COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A."

Transcript

1 C I V I T A S T E M P L I COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A SERVIZIO DI SEPPELLIMENTO, MANUTENZIONE E CUSTODIA DEI CIMITERI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la concessione e affidamento da parte del Comune di Tempio Pausania del Servizio di tumulazione ed estumulazione, inumazione ed esumazione, trasferimento di salme, custodia, manutenzione ordinaria e pulizia dei cimiteri di Tempio Pausania e frazioni di San Pasquale, Bassacutena e Nuchis. Art. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO L appalto deve essere svolto nel rispetto della normativa vigente ed in particolare modo in osservanza alla seguente legislazione di riferimento: 1. Il D.Lgs 163/2006 Codice degli Appalti; 2. il d.p.r. N 207 del ; 3. La Legge Regionale N 5 del 07 Agosto 2007 sugli appalti di Servizi, Forniture e Lavori; 4. Il D.Lgs 81/2008 sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; 5. Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria; 6. Il D.P.R. N 285 del 10 Settembre 1990 Approvazione del regolamento di Polizia Mortuaria; 7. La Circolare del Ministero della Sanità N 24 del 24 Giugno 1993; Art. 3 - DURATA DELL APPALTO 1. L appalto in oggetto ha una durata di anni 2 (due) a decorrere dalla data di consegna degli immobili, eventualmente prorogabile per il periodo necessario all espletamento di nuova gara, previa disponibilità della ditta; Art. 4 - CONTENUTO DELL APPALTO E CORRISPETTIVO Il prezzo a base d asta per il biennio del presente appalto è pari a netti ,00 di cui ,00 soggetto a ribasso e netti ,00 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso, cui andrà aggiunta IVA al 21% nella misura di legge; L importo contrattuale sarà determinato con applicazione del ribasso percentuale offerto in sede di gara. Non è consentita la revisione del prezzo secondo l art. 44 della Legge 724/94. L appalto verrà aggiudicato con procedura aperta alla ditta che offrirà il prezzo più basso ai sensi dell Art. 82 del D. LGS N. 163/2006.

2 PRESTAZIONI E OPERAZIONI IN APPALTO Art. 5 - SERVIZIO DI MANUTENZIONE a) PULIZIA DEI VIALI del Cimitero, partendo dalla pubblica via, dei piazzali di pertinenza anche destinati a parcheggi, delle aree circostanti le mura di cinta di proprietà comunale confinanti con vie pubbliche, dei piazzali interni, degli ingressi, dei viali, dei portici e dei vialetti dell area interna dei cimiteri comprese le aree di sepoltura private delle quali sia spenta la famiglia o la discendenza diretta, con la sola esclusione delle aree in concessione per tombe di famiglia e cappelle private, compreso il diserbo manuale o con prodotti biologici delle erbe infestanti dei viali interni e delle aree esterne all ingresso di ciascun cimitero, ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità o su indicazione dell Ufficio Tecnico Comunale, alla Ditta verrà fornito il sale antigelivo e la stessa dovrà provvedere alla stesa sui viali pedonali in caso di neve o forti ghiacciate; oltre allo sgombero della stessa neve, quando ritenuto necessario per garantire l accesso ai cimiteri, salvo diverse indicazioni dell ufficio che potrà disporre appositi atti per chiusure straordinarie per motivi di inagibilità o pericoli; b) SVUOTAMENTO E CONFERIMENTO RIFIUTI Conferimento dei rifiuti negli appositi contenitori portarifiuti ubicati all interno dell area cimiteriale, compreso lavaggio degli stessi che deve essere effettuato a seconda delle esigenze cimiteriali almeno una volta la settimana ed integrato e più frequentemente in alcuni periodi dell anno (Festività dei morti ecc) su indicazione dell Ufficio Tecnico Comunale. Qualora il conferimento di rifiuti fosse anomalo ovvero raggiungesse quantitativi significanti, la ditta provvederà alla loro raccolta e smaltimento con il supporto tecnico dell Ufficio Ambiente Comunale, tramite l affidatario del servizio di igiene urbana per conto del Comune; c) POTATURA delle siepi e degli arbusti, con la previsione di almeno un intervento annuo, con modalità e indicazioni impartite dal Servizio Ambiente Comunale; d) SFALCIO E TAGLIO ERBACCE nei cimiteri cittadini, sia di Tempio Pausania che delle frazioni: dovrà essere effettuato lo sfalcio ed il taglio delle erbacce ed arbusti lungo il perimetro esterno o di aree circostanti l entrata dei cimiteri compresa la raccolta degli eventuali rifiuti. La frequenza del taglio e le modalità saranno concordate secondo le esigenze, in accordo con il Servizio Ambiente Comunale; la ditta dovrà inoltre provvedere a mantenere decoroso l ingresso del cimitero di Tempio, anche in collaborazione con i soggetti che effettuano la manutenzione del verde pubblico, provvedendo a mantenere pulito e rivo di erbacce ai bordi, il vialetto di accesso al cimitero; all interno delle strutture dovrà dovrà essere effettuato lo sfalcio e l estirpazione delle erbacce ogni qualvolta necessario a mantenere un aspetto decoroso di tutta l area cimiteriale, secondo indicazioni del Servizio Ambiente; e) MANUTENZIONE E LIVELLAMENTO dei percorsi in ghiaino e sabbione, compresa la posa del materiale necessario ai fini di un corretto livellamento dei vialetti pedonali e carrai, esclusa la fornitura del materiale che sarà a carico del Servizio Ambiente Comunale. Tali interventi saranno garantiti almeno una volta al mese e comunque quando lo si ritenga necessario a giudizio del Servizio Ambiente. Particolare attenzione dovrà essere prestata alla pulizia e manutenzione delle griglie o caditoie, per garantirne il loro corretto funzionamento; f) RISAGOMATURA DELLE FOSSE a terra con terreno vegetale; tali interventi dovranno essere effettuati almeno bimestralmente e comunque ogni volta che lo stato delle fosse può rappresentare situazioni di pericolo per i visitatori; g) RACCOLTA E STOCCAGGIO DEI RIFIUTI SPECIALI: è previsto a carico della ditta appaltatrice: la cernita, la raccolta e lo stoccaggio delle diverse tipologie dei rifiuti speciali, da confezionare in appositi contenitori forniti dalla ditta individuata dalla Amministrazione comunale per lo smaltimento di questi materiali. L amministrazione

3 individuerà un punto nell area cimiteriale, per la sistemazione di tali contenitori, che dovrà essere interdetto ai visitatori del cimitero, e che dovrà mantenere un aspetto decoroso. Gli operatori cimiteriali dovranno provvedere ad informare l Amministrazione della quantità dei rifiuti stoccati per consentire al Servizio Ambiente comunale la programmazione del ritiro da parte della ditta specializzata incaricata dello smaltimento; h) PULIZIA, LAVATURA E DISINFESTAZIONE con idonei prodotti igienizzanti di tutti i locali esistenti all'interno dell'area cimiteriale, compresi servizi igienici pubblici se presenti ( cappella, uffici, camera mortuaria, sala utoptica, ecc.), pulizia delle fontane e delle pareti e superfici a contatto con corpi estranei o superfici lavabili. Il servizio dovrà essere effettuato nella frequenza necessaria a garantire la pulizia ed il decoro dei luoghi; i) INNAFFIAMENTO delle essenze vegetali, siepi e del tappeto erboso o delle eventuali altre piante messe a dimora dal Comune di Tempio Pausania qualora l andamento stagionale lo richiedesse; j) ATTIVITA STRAORDINARIE: per particolari ricorrenze (anniversario Martiri di Curraggia, festività dei santi e dei defunti), l Amministrazione richiederà una pulizia straordinaria di tutti i cimiteri cittadini. La ditta dovrà essere disponibile ad eventuali prestazioni di miglioramento del decoro dei luoghi, senza null altro pretendere oltre il compenso contrattuale. Art. 6 - ULTERIORI OBBLIGHI a carico dell'appaltatore: - Provvedere all'apertura, custodia e chiusura dei cimiteri secondo quanto stabilito al successivo art. 7; - Verificare all arrivo del feretro al cimitero la regolarità dei documenti amministrativi della ditta di Pompe Funebri, l integrità del feretro e dei relativi sigilli; - Fornire all Amministrazione comunale il Piano Operativo di Sicurezza corredato dai nominativi delle figure previste dalla normativa in materia di sicurezza; - Espletare tutti gli adempimenti amministrativi connessi alle operazioni cimiteriali, mantenendo aggiornati tutti i documenti ed i registri necessari; - Adottare in occasioni di cerimonie funebri, comportamenti idonei alle delicatezza delle circostanze in termini di professionalità e decoro, a tal proposito si ricorda che: - La squadra di operatori dovrà essere composta da almeno DUE operatori e comunque da quante ritenute idonee per il tipo di operazioni da svolgere, secondo quanto indicato dal Servizio Ambiente del Settore Tecnico Comunale; - In tutte le operazioni svolte presso i cimiteri comunali l aggiudicatario dovrà garantire un adeguato livello di decoro formale dei propri operatori, che dovranno mantenere un atteggiamento rispettoso dei luoghi e delle circostanze, ed avere un aspetto confacente alla funzione svolta; - In particolare, per quanto riguarda la divisa, l aggiudicatario dovrà prima dell inizio delle attività, proporre al Comune le caratteristiche del vestiario che dovrà essere obbligatoriamente indossato dagli operatori i quali avranno inoltre l obbligo di esporre bene in vista idoneo tesserino di riconoscimento munito di fotografia; - E fatto assoluto divieto al personale operante nei cimiteri, di fumare, bere o mangiare durante le cerimonie funebri; - In caso di rottura di casse nei loculi o tombe di famiglia private, conseguenti all esplosione di gas all interno, l aggiudicatario dovrà avvisare immediatamente l'ufficio Ambiente e dovrà provvedere, a proprie cure e spese, all immediata pulizia di tutte le superfici interessate mediante lavaggio con idonei prodotti disinfettanti e al ripristino dei luoghi con le opere necessarie in relazione ad ogni singolo caso. Si dovrà provvedere, inoltre, a proprie cure e spese anche al risanamento igienico sanitario della situazione interna dei loculi, compresa la fornitura dei prodotti

4 necessari, secondo le indicazioni del servizio igiene pubblica dell'asl. Sarà a cura e spese del privato l eventuale onere per foderare la cassa. - Gli oneri per la collocazione e/o rimozione di lapidi da loculi o cappelle di famiglia o tombe a terra, per operazioni commissionate da privati sono a carico del privato stesso, che potrà provvedere direttamente o con incarico ad operatore esterno, che dovrà comunque essere autorizzato dall'ufficio Ambiente del Settore Tecnico Comunale e dovrà eseguire gli interventi in accordo con le indicazioni degli operatori cimiteriali; - Gli oneri per la collocazione e/o rimozione di lapidi da loculi o tombe a terra, per operazioni commissionate dall Amministrazione Comunale, sono comprese all interno dl corrispettivo dell appalto; - Tutte le operazioni di cui al presente capitolato dovranno essere eseguite con idonee attrezzature fornite dalla ditta aggiudicataria e nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro; - Sono a carico della ditta aggiudicataria gli oneri relativi all acquisto delle attrezzature suddette (badili, zappe, picconi, carriole, ecc) nonché quelli riferiti alla fornitura di beni di consumo quali detersivi, disinfettanti, saponi, carta igienica, asciugamani, segatura e quanto altro necessario per gli interventi di manutenzione ordinaria, per tutti gli adempimenti a carico dell'appaltatore e per il mantenimento in efficienza e decoro di tutti gli spazi cimiteriali; - Tutte le attrezzature acquistate dalla ditta affidataria rimarranno di proprietà della stessa; - Gli interventi di manutenzione straordinaria saranno a carico dell ente, che potrà decidere di avvalersi dell opera della ditta aggiudicataria previo accordo con la stessa; - E fatto obbligo alla ditta aggiudicataria di adottare, nella esecuzione dei servizi oggetto del presente appalto, tutti gli accorgimenti e le cautele necessari a garantire l incolumità degli addetti e dei terzi, avendo altresì cura di evitare danni a beni pubblici e privati; - Ogni responsabilità in caso di infortuni o danneggiamenti ricadrà pertanto sulla ditta aggiudicataria, restando la stazione appaltante esonerata da ogni responsabilità; - Oltre agli oneri di cui sopra, l aggiudicatario assume a proprio carico anche i seguenti obblighi: - predisporre idonee segnalazioni mediante cartelli, delimitazioni e/o transennamenti negli spazi interni al cimitero con lavori in corso; - segnalare al Comune eventuali esigenze di interventi di manutenzione straordinaria ritenuti necessari per mantenere il decoro e la sicurezza nei cimiteri; Art. 7 - ORARIO DI SERVIZIO 1. La ditta dovrà assicurare i seguenti orari di apertura e chiusura del Cimitero di Tempio Pausania, articolando l'orario di lavoro degli operatori secondo turni col rispetto della vigente normativa contrattuale di settore, garantendo, durante tutto l'orario di apertura, la presenza di almeno un operatore/custode: A) ORARIO INVERNALE (da Ottobre a Marzo) MATTINA POMERIGGIO TOT h. APERTURA LUNEDI 8,00 13,00 14,00 17,00 8,00 MARTEDI 8,00 13,00 14,00 17,00 8,00 MERCOLEDÌ 8,00 13,00 chiuso 5,00 GIOVEDÌ 8,00 13,00 14,00 17,00 8,00 VENERDÌ 8,00 13,00 14,00 17,00 8,00

5 SABATO 8,00 13,00 14,00 17,00 8,00 DOMENICA 8,00 13,00 chiuso 5,00 B) ORARIO ESTIVO (da Aprile a Settembre) MATTINA POMERIGGIO TOT h. APERTURA LUNEDI 8,00-19,00 11,00 MARTEDI 8,00-19,00 11,00 MERCOLEDÌ 8,00 13,00 chiuso 5,00 GIOVEDÌ 8,00-19,00 11,00 VENERDÌ 8,00-19,00 11,00 SABATO 8,00-19,00 11,00 DOMENICA 8,00 13,00 chiuso 5,00 2. Nei Cimiteri delle Frazioni è prevista l'apertura continua, pertanto la ditta appaltatrice dovrà verificare, settimanalmente le condizioni di sicurezza e di igiene delle aree cimiteriali. 3. L Impresa dovrà assicurare l apertura al di fuori degli orari e giorni sopra indicati anche qualora si verificassero particolari necessità. 4. E fatto obbligo dell apertura, con orari da concordarsi con l Amministrazione Comunale, nei seguenti giorni: - 1 Gennaio - 1 Maggio (Festa del lavoro) - 15 Agosto - 25 e 26 Dicembre (Festività natalizie) - Festività Pasquali -1 e 2 Novembre Art. 8 - SERVIZIO DI TUMULAZIONE (deposito della salma o resti mortali nel loculo) consistono in: a) La tenuta e l aggiornamento in duplice copia, del registro delle inumazioni, tumulazioni di cadaveri, deposito di ceneri e successive variazioni avvenute così come previsto dall art. 52 del D.P.R. 10 settembre 1990 N 285; b) L esecuzione di tutte le prestazioni di polizia cimiteriale indicate nel D.P.R. N 285/90 che si intende qui integralmente trascritto e l osservanza di tutte le disposizioni previste dal regolamento di polizia mortuaria comunale; c) Eventuale asportazione di Lapide esistente; d) Apertura del loculo; e) Eventuale trasporto del feretro dall ingresso del cimitero al posto di tumulazione, compreso l eventuale sosta nella chiesa o camera mortuaria per la funzione religiosa, con mezzo idoneo autorizzato e riservato esclusivamente per detto servizio, salvo diversi accordi con le Agenzie Funebri; f) Tumulazione del feretro nel loculo; g) Chiusura del loculo con muratura di mattoni ad una testa intonacata nella parte esterna; è consentito altresì la chiusura con elementi in pietra naturale e con lastra di cemento armato vibrato od altro materiale avente le stesse caratteristiche di stabilità, di spessore atto ad assicurare la dovuta resistenza meccanica e sigillato in modo da rendere la chiusura stessa a tenuta ermetica; h) Pulizia dell area circostante con raccolta trasporto e smaltimento del materiale di risulta;

6 Art. 9 - SERVIZIO DI INUMAZIONE (deposito della salma a terra) consistono in: a) Escavazione di fossa, eseguita a mano o con mezzi meccanici, delle dimensioni idonee che abbia le seguenti misure: Per cadaveri di persone di oltre 10 anni di età, prof. ml. 1,50, lunghezza ml e larghezza ml. 0,80; Per cadaveri di persone sotto i 10 anni di età, prof. ml. 1,50, lunghezza ml. 1,50 e larghezza ml. 0,50; b) Raccolta, trasporto e smaltimento di eventuali segni funebri in muratura, marmorei o lignei; c) Raccolta di eventuali resti mortali rinvenuti in occasione dello scavo delle fosse; d) Eventuale trasporto del feretro dall ingresso del cimitero al posto di inumazione, compreso l eventuale sosta nella chiesa o camera mortuaria per la funzione religiosa, con mezzo idoneo autorizzato e riservato esclusivamente per detto servizio, salvo diversi accordi con le Agenzie Funebri; e) Esecuzione (solo per le salme provenienti da fuori comune) di opportune aperture sulla parte zincata della bara per accelerare la mineralizzazione; f) Calo del fereto; g) Chiusura e riempimento della fossa con terra di risulta dello scavo; h) Trasporto del terreno eccedente a deposito nell ambito del cimitero in luogo indicato dal Servizio Ambiente Comunale; i) Pulizia dell area circostante il posto di inumazione; j) Successiva aggiunta di terreno fino al completo livellamento. Art SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE (estrazione del feretro da loculo per essere traslato in altro cimitero o spostamento) consistono in: a) Asportazione della lapide; b) Apertura del loculo; c) Eventuale deposizione della bara in involucro di zinco, (non fornito dalla Ditta), munito di targhetta metallica di identificazione del defunto, nel caso in cui le condizioni del feretro stesso non rispondessero a quanto previsto dall art. 88 del DPR 285/90; d) Trasporto del feretro all autofunebre incaricata per il trasporto, salvo diversi accordi con Agenzie Funebri; e) Eventuale spostamento del feretro in altro loculo all'interno dello stesso cimitero; f) Chiusura loculo come previsto; g) Pulizia della zona circostante con raccolta, trasporto e smaltimento del materiale di risulta. Art SERVIZIO DI ESUMAZIONE (estrazione resti mortali inumati) consistono in: a) Escavazione di fossa, eseguita a mano o con mezzi meccanici, fino a raggiungere il livello del feretro; b) Raccolta, trasporto e smaltimento di eventuali segni funebri in muratura marmorei o lignei; c) Pulizia del coperchio ed apertura dello stesso con raccolta resti mortali, che saranno deposti in apposita cassetta di zinco (non fornita dalla Ditta) munita di targhetta metallica di identificazione del defunto; d) Tumulazione della cassetta ossario seguendo le stesse operazioni per la Tumulazione, oppure deposito dei resti mortali nell ossario Comunale;

7 e) Trasporto dei materiali di risulta del feretro presso idoneo contenitore (fornito dalla Ditta) con caratteristiche stabilite dal D.P.R. N 254 del 15/07/2003 e secondo quanto previsto dal vigente regolamento di Polizia Mortuaria; f) Chiusura della fossa utilizzando a completamento terra recuperata da altre lavorazioni e depositata nell ambito del Cimitero; g) Pulizia dell area circostante il posto di inumazione; h) Successiva aggiunta di terreno fino al completo livellamento; Art. 12- ALTRI SERVIZI Il Soggetto appaltante dovrà garantire l assistenza alle operazioni autoptiche ordinate dalla Autorità Giudiziaria, informando tempestivamente il Servizio Ambiente del Settore Tecnico Comunale, per l adozione dei necessari provvedimenti di competenza. Tali prestazioni saranno compensate a parte per il prezzo a corpo stabilito in netti. 200,00, a cui applicare il ribasso offerto in sede di gara. Inoltre qualora nel corso dell anno si verificasse un aumento del numero delle operazioni di tumulazione, inumazione, estumulazione ed esumazione, o operazioni impreviste per quantità o tipologia, rispetto alla quantità individuata nella Relazione di Stima, quale allegato progettuale, sarà cura del Servizio Ambiente provvedere, in accordo con la ditta appaltatrice, al compenso integrativo per tali operazioni straordinarie. Art LUOGO DEL SERVIZIO Il Servizio verrà svolto nei seguenti luoghi: a) Cimitero Comunale in abitato di Tempio Pausania; b) Cimitero comunale in abitato di San Pasquale Frazione di Tempio Pausania; c) Cimitero comunale in abitato di Nuchis Frazione di Tempio Pausania; d) Cimitero comunale in abitato di Bassacutena Frazione di Tempio Pausania; Le operazioni di pulizia nei cimiteri delle frazioni, dovranno essere effettuate almeno settimanalmente e comunque quando necessario, al fine di garantire il decoro dei luoghi. Dovrà essere garantita la presenza di almeno DUE operatori per le operazioni di sepoltura nei cimiteri delle frazioni. Art CAUZIONE DEFINITIVA art. 113 Decreto LGS N. 163/2009 1) Al momento della stipula del contratto il soggetto aggiudicatario è obbligato a costituire garanzia fideiussoria secondo quanto stabilito dall'art. 113 del Decreto Legislativo N: 163 del ) Tale cauzione, costituita secondo le norme specifiche di legge vigenti al momento del contratto, è a garanzia del corretto adempimento di tutti gli obblighi derivanti dal contratto, del risarcimento dei danni, nonché delle spese che eventualmente l Amministrazione dovesse sostenere durante la convenzione a causa di inadempimento ed inesatto adempimento degli obblighi del concessionario. 3) Resta salvo per l Amministrazione Comunale l esperimento di ogni altra azione nel caso in cui la cauzione risultasse insufficiente. 4) Il concessionario potrà essere obbligato a reintegrare la cauzione di cui l Amministrazione dovesse avvalersi, in tutto od in parte. Art DURATA DELLA CONTRATTO 1. La durata della contratto è fissata in due anni a decorrere dalla data del Verbale di Consegna, anche, eventualmente, effettuata sotto riserva di legge in termini di urgenza prima della sottoscrizione dello stesso contratto.

8 2. Il contratto potrà essere eventualmente prorogato per il periodo necessario all espletamento della nuova gara d appalto, alle stesse condizioni del contratto originale. Art OSSERVANZA DELLE LEGGI E DEI REGOLAMENTI 1. Oltre all osservanza di tutte le norme specificate nel presente Capitolato Speciale d oneri, la ditta appaltatrice avrà l obbligo di osservare e far osservare dai propri dipendenti tutte le disposizioni di legge, dei regolamenti generali e speciali in vigore che potessero venire emanati durante il corso del contratto, comprese le norme regolamentari e le ordinanze comunali. L Impresa è pure soggetta, in quanto possa occorrere e sia applicabile, alle disposizioni sulla contabilità generale dello Stato, al Capitolato Generale degli Appalti e delle Opere e provviste dei Comuni, al regolamento di Polizia Mortuaria, approvato con DPR 285/90, al Regolamento Comunale per i Servizi Funebri e del cimitero ed alle loro successive eventuali modifiche, al locale Regolamento d Igiene. Art. 17 APPLICAZIONE ART. 6 CCNL F.I.S.E. 1. IL PRESENTE APPALTO E' SOGGETTO ALL'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA ATTA A GARANTIRE LA SALVAGUARDIA DEI LIVELLI OCCUPAZIONALI ATTRAVERSO L ISTITUTO DEL PASSAGGIO DIRETTO COSI COME STABILITO DALL'ART. 6 DEL C.C.N.L. DEL SETTORE FISE ASSOAMBIENTE DEL , COSÌ COME DEFINITO DALL'INTESA DEL Art DIVIETO DI SUBAPPALTO 1. E fatto divieto alla ditta appaltatrice di appaltare o di sub appaltare, in tutto o in parte, i servizi assunti sotto pena di nullità del contratto e rifusione dei danni, salvo quanto richiesto all atto dell offerta e nel rispetto dell art.118 del Decreto Legislativo N: 163 del Art VIGILANZA E CONTROLLI 1. Il Comune esercita il controllo sull operato dell assuntore, sull adempimento degli impegni assunti per Capitolato e le prestazioni di altri servizi a prezzi convenuti, mediante esame anche dei libri contabili e degli altri documenti che potranno essere richiesti dall Amministrazione comunale. La ditta appaltatrice non potrà esimersi dalla presentazione di quanto sopra, pena la risoluzione del contratto. 2. Almeno una volta l anno, ovvero quando l Amministrazione lo ritenga opportuno, si procederà alla verifica dello stato di efficienza e di decoro degli automezzi in dotazione e dello stato dell abbigliamento del personale, all esame della documentazione amministrativa relativa ai servizi funebri. 3. In caso di non conformità dei materiali, attrezzature, abbigliamento, la ditta dovrà immediatamente provvedere alla regolarizzare quanto contestato pena l applicazione di una sanzione di netti. 100,00. Art RESPONSABILITÀ 1. Il soggetto affidatario del Servizio è direttamente responsabile di fronte a terzi, nonché di fronte al Comune, dei danni di qualsiasi natura, sia a cose che a persone, causati dall espletamento del servizio, nonché delle conseguenze per inesatto adempimento dei servizi ad essa imputabili. 2. L Amministrazione declina ogni responsabilità al riguardo, come pure per danni o sinistri che dovessero subire i materiali ed il personale della Ditta, durante i servizi stessi.

9 3. L Impresa ha l obbligo di avvertire subito gli uffici comunali competenti, ove abbia conoscenza di inconvenienti ad essa non imputabili, che impedissero il regolare svolgimento del servizio. 4. Malgrado la segnalazione fatta, l Impresa deve, sempre nell ambito della normale esecuzione delle prestazioni che le competono, adoperarsi per quanto possibile affinché il servizio abbia il suo regolare decorso. Art PENALITÀ, RISOLUZIONE DEL CONTRATTO, REVOCA DELLA CONTRATTO - ESECUZIONE D UFFICIO; 1. In caso di inadempienza degli obblighi contrattuali assunti, l Impresa appaltatrice, oltre all obbligo di ovviare in un termine stabilito all infrazione contestata, sarà passibile di penali dell importo da un minimo di Euro 50,00 (cinquanta/00) ad un massimo di Euro 100,00 (cento/00) per giorno di ritardo sull'inadempienza riscontrata; 2. L applicazione della penale sarà preceduta da regolare contestazione della inadempienza, alla quale l Impresa avrà facoltà di presentare controdeduzioni entro sette giorni dalla notifica della stessa. 3. L ammontare delle penali sarà ritenuto sulla prima liquidazione successiva all inadempienza. 4. E vietata all Impresa l effettuazione di qualsiasi prestazione che non sia prevista dal presente Capitolato. 5. Verificandosi deficienza od abuso nell adempimento degli obblighi contrattuali ed ove la ditta appaltatrice, regolarmente diffidata, non ottemperi agli ordini ricevuti dall Amministrazione Comunale, quest ultima avrà la facoltà di ordinare o far eseguire d ufficio, i lavori necessari per il regolare andamento dei servizi le cui spese saranno addebitate all impresa incamerando la cauzione. 6. Qualora le mancanze si ripetessero con tale frequenza da compromettere, a giudizio dell Amministrazione, il buon andamento del servizio, il Comune potrà, previa diffida o costituzione di mora e senza formalità di giudizio, rimossa ogni eccezione, risolvere in tronco il contratto procedendo all incameramento del deposito cauzionale, fatta salva ogni azione per danni. 7. Nel caso di rescissione anticipata, in pregiudicato, il Comune ha anche facoltà di requisire temporaneamente in tutto o in parte, i mezzi di trasporto ed il relativo materiale e di avvalersene per la continuazione del servizio, direttamente o per mezzo di persone o ditte, fino alla scadenza del contratto o quanto meno fino al nuovo conferimento dell incarico ad altra impresa. Art CONTROVERSIE 1. La soluzione delle eventuali controversie relative all applicazione del presente Capitolato e del relativo contratto è differita al Giudice ordinario del Foro competente di Tempio Pausania. Art MORTE O FALLIMENTO DELL APPALTATORE 1. In caso di morte o di fallimento dell appaltatore, si applicano le norme previste al riguardo rispettivamente degli artt. 1674, 1675 del Codice Civile e dell art.8 del R.D , n.267. Art SPESE RIGUARDANTI IL CONTRATTO 1. Sono a carico dell appaltatore tutte le spese, imposte e tasse presenti e future inerenti e conseguenti al presente appalto, senza possibilità alcuna di rivalsa.

10 Art. 25 SPESE VARIE Sono a carico dell Amministrazione Comunale le spese per i consumi idrici i consumi di energia elettrica. Art AMPLIAMENTO DELLE AREE I servizi di cui al presente Capitolato dovranno essere resi nelle attuali aree cimiteriali e dovranno essere resi dal concessionario anche nei successivi ampliamenti dei cimiteri e nei nuovi cimiteri eventualmente realizzati, salvo verifica e quantificazione di ulteriori compensi all appaltatore per servizi straordinari al di fuori del presente contratto. Art. 31 ADEMPIMENTI SULLA SICUREZZA Alla ditta aggiudicataria, prima della stipula del contratto, è fatto obbligo di predisporre e trasmettere al Servizio Ambiente Comunale, il Piano Operativo della Sicurezza relativo ai servizi appaltati, redatto secondo la vigente normativa, che formerà parte integrante e sostanziale del contratto di appalto. Art. 32 MODALITA DI PAGAMENTO I pagamenti saranno effettuati mensilmente, a seguito della emissione di regolare fattura a partire dal 1 giorno del mese successivo a quello di erogazione del servizio. La liquidazione avverrà dopo la verifica della regolarità contributiva della ditta e sarà soggetta alle trattenute dello 0,50% per obblighi contributivi. IL RESPONSABILE DEL SERVIZO EDILIZIA PRIVATA, CARTOGRAFIA ED AMBIENTE (Geom. Salvatore Bicchiri)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI Allegato A2 (composto da n. 17 pagine) PARTE I CONDIZIONI GENERALI

CAPITOLATO D ONERI Allegato A2 (composto da n. 17 pagine) PARTE I CONDIZIONI GENERALI PROVINCIA REGIONALE DI ENNA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. 8/2014 C.F. 80000810863 TEL. +390935521111 Fax +390935500429 Piazza Garibaldi, 2 SETTORE VI Territorio Pianificazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli