Na cantata e Natale. di Vincenzo Pepe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Na cantata e Natale. di Vincenzo Pepe"

Transcript

1 Na cantata e Natale di Vincenzo Pepe

2 In uno dei numeri passati di questa rivista ebbi modo di accennare a un idea che mi ha sempre intrigato nella mia professione di anglista, forse per effetto dell inevitabile interferenza che si è venuta a determinare tra l inglese, che studio da una vita, e il napoletano, mia lingua materna. Quest idea è che il napoletano si presti più, e forse meglio di altre lingue, alla resa traduttiva di testi letterari inglesi. So bene che, non reggendosi su una base di scientificità, e invero puntellato solo sui precari appoggi dell empiricità e della sentimentalità, questo convincimento rischia di vacillare paurosamente, e perciò lo tengo nascosto; ma per riaffiorare prorompente ogni tanto, a reclamare di essere ribadito e sostenuto, specialmente in occasione della pubblicazione di indovinate traduzioni i cui autori sembrano sintonizzati sulla mia stessa lunghezza d onda teoretica. E mi piace ribadirlo e sostenerlo ora, perché l invito di Aniello Langella a contribuire alla preparazione del numero di Natale della rivista, mi dà la possibilità di parlare di una deliziosa traduzione napoletana di A Christmas Carol del Dickens, che, come si sa, è una delle opere più significative tra quelle che celebrano la festività del Natale. La traduzione si intitola Na cantata e Natale ed è opera di Roberto D Ajello. Pubblicata da Franco Di Mauro Editore nel 2006, è corredata sul piano figurativo da otto tavole di Lello Esposito, e, su quello linguistico, da un glossario e da una lista dei modi di dire che non poco aiuto offrono al lettore e al cultore di cose napoletane. Prima, però, di dare un idea della bellezza e della originalità del lavoro del D Ajello, mi sembra opportuno spendere qualche parola sull originale, e in particolare sulla trama, a beneficio di quei lettori che non ricordassero l opera del Dickens di cui qui si tratta. Prima, e più famosa, delle storie di Natale del Dickens, A Christmas Carol apparve nel 1843, e fu poi inserita insieme ad altre di pari genere nel Christmas Book, nel È ambientata a Londra e prende l avvio la vigilia di Natale, quando allo spregevole taccagno e misantropo Scrooge appare l ombra del suo socio Jacob Marley, morto sette anni prima. L inatteso e pauroso ospite lo informa che se vuole evitare le infinite peregrinazioni alle quali è sottoposta la sua anima, dovrà accettare che gli facciano visita tre spiriti: quello del Natale Passato, del Natale Presente e del Natale Futuro. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 2

3 Scortato da ciascuno di questi a turno, Scrooge ripassa in rassegna le scene della sua infanzia; successivamente, si rende conto degli stenti in cui versa la famiglia di Bob Cratchit, suo impiegato; infine, accompagnato dal terzo spirito, è in grado di prevedere i guai che segneranno la sua esistenza se non cambierà modo di vivere. Toccato da queste esperienze, e reso sensibile e consapevole delle avversità e delle sofferenze in cui versa il prossimo, Scrooge decide subito di cambiare vita, e come primo segno del suo ravvedimento, manda un tacchino al suo povero impiegato, al quale aumenta anche lo stipendio, va a trovare un suo nipote affettuoso e onesto, e devolve una lauta somma in beneficenza. La storia si conclude in un atmosfera di calore e bontà, quale si conviene a un vero Natale, e con l esaltazione della solidarietà quale unico valore che ci può salvare. Questo, in sintesi, lo svolgimento della vicenda e il messaggio del testo inglese. Ma se i fatti narrati sono semplici e lineari, densa e suggestiva è la scrittura del Dickens il quale anche in queste piccole favole dà prova della sua perizia tecnica, della sua capacità di caratterizzare con pochi colpi di penna ambienti e personaggi, e, soprattutto, della sua grande carica di ironia, che gli permette di rimarcare i giochi chiaroscurali dell esistenza, le miserie e le contraddizioni della vita. Un testo solo apparentemente facile, dunque. La scrittura del Dickens deve essere però congeniale al D Ajello, perché questi cattura subito il tono, il ritmo, e lo spirito del racconto, come si può vedere dalla resa del seguente brano dell incipit 1, nel quale viene presentata la figura del micragnoso protagonista, i cui difetti morali sembrano ripercuotersi anche sulla conformazione dei suoi tratti fisici: 1 Per comodità del lettore che non avesse dimestichezza con la lingua dell originale, né col napoletano, i brani inglesi citati saranno seguiti dalla traduzione italiana letterale del sottoscritto. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 3

4 Oh! But he was a tight fisted hand at the grindstone. Scrooge! A squeezing, wrenching, grasping, scraping, clutching, covetous, old sinner! Hard and sharp as flint, from which no steel had ever struck out generous fire; secret, and selfcontained, and solitary as an oyster. The cold within him froze his old features, nipped his pointed nose, shrivelled his cheek, stiffened his gait. Oh! Ma era una mano dal pugno stretto al mulino. Scrooge! Un peccatore incallito, avido, che spremeva, stringeva, abbrancava, grattava, afferrava! Duro e aguzzo come una pietra focaia, dalla quale nessun acciaio aveva mai fatto scoccare fuoco generoso; segreto, e autosufficiente e solitario come un ostrica. Il freddo dentro di lui gli aveva congelato i vecchi tratti, intirizzito il naso appuntito, raggrinzito le guance, e irrigidito l andatura Nel napoletano di d Ajello il brano scorre come segue: Scrooge teneva a mana int e guantare! Era na màcena, na vecchia, cannaruta anema perza, ca spremeva, scippava, aggranfava, arresugliava, abbrancava! Tuosto e sicco comm a na preta e fucile, ca nun ce steva acciaro ca n avesse potuto caccià na scintilla; mesteriuso, acetuso e rummito comm a n ostrica. O ggelo ca teneva ncuorpo le ghiacciava a cèra, le pogneva o naso appezzuto, l arrappava e mmasche, le ntustava a cammenatura. Dove è da notare la felicissima resa del costrutto metaforico del primo rigo. Nel testo inglese l avidità è connotata con un immagine complessa della mano dal pugno stretto al mulino. Il testo napoletano solo momentaneamente si allontana dall originale con l impiego di un modo di dire che connota pur sempre l avidità, ma che è iconograficamente incentrato sull immagine del guanto. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 4

5 Subito dopo, però, il contesto mulino dell originale viene recuperato con l inserimento della parola macena ad aprire una fuga di imperfetti verbali ( spremeva, scippava, aggranfava, arresugliava, abbrancava ) uno dei quali di straordinaria appropriatezza ed efficacia ( arresugliare non dà solo l idea del racimolare, ma anche del lesinare ). Lo stesso dicasi dell altra successione di tre aggettivi che qualche rigo dopo connotano la selvatichezza del personaggio ( mesteriuso, acetuso e rummito ). Qui il traduttore ha efficacemente esplicitato, secondo me, un riferimento al carattere mutrioso del personaggio, che nel testo inglese è solo implicito. Ma se si volesse un ulteriore esempio della percettività del traduttore rispetto a queste costruzioni paradigmatiche, si deve andare un po più avanti nel testo, al punto in cui vengono descritti i due bambini macilenti e terrorizzati che si intravedono tra le pieghe svolazzanti della veste del secondo spirito, e che allegorizzano il prodotto dello spirito del Natale attuale. Ecco il testo originale: They were a boy and a girl. Yellow, meagre, ragged, scowling, wolfish but prostrate, too, in their humility. Where graceful youth should have filled their features out, and touched them with its freshest tints, a stale and shrivelled hand, like that of age, had pinched and twisted them, and pulled them into shreds. Where angels might have sat enthroned, devils lurked, and glared out menacing. Erano un bambino e una bambina. Gialli, scarni, logori, accigliati, lupeschi, ma prostrati, anche, nella loro umiltà. Là dove la grazia giovanile avrebbe dovuto rassodare i loro tratti, e toccarli con le sue tinte più fresche, una mano decrepita e raggrinzita, come quella della vecchiaia, li aveva sfigurati, contorti, e scarnificati. Dove angeli avrebbero potuto sedere in trono, si nascondevano diavoli, e guardavano minacciosi. Ed ecco la traduzione napoletana, nei primi due righi della quale non può sfuggire l effetto musicale che il D Ajello riesce a ottenere dalla forte alternanza vocalica di aggettivi che sanno tanto di antico, che richiamano alla nostra mente la lingua del Basile e del Cortese: Se trattava e nu nennillo e na nennella, gialluòteche, peliente, vrenzuluse, sgrignate, cu n aria lupigna, ma pure abbelute e murtefecate. Addò a giuvinezza graziosa avesse avut a regnere e tegnere chelli faccelle d e culure cchiù lucente, na mana grànceta e arrappata, comm a chella d a vicchiaia, l aveva arrugnate, turciute, e sbramate. Addò nce avessero avut a essere angiule npiercolo, s acquattavano riavule ca guardavano fora grunnuse. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 5

6 Di pari effetto è la resa traduttiva della descrizione di un altro personaggio: la nipote di Scrooge, la quale per la solarità del sorriso e del carattere, e la bellezza dei tratti, dello zio è l esatto contrario: She was very pretty, exceedingly pretty, with a dimpled, surprised-looking, capital face; a ripe little mouth, that seemed made to be kissed as nodoubt it was; all kinds of good little dots about her chin, that melted into one another when she laughed; and the sunniest pair of eyes you ever saw in any little creature s head. Altogether she was what you would have called provoking, you know; but satisfactory, too. Oh, perfectly satisfactory! Era molto carina, straordinariamente carina, con un viso perfetto, con le fossette e l espressione sorpresa: una boccuccia matura che sembrava essere fatta per essere baciata, come era certamente; attorno al mento tutti i tipi di bei puntini che si fondevano l uno nell altro quando rideva; e il più solare paio di occhi che abbiate mai visto nel volto di una piccola creatura. Nel complesso era quella che avreste definito provocante, sapete; ma anche soddisfacente, del tutto soddisfacente]. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 6

7 Nella traduzione napoletana, come si vedrà subito, l idea della particolare bellezza della ragazza, innocente eppure conturbante allo stesso tempo, è sapientemente sottolineata questa volta da un gioco di diminutivi la cui efficacia mi sembra accentuata dalla carica di rimandi ad un altro filone della nostra nobile tradizione poetica. Se nella descrizione di Scrooge, come dicevamo, si può pensare di ravvisare l influenza del Basile, qui a orientare il gusto del traduttore mi sembra intervenire la lezione del Di Giacomo: Essa era bellella assaie, troppo bellella. Cu e fussetelle nfaccia e a cèra ncantata e assenziale. Na vucchella ammatura che pareva fatta p essere vasata, comme certamente era. Ncopp a vàvera na vranchetella e lemmìccule, ca quanno rereva addeventavano na cosa sola, e o cchiù lucente paro d uocchie c avite visto maie nfront a na criatura. Nzomma, era chella ca vuie putìsseve chiammà na ddia e bbona, ma pure suddisfacente. Oh, suddisfacente pe tutte regule. Né sono solo i personaggi ad acquisire ulteriore smalto nella riscrittura napoletana del d Ajello, perché anche la resa delle descrizioni degli ambienti è ottenuta dal traduttore con una meticolosa attenzione ai valori espressivi del testo inglese. Si prenda, per esempio, il seguente brano nel quale Dickens descrive un esterno di una freddissima, nebbiosa, spettrale vigilia di Natale: Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 7

8 It was cold, bleak, biting weather; foggy withal: and he could hear the people in the court outside, go wheezing up and down, beating their hands upon their breasts, and stamping their feet on the pavement stones to warm them. The City clock had only just got three, but it was quite dark already -it had not been light all day- and candles were flaring in the windows of the neighbouring offices, like ruddy smears upon the palpable brown air. The fog came pouring in at every chink and keyhole, and was so dense without, that, although the court was of the narrowest, the houses opposite were mere phantoms. Il tempo era livido, di freddo pungente, per di più nebbioso, e sentiva la gente fuori nel cortile andare spasmodica su e giù, battendosi le mani sul petto, e i piedi sul selciato per riscaldarseli. L orologio della City aveva battuto solo le tre, ma era tutto buio non c era stata luce per tutta la giornata e nelle finestre degli uffici vicini le candele accese erano come macchie rossastre sulla palpabile aria marrone. La nebbia si infiltrava in ogni crepa e serratura, ed era così densa all esterno, che, sebbene il cortile fosse di quelli più stretti, le case di rimpetto erano meri fantasmi. Era na jurnata fredda, scura, pugnente, pe gghionta e ruotolo chiena e neglia, e isso puteva sèntere a gente for o curtiglio ca s affannava sotto e ncoppa, vattènnose e mmane mpietto e ncasanno e piere ncopp e vàsule pe piglia calore. E rilorge d a città êvano sunato allora allora e ttre, ma s era fatto già quase scuro, cu tutto che pe tutt a jurnata nun c era maie stata luce, e e cannele lucevano, arreto e ffeneste e ll ufficie d o vicinato, comm a nguacchie russagne ncopp a ll aria quagliosa e scura. A neglia se mpizzava dint a tutt e ssenghe e mmascature, e ã via e fora era accussì fitta che, cu tutto c o curtiglio era d e cchiù astrinte, pure e ccase e rimpetto erano sule fantàseme. Al traduttore sono bastati pochi tocchi indovinati, non solo per ricreare l atmosfera di gelida spettralità che incombe sulla scena londinese, ma anche per naturalizzarla, facendo sentire nella trascrizione la partecipazione del napoletano di fronte allo scenario desolato, come è chiaro, credo, dalla simpatica espressione figurata pe gghionta e ruotolo al posto della più asettica inoltre del testo inglese, e dalla bellissima similitudine degli effetti cromatici provocati dai riflessi della luce delle candele sulla nebbia scura e densa: comm a nguacchie russagne ncopp a ll aria quagliosa e scura. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 8

9 È che il traduttore prova piacere a leggere e dialogare col testo straniero; a volte vi gioca e scherza anche, arricchendolo e colorandolo delle proiezioni della sua percettività linguistica; ma avendone grande rispetto; e pure quelle poche volte che si concede delle libertà, lo fa per far risaltare la bellezza dell originale e non per capriccio. Per esempio, quando rende la semplice frase, riferita a Scrooge altrove nel testo he is very rich con l espressione più colorita sta sfunnato e renare, sentiamo che, accentuando la piacevolezza del testo, il traduttore intende partecipare al lettore anche il piacere della sua lettura, della sua interpretazione, che sono quelle di una persona colta e ricca del senso della dignità e autorevolezza della sua propria antica, prestigiosa lingua e letteratura. Il traduttore, insomma, mi sembra concorrere con la mente e col cuore, e con la straordinaria ricchezza e plasticità della lingua napoletana ( majateca e nchiantuta come l aveva definita proprio il Basile) a riempire spazi e interstizi che in inglese un lettore non attento potrebbe lasciarsi sfuggire. Risultato di tutto ciò è la forte percezione, che, nonostante nomi e luoghi appartengano a un milieu che da Napoli è assai lontano, la vicenda narrata si svolga tuttavia a Napoli; non, beninteso, nella Napoli come entità storico-geografica, ma in una Napoli ideale, una Napoli dell anima, quella celebrata da narratori e pittori, una Napoli universale, e dove perciò stesso anche il Natale può acquistare ancora un senso. Questo punto credo possa essere suffragato da parecchi brani, il primo dei quali mi affretto a trascrivere per intero, perché è troppo bello per essere accorciato. È una composizione natalizia di rutilanti leccornie esposte in strada: Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 9

10 There were great, round, potbellied baskets of chestnuts, shaped like the waistcoats of jolly old gentlemen, lolling at the doors, and tumbling out into the street in their apopleptic opulence. There were ruddy, brown-faced, broad-girthed Spanish onions, shining in the fatness of their growth like Spanish friars, and winking from their shelves in wanton slyness at the girls as they went by, and glanced demurely at the hungup mistletoe. There were pears and apples clustered high in blooming pyramids; there were bunches of grapes, made, in the shopkeeper s benevolence, to dangle from conspicuous hooks that people s mouth might water gratis as they passed; there were files of filberts, mossy and brown, recalling, in their fragrance, ancient walks among the woods, and pleasant shuffling ankle deep through withered leaves; there were Norfolk Biffins, squab and swarthy, setting off the yellow of the oranges and lemons, and, in the great compacteness of their juicy persons, urgently entreating and beseeching to be carried home in paper bags and eaten after dinner. C erano grandi canestri di castagne, rotondi, panciuti, a forma dei gilè di vecchi signori gioviali, che si stendevano sulla soglia riversandosi fino in strada nella loro opulenza apoplettica. C erano cipolle grosse spagnole dalla faccia marrone, rossastra, che luccicavano nella loro grassezza come monaci spagnoli, e dalle loro scansie facevano l occhietto d intesa maliziosa alle ragazze che passavano, ma lanciavano un occhiata casta al vischio pendulo. C erano pere e mele accatastate in forma di lussureggiante piramide; c erano grappoli d uva, che per la benevolenza del droghiere venivano fatti pendere da grossi ganci, in modo che i passanti potessero fare gratis l acquolina in bocca; c erano mucchi di noccioli, muschiosi e bruni, che nella loro fragranza facevano venire in mente antiche passeggiate attraverso i boshi, e piacevole strofinio di caviglie immerse tra le foglie avvizzite; c erano mele cotogne, tozze e brune, che facevano risaltare il giallo delle arance e dei limoni, e, nella grande compattezza delle loro succose figure, chiedeno imploranti di essere subito portate a casa in sacchetti di carta e mangiate dopo cena. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 10

11 Si tratta, come si vede, di un pregevole pezzo di bravura il cui soggetto solo impropriamente si potrebbe definire natura morta ; perché è pregno di pulsante vitalità sottolineata dal gioco dei colori, delle forme, e dalla serie di rinvii diretti o indiretti al mondo degli uomini (si veda la similitudine tra i monaci spagnoli e le cipolle alle quali lo scrittore attribuisce anche atteggiamenti umani, perché occhieggiano dalle scansie le ragazze che passano in strada ). E non è solo una festa degli occhi che campeggia nel quadro, perché c è anzi il coinvolgimento di tutti gli altri sensi, dal gusto (il riferimento alla acquolina in bocca ) all olfatto (il riferimento alla fragranza dei noccioli che catalizza il ricordo di antiche passeggiate ). Sembrerebbe quasi che Dickens stia componendo avendo sotto gli occhi qualche particolare di presepe napoletano; o che stia commentando (ammesso che li avesse mai conosciuti) i versi del Genoino Chiazze e ppoteche sbommecate stanno/ de tanta sciorte de provvisione/ che ll uocchie nfronte strevellà te fanno./ E pparate de frutte a li pontone, e mmontagne de vruoccole, e torzelle,/ e carrette de pigne e de capune. O è il D Ajello che traduce Dickens avendo sotto gli occhi particolari del presepe, o i versi del Genoino? Sia come sia, il traduttore napoletano ci riconsegna tutta la festa dei sensi alla quale assistiamo nell originale inglese: Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 11

12 Ce stevano caneste e castagne grosse, tonne e panzute c assummigliavano a gilè e viecchie signore spassuse, ca sbucavano da e pporte e se menavano mmiez a via cu na bella panza e vierme. Ce stevano cepolle spagnole russagne, cu a faccia marrò e ccenture larie, che, chiatte comm erano, lucevano comm a tanta figlie e ntrocchia, facevano ll uocchie a zennariello a e gguaglione ca passavano e smicciavano, scurnose, o visco appiso. Ce stevano pére e méle ammuntunate comm a na peràmmete sciuruta; ce stevano pigne d uva che a generusità d e putecare faceva pennulia a certi ancine mperecuòccolo, accussì ca chille che passavano putevano fa sputazzelle mmocca senza pava niente; ce stevano muntune e nucelle, muscose e brune, ca cu l addore che cacciavano facevano veni a mmente antiche passiàte mmiez e vuosche e o sfizio d affunna e ggaveglie dint e fronne secche; ce stevano mele cutogne, chiattulelle e brune, ca facevano scumpari o giallo d e purtualle e d e limune e, quagliose comm erano, scungiuravano e supprecavano d essere purtate â casa dint a na sacchetta e carta, e strafucate doppo magnato. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 12

13 Il secondo brano descrive ancora un esterno, un quartiere malfamato della periferia di Londra: The ways were foul and narrow; the shops and houses wretched; the people half naked, drunk, slipshod, ugly. Alleys and archways, like so many cesspools, disgorged their offences of smell and dirt, and life upon the struggling streets; and the whole quarter reeked with crime, with filth, and misery. Le strade erano laide e strette; i negozi e le case fatiscenti; la gente mezzonuda, ubriaca, trasandata, brutta. Vicoli e supportici, come tante fogne, riversavano le loro offese di fetore e sporco, e la vita sulle strade animate; e tutto il quartiere trasudava crimine, sporco, miseria. E vvie erano zuzzose e strette, e pputeche e e ccase scarrupate, a ggente mez annura, mbriaca, ciavattona, brutta. Fùnnache e suppuòrteche, comm a tanta samente, spannevano pe tutt e vvie l uffesa d o fieto, d a fetenzia, d a vita lloro, e tutt o quartiere feteva e delitto, fracetumma e pezzenteria. Dove non è difficile percepire nel traduttore ancora il riverbero di un eco digiacomiana (penso, ancora ad alcuni versi di O fùnneco verde), o la suggestione di alcune tele del Migliaro. Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 13

14 Ma è con il terzo brano che voglio concludere queste note; perché, riconsegnandoci l atmosfera di gioiosa attesa di bambini che scartocciano trepidanti e felici i doni di Natale nell intimità domestica, esso mi dà l occasione di formulare i migliori auguri a tutti i lettori di questa rivista, per una vita sempre ricca di soddisfazioni e liete sorprese: But now a knocking at the door was heard, and such a rush immediately ensued that she, with laughing face and plundered dress, was borne towards it the centre of a flushed and boisterous group, just in time to greet the father, who came home attended by a man laden with Christmas toys and presents. Then the shouting and the struggling, and the onslaught that was made on the defendless porter! The scaling him, with chairs for ladders, to dive into his pockets, despoil him of brownpaper parcels, hold on tight by his cravat, hug him round his neck, pummel his back and kick his legs in irrepressible affection! The shouts of wonder and delight with which the development of every parcel was received! Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 14

15 Ma ora si sentì bussare alla porta, e ne seguì tale scompiglio che lei, con una risata radiosa e la veste scompigliata fu trascinata verso di essa in mezzo a un gruppo accaldato e schiamazzante, appena in tempo per salutare il padre che tornava a casa accompagnato da un uomo carico di giocattoli e regali di Natale. Poi il vocio e il parapiglia e l assalto cui fu soggetto il fattorino che non si poteva difendere! L arrampicarsi su di lui, con sedie in mancanza di scale, per tuffarsi nelle sue tasche, depredarlo dei pacchi ricoperti di carta marrone, aggrapparsi alla sua cravatta, abbracciargli il collo, prenderlo a pugni nella schiena, e a calci negli stinchi con incontenibile affetto! Le grida di meraviglia e gioia con le quali fu accolta l apertura di ogni pacco. Ma a chisto punto se sentette tuzzulia a porta e, subbeto, succedette tale n azzardo ca essa, a faccia a rrisa e e vveste sciambrate, fuie strascenata mmiezo a n arruocchio accalurato e sfrenato, a ttiempo a ttiempo pe saluta o pate ca se reterava nzieme cu n ommo ca o veneva appriesso carreco e pazzielle e riale e Natale. Allora l ammuina, a guerra e l assardo se scarrecàieno ncuoll a chillo povero portarrobbe! Le s arrampecàieno ncuollo, ausanno e seggie comm a scale, pe le summuzza dint e sacche, p o spuglia d e paccotte e carta scura, pe l afferra astrinto p a cravatta, pe le s attacca a o cuollo, vàtterlo arret e rine, e adderezzarle cauce dint e cosce, cu n affezione ca nun se puteva cuntene! L allucche e maraveglia e e contentezza, cunfromme ca s arapeva ogne paccotto ca s era avuto! Immagini: Vincenzo Migliaro ( ). Vincenzo Pepe Vincenzo Pepe: Na cantata e Natale. 15

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti)

I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti) I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti) La seguente scansione dei saperi è da considerare come indicazione di massima. Può essere utilizzata in modo flessibile in riferimento ai diversi libri di testo

Dettagli

BOLOGNA CITY BRANDING

BOLOGNA CITY BRANDING BOLOGNA CITY BRANDING La percezione di Bologna Web survey su «testimoni privilegiati» FURIO CAMILLO SILVIA MUCCI Dipartimento di Scienze Statistiche UNIBO MoodWatcher 18 04 2013 L indagine Periodo di rilevazione:

Dettagli

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato STRUTTURE GRAMMATICALI VOCABOLI FUNZIONI COMUNICATIVE Presente del verbo be: tutte le forme Pronomi Personali Soggetto: tutte le forme

Dettagli

OFFERTA PER CORSI D INGLESE NELLA SCUOLA PRIMARIA. Roma, 14 novembre 2012 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma

OFFERTA PER CORSI D INGLESE NELLA SCUOLA PRIMARIA. Roma, 14 novembre 2012 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma Roma, 14 novembre 2012 Istituto Comprensivo D Avarna Via Valagussa, 28 00100 Roma C.A. Dirigente Scolastico prof. Roberto Tassani Trinity School, è una accademia linguistica certificata ISO, sede d esame

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Otto

U Corso di italiano, Lezione Otto 1 U Corso di italiano, Lezione Otto U Ti piace il cibo somalo? M Do you like Somali food? U Ti piace il cibo somalo? D Sì, mi piace molto. C è un ristorante somalo a Milano. É molto buono. F Yes, I like

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE Competenza di profilo: Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua

Dettagli

Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday is in I ve got My telephone number is

Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday is in I ve got My telephone number is Scuola Elementare Scuola Media AA. SS. 2004 2005 /2005-2006 Unità ponte Progetto accoglienza Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARCONI- CASTELNOVO DI SOTTO CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARCONI- CASTELNOVO DI SOTTO CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARCONI- CASTELNOVO DI SOTTO CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015 Scuola Primaria INGLESE - CLASSI PRIME COMPETENZE Utilizzare una lingua straniera per i principali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA SCUOLA SECONDARIA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA L alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che

Dettagli

weather like? It s ). Halloween. Halloween.

weather like? It s ). Halloween. Halloween. CLASSI QUARTE FIUGGI-ACUTO A.S. 2009/10 UNITÀ DI LAVORO N 1 Tempi: 1 bimestre ottobre-novembre Il lessico e le strutture già note. I cibi e le strutture per esprimere una preferenza (Do you like? Yes I

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

Italian Section 30 - Online activitites

Italian Section 30 - Online activitites No. 01 Il corpo The body la testa The head The eye The The nose The mouth The The neck The il dente The tooth The il petto The chest The The il dito The finger la pancia The stomach The The foot il dito

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciotto

U Corso di italiano, Lezione Diciotto 1 U Corso di italiano, Lezione Diciotto U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? M Excuse-me, what time do shops open in Bologna? U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? D Aprono alle nove F

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

ACTIVITY 3 - DRAMA ACTIVITY: Rudolph, the red nosed reindeer. Materiali: cappello da Babbo natale 9 copricapi da renna (si possono facilmente costruire in classe utilizzando una striscia di cartoncino

Dettagli

Area 1: storia e cultura politico-istituzionale

Area 1: storia e cultura politico-istituzionale 20 quesiti ripartiti nelle aree: storia e cultura politico-istituzionale, ragionamento logico, lingua italiana, lingua inglese. 5 quesiti supplementari nell area matematica per chi volesse iscriversi in

Dettagli

it is ( s) it is not (isn t) Is it? Isn t it? we are ( re) we are not (aren t) Are we? Aren t we?

it is ( s) it is not (isn t) Is it? Isn t it? we are ( re) we are not (aren t) Are we? Aren t we? Lesson 1 (A1/A2) Verbo to be tempo presente Forma Affermativa contratta Negativa contratta Interrogativa Interrogativo-negativa contratta I am ( m) I am not ( m not) Am I? Aren t I? you are ( re) you are

Dettagli

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES Il 150 dell unità d Italia rappresenta un evento di cruciale importanza per Torino e il Piemonte. La prima capitale d Italia, come già fece nel 1911 e nel 1961 per il Cinquantenario

Dettagli

Istituto Comprensivo San Cesareo. Viale dei Cedri. San Cesareo. Lingua Inglese. Classi I II III IV V. Scuola Primaria E Giannuzzi

Istituto Comprensivo San Cesareo. Viale dei Cedri. San Cesareo. Lingua Inglese. Classi I II III IV V. Scuola Primaria E Giannuzzi Istituto Comprensivo San Cesareo Viale dei Cedri San Cesareo Lingua Inglese Classi I II III IV V Scuola Primaria E Giannuzzi Anno Scolastico 2015/16 1 Unità di Apprendimento n. 1 Autumn Settembre/Ottobre/Novembre

Dettagli

Unit 01: Welcome. Il materiale semplificato è tratto dal testo: M. Hobbs e J. Starr Keddle YOUR SPACE ed Loescher. Pp. 8-19, 21, 22, 24-27.

Unit 01: Welcome. Il materiale semplificato è tratto dal testo: M. Hobbs e J. Starr Keddle YOUR SPACE ed Loescher. Pp. 8-19, 21, 22, 24-27. Il materiale semplificato è tratto dal testo: M. Hobbs e J. Starr Keddle YOUR SPACE ed Loescher. Pp. 8-19, 21, 22, 24-27 01 Welcome Pagina 8. Es. 1: Tante parole della lingua inglese le senti anche quando

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Riferimenti alle Indicazioni Nazionali per la classe prima: Comprendere e rispondere ad un saluto. Presentarsi e chiedere il nome delle

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

CURRICOLO INGLESE CLASSE 1^ Comprende Vocaboli - Saluti - Presentazioni. Istruzioni. Espressioni e frasi di uso quotidiano riferite a se stesso.

CURRICOLO INGLESE CLASSE 1^ Comprende Vocaboli - Saluti - Presentazioni. Istruzioni. Espressioni e frasi di uso quotidiano riferite a se stesso. CLASSE 1^ Classe 1^ re vocaboli, istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano, pronunciati chiaramente e lentamente relativi a se stesso. Produrre frasi significative riferite a oggetti e situazioni

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Uno

U Corso di italiano, Lezione Uno 1 U Corso di italiano, Lezione Uno F What s your name? U Mi chiamo Francesco M My name is Francesco U Mi chiamo Francesco D Ciao Francesco F Hi Francesco D Ciao Francesco D Mi chiamo Paola. F My name is

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLA FRASCAROLI.. MATERIA: LINGUA INGLESE CLASSE 2 E DATA DI PRESENTAZIONE: 30.11.13 OBIETTIVI TRASVERSALI E COMPORTAMENTALI Si rimanda

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventotto

U Corso di italiano, Lezione Ventotto 1 U Corso di italiano, Lezione Ventotto M I would like to eat a portion of spaghetti U Vorrei mangiare una porzione di spaghetti M I would like to eat a portion of spaghetti U Vorrei mangiare una porzione

Dettagli

percorso didattico di INGLESE (L2) CLASSE v B

percorso didattico di INGLESE (L2) CLASSE v B percorso didattico di INGLESE (L2) CLASSE v B SCUOLA PRIMARIA DI SAN FLORIANO anno scolastico 2007/2008 insegnante Peccolo Stefania Obiettivi della unità Conoscere e confrontare le proprie tradizioni natalizie

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI INGLESE (classi QUARTE)

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI INGLESE (classi QUARTE) PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI INGLESE (classi QUARTE) secondo le Indicazioni del 2012. Unità di apprendimento n.1 cl. IV 1- Dati identificativi Titolo: Welcome to the B & B Materia : Lingua

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Dettagli

Progetto didattico di lingua inglese Area: Approcci metodologici Titolo: The Enormous Turnip: Un laboratorio di storytelling. Ins.

Progetto didattico di lingua inglese Area: Approcci metodologici Titolo: The Enormous Turnip: Un laboratorio di storytelling. Ins. Progetto didattico di lingua inglese Area: Approcci metodologici Titolo: The Enormous Turnip: Un laboratorio di storytelling Ins. Daghetta Maria Corso di metodologia inglese a.s. 2006/ 07 Storytelling

Dettagli

PROF CARLA FRASCAROLI.. DATA DI PRESENTAZIONE:

PROF CARLA FRASCAROLI.. DATA DI PRESENTAZIONE: PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF CARLA FRASCAROLI.. MATERIA: LINGUA INGLESE. CLASSE 3 E DATA DI PRESENTAZIONE: 30.11.13 OBIETTIVI TRASVERSALI E COMPORTAMENTALI Si rimanda

Dettagli

University of Cambridge ESOL Examinations. Young English. Informazioni per i candidati

University of Cambridge ESOL Examinations. Young English. Informazioni per i candidati University of Cambridge ESOL Examinations Young Learners English Starters Informazioni per i candidati Informazioni per i candidati il YLE Starters Caro Genitore, la ringraziamo per aver incoraggiato suo

Dettagli

Young Learners English

Young Learners English University of Cambridge ESOL Examinations Young Learners English Movers Informazioni per i candidati Informazioni per i candidati il YLE Movers Caro Genitore, la ringraziamo per aver incoraggiato suo figlio

Dettagli

Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Docente: Federica Marcianò

Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Docente: Federica Marcianò Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Units 1-2 Pronomi personali soggetto be: Present simple, forma affermativa Aggettivi possessivi Articoli: a /an, the Paesi e nazionalità Unit

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS)

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS) Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS) PREMESSA: RICHIAMI DI GRAMMATICA Il pronome (dal latino al posto del nome ) personale è quell elemento della frase

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LINGUA INGLESE

PIANO ANNUALE DI LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOLZANO VICENTINO SCUOLA PRIMARIA PIANO ANNUALE DI LINGUA INGLESE CLASSI: I II III IV V. PLESSI: BOLZANO, QUINTO, LISIERA. CLASSE PRIMA OBIETTIVI GENERALI ASCOLTARE E COMPRENDERE

Dettagli

Programmazione curricolare di Lingua Inglese Scuola Primaria Classe prima

Programmazione curricolare di Lingua Inglese Scuola Primaria Classe prima Programmazione curricolare di Lingua Inglese Scuola Primaria Classe prima Competenze Obiettivi di apprendimento da trasformare in conoscenze,abilità,competenze da acquisire e capacità da potenziare Contenuti

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Piano di lavoro A.S. 2014-15

Piano di lavoro A.S. 2014-15 ISTITUTO COMPRENSIVO VERONA N. 6 CHIEVO BASSONA BORGO NUOVO Via Puglie, 7/e 37139 Verona Tel.: 045.565602 Fax: 045.572033 e-mail: dirigente@ic6verona.it Piano di lavoro A.S. 2014-15 Docente Disciplina

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciassette

U Corso di italiano, Lezione Diciassette 1 U Corso di italiano, Lezione Diciassette U Oggi, facciamo un esercizio M Today we do an exercise U Oggi, facciamo un esercizio D Noi diremo una frase in inglese e tu cerca di pensare a come dirla in

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma. Via Ferrini, 61 00175 Roma SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA. Anno scolastico 2014-2015

Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma. Via Ferrini, 61 00175 Roma SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA. Anno scolastico 2014-2015 Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma Via Ferrini, 61 00175 Roma SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA Anno scolastico

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

LINGUE COMUNITARIE: INGLESE

LINGUE COMUNITARIE: INGLESE LINGUE COMUNITARIE: INGLESE COMPETENZE AL TERMINE DEL SECONDO BIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 ABILITÀ CONOSCENZE STRUTTURE LINGUISTICHE Comprendere e ricavare informazioni dall ascolto e dalla

Dettagli

LINGUA E CIVILTA INGLESE Obiettivi minimi curricolari B I E N N I O

LINGUA E CIVILTA INGLESE Obiettivi minimi curricolari B I E N N I O LINGUA E CIVILTA INGLESE Obiettivi minimi curricolari B I E N N I O Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico, delle Scienze Sociali e delle Scienze Sociali Musicale 1 Anno - Livello Elementary Salutare e presentare

Dettagli

LINGUA E CIVILTA INGLESE Obiettivi minimi curricolari B I E N N I O

LINGUA E CIVILTA INGLESE Obiettivi minimi curricolari B I E N N I O LINGUA E CIVILTA INGLESE Obiettivi minimi curricolari Indirizzi Socio-Psico-Pedagogico, delle Scienze Sociali e delle Scienze Sociali Musicale 1 Anno - Livello Elementare B I E N N I O Salutare e presentare

Dettagli

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Ascolto (comprensione orale) Parlato (produzione e interazione orale) Lettura (comprensione scritta) Scrittura (produzione scritta) 1. Comprendere

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

ITI ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: INGLESE

ITI ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: INGLESE UDA UDA N. 1 About me Ore: 25 ore UDA N. 2 Meeting up Ore: 25 ore ITI ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: INGLESE PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014 PRIMA Bi Frof. Filomena De Rosa COMPETENZE DELLA UDA Utilizzare

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

La tecnica della tartaruga. Una metodo per insegnare l autocontrollo

La tecnica della tartaruga. Una metodo per insegnare l autocontrollo La tecnica della tartaruga Una metodo per insegnare l autocontrollo La tecnica della tartaruga è un metodo per insegnare ai bambini, fin dall età prescolare ad acquisire la capacità di controllare la propria

Dettagli

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?»

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» «SONO STATO A IESOLO E POI A MINORCA CON L AEREO» «SONO STATA IN POLONIA A TROVARE LA NONNA» «IN SICILIA.E UN PO LONTANO CI

Dettagli

NEWSLETTER N. 35 Marzo 2015

NEWSLETTER N. 35 Marzo 2015 ! 2222222222222222222222222222222222222222 2222222222222222222222222222222222222222 NEWSLETTER N. 35 Marzo 2015 Il segreto, divertirsi pag. 2 I nostri nuovi eventi : Marketing operativo pag.3 I tuoi soci

Dettagli

Piano di lavoro A.S. 2014-15

Piano di lavoro A.S. 2014-15 ISTITUTO COMPRENSIVO VERONA N. 6 CHIEVO BASSONA BORGO NUOVO Via Puglie, 7/e 37139 Verona Tel.: 045.565602 Fax: 045.572033 e-mail: dirigente@ic6verona.it Piano di lavoro A.S. 2014-15 Docente Disciplina

Dettagli

3. Comprendere frasi ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza dalla lettura di testi;

3. Comprendere frasi ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza dalla lettura di testi; COMPETENZE SPECIFICHE DELLE LINGUE STRANIERE Lingua Inglese 1. Comprendere frasi ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad esempio informazioni di base sulla persona

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Interview to Igor. C.H.: Were you you always wear. happy, when the black? Mr. Igor: I don t know, the look of our day!

Interview to Igor. C.H.: Were you you always wear. happy, when the black? Mr. Igor: I don t know, the look of our day! 24/10/2011 The Big Eyes Issue 00 First page: Exclusive: Interview to Igor New pages on Facebook Frederick Frankenstein s letter Interview to Igor C.H.: Good morning course! Perhaps I m C.H.: Thank you,

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Educazione ambientale; scienze.

Educazione ambientale; scienze. PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola primaria di Bellano Classe quinta Disciplina: Inglese STARTER Svolgere attività di ripasso riguardanti le strutture ed il lessico appreso lo scorso anno. Immagine;

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Catania Test d ingresso Classi Prime 2012-13 Potenziamento Inglese Cognome... Nome...

Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Catania Test d ingresso Classi Prime 2012-13 Potenziamento Inglese Cognome... Nome... Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Catania Test d ingresso Classi Prime 2012-13 Potenziamento Inglese Cognome... Nome... Punteggio della prova Domande di Italiano Punti... Domande di Matematica

Dettagli

Life Collection. www.giorgiofedon1919.it

Life Collection. www.giorgiofedon1919.it Life Collection L eccellenza creativa è da sempre l obiettivo della Giorgio Fedon 1919 nel presentare le sue collezioni. Non fa eccezione la nuova collezione Life per l autunno-inverno realizzata pensando

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

GELCAP è il brand Genera dei gel per capelli, prodotti leggeri e piacevoli al tatto, dalle formulazioni fissative ideali per creare pettinature

GELCAP è il brand Genera dei gel per capelli, prodotti leggeri e piacevoli al tatto, dalle formulazioni fissative ideali per creare pettinature GELCAP è il brand Genera dei gel per capelli, prodotti leggeri e piacevoli al tatto, dalle formulazioni fissative ideali per creare pettinature moderne senza residui. Il gel è stato arricchito di filtro

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016

LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE I - anno scol. 2015/2016 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTESI ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA 1. ASCOLTO (COMPRENSIONE ORALE) a) Acquisire una consapevolezza plurilinguistica e

Dettagli

Istituto Comprensivo Noventa di Piave - Scuola Primaria G. Noventa a. s. 2014/2015 classi 2 A B - C

Istituto Comprensivo Noventa di Piave - Scuola Primaria G. Noventa a. s. 2014/2015 classi 2 A B - C Istituto Comprensivo Noventa di Piave - Scuola Primaria G. Noventa a. s. 2014/2015 classi 2 A B - C UNITÀ DI APPRENDIMENTO: AUTUMN Competenze chiave di riferimento: LINGUA INGLESE 1. Comunicare nelle lingue

Dettagli

Immagine; educazione alla cittadinanza.

Immagine; educazione alla cittadinanza. PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola primaria di Bellano Classe quinta Disciplina: Inglese TITOLO STARTER Svolgere attività di ripasso riguardanti le strutture ed il lessico appreso lo scorso anno.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LINGUA INGLESE CLASSE SECONDA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LINGUA INGLESE CLASSE SECONDA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LINGUA INGLESE (Settembre, Ottobre, Novembre) OBIETTIVI 1. CONOSCENZE CLASSE SECONDA Conoscere il lessico: Saluti nei vari momenti della giornata. Numeri 1-10 (revisione). Gli

Dettagli

Programmazione curricolare di istituto

Programmazione curricolare di istituto SCUOLA PRIMARIA Classe: PRIMA 1) Ascoltare e comprendere in modo globale la lingua orale a. Comprendere comandi, istruzioni, canzoni filastrocche, conte e brevi storie con linguaggio gestuale e drammatizzazione;

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA Anno scolastico 2014-2015 DOCENTE: Prof.ssa Antonella Di Giannantonio Disciplina: Lingua Inglese Classe: 1 Sez.: D A) Strumenti di verifica e di

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** DOCENTE: CRITELLI ANNA CLASSE: 1F MATERIA: INGLESE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 201/1 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (CURRICOLO D ISTITUTO) Ascolto

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

PANETTONE ARTIGIANAL PANETTONE ARTIGIANALE. Christmas

PANETTONE ARTIGIANAL PANETTONE ARTIGIANALE. Christmas PANETTONE ARTIGIANAL PANETTONE ARTIGIANALE Christmas Nobody will tell you about the famous love story of the two lovers, Romeo and Juliet, lived from the end of 500 and the beginning of 600 in our Verona,

Dettagli

Perugia Crocevia Linguistico Associazione Culturale

Perugia Crocevia Linguistico Associazione Culturale Perugia Crocevia Linguistico Associazione Culturale PROGRAMMA CORSO INGLESE CLASSE 1 ELEMENTARE Formule di saluto. Espressioni per chiedere e dire il proprio nome. (What s your name? My name is ) (How

Dettagli

L esperto come facilitatore

L esperto come facilitatore L esperto come facilitatore Isabella Quadrelli Ricercatrice INVALSI Gruppo di Ricerca Valutazione e Miglioramento Esperto = Facilitatore L esperto ha la funzione principale di promuovere e facilitare la

Dettagli

IC MONTE SAN PIETRO Scuola Media Cassani Lusvardi INGLESE- Prof.ssa Vanessa Cortello PROGRAMMAZIONE a.s. 2013-2014

IC MONTE SAN PIETRO Scuola Media Cassani Lusvardi INGLESE- Prof.ssa Vanessa Cortello PROGRAMMAZIONE a.s. 2013-2014 IC MONTE SAN PIETRO Scuola Media Cassani Lusvardi INGLESE- Prof.ssa Vanessa Cortello PROGRAMMAZIONE a.s. 2013-2014 CLASSE:Prima B LIBRI DI TESTO: Bowen, Delaney High Spirits Starter Book e High Spirits

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 2 -

Informatica per la comunicazione - lezione 2 - Informatica per la comunicazione" - lezione 2 - Diamo una rapida occhiata al momento e al personaggio storico che vengono visti come l inizio dell informatica come la conosciamo oggi, pur dovendo riconoscere

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Mauro L. Evangelista Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Contributo in occasione della manifestazione Libri che prendono forma (Roma 17 marzo 2010, MiBAC - FNIPC) Il mio interesse nei confronti

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

CURRICOLO DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA I DISCORSI E LE PAROLE

CURRICOLO DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA I DISCORSI E LE PAROLE CURRICOLO DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA I DISCORSI E LE PAROLE Traguardi per lo sviluppo della competenza al termine della scuola dell infanzia

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE Bambini di 5/6 anni CON LADY BUTTERFLY ANNO SCOLASTICO 2011-12 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO D INGLESE CON LADY

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AI CAMPI ELISI TRIESTE SCUOLA PRIMARIA E. DE MORPURGO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO L. STOCK ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AI CAMPI ELISI TRIESTE SCUOLA PRIMARIA E. DE MORPURGO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO L. STOCK ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AI CAMPI ELISI TRIESTE SCUOLA PRIMARIA E. DE MORPURGO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO L. STOCK ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA I docenti di inglese e di

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli