REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI GRAN SASSO ACQUA S.P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI GRAN SASSO ACQUA S.P.A."

Transcript

1 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DI GRAN SASSO ACQUA S.P.A. 1

2 INDICE 1 PRINCIPI GENERALI OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI REQUISITI MODALITA DI SELEZIONE SELEZIONE AD EVIDENZA PUBBLICA FASI DEL PROCEDIMENTO DI SELEZIONE AD EVIDENZA PUBBLICA BANDO/AVVISO E PROCEDIMENTO DI INDIZIONE TERMINI DI SCADENZA E PUBBLICAZIONE DEL BANDO/AVVISO PROROGA E RIAPERTURA DEI TERMINI DEL BANDO MODIFICA E REVOCA DEL BANDO COMMISSIONE ESAMINATRICE FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE VERBALI DELLA COMMISSIONE DOMANDE DI AMMISSIONE AMMISSIONE ED ESCLUSIONE DEI CONCORRENTI VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PROVE D'ESAME CRITERI DI VALUTAZIONE DEI TITOLI CONTENUTI DELLE PROVE CALENDARIO DELLE PROVE PREFERENZA A PARITÀ DI MERITO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA ACCESSO AGLI ATTI CONCORSUALI RECLUTAMENTO DEL PERSONALE TRAMITE SOCIETÀ DI LAVORO INTERINALE FASI DEL PROCEDIMENTO DI RECLUTAMENTO TRAMITE SOCIETÀ DI LAVORO INTERINALE SELEZIONE DEI CURRICULA GRADUATORIA ASSUNZIONE MODALITÀ DI ASSUNZIONE ASSUNZIONI OBBLIGATORIE DEROGHE RISERVE ASSUNZIONI URGENTI A TEMPO DETERMINATO.11 2

3 1 PRINCIPI GENERALI 1.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento viene emanato per disciplinare la ricerca, la selezione e l assunzione del personale, nei limiti stabiliti dalle leggi e dai contratti collettivi, nel rispetto dei principi, anche di derivazione comunitaria, di trasparenza, di pubblicità e di imparzialità, così come previsto dagli art. 18 e 23-bis comma 10 lett. a) del D.L. 112 del convertito in L. 133 del come modificato dall art. 19 del D.L. 78/2009 convertito in L. 102/2009 e dal D.L. 135/2009 convertito in L. 166/2009. Le procedure indicate nel presente regolamento vengono attivate ogniqualvolta la GRAN SASSO ACQUA S.P.A. manifesti l esigenza di procedere ad assunzioni di personale sia a tempo indeterminato sia a tempo determinato mediante assunzione esterna. Tutte le tipologie di selezione di acquisizione del personale si ispirano ai seguenti criteri: - pianificazione e programmazione delle attività di reclutamento e selezione del personale; - adeguata pubblicità della selezione e modalità di svolgimento che garantiscano l imparzialità; - adozione di meccanismi oggettivi e trasparenti, idonei a verificare il possesso dei requisiti attitudinali e professionali richiesti in relazione alla posizione da ricoprire; - rispetto delle pari opportunità tra lavoratrici e lavoratori; - rispetto dell assenza di discriminazioni dovute al sesso, all appartenenza razziale ed etnica, agli orientamenti sessuali, alla presenza di handicap; - flessibilità nella gestione delle risorse umane e ottimale distribuzione delle stesse, operata sulla base delle competenze e delle esigenze organizzative e nel rispetto dei contratti collettivi di lavoro. 1.2 REQUISITI I requisiti generali necessari per l accesso agli impieghi devono risultare posseduti, in caso di procedura ad evidenza pubblica, alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda di ammissione e per gli altri casi, alla data stabilita dalla GRAN SASSO ACQUA S.P.A. per la selezione, e sono: a) cittadinanza italiana o di altri paesi appartenenti all Unione Europea, fatte salve le eccezioni di legge; b) maggiore età; c) idoneità fisica all impiego; d) godimento di diritti civili e politici; e) non avere riportato provvedimenti di licenziamento per persistente insufficiente rendimento ovvero a seguito dell accertamento che l impiego venne conseguito mediante la produzione di documenti falsi e comunque con mezzi fraudolenti; f) non avere svolto alcun tipo di incarico professionale e non avere intrapreso alcuna attività economica per conto di Pubbliche amministrazioni coinvolte in procedimenti amministrativi (contrattuali o meno) o giudiziari, comportanti vantaggi per GRAN SASSO ACQUA S.P.A., negli ultimi 12 mesi in osservanza del D.Lgs. 231/01 e s.m.i. ( Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica ). g) ulteriori requisiti minimi previsti dalla normativa di volta in volta vigente. 3

4 Il difetto dei requisiti prescritti comporta da parte della GRAN SASSO ACQUA S.P.A. il diniego all accesso alla procedura di selezione e comunque alla sottoscrizione del contratto individuale di lavoro con il soggetto individuato a seguito della procedura di selezione. I soggetti che partecipano alle selezioni devono inoltre essere in possesso dei requisiti professionali specifici e del titolo di studio richiesti dal bando per la selezione del personale. 1.3 MODALITA DI SELEZIONE La copertura dei posti vacanti mediante assunzioni esterne avviene con modalità diverse in base al fatto che l assunzione sia a tempo determinato oppure a tempo indeterminato. Per la prima tipologia di assunzioni (a tempo determinato) la GRAN SASSO ACQUA S.P.A. ha facoltà di utilizzare una delle seguenti modalità di selezione: a) Selezione ad evidenza pubblica b) Reclutamento del personale tramite Società di lavoro interinale c) Selezione dei curricula In caso di assunzioni a tempo indeterminato la GRAN SASSO ACQUA S.P.A. utilizza per la selezione di candidati esterni le seguenti modalità: a) Selezione ad evidenza pubblica Le assunzioni a tempo indeterminato possono derivare anche da applicazione di procedure di mobilità, trasformazione di contratti da tempo determinato a tempo indeterminato, assunzione di soggetti presenti come idonei nelle graduatorie approvate dal Consiglio di Amministrazione della GRAN SASSO ACQUA S.P.A., secondo quanto stabilito dal presente regolamento. 2 SELEZIONE AD EVIDENZA PUBBLICA 2.2 FASI DEL PROCEDIMENTO DI SELEZIONE AD EVIDENZA PUBBLICA Il procedimento di selezione ad evidenza pubblica è costituito dalle seguenti fasi: 1. Indizione della selezione con approvazione dell avviso per la formazione di una graduatoria pubblica per l assunzione di personale o di bando di concorso e pubblicazione 2. Presentazione domande di ammissione 3. Nomina della Commissione esaminatrice ed adempimenti connessi 4. Ammissione dei candidati alla selezione 5. Espletamento delle prove/colloqui/esame di titoli e curricula 6. Approvazione della graduatoria e proclamazione dei vincitori. 2.3 BANDO/AVVISO E PROCEDIMENTO DI INDIZIONE La procedura di selezione pubblica è indetta dal Consiglio di Amministrazione, il quale approva anche il bando/avviso. Il bando/avviso indicherà: a) Numero dei posti messi a concorso con relativo profilo professionale e categoria di inquadramento, l area funzionale e una sintetica descrizione delle principali funzioni connesse alla posizione di lavoro da ricoprire, desumibili dalle norme contrattuali vigenti; b) L applicazione, ove ricorra, della riserva dei posti a favore di soggetti disabili; c) Il termine perentorio e le modalità di presentazione della domanda di ammissione e degli eventuali documenti; d) La facoltà di proroga, riapertura e revoca del bando/avviso; 4

5 e) Le materie che costituiranno oggetto delle varie tipologie di prove previste e il contenuto dell eventuale prova pratica e indicazione della sede e del calendario delle prove (ove già predisposto altrimenti si indicano le modalità di comunicazione delle suddette informazioni); f) I requisiti soggettivi che il candidato deve possedere per l ottenimento dell ammissione al concorso/selezione e successivamente per l impiego; g) Se il concorso è per titoli ed esami, l indicazione dei criteri stabiliti per la valutazione dei titoli; h) I titoli che danno luogo a preferenza o precedenza a parità di punteggio, i termini e le modalità della loro presentazione; i) I documenti e i titoli da allegare alla domanda nonché i casi in cui è ammessa in luogo della prescritta documentazione, una dichiarazione sostitutiva di certificazione; j) I criteri di formazione delle graduatorie in caso di parità di punteggio in assenza di ulteriori titoli preferenziali; k) Il riferimento alla L.125/2001 che garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l accesso al lavoro; l) La specifica previsione dei casi tassativi in cui la domanda va considerata irricevibile per inosservanza di talune prescrizioni di legge o di bando/avviso e dei casi tassativi di esclusione dal concorso; m) Ogni altra notizia ritenuta opportuna. 2.4 TERMINI DI SCADENZA E PUBBLICAZIONE DEL BANDO/AVVISO Il termine di scadenza di presentazione delle domande di ammissione alla selezione/concorso sarà non inferiore a 30 giorni decorrenti dal giorno successivo alla pubblicazione dello stesso. Il Bando/avviso sarà affisso all Albo Pretorio dei Comuni soci della, alla Bacheca Aziendale e pubblicato sul sito aziendale e si terrà esposto sino alla scadenza del termine di presentazione delle domande di ammissione. Un estratto del bando/avviso sarà inoltre pubblicato su almeno un giornale a diffusione locale. 2.5 PROROGA E RIAPERTURA DEI TERMINI DEL BANDO E facoltà dell Azienda procedere alla proroga - prima della scadenza - o alla riapertura del termine fissato nel bando/avviso per la presentazione delle domande allorché, alla data di scadenza, venga ritenuto insufficiente il numero delle domande presentate, ovvero per altre motivate esigenze di interesse aziendale. Il provvedimento di proroga, adottato dal Consiglio di Amministrazione, è pubblicato con le stesse modalità adottate per il bando/avviso e deve essere comunicato a tutti i concorrenti che hanno presentato domanda di partecipazione entro il termine originariamente previsto dal bando/avviso. Per i nuovi candidati tutti i requisiti richiesti devono essere posseduti prima della scadenza dei nuovi termini fissati dal provvedimento di riapertura. Restano valide le domande presentate in precedenza, con facoltà per i candidati di procedere entro il nuovo termine all'eventuale integrazione della documentazione già presentata. 2.6 MODIFICA E REVOCA DEL BANDO Con provvedimento motivato del Consiglio di Amministrazione è facoltà dell Azienda procedere, in qualsiasi momento della procedura concorsuale, alla modifica del numero dei posti messi a concorso. Qualora il numero dei posti venga aumentato, non sarà necessario darne notizia ai candidati. Con provvedimento motivato del Consiglio di Amministrazione, è facoltà dell'azienda procedere, altresì, alla revoca del bando/avviso in qualsiasi momento del procedimento concorsuale. Il provvedimento deve essere comunicato a tutti i candidati che hanno presentato domanda e pubblicizzato con le stesse modalità osservate per il bando/avviso. 5

6 2.7 COMMISSIONE ESAMINATRICE La Commissione esaminatrice dei concorsi viene nominata con provvedimento del Consiglio di Amministrazione dopo il termine di scadenza delle domande di partecipazione ed avrà la seguente composizione: 1) Presidente del Consiglio di Amministrazione o suo delegato; 2) il Responsabile dell unità aziendale per la quale si procede alla selezione del personale; 3) il Responsabile della gestione del personale; 4) un dipendente aziendale con funzioni di Segretario. Nel Provvedimento suddetto Il Consiglio di Amministrazione nomina il Presidente. La Gran Sasso Acqua S.p.A. si riserva la facoltà di nominare quale membri della Commissione esaminatrice anche soggetti esterni alla società. Non possono far parte della Commissione esaminatrice: - parenti o affini fino al quarto grado civile o soggetti legati da vincolo coniugale, nonché coloro che, nello stesso grado, siano parenti o affini di qualcuno dei concorrenti o legati da vincolo coniugale a qualcuno dei medesimi; - persone che abbiano causa pendente o grave inimicizia o rapporti di credito o debito con uno dei concorrenti. Nel caso in cui uno dei membri della Commissione sia impossibilitato a partecipare, sarà sostituito. Della sostituzione si dovrà fare menzione nel verbale. 2.8 FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE La prima riunione per l'insediamento della Commissione esaminatrice viene disposta dal presidente della stessa mediante avviso scritto indicando giorno, ora e luogo. Il Segretario della Commissione acquisirà, per quel giorno, tutti gli atti e i documenti attinenti al concorso affidato. I lavori della Commissione si svolgono col seguente ordine: a) esame delle domande di concorso ai fini di valutare l'ammissione dei candidati alle procedure concorsuali; b) acquisizione della dichiarazione relativa all'assenza di cause di incompatibilità tra i propri componenti ed i candidati ammessi; c) definizione della tipologia delle prove d'esame e individuazione dei criteri di valutazione delle prove medesime; d) fissazione del calendario delle eventuali prove scritte e/o pratiche e della durata delle stesse; e) fissazione del calendario indicativo delle prove orali e della durata delle stesse; f) svolgimento delle prove scritte e/o pratiche; g) esame delle domande di concorso ai fini della valutazione dei titoli; h) valutazione delle prove scritte e/o pratiche, formulazione del giudizio sulle stesse ed assegnazione del relativo punteggio. Ammissione alla eventuale prova orale; i) svolgimento della prova orale ed assegnazione dei relativo punteggio; j) formazione della graduatoria di merito e di quella dei vincitori del concorso. La Commissione esaminatrice, a pena di nullità, opera alla presenza di tutti i suoi componenti. La Commissione delibera a maggioranza di voti e le votazioni avvengono in forma palese e contemporanea e non è ammessa l'astensione. I componenti della Commissione possono assentarsi, alternativamente, solo durante lo svolgimento delle prove scritte, purché sia assicurata la costante presenza di almeno uno di essi. Il Segretario della Commissione ha funzioni di mera verbalizzazione delle riunioni. Redige, sotto la sua responsabilità, i processi verbali, descrivendo tutte le fasi del concorso. Non partecipa col proprio giudizio ad alcuna delle decisioni della Commissione. Egli deve custodire gli atti del concorso ed eseguire le disposizioni impartite dalla Commissione. 6

7 2.9 VERBALI DELLA COMMISSIONE Di tutte le operazioni di concorso, di ciascuna seduta, compreso lo svolgimento delle prove e delle decisioni prese dalla Commissione esaminatrice, il Segretario provvede a redigere un processo verbale dal quale devono risultare descritte tutte le fasi del concorso, che verrà sottoscritto da tutti i Commissari e dal Segretario stesso, nonché siglato, in ogni sua facciata, dai medesimi componenti. Ciascun commissario, fermo restando l'obbligo della firma dei verbali del concorso, può far inserire nei medesimi, controfirmandole, tutte le osservazioni in merito a presunte irregolarità nello svolgimento del concorso ed il proprio eventuale dissenso circa le decisioni adottate dagli altri componenti della Commissione. Eventuali osservazioni dei candidati, inerenti allo svolgimento della procedura concorsuale, devono essere formulate con esposto sottoscritto che deve essere allegato al verbale. Al termine dei lavori, i verbali, unitamente a tutti gli atti del concorso sono rimessi al Consiglio di Amministrazione per le conseguenti determinazioni DOMANDE DI AMMISSIONE Le domande di ammissione al concorso, redatte in carta semplice, devono pervenire, entro il termine fissato nel bando/avviso, direttamente a mano o a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, ivi compreso il servizio svolto da corrieri che emettono ricevuta di consegna, con esclusione di qualsiasi altro mezzo, all Ufficio Protocollo dell Azienda che, in caso di consegna diretta, rilascerà apposita ricevuta. Il termine per la presentazione delle domande è perentorio. L Azienda non assume responsabilità per la dispersione delle domande o di comunicazione dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione, né per eventuali disguidi o ritardi postali, o disguidi imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore. La domanda, sottoscritta dal candidato a pena di nullità, deve essere redatta secondo lo schema che viene allegato al bando di concorso. Alla domanda di ammissione i concorrenti devono allegare la documentazione, le dichiarazioni e tutte le certificazioni indicate nel bando, anche attraverso dichiarazioni sostitutive di certificazione previste dall'art. 46 del D. P. R. 28 dicembre 2000 n AMMISSIONE ED ESCLUSIONE DEI CONCORRENTI L Ufficio Protocollo riceve le domande di ammissione e le trasmette alla Commissione, tramite il Segretario. La Commissione accerta se la domanda è pervenuta nei termini e se la documentazione è conforme alle norme del bando/avviso. Il relativo verbale riporterà: a) il numero delle domande trasmesse; b) il numero delle domande ritenute regolari; c) il numero delle domande per le quali si decide di procedere a richiedere l'eventuale regolarizzazione dei documenti; d) il numero e i soggetti relativi alle domande per le quali non esistono gli estremi per la ammissibilità al concorso/selezione, indicando per ognuna le motivazioni. L'ammissione al concorso/selezione è inoltre preceduta dall'istruttoria delle domande che consiste nella verifica del possesso dei requisiti previsti dal bando come indispensabili per la partecipazione. Sono sanabili soltanto le seguenti irregolarità od omissioni nei documenti di rito: 1) omissione o incompletezza di una o più dichiarazioni di quelle richieste circa il possesso dei requisiti generali di cui all articolo 1.2 del presente Regolamento; 2) produzione di copie di documenti richiesti per l'ammissione non regolarmente autenticate. La sanatoria delle irregolarità avviene, entro il termine fissato dalla Commissione, a pena di decadenza, a mezzo di: a) produzione di nuova istanza completa degli elementi mancanti, per le irregolarità di cui al punto 1); b) produzione dei titoli in copia conforme per le irregolarità di cui al punto 2). 7

8 Il provvedimento di esclusione, motivato, deve risultare nei verbali e deve essere comunicato al candidato con lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro trenta giorni dall'esecutività della relativa decisione VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PROVE D'ESAME I concorsi per esami consistono in una prova scritta e una prova orale e/o in prove pratiche; nei casi in cui l'assunzione avvenga mediante concorso per titoli ed esami, la valutazione dei titoli avviene con i criteri elencati nel bando di concorso ed in relazione alla specificità del posto da ricoprire CRITERI DI VALUTAZIONE DEI TITOLI Nei concorsi per titoli ed esami, la valutazione dei titoli avviene con i criteri ed i punteggi elencati nel bando di concorso ed è effettuata dopo le prove scritte/orali/pratiche. I titoli sono suddivisi in quattro categorie: a) titoli di carriera; b) titoli di accademici e di studio; c) pubblicazioni e titoli scientifici; d) curriculum formativo e professionale (previsto per la copertura di posti di particolare responsabilità ed impegno professionale). Sono presi in considerazione solo i titoli risultanti da certificati redatti a norma di legge ovvero quelli rientranti nei casi ammessi per la dichiarazione sostitutiva di certificazione ex D.P.R. 445/2000. I punti disponibili per i titoli di servizio (carriera) saranno assegnati in relazione alla natura ed alla durata del servizio già svolto e saranno specificati nel bando/avviso. Qualora non sia possibile identificare le mansioni o la natura del servizio, viene attribuito sempre il punteggio minimo previsto dal bando per la valutazione dei periodi di lavoro. I punti disponibili per i titoli di studio e titoli scientifici sono assegnati tenendo conto delle seguenti categorie: a. abilitazioni professionali attinenti alle funzioni del posto messo a concorso; b. corsi di perfezionamento in materia o servizio attinenti alle funzioni del posto messo a concorso; c. diploma di istruzione di scuola media superiore qualora non costituisca requisito di ammissione; d. diploma di laurea, qualora non costituisca requisito di ammissione, dottorati e assegni di ricerca; e. diplomi professionali e patenti speciali, qualora non costituiscano requisito di ammissione; f. pubblicazioni. Qualora il bando di concorso richieda anche il curriculum professionale, in questa categoria vengono valutate le attività professionali e di studio, formalmente documentate, non riferibili a titoli già valutati nelle precedenti categorie, idonee ad evidenziare ulteriormente il livello di qualificazione professionale acquisito nell'arco dell'intera carriera e specifiche rispetto alla posizione funzionale da conferire. In tali categorie rientrano anche le affinità di partecipazione a corsi per i quali è previsto il rilascio di attestato di frequenza. La valutazione deve privilegiare gli attestati di profitto rispetto a quelli di mera frequenza CONTENUTI DELLE PROVE La prova scritta può essere costituita dalla elaborazione di un tema, di una relazione, di uno o più pareri, da più quesiti a risposta sintetica o a risposta multipla, tra le quali il concorrente deve scegliere quella esatta in un tempo prestabilito. La prova orale consiste in un colloquio individuale sulle materie indicate nel bando. Le prove pratiche consistono in prove tecniche/operative o comportamentali, legate alla mansione oggetto del bando/avviso. 8

9 2.15 CALENDARIO DELLE PROVE Il calendario delle prove, la cui data di effettuazione può anche essere stabilita già in sede di bando, sarà pubblicato sul sito Internet dell Azienda e nella Bacheca Aziendale. I candidati devono essere avvisati del luogo e della data delle prove con le modalità indicate nel bando PREFERENZA A PARITÀ DI MERITO A parità di merito non si applicheranno meccanismi di preferenza, ma si procederà ad una ulteriore valutazione dei candidati tramite colloquio individuale APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA La graduatoria di merito dei candidati è formata secondo l'ordine dei punti della votazione complessiva riportata da ciascun candidato. La graduatoria concorsuale finale viene approvata dall Amministratore Delegato ed è pubblicata nella Bacheca Aziendale e sul sito Internet aziendale. Con l'approvazione della graduatoria finale vengono proclamati i vincitori: sono tali coloro che, nel limite dei posti messi a concorso, sono utilmente collocati nella graduatoria di merito. Qualora, per intervenute e/o mutate esigenze, la Società abbia necessità di procedere ad un potenziamento dell'organico, può disporre, prima dell'approvazione della graduatoria concorsuale, con provvedimento motivato, l'aumento dei posti inizialmente messi a concorso ACCESSO AGLI ATTI CONCORSUALI E' consentito l'accesso a tutti gli atti a rilevanza esterna della procedura concorsuale, salva la possibilità per la Società di differire in tutto od in parte l'accesso al termine della procedura concorsuale per consentire la celerità del procedimento concorsuale o per altri giustificati motivi. I verbali della commissione giudicatrice possono costituire oggetto di richiesta di accesso da parte di coloro che hanno un interesse concreto e personale per la tutela di posizioni giuridicamente rilevanti. La tutela della riservatezza dell'autore non può giustificare il diniego di accesso agli elaborati dello stesso, poiché tali elaborati sono redatti proprio per essere sottoposti al giudizio altrui nella competizione concorsuale. I portatori di interessi diffusi non sono legittimati a chiedere visione e copia degli elaborati di procedure concorsuali, poiché il procedimento concorsuale coinvolge immediatamente le situazioni soggettive di coloro che partecipano alla selezione e non anche interessi superindividuali di associazioni o comitati, la cui tutela rientri nei loro fini istituzionali. 3 RECLUTAMENTO DEL PERSONALE TRAMITE SOCIETÀ DI LAVORO INTERINALE 3.1 FASI DEL PROCEDIMENTO DI RECLUTAMENTO TRAMITE SOCIETÀ DI LAVORO INTERINALE Il procedimento di reclutamento tramite società di lavoro interinale è costituito dalle seguenti fasi: 1.Indizione da parte del Consiglio di Amministrazione della selezione per ricerca del personale 2.Selezione di Agenzia di lavoro interinale con procedura in linea con il Regolamento aziendale per l acquisizione di servizi 3. Nomina della Commissione esaminatrice con i medesimi criteri applicati per la selezione ad evidenza pubblica (vedi punto 2.7), composta però in questo caso esclusivamente dal Responsabile dell Unità aziendale per la quale si procede alla selezione del personale, dal Responsabile della gestione del personale e da un dipendente aziendale con funzioni di Segretario. 9

10 Nel caso in cui si proceda alla selezione per posizione interna all area gestione del personale, oltre al responsabile d area, il Consiglio di Amministrazione provvede a nominare un ulteriore membro della Commissione. 4. Valutazione dei candidati in base ai criteri determinati dal Consiglio di Amministrazione di concerto con il Responsabile d area per la quale si procede a selezionare il personale. 5. Analisi comparativa finalizzata alla formazione di una graduatoria di idonei, tenendo conto dell esperienza posseduta dall aspirante, del titolo di studio posseduto e dell attitudine ad eseguire le mansioni oggetto della selezione. 6. Approvazione della graduatoria da parte del Consiglio di Amministrazione e proclamazione dei vincitori. Sulla base della graduatoria di idonei, formata dalla Commissione di valutazione, e in relazione alla qualità e numero di contratti atipici da stipulare, alla durata del periodo e ad al tipo di mansioni da espletare, il Consiglio di Amministrazione deciderà se procedere alla contrattualizzazione dei primi classificati in graduatoria o adottare un criterio di rotazione fra tutti gli idonei. 4 SELEZIONE DEI CURRICULA La GRAN SASSO ACQUA S.p.A. può procedere a selezionare il personale tramite la comparazione dei curricula dei candidati. Il procedimento di reclutamento tramite la suddetta modalità è costituito dalle seguenti fasi: 1. Indizione da parte del Consiglio di Amministrazione della selezione per ricerca del personale 2. Nomina della Commissione esaminatrice con i medesimi criteri applicati per la selezione tramite società di lavoro interinale (vedi punto 3.1) 3. Reperimento dei curricula acquisiti dall Ufficio Protocollo nei 6 (sei) mesi precedenti rispetto alla data di indizione della selezione presenti in protocollo aziendale e inseriti nel settore indicato (amministrativo, tecnico, operativo) 4. Valutazione dei candidati in base ai criteri determinati dal Consiglio di Amministrazione di concerto con il Responsabile d area per la quale si procede a selezionare il personale; ove non meglio specificato nell indizione della selezione, la Commissione stabilirà, prima dell esame delle domande, i criteri di attribuzione dei singoli punteggi nei limiti di quanto sopra previsto. 5. Analisi comparativa finalizzata alla formazione di una graduatoria di idonei, tenendo conto dell esperienza posseduta dall aspirante, del titolo di studio posseduto e dell attitudine ad eseguire la mansione oggetto della selezione. Ai fini della formazione della graduatoria, la società, oltre all esame dei curricula, si riserva la possibilità di effettuare prova scritta e/o colloquio e/o prova pratica, secondo criteri indicati dal Consiglio di Amministrazione che stabilirà nell atto di indizione anche i punteggi da assegnare a dette prove. 6. Approvazione della graduatoria da parte del Consiglio di Amministrazione e proclamazione dei vincitori. Sulla base della graduatoria di idonei, formata dalla Commissione di valutazione, e in relazione alla qualità e numero di contratti atipici da stipulare, alla durata del periodo e ad al tipo di mansioni da espletare, il Consiglio di Amministrazione deciderà se procedere alla contrattualizzazione dei primi classificati in graduatoria o adottare un criterio di rotazione fra tutti gli idonei. 5 GRADUATORIA Al termine di tutte le procedure di ricerca e selezione del personale sopra regolamentate, la Commissione Esaminatrice redige la graduatoria che viene approvata dal Consiglio di Amministrazione e che rimarrà efficace per un anno dalla data di approvazione della stessa per l'eventuale copertura di posti della medesima categoria e profilo professionale che dovessero rendersi vacanti e disponibili successivamente. Il Consiglio di Amministrazione potrà prorogare l efficacia della graduatoria. La GAN SASSO ACQUA S.P.A. potrà, senza perciò esserne obbligata, procedere a nuove assunzioni a tempo determinato o indeterminato attingendo alla predetta graduatoria. 10

11 Ai dipendenti assunti con contratto a tempo determinato, alla scadenza dello stesso, sarà redatto a cura del Responsabile dell Unità nel quale i medesimi sono stati impiegati, un verbale di valutazione della prestazione lavorativa. I dipendenti che, nel suddetto verbale, riportano una valutazione positiva, restano in graduatoria e possono essere tenuti in considerazione nel caso la GRAN SASSO ACQUA S.P.A. debba procedere a successive ulteriori assunzioni a tempo determinato o debba procedere ad assunzioni con contratto a tempo indeterminato per gli stessi profili professionali oggetto del contratto a tempo determinato, senza la necessità di espletare una ulteriore procedura di selezione. Nel caso in cui la valutazione del Responsabile di Unità, opportunamente motivata, risulti negativa, il dipendente a tempo determinato, sarà escluso dalla graduatoria. 6 ASSUNZIONE 6.1 MODALITÀ DI ASSUNZIONE Ai dipendenti che saranno assunti dalla GRAN SASSO ACQUA S.P.A. sarà applicato il CCNL Gas Acqua. Le assunzioni saranno a tempo indeterminato o a tempo determinato. A seguito della stipula del contratto di lavoro, la Società sottoporrà il candidato selezionato ad accertamenti medici di controllo in base alla normativa vigente. L esito negativo dei suddetti accertamenti comporta la risoluzione del contratto di lavoro per mancato superamento del periodo di prova. Per quanto riguarda, invece, le assunzioni di personale con contratto a termine o con contratto di inserimento o apprendistato, il ricorso a tali contratti dovrà rispettare le previsioni del CCNL di categoria e del presente regolamento. 6.2 ASSUNZIONI OBBLIGATORIE Le assunzioni obbligatorie dei soggetti di cui alla L. 12 marzo 1999 n. 68 e relativo Regolamento di esecuzione D.P.R. 10 ottobre 2000 n. 333, avvengono, per le categorie per le quali si richiesto un titolo di studio non superiore a quello della scuola dell obbligo facendo salvi gli eventuali ulteriori requisiti per specifiche professionalità per chiamata numerica degli iscritti nelle liste di collocamento sulla base delle graduatorie stabilite dalla Direzione Provinciale per l impiego di L Aquila. 7 DEROGHE 7.1 RISERVE La si riserva, in qualsiasi momento della procedura, la facoltà insindacabile di non procedere con le assunzioni indicate nel bando/avviso di selezione e ricerca del personale o nei documenti aziendali di indizione da parte del Consiglio di Amministrazione di una procedura di ricerca del personale. 7.2 ASSUNZIONI URGENTI A TEMPO DETERMINATO In casi di assoluta ed oggettiva urgenza il Consiglio di Amministrazione, con propria delibera, può procedere all assunzione di personale a tempo determinato senza l espletamento della procedura di selezione per curricula. L urgenza e l impossibilità di procedere alla selezione debbono essere obbligatoriamente ed esplicitamente motivate. 11

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Regolamento per la disciplina dei Concorsi

Regolamento per la disciplina dei Concorsi REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CONCORSI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO pag. 1 INDICE Art. 1 - Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Riserva

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Art.1 Modalità di accesso

Art.1 Modalità di accesso REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I PROCEDIMENTI DI SELEZIONE ED ASSUNZIONE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SIENA (Emanato con D.R. n. 418/Uff. Concorsi del 24 aprile 2001,

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato

Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato Avviso pubblico per la selezione per titoli e colloqui per l assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato IL DIRETTORE GENERALE Premesso che: Puglia Sviluppo S.p.A. è

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

LAZIODISU. BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 4 POSTI DI OPERATORE INFORMATICO, cat. B3.

LAZIODISU. BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 4 POSTI DI OPERATORE INFORMATICO, cat. B3. LAZIODISU BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER LA COPERTURA DI N. 4 POSTI DI OPERATORE INFORMATICO, cat. B3. Visti: il D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165; il D.P.R. 9 maggio 1994 n. 487; il D.P.R

Dettagli

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Unione dei Comuni dell Anglona e della Bassa Valle del Coghinas Bulzi - Chiaramonti Erula Laerru Martis Nulvi - Perfugas S.M. Coghinas Sedini - Tergu - Valledoria - Viddalba

Dettagli

E INDETTA. Art. 1. Articolo 2

E INDETTA. Art. 1. Articolo 2 Direttore: Prof. Filippo Rossi Fanelli SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (CO.CO.CO.) PER LE ESIGENZE DEL CENTRO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, di mobilità regionale ed interregionale tra Aziende ed Enti del Servizio Sanitario, per la copertura

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

TITOLO I - Modalità di assunzione agli impieghi, requisiti di accesso, modalità concorsuali. Capo I - Modalità di assunzione agli impieghi.

TITOLO I - Modalità di assunzione agli impieghi, requisiti di accesso, modalità concorsuali. Capo I - Modalità di assunzione agli impieghi. TITOLO I - Modalità di assunzione agli impieghi, requisiti di accesso, modalità concorsuali. Capo I - Modalità di assunzione agli impieghi. Art. 1 Gestione associata delle procedure di reclutamento del

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni concernenti lo Statuto degli impiegati civili

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto):

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto): Prot. n. di data Riservato all Ufficio Al Direttore Generale dell'università degli Studi di Trieste Ripartizione Reclutamento e Formazione Piazzale Europa, 1-34127 Trieste Il/la sottoscritto/a chiede di

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) DISCIPLINA DEI CONCORSI E DI ALTRE PROCEDURE DI ASSUNZIONE (Approvata con delib. G.C. n. 57 del 31/3/1998 e modificata con delibb. G.C. n. 127 del 2/5/2001,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DEL PERSONALE DISCIPLINA DEI CONCORSI E DELLE ALTRE PROCEDURE DI ASSUNZIONE

REGOLAMENTO ORGANICO DEL PERSONALE DISCIPLINA DEI CONCORSI E DELLE ALTRE PROCEDURE DI ASSUNZIONE REGOLAMENTO ORGANICO DEL PERSONALE DISCIPLINA DEI CONCORSI E DELLE ALTRE PROCEDURE DI ASSUNZIONE Art. 1- Norme di riferimento Le procedure per l'assunzione del personale sono stabilite dal presente regolamento

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA (PROVINCIA DI TEMPIO-OLBIA) REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI IMPIEGHI Articoli 97, 117, sesto comma e 118, commi primo e secondo, della Costituzione; Articoli 3, comma 4; 7

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA: STRUTTURA SEMPLICE Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

D.D. n. 245 del 11 settembre 2014

D.D. n. 245 del 11 settembre 2014 D.D. n. 245 del 11 settembre 2014 Concorso pubblico, per titoli ed esami, ad un posto di Ricercatore III livello - con contratto di lavoro a tempo determinato, nell ambito del progetto di ricerca Premiale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

COMUNE DI MODENA C O R S O C O N C O R S O

COMUNE DI MODENA C O R S O C O N C O R S O PROT. N. 366 COMUNE DI MODENA C O R S O C O N C O R S O P E R S O L I E S A M I P E R L A C O P E R T U R A D I N. 1 P O S T O N E L P R O F I L O P R O F E S S I O N A L E E P O S I Z I O N E D I L AV

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli