di Luigi Gianzi Avvocato in Milano e socio del Centro di Diritto Penale Tributario.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Luigi Gianzi Avvocato in Milano e socio del Centro di Diritto Penale Tributario."

Transcript

1 LA CONFISCA DEI BENI DELLA PERSONA GIURIDICA PER I DELITTI TRIBUTARI COMMESSI DAL LEGALE RAPPRESENTANTE: CRITICHE ALLA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE DEL 30 GENNAIO 2014 N di Luigi Gianzi Numerose e radicali sono le censure all impianto motivazionale espresso dalle SS.UU. il 30 gennaio 2014 con la sentenza n /14 (Gubert) relativa alla questione di diritto sulla possibilità di aggredire direttamente i beni di una persona giuridica per le violazioni tributarie commesse dal legale rappresentante. Secondo la Corte è preclusa la confisca per equivalente salvo il caso in cui l ente sia uno schermo fittizio mentre è consentita quella diretta di danaro, beni fungibili o direttamente riconducibili al profitto del reato tributario nella disponibilità dell ente. L approdo argomentativo è il risultato di un errore di fondo compendiatosi nell ingiustificata esclusione dell applicabilità della confisca per equivalente ex art. 322-ter c.p. in favore di un abnorme dilatazione dei confini della confisca diretta, al fine di consentire comunque il provvedimento ablativo indipendentemente dall etichetta della misura utilizzata. Avvocato in Milano e socio del Centro di Diritto Penale Tributario. 1

2 Quanto all ingiustificata preclusione della confisca per equivalente, a nulla rileva che il d. lgs. n. 231 del 2001 non preveda la responsabilità amministrativa degli enti per i reati tributari e per l effetto il sequestro finalizzato alla confisca per equivalente, perché il codice di rito a determinate condizioni lo consente. L art. 322-ter c.p.p., richiamato dall art. 1 comma 143 l. n. 244 del 2007, prevede infatti la confisca per equivalente dei beni di cui il responsabile di un reato tributario abbia la disponibilità, e tra questi sicuramente sono annoverabili, ad esempio, le somme di denaro depositate sui conti correnti aziendali di cui l amministratore/reo disponga del potere di firma oppure l autovettura aziendale concessagli in comodato. L errore in cui è incorsa la Corte è testimoniato proprio dall argomento addotto per confutare l assenza del requisito della disponibilità in capo all amministratore, il quale - secondo i supremi Giudici - non potrebbe disporre dei beni sociali perché, se lo facesse, commetterebbe il reato di appropriazione indebita. Si confonde la nozione penalistica di disponibilità con l esercizio non legittimato del diritto di proprietà, tant è vero che non integra il reato di appropriazione indebita il disporre della cosa (intesa come autonomo potere di fatto sulla res esercitato al di fuori della sfera di controllo del titolare/proprietario) ma la sua degenerazione in una condotta uti dominus. 2

3 A queste condizione appare francamente arduo sostenere l impercorribilità del sequestro finalizzato alla confisca per equivalente di beni aziendali per i delitti fiscali commessi dal legale rappresentante. Quanto all indebita espansione della confisca diretta del profitto di reato, è da premettere che secondo le SS.UU. esso può essere costituito in materia tributaria anche dal risparmio di spesa conseguente all omesso versamento dell onere fiscale 1. L unica condizione per procedere al sequestro finalizzato alla confisca diretta è il rinvenimento di fondi nelle casse sociali di pari importo all evaso, che è poi quella tipica della confisca per equivalente. Nessuno mette in dubbio che il risparmio di spesa sia profitto del reato, inteso come qualsivoglia vantaggio realizzato dall agente, ma la questione è un altra: il risparmio d imposta, secondo i principi di diritto penale in materia di misure di sicurezza patrimoniali, non può essere aggredito con lo strumento della confisca diretta che presuppone un nesso di pertinenzialità in ipotesi assente 2. 1 La Corte richiama in tema la sentenza delle SS.UU. Adami del 31 gennaio Cfr., sul punto, la Relazione dell Ufficio del Massimario della Cassazione n. 41/14 del 17 giugno 2014 dal titolo La nozione di profitto confiscabile nella giurisprudenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione a cura del dott. Piero Silvestri dove si legge che i principi fissati nella sentenza delle Sezioni unite Gubert non paiono simmetrici con quelli indicati nel corso del tempo dalle stesse Sezioni unite - né in tema di nesso di derivazione del profitto dal reato, né sulla individuazione dei profili strutturali del profitto ( qualsiasi utilità conseguita anche in forma indiretta dal reato ) - ed 3

4 In sostanza, la confisca diretta è ontologicamente inconfigurabile per la mancanza in rerum natura del relativo oggetto 3. L ablazione di danaro di valore semplicemente corrispondente a quello del mancato esborso colpirebbe, infatti, inevitabilmente ed ingiustamente risorse di origine diversa, legittima se non addirittura precedenti la commissione del reato. Non è un caso che in più occasioni la Cassazione 4 aveva escluso in tema di frode fiscale l assoggettabilità alla confisca diretta del saldo liquido di un conto corrente in misura corrispondente all imposta evasa, non sussistendo il necessario rapporto di derivazione diretta tra l evasione dell imposta e le disponibilità del conto. Anche le SS.UU. con un importante decisione (sentenza Focarelli 5 ) erano giunte alla conclusione della sostanziale inoperatività delle ordinarie ipotesi di confisca diretta nei reati occorrerà verificare nel tempo, anche alla luce del quadro di riferimento internazionale, se essi costituiscano un concreto superamento della elaborazione pluriennale della Corte di cassazione volta alla individuazione della nozione di profitto confiscabile. Il tema è peraltro strettamente connesso a quello della esatta delimitazione degli ambiti operativi della confisca diretta e della confisca c.d. di valore: quanto più si estenderà la nozione di profitto confiscabile, tanto più si potrà fare ricorso allo strumento della confisca diretta, intesa come misura di sicurezza patrimoniale, con tutto ciò che ad essa consegue in tema di opponibilità a terzi soggetti non estranei al reato. 3 A. Macchia, La confisca per equivalente nei confronti degli enti e dei responsabili delle persone giuridiche, relazione tratta dall incontro di studio in sede di formazione decentrata del 4 febbraio 2014, pag Ex plurimis, Cass pen., sez. III, 20 marzo 1996, n. 1343, Centofanti, in C.E.D. Cass., n In senso analogo Cass. pen., sez. III, 7 dicembre 1992, n. 2206, Miatto ed altro, in C.E.D.Cass., n Cass. pen., sez. un., 9 luglio 2004, n , Curatela fallimentare in proc. Focarelli, in Il fisco n. 43/2004, pag

5 tributari che presuppongono un risparmio di spesa, sottolineando che, in assenza di nesso pertinenziale, si sarebbe dato spazio a collegamenti esclusivamente congetturali, dovendo al contrario essere tenuta ferma l esigenza di una diretta derivazione causale della cosa dall attività del reo, intesa quale stretta correlazione con la condotta illecita. Prova ulteriore della forzatura interpretativa delle SS.UU. è rappresentata dai precedenti - inconferenti e/o addirittura contrari - portati a sostegno della tesi circa l irrilevanza del nesso di pertinenzialità: - la sentenza Marseglia (C.E.D. Cass ) esclude la necessità della prova del nesso di pertinenzialità ma in tema di confisca per equivalente e non di certo per quella diretta; - la sentenza Madaffari (C.E.D. Cass ) afferma il contrario e cioè che per disporre il sequestro finalizzato alla confisca diretta di denaro depositato su un conto corrente sia necessaria la prova che esso sia di provenienza illecita. Il risultato pratico è contrabbandare la confisca per equivalente con quella diretta. Per completare l operazione di forzatura ermeneutica e rendere pienamente operativa la confisca diretta nei confronti degli enti per i reati tributari commessi dagli organi gestori, le SS.UU. dovrebbero 5

6 superare un altro problema: assumere che la persona giuridica non sia estranea al reato, condizione prevista dagli artt. 240 e 322-ter c.p. La Corte aggira la questione proponendo come precetto di carattere generale l art. 6 comma 5 d. lgs. n. 231 del 2001, che ammette la confisca diretta anche nei confronti degli enti per i quali non sia applicabile la confisca-sanzione ex art. 19 del medesimo d. lgs. per aver adottato modelli organizzativi efficaci. Non si dubita che in tale ipotesi sia applicabile alla persona giuridica la confisca diretta per il reato commesso dal legale rappresentante ma il tema è diverso: il puntello normativo è errato perché la fattispecie è speciale essendo riferita solo ai reati presupposto tra cui non rientrano quelli tributari 6. Il postulato rimane quindi senza motivazione e non avrebbe potuto essere altrimenti atteso che le SS.UU. con la sentenza Bacherotti (28 aprile 1999) 7 avevano affermato che un soggetto potesse essere 6 Criticano il richiamo de quo: R. Bricchetti, Sì al sequestro preventivo per equivalente se la persona giuridica è uno schermo fittizio, in Guida dir., n. 15/2014, pag. 97 e A. Vannini, Esclusa la confisca per equivalente a carico degli enti per i reati tributari commessi dagli amministratori, in Corr. Trib. n. 17/2014, pag In tal senso esplicitamente, le SS.UU. : il concetto di estraneità al reato è individuabile anche in presenza dell'elemento di carattere oggettivo integrato dalla derivazione di un vantaggio dall'altrui attività criminosa, purché sussista la connotazione soggettiva identificabile nella buona fede del terzo, ossia nella non conoscibilità - con l'uso della diligenza richiesta dalla situazione concreta- del predetto rapporto di derivazione della propria posizione soggettiva dal reato commesso dal condannato. La coessenziale inerenza del requisito della buona fede e dell'affidamento incolpevole alla condizione della persona estranea al reato, cui appartengono le cose confiscate, rappresenta l'inevitabile corollario della impossibilità di attribuire alla confisca una base meramente oggettiva, assolutamente incompatibile col principio di personalità della responsabilità penale, sancito dall'art. 27, comma 1 Cost. 6

7 considerato non estraneo al reato solo traendo un vantaggio dall altrui attività criminosa e versando in malafede. Al di là di isolate decisioni dei Giudici di legittimità 8, considerazioni di carattere logico impongono di escludere la trasmigrazione della soggettività dalla persona fisica a quella giuridica, per definizione non dotata di capacità di discernimento ed autodeterminazione. Depone incidentalmente in tal senso proprio l argomento speso nella sentenza Gubert per respingere l indirizzo secondo cui sarebbe possibile la confisca per equivalente in forza del rapporto organico esistente tra il reo e la persona giuridica. Le SS.UU. lo negano valorizzando la facoltà dell ente di promuovere azione di responsabilità contro il reo. Tuttavia, in relazione alla confisca diretta ed in palese contraddizione con le premesse, la Corte proprio in virtù di detto rapporto organico ammette la non estraneità al reato della persona giuridica, con l effetto di trasmetterle quei caratteri di Nella nozione di estraneità al reato non può mancare, dunque, un'impronta di carattere soggettivo, identificabile nella buona fede del terzo. La configurazione di detta nozione su basi esclusivamente oggettive, indipendenti cioè dall'affidamento incolpevole, oltre a contrastare con i principi accolti dall'ordinamento in ordine alla circolazione giuridica dei beni mobili, condurrebbe a risultati lesivi del principio di personalità della responsabilità penale sancito dall'art. 27, comma 1 Cost., sicché è obbligo dell'interprete ricostruire la portata della norma in termini compatibili coi principi costituzionali e, correlativamente, non dare seguito a soluzioni ermeneutiche che si tradurrebbero nella lesione di quegli stessi principi (cfr., da ultimo, Corte cost., 22 giugno 1998, n. 232). 8 In tal senso, tuttavia, cfr. Cass. pen., , n. 1927, P.C. in proc. Ambrono e altro, C.E.D. Cass. n

8 soggettività/malafede propri del reo, condizione indefettibile perché un terzo possa qualificarsi come non estraneo al reato. Si completa così l operazione di mistificazione tra confisca per equivalente e diretta. Per le considerazioni svolte, a parere di chi scrive le SS.UU. avrebbero dovuto concludere nel solco dell ammissibilità della confisca sulle risorse della persona giuridica nella disponibilità del reo, a fronte dell impossibilità di disporre la confisca diretta. Salvo in entrambe le ipotesi il caso di società schermo. Gli effetti della pronuncia sono perniciosi perché ammette nei fatti ed a prescindere dalla denominazione dell istituto ablatorio la confisca per equivalente oltre i limiti dell art. 322-ter c.p. ossia anche nelle ipotesi in cui il reo non abbia la disponibilità della res. Il risultato è rendere il perimetro operativo della confisca per equivalente (contrabbandata quale confisca diretta) ancora più ampio e meno garantista di quello che si otterrebbe se i reati tributari venissero inseriti nel novero di quelli di cui al d. lgs. 231 del 2001, perché almeno in quella ipotesi, laddove il modello organizzativo fosse ritenuto efficace, non sarebbe possibile procedere alla confisca per equivalente. 8

9 Non si versa pertanto in un ambito nomofilattico ma in una vera e propria pronuncia additiva in peius preclusa persino alla Corte costituzionale. 9

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari Newsletter 231 n. 3/2014 I reati Tributari 1. Premessa I reati Tributari di cui al D.lgs 10 marzo 2000, n. 74 non sono ancora - contemplati tra i reati presupposto della responsabilità amministrativa degli

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno a cura dell Avv. Valentina Stefutti Il Ministero dell Interno, con nota circolare prot. 1795 del

Dettagli

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 90 25.03.2014 Il reato di omessa dichiarazione Dal 18 settembre 2011 soglia di punibilità più bassa Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

La responsabilità del professionista nei reati tributari

La responsabilità del professionista nei reati tributari La responsabilità del professionista nei reati tributari 1) possibilità di concorso. Esclusione di uno sbarramento ad opera dell art. 9 D. Lvo 74/2000 1 Sul punto si veda Cas. Sez. III I ottobre 2010 n.

Dettagli

La confisca (diretta e per equivalente) nei reati tributari commessi in beneficio della persona giuridica: il rilievo assunto dal D.Lgs.

La confisca (diretta e per equivalente) nei reati tributari commessi in beneficio della persona giuridica: il rilievo assunto dal D.Lgs. La confisca (diretta e per equivalente) nei reati tributari commessi in beneficio della persona giuridica: il rilievo assunto dal D.Lgs. 231/01 A cura di Avv. Andrea Moroni Avvocato in Bologna e Dottore

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Reati penali fiscali: per le fattispecie elusive il contribuente va assolto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Cassazione, con una recente

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO SUL TEMA: REATI TRIBUTARI E PROCEDIMENTO PENALE LECCE, 19 NOVEMBRE 2011

GIORNATA DI STUDIO SUL TEMA: REATI TRIBUTARI E PROCEDIMENTO PENALE LECCE, 19 NOVEMBRE 2011 GIORNATA DI STUDIO SUL TEMA: REATI TRIBUTARI E PROCEDIMENTO PENALE LECCE, 19 NOVEMBRE 2011 La responsabilità penale delle società e l applicazione delle misure cautelari anche nei confronti delle stesse.

Dettagli

ROVIDA CIDDA - GRONDONA

ROVIDA CIDDA - GRONDONA Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Dott. Silvia DI BRACCIO -------------------

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari Trib. Avellino, Sez. GIP, ud. 18 maggio 2011 Proc. pen. n. 2146/2011 R. GIP Proc. pen. n. 2851/2011 RGNR TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari ORDINANZA DI NON CONVALIDA

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO Segnalazione di contrasto Rel. n. 123 Roma, 21 giugno 2012 Oggetto: TRIBUTI (IN GENERALE) - DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE (RIFORMA

Dettagli

Bracconaggio, furto venatorio e maltrattamento

Bracconaggio, furto venatorio e maltrattamento Bracconaggio, furto venatorio e maltrattamento 20 novembre 2013 La fauna selvatica da un punto di vista normativo ha oggi una duplice natura, quella di patrimonio indisponibile dello Stato alla luce della

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO SUL TEMA: REATI TRIBUTARI E PROCEDIMENTO PENALE LECCE, 19 NOVEMBRE 2011

GIORNATA DI STUDIO SUL TEMA: REATI TRIBUTARI E PROCEDIMENTO PENALE LECCE, 19 NOVEMBRE 2011 STUDIO LEGALE AVV. MICHELE BONSEGNA VIA L. DA VINCI, 54-73048 NARDÒ TEL./FAX: 0833.567880 VIA IMBRIANI, 36-73100 LECCE TEL.: 0832.391016 - FAX: 0832.397444 VIA MAZZINI, 2-20123 MILANO TEL./FAX: 02.76317640

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XIII PARTE PRIMA I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 CAPITOLO 1 IL CONCETTO DI FRODE AL FISCO 1. Premessa... 3 2. Concetto e finalità

Dettagli

Sequestri di prevenzione applicati alla legge 231 (responsabilità degli Enti e aggiornamento dei reati presupposto)

Sequestri di prevenzione applicati alla legge 231 (responsabilità degli Enti e aggiornamento dei reati presupposto) Sequestri di prevenzione applicati alla legge 231 (responsabilità degli Enti e aggiornamento dei reati presupposto) BERGAMO 18 APRILE 2016 AVV. MARIA FRANCESCA ARTUSI PREMESSA La responsabilità delle società

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

PROCEDURE ESECUTIVE E MISURE PATRIMONIALI ANTIMAFIA. www.lascalaw.com www.iusletter.com

PROCEDURE ESECUTIVE E MISURE PATRIMONIALI ANTIMAFIA. www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on PROCEDURE ESECUTIVE E MISURE PATRIMONIALI ANTIMAFIA Marzo 2012 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA. Torino 12 maggio 2015

AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA. Torino 12 maggio 2015 2. MAGGIO AGGIORNAMENTI SU GIURISPRUDENZA E NORMATIVA INCONTRO A CURA DEL GRUPPO DI LAVORO EX D.LGS 23/200 Torino 2 maggio AVV. STEFANO COMELLINI 2 2. MAGGIO GIURISPRUDENZA 3 PROFITTO (art. 9) Cass. n.

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855 Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del contribuente in assenza del difensore Utilizzo nelle indagini preliminari

Dettagli

La disponibilità dei beni nella confisca per equivalente per i reati tributari

La disponibilità dei beni nella confisca per equivalente per i reati tributari La disponibilità dei beni nella confisca per equivalente per i reati tributari di Domenico Potetti SOMMARIO 1. Introduzione. 2. Profitto e prezzo del reato. 3. La disponibilità della cosa da parte del

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace (Cassazione, terza sezione penale, sentenza del 19 luglio 2011, depositata il 2 agosto 2011, n. 30564).

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Lugano, 22 ottobre 2013 avv. Alessandro Pistochini 1 1) Scenario generale Summary 2) L impianto del diritto penale tributario ai sensi del d.lgs.

Dettagli

L accertamento tributario e procedimento penale

L accertamento tributario e procedimento penale L accertamento tributario e procedimento penale a cura di: Rosario Fortino Avvocato Tributarista in Cosenza fortinoepartners@libero.it Riflessione critica sulla utilizzabilità degli atti di polizia tributaria,

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

competenza legislativa concorrente in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario,

competenza legislativa concorrente in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, Consulta OnLine composta dai Signori: SENTENZA ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE Valerio ONIDA Presidente Carlo MEZZANOTTE Giudice Guido NEPPI MODONA " Piero

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO a cura Cosimo Turrisi L autotutela tributaria è un procedimento amministrativo di secondo grado che consente, in ossequio ai principi di cui

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine?

L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine? L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine? di Michele Petito e Tommaso De Angelis 1 La giurisprudenza penale di legittimità ha spesso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti

Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti Stampa Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti admin in Contenzioso e processo tributario La Corte di Cassazione, sezione Penale, si è pronunciata

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE. Presidente Ferrua Relatore Demarchi Albengo

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE. Presidente Ferrua Relatore Demarchi Albengo Cassazione Penale, Sez. V, 17 gennaio 2012, n. 1843 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Presidente Ferrua Relatore Demarchi Albengo RITENUTO IN FATTO M.C. propone ricorso per cassazione

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA La prova scritta del Concorso di accesso in Magistratura LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA 1. Premessa. 2. La scelta delle tracce da parte della commissione. 3. La correzione delle

Dettagli

Mezzi per il trasporto dei rifiuti: quali sono i profili di responsabilità per il proprietario estraneo al reato?

Mezzi per il trasporto dei rifiuti: quali sono i profili di responsabilità per il proprietario estraneo al reato? RIFIUTI E BONIFICHE ARTICOLO 64 N. 19-15 ottobre 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com L applicazione della confisca al centro della sentenza della Cassazione n. 1475/2013 Mezzi per il trasporto

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

SENTENZA N. 355 ANNO 2005

SENTENZA N. 355 ANNO 2005 SENTENZA N. 355 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente - Fernanda CONTRI Giudice - Guido NEPPI MODONA

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI

LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI corrado sanvito Il tema della responsabilità del professionista in quanto pertiene un contratto di prestazione d opera intellettuale trova

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

Noi difendiamo i Vostri Diritti

Noi difendiamo i Vostri Diritti Noi difendiamo i Vostri Diritti REATI TRIBUTARI E CONFISCA PER EQUIVALENTE MISURA CAUTELARE E MISURA DI SICUREZZA PATRIMONIALE ( QUALI I MAGGIORI RISCHI DOVUTI ALL AMPLIAMENTO DELL AMBITO OGGETTIVO E PER

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Studio Legale e Tributario Morri Cornelli e Associati

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Studio Legale e Tributario Morri Cornelli e Associati 30 Gennaio 2012, ore 12:24 La decisione della CTP Alessandria Caffè per dipendenti e clienti: il costo è deducibile E deducibile dal reddito d impresa il costo relativo all acquisto del caffè per il rifornimento

Dettagli

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali L applicazione della non punibilità (no assoluzione ) per la particolare tenuità del fatto non può certo inibire

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte

La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte La difesa del contribuente tra esigenze di effettività e rischio di riscossione anticipata

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO PENALE Parte generale e speciale Volume quinto SOMMARIO PARTE II IL REATO CAPITOLO VI LE CIRCOSTANZE DEL REATO 751 1. Le circostanze

Dettagli

Inquadramento giuridico e responsabilità

Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Custode Detentore Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Proprietà Definizione La proprietà è il diritto di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

IL GUP. sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da:

IL GUP. sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da: IL GUP sulla riserva assunta all udienza del 12.1.2009 in ordine alle istanze di esclusione delle parti civili costituite proposte da: 1. difesa BELLEN, RANZINI, MAGURANO, BONI, GRATTAGLIANO, MARINELLI,

Dettagli

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Premessa L art. 35, comma 26-quater, del d.l. n. 223 del 2006, conv. con modifiche dalla legge n. 248 del 2006, in vigore dal 4 luglio

Dettagli

TRIBUNALE DI.. Giudice del riesame Proc. n.. RG NR Ricorso ex art. 325 c.p.p.

TRIBUNALE DI.. Giudice del riesame Proc. n.. RG NR Ricorso ex art. 325 c.p.p. .. Avvocato TRIBUNALE DI.. Giudice del riesame Proc. n.. RG NR Ricorso ex art. 325 c.p.p.., con il suo difensore allo scopo nominato, avvocato., ricorre avverso l ordinanza del.., comunicata il, con la

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli