I Racconti del Cenacolo di Ares

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Racconti del Cenacolo di Ares"

Transcript

1 I Racconti del Cenacolo di Ares Cenacolo di Ares Edizioni

2 Cenacolo di Ares Edizioni Copertina: Alessandro Pusceddu Prefazione di Martina Marongiu Facebook: Cenacolo di Ares Edizioni

3 Carmine Frau Incantatori di serpenti Racconto lungo Il Cenacolo di Ares

4

5 «Conservare zavorra, è tutto lì il nocciolo della questione: zavorre e sorrisi e mani strette come quelle dei bambini all'asilo.» Fabio Giardina

6

7 Prefazione Prendete un barbiere di dodici anni alto pressappoco così, e che sa tutto, ma proprio tutto. Aggiungete un Gringo, uno che è straniero in casa sua; poi prendete uno Scrittore, uno che parla coi suoi personaggi, e lasciate che i due diventino amici. E infine, disegnate una vecchia imbarcazione, che dondola in un porto e odora di cannella, e datele un bel nome di donna. A questo punto, senza che voi facciate altro, arriva un Egda, come in ogni storia che si rispetti, capace di portarti via a cercare qualcosa che neppure esiste. E ti dimentichi di tutto, ma proprio tutto. Ci sono incanti capaci di durare una vita intera. Persone, luoghi, possibilità, e alle volte persino le storie. Ci stregano, così, semplicemente capita. Ma non a tutti, e mica sempre, sia ben chiaro. Capita anche di accontentarsi o di fuggire, di cercare o di reprimere. Capita di non capire, di non capire affatto. 7

8 In questo racconto, può capitare di non capire. Capita, ma non è grave. Può anche capitare di perdersi, e di ritrovarsi ben oltre il confine segnato dalla pagina, e di accorgersi un pelo in tempo del tempo che stava per svanire. Da queste parti si intrecciano parecchie cose rare, apparentemente prive senso, radicate in una sola notte di pioggia o sospinte dalla folle corrente del mare. Ma altrettanto raro è trovarsi da queste parti. Ci sono, volendo, per i più meticolosi, delle piste da seguire: alcune si interrompono però, decadono (non fateci troppo affidamento!); altre, vanno ben al di là della neve che imprigiona e libera. Ci sono i Grandi che giocano a fare i Grandi, e ci sono i Piccoli nati già Grandi e che, per dire che giocano, fanno terribilmente sul serio. Ci sono rocce, nella Città delle Rocce. E ovviamente c è il porto. Tra chi resta e chi parte, chi resta sta bene dove sta, dice. Chi parte, forse, non tornerà mai. E se torna, saranno ormai trascorsi dei secoli, secoli 8

9 veri. E lo sa solo il tempo di che cosa sto parlando. A volte capita di sentirsi stranieri nella propria terra. Basta anche solo il minimo sospetto, per rimettere in dubbio tutto quanto alla ricerca di nuove strade. La fuga è amica di ogni speranza. E anche quando si sa tutto, e non per scelta, bensì per natura, può capitare di vivere l inaspettato, e di dimenticare ogni cosa. Così, può capitare che leggendo questo libro ci si dimentichi persino del suo titolo. L incantatore di serpenti esiste o è frutto di un inganno? Magari era tutta una scusa Per voi, è davvero così importante? In fondo sta tutto nell Incanto. Martina Marongiu 9

10 10

11 1 Il continuo infrangersi dell acqua sulle pietre del molo. La legna delle barche ormeggiate scricchiola e trema. Dondola. Lontano brilla il faro. Alfiere del mondo umano, primo bottone che regge insieme la stoffa stropicciata e irregolare della natura e quella invadente dell umanità. Faro che è tutto un ritornare, quando accoglie a casa le barche sputate fuori dall inesplorato. Faro che è tutto un viaggio, l ultimo occhio vigile che puoi fissare innamorato, prima di esplorare le verità di un mondo il tuo mondo che temi e non ha ancora confini certi. Un porto è fatto di ritmi. Il tempo ci suona sopra per gli affari suoi una melodia fatta di ribollire, come l acqua intorno agli scafi antichi e che pulsa al ritmo della luce di quell immensa colonna. Cala la notte sul porto e tutt intorno è silenzio senza colore. Stelle e silenzio, silenzio prima della vita, del pianto di un 11

12 bambino, degli affanni di un vecchio. Natura oltre il cono di luce che arriva fino a Vattelappesca, dovunque sia, e fa il giro del mondo per ricominciare, costante, dallo stesso punto, come avesse preso dall uomo il suo peggior difetto. Oppure il suo miglior pregio. La Città delle Rocce finisce in quella luce. Oppure comincia. Le rocce abbracciano ruvide e fradice il porto da entrambi i lati. Al centro, ogni due anni, dondola lo scafo di un mercantile. È blu come gli occhi di una bella donna. Una lunga linea bianca lo spacca longitudinalmente a metà, e il bianco del cielo di agosto colora invece la parte inferiore della chiglia. Galleggia e tace sull acqua. Un marinaio, in piedi sul montacarichi, è armato di pennello e di vernice. Rosso. Traccia per l ennesima volta i caratteri sbiaditi dal sale, e strappa nuovamente quello scafo alla Natura, per rifarne umanità più precisamente, donna amica degli uomini e grembo paziente. La 12

13 chiamano Céline. Trasporta spezie dal sud del Paese, taluni dicono, quelli che ci sono stati, che il suo ponte profumi di acqua di mare, e cannella. 13

14 2 C è un viavai di persone e cose al porto. Una fiera, da queste parti, è tutta una faccenda di terra battuta e di vento tiepido che sparge odori tra i più vari. Un minestrone. Carne arrosto, spezie esotiche, sudore, merda di cane, acqua stagnante, polvere da sparo, stoffa scura, stoffa chiara, capelli, acqua di colonia, sigari, denti gialli, denti bianchi, fiori, strumenti e bande musicali e tutto il resto. Una goccia di sudore caldo cola dalla tempia del primo clarinetto. Si schianta per terra, lasciando il segno di un minuscolo cratere di sabbia umida. Butta il groppo in fondo alla gola. Il maestro si gira e segna l attacco. Musica. Le biciclette sono rovesciate sull erba ai bordi del piazzale. La Céline riposa sull acqua. È vuota, e le sue merci sono in vendita da qualche parte. Non c è 14

15 nessuno dentro, ad eccezione del suo comandante. Lafayet, quello se ne sta sull attenti, sul ponte, si afferra il polso dietro la schiena, osserva, come a ritracciare con lo sguardo meticoloso l orizzonte che ha davanti. Nostalgico vero, di quelli che vivono soltanto per ritornare. Dopo aver ascoltato la musica della banda, mi sono fermato alla prima bancarella. Su un banco pieno di libri usati, cerco una copertina. Niente di preciso, mi limito a guardarle e a giudicare tonalità, materiale, e poi il titolo. Azzurro, carta rigida, Strutture e interventi in campo idrico. C è un pozzo antico, fatto di pietre, in primo piano. A matita. Comincia: Il discorso degli interventi in campo idrico, a grandissima ragione, può essere considerato dagli addetti come una risposta molto ampia ai problemi di approvvigionamento, specie se inserito all interno del dibattito tutt altro che obsoleto della tecnica idricosofica di moda nel nuovo continente. Con il presente lavoro 15

16 Molto più interessante il suo vicino di scaffale, verde, carta rigida, Venti ragioni per smettere di bere, con un bellissimo bicchiere largo sullo sfondo. Mi incuriosisce un uomo al padiglione artigianale, dall altro lato dello spiazzo. Indossa un cappello in vendita a pochi spiccioli. Il mercante ci spera. Vattelappesca se questa volta lo comprano. Tira su i calzoni, stamattina la moglie gli ha fatto trovare pronti quelli azzurri, in cotone rigido, molto comodi per lavorare al laboratorio del cuoio, e certo anche al banco, se non fosse per quel fastidioso dettaglio che sono larghi, e quante volte glielo devo dire che sono larghi: non posso mica andare in giro a mostrare ai clienti le mutande, che cazzo. Tira su alla buona le braghe, fino all ombelico, o poco sotto, senza preoccuparsi della camicia che viene su tutta stropicciata. Chiede permesso al Gringo concesso e gli annoda il laccio al mento. Gli calza a pennello eccetera, dice, mentre si regge i pantaloni con la mano sinistra. Sembra proprio fatto per 16

17 lei, dice, proprio quando una musica calda arriva di spalle, a folate insieme al vento, e distrae il pistolero. A lato delle giostre sta seduto un uomo, per terra, con le gambe incrociate. Indossa un bel copricapo rosso. È a torso nudo, ha le spalle ossute cotte dal sole, e soffia dentro uno strumento fatto di canna dipinta e laccata, con una grossa zucca sferica vicino al bocchino. I ragazzini nel loro giro di giostra urlano e ridono per i fatti loro. Un gabbiano spolpa la carcassa di un topo. Dentro la cassetta c è qualche spicciolo. Poca roba. La cesta di vimini al suo fianco è ben coperta. Ci sarà dentro un serpente addormentato. Gringo lascia cadere qualche moneta generosa dentro la cassetta, una gira tre volte su se stessa e si posa sul legno con suono acuto. L incantatore ripone il suo strumento, alza lo sguardo, e ringrazia 17

18 con un misurato cenno dei baffi grigi. Poi, incomincia la nenia. Le note che fuoriescono sono molto ripetitive e veloci. Con un gesto rapido, dispone la cesta tra lui e il suo spettatore, e poi la apre. Il dorso di un meraviglioso animale si solleva di scatto. La corona intorno al collo si apre come una bellissima coppia di ali, ali squamate e tutto quanto, e al suo interno sono tracciate delle spirali. La danza dell animale è ora lenta, poi più pericolosa con l incalzare della musica. Con uno scatto improvviso, il rettile sinuoso cerca di afferrare le dita del musicista. Va a vuoto. Una, due, tre volte. L uomo tiene una nota più a lungo delle altre, e richiude dentro il serpente semplicemente spingendo il coperchio della cesta dolcemente contro l animale. Poi dice: «Sei uno straniero in casa tua, nei tuoi occhi c è una fuga perpetua». 18

19 3 Egda ha la pelle bianca. Bianchissima. Gli occhi sono blu e risaltano in quel viso bianco, così come le lentiggini rosse e i capelli biondi. E i suoi maglioni. Ha una voce delicata, anche perché parla sempre molto poco, come volesse preservarla dalla ruvidità del mondo. Le piace la musica suonata al pianoforte, e va matta per il profumo della cannella. Quando sente la necessità inevitabile e impellente di dover dire qualcosa, le sue palpebre si stringono in una smorfia appena percettibile e molto carina. Pare concentrarsi su una pagina del destino del mondo e da essa trarre una, sola, riga perfetta. Poi la dice. Parla così poco che la gente pensa sia straniera. E in effetti, in un certo senso, è straniera. 19

20 I genitori erano originari di uno di quei paesi del nord Europa in cui avere la pelle chiara come la luna d'inverno è cosa comune. E pure le lentiggini non mentono, anche se bisogna dire, a questo punto della storia, che Egda è nata e ha sempre vissuto a pochi chilometri dalla bottega da Pwim. Con il punto e tutto quanto. Una notte pioveva. Ma così forte che finiva il mondo. Aveva cominciato piano, come tutte le cose che cominciano, e non sanno ancora fare altro. Si sentivano ancora alcune automobili passare sull acqua, l intensità aumentò graduale ma inesorabile. Il boato dell acqua prese il posto del leggero ticchettio, la gente chiudeva le imposte e si preoccupava dentro la propria abitazione, che d un tratto non sembrava più così sicura. Notti di quelle esistono solo per far piovere più acqua possibile. In quella notte, Egda, aveva sognato la neve. 20

21 La mattina dopo, una mattina di quelle che esistono solo ed esclusivamente dopo una notte di pioggia, Egda entrò in una bottega. Quella bottega aveva un'insegna di legno rossa e bianca che cigolava dondolando appesa all'asta di ferro arrugginito, con scritto sopra, a caratteri eleganti neri: da PWIM. Con il punto e tutto quanto. 21

22 4 Pwim taglia i capelli. Non si è mai innamorato. Gli piace il calcio e il rumore delle forbici quando tagliano i capelli bagnati, i vestiti rossi, e il suo amico immaginario: il Lungo. Ha dodici anni, e aveva entrambi i genitori, italiani. La madre morì l istante esatto in cui lui venne al mondo. La coincidenza l ha sempre costretto a sospettare con tristezza che lei fosse morta di lui. Il padre, benedetto dalla venuta di un figlio, veniva stesso tempo colpito dal lutto per la moglie. Divenne taciturno. Dipingeva. Riuscì a dedicare al figlio un grande affetto, tutto quello che gli era possibile. Anche la parte che non poteva più riservare alla moglie. Almeno, finché rimase in vita. Fino all'anno scorso. 22

23 A undici anni, tre mesi e quattordici giorni dalla morte della moglie, venne meno. Ora Pwim tira avanti facendo il barbiere, e se la passa mica male, anche grazie ai suoi amici. Ha dodici anni, sei mesi e qualcosa. La prima parola di Pwim è stata: Grazie. L aveva detta all infermiera quando lo afferrò per poi adagiarlo nell incubatrice. Lei indossava il camice azzurro a maniche corte, col collo a V che scopre completamente un ampio triangolo che collega la testa al seno. La pelle era abbronzata e raggrinzita, ma in modo appena percettibile. Indossava pantofole bucherellate. Bianche: standosene appeso per le ascelle alla presa a due mani dell infermiera, Pwim le vedeva spuntare fuori dai calzoni, laggiù. Ha questo brutto vizio di sapere tutto, senza aver mai imparato niente. Lo sa e basta. Una di quelle doti innate. La seconda parola di Pwim fu: Ora. 23

24 La frase intera, per la cronaca, fu: Grazie, ora levati dalle palle, grazie. L'infermiera se la prese in modo tanto personale che non avresti mai detto. Se non altro, per il fatto che l'autore della frase aveva sì e no qualche minuto di vita. In realtà il motivo di quella rudezza è da ricondurre sicuramente al fatto che la prima cosa che Pwim vide del mondo, fu il corpo senza vita della madre, immobile, di un sonno apparentemente lieve ma così eterno da farti quasi arrabbiare, sul letto della clinica. Le lenzuola erano rosa. Fuori, il sole era velato dalla stoffa del caldo cielo estivo. Il grano era già imballato da settimane e, nei posti che contano, era appena finita una grossa faccenda di guerra. Il mondo, dicevano nei giornali, era pronto a ripartire, ma in fondo, la verità è che non si era mai fermato. Solo nella sala dell ospedale in cui ci troviamo, sembrava non essersi mai neppure affacciato. 24

25 Per quel motivo, nessuno si stupì, a parte l infermiera permalosa, quando la prima frase di Pwim fu: Grazie, ora levati dalle palle, grazie. Attualmente, possiede una bottega con l'insegna di legno. Per la precisione: da Pwim.. Con il punto e tutto quanto. In questo preciso istante, se ci si sporge per guardare dal portone, sta tagliando i capelli a un suo cliente, un signore coi baffi grigi e una camicia blu profumatissima. Lo si capisce da tutto quello sferragliare e ticchettare e pettinare eccetera. Il rumore delle lame che in un colpo si abbracciano in una stretta brillante, letale per i capelli lunghi, e ha un ritmo piacevole. Ci si potrebbe fischiettare un bel motivo sopra. - che poi non si addice alle persone per bene: fare per la strada quel che ti capita di fare in casa ci pensò un secondo e pure con il pensare ci andrei attento. disse il cliente, precisando. 25

26 - Sa, signor Hobbes, sono convinto che ciascuno di noi sia contemporaneamente molte persone. Una persona diversa a seconda del momento che si trova a vivere disse Pwim, e con un balzo saltò giù dalla cassa di legno per cambiare pettine e forbici. E via dicendo. Come tutti possono vedere, Pwim taglia i capelli montando sopra una vecchia cassa rovesciata, con il logo di una nota marca di Rum marchiato sul lato, poiché ancora non arriva alla testa dei clienti. - Ma sono cresciuto di due centimetri questo mese. Non ha mica bisogno di soldi. I pittori hanno la puntuale capacità di diventare ricchi e alla moda negli ambienti che contano, una volta trapassati. Il padre di Pwim, da morto, è riuscito ad accumulare molto più di ciò che quel diploma di ragioneria gli avrebbe mai permesso di desiderare, ai tempi. Per cui, sostanzialmente Pwim non è povero. 26

27 Potrebbe starsene tutto il giorno a casa, o che so, andare a scuola a far finta di imparare. È solo che tra tutto quello che sa fare Pwim, e sicuro che sa fare tutto, gli dà un piacere senza eguali tagliare i capelli alla gente. Il cliente che se ne sta seduto sotto le sue forbici scintillanti, si fa vivo una settimana sì e una no per capelli e baffi, e sa benissimo che Pwim è un ragazzino fuori dal comune. Lo sanno tutti. - Pwim? chiese con uno slancio che lasciò poi in sospeso. - Lo so signor Hobbes, lo so. Riporto a sinistra e baffi corti ma non troppo. - No, mica dicevo questo. Voglio dire, Pwim, com è che ci si sente quando sei uno come te? - Basso? chiese il giovane barbiere, segnalando una misura scarsa dal pavimento col palmo della mano. 27

28 - Ma no, dico, come ci si sente quando sei speciale? Insomma, io darei qualsiasi cosa per sapere le cose che sai tu. - È una condanna. disse Pwim. - Una condanna? - Una condanna. Insomma, io vorrei non sapere. Tipo non sapere cosa dire. Vorrei che ci fosse un mondo del quale poter immaginare qualcosa. Fantasticare. Dicono che quando ti svegli nessuno debba toccarti i capelli, altrimenti può rubare i tuoi sogni. È un po come se a me succedesse ogni mattina. È la stessa situazione di chi ha un viziaccio e non riesce a liberarsene. La stessa cosa: vede quanto gli succede ma non ci si oppone, perché non riesce. Sapete, da qualche parte visse uno scrittore. Quello da sempre andava blaterando di mondi assurdi, di pistoleri e di una certa inflessione dialettale nell'anima, e delle cattedrali e di varie altre faccende complicate tipo quella del vecchio orologiaio eccetera. Beh, arrivò a convincersi che il tutto esistesse davvero. 28

29 Finisce male, finisce che se non stai attento la linea che separa gli scogli del tuo mondo da quelli del mondo vero si assottiglia sempre di più, confondendoli e ingoiandoli entrambi come mare in burrasca. Un bel casino. Le onde si alzano e il vento carica instancabile, e il faro bianco in lontananza, unico punto di riferimento sicuro, comincia a sparire dietro la cortina di nebbia, e le piccole gocce grigiastre e la risacca eccetera. Ecco, è così quando sai tutto. Hai l'impressione che la gente con la quale parli non capisca fino in fondo di che diamine stai parlando. Quelli ti guardano come se fossi il faro dietro le onde e le gocce e la risacca e il vento, e piano sparisci dalla loro vista. Le persone evitano del tutto ciò che si scorge appena ammutolì il cliente. Le forbici gelide poggiate sul labbro superiore e pronte a tracciare una perfetta linea di baffi. Forse rifletteva rispose Pwim. 29

30 - Accidenti, sai davvero tutto. sentenziò l uomo. Accidenti, sapeva davvero tutto. 30

31 5 Vado matto per quei film sul vecchio West. Le storie di pistoleros, polvere e stranieri senza scrupoli né casa. Ho sempre pensato che nel Lontano West, se hai una giusta dose di fortuna e di palle, viene fuori che diventi qualcuno. Se ti interessa diventare qualcuno, ovviamente. L uomo che ho conosciuto alla fiera della Città delle Rocce diceva di parlare con un vecchio sciamano, un incantatore di serpenti, o qualcosa del genere, diceva. Il problema è che io non ci avevo visto nessuno a parte lui, che girava su se stesso con un cappello da cowboy in testa e mi sembrava tutto matto. Sconvolto, di sicuro. Ripeteva una cantilena sull essere stranieri e sulla speranza, per questo gli dissi: - Gringo, ora calmati e poi mi spieghi meglio. 31

32 Si calmò, ma non mi spiegò niente che fosse più chiaro di quella storia dello sciamano. Un uomo veniva trafelato verso di noi, teneva insieme calzoni e camicia con la mano sinistra e con la destra continuava a indicare qualcosa che non c era sopra la sua testa. - Quello, signore, lo dovrebbe pagare. ansimò sputacchiando. Ad ogni modo, col tempo diventammo amici, io e quel ladro inconsapevole di cappelli da cowboy, e presi il vizio di chiamarlo Gringo. A dirla tutta, ancora non ho idea di come si chiami davvero. Forse me l ha detto, comunque. Capita che talvolta alla Città delle Rocce si sia un po' stranieri, e capita che in un determinato periodo della sua vita, Gringo, si comportasse esattamente da gringo. Sapete? Quello che entra in città a cavallo di un vecchio mulo grigio, con un poncho e una Colt e nient altro, e la città lo sa, che quello è un gringo, e cerca 32

33 di espellerlo al più presto come se fosse un calcolo nei reni. Lui era, diciamo, bloccato in questo stadio di non appartenenza. Non so dirvi se fosse a causa della storia della fiera, o se la storia della fiera fosse una conseguenza del suo stato d animo. Per quanto mi riguarda, che mi piacciono i film sul vecchio West ve l ho già detto. Mi guadagno da vivere raccontando storie, e spendo più di quanto dovrei in una collezione di libri scelta solo per le copertine. Non li ho mai letti, a essere sinceri. Magari un giorno lo farò. Mi piacciono, quelle copertine. La gente dice che non puoi giudicare un libro dalla copertina, benedetta saggezza popolare, ma io lo faccio. Alla fiera presi il libro Venti ragioni per smettere di bere, insieme a un volume di seconda mano sulla fine del mondo. In copertina c era il quadro del Viandante sul mare di nebbia. Una volta mi sono innamorato e sono finito sul ponte principale di una grossa nave passeggeri. Può sembrare anche una correlazione illogica, questo sì, ma 33

34 era capitato che una premura si fosse presa gioco delle mie gambe. Inspiegabile premura, a conti fatti, ma necessaria. Decisi di farmi di corsa mezza Città delle Rocce. Non era una questione di chiedersi il perché. A volte devi prendere e correre senza farti domande, ché le risposte non sono altro che vicoli ciechi e barriere architettoniche. Devi solo cominciare a correre, ecco tutto. Io lo feci per arrivare al porto e salire su una nave in partenza, con l'idea abbastanza idiota di abbracciare una bellissima donna, e dichiararle in modo affannoso e tutt'altro che convincente il mio amore. La Céline mi guardava silenziosa. Sarebbe presto partita per il suo giro di commerci. Al suo fianco era ormeggiata la nave passeggeri. Un inferno di lamiere e parquet e amori infranti. - Nemmeno l ombra, signore. Ora la prego di liberare il ponte, o al limite pagare l imbarco. mi disse il comandante della nave. Ne aveva viste, di persone che cercavano altre persone. Ma non solo: cercavano valigie, animali, 34

35 armi, gioielli, carte, destini, fortune, stelle comete. Qualche volta, persone. Sapeva che c era poco da fare in quei casi. Il fatto è questo: il più delle volte le persone non vogliono essere cercate. Vogliono essere trovate. Qualche volta puoi anche aver sbagliato nave. Per questo non le trovi. Ma il più delle volte hai sbagliato persona. Per questo non la trovi. Io pensavo di aver chiaramente sbagliato nave. - La vita è anche fatta di navi sbagliate. dicevo quando ne parlavamo. - Già. Per questo non l hai trovata, vero? concluse Gringo con un tono sarcastico il mio ragionamento, mescolando un soffritto di olio, cipolla e pancetta succosa sotto un fuoco allegro. E poi, ci sono rocce, alla Città delle Rocce. C'è anche un sacco d'acqua. 35

36 Il mare. Dalla casa di Gringo, in centro, si vede il mare, e pure i gabbiani che volano a cerchi concentrici sopra i comignoli arrugginiti, e giureresti di sentire il profumo del muggine arrostito che i camini sputano in cielo. C'è il vecchio faro bianco e viola sul lato orientale della costa. Lo guardo sempre in momenti come quello della nave sbagliata. Lo facevo anche da piccolo, quando mi andava di scappare via di casa. Io mi ci nascondevo, al faro. Qualcuno si costruiva un rifugio, qualcuno si nascondeva al centro di un campo pieno zeppo di cespugli: tra i rami impolverati c era e ci sarà sempre un po di spazio per un bambino qualsiasi e i suoi desideri migliori, fatti con le gambe incrociate e un broncio così. Io, andavo al faro. Ora è dismesso, a causa delle innovazioni nel campo della navigazione. Venne declassato ad attrazione turistica, e la sua gloriosa banda orizzontale rossa 36

37 venne ridipinta di viola. I marinai raccontavano che quando lo si vede dal mare, la banda colorata sparisce per un meraviglioso incantesimo ottico. Per questo motivo alcuni giurano di averlo visto staccarsi prodigiosamente dal terreno e librarsi nell aria. - Come un cazzo di squalo, o vattelappesca come. diceva sempre un vecchio pescatore, Samuèl Cerneau, europeo con la barbetta a chiazze e la pelle rossa corrosa dal sale. Lo trovate sempre al molo, tra le dodici e le ventuno, a bestemmiare contro i giovani pescatori pieni zeppi di tecnologia e pesce fresco. Il faro. Quando fa brutto, riesci a vedere solo la sua luce intensa e ritmata. Quando fa bruttissimo, sparisce dietro il boato del mare in tempesta e del vento disperato. - C'è da dire che quando fa bruttissimo l'ultima cosa di cui devi preoccuparti è il 37

38 faro. sottolineava Cerneau Faresti bene a tenere le palle all asciutto. - E a bagnare la gola. - gli faceva sempre eco qualche avventore ubriacone della locanda. Quando fa bello, però, il mare alla Città delle Rocce è un grosso sospiro di sollievo blu, e il vento profuma di fiori viola delle jacarande, la luna ci si specchia e si trova più bella che mai. La fregatura, in giorni come quelli, è che speranza e odio sono sentimenti complementari. Gatto e Volpe, si direbbe. Uno si trova a consolare l amico che si è lanciato a perdifiato sulla nave sbagliata, e un istante dopo, decide che il mondo è troppo piccolo. Che la speranza è una pelle troppo stretta e tu ci sei cresciuto dentro fino a strapparla, e a strapparti. Gringo. Le parole di quell incantatore, quello della fiera, gli si piantarono in mente come unico pensiero che fosse capace di formulare. Maceravano là dentro per mesi. Lotta perpetua aveva 38

39 detto, straniero, casa. Non è chiaro se quello sciamano ci fosse sul serio, su quella terra. Ma non importa. Pensieri che maceravano in testa. In poche settimane la sua inquietudine si acuì. Pensavo l avrebbe elaborata, bisogna lasciare lo spazio necessario in questi casi. La pelle il vestito era troppo stretto e stava cominciando a lacerarsi. Straap! Se proprio vuoi, il tempo rattoppa gli strappi più semplici. Cura tutte le ferite che devi far rimarginare. Per le altre non ci sono troppe questioni. Restano aperte. E quello, il tempo, passa dall'altra parte dello schieramento, lotta contro di te e diventa il parametro con il quale misurare i fallimenti, gli investimenti sbagliati, gli errori imperdonabili. Roba che ci si sbagliano vite intere, volendo. Altro che navi. Strap. 39

40 Ce l aveva negli occhi da sempre, quell inquietudine, per questo il suo nomignolo prese piede facilmente, e tutti lo chiamavano così, scordandosi il vero nome. Alle volte sei capace di vivere da sconosciuto a casa tua, ma quando non reggi, è allora che lo strappo è irreparabile. Gringo sparì. Evaporato. 40 STRAP! Casa sua cominciava a riempirsi di polvere. Le finestre serrate non lasciavano entrare il sole primaverile che scaldava rocce e gabbiani. Una mattina me ne stavo col naso dentro la storia in bianco e nero di un regista innamorato del suo personaggio femminile. Ci aveva un bel culo e il fisico da diva degli anni Venti, la bella. Squillò il telefono. Un numero sconosciuto. Chiamava me, quello stronzo, come se

41 nulla fosse successo. Senza spiegare eccetera. - Alla buon'ora. Testa di cazzo. - Ho avuto da fare. - Già. - Senti. Ho pensato molto, in questi mesi. - Almeno quello. - Almeno quello. Ho pensato molto e mi sono chiesto: perché mi chiamate Gringo? Perché Straniero? - Beh, a parte il fatto che ormai nessuno ti chiama più. Alla Città delle Rocce o sei un cittadino oppure sei un gringo. Tipo il vecchio Clint. E indovina che cosa sei tu? - Appunto. Sono uno straniero. Nei nomi è segnato più destino di quanto si possa credere, amico mio Ho fatto questo ragionamento, tempo fa, e ho deciso di cercare il mio posto. 41

42 Uno deve cercare il suo posto, a un certo punto, no? Insomma, se sono uno straniero qui dentro, significa che, semplicemente, questa non è casa mia. - disse esattamente così, al telefono: questa, non, è, casa, mia. Al telefono uno si aspetta di sentire frasi fatte, cliché, proverbi e al limite insulti, ma non frasi così come quel meteorologo continuava, mentre sentivo in sottofondo rumori imprecisati di traffico e vento che viveva in un posto in cui non poteva essere felice e Lo interruppi - uno deve cercare il suo posto, chiaro. Il meteorologo, va benissimo, ma che c'entra ora?, stavo scrivendo un racconto. E alla fine quello si suicida, ricordi? - Davvero? Poveraccio. Senti, quell incantatore, alla fiera, io l ho visto davvero quella sera. La lotta col serpente mi aveva ipnotizzato, come un sogno ad occhi aperti, o forse era la musica. Ma non importa mica tanto, sai? È tutto un fatto di cosa siamo noi, di come vogliamo sporcare il mondo con la nostra 42

43 esistenza. Il piattume mi sta avvelenando. Non devi preoccuparti troppo per me, sto correndo verso me stesso e mi vedo chiaramente. si mangiava le parole Devo devo trovare il mio posto. Ecco. Devo dobbiamo trovare il posto giusto oppure anzi. Oppure, saremo costretti a vivere senza magia, vittime di un buio informe, dell'ombra, di niente. È una cosa che ho io in testa, forse. Cerca di capirmi. Dovresti farlo anche tu. Cerca il tuo posto. - Il mio posto? Ma sto bene qui, quando è primavera e le strade si ricoprono di petali viola, dove diavolo lo trovo un posto così? D'accordo, devi, dobbiamo, trovare il posto e tutto quanto, ma ora comincio a preoccuparmi. Quasi preferivo quando ti davo per morto. - Ti racconterò. Ora devo riagganciare. - Vieni a trovarmi. Ne parlia... 43

44 Gringo aveva riagganciato subito dopo il suo devo riagganciare. Cosa che rese piuttosto inutile il mio invito. Fissai il vuoto con il ricevitore ancora all'orecchio per lunghissimi minuti. La verità bella e buona è che se la dava a gambe. Pensavo che fosse un atteggiamento irresponsabile. Da sciocchi. Avrei voluto saperne di più, ma, da quel momento, non avrei mai più rivisto Gringo. Venni a sapere successivamente che visse accampato per alcune settimane dentro il Faro. 44

45 Una mattina di quelle col sole ingenuo. 6 Aveva piovuto, la notte prima, e sui vetri tremava incerta ancora qualche goccia. Il temporale aveva lavato i mal di testa e ripulito le strade. L'umidità macchiava i palazzi in ombra e, a chiazze, la terra sulle strade, fino a colare giù in rigagnoli, come tutto l amore non ricambiato del mondo. Qualcuno aveva lasciato sul davanzale una pentola, ci avrebbe poi cucinato la pasta o lavato i pavimenti. Le piante verdi del corso, rinfrescate le foglie, si erano tenute un po di pioggia e l avrebbero rilasciata sui ragazzini scocciatori. O nel vento. In una mattina di quelle, una ragazza entrò nella bottega Da Pwim. Con il punto eccetera. Si sedette su una poltroncina, come fanno quelli che aspettano il proprio turno. Dai diffusori della bottega fuoriusciva una musica famosa. La stufa di ghisa era antica e lucida. 45

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba

LA LETTERATURA ITALIANA FACILITATA: UNA PROPOSTA DI LETTURA Annalisa Sgobba CAPITOLO PRIMO RE E STELLA DEL CIELO Re e stella del cielo Il mio nome è uno dei miei primi successi. Ho subito imparato (è stato lui, mi sembra, il primo che mi ha detto questo), che Arturo è una stella:

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari.

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari. Scheda 1 Nome:... Cognome:... Classe:... Gli aggettivi qualificativi 1 Completa le frasi con l aggettivo appropriato, come nell esempio. pigra bugiarda curiosa generosa fortunata coraggiosa tranquilla

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo

sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo sviluppo E sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo COMMISSIONE EUROPEA DE 116 MAGGIO 2003 E sensibilizzazione alla cooperazione allo sviluppo In questo piccolo libro si narra una storia simile

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO C erano una volta due sposi che si chiamavano Vincenza e Giuseppe. Una sera Giuseppe non riusciva a dormire, così andò fuori, ma fuori nevicava. Nonostante

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Federico Platania Il primo sangue Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. 0544 401290 - fax 0544 1390153 www.fernandel.it fernandel@fernandel.it ISBN: 978-88-87433-89-0 Copertina di Riccardo Grandi

Dettagli

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna)

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) «Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) Caro Johnny Depp, eccomi di nuovo da te. Anche se da te e con

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli