Le parole fra noi leggere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le parole fra noi leggere"

Transcript

1 Cronache dal CRE 2012 Le parole fra noi leggere «Passpartu» è la parola- chiave che ogni giorno, da un mese a questa parte, risuona tra i muri del nostro oratorio. È il motto del C.R.E. 2012, il filo conduttore delle splendide giornate appena trascorse. Ma ancora più importante è il sottotitolo che la accompagna: dì soltanto una parola, che ha come obiettivo quello di far comprendere ai bambini -e agli animatori- il valore della comunicazione vera che avviene solo quando le parole sono sincere: solo così scopriamo il mondo dei sentimenti che spesso sembra perduto, seppellito sotto una lingua finta. Per molti la parola è diventata obsoleta, superata da immagini e tecnologie, uno strumento da utilizzare solo quando il cellulare non prende o il computer non ha la connessione. Ma la parola, la meravigliosa facoltà che distingue la specie u- mana dalle pur meravigliose specie animali, resiste ai cattivi linguaggi, all intrusione dei vocaboli barbari, all assalto delle mode verbali e degli effetti speciali che svaniscono al primo soffio di vento. La parola corretta detiene il più straordinario dei poteri, è la chiave che consente di raccontare il cuore delle cose, di accedere al cuore degli altri per costruire relazioni autentiche, di arrivare al cuore di noi stessi per dare un nome ai sentimenti e alle emozioni, e al cuore di Dio se gli offriamo la parola perfetta. La parola ha creato l universo, le cose esistono soltanto quando sono nominate, gli esseri umani diventano individui unici perché li chiamiamo per nome. Il linguaggio é il «passepartout» universale dell uomo, la chiave con cui leggere e interpretare il mondo. Certo la parola è uno strumento potente che può facilmente tramutarsi in arma quando viene scagliata come freccia avvelenata; e anche quando dice la verità, ricordiamoci di usarla con accortezza, magari bagnata nel miele. Ogni parola infatti ha significato e peso, entrambi perfetti; ma cela anche infinite sfumature che possono essere interpretate in modo diverso da coloro cui sono destinate. Ci sono parole brucianti come il fuoco, rinfrescanti come l acqua, leggere come l aria, severe come la terra: tutte bellissime quando le pronunciamo pacificamente; una più distruttiva dell altra se lanciate verso l interlocutore con astio. Uccide più la lingua della spada recitava un versetto di libro sacro. E allora, impariamo a dire cose buone o a tacere, come ci invita a fare un antico proverbio: Parla soltanto quando sei sicuro che quello che dirai è più bello del silenzio. Le parole hanno, sì, ordinato il mondo, ma lo hanno anche riempito di rumori, confusione e vacuità. Sulle meraviglie del linguaggio abbiamo cercato di far riflettere i bambini ma anche sui rischi delle parole perfide che inquinano la vita e la rendono difficile, ardua da percorrere. Nel nostro piccolo universo racchiuso nei chiostri sacri del Seminarino, sono volate parole belle: amicizia, solidarietà, gioco, atelier, laboratorio, canto, musica, danza, teatro, lettura, cinema, lealtà, scenografia, murales, judo, pronto soccorso, giornalino, per dirne alcune. E ci piace credere che ognuna di queste parole conterrà il seme pronto a germogliare nel cuore di tutti. Vogliamo credere che finita l esperienza del CRE ognuno di noi porterà nella mente la parola gentile sussurrata da un amico, quella che ci aiuterà a crescere insieme e a diventare esseri umani migliori: i soli cui Dio e la natura hanno fatto l immenso dono della parola. Martina R. Ma cos è il giornalino del CRE? È lo strumento che racconta i momenti più belli, divertenti, faticosi delle quattro settimane vissute insieme pericolosamente E l opera collettiva dei suoi bambini creativi, studiosi e anche divertenti, ma soprattutto fantasiosi. Che cosa si fa nelle ore dedicate al giornalino? Si scambiano idee, impressioni sui fatti quotidiani, emozioni e critiche. Si impara a scrivere correttamente gli articoli e a preparare le domande per le interviste, si gioca con le parole e si esprime in libertà quello che si pensa. Quest anno, la parola chiave di tutti i CRE è PASSPARTU, un vocabolo francese scritto così per leggerlo facilmente e pronunciarlo bene. Significa chiave che apre tutte le porte e noi faremo tutto il possibile per non escludere nessuno dal Seminarino e dal nostro cuore. Per questo abbiamo scelto come titolo del giornalino: APPASSIONATAMENTE, perché è con la Mente Appassionata che lo scriviamo e lo dedichiamo a chi lo fa insieme a noi e a tutti voi che lo leggerete. Buona lettura!!! La redazione

2 2 Alla scoperta delle nostre animatrici IN VOLO VERSO LA VITTORIA Si chiama Asia, ha 17 anni appena compiuti, un fisico sottile e scattante, una massa di capelli neri ondulati che scendono oltre le spalle. Non l ho mai vista imbronciata ma sempre attiva, pronta a intervenire nei giochi e piena di proposte per la nostra squadra. Mi è piaciuta subito, per questo ho deciso di saperne di più e l ho intervistata. Ecco le sue risposte e osservazioni sul CRE: Asia, non ti ho mai vista prima, dove vivi? Abito a Bergamo, ma partecipo al CRE del Seminarino perché ho amici in Città Alta. Quale scuola frequenti? Ho finito la terza classe al Liceo Lussana. Che cosa ti ha spinto a fare La squadra migliore che vincerà il CRE: quella dei gialli! Che cosa ne pensi del servizio mensa? Mi piace soprattutto quando mette in tavola pizza e casoncelli Sono davvero buoni! C è qualche attività o gioco che vorresti aggiungere al CRE di quest anno? Dato il caldo scoppiato in questi giorni, vorrei più giochi d acqua. Che significato ha per te la parola PASSPARTU, motto di questa stagione 2012? Questa parola che vuol dire chiave che apre ogni serratura contiene un messaggio importante: mi ha fatto capire che si può davvero arrivare al cuore degli altri: con le parole gentili e i gesti di amicizia. Il mio CRE, è anche questa scoperta. Federico A. poi perché ha i capelli rossi, gli occhi castani e 17 anni pieni di allegria. Insomma, ci piace molto. Siamo andate a recuperarla mentre era impegnata con il gruppo che frequenta l atelier di danza e lei, gentilissima, ha trovato il tempo per rispondere alle nostre domande. Ti piace fare l animatrice? Molto direi, visto che sono ormai una veterana al terzo anno. Non ti sarebbe piaciuto fare l arbitro? Preferisco essere animatrice per tutta la vita. Come mai hai scelto la squadra dei gialli? Perché è il colore del sole, quello che amo tanto. E che cosa pensi del tuo gruppo? Tutto il bene del mondo, sono i migliori Come sei arrivata al CRE del Seminarino? Abito in Città Alta, qui c è la mia parrocchia, potevo cercare di meglio? Parlaci della tua attività preferita. E facile a dirsi: i Giochi d acqua. E il gioco che ti diverte maggiormente? La staffetta delle canzoni, naturalmente mi piace cantare. Qual è il ballo che ami di più? Alfarock Mi fa impazzire!!! l animatrice? Ho due fratelli più piccoli e mi piace tanto stare con loro e con tutti i bambini. A quale squadra appartieni? LA ROSSA PAZZA PER IL ROCK Abbiamo deciso di intervistare Elisabetta, una delle nostre animatrici, perché ci guida con simpatia nei giochi e ci è sempre d aiuto. E Grazie a Elisabetta che ritorna svelta dai ragazzi di danza che senza di lei sembravano più mogi. Con un balzo sale sul palco e, come se non avesse mai smesso, riprende il passo con facilità e intorno a lei tutto danza. Guardarla è un vero piacere! Camilla P. Alessandra A.

3 VOLEVA DIVERTIRSI CON NOI Ha i capelli biondi molto lunghi, gli occhi castani vellutati e l apparecchio per raddrizzare i denti. E al suo primo anno come animatrice ma si dà un gran daffare, è sempre presente ovunque c è bisogno di lei. L abbiamo intervistata mentre si occupava dei ragazzi nell atelier di scenografia che ha scelto con piacere perché si interessa al disegno e al colore. Ecco le sue impressioni sul CRE. Silvia, é la tua prima stagione al CRE come animatrice. Come stai vivendo questa esperienza? Direi benissimo, mi piace perché sono circondata da amici gentili che mi sostengono quando sono incerta sul da farsi. Sono proprio fortunata. Certo, fare l animatrice è faticoso, ma divertentissimo. A quale squadra appartieni? Alla migliore, quella degli Arancioni. Sappiamo che cosa pensi degli animatori, dicci allora come ti trovi con gli arbitri. Bene, perché organizzano giochi belli e intelligenti e sono corretti con tutti nell attribuzione dei punteggi. Sono cambiate alcune cose rispetto a quando eri bambina. Quale ti manca di più? Forse il tempo per giocare. Forse è per questo che, finita la scuola, Silvia si è arruolata fra i volontari del CRE. Per recuperare il tempo del gioco insieme a noi e noi la ringraziamo per la sua scelta. Camilla P. e Alessandra A. SINCERAMENTE DIVERSE Arrivati al campo sintetico coperto, abbiamo dovuto interrompere l atelier di danza per sottoporre Alice e Nastassia a una lunga serie di domande personali alle quali hanno risposto rapide e sincere, mostrando la diversità dei loro caratteri. Le domande erano le stesse per entrambe, le risposte leggetele di seguito. In quale squadra siete? A: Nei luminosi gialli. N: Con i coraggiosi rossi. La cambiereste? Mai, hanno risposto in coro. Come è stato il vostro primo giorno? A: Strano N: Noioso Come vi siete trovate con persone che non conoscevate? A: Senza alcuna difficoltà ci siamo presentati e abbiamo cominciato a lavorare insieme. N: Bene. 3 Vi siete fatte dei nuovi amici? A: Si, con facilità. N: No Da quanti anni siete animatrici del CRE? A: Questo è per me il 6 anno. N: Sono ormai al 7 CRE. Vi siete divertite nelle prime settimane? A: Sì, mi piace l atmosfera del Seminarino. N: Così, così Come pensate che andranno i prossimi giorni? A: Spero bene. N: Spero meglio. Qual è il vostro gioco preferito? A: Palla prigioniera. N. Dogball. A quale etelier partecipate? A danza, hanno risposto insieme. E quale laboratori animate? A: Quello di murales perché sono appassionata di pittura. N: Quello di trucchi perché mi diverte trasformare i volti. Siete soddisfatte di quello che fate? A: Si, non cambierei una virgola di questo CRE. N: Abbastanza; ma se avrò la possibilità, frequenterò il laboratorio di pronto soccorso al quale non mi sono iscritta pensando che fosse per i più grandi. Grazie ad Alice e Nastassia che si sono gentilmente prestate a questa lunga intervista a specchio, mostrando le loro convinzioni, ma anche qualche malcontento. Siamo sicuri che prima della fine del CRE anche Nastassia avrà trovato il meglio che cerca. Auguri!

4 4 Gita a Torino: cinema, che passione! Mercoledì 13 giugno, terzo giorno del CRE, in un mattino di sole sfolgorante ci siamo dati appuntamento a Colle Aperto dove ci aspettavano gli autobus per portarci a Torino, capoluogo del Piemonte. Siamo partiti puntuali alle 8 e dopo due ore volate rapide siamo giunti a destinazione: il Museo Internazionale del Cinema che si trova dentro la stupenda costruzione della Mole Antonelliana, conosciuta in tutto il mondo come simbolo dell architettura italiana. Siamo entrati e WAW!!! che bello, non sapevo più dove guardare, perché ogni angolo mostrava le sue meraviglie. La prima sala che abbiamo visitato è stata quella chiamata delle ombre : centinaia di figurine in bianco e nero proiettate sui muri che giravano intorno a noi lente e veloci, dandoci l illusione di essere dentro lo stesso movimento. Subito dopo siamo passati nella sala detta degli specchi : era stupenda perché rifletteva ogni sagoma e ci dava l impressione di essere almeno mille ad ammirare il miracolo della moltiplicazione e non un centinaio come eravamo realmente. Piano piano, seguendo una passerella, siamo saliti di un piano per raggiungere la vera e propria sala di proiezione dove i film vengono mostrati al pubblico senza interruzione. E qui mi sono fermata a riposare e a guardare proprio da vicino le immagini che sembravano uscire dallo schermo: un effetto molto speciale! Ma quando le sorprese sembravano finite, ecco quella più divertente: quando il film è finito, ci è apparsa una locomotiva vera, verde, che sembrava puntata su di noi; non più finzione, ma verità. Per farci capire che accanto al cinema esiste una realtà ancora più bella e interessante. E a proposito di cose vere, abbiamo guardato con grande attenzione tutti gli strumenti che dalla fine dell 800 a oggi sono stati indispensabili per creare il cinema, che è chiamato la settima arte. Lanterne magiche, macchine a soffietto, scatole da ripresa primitive che riproducevano i movimenti a scatto; fino a quelle bellissime che si usano oggi per realizzare effetti speciali e film in 3D. Poi mi sono fermata a riposare in una specie di bar che non vendeva niente, ma aveva bellissimi divani e poltroncine e tavolini e manifesti alle pareti, tutti usati in film famosi. Mi sembrava di essere una diva del cinema! Una sensazione molto piacevole. Il giro del Museo era finito, ma non quello della Mole Antonelliana. Siamo saliti in piccoli gruppi sull ascensore di vetro che ci ha portati in cima in cima per osservare la città di Torino: il panorama da lì era stupendo, ma se guardavi di sotto ti venivano i brividi. La giornata era stata impegnativa, ma mentre salivo sull autobus che ci riportava in Città Alta mi sono trovata a pensare: E già finita la visita, la giornata è stata bellissima e ho scoperto tante cose sul cinema che mai avrei immaginato. Spero che anche le prossime gite saranno così interessanti e divertenti. Evviva il cinema! Lucia e Matteo C.

5 5 Il giorno più lungo Il 19 giugno è stato per noi delle classi 3, 4 e 5 elementare il giorno più lungo del CRE. Dopo una mattina intensa di giochi, un pomeriggio faticoso di laboratori, alle 17 e 30 siamo tornati a casa per cambiarci e toglierci il sudore di dosso e dopo due ore eravamo di nuovo al Seminarino per trascorrere la sera e la notte insieme. Eravamo tutti gasati dall esperienza che ci aspettava e anche un po ansiosi per il denso programma della nottata. Eravamo dodici, non molti, ma certo i più coraggiosi, perché dovevamo affrontare il Tour del mistero e una notte nel sacco a pelo. Ma prima di tutto, abbiamo cenato insieme con pizza, coca cola, aranciata e altre porcherie, divertendoci a immaginare quello che sarebbe successo nelle ore buie. Alle 21 e 30 siamo partiti per Colle Aperto dove ci aspettava Paolo, la guida che già da solo aveva una faccia poco rassicurante: una gran barba, una gran pancia e una vociona cavernosa. Ma l aspetto è una cosa e la realtà tutt altra! Paolo si è dimostrato gentile e ha distribuito a ciascuno di noi un braccialetto fosforescente dicendo: È per tenere lontani gli spiriti nemici. E mentre ce li faceva indossare è arrivato un uomo vestito di nero e di bianco con un cappello a tuba che ci ha regalato caramelle. Quel personaggio era il diavolo! La guida ci ha portato attraverso vicoli bui e stretti dove si sentivano rumori paurosi: catene, urla e voci minacciose. E mentre ci spiegava la storia di S. Alessandro Alta è sopraggiunto un signore anche lui come noi in fuga dal diavolo. Il secondo luogo da paura era l antico carcere dove abbiamo assistito alla messa in scena di un duello. Quando il Tour del mistero è terminato era ormai la 1 di notte e le strade di città Alta erano quasi silenziose. Rientrati al Seminarino abbiamo mangiato un ghiacciolo per rinfrescarci, ci siamo lavati i denti e siamo stramazzati nei sacchi a pelo, morti di fatica. Ci siamo presi per mano e fino alle 7 del mattino abbiamo dormito sonni più o meno agitati sognando i misteri della città. E mentre facevamo colazione, abbiamo discusso di film horror e delle paure che sentiamo certi momenti della vita. Stare insieme ci ha fatto davvero bene. È stata una nottata fantastica! Cecilia V. LA NOTTE DEL MISTERO Il giorno giovedì 28 giugno è toccato a noi ragazzi delle medie, circa venti, fermarsi a dormire al Seminarino, come il programma del CRE prevedeva. Idea che era piaciuta subito a tutti pensando che in quella notte di libertà ci saremmo divertiti tantissimo. E così è stato. Dopo una pizzata piacevole, abbiamo visto la partita Italia- Germania 2 a 1 sul maxischermo, in compagnia di molti adulti, genitori e amici urlanti di gioia per la vittoria. Erano quasi le 23 quando siamo stati raggiunti nel chiostro che si rinfrescava, da Paolo, la guida che ci avrebbe accompagnato per i vicoli della città a scoprire i luoghi del Tour del mistero. Ha messo al polso di tutti un braccialetto luminoso che doveva, secondo lui, tenere lontano da noi gli spiriti malefici delle tenebre. Siamo usciti tutti insieme per recarci alle antiche carceri dove, da una porticina, è sbucato il boia col volto coperto da un cappuccio nero come il vestito. Non è stato un bel vedere! Poi, di nuovo all aperto abbiamo camminato fino alla casa di Gaetano Donizetti in Borgo Canale dove sono apparsi, con gran fracasso, una signora e un signore in costume. Siamo tornati verso la Porta di Sant Alessandro dove è spuntato il diavolo in persona, seguito da un povero diavolo di uomo ubriaco e da sua moglie che ci hanno inseguiti fino in Piazza Mascheroni. Ce la siamo data a gambe fino alle carceri, sperando di essere al sicuro: ma proprio lì c erano due uomini che si sfidavano a duello. Non abbiamo avuto un attimo di pace per tutta la serata che era ormai giunta al termine: erano quasi le due quando siamo rincasati al Seminarino che ci è parso il posto più sicuro del mondo. Nell aula 2 ci siamo ritirati noi maschi e nell aula 5 le ragazze per cadere in un sonno profondo. Ma molti di noi non hanno dormito per niente. Il tour del mistero e l eccitazione della notte piena di stelle ci faceva battere il cuore: e- ravamo felici di stare uniti e di sentire che l amicizia è una cosa davvero grande! Davide G. e Giorgio A.

6 6 Estate 2012, incredibile CRE! Dopo un anno di scuola, di impegni, di fatiche e qualche gioia, ci siamo ritrovati ancora qui, al Seminarino, tutti insieme: 120 bambini dalle elementari alle medie e 40 animatori e arbitri pronti ad aprire le danze di un mese di divertimenti e di sorprese. Noi animatori non vedevamo l ora di cominciare per dare un impronta nuova a questo periodo che ci aspettava. Del resto, nuovo è anche il curato don Francesco che ha organizzato le fasi salienti del CRE e non ci ha abbandonato un attimo; nuovi molti arbitri, nuovi tantissimi ragazzi provenienti anche dai paesi vicini che hanno scelto la splendida cornice an- ci perdonino i puristi- perché potessimo dirla correttamente. Come tutti ormai sappiamo, questo vocabolo significa chiave universale, che apre tutte porte ed è diventata la nostra guida nelle quattro settimane passate insieme. Abbiamo cercato di interpretare e vivere questo messaggio, di trovare la parola che unisce anche quando poteva crearsi qualche incomprensione, e, soprattutto abbiamo scelto la gentilezza dei toni: verso i bambini affidati alle nostre cure, come fra di noi che avevamo la responsabilità di condurli per mano, giorno dopo giorno, nel ruolo tica e fresca del Seminarino, incastonato come una pietra preziosa nel tessuto di questa città che tutti amiamo. Il nostro CRE compie 18 anni, l età adulta se non proprio quella della ragione e ha cercato di essere all altezza della maturità, almeno umana. Per questo, fin dal primo giorno ci siamo impegnati a dimostrarla: non soltanto attraverso i giochi, gli atelier e i laboratori, le escursioni giocose come quelle all Acqua Splash o allo Zoo Safari, ma anche quelle culturali come la visita al Museo Internazionale del Cinema di Torino che ha riscosso grande interesse anche fra i più piccoli partecipanti. Come ogni edizione precedente, il CRE 2012 ha un nome: PASSPARTU, parola francese scritta come si pronuncia- impegnativissimo di angeli custodi. Le sei squadre che si sono affrontate nei giochi, che si sono suddivise durante i laboratori e gli atelier, hanno avuto comportamenti leali e rispettosi delle regole, hanno dimostrato impegno quasi sempre assiduo nella realizzazione degli obiettivi. Ce l abbiamo fatta ad accontentare la maggior parte dei ragazzi del CRE 2012? A questo nostro giornalino, allo spettacolo teatrale meticolosamente e miracolosamente preparato, alle facce sorridenti di cento e oltre bambini la risposta. La nostra risposta è racchiusa nella parola scelta come titolo della nostra testata: lo abbiamo fatto APPASSIONATAMENTE e APPASSIONATA-MENTE. Matteo L. SAFARI TRA GLI ANIMALI SELVAGGI La mattina di mercoledì 27 giugno avevamo appuntamento come sempre quando partiamo in pullman, sul piazzale di Colle Aperto. Tutti puntuali e ansiosi di partire, alle 8 e 10 eravamo in viaggio verso lo Zoo Safari in provincia di Novara. Il termometro segnava già 28 ma le due ore e passa trascorse prima dell arrivo sono state carine perché la temperatura del bus era fresca al punto giusto. Un po prima delle 10 e 30 eravamo a destinazione, ma siamo rimasti seduti ai nostri posti come richiedeva la prima parte della visita. Dai finestrini, e dunque in una bella posizione dall alto, abbiamo attraversato una savana sulla quale camminavano gli animali erbivori, liberi come nei grandi parchi africani: le eleganti giraffe, le zebre dai bei disegni, i rinoceronti sicuri della loro forza, i dromedari dalla strana masticazione, gli struzzi ondeggianti, i facoceri che sono più belli di quel che si dice, i nandù che sono ruminanti dall aspetto mite e mi hanno ricordato un caro amico di famiglia di nome Nando. Proseguendo siamo arrivati nella zona delle fiere carnivore, i grandi predatori. Qui abbiamo assistito al pasto di numerosi leoni, delle rare tigri e, cosa che ci ha strabiliati, abbiamo visto una zoologa che nutriva con pezzi di carne un gruppetto di ghepardi con gli occhi verdi; lei li ha cresciuti fin da quando sono nati e loro, anche adesso che sono adulti, hanno una grande fiducia in lei. Lo spettacolo è stato davvero entusiasmante e nessuno di noi sentiva fame perché ci interessava di più il pranzo degli animali. Finalmente, scesi dai mezzi, ci siamo incamminati nella zona libera abitata da molte specie di caprette, da porcellini d india a centinaia e da tantissimi uccelli sconosciuti dai piumaggi più strani. Abbiamo osservato il rettilario con decine di serpenti piccoli e grandi e l insettario con centinaia, forse migliaia di specie di ogni provenienza. Anche questa gita è stata davvero interessante per tutti noi che amiamo tutti gli animali e non abbiamo paura di nessuno. Soprattutto quando ci sentiamo protetti dal pericolo è un immenso piacere osservarli nel loro habitat ricostruito. Chissà se anche loro saranno contenti di vedere noi in gabbia dentro il pullman!

7 7 PROFILO DI MATTEO In questi giorni di CRE così appassionanti, ho conosciuto molte persone carine e simpatiche, soprattutto nelle ore degli atelier, quando il numero dei partecipanti si riduce e contattare i compagni e gli animatori è più facile. Fra le persone che mi hanno colpito c è Matteo, un ragazzone alto e robusto e forte con la faccia gentile da bambino. Ha 19 anni e viene da Seriate ogni mattina perché gli piace tantissimo lavorare nel CRE del Seminarino di Città Alta: questo è il suo quinto anno da animatore. Matteo ha i capelli piuttosto ricci di colore castano chiaro come i suoi occhi lucidi e profondi, da ragazzo buono che, nonostante la forza, riesce a essere dolce anche con i più turbolenti e aggressivi di noi. Non alza mai la voce e si muove delicatamente, anche se ha una bella mole! Lui sostiene di mangiare il giusto, dipende dai periodi dice e gli credo perché qui al CRE non lo vedo mai con il gelato come invece altri ragazzi. Ritratti Matteo si tiene in forma con il judo che pratica fin da quando era piccolo: per questo ha dei bei muscoli e si muove rapido E sempre vestito semplicemente, maglietta e jeans, non dà retta al lusso, è sempre coperto anche se suda perché lavora tanto. Non ha preferenze verso i bambini, vuole bene a tutti ed è vero perché ha sempre le parole giuste per ognuno di noi. Quando serve è serio, ma rimane sempre simpatico. E un ragazzo acuto e intelligente, ma ha conservato il cuore di un bambino; per questo ci piace tanto! Cecilia V. POPI, L AGGIUSTATUTTO Ho deciso di parlare di Popi perché ci è sempre vicino nel bisogno e non si arrabbia quando combiniamo guai. Questo non vuol dire che ce la fa passare liscia, ma che non urla e non ci maltratta. Popi avrà circa 45 anni ed è di statura bassina, il suo corpo è forte e solido ma non grosso e grasso, anzi muscoloso. Ha i capelli castano scuro, uno sguardo attento e non gli sfugge niente di quello che succede al CRE, per questo è il guardiano del Seminarino che aiuta sempre don Francesco che è distratto e tutti noi ragazzi che rompiamo le cose. Lui arriva, brontola e poi ripara con le sue mani d oro. Vuole bene a tutti noi, segue tutti i giochi e le danze, ma confessa di preferire la squadra BLU perché trova che i ragazzi sono i più simpatici e quelli che si impegnano più di tutti. Ma anche se non dovessero vincere dice Popi, l importante è che si divertano e che tutti i centoventi ragazzi diventiamo amici. Questo sarebbe per lui il più bel risultato di un mese intenso passato insieme, fra giochi, gite, atelier e laboratori che ci hanno fatto scoprire la bellezza dell amicizia. Pietro S. RITA DAGLI OCCHI BLU Qui, nell atelier di Giornalino, ho incontrato una persona secondo me molto speciale: la mitica Rita che ci insegna a scrivere le interviste e gli articoli da pubblicare. Ha 63 anni, i capelli bianchi e gli occhi azzurri ed è ancora piena di vita. Sostiene che stare fra i ragazzi le fa bene al cuore e dunque non le pesano le rughe e nemmeno la vecchiaia, anzi la vecchiezza come dice lei per insegnarci parole raffinate. Ma a me non sembra così vecchia, perché ha tanta e- nergia nel guidarci ogni mattina a scegliere gli argomenti e a metterli in pagina come dice lei in gergo giornalistico. Perché il suo mestiere è quello di giornalista da quarant anni e ancora le piace e si appassiona per tutto quello che succede intorno a noi e nel vasto mondo, come dice sempre lei. Lei è più simpatica che severa, ma quando occorre riesce a far tacere tutti e ottiene il silenzio per lavorare. E calma e riflessiva e non alza mai la voce: basta che ci guardi con i suoi occhi azzurro cielo e noi la ascoltiamo. Quello che ha da dirci è sempre interessante e utile per i nostri studi. Si veste con semplicità che è il suo stile, ma indossa sempre sciarpe indiane dai bellissimi colori che solo lei ha perché le compra in India dove va ogni anno a trovare i bambini poveri con la sua associazione che si chiama Missione Calcutta. Ha il naso a punta, statura media, non è grassa e non é magra; quel che conta è che super Rita è dolce, simpatica e intelligente e ha fiducia in noi: è convinta che faremo un ottimo giornalino! Cecilia V.

8 8 ROSAMARINA, CRITICA MA ENTUSIASTA La nostra amica Rosamarina ha 12 anni e appartiene alla squadra Blu. E un po paffutella con bellissimi occhi azzurri e i suoi capelli risplendono al sole. Ha una personalità allegra, sempre positiva e disponibile con tutti, ma a volte può diventare aggressiva: quando alcuni compagni la prendono in giro sa reagire perché non le mancano le risposte pepate e decise. Ma generalmente sta bene con le persone e trova il CRE stupendo, anche la struttura del Seminarino le piace molto perché le ricorda una comunità antica, dice sorridendo. Ama tantissimo le gite che ha trovato meravigliose per le cose viste e i luoghi visitati e le cose nuove imparate; le piacciono gli animatori che trova tutti simpatici, disponibili e belli: maschi e femmine. Ma qualche preferenza l ha: Sofia della sua squadra Blu e gli arbitri Carlo, Francesco, Riccardo e i gemelli Enzo e Stefano dalla chioma rossa. Pur essendo soddisfatta per come vanno le cose al CRE, ogni tanto ha qualche piccola critica: ad esempio vorrebbe che i giochi durassero più a lungo e calcio balilla fosse spiegato meglio dagli arbitri che a volte sorvolano su particolari importanti. Ma in definitiva trova il CRE perfetto in ogni piccolo sasso, dice. La parola chiave che Rosamarina sceglierebbe per definire il suo periodo estivo al CRE è VITA, quella vissuta insieme agli amici di sempre e ai nuovi. Con grande gioia! Chiara Z. IL PRIMO ANNO DI LUCIA Incontro Lucia tutte le mattine, ma riusciamo davvero a stare insieme e a scambiarci tante impressioni quando lavoriamo nell atelier di Giornalino che ci piace tanto. Tutte e due scriviamo come matte e siamo diventate amiche: ecco perché ho deciso di scoprire com è e, siccome questo è il suo primo anno al CRE mi interessa conoscere le sue opinioni a riguardo. Lucia avrà 9 anni il 3 novembre, è di Stezzano ma frequenta le elementari in Città Alta, per questo ha scelto il nostro CRE assieme a suo fratello Matteo di due anni più grande, anche lui appassionato di scrittura e di giornalino. La mia amica Lucia è un po robustella, ma per tenersi in forma fa danza e nuoto; ha gli occhi a mandorla verdi intorno alla pupilla e grigi verso l esterno, ha uno sguardo molto speciale. I capelli dorati sono sempre raccolti in code fantasiose che danzano ad ogni suo movimento, Forse dovrà mettersi l apparecchio per raddrizzare i denti che crescono come vogliono loro. Mi ha confidato che le piace il lusso, ma si veste con semplicità perché non è vanitosa. E sempre stata brava a scuola e si capisce da come scrive e come si applica anche qui, in ogni cosa che viene proposta. Si dice entusiasta di queste settimane passate fra giochi divertenti e gite istruttive, trova gli animatori gentili e preparati sempre pronti a darci una mano e attentissimi come cani da guardia specialmente quando siamo fuori per le escursioni dice con la sua aria convinta e sicura. Lucia è dolce, simpatica, ma anche decisa; sono contenta di a- verla incontrata e di essere diventata sua amica. Lucia è un altro bel regalo del CRE! Cecilia V. AL CRE è scoppiata la TAPPOMANIA! Come mai al Cre abbiamo avuto una vera e propria epidemia di tappo mania, che consisteva nel rubare/prendere/cercare tappi e collezionarli in continuazione? Ma certo: perché stavamo facendo una gara di generosità! Per fare un pozzo.. ci vuole un tappo! L associazione FILOMONDO ONLUS opera in Africa. Un modo concreto per contribuire ai suoi progetti, come quelli lo scavo di pozzi, è la raccolta dei tappi di plastica. Un gesto semplice ma molto significativo e oltretutto "ecologico" che ci aiuta a comprendere il valore di donare il superfluo e di recuperare gli scarti della nostra società moderna e tecnologica. L'Associazione Filomondo Onlus ringrazia sentitamente tutti coloro che hanno partecipato e stanno partecipando alla raccolta di tappi in plastica da "convertire" in aiuti concreti da realizzare alle zone più povere dell'africa. L'Associazione Filomondo ti invita a promuovere la raccolta di tappi presso amici, luoghi di lavoro, condomini, scuole ed esercizi commerciali. I tappi di plastica raccolti, una volta macinati, verranno consegnati ad aziende di riciclaggio e il ricavato servirà a sostenere la realizzazione di pozzi in Tanzania e Kenya. Associazione Filomondo onlus. Responsabili di zona: Parre (BG), Antonio Rossi , GianPietro MorStabilini

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli