3. Indicazioni procedurali 4. Sintetico quadro normativo in materia di turismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Indicazioni procedurali 4. Sintetico quadro normativo in materia di turismo"

Transcript

1 Linee guida utili alla redazione di contratti di vendita di pacchetti turistici e analisi delle più significative problematiche inerenti. Predisposizione di un modello contrattuale conforme alla legislazione vigente, da offrire agli operatori del settore. 1. Presentazione La legge 29 dicembre 1993, n. 580 sul riordinamento delle Camere di commercio ha attribuito alle stesse nuove e importanti funzioni e stabilito, tra l altro (all art. 2, 4 co.) che esse possano predisporre e promuovere contratti tipo tra imprese, loro associazioni e associazioni di tutela degli interessi dei consumatori e degli utenti e promuovere forme di controllo sulla presenza di clausole inique inserite nei contratti anche attraverso l azione inibitoria. Alla luce di queste prescrizioni la Camera di Commercio di Campobasso ha istituito una Commissione per la Regolazione del mercato che: intraprendesse un attività di analisi dei contratti depositati esprimendo pareri tecnico-giuridici sulla vessatorietà della clausole inserite; avanzasse proposte di modifica delle clausole di cui tale vessatorietà venga accertata; proponesse l esercizio dell azione inibitoria; procedesse, anche in collaborazione con le associazioni di categoria interessate, associazioni di tutela degli interessi di consumatori ed utenti e con l Area, alla elaborazione di clausole tipo e alla redazione di schemi contrattuali-tipo da proporre alla Giunta per l adozione definitiva; si esprimesse sulle eventuali proposte di modifica e/o integrazione agli schemi contrattuali elaborati dalle associazioni in fase di concertazione (v. Deliberazione del Consiglio n. 1 del 27 giugno 2007). Conseguentemente questa Commissione, nello svolgimento dei compiti che le sono stati assegnati, ha valutato l importanza di rivolgere la propria indagine al settore del turismo e, in particolare, ai contratti di vendita di pacchetti turistici. La scelta, pur in mancanza di formulari depositati presso la Camera di commercio, nasce dalla considerazione della grande diffusione del fenomeno del turismo organizzato e del sempre più ampio consumo di viaggi e vacanze tutto incluso. 2. Finalità 1

2 L analisi della normativa (sia quella generale sia quella particolare, a tutela del consumatore turista ex artt. 82 ss. del Codice del consumo) e della giurisprudenza più recente e significativa è stata finalizzata alla: elaborazione di Linee guida (utili al consumatore che voglia acquistare un pacchetto turistico ); predisposizione di un modello contrattuale viaggi tutto compreso che, contenente regole certe, trasparenti e non vessatorie e conformi ai principî normativi, sarà messo a disposizione di ogni operatore che voglia caratterizzare positivamente la propria attività. Fine ultimo di queste riflessioni ed elaborazioni è quella di garantire la trasparenza delle relazioni commerciali tra operatori e consumatori. 3. Indicazioni procedurali Delineato il quadro normativo di riferimento, il lavoro della Commissione si è indirizzato all individuazione dei principî che stanno alla base della disciplina vigente in materia di turismo ( 4); l attenzione si è poi rivolta alla normativa relativa al settore dei viaggi organizzati e dei servizi turistici offerti ai viaggiatori ( 5) per concentrarsi sulle disposizioni raccolte nel Codice del consumo, lette anche alla luce di recenti orientamenti della giurisprudenza e della dottrina ( 6). Particolare cura è stata riservata all analisi della natura del danno subito dal turista in caso di vacanza rovinata ( 7). Alla luce di tale approfondimento e analizzati alcuni contratti utilizzati da diverse agenzie di viaggi, si è giunti a una prima elaborazione di un modello contrattuale-tipo da sottoporre all osservazione delle Associazioni rappresentative degli interessi in gioco (operatori turistici e consumatori) ( 8). Tenendo conto delle osservazioni avanzate dai vari rappresentanti delle associazioni che hanno presenziato all incontro organizzato dalla Camera di Commercio di Campobasso ( 9) questa Commissione è giunta a predisporre un modello contrattuale rispettoso della disciplina di settore e conforme alle disposizioni a tutela del consumatore ( 10). 4. Sintetico quadro normativo in materia di turismo In relazione alla normativa in materia di turismo (pur ricordando che il settore del turismo si caratterizza per la 2

3 molteplicità degli ambiti di riferimento, ciascuno dei quali dotato di una propria regolamentazione, relativa ad es. all organizzazione turistica, alla promozione, alle pro-loco, al demanio, alle agenzie di viaggi, alla ricettività alberghiera ed extra-alberghiera, all agriturismo e al turismo rurale, agli itinerari enogastronomici e alle strade dei vini e dei sapori, alle stazioni sciistiche, al termalismo, alle professioni turistiche, ai bed & breakfast, ai residence e affittacamere, al turismo itinerante, agli stabilimenti balneari, all attività congressuale, alla tutela del turista, agli incentivi per gli investimenti nel settore ecc.) si possono ricordare, seguendo un ordine temporale e logico: la l. 29 marzo 2001, n. 135 (recante «Riforma della legislazione nazionale del turismo») che, emanata pochi mesi prima dell attuazione della riforma costituzionale, ha previsto numerose garanzie a tutela del consumatore e affermato la ripartizione di competenze tra Stato e regioni (le quali, a loro volta, riconoscono, in base al principio di sussidiarietà, il ruolo del Comuni e delle Province nei corrispondenti ambiti territoriali, con particolare riguardo all attuazione delle politiche intersettoriali e infrastrutturali, necessarie alla qualificazione dell offerta turistica). Tra le novità introdotte da tale legge si possono annoverare, tra l altro: a) il passaggio di funzioni e compiti dallo Stato alle regioni e agli enti locali nell ottica del decentramento; b) l istituzione della Conferenza nazionale del turismo; c) la promozione dei diritti del turista ad opera di una Carta dei diritti del turista (di competenza del Ministero dell industria del commercio e dell artigianato, oggi Ministero dello sviluppo economico, contenente numerose fondamentali informazioni, relative, ad. es., ai diritti del turista quale utente dei diversi mezzi di trasporto e delle agenzie di viaggio e turismo; alle modalità di fruizione di servizi turistico-recettivi; ai contratti relativi all'acquisizione di diritti di godimento a tempo parziale dei beni immobili a destinazione turisticorecettiva) e con l attribuzione alle CCIAA del compito di costituire commissioni arbitrali e conciliative per la risoluzione delle controversie tra imprese e tra imprese e consumatori ed utenti, inerenti la fornitura di servizi turistici; 3

4 d) l introduzione dei sistemi turistici locali (definiti all art. 5 come «contesti turistici omogenei e integrati, comprendenti ambiti territoriali appartenenti anche a regioni diverse, caratterizzati dall offerta integrata di beni culturali, ambientali e di attrazioni turistiche, compresi i prodotti tipici dell agricoltura e dell artigianato locale, o dalla presenza diffusa di imprese turistiche singole o associate»). e) le definizioni normative di imprese e professioni turistiche (ex art. 7, «quelle che esercitano attività economiche, organizzate per la produzione, la commercializzazione, l intermediazione e la gestione di prodotti, di servizi, tra cui gli stabilimenti balneari, di infrastrutture e di esercizi, compresi quelli di somministrazione facenti parte dei sistemi turistici locali, concorrenti alla formazione dell offerta turistica»); f) l affermazione, anche in ambito turistico, del principio di sussidiarietà; g) l istituzione del Fondo di cofinanziamento dell offerta turistica (art. 6). il d.p.c.m del 13 settembre 2002 di «Recepimento dell accordo fra lo Stato, le Regioni e le Province autonome sui principî per l armonizzazione, la valorizzazione e lo sviluppo del sistema turistico», che ha attuato, in parte, la legge n. 135 del Tale decreto ha delegato alle Regioni il compito di disciplinare gli strumenti, le strutture e le modalità di collegamento e concorso da parte degli enti territoriali e funzionali (peraltro, la necessità di uniformazione sul territorio nazionale era nato dal fatto che per gli alberghi e per gli agriturismo al numero di stellette e dei segni grafici indicanti la presenza di un determinato servizio non corrispondeva lo stesso standard di qualità) e di definire: a) terminologie omogenee e standard minimo dei servizi di informazione e di accoglienza al turista; b) criteri e modalità dell esercizio su tutto il territorio nazionale delle imprese turistiche; c) standard minimi di qualità delle camere di albergo e delle strutture ricettive in generale; 1 L art. 2, comma 4 della l. n. 135 del 2001 prevedeva infatti che «entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Presidente del Consiglio dei Ministri» dovesse definire «con proprio decreto, i principî e gli obiettivi per la valorizzazione e lo sviluppo del sistema turistico». 4

5 d) requisiti e modalità di esercizio su tutto il territorio nazionale delle professioni turistiche. Entro nove mesi dall emanazione del decreto, ciascuna regione avrebbe dunque dovuto dare attuazione agli obiettivi stabiliti dalla l. 29 marzo 2001, n. 135 (e contenuti nel decreto): nel frattempo, è intervenuta la Riforma costituzionale. la legge di riforma del Titolo V, parte II della Costituzione. In relazione alla normativa attualmente in vigore, occorre dunque rifarsi al quadro normativo generale e ricordare che la l. 18 ottobre 2001, n. 3 di Riforma del Titolo V, Parte II della Costituzione (art. 117, 2 co, Cost.), nel modificare il riparto di competenze legislative tra Stato e regioni, non ha inserito il turismo né tra le materie di esclusiva competenza statale né tra quelle di legislazione concorrente Stato-regioni e che tale settore è diventato, pertanto, di competenza legislativa residuale regionale. la l. 14 maggio 2005, n. 80. Va notato che, in senso opposto alla scelta costituzionale operata volta ad ampliare il potere legislativo delle regioni, si è posta la l. 14 maggio 2005, n. 80 che, all art. 12, relativo al «Rafforzamento e rilancio del settore turistico», ha determinato la trasformazione dell ENIT (Ente nazionale per il turismo) in Agenzia Nazionale per il turismo e decretato l istituzione del Comitato nazionale per il turismo al fine di assicurare il coordinamento stabile delle politiche di indirizzo «del settore turistico in sede nazionale e la sua promozione all estero». le leggi regionali. Le regioni, che già prima della Riforma costituzionale avevano adottato normative sull organizzazione e promozione turistica, sulla ricettività alberghiera ed extra alberghiera (avendo la precedente legge quadro sul turismo, n. 217 del 1983, definito i principî fondamentali e rimandato alle regioni la regolamentazione) hanno promulgato proprie leggi. Nella Regione Molise, l organizzazione del turismo fa capo all Assessorato al turismo, sport, termalismo, enti locali e sistema delle autonomie, polizia locale, istruzione e cultura. Numerose le leggi adottate, tra cui: la l.r. 9 giugno 1978, n. 13, relativa alla promozione turistica che è stata innovata con 5

6 interventi a sostegno di imprese operanti nel settore del turismo disciplinati con l.r. 27 gennaio 2003, n. 4; la l.r. 21 marzo 2001, n. 4, che ha apportato modifiche alla l.r. 3 maggio 1995, n. 19, sull «Incentivazione dell offerta turistica nei settori alberghiero e di turismo rurale»; la l.r. 28 giugno 2007, n. 20 relativa agli «Interventi regionali a sostegno di attività turistico-ricettive ed economiche connesse con il turismo invernale, danneggiate da eccezionale siccità invernale e mancanza di neve»; la l.r. 21 marzo 2001, n. 5, «Disciplina delle attività ricettive all aria aperta»; la l.r. 12 luglio 2002, n. 13 recante Norme in materia di attività ricettiva alla produzione di servizi per l ospitalità bed & breakfast. 5. Viaggi organizzati e servizi turistici In relazione al settore dei viaggi organizzati e dei servizi turistici offerti ai viaggiatori occorre fare particolare riferimento (oltre alle norme codicistiche in tema di contratto in generale e del mandato, nonché alle norme sul contratto di trasporto e di appalto in quanto migliorative e/o compatibili con la normativa comunitaria): alle varie Convenzioni internazionali in materia, rese esecutive in Italia con: l. 27 (o 29??) dicembre 1977, n. 1084, tramite la quale è stata recepita nel nostro Paese la Convenzione sul contratto di viaggio (Ccv) firmata a Bruxelles il 20 aprile 1970, limitatamente ai viaggi internazionali. In tale Convenzione si afferma il diritto del viaggiatore (utente del servizio) di promuovere l azione di responsabilità contrattuale per i danni derivanti da attività inesatta nei confronti del vettore o del fornitore del viaggio singolo ma anche nei confronti dell organizzatore del viaggio che risponde degli altri soggetti che hanno partecipato con le rispettive prestazioni all effettuazione del servizio; l. 19 maggio 1932, n. 41, che ha reso esecutiva la Convenzione di Varsavia del 12 ottobre 1929 sul trasporto aereo internazionale; l. 2 marzo 1963, n. 806, che ha reso esecutiva la Convenzione di Berna del 25 febbraio 1961 sul trasporto ferroviario; al Codice del consumo che, nella Parte III, agli artt, (che riproducono, con alcune modificazioni, le definizioni 6

7 contenute nel d.lg. 17 marzo 1995, n. 111 di attuazione della direttiva 90/314/CE), tratta dei servizi turistici e, in particolare, dei pacchetti turistici che, predisposti con moduli o formulari, si collocano nella categoria dei contratti dei consumatori. 6. I pacchetti turistici nel Codice del consumo: linee guida La normativa in esame si applica: ai pacchetti turistici cioè a quei contratti che hanno per «oggetto i viaggi, le vacanze, i circuiti tutto compreso, risultanti dalla prefissata combinazione» di almeno due servizi di cui uno deve necessariamente consistere nel trasporto o nell alloggio e l altro in «servizi turistici non accessori al trasporto o all alloggio» e che costituiscano parte significativa del pacchetto; che abbiano una durata superiore alle 24 ore, ovvero comprendano almeno una notte; che siano venduti 2 o offerti in vendita, nel territorio nazionale da organizzatore o venditore che abbia la qualità di agenzia di viaggio e di turismo ; che siano negoziati: all interno dei locali commerciali; al di fuori dei locali commerciali o a distanza: ferme restando, in questi casi, le disposizioni di cui agli artt Per tali contratti di viaggio tutto incluso (cui, ex art. 83, possono prendere parte: l organizzatore definito come colui che si obbliga in nome proprio e dietro corrispettivo di un prezzo forfetario a procurare a terzi i pacchetti turistici; il venditore inteso come colui che vende o si obbliga a procurare pacchetti turistici per un corrispettivo di un prezzo forfetario; il consumatore che è l acquirente, il cessionario di un pacchetto turistico) sono previste regole sulla 2 Benché il codice attribuisca al contratto la denominazione di vendita si tratta in realtà di una contratto con quale l organizzatore (non trasferisce al consumatore un bene giuridico ma) fornisce o si obbliga a realizzare una combinazione di servizi che danno luogo a una nuova ed autonoma entità, così, C. Alvisi, in Codice ipertestuale del consumo diretto da M. Franzoni, Torino, 2008, p

8 1. conclusione del contratto. Il contratto di vendita dei pacchetti turistici è normalmente un contratto per adesione; il predisponente (che deve predisporre depliants e opuscoli informativi relativi ai pacchetti di viaggio che propone) deve rendere conoscibile: il contenuto del contratto determinando, per iscritto, sia gli elementi del contratto (destinazione, durata, prezzo sistemazione in albergo...) sia i diritti spettanti al consumatore (quali il recesso per giusta causa, che è peraltro diritto di fonte legale e irrinunciabile, e il diritto di recesso per modificazione dei presupposti di cui agli artt. 90 e 91) sia la previsione della clausola di recesso convenzionale a favore dell organizzatore o del venditore di cui all art. 86, lett. l) e dell importo massimo della caparra confirmatoria che l organizzatore e il venditore possono esigere all atto della prenotazione (non più del 25% del costo complessivo del viaggio); e così via, come indicato all art. 86. La dazione della caparra all atto di prenotazione sembra confermare che la prenotazione coincide con il momento perfezionativo del contratto (da quel momento sorge l impossibilità per il consumatore di disdire la prenotazione e di recedere: nella prassi contrattuale si nota talvolta che il venditore o l organizzatore si vuole atteggiare come destinatario di una proposta contrattuale effettuata dal consumatore; tale prassi è sembrata a parte della dottrina essere in violazione dell art. 33 comma 1 del Codice che si richiama ai principî di buona fede e dell art. 33, 2 co. lett. d) e lettera v); 2. forma (art. 85). Il contratto deve essere redatto in forma scritta e in termini chiari e precisi (cioè scritto in modo ben comprensibile e a caratteri ben leggibili): copia di tale contratto stipulato, sottoscritto o timbrato dall organizzazione o dal venditore, deve essere consegnato al consumatore. Si discute sul significato della prescrizione di forma enunciato all art. in esame (se sia un elemento essenziale, la cui mancanza determinerebbe la nullità del contratto: si tratterebbe per taluni, di nullità di protezione; altra dottrina ritiene si tratti di una forma necessaria ad probationem; altri ancora ritengono non si tratti né di forma essenziale né di prova ma di una forma informativa finalizzata alla soddisfazione all esigenza di rendere edotto il consumatore dei suoi diritti e dei suoi obblighi); 8

9 3. Obblighi di informazione. Il venditore di pacchetti turistici, in ossequio al principio della trasparenza: a) prima della conclusione del contratto, è obbligato (obbligo di buona fede precontrattuale di cui all art c.c.) a informare il consumatore su passaporto, obblighi sanitari e così via (ex art. 87, 1 co.); il contenuto dell informazione viene arricchito nell opuscolo informativo che, ex art. 88, può essere messo a disposizione del consumatore. L omesso adempimento di tali obblighi precontrattuali costituisce una pratica commerciale sleale ai sensi dell art. 22, 5 co. contro cui sia il consumatore che le associazioni consumeristiche possono invocare l intervento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e l applicazione delle misure inibitorie e ripristinatorie e delle sanzioni pecuniarie di cui all art. 27 c. cons. b) prima dell inizio del viaggio deve adempiere ad altri obblighi informativi (orari, località, ma anche la possibilità di sottoscrivere un contratto assicurativo e così via). Si sancisce inoltre il divieto di fornire informazioni ingannevoli, cioè non corrispondenti al contenuto del contratto che si è in concreto stipulato; 4. Impossibilità del viaggiatore che ha concluso il contratto, di poter fruire del pacchetto: il consumatore può farsi sostituire secondo le regole di cui all art. 89; 5. Revisione del prezzo e diritto di recesso (art. 90): la variazione del prezzo forfetario è consentita quando è stata prevista nel contratto unitamente all unità di calcolo, entro limiti specifici e tassativi: variazione del costo del trasporto, del carburante... La revisione non può essere superiore al 10% del prezzo nel suo originario ammontare. Se è apposta una maggiorazione non consentita, o comunque maggiore del 10% del prezzo, al consumatore è attribuito il diritto di recesso, previo rimborso delle somme già versate. Sono inefficaci tutte le variazione del prezzo che vengono effettuate nei 20 gg. che precedono la partenza; 6. Modifica sostanziale delle condizioni contrattuali che possono verificarsi e recesso del consumatore: a) prima della partenza (art. 91, 1, 2 e 3 co.), solo nel caso l organizzatore si trovi nella necessità oggettiva di fare tale 9

10 variazione, deve darne avviso al consumatore in forma scritta: il consumatore può recedere dandone comunicazione entro 2 gg. lavorativi dal momento in cui ha avuto la comunicazione e avere indietro quanto versato, o può usufruire di altro pacchetto turistico 3. Il consumatore ha anche diritto al risarcimento di ogni ulteriore danno secondo le regole di cui all art. 92; b) dopo la partenza (art. 91, 4 e 5 co.), il tour operator ha l obbligo di predisporre adeguate soluzioni alternative per la prosecuzione del viaggio oppure rimborsare il consumatore nei limiti della differenza tra le prestazioni originariamente previste e quelle effettuate, salvo il risarcimento dei danni. Se non è possibile prevedere soluzioni alternative o se il consumatore le rifiuta per giustificato motivo, l organizzatore ha l obbligo di mettere il consumatore in condizione di tornare nel luogo di partenza 4 ; 7. In caso di recesso o di cancellazione del viaggio (art. 92). Se il pacchetto turistico viene cancellato prima della partenza per qualsiasi motivo, tranne che per colpa del consumatore, questi ha diritto di usufruire di un altro pacchetto o di avere il rimborso della somma di denaro; ha anche diritto ad avere un indennità. 3 T. Monza 19 maggio 2003, n. 1617: è modifica significativa l anticipazione o la posticipazione degli orari di partenza del volo di andata e di ritorno incluso nel pacchetto turistico di cui l agenzia di viaggi non ha dato puntuale comunicazione, conseguentemente l agenzia è condannata a risarcire i danni patrimoniali sofferti dal viaggiatore (comprensivi sia delle maggiori spese per procurarsi un altro volo sia del danno da ridotto godimento della vacanza per la perdita di un giorno costo del viaggio; T. Torino sez IV 21 novembre 2003: tra gli elementi essenziali del contratto rientrano l ubicazione, la categoria turistica, il livello e le principali caratteristiche della sistemazione in albergo cui deve essere assimilata la sistemazione in barca per analogia. La sostituzione del natante deve essere comunicata per scritto, risulta pertanto inadempiente l organizzatore che provveda a tale comunicazione solo oralmente. 4 Cass. 9 novembre 2004, n : è considerata modifica essenziale del pacchetto da imputarsi all inadempimento dell organizzatore, l indisponibilità per due giorni, su un periodo complessivo di sedici, dell albergo prenotato, che abbia reso necessaria la sistemazione dei turisti in altro hotel. DdP Parma, 13 marzo 2004: è considerata modifica essenziale la sistemazione dei turisti in un albergo diverso da quello prenotato e privo, a differenza dell albergo incluso nel pacchetto, delle strutture termali che avevano costituito la ragione della vacanza 10

11 L organizzatore ha facoltà di recedere dal contratto senza obbligo indennità nel caso in cui non raggiunga il numero dei partecipanti previsto dal contratto di viaggio e il consumatore sia stato informato in forma scritta almeno 20 gg prima della data di partenza oppure quando sopravvengano cause di forza maggiore escluso l eccesso di prenotazioni (overbooking). Il consumatore può usufruire di altro pacchetto turistico secondo le regole di cui all art. 92; 8. Contestazioni e reclami. In ossequio al principio della collaborazione del consumatore, che deve agire secondo buona fede, l art. 98 pone a carico del consumatore il compito di contestare le eventuali mancanze nell organizzazione del contratto senza ritardo così che l organizzatore (o chi sia da lui incaricato) possa velocemente porvi rimedio; il reclamo può anche essere effettuato al rientro nel luogo di partenza con lettera raccomandata inviata entro e non oltre 10 gg. lavorativi; 9. Responsabilità contrattuale in caso di mancato o inesatto inadempimento e limiti. Le norme che disciplinano la responsabilità contrattuale del venditore o dell organizzatore possono essere invocate quando i soggetti coinvolti rispondano ai requisiti soggettivi di cui all art. 83 del Codice del consumo. Sarà altrimenti applicabile la disciplina convenzionale (meno incisiva) disposta dalla Convenzione internazionale in materia di contratti di viaggio (Bruxelles 20 aprile 1970, ratificata con l. 27 dicembre 1977, n. 1084). La responsabilità contrattuale può derivare: dall omissione delle informazioni obbligatorie o doverose ai sensi del generale dovere di buona fede nell esecuzione del contratto; dalla comunicazione di informazioni ingannevoli (vietate dall art. 87, 4 co.); dalla modifica non accettata dal consumatore delle prestazioni previste nel pacchetto; dalla cancellazione del pacchetto e dalla violazione dell obbligo di protezione del consumatore che si può realizzare con l offerta di soluzioni alternative (art. 91 e 92); dall inadempimento dell obbligo di soccorso (art. 96, 2 co.) dalla mancata o inesatta esecuzione delle prestazioni previste nel pacchetto. 11

12 La cattiva esecuzione del contratto può determinare un danno ai beni, alla persona del viaggiatore oltre al danno da diminuita o mancata fruizione della vacanza. L art. 93, 1 co.: organizzatore e venditore sono responsabili secondo le relative responsabilità cioè a seconda degli obblighi assunti. Il venditore del pacchetto (cioè l intermediario) non sarà responsabile verso il consumatore per l inadempimento del tour operator né in via solidale né in via diretta. Se organizzatore o venditore si avvalgono di prestatori di servizi, salvo il diritto di rivalersi nei loro confronti, devono comunque risarcire il danno sofferto dal consumatore (art. 93, 2 co.) Esonero da responsabilità (oggettiva). Ai sensi dell art. 96 venditore e organizzatore sono esonerati da responsabilità nei casi di impossibilità oggettiva di adempiere il contratto quando la mancata o inesatta esecuzione: è imputabile al consumatore può ricollegarsi al fatto di un terzo a carattere imprevedibile o inevitabile deriva da caso fortuito (cioè un fattore esterno imprevedibile o inevitabile) o da forza maggiore (cioè da un azione imprevedibile e non controllabile che impedisce la prestazione). 11. In particolare, responsabilità: a) per danni alla persona; b) per danni diversi da quelli alla persona (artt. 94 e 95). Le due norme si riferiscono a due tipologie di danni diversi, cui vengono fatti conseguire effetti differenti in ordine alla prescrizione, ai limiti risarcitori e alle clausole limitative. a) responsabilità per danni alla persona (art. 94): il danno è risarcibile nei limiti delle convenzioni internazionali, la sua entità non può essere limitata per mezzo di una clausola contrattuale; è assoggettato alla prescrizione triennale dalla data del rientro del viaggiatore; 5 In relazione alla responsabilità solidale della compagnia aerea e dell organizzatore del viaggio per i danni patiti a due turiste a causa del dconsiderevole ritardo nella partenza per un viaggio organizzato a causa di un guasto tecnico dell aereo, v. Trib. Mondovì, 22 maggio 2008; v. anche Cass. 29 febbraio 2008, n

13 per i danni che sorgono nell ambito di un contratto di trasporto oggetto di un pacchetto si applicano i termini di cui all art c.c. (12 mesi, se il trasporto ha luogo in Europa; 18 mesi se dall Europa prosegue fuori). La dottrina si interroga sull espressione danno alla persona se debba intendersi inclusiva del danno esistenziale o solo relativa al danno biologico; e si domanda anche se tale danno abbia natura patrimoniale o non patrimoniale (v. 7). b) responsabilità per danni diversi da quelli alla persona (art. 95) (danni alle cose): consentite solo clausole di limitazione della responsabilità (se non vessatorie e se approvate per iscritto) che siano ammissibili ai sensi delle convenzioni internazionali; si prescrive in un anno dal rientro del consumatore. 12. Assicurazioni e fondo garanzia. L art. 99 prevede l obbligo per l organizzatore e il venditore di stipulare un assicurazione per la responsabilità civile verso il consumatore per il risarcimento dei danni di cui agli artt. 94 e 95 (diversi dai danni alla persona e derivanti da inesatto o mancato adempimento delle obbligazioni contrattuali), oltre che altra eventuale assicurazione di assistenza al turista. In caso di insolvenza o fallimento del venditore o dell organizzatore, per consentire il rimborso e il rimpatrio del viaggiatore, è possibile attingere al Fondo garanzia di cui all art. 100 del codice cons. 7. In particolare, sulla natura del c.d. danno da vacanza rovinata subito dal turista: analisi della più recente giurisprudenza La giurisprudenza recente ha affermato che nel contratto di viaggio vacanza tutto compreso (noto anche come travel package o pacchetto turistico e assai diverso dal contratto di organizzazione e dal contratto di intermediazione di viaggio) la finalità turistica (o, con espressione più generale, lo scopo di piacere ) rappresenta (non un semplice motivo, come tale irrilevante, che ha indotto il consumatore alla stipulazione, ma) 13

14 l interesse preminente che spinge le parti a contrarre 6 : l'interesse turistico del consumatore è, in questa tipologia di contratti, parte integrante della loro causa e consente di ritenere essenziali, ai fini di una sua esatta esecuzione, tutte le attività e i servizi strumentali alla realizzazione del preminente fine del godimento della vacanza. L inadempimento o il non esatto adempimento contrattuale può causare danni risarcibili: nell ambito dei danni risarcibili al viaggiatore si evidenzia il c.d. danno da vacanza rovinata definito come «pregiudizio che può gravare sul turista da disagi psico-fisici sofferti in corso di vacanza e idonei a limitare il pieno e sereno godimento del viaggio considerato come occasione di svago e di piacere o di riposo, e che spesso si accompagnano alla mancata realizzazione in tutto o in parte del programma turistico previsto» 7. La giurisprudenza da tempo ha affermato la risarcibilità di tali danni e la dottrina propende perlopiù che si sia in presenza di un danno morale contrattuale 8 risarcibile in via autonoma rispetto al danno morale e a prescindere dalla sussistenza di un illecito di natura penale 9, altra dottrina parla di danno da responsabilità extracontrattuale e di danno esistenziale 10. In giurisprudenza, sono state ritenute configurare ipotesi di inadempimento e fonti di danni da vacanza rovinata (da risarcire) 11, ad es.: l erogazione di prestazioni diverse da quelle pattuite o il cattivo funzionamento di servizi basilari (Trib. Napoli: nel corso di una crociera, essere stato alloggiato in una cabina priva di aerazione; G.d.P. Roma, sez. V, 25 giugno 2005, l umidità delle camere d albergo; G.d.P. Cagliari, la mancata fruizione dei promessi servizi sportivi); 6 Cass. 24 luglio 2007, n , in Dir. turismo, 2007, 375 ss., con commento di BENELLI; in I contratti, 2008, p. 241 ss., con nota di C. CAVAJONI, La finalità turistica come causa in concreto del contratto di viaggio. 7 G. GLIATTA, La responsabilità degli operatori turistici nell ambito del c.d. danno da vacanza rovinata, in Resp. civ., 2008, p.358 ss. 8 G. ALPA, Introduzione al diritto dei consumatori, Roma-Bari 2006, p G. GLIATTA, cit. 10 In relazione alla categoria del danno esistenziale, v. Cass. 31 maggio 2003, n e Cass. 31 maggio 2003, n. 8828; e v. anche, da ultimo, Cass. 11 novembre 2008, n G. GLIATTA, cit. 14

15 la sottovalutazione di condizioni metereologiche avverse (Cass. 15 febbraio 2007, n. 3462); l impraticabilità del mare a causa dello scarico abusivo compiuto da una petroliera (Cass. 24 aprile 2008, n ); un furto subito in albergo durante un viaggio di nozze (Trib. Roma 5 giugno 2008). 8. Studio per l elaborazione di una bozza di modello contrattuale relativo al settore dei viaggi tutto compreso Definite, alla luce della normativa vigente, le linee guida e analizzate alcune più significative problematiche, questa Commissione si è indirizzata alla predisposizione di una bozza di modello contrattuale relativo al settore dei viaggi tutto compreso da sottoporre alle osservazioni delle locali associazioni rappresentative degli interessi in gioco. Lo studio, finalizzato alla elaborazione di tale modello contrattuale, è iniziato con l analisi critica dei alcuni contratti di vendita utilizzati da differenti operatori turistici, sia quelli che operano a livello nazionale sia quelli che (talvolta vendendo direttamente i pacchetti turistici) agiscono in un ambito locale. Tali contratti sono stati valutati anche alla luce del modello contrattuale nel settore viaggi tutto compreso idoneo alla vendita di pacchetti turistico on-line (presentato dalla Camera di Commercio di Milano, e alla cui realizzazione aveva contribuito la Camera di Commercio di Roma) e di quello proposto dalla Camera di Commercio di Macerata. Ne sono derivate osservazioni e proposte. Si è notato che lo schema contrattuale offerto dalla Camera di Commercio di Milano è dotato una serie di caratteristiche che lo qualificano in maniera estremamente positiva; esso presenta infatti: - una struttura chiara, lineare, leggibile ed immediatamente comprensibile per chiunque; - una completezza di riferimenti normativi: tra le fonti normative disciplinanti i contratti di viaggio tutto compreso e la responsabilità dell organizzazione, sono menzionati, oltre alla Legge n del 27 dicembre 1977 di attuazione della Direttiva CEE n.314/90 anche la Convenzione di Varsavia sul trasporto aereo, la Convenzione di Berna sul trasporto ferroviario ed il D.lgs 206/2005 Codice del Consumatore ; 15

16 - relativamente alle prenotazioni, esso risulta assai completo prevedendo infatti, ai commi 2, 3 e 4 dell art. 4, condizioni assai dettagliate in favore del consumatore; - la possibilità di variazione del prezzo, da parte dell organizzatore, risulta esattamente limitata ai 20 giorni precedenti la partenza e legata a determinate circostanze quali variazioni del costo del trasporto, del carburante, dei diritti e delle tasse; - ben articolato appare sia il diritto di recesso (disciplinato dall art. 64 del D.lgs 206/05) del consumatore sia la disciplina dell annullamento o della modifica del pacchetto turistico ; - nel contratto viene previsto il diritto del consumatore rinunciatario di farsi sostituire da altra persona, dandone comunicazione fino a 4 gg. lavorativi prima della data fissata per la partenza (per l agenzia di Campobasso, oltre a determinate condizioni, è richiesto che la comunicazione sia data entro 7 gg. prima della partenza); - il lavoro della Camera di Commercio di Milano, inoltre, è arricchito con i seguenti articoli: Definizioni, Informazione obbligatoria Scheda tecnica, Modifiche dopo la partenza, Obblighi del consumatore, Classificazione alberghiera, regime di responsabilità, Limiti del risarcimento, Obbligo di assistenza e Procedura di conciliazione. Altrettanto positive sono state le valutazioni relative al contratto tipo proposto dalla Camera di Commercio di Macerata i quale però, essendo del 2003, non risulta aggiornato ai più recenti dati normativi. Si è successivamente proceduto ad analizzare i contratti utilizzati nella provincia di Campobasso. Le Condizioni generali presenti nella maggior parte degli schemi contrattuali analizzati sono state valutate anche attraverso la comparazione con il modello contrattuale viaggi tutto compreso on line proposto dalle due Camere di Commercio (di cui sopra). Tali condizioni generali presentano una struttura chiara, lineare, leggibile ed immediatamente comprensibile per chiunque. Quanto disposto in ordine a autorizzazioni, definizioni, informazioni obbligatorie scheda tecnica, prenotazioni, pagamenti, prezzo, modifica o annullamento del pacchetto turistico prima della partenza, recesso del consumatore, modifiche dopo la partenza, sostituzioni, obblighi dei consumatori, classificazione alberghiera, 16

17 regime di responsabilità, limiti del risarcimento, obbligo di assistenza, reclami e denunce, assicurazione contro le spese di annullamento e di rimpatrio e Fondo di garanzia risulta pressoché identico nei diversi modelli comparati. Si riscontra un unica differenza relativamente alle fonti normative menzionate in materia di contratti di viaggio tutto compreso e responsabilità dell organizzazione. In alcuni dei contratti esaminati, infatti, sono menzionate la Legge n del 27 dicembre 1977 di attuazione della Direttiva CEE n. 314/90 ed il D.Lgs. 206/2005 Codice del Consumatore mentre non si fa riferimento esplicito alla Convenzione di Varsavia sul trasporto aereo e alla Convenzione di Berna sul trasporto ferroviario. Osservazioni meno positive sono state fatte da questa Commissione in relazione ad un esiguo numero di modelli contrattuali utilizzati da agenzie che (talvolta vendendo pacchetti turistici da loro stessi organizzati) agiscono in un ambito locale ove si è persino rilevato come in un opuscolo informativo del 2009 (di una agenzia turistica locale) si utilizzino condizioni generali che neppure citano né rispettano la più recente disciplina vigente a tutela del consumatore (essendo, ad es., fissato contrattualmente il diritto dell organizzatore: di variare le quote in qualunque momento in conseguenza delle variazioni del corso dei cambi, delle tariffe, dei vettori e del costo dei servizi turistici; di annullare il contratto senza alcuna indennità sia per motivi di carattere eccezionale sia quando non sia raggiunto un minimo numero di viaggiatori. La mancanza, poi, di chiare definizioni sembra favorire la confusione del consumatore-viaggiatore e rendere più difficile la distinzione tra le due diverse posizioni: dell Agenzia di viaggio e dell Organizzatore; altrettanto grave la mancanza della previsione di obblighi informativi relativi alla fase precedente alla stipula del contratto). In seguito a tale indagine si è proceduto alla elaborazione di una bozza di modello contrattuale relativo alla vendita di pacchetti turistici da sottoporre alla valutazione critica delle associazioni rappresentative dei consumatori e degli operatori. 9. Incontro con le associazioni rappresentative degli interessi in gioco (operatori turistici e consumatori): osservazioni e proposte. Dall incontro con le varie associazioni è emersa una sostanziale convergenza sul presente documento. 17

18 10. Modello contrattuale tipo. La Commissione propone dunque l allegato modello contrattuale che, essendo conforme alla legge, potrà essere utilizzato dai tour operators interessati alla vendita di pacchetti turistici. 18

19 ALLEGATO Contratto di compravendita di pacchetto turistico Agenzia di viaggio Nome società Indirizzo Cap. Città Autorizzazione regionale n. Compagna assicurativa e n. Polizza Riferimento pratica Operatore ADV N. Pratica Il contraente Cognome Nome Indirizzo Cap. Città Tel. Data di nascita in nome e per conto proprio, oltre che in nome e per conto delle persone appresso elencate: Cognome Nome Indirizzo Cap. Città Tel. Data di nascita Cognome Nome Indirizzo Cap. Città Tel. Data di nascita stipula il presente contratto avente ad oggetto il seguente Pacchetto Turistico Singolo servizio turistico Catalogo edizione pag. 19

20 Fuori catalogo come da programma richiesto e allegato Altri servizi Destinazione dal al n. persone Partenza da ritorno a Durata giorni notti Tipo di Trasporto Richieste particolari In caso di non disponibilità immediata del servizio, la presente proposta vale come richiesta impegnativa ed è formulata dal cliente in modo irrevocabile ed impegnativo fino alla data del... Descrizione dei servizi richiesti Importo persona per N Totale Polizze obbligatorie previste Polizze facoltative Acconto Totale generale versato il Saldo da versare il DOCUMENTI NECESSARI Passaporto Carta identità Visto Vaccinazioni e profilassi Altre Il presente contratto, disciplinato dalle specifiche che precedono e dalle condizioni generali a tergo sono parte integrante dello stesso contratto che s intenderà concluso all atto della sottoscrizione 20

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale che estero, è disciplinata dal D.Lgs. 23/05/2011,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Presentazione pag. 2. Pacchetti Turistici pag. 5

Presentazione pag. 2. Pacchetti Turistici pag. 5 sommario Presentazione pag. 2 Pacchetti Turistici pag. 5 Agenzia e Tour Operator Revisione del prezzo Modifiche delle condizioni contrattuali Disdetta prima della partenza Ritardi nelle partenze Turisti

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori

Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori Principali aspetti della nuova direttiva UE sui diritti dei consumatori giugno 2014 Nell Unione europea la legislazione a tutela dei consumatori garantisce a ogni cittadino il diritto di ricevere un trattamento

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli