PIANO FINANZIARIO. Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta. Febbraio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO FINANZIARIO. Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta. Febbraio 2015"

Transcript

1 Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta PIANO FINANZIARIO Applicazione dell articolo 8 del DPR 27 aprile 1999, n. 158 Regolamento recante norme per l elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Febbraio Area T2 Servizio di Igiene Urbana

2 PIANO FINANZIARIO Il D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 (Regolamento recante norme per l elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani) costituisce l atto fondamentale per dare attuazione al passaggio da tassa alla tariffa puntuale. In realtà le successive disposizioni di legge hanno introdotto notevoli modificazioni a tale previsione ed allo stato attuale i Comuni, dopo aver definito i regolamenti per l applicazione del tributo sui rifiuti (TARI), sono impegnati a raggiungere gli obiettivi di raccolta differenziata posti dalla legge salvaguardando gli equilibri finanziari e senza perdere di vista la necessità di mantenere livelli tariffari minimi, dal momento che si agisce in un contesto di prolungata crisi economica generale. Dal punto di vista tecnico, la novità dell anno 2015 è rappresentata dall applicazione dei nuovi indirizzi approvati dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 667/XIV del 30 luglio 2014 che si tradurranno nella modifica dei flussi di raccolta e nell istituzione della raccolta differenziata della frazione organica. Il Piano finanziario degli interventi relativi alla gestione del servizio deve comprendere tutti gli elementi, di carattere tecnico ed economico, necessari a dimostrare il raggiungimento degli obiettivi prefissati dal legislatore mediante le forme gestionali e regolamentari prescelte. È sulla base delle indicazioni del Piano finanziario, nell ambito del quale deve essere individuato il costo complessivo del servizio, che il Comune determina la tariffa per il raggiungimento della piena copertura dei costi (articolo 8 del D.P.R. citato). Con il presente documento si intende dunque dare attuazione al citato articolo 8 del D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 che prevede che i soggetti gestori del servizio approvino il piano finanziario degli interventi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani, tenuto conto della forma di gestione del servizio prescelta tra quelle previste dall ordinamento. Come prescritto, nelle pagine seguenti saranno descritti: a) il programma degli interventi necessari; b) la specifica dei beni, delle strutture e dei servizi disponibili, nonché il ricorso eventuale all utilizzo di beni e strutture di terzi, o all affidamento di servizi a terzi. 2 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

3 a) il programma degli interventi necessari a.1. Definizione dello stato attuale Prima di illustrare nel dettaglio il programma elaborato dall Ufficio scrivente, ritengo sia utile definire lo stato attuale dei servizi ed i risultati che, in questo momento, vengono raggiunti con l impostazione dei servizi in corso di svolgimento. L Amministrazione Comunale di Aosta ha affidato alla soc. QUENDOZ S.r.l. di Jovençan (AO), con contratto rep. n del Registro del Segretario Generale stipulato in data , l onere di eseguire i servizi di igiene urbana e di raccolta e trasporto dei RU ed assimilati per la durata di sei anni ( ). Dal 1 settembre 2013 pertanto è pertanto iniziata l applicazione del nuovo contratto i cui riferimenti principali sono costituiti dal: Capitolato Speciale d Appalto; Offerta tecnico-economica della soc. QUENDOZ S.r.l. IGIENE URBANA Il Capitolato Speciale d Appalto ha confermato ed ulteriormente precisato le modalità di svolgimento dei servizi che, per maggiore chiarezza, elenco nel seguito: - pulizia delle aree mercatali; - svuotamento dei cestini porta-rifiuti e pulizia dell area circostante; - pulizia, lavaggio ed igienizzazione dei contenitori di raccolta rifiuti ed idoneo smaltimento delle acque reflue prodotte; - pulizia delle aree di esposizione dei rifiuti su suolo pubblico; - svuotamento e pulizia a fondo dei pozzetti caditoia e delle griglie stradali presenti sulle aree pubbliche incluse nel servizio di spazzamento stradale ed idoneo smaltimento dei fanghi e liquami prodotti; - spazzamento meccanizzato delle vie, strade, cunette, marciapiedi, piazze ed aree pubbliche nonché il trasporto dei rifiuti così raccolti al luogo di smaltimento; - pulizia e spazzamento manuale delle vie, strade, cunette, marciapiedi, piazze, aree verdi (limitatamente ai vialetti e cestini), parchi (limitatamente ai vialetti e cestini), aiuole (limitatamente a vialetti e cestini), fontane, fontanili e lavatoi, porticati, sottopassaggi, passaggi ed in genere di tutto il suolo pubblico o soggetto a servitù di pubblico transito, nonché il trasporto dei rifiuti così raccolti al luogo di smaltimento; - lavaggio delle strade ed aree pubbliche o private soggette ad uso pubblico individuate negli allegati; - diserbo ed eliminazione completa dell erba tra i giunti dei lastricati e degli acciottolati in genere delle vie, ecc., nonché dell erba sulle vie, strade, cunette, marciapiedi, piazzali, ecc., ivi compresi i piazzali parcheggio e le strade non asfaltate; - raccolta foglie; - pulizia e disinfezione delle fontane pubbliche, dei fontanili e dei lavatoi pubblici, con 3 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

4 asportazione della neve e del ghiaccio eventualmente formatisi e spandimento al suolo di idoneo sale antigelo, per una larghezza di metri 1,50 rispetto alla sagoma delle fontane, dei fontanili e dei lavatoi stessi; - sgombero neve nelle aree specificate negli elaborati grafici allegati al progetto; -pulizia e rimozione delle deiezioni canine presenti sul suolo pubblico o privato ad uso pubblico e posizionamento di almeno 30 distributori automatici di sacchetti; - gestione e manutenzione delle toilettes pubbliche. Nell ambito dei servizi sopra indicati sono diverse le iniziative che sono state organizzate nell ambito del nuovo contratto. Riepilogo le principali: ANNO sono stati posizionati nel Centro Storico 70 nuovi cestini porta-rifiuti e ri-posizionati in zone esterne al Centro Storico i cestoni sostituiti; - sono state acquistate nuove attrezzature a ridotto impatto ambientale per i servizi di igiene urbana; - è aumentata la frequenza di spazzamento meccanizzato delle principali vie del Centro Storico; - si è provveduto alla tinteggiatura semestrale delle parti interne delle toilettes pubbliche deturpate attraverso scritte o murales; - sono stati installati appositi contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti per le aree mercatali; - è stata organizzata il 5 giugno 2014 la 1^ Festa dell Ambiente in piazza Chanoux; - è stato realizzato il calendario 2015 dell Amministrazione distribuito nel mese di gennaio 2015; - sono state inaugurate ed entrate in funzione le due Case dell Acqua di via Clavalité e piazza Ducler. RACCOLTA DEI RIFIUTI Il servizio di raccolta dei rifiuti prevede, in tutto il territorio comunale, attualmente la modalità di raccolta porta a porta che consiste nell esposizione su suolo pubblico del contenitore da parte dell utente del servizio, sulla base del calendario distribuito dall Amministrazione, per il suo svuotamento da parte dell Impresa Appaltatrice. Ordinariamente il contenitore deve essere mantenuto all interno della proprietà al fine di evitare, per quanto possibile, conferimenti impropri da parte di altri utenti. Sono svolte le seguenti raccolte: - raccolta del rifiuto indifferenziato (frequenza: tre volte alla settimana); - raccolta differenziata della carta e del cartone (frequenza: una volta alla settimana); - raccolta differenziata del vetro e dell alluminio (frequenza: una volta alla settimana); - raccolta differenziata degli imballaggi in plastica (frequenza: una volta alla settimana). 4 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

5 Analogamente a quanto indicato per il servizio di igiene urbana, si elencano le principali attività realizzate, per il settore della raccolta dei rifiuti, nell ambito del contratto di appalto affidato alla soc. QUENDOZ S.r.l.. ANNO sono state acquistate nuove attrezzature a ridotto impatto ambientale per la raccolta dei rifiuti; - è stata avviata la sostituzione dei contenitori e dei mastelli per la raccolta dei rifiuti su tutto il territorio comunale; - sono stati installati appositi contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti per le aree mercatali; - è stata avviata la distribuzione delle tessere informatiche ai cittadini e attività che le hanno prenotate; - è stata condotta la campagna informativa per la promozione del compostaggio domestico con l organizzazione di 6 incontri pubblici su tema e la distribuzione gratuita delle compostiere. Tali raccolte saranno effettuate in orario serale fino al 1 giugno Dopo tale data, il servizio di raccolta sarà riorganizzato come indicato nel capitolo a.2.. Sono inoltre svolte le seguenti raccolte per le utenze che aderiscono o che chiedono tali servizi: - raccolta a domicilio degli sfalci verdi e delle ramaglie; - raccolta a domicilio dei rifiuti ingombranti; - raccolta cartucce toner esauste ed altri prodotti consumabili di stampa. L Impresa Appaltatrice ha anche il compito di svolgere ulteriori servizi quali ad esempio: - pulizia periodica e sostituzione, su richiesta, dei contenitori stradali assegnati per lo svolgimento delle diverse raccolte; - rimozione di rifiuti abbandonati su suolo pubblico di qualunque genere e tipo; - interventi di potenziamento dei servizi di igiene urbana e di raccolta dei rifiuti in occasione di manifestazioni pubbliche che si svolgono in piazze e strade pubbliche. 5 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

6 I CENTRI COMUNALI DI CONFERIMENTO Dal mese di luglio 2014 è entrato in servizio il nuovo centro di conferimento di loc. Montfleury che si affianca così a quello esistente in via Caduti del Lavoro, 11. Entrambi sono aperti e presidiati da parte di personale dell Impresa Appaltatrice tutti i giorni della settimana tranne la domenica, con una media mensile rispettivamente di circa conferimenti per via Caduti del Lavoro e di 800 per loc. Montfleury. Presso tale centro si possono conferire ordinariamente solo rifiuti urbani o rifiuti speciali assimilati agli urbani da parte dei cittadini e delle imprese dotate di specifica tessera: carta; cartone plastica; materiali ferrosi; materiali legnosi; rifiuti ingombranti; batterie esauste; olio vegetale; olio minerale; toner Entrambi i centri inoltre sono autorizzati presso lo specifico Centro Nazionale di Coordinamento per accogliere i RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettromeccaniche) in maniera separata, secondo la seguente suddivisione: R1 Frigoriferi; R2 Grandi Bianchi; R3 Tv e monitor; R4 Apparecchiature Elettroniche; R5 Sorgenti luminose Il Centro di via Caduti del Lavoro è stato oggetto nel corso dell estate 2014, di un significativo intervento di manutenzione straordinaria: è stata rifatta completamente la platea di appoggio dei container, sono stati realizzati gli impianti per la sua informatizzazione ed è stata realizzata una nuova copertura, bonificando il precedente tetto in eternit. Nel corso dell anno 2014, è iniziata la campagna informativa di carattere generale AOSTA CAPITALE DELL AMBIENTE con la quale la cittadinanza è stata informata dell avvio del nuovo appalto e delle iniziative in corso. In particolare, è stata presentata l iniziativa della tessera indispensabile per l accesso al sistema dei centri comunali di conferimento e, per i cittadini e attività residenti nel centro Storico, per l utilizzo dei Punti Tecnologici di Raccolta (P.T.R.) che sostituiranno a partire dal 1 giugno 2015, la oramai tradizionale raccolta porta a porta in quell ambito particolare della città. 6 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

7 RISULTATI CONSEGUITI Mediante l organizzazione sommariamente descritta i risultati ottenuti nel corso degli ultimi cinque anni sono stati i seguenti: Tipologia rifiuti PRODUZIONE RIFIUTI [KG] COMUNE DI AOSTA R.S.U. (compresi ingombranti) Totale raccolta rifiuti differenziati Totale Rifiuti Area T2 Servizio di Igiene Urbana

8 a.2. Definizione delle proposte IGIENE URBANA I servizi afferenti l igiene urbana sono stati concepiti, nel Capitolato Speciale d Appalto e nel contratto stipulato con la soc. QUENDOZ S.r.l. per mantenere elevato il livello di qualità offerto alla cittadinanza, ai turisti ed agli operatori economici che svolgono la loro attività nel nostro territorio. La gamma dei servizi offerti è notevole e per ognuno di essi, il nuovo contratto ha rivisto frequenze e tempi in maniera da migliorarne l efficacia e l efficienza, grazie anche alle nuove attrezzature acquistate. Per quanto riguarda l anno 2015, nel settore dell igiene urbana non si prevedono novità particolari pur proseguendo l attenzione per la razionalizzazione e l aumento della distribuzione dei cestini stradali gettacarta. Sarà inoltre realizzata la terza Casa dell Acqua prevista in viale della Pace. RACCOLTA DEI RIFIUTI Il servizio di raccolta dei rifiuti sarà profondamente modificato: - a partire dal 1 giugno 2015, entreranno in funzione nel Centro Storico i Punti Tecnologici di Raccolta (P.T.R.) che sostituiranno il servizio di raccolta porta a porta per tale ambito territoriale; - a partire dalla stessa data, sarà istituita la raccolta differenziata del rifiuto organico su tutto il territorio comunale; - sempre dal 1 giugno 2015, saranno riorganizzati i flussi di raccolta dei rifiuti urbani, a seguito dell avvenuta adozione della deliberazione di Giunta Regionale n. 667/ con la quale sono stati definiti i nuovi indirizzi regionali in materia di raccolta dei rifiuti. In estrema sintesi, per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti urbani queste sono le modifiche: raccolta della carta e del cartone; raccolta monomateriale del vetro; raccolta del rifiuto organico; raccolta multimateriale del secco indifferenziato; raccolta multimateriale leggera (imballaggi in plastica e metallo) Al fine del raggiungimento degli obbiettivi richiesti dalla vigente normativa, la pianificazione prevista rimane quella indicata nel piano di sub ATO, approvato dal Consiglio Comunale con propria deliberazione n. 25 del , che affronta i seguenti due ambiti: A) riduzione della produzione complessiva dei rifiuti; B) incremento dell intercettazione in forma differenziata delle diverse tipologie di rifiuti raccolti. 8 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

9 In merito alla prima linea di azione inerente alla riduzione della produzione complessiva dei rifiuti, il piano di sub ATO individua precise azioni volte alla riduzione della produzione dei rifiuti quali l autocompostaggio domestico e l attivazione di campagne informative mirate. Come si è detto, nel corso del 2014 è stata svolta un intensa campagna informativa di promozione del compostaggio domestico. Oltre al mailing di materiale informativo, che ha interessato gli abitanti delle zone collinari della nostra città, sono state svolte diverse serate nelle frazioni e nella collina di Aosta cui hanno partecipato un buon numero di partecipanti. Al termine delle serate, ai richiedenti sono state distribuite gratuitamente le compostiere al fine di procedere concretamente con lo sviluppo del compostaggio domestico. Dal punto di vista economico, chi ha aderito a tale servizio ha diritto ad usufruire di una riduzione della tassa sui rifiuti del 15%. Nel corso dell autunno, la stessa soc. QUENDOZ S.r.l. ha svolto, tramite propri incaricati adeguati controlli al fine di verificare il corretto uso dei materiali distribuiti e la correttezza delle pratiche svolte per l ottenimento del compost. Non sono state rilevate situazioni particolari, a conforto dello sforzo profuso. Tale azione è confermata: saranno periodicamente organizzati dei corsi di formazione, analoghi a quelli già svolti nel 2014, al termine dei quali saranno distribuite le compostiere domestiche ai partecipanti. La loro frequenza dipenderà dal numero di persone interessate che si registreranno presso l Ufficio scrivente o presso il Numero Verde dell impresa QUENDOZ S.r.l. In merito alla seconda linea di azione il piano di sub ATO pianifica azioni volte a favorire una maggiore intercettazione in forma differenziata delle diverse tipologie di rifiuti raccolti sul territorio. Dette azioni consistono appunto nella riorganizzazione dei flussi indicata a livello regionale e nell introduzione della raccolta differenziata del rifiuto organico. Entrambe le novità saranno precedute da campagne informative destinate alla cittadinanza che saranno organizzate rispettivamente dalla Regione Autonoma Valle d Aosta e dalla soc. QUENDOZ S.r.l. per conto del Comune di Aosta. Sarà affidato nel corso dell anno 2015, mediante procedura di gara ad evidenza pubblica, l incarico di Direttore dell esecuzione del contratto, in conformità a quanto previsto dall art. 300 del D.P.R. 207/2010 (Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE») 9 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

10 I CENTRI COMUNALI DI CONFERIMENTO La disponibilità dei Centri Comunali di Conferimento aumenterà nel corso dell anno Proseguirà infatti l iter per l approvazione dei progetti definitivo ed esecutivo del centro previsto in loc. Entrebin. Il ritardo di realizzazione del programma è dovuto all acquisizione dei terreni che si è prolungata oltre alle previsioni. Anche in tale centro, è prevista l informatizzazione già in uso nei due centri esistenti. L Impresa Appaltatrice potrà pertanto gestire gli accessi tramite badge ed elaborare i relativi bilanci di massa per ogni Centro. RIEPILOGO Le novità dell anno 2015 sono rappresentate dalle seguenti iniziative: 1) istituzione della raccolta differenziata della frazione organica, in tutto il territorio comunale, dal 1 giugno 2015; 2) trasformazione della raccolta dei rifiuti all interno del Centro Storico con passaggio dal servizio porta a porta alla raccolta presso i 7 Punti Tecnologici di Raccolta (P.T.R.), dal 1 giugno 2015; 3) riorganizzazione dei flussi di raccolta, dal 1 giugno 2015; 4) variazione degli orari di esposizione e ritiro dei rifiuti con anticipo degli orari in maniera tale da terminare le raccolte entro le ore 24; 5) inizio dei lavori del centro di conferimento di Entrebin. 10 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

11 Costo complessivo del servizio L organizzazione del servizio prevede l affidamento della parte esecutiva dei servizi di igiene urbana all impresa QUENDOZ S.r.l. di Jovençan (AO), con la quale è stato stipulato il contratto rep. n del Registro del Segretario Generale stipulato in data , per la durata di sei anni. Lo smaltimento definitivo dei rifiuti raccolti è affidato all impianto regionale di trattamento dei rifiuti situato a Brissogne in loc. Les Iles, la cui gestione è a carico della soc. Valeco S.p.A., per conto della Regione Autonoma Valle d Aosta. Il controllo dell operato dell Impresa è stato affidato al Settore Ambiente Servizio Igiene Urbana che vi provvede stabilmente con un dipendente a tempo pieno ed una collaboratrice di segreteria, oltre all impegno del dirigente del Settore. Il Settore Ambiente provvede a tutte le incombenze di carattere tecnico relative al servizio, esegue il pagamento degli stati d avanzamento mensili del servizio, opera sopralluoghi per verificare la corretta esecuzione dei servizi, funge da Sportello per gli utenti per la risoluzione di qualunque problema relativo a tale settore. Redige la documentazione per la denuncia annuale dei quantitativi di rifiuti smaltiti (M.U.D.) e verifica la corretta esecuzione della procedura PGA 13 Gestione dei Servizi di Igiene Urbana e rifiuti comunali, inserita nel Sistema di Gestione Ambientale, certificato a norma UNI EN ISO dalla soc. D.N.V. Italia S.r.l.. Il Servizio Tributi provvede all emissione dei ruoli esattoriali annuali, delega la riscossione al Tesoriere Comunale, la Banca Popolare di Sondrio, e cura l attività di sportello con il cittadino utente per tutte le procedure relative (nuove iscrizioni a ruolo, cancellazioni e modifiche a vario titolo richieste). L organizzazione sinteticamente descritta originerà nel 2015 i costi sotto elencati, a livello di previsione: DESCRIZIONE SERVIZI [ ] a Servizio di igiene urbana ,04 b Raccolta e trasporto dei rifiuti urbani ed assimilati ,33 c Servizio di gestione tecnico-operativa dei centri comunali di ,42 conferimento d Oneri di investimento per la realizzazione del Centro di Entrebin ,80 e Campagne informative 630,49 f Servizio di assistenza tecnica 767,06 Totale imponibile ,18 IVA 10% ,82 Totale generale ,00 11 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

12 Oltre a questi servizi, all impresa QUENDOZ S.r.l. sono stati affidati anche altri servizi complementari relativi ad attività di gestione e trasporto dei rifiuti speciali prodotti dalle strutture operative comunali quali l Officina e l Acquedotto che però non rientrano nel Piano Finanziario. Costo di smaltimento dei rifiuti Sulla base delle disposizioni regionali sancite dalle diverse deliberazioni di Giunta Regionale che si sono susseguite nel tempo, la spesa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani non differenziati ha generato i seguenti costi: ANNO COSTO COMPLESSIVO DI SMALTIMENTO , , , , , , , ,00 I dati relativi all anno 2014 sono quelli di previsione, non essendo ancora stati comunicati ufficialmente dalla Regione Autonoma Valle d Aosta, proprietaria del Centro di smaltimento dei rifiuti sito in Comune di Brissogne dove vengono conferiti i rifiuti raccolti. Il dato indicato costituisce una previsione dell Ufficio scrivente. I costi sopra riferiti tengono conto anche di quelli relativi al materiale di spazzamento, ai rifiuti solidi urbani assimilati (ad es.: ingombranti, pneumatici fuori uso) conferiti a vario titolo all impianto da parte del Comune di Aosta anche attraverso ditte appaltatrici di altri servizi che danno origine al pagamento del costo per il loro smaltimento in maniera diretta al gestore dell impianto. I rifiuti raccolti in maniera differenziata (cartone, carta, plastica, vetro-alluminio, sfalci vegetali) non generano né costi di smaltimento né introiti per l Amministrazione Comunale in quanto è la Regione Autonoma Valle d Aosta titolare delle convenzioni con i Consorzi di filiera. Quanto sopra in realtà dipende molto dalla qualità del materiale consegnato: poiché nel tempo i Consorzi hanno stabilito dei controlli sempre più rigidi e percentuali di materiale estraneo tollerato sempre più piccole, è possibile una contrazione degli introiti da parte della Regione Autonoma Valle d Aosta con il conseguente aumento dei costi di smaltimento anche per tali materiali. Come detto, i dati ufficiali per l anno 2014 non sono ancora stati comunicati. Si ipotizza per l anno 2015, un costo complessivo per lo smaltimento dei rifiuti di , Area T2 Servizio di Igiene Urbana

13 Tributo speciale per lo smaltimento dei rifiuti solidi in discarica Questo tributo è stato introdotto dalla legge 28 dicembre 1995, n. 549 ed è stato fissato in 10,33 per ogni tonnellata di rifiuto depositato in discarica. Anno Quantità R.S.U. Tariffa Applicata Costi (IVA 10% esclusa) [t] [ /t] [ ] ,354 10, , ,070 10, , ,910 10, , ,020 10, , ,465 10, , ,700 10, , ,927 10, , ,437 10, ,98 Per l anno 2015, è stata prevista una spesa di ,00. RIEPILOGO COSTI ESTERNI Descrizione voce Importo ( ) Costi appalto impresa QUENDOZ S.r.l ,00 Costi smaltimento (Regione) ,00 Tributo speciale ,00 Totale ,00 13 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

14 Costi interni dei servizi di igiene urbana I costi interni all Amministrazione sono rappresentati dal costo del personale interno addetto a tale servizio, sulla base di quanto indicato nelle premesse, in relazione all ipotesi che di seguito viene esplicitata di impegno percentuale di tempo che viene dedicata da ogni ufficio coinvolto per il disbrigo di pratiche connesse al servizio in esame. A questi costi bisogna ovviamente aggiungere le spese di funzionamento degli uffici e di riscossione. Settore Liv. % Ambiente Impiegata B3 100 Dirigente DIR 20 Segretaria B2 30 Servizio Tributi Impiegata B Impiegate C2 100 Funzionario PPO 30 Dirigente DIR 5 Per un costo totale complessivo di ,00, sostanzialmente immutato rispetto all anno precedente. ALTRI COSTI SERVIZI AUSILIARI Descrizione Costi ( ) Costi Amministrativi di accertamento, ,00 della riscossione e del contenzioso Ribaltamenti da altri centri di costo ,00 Incarico Direttore dell esecuzione del ,00 contratto Totale ,00 14 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

15 COSTO COMPLESSIVO DEL SERVIZIO Descrizione Importi [ ] RIEPILOGO COSTI ESTERNI ,00 COSTI DI SMALTIMENTO ,00 TRIBUTO DISCARICA ,00 COSTI INTERNI DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA ,00 ALTRI COSTI SERVIZI AUSILIARI ,00 TOTALE GENERALE ,00 Gli importi comprendono l IVA di legge. 15 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

16 b) la specifica dei beni, delle strutture e dei servizi disponibili, nonché il ricorso eventuale all utilizzo di beni e strutture di terzi, o all affidamento di servizi a terzi Al fine di dare adeguato supporto ed esito compiuto agli interventi illustrati nella sezione a), sono stati presi in considerazione documenti ed elaborati specifici, ai quali da sempre l Amministrazione fa riferimento. In particolare, poiché la gestione dei servizi è affidata a terzi, il punto di incontro tra l Amministrazione e la Ditta appaltatrice è costituita dal Capitolato speciale d appalto e dal Contratto sottoscritto. Altri servizi inerenti l igiene ambientale sono gestiti in proprio, in particolare la gestione dei dati ed il controllo dell impresa. Di seguito sono indicati, in relazione all appalto in corso per l affidamento del servizio di igiene ambientale, i documenti a cui fare riferimento per individuare i beni, le strutture ed i servizi disponibili. Tipo di servizio Servizi appaltati a terzi (Impresa esterna) Servizi gestiti in proprio (controllo dell impresa, elaborazione dati e studio di nuove strategie, applicazione del ruolo comunale, contratti) Documenti di riferimento Capitolato Contratto d appalto Procedura PGA 12 Gestione dei Servizi di Igiene Urbana e dei Rifiuti Comunali inserita nel Sistema di Gestione Ambientale) Disponibilità della documentazione Disponibile Disponibile nonché relativi form e report periodici compilati da parte dell Impresa Appaltatrice Servizi ausiliari (officina comunale) M.U.D Disponibile 16 Area T2 Servizio di Igiene Urbana

PIANO FINANZIARIO. Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta

PIANO FINANZIARIO. Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta Regione Autonoma Valle d'aosta Comune di Aosta PIANO FINANZIARIO Applicazione dell articolo 8 del DPR 27 aprile 1999, n. 158 Regolamento recante norme per l elaborazione del metodo normalizzato per definire

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI ALLEGATO ALLA BELIBERAZINE DEL CONSIGLIO COMUANLE N. 31 DEL 28/09/2014 PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO

ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO ALLEGATO A TASSA RIFIUTI TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Premessa La Legge n. 147/2013 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI COMUNE DI ALEZIO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI A. Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto

Dettagli

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015

COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Anno 2015 1 COMUNE DI VAJONT PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Anno 2015 Ex art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n.158 Art.1 comma 639 Legge 27 dicembre 2013 n. 147 2 INDICE PREMESSA NORMATIVA E

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ---------- TARIFFA PARTE FISSA TARIFFA PARTE VABIABILE ----------

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ---------- TARIFFA PARTE FISSA TARIFFA PARTE VABIABILE ---------- COMUNE DI GIUSSAGO Provincia di Pavia PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ---------- TARIFFA PARTE FISSA TARIFFA PARTE VABIABILE ---------- (ALLEGATO A) 1 A.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 38 del 30-07-20152015 COMUNU DE GUSPINI PROVINTZIA DE SU CAMPIDANU DE MESU SOMMARIO: Art.

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Appalto servizi di igiene urbana ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI TRIUGGIO Appendice A al capitolato A) MANO D OPERA Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Operaio specializzato 4 Liv. Autista Operaio

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

Allegato C2 da copiare su carta intestata

Allegato C2 da copiare su carta intestata Spett. Comuni Associati di Bogliasco, Pieve Ligure e Sori Via Mazzini, 122 16031 Bogliasco GE Oggetto: procedura aperta per l affidamento dell appalto dei servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Regione autonoma Valle d Aosta

Regione autonoma Valle d Aosta Regione autonoma Valle d Aosta Assessorato Territorio e Ambiente Affidamento in concessione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani della Valle d Aosta ALLEGATO TECNICO A1 Analisi della situazione

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

1. PREMESSA NORMATIVA

1. PREMESSA NORMATIVA COMUNE PATTI Piano Finanziario e Relazione di Accompagnamento DI PROVINCIA DI MESSINA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO NORME DI RIFERIMENTO: - ART. 22 D.LGS 22/97 E S.M.I. - ART. 8 DEL

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI TARI A. Premessa 1- PREMESSA Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della TARI (tributo

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

COMUNE DI CANEGRATE PROVINCIA DI MILANO _

COMUNE DI CANEGRATE PROVINCIA DI MILANO _ COMUNE DI CANEGRATE PROVINCIA DI MILANO _ Sede: Via Manzoni, 1 - Tel. (0331) 463811 - Telefax (0331) 401535 - Cod. fisc. e part. IVA 00835500158 DETERMINAZIONE N. /LLPPA _ IMP. OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA

Dettagli

COMUNE DI REZZO (IM)

COMUNE DI REZZO (IM) COMUNE DI REZZO (IM) Via Roma 11 18020 REZZO IM Tel 0183 34015 fax 0183 34152 email info@comune.rezzo.im.it PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEI TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) A)

Dettagli

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL)

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 4.323.093,28 432.309,33 4.755.402,61 Costi Raccolta e Trasporto R.U. (CRT) 4.204.463,71 420.446,37

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco Ordinanza n. 46 del 27 Maggio 2013 Oggetto: Modalità di gestione e conferimento Rifiuti Solidi Urbani.- IL SINDACO (In qualità di Autorità

Dettagli

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO

COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO COMUNE DI CALTAGIRONE SERVIZIO ECOLOGIA PROGETTO TECNICO ELENCO DEI SERVIZI 1. RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI 2. RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI RESIDUALI 3. RACCOLTA STRADALE E TRASPORTO VETRO 4. RACCOLTA

Dettagli

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO

COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO Ai sensi del D.P.R. 158/1998 ANNO 2013 COMUNE DI BORGOLAVEZZARO PIANO FINANZIARIO 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Borgolavezzaro conta, al 31/12/2012,

Dettagli

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2009 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2009 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente Comune di Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2009 OPERATIVA / GESTIONALE DIRETTA OPERATIVA / GESTIONALE DI SUPPORTO 28 2 35-1 - Attività relative alla gestione di Igiene Ambientale/Ecologia (SCHEDA

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario

SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI BRA (RACCOLTA RIFIUTI E NETTEZZA URBANA) ALLEGATO 1 Modalità di espletamento dei servizi e Prezziario SPECIFICA TECNICA SERVIZIO S1: Raccolta domiciliare e trasporto

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE S e d e OGGETTO : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente

Comune di VIGNATE Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 CENTRO DI RESPONSABILITA: UNITA' ORGANIZZATIVA ELEMENTARE Ecologia e Ambiente Comune di Piano Esecutivo di Gestione - Attività ANNO 2008 OPERATIVA / GESTIONALE DIRETTA OPERATIVA / GESTIONALE DI SUPPORTO 26 2 35-1 - Attività relative alla gestione di Igiene Ambientale/Ecologia (SCHEDA

Dettagli

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta Sommario _ Introduzione : il SIGRS _ Produzione _ Definizione di rifiuto _ Aspetti normativi 1) Variabili progettuali : _ natura e storia del territorio in cui si opera _ demografiche _ urbanistiche _

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 Obbligo di conferire in modo differenziato i rifiuti urbani ed assimilati al pubblico servizio di raccolta nel centro cittadino e nei nuclei periferici-

Dettagli

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632

ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 ALZANO LOMBARDO - Abitanti al 31.12.2014: 13632 Tabella B1/a Servizi a base di gara - Raccolte domiciliari e igiene urbana Costo unitario Unità di misura Quantità Unità di misura Costo totale annuo Costo

Dettagli

OFFERTA IL SOTTOSCRITTO: NATO A: IL NELLA SUA QUALITA DI: DEL/LA: (denominazione e ragione sociale) SEDE LEGALE: Via n. C.A.P. CITTA PROV.

OFFERTA IL SOTTOSCRITTO: NATO A: IL NELLA SUA QUALITA DI: DEL/LA: (denominazione e ragione sociale) SEDE LEGALE: Via n. C.A.P. CITTA PROV. Applicare MARCA DA BOLLO DA 16,00 Mod. MOE OFFERTA PROCEDURA APERTA, SOPRA SOGLIA COMUNITARIA, PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE NEI COMUNI DI VIGGIÙ SALTRIO CLIVIO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Servizio Finanziario - Tributi

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Servizio Finanziario - Tributi COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Servizio Finanziario - Tributi PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Ex art.8 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 ANNO 2014 Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI MISSAGLIA PROVINCIA DI LECCO ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 151 del 27/12/2012 OGGETTO: APPALTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI,

Dettagli

Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI

Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI Servizio IGIENE AMBIENTALE CARTA DELLA QUALITA DI SERVIZI AMBIENTALI Edizione N.3 Luglio 2008 INDICE PREMESSA pag. 3 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA pag. 3 MINI DIZIONARIO DEI TERMINI AZIENDALI pag. 3 PRINCIPI

Dettagli

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI

Comune di Recanati. AREA GESTIONE RISORSE Servizio Nettezza Urbana SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI SERVIZIO NETTEZZA URBANA DEL COMUNE DI RECANATI Il Comune di Recanati è aderente al CO.SMA.RI. Consorzio Obbligatorio Smaltimento Rifiuti di Tolentino, costituito ai sensi e per gli effetti dell art.25

Dettagli

ISO 14001:2004. Revisione 01 Data revisione 17/01/2011. Emissione RSGA Prima Approvazione DIR GIUNTA. Approvazione revisioni

ISO 14001:2004. Revisione 01 Data revisione 17/01/2011. Emissione RSGA Prima Approvazione DIR GIUNTA. Approvazione revisioni Emissione QUALIFICA NOME RUOLO FIRMA RSGA ARCH. ALDO BLANDINO Prima Approvazione DIR GIUNTA Approvazione revisioni RD DOTT. GIORGIO GUGLIELMO REVISIONI DATA REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 17/11/2010 00 PRIMA

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI E SULLA CORRETTA SEPARAZIONE E CONFERIMENTO DELLE VARIE FRAZIONI DI RIFIUTO URBANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI E SULLA CORRETTA SEPARAZIONE E CONFERIMENTO DELLE VARIE FRAZIONI DI RIFIUTO URBANO COMUNE DI FUIPIANO VALLE IMAGNA Provincia di Bergamo Via Arnosto n. 25 24030 Fuipiano Valle Imagna Tel. 035856134 - Fax 035866402 C. Fisc. 00542030168 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Servizio Finanziario - Tributi

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Servizio Finanziario - Tributi ALLEGATO A COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Servizio Finanziario - Tributi PIANO FINANZIARIO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Ex art.8 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 ANNO 2013 Approvato con Deliberazione

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla GC. n. 5 del 18.01.2016 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2016 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro.

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. Poste Italiane - tassa pagata - invii senza indirizzo auto./dc/er/bo/isi/3627/2003 del 20/06/2003. Alla

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013

COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 1 Premessa COMUNE DI ILBONO PROVINCIA DELL OGLIASTRA Allegato alla Delibera di C.C. n.20 del 25/06/2013 PIANO FINANZIARIO - TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA Convegno «La raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti a Milano» Gruppo RICICLA Dip Scienze Agrarie e

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA

D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA D.U.V.R.I DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA Sommario 1 - PREMESSA...2 2 ENTE APPALTANTE...2 3 LUOGO DI SVOLGIMENTO, DURATA E COSTO DELL APPALTO...2 4 DESCRIZIONE DEI SERVIZI AFFIDATI IN APPALTO...2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

La Carta dei Servizi è un documento

La Carta dei Servizi è un documento I PRINCIPI FONDAMENTALI Nell erogazione propri servizi AMA rispetta i seguenti principi conformi alla direttiva Ciampi del 27 gennaio 994: EGUAGLIANZA E IMPARZIALITÀ Garantire la parità di trattamento

Dettagli

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona Prot. 952 Scandolara Ravara, 12/04/2016 Ordinanza Sindacale n. 5/2016 del 12/04/2016 OGGETTO: Disposizioni per il conferimento dei rifiuti presso il Centro di Raccolta Comunale. IL SINDACO VISTO il Regolamento

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento di gestione della stazione ecologica Approvato con D.C.C. n. 119 del 19/09/2003 Modificato con D.C.C. n. 97 del 28/11/2007 Art. 1 - Modalità di utilizzo Le modalità per la

Dettagli

COMUNE DI VERDELLO PROVINCIA DI BERGAMO ORDINANZA N. 21 DEL 03.08.2015

COMUNE DI VERDELLO PROVINCIA DI BERGAMO ORDINANZA N. 21 DEL 03.08.2015 COMUNE DI LLO PROVINCIA DI BERGAMO ORDINANZA N. 21 DEL 03.08.2015 OGGETTO: ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE DI DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI PRESSO L AREA COMUNALE ANTISTANTE L ATTUALE SITO DI CORSO

Dettagli

Allegato B Modello Offerta economica. Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62

Allegato B Modello Offerta economica. Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62 Allegato B Modello Offerta economica Timbro o intestazione del concorrente Marca da bollo da Euro 14,62 Il/La sottoscritto/a Oggetto: Appalto dei servizi di igiene urbana per i Comuni di Vizzolo Predabissi

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014

PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 AREA TECNICA - MANUTENTIVA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 Casnate con Bernate, 3 aprile 2014 Il Responsabile del servizio AREA ECNICA E

Dettagli

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI GENOLA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2.464 Produzione RSU 2008 [t] 774 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 269 Numero famiglie porta a porta/organico 870 Produzione

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO Allegato alla delibera di GC n. 18 del 30.01.2008 PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO L elaborazione del Piano Finanziario 2008 è stata eseguita prendendo a base i seguenti elementi: Dati quantitativi dei

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2014 A. PREMESSA Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a

Dettagli

Calendario Raccolta Rifiuti

Calendario Raccolta Rifiuti P Comune di San Zeno di Montagna Provincia di Verona Calendario Raccolta Rifiuti Modalità e giorni di raccolta ECOman presenta La nuova guida per la raccolta differenziata porta a porta. Più vicino a te,

Dettagli

DOMANDE/RISPOSTE PER LE UTENZE DEL COMUNE DI CAMPOFORMIDO

DOMANDE/RISPOSTE PER LE UTENZE DEL COMUNE DI CAMPOFORMIDO DOMANDE/RISPOSTE PER LE UTENZE DEL COMUNE DI CAMPOFORMIDO LA TARIFFAZIONE DEL VERDE Perché devo pagare il verde conferito in ecopiazzola? Fino al 2014 le utenze hanno sempre pagato il costo del servizio

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 COMUNE DI PATERNO CALABRO Provincia di Cosenza Regione Calabria Piazza Municipio 87040 - Tel. 0984/6476031 Fax 0984/476030 - P.IVA 00399900786 PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI Allegato 1 COMUNE DI CORREZZANA Prov. di Monza e Brianza PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ANNO 2013 (Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 5977 Produzione RSU 2008 [t] 1.761 Numero famiglie 4656 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 108 Numero famiglie Organico 2700 Produzione

Dettagli

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Rifiuti solidi urbani indifferenziati (1) 92,50 (*) 10% Pneumatici assimilati agli urbani e conferiti in modo differenziato alle piattaforme di lavorazione (1) 92,50

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

Comune di CASTEL MAGGIORE

Comune di CASTEL MAGGIORE Comune di CASTEL MAGGIORE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO INTRODUZIONE Nell elaborazione del piano economico finanziario preventivo per l anno, relativo alla gestione dei rifiuti solidi urbani nel territorio

Dettagli

e, p.c. ALLE PROVINCE DELLA REGIONE SICILIANA

e, p.c. ALLE PROVINCE DELLA REGIONE SICILIANA CIRCOLARI PRESIDENZA CIRCOLARE 30 aprile 2008. Dati sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani e sulla raccolta differenziata in Sicilia per l'anno 2007. ALLE SOCIETA' DI AMBITO DELLA REGIONE SICILIANA AI

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

OBBLIGHI AMMINISTRATIVI DI TRASMISSIONE DEI DATI e METODO DI CALCOLO DELLA %RD Corso di aggiornamento

OBBLIGHI AMMINISTRATIVI DI TRASMISSIONE DEI DATI e METODO DI CALCOLO DELLA %RD Corso di aggiornamento Servizio Osservatorio Rifiuti OBBLIGHI AMMINISTRATIVI DI TRASMISSIONE DEI DATI e METODO DI CALCOLO DELLA %RD Corso di aggiornamento Padova, 5 febbraio 2013 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

COMUNE DI SALUZZO SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI SALUZZO SCHEDA SERVIZI COMUNE DI SALUZZO SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 16669 Produzione RSU 2008 [t] 5.240 Numero famiglie 8400 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 675 Numero famiglie porta a porta/organico 6650 Produzione

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) - DOMANDE FREQUENTI 1. PERCHÉ SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 /

A) Costo per la raccolta/trasporto : 45,00 per impegno fino ad un ora. utilizzando Fiat Daily o simili, oltre l ora si conteggiano frazioni a 45,00 / TARIFFARIO GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI E URBANI ASSIMILATI E ALTRE PRESTAZIONI DEL SERVIZIO IGIENE URBANA ( delibera CdA n. 68 del 27/06/2013) ALLEGATO 1. : TARIFFARIO PER RACCOLTA/TRASPORTO/ SMALTIMENTO/RECUPERO

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 A. PREMESSA Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli