Sistemi Operativi Anno Accademico 2011/2012. Segnali: Interrupt software per la gestione di eventi asincroni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Operativi Anno Accademico 2011/2012. Segnali: Interrupt software per la gestione di eventi asincroni"

Transcript

1 Anno Accademico 2011/2012 Segnali: Interrupt software per la gestione di eventi asincroni

2 Concetto di segnale Un segnale è un interrupt software Un segnale può essere generato da un processo utente o dal kernel a seguito di un errore software o hardware Ogni segnale ha un nome che comincia con SIG (ex. SIGABRT, SIGALARM) a cui viene associato una costante intera ( 0) positiva definita in signal.h Il segnale e un evento asincrono; esso puo arrivare in un momento qualunque ad un processo ed il processo puo limitarsi a verificare, per esempio, il valore di una variabile, o può fare cose piu specifiche 2

3 Azione associata ad un segnale Le azioni associate ad un segnale sono le seguenti: Ignorare il segnale (tranne che per SIGKILL e SIGSTOP) Catturare il segnale (equivale ad associare una funzione utente quando il segnale occorre; ex. se il segnale SIGTERM e catturato possiamo voler ripulire tutti i file temporanei generati dal processo) Eseguire l azione di default associata (terminazione del processo per la maggior parte dei segnali) 3

4 Segnali in un sistema Unix 4

5 Funzione signal #include <signal.h> void (*signal(int signo, void (*func)(int)))(int); Restituisce: SIG_ERR in caso di errore e il puntatore al precedente gestore del segnale se OK 5

6 Funzione signal prende due argomenti: il nome del segnale signo ed il puntatore alla funzione func da eseguire come azione da associare all arrivo di signo (signal handler) e restituisce il puntatore ad una funzione che prende un intero e non restituisce niente che rappresenta il puntatore al precedente signal handler 6

7 Funzione signal Il valore di func può essere: SIG_IGN per ignorare il segnale (tranne che per SIGKILL e SIGSTOP) SIG_DFL per settare l azione associata al suo default L indirizzo di una funzione che sarà eseguita quando il segnale occorre 7

8 Funzioni kill e raise #include <sys/types.h> #include <signal.h> int kill (pid_t pid, int signo); int raise (int signo); Descrizione: mandano il segnale signo specificato come argomento Restituiscono: 0 se OK, -1 in caso di errore 8

9 Funzioni kill e raise kill manda un segnale ad un processo o ad un gruppo di processi specificato da pid raise consente ad un processo di mandare un segnale a se stesso pid > 0 invia al processo pid pid == 0 invia ai processi con lo stesso gid del processo sender pid < 0 invia ai processi con gid uguale a pid 9

10 Funzione pause #include <unistd.h> int pause(void); Descrizione: sospende il processo finché non arriva un segnale ed il corrispondente signal handler è eseguito ed esce Restituisce: 1 10

11 #include <signal.h> void sig_usr(int); int main (void) { signal(sigusr1, sig_usr); signal(sigusr2, sig_usr); for(; ;) pause(); } void sig_usr(int signo) { if(signo == SIGUSR1) printf( SIGUSR1\n ); else if (signo == SIGUSR2) printf ( SIGUSR2\n ); else printf( Segnale %d\n,signo); } 11

12 uso dell'esempio lanciare in background (&) il programma precedente e vedere con che pid gira scrivere un programma che manda il segnale a questo processo con kill(pid, SIGUSR1) ; kill(pid, SIGUSR2) ; oppure usare kill(1) da linea di comando kill USR1 pid kill USR2 pid //si otterra SIGUSR1 //si otterra SIGUSR2 kill pid //si sta mandando SIGTERM e con esso il processo termina perche tale segnale non e catturato e di default termina 12

13 esercizio scrivere un programma che alla pressione di ctrl-c fa stampare un messaggio. La pressione di CTRL-C provoca l invio del segnale SIGINT 13

14 Start-up di un programma L esecuzione di un programma tramite fork +exec ha le seguenti caratteristiche Se un segnale è ignorato nel processo padre viene ignorato anche nel processo figlio Se un segnale è catturato nel processo padre viene assegnata l azione di default nel processo figlio 14

15 esercizio 1. Scrivere un programma che si prepara a gestire il segnale SIGINT (CTRL-C) scrivendo a video un messaggio. Quindi genera un figlio e i due processi eseguono un loop infinito. Testare il programma, verificando cosa succede alla pressione di CTRL-C 2. Scrivere un programma A che si prepara a gestire il CTRL-C come prima, quindi esegue execl per eseguire un altro programma B che semplicemente scrive a video Ciao e quindi va in un loop infinito. Lanciare il programma A e usare CTRL-C dopo che la scritta e stata stampata Modificare il programma A in modo che CTRL-C sia ignorato, quindi ripetere il test. 15

16 Funzione sleep #include <unistd.h> unsigned int sleep (unsigned int secs); ferma il processo per secs secondi se dopo x < secs secondi, il processo riceve un segnale, che viene gestito, al ritorno dal gestore del segnale la sleep si interrompe e ritorna il numero di secondi mancanti ai secs previsti 16

17 Funzione alarm #include <unistd.h> unsigned int alarm (unsigned int secs); Fa partire un conto alla rovescia di secs secondi Allo scadere, al processo viene inviato SIGALRM RETURN-VALUE: il tempo mancante allo scadere di un precedente conto alla rovescia settato 17

18 esercizi 1. Usando alarm (e i segnali) scrivere una funzione mysleep che simula sleep 2. Scrivere un programma che esegue il seguente ciclo all infinito 1. attende per 5 secondi l inserimento di un numero. Se tale input viene fornito, stampa a video il quadrato del numero 2. Se nessun numero viene dato in input nei 5 secondi, stampa a video Tempo scaduto e termina 18

19 esercizio Scrivere un programma che genera 2 processi A e B Usando i segnali SIGUSR1 e SIGUSR2 i due processi si alternano (per 10 volte/iterazioni) nello scrivere a terminale. All inizio A rimane in attesa di un segnale ( pause() ) Ad ogni iterazione, B scrive una b poi manda SIGUSR1 ad A e si mette in attesa di un segnale ( pause() ) alla ricezione di SIGUSR1, A scrive una a quindi invia SIGUSR2 a B e si rimette in attesa di un segnale ( pause() ) 19

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 Matricole congrue 0 modulo 3

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 Matricole congrue 0 modulo 3 Marzo-Giugno 2008 Matricole congrue 0 modulo 3 Segnali: Interrupt software per la gestione di eventi asincroni Concetto di segnale Un segnale è un interrupt software Un segnale può essere generato da un

Dettagli

Sincronizzazione tra processi UNIX: i segnali. Sincronizzazione tra processi

Sincronizzazione tra processi UNIX: i segnali. Sincronizzazione tra processi Sincronizzazione tra processi UNIX: i segnali Sincronizzazione tra processi Processi interagenti possono avere bisogno di meccanismi di sincronizzazione Ad esempio, abbiamo appena visto il caso di processi

Dettagli

Segnali. Tecnica di comunicazione asincrona tra processi. Si può solo inviare uno tra un insieme fissato di segnali

Segnali. Tecnica di comunicazione asincrona tra processi. Si può solo inviare uno tra un insieme fissato di segnali Segnali ed allarmi Segnali Tecnica di comunicazione asincrona tra processi Si può solo inviare uno tra un insieme fissato di segnali Il destinatario viene interrotto, e si salta ad una procedura specifica

Dettagli

Sincronizzazione tra processi. Sincronizzazione tra processi. segnali. Segnali UNIX

Sincronizzazione tra processi. Sincronizzazione tra processi. segnali. Segnali UNIX Sincronizzazione tra processi Sincronizzazione tra processi UNIX: i segnali Processi interagenti possono avere bisogno di meccanismi di sincronizzazione Ad esempio, abbiamo appena visto il caso di processi

Dettagli

Quinta Esercitazione. Principali primitive di accesso ai File

Quinta Esercitazione. Principali primitive di accesso ai File Esempio: processi padre e figlio condividono di file aperti PRIMA della creazione Quinta Esercitazione Gestione File-System Segnali processo padre fork() Sistema tabella dei file attivi i-node Eugenio

Dettagli

Sincronizzazione tra processi in Unix: : i segnali. Sistemi Operativi T AA

Sincronizzazione tra processi in Unix: : i segnali. Sistemi Operativi T AA Sincronizzazione tra processi in Unix: : i segnali Sistemi Operativi T AA 2009-2010 1 Sincronizzazione tra processi La sincronizzazione permette di imporre vincoli sull'ordine di esecuzione delle operazioni

Dettagli

Sincronizzazione tra processi in Unix: i segnali

Sincronizzazione tra processi in Unix: i segnali Sincronizzazione tra processi in Unix: i segnali Sincronizzazione tra processi La sincronizzazione permette di imporre vincoli sull'ordine di esecuzione delle operazioni dei processi interagenti. Unix

Dettagli

POSIX - Gestione dei Segnali. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

POSIX - Gestione dei Segnali. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it POSIX - Gestione dei Segnali E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Segnali in POSIX Segnali in Posix Modalità di notifiche relative a vari eventi asincroni I signal interrompono un processo e possono o meno essere

Dettagli

Processi in Unix. Capitolo 8 -- Stevens

Processi in Unix. Capitolo 8 -- Stevens Processi in Unix Capitolo 8 -- Stevens Controllo dei processi Creazione di nuovi processi Esecuzione di programmi Processo di terminazione Altro Identificatori di processi Ogni processo ha un identificatore

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi Laboratorio di Sistemi Operativi Segnali a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Segnali - Introduzione I segnali sono interrupt software a livello di processo comunicano al processo il verificarsi di un evento

Dettagli

Processi. Segnali. Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Processi. Segnali. Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Processi Segnali Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Interruzioni Interrupt Interruzione del procedimento corrente dovuto al verificarsi di un evento straordinario

Dettagli

Programmazione di sistema in Linux: System Call per i Segnali. E. Mumolo

Programmazione di sistema in Linux: System Call per i Segnali. E. Mumolo Programmazione di sistema in Linux: System Call per i Segnali E. Mumolo Eventi asincroni: segnali I segnali permettono la gestione di eventi asincroni che interrompono il normale funzionamento di un processo

Dettagli

Segnali. Un segnale e' un interrupt software. La terminologia corretta e' exception mentre interrupt e' usata solo per gli interrupt hardware

Segnali. Un segnale e' un interrupt software. La terminologia corretta e' exception mentre interrupt e' usata solo per gli interrupt hardware Segnali ed allarmi Contiene lucidi tratti da: 2005-2007 Marco Faella, Clemente Galdi, Giovanni Schmid (Univrsità di Napoli Federico II) 2005-2007 Francesco Pedulla, Massimo Verola (Uniroma2), 2001-2005

Dettagli

Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix. usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato.

Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix. usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato. Processi parte III Sincronizzazione e comunicazione tra processi in Unix Segnali: usati per trasferire ad un processo l indicazione che un determinato evento si è verificato. Pipe: struttura dinamica,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 22 Martedì 7-1-2014 1 System Call per l'uso dei segnali Un processo che

Dettagli

Processi - II. Franco Maria Nardini

Processi - II. Franco Maria Nardini Processi - II Franco Maria Nardini Processi Programmi in esecuzione in memoria sono chiamati processi. Caricati in memoria da una delle sei funzioni exec(3). Ogni processo ha un identificatore univoco

Dettagli

Sistemi Operativi. Marzo-Giugno 2011 matricole congrue 0 mod 3. Controllo dei processi - I

Sistemi Operativi. Marzo-Giugno 2011 matricole congrue 0 mod 3. Controllo dei processi - I Marzo-Giugno 2011 matricole congrue 0 mod 3 Controllo dei processi - I Controllo dei processi Creazione di nuovi processi Esecuzione di programmi Processo di terminazione Altro 2 1 Identificatori di processi

Dettagli

Sistemi Operativi T. Esercizi

Sistemi Operativi T. Esercizi Sistemi Operativi T Esercizi Esercizio monitor Si consideri la toilette di un ristorante. La toilette è unica per uomini e donne. Utilizzando la libreria pthread, si realizzi un'applicazione concorrente

Dettagli

POSIX Systems Programming. geek evening 0x0d. ambienti POSIX. By lord_dex ZEI e Salug! presentano:

POSIX Systems Programming. geek evening 0x0d. ambienti POSIX. By lord_dex ZEI e Salug! presentano: POSIX Systems Programming Syscall e fondamenti della ambienti POSIX programmazione in By lord_dex f.apollonio@salug.it ZEI e Salug! presentano: geek evening 0x0d INDICE Processi e Thread Creazione ed utilizzo

Dettagli

Segnali. #include <signal.h> Segnali

Segnali. #include <signal.h> Segnali Segnali Segnali 1. Un segnale è la notifica asincrona di un evento 2. Si dice che un segnale è generato (o consegnato sent, delivered to ) quando l evento associato a quel segnale occorre per la prima

Dettagli

Il sistema operativo LINUX Indice

Il sistema operativo LINUX Indice Il sistema operativo LINUX Giorgio Di Natale Stefano Di Carlo Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Processo Un processo è un programma in esecuzione:

Dettagli

Signalling (IPC) Signalling (segnalazione)

Signalling (IPC) Signalling (segnalazione) Signalling (IPC) Signalling (segnalazione) è un particolare tipo di Inter-Process Communications che permettere di sincronizzare dei processi spedendo e ricevendo dei messaggi minimali che informano dell'accadimento

Dettagli

Vi sono spesso eventi importanti da notificare ai processi:

Vi sono spesso eventi importanti da notificare ai processi: Sincronizzazione mediante segnali Vi sono spesso eventi importanti da notificare ai processi: tasti speciali sul terminale (es. ^C) eccezioni hardware (es. divisione per 0) primitiva/comando kill (es.

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3 Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3 Funzioni wait e waitpid quando un processo termina il kernel manda al padre il segnale SIGCHLD Controllo dei processi (2) il padre può ignorare il segnale (default)

Dettagli

Esempi. Sincronizzazione tra processi: I Segnali. I segnali sono interrupt software, che segnalano il verificarsi di eventi asincroni:

Esempi. Sincronizzazione tra processi: I Segnali. I segnali sono interrupt software, che segnalano il verificarsi di eventi asincroni: Sincronizzazione tra processi: I Segnali I segnali sono interrupt software, che segnalano il verificarsi di eventi asincroni: generati da terminale (combinazioni di tasti, es. ctrl-c) eccezioni hardware

Dettagli

Sistemi Operativi Teledidattico

Sistemi Operativi Teledidattico Sistemi Operativi Teledidattico Anno 2002 3a esercitazione 5/10/2002 Paolo Torroni processi fork (creazione di un figlio) exec (sostituzione di codice del programma in esecuzione) wait (attesa della terminazione

Dettagli

Eventi asincroni. Sistemi Operativi II - Corso di laurea in Ingegneria Informatica. Sirio Scipioni

Eventi asincroni. Sistemi Operativi II - Corso di laurea in Ingegneria Informatica. Sirio Scipioni Eventi asincroni Sistemi Operativi II - Corso di laurea in Ingegneria Informatica Sirio Scipioni scipioni@dis.uniroma1.it http://www.dis.uniroma1.it/~scipioni MIDLAB http://www.dis.uniroma1.it/~midlab

Dettagli

System call per la gestione di processi

System call per la gestione di processi System call per la gestione di processi Chiamate di sistema per creazione di processi: fork() sostituzione di codice e dati: exec...() terminazione: exit() sospensione in attesa della terminazione di figli:

Dettagli

Esame Laboratorio di Sistemi Operativi Cognome Nome Mat.

Esame Laboratorio di Sistemi Operativi Cognome Nome Mat. Il compito è costituito da domande chiuse, domande aperte ed esercizi. Non è consentito l uso di libri, manuali, appunti., etc. Tempo massimo 2 ore. Domande chiuse: ogni domanda corrisponde ad un punteggio

Dettagli

Gestione dei processi

Gestione dei processi Gestione dei processi Dormire unsigned int sleep(unsigned int); Attende un numero specificato di secondi a meno che non si verifichi un segnale Restituisce 0 se l'attesa è terminata senza interruzioni,

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori L-A

Corso di Reti di Calcolatori L-A Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori L-A Esercitazione 4 (proposta) Server Multiservizio: Socket C con select Luca Foschini Anno accademico 2010/2011 Esercitazione

Dettagli

Esercizio sulla gestione di file in Unix

Esercizio sulla gestione di file in Unix Esercizio sulla gestione di file in Unix 1 Esercizio Si vuole realizzare un programma C che, utilizzando le system call di Unix, realizzi uno schema di comunicazione tra due processi (padre e figlio) mediante

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 20 Martedì 16-12-2014 1 System call per la gestione dei processi Creazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 21 dicembre 2004

SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 21 dicembre 2004 SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 21 dicembre 2004 Cognome: Nome: Matricola: ESERCIZIO 1, teoria (6 punti) a) riportate lo pseudocodice che descrive l implementazione dell operazione

Dettagli

I segnali possono essere pensati come degli interrupts software ;

I segnali possono essere pensati come degli interrupts software ; Segnali 57 Segnali Un segnale è una notifica a un processo che è occorso un particolare evento: - Un errore di floating point - La morte di un figlio - Una richiesta di terminazione - I segnali possono

Dettagli

Processi e Sincronizzazione. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese M. Grotto

Processi e Sincronizzazione. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese M. Grotto Processi e Sincronizzazione C. Brandolese M. Grotto Sommario 1. Processi Concetti fondamentali Stati in GNU/Linux 2. Creazione Descrizione Creazione con system() Creazione con fork() Effetto di fork()

Dettagli

System Calls per la Gestione dei Processi

System Calls per la Gestione dei Processi System Calls per la Gestione dei Processi Domenico Cotroneo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Roadmap Process Context Identificativi getpid() getppid()

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3

Laboratorio di Sistemi Operativi Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3 Marzo-Giugno 2008 matricole congrue 0 mod 3 Controllo dei processi - I Controllo dei processi Creazione di nuovi processi Esecuzione di programmi Processo di terminazione Altro 2 1 Identificatori di processi

Dettagli

Il processo figlio : utilizza lo stesso codice che sta eseguendo il padre ;

Il processo figlio : utilizza lo stesso codice che sta eseguendo il padre ; La creazione di un nuovo processo in UNIX int fork(void); Viene creato un nuovo processo (figlio) identico (stesso codice, area dati copiata) al processo (padre) che ha invocato la fork Solo il valore

Dettagli

Sistemi Operativi. Esercitazione 8. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica.

Sistemi Operativi. Esercitazione 8. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. 1 Sistemi Operativi Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Esercitazione 8 Semaphore.h Segnali Shell e processi daniel.cesarini@for.unipi.it Domande sulle lezioni passate Sommario Semafori

Dettagli

Computazione multi-processo. Condivisione, Comunicazione e Sincronizzazione dei Processi. Segnali. Processi e Threads Pt. 2

Computazione multi-processo. Condivisione, Comunicazione e Sincronizzazione dei Processi. Segnali. Processi e Threads Pt. 2 Computazione multi-processo Avere più processi allo stesso momento implica/richiede Processi e Threads Pt. 2 Concorrenza ed efficienza Indipendenza e protezione dei dati ma deve prevedere/permettere anche:

Dettagli

Passare argomenti al programma

Passare argomenti al programma Passare argomenti al programma Quando si invoca un programma è possibile passare degli argomenti ad esso durante la chiamata. Gli argomenti ricevuti saranno stringhe (array di char) quindi l insieme di

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX Introduzione In questa dispensa sono stati raccolti alcuni esercizi di programmazione C in ambiente Unix, tratti dagli esami di Sistemi Operativi svoltisi

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 19 luglio 2004

SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 19 luglio 2004 SISTEMI OPERATIVI E LABORATORIO (Indirizzo Sistemi e Reti) 19 luglio 2004 ESERCIZI RELATIVI AL LABORATORIO UNIX ESERCIZIO 1 (9 punti) (a) Considerate un File System Unix la cui radice (root) contiene un

Dettagli

Controllo dei Processi. M. R. Guarracino - Primitive di Controllo dei Processi

Controllo dei Processi. M. R. Guarracino - Primitive di Controllo dei Processi Controllo dei Processi Introduzione Come possiamo creare nuovi processi? Come possiamo eseguire un programma? Come possiamo terminare un processo? Introduzione Unix fornisce le primitive per la creazione

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

eseguire comandi dati dall'utente, utilizzando una macchina reale, di livello inferiore,

eseguire comandi dati dall'utente, utilizzando una macchina reale, di livello inferiore, La programmazione di sistema Introduzione ai sistemi operativi multiprocesso Primitive per la gestione dei processi http://home.dei.polimi.it/silvano/acso.htm Il sistema ste operativo Il Sistema Operativo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2016-17 Pietro Frasca Lezione 20 Giovedì 22-12-2016 Comunicazione: pipe In Unix, processi possono comunicare

Dettagli

Il registratore digitale

Il registratore digitale Il registratore digitale Nella pratica di laboratorio capita spesso di dover registrare segnali lentamente variabili per intervalli di tempo lunghi. Lo scopo della seconda esperienza è quello di realizzare

Dettagli

Corso di Programmazione Concorrente Processi. Valter Crescenzi

Corso di Programmazione Concorrente Processi. Valter Crescenzi Corso di Programmazione Concorrente Processi Valter Crescenzi http://crescenzi.inf.uniroma3.it Sommario Processi vs Thread Creazione e terminazione di processi chiamata di sistema fork() chiamata di sistema

Dettagli

Controllo dei Processi 1

Controllo dei Processi 1 Controllo dei Processi 1 I processi Nei sistemi Unix/Linux ogni processo ne può generare altri. Il processo che li genera è detto processo padre (parent process), mentre i processi generati sono detti

Dettagli

Introduzione. P4 termina prima di P3, P2 e P3 prima di P1 P1 P2 P3 P4 P1 P1 P2 P3 P4. Padre. P1,..., P4 sono processi. Figlio

Introduzione. P4 termina prima di P3, P2 e P3 prima di P1 P1 P2 P3 P4 P1 P1 P2 P3 P4. Padre. P1,..., P4 sono processi. Figlio Processi Introduzione Processo = entità attiva 1. esiste per un certo lasso di tempo 2. utilizza risorse Ogni processo ha un identificatore intero (PID: process identifier) Tutti i processi UNIX hanno

Dettagli

Laboratorio in C su Processi e POSIX IPC (Inter Process Communications) Dalla nona lezione di laboratorio in avanti

Laboratorio in C su Processi e POSIX IPC (Inter Process Communications) Dalla nona lezione di laboratorio in avanti Laboratorio in C su Processi e POSIX IPC (Inter Process Communications) Dalla nona lezione di laboratorio in avanti NOTA BENE: E INSISTO!!!!! Usare il comando man nomefunzionedilibreria per ottenere informazioni

Dettagli

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO III Indice

LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO III Indice LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 1 CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO 2014 2015 18.III.2015 VINCENZO MARRA Indice Parte 1. L algoritmo euclideo 3 Esercizio 1 3 L algoritmo euclideo

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 4 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Approfondimento su make http://http://capone.mtsu.edu/csdept/facilitiesandresources/make.htm

Dettagli

I Processi nel Sistema Operativo Unix. Gerarchie di processi Unix. Stati di un processo Unix. Stati di un processo Unix.

I Processi nel Sistema Operativo Unix. Gerarchie di processi Unix. Stati di un processo Unix. Stati di un processo Unix. I Processi nel Sistema Operativo Unix Processi Unix Unix è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: l unità di computazione è il processo. Caratteristiche del processo Unix: processo

Dettagli

ESERCIZI SULLA PROGRAMMAZIONE DI SISTEMA GNU/LINUX

ESERCIZI SULLA PROGRAMMAZIONE DI SISTEMA GNU/LINUX Autore: Classe: Luciano VIVIANI QUARTA INFORMATICA (4IB) Anno scolastico: 2004/2005 Scuola: Itis Euganeo ESERCIZI SULLA PROGRAMMAZIONE DI SISTEMA GNU/LINUX Questa dispensa non vuole essere un manuale di

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 5

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 5 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica a.a. 2005-2006 CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 5 1 Segnali Vi sono spesso eventi importanti

Dettagli

PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016

PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016 PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO a. s. 2015 / 2016 DOCENTI: TESTARDO CINZIA, VALERIO FELICI CLASSE 4 a IA DISCIPLINA TPSI MACROARGOMENTI che sono stati trattati nel corso del corrente anno scolastico (in

Dettagli

Precedenza e associatività. Complementi sul C - 2. Esempi. Esempi

Precedenza e associatività. Complementi sul C - 2. Esempi. Esempi Complementi sul C - 2 Ver. 2.4 2010 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione in C Precedenza e associatività () [] ->. S D! ~ ++ + * & (cast ) sizeof S D * / % S D + - (somma e sottrazione) S D >

Dettagli

Strutture di iterazione

Strutture di iterazione Strutture di iterazione 1. Leggi i programmi qui sotto e disegna le tabelle di traccia nelle situazioni seguenti: a. Nel primo e nel secondo programma viene inserito da tastiera il valore 2; b. Nel primo

Dettagli

Sistemi Operativi. Esercitazione 8 Ripasso CRON Semaphore.h Segnali Shell e processi. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi. Esercitazione 8 Ripasso CRON Semaphore.h Segnali Shell e processi. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica 1 Sistemi Operativi Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Esercitazione 8 Ripasso CRON Semaphore.h Segnali Shell e processi daniel.cesarini@for.unipi.it Domande sulle lezioni passate Pianificazione

Dettagli

Program m azione di Sistem a 4

Program m azione di Sistem a 4 Program m azione di Sistem a 4 Lucidi per il corso di Laboratorio di Sistemi Operativi tenuto da Paolo Baldan presso l'università Ca' Foscari di Venezia, anno accademico 2004/ 2005. Parte di questo materiale

Dettagli

Esercizi di Verifica Aprile 2005 Università disalerno

Esercizi di Verifica Aprile 2005 Università disalerno Laboratorio di Sistemi Operativi: Prof.ssa A. Rescigno Anno Acc. 2004-2005 Esercizi di Verifica Aprile 2005 Università disalerno Nome e Cognome: Matricola: Classe 1 Classe 2 p-p p-d 1 2 3 4 5 6 7 tot /10

Dettagli

Esercitazione 4. Comandi iterativi for, while, do-while

Esercitazione 4. Comandi iterativi for, while, do-while Esercitazione 4 Comandi iterativi for, while, do-while Comando for for (istr1; cond; istr2) istr3; Le istruzioni vengono eseguite nel seguente ordine: 1) esegui istr1 2) se cond è vera vai al passo 3 altrimenti

Dettagli

Laboratorio di Calcolo Numerico

Laboratorio di Calcolo Numerico Laboratorio di Calcolo Numerico Lezione 3 Padova, April 4th 2016 F. Piazzon Department of Mathematics. Doctoral School in Mathematical Sciences, Applied Mathematics Area Outline Lab. 3-2 of 16 1 Costrutti

Dettagli

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt);

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt); Un esempio per iniziare Il controllo del programma in C DD Cap.3 pp.91-130 /* calcolo di 8!*/ #include #define C 8 int main() int i=1; int fatt=1; while (i

Dettagli

Processi. Introduzione. Effective user/group id. Fork

Processi. Introduzione. Effective user/group id. Fork Introduzione Processi = entità attiva 1. esiste per un certo lasso di tempo 2. utilizza risorse Ogni processo ha un identificatore intero (PID: process identifier) Tutti i processi UNIX hanno un genitore

Dettagli

Debug di un programma

Debug di un programma Debug di un programma Col termine Debug si intende una fase di sviluppo del software, nella quale si cerca di eliminare gli errori dal programma Due tipi di errori: Errori sintattici, rilevati sempre dal

Dettagli

Concetto di Processo Scheduling dei Processi Operazioni sui Processi Processi cooperanti Comunicazione tra processi

Concetto di Processo Scheduling dei Processi Operazioni sui Processi Processi cooperanti Comunicazione tra processi Concetto di Processo Scheduling dei Processi Operazioni sui Processi Processi cooperanti Comunicazione tra processi 3.3 Silberschatz, Galvin and Gagne 2005 1 Un SO esegue diversi tipi di programmi Sistema

Dettagli

Processi Concetti di base. Esecuzione parallela e sequenziale Il concetto di processo Gestione dei processi

Processi Concetti di base. Esecuzione parallela e sequenziale Il concetto di processo Gestione dei processi Processi Concetti di base Esecuzione parallela e sequenziale Il concetto di processo Gestione dei processi Esecuzione sequenziale I sistemi di calcolo più semplici consentono unicamente l'esecuzione sequenziale

Dettagli

Introduzione a. Funzioni di Ingresso e Uscita. Compilazione

Introduzione a. Funzioni di Ingresso e Uscita. Compilazione Introduzione a Funzioni di Ingresso e Uscita Compilazione 2 Come si termina...... un programma in esecuzione (processo)? Ctrl + C In UNIX ci si basa sul concetto di terminale Anche da GUI, quello che si

Dettagli

Esercitazione 6. Array

Esercitazione 6. Array Esercitazione 6 Array Arrays Array (o tabella o vettore): è una variabile strutturata in cui è possibile memorizzare un numero fissato di valori tutti dello stesso tipo. Esempio int a[6]; /* dichiarazione

Dettagli

Operatori in Java. Il Costrutto Condizionale if

Operatori in Java. Il Costrutto Condizionale if Operatori in Java Operatore Tipo Semantica > binario maggiore >= binario maggiore o uguale < binario minore

Dettagli

2. Nucleo del sistema operativo (la gestione dei processi)

2. Nucleo del sistema operativo (la gestione dei processi) Struttura interna del sistema operativo Linux 2. Nucleo del sistema operativo (la gestione dei processi) Architettura (struttura) del sistema operativo shell Programmi utente Modo utente Interfaccia delle

Dettagli

Sistemi Operativi L-A. Esercizi 14 Giugno 2007. Esercizio monitor

Sistemi Operativi L-A. Esercizi 14 Giugno 2007. Esercizio monitor Sistemi Operativi L-A Esercizi 14 Giugno 2007 Esercizio monitor Si consideri la toilette di un ristorante. La toilette è unica per uomini e donne. Utilizzando la libreria pthread, si realizzi un'applicazione

Dettagli

Informatica! Appunti dal laboratorio 1!

Informatica! Appunti dal laboratorio 1! Informatica! Appunti dal laboratorio 1! Sistema Operativo! Windows 7, Windows 8, Mac OS X, Linux, Debian, Red Hat, etc etc! Il sistema operativo è un programma che serve a gestire TUTTE le risorse presenti

Dettagli

I Processi nel SO UNIX

I Processi nel SO UNIX I Processi nel SO UNIX 1 Processi UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

LinuxThreads: I thread nel sistema operativo LINUX: Linuxthreads. LinuxThreads. LinuxThreads

LinuxThreads: I thread nel sistema operativo LINUX: Linuxthreads. LinuxThreads. LinuxThreads I thread nel sistema operativo LINUX: Linuxthreads : Caratteristiche Processi leggeri realizzati a livello kernel System call clone: int clone(int (*fn) (void *arg), void *child_stack, int flags, void

Dettagli

Segnali. I segnali in Unix sono un meccanismo semplice per inviare degli interrupt software ai processi.

Segnali. I segnali in Unix sono un meccanismo semplice per inviare degli interrupt software ai processi. Segnali I segnali in Unix sono un meccanismo semplice per inviare degli interrupt software ai processi. Solitamente sono utilizzati per gestire errori e condizioni anomale, piuttosto che per trasmettere

Dettagli

CORSO LINUX PER LA CERTIFICAZIONE LPI ESSENTIALS

CORSO LINUX PER LA CERTIFICAZIONE LPI ESSENTIALS CORSO LINUX PER LA CERTIFICAZIONE LPI ESSENTIALS Comandi da terminale Il comando sleep fa attendere un comando prima dell'esecuzione. Prova il comando: $ sleep 3s && echo Ciao Mondo! $ Comandi da terminale

Dettagli

GESTIONE DEGLI ERRORI

GESTIONE DEGLI ERRORI GESTIONE DEGLI ERRORI Spesso vi sono istruzioni critiche, che in certi casi possono produrre errori L approccio classico consiste nell inserire controlli (if else..) per cercare di intercettare a priori

Dettagli

Quinta Esercitazione

Quinta Esercitazione Quinta Esercitazione Sommario Gestione dei processi informazioni associate ai processi identificatore di processo real/effective UID (GID) Priorità dei processi priorità assegnata dal SO livello di nice

Dettagli

Stringhe e allocazione dinamica della memoria

Stringhe e allocazione dinamica della memoria Stringhe e allocazione dinamica della memoria Esercizio Scrivere un programma strings.c che legge da standard input una sequenza di parole separate da uno o più spazi, e stampa le parole lette, una per

Dettagli

7. Strutture di controllo

7. Strutture di controllo Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (L-Z) 7. Ing. Michele Ruta 1 di 17 Indice Istruzioni di selezione Mappate dal costrutto switch Istruzioni cicliche (di iterazione)

Dettagli

Comunicazione tra processi: pipe Le pipe sono un meccanismo UNIX di Inter Process Communication (IPC)

Comunicazione tra processi: pipe Le pipe sono un meccanismo UNIX di Inter Process Communication (IPC) Comunicazione tra processi: pipe Le pipe sono un meccanismo UNIX di Inter Process Communication (IPC) Le pipe sono canali di comunicazione unidirezionali Limitazione pipe: permettono la comunicazione solo

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI. Fabio Buttussi

Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI. Fabio Buttussi Corso di Sistemi Operativi A.A. 2008-2009 - CHIAMATE DI SISTEMA PER IL CONTROLLO DEI PROCESSI Fabio Buttussi La programmazione di sistema Il kernel è la parte di Unix che corrisponde al sistema operativo

Dettagli

STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++

STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++ STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++ Le istruzioni if e else Le istruzioni condizionali ci consentono di far eseguire in modo selettivo una singola riga di codice o una serie di righe di codice (che viene detto

Dettagli

il tipo di parallelismo dipende dal grado di cooperazione

il tipo di parallelismo dipende dal grado di cooperazione Thread Settembre 2009 programma e parallelismo il tipo di parallelismo dipende dal grado di cooperazione (scambio d informazione) necessario tra attività svolte in parallelo processo macchina virtuale

Dettagli

Riprendiamo l esercizio calcolatrice

Riprendiamo l esercizio calcolatrice Riprendiamo l esercizio calcolatrice Scrivere un programma calcolatrice che legga da tastiera due variabili intere a e b, poi Stampi un menu con un valore numerico associato a quattro operazioni possibili:

Dettagli

Ciclo do while in FORTRAN

Ciclo do while in FORTRAN Ciclo do while in FORTRAN Vogliamo tradurre in linguaggio FORTRAN un algoritmo che risponde a questo tipo di struttura: Fino a quando e vera questa espressione logica allora: fai questo fai quest altro

Dettagli

Esercitazione n 2. Obiettivi

Esercitazione n 2. Obiettivi Esercitazione n 2 Obiettivi Progettazione di una applicazione Java Utilizzo di classi come schemi Utilizzo di costruttori Utilizzo di stringhe Uguaglianza tra oggetti Utilizzo di classi come componenti

Dettagli

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20

CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 CREAZIONE PROCESSI IN UNIX 20 STRUTTURE DATI PER PROCESSI Un processo puo' essere in escuzione in 2 modi: kernel e utente. Un processo ha almeno 3 regioni: codice, dati e stack Lo stack è allocato dinamicamente.

Dettagli

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O. Un esempio. Funzioni ricorsive. La ricorsione

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O. Un esempio. Funzioni ricorsive. La ricorsione Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O Tiziana Calamoneri Ricorsione DD Cap. 5, pp. 160-184 KP Cap. 5, pp. 199-208 Un esempio Problema: prendere in input un intero e calcolarne il fattoriale

Dettagli

Laboratorio di sistemi operativi A.A. 2010/2011 Gruppo 2 Gennaro Oliva Processi

Laboratorio di sistemi operativi A.A. 2010/2011 Gruppo 2 Gennaro Oliva Processi Laboratorio di sistemi operativi A.A. 2010/2011 Gruppo 2 Gennaro Oliva Processi Processo L'istanza di un programma in esecuzione in ambiente UNIX viene detta processo Ogni programma può generare diversi

Dettagli

IL TEMPO

IL TEMPO IL TEMPO LORENZO.BRACCIALE@UNIROMA2.IT DOVE STUDIARE Gapil http://users.lilik.it/~mirko/gapil/gapilse26.html#gapilsu125.html Linux http://www.linuxsa.org.au/tips/time.html IL FUSO ORARIO In Italia: GMT

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmiamo in.. Programmazione modulare Un programma complesso si suddivide in più sottoprogrammi o funzioni. Un programma suddiviso in piccoli pezzi, è più semplice da gestire da aggiornare da correggere

Dettagli

Rappresentazione degli algoritmi

Rappresentazione degli algoritmi Rappresentazione degli algoritmi Universitá di Ferrara Ultima Modifica: 21 ottobre 2014 1 1 Diagramma di flusso Utilizzare il diagramma di flusso per rappresentare gli algoritmi che risolvono i seguenti

Dettagli

Definizione di metodi in Java

Definizione di metodi in Java Definizione di metodi in Java Un metodo in Java definisce un operazione ad alto livello (sottoprogramma) che consente di manipolare dati e oggetti. Durante la computazione effettuata da un programma, un

Dettagli