AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII PISTOIA Telefono 0573/ Fax E mail:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana."

Transcript

1

2 Opere per adeguamento normativo ai fini della prevenzione incendi del fabbricato uso uffici e ambulatori dell Azienda Usl. 3 di Pistoia ubicato in viale Matteotti nc. 19 Pistoia di Progetto rete idrica antincendio Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 1 di 20

3 SOMMARIO CAPITOLO 1 Oggetto e scopo... 3 CAPITOLO 2 Riferimenti legislativi Osservanza di Leggi, Regolamenti e Normative CAPITOLO 3 Descrizione dell intervento Analisi dei locali interessati Elementi di progetto Dimensionamento delle tubazioni Perdite di carico distribuite Perdite di carico localizzate Calcolo idraulico... 9 CAPITOLO 4 Installazione delle tubazioni Installazione delle tubazioni Sostegno delle tubazioni Valvole di intercettazione Raccordi, accessori e attacchi unificati Naspi Segnalazioni Attacchi di mandata per autopompa Gruppo di surpressione Documentazione finale Collaudo degli impianti Collaudo delle alimentazioni CAPITOLO 5 Esercizio e Verifica dell impianto Generalità Manutenzione delle attrezzature Manutenzione delle alimentazioni Verifica periodica dell impianto Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 2 di 20

4 CAPITOLO 1 OGGETTO E SCOPO L esigenza di proteggere le strutture sanitarie con dispositivi di prevenzione incendi emerge chiaramente dalla legislazione vigente e, in particolare, dal D.M. del 18 settembre 2002 (pubblicato su G.U. n. 227 del 27/09/2002); nello specifico, per la struttura interessata, il campo di applicazione è quello riportato all art. 1 (punto c) del suddetto D.M. ossia per quelle strutture che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, ivi comprese quelle riabilitative, di diagnostica strumentale e di laboratorio. Tale necessità si applica anche a strutture esistenti nel caso siano oggetto di interventi comportanti la loro completa ristrutturazione e/o il cambio di destinazione d uso (art. 4 del D.M. del 18/09/2002); È questo il caso del fabbricato destinato ad ambulatori e uffici sito in Viale Matteotti al n. 19, in Pistoia, interessato dagli interventi in oggetto. Ai fini della prevenzione incendi, allo scopo di raggiungere gli obiettivi di sicurezza delle persone e la tutela dei beni, le strutture sanitarie sono gestite in modo da (estratto dal D.M. del 18/09/2002): a) minimizzare le cause di incendio; b) garantire la stabilità delle strutture portanti al fine di assicurare il soccorso agli occupanti; c) limitare la produzione e la propagazione di un incendio all'interno dei locali; d) limitare la propagazione di un incendio ad edifici e/o locali contigui; e) assicurare la possibilità che gli occupanti lascino il locale indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo; f) garantire la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza. La presente relazione, pertanto, ha per scopo l illustrazione dell impianto fisso di estinzione incendi a naspi ed in particolare la relazione si rivolge al dimensionamento della rete idrica di distribuzione. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 3 di 20

5 CAPITOLO 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI 2.1 Osservanza di Leggi, Regolamenti e Normative. Tutti i lavori saranno eseguiti a regola d arte ed al termine dei lavori dorrà essere rilasciata, dall installatore, regolare dichiarazione di conformità così come previsto dal DM 37/2008. I componenti dovranno essere sempre di elevata qualità, costruiti secondo le specifiche norme di prodotto e provvisti, ove necessario, delle apposite certificazioni e/o approvazioni dei Ministeri preposti. L esecuzione degli impianti è soggetta all osservanza delle norme qui di seguito riportate: Legge 1 Marzo 1968 n. 186 Costruzione e realizzazione di materiali ed impianti elettrici a regola d arte DM 22 Gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all interno degli edifici D. M. 08/03/85 Direttive sulle misure più urgenti ed essenziali per la prevenzione degli incendi ai fini del rilascio di NOP di cui alla legge n. 818 del 07/12/84 D. M. 18/09/02 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed l esercizio delle strutture sanitarie. D.Lgs 9 Aprile 2008 n. 81 e smi Attuazione dell art. 1 della legge 3 Agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Norme e disposizioni emanate dalla USL (Servizio di Igiene Pubblica e Territorio) Prescrizioni delle Autorità Comunali e/o Regionali In seguito si indicano i principali riferimenti normativi secondo quanto emanato dall Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI): ) UNI 802 (Apparecchiature per estinzione incendi Prospetto tipi unificati); ) UNI 804 (Apparecchiature per estinzione incendi Raccordi per tubazioni flessibili); ) UNI 805 (Apparecchiature per estinzione incendi Canotti filettati per raccordi tubazioni flessibili); ) UNI 807 (Apparecchiature per estinzione incendi Canotti non filettati per raccordi tubazioni flessibili); ) UNI 808 (Apparecchiature per estinzione incendi Girelli per raccordi tubazioni flessibili); Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 4 di 20

6 ) UNI 810 (Apparecchiature per estinzione incendi Attacchi a vite); ) UNI 811 (Apparecchiature per estinzione incendi Attacchi a madrevite); ) UNI 813 (Apparecchiature per estinzione incendi Guarnizioni per raccordi e attacchi per tubazioni flessibili); ) UNI 813 (Apparecchiature per estinzione incendi Guarnizioni per raccordi e attacchi per tubazioni flessibili); ) UNI 814 (Apparecchiature per estinzione incendi Chiavi per la manovra dei raccordi, attacchi e tappi per tubazioni flessibili); ) UNI 8478 (Apparecchiature per estinzione incendi Lance a getto pieno, dimensioni, requisiti e prove); ) UNI 9487 (Apparecchiature per estinzione incendi Tubazioni flessibili antincendio di DN 45 e 70 per pressioni di esercizio fino a 1,2 MPa); ) UNI 9488 (Apparecchiature per estinzione incendi Tubazioni semirigide di DN 20 e 25 per naspi antincendio); ) UNI EN (Installazioni fisse antincendio Sistemi automatici a sprinkler Progettazione, installazione e manutenzione). ) UNI EN (Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Naspi antincendio con tubazioni semirigide); ) UNI EN (Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Idranti a muro con tubazioni flessibili); ) UNI EN (Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Manutenzione dei naspi antincendio con tubazioni semirigide ed idranti a muro con tubazioni flessibili); ) UNI (Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio); ) UNI (Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per impianti antincendio Caratteristiche costruttive e funzionali); ) UNI 6363 (Tubi di acciaio, senza saldatura e saldati, per condotte d acqua); ) UNI 7125 (Saracinesche frangiate per condotti di acqua. Condizioni tecniche di fornitura); ) UNI 7421 (Apparecchiature per estinzione incendi - Tappi per valvole e raccordi per tubazioni flessibili); ) UNI 7422 (Apparecchiature per estinzione incendi Requisiti delle legature per tubazioni flessibili); ) UNI 7421 (Apparecchiature per estinzione incendi - Tappi per valvole e raccordi per tubazioni flessibili); ) UNI 8863 (Tubi senza saldatura e saldati, di acciaio non legato, filettabili secondo UNI ISO 7-1); ) UNI 5336 (Tubi, raccordi e pezzi speciali per condotte in pressione di ghisa grigia Qualità, prescrizioni e prove); ) UNI EN 545 (Tubi, raccordi e accessori di ghisa sferoidale e loro assemblaggi per condotte d acqua - Prescrizioni e metodi di prova); Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 5 di 20

7 ) UNI (Sistemi di tubazioni in materia plastica per la distribuzione dell acqua Polietilene(PE)); I materiali impiegati saranno di primaria marca. Il rispetto delle Norme sopra indicate è inteso nel senso più restrittivo, cioè non solo la realizzazione dell impianto dovrà essere rispondente alle Norme ma altresì ogni singolo componente dell impianto stesso. Responsabilità dell Appaltatore. La verifica dei calcoli eseguiti per il dimensionamento degli impianti in oggetto è sotto la responsabilità dell Appaltatore. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 6 di 20

8 CAPITOLO 3 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3.1 Analisi dei locali interessati L edificio sito in Viale Matteotti 19 si presenta come un edificio dislocato su tre piani fuori terra oltre alla copertura e un piano seminterrato. I locali presenti al suo interno per la maggior parte sono adibiti ad uso ufficio. In conseguenza di ciò il fabbricato è inquadrabile come struttura con livello di pericolosità 1 ossia aree nelle quali la quantità e/o la combustibilità dei materiali presenti sono basse e che presentano comunque basso pericolo d incendio in termini di probabilità d innesco, velocità di propagazione delle fiamme e possibilità di controllo dell incendio da parte delle squadre di emergenza. La protezione da realizzare si divide in protezione interna e protezione esterna (nel caso specifico non prevista la protezione esterna). La protezione interna sarà realizzata mediante l installazione di naspi a muro in modo da consentire un primo intervento sull incendio da distanza ravvicinata, e soprattutto tali da essere utilizzabili dalle persone che operano all interno della struttura. In particolare all interno dell edificio è stata prevista l installazione di 16 naspi DN 25 con tubazione da 25 metri. 3.2 Elementi di progetto Le reti di naspi comprendono: Alimentazione idrica; Rete di tubazioni fisse, preferibilmente chiuse ad anello (come nel caso specifico) permanentemente in pressione ad suo esclusivo antincendio; Attacco/attacchi di mandata per autopompa; Valvole di intercettazione; Naspi. Essendo, questo impianto, installato in un area di rischio classificabile di livello 1 l alimentazione idrica deve garantire il funzionamento contemporaneo di almeno 4 naspi con portata ciascuno di 35 l/min e pressione residua non minore di 0,02 MPa, nella posizione idraulicamente più sfavorevole, per almeno 30 minuti. Pertanto l impianto sarà dimensionato per tali caratteristiche. La pressione nominale dei componenti del sistema è superiore alla pressione massima che il sistema può raggiungere in ogni circostanza e comunque non minore a 1,2 MPa. 3.3 Dimensionamento delle tubazioni Il calcolo idraulico della rete di tubazioni consente di dimensionare ogni tratto di tubazione in base alle perdite di carico distribuite e localizzate che si hanno in quel tratto. Il calcolo della rete idrica antincendio è stato eseguito sulla base dei dati geometrici (lunghezze dei tratti della rete, dislivelli geodetici, diametri nominali delle tubazioni). La procedura di calcolo impiegata ha portato alla determinazione di tutte le caratteristiche idrauliche dei tratti (portata, perdite distribuite e perdite concentrate). In base alle risultanze si è potuto quindi ricavare il valore minimo di pressione e di portata all origine dell impianto. E stata, inoltre, verificato che la velocità massima raggiunta dall acqua in tutti i punti della rete non sia mai superiore al valore massimo imposto dalla norma pari a 10 m/sec. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 7 di 20

9 Fissando una velocità massima all interno delle tubazioni pari a 3 m/sec, che appare un giusto compromesso tra costo del tubo e rumorosità il diametro teorico risultante avrà un valore espresso dalla formula: D teor = 3 4 Q 10 = 31, 46 mm π V 60 dove Q è la portata in litri al minuto ed è pari a 140 l/min V è la velocità in m/sec ed è pari a 3 m/sec Pertanto il diametro della tubazione da adottare sarà la sezione commerciale immediatamente superiore che corrisponde alla DN32, che corrisponde anche alla sezione minima utilizzabile imposta dalla norma. Verrà pertanto impiegata una sola tipologia e sezione di tubazione corrispondente alla DN32 in acciaio non legato UNI 8863 serie media. 3.4 Perdite di carico distribuite Le perdite di carico per attrito (perdite distribuite) sono state valutate secondo la seguente formula di Hazen-Wiliams: 3.5 Perdite di carico localizzate Le perdite di carico localizzate sono dovute ai raccordi, curve, pezzi a T e raccordi a croce, attraverso i quali la direzione del flusso subisce una variazione di 45 o maggiore e alle valvole di intercettazione e di non ritorno. Le perdite localizzate sono quindi state trasformate in lunghezza di tubazione equivalente come specificato nella norma UNI 10779, ed aggiunte alla lunghezza reale della tubazione di uguale diametro e natura. Nella determinazione delle perdite di carico localizzate si è tenuto conto che: Quando il flusso attraversa un pezzo a T o un raccordo a croce senza cambio di direzione, le relative perdite di carico possono essere trascurate; Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 8 di 20

10 Quando il flusso attraversa un pezzo a T o un raccordo a croce in cui, senza cambio di direzione, si ha una riduzione della sezione di passaggio, deve essere presa in considerazione la lunghezza equivalente relativa alla sezione minima di uscita (la minore) del raccordo medesimo; Quando il flusso subisce un cambio di direzione (curva, pezzo a T o raccordo a croce), deve essere presa in conto la lunghezza equivalente relativa alla sezione di uscita. I parametri utilizzati per il calcolo delle perdite localizzate sono riportate nella tabella sottostante: 3.6 Calcolo idraulico Sulla base di quanto esposto ai precedenti paragrafi 3.4 e3.5 il modello nodale della rete analizzata è il seguente: I H G C A F E D B dove A è il punto di origine della rete e I è il naspo posto in posizione geometricamente più sfavorevole. Pertanto le perdite complessive sono le seguenti: Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 9 di 20

11 Lunghezza equivalente pezzi speciali [m] Perdite per potenziale [mm c.a.] Descrizione pezzi Portata Q Diametro Lunghezza Lugnhezza Perdite distribuite unitarie Perdite Totali [mm Tratto speciali [l/min] DN [mm] tratta [m] complessiva [m] C acciaio [mm c.a./m] c.a.] AB 2 curve a 90 gradi BC CD 1 curva a 90 gradi Perdite Totali [mm c.a.] DE 1 pezzo a T e 1 a croce EF 1 pezzo a croce FG 1 pezzo a T GH HI 1 pezzo a T e naspo La pressione minima in ingresso sarà pari alla somma della pressione minima al naspo, pari a 0,02 Mpa (20 m c.a.), più le perdite di carico: P min = ,21 = 52,21 m c.a. 5,22 bar. La riserva idrica minima ammonterà a: 4*35 l/min *30 min = 4200 l Si realizzerà, quindi. Per maggior sicurezza una vasca con una capacità di 6000 litri a cui sarà allacciato un gruppo di pressurizzazione con una portata di almeno 140 l/min e una pressione minima di 5,5 bar. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 10 di 20

12 CAPITOLO 4 INSTALLAZIONE DELLE TUBAZIONI 4.1 Installazione delle tubazioni Le tubazioni devono essere installate tenendo conto dell affidabilità che il sistema deve offrire; la chiusura ad anello dei collettori principali e l installazione di valvole di intercettazione in posizione opportune costituiscono uno dei criteri per il raggiungimento del livello di affidabilità richiesto dal sistema. Dal punto di allacciamento della sorgente idrica le tubazioni fuoriterra devono essere in acciao del tipo UNI 8863 serie media filettata, purchè con giunzioni che non richiedono asportazione di materiale ed andranno ancorate alle strutture dei fabbricati a mezzo di adeguati sostegni. I raccordi, le giunzioni, ed i pezzi speciali relativi devono essere di acciaio o ghisa conformi alla specifica normativa di riferimento ed aventi pressione nominale almeno pari a quella della tubazione utilizzata. Inoltre: Le tubazioni devono essere installate in modo da non risultare esposte a danneggiamenti per urti meccanici. Nei luoghi con pericolo di gelo, le tubazioni devono essere sempre installate in ambienti riscaldati o comunque tali che la temperatura non scenda mai al di sotto di 4 C. Qualora i tratti di tubazione dovessero necessariamente attraversare zone a rischio di gelo, devono essere previste e adottate le necessarie protezioni, tenendo conto delle particolari condizioni climatiche. Nelle zone definite sismiche secondo la legislazione vigente in materia, la rete di tubazioni deve essere realizzata in modo da evitare rotture per effetto dei movimenti tellurici. Devono nessere prevenuti eccessivi spostamenti od oscillazioni dei tubi mediante appositi sostegni ed ancoraggi: i movimenti inevitabili devono tuttavia essere consentiti senza pregiudizio della integrità e funzionalità dell impianto. Negli attraversamenti di fondazioni, pareti, solai, ecc. devono essere lasciati attorno al tubo giochi adeguati, che devono essere successivamente sigillati con lana minerale od altro materiale idoneo, opportunamente trattenuto. Le tubazioni fuori terra devono essere pitturate con colore rosso RAL Le tubazioni fori terra devono essere installate a vista o in spazi nascosti, purchè accessibili per eventuali interventi di manutenzione, e on devono attraversare locali e/o aree che presentano un significativo rischio di incendio, non protette dalla rete di idranti; nel caso di attraversamento di detti locali la rete deve essere adeguatamente protetta. E consentita l installazione incassata delle sole diramazioni destinate ad alimentare un numero limitato di apparecchi (fino ad un massimo di 2). Nell attraversamento di strutture verticali ed orizzontali, quali pareti e solai, devono essere prese le necessarie precauzioni per evitare la deformazione delle tubazioni o il danneggiamento degli elementi costruttivi derivanti da dilatazioni o da cedimenti strutturali. Negli attraversamenti di compartimentazioni deve essere mantenuta la caratteristica di resistenza al fuoco del compartimento attraversato. Le tubazioni interrate devono essere installate in conformità alla specifica normativa di riferimento, ove disponibile. In ogni caso si deve seguire almeno le indicazioni seguenti: le tubazioni interrate devono essere installate tenendo conto della necessità di protezione dal gelo e da possibili danni meccanici; in generale la profondità di posa non deve essere mai minore di Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 11 di 20

13 0,8 m dalla generatrice superiore della tubazione. Laddove ciò non fosse possibile, occorrerà adottare protezioni meccaniche e dal gelo appositamente studiate. In ogni caso deve essere prestata particolare attenzione nel caso di tubazioni in materiale non ferroso. Particolare cura deve essere posta nei riguardi della protezione delle tubazioni contro la corrosione anche di origine elettrochimica. E vietata l installazione di tubazioni al di sotto di edifici o strutture che ne impediscano il raggiungimento in caso di guasto salvo adozione di specifici provvedimenti quali l installazione in cunicolo ispezionabile o simile. Tutte le tubazioni devono essere svuotabili senza dover smontare componenti significativi dell impianto. L installazione di tappi di drenaggio nei punti più bassi è considerata sufficiente. 4.2 Sostegno delle tubazioni Le tubazioni fuori terra devono essere ancorate a mezzo di adeguati sostegni conformi a quanto indicato dalla norma UNI Il tipo, il materiale ed il sistema di posa dei sostegni delle tubazioni devono essere tali da assicurare la stabilità dell impianto nelle più severe condizioni di esercizio ragionevolmente prevedibili. In particolare: a) I sostegni devono essere in grado di assorbire gli sforzi assiali e trasversali in fase di erogazione; b) Il materiale utilizzato per qualunque componente del sostegno deve essere non combustibile; c) I collari devono essere chiusi attorno ai tubi; d) Non sono ammessi sostegni aperti (come ganci a uncino e simili); e) Non sono ammessi sostegni ancorati tramite graffe elastiche; f) I sostegni non devono essere saldati direttamente alle tubazioni ne avvitati ai relativi raccordi; Ciascun tronco di tubazione deve essere supportato da un sostegno, ad eccezione dei tratti di lunghezza minore di 0,6 m, dei montanti e delle discese di lunghezza minore di 1 m per i quali non sono richiesti specifici sostegni. Il posizionamento dei supporti deve garantire la stabilità del sistema. In generale la distanza fra due sostegni non deve essere maggiore di 4 m, per tubazioni di dimensioni minori o uguali a DN 65, e di 6 m per quelle di diametro maggiore. La sezione trasversale netta di ciascun sostegno di acciaio, oppure il diametro minimo se costituito da barra filettata, non deve essere minore dei valori indicati nella tabella seguente: Dimensione minima dei sostegni Se il sostegno è formato da più componenti, la sezione trasversale di ciascun componente non deve essere minore del 150% di quella minima sopra specificata. Nella valutazione della sezione trasversale netta di un sostegno non si tiene conto dei fori per bulloni, chiodi e simili. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 12 di 20

14 4.3 Valvole di intercettazione. Le valvole di intercettazione devono essere di tipo indicante la posizione di apertura/chiusura; sono ammesse valvole a stelo uscente di tipo a saracinesca o a globo, valvole a farfalla, valvole a sfera o altre valvole unificate, purchè aventi la caratteristica sopra detta di indicazione della posizione di apertura/chiusura. Le valvole di intercettazione devono essere conformi alla UNI 1074 ove applicabile. La distribuzione delle valvole di intercettazione nell imèianto è stata accuratamente studiata in modo da consentire l eslusione di parti d impianto per manutenzione o modifica, senza dover ogni volta mettere fuori servizio l intero impianto. Le valvole di intercettazione saranno bloccate mediante apposito sigillo di posizione di normale funzionamento, oppure sorvegliate mediante dispositivo di controllo a distanza. 4.4 Raccordi, accessori e attacchi unificati I raccordi, gli attacchi unificati e gli accessori delle tubazioni devono essere conformi alle norme UNI 804, UNI 810, UNI 811, UNI 7421, con chiavi di manovra secondo UNI 814, UNI EN e UNI EN Le legature devono essere conformi alla UNI Altri tipi di apparecchiature possono essere previste per uniformarsi a prescrizioni delle autorità locali aventi giurisdizione in materia antincendio. 4.5 Naspi I naspi dovranno essere conformi alla UNI EN I naspi saranno posizionati in modo che ogni parte dell attività dia raggiungibile con il getto dell acqua di almeno un naspo (considerando il getto dell acqua lungo 5 metri) e saranno installati in posizione ben visibile e facilmente raggiungibile, in ogni caso senza ostacolare l eventuale esodo dai locali. I naspi saranno ubicati all interno del fabbricato nel rispetto del criterio generale di cui sopra ed in modo che: Ogni apparecchio protegga non più di 1000 m 2 ; Ogni punto dell area protetta disti al massimo 30 m. Essendo il fabbricato a più piani su ogni piano saranno installati i naspi. 4.6 Segnalazioni I componenti della rete saranno segnalati conformemente alle disposizioni legislative vigenti. Tutte le valvole di intercettazione riporteranno chiaramente indicata la funzione e l area controllata dalla valvola stessa. 4.7 Attacchi di mandata per autopompa L attacco di mandata per autopompa è un dispositivo, collegato alla rete di idranti, per mezzo del quale può essere immessa acqua nelle rete idrica antincendio in condizioni di emergenza. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 13 di 20

15 Il dispositivo costituente l attacco di mandata per autopompa deve comprendere almeno: Uno o più attacchi di immissione conformi alla specifica normativa di riferimento, con diametro non minore di DN 70, dotati di attacchi con girello UNI 804 protetti contro l ingresso di corpi estranei nel sistema a mezzo di tappo maschio, filettato secondo UNI 810, e sagomato in modo da poter essere rimosso con chiave unificata UNI 814; nel caso di più, è necessario prevedere una valvola di sezionamento per ogni attacco; Valvola di sicurezza tarata a 1,2 MPa, per sfogare l eventuale eccesso di pressione dell autopompa; Valvola di non ritorno o altro dispositivo atto ad evitare fuoriuscita di acqua dall impianto in pressione; Valvola di intercettazione, normalmente aperta, che consenta l intervento di manutenzione sui componenti senza vuotare l impianto; Nel caso di possibilità di gelo, eventuale dispositivo di drenaggio. I gruppi di attacco per autopompa devono essere installati in modo da garantire le seguenti caratteristiche: Bocca di immissione accessibile alle autopompe in modo agevole e sicuro anche durante l incendio; se sono sottosuolo, il pozzetto deve essere apribile senza difficoltà ed il collegamento agevole; Protezione da urti o altri danni meccanici e dal gelo; Ancoraggio stabile al suolo o ai fabbricati. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 14 di 20

16 Gli attacchi devono essere contrassegnati in modo da permettere l immediata individuazione dell impianto che alimentano (la specificazione del tipo di impianto e dell area servita è richiesta nel caso di più attacchi per autopompa nell ambito dell attività protetta), essi devono essere segnalati mediante cartelli o iscrizioni recanti la dicitura 4.8 Gruppo di surpressione Vista l indisponibilità di locali all interno della struttura adatti a contenere le pompe di surpressione la scelta progettuale è ricaduta sull impiego di un box prefabbricato eseguito e certificato in accordo a quanto previsto dalla norma UNI EN 12485, con pennellatura sandwich ad alto potere isolante, adatto a contenere tutte le apparecchiature previste e necessarie al per realizzare una centrale antincendio con pompe sommerse ne pieno rispetto della normativa vigente. La struttura risulta pertanto coibentata e con resistenza al fuoco pari a REI 120. Le ante apribili avranno dimensioni tali da garantire l accessibilità a tutte le apparecchiature per consentire una corretta ed agevole manutenzione. Poiché la norma prevede che all interno del locale pompe la temperatura non debba essere mai inferiore ai 4 C è stata prevista l installazione di una resistenza elettrica del tipo corazzato, comandata da un regolatore di temperatura atta a far si che la temperatura all interno della struttura non scenda mai al di sotto del limite citato. Il sistema idraulico sarà composto dal collettore con colonnette dimensionate per mantenere la velocità di attraversamento entro i limiti previsti dalla (6 m/sec) completo di attacco di mandata all impianto idrico antincendio, circuito di prova, valvole di ritegno del tipo ispezionabile e di intercettazione, misuratore di portata, gruppo di comando oltre ai quadri elettrici necessari al funzionamento dei sistemi di controllo e di alimentazione delle pompe sommerse. Sul quadro della pompa jockey dovranno essere previste almeno le seguenti spie: segnalazione luminosa corretta alimentazione sulle tre fasi; segnalazione luminosa pompa in marcia; segnalazione luminosa pompa ferma; segnalazione luminosa di anomalia; segnalazione luminosa di prolungato funzionamento della pompa; selettore di comando della pompa auto-0-manuale; pulsante prova lampade. Sul quadro della pompa antincendio dovranno essere previste almeno le seguenti spie e controlli: Voltmetro di lettura della tensione di alimentazione; Amperometro di lettura della corrente assorbita da ogni fase della pompa; Controllo presenza e frequenza fasi; segnalazione luminosa di alimentazione non disponibile; segnalazione di richiesta avviamento; Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 15 di 20

17 segnalazione luminosa pompa in funzione; segnalazione di mancato avviamento; segnalazione luminosa di anomalia; pulsante prova lampade. Le pompe sommerse saranno pompe centrifughe multistadio con giranti in ghisa o acciao ed alberi in acciaio inox AISI 431. La pompa sommersa antincendio avrà le seguenti caratteristiche: portata 8,4 m 3 /h prevalenza m.c.a. 55 m potenza elettrica 2,2 kw e tensione di alimentazione 400 V e frequenza 50 Hz La pompa sommersa ausiliaria avrà le seguenti caratteristiche: portata 3,2 m 3 /h prevalenza m.c.a. 85 m potenza elettrica 1,1 kw e tensione di alimentazione 400 V e frequenza 50 Hz Seguono lo schema idraulico di principio delle pompe sommerse e un tipico del box da realizzarsi. e un tipico del realizzato Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 16 di 20

18 LEGENDA 1 Quadro elettropompa ausiliaria 13 Illuminazione principale 2 Quadro elettropompa antincendio 1 14 Illuminazione di emergenza 3 Quadro elettropompa antincendio 2 (non richiesto) 15 Quadro dei servizi ausiliari 4 Quadro sezionatore linea elettrica antincendio 16 Telaio portante 5 Gruppo di comando pompa ausiliaria 17 Pressostato di pompa in marcia 6 Gruppo di comando elettropompa antincendio 1 D1 Collegamento alla pompa ausiliaria 7 Gruppo di comando elettropompa antincendio 2 (non richiesto) D2 Collegamento alla pompa antincendio 1 8 Manometro D3 Collegamento alla pompa antincendio 2 (non richiesto) 9 Serbatoio di pressurizzazione a membrana D4 Collegamento all impianto idrico antincendio 10 Collettore idraulico D5 Ritorno in cisterna 11 Resistenza corazzata VI Valvola di intercettazione 12 Misuratore di portata (flussometro) VR Valvola di ritegno Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 17 di 20

19 La vasca antincendio sarà invece costituito da un tank a sezione circolare con diametro esterno di 2500 mm e lunghezza di 1500 mm per una capacità utile di 6000 litri. Sarà realizzato in lamiera di acciaio dello spessore di 6 mm e sarà protetto esternamente da uno strato di vernice bituminosa e internamente da verniciatura a smalto sintetico. 4.9 Documentazione finale La ditta installatrice deve rilasciare al committente apposita documentazione, redatta secondo le vigenti disposizioni in materia, comprovante la corretta realizzazione ed installazione dell impianto e dei suoi componenti in accordo al progetto. Insieme alla precitata documentazione la ditta installatrice deve consegnare al committente copia del progetto utilizzato per l installazione, completo di tutti gli elaborati grafici e descrittivi relativi all impianto come realizzato, ed il manuale d uso e manutenzione dello stesso Collaudo degli impianti Il collaudo deve includere le seguenti operazioni: L accertamento della rispondenza della installazione al progetto esecutivo presentato; La verifica della conformità dei componenti utilizzati alle disposizioni normative richiamate dalla presente norma; La verifica della posa in opera a regola d arte ; Il collaudo deve essere preceduto da un accurato lavaggio delle tubazioni, con velocità dell acqua non minore di 2 m/s. Durante l esecuzione del collaudo devono essere eseguite le seguenti operazioni minime: Esame generale dell intero impianto comprese le alimentazioni, avente come particolare oggetto la capacità e tipologia delle alimentazioni, le caratteristiche delle pompe (se previste), i diametri delle tubazioni, la spaziatura dei naspi, i sostegni delle tubazioni; Prova idrostatica delle tubazioni ad una pressione di almeno 1,5 volte la pressione di esercizio dell impianto con un minimo di 1,4 MPa per 2 h; Collaudo delle alimentazioni; Verifica del regolare flusso nei collettori di alimentazione, aprendo completamente un naspo terminale per ogni ramo principale della rete a servizio di due o più naspi; Verifica delle prestazioni di progetto con riferimento alle portate e pressioni minime da garantire, alla contemporaneità delle erogazioni e alla durata delle alimentazioni. Per l esecuzione dei suddetti accertamenti nel progetto devono essere individuati i punti di misurazione che devono essere opportunamente predisposti ed indicati. Tali punti devono essere dotati almeno di attacco per manometro Collaudo delle alimentazioni Il collaudo delle alimentazioni deve essere eseguito in conformità a quanto al riguardo specificato dalla UNI EN Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 18 di 20

20 CAPITOLO 5 ESERCIZIO E VERIFICA DELL IMPIANTO 5.1 Generalità L utente è responsabile del mantenimento delle condizioni di efficienza dell impianto, che rimangono sotto la sua responsabilità anche esistendo il servizio di ispezione periodica da parte della ditta installatrice o di altro organismo autorizzato. Spetta al manutentore di rendere edotto l utente sulla condizione dell impianto con apposita comunicazione scritta, affinché l utente, consapevolmente, possa attendere alla messa in efficienza dell impianto. Pertanto l utente dovrà provvedere affinché venga effettuata: La sorveglianza dell impianto; La manutenzione periodica dell impianto; La verifica periodica dell impianto. La sorveglianza dell impianto consiste nella verifica delle apparecchiature quanto ad integrità, completezza dell equipaggiamento e possibilità di accesso, nei periodi che intercorrono tra due manutenzioni periodiche. 5.2 Manutenzione delle attrezzature La manutenzione della rete di naspi deve essere eseguita da personale competente e qualificato. La manutenzione dei naspi deve essere svolta con la frequenza prevista dalle disposizioni normative e comunque almeno due volte all anno, in conformità alla UNI EN ed alle istruzioni contenute nel manuale d uso che deve essere predisposto dal fornitore dell impianto. Tutte le tubazioni flessibili e semirigide devono essere verificate annualmente sottoponendole alla pressione di rete per verificarne l integrità. Le tubazioni non perfettamente integre devono essere sostituite o almeno collaudate alla pressione di 1,2 MPa. In ogni caso ogni 5 anni deve essere eseguita la prova idraulica delle tubazioni flessibili semirigide come previsto dalla UNI EN La manutenzione degli attacchi autopompa deve prevedere, con cadenza semestrale almeno la verifica della manovrabilità delle valvole, con completa apertura e chiusura delle stesse ed accertamento della tenuta della valvola di ritegno. Al termine delle operazioni assicurarsi che la valvola principale di intercettazione sia in posizione aperta. 5.3 Manutenzione delle alimentazioni La manutenzione delle alimentazioni deve essere eseguita in conformità alla UNI EN per la parte applicabile. 5.4 Verifica periodica dell impianto L utente deve provvedere a far eseguire, a tecnico avente le necessarie competenze, una verifica dell impianto atta ad accertarne la funzionalità e la conformità alla presente norma. La frequenza di tale verifica deve essere in conformità alle disposizioni legislative e comunque ogniqualvolta modifiche all attività o eventi straordinari la rendono necessaria. La verifica dell impianto deve comprendere almeno le operazioni di cui al paragrafo 4.10 con la possibilità di omettere la prova idrostatica, qualora non siano state eseguite modifiche e/o ampliamenti. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 19 di 20

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Valvole KSB a flusso avviato

Valvole KSB a flusso avviato Valvole Valvole KSB a flusso avviato Valvole KSB di ritegno Valvole Idrocentro Valvole a farfalla Valvole a sfera Valvoleintercettazionesaracinesca Valvole di ritegno Giunti elastici in gomma Compensatori

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2...

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... CB 1 CB 2 Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... 1 Indice Note importanti Pagina Corretto impiego...8 Note di sicurezza...8 Pericolo...8 Applicabilità secondo articolo

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Serie GEN con Motopompe. 50 Hz

Serie GEN con Motopompe. 50 Hz Hz Serie GEN con Motopompe GRUPPI DI PRESSIONE ANTINCENDIO EN 1284, ELETTROPOMPE CON MOTORI AD ALTA EFFICIENZA E MOTOPOMPE CENTRIFUGHE ORIZZONTALI SERIE FHF e SHF Cod. 19146 Rev ev.a.a Ed.11/211 2 SOMMARIO

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8" 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 RFAR0011 10

VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME MISURA PREZZO CODICE PZ/CF SQUADRO 3/8 10,23 RFAR0001 10 SQUADRO 1/2 12,93 RFAR0011 10 VALVOLA NORMALE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 10,23 R0001 10 SQUADRO 1/2" 12,93 R0011 10 DIRITTA 3/8" 12,87 R0031 10 DIRITTA 1/2" 13,98 R0041 10 VALVOLA TERMOSTATIZZABILE ATTACCO RAME SQUADRO 3/8" 15,36 R0031

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli