AERONAUTICA MILITARE NORME DI VITA INTERNA MANUALE DELL ALLIEVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AERONAUTICA MILITARE NORME DI VITA INTERNA MANUALE DELL ALLIEVO"

Transcript

1 AERONAUTICA MILITARE COMANDO SCUOLE / 3 a R.A. NORME DI VITA INTERNA MANUALE DELL ALLIEVO DELLA SCUOLA MILITARE AERONAUTICA G. DOUHET Edizione 2010

2 II

3 ATTO DI APPROVAZIONE Approvo la pubblicazione: Norme di vita interna / Manuale dell allievo della Scuola militare aeronautica G. Douhet Edizione settembre 2010 La presente entra in vigore in data 15 settembre Bari, firmato IL COMANDANTE DELLE SCUOLE DELL A.M./3 a R.A. (Gen. S.A. Pasquale PREZIOSA) III

4 IV

5 SPECCHIO DI DISTRIBUZIONE distribuzione esterna distribuzione interna V

6 VI

7 REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E VARIANTI D A T A N PROTOCOLLO DI ENTRATA DI IN VIGORE REGISTRAZIONE 1 M-D.ABA001 SM del 27/04/ FIRMA DI CHI HA APPORTATO LA VARIANTE VII

8 VIII

9 RIFERIMENTI NORMATIVI D.Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell ordinamento militare ; Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di ordinamento militare; D.P.R. 249 del 24 giugno 1998 Statuto delle studentesse e degli studenti Decreto Ministeriale N. 212 del 15 maggio 2006; Norme di Funzionamento della Scuola militare aeronautica G. Douhet ed. 2009; SMA-ORD 030: Istruzioni per il personale militare dell A.M. in tema di parità di trattamento. IX variante 1

10 X

11 INDICE ATTO DI APPROVAZIONE ELENCO DI DISTRIBUZIONE REGISTRAZIONE DELLE AGGIUNTE E VARIANTI RIFERIMENTI NORMATIVI III V VII IX Prefazione pag. 1 La Scuola militare aeronautica pag. 2 - Presentazione della Scuola pag. 3 - Distintivo pag. 3 - Motto pag. 4 - Denominazione dei Corsi pag. 5 - Intitolazione della Scuola pag. 6 - Principali Eventi pag. 7 PARTE PRIMA LA FORMA MILITARE CAPITOLO I Inquadramento 1. Inquadramento dei Corsi pag Comandante della Scuola pag Comandante del Comando Corsi pag Comandante di Corso pag Ufficiali addetti all inquadramento pag Scelti pag Ufficiale di Guardia agli Allievi pag. 12 CAPITOLO II Rapporti tra militari - disciplina 1. Doveri degli Allievi pag Il senso di lealtà pag Rapporti tra gli Allievi pag Anzianità pag Saluto pag Allievi a rapporto pag Uniformi pag. 17 CAPITOLO III - Sanzioni disciplinari - lettura comunicazioni e punizioni 1. Provvedimenti disciplinari scolastici pag Sanzioni disciplinari militari pag Doveri degli Allievi puniti pag Provvedimenti provvisori a titolo precauzionale pag Lettura comunicazioni e punizioni pag. 20 CAPITOLO IV - Compiacimenti - segni di distinzione e distintivi di merito 1. Compiacimenti pag Tipologia dei segni di distinzione e distintivi di merito pag Segni di distinzione pag Scelti pag Capo Corso e Capo Classe pag Distintivi di merito pag. 24 XI variante 1

12 PARTE SECONDA CURA DELLA PERSONA E DELL UNIFORME CAPITOLO I Cura della persona 1. Cura della persona pag Abbigliamento civile pag Barberia / Parrucchiere pag Sostanze stupefacenti pag Divieto di fumare pag Bevande alcoliche pag. 30 CAPITOLO II Cura del materiale e dell uniforme 1. Cura del materiale in dotazione pag Conservazione del corredo pag Capi di corredo da rinnovare pag Lavanderia pag Riparazione scarpe e sartoria pag. 32 PARTE TERZA NORME DI COMPORTAMENTO E DI CONTEGNO CAPITOLO I Comportamento dell Allievo 1. Principi ispiratori pag Azione educativa pag Rapporti interpersonali pag Contegno pag Molestie pag. 36 CAPITOLO II Comportamento in cameretta 1. Norme a carattere generale pag Operazioni del mattino pag Operazioni serali pag Norme a carattere particolare pag Responsabilità del più anziano pag. 39 CAPITOLO III Comportamento a mensa 1. Inizio mensa pag Comportamento a mensa pag Fine mensa pag. 41 CAPITOLO IV Comportamento in aula 1. Generalità pag Inizio dello studio pag Fine dello studio pag Cura del materiale didattico pag Inizio delle lezioni pag Comportamento durante le lezioni pag Assenza improvvisa dell insegnante pag Disciplina e comportamento durante le interrogazioni pag Rapportino delle lezioni pag Prescrizioni in caso di espulsione dall aula pag Intervallo fra le lezioni pag. 45 XII

13 12. Biblioteca pag. 45 CAPITOLO V Ricreazione 1. Comportamento nelle sale di ricreazione pag Refezione pag Strumenti musicali, radio, televisione, lettore dvd e giochi pag. 47 CAPITOLO VI Trasferimenti interni - Disposizioni generali pag. 49 CAPITOLO VII Libera Uscita 1. Disposizioni generali pag Adunata per libera uscita pag Rientro dalla libera uscita pag. 51 CAPITOLO VIII - Detenzione di denaro e oggetti di valore 1. Generalità pag Ricezione di denaro pag Oggetti di valore pag. 53 CAPITOLO IX Contegno esterno 1. Comportamento a diporto in uniforme pag Uso di autovetture private, motociclette, scooter, motorini e biciclette pag Uniforme pag Tenuta dello spadino pag Uso del copricapo e dei guanti nei locali pubblici pag. 55 CAPITOLO X Spettacoli cinematografici, teatrali e musicali 1. Disposizioni generali pag Contegno pag. 57 CAPITOLO XI Percorsi in autobus 1. Contegno sugli autobus pag Posti riservati pag. 59 PARTE QUARTA SVOLGIMENTO ATTIVITÀ GIORNALIERE CAPITOLO I Adunate 1. Generalità pag Adunata del mattino pag Alzabandiera pag Adunata serale pag. 63 CAPITOLO II Assistenza Sanitaria 1. Visita medica pag Comportamento in infermeria pag Provvedimenti sanitari pag Ricovero in infermeria pag Visite specialistiche pag. 66 XIII

14 PARTE QUINTA LICENZE E PERMESSI CAPITOLO I Licenze 1. Generalità pag Licenze previste pag Licenze speciali pag Doveri degli Allievi che si recano in licenza pag Licenze in località diverse da quella di residenza della famiglia pag Proroghe pag Malattia pag Doveri degli Allievi che si recano in licenza all estero pag. 70 CAPITOLO II Permessi e pernottamenti fuori sede 1. Concessione di permessi e pernotti pag Norme di comportamento pag. 73 PARTE SESTA ATTIVITÀ RICREATIVA CAPITOLO I Commissioni e comitati 1. Commissioni del Corso pag Comitato di redazione per il giornalino della Scuola pag Assemblea del Corso pag Feste danzanti pag. 78 CAPITOLO II Attività ginnico-sportiva 1. Generalità pag Competizioni individuali, collettive ed esterne pag. 79 CAPITOLO III Uso apparati elettronici - Computer, apparecchi audiovisivi, stereo, piccoli elettrodomestici pag. 81 PARTE SETTIMA ATTIVITA VARIE CAPITOLO I Visite 1. Generalità pag Contegno degli Allievi pag Disposizioni particolari pag. 85 CAPITOLO II Corrispondenza. 1. Spedizione corrispondenza pag Ritiro corrispondenza pag. 87 CAPITOLO III Assistenza spirituale Supporto psicologico 1. Disposizioni Generali pag Assistenza spirituale pag Supporto psicologico pag. 89 ALLEGATI XIV

15 Allegato A Norme di funzionamento della Scuola militare aeronautica G. Douhet - Stralcio Allegato B del D.P.R. 24 Giugno 1998, nr. 249 Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria. - Stralcio pag. 93 pag. 95 XV

16 PREFAZIONE Il presente documento raccoglie alcune importanti direttive che mirano a regolamentare le varie attività quotidiane degli Allievi della Scuola militare aeronautica G: Douhet allo scopo di fornire ad essi ed al personale preposto alla loro formazione un indirizzo generale sulle principali regole di comportamento da adottare presso la Scuola. Con l ingresso alla Scuola militare aeronautica Giulio Douhet, i giovani allievi manifestano la propria consapevole adesione ai valori morali che contraddistinguono le istituzioni militari e aeronautiche in particolare. Le norme contenute nella presente pubblicazione intendono, pertanto, costituire un orientamento per questi giovani che si apprestano per la prima volta ad affrontare la vita militare. Al compimento del quindicesimo anno di età l Allievo contrae l arruolamento volontario di tre anni per portare a termine il corso di studi prescelto tra i due indirizzi del Liceo Classico e del Liceo Scientifico. Nel contesto didattico/formativo in cui l Allievo trova le migliori condizioni per una serena crescita fisica, umana e culturale, la Scuola, anche attraverso la regolamentazione delle piccole attività giornaliere, intende alimentare in loro la consapevolezza della propria autostima, nell osservanza dei principi fondamentali del vivere civile, quali il senso del dovere e della responsabilità, della lealtà e dell onestà intellettuale, del rispetto della persona, del confronto dialettico e della condivisione delle risorse intellettive. 1

17 2

18 LA SCUOLA MILITARE AERONAUTICA GIULIO DOUHET La Scuola militare aeronautica Giulio Douhet ha sede a Firenze, nel cuore del parco delle Cascine. Costituita nel 2005 ha sede all interno delle strutture realizzate, a metà degli anni 30, per ospitare il Comando del Genio Aeronautico, nel contesto di un più vasto ed ambizioso progetto col quale si intendeva fare di Firenze, la città dell aviazione. La Scuola Douhet è un istituto di istruzione secondaria di secondo grado dell Aeronautica Militare che si propone di realizzare le migliori condizioni per una serena e bilanciata crescita dei giovani, non solo dal punto di vista culturale, ma anche morale, fisico e di carattere. Essa si propone di perseguire una formazione umanistica e scientifica di primo livello, in aderenza ai curricula ministeriali previsti per il triennio conclusivo del Liceo Classico e Scientifico. Il contesto aeronautico in cui essa si inquadra delinea una cornice di tipo militare, supportata da attività sportive ed istruzione a carattere aeronautico, che include anche l attività di volo. Le attività didattiche, sviluppate a tempo pieno con modalità di tipo college, richiedono inoltre la realizzazione di una forte interazione tra l ambiente scolastico e la più vasta comunità sociale e civica, anche in considerazione della collocazione della sede nella città di Firenze. La Scuola è finalizzata a creare ottimi cittadini e potenziali leader di primo piano nella società e nel mondo del lavoro, a prescindere dal futuro progetto di vita di ciascuno, sia all interno della amministrazione pubblica, militare in particolare, sia nell ambito privato. La Scuola svolge i programmi di studio stabiliti dagli ordinamenti vigenti per gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado integrati con insegnamenti a carattere militare, attività sportiva ed istruzioni a carattere aeronautico. 3

19 La Bandiera d Istituto Con Decreto del Presidente delle Repubblica del 20 Marzo 2007, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha decretato, su proposta del Ministro della Difesa, Arturo Parisi, la concessione della Bandiera di Istituto militare alla Scuola militare aeronautica Giulio Douhet di Firenze. La Bandiera è stata consegnata alla Scuola il giorno 12 Maggio 2007, in Piazza Santa Croce a Firenze, durante la cerimonia del Giuramento del Corso Astro. Distintivo Il distintivo della Scuola raffigura, su uno sfondo blu cobalto, alcuni elementi che rappresentano le caratteristiche salienti dell Istituto: un aquila e relativa costellazione, con riferimento alla tradizione araldica dell Aeronautica Militare; un libro aperto che riporta una penna d oca ed un compasso, ad indicare gli strumenti attraverso i quali si compie la missione formativa ed educativa 4

20 dell Istituto, nonché i corsi di studio liceo scientifico e liceo classico che vi si svolgono; infine il giglio rosso, emblema della città di Firenze, che ospita la Scuola. Motto P e r s c i e n t i a m a d a s t r a : il motto vuole sottolineare la missione assegnata alla Scuola: attraverso lo studio e la conoscenza è possibile raggiungere vette altissime. Questo è l obiettivo della Scuola: formare giovani cittadini con una cultura solida affinché possano raggiungere mete elevate. Denominazione dei Corsi Sin dalla costituzione della Scuola (2006) ciascun corso è identificato con nomi che richiamano figure mitologiche o corpi celesti nell intento di rinsaldare tra gli allievi lo spirito di corpo ed i sentimenti di appartenenza. La denominazione segue un ordine progressivo alfabetico. Questi i nomi dei Corsi che contraddistingueranno, negli anni, gli allievi della Scuola: ASTRO; BORA; CRONO; DARDO; ESPERO; FIDES; GHIBLI; IRIS; LYRA; MITO; NADIR, OMEGA, PERSEO, RIGEL, SIRIO, TAURUS, URSA, VEGA, ZENIT. A ciascun Corso viene, inoltre, attribuito un colore, iniziando dal giallo, per proseguire col rosso, il verde ed il blu, e poi riprendere nuovamente dal giallo. Ogni Corso realizza, infine, il proprio logo che, riportato su di un gagliardetto, verrà ufficialmente affidato al Corso durante la cerimonia di Giuramento. Questo gagliardetto viene conservato nell Ufficio del Comandante di Corso e poi, a perenne ricordo, viene custodito dalla Scuola militare aeronautica G. Douhet. 5

21 Intitolazione della Scuola La Scuola è intitolata al Generale Giulio Douhet, nato a Caserta nel 1869 ed in un primo tempo ufficiale dell Esercito. Fu assegnato al Servizio aereo nel 1911 e fu comandante, dal 1912 al 1915, del primo battaglione di aviatori costituitosi in Italia. Nel 1918 fu nominato Direttore Generale del Commissariato dell Aviazione. Nel 1921 fu promosso Generale di Brigata ma lasciò il servizio per dedicarsi interamente alle sue riflessioni sul potere aereo ed agli studi strategici. Morì il 15 Febbraio 1930, dopo aver dedicato tutto se stesso a teorizzare il valore dell Arma Aerea come strumento indipendente. È sepolto a Roma nel cimitero del Verano. Il Generale Giulio Douhet resta una delle più grandi figure di studioso del potere aereo che gli viene ampiamente attribuita soprattutto nel mondo anglosassone. Tale riconoscimento è legato al rilievo che ebbe un suo saggio intitolato Il dominio dell Aria, nel quale egli sostiene la forza risolutiva dell aviazione nei conflitti futuri e ne illustra le modalità di impiego e le implicazioni strategiche. 6

22 I Principali eventi L anno scolastico è caratterizzato da molteplici avvenimenti che segnano le tappe fondamentali nella formazione e nella crescita degli Allievi. Inaugurazione dell anno scolastico e consegna dello Spadino agli Allievi del 1 Corso Lo spadino, è l emblema degli Allievi delle Scuole Militari, viene consegnato ai frequentatori del 1 Corso dagli Allievi del 2 Corso e ne segna il definitivo ingresso nella Scuola. Durante la cerimonia agli Allievi meritevoli vengono consegnati i distintivi di merito e borse di studio. Il Librone Gli Allievi del 2 Corso consegnano agli Allievi del 1 Corso gli attrezzi del mestiere : il Librone, con un messaggio che gli allievi più anziani indirizzano ai nuovi arrivati; la Penna d oca, quale attrezzo del liceo classico; il Compasso, quale attrezzo del liceo scientifico. I preziosi cimeli, dopo essere stati solennemente affidati al Corso, vengono orgogliosamente custoditi presso l ufficio del Comandante del 1 Corso. 7

23 Festa di Natale Prima della pausa natalizia gli Allievi (del 2 Corso) organizzano la Festa di Natale, evento che permette ai frequentatori di cementare lo Spirito di Corpo e consente agli Allievi del 2 Corso di mostrare agli Allievi del 1 Corso la Scuola in una veste più informale e divertente. Giuramento Il Giuramento è l evento culminante nella formazione militare dell Allievo e ne segna il definitivo ingresso nella Forza Armata. Nel corso della stessa cerimonia ha luogo anche il Battesimo del 1 Corso, con la consegna del Gagliardetto al Capo Corso. Mak Π 100 Tra gli eventi della Scuola militare aeronautica previsti nel triennio, ve n è uno particolarmente sentito dagli Allievi ed è quello del MAK Π 100, ovvero la tradizionale festa che negli Istituti Militari sancisce il coronamento del lungo cammino formativo. Essa di massima viene festeggiata a poco meno di 100 giorni dal traguardo finale (da cui l acronimo). 2 Giugno (Festa della Repubblica) La Scuola partecipa con i suoi Allievi alla parata militare del 2 giugno in occasione della festa della Repubblica. È un opportunità unica per confrontarsi in un contesto interforze e consolidare negli allievi l orgoglio di appartenere alla Scuola e alla Forza Armata. 8

24 PARTE PRIMA LA FORMA MILITARE - 9 -

25 - 10 -

26 CAPITOLO I Inquadramento 1. Inquadramento dei Corsi Gli Allievi della Scuola militare aeronautica G. Douhet sono inquadrati nei seguenti Corsi: 1 Corso, suddiviso in 1^ Cl. Liceo Classico, 3^ Cl. Liceo Scientifico; 2 Corso, suddiviso in 2^ Cl. Liceo Classico, 4^ Cl. Liceo Scientifico; 3 Corso, suddiviso in 3^ Cl. Liceo Classico, 5^ Cl. Liceo Scientifico. 2. Comandante della Scuola Il Comandante della Scuola è un Ufficiale Superiore di grado non inferiore a Colonnello, svolge le funzioni di dirigente scolastico e, in tale veste, sovraintende all istruzione e all educazione degli Allievi, esercita l alta direzione delle attività didattiche e promuove e coordina le iniziative ed i progetti, favorendo la collegialità del lavoro comune. Per quanto attiene alle attività didattiche, il Comandante della Scuola, nelle funzioni di dirigente scolastico, risponde ai competenti organi del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, secondo la normativa in vigore per gli istituti d istruzione di secondo grado. 3. Comandante del Comando Corsi Il Comandante del Comando Corsi è un Ufficiale Superiore di grado non inferiore a Tenente Colonnello che dipende direttamente dal Comandante della Scuola. Egli è responsabile della programmazione, direzione, coordinamento e controllo del processo formativo degli Allievi. 4. Comandante di Corso A ciascun Corso è preposto un Ufficiale nel grado di Capitano/Maggiore quale Comandante. Questi è responsabile delle attività quotidiane degli Allievi, della loro educazione etica, militare, aeronautica e ginnico-sportiva. 5. Ufficiali d inquadramento Ad ogni Corso sono assegnati Ufficiali Inferiori. Il personale preposto all inquadramento dipende direttamente dal Comandante del Corso e lo coadiuva nella sua azione formativa. 6. Scelti Gli Allievi del 3 Corso, che si sono distinti per risultati scolastici e militari, vengono nominati "Scelti", con il compito di coadiuvare gli Ufficiali addetti all inquadramento nelle varie attività giornaliere

27 7. Ufficiale di Guardia agli Allievi L Ufficiale di Guardia agli Allievi controlla ed assicura il regolare svolgimento di tutte le operazioni giornaliere, programmate e non, degli Allievi

28 CAPITOLO II Rapporti tra militari - disciplina 1. Doveri degli Allievi Gli Allievi della Scuola G. DOUHET sono militarmente inquadrati ed osservano tutte quelle norme di comportamento formale e di contegno contenute nella presente pubblicazione, proprie del militare in divisa. Essi, fin dall ammissione alla Scuola, traggono i propri diritti, doveri e criteri di comportamento e d azione dal D.Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell ordinamento militare e dal Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di ordinamento militare. Hanno l obbligo di osservare le prescrizioni ed i doveri stabiliti dal Codice Penale Militare e dal Codice dell ordinamento militare. 2. Il senso di lealtà La pronta ammissione delle proprie responsabilità in merito ad una mancanza disciplinare rappresenta preciso dovere di ogni Allievo. Il responsabile di una mancanza deve perciò presentarsi subito al proprio Superiore, dimostrando maturità nel farsi carico delle conseguenze delle proprie azioni. Diversamente, le responsabilità si aggravano notevolmente, potendo coinvolgere anche il Corso che ha consentito al singolo di nascondersi nel gruppo; i colleghi devono perciò intraprendere ogni iniziativa per coinvolgere il colpevole a presentarsi spontaneamente ai Superiori. Il senso di cameratismo non deve mai essere confuso con la complicità o con l omertà. 3. Rapporti tra gli Allievi Gli Allievi devono improntare i loro rapporti alla lealtà, alla generosità e al reciproco rispetto; è d obbligo l uso della lingua italiana. Gli Allievi usano, parlando tra di loro, la seconda persona singolare, ad eccezione dell utilizzo del lei tra gli Allievi del 3 e del 1 Corso. Tra gli Allievi è vietata qualsiasi manifestazione o esternazione, anche se gradita o ricambiata, di affetto o di interesse per la sfera sessuale. Gli Allievi dei Corsi meno anziani portano rispetto ai colleghi dei Corsi più anziani i quali, a loro volta, devono osservare in ogni circostanza una condotta irreprensibile. Gli Allievi più anziani devono dare esempio di correttezza e di maturità agli Allievi più giovani ed aiutarli nel superare eventuali problemi di ambientamento o di altra natura. 4. Anzianità L anzianità e la precedenza per gli Allievi sono stabilite in base al Corso ed alla anzianità relativa. L anzianità dei Corsi della Scuola Douhet è stabilita come segue: 3 Corso 2 Corso 1 Corso All interno di ciascuna classe (Classico e Scientifico) vige l anzianità relativa, che è stabilita in base alla posizione nella graduatoria di merito compilata alla fine di ogni anno scolastico, ad eccezione del 1 Corso, per il quale la graduatoria è stabilita anche al termine del 1 trimestre/quadrimestre variante 1

29 Per gli Allievi del 1 Corso, durante il primo trimestre/quadrimestre, si fa riferimento alle graduatorie del concorso. 5. Saluto Il saluto militare è manifestazione di disciplina e di osservanza dei doveri derivanti dai rapporti gerarchici ed è dovuto, nelle forme prescritte, dal militare in uniforme a tutti i superiori. La forma di saluto prevista per gli Allievi è quella militare. Il saluto costituisce un segno di riguardo al grado e deve essere eseguito in modo impeccabile. Ogni Allievo, indipendentemente dall anzianità, rivolgendosi ad un Superiore si presenta assumendo la corretta posizione di attenti. I militari che per la prima volta si trovino insieme per motivi di servizio devono presentarsi scambievolmente; quando sono di grado diverso si presenta per primo il meno elevato in grado. In particolare, nel presentarsi, l Allievo dovrà far seguire alla propria qualifica di Allievo il proprio cognome ed il Corso di appartenenza. Il militare è sempre consapevole del fatto che gli onori individuali e collettivi sono resi non alla persona del Superiore, ma al grado ed alla funzione che questi rappresenta: il saluto deve essere eseguito volgendo sempre lo sguardo al Superiore. La restituzione del saluto è obbligatoria. a. Allievo isolato Gli Allievi, se isolati, devono salutare gli Ufficiali, i Docenti ed i Sottufficiali. (1) A capo coperto Da fermo, assume la posizione di attenti rivolto verso il Superiore e saluta portando la mano destra al fregio. In movimento, saluta al fregio senza fermarsi, tranne nel caso in cui incontri un Ufficiale Generale al quale il saluto è dovuto sempre da fermo. (2) A capo scoperto Da fermo saluta solamente assumendo la posizione di attenti, mentre in movimento deve anche volgere lo sguardo verso il Superiore cui rende il saluto. (a) Se interpellato da un superiore Quando un Allievo è chiamato da un Superiore deve avvicinarsi prontamente a questi, arrestarsi a tre passi di distanza, assumere la posizione di attenti, salutare e presentarsi. Quando viene accomiatato assume la posizione di attenti, fa un passo indietro con il piede sinistro, saluta, esegue il dietro front e si allontana. (b) Entrando / Uscendo da una stanza ove è presente un superiore Ogni qualvolta un Allievo entra o esce da una stanza ove è presente un Superiore (es. in Biblioteca, in aula studio, etc.) egli deve salutare all ingresso della stessa. (c) Durante l attività ricreativa Durante la ricreazione ogni Allievo deve salutare i Superiori che incontra, se l attività si sta svolgendo in una sala o in un aula (es. Circolo Allievi), ove è presente un Superiore, è sufficiente salutare quando si entra o si esce dalla stessa

30 (3) Casi particolari (a) Onori alla Bandiera L'Allievo isolato, in occasione delle cerimonie dell'alzabandiera e dell'ammainabandiera, udendo le prime note dell Inno Nazionale deve arrestarsi, rivolgersi verso la Bandiera, assumere la posizione di attenti e salutare portando la mano destra al fregio. Se la Bandiera non è visibile, l Allievo assume la posizione di attenti con lo sguardo rivolto verso la posizione della Bandiera e rimane sull'attenti fino al termine dell'inno Nazionale. Qualora l Allievo sia a bordo di un autovettura, scende dalla stessa e si comporta come al precedente capoverso. Gli onori alla Bandiera vanno resi anche in borghese rimanendo in posizione eretta. Entrando nell Ufficio del Comandante della Scuola, il saluto va rivolto prima alla Bandiera e, successivamente, al Comandante; il contrario avverrà nel caso dell uscita. (b) Nell'ufficio di un Superiore l'allievo: - entra tenendo la bustina o il berretto con la mano sinistra (il berretto va tenuto per la visiera con l interno appoggiato lungo la gamba); - rende gli onori e si presenta sulla soglia assumendo la posizione di attenti ed aspetta fino a quando il Superiore non lo invita ad entrare. Si porta quindi a tre passi dal Superiore; - rimane sulla posizione di attenti fino a quando gli viene dato il "riposo"; - accomiatato, assume la posizione di attenti, fa un passo indietro, effettua il dietro front e si allontana. (c) L Allievo che si accompagna ad un Superiore deve: - salutare solo i militari cui il Superiore deve il saluto; - non rispondere al saluto che gli altri militari rivolgono al Superiore; - cedergli la destra se da solo con il Superiore. Nel caso in cui vi siano anche altri militari, il più anziano si colloca sempre al centro; alla sua destra il militare che segue in ordine gerarchico; alla sua sinistra il militare immediatamente meno anziano. b. Allievi inquadrati (1) Adunate Durante le adunate devono essere resi gli onori collettivi agli Ufficiali dando il comando di attenti. Gli onori collettivi agli Ufficiali Generali e agli Ufficiali Superiori vengono resi disponendo il Corso con il fronte rivolto verso il Superiore e dando il comando di attenti. L'ordine deve essere impartito dall'allievo che svolge funzioni di comando e sarà lui a salutare militarmente. Agli Ufficiali Generali e al Comandante della Scuola dopo il saluto deve essere presentata la forza inquadrata. Le predette disposizioni non valgono durante le adunate generali a cui partecipano più Corsi

31 (2) Trasferimenti del Corso Se il Corso è fermo, gli onori sono resi come nelle adunate. Qualora il Corso sia in movimento, al passaggio di: - Ufficiali Inferiori saluta solo l Allievo fuori dai ranghi; - Ufficiali Superiori deve essere impartito l ordine di "attenti a..." e contemporaneamente l Allievo fuori dai ranghi saluta; - Ufficiali Generali e del Comandante della Scuola deve essere fermato l inquadramento e presentata la Forza. (3) Onori collettivi Gli onori collettivi vanno sempre resi solo agli Ufficiali Generali, al Comandante della Scuola, al Comandante dei Corsi e, limitatamente agli spazi destinati a ciascun Corso, al Comandante di Corso. La resa degli onori è ordinata dal Capo Corso o dall'allievo più anziano, dallo Scelto o dal Superiore presente, o comunque in tempo utile, da altro Allievo che avesse notato la presenza dell Autorità. Gli Allievi che, pur non essendo inquadrati sentono l ordine di A posto, tutti attenti devono cessare di fare qualsiasi cosa e disporsi in posizione di attenti. Colui che ha dato l ordine deve salutare l Autorità e successivamente ridare il Riposo. (4) Onori collettivi in luoghi particolari (a) Mensa Normalmente gli onori sono resi all'ufficiale più elevato in grado che presiede la mensa, ponendosi sulla posizione di attenti. Durante il pasto gli onori vanno resi solo se entra un Ufficiale Generale o il Comandante della Scuola. (b) Nei corridoi e nelle Aule Nei corridoi e nelle aule, durante l attività ricreativa e di studio, gli onori sono resi ai superiori ponendosi sull attenti, all inizio ed al termine dello studio. La resa degli onori è ordinata dal Capo Corso o dall Allievo più anziano, dallo Scelto o dal Superiore presente, o da un altro Allievo che avesse notato la presenza dell Autorità. Tali onori debbono essere però sempre resi agli Ufficiali Generali, al Comandante della Scuola, al Comandante dei Corsi ed al Comandante di Corso. (c) Nelle aule, durante l attività di lezione All'inizio ed al termine delle lezioni sono resi gli onori agli insegnanti militari e civili. Gli ordini devono essere impartiti dal Capo classe o dall Allievo più anziano. A lezione già iniziata, gli onori vanno resi solo se entra in aula un Ufficiale Generale, il Comandante della Scuola, il Comandante dei Corsi o al Comandante di Corso. (d) Campo sportivo, piscina, palestra Durante l attività sportiva gli onori collettivi sono tributati solo agli Ufficiali Generali ed al Comandante della Scuola: in tal caso, se alla presenza dell Istruttore, l ordine viene impartito da questi a mezzo fischietto, al suono del quale tutti gli Allievi presenti assumono la posizione di attenti

32 (e) In Chiesa Durante la celebrazione di funzioni religiose gli onori sono resi, ponendosi sugli attenti, quando entra il celebrante, nel corso della Consacrazione, al momento della lettura della preghiera dell Aviatore e all uscita del celebrante. 6. Allievi a rapporto Solo i Capi Classe e l Allievo di Giornata possono, per motivi importanti ed urgenti nonché attinenti le aree di propria responsabilità, chiedere di conferire con il Comandante di Corso senza essersi preventivamente messi a rapporto. L Allievo di Giornata compila e consegna all Ufficiale di Guardia, durante l intervallo del mattino, dal lunedì al venerdì, uno statino degli Allievi a rapporto specificando sullo stesso se si tratta di motivi disciplinari (MD) ovvero di motivi personali (MP). In ogni caso l Allievo non può entrare nel Comando di Corso se non preventivamente messo a rapporto. Per mettersi a rapporto con altri Superiori, l Allievo deve seguire la via gerarchica iniziando dal Comandante di Corso, rimanendo poi in attesa di disposizioni. A rapporto dal Comandante di Corso ci si presenta con la bustina nella mano sinistra, con il pollice sul fregio. 7. Uniformi Per recarsi a rapporto dal Comandante della Scuola, l Allievo deve indossare l uniforme ordinaria (da libera uscita), con il berretto nella mano sinistra, tenuto per la visiera

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Allegato D delibera n. 5/2006 REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Il presente Regolamento si articola secondo la struttura

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI Adottato dal Commissario Straordinario con delibera n. 7 del 11/09/2015 INDICE Art. 1 - Soggetti Art. 2 Modalità

Dettagli

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato.

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Regolamento di disciplina Il nostro Regolamento di disciplina è stata elaborata sulla base dello Statuto delle

Dettagli

ORARIO SCOLASTICO Norme generali compiti dell insegnante

ORARIO SCOLASTICO Norme generali compiti dell insegnante REGOLAMENTO PALESTRA La palestra è l'aula più grande e frequentata di ogni scuola ed in essa vi si alternano settimanalmente tutti gli alunni per le attività curricolari ed atleti di società sportive autorizzate

Dettagli

Direzione Didattica Statale 2 Circolo Cortona -Terontola SEDE: Via Dante, 27 TERONTOLA- 52044 -CORTONA (AR) - tel 0575 67033 - fax 0575 67033

Direzione Didattica Statale 2 Circolo Cortona -Terontola SEDE: Via Dante, 27 TERONTOLA- 52044 -CORTONA (AR) - tel 0575 67033 - fax 0575 67033 Direzione Didattica Statale 2 Circolo Cortona -Terontola SEDE: Via Dante, 27 TERONTOLA- 52044 -CORTONA (AR) - tel 0575 67033 - fax 0575 67033 CF: 80006200515 - cod. MIUR: AREE019004 - email: aree019004@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO PALESTRA

REGOLAMENTO UTILIZZO PALESTRA I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E D I C A P O S E L E C O N S E Z I O N I A S S O C I A T E D I C A L A B R I T T O E S E N E R C H I A Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria I grado

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Prot. 6037 del 20/11/2014 REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Estremi approvazione: Collegio dei Docenti: Delibera n 5 del 11/11/2014 Consiglio di Istituto: Delibera n 7 del 18/11/2014 Pag. 1 Premessa Ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO PREMESSA L'uso improprio del cellulare e di altri dispositivi elettronici di comunicazione o di intrattenimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE»

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» Alla luce del nuovo Statuto delle studentesse e degli studenti promulgato con Decreto del Presidente

Dettagli

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELSA MORANTE C.M.RMIC805003 C.F. 971980000586 Via A. Volta, 41-00153 ROMA - /Fax

Dettagli

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9 I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano Allegato n 9 Regolamento delle visite guidate, visite aziendali, stages, viaggi di istruzione, gemellaggi e scambi culturali o connessi allo svolgimento di attività sportive

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI VOLONTARIATO COMUNALE (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 25 del 12/05/2015) REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 FONTI NORMATIVE Ogni docente è tenuto a rispettare quanto contenuto nel contratto di lavoro individuale, nel contratto collettivo AGIDAE, nel Progetto Educativo,

Dettagli

ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE

ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE CASA DI SECONDA ACCOGLIENZA DI CARPI Via Puccini, n. 17-19 ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE Agape di Mamma Nina Ramo ONLUS della Pia Fondazione Casa della Divina Provvidenza, Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto

Dettagli

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI Premessa: nelle situazioni in cui un allievo manca di rispetto ai docenti, al personale e ai compagni, vengono richieste scuse immediate e contemporaneamente viene

Dettagli

Regolamento per l uso dei telefoni cellulari e dispositivi mobili da parte degli alunni

Regolamento per l uso dei telefoni cellulari e dispositivi mobili da parte degli alunni Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it - pec: miic8cy00p@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento della Biblioteca del Liceo Ginnasio E.Q.Visconti

Regolamento della Biblioteca del Liceo Ginnasio E.Q.Visconti Regolamento della Biblioteca del Liceo Ginnasio E.Q.Visconti PREMESSA Il presente regolamento, approvato dal C. d I in data 18 Settembre 2014, ha carattere transitorio, valido fino al completamento dei

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Direzione Generale Decreto n. 460 del 28 Maggio 2008 IL DIRETTORE GENERALE VISTO Il D. L.gs 165/01 ed in particolare il disposto degli artt. 12, 16 lett. f) e 17; VISTO Il DPR 260/2007, in particolare l articolo 7, che prevede

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Premessa I viaggi d istruzione e le visite guidate, intesi quali strumenti per collegare l esperienza scolastica all ambiente esterno nei suoi aspetti

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 29.04.2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali

COMUNE DI SOVERE. Provincia di Bergamo. Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali COMUNE DI SOVERE Provincia di Bergamo Criteri di gestione per la concessione in uso delle palestre comunali ART.1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ 1) I presenti criteri di gestione hanno lo scopo di salvaguardare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI INTEGRAZIONE CULTURALE (VIAGGI D ISTRUZIONE - VISITE GUIDATE)

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI INTEGRAZIONE CULTURALE (VIAGGI D ISTRUZIONE - VISITE GUIDATE) REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI INTEGRAZIONE CULTURALE (VIAGGI D ISTRUZIONE - VISITE GUIDATE) ALLEGATO A ART. 1 Le visite guidate e i viaggi d istruzione per i caratteri d interesse culturale e professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione.

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione. Codice Etico Ducati Premessa Ducati 1 è una realtà a vocazione internazionale che opera all insegna della costante ricerca del primato, nelle piste e nell innovazione tecnologica, così come nel rispetto

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 9 del 09.04.2014

Approvato con delibera di C.C. n. 9 del 09.04.2014 Approvato con delibera di C.C. n. 9 del 09.04.2014 COMUNE DI MORGANO PROVINCIA DI TREVISO Sede Municipale BADOERE Piazza Indipendenza, 2 CAP 31050 CF 80006320263 tel. 0422.8378 fax 0422.739573 P.IVA 00755130267

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola.

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. 1.1 La presenza degli alunni è obbligatoria, oltre che alle lezioni, a

Dettagli

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I Denominazione - sede ART. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

Regolamento Civica Scuola di Lingue

Regolamento Civica Scuola di Lingue Regolamento Civica Scuola di Lingue Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. xx del xx.xx.xxxx In vigore dal xxxxxxxxx I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza, 20 A cura del

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina Regolamento di Disciplina Premessa Il presente regolamento di disciplina, avente come riferimenti normativi il DPR 249 del 24.06.1998 modificato ed integrato con il DPR 235 del 21.11.2007 Statuto delle

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DOVERI MANCANZE SANZIONI ORGANI COMPETENTI Ritardo oltre i 5 minuti senza giustificazione Rispetto dell orario

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO VOLONTARIO NONNO VIGILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/04/2014 Pagina

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede

STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede Articolo 1 - Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36 e seguenti

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

COMUNE DI PIZZALE Provincia di Pavia. Statuto e regolamento interno della Biblioteca Comunale Centro di cultura L albero di carta e di parole

COMUNE DI PIZZALE Provincia di Pavia. Statuto e regolamento interno della Biblioteca Comunale Centro di cultura L albero di carta e di parole ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C. N. 30 DEL 25/11/2010 COMUNE DI PIZZALE Provincia di Pavia Statuto e regolamento interno della Biblioteca Comunale Centro di cultura L albero di carta e di parole Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

Regolamento Palestra

Regolamento Palestra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. VOLTA Liceo Scientifico e Linguistico di Ghilarza Istituto Professionale Industria e Artigianato di

Dettagli

PREMESSO CHE SI DISPONE ARTICOLO 1

PREMESSO CHE SI DISPONE ARTICOLO 1 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E FORNITURA DEL VESTIARIO E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER IL PERSONALE DELL ISTITUZIONE approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 31 del

Dettagli

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI 1. Validità dell anno scolastico per la valutazione degli alunni 2. Ingressi posticipati

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa:

Dettagli

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 REGOLAMENTO TECNICO ART. 1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO. Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO. Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 39 del 27/11/2012 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare:

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare: Alleg.N.8 - Viaggi d istruzione e visite guidate I viaggi di istruzione e le visite guidate sono iniziative didattico-culturali finalizzate ad integrare la normale attività della scuola sia sul piano della

Dettagli

Stagione sportiva 2015/2016

Stagione sportiva 2015/2016 COPIA PER L ATLETA REGOLAMENTO SETTORE GIOVANILE SCOLASTICO G.S. CALCIO EVANCON Stagione sportiva 2015/2016 Il presente Regolamento dovrà essere sottoscritto dall atleta e da uno dei genitori, o da chi

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURE SPORTIVE COMUNALI Approvato con Delibera di Giunta Comunale n 19 del 7.03.2006. 1 SOMMARIO Art. 1 Finalità. Pag.3 Art. 2 Titolari delle concessioni temporanee.. Pag. 3 Art.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni del mattino si svolgono da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, con un intervallo dalle ore 10.20 alle ore 10.40. Le lezioni pomeridiane si svolgono

Dettagli

REGOLAMENTO MASSA VESTIARIO

REGOLAMENTO MASSA VESTIARIO COMUNE DI BERTINORO Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO MASSA VESTIARIO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 71 del 09.05.2013 Capo I - Disposizioni generali Art. 1: Oggetto del regolamento

Dettagli

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44 Regolamento per l accesso alla sede del Consiglio regionale e uso delle Sale aperte al pubblico di Palazzo Cesaroni approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 12 maggio 2009, n. 352 Testo coordinato

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO L) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Associazionismo e Impegno Sociale, C.F. 01386030488 Via di Novoli, 26 50127

Dettagli

Regolamento per il servizio di volontariato comunale. Comune di Vernate REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO COMUNALE

Regolamento per il servizio di volontariato comunale. Comune di Vernate REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO COMUNALE Comune di Vernate REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 9 del 15/4/2014 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 14 del

Dettagli

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE D. R. Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE VISTO lo Statuto di Autonomia dell Università Ca Foscari Venezia; VISTO il Regolamento

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI SGD G 030 LE INVENZIONI DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA DIFESA ROMA EDIZIONE 2015 MINISTERO DELLA DIFESA

Dettagli

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE)

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) 1 ANNO FORMATIVO 2015-2016 Il presente Regolamento è stato definito dal Collegio Formatori del Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) e dalla

Dettagli

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Div. XII decreto n. 1986/05 Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali VISTA la legge 06 febbraio 2004, n. 36 concernente il nuovo ordinamento del Corpo Forestale dello Stato; VISTI i decreti in

Dettagli

I L P R E S I D E N T E

I L P R E S I D E N T E Bando di concorso per il conferimento, negli anni 2011 2012 2013, di tre borse di studio di 4.000 ciascuna, finanziate da una donazione della Fondazione Telecom Italia, a sostegno del progetto ADOTTA UNO

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano).

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano). SCUOLA PRIMARIA L Istituto Villa Flaminia è una istituzione educativo - scolastica cattolica, fondata e diretta dai Fratelli delle Scuole Cristiane. Sorta nel 1956, come sede distaccata del Collegio S.

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO. Versione del 22-12-2004

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO. Versione del 22-12-2004 COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO Versione del 22-12-2004 IL SEGRETARIO COMUNALE IL SINDACO Approvato con deliberazione C.C. n 9 in data

Dettagli

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari)

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari) COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO VOLONTARIO DEL NONNO VIGILE (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 5.7.2011) ART. 1 Premessa Con l

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE COMUNE DI RANZANICO PROVINCIA DI BERGAMO SEDE: PIAZZA DEI CADUTI, 1 - C.A.P. 24060 - CODICE FISCALE E PARTITA I.V.A. 00579520164 TEL. (035) 829022 - FAX (035) 829268 - E-MAIL: info@comune.ranzanico.bg.it

Dettagli

COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 22 dell 8/10/2013 1 INDICE TITOLO I CONTENUTI E FINALITA DEL

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN TERAMO Via L. Sturzo, 5 64100 Teramo - Centralino 0861/413747-

Dettagli

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin.

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Regolamento per l uso dell'uniforme dei Volontari del Soccorso Regolamento di applicazione dell art.7, comma 3, del Regolamento dei Volontari del Soccorso emanato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE Indice: Art./Capo Titolo Pagina I Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI ROVEREDO SCUOLA ELEMENTARE

COMUNE DI ROVEREDO SCUOLA ELEMENTARE COMUNE DI ROVEREDO SCUOLA ELEMENTARE INFORMAZIONI PER I GENITORI Le seguenti disposizioni sono trasmesse alle famiglie con lo scopo di informare sulle norme che regolano il funzionamento della Scuola elementare

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 MODALITA DI GESTIONE ART. 3 SERVIZIO A DOMANDA INDIVIDUALE ART. 4 CRITERI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DELLE STRUTTURE E PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI PER FINI SPORTIVI E CULTURALI I N D I C E PREMESSA...3 ART.

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni Circolare n. 11 Muravera, 16/09/2015 Ai Docenti Agli ATA Loro Sedi E p.c. Al Dsga Agli Atti Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni La vigilanza è un obbligo che investe tutto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 33 del 29 giugno 2001 In vigore dal

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. Premessa Le norme del presente regolamento si ispirano ai principi dello Statuto delle studentesse

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli