Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI"

Transcript

1

2 Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, Pescia (PT) Tel fax 0572/ Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA SULLA CONSISTENZA E TIPOLOGIA DELL IMPIANTO ELETTRICO Settore Tecnico distaccato Zona Distretto Valdinievole Alessio INCERPI P.I. - P E S C I A Luglio 2011

3 OGGETTO : La presente relazione ha per oggetto la rete elettrica di alimentazione della Centrale Frigorifera per la produzione acqua refrigerata destinata alla climatizzazione del Laboratorio Analisi dell Ospedale di Pescia. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI : L impianto da realizzare consiste sommariamente nella posa in opera della linea trifase in cavo, compreso tratto di passerella di supporto presso il refrigeratore ed altri dispositivi accessori, dal quadro elettrico generale BT Cabina Est (Ex Filanda) al quadro elettrico di alimentazione e controllo del gruppo refrigeratore acqua di nuova installazione e delle pompe di distribuzione. NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO : L opera in oggetto è stata progettata e dovrà essere eseguita rispettando la regola dell arte e la normativa attualmente in vigore, nonché le raccomandazioni dei Servizi di sicurezza sui luoghi di lavoro, dei Servizi di Prevenzione e Protezione, del locale comando dei VV.FF., prescrizioni della società distributrice dell energia elettrica competente per la zona ; normative e raccomandazioni dell Ispettorato del Lavoro, ISPESL e USL ; prescrizioni delle Autorità Comunali e/o Regionali, norme UNI e tabelle UNEL oltre quanto dagli altri organi competenti. In particolare gli impianti dovranno essere armonizzati alle indicazioni delle seguenti disposizioni legislative e normative : Decreto Legislativo 9 Aprile 2008, n 81 : Attuazione dell articolo 1 della legge 3/8/07 n 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Legge Regionale 13 luglio 2007, n. 38 : Norme in materia di contratti pubblici e relative disposizioni sulla sicurezza e regolarità del lavoro DM n 37 del 22 Gennaio 2008 : Regolamento concernente.attività installazione impianti elettrici all interno degli edifici. DM 18/9/2002, Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private. Norme CEI come di seguito elencate : Impianti di produzione,trasporto e distribuzione energia elettrica Apparecchiature costruite in fabbrica ACF per tensioni < 1000V CA /1 Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per BT /20-22 III / / Impianti elettrici utilizzatori

4 Nonché tutte le varianti,raccomandazioni ed aggiornamenti pubblicate dal CEI relative alle norma di cui sopra e non espressamente indicate, oltre a quanto stabilito da norme di legge non derogabili. DATI SULLA FORNITURA ELETTRICA : Nella zona di intervento in questione, in funzione della tensione nominale, il sistema elettrico in esercizio è classificato come sistema di I ( prima ) categoria avendo tensione nominale superiore a 50 V fino a 1000 V in corrente alternata. - Tensione nominale 380 V, 3 F + N - Frequenza del sistema 50 Hz - Sistema di distribuzione TN-S - Potenza nominale 240 kw - Condizioni termoigrometriche 35 C, % UR CARATTERISTICHE DELLE CONDUTTURE E LORO DIMENSIONAMENTO : La linea elettrica dovrà essere realizzata in cavo per energia isolati in mescola elastomerica qualità G7, non propagante l incendio, senza alogeni e a basso sviluppo di fumi opachi secondo CEI 20-13/20-22 III (EN50266) / (EN ) / (EN50267) / tabelle UNEL , tensione nominale 0,6/1 kv ; per la scelta del tipo di posa in opera e delle portate ci si atterrà a quanto previsto dalle CEI 64-8 e tabelle CEI-UNEL 35024/1. I criteri di dimensionamento del circuito discenderanno, tra gli altri, dai seguenti parametri : Massima corrente di corto circuito prevista al quadro generale BT : 25 ka, caduta di tensione massima consentita < 4 %, ulteriori dati relativi alle grandezze elettriche pertinenti i vari circuiti sono desumibili dagli allegati. PROTEZIONI CONTRO I CONTATTI DIRETTI E INDIRETTI E DIMENSIONAMENTO APPARECCHI DI PROTEZIONE : Le giunzioni dei conduttori dovranno essere eseguite solo dove indispensabile e in apposite cassette di derivazione per mezzo esclusivo di idonei morsetti o sistemi di giunzione. La protezione contro i contatti diretti, è realizzata mediante l'isolamento delle parti attive; saranno adottati gradi di protezione non inferiori ad IP XXB per le parti non a portata di mano e gradi di protezione non inferiori ad IPXXD, per le parti a portata di mano. Le custodie, le cassette, ed i quadri, saranno tutti dotati del grado di protezione minimo previsto, inoltre la loro apertura sarà possibile solo mediante chiave o attrezzo idoneo.

5 Tutti i materiali impiegati devono essere costruiti in accordo alle specifiche normative, adatti all'ambiente in cui sono installati, e devono avere caratteristiche tali da resistere alle azioni esterne, alle quali possono essere esposti durante l'esercizio. I canali portacavi saranno del tipo metallico con grado di protezione IP40, dovranno essere opportunamente dimensionati e posti in opera in previsione di eventuali future installazioni di nuovi conduttori. Le custodie degli eventuali apparecchi contenenti parti attive, le scatole di derivazione e per l installazione di dispositivi diversi, siano esse del tipo da esterno o da incasso, ed i quadri elettrici, presenteranno il grado di protezione minimo richiesto in funzione del locale di installazione Le canalizzazioni in genere e i contenitori degli apparecchi modulari saranno dimensionati in modo da permettere futuri ampliamenti. Gli interruttori automatici dovranno avere caratteristiche tali da garantire le protezioni dalle sovracorrenti delle linee per energia derivate, dovranno inoltre garantire la selettività, il sezionamento ed il comando dell impianto ed essere costruiti per la massima corrente di corto circuito presunta nel punto di installazione. I conduttori e i relativi dispositivi di protezione saranno dimensionati secondo la relazione Ib<In<Iz e If<1,45 Iz indicata dalla norma CEI 64-8 avendo cura di coordinare le sezioni e le protezioni in modo da garantire la selettività massima possibile in caso di guasto su una delle utilizzazioni. I dispositivi di protezione saranno scelti con un potere di interruzione superiore alla corrente di corto circuito presunta nel punto di installazione e ne dovrà essere verificato l intervento per guasti in qualsiasi punto del circuito (Icc min / Icc max) con tempi tali che l isolante del conduttore non superi la temperatura massima consentita (Icc2 t <= K2 S2 ), si procederà quindi alla verifica della lunghezza limite. Da queste specifiche discendono le sezioni dei conduttori e le correnti nominali dei dispositivi di protezione indicate negli allegati. Pescia, Luglio 2011 IL TECNICO

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO File: Relazione tecnica Data 11-11-2009 1 INDICE RELAZIONE DI CALCOLO E CRITERI DI DIMENSIONAMENTO... 3 CRITERI DI PROGETTO... 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - Pag. 1 di 18 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI LAVORO: INTERVENTO: UBICAZIONE: TIPOLOGIA DELL'EDIFICIO : DESTINAZIONE DELL'IMPIANTO: POTENZIALITA' IMPEGNATA:

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO 1 GENERALITA' 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 IMPIANTO ELETTRICO 3.1 TIPO DI IMPIANTO 3.2 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT/BT 3.2.1 Quadri elettrici MT 3.2.2

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 10 DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO: F.M., LUCE E SERVIZI RISTRUTTURAZIONE PIANO TERRA SEDE I.N.P.S. TERNI V.le

Dettagli

in sicurezza La falegnameria è da sempre IMPIANTI

in sicurezza La falegnameria è da sempre IMPIANTI IMPIANTI Lavorare in sicurezza Piero Pardini Molti infortuni si verificano svolgendo attività banali e sottovalutando i rischi. Un ottima illuminazione dell ambiente e un impianto a norma rappresentano

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari COMUNE CROTONE PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari RELAZIONE TECNICA La presente relazione si accompagna

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Calcolo della portata e coordinamento con le protezioni per i cavi dei circuiti in c.c. degli impianti fotovoltaici

Calcolo della portata e coordinamento con le protezioni per i cavi dei circuiti in c.c. degli impianti fotovoltaici Calcolo della portata e coordinamento con le protezioni per i cavi dei circuiti in c.c. degli impianti fotovoltaici di Silvia Berri e Giuseppe Bosisio Questo articolo intende chiarire alcuni aspetti progettuali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RESTAURO PIANO SEMINTERRATO DELL ANNESSO E COMPLETAMENTO VILLA ANKURI IN MASSA E COZZILE INSTALLAZIONE REFRIGERATORE DI LIQUIDO PER CLIMATIZZAZIONE 6000,866 della sicurezza oltaa Volta RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995 Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 995 Si devono realizzare gli impianti elettrici di forza motrice e di illuminazione di un capannone

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA DELL'IMPIANTO ELETTRICO E SPECIALI

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA DELL'IMPIANTO ELETTRICO E SPECIALI REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FUBINE PROVINCIA DI ALESSANDRIA LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA A NORMA DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA SOFIA DI BRICHERASIO IN VIA SAN GIOVANNI BOSCO 15 NEL COMUNE DI FUBINE (AL).

Dettagli

Dipartimento di Energia Politecnico di Milano

Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Prof. Maurizio Delfanti maurizio.delfanti@polimi.it Mezzocorona (TN), 28 ottobre 2011 La nuova regola tecnica 2 La Norma tecnica è stata elaborata da un gruppo

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO SU EDIFICIO DA 5,088 KWp RELAZIONE TECNICA

PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO SU EDIFICIO DA 5,088 KWp RELAZIONE TECNICA PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO SU EDIFICIO DA 5,088 KWp RELAZIONE TECNICA COMMITTENTE : VIA BASSO FORMIANO 4C 22030 ALBAVILLA (CO) CANTIERE : VIA BASSO FORMIANO 4C 22030 ALBAVILLA (CO) Data :

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 30 KWp RELAZIONE TECNICA

PROGETTO PRELIMINARE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 30 KWp RELAZIONE TECNICA PROGETTO PRELIMINARE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 30 KWp RELAZIONE TECNICA COMMITTENTE : 2C BROCCIATURE VIA A. MANZONI, n.16 20040 USMATE VELATE (MI) CANTIERE : 2C BROCCIATURE VIA A. MANZONI, n.16 20040 USMATE

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO INDICE 1. PREMESSA... 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3. CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE CONDUTTURE... 3 4. PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SICUREZZA.... 5 4.1. Protezione

Dettagli

L intervento che si andrà a realizzare è composto dalle seguenti parti:

L intervento che si andrà a realizzare è composto dalle seguenti parti: 1.1. PREMESSA La presente relazione tratta della realizzazione degli impianti elettrici relativi all intervento di realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica a pannelli fotovoltaici

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

R.07 RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI. Oggetto: ... ... Gennaio 2014 ... Project: 01 Revisione 00 Emissione

R.07 RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI. Oggetto: ... ... Gennaio 2014 ... Project: 01 Revisione 00 Emissione Oggetto: RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI R.07... 02 Revisione 01 Revisione 00 Emissione...... Gennaio 2014 Project: Binini Partners S.r.l. via Gazzata, 4 42121 Reggio Emilia tel. +39.0522.580.578

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8

IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8 Via Gen. Cantore, 3 C.F. BST MRT 50T09 E863Z 21046 Malnate VA- P. IVA 02039380122 D.M. 22/01/2008 n. 37 PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8 Nuovo

Dettagli

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici Cavi bassa tensione Cavo FG7R / FG7OR 0,6/1kV Cavi per energia e segnalazioni flessibili per posa fissa, isolati in HEPR di qualità G7, non propaganti l incendio

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

A LAVORI A CORPO COMPUTO ESTIMATIVO A1 IMPIANTO MT/BT A2 QUADRO GENERALE BASSA TENSIONE

A LAVORI A CORPO COMPUTO ESTIMATIVO A1 IMPIANTO MT/BT A2 QUADRO GENERALE BASSA TENSIONE A LAVORI A CORPO A1 IMPIANTO MT/BT QUADRO MEDIA TENSIONE NP01 A1.1 Quadro Media Tensione (QMT) Tipo SM6 standard SCHNEIDER ELECTRIC (o equivalente) con protezione arco interno sul fronte e sui lati IAC

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO Dati generali Progetto: Committente: Tipo di intervento: Interventi di adeguamento sismico nella scuola elementare Madonna del Carmelo. 3 Lotto Completamento funzionale COMUNE

Dettagli

1. DESCRIZIONE SOMMARIA DEGLI IMPIANTI DA REALIZZARE - ELENCO ELABORATI... 2 2. DATI DI PROGETTO... 2 2.1 Destinazione d uso dei locali... 2 2.

1. DESCRIZIONE SOMMARIA DEGLI IMPIANTI DA REALIZZARE - ELENCO ELABORATI... 2 2. DATI DI PROGETTO... 2 2.1 Destinazione d uso dei locali... 2 2. 1. DESCRIZIONE SOMMARIA DEGLI IMPIANTI DA REALIZZARE - ELENCO ELABORATI... 2 2. DATI DI PROGETTO... 2 2.1 Destinazione d uso dei locali... 2 2.2 Classificazione dei locali... 2 2.3 Dati del sistema di

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi E-00 IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi Per.Ind. Giancarlo Cirri Via Sandro Pertini 26, 50027 Strada in Chianti (FI).

Dettagli

Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica

Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica Documento organizzato dall ing. Eugenio Agnello, in ottobre 2005, per

Dettagli

CORSO BASE IMPIANTI ELETTRICI

CORSO BASE IMPIANTI ELETTRICI - 1 - CORSO BASE IMPIANTI ELETTRICI MODULO 4 CADUTE DI TENSIONE, SOVRACORRENTI E PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI QUADRI ELETTRICI Vesione 3.0 / 2010 - 2 - DIMENSIONAMENTO DEI CAVI Nel dimensionamento

Dettagli

Guida al Sistema Bassa Tensione

Guida al Sistema Bassa Tensione Indice Generale Guida al Sistema Bassa Tensione 1 Introduzione 2 Le norme 3 Caratteristiche della rete 4 Protezione dei circuiti 5 Caratteristiche degli apparecchi di protezione e manovra 6 Protezione

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO AS BUILT

PROGETTO ESECUTIVO AS BUILT REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO INTEGRATO DA 470,4 kwp SU TETTO DI UN FABBRICATO AD USO INDUSTRIALE NEL COMUNE DI POIRINO (TO) PROGETTO ESECUTIVO AS BUILT RELAZIONE TECNICA 1/111 INDICE INDICE...2

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine alimentate a tensione di rete

La Sicurezza delle Macchine alimentate a tensione di rete Sezione Toscana e Umbria Toscana La Sicurezza delle Macchine alimentate a tensione di rete Dott. Ing. Lorenzo Spinelli Direzione Elettra s.r.l. Organismo Notificato n. 2321 Direttiva Macchine, Direttiva

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili

Impianti elettrici nei cantieri edili Impianti elettrici nei cantieri edili Per. Ind. Luca Paolini S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza www.scuolaedile.com 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica. R ie

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica. R ie IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica R ie Luglio 2012 I N D I C E I N D I C E...1 1 - Premessa...2 2 - Principali norme di riferimento...4 3 - Tipo di forniture e tipo di sistema

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

2. Leggi norme e regolamenti

2. Leggi norme e regolamenti Premessa La presente relazione fa parte della documentazione relativa alla progettazione degli impianti elettrici previsti nei lavori di rifunzionalizzazione laboratori e spazi didattici presso l istituto

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA.

PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA. PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE IMMOBILE E SPAZI DI PERTINENZA DELL ISTITUTO SCOLASTICO G. FERRARIS DI RAGUSA. ASSE II QUALITÀ DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI - OBIETTIVO C Incrementare la

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

INDICE ARTICOLI. Progetto Impianto Elettrico Esecutivo - Comune di Firenze Scuola Bechi Pier della Francesca - 2

INDICE ARTICOLI. Progetto Impianto Elettrico Esecutivo - Comune di Firenze Scuola Bechi Pier della Francesca - 2 INDICE ARTICOLI ART. 1 - OGGETTO DEL PROGETTO.............................. Pag. 3 ART. 2 - DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE............... Pag. 3 ART. 3 - RIFERIMENTI NORMATIVI - PRESCRIZ. TECNICHE

Dettagli

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Prof. Dott. Ing. Sergio Rosati SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Roma, aprile 2012. PREMESSA Una buona conoscenza delle modalità di allaccio di installazioni, civili

Dettagli

FIRMA DEL C. D. REV. 0 28.10.11

FIRMA DEL C. D. REV. 0 28.10.11 Committente COMUNE DI LASINO Piazza Degaperi, 25 38076 Lasino (TN) Oggetto Realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura dell ex l ex malga di Lagolo Progetto esecutivo RELAZIONE DI CALCOLO

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA

IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA 1.1 Generalità In qualsiasi ambito tecnico ed in particolare nel settore elettrico si impone, per realizzare impianti a regola d arte,

Dettagli

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE INDICE Generalità sulla produzione, il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica. Normativa, unificazione, certificazione e controllo sugli impianti

Dettagli

1 GENERALITA pag. 3. 2 IMPIANTI ELETTRICI pag. 3. 2.1 CARATTERISTICHE IMPIANTO ELETTRICO pag. 3. 2.2 DATI ELETTRICI DEL SISTEMA pag.

1 GENERALITA pag. 3. 2 IMPIANTI ELETTRICI pag. 3. 2.1 CARATTERISTICHE IMPIANTO ELETTRICO pag. 3. 2.2 DATI ELETTRICI DEL SISTEMA pag. 1 GENERALITA pag. 3 2 IMPIANTI ELETTRICI pag. 3 2.1 CARATTERISTICHE IMPIANTO ELETTRICO pag. 3 2.2 DATI ELETTRICI DEL SISTEMA pag. 4 2.3 SUDDIVISIONE DEGLI IMPIANTI pag. 4 2.4 CRITERI GENERALI pag. 4 2.5

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DELL IMPIANTO ELETTRICO DELL AMBULATORIO MEDICO DI PIANOSINATICO

PROGETTO ESECUTIVO DELL IMPIANTO ELETTRICO DELL AMBULATORIO MEDICO DI PIANOSINATICO PROGETTO ESECUTIVO DELL IMPIANTO ELETTRICO DELL AMBULATORIO MEDICO DI PIANOSINATICO Progetto Esecutivo Progettista Ing. Ermes Tesi (Dir.U.O. Man. Impianti Az. USL3 PT) Azienda USL 3 di Pistoia Via Sandro

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. GENERALITA

RELAZIONE TECNICA 1. GENERALITA INDICE 1. Generalità pag. 2 2. Dati del sistema elettrico di distribuzione pag. 2 2.1 Appartamento tipo pag. 2 2.2 Parti comuni pag. 3 3. Specifiche tecniche pag. 3 3.1 Protezione contro i contatti diretti

Dettagli

Relazione impianti elettrici ed elettrici speciali

Relazione impianti elettrici ed elettrici speciali Relazione impianti elettrici ed elettrici speciali Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRESCRIZIONI GENERALI... 2 3. LEGGI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 4 4. DATI DI CALCOLO PER LA SEZIONE DEI CONDUTTORI... 9

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

1. FINALITÀ DELL INTERVENTO 2. FATTIBILITÀ 3. CONTENUTI DELL INTERVENTO 4. RELAZIONE ELETTRICA

1. FINALITÀ DELL INTERVENTO 2. FATTIBILITÀ 3. CONTENUTI DELL INTERVENTO 4. RELAZIONE ELETTRICA 1. FINALITÀ DELL INTERVENTO 2. FATTIBILITÀ 3. CONTENUTI DELL INTERVENTO 4. RELAZIONE ELETTRICA 1 1. FINALITÀ DELL INTERVENTO In relazione alla esigenza dell Ospedale Niguarda di inserire nuove attività

Dettagli

RELAZIONE SPECIALITICA IMPIANTO FOTOVOLTAICO

RELAZIONE SPECIALITICA IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1. PREMESSA RELAZIONE SPECIALITICA IMPIANTO FOTOVOLTAICO L impianto fotovoltaico è finalizzato alla produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile (energia solare) che non comporta alcun tipo di

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA

RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA NORMATIVE DI RIFERIMENTO 1) Normativa fotovoltaica - CEI 82-25: Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica collegati alle reti elettriche di Media

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE Progetto per la realizzazione della nuova scuola d infanzia del capoluogo PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA IMPIANTI ELETTRICI. Indice

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA IMPIANTI ELETTRICI. Indice RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA IMPIANTI ELETTRICI Indice 1 Descrizione sommaria degli impianti da realizzare 2 Dati generali degli impianti elettrici 3 Rispondenza a norme tecniche e leggi di riferimento

Dettagli

GENERALITA. 1. Descrizione dell impianto. 2. Dati di progetto. 3. Riferimenti Normativi

GENERALITA. 1. Descrizione dell impianto. 2. Dati di progetto. 3. Riferimenti Normativi GENERALITA 1. Descrizione dell impianto Il progetto di cui alla presente relazione si prefigge lo scopo di definire gli impianti elettrici a servizio del nuovo complesso alberghiero denominato Garda Target

Dettagli

EDIZIONE 2015. Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali

EDIZIONE 2015. Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali EDIZIONE 2015 Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali Catalogo 2013 ABB mette a disposizione dei propri clienti tutta una serie di strumenti utili per la configurazione degli

Dettagli

Ing. Lorenzo Pagnoncelli Roma Comune di Empoli Superamento rischio idraulico Rii minori Volpi e Friano. INDICE pagina 1. PREMESSA...

Ing. Lorenzo Pagnoncelli Roma Comune di Empoli Superamento rischio idraulico Rii minori Volpi e Friano. INDICE pagina 1. PREMESSA... INDICE pagina 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE DELL INTEVENTO... 3 3. LEGGI NORME E REGOLAMENTI... 4 3.1 NOTE GENERALI... 4 3.2 LEGGI E DECRETI... 4 3.3 NORME UNI... 5 3.4 NORME CEI... 5 3.5 NORME VARIE...

Dettagli

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti

Terasaki Italia Srl via Campania, 4-20090 Segrate (MI) Tel. 022137574 - Fax 0226922931 www.terasaki.it - terasaki@tin.it. Contatti indiretti Contatti indiretti Premessa Nel presente articolo è trattata l installazione degli interruttori differenziali modulari per la protezione delle persone dai contatti indiretti nell edilizia residenziale.

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1 PREMESSE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 2.1 Norme CEI ed UNI... 2 2.2 Legislazione vigente... 3 3 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI... 3 4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE... 3 5 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione

SPECIFICHE TECNICHE Moduli fotovoltaici. gruppo di conversione GENERALITA Gli impianti previsti nel presente progetto dovranno complessivamente essere in grado di produrre non meno 200.000 kwh/anno. I siti individuati, in cui si prevede di installare i moduli, risultano

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

Campus di Fisciano (SA)

Campus di Fisciano (SA) ADEGUAMENTO CABINA ELETTRICA A SERVIZIO DELLA MENSA CAMPUS DI FISCIANO RELAZIONE TECNICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO AREA VI RISORSE STRUMENTALI UFFICI TECNICI Ufficio Sistemi Elettrici -------------------------------------------------------------------

Dettagli

Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari. e Cristina Timò- Direttore Tecnico CEI (Comitato elettrotecnico italiano)

Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari. e Cristina Timò- Direttore Tecnico CEI (Comitato elettrotecnico italiano) Norma CEI 0-21 : Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari

Dettagli