Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello in REPERTORIO CONTEMPORANEO - Chitarra -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello in REPERTORIO CONTEMPORANEO - Chitarra -"

Transcript

1 Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello in REPERTORIO CONTEMPORANEO - Chitarra - L idea di base di questo progetto è creare nel Conservatorio di Santa Cecilia un Master annuale per lo studio del repertorio contemporaneo per chitarra creando un luogo in cui: I chitarristi possano sviluppare gli strumenti tecnici, musicali e di pensiero necessari per affrontare un repertorio complesso come quello contemporaneo, attraverso lezioni individuali, la partecipazione a laboratori e conferenze, il rapporto con esperti esterni anche stranieri. I compositori trovino la possibilità di venire a contatto diretto con uno strumento, solitamente lontano dalla formazione del compositore e che spesso viene percepito come difficile da trattare. I chitarristi e compositori possano fare l'esperienza vicendevole di un rapporto vivo con l idea musicale realizzata o in fase di realizzazione. In quest ottica è da considerare anche un approccio all improvvisazione libera, anche attraverso partiture espressamente pensate in tal senso (ad es. Spiral di Stockhausen, Octet 61 o Treatise di Cardew, The book of heads di J. Zorn, ecc) Per quanto riguarda quest ultimo punto, degno di nota è il Laboratorio sperimentale integrato per la collaborazione paritetica di strumentisti e compositori nella musica contemporanea: esso è il luogo di confronto fra strumentista e compositore, e si configura come una situazione unica nel panorama formativo musicale. In quest ambito, di collaborazione fra chitarrista e compositore, è importante sottolineare che ogni anno verrà scelto un brano per chitarra la cui revisione sarà curata dal chitarrista dedicatario del brano, per essere pubblicato nella collana No Time at All per Sconfinarte, diretta da Arturo Tallini.

2 REPERTORIO Durante il master lo studente affronterà il repertorio chitarristico da tre punti di vista: Prassi esecutive e repertorio di derivazione neoclassica e neoromantica Si intende qui il repertorio scritto nel XX e XXI secolo che mantiene come necessità compositiva centrale melodia e armonia in senso consequenziale causa-effetto e in generale il riferimento a principi strutturali e formali caratteristici del linguaggio classico e romantico, pur con le ovvie evoluzioni legate al divenire storico.. I brani del gruppo 1 rappresentano con buona approssimazione l ambito linguistico ed espressivo di riferimento; essi sono per l appunto di riferimento e non escludono la possibilità per l allievo di includere brani diversi dopo averne discusso con il docente. Prassi esecutive e repertorio della Musica contemporanea Si intende qui il repertorio scritto nel XX e XXI secolo basato su un linguaggio diverso da quello di derivazione ottocentesca, e piuttosto basato su un conseguente uso non tradizionale dello strumento e del linguaggio, Dagli spettralisti a Scelsi, a Ferneyhough, si intende in questa sezione del master affrontare il repertorio più complesso in quanto più denso di sfide e innovazioni nei confronti dell interprete, che impara qui ad affrontare la grafia, il linguaggio compositivo e in generale il pensiero compositivo più innovativo. I brani del gruppo 2 rappresentano con buona approssimazione l ambito espressivo e linguistico di riferimento; essi sono per l appunto di riferimento e non escludono la possibilità per l allievo di includere brani diversi dopo averne discusso con il docente. Improvvisazione libera Una parte della formazione del master consiste nell affrontare repertori in cui l aspetto dell improvvisazione abbia un ruolo preponderante; si intende qui l improvvisazione di tipo non jazzistico ma quella basata sull esplorazione del suono e del gesto musicale anche a partire dal segno grafico inteso come progetto musicale in potenza.

3 ACCESSO AL MASTER L'accesso al Master di secondo livello in Repertorio Contemporaneo per Chitarra, avviene per concerto davanti alla commissione nominata dal Direttore del Conservatorio di Santa Cecilia. Il programma, della durata massima di 25, dovrà comprendere almeno 1 opera per ognuno dei 2 gruppi sotto indicati. Possono essere eseguiti anche movimenti singoli di un opera più ampia. GRUPPO 1 Autore Titolo Note B. Britten Nocturnal E. Denisov Sonata H. W. Henze Drei Tentos Royal Winter Music Sonata I Royal Winter Music Sonata II G. F. Ghedini Studio da Concerto E. Krenek Suite F. Martin Quatre pieces breves D. Milhaud Segoviana M. Ohana Tiento Si le jour parait S. Reich Electric Counterpoint Con tape M. Tippett The Blue Guitar W. Walton Five Bagatelles

4 GRUPPO 2 Autore Titolo Note M. Babbit Sheer pluck L. Berio Sequenza XI S. Bussotti Rara Ultima Rara Con voce eseguibile anche in versione solistica (chitarrista recitante) J. Cage Variations n Improvvisazione libera-op.aperta 4 33 E. Carter Changes Shard C. Cardew Treatise (pagine) Improvvisazione libera-op.aperta Octet 61 Improvvisazione libera-op.aperta A. Clementi 12 Variazioni L. De Pablo Fabula A. Donatoni Algo B. Ferenyhough Kurze Schatten A. Ginastera Sonata B. Maderna Serenata per un satellite Improvvisazione libera-op.aperta G. Manzoni Echi P. Maxwell-Davies Sonata T. Murail Tellur Vampyr! Chitarra elettrica G. Petrassi Suoni Notturni Nunc R. Rihem Toccata Orpheus U. Rojko Chiton F. Romitelli Trash Tv Trance per chitarra elettrica Solare G. Scelsi Ko-Tha una o più danze S. Sciarrino Addio a Trachis K. Stockhausen Spiral Improvvisazione libera-op.aperta J. Zorn The Book of Heads Improvvisazione libera-op.aperta

5 ESAME FINALE Il Master si conclude con un esame consistente in un concerto di un ora. Il programma del concerto dovrà comprendere: 1. Un brano del gruppo 1 2. Un brano del gruppo 2 3. Un brano del gruppo 3 (v. oltre) 4. Un brano scritto per il candidato durante il Laboratorio sperimentale integrato per la collaborazione paritetica di strumentisti e compositori nella musica contemporanea 5. Eventuali altri brani precedentemente discussi con il docente

6 GRUPPO 3 Autore Titolo Note H. Apostel Sechs Musiken G. Auric Hommage a Mudarra M. Babbitt Composition for Guitar A. Bartetzki Traces Con sound track G. Becherra-Schmidt Sonata IV L. Berkeley Theme and Variations D. Bogdanovic Polymethric Studies M. Bortolotti Impervia pervia via L. Brouwer Tarantos La Espiral Eterna M. Cardi Impromptus Bianco P. Castaldi Battente F. Casti L anima Visionaria A. Company Las seis cuerdas A. Corghi Consonancias y Redobles Chit e tape G. V. Cresta Nostos Chit amplificata M. Dall'ongaro Hic M. D'amico Bifora Ricercare Lune N. D'angelo 2 canzoni lidie J. Dashow Soundings in pure durations n. 3 Chit e suoni elettronici esafonici M. Davidovsky Synchronism n. 10 Chit e elettronica P. Eben Tablatura Nova R. Gerhard Fantasia F. Giacometti gaspard de la nuit A. Gismonti Central Guitar S. Gubaiduina Serenade C. Halfter Codex I A. Josè Sonata A. Kampela Percussion Study n. 1 G. Manzoni Echi M. Morgantini Sol Niger F. Pennisi Intermezzo Piccolo Labirinto M. Pisati Sette studi Caprichos de Simios y Burros Cha-hack Improvvisazione libera - opera aperta - con Sound Track

7 P. Renosto A Silvia Presenza 4 U. Rojko Chiton A. Sanchez-Verdu Cuaderno de Fridenau H. Sauget Soliloque T. Takemitsu Folios All in twilight F. Telli 3 pezzi per chitarra C. Togni Quasi una Serenata A. Tremolada Nightly J. Tsilicas Espiral F. Vacchi Plynn J. Villa-Rojo 6 pincheladas CONSERVATORIO SANTA CECILIA

8 MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S. CECILIA ROMA - Via dei Greci, 18 C.F Tel Fax Prot. n. del Vista la legge 21 dicembre 1999 n. 508 di riforma delle Accademie di belle arti, dell Accademia nazionale di danza, dell Accademia nazionale di arte drammatica, degli Istituti superiori per le industrie artistiche, dei Conservatori di musica e degli Istituti musicali pareggiati; Visto il D.P.R n. 132, recante disposizione in materia di autonomia regolamentare delle Istituzioni del comparto A.F.A.M., così come modificato dal D.P.R n. 295; Visto il D.P.R. 8 luglio 2005 n. 212, recante la disciplina per la definizione degli ordinamenti didattici delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica, che determina i criteri generali per l'ordinamento degli studi e la tipologia dei titoli accademici rilasciati dalle istituzioni ; Considerato in particolare l Art. 3 comma 7 del suddetto D.P.R n.212, che individua quale corso di perfezionamento o master, il percorso di studi avente come obiettivo quello di approfondire esigenze culturali in determinati settori di studio, di aggiornamento o di riqualificazione professionale e di educazione permanente; Visto lo Statuto del Conservatorio di Musica di Santa Cecilia approvato con D.D.G. n. 662 del 31 ottobre 2003; Visto il Regolamento didattico protocollo. n. 354/AL2 del adottato con D.D. n. 244 del ; Considerato in particolare l Art. 13 comma 1 lettera D del suddetto Regolamento didattico; Vista la Nota ministeriale 9 dicembre 2010, protocollo n.7631 concernente principi e criteri per la progettazione di master da parte delle Istituzioni AFAM; Tenuto conto delle disposizioni e delle modalità previste dalla suddetta Nota ministeriale nell Allegato A Regolamento dei corsi di Master; 1

9 Le Scuole di Chitarra, Saxofono e Strumenti a percussione avendo ottenuto la preventiva approvazione delle Scuole di Composizione e di Musica Elettronica coinvolte nel progetto didattico chiedono l istituzione e l attivazione del Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA CONTEMPORANEA La proposta è formulata sulla base dei principi generali contenuti nel Regolamento dei corsi di Master, con particolare riferimento ai seguenti elementi essenziali: Obiettivi formativi e profili professionali di riferimento del corso Il Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello in oggetto, si configura come uno strumento didattico necessario per corrispondere alle attuali richieste, provenienti dal mondo del lavoro e delle professioni, richieste finalizzate a soddisfare le esigenze dei processi educativi specialistici sempre più orientati verso uno scenario internazionale. Il Master prevede un percorso di studio di alto perfezionamento avente come obiettivo quello di approfondire esigenze culturali, artistico musicali e professionali nello specifico settore della produzione e interpretazione della musica contemporanea. Al termine del percorso formativo gli studenti devono aver acquisito l'insieme di conoscenze e abilità che caratterizzano il profilo culturale e professionale di un interprete pienamente consapevole della prassi esecutiva e del repertorio contemporaneo, solistico e d'insieme, dello strumento. Le conoscenze delle tecniche esecutive e le competenze peculiari all indirizzo interpretativo, sono potenziate attraverso l'adeguato approfondimento nelle aree, teorico compositiva, semiografica, analitica e musicologica. Si sottolinea il valore aggiunto a livello formativo del rapporto privilegiato con le Scuole di Composizione e di Musica elettronica che svolgono il loro principale compito formativo in funzione della produzione contemporanea. Il rapporto didattico con la Scuola di Composizione fornisce allo studente l ulteriore possibilità di arricchire e articolare il patrimonio di conoscenze attraverso il confronto con le tecniche compositive della musica contemporanea sia dal punto di vista teorico sia nella realizzazione immediata delle soluzioni proposte in chiave sperimentale tramite lo specifico laboratorio che prevede la collaborazione attiva e paritetica di compositori e strumentisti. Il rapporto con la Scuola di Musica elettronica prevede formazione teorica ed esercitazioni pratiche finalizzate alla collaborazione e interazione con il mezzo elettronico con particolare riferimento al settore della produzione contemporanea per live electronics. Il percorso formativo di perfezionamento è integrato da stages formativi e cicli di tirocinio svolti anche all esterno del Conservatorio presso Enti di produzione musicale, attivi nel settore della musica contemporanea. Il corso offre allo studente possibilità di occupazione professionale nei seguenti ambiti professionali: Interprete della musica contemporanea per strumento solo; Interprete della musica contemporanea per strumento e live electronics; Interprete in gruppi da camera specializzati nel repertorio dal Novecento storico al periodo contemporaneo; 2

10 Interprete in ensemble con direttore specializzato nel repertorio dal Novecento storico al periodo contemporaneo; Interprete in formazioni orchestrali da camera; Interprete nell ambito della musica applicata alle immagini; Interprete nell ambito della musica applicata in tutti i possibili campi di attività. Requisiti di accesso Il Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello, prevede un numero di Studenti programmato in ragione della piena funzionalità dell offerta formativa, nel rispetto della normativa di riferimento e, in particolare, ai sensi della Nota 9 dicembre 2010 n.7631 Allegato A - Regolamento dei Corsi di Master. L ammissione alla frequenza avviene sulla base del numero dei posti individuati dall Istituzione come disponibili, numero ricompreso fra un minimo di quindici e un massimo di venticinque unità. Previo il superamento di una selezione per merito, svolta nel rispetto dei principi generali di trasparenza e imparzialità in materia di pubblici concorsi secondo modalità regolarmente indicate nello specifico bando, possono accedere Studenti che dimostrino di essere in possesso di un adeguata preparazione iniziale per l'acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dal Corso di Master in oggetto e che abbiano già conseguito uno dei seguenti titoli di accesso: - Diploma di Conservatorio del previgente Ordinamento unitamente al possesso del diploma di scuola secondaria superiore o titolo equipollente; - Diploma accademico di II livello conseguito presso i Conservatori di musica e gli IMP; - Laurea Magistrale o specialistica, o altro titolo rilasciato all'estero riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente; - Altro titolo di studio conseguito all'estero, non riconosciuto idoneo dalla normativa vigente, ma valutato e riconosciuto equivalente ai soli fini dell'ammissione al Master dal Consiglio di Corso. - Lo specifico bando del corso potrà prevedere, disciplinandola, l'ammissione alla selezione di studenti diplomandi e laureandi, a condizione che il titolo di studio richiesto, risulti comunque conseguito all'atto dell'immatricolazione, e comunque prima dell'inizio delle attività del corso. Articolazione delle attività formative e modalità di svolgimento delle prove di verifica, compresa la prova finale Si allega il Piano dell Offerta didattica con definizione completa della tipologia delle attività formative, delle Aree disciplinari, dei Settori artistico disciplinari, dei Campi disciplinari, con determinazione delle modalità di insegnamento, numero di ore di lezione per i moduli didattici, numero di crediti formativi accademici corrispondenti alle attività, modalità di svolgimento delle prove di verifica, compresa la Prova finale, nonché con la definizione delle percentuali delle ore di lezione sul credito formativo applicate sulla base del Decreto Ministeriale 12 novembre 2009 n Il Piano dell Offerta didattica, nel presente documento, è definito Allegato A. Composizione del Consiglio di Corso Il Consiglio di Corso, composto di sette membri, è formato nel seguente modo: dal Direttore del Conservatorio o da un suo delegato; 3

11 da un Docente titolare della Scuola di Chitarra; da un Docente titolare della Scuola di Saxofono; da un Docente titolare della Scuola di Strumenti a percussione; da un Docente titolare della Scuola di Composizione; da un Docente titolare della Scuola di Musica Elettronica; da un Esperto esterno nominato sulla base delle convenzioni con Enti di produzione per lo svolgimento di specifici Stages formativi. Risorse di docenza e strutture disponibili Lo svolgimento dei compiti didattici previsti nel Piano dell Offerta didattica prevede il coinvolgimento dei Docenti titolari dei Settori artistico disciplinari competenti, impegnati nelle attività formative descritte e corrispondenti ai campi disciplinari previsti nella apposita Tabella delle Declaratorie Conservatorio del 3 luglio Le sopra indicate attività, effettuate dai docenti dell'istituzione al di fuori del monte orario di impegno definito da ciascuna Scuola, possono essere retribuite con compenso orario proposto dal Consiglio di Amministrazione, nei limiti stabiliti dall Art. 10 comma 1 del Regolamento dei corsi di Master e all'interno della dotazione prevista dal piano finanziario del corso e secondo le modalità previste per l'attribuzione di incentivi ai docenti. Il Consiglio di Amministrazione propone anche i compensi degli eventuali docenti esterni, del Coordinatore, dei tutor e del personale tecnico-amministrativo. L attribuzione delle attività al personale tecnico-amministrativo e ai collaboratori in servizio presso l Istituzione avviene previa autorizzazione del Direttore amministrativo, al di fuori dell'orario di lavoro e in aggiunta rispetto al proprio monte ore. Le lezioni saranno svolte presso le due sedi del Conservatorio di Santa Cecilia, ovvero la sede di Via dei Greci e la sede di Sant Andrea delle Fratte. Gli Stages formativi e il Tirocinio saranno svolti presso gli Enti di produzione convenzionati con il Conservatorio. Gestione organizzativa e amministrativo - contabile del corso La gestione organizzativa e amministrativo contabile del corso di Master compete alla Istituzione, e in particolare al Direttore del Conservatorio di Musica Santa Cecilia, al Direttore Amministrativo e al Direttore di Ragioneria. Piano finanziario L'Istituzione attribuisce alla gestione organizzativa e amministrativo contabile, una dotazione finanziaria che deve essere destinata esclusivamente al funzionamento del corso di Master. Tale dotazione è composta, al netto della quota prevista dall Art. 11 comma 2 del Regolamento dei corsi di Master, dai seguenti proventi: a. dai contributi degli iscritti; b. da eventuali erogazioni a ciò finalizzate da parte di Enti e soggetti esterni. Si precisa che non possono essere previsti oneri finanziari a carico del bilancio dell'istituzione. La previsione di bilancio del Piano finanziario è allegata al presente documento e definita come Allegato B Valutazione dei risultati 4

12 Il corso di Master è sottoposto a una valutazione dei risultati, anche sulla base degli esiti dei processi di verifica, della soddisfazione degli iscritti e delle ricadute professionali del titolo in funzione della incidenza sulle possibilità di inserimento nel circuito lavorativo degli studenti che hanno conseguito il titolo. A conclusione del corso, il Coordinatore redige una relazione sull'attività svolta e sui risultati conseguiti. La relazione, approvata dal Consiglio di corso, dal Direttore e dai responsabili della gestione organizzativa e amministrativa contabile, è portata all'esame del Nucleo di Valutazione dell Istituzione e del Consiglio accademico anche ai fini di eventuali proposte di riedizioni del corso per l'anno successivo. Si allegano: Allegato A - Piano dell Offerta didattica Allegato B Previsione di bilancio del Piano finanziario (Autori del progetto: Arturo Tallini, Enzo Filippetti, Gianluca Ruggeri e Francesco Telli) 5

13 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S. CECILIA ROMA - Via dei Greci, 18 - C.F Tel Fax. n Conservatorio Santa Cecilia Discipline Interpretative e Compositive Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA CONTEMPORANEA Il Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello, prevede un numero di Studenti programmato in ragione della piena funzionalità dell offerta formativa, nel rispetto della normativa di riferimento e, in particolare, ai sensi della Nota 9 dicembre 2010 n.7631 Allegato A - Regolamento dei Corsi di Master. L ammissione alla frequenza avviene sulla base del numero dei posti individuati dall Istituzione come disponibili, numero ricompreso fra un minimo di quindici e un massimo di venticinque unità. Posti disponibili e requisiti di accesso al Master Previo il superamento di una selezione per merito, svolta nel rispetto dei principi generali di trasparenza e imparzialità in materia di pubblici concorsi secondo modalità regolarmente indicate nello specifico bando, possono accedere Studenti che dimostrino di essere in possesso di un adeguata preparazione iniziale per l'acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dal Corso di Master in oggetto e che abbiano già conseguito uno dei seguenti titoli di accesso: - Diploma di Conservatorio del previgente Ordinamento unitamente al diploma di scuola secondaria superiore o titolo equipollente; - Diploma accademico di II livello conseguito presso i Conservatori di musica e gli IMP; - Laurea Magistrale o specialistica, o altro titolo rilasciato all'estero riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente; - Altro titolo di studio conseguito all'estero, non riconosciuto idoneo dalla normativa vigente, ma valutato e riconosciuto equivalente ai soli fini dell'ammissione al Master dal Consiglio di Corso. - Lo specifico bando del corso potrà prevedere, disciplinandola, l'ammissione alla selezione di studenti diplomandi e laureandi, a condizione che il titolo di studio richiesto, risulti comunque conseguito all'atto dell'immatricolazione, e comunque prima dell'inizio delle attività del corso. Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA CONTEMPORANEA 1/5

14 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S. CECILIA ROMA - Via dei Greci, 18 - C.F Tel Fax. n Obiettivi formativi Prospettive occupazionali Il Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello in oggetto, si configura come uno strumento didattico necessario per corrispondere alle attuali richieste, provenienti dal mondo del lavoro e delle professioni, richieste finalizzate a soddisfare le esigenze dei processi educativi specialistici sempre più orientati verso uno scenario internazionale. Il Master prevede un percorso di studio di alto perfezionamento avente come obiettivo quello di approfondire esigenze culturali, artistico musicali e professionali nello specifico settore della produzione e interpretazione della musica contemporanea. Al termine del percorso formativo gli studenti devono aver acquisito l'insieme di conoscenze e abilità che caratterizzano il profilo culturale e professionale di un interprete pienamente consapevole della prassi esecutiva e del repertorio contemporaneo, solistico e d'insieme, dello strumento. Le conoscenze delle tecniche esecutive e le competenze peculiari all indirizzo interpretativo, sono potenziate attraverso l'adeguato approfondimento nelle aree, teorico compositiva, semiografica, analitica e musicologica. Si sottolinea il valore aggiunto a livello formativo del rapporto privilegiato con le Scuole di Composizione e di Musica elettronica che svolgono il loro principale compito formativo in funzione della produzione contemporanea. Il rapporto didattico con la Scuola di Composizione fornisce allo studente l ulteriore possibilità di arricchire e articolare il patrimonio di conoscenze attraverso il confronto con le tecniche compositive della musica contemporanea sia dal punto di vista teorico sia nella realizzazione immediata delle soluzioni proposte in chiave sperimentale tramite lo specifico laboratorio che prevede la collaborazione attiva e paritetica di compositori e strumentisti. Il rapporto con la Scuola di Musica elettronica prevede formazione teorica ed esercitazioni pratiche finalizzate alla collaborazione e interazione con il mezzo elettronico con particolare riferimento al settore della produzione contemporanea per live electronics. Il percorso formativo di perfezionamento è integrato da stages formativi e cicli di tirocinio svolti anche all esterno del Conservatorio presso Enti di produzione musicale, attivi nel settore della musica contemporanea. Il corso offre allo studente possibilità di occupazione professionale nei seguenti ambiti professionali: - Interprete della musica contemporanea per strumento solo; - Interprete della musica contemporanea per strumento e live electronics; - Interprete in gruppi da camera specializzati nel repertorio dal Novecento storico al periodo contemporaneo; - Interprete in ensemble con direttore specializzato nel repertorio dal Novecento storico al periodo contemporaneo; - Interprete in formazioni orchestrali da camera; - Interprete nell ambito della musica applicata alle immagini; - Interprete nell ambito della musica applicata in tutti i possibili campi di attività. Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA CONTEMPORANEA 2/5

15 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S. CECILIA ROMA - Via dei Greci, 18 - C.F Tel Fax. n Piano dell'offerta didattica PRIMO SEMESTRE SECONDO SEMESTRE tipologia delle attività formative area disciplinare settore artistico disciplinare settore campo disciplinare modalità ore lezione val. ore lezione val. DI BASE Discipline musicologiche CODM/04 STORIA DELLA MUSICA 4 Storia delle forme e del repertorio contemporaneo C 32 4 E Discipline compositive CODC/01 COMPOSIZIONE 6 Analisi compositiva, notazioni e grafie della musica contemporanea C 24 3 E 24 3 E Totale 7 Totale 3 Totale crediti attività formative di BASE 10 Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA CONTEMPORANEA 3/5

16 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S. CECILIA ROMA - Via dei Greci, 18 - C.F Tel Fax. n Piano dell'offerta didattica PRIMO SEMESTRE SECONDO SEMESTRE tipologia delle attività formative area disciplinare settore artistico disciplinare settore campo disciplinare modalità ore lezione val. ore lezione val. Discipline interpretative CODI/ STRUMENTO 18 Prassi esecutive e repertorio della musica contemporanea I E 12 8 E Discipline compositive CODC/01 COMPOSIZIONE 6 Forme, sistemi e linguaggi musicali dal Novecento storico al periodo contemporaneo C 24 3 E 24 3 E CARATTERIZZANTI Discipline della musica elettronica e delle tecnologie del suono COME/01 ESECUZIONE ED INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA ELETTROACUSTICA 6 Esecuzione e interpretazione della musica elettroacustica in ambito multimodale con interazione di suono, immagine e movimento Esecuzione e interpretazione della musica elettroacustica in ambito concertistico per strumenti ed elettronica C 24 3 E C 24 3 E Discipline interpretative d'insieme COMI/03 MUSICA DA CAMERA 4 Prassi esecutive e repertori della musica da camera contemporanea G 24 4 E Totale 16 Totale 18 Totale crediti attività formative CARATTERIZZANTI 34 Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA CONTEMPORANEA 4/5

17 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S. CECILIA ROMA - Via dei Greci, 18 - C.F Tel Fax. n Piano dell'offerta didattica PRIMO SEMESTRE SECONDO SEMESTRE tipologia delle attività formative INTEGRATIVE E AFFINI area disciplinare Discipline: 1) interpretative 2) compositive 3) della musica elettronica e delle tecnologie del suono settore artistico disciplinare CODI/ Strumento CODC/01 Composizione COME/01 Esecuzione e interpretazione della musica elettroacustica della musica elettroacustica settore 6 campo disciplinare Laboratorio sperimentale integrato per la collaborazione paritetica di strumentisti e compositori nella musica contemporanea modalità L ore lezione val. ore lezione val ID 30 3 ID Totale 3 Totale 3 Totale crediti attività formative AFFINI E INTEGRATIVE 6 Partecipazione a Seminari, Conferenze e Visite didattiche L 16 2 ID 16 2 ID ULTERIORI E ALTRE 10 Partecipazione a Stages formativi presso Enti di produzione esterni L 16 2 ID 16 2 ID Tirocinio relativo all'indirizzo L 16 2 ID Totale 4 Totale 6 Totale crediti attività formative ULTERIORI o ALTRE 10 Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA CONTEMPORANEA 5/5

18 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO DI MUSICA S. CECILIA ROMA - Via dei Greci, 18 - C.F Tel Fax. n Piano dell'offerta didattica SECONDO SEMESTRE tipologia delle attività formative area disciplinare settore artistico disciplinare settore prova d'esame modalità ore lezione val. PROVA FINALE Discipline interpretative CODI/ STRUMENTO 4 Recital I 6 4 E Totale 4 Totale crediti attività formative per la PROVA FINALE 4 PRIMO SEMESTRE 30 Ore di lezione 181 SECONDO SEMESTRE 34 Ore di lezione 192 TOTALE PREVISTI 64 Totale ore di lezione previste 373 Modalità di svolgimento delle attività formative e percentuali ore di lezione per Percentuale delle ore di lezione per credito formativo Il numero delle ore di lezione indicate fa riferimento alla frequenza dello studente Storia della musica (C) 32% I = INDIVIDUALE (da 6% a 24%) Analisi compositiva, notazioni e grafie (C) 32% G = PER INSIEMI O PER GRUPPI (da 12% a 48%) Prassi esecutive e repertori (I) 6% C = COLLETTIVA (da 24% a 60%) Forme, Sistemi e Linguaggi musicali (C) 32% L = LABORATORIO (da 32% a 80%) Esecuzione ed interpretazione della Mus. Elettronica (C) 32% Prassi esecutive e rep. da camera (G) 24% Laboratorio (L) 40% Modalità di valutazione al termine di ogni attività formativa Tirocinio relativo all'indirizzo (L) 32% Stages e Seminari (L) 32% Prova finale (I) 6% ID = valutazione con giudizio di idoneità attribuito dal docente E = valutazione in trentesimi attribuita da una commissione a seguito di esame Diploma di Perfezionamento - Master di secondo livello INTERPRETAZIONE DELLA MUSICA CONTEMPORANEA 6/5

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Qualifications Framework for the European Higher Education Area

Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente: «Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalita' della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell'infanzia, della scuola

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

BOZZA POLITE ECNICO CONSER TIA. O in PREMESSO VISTO. lavoro;

BOZZA POLITE ECNICO CONSER TIA. O in PREMESSO VISTO. lavoro; Ministero dell Istruzionee dell Università e della Ricerca POLISA POLITE ECNICO INTERNAZIONALE "SCIENTIA ET ARS" s.c.a. r.l. CONSER RVATORIO DI MUSICA F.TORREFRANCA DI VIBO VALENT TIA ANNO ACCADEMICO 2013-2014

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani

Classificazione Istat dei titoli di studio italiani 24 ottobre 2005 Classificazione Istat dei titoli di studio italiani Anno 2003 Nota metodologica 1. INTRODUZIONE In occasione del Censimento 2001 della popolazione, il settore Istruzione dell Istat è stato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE.

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE. LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge: TITOLO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con D.R. n.1508 del 31/07/2013) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione Definizioni PARTE

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con delibera del Senato Accademico del 19 luglio 2011) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

COMPILARE IL MODELLO IN STAMPATELLO

COMPILARE IL MODELLO IN STAMPATELLO _l_ sottoscritt, nat_ a il / / consapevole delle sanzioni penali richiamate dall'art. 76 del D.P.R. n. 445/2000 in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi e per gli effetti dell'art. 46 del citato D.P.R.

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli