FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)"

Transcript

1 FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con dimensione >= 10 m Concentrazione di materiale particolato nella corrente (mg/mc ) Tipo di materiale particolato abbattuto Massa volumica del materiale particolare (kg/mc) Ingresso Uscita Tipo di tessuto filtrante Grammatura del tessuto filtrante (kg/mq) Filtro a maniche Filtro a tasche Diametro della manica (m) Altezza della manica (m) Numero delle maniche Superficie filtrante totale (mq) Velocità di filtrazione (m/s) Perdita di carico (M Pa) Metodo di pulizia delle maniche Larghezza della tasca (m) Altezza della tasca (m) Lunghezza della tasca (m) Numero delle tasche Superficie filtrante totale (mq) Velocità di filtrazione (m/s) Perdita di carico (M Pa) Metodo di pulizia delle tasche Informazioni su eventuale abbattimento di inquinanti gassosi Tipo di reagente utilizzato Stato fisico del reagente Quantitativo orario impiegato (kg) Rapporto molare (moli di reagente/moli di inquinante da trattare)

2 PRECIPITATORE ELETTROSTATICO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Umidità assoluta della corrente (kg di acqua/kg di aria secca) Concentrazione di materiale particolato nella corrente (mg/mc) Tipo di materiale particolato abbattuto Resistività del materiale particolato da abbattere ( x m) Ingresso Uscita CARATTERISTICHE DEL PRECIPITATORE 1. Numero stadi Tipo di elettrodo di raccolta + tubolare + piatto Numero piatti Sistema di pulizia dei piatti Distanza tra i piatti (m) Perdita di carico (M Pa) Lunghezza dei piatti (m) Larghezza dei piatti (m) Tensione applicata (kv) Numero elettrodi di scarica Distanza tra elettrodi e piatti (m) Sezione di flusso (mq) Sezione di ingresso al precipitatore (mq) 11. Volume del precipitatore (mc) Tempo di permanenza nel precipitatore (s) 13. Area specifica della captazione [mq x (1000mc x s -1 ) -1 ]... Informazioni su eventuale abbattimento di inquinanti gassosi Tipo di reagente utilizzato Stato fisico del reagente Quantitativo orario impiegato (kg/s) Rapporto molare (moli di reagente/moli di inquinante da trattare)

3 IMPIANTO DI ABBATTIMENTO AD UMIDO TIPO VENTURI Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Perdita di carico (M Pa) Concentrazione di materiale particolato nella corrente (mg/mc) Tipo di materiale particolato abbattuto Percentuale di materiale particolato con dimensione >=5 m Ingresso Uscita Portata di liquido (mc/s) Portata di liquido (M Pa) Tipo di abbattitore Venturi Jet Scrubber Venturi Scrubber Caratteristiche tecniche dell abbattitore Forma geometrica della gola Sezione della gola (mq) Velocità attraverso la gola (m/s) Separatore di gocce Ciclone A labirinti Altro Tampone a maglia A palette

4 IMPIANTO DI POST-COMBUSTIONE TERMICA Punto di emissione n. Portata massima di progetto (mc/s) Temperatura emissione (K) Sezione del camino (mq) Altezza geometrica di emissione (m) Caratteristiche della corrente da trattare Portata (mc/s) Temperatura (K) Potere calorifico inferiore (kj/kg) Limite inferiore di esplosività (% V/V aria) Carico inquinante... (kg/s) Specifica delle sostanze presenti % in peso % in peso Caratteristiche tecniche del post-combustore termico Potenzialità termica globale (kw) Numero dei bruciatori Potenzialità termica bruciatore (kw) Tipo di combustibile ausiliario utilizzato Portata di aria secondaria (mc/s) Consumo di combustibile ausiliario (kg/s; mc/s) Temperatura di esercizio (K) Volume della camera di combustione (mc) Tempo di permanenza (s) Perdita di carico (M Pa) Tipo di materiale isolante impiegato Spessore dell isolante impiegato (m) Temperatura massima esterna al mantello (K) Rendimento di post-combustione Limite di emissione garantito (mg/mc; kg/s)

5 IMPIANTO DI POST-COMBUSTIONE CATALITICA Punto di emissione n. Portata massima di progetto (mc/s) Temperatura emissione (K) Sezione del camino (mq) Altezza geometrica di emissione (m) Caratteristiche della corrente da trattare Portata (mc/s) Temperatura (K) Potere calorifico inferiore (kw/kg) Limite inferiore di esplosività (% V/V aria) Carico inquinante... (kg/s) Specifica delle sostanze presenti % in peso % in peso Caratteristiche tecniche del post-combustore catalitico Potenzialità termica globale (kw) Carico inquinante massimo trattabile (kg/s) Temperatura massima di esercizio ( K) Tipo di catalizzatore Densità del catalizzatore (kg/mc) Volume del catalizzatore (mc) Tipo di supporto Numero di supporti Profondità dei supporti (m) Area catalitica specifica (mq/mc) Velocità superficiale del gas (mc/s/mq) Durata del catalizzatore (s) Perdita di carico del letto catalitico (MPa) Temperatura dopo preriscaldamento (se esiste) ( K) Consumo combustibile ausiliario (kg/s; mc/s) Spessore dell isolante usato (m) Temperatura di ingresso al letto ( K) Potenzialità termica del bruciatore (se esiste) (kw) Portata aria secondaria (mc/s) Temperatura massima esterna al mantello ( K) Temperatura in uscita dal letto ( K) Combustibile ausiliario usato Tipo di materiale isolante usato Limite massimo garantito (mg/mc; kg/s)

6 IMPIANTO DI ADSORBIMENTO A CARBONE ATTIVO SENZA RIGENERAZIONE Punto di emissione n. Portata massima emessa (mc/s) Temperatura di emissione (K) Sezione del camino (mq) Altezza geometrica di emissione (m) Caratteristiche della corrente da trattare Portata massima (mc/s) Temperatura (K) Carico di inquinante (kg/s) Limite inferiore di esplosività (% V/V aria) Specifica delle sostanze presenti Sostanze presenti % in peso Sostanze presenti % in peso 1) 7) 2) 8) 3) 9) 4) 10) 5) 11) 6) 12) Caratteristiche impianto di adsorbimento Tipo di carbone Capacità di adsorbimento % Quantità di carbone Temperatura massima di lavoro (K) Grado di saturazione, % K, U. Volume della carica di carbone R. Disposizioni a pannelli Disposizione a cartucce Disposizione unica Numero pannelli Numero cartucce Larghezza letto (m) Superficie pannelli (mq) Diametro cartucce (m) Lunghezza letto (m) Spessore pannelli (m) Altezza cartucce (m) Diametro letto (m) Velocità di attraversamento del Spessore cartucce (m) Altezza letto (m) pannello (m/s) Tempo di lavoro (s) Velocità di attraversamento cartuccia (m/s) Velocità di attraversamento letto (m/s) Perdita di carico (M Pa) Tempo di lavoro (s) Tempo di lavoro (s) Limiti di emissione garantiti (mg/mc; Destinazione carboni saturati kg/s)

7 IMPIANTO DI ASSORBIMENTO Punto di emissione n. Sezione del camino (mq) Altezza geometrica di emissione (m) Caratteristiche della corrente gassosa Portata massima di progetto (mc/s) Temperatura di emissione (K) Ingresso Caratteristica della corrente liquida Composizione molare % Uscita Portata (mc/s) Temperatura di ingresso (K) Densità (kg/mc) Ingresso Composizione in peso % Caratteristica della colonna A spruzzo A colonna riempita Numero spruzzatori Numero stadi Uscita Tipo di materiale di riempimento Altezza del materiale di riempimento (m) Sezione trasversale Sezione trasversale colonna (mq) colonna (mq) A piatti Altro Altezza colonna (m) Numero piatti Sezione trasversale colonna (mq) Separatore di gocce Ciclone A labirinti Altro Tampone a maglia A palette

8 Punto di emissione n. IMPIANTO DI ADSORBIMENTO A CARBONE ATTIVO CON RIGENERAZIONE ANNESSA Portata massima emessa (mc/s) Temperatura di emissione (K) Sezione del camino (mq) Altezza geometrica di emissione (m) Caratteristiche della corrente da trattare Portata massima (mc/s) Temperatura (K) Carico di inquinante (kg/s) Limite inferiore di esplosività (% V/V aria) Specifica delle sostanze presenti Sostanze presenti % in peso Sostanze presenti % in peso 1) 7) 2) 8) 3) 9) 4) 10) 5) 11) 6) 12) Caratteristiche impianto di adsorbimento Numero di effetti Capacità di adsorbimento % Numero di letti per ciascun effetto Altezza del letto (m) Tipo di carbone Temperatura minima di lavoro (K) Quantità di carbone Volume della carica di carbone (mc) Grado di saturazione, % K, U. R. Velocità di attraversamento del letto (m/s) Durata del carbone (s) Perdita di carico (M Pa) Parametri caratteristici della fase di rigenerazione Con vapore d acqua Con gas inerte Sotto vuoto Temperatura (K) Tipo di gas Pressione residua (Pa) Durata rigenerazione (s) Temperatura (K) Temperatura (K) Carico residuo (%) Durata ciclo (s) Durata ciclo (s) Carico residuo (%) Carico residuo (%) Parametri caratteristici della fase di raffreddamento letti Metodo diretto Metodo indiretto Tipo di fluido Tipo di fluido impiegato Portata (mc/s) Portata (mc/s; kg/s) Durata fase (s) Salto termico (K) Durata fase (s)

9 IMPIANTO DI ABBATTIMENTO AD UMIDO Punto di emissione n. Temperatura di emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Perdita di carico (M Pa) Concentrazione di materiale particolato nella corrente (mg/mc) Tipo di materiale particolato abbattuto % di materiale particolato con dimensioni >= 5 m Ingresso Uscita Portata di liquido (mc/s) Pressione del liquido (M Pa) Tipo di abbattitore Colonna a spruzzo A colonna riempita Numero spruzzatori Tipo di materiale di riempimento Numero stadi Altezza del materiale di riempimento (m) Sezione trasversale colonna (mq) Sezione trasversale colonna (mq) Colonna a piatti Altro Altezza colonna (m) Numero piatti Sezione trasversale colonna (mq) Separatore di gocce Ciclone A labirinti Altro Tampone a maglia A palette

10 Tipo di costruzione Tubi d acqua Tubi di fumo Altro tipo IMPIANTO TERMICO Tipo di combustibile usato Solido:... Liquido:... Gassoso:... % di zolfo nel combustibile Disposizione dei bruciatori nella camera di combustione Tangenziale Frontale Altro Forma geometrica della camera di combustione Temperatura media nella camera di combustione alla massima portata alimentazione ( K) Potenza di targa della camera di combustione (kw) Consumo orario massimo di combustibile (mc/s; kg/s) La caldaia è/non è dotata di preriscaldatore d aria Sezione del camino (mq) Altezza geometrica del camino (m) Temperatura gas emissione ( K) Portata gas in emissione (mc/s) Punto di emissione n. Uso generatore

11 Punto di emissione n. Portata massima emessa (mc/s) IMPIANTO DI FILTRAZIONE DI MATERIALE PARTICELLARE Temperatura di emissione (K) Sezione del camino (mq) Altezza geometrica di emissione (m) Perdita di carico (M Pa) Caratteristiche della corrente da trattare Portata massima (mc/s) Temperatura (K) Carico di inquinante (Kg/s) 1) Prodotto verniciante: % di sostanze solide 2) Altro: Disposizioni a pannelli : Numero pannelli... Superficie pannelli (mq)... Spessore pannelli (m)... Velocità di attraversamento del pannello (m/s)... Capacità di trattenimento (Kg/mq)... Grado di separazione (%)... Perdita di carico (M pa)

12 CICLONE SEPARATORE Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con dimensione >= 10 µm Concentrazione di materiale particolato nella corrente (mg/mc) Tipo di materiale particolato da abbattere Massa volumica del materiale particolato (kg/mc) Entrata Uscita Perdite di carico attraverso il ciclone (MPa) Tipo di ciclone Singolo Multiciclone n. settori in parallelo n. elementi per settore N.B. Se più cicloni sono montati in serie, per ciascuno si compili una scheda diversa. Dimensioni caratteristiche (mm) d l h s e a b j

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione Dati caratteristici dell emissione Portata normalizzata umida.................................................................. Nm3/h... Portata normalizzata secca...................................................................

Dettagli

SCHEDE ABBATTITORI SCHEDA AD IMPIANTO DI ADSORBIMENTO. Sostanze inquinanti (mg/nmc) Ingresso Uscita

SCHEDE ABBATTITORI SCHEDA AD IMPIANTO DI ADSORBIMENTO. Sostanze inquinanti (mg/nmc) Ingresso Uscita SCHEDA AD IMPIANTO DI ADSORBIMENTO Carico inquinante (Kg/h) Quantità di carbone Tipo di carbone Temperatura massima Volume della carica Frequenza sostituzione Durata complessiva della fase di adsorbimento:

Dettagli

Delib.G.R. 5-9-1996 n. 7104

Delib.G.R. 5-9-1996 n. 7104 Delib.G.R. 5-9-1996 n. 7104 Modello «7» SCHEMA DI ATTO NOTORIO PER AUTOCERTIFICAZIONE DA ALLEGARE ALL'INTEGRAZIONE DELLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE ALLA CONTINUAZIONE DELLE EMISSIONI IN

Dettagli

CICLONE SEPARATORE Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

CICLONE SEPARATORE Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) ALLEGATO n. CICLONE SEPARATORE Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (m 3 s -1) Sezione del camino (m2) Percentuale di materiale

Dettagli

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo.

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. Alla Provincia della Spezia Il/la sottoscritto/a... legale rappresentante/titolare della (riportare l esatta

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA PER L AUTORIZZAZIONE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - D.LGS. 152/2006 PARTE QUINTA

OGGETTO: DOMANDA PER L AUTORIZZAZIONE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - D.LGS. 152/2006 PARTE QUINTA Marca da Bollo* Provincia di BARI Servizio Polizia Provinciale, Protezione Civile e Ambiente Corso Sonnino n.85 Al Sig. Sindaco del Comune di ARPA Puglia Dipartimento Provinciale di Bari Via Oberdan n.16

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA IMPIANTI DI ABBATTIMENTO

SCHEDA RIASSUNTIVA IMPIANTI DI ABBATTIMENTO SCHEDA RIASSUNTIVA IMPIANTI DI ABBATTIMENTO SIGLA EMISSIONE TIPO FILTRO INQUINANTI EFFICIENZA DI ABBATTIMENTO (PER TIPOLOGIA DI INQUINANTE) FLUSSO DI MASSA IN INGRESSO AL FILTRO (Kg/h) FLUSSO DI MASSA

Dettagli

Numero Codice Descrizione Processo Revisione del

Numero Codice Descrizione Processo Revisione del Registro della modulistica del settore Numero Codice Descrizione Processo Revisione del Istruzioni per la compilazione Numero (numero progressivo interno al settore) Codice Descrizione Processo Revisione

Dettagli

IMPIANTO DI ADSORBIMENTO. Portata massima di progetto (Nmc/h) Portata di lavoro (Nmc/h) Sostanze inquinanti (mg/nmc) Ingresso Uscita

IMPIANTO DI ADSORBIMENTO. Portata massima di progetto (Nmc/h) Portata di lavoro (Nmc/h) Sostanze inquinanti (mg/nmc) Ingresso Uscita SCHEDA AD IMPIANTO DI ADSORBIMENTO Camino n. Impianto asservito Temperatura ingresso Temperatura uscita Portata massima di progetto (Nmc/h) Portata di lavoro (Nmc/h) Sostanze inquinanti (mg/nmc) Ingresso

Dettagli

ALLEGATO "A" Alla Provincia di Latina (istanza originale in bollo +una copia dell istanza + documentazione)

ALLEGATO A Alla Provincia di Latina (istanza originale in bollo +una copia dell istanza + documentazione) ALLEGATO "A" Alla Provincia di Latina (istanza originale in bollo +una copia dell istanza + documentazione) All A.R.P.A.-LAZIO di Latina - (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale) (una copia dell

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE per stabilimento esistente con emissioni in atmosfera (art. 281, comma 1, D.Lgs. n 152/06 e s.m.i.

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE per stabilimento esistente con emissioni in atmosfera (art. 281, comma 1, D.Lgs. n 152/06 e s.m.i. SCHEDA C3 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE per stabilimento esistente con emissioni in atmosfera (art. 281, comma 1, D.Lgs. n 152/06 e s.m.i. - Parte Quinta) Allo SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE DEL

Dettagli

CHIEDE L AUTORIZZAZIONE

CHIEDE L AUTORIZZAZIONE SCHEDA C1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE per la costruzione/trasferimento di uno stabilimento con emissioni in atmosfera (art. 269, comma 2, D.Lgs. n 152/06 e s.m.i. - Parte Quinta e s.m.i.) Allo SPORTELLO

Dettagli

Dati dell interessato

Dati dell interessato SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo aggiornamento: 21/08/2014 MODELLO H_3 Domanda di adesione all AUTORIZZAZIONE GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da impianti per: Riparazione e verniciatura

Dettagli

BIOMASSA: Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore. Gabriele Pezzini. Ingegnere Ambientale di Tama S.p.A.

BIOMASSA: Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore. Gabriele Pezzini. Ingegnere Ambientale di Tama S.p.A. BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore Gabriele Pezzini Ingegnere Ambientale

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITENIO DI TORINO ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Prima sessione ANNO 009 Settore INDUSTRIALE - lasse 33/S Ingegneria Energetica e nucleare Terza prova (prova pratica

Dettagli

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc LINEA DI TRATTAMENTO Rifiuti solidi Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc Impianto di recupero energetico mediante forno a letto fluido Produzione di CdR e/o CnC SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO

Dettagli

e p.c. Oggetto: COMUNICAZIONE ai sensi dell articolo 6) comma 3) del D.M. 16 gennaio 2004 n. 44;

e p.c. Oggetto: COMUNICAZIONE ai sensi dell articolo 6) comma 3) del D.M. 16 gennaio 2004 n. 44; MODELLO RG 44 REVISIONE DEL 24-07-2007 VERSIONE 01 Alla Provincia di e p.c. Alla Regione Emilia-Romagna Servizio Risanamento Atmosferico Acustico Elettromagnetico Via dei Mille, 21 40121 - Bologna Al Sindaco

Dettagli

FORNO CREMATORIO PER ANIMALI DA COMPAGNIA MOD.PET

FORNO CREMATORIO PER ANIMALI DA COMPAGNIA MOD.PET FORNO CREMATORIO PER ANIMALI DA COMPAGNIA MOD.PET I nostri forni modello PET sono stati specificatamente studiati per la cremazione di animali d affezione: cani, gatti e altri animali da compagnia. La

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

------ Al SUAP del Comune di. Ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59, art. 3 comma 1 Domanda AUA comma 3 Aut. Emissioni in atmosfera

------ Al SUAP del Comune di. Ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59, art. 3 comma 1 Domanda AUA comma 3 Aut. Emissioni in atmosfera LA DICHIARAZIONE SARA DICHIARATA AMMISSIBILE ED ACCETTATA SOLO SE COMPLETA IN OGNI SUA PARTE. via PEC Posta elettronica certificata Marca da bollo 16,00 ------ Al SUAP del Comune di Ai sensi del D.P.R.

Dettagli

Adattamenti alla compilazione on-line a cura di

Adattamenti alla compilazione on-line a cura di Adattamenti alla compilazione on-line a cura di N.B.: Per l'invio tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) - la presente istanza e i relativi allegati dovranno essere trasmessi esclusivamente in formato

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Adattamenti alla compilazione on-line a cura di

Adattamenti alla compilazione on-line a cura di Adattamenti alla compilazione on-line a cura di N.B.: Per l'invio tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) - la presente istanza e i relativi allegati dovranno essere trasmessi esclusivamente in formato

Dettagli

Oggetto: domanda per l autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

Oggetto: domanda per l autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Fac-simile DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE EX D.LGS. 152/06 PER IMPIANTI NUOVI, PER MODIFICHE O TRASFERIMENTI DI IMPIANTI ESISTENTI (originale in carta legale) Spett.le Provincia di.. e p.c. Al Signor Sindaco

Dettagli

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006).

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Marca da Al SUAP del Comune di Bollo Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

Costruzioni Aeromeccaniche Gritti E TEMPO DI CAMBIARE ARIA. www.aergritti.it

Costruzioni Aeromeccaniche Gritti E TEMPO DI CAMBIARE ARIA. www.aergritti.it Costruzioni Aeromeccaniche Gritti E TEMPO DI CAMBIARE ARIA www.aergritti.it Costruzioni Aeromeccaniche Gritti Operante nel settore dal 1960 Approfondito know-how professionale Alta specializzazione Tecniche

Dettagli

SISTEMI di ABBATTIMENTO. e DEPURAZIONE ARIA

SISTEMI di ABBATTIMENTO. e DEPURAZIONE ARIA SISTEMI di ABBATTIMENTO e DEPURAZIONE ARIA UNA REALTÀ DI TICOMM & PROMACO LA DIVISIONE IMPIANTI Con un esperienza maturata da oltre 15 anni nel settore del trattamento e depurazione aria, la Divisione

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4. Canna fumaria - diametro (mm)

Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4. Canna fumaria - diametro (mm) Stufe a Legna CARATTERISTICHE TECNICHE DORELLA_L8_PT DATI Aria primaria regolabile Aria secondaria regolabile Aria terziaria pretarata - Canna fumaria - altezza (m) 4 Canna fumaria - diametro (mm) 200x200

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

_l_ sottoscritt_ nat_ a Prov. il e residente nel Comune di Prov. in via. n. telefono n. fax n. /p.e.c.

_l_ sottoscritt_ nat_ a Prov. il e residente nel Comune di Prov. in via. n. telefono n. fax n.  /p.e.c. SCHEDA C1 ALLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Denominata Libero Consorzio Comunale Ai sensi della L.R. n. 08/2014 VIII Direzione Ambiente Via Lucania, 20 98124 MESSINA AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI ALLA

Dettagli

Hoval UltraGas (15-90) Dati tecnici

Hoval UltraGas (15-90) Dati tecnici Dati tecnici Tipo (15) (20) (27) Potenzialità nominale 80/ 60 C con gas naturale 1 kw 3,0-13,7 3,8-18,2 4,5-24,5 Potenzialità nominale 40/ 30 C con gas naturale 1 kw 3,3-15,5 4,3-20,3 5,0-27,2 Potenzialità

Dettagli

Particelle e dispersioni

Particelle e dispersioni Particelle e dispersioni Separatori Centrifughi Cicloni Un ciclone è essenzialmente una camera di sedimentazione in cui alla accelerazione di gravità viene sostituita l accelerazione centrifuga. I cicloni

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

CHIEDE l'autorizzazione IN VIA GENERALE per:

CHIEDE l'autorizzazione IN VIA GENERALE per: ALLEGATO 1 Al COMUNE DI... Ufficio Ambiente Via...n.... Oggetto: Domanda di AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da operazioni di tempra di metalli con consumo di olio

Dettagli

Architettura dei GENERATORI di VAPORE

Architettura dei GENERATORI di VAPORE Corso di IMPIEGO INDUSTRIALE dell ENERGIA L energia, fonti, trasformazioni i ed usi finali Impianti a vapore I generatori di vapore Impianti turbogas Cicli combinati e cogenerazione Il mercato dell energia

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI ENERGIA

POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI ENERGIA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI ENERGIA SISTEMI ENERGETICI LM per allievi Ingegneri Meccanici Appello del 22 settembre 2014 per le sedi di Milano Bovisa e Piacenza Proff. Consonni S., Chiesa P.,

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità

Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità generatori di gas Generatori di azoto MAXIGAS Purezza & Semplicità : i NUOVI generatori di azoto domnick hunter - l alternativa economica, sicura ed affidabile alle bombole di gas e gas liquido Quanto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi Roberto Lensi 1. Complementi sui sistemi termici Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 1. Complementi sui sistemi termici Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico

Dettagli

Mynute Low NOx Mynute Low NOx basse emissioni inquinanti di NOx Mynute Low NOx

Mynute Low NOx Mynute Low NOx basse emissioni inquinanti di NOx Mynute Low NOx Mynute Low NOx La gamma di caldaie murali Mynute di Beretta si completa con un nuovo modello in grado di coniugare prestazioni e rispetto dell ambiente. Mynute Low NOx è la caldaia standard ecologica di

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale Caldaia a condensazione a basamento con corpo in acciaio, camera di combustione in acciaio inossidabile Hoval UltraGas. Superfici di scambio secondarie

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE 4.1) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali degli impianti di verniciatura di oggetti vari in metalli o vetro con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all uso non superiore a 50 kg/g

Dettagli

Il sottoscritto... nato a... il.../.../... residente a... in Via/ Corso... n... in qualità di titolare/legale rappresentante dell'impresa... ...

Il sottoscritto... nato a... il.../.../... residente a... in Via/ Corso... n... in qualità di titolare/legale rappresentante dell'impresa... ... ALLEGATO 1 Al COMUNE DI... Ufficio Ambiente Via......... n.... Oggetto: Domanda di AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da impianti di torrefazione di caffè ed altri

Dettagli

GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE

GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE Le possibilità impiantistiche legate all utilizzo delle caldaie a condensazione OBIETTIVI

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

Cappe chimiche e sistemi di aspirazione. Cappe chimiche speciali Cappa chimica per attacchi acidi

Cappe chimiche e sistemi di aspirazione. Cappe chimiche speciali Cappa chimica per attacchi acidi Cappa chimica per attacchi acidi Dispositivo di protezione per l operatore, collaudato secondo la norma DIN 2924-2 Adatto per dissoluzioni termiche libere con sostanze aggressive quali p. es. acido solforico,

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

REX REX KAPPA REX DUAL. Caldaie ad Alto Rendimento

REX REX KAPPA REX DUAL. Caldaie ad Alto Rendimento L i n e a A c c i a i o KAPPA DUAL Caldaie ad Alto Rendimento Generatori di acqua calda ad alto rendimento, con focolare ad inversione di fiaa. Funzionamento con combustibili sia liquidi che gassosi. a

Dettagli

Specifiche tecniche. PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO. www.oekofen.com

Specifiche tecniche. PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO. www.oekofen.com Specifiche tecniche PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO www.oekofen.com Specifiche tecniche PELLEMATIC Smart 4 8kW Denominazione PELLEMATIC Smart Potenza nominale kw 3,9 6,0 7,8 Carico parziale kw Impianto

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

TECHNICAL DATASHEET - SISTEMA PLASMA SH20045+HPR260 202086

TECHNICAL DATASHEET - SISTEMA PLASMA SH20045+HPR260 202086 TECHNICAL DATASHEET - SISTEMA PLASMA SH045+HPR20 8 Si osservi che l'immagine sopra riportata è fornita a solo scopo esemplificativo. La configurazione effettiva della macchina può variare. Alcuni degli

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

Tutti i numeri della Cabina di Verniciatura

Tutti i numeri della Cabina di Verniciatura Cabina di Verniciatura a spruzzo Tutti i numeri della Cabina di Verniciatura Guida al Calcolo e alla Scelta dei Filtri per il particolato LEGENDA Qa Portata Aria Md Manometro differenziale Os Overspray

Dettagli

BIOMASSA: Cartuccia e media filtranti. Claudio Rossi. Country Manager IAF ITALY OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE?

BIOMASSA: Cartuccia e media filtranti. Claudio Rossi. Country Manager IAF ITALY OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Cartuccia e media filtranti Claudio Rossi Country Manager IAF ITALY Biomasse Target di mercato

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330)

ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330) ixcondens 25C/IT (M) (cod. 00916330) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria. Corpo caldaia lamellare in

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori

Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori Produzione suole per scarpe Comparazione Combustori INTRODUZIONE Un industriale marchigiano ci ha segnalato che la Regione Marche, dopo una recente serie di controlli sul territorio, sta imponendo limiti

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

APPLICAZIONE DI RIVESTIMENTI E/O DI VERNICI SU LEGNO

APPLICAZIONE DI RIVESTIMENTI E/O DI VERNICI SU LEGNO Allegato n. 2 APPLICAZIONE DI RIVESTIMENTI E/O DI VERNICI SU LEGNO SOMMARIO ATTIVITÀ DI APPLICAZIONE DI RIVESTIMENTI E/O DI VERNICI SU LEGNO...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI

Dettagli

ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE. 34, 55 kw

ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE. 34, 55 kw ARITERM CALDAIE A LEGNA ASPIRATE A FIAMMA INVERSA E GASSIFICAZIONE 34, 55 kw ARITERM Le caldaie indistruttibili con un solo obiettivo: l eccellenza Le caldaia a Legna, aspirata a fiamma inversa e gassificazione

Dettagli

GENERATORI DI VAPORE A INVERSIONE DI FIAMMA serie PVR EU

GENERATORI DI VAPORE A INVERSIONE DI FIAMMA serie PVR EU Attrezzature a pressione A INVERSIONE DI FIAMMA CARATTERISTICHE TECNICHE PVR 3 EU PVR 5 EU PVR 7 EU PVR 10 EU PVR 15 EU PVR 20 EU PVR 30 EU PVR 40 EU PVR 50 EU PRODUZIONE NOMINALE DI VAPORE POTENZIALITÀ

Dettagli

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Sessione 1 Biogas, Biomassa: La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto Ing. Roberta ROBERTO - Ricercatrice

Dettagli

Carbone attivo in granuli. Cella filtrante a carboni attivi. Piastre con cartucce a carboni attivi. Tasche rigide con carbone attivo

Carbone attivo in granuli. Cella filtrante a carboni attivi. Piastre con cartucce a carboni attivi. Tasche rigide con carbone attivo FILTRAZIONE A CARBONI Carbone attivo in granuli Cella filtrante a carboni attivi Piastre con cartucce a carboni attivi Tasche rigide con carbone attivo condizionamento - riscaldamento - filtrazione CARBONE

Dettagli

EMISSIONI DI INQUINANTI DA

EMISSIONI DI INQUINANTI DA EMISSIONI DI INQUINANTI DA INCENERITORI: ASPETTI NORMATIVI E RICERCA LUCA STABILE, GIORGIO BUONANNO l.stabile@unicas.it, buonanno@unicas.it DICeM Università di Cassino e del Lazio Meridionale via G. Di

Dettagli

CORSO DI MACCHINE E SISTEMI ENERGETICI A.A. 2014/2015 --- Prova di valutazione intermedia del 9 Gennaio 2015

CORSO DI MACCHINE E SISTEMI ENERGETICI A.A. 2014/2015 --- Prova di valutazione intermedia del 9 Gennaio 2015 CORSO DI MACCHINE E SISTEMI ENERGETICI A.A. 2014/2015 --- Prova di valutazione intermedia del 9 Gennaio 2015 C= prima lettera del cognome C = 0 Nome e Cognome Matricola Corso di Studio A B C D E F G H

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE. I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE. I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE Tema 1 Il candidato deve procedere al dimensionamento e

Dettagli

referente per richiesta dati... ubicazione sito... tipo di attività......... ore di lavoro giornaliero... giorni lavorativi settimanali...

referente per richiesta dati... ubicazione sito... tipo di attività......... ore di lavoro giornaliero... giorni lavorativi settimanali... DATI RICHIEDENTE Ragione Sociale Titolare Sig. Indirizzo CAP Prov. Telefono Fax e-mail (ALLEGARE SEMPRE E COMUNQUE COPIA BOLLETTE ELETTRICHE E TERMICHE COMPLETE IN OGNI PARTE E RIQUADRO) referente per

Dettagli

CAPITOLATO CALDAIE SCILIAR 18-40

CAPITOLATO CALDAIE SCILIAR 18-40 CAPITOLATO CALDAIE SCILIAR 18-40 KA30180-202 ALMAR Sciliar 18 Caldaia a legna ALMAR caldaia a gassificazione di legna Sciliar 18 " incluso scambiatore di calore di 10,2-20,5 kw e 10.2-18,0 kw Caldaia specifica

Dettagli

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 6.0 kw VITODENS 100-E Tipo AB1B Caldaia murale a gas a condensazione versione per installazione ad

Dettagli

FORNI CREMATORI PER ANIMALI D AFFEZIONE. ciroldi. ciroldi.it FORNI CREMATORI - PRODOTTI INOX - SVERNICIATORI - INCENERITORI

FORNI CREMATORI PER ANIMALI D AFFEZIONE. ciroldi. ciroldi.it FORNI CREMATORI - PRODOTTI INOX - SVERNICIATORI - INCENERITORI FORNI CREMATORI PER ANIMALI D AFFEZIONE ciroldi.it ciroldi FORNI CREMATORI - PRODOTTI INOX - SVERNICIATORI - INCENERITORI FORNI CREMATORI PER ANIMALI D AFFEZIONE FORNI STATICI PER LA CREMAZIONE DI SPOGLIE

Dettagli

Cos è la caldaia a Biomassa?

Cos è la caldaia a Biomassa? Il Calore è intorno a Noi Cos è la caldaia a Biomassa? pellet di legno legna Altissimo rendimento a bassissimo costo, è questa la realtà che ci può offrire una Caldaia Policombustibile Aton. Riscaldare

Dettagli

Impianti di produzione e distribuzione di aria compressa

Impianti di produzione e distribuzione di aria compressa Impianti di distribuzione di aria compressa 1 Applicazioni dell aria compressa L impiego dell aria compressa negli stabilimenti è ormai generalizzato per il comando, la regolazione di utenze e come forza

Dettagli

(BO) T. - 40053-051/831147 - F.

(BO) T. - 40053-051/831147 - F. ENERGIA DA BIOMASSE ECONOMIC 000 * CALDAIA A LEGNA La serie ECONOMIC 000 è una rivisitazione della caldaia di tipo Cornovaglia a tiraggio naturale con tubi di ritorno orizzontali. La costruzione si avvale

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE TORINO NORD Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

Motori commerciali Tra le varie applicazioni del motore Stirling, esistono anche motori commerciali, realizzati e testati in laboratorio. Tra questi possiamo illustrarne alcuni: Stirling Power System V160

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

Modulo Hoval SLIM BC-e 2-5 (70-400) Dati tecnici

Modulo Hoval SLIM BC-e 2-5 (70-400) Dati tecnici Dati tecnici Tipo caldaia (35) (45) (60) (80) Potenzialità nominale 80/60 C con gas naturale 1 6,0-31,8 10,0-41,0 11,7-55,3 15,8-72,4 Potenzialità nominale 40/30 C con gas naturale 1 6,8-35,0 11,1-45,0

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELATIVA A RITUBAMENTO DI CANNA FUMARIA PER SCARICO FUMI DI GENERATORE DI CALORE

RELAZIONE TECNICA RELATIVA A RITUBAMENTO DI CANNA FUMARIA PER SCARICO FUMI DI GENERATORE DI CALORE STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: PMerizzi@gmail.com RELAZIONE TECNICA

Dettagli

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel Compressore con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità Portata effettiva Massima pressione operativa

Dettagli

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova Caldaie a legna ad alta efficienza Solo Innova Caldaie a legna L ampia proposta di prodotto Baxi, accoglie un articolata scelta di caldaie a legna per il comfort ed il riscaldamento domestico. Baxi infatti

Dettagli

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco

STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco STABILE PROGETTO CAMINO ver.2.1.0. Per.Ind. Martinetto Marco Menu del giorno Il sistema camino UNI 10641:2013 UNI EN 13384-1:2008 1:2008 UNI EN 13384-2:2009 Uso software Progetto Camino Normative di riferimento

Dettagli

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound RTO per SOV alogenate Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound Sede Legale e Unità Operativa: p.zza Vittorio Veneto 8 20013 MAGENTA (MI) ITALY tel. 02 9790466 02 9790364 fax 02 97297483 E-mail:

Dettagli