMPRESA IMPORTO LAVORI CONTRATTO IN DATA.N.. DI REP. REGISTRATO IN DATA IL AL N. MOD.. VOL. Il sottoscritto Ing.,

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia

C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia ORIGINALE C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia Lavori pubblici e infrastrutture\\edilizia pubblica PROPOSTA DI DETERMINAZIONE N 1136 Del 15/12/2014 Oggetto: "Lavori di adeguamento della palestra

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

Collaudo e pagamenti nell appalto pubblico. www.studiolaplaca.it

Collaudo e pagamenti nell appalto pubblico. www.studiolaplaca.it Collaudo e pagamenti nell appalto pubblico. Norme di riferimento Codice dei contratti pubblici: artt. 120, 141 (collaudo) Regolamento: artt. 112, 114, 116 (pagamenti) - 187 e ss. + 208 (collaudo) CGA:

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza Rep. N. in data Contratto di appalto per lavori relativi ad interventi di adeguamento alle norme di prevenzione incendi e potenziamento uscite di sicurezza della

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE EDILIZIA E APPALTI Gestione Amministrativa Lavori Pubblici

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE EDILIZIA E APPALTI Gestione Amministrativa Lavori Pubblici REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE EDILIZIA E APPALTI Gestione Amministrativa Lavori Pubblici Proposta nr. 27 del 22/05/2014 - Determinazione nr. 1265 del 22/05/2014 OGGETTO: lavori di

Dettagli

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO SCHEMA DI CONTRATTO N. Rep.... LAVORI PER LA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO STAMPATO COME ESISTENTE NEL CORTILE INTERNO DELLA SEDE DI PIAZZA CARDINAL FERRARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA Codice Fiscale e Partita IVA: 00115070856

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA Codice Fiscale e Partita IVA: 00115070856 N.P. 09 del 18 gennaio 2012 PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA Codice Fiscale e Partita IVA: 00115070856 SETTORE 7 VIABILITA E TRASPORTI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 37 DEL 24.01.2012 OGGETTO: Lavori

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 744 DEL 26/10/2015 DRAGAGGIO FONDALI PORTO CANALE DI CATTOLICA - PROGRAMMA OPERE PORTUALI EX

Dettagli

STRUTTURA PROPONENTE INTERVENTI COSTRUTTIVI, MANUTENZIONE,RECUPERO,ESPROPRI

STRUTTURA PROPONENTE INTERVENTI COSTRUTTIVI, MANUTENZIONE,RECUPERO,ESPROPRI AZIEND A TERRI TORI ALE PER L EDILIZI A RESIDE NZI ALE DI POTENZ A Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it URP NUMERO VERDE 800291622 fax 0971 413201 STRUTTURA PROPONENTE

Dettagli

CITTA DI RHO Provincia di Milano DETERMINAZIONE

CITTA DI RHO Provincia di Milano DETERMINAZIONE Copia Originale CITTA DI RHO Provincia di Milano AREA 3 Ufficio: Lavori Pubblici Edilizia Pubblica Contratti di quartiere e Sicurezza sul Lavoro DETERMINAZIONE N. 200 del 12/08/2014 Oggetto: SERVIZIO DI

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA Ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta Codice fiscale e partita IVA - 00115070856

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA Ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta Codice fiscale e partita IVA - 00115070856 N.P. 38 DEL 25 marzo 2015 PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA Ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta Codice fiscale e partita IVA - 00115070856 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 312 DEL 27 Marzo

Dettagli

IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario. Milano, 9 giugno 2011. Ing. Luciano Brusaferro

IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario. Milano, 9 giugno 2011. Ing. Luciano Brusaferro Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 Ing. Luciano Brusaferro 1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI Codice Contratti Pubblici D. Lgs. 12 Aprile 2006

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Approvato con Determinazione del Direttore n. 007/DD del 22.01.2013 REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. ARTICOLO. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO....

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

GLI ELABORATI DI CONTABILITA' Prof. Domenico Natale

GLI ELABORATI DI CONTABILITA' Prof. Domenico Natale GLI ELABORATI DI CONTABILITA' Prof. Domenico Natale Le norme per la contabilizzazione Il riferimento normativo per la redazione della contabilità dei lavori è il Capo III del Regolamento 350/1895 (art.

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA Provincia di Avellino Registro Generale n. 132 del 30-04-2015 DETERMINAZIONE SETTORE URBANISTICA LL.PP. E MANUTENZIONE N. 70 DEL 30-04-2015 Ufficio: UFFICIO TECNICO Oggetto: lavori di

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Prov. NA)

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Prov. NA) COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Prov. NA) CONVENZIONE PER L INCARICO PROFESSIONALE DI DIRETTORE OPERATIVO DEI LAVORI DI manutenzione istituti scolastici e immobili comunali, comprensive degli impianti

Dettagli

AREA GOVERNO DEL TERRITORIO. Determinazione n. 449 Del 13/07/2015

AREA GOVERNO DEL TERRITORIO. Determinazione n. 449 Del 13/07/2015 ORIGINALE AREA GOVERNO DEL TERRITORIO Determinazione n. 449 Del 13/07/2015 OGGETTO: LAVORI DI ATTREZZATURE DI INTERSCAMBIO FERRO/GOMMA ALLA PROGRAMMATA FERMATA FERROVIARIA SULLA LINEA RFI MILANO-GENOVA

Dettagli

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163)

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163) L entrata in vigore del Codice dei Contratti Pubblici Codice de Lise D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Il nuovo testo unitario sugli appalti pubblici (anche denominato "Codice de Lise", dal nome del presidente

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it U.R.P. - Numero Verde 800291622 fax 0971 413201 STRUTTURA PROPONENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di lavori

Dettagli

CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti

CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti CAPITOLATO GENERALE adottato ai sensi dell art. 3 del Regolamento dei Contratti 1/7 ART. 1 OBBLIGATORIETA (Articolo 2 e 3 del Regolamento dei Contratti) 1.1. In virtù della delega contenuta nell articolo

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1024 Data: 24-12-2012

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1024 Data: 24-12-2012 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 1024-2012 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1024 Data: 24-12-2012 SETTORE : LAVORI PUBBLICI

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1094 Data: 23-12-2014

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1094 Data: 23-12-2014 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 1094-2014 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1094 Data: 23-12-2014 SETTORE : LAVORI PUBBLICI

Dettagli

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO)

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LL.PP. E PROT.CIV. NUMERO 262 DEL 07/05/2009 OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE TOTALE EX CASA COLONICA AREA PASI PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO 1 Indice: Capo I Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 Finalità

Dettagli

DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-34

DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-34 DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-34 L'anno 2015 il giorno 17 del mese di Febbraio il sottoscritto Gatti Gian Luigi in

Dettagli

Prof. Ing. Paolo Pizzo

Prof. Ing. Paolo Pizzo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Ing. Francesco Pecorella Evoluzione tecnologica e normativa in materia di lavori pubblici dal D.M. 29.05.1895 alla Legge Merloni (11.02.94 n. 109) 05.07.2005

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CONTRATTO ATTO DI

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE AVVISO DI ASTA PUBBLICA Vendita e utilizzazione del materiale legnoso assegnato al taglio nella particella forestale n. 17 del P.A.F. Bosco Comunale Santa Giulia Estensione di circa Ha 31,65.63 IL RESPONSABILE

Dettagli

AVVISO. Nessuna responsabilità potrà essere ascritta alla Cassa ove l offerta non pervenisse in tempo utile per eventuali disguidi postali.

AVVISO. Nessuna responsabilità potrà essere ascritta alla Cassa ove l offerta non pervenisse in tempo utile per eventuali disguidi postali. Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Via Mantova, 1 00198 Roma Tel.: 06 47486.1 Fax: 06 4820322 http://www.cnpadc.it AVVISO La Cassa Nazionale di Previdenza e

Dettagli

1. Termini di esecuzione dei lavori L appaltatore deve ultimare entro 120 giorni dalla data del verbale inizio lavori. 1

1. Termini di esecuzione dei lavori L appaltatore deve ultimare entro 120 giorni dalla data del verbale inizio lavori. 1 Spett.le LAVENETA Via Costanza n. 2/a Loc. S. Vito Altivole (TV) TRASMISSIONE VIA PEC LAVENETASRL@PEC. Oggetto: lettera commerciale per l affidamento dell appalto specifico per lavori di manutenzione straordinaria

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO,

AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO, CONTRATTO REP. N. DEL AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO, ESTESO AL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI AVELLINO E BENEVENTO

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Servizio Infrastrutture e Viabilita'

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Servizio Infrastrutture e Viabilita' Registro generale n. 3658 del 29/12/2015 Determina senza Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Tutela e Valorizzazione dell'ambiente, Pianificazione Territoriale, Trasporto e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO COMUNE DI MALCESINE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE IN MALCESINE

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO COMUNE DI MALCESINE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE IN MALCESINE SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO COMUNE DI MALCESINE Provincia di Verona Repertorio n. / del REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO DI APPALTO RELATIVO AD OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA SCUOLA ELEMENTARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 671 DEL 24/09/2015 LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE SCUOLA MATERNA DI VIA I. BANDIERA - APPROVAZIONE

Dettagli

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Delibera N. 202 del 29/09/2015 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEVEROLA VIA CAMPANELLO SNC - 81030 TEVEROLA

Dettagli

AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10, 38100 TRENTO - I - tel. n. 0461/212611 - fax n. 0461/212677 sito internet: www.autobrennero.

AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10, 38100 TRENTO - I - tel. n. 0461/212611 - fax n. 0461/212677 sito internet: www.autobrennero. AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10, 38100 TRENTO - I - tel. n. 0461/212611 - fax n. 0461/212677 sito internet: www.autobrennero.it BANDO DI GARA Nr. 10/2002 1. CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE:

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI ASTI SETTORE APPALTI E CONTRATTI Via Carducci, 86 14100 ASTI www.atc.asti.it

AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI ASTI SETTORE APPALTI E CONTRATTI Via Carducci, 86 14100 ASTI www.atc.asti.it AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI ASTI SETTORE APPALTI E CONTRATTI Via Carducci, 86 14100 ASTI www.atc.asti.it BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA REALIZZAZIONE IN MONCALVO (AT) VIA VALLETTA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 GS/pf DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Deli15/deli03 N....180... DEL 26 marzo 2015...

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

RESPONSABILE DEL SERVIZIO

RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LOCERI Provincia dell' Ogliastra Area Tecnica DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 332 del registro generale N.204 DATA 30/10/2015 OGGETTO:LAVORI DI: "INTERVENTI DI RISPARMIO ED EFFICIENZA

Dettagli

UNITA DI DIREZIONE INTERVENTI COSTRUTTIVI, MANUTENZIONE, RECUPERO, ESPROPRI

UNITA DI DIREZIONE INTERVENTI COSTRUTTIVI, MANUTENZIONE, RECUPERO, ESPROPRI AZIEND A TERRI TORI ALE PER L EDILIZI A RESIDE NZI ALE DI POTENZ A Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it URP NUMERO VERDE 800291622 fax 0971 413201 UNITA DI DIREZIONE

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO mediante scrittura privata per l affidamento del servizio triennale di brokeraggio assicurativo a favore dell

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

COMUNE DI PRESICCE "CITTA' DEGLI IPOGEI" PROVINCIA DI LECCE AREA TECNICA E MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI PRESICCE CITTA' DEGLI IPOGEI PROVINCIA DI LECCE AREA TECNICA E MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI PRESICCE "CITTA' DEGLI IPOGEI" Copia PROVINCIA DI LECCE AREA TECNICA E MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO REG. GEN.LE N. 278 DEL 29/05/2015 OGGETTO: Approvazione atti di

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it U.R.P. - Numero Verde 800291622 fax 0971 413201 STRUTTURA PROPONENTE

Dettagli

Comune di Alonte PROVINCIA DI VICENZA

Comune di Alonte PROVINCIA DI VICENZA Comune di Alonte PROVINCIA DI VICENZA P.zza S.Savina, 9 - C.A.P. 36045 Tel. 0444/439203 Fax 0444/835229 C.F e P.I. 00534310248 N.ro 18 Reg. Area Tecnica OGGETTO: LL.PP. - REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIALE

Dettagli

DIOCESI PATRIARCATO DI VENEZIA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER APPALTO LAVORI

DIOCESI PATRIARCATO DI VENEZIA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER APPALTO LAVORI DIOCESI PATRIARCATO DI VENEZIA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER APPALTO LAVORI 1. STAZIONE APPALTANTE: DIOCESI PATRIARCATO DI VENEZIA San Marco n. 320/A, VENEZIA, - Tel. 0412702490 Fax 0412702420 Sito

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI Il seguente documento ha la finalità di riassumere gli adempimenti e le scadenze che il

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-37

DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-37 DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO SETTORE STRADE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2015-155.1.0.-37 L'anno 2015 il giorno 18 del mese di Febbraio il sottoscritto dott. ing. Gian Luigi

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA BANDO DI GARA Nr. 18/2005. 1. STAZIONE APPALTANTE: AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10,

AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA BANDO DI GARA Nr. 18/2005. 1. STAZIONE APPALTANTE: AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10, AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA BANDO DI GARA Nr. 18/2005 1. STAZIONE APPALTANTE: AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10, 38100 TRENTO - I - tel. n. 0461/212611 - fax n. 0461/212677 sito internet:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

Guida alla professione di ingegnere

Guida alla professione di ingegnere Guida alla professione di ingegnere Il collaudo: nozione, adempimenti e responsabilità Volume VIII Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri 1 Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri CONSIGLIO DIRETTIVO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

RELAZIONE SIJL CONTO FINALE

RELAZIONE SIJL CONTO FINALE Allegato alla Determin3zlone d;l R".p"r*bil. d-l s**i"ioeii* co-.,our., settore Lavori Pubbtici e Manutenzione n. 97 in data 16/12/2013 COMUNE DI S. STEFANO BELBO Via Cavour I - 12058 S. Stefano Belbo

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CIG ZAA0BF9AA1

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CIG ZAA0BF9AA1 SCHEMA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CUP ASSEGNATO AL PROGETTO D31H12000140001 CIG ZAA0BF9AA1 Affidamento

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI. (Del. C.P. n. 36/2009) Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

Prot.n. 3242 c/23 Amantea 19.06.2015 Determinazione del Dirigente Scolastico Responsabile Unico del Procedimento (Art. 11 del D.

Prot.n. 3242 c/23 Amantea 19.06.2015 Determinazione del Dirigente Scolastico Responsabile Unico del Procedimento (Art. 11 del D. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. M a m e l i di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado Via Aspromonte, 2 87032 AMANTEA (CS) Tel/Fax 0982/41259 Cod. Min: CSIC865001 Sedi Associate: CSMM865012

Dettagli

Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca

Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli Interventi per la Pesca Linee guida per la Presentazione dei Progetti da allegare alle istanze e per la contabilità

Dettagli

AVVISO D ASTA PER LA ALIENAZIONE DI N. 300 SEDIE DA CONVEGNO

AVVISO D ASTA PER LA ALIENAZIONE DI N. 300 SEDIE DA CONVEGNO AVVISO D ASTA PER LA ALIENAZIONE DI N. 300 SEDIE DA CONVEGNO Vista la determinazione dirigenziale n. 10 del 16/03/2016 con la quale è stata approvata la presente procedura d asta; SI RENDE NOTO che è indetta

Dettagli

presente convenzione, affida all incaricato, che accetta, l incarico professionale di

presente convenzione, affida all incaricato, che accetta, l incarico professionale di COMUNE DI TORTORETO (Prov. TERAMO ) CONTRATTO DISCIPLINARE PER INCARICO PROFESSIONALE PER LA PROGETTAZIONE DIREZIONE LAVORI RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI: Realizzazione rotatoria Via Napoli.

Dettagli

Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA. Contratto di appalto. L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento

Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA. Contratto di appalto. L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA Contratto di appalto L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento Regionale della Programmazione della Presidenza della Regione

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI TORINO SERVIZIO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE CENTRI DELL IMPIEGO DELLA CITTA METROPOLITANA DI

CITTA METROPOLITANA DI TORINO SERVIZIO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE CENTRI DELL IMPIEGO DELLA CITTA METROPOLITANA DI CITTA METROPOLITANA DI TORINO SERVIZIO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE PRESSO I N. di Rep. CENTRI DELL IMPIEGO DELLA CITTA METROPOLITANA DI TORINO MEDIANTE INDAGINE DI MERCATO. ACQUISIZIONE IN ECONOMIA AI

Dettagli

COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese. Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI

COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese. Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI COMUNE DI GEMONIO Provincia di Varese Procedura aperta per i lavori di RISTRUTTURAZIONE SERBATOI CIVICO ACQUEDOTTO E OPERE PERTINENZIALI BANDO DI GARA 1) Amministrazione aggiudicatrice: Comune di Gemonio

Dettagli

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI DETERMINAZIONE N. 14 DEL 04.04.2013 DEL RESPONSABILE AREA TECNICA Ufficio Tecnico Comunale N. 33 del Reg. Gen. Data 04.04.2013 OGGETTO: Realizzazione campo da bocce.

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D CAPITOLATO D ONERI affidamento del servizio di direzione lavori, misurazione e contabilità, assistenza al collaudo, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori di realizzazione del LAVORI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Comune di Prato Servizio Edilizia Pubblica e Cimiteri Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Allegato 11 - Schema disciplinare

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

QUESITI DI CARATTERE GENERALE

QUESITI DI CARATTERE GENERALE QUESITI DI CARATTERE GENERALE 1. Dover reperire la documentazione La documentazione è reperibile al seguente percorso: 2. Il sopralluogo Sito web: www.comune.grumellodelmonte.bg.it Servizi Online Sezione

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture Definizione dell oggetto dell affidamento MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO b1 Processi Fasi Rischi Individuazione delle caratteristiche del bene o del servizio rispondente alle necessità

Dettagli

COMUNE DI CALUSO Provincia di Torino

COMUNE DI CALUSO Provincia di Torino COMUNE DI CALUSO Provincia di Torino COPIA SETTORE AMMINISTRATIVO E DEI SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE N. 40 del 18-05-2016 (art. 183, comma 9 del D.lgs. 18-08-2000 n. 267) OGGETTO : Servizio di ristorazione

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Codice CIG: 58168708F8 Codice CUP: G66E12000740001

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Codice CIG: 58168708F8 Codice CUP: G66E12000740001 COMUNE DI CELICO PROVINCIA DI COSENZA UFFICIO TECNICO - SETTORE LAVORI PUBBLICI Prot. n 1763 del 20/06/2014 Pubblicato all Albo Pretorio al n 427/2014 dal 20/06/2014 al 15/07/2014 BANDO DI GARA PROCEDURA

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

Circolare Informativa n 21/2013

Circolare Informativa n 21/2013 Circolare Informativa n 21/2013 DURC negativo ed intervento sostitutivo della stazione appaltante e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag.3 1) Intervento

Dettagli

Città di Cinisello Balsamo ------------- Provincia di Milano -------------

Città di Cinisello Balsamo ------------- Provincia di Milano ------------- Città di Cinisello Balsamo ------------- Provincia di Milano ------------- ORIGINALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE: SETTORE DI STAFF - LAVORI PUBBLICI, PATRIMONIO, ARREDO URBANO Servizio: SETTORE

Dettagli

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DEGLI ARTT. 19 E 27 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA SPECIALISTICA PER L ELABORAZIONE DEL MODELLO DI FLUSSO DEGLI ACQUIFERI E DI DISPERSIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 173 DEL 29/05/2013 OGGETTO: LAVORI ADEGUAMENTO IMPIANTI ALLE NORME DI SICUREZZA, SISTEMAZIONI

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia.

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei lavori in economia Sono eseguiti in economia, nel rispetto delle norme contenute nel presente regolamento, e con riferimento

Dettagli

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil.

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Manuale di Gestione Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Provincia di Milano Area Sistema produttivo, Lavoro e Welfare Settore Sviluppo Economico Via Soderini, 24 20146 Milano Sommario

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO C O P I A Determinazione n. 122 del 25/10/2012 Oggetto: LAVORI DI RISANAMENTO E MIGLIORAMENTO STRUTTURALE

Dettagli