AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII PISTOIA Telefono 0573/ Fax E mail:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AREA FUNZIONALE TECNICA U.O. NUOVE OPERE Piazza Giovanni XXIII 51100 PISTOIA Telefono 0573/3521 352070 Fax 352059 E mail: e.tesi@usl3.toscana."

Transcript

1

2 Opere per adeguamento normativo ai fini della prevenzione incendi del fabbricato uso uffici e ambulatori dell Azienda Usl. 3 di Pistoia ubicato in viale Matteotti nc. 19 Pistoia di Progetto rete idrica antincendio Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 1 di 20

3 SOMMARIO CAPITOLO 1 Oggetto e scopo... 3 CAPITOLO 2 Riferimenti legislativi Osservanza di Leggi, Regolamenti e Normative CAPITOLO 3 Descrizione dell intervento Analisi dei locali interessati Elementi di progetto Dimensionamento delle tubazioni Perdite di carico distribuite Perdite di carico localizzate Calcolo idraulico... 9 CAPITOLO 4 Installazione delle tubazioni Installazione delle tubazioni Sostegno delle tubazioni Valvole di intercettazione Raccordi, accessori e attacchi unificati Naspi Segnalazioni Attacchi di mandata per autopompa Gruppo di surpressione Documentazione finale Collaudo degli impianti Collaudo delle alimentazioni CAPITOLO 5 Esercizio e Verifica dell impianto Generalità Manutenzione delle attrezzature Manutenzione delle alimentazioni Verifica periodica dell impianto Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 2 di 20

4 CAPITOLO 1 OGGETTO E SCOPO L esigenza di proteggere le strutture sanitarie con dispositivi di prevenzione incendi emerge chiaramente dalla legislazione vigente e, in particolare, dal D.M. del 18 settembre 2002 (pubblicato su G.U. n. 227 del 27/09/2002); nello specifico, per la struttura interessata, il campo di applicazione è quello riportato all art. 1 (punto c) del suddetto D.M. ossia per quelle strutture che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, ivi comprese quelle riabilitative, di diagnostica strumentale e di laboratorio. Tale necessità si applica anche a strutture esistenti nel caso siano oggetto di interventi comportanti la loro completa ristrutturazione e/o il cambio di destinazione d uso (art. 4 del D.M. del 18/09/2002); È questo il caso del fabbricato destinato ad ambulatori e uffici sito in Viale Matteotti al n. 19, in Pistoia, interessato dagli interventi in oggetto. Ai fini della prevenzione incendi, allo scopo di raggiungere gli obiettivi di sicurezza delle persone e la tutela dei beni, le strutture sanitarie sono gestite in modo da (estratto dal D.M. del 18/09/2002): a) minimizzare le cause di incendio; b) garantire la stabilità delle strutture portanti al fine di assicurare il soccorso agli occupanti; c) limitare la produzione e la propagazione di un incendio all'interno dei locali; d) limitare la propagazione di un incendio ad edifici e/o locali contigui; e) assicurare la possibilità che gli occupanti lascino il locale indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo; f) garantire la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza. La presente relazione, pertanto, ha per scopo l illustrazione dell impianto fisso di estinzione incendi a naspi ed in particolare la relazione si rivolge al dimensionamento della rete idrica di distribuzione. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 3 di 20

5 CAPITOLO 2 RIFERIMENTI LEGISLATIVI 2.1 Osservanza di Leggi, Regolamenti e Normative. Tutti i lavori saranno eseguiti a regola d arte ed al termine dei lavori dorrà essere rilasciata, dall installatore, regolare dichiarazione di conformità così come previsto dal DM 37/2008. I componenti dovranno essere sempre di elevata qualità, costruiti secondo le specifiche norme di prodotto e provvisti, ove necessario, delle apposite certificazioni e/o approvazioni dei Ministeri preposti. L esecuzione degli impianti è soggetta all osservanza delle norme qui di seguito riportate: Legge 1 Marzo 1968 n. 186 Costruzione e realizzazione di materiali ed impianti elettrici a regola d arte DM 22 Gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all interno degli edifici D. M. 08/03/85 Direttive sulle misure più urgenti ed essenziali per la prevenzione degli incendi ai fini del rilascio di NOP di cui alla legge n. 818 del 07/12/84 D. M. 18/09/02 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed l esercizio delle strutture sanitarie. D.Lgs 9 Aprile 2008 n. 81 e smi Attuazione dell art. 1 della legge 3 Agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Norme e disposizioni emanate dalla USL (Servizio di Igiene Pubblica e Territorio) Prescrizioni delle Autorità Comunali e/o Regionali In seguito si indicano i principali riferimenti normativi secondo quanto emanato dall Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI): ) UNI 802 (Apparecchiature per estinzione incendi Prospetto tipi unificati); ) UNI 804 (Apparecchiature per estinzione incendi Raccordi per tubazioni flessibili); ) UNI 805 (Apparecchiature per estinzione incendi Canotti filettati per raccordi tubazioni flessibili); ) UNI 807 (Apparecchiature per estinzione incendi Canotti non filettati per raccordi tubazioni flessibili); ) UNI 808 (Apparecchiature per estinzione incendi Girelli per raccordi tubazioni flessibili); Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 4 di 20

6 ) UNI 810 (Apparecchiature per estinzione incendi Attacchi a vite); ) UNI 811 (Apparecchiature per estinzione incendi Attacchi a madrevite); ) UNI 813 (Apparecchiature per estinzione incendi Guarnizioni per raccordi e attacchi per tubazioni flessibili); ) UNI 813 (Apparecchiature per estinzione incendi Guarnizioni per raccordi e attacchi per tubazioni flessibili); ) UNI 814 (Apparecchiature per estinzione incendi Chiavi per la manovra dei raccordi, attacchi e tappi per tubazioni flessibili); ) UNI 8478 (Apparecchiature per estinzione incendi Lance a getto pieno, dimensioni, requisiti e prove); ) UNI 9487 (Apparecchiature per estinzione incendi Tubazioni flessibili antincendio di DN 45 e 70 per pressioni di esercizio fino a 1,2 MPa); ) UNI 9488 (Apparecchiature per estinzione incendi Tubazioni semirigide di DN 20 e 25 per naspi antincendio); ) UNI EN (Installazioni fisse antincendio Sistemi automatici a sprinkler Progettazione, installazione e manutenzione). ) UNI EN (Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Naspi antincendio con tubazioni semirigide); ) UNI EN (Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Idranti a muro con tubazioni flessibili); ) UNI EN (Sistemi fissi di estinzione incendi Sistemi equipaggiati con tubazioni Manutenzione dei naspi antincendio con tubazioni semirigide ed idranti a muro con tubazioni flessibili); ) UNI (Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio); ) UNI (Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per impianti antincendio Caratteristiche costruttive e funzionali); ) UNI 6363 (Tubi di acciaio, senza saldatura e saldati, per condotte d acqua); ) UNI 7125 (Saracinesche frangiate per condotti di acqua. Condizioni tecniche di fornitura); ) UNI 7421 (Apparecchiature per estinzione incendi - Tappi per valvole e raccordi per tubazioni flessibili); ) UNI 7422 (Apparecchiature per estinzione incendi Requisiti delle legature per tubazioni flessibili); ) UNI 7421 (Apparecchiature per estinzione incendi - Tappi per valvole e raccordi per tubazioni flessibili); ) UNI 8863 (Tubi senza saldatura e saldati, di acciaio non legato, filettabili secondo UNI ISO 7-1); ) UNI 5336 (Tubi, raccordi e pezzi speciali per condotte in pressione di ghisa grigia Qualità, prescrizioni e prove); ) UNI EN 545 (Tubi, raccordi e accessori di ghisa sferoidale e loro assemblaggi per condotte d acqua - Prescrizioni e metodi di prova); Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 5 di 20

7 ) UNI (Sistemi di tubazioni in materia plastica per la distribuzione dell acqua Polietilene(PE)); I materiali impiegati saranno di primaria marca. Il rispetto delle Norme sopra indicate è inteso nel senso più restrittivo, cioè non solo la realizzazione dell impianto dovrà essere rispondente alle Norme ma altresì ogni singolo componente dell impianto stesso. Responsabilità dell Appaltatore. La verifica dei calcoli eseguiti per il dimensionamento degli impianti in oggetto è sotto la responsabilità dell Appaltatore. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 6 di 20

8 CAPITOLO 3 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3.1 Analisi dei locali interessati L edificio sito in Viale Matteotti 19 si presenta come un edificio dislocato su tre piani fuori terra oltre alla copertura e un piano seminterrato. I locali presenti al suo interno per la maggior parte sono adibiti ad uso ufficio. In conseguenza di ciò il fabbricato è inquadrabile come struttura con livello di pericolosità 1 ossia aree nelle quali la quantità e/o la combustibilità dei materiali presenti sono basse e che presentano comunque basso pericolo d incendio in termini di probabilità d innesco, velocità di propagazione delle fiamme e possibilità di controllo dell incendio da parte delle squadre di emergenza. La protezione da realizzare si divide in protezione interna e protezione esterna (nel caso specifico non prevista la protezione esterna). La protezione interna sarà realizzata mediante l installazione di naspi a muro in modo da consentire un primo intervento sull incendio da distanza ravvicinata, e soprattutto tali da essere utilizzabili dalle persone che operano all interno della struttura. In particolare all interno dell edificio è stata prevista l installazione di 16 naspi DN 25 con tubazione da 25 metri. 3.2 Elementi di progetto Le reti di naspi comprendono: Alimentazione idrica; Rete di tubazioni fisse, preferibilmente chiuse ad anello (come nel caso specifico) permanentemente in pressione ad suo esclusivo antincendio; Attacco/attacchi di mandata per autopompa; Valvole di intercettazione; Naspi. Essendo, questo impianto, installato in un area di rischio classificabile di livello 1 l alimentazione idrica deve garantire il funzionamento contemporaneo di almeno 4 naspi con portata ciascuno di 35 l/min e pressione residua non minore di 0,02 MPa, nella posizione idraulicamente più sfavorevole, per almeno 30 minuti. Pertanto l impianto sarà dimensionato per tali caratteristiche. La pressione nominale dei componenti del sistema è superiore alla pressione massima che il sistema può raggiungere in ogni circostanza e comunque non minore a 1,2 MPa. 3.3 Dimensionamento delle tubazioni Il calcolo idraulico della rete di tubazioni consente di dimensionare ogni tratto di tubazione in base alle perdite di carico distribuite e localizzate che si hanno in quel tratto. Il calcolo della rete idrica antincendio è stato eseguito sulla base dei dati geometrici (lunghezze dei tratti della rete, dislivelli geodetici, diametri nominali delle tubazioni). La procedura di calcolo impiegata ha portato alla determinazione di tutte le caratteristiche idrauliche dei tratti (portata, perdite distribuite e perdite concentrate). In base alle risultanze si è potuto quindi ricavare il valore minimo di pressione e di portata all origine dell impianto. E stata, inoltre, verificato che la velocità massima raggiunta dall acqua in tutti i punti della rete non sia mai superiore al valore massimo imposto dalla norma pari a 10 m/sec. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 7 di 20

9 Fissando una velocità massima all interno delle tubazioni pari a 3 m/sec, che appare un giusto compromesso tra costo del tubo e rumorosità il diametro teorico risultante avrà un valore espresso dalla formula: D teor = 3 4 Q 10 = 31, 46 mm π V 60 dove Q è la portata in litri al minuto ed è pari a 140 l/min V è la velocità in m/sec ed è pari a 3 m/sec Pertanto il diametro della tubazione da adottare sarà la sezione commerciale immediatamente superiore che corrisponde alla DN32, che corrisponde anche alla sezione minima utilizzabile imposta dalla norma. Verrà pertanto impiegata una sola tipologia e sezione di tubazione corrispondente alla DN32 in acciaio non legato UNI 8863 serie media. 3.4 Perdite di carico distribuite Le perdite di carico per attrito (perdite distribuite) sono state valutate secondo la seguente formula di Hazen-Wiliams: 3.5 Perdite di carico localizzate Le perdite di carico localizzate sono dovute ai raccordi, curve, pezzi a T e raccordi a croce, attraverso i quali la direzione del flusso subisce una variazione di 45 o maggiore e alle valvole di intercettazione e di non ritorno. Le perdite localizzate sono quindi state trasformate in lunghezza di tubazione equivalente come specificato nella norma UNI 10779, ed aggiunte alla lunghezza reale della tubazione di uguale diametro e natura. Nella determinazione delle perdite di carico localizzate si è tenuto conto che: Quando il flusso attraversa un pezzo a T o un raccordo a croce senza cambio di direzione, le relative perdite di carico possono essere trascurate; Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 8 di 20

10 Quando il flusso attraversa un pezzo a T o un raccordo a croce in cui, senza cambio di direzione, si ha una riduzione della sezione di passaggio, deve essere presa in considerazione la lunghezza equivalente relativa alla sezione minima di uscita (la minore) del raccordo medesimo; Quando il flusso subisce un cambio di direzione (curva, pezzo a T o raccordo a croce), deve essere presa in conto la lunghezza equivalente relativa alla sezione di uscita. I parametri utilizzati per il calcolo delle perdite localizzate sono riportate nella tabella sottostante: 3.6 Calcolo idraulico Sulla base di quanto esposto ai precedenti paragrafi 3.4 e3.5 il modello nodale della rete analizzata è il seguente: I H G C A F E D B dove A è il punto di origine della rete e I è il naspo posto in posizione geometricamente più sfavorevole. Pertanto le perdite complessive sono le seguenti: Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 9 di 20

11 Lunghezza equivalente pezzi speciali [m] Perdite per potenziale [mm c.a.] Descrizione pezzi Portata Q Diametro Lunghezza Lugnhezza Perdite distribuite unitarie Perdite Totali [mm Tratto speciali [l/min] DN [mm] tratta [m] complessiva [m] C acciaio [mm c.a./m] c.a.] AB 2 curve a 90 gradi BC CD 1 curva a 90 gradi Perdite Totali [mm c.a.] DE 1 pezzo a T e 1 a croce EF 1 pezzo a croce FG 1 pezzo a T GH HI 1 pezzo a T e naspo La pressione minima in ingresso sarà pari alla somma della pressione minima al naspo, pari a 0,02 Mpa (20 m c.a.), più le perdite di carico: P min = ,21 = 52,21 m c.a. 5,22 bar. La riserva idrica minima ammonterà a: 4*35 l/min *30 min = 4200 l Si realizzerà, quindi. Per maggior sicurezza una vasca con una capacità di 6000 litri a cui sarà allacciato un gruppo di pressurizzazione con una portata di almeno 140 l/min e una pressione minima di 5,5 bar. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 10 di 20

12 CAPITOLO 4 INSTALLAZIONE DELLE TUBAZIONI 4.1 Installazione delle tubazioni Le tubazioni devono essere installate tenendo conto dell affidabilità che il sistema deve offrire; la chiusura ad anello dei collettori principali e l installazione di valvole di intercettazione in posizione opportune costituiscono uno dei criteri per il raggiungimento del livello di affidabilità richiesto dal sistema. Dal punto di allacciamento della sorgente idrica le tubazioni fuoriterra devono essere in acciao del tipo UNI 8863 serie media filettata, purchè con giunzioni che non richiedono asportazione di materiale ed andranno ancorate alle strutture dei fabbricati a mezzo di adeguati sostegni. I raccordi, le giunzioni, ed i pezzi speciali relativi devono essere di acciaio o ghisa conformi alla specifica normativa di riferimento ed aventi pressione nominale almeno pari a quella della tubazione utilizzata. Inoltre: Le tubazioni devono essere installate in modo da non risultare esposte a danneggiamenti per urti meccanici. Nei luoghi con pericolo di gelo, le tubazioni devono essere sempre installate in ambienti riscaldati o comunque tali che la temperatura non scenda mai al di sotto di 4 C. Qualora i tratti di tubazione dovessero necessariamente attraversare zone a rischio di gelo, devono essere previste e adottate le necessarie protezioni, tenendo conto delle particolari condizioni climatiche. Nelle zone definite sismiche secondo la legislazione vigente in materia, la rete di tubazioni deve essere realizzata in modo da evitare rotture per effetto dei movimenti tellurici. Devono nessere prevenuti eccessivi spostamenti od oscillazioni dei tubi mediante appositi sostegni ed ancoraggi: i movimenti inevitabili devono tuttavia essere consentiti senza pregiudizio della integrità e funzionalità dell impianto. Negli attraversamenti di fondazioni, pareti, solai, ecc. devono essere lasciati attorno al tubo giochi adeguati, che devono essere successivamente sigillati con lana minerale od altro materiale idoneo, opportunamente trattenuto. Le tubazioni fuori terra devono essere pitturate con colore rosso RAL Le tubazioni fori terra devono essere installate a vista o in spazi nascosti, purchè accessibili per eventuali interventi di manutenzione, e on devono attraversare locali e/o aree che presentano un significativo rischio di incendio, non protette dalla rete di idranti; nel caso di attraversamento di detti locali la rete deve essere adeguatamente protetta. E consentita l installazione incassata delle sole diramazioni destinate ad alimentare un numero limitato di apparecchi (fino ad un massimo di 2). Nell attraversamento di strutture verticali ed orizzontali, quali pareti e solai, devono essere prese le necessarie precauzioni per evitare la deformazione delle tubazioni o il danneggiamento degli elementi costruttivi derivanti da dilatazioni o da cedimenti strutturali. Negli attraversamenti di compartimentazioni deve essere mantenuta la caratteristica di resistenza al fuoco del compartimento attraversato. Le tubazioni interrate devono essere installate in conformità alla specifica normativa di riferimento, ove disponibile. In ogni caso si deve seguire almeno le indicazioni seguenti: le tubazioni interrate devono essere installate tenendo conto della necessità di protezione dal gelo e da possibili danni meccanici; in generale la profondità di posa non deve essere mai minore di Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 11 di 20

13 0,8 m dalla generatrice superiore della tubazione. Laddove ciò non fosse possibile, occorrerà adottare protezioni meccaniche e dal gelo appositamente studiate. In ogni caso deve essere prestata particolare attenzione nel caso di tubazioni in materiale non ferroso. Particolare cura deve essere posta nei riguardi della protezione delle tubazioni contro la corrosione anche di origine elettrochimica. E vietata l installazione di tubazioni al di sotto di edifici o strutture che ne impediscano il raggiungimento in caso di guasto salvo adozione di specifici provvedimenti quali l installazione in cunicolo ispezionabile o simile. Tutte le tubazioni devono essere svuotabili senza dover smontare componenti significativi dell impianto. L installazione di tappi di drenaggio nei punti più bassi è considerata sufficiente. 4.2 Sostegno delle tubazioni Le tubazioni fuori terra devono essere ancorate a mezzo di adeguati sostegni conformi a quanto indicato dalla norma UNI Il tipo, il materiale ed il sistema di posa dei sostegni delle tubazioni devono essere tali da assicurare la stabilità dell impianto nelle più severe condizioni di esercizio ragionevolmente prevedibili. In particolare: a) I sostegni devono essere in grado di assorbire gli sforzi assiali e trasversali in fase di erogazione; b) Il materiale utilizzato per qualunque componente del sostegno deve essere non combustibile; c) I collari devono essere chiusi attorno ai tubi; d) Non sono ammessi sostegni aperti (come ganci a uncino e simili); e) Non sono ammessi sostegni ancorati tramite graffe elastiche; f) I sostegni non devono essere saldati direttamente alle tubazioni ne avvitati ai relativi raccordi; Ciascun tronco di tubazione deve essere supportato da un sostegno, ad eccezione dei tratti di lunghezza minore di 0,6 m, dei montanti e delle discese di lunghezza minore di 1 m per i quali non sono richiesti specifici sostegni. Il posizionamento dei supporti deve garantire la stabilità del sistema. In generale la distanza fra due sostegni non deve essere maggiore di 4 m, per tubazioni di dimensioni minori o uguali a DN 65, e di 6 m per quelle di diametro maggiore. La sezione trasversale netta di ciascun sostegno di acciaio, oppure il diametro minimo se costituito da barra filettata, non deve essere minore dei valori indicati nella tabella seguente: Dimensione minima dei sostegni Se il sostegno è formato da più componenti, la sezione trasversale di ciascun componente non deve essere minore del 150% di quella minima sopra specificata. Nella valutazione della sezione trasversale netta di un sostegno non si tiene conto dei fori per bulloni, chiodi e simili. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 12 di 20

14 4.3 Valvole di intercettazione. Le valvole di intercettazione devono essere di tipo indicante la posizione di apertura/chiusura; sono ammesse valvole a stelo uscente di tipo a saracinesca o a globo, valvole a farfalla, valvole a sfera o altre valvole unificate, purchè aventi la caratteristica sopra detta di indicazione della posizione di apertura/chiusura. Le valvole di intercettazione devono essere conformi alla UNI 1074 ove applicabile. La distribuzione delle valvole di intercettazione nell imèianto è stata accuratamente studiata in modo da consentire l eslusione di parti d impianto per manutenzione o modifica, senza dover ogni volta mettere fuori servizio l intero impianto. Le valvole di intercettazione saranno bloccate mediante apposito sigillo di posizione di normale funzionamento, oppure sorvegliate mediante dispositivo di controllo a distanza. 4.4 Raccordi, accessori e attacchi unificati I raccordi, gli attacchi unificati e gli accessori delle tubazioni devono essere conformi alle norme UNI 804, UNI 810, UNI 811, UNI 7421, con chiavi di manovra secondo UNI 814, UNI EN e UNI EN Le legature devono essere conformi alla UNI Altri tipi di apparecchiature possono essere previste per uniformarsi a prescrizioni delle autorità locali aventi giurisdizione in materia antincendio. 4.5 Naspi I naspi dovranno essere conformi alla UNI EN I naspi saranno posizionati in modo che ogni parte dell attività dia raggiungibile con il getto dell acqua di almeno un naspo (considerando il getto dell acqua lungo 5 metri) e saranno installati in posizione ben visibile e facilmente raggiungibile, in ogni caso senza ostacolare l eventuale esodo dai locali. I naspi saranno ubicati all interno del fabbricato nel rispetto del criterio generale di cui sopra ed in modo che: Ogni apparecchio protegga non più di 1000 m 2 ; Ogni punto dell area protetta disti al massimo 30 m. Essendo il fabbricato a più piani su ogni piano saranno installati i naspi. 4.6 Segnalazioni I componenti della rete saranno segnalati conformemente alle disposizioni legislative vigenti. Tutte le valvole di intercettazione riporteranno chiaramente indicata la funzione e l area controllata dalla valvola stessa. 4.7 Attacchi di mandata per autopompa L attacco di mandata per autopompa è un dispositivo, collegato alla rete di idranti, per mezzo del quale può essere immessa acqua nelle rete idrica antincendio in condizioni di emergenza. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 13 di 20

15 Il dispositivo costituente l attacco di mandata per autopompa deve comprendere almeno: Uno o più attacchi di immissione conformi alla specifica normativa di riferimento, con diametro non minore di DN 70, dotati di attacchi con girello UNI 804 protetti contro l ingresso di corpi estranei nel sistema a mezzo di tappo maschio, filettato secondo UNI 810, e sagomato in modo da poter essere rimosso con chiave unificata UNI 814; nel caso di più, è necessario prevedere una valvola di sezionamento per ogni attacco; Valvola di sicurezza tarata a 1,2 MPa, per sfogare l eventuale eccesso di pressione dell autopompa; Valvola di non ritorno o altro dispositivo atto ad evitare fuoriuscita di acqua dall impianto in pressione; Valvola di intercettazione, normalmente aperta, che consenta l intervento di manutenzione sui componenti senza vuotare l impianto; Nel caso di possibilità di gelo, eventuale dispositivo di drenaggio. I gruppi di attacco per autopompa devono essere installati in modo da garantire le seguenti caratteristiche: Bocca di immissione accessibile alle autopompe in modo agevole e sicuro anche durante l incendio; se sono sottosuolo, il pozzetto deve essere apribile senza difficoltà ed il collegamento agevole; Protezione da urti o altri danni meccanici e dal gelo; Ancoraggio stabile al suolo o ai fabbricati. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 14 di 20

16 Gli attacchi devono essere contrassegnati in modo da permettere l immediata individuazione dell impianto che alimentano (la specificazione del tipo di impianto e dell area servita è richiesta nel caso di più attacchi per autopompa nell ambito dell attività protetta), essi devono essere segnalati mediante cartelli o iscrizioni recanti la dicitura 4.8 Gruppo di surpressione Vista l indisponibilità di locali all interno della struttura adatti a contenere le pompe di surpressione la scelta progettuale è ricaduta sull impiego di un box prefabbricato eseguito e certificato in accordo a quanto previsto dalla norma UNI EN 12485, con pennellatura sandwich ad alto potere isolante, adatto a contenere tutte le apparecchiature previste e necessarie al per realizzare una centrale antincendio con pompe sommerse ne pieno rispetto della normativa vigente. La struttura risulta pertanto coibentata e con resistenza al fuoco pari a REI 120. Le ante apribili avranno dimensioni tali da garantire l accessibilità a tutte le apparecchiature per consentire una corretta ed agevole manutenzione. Poiché la norma prevede che all interno del locale pompe la temperatura non debba essere mai inferiore ai 4 C è stata prevista l installazione di una resistenza elettrica del tipo corazzato, comandata da un regolatore di temperatura atta a far si che la temperatura all interno della struttura non scenda mai al di sotto del limite citato. Il sistema idraulico sarà composto dal collettore con colonnette dimensionate per mantenere la velocità di attraversamento entro i limiti previsti dalla (6 m/sec) completo di attacco di mandata all impianto idrico antincendio, circuito di prova, valvole di ritegno del tipo ispezionabile e di intercettazione, misuratore di portata, gruppo di comando oltre ai quadri elettrici necessari al funzionamento dei sistemi di controllo e di alimentazione delle pompe sommerse. Sul quadro della pompa jockey dovranno essere previste almeno le seguenti spie: segnalazione luminosa corretta alimentazione sulle tre fasi; segnalazione luminosa pompa in marcia; segnalazione luminosa pompa ferma; segnalazione luminosa di anomalia; segnalazione luminosa di prolungato funzionamento della pompa; selettore di comando della pompa auto-0-manuale; pulsante prova lampade. Sul quadro della pompa antincendio dovranno essere previste almeno le seguenti spie e controlli: Voltmetro di lettura della tensione di alimentazione; Amperometro di lettura della corrente assorbita da ogni fase della pompa; Controllo presenza e frequenza fasi; segnalazione luminosa di alimentazione non disponibile; segnalazione di richiesta avviamento; Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 15 di 20

17 segnalazione luminosa pompa in funzione; segnalazione di mancato avviamento; segnalazione luminosa di anomalia; pulsante prova lampade. Le pompe sommerse saranno pompe centrifughe multistadio con giranti in ghisa o acciao ed alberi in acciaio inox AISI 431. La pompa sommersa antincendio avrà le seguenti caratteristiche: portata 8,4 m 3 /h prevalenza m.c.a. 55 m potenza elettrica 2,2 kw e tensione di alimentazione 400 V e frequenza 50 Hz La pompa sommersa ausiliaria avrà le seguenti caratteristiche: portata 3,2 m 3 /h prevalenza m.c.a. 85 m potenza elettrica 1,1 kw e tensione di alimentazione 400 V e frequenza 50 Hz Seguono lo schema idraulico di principio delle pompe sommerse e un tipico del box da realizzarsi. e un tipico del realizzato Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 16 di 20

18 LEGENDA 1 Quadro elettropompa ausiliaria 13 Illuminazione principale 2 Quadro elettropompa antincendio 1 14 Illuminazione di emergenza 3 Quadro elettropompa antincendio 2 (non richiesto) 15 Quadro dei servizi ausiliari 4 Quadro sezionatore linea elettrica antincendio 16 Telaio portante 5 Gruppo di comando pompa ausiliaria 17 Pressostato di pompa in marcia 6 Gruppo di comando elettropompa antincendio 1 D1 Collegamento alla pompa ausiliaria 7 Gruppo di comando elettropompa antincendio 2 (non richiesto) D2 Collegamento alla pompa antincendio 1 8 Manometro D3 Collegamento alla pompa antincendio 2 (non richiesto) 9 Serbatoio di pressurizzazione a membrana D4 Collegamento all impianto idrico antincendio 10 Collettore idraulico D5 Ritorno in cisterna 11 Resistenza corazzata VI Valvola di intercettazione 12 Misuratore di portata (flussometro) VR Valvola di ritegno Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 17 di 20

19 La vasca antincendio sarà invece costituito da un tank a sezione circolare con diametro esterno di 2500 mm e lunghezza di 1500 mm per una capacità utile di 6000 litri. Sarà realizzato in lamiera di acciaio dello spessore di 6 mm e sarà protetto esternamente da uno strato di vernice bituminosa e internamente da verniciatura a smalto sintetico. 4.9 Documentazione finale La ditta installatrice deve rilasciare al committente apposita documentazione, redatta secondo le vigenti disposizioni in materia, comprovante la corretta realizzazione ed installazione dell impianto e dei suoi componenti in accordo al progetto. Insieme alla precitata documentazione la ditta installatrice deve consegnare al committente copia del progetto utilizzato per l installazione, completo di tutti gli elaborati grafici e descrittivi relativi all impianto come realizzato, ed il manuale d uso e manutenzione dello stesso Collaudo degli impianti Il collaudo deve includere le seguenti operazioni: L accertamento della rispondenza della installazione al progetto esecutivo presentato; La verifica della conformità dei componenti utilizzati alle disposizioni normative richiamate dalla presente norma; La verifica della posa in opera a regola d arte ; Il collaudo deve essere preceduto da un accurato lavaggio delle tubazioni, con velocità dell acqua non minore di 2 m/s. Durante l esecuzione del collaudo devono essere eseguite le seguenti operazioni minime: Esame generale dell intero impianto comprese le alimentazioni, avente come particolare oggetto la capacità e tipologia delle alimentazioni, le caratteristiche delle pompe (se previste), i diametri delle tubazioni, la spaziatura dei naspi, i sostegni delle tubazioni; Prova idrostatica delle tubazioni ad una pressione di almeno 1,5 volte la pressione di esercizio dell impianto con un minimo di 1,4 MPa per 2 h; Collaudo delle alimentazioni; Verifica del regolare flusso nei collettori di alimentazione, aprendo completamente un naspo terminale per ogni ramo principale della rete a servizio di due o più naspi; Verifica delle prestazioni di progetto con riferimento alle portate e pressioni minime da garantire, alla contemporaneità delle erogazioni e alla durata delle alimentazioni. Per l esecuzione dei suddetti accertamenti nel progetto devono essere individuati i punti di misurazione che devono essere opportunamente predisposti ed indicati. Tali punti devono essere dotati almeno di attacco per manometro Collaudo delle alimentazioni Il collaudo delle alimentazioni deve essere eseguito in conformità a quanto al riguardo specificato dalla UNI EN Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 18 di 20

20 CAPITOLO 5 ESERCIZIO E VERIFICA DELL IMPIANTO 5.1 Generalità L utente è responsabile del mantenimento delle condizioni di efficienza dell impianto, che rimangono sotto la sua responsabilità anche esistendo il servizio di ispezione periodica da parte della ditta installatrice o di altro organismo autorizzato. Spetta al manutentore di rendere edotto l utente sulla condizione dell impianto con apposita comunicazione scritta, affinché l utente, consapevolmente, possa attendere alla messa in efficienza dell impianto. Pertanto l utente dovrà provvedere affinché venga effettuata: La sorveglianza dell impianto; La manutenzione periodica dell impianto; La verifica periodica dell impianto. La sorveglianza dell impianto consiste nella verifica delle apparecchiature quanto ad integrità, completezza dell equipaggiamento e possibilità di accesso, nei periodi che intercorrono tra due manutenzioni periodiche. 5.2 Manutenzione delle attrezzature La manutenzione della rete di naspi deve essere eseguita da personale competente e qualificato. La manutenzione dei naspi deve essere svolta con la frequenza prevista dalle disposizioni normative e comunque almeno due volte all anno, in conformità alla UNI EN ed alle istruzioni contenute nel manuale d uso che deve essere predisposto dal fornitore dell impianto. Tutte le tubazioni flessibili e semirigide devono essere verificate annualmente sottoponendole alla pressione di rete per verificarne l integrità. Le tubazioni non perfettamente integre devono essere sostituite o almeno collaudate alla pressione di 1,2 MPa. In ogni caso ogni 5 anni deve essere eseguita la prova idraulica delle tubazioni flessibili semirigide come previsto dalla UNI EN La manutenzione degli attacchi autopompa deve prevedere, con cadenza semestrale almeno la verifica della manovrabilità delle valvole, con completa apertura e chiusura delle stesse ed accertamento della tenuta della valvola di ritegno. Al termine delle operazioni assicurarsi che la valvola principale di intercettazione sia in posizione aperta. 5.3 Manutenzione delle alimentazioni La manutenzione delle alimentazioni deve essere eseguita in conformità alla UNI EN per la parte applicabile. 5.4 Verifica periodica dell impianto L utente deve provvedere a far eseguire, a tecnico avente le necessarie competenze, una verifica dell impianto atta ad accertarne la funzionalità e la conformità alla presente norma. La frequenza di tale verifica deve essere in conformità alle disposizioni legislative e comunque ogniqualvolta modifiche all attività o eventi straordinari la rendono necessaria. La verifica dell impianto deve comprendere almeno le operazioni di cui al paragrafo 4.10 con la possibilità di omettere la prova idrostatica, qualora non siano state eseguite modifiche e/o ampliamenti. Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro Pertini, Pistoia 19 di 20

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio

Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio NORMA ITALIANA Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio UNI 10779 Fire fighting equipment Hydrants systems - Design, installation and operation SETTEMBRE

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

1. RIFERIMENTI NORMATIVI

1. RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Agli impianti idrici antincendio si applicano le seguenti norme tecniche: Norma UNI 10779 "Impianti di estinzione incendi: Reti di Idranti" (Luglio 2007) Norma UNI EN 12845

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA ANDREA ARCHITETTO NADALINI COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO SCUOLA DI VIA DIAZ INTEGRAZIONE RETE IDRANTI MILANO

Dettagli

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO INDICE 1 PREMESSE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 GENERALITA SULL IMPIANTO... 6 4 CONDOTTE... 6 4.1 Rete idrica-antincendio ed allacciamenti secondari...

Dettagli

NORME DI RIFERIMENTO

NORME DI RIFERIMENTO NORME DI RIFERIMENTO Gli impianti e i relativi componenti devono rispettare, ove di pertinenza, le prescrizioni contenute nelle seguenti norme di riferimento, comprese eventuali varianti, aggiornamenti

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte.

RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO. Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. RELAZIONE DI CALCOLO RETI ANTINCENDIO MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI Generalità Le apparecchiature e gli impianti di estinzione degli incendi saranno realizzati a regola d'arte. Estintori

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9 SOMMARIO... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite... 2 1.4 Caratteristiche generali della rete.... 5 1.5 Progettazione ed

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 D E S C R I Z I O N E D E L L' A R T I C O L O di misura P R E Z Z O UNITARIO Nr. 1 Fornitura e posa in opera di nr. 1 GRUPPO PRESSURIZZAZIONE ANTINCENDIO a norma

Dettagli

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I...

PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I... CAPITOLATO SPECIALE PROGETTO IMPIANTI ANTINCENDIO - RETE IDRANTI E B.I. I N D I C E PREMESSA E GENERALITA... 1 1) IMPIANTO A RETI IDRANTI ESTERNE E B.I.... 1 1.1.1) TIPO DI IMPIANTO... 1 1.1.2) UBICAZIONE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di:

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di: Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Proprietà: Timbro e Firma del legale rappresentante della proprietà:

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Albergo Sita in: Via Rivoltana 98 - Segrate (MI) Proprietà: Car Touring S.r.l.

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO ANTINCENDIO D.2

DIMENSIONAMENTO IMPIANTO ANTINCENDIO D.2 PROGETTAZIONE ESECUTIVA PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO MECCANICO E BIOLOGICO DELLA FRAZIONE RESIDUALE E DELLA FRAZIONE ORGANICA DEI RIFIUTI URBANI DA REALIZZARE

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

sig. Pietro Tamburrino

sig. Pietro Tamburrino Pag. 1 COMUNE dii PONTELATONE CE RELAZIONE TECNICA e dii CALCOLO IMPIANTO dii SPEGNIMENTO IDRICO ad IDRANTI UNI 45 L impianto sarà a servizio di: Sita in: STRUTTURA COMMERCIALE PONTELATONE CE - Località

Dettagli

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Idranti Docente n.marotta@ing.unipi.it Impianti di protezione attiva antincendi Gli impianti di protezione

Dettagli

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA BWT SOLAR PUMPE Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto)

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO NEGLI IMMOBILI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE ELENCO PREZZI UNITARI

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

0211A I02_rev1.0. ecoerre Polo ambientale integrato. 2 di 26 Relazione tecnica impianti antincendio

0211A I02_rev1.0. ecoerre Polo ambientale integrato. 2 di 26 Relazione tecnica impianti antincendio 2 di 26 Relazione tecnica impianti antincendio Sommario 1. PREMESSA... 7 2. NORME TECNICHE... 7 3. PRESENTAZIONE DEL PROGETTO... 7 4. DATI GENERALI... 8 5. RETE IDRANTI... 8 5.1. Valvole di intercettazione...

Dettagli

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio Sommario 1. Premessa...2 2. Descrizione degli impianti antincendio...2 3. Centrali antincendio...4 4. Locali destinati ad ospitare i gruppi di pressurizzazione (Osservanza della norma UNI 11292 - Agosto

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO MICHELE ATTEZZATI ANTINCENDIO ANTINCENDIO CASSETTE COMPLETE Art. 55A - 55-55C CASSETTA ANTINCENDIO PER ESTERNI IN LAMIERA Il sistema è composto da: Cassetta da esterni in lamiera verniciata rossa. Lastra

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

ATTACCO DI MANDATA PER AUTOMPOMPA Pressione massima 1.2 MPa RETE

ATTACCO DI MANDATA PER AUTOMPOMPA Pressione massima 1.2 MPa RETE 2.3 TUBAZIONI PER IDRANTI E NASPI Le tubazioni flessibili antincendio saranno conformi alla UNI EN 14540 (DN 45) e alla UNI 9487 (DN 70). 2.4 ATTACCHI DI MANDATA PER AUTOPOMPA Ogni attacco per autopompa

Dettagli

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO

EQUIPMENTS DE PULVERISATION D EAU ETUDE DE DIMENSIONNEMENT/IMPIANTO AD ACQUA NEBULIZZATA RELAZIONE DI CALCOLO 1 INDICE 1 INDICE... 2 2 RESUME/RIASSUNTO... 3 3 DOCUMENTAZIONE APPLICABILE... 4 3.1 Norme funzionali... 4 3.2 Altri documenti di riferimento... 4 4 DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 Generalità...

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE IN GAS IN GAS Rubinetto a sfera per gas da incasso VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE DADI DI FISSAGGIO SEDI LATERALI CODOLI PER SALDATURA O-RINGS GUARNIZIONI METALLICHE ROSONE DI COPERTURA LEVA VITI

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Milano 26 Ottobre 2011

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Milano 26 Ottobre 2011 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Milano 26 Ottobre 2011 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe e compressori centrifughi

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio Potente ed aggiornato strumento di progettazione di reti idranti e sprinkler secondo le norme UNI EN 12845, UNI 10779 e NFPA 13 - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

M A T E R I A L E POMPIERISTICO

M A T E R I A L E POMPIERISTICO L A N C E U NI 25 / 4 5 A N O R M A U NI 671/1-2 NOTE GENERALI: Portata minima per idranti a muro con tubazioni flessibili fino a DN52 secondo UNI EN 671-2. I valori di portata sia nella posizione a getto

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO. 2.1 Componenti dell impianto. 2.2 Tubazioni antincendio

INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO. 2.1 Componenti dell impianto. 2.2 Tubazioni antincendio INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI 2 GENERALITA SULL IMPIANTO 2.1 Componenti dell impianto 2.2 Tubazioni antincendio 2.3 Attacchi per mandata per motopompa 2.4 Custodia delle bocche di incendio 2.5 Estintori

Dettagli

SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI

SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI SISTEMA IN GHISA PER LA RACCOLTA ACQUE REFLUE DA PARCHEGGI INTERRATI Criteri ecosostenibili di progettazione e realizzazione di infrastrutture idriche Arrigo Domaschio Resp. Mercato Edilizia Saint-Gobain

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

Reti Idranti Antincendio

Reti Idranti Antincendio Reti Idranti Antincendio Progettazione (installazione) collaudo e verifica alla luce dell edizione 2014 Ing. Luciano Nigro Rete Idranti Principale e più elementare presidio antincendio fisso Richiesta

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

CALDAIE A CONDENSAZIONE

CALDAIE A CONDENSAZIONE 60 CALDAIE A CONDENSAZIONE 04/2009 Mono RENDIMENTO CLASSE NOx 5 Modulo a condensazione idoneo all installazione esterna in conformità a quanto prescritto dal titolo II del D.M. 12 aprile 1996 Mono: un

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I

. Pagina 20. P R E Z Z O Euro D E S C R I Z I O N E D E L L ' A N A L I S I . Pagina 20 D1.02.001.02 Fornitura e Posa in Opera di sanitario ergonometrico monoblocco con scarico a pavimento, con cassetta a zaino di colore bianco 57x38, completo di fissaggi e curva tecnica. Sono

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*)=............

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE 1 Associazione M. A. I. A. Autore: Giuseppe Macchi Introduzione L evoluzione legislativa ed ancora di più quella normativa sia nazionale che europea nel

Dettagli

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura

ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Direzione Generale Servizio antinceno, protezione civile e infrastrutture ALLEGATO A - Elenco e descrizione della fornitura Procedura negoziata per l'affidamento della fornitura Manichette, tubazioni e

Dettagli

RIUNIONE PROGETTISTI 2012

RIUNIONE PROGETTISTI 2012 RIUNIONE PROGETTISTI 2012 Sistemi antincendio Le attuali prescrizioni Cenni UNI EN 12845 (Maggio 2009) UNI 11292 (Agosto 2008) UNI/TR 11438 (Febbraio 2012) Gruppi di pressurizzazione Situazione Normativa

Dettagli

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.)

GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) GRANDE CUCINA A GAS METANO O GPL (cucina in ambiente non domestico: ristorante, mensa, selfservice, pizzeria, comunità, etc.) Sistema di alimentazione: TT,TN Norme di riferimento: o Norma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli