Università degli Studi di Sassari. Senato Accademico Resoconto seduta del 24 settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Sassari. Senato Accademico Resoconto seduta del 24 settembre 2014"

Transcript

1 Università degli Studi di Sassari Senato Accademico Resoconto seduta del 24 settembre 2014 Decisioni assunte sugli argomenti posti all'ordine del giorno A) APPROVAZIONE VERBALI sedute del: 18 giugno, 23 e 31 luglio Il Senato accademico approva i verbali delle sedute del 18 giugno e 23 luglio e rinvia l approvazione del verbale del 31 luglio A1) COMUNICAZIONI Il Senato accademico prende atto delle seguenti comunicazioni: 1. Programma ERASMUS+ Fondi Azione Chiave 1 (KA1). Per l a.a. 2014/2015 è stato assegnato al nostro Ateneo un finanziamento complessivo di euro ,00. L Agenzia Nazionale Erasmus+, nelle more della firma del contratto con la Commissione Europea per il finanziamento del Programma Erasmus+ per l anno 2014, ha dato formale autorizzazione alla realizzazione del progetto e in attesa della stipula dell accordo finanziario con l Agenzia (che avverrà successivamente alla stipula del contratto tra l Agenzia e la CE), l Università potrà svolgere le attività previste a proprie spese e sotto la propria responsabilità. Le attività e i relativi costi ammissibili saranno riconosciuti retroattivamente a partire dalla data di inizio attività indicata in candidatura purché non antecedente al 1 giugno Il Rettore esprime viva gratitudine per l azione portata avanti dal Comitato Erasmus di Ateneo e in particolare dai proff. Piero Sanna, Giuseppe Moniello ed Elena Sanna. 2. Corsi di laurea delle professioni sanitarie a Nuoro Il Consorzio per la promozione degli Studi universitari nella Sardegna Centrale, d intesa con la ASL di Nuoro, chiede di attivare nel

2 prossimo anno accademico i Corsi di Laurea delle professioni sanitarie in Fisioterapia, Logopedia, Ostetricia e un nuovo Corso triennale in Infermieristica, per n. 30 posti. 3. Il prof. Pietrino Deiana ha trasmesso l atto di convenzione tra l Istituto d Istruzione Superiore O. A. Pischedda di Bosa e il Dipartimento di Agraria dell Università di Sassari per la realizzazione del Progetto sperimentale di alternanza scuola-lavoro ex art. 4 Legge 53/03 finanziato dall U.R.S. per l anno scolastico Accordo di cooperazione Università - Istituto Superiore di Scienze Religiose Euromediterraneo di Tempio Pausania. Nell ambito di quanto previsto dall art. 2 dell Accordo, l Istituto Superiore di Scienze religiose propone di realizzare un Seminario sul turismo religioso, della durata di 16 ore riservato agli studenti di entrambe le istituzioni accademiche, tenuto da docenti dell I.S.S.R insieme a docenti del Corso di laurea in Economia e management del turismo. I costi per la realizzazione del Seminario saranno a carico dell Istituto. 5. Le OO.SS. FLC CGIL CISL UIL RUA in una nota indirizzata ai Rettori denunciano la situazione disastrosa in cui versa il sistema universitario italiano (Allegato) 6. Un pronto soccorso veterinario. Proposta di legge regionale dei Riformatori. 7. Prossime chiamate. Il prof. Luca Brazzi ha effettuato l analisi dell organico del settore disciplinare 06 scienze mediche relativo alla Facoltà di Sassari. In tabella sono riportati, per ognuno dei settori disciplinari, il numero totale di docenti che vi afferiscono ed il numero di CFU e ore in carico nel prossimo A.A. oltre al numero di posti per le relative Scuole di Specialità per l A.A. scorso. Le priorità, per le prossime chiamate, non possano non tenere conto delle evidenti differenze di organico presenti.(allegato) 8. Francesco Cucca, professore straordinario di Genetica Medica (MED03) presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, considerata l estrema sofferenza, in termini di personale docente del settore disciplinare MED03, chiede che nella programmazione del reclutamento del Dipartimento di Scienze Biomediche sia prevista la messa a bando per l anno 2014 di due posizioni di Ricercatore a Tempo Determinato presso il predetto Dipartimento con profili professionali idonei.

3 9. Il delegato rettorale al Sistema Bibliotecario di Ateneo, prof. Pietro Pulina, ha trasmesso il resoconto sintetico della riunione delle commissioni scientifiche delle Biblioteche A.Pigliaru, G.Olives e Storia Sassari, 9 settembre Il MIUR ha autorizzato il conferimento della laurea magistrale ad honorem in "Pianificazione e politiche per la città, l'ambiente e il paesaggio" (classe LM-48) al procuratore generale del distretto di Herat, Afghanistan, Maria Bashir. La cerimonia è fissata per mercoledì 8 ottobre ore FFO - Parere Crui sullo schema del decreto di riparto del Fondo di Finanziamento Ordinario per l anno 2014, approvato dall Assemblea Generale CRUI dell 11 settembre (Allegati) 12. Progetti di ricerca sul corallo rosso. L Assessorato dell Agricoltura e Riforma Agro- Pastorale chiede di conoscere i progetti di ricerca in atto in materia di corallo rosso e la disponibilità di personale qualificato a partecipare ad un eventuale prosecuzione della sperimentazione di utilizzo del R.O.V. (Remotely Operated Vehicles) per la perlustrazione dei banchi di corallo per la stagione Situazione finanziaria Consorzio Universitario nuorese. Gina Loi, presidente della Società cooperativa Ecotopia, chiede un incontro con i Vertici regionali per definire tempi e modi di erogazione delle risorse dovute al Consorzio universitario. 14. Rimozione Laboratorio Linguistico a Oristano. Il Consorzio Uno di Oristano chiede la rimozione del laboratorio linguistico realizzato dal Centro Linguistico dell Università degli Studi Sassari circa dieci anni fa, ed installato nel Chiostro del Carmine. Da circa due anni non viene più utilizzato sia a causa della obsolescenza delle apparecchiature di cui è dotato, sia per l esiguo numero di postazioni disponibili, appena dieci, del tutto insufficienti a soddisfare le esigenze dei CdL attivati a Oristano. Il Consorzio UNO ha realizzato un laboratorio linguistico - informatico capace di 42 postazioni e dotato di apparecchiature di ultima generazione. Considerata la necessità di reperire locali adatti ad ospitare le attività didattiche, il Consorzio chiede di rimuovere il vecchio laboratorio linguistico, perché si possa allestire al suo posto un aula da circa 30 postazioni per la didattica frontale.

4 15. Elezioni rappresentante degli Specializzandi/dottorandi in Senato accademico. Il Consiglio degli Studenti, nella riunione del 17 settembre 2014, ha deliberato di fissare per il 27 ottobre 2014 la data per lo svolgimento delle elezioni. 16. Proposta per la realizzazione della Biblioteca integrale del Mediterraneo ad Alghero, a cura di Valeria Nicotra con la collaborazione di Fabio Bacchini, Ivan Blecic, Vinicio Bonometto, Dalila Delle Monache, Arnaldo Cecchini ed Emilio Turco. 17. Un gruppo di studenti del corso di Laurea in Lettere (classe L10) hanno inviato una nota con la quale sollecitano il Rettore affinché nell Offerta Formativa per l anno accademico 2015/2016 sia previsto un corso di Laurea Magistrale in Lettere Classiche. Il Consiglio degli Studenti, riunitosi il 17 Settembre 2014, ha convocato i firmatari della lettera indirizzata al Magnifico Rettore Attilio Mastino circa la problematica relativa al Corso di Laurea Magistrale in Lettere Classiche, da due anni non presente nell'offerta Formativa del nostro Ateneo, e sollecita una rapida presa di posizione del Magnifico Rettore e degli Organi Collegiali tutti, in favore della riattivazione del suddetto corso. Il Rettore coglie l occasione per ringraziare il prof. Lupinu e i membri del corso di laurea in Lettere triennale per aver provveduto a riattivare il curriculum classico, che quest anno avrà una decina di iscritti. Chiede che analoga disponibilità sia assicurata dagli altri corsi di laurea magistrale presso il Dipartimento di scienze umanistiche e sociali o presso il Dipartimento di storia scienze dell uomo e della formazione. 18. Comunicazione in merito all accreditamento e attivazione del XXX ciclo dei Corsi di Dottorato di ricerca. Il Rettore comunica al Senato che, in data 21 maggio 2014, l Ufficio Alta Formazione, ha inviato, tramite l apposita procedura telematica, domanda di accreditamento all ANVUR per i seguenti Corsi di Dottorato di ricerca: - Architettura e Ambiente (in convenzione con l Università turca di Karabuk); - Life Sciences anb Biotechnologies; - Lingue, Letterature e Culture dell età moderna e contemporanea; - Scienze Agrarie; - Scienze Biomediche; - Scienze Giuridiche; - Scienze Politiche e Sociali; - Scienze Veterinarie.

5 In data 4 luglio 2014, l ANVUR, ha comunicato all Ateneo (allegato 1) di aver attivato una procedura di riesame per i Corsi di Dottorato in Scienze Biomediche e Scienze Politiche e Sociali. Tale procedura si è resa necessaria al fine di acquisire ulteriori informazioni sui due Corsi oggetto di riesame, prima di procedere, ai sensi del DM45/2013, con il previsto decreto di accreditamento dei Corsi. L Ufficio Alta Formazione, coinvolti il Prof. Andrea Piana per il Corso in Scienze Biomediche, e i Professori Antonio Fadda e Patrizia Patrizi per il Corso in Scienze Politiche e Sociali, in data 15 luglio 2014 ha inviato all ANVUR i dati richiesti. A seguito di tale comunicazione, il CINECA, ha attivato un apposita procedura telematica per il caricamento dei dati di cui sopra, consentendo all Ufficio Alta Formazione, in data 24 luglio 2014, la chiusura della relativa scheda sulla banca dati CINECA. Contestualmente è stata, quindi, inviata richiesta di riesame per i due Corsi di Dottorato interessati. Il MIUR, in data 7 agosto 2014, ha comunicato all Ateneo parere favorevole espresso dall ANVUR per il solo Corso di Dottorato di ricerca in Scienze Biomediche. Il MIUR, pertanto, con D.M. 680 del 19 agosto 2014, su conforme parere dell ANVUR, allegando al Decreto le singole schede di valutazione (Allegato 2), concede l accreditamento per i Corsi di Dottorato di ricerca in: - Architettura e Ambiente (in convenzione con l Università turca di Karabuk); - Life Sciences anb Biotechnologies; - Lingue, Letterature e Culture dell età moderna e contemporanea; - Scienze Agrarie; - Scienze Biomediche; - Scienze Giuridiche; - Scienze Veterinarie. Nega, invece, l accreditamento per il Corso di Dottorato di ricerca in Scienze Politiche e Sociali. Relativamente a tali valutazioni, il Prof. Massimo Onofri, Coordinatore del Corso di Dottorato in Lingue, Letterature e Culture dell età moderna e contemporanea, ha rilevato, sia pure nel quadro d un giudizio complessivamente positivo da parte dell ANVUR per il Corso da lui diretto, che, nell acquisizione dei dati, una voce è risultata negativa. Infatti, nella scheda riguardante il coordinatore, non sono stati valutati premi, riconoscimenti ottenuti e direzioni di collane scientifiche il cui valore avrebbe comportato un punteggio ampiamente sopra la soglia minima richiesta dello 0,7. Attualmente si è in attesa di un chiarimento da parte dell ANVUR, informato al riguardo affinché proceda con l integrazione dei dati mancanti.

6 19. Ministro dell'istruzione della Repubblica Bielorussa Sergej Aleksandrovich Maskevich in visita all Università di Sassari. Mercoledì 17 settembre il Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Sassari, Attilio Mastino, ha ricevuto nella sala Milella dell'ateneo il Ministro dell'istruzione della Repubblica Bielorussa Sergej Aleksandrovich Maskevich, accompagnato dal Direttore del Centro Relazioni Internazionali del Ministero, Aleksandr Samuilich, e dal Console Onorario della Bielorussia in Sardegna, Giuseppe Carboni. Durante l'incontro si è prospettata la concreta possibilità di avviare un programma di scambi internazionali di studenti tra l'università di Sassari e gli atenei della Bielorussia in condizioni di reciprocità, con l'esonero dal pagamento delle tasse di iscrizione e il riconoscimento dei Crediti formativi universitari nelle esperienze di studio e tirocinio. Il progetto, presentato dal Delegato rettorale per la mobilità studentesca ed Erasmus, Piero Sanna, è stato accolto con favore dal Ministro Maskevich, che ha promesso tutta la collaborazione necessaria. All'incontro hanno partecipato anche il Prorettore vicario dell'ateneo, Laura Manca, Maria Antonietta Zoroddu, delegata rettorale per l'internazionalizzazione, i delegati rettorali per la mobilità studentesca e l'erasmus, Piero Sanna e Giuseppe Moniello, il direttore generale dell'università Guido Croci, Elena Sanna, delegata per gli studenti incoming, Felice Langiu dell'ufficio Relazioni Internazionali di Ateneo, Raimondo Fenu, responsabile dell'associazione DomItali, Arrigo Delaria, presidente della Sezione Movimento Federalista europeo-olbia, Roberto Tola, referente del Consolato della Bielorussia del Nord Sardegna e direttore di Visit Sardinia Tour Operator e Natalia Vlaskina, direttrice marketing e promozione della stessa agenzia. 20. Richiesta di spazi per la U.O. di Cardiologia e la Scuola di Specializzazione di Malattie dell apparato cardiovascolare del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale. Il Direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale ha trasmesso il verbale del Consiglio del Dipartimento del 23/07/2014 con il quale è stata approvata la richiesta del prof. Antonello Ganau, di richiedere all Ateneo gli spazi che si renderanno liberi nel palazzo Clemente dopo il trasferimento della Rianimazione nei nuovi locali soprastanti il blocco operatorio a favore della U.O. di Cardiologia e della Scuola di Specializzazione in Malattie dell apparato cardiovascolare. Segnala la grave carenza di spazi assistenziali, didattici e di ricerca in cui versa la Cardiologia.

7 21. Trasloco del centralino e presidio locali del palazzo Clemente di Viale San Pietro a Sassari. Nota per l AOU. (Allegato) 22. Immatricolazioni con riserva e in sovrannumero ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria e Protesi Dentaria anno accademico 2014/ Esecuzione delle ordinanze cautelari del T.A.R. Lazio. 23. Richiesta di attribuzione degli insegnamenti di Chimica Generale per i corsi di laurea in Scienze Forestali e Ambientali (Nuoro) e Viticoltura ed Enologia (Oristano). Nota del 2 settembre 2014 del prof. Giorgio Chelucci. (Allegato) 24. Graduatoria internazionale delle Università della Xarxa Vives (Allegato). 25. Mozione per l'abolizione dei contributi di accesso ai corsi di dottorato. Il dott. Riccardo Zanza, presidente del Consiglio degli Studenti, ha trasmesso il verbale del Consiglio degli Studenti del 15 luglio 2014, con il quale è stata approvata la mozione dell'adi (Associazione Italiana Dottorandi e Dottori di Ricerca italiani). 26. Algeria. Il Rettore ha partecipato dal 20 al 22 settembre un convegno a Constantine nel quadro delle iniziative per la capitale mondiale ALECSO della cultura 2015 in Algeria. Erano presenti le Ministre della Cultura e dell educazione superiore, con numerosi altri Rettore. La relazione del Rettore è stata su Massinissa e i confini territoriali della Numidia antica. 27. Il Rettore comunica che il 31 ottobre alle ore 12 si svolgerà in aula magna una cerimonia di fine mandato, alla quale sono invitati tutti i colleghi. 28. Stress. Il Rettore ha aperto la conferenza sullo stress promossa il 18 settembre dall Ateneo d intesa con Vigili del Fuoco, Ordine dei Medici, Spresal e altre istituzioni. 29. Congresso Nazionale di Archeologia cristiana: dal 23 al 26 si svolge a Cagliari l XI congresso nazionale di archeologia cristiana. 30. Giganti. Sono ancora in corso gli scavi dell Università di Sassari (Dipartimento di scienze biomediche e Dipartimento di storia scienze dell uomo e della fornmzione) a M. Prama

8 in Comune di Cabras. Si renderà necessaria un attività di vigilanza per i prossimi giorni per evitare interventi di clandestini sulle tombe tardo-nuragiche in corso di scavo. 31. Premio Fondazione Henning Kaufmann per la salvaguardia della lingua tedesca al prof. Konrad Ehlich già visiting professor presso l Università di Sassari. Il Rettore si unisce alle congratulazioni del mondo accademico al prof. Konrad Ehlich per il conferimento del prestigioso premio.l'illustre studioso, laurea honoris causa conferitagli dall'università Aristotele di Salonicco e membro della prestigiosa Academia Europaea (Londra), è stato visiting professor presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere negli anni 2009, 2010 e 2012, anni in cui ha contribuito generosamente alle attività didattiche e di ricerca svolte presso l Ateneo turritano anche al di là degli impegni ufficialmente presi, ad es. intervenendo al convegno internazionale dal titolo "Comunicazione specialistica in ambito turistico" (Alghero 2011) organizzato dal Dipartimento di Scienze dei Linguaggi. Il riconoscimento gli è stato attribuito per i suoi eccezionali meriti scientifici (è autore di studi fondamentali ed innovatori in numerosi ambiti della ricerca linguistica, quali la pragmatica funzionale, di cui è uno dei padri fondatori), per il suo impegno a favore di un'adeguata impostazione metodologica dell'insegnamento e dell'acquisizione del tedesco L2 e per la difesa e la promozione dell'uso della lingua tedesca all'interno della comunità scientifica. La cerimonia di conferimento si svolgerà in data 26 settembre 2014 a Weimar, sede della prima Accademia per la promozione e valorizzazione della lingua e letteratura tedesca, la Fruchtbringende Gesellschaft (societas fructifera).link: 32. Bozza nota rettorale al Sindaco di Sassari con oggetto: richiesta in comodato d uso di spazi e strutture ubicati in via Zanfarino.(Allegato) 33. Programma per giovani ricercatori "Rita Levi Montalcini" - D.M. n. 539 del 27 novembre2012. Il MIUR ha comunicato che il dott. Andre Deccache ha rinunciato e si intende quindi revocata l autorizzazione alla chiamata diretta. 34. Riepilogo incentivi una tantum. Il Rettore presenta i seguenti dati finali. Hanno partecipato 423 docenti su 661 (119 su 191 ordinari, 133 su 217 associati, 170 su 252 ricercatori) 612 domande presentate su 965 presentabili 2011: 203 su 327 totali (54 su 81 ordinari, 66 su 113 associati, 83 su 133 ricercatori) 2012: 136 su 295 totali (62 su 101 ordinari, 60 su 99 associati, 64 su

9 95 ricercatori) 2013: 222 su 342 totali (53 su 83 ordinari, 69 su 108 associati, 100 su 151 ricercatori.) E in corso la nomina delle commissioni. 35. Situazione finanziaria dell Ateneo Il Rettore riferisce che è stata introdotta una disposizione nell assestamento di bilancio regionale per estendere ai residui del Fondo Unico l esclusione dal patto di stabilità. Appena sarà approvata, l Assessorato alla Pubblica Istruzione potrà erogare all Ateneo una cifra consistente del fondo unico dal 2012, mentre avrà difficoltà per le somme perente del saldo 2010 e 2011 in quanto ci sono problemi di stanziamento e dovrà essere adottata una legge regionale. L Ateneo procede a incassare somme da tutti gli Assessorati, l AOU e l ASL per rispettare i limiti di fabbisogno. Il Rettore conferma che non si vedono problemi per gli equilibri finanziari dell Ateneo e che le somme previste in entrata dalle dismissioni non saranno utilizzate in uscita. B) DIDATTICA 1) Corsi di perfezionamento per l insegnamento nelle scuole di una disciplina, non linguistica, in lingua straniera (corsi CLIL) A.A. 2014/15: ratifica DR del 19/09/2014 Il Prorettore vicario ricorda che, ai sensi dell art. art. 14 del DM 10 settembre 2010, n. 249 «Regolamento concernente la definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola di primo e secondo grado, ai sensi dell art. 2, comma 416 della legge , n. 244» le università possono disciplinare nel Regolamento Didattico di Ateneo corsi di perfezionamento per l insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi CLIL sono stabiliti dal decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca del 30 settembre 2011 e relativi allegati. I corsi sono finalizzati al conseguimento del certificato attestante le acquisite competenze per l insegnamento nelle scuole di una disciplina non linguistica in lingua straniera. Il Senato Accademico delibera di ratificare il DR n del 19/09/2014 ed esprime parere favorevole relativamente alla proposta di istituzione/attivazione, previa autorizzazione ministeriale, di corsi di perfezionamento per l insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera (CLIL), inserita nella banca dati dell offerta formativa - sezione RAD.

10 2) Approvazione Regolamenti didattici A.A. 2014/2015 Il Senato Accademico, fatto salvo il parere del Consiglio di amministrazione, approva i Regolamenti didattici dei corsi di laurea in Scienze dei beni culturali classe L-1, Lettere classe L-10, Scienze dell educazione classe L-19 e dei corsi di laurea magistrale in Archeologia classe LM-2 e in Scienze dell uomo classe LM-78. I Regolamenti didattici riguardanti i corsi attivati per l anno accademico 2014/15, sono già pubblicati sul sito del Dipartimento e con i relativi allegati sono acquisiti agli atti dell Ufficio Offerta formativa. 3) Adeguamento offerta formativa Tirocini Formativi Attivi 2014/15 L argomento è illustrato dalla prof.ssa Marilena Formato, delegata rettorale per i TFA, presente in seduta. Il Senato Accademico delibera di approvare la rimodulazione dell offerta formativa dei percorsi di Tirocinio Formativo Attivo (TFA) per l anno accademico 2014/2015 come da Tabella di seguito riportata. La tabella sostituisce quella di cui al D.R. n del 10 luglio 2014, fatta eccezione per i docenti di riferimento ivi indicati che si intendono confermati. C) REGOLAMENTI DI ATENEO 1) Regolamento elettorale per l elezione dei rappresentanti degli Studenti, Specializzandi e Dottorandi di ricerca negli Organi Accademici: proposta di modifica Il Senato Accademico, a maggioranza, con l astensione dei Senatori: Rendeli, Demuro, Solci e Trignano, delibera di approvare la modifica dell art. 3, comma 7, e dell art. 4, commi 1, 2, 4, 7, 8 e l art. 12 comma 1 del Regolamento elettorale per l elezione dei rappresentanti degli Studenti, Specializzandi e Dottorandi di ricerca negli Organi Accademici, come di seguito specificato: Testo attualmente vigente Art. 3, comma 7 Consiglio di Dipartimento: a) Elettorato attivo: tutti gli studenti regolarmente iscritti ai corsi di laurea e di laurea magistrale afferenti al Dipartimento. b) Elettorato passivo: tutti gli studenti regolarmente iscritti, per la prima volta e non oltre il primo anno fuori corso, ai corsi Nuovo testo Art. 3, comma 7 Consiglio di Dipartimento: a) Elettorato attivo: tutti gli studenti regolarmente iscritti ai corsi di laurea e di laurea magistrale afferenti al Dipartimento. Per i posti di propria pertinenza, gli specializzandi e i dottorandi di ricerca regolarmente iscritti alle scuole di

11 di laurea e di laurea magistrale afferenti al Dipartimento. specializzazione e alle scuole di dottorato afferenti al Dipartimento. b) Elettorato passivo: tutti gli studenti regolarmente iscritti, per la prima volta e non oltre il primo anno fuori corso, ai corsi di laurea e di laurea magistrale afferenti al Dipartimento. Per i posti di propria pertinenza, gli specializzandi e i dottorandi di ricerca regolarmente iscritti alle scuole di specializzazione e alle scuole di dottorato afferenti al Dipartimento. Art. 4, comma 1 Le liste dei candidati, per le elezioni delle rappresentanze in ciascun organo, possono essere presentate da ogni studente avente diritto all elettorato passivo nel proprio organo di riferimento. Art. 4, comma 2 Le liste, controfirmate da tutti i componenti, devono essere presentate entro le ore 13,00 del 15 giorno successivo alla data di emanazione del decreto rettorale che indice le elezioni, davanti al funzionario dell Ufficio Affari Generali. c) I dottorandi di ricerca afferiscono al Dipartimento di afferenza del relativo Tutor. Art. 4, comma 1 Le liste dei candidati, per le elezioni delle rappresentanze in ciascun organo, possono essere presentate da ogni studenteavente diritto all elettorato passivo nel proprio organo di riferimento. Non possono essere candidati studenti non in regola con il pagamento delle tasse universitarie. Art. 4, comma 2 Le liste devono essere materialmente presentate dal candidato indicato nell elenco con il numero 1 entro le ore 13,00 del 15 giorno successivo alla data di emanazione del decreto rettorale che indice le elezioni, davanti al funzionario dell Ufficio Affari Generali. Alla lista devono essere allegate le firme autografe degli studenti, secondo quanto previsto dai successivi commi 7 e 8, unitamente ai dati anagrafici degli studenti, agli estremi del documento di identità e del numero di matricola universitaria, utilizzando esclusivamente l apposito format preventivamente predisposto dall Ufficio Affari Generali. Non è richiesta la presenza fisica degli altri studenti firmatari al momento della presentazione della lista. L Ufficio Affari Generali, acquisite le necessarie informazioni da parte degli Uffici rispettivamente competenti, effettuerà poi le opportune verifiche in ordine alla sussistenza dei requisiti richiesti, ivi compresa la verifica del regolare pagamento delle tasse universitarie, dandone comunicazione alla Commissione Elettorale Centrale per i successivi adempimenti. Art. 4, comma 4 Art. 4, comma 4

12 Ciascuna lista deve essere contraddistinta da una denominazione o sigla e può comprendere un numero massimo di candidati superiore al numero degli eligendi secondo il seguente prospetto: -Senato Accademico: n.4 ( 2 + 2) -Rappresentante dei dottorandi e degli specializzandi nel Senato Accademico: n. 2 ( 1+ 1) -Consiglio di Amministrazione: n. 4 ( 2 + 2) -Comitato per lo sport universitario: n. 3 ( 2 + 1) -Collegio unico del Consiglio degli studenti: n.10 (7 + 3) -Rappresentante dei dottorandi nel Consiglio degli studenti: n. 2 ( 1+1) -Rappresentante degli specializzandi nel Consiglio degli studenti: n. 2 ( 1+1) -Consiglio di Dipartimento: un numero di studenti pari al 15% dei suoi membri + 2 -Consiglio della struttura di raccordo:un numero di studenti pari al 15% dei suoi membri + 2 -Consiglio di Corso di Studio: un numero di studenti pari al 15% dei membri del Consiglio + 2 -Rappresentante degli studenti nel Consiglio di Amministrazione dell ERSU: n. 2 ( 1+ 1) Ciascuna lista deve essere contraddistinta da una denominazione o sigla e può comprendere un numero massimo di candidati superiore al numero degli eligendi secondo il seguente prospetto: -Senato Accademico: n.4 ( 2 + 2) -Rappresentante dei dottorandi e degli specializzandi nel Senato Accademico: n. 2 ( 1+ 1) -Consiglio di Amministrazione: n. 4 ( 2 + 2) -Comitato per lo sport universitario: n. 3 ( 2 + 1) -Collegio unico del Consiglio degli studenti: n.10 (7 + 3) -Rappresentante dei dottorandi nel Consiglio degli studenti: n. 2 ( 1+1) -Rappresentante degli specializzandi nel Consiglio degli studenti: n. 2 ( 1+1) -Consiglio di Dipartimento: un numero di studenti pari al 15% dei suoi membri Rappresentante di specializzandi e dottorandi di ricerca nel Consiglio di Dipartimento: n. 2 ( 1 + 1) -Consiglio della struttura di raccordo:un numero di studenti pari al 15% dei suoi membri + 2 -Consiglio di Corso di Studio: un numero di studenti pari al 15% dei membri del Consiglio + 2 -Rappresentante degli studenti nel Consiglio di Amministrazione dell ERSU: n. 2 ( 1+ 1) Art. 4, comma 7 La lista dei candidati al Senato Accademico, al Consiglio di Amministrazione, al Consiglio degli Studenti, al Comitato per lo sport universitario e al Consiglio di Amministrazione dell E.R.S.U. deve essere corredata dalle firme di almeno 40 studenti aventi diritto all elettorato attivo per quell organo, apposte davanti al funzionario dell Ufficio Affari Generali. Art. 4, comma 8 La lista degli specializzandi e dei dottorandi di ricerca candidati al Senato Accademico e al Consiglio degli Studenti deve essere corredata dalle firme di almeno 8 studenti aventi diritto all elettorato attivo per la rispettiva rappresentanza, apposte davanti al funzionario dell Ufficio Affari Generali. Art. 4, comma 7 La lista dei candidati al Senato Accademico, al Consiglio di Amministrazione, al Consiglio degli Studenti, al Comitato per lo sport universitario e al Consiglio di Amministrazione dell E.R.S.U. deve essere corredata dalle firme di almeno 40 studenti, diversi dai candidati, aventi diritto all elettorato attivo per quell organo. Le firme di cui sopra non possono essere apposte da studenti non in regola con il pagamento delle tasse universitarie. Art. 4, comma 8 La lista degli specializzandi e dei dottorandi di ricerca candidati al Senato Accademico e al Consiglio degli Studenti deve essere corredata dalle firme di almeno 8 studenti, diversi dai candidati, aventi diritto all elettorato attivo per la rispettiva rappresentanza. Le firme di cui sopra non possono essere apposte da studenti non in regola con il pagamento delle tasse universitarie. Art. 12, comma 1

13 Art. 12, comma 1 1.Decorsa l ora prevista per la chiusura delle votazioni, il Presidente del seggio dichiara chiusa la votazione e procede alle operazioni appreso indicate. 1.Decorsa l ora prevista per la chiusura delle votazioni, il Presidente del seggio dichiara chiusa la votazione.e procede alle operazioni appreso indicate.le operazioni di scrutinio verranno svolte il giorno successivo delle votazioni a partire dalla ore 9:00. Il Presidente del seggio procede alle operazioni appresso indicate: 2) Regolamento per l utilizzo degli autoveicoli in dotazione all università degli Studi di Sassari La proposta di adozione del regolamento è finalizzata ad una gestione razionale degli autoveicoli che consenta di soddisfare con efficacia, economicità ed efficienza le diversificate esigenze dell Ateneo, garantendo comunque l ottimizzazione e il contenimento delle spese anche attraverso una accurata programmazione nell utilizzo degli stessi. Il Senato Accademico ha approvato il Regolamento per l utilizzo degli autoveicoli in dotazione all Università degli Studi di Sassari (Allegato) specificando, all art. 7 comma 9, che l addetto alla conduzione del mezzo deve osservare rigorosamente le disposizioni previste dal Codice della strada e dai regolamenti locali sulla circolazione degli autoveicoli, usando la diligenza del buon padre di famiglia. Fatte salve le determinazioni del Consiglio di Amministrazione, il Senato ha proposto di estendere l uso degli automezzi agli studenti espressamente autorizzati dal Responsabile della struttura. Il Regolamento entrerà in vigore il quindicesimo giorno successivo alla data di emanazione del relativo Decreto Rettorale. 3) Modifica dell art.19 della Normativa in materia di tasse e contributi Il Senato Accademico delibera di approvare la modifica dell art. 19 della Normativa in materia di tasse e contributi in vigore per l a.a. 2014/2015, come segue: Lo studente che effettua la rinuncia agli studi è tenuto al versamento delle tasse dovute per l ultimo anno di iscrizione. Tale versamento non sarà dovuto nel caso in cui lo studente non abbia compiuto alcun atto di carriera. (es.: sostenuto esami, pagato tasse, richiesto o stampato documenti, ecc.)

14 4) Adeguamento del Regolamento per l iscrizione ai Corsi Singoli al Regolamento Didattico di Ateneo e al Manifesto generale di ateneo a.a. 2014/15 Il Prorettore vicario comunica che in seguito all approvazione del Regolamento Didattico di Ateneo e del Manifesto generale degli studi per l a.a. 2014/15, si rende necessario adeguare il Regolamento per l iscrizione ai Corsi Singoli, approvato dal Senato Accademico nella seduta del 24 luglio La bozza della modifica è stata inviata al prof. Micera e al prof. Omar Chessa che non hanno formulato osservazioni. Fondamentalmente le modifiche riguardano i seguenti punti: 1. Lasciare generici i due periodi utili per l iscrizione, rispettivamente, al primo o al secondo semestre poichèintanto vengono precisati annualmente nel Manifesto Generale degli Studi; 2. Lasciare indefinitala quota dei contributi da corrispondere quale tassa annuale e per ogni CFU da conseguirepoichè vieneanche questaspecificata annualmente nel Manifesto Generale degli Studi e nella Normativa in materia di tasse e contributi; 3. Consentire la frequenza dei corsi singoli anche a coloro che devono conseguire requisiti curriculari richiesti per l accesso a scuole di specializzazionee per studenti iscritti presso altre Università italiane e autorizzati dall Ateneo di appartenenza (art. 47 Regolamento Didattico di Ateneo). Il Senato approva l adeguamento del Regolamento per l iscrizione ai Corsi Singoli, al Regolamento Didattico di Ateneo e al Manifesto generale degli studi per l a.a. 2014/15. D) EDILIZIA 1) Studio di fattibilità per la realizzazione del Polo Umanistico di via Roma-via Zanfarino via Diaz Il Rettore porta all attenzione del Senato lo studio di fattibilità predisposto dagli uffici per la realizzazione del Polo Umanistico di Via Roma Via Zanfarino Via Diaz. Fa presente che non intende mettere in votazione il documento, che costituisce l ultimo atto programmatorio del suo mandato e che, come in tutti gli altri casi consimili, non necessita di approvazione, data la sua natura esclusivamente tecnica. Lo studio viene ripresentato solo per aggiornare i Senatori sugli ultimi sviluppi, rappresentati dall accordo di massima fra i dipartimenti sulla destinazione degli spazi e sugli impegni dell Amministrazione comunale nella realizzazione del Polo Umanistico.

15 Il testo del verbale, firmato dai due Direttori e dal Prorettore circa la suddivisione degli spazi, prevede: Spazi comuni: biblioteca umanistica, biblioteche di dipartimento o di ex istituti, nel palazzo ex Ciechi (mq 4000 netti). Circa duemila dovranno essere destinati a tale uso, prevedendo lo sviluppo decennale della biblioteca; asilo nido (da trecento a quattroecento mq.); centro linguistico (circa quattrocento mq.); laboratori e centri interdipartimentali, aule e servizi comuni, compresi magazzini e laboratori di archelogia (ipotizzabili mq). Al Dipartimento di Storia: tutto l edificio di via Zanfarino 62 (3750 mq); tutto l edificio di viale Umberto (1600 mq. circa). Al Dipartimento di Scienze Umanistiche: palazzo Ciancilla (2100 mq) palazzo ex Lingue (2100) L attuale Centro Linguistico (550 mq, compresa la prossima acquisizione) sarà destinato ad aule. Il prof. Mariotti chiede che esse vengano assegnate al Dumas, in proposito deficitario, anche per equilibrare il rapporto spazi-studenti e docenti, quali risulta dai dati dello spaziometro. Eventuali compensazioni, quando l intero complesso dei locali sarà disponibile dopo la ristrutturazione (e nell auspicabile ipotesi che altri spazi possano essere disponibili per acquisto o per acquisizione in comodato), saranno assicurati attraverso gli spazi residui del palazzo ex Ciechi, che si propone di intitolare a Grazia Deledda. Nel corso del dibattito è emersa la necessità di una più ampia condivisione del progetto all interno dell Ateneo e di un maggiore approfondimento dello stesso. Il Senato Accademico prende atto e si riserva una decisione definitiva con la nuova amministrazione.

16 E) RELAZIONI INTERNAZIONALI 1) Approvazione accordi internazionali di cooperazione accademica e scientifica: E1.a Accordo multilaterale di cooperazione accademica e scientifica tra gli Atenei italiani di Sassari, Bologna, Brescia, Padova e Roma Tor Vergata e cubani di La Habana e Pinar del Río e la Unión Nacional de Juristas de Cuba Il Rettore informa il Senato in merito alla proposta di stipula di un accordo di collaborazione multilaterale tra gli Atenei italiani di Sassari, Bologna, Brescia, Padova e Roma Tor Vergata e cubani di La Habana e Pinar del Río e la Unión Nacional de Juristas de Cuba. La collaborazione, finalizzata all attivazione di iniziative di cooperazione scientifica, è promossa dal prof. Giovanni Lobrano del Dipartimento di Giurisprudenza. Il Senato approva. E1.b Proposta di adesione al network internazionale Exploitation of mediterranean in Europe - EMAE Il Rettore informa il Senato in merito alla proposta di adesione al network internazionale Exploitation of mediterranean in Europe - EMAE, dedicato allo studio della filiera dell allume durante il periodo medievale promosso dalla professoressa Pinuccia Franca Simbula del Dipartimento di Storia, Scienze dell uomo e della formazione. Il Senato approva. E1.c Accordo multilaterale di cooperazione accademica e scientifica tra l Università di Sassari e la Universidade Federal de Pelotas (Brasile) Il Rettore informa il Senato in merito alla proposta di stipula di un accordo di collaborazione multilaterale tra l Università di Sassari e la Universidade Federal de Pelotas (Brasile). La collaborazione, finalizzata all attivazione di iniziative di cooperazione scientifica, è promossa dal prof. Giovanni Lobrano del Dipartimento di Giurisprudenza. Il Senato approva. E1.d Accordo multilaterale di cooperazione accademica e scientifica tra l Università di Sassari e la l Université Virtuelle du Tchad (Ciad) Il Rettore informa il Senato in merito alla proposta di ratifica di un accordo di collaborazione multilaterale tra l Università di Sassari e l Université Virtuelle du Tchad. La collaborazione,

17 finalizzata all attivazione di iniziative di cooperazione scientifica, è promossa dal prof. Ignazio Camarda del Dipartimento di Scienze della Natura e del Territorio. Il Senato approva. F) ATTIVITÀ CONVENZIONALE 1) Schema di accordo di collaborazione tra il Comune di Alghero e il Dipartimento di Architettura, Design, Urbanistica dell Università degli studi di Sassari In base a tale accordo il Comune di Alghero e il Dipartimento di Architettura, Design, Urbanistica dell Università degli Studi di Sassari, favoriscono una stabile collaborazione diretta sui temi della qualità e sostenibilità architettonica e urbana, della pianificazione urbanistica, territoriale, paesaggistica e ambientale, delle politiche della casa, della mobilità, della partecipazione, delle politiche turistiche, della comunicazione pubblica, delle politiche energetiche e su tutte le questioni legate allo sviluppo locale. Il Senato Accademico prende atto ed esprime vivo apprezzamento sull accordo di collaborazione sottoscritto tra il Comune di Alghero e il Dipartimento di Architettura, Design, Urbanistica dell Università degli Studi di Sassari. 2) Università degli Studi di Perugia: richiesta rinnovo convenzione ai sensi art. 6 comma 1 legge 240/2010 prof. Antonio Tullio Il Rettore dell Università degli Studi di Perugia propone al nostro Ateneo il rinnovo della convenzione ai sensi dell art.6, comma 11, della Legge 240/2010, concernente il programma di ricerca di interesse comune su La ricostruzione dei difetti post oncologici del cavo orale con lembi miomucosi, del quale è referente il prof. Antonio TULLIO. Sulla base delle osservazioni formulate dal prof. Trignano, il Rettore chiederà all Università di Perugia di riformulare la richiesta e di indirizzarla anche al Dipartimento di Scienze Chirurgiche, microchirurgiche e mediche. Il Senato dà mandato al Rettore di provvedere al rinnovo con decreto.

18 G) PERSONALE 1) Esame richieste di afferenza ai Dipartimenti. Docenti: Greppi Gianfranco, Schirru Carlo Giorgio, Pulina Manuela e Tola Alessio. Nulla osta del Senato accademico Il Senato Accademico prende atto che i dipartimenti accoglienti hanno integrato le proprie delibere, così come richiesto nella seduta del 31 luglio 2013, pertanto nulla osta alle seguenti afferenze dei docenti sottoelencati: Prof. Greppi Gianfranco, al Dipartimento di Architettura, design e urbanistica; Prof. Schirru Carlo Giorgio e Dott.ssa Pulina Manuela, al Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della comunicazione e Ingegneria dell informazione; Dott. Tola Alessio, al Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali. 2) Richieste di afferenza al Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale della prof.ssa Liliana Lorettu e della dott.ssa Alessandra Nivoli in deroga al regolamento recante la disciplina dell afferenza ai dipartimenti Al termine dell articolato dibattito sull argomento, il Senato rileva che le richieste della prof.a Lorettu e della dr.a Nivoli sono pervenute fuori termine e pertanto irricevibili. Tenuto conto tuttavia che la richiesta della prof.a Lorettu nasce dalla esigenza di poter riacquistare la serenità lavorativa che non è più salvaguardata all interno del Dipartimento di Scienze Biomediche e che quella della dr.a Nivoli nasce dall esigenza di seguire nel trasferimento il proprio direttore, al fine di garantire continuità di ricerca e didattica nell ambito della organizzazione della Clinica Psichiatrica e nei differenti corsi di Laurea, in via eccezionale e considerate le motivazioni addotte, il Senato Accademico dà mandato al Rettore di valutare la situazione e di adottare i provvedimenti che riterrà opportuni mediante decreto rettorale. Sono assenti i senatori Arca e Toccu. 3) Situazione utilizzo punti organico Il Rettore riferisce lo stato dell arte delle chiamate e delle prese di servizio dei professori associati sui piani straordinari 2011 e da parte dei Dipartimenti, le cui procedure sono in fase conclusiva. Si è in attesa dell assegnazione dei nuovi P.O. del 2014 che si vorrebbe assegnare rapidamente. Annuncia che la Commissione P.O. non si riunirà e che, qualora pervenisse la circolare ministeriale, non esclude la possibilità di convocare un Senato, probabilmente ad horas, allargato ai Direttori di Dipartimento.

19 4) Bando di concorso per professore associato di Anestesia: nota del prof. Alberto Porcu Il Rettore porta all attenzione del Senato la seguente nota del prof. Alberto Porcu: <Il sottoscritto Prof. Alberto Porcu, Professore Ordinario afferente al Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, preso atto che nel Verbale del C.D.A. del si delibera di autorizzare un bando di concorso per Anestesia presso il Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Microchirurgiche e Mediche, utilizzando i punti organico attribuiti al Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, fa presente le seguenti considerazioni: Essendo afferente al Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale una Branca Chirurgica interessata alla soluzione della problematica urgente dell Anestesia, richiede che tale concorso venga bandito dal Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale al quale sono stati attribuiti i punti organico di 0.7 del piano straordinario per la chiamata dei Professori Associati; Esprime perplessità sulla modalità di chiamata del Professore Associato che viene identificato per slittamento di graduatoria (quale graduatoria?), e comunque la si ritiene inadeguata ad acquisire una figura così importante e strategica nell ambito dell attività didattica e assistenziale, mentre dovrebbe essere invece individuata attraverso una procedura valutativa concorsuale aperta ai migliori candidati nazionali; Faccio notare che tutte le delibere del Senato Accademico e del C.D.A. relative all utilizzo dei punti organico attribuiti al Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, finalizzate prima alla chiamata di un oncologo e successivamente di un anestesista (ricadenti sugli stessi punti organico) sono state assunte in assenza di qualsiasi delibera del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale che è l unico ad avere titolo per tali decisioni, come peraltro evidenziato nella sezione Personale del C.D.A. del > Con riferimento alla nota del prof. Porcu, il prof. Luca Brazzi ha espresso le seguenti considerazioni: <In relazione al primo punto, credo che sia inutile sottolineare come nella definizione dei criteri specifici del profilo concorsuale richiesto e nei criteri di valutazione da applicare in tale procedura sia irrinunciabile il ruolo di un docente nel settore scientifico-disciplinare oggetto del selezione, nel caso specifico MED/41 Anestesia. Dal momento che l unico docente nel settore in questione è il sottoscritto, afferente al Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Microchirurgiche e Mediche, è poco ragionevole che il concorso si bandito da un Dipartimento diverso. A questo si aggiunge che non vi è nessun vincolo per il docente che risulterà vincitore della procedura concorsuale permanere nello stesso Dipartimento a cui, attualmente, afferisce il sottoscritto dal momento che la scelta è individuale e non legata all appartenete ad uno specifico SSD. Circa il secondo punto, credo vi sia un malinteso determinato da come è stato riportato il Verbale relativo al Consiglio di Amministrazione. Non vi è infatti alcuna graduatoria in essere da far scorrere. Si tratta di attivare un bando concorsuale aperto a tutti gli aventi diritto (in possesso, cioè, di ideona abilitazione per il posto di Professore di II fascia). I criteri che sono stati proposti

20 seguono lo schema standard messo a punto dall Università di Sassari, con criteri di valutazione altrettanto standardizzati (numero di citazioni, indice di Hirsch, Impact Factor, indice di proprietà). Anche per la definizione della Commissione è prevista l applicazione dei criteri stabiliti dall Università di Sassari (composta da tre componenti, dei quali almeno due docenti esterni all'ateneo in possesso di un elevato profilo scientifico a livello internazionale individuati, di norma, tra professori di I e II fascia appartenenti al settore concorsuale al quale si riferisce il bando) Sull ultimo punto, non sono a conoscenza di quali siano le delibere assunte dal Dipartimento di Medicina Clinica. Dalla lettura del Regolamento per la chiamata dei professori di I e II fascia, approvato dal Consiglio di Amministraziione in data 27 marzo 2014, risulta però: Art. 2, comma 3: Il Consiglio di Amministrazione, previo parere del Senato Accademico, verificata la sostenibilità finanziaria e il rispetto della programmazione relativa al personale docente, delibera in merito alla proposta formulata. Pare quindi di capire che è del Consiglio di Amministrazione la responsabilità ultima circa la decisione su quali bandi attivare. I Dipartimenti propongono ed il Consiglio di Amministrazione delibera e non è previsto che i Dipartimenti si esprimano su quanto il Consiglio di Amministrazione delibera.> Il prof. Porcu ha ribattuto, con successiva nota, alle affermazioni del prof. Brazzi. Inoltre, sempre in merito al bando di concorso per Anestesia, tenuto conto di quanto deliberato dal Consiglio di amministrazione del 05 settembre scorso, il prof. Trignano, con nota del 19 settembre 2014, ha invitato il Rettore a comunicare ai Dipartimenti interessati quanto deliberato dal Consiglio di Amministrazione, a parziale modifica ed integrazione di quanto indicato nella nota del 30 maggio 2014 e di procedere ai sensi dell art. 3 del Regolamento per la chiamata dei Professori di I e II fascia di questo Ateneo, all emanazione dell avviso di vacanza per il posto di II fascia di Anestesia, ricordando che la presa di servizio del prof. Luca Brazzi presso l Università di Torino è stata rinviata al 1 dicembre Il Rettore informa che è suo intendimento chiedere al Consiglio del Dipartimento di Medicina clinica sperimentale di soprassedere ad utilizzare il budget e metterlo a disposizione del Dipartimento di Scienze chirurgiche per bandire il concorso per Anestesia, con l impegno, se si ritiene ancora di perseguire questa linea, di procedere al concorso per Oncologia non appena saranno disponibili ulteriori punti organico. Ribadisce che la quota di 0,7 punti organico è stata assegnata al Dipartimento di medicina clinica e sperimentale, che deve deliberare sul prestito del budget ad altro dipartimento. Confida che il Dipartimento di medicina clinica e sperimentale possa condividere l esigenza di assumere rapidamente un anestesista nel pieno rispetto delle norme di legge, dei regolamenti e delle graduatorie in corso. Impegna l Ateneo nel caso a restituire i punti utilizzati per Anestesiologia in tempi brevi al dipartimento di titolarità. In caso di mancato accoglimento della richiesta espressa dal Rettore, il Senato ritiene che si debba dare corso alla delibera già assunta dal Senato e dal Consiglio del 5 settembre 2014.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura Vista Viste IL RETTORE Il D.M. n. 270/2004 ed in particolare l art.3 comma 9 che, in attuazione dell art.1 comma 15 della legge n. 4 del 14.01.1999, dispone

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente Regolamento disciplina le finalità, l organizzazione

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

Anno accademico 2013/2014

Anno accademico 2013/2014 Anno accademico 2013/2014 Procedure e termini per iscrizioni, immatricolazioni, passaggi, trasferimenti e ricongiunzioni delle carriere di studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale (Delibera del

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia. Corso di Laurea in Scienze Economiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia. Corso di Laurea in Scienze Economiche UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia Corso di Laurea in Scienze Economiche Regolamento per lo svolgimento di Tirocini di formazione e orientamento

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123)

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) Denominazione inglese della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO I. AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI TITOLI ONORIFICI: ESITO LAVORI COMMISSIONE ADEGUAMENTO NORMATIVO Il Senato Accademico,, VISTI gli artt. 111 e 169 del T.U. delle Leggi sull istruzione

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

TUTTO CIÒ PREMESSO CONCORDANO SU QUANTO SEGUE

TUTTO CIÒ PREMESSO CONCORDANO SU QUANTO SEGUE Accordo di collaborazione interuniversitaria tra l Università degli Studi di Cagliari e l Università degli Studi di Sassari per l aggregazione di Scuole di specializzazione mediche della stessa tipologia

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010.

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010. I DIVISIONE 4.1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del Corso di Dottorato di Ricerca Il corso di Dottorato di Ricerca in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Prot. n 10549 del 19/05/2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA IL PRESIDENTE il vigente Statuto di questo Ateneo; VISTA la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240, in particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA INDICE I - INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI E RELATIVI BANDI... 2 1) Tipologia dei servizi ai quali gli studenti possono collaborare...

Dettagli

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO La Commissione VII (Cultura, scienza, istruzione), esaminato lo schema di decreto del Presidente della

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente

Area Affari Istituzionali, Internazionali e Formazione Divisione Formazione Universitaria e Formazione Permanente FUFP/3 ET IL RETTORE visto il DPR 10 marzo 1982, n. 162, e in particolare gli artt. 1 (comma 2, lettera c), 16 e 17, relativi ai corsi di perfezionamento; visto l art. 6 della legge 19 novembre 1990, n.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

emanato con D.R. n. 70 del 13/02/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 177 del 12/06/2013.

emanato con D.R. n. 70 del 13/02/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 177 del 12/06/2013. Regolamento per le procedure di selezione dei Ricercatori e la stipula di contratti a tempo determinato, previsti dall art. 24 comma 3 lett. a) Legge 30 dicembre 2010 n. 240. emanato con D.R. n. 70 del

Dettagli

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO IN CONCOMITANZA CON IL PERCORSO DI LAUREA AI SENSI DELL ART. 9, COMMA 6, D.L. 24.01.2012,

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Vice Presidenza di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Vice Presidenza di Bologna Decreto rep. n. 73/2015 Prot. n. 929 Alma Mater Studiorum Università di Bologna Allegato A IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di

Dettagli

unità di studenti N. Dipartimento tipologia di attività modulo di ore Totale

unità di studenti N. Dipartimento tipologia di attività modulo di ore Totale Bando di selezione per titoli concernente l'affidamento a studenti di forme di collaborazione ad attività universitarie ex art. 13 L. 390/91, formulato ai sensi del vigente Regolamento in materia ART.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER N.3 BORSE DI MOBILITÀ STUDENTESCA VERSO LA UNIVERSIDADE DE SAO PAULO BRASILE A.A. 2013-2014

BANDO DI CONCORSO PER N.3 BORSE DI MOBILITÀ STUDENTESCA VERSO LA UNIVERSIDADE DE SAO PAULO BRASILE A.A. 2013-2014 BANDO DI CONCORSO PER N.3 BORSE DI MOBILITÀ STUDENTESCA VERSO LA UNIVERSIDADE DE SAO PAULO BRASILE A.A. 2013-2014 Il Preside della Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale VISTA la legge 170/2003, art.

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

D. R. n. 3280 IL RETTORE DECRETA

D. R. n. 3280 IL RETTORE DECRETA D. R. n. 3280 Facoltà di Medicina e Odontoiatria ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Bando relativo alle modalità di ammissione al percorso d eccellenza per il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Odontoiatria

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA' MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE -CLASSE LM 67- ANNO

Dettagli

PREMESSO CHE VISTE INDIVIDUATA

PREMESSO CHE VISTE INDIVIDUATA CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PER L ISTITUZIONE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERATENEO IN LINGUE E LETTERATURE STRANIERE MODERNE (ABILITAZIONE

Dettagli

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 - Il Dipartimento Art. 1.1 Generalità e obiettivi

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA IN COLLABORAZIONE CON CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE

Dettagli

tutto ciò premesso REQUISITI PER L AMMISSIONE

tutto ciò premesso REQUISITI PER L AMMISSIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI AMMISSIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE AFFERENTE ALLA CLASSE DELLE LAUREE LM-9 ANNO ACCADEMICO 2013/2014

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER IN TEORIE E METODI DELLE ATTIVITÀ MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE II EDIZIONE A.A. 2005/2006 MASTER UNIVERSITARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01. REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SENATO ACCADEMICO (articolo 24 dello Statuto) (Regolamento approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione, rispettivamente,

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO (approvato nella seduta del CdA del 22 marzo 2011 - modificato con delibera n. 5 del S.A. del 08/05/2012) Art. 1 Definizione 1

Dettagli

BANDO PER CONTRIBUTI DI MOBILITA PER TESI ALL ESTERO. Il Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione

BANDO PER CONTRIBUTI DI MOBILITA PER TESI ALL ESTERO. Il Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Prot. n. 456 BANDO PER CONTRIBUTI DI MOBILITA PER TESI ALL ESTERO Il Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione VISTO l art. 15 della legge del 2 dicembre 1991 n. 390 e l art.

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau Monserrato, 03 febbraio 2016 Prot. n 3767 del 03/02/2016 OGGETTO: Bando di selezione pubblica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Prot. n 23091 del 02/07/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE MARIO ARESU IL DIRETTORE il vigente Statuto di questo Ateneo; VISTA la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240,

Dettagli

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DELLA LEGGE N. 240/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento determina le modalità d istituzione ed organizzazione dei Master Universitari

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI "G. D ANNUNZIO" DI CHIETI - PESCARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI - PESCARA Allegato 3) al Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI "G. D ANNUNZIO" DI CHIETI - PESCARA DISCIPLINA ISCRIZIONE A CORSI LIBERI E A CORSI SINGOLI CON ATTRIBUZIONE DI CREDITI FORMATIVI

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

pubblicato sull'albo ufficiale online dal 26 agosto al 24 settembre n. 4957 Il Rettore Decreto n. 64620 (718) Anno 2014

pubblicato sull'albo ufficiale online dal 26 agosto al 24 settembre n. 4957 Il Rettore Decreto n. 64620 (718) Anno 2014 Il Rettore pubblicato sull'albo ufficiale online dal 26 agosto al 24 settembre n. 4957 Decreto n. 64620 (718) Anno 2014 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 7 DEL 24.02.2014 Anno 2014 giorno 24 mese febbraio ore 18.00 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

Dipartimento Patrimonio, Architettura, Urbanistica

Dipartimento Patrimonio, Architettura, Urbanistica AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER IL MASTER DI I LIVELLO IN PROGETTAZIONE AMBIENTALE PER LA CITTA SOSTENIBILE ISTITUITO PRESSO IL DIPARTIMENTO PATRIMONIO, ARCHITETTURA,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli