Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 m i x ta p e 1

2

3 4 m i x ta p e m i x ta p e 5

4 6 m i x ta p e m i x ta p e 7

5 8 m i x ta p e m i x ta p e 9

6 mixtape newsletter C è speranza. Quest estate di recessione economica ci dà speranza. Tornare ad apprezzare il gelato da due euro che si scoglie sulla lingua, slabbrare la t-shirt di quel concerto degli Strokes fino a farla diventare una bandana, sfondare le Adidas gazzelle, tanto così sono ancora più hip. Surfare sui divani dei propri amici, lontani e vicini, per permettersi i sedili scomodissimi della easyfuck*ngjet. Il mondo sta cambiando, intorno a noi, ma questa non è mai stata una novità. E allora imbracciamo il cambiamento, come un mitra, e crediamo negli strani percorsi che la vita ci propone. È con questa filosofia che il MIXTEAM ha impacchettato per voi sullo stesso nastro (MIXTAPE GAMMA) storie differenti e complementari tra loro, dal mondo all Italia e ritorno. Siamo andati in Qatar, a capire cosa si nasconde dietro lo sponsor del Barcellona e perché robo-monti si vanta delle strette di mani scambiate con l emiro Khalifa. Abbiamo parlato con chi vuole partecipare a una rivoluzione fatta di proiettili e respiri affannati, in Siria, ma si ritrova le mine sotto casa, piazzate anzitempo dai soldati israeliani. Ci siamo ritrovati in una marea arancione tra i canali di Amsterdam, in cui crisi e alcool vanno d amore e d accordo durante la Festa della Regina. Abbiamo intervistato gli autori di startup cucite con ago e filo nel centro di Milano, che senza paura stanno realizzando i propri sogni. In Visual, Laura Bagnera ci ha mostrato cosa ha trovato sotto i sediolini dei propri sogni. In Tapes, vi raccontiamo cos è che cambia tra le file dei musicisti made in Italy, con nuovi colpi di mix (Death in Plains) e schizzi geniali dei classici (Afterhours). Pause reality. Let s mix it. Il Mixteam 10 m i x ta p e m i x ta p e 11

7 Fabrizio De Rosa : Scappato di casa alla tenera età di 19 anni, De Rosa è il reporter dall occhio lesto che nessuno si vorrebbe mai trovare di fronte. Sempre pronto ad essere lanciato in orbita da compagnie low cost, non ammetterebbe mai di essere un radical chic. Roberto Strino : È il più rilevante critico musicale della zona ospedaliera di Napoli. L unico videogame a cui gioca è Puzzle Bubble. È intrappolato in una crepa dimensionale dalla quale può scappare solo dormendo o masturbandosi. Il suo sogno è di vivere in una sit com degli anni 90. Elena Roda : Nonostante sia nata a 5 km dalla Svizzera e nel cuore di Manzoni (Como), Elena costruisce ponti tra il mondo occidentale e quello arabo con la sua penna. Giornalista internazionale, quando parla del Golan spesso specifica che non si tratta di un gelato Magnum a edizione limitata. Stranamente non ha mai avvistato il mostro del lago di Como, George Clooney. Sabrina De Mercurio : Amante del bello, (e di Leme Cam), Sabrina è una fotografa/stylist professionista che passa le giornate sui set fashionisti milanese. Crede nella moda sostenibile, ha un debole per il Medio Oriente e il succo alla rosa canina. Non uscirebbe mai di casa senza i suoi boccoli da yiddish. Laura Bagnera : Nata e cresciuta a Palermo, trascorre le sue giornate a Milano, disegnando, dormendo e raccontando i sogni che fa. Nei suoi disegni penetra la musica che la culla. Non le piacciono un sacco di cose, tra cui, per ora, il caldo. Martina Petrelli : Esteta del design ragionato, Martina ha speso l ultimo anno a rielaborare il concetto di archivio in chiave dittatoriale e ad accarezzare conigli. Ha vissuto più o meno in tutti paesi che partecipano ai Mondiali di calcio con la sua compagna inseparabile, una borsa-monolite grigia che ripara il suo Mac come se fosse l armatura di Pegasus. È la madre spirituale e visuale di MIXTAPE BETA. VIEWS...17 STORIES...21 VISUAL...50 TAPES...56

8 Views STORIES VISUAL TA P E S la strada della peggio gioventu'. 17 depressione postcolonialismo #1. 18 Doha : la terra promessa e' deserta. 23 golan : RIVOLUZIONE, MINE E FACEBOOK. 32 la festa della regina : paura, delirio e crisi economica ad amsterdam. 37 Things found under car seats - Everybody loses something. 50 after padania. 58 the canadian tree. 60 intervista a death in plains. 63 move to the mountains. 65 milano chiama eco-fashion. 43

9 LA strada della peggio gioventu' fabrizio de rosa Finito Berlusconi, siamo rimasti con i cerini in mano. Sono finiti i girotondi, le petizioni online, le intercettazioni (quasi). Lo scandalo. Quanto era semplice, identificarsi sotto quella bandiera rossa, la bandiera degli anti. Per ribellarsi bastava guardare Santoro posare l indice sulle labbra. Oggi devi leggerti l Economist e litigare con i turisti in tedesco. Bastava ritrovarsi tra le rime dei Cani. Finito Berlusconi, c è rimasto il futuro dilaniato della generazione di Dragonball. La Peggio Gioventù. Tra Bruxelles, Parigi, Berlino e Roma, mandando qualche sms a Madrid e Atene (perennemente in fiamme) si gioca quel che ne sarà dei giovani europei. Senza Muccino che bussa al citofono. La disoccupazione giovanile ha toccato il 22% in tutta l UE. In Italia ci distinguiamo con un bel 35% (+6% rispetto all anno scorso). I Peggio Giovani italiani sono una Beat Generation senza Vietnam e acidi da ingoiare. Il Messiah Jack Kerouac descriveva i suoi contemporanei attraverso un fil rouge, il battito del cuore, the beat. Assente. Anzi no, lento. Schiacciato dalla seconda guerra mondiale e dalle paranoie comuniste, un cuore a sangue freddo, tradito e minacciato dai Mad Men americani e la loro gelatina ammazza-ideologie. Un sangue che i Peggio Giovani del Bel Paese conoscono molto bene, accarezzato sotto pelle come i troppi esami sul libretto. L università finisce e ci si ritrova su un precipizio. Il vuoto delle mancate opportunità made in Italy. L ansia. Da cittadini italiani ed europei viviamo in un mondo di incertezze. Ma anche di possibilità. Bisogna guardare all Europa per quello che è : casa nostra. E ascoltare più attentamente a quello che si dice nelle sale del Parlamento Europeo. Proprio in questa sede già nel 2010 era stata pubblicata una risoluzione in cui si chiedeva alla Commissione una maggiore attenzione nei confronti dei giovani disoccupati europei. Secondo il modello austriaco (molto simile a quello danese e tedesco) un giovane che rimane disoccupato per più di 4 mesi deve essere indirizzato dallo Stato verso un occupazione (lavoro o stage) retribuita per almeno sei mesi, in modo da facilitarne l ingresso nel mondo del lavoro (questo sconosciuto). Insomma, il diritto al lavoro (retribuito) esiste ancora da qualche parte e la Commissione Europea ha deciso di spalmarlo per tutto il vecchio continente, specialmente presso gli 8 paesi meno virtuosi in fatto di politiche giovanili : Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Per la fine del 2012 questi stati membri dovranno investire i fondi strutturali rimanenti del periodo per riscattare la Peggio Gioventù europea. Così finanziamenti per progetti EU regionali, borse di mobilità per studenti e giovani laureati, saranno distribuiti a pioggia (82 miliardi, in totale) in tutta Europa. In Italia, il Monti-bot ha calcolato che fondi per 8 miliardi sono disponibili per circa 128mila Peggio Giovani italiani, molti dei quali al Sud. Ed è proprio dal Sud, da Napoli, che mi torna in mente un murales screpolato letto tra i vicoli del centro storico : Il futuro non è scritto. Specialmente su Google, dove il futuro si produce ogni giorno, come la pasta a Gragnano, tramite le dozzine di bandi aperti disponibili per chi ha fame di vivere il proprio On the Road, dentro o fuori i confini nazionali. Peggio Gioventù, allacciati le cinture, si parte. 16 m i x ta p e m i x ta p e 17

10 DEPRESSIONE POST-COLONIALISMO #1 ROBERTO STRINO Come in una polaroid sbiadita, ecco la mia nuca ciondolare tra file di magliette monocromatiche a prezzo di favore. Chi ha girato mercatini e grandi magazzini scavando nei cumuli di merce da campionario può capire lo straniamento di trovare tutto ciò che si è sempre desiderato stretto in un punto che fa sembrare ogni capo privo di esperienza e personalità. La camicia a quadri per 10euro che ti fa assomigliare alla tua ultima band indie folk preferita adesso non ti riesce più a distinguere dal tamarro che l ha trovata di moda. Adesso il trend sei tu, che ti facevi sottile per scivolare sulle pareti e sgattaiolare via dal flusso di persone che non capivano, che ascoltavano Christina Aguilera e idolatravano gli short pants sbagliati. Entrando da H&M non è stato l assortimento di merce che mi ha steso. Sono state le casse che pompavano, sulla massa di scialbi potenziali acquirenti, il nuovo singolo dei Real Estate, e poi Class Actress. Mi avvicino al commesso che ha la pettinatura male interpretata del mohicano. Gli chiedo se quella che sto sentendo è una radio. Lui mi risponde avvilito che è un cd di merda standard per tutti i negozi della catena, e che lui non ne può più di questa musica. C è qualcuno che ha pensato a me. Ha pensato che gli analfabeti non se la sarebbero cavata con la crisi, quindi i soldi da spillare sarebbero stati nelle mie tasche. Nelle tasche di chi ha giocato a giochi di ruolo, smanettato su computer, amato serie fantascientifiche e puntato tutto su band che si sono rivelate la nuova faccia della musica dell inizio del millennio. E tutto lì, per tutti, svuotato del potenziale sovversivo. Comprabile senza il percorso di conquista. Alla fine, dopo che abbiamo predicato tanto in giro, Dio ci ha puniti esaudendo il nostro desiderio di vedere il mondo uguale a noi. E ha rivelato il nostro peccato, la nostra vanità che si è sempre espressa nella volontà di non essere uguali agli altri. Abbiamo solo avuto la fortuna di stare dalla parte della qualità. Il deprimente doposbornia dell esaltazione da conquista coesiste con la soddisfazione data dalla verifica di aver sempre posseduto una conoscenza sofisticata emanata dal magazine o dal sito web più giusto e di nicchia. Adesso non riesco più a ridere davanti alle battute di The Big Bang Theory. Punch Line standard e un target preciso : il vecchio me. 18 m i x ta p e m i x ta p e 19

11 20 m i x ta p e m i x ta p e 21

12 Doha : la terra promessa e' deserta FABRIZIO DE ROSA Volare sull Iraq ed atterrare su una pista di sabbia, mentre il sole si ferma a metà a strada, visibile come un occhio di bue con della margarina sopra. Rotondo. Benvenuti in Qatar, dice un cartellone scintillante. Benvenuti in una nazione che ha le proprie radici nel futuro. Il Qatar è un minuscolo stato tra l Arabia Saudita e l Iran, un piccolo ducato ante-litteram, governato dalla dinastia Al Thani, al potere dal Nel 1995 un colpo di stato soft da parte di Hamad bin Khalifa Al Thani ai danni del padre Khalifa bin Hamad Al Thani ha posto le basi dello stato moderno che è oggi il Qatar. Apri le sue guide e ti rendi conto che la più grande attrazione dello stato mediorientale deve ancora nascere, uno stadio da posti alla periferia della capitale, Doha. Il grattacielo di Al Jazeera, emittente finanziata dall emiro Khalifa, è il simbolo dell indipendenza e del progresso culturale che abbraccia la penisola desertica. Si staglia, modesto, nel mezzo di hotel a 5 stelle e grattacieli rinfrangenti con neon incorporati, un incrocio tra il pianeta della sabbia di Star Wars e Mordor, la terra degli orchi del Signore degli Anelli. Il Qatar si è guadagnato le copertine dei media globali grazie alla costante presenza di Khalifa e famiglia (a rotazione, ha 23 figli e 3 mogli) nei salotti della politica internazionale. E da divani vellutati ha lanciato appelli accolti (intervenire in Libia) o meno (fermare l eccidio di civili in Siria con un contingente arabo). L emiro del Qatar è certamente un tipo molto influente ha detto di lui Barack Obama, a margine di una sessione di strette di mano con Khalifa ed è un grandissimo promotore della democrazia nei paesi arabi. Eppure, nel suo paese non c è traccia di processi democratici. Nel paese con il reddito pro-capite più elevato al mondo (all incirca 145,000 dollari) la democrazia è un optional. Doha, l'incrocio tra il pianeta di sabbia di Star Wars e Mordor. Le fortune dello stato mediorientale sono segnate dalla scoperta del gas liquido nei primi anni novanta. Dopo il golpe pacifico, Khalifa ha consolidato la sua leadership istituendo un piano di sfruttamento delle risorse sommerse dalle dune qatariane. Oggi il Qatar è il più grande esportatore mondiale di gas liquido nel mondo e la sua economia cresce come il pizzetto di un adolescente procace : + 15% nel 2011 e + 19% del Addirittura, in proporzione, più di India e Cina. Ma se continuano a esportare così, le risorse finiranno in una quindicina d anni mi rivela un businessman man inglese interessato alle vicende della regione. In un paese in cui il 90% del cibo è importato e l acqua corrente è ottenuta a seguito di un costoso processo di desalinizzazione, le finanziarie delle prossime decadi del paese arabo sono già argomento di dibattito nel palazzo reale. Ed è proprio per questa ragione che il serioso emiro del Qatar ha stilato un booklet, Qatar National Vision 2030, dove si proietta una nazione che, seppure senza le risorse naturali di oggi, possa essere all avanguardia e protagonista. Progetto sponsorizzato, letteralmente, dalle icone del Qatar, l emiro Khalifa e il suo figlio prediletto, il principe Tamim bin Hamad, trentenne erede al trono della dinastia Al Thani. I due membri della famiglia reale sono ritratti un po come la Madonna nelle città d arte italiane ad ogni angolo di strada, stampati sui gadget più vari, dall orologio, alla sciarpa, passando al cappellino che si illumina e mouse-pad 3d. Arabic pop art made in China. I soldi non bastano per acquistare il Colosseo o la Tour Eiffel, ma sono abbastanza a pagare il Barcellona per far correre Messi con una maglietta a righe con su scritto Qatar e convincere i delegati della FIFA ad organizzare il mondiale di calcio all ombra degli emiri nel In un paese dove d estate ci sono in media piu di 50. La temperatura che conta spiega Wolfgang Kessling, project manager del team Qatar World Cup 2022 è solo quella percepita. Negli stadi che stiamo costruendo ci saranno tubature d acqua fredda all interno e pannelli solari malleabili a basso impatto ambientale. Le nuvole artificiali faranno il resto e l esperienza del mondiale qatariano sarà molto simile a quella di Usa 94. Che, dicono i ben informati, fu al limite della sopravvivenza per i giocatori ed il pubblico (chiedete al codino di Robi Baggio). Il Mondiale sarà di scena tra dieci anni ma negozi specializzati già sorgono ad ogni angolo del mercato centrale di Doha per la produzione di coppe del mondo che differiscono dall originale solo perché ad alzarle non ci sono né Zidane né Cannavaro, ma occidentali in sovrappeso. Quei turisti e businessman che camminano incuriositi alla ricerca di uno sisha e di deliziosi dolcetti mediorientali, evitando di incrociare lo sguardo di donne coperte da vesti nere che lasciano intravedere solo gli occhi. Guardare una donna musulmana negli occhi, è paragonabile ad un pizzico sul sedere in Europa mi dice Rita, originaria del Kosovo, in Qatar per una conferenza. Molti uomini baffuti la scrutano ed io mi sento imbarazzato per lei. Gli uomini arabi non sorridono mai, si dice perché questo è il loro costume. Lei, bionda ed occhi verdi, è una dei tanti opinion leader che per una ragione o per l altra capitano di passare una settimana Una riproduzione della Coppa del Mondo presso il mercato centrale di Doha. " Guardare una donna musulmana negli occhi, e' paragonabile ad un pizzico sul sedere in Europa " nella capitale. Il governo qatariano, in collaborazione con fondazioni satellite, attrae decine di organizzazioni no profit (UN inculsa) ogni anno, offrendo hotel a cinque stelle, trasporti, attività di divertimento (gettonatissimi i giri in cammello, le scampagnate in gip sulle dune e sport acquatici sul Golfo Persico) e persino alcol ( qui è proibito ovunque tranne che nei bar degli hotel dove solo occidentali e pochi altri eletti sono accetti). In ritorno, queste organizzazioni distribuiscono gadget con il marchio del Qatar stampato in bella mostra, mentre i profili Facebook e gli account Twitter degli invitati sono bombardati da spot entusiasmanti : Il Qatar non smette mai di stupirmi è una filastrocca che ho sentito esclamare spesso, anche dalle mie labbra. Gli emiri amano la cultura ma non cosi' tanto una citta' multiculturale. Ma svegliarsi, mangiare e andare a dormire in questi circuiti di conferenze internazionali è come vivere dentro una biglia, senza poter guardare oltre il vetro, appannato dalla sabbia. Quando lo spolveri con il 22 m i x ta p e m i x ta p e 23

13 pugno, Doha ti appare per quello che è : una ghost town. La capitale sembra appartenere ad un futuro distopico non troppo lontano, l evoluzione di una New York mediorientale abbandonata in fretta e furia dopo l attacco di un manipolo di maestri d arti marziali. Ken Shiro e compagnia bella. Palazzoni rifrangenti e altri in costruzione si accalcano tra loro nel centro della città, un po come cartoni di latte da riciclare. Non piove da un anno, ma i prati sono sempre verdi, giardinieri incappucciati spargono erba fresca sulle aiuole. Importata chissà da dove. La gente dov è? Gli immigrati li riconosci subito, gli unici a non indossare abiti tradizionali, i n c r avat tat i come sardine, accalcati in bus senza aria condizionata. Nel qatariani vivevano nel paese, poche centinaia nell area di Doha, ai tempi centro specializzato nella raccolta di perle. Poi nel dopo guerra qualcosa è cambiato. Torri di Sauron hanno cominciato a spuntare nel deserto, e poi la scoperta del gas liquido condita dalla visione dell emiro Khalifa. Creare l anti- Dubai. Da qui il bisogno di importare operai, cuochi, tassisti. Uno stato in via di sviluppo che attrae emigranti in cerca di sviluppo, dal Nepal, dalle Filippine, dall India, dall Etiopia e chi più ne ha più ne metta. Così il Qatar nel 2012 conta 1.7 milioni di abitanti, di cui l 80% sono immigrati. Lavoratori, senza cittadinanza, perché c è solo un modo per ottenerla, sposare un cittadino qatariano. Gli emiri amano la cultura ma non così tanto una città multiculturale, tanto da riservare posti letto gratuiti ai propri lavoratori in campi da lavoro ai margini delle città. Gli immigrati li riconosci subito, gli unici a non indossare abiti tradizionali, incravattati come sardine, accalcati in bus senza aria condizionata. Eppure hanno spesso un sorriso stampato sulle labbra. La scelta di venire in Qatar è loro, il salario è buono, e gli permette di fare una vita da re quando, almeno per un mese all anno, tornano nel paese natio. Mi piace il Qatar? Certo che mi piace dice Nabil, cameriere nepalese da Qatar da due anniè pieno di soldi. Ma oltre quello, il tempo è orribile, si lavora e basta. Il sorriso cala quando gli si chiede di casa. Lo stesso avviene con quegli imprenditori dalle guance piene che si barricano dentro hotel dove all ingresso è necessario il passaporto e si paga un Heneiken 12 dollari. Il Qatar sarà il prossimo paradiso fiscale, ma casa mia mi manca mi rivela Meidera, originaria del Portogallo, fondatrice di una società per consulenza finanziaria con sede a Doha. Mi mancano le piccole cose. Mi manca il fornaio sotto casa mia, i suoi bambini. In Qatar non se ne vedono per strada. Medeira fa parte di un vero e proprio esercito di immigrati qualificatissimi che decidono di saltare su un aereo, attraversare le nuvole irachene per ingrossare il proprio portafoglio mettendosi a disposizione di organizzazioni profit e no-profit che il tocco dorato e gassoso della dinastia Al Thani fa sbocciare. Il restante 15% della popolazione, i qatariani storici, si confondono con gli altri immigrati del golfo, dell Oman, degli Emirati Arabi Uniti. Non puoi distinguerli fino a che salgono in macchina mi dice Steven, imprenditore americano che vive qui da cinque anni. Da fuori tutti hanno un vestito bianco, limpido, poi salgono in macchina e vedi chi ha la Maserati. I qatariani sono seri, con baffi inchiodati sotto al naso, camminano per strada sfiorandosi, mentre alle donne è proibito ogni contatto fisico. Ma oltre le apparenze c è una società che è aggrappata solo ai propri abiti, e che a furia di cover stories conquistate sull Economist ha imparato ad accogliere il mondo occidentale, anche con i suoi pantaloncini infedeli. Del resto mancano appena dieci anni alla Coppa del Mondo. Vista del centro di Doha dal 60esimo piano del Kempiski Hotel. Il vento proveniente dal deserto impolvera continuamente i finestroni. 24 m i x ta p e m i x ta p e 25

14 Grattacielo in costruzione nella zona occidentale di Doha. 26 m i x ta p e m i x ta p e 27

15 Due orologi targati dai volti dell emiro Khalifa (a destra) e il principe Tamim (a sinistra). Il loro prezzo oscilla dai 130 ai 110 rial (30-25 euro). 28 m i x ta p e m i x ta p e 29

16 Vista da Katara, centro di conferenze internazionali nella zona settentrionale di Doha. 30 m i x ta p e m i x ta p e 31

17 GOLAN : RIVOLUZIONE, MINE E FACEBOOK elena roda Sabato mattina. Altipiani del Golan. A pochi chilometri di distanza, al di là della rete che delimita il no trespassing point c è Damasco. Lì la gente è per le strade a manifestare contro il regime di Assad. Lì, oltre la rete, la guerra, quella vera, fa stragi, ogni giorno. Qui tutto è diverso. Siamo seduti a Oud El Na na caffè, uno di quei luoghi di ritrovo che, dicono da queste parti, sono malvisti dai capi religiosi. Uno di loro butta un occhio dentro e affretta il passo scuotendo la testa. Questa aria di cospirazione lo infastidisce, lo mette di cattivo umore. Questo è il luogo di ritrovo di chi la rivoluzione la può fare solo attraverso Facebook e Twitter. Sono qui i giovani e meno giovani che dal Golan guardano alla Siria e con il pensiero sono in piazza a manifestare contro quel regime che i capi religiosi e i più conservatori sostengono e che loro vorrebbero vedere caduto, una volta per tutte, per provare, dicono, quell aria di democrazia tanto agognata. Tra loro e la Siria c' e' una rete, alta e spessa, e una striscia di terra minata. Tra loro e la Siria c è una rete, alta e spessa, e una striscia di terra minata. Qui, lo scorso giugno, una ventina di siriani sono morti, uccisi dalle mine e dal fuoco israeliano. Stavano manifestando contro l occupazione israeliana del Golan che dal 1967 divide chi qui abita da genitori, fratelli e cugini in Siria. La rivoluzione ha riacceso le speranze in quelli che inseguono il sogno di poter un giorno buttare giù quella rete e tornare ad essere siriani, a tutti gli effetti. Per il mondo sono residenti in Israele ma non hanno nazionalità. Da quando Israele ha occupato il Golan, hanno perso la cittadinanza siriana e negli anni Ottanta hanno rifiutato quella israeliana. Siamo undefined, dice Aamer, 21 anni. Undefined, come il nome del bar dove i ragazzi si ritrovano la sera. Per bere un cocktail o un bicchiere di vino, in un luogo dove bere alcool è contro la religione. Ma loro sono undefined e gli undefined non hanno regole fisse. Con gli amici la sera ballano sulle note delle hit americane, in famiglia parlano e mangiano arabo, le loro auto hanno targa israeliana. Qui, in questa piccola isola araba ricca di acqua, gli israeliani coltivano la terra e sciano sul monte Hermon, l unico ski resort d Israele. La bandiera israeliana capeggia sugli edifici pubblici e sulla vedetta al confine, quella siriana invece è bandita. Gli abitanti del Golan, circa , in Siria non possono entrare se non con speciali permessi per brevi periodi o per studiare all università. Chi invece il confine lo attraversa sono le mele che vengono prodotte qui e vendute in Siria grazie all aiuto della Croce Rossa Internazionale. Il confine si apre così per alcune settimane all anno ma solo per le mele. Una volta passati i camion si richiude, gli uomini quel confine non lo possono varcare. Il popolo degli undefined, targhe israeliane e tweets siriani. Così non resta che guardare alla Siria attraverso i social network per restare informati e esprimere la propria solidarietà a chi, al di là della rete, è in piazza a protestare. All inizio della rivoluzione l Oud El Na na caffè ha messo a disposizione un muro bianco per raccogliere pensieri, disegni, idee sulla protesta in Siria. Un po come il muro di Facebook, dicono qui. Un posto per condividere, chiedere e rispondere. C è chi su quel muro, reale e non virtuale, ha scritto Non sono mio, prendendo a prestito le parole del poeta palestinese Mahmoud Darwish. Un non sono mio che parla di libertà sottratta, dell altro, degli altri che decidono per te. I giovani del Golan attraverso il Web vogliono far sentire la loro voce e dire : non siamo nelle strade a protestare ma ci siamo con il pensiero, dall altra parte della rete. Come Shefaa, 26 anni, giornalista e blogger. Attraverso internet mantiene i contatti con un gruppo di giovani rivoluzionari e li aiuta a far circolare notizie fuori dai confini siriani. O come Randa che fa l artista e attraverso le sue sculture rappresenta la rivoluzione in Siria da un punto di vista inedito, quello dei soldati siriani che uccidono chi protesta ma sono obbligati a farlo, racconta. Io voglio rappresentare il Il Muro presso Oud El Na na cafè. Il villaggio di Majdal Shams (sopra). loro dolore, ci dice perché anche loro sono essere umani e meritano la nostra comprensione. 32 m i x ta p e m i x ta p e 33

18 La rete di confine tra Golan e Siria. 34 m i x ta p e m i x ta p e 35

19 LA FESTA DELLA REGINA : PAURA, DELIRIO E CRISI ECONOMICA AD AMSTERDAM FABRIZIO DE ROSA Amsterdam non è la capitale della ganja, della prostituzione e dell amore libero. Nemmeno se ci sei stato e l hai vista nuda e maledetta con i tuoi occhi, accarezzando i suoi fianchi umidi, i canali, ed incrociando gli sguardi di prostitute e cigni nel Red Light District. Amsterdam è l ombelico dell Europa, punto di contatto tra le economie di successo bagnate dal mar Baltico, la cultura centro-europea e le decine di multinazionali americane stanziate nelle vicinanze dell aeroporto di Schipol. Amsterdam è tutto questo, più le biciclette. Per 364 giorni l anno. Poi arriva il 30 aprile, la città si veste d arancio, scende dalla bicicletta e sale su centinaia di barche intasando i canali, ubriacandosi senza ritegno. Questo giorno ha un nome ben preciso e se lo direte agli olandesi gli si illumineranno gli occhi, Koninginnedag (pronuncia Konikdahg) : La Festa della Regina. Creato ad hoc nel 1885, svolge ancora la stessa funzione dei tempi color seppia, rafforzare l identità olandese esaltando una delle icone olandesi, la sempre presente Regina. La festa si è tramandata di generazione in generazione ed oggi, la regina Beatrix, è la terza reale a celebrare l evento. Il protocollo vuole che la regina visiti una città dei Paesi Bassi l anno, inaugurando i festeggiamenti. Dov è la regina oggi? Il 30 aprile è solo una scusa per bere e festeggiare, chi se ne frega della Regina mi dice Willem, trent anni e fondatore di un azienda IT. Che, tra le altre cose, indossa in bella mostra una spilla della regina Whilelmina, la prima ad inagurare il Koninginnedag. Oggi, gli olandesi hanno bisogno più che mai di una festa della regina. Il secondogenito di Beatrix, il principe Friso, è in stato vegetativo dopo essere stato travolto da una valanga in Belgio mentre sciava. L Olanda è entrata in recessione (Pil -2% nella primavera 2012 rispetto all anno precedente) come la maggior parte dei membri EU. Ciliegina sulla torta, il paese non ha un governo in pianta stabile. Saranno felici i ganja lovers, il disegno di legge per limitare l acquisto di marjuana da parte di turisti è congelato dall instabilità politica. Il grande protagonista delle crisi di governo è il Bossi olandese, Geert Wilders, che si è tirato fuori dalla coalizione di governo, un po come fece il Che Guevara di noi altri, Bertinotti, nel 1997, facendo cadere il governo Prodi. La crisi di governo? I politici sono dei pagliacci, per me politica è solo pagare le tasse, poi se la vedano loro a risolvere i problemi mi urla Jan, d arancione vestito e con due mezze pinte di Grolsch tra le mani. Geert Wilders ha racimolato ben 1 milione e mezzo di voti e 24 posti in parlamento nel 2010 a suon di affermazioni come Io non odio i mu- Le spille che ritraggono la Regina Wilhelmina ( ) sono gettonatissime. 36 m i x ta p e m i x ta p e 37

20 I canali del quartiere chic di Jordaan sono le arterie principali della festa. 38 m i x ta p e m i x ta p e 39

21 sulmani, odio l Islam e il Corano è come il Mein Kampf. Insomma un amico di Borghezio, ma ben più magro e pericoloso di lui, definito dal governo inglese come una minaccia per la società. Oggi Geert è tornato sulle prime pagine sul De Telegraaf grazie ai suoi strepiti su Twitter (è seguito da persone). Il terzo partito d Olanda, il Freedom Party, non accetta una nuova finanziaria che limiti il potere d acquisto dei propri elettori. Bum, governo spappolato e il primo ministro costretto riconsegnare il mandato alla regina. Alla maggior parte degli olandesi, brilli e dal passo incerto, della crisi di governo e della recessione non frega niente. Alla maggior parte degli olandesi, brilli e dal passo incerto, della crisi di governo e della recessione non frega niente. O almeno cosi sembra. Crisi di governo? Vedo solo una crisi arancione mi dice Richard, 42 anni, scollegando di proposito il cervello. I fiumi arancioni che si riversano nelle arterie della città (specialmente nella zona di Jordaan, ad ovest di piazza Dam) scorrono a singhiozzo. Quando vedo una ragazza bionda da copertina di Vogue ballare su un porticciolo nei pressi di un dj-set improvvisato, non posso evitare di chiederle cosa pensa di Wilders. Non capisco niente di politica si gira lei, smorfiosa. Chiedere di politica e crisi economica, durante la Festa della Regina, è paragonabile a mettere a palla Meno male che Silvio c è durante un concerto degli Afterhours. Mai come oggi, olandesi e stranieri sbandati, che vedono in Amsterdam una specie di Las Vegas sull acqua, sono figli dello stesso Dio. Per un gruppo di studenti exchange capitanati da Jessie, americana di 22 anni ed un ambizione per il devastarsi ad ogni angolo d Europa prima di ritornare nella natia Nebraska, il Queen s Day è come Natale. Cosi armati di preservativi, patate ( Metti caso che questa patata voglia divertirsi mi confida) e decine di birre scendono per strada confondendosi con le altre maglie arancioni e flirtando con macchine della polizia. Per rendere la giornata fruttuosa, Connie, canadese 19enne autrice in patria di workshop di come reagire contro i bulli, stila una lista di cose da fare Salire su una barca, rubare una barca arancione, pomiciare con uomo calvo, ballare con un uomo nudo, pisciare in pubblico e così via. Pomiciare con un omaccione calvo è stato più facile del previsto, ma come saltare su una barca? Il segreto sta nello stesso livello di ubriacatura del passeggero (clandestino) e del nostromo. Jessie e compagni non credono ai loro occhi quando si ritrovano su un barcone che ospita panchine di legno. Ce l hanno fatta. Da lì guardano Amsterdam da una prospettiva mai vista, dal cuore del canale. Si siedono sulle panche e brindano all impresa. Splash. Cadono nel canale, profondo tre metri e sul cui fondale, leggende tramandano, c è un cimitero di bicilette. La barca è in realtà una piattaforma su cui, nottetempo, sono state legate alle meno peggio delle panchine di legno rubate in periferia. Gli olandesi accettano il caos di buon grado perché di fatto questo giorno è visto come le ventiquattro ore in cui puoi fare il cazzo che vuoi. Si può bere per strada (è bandito per legge), le attività non emettono scontrini, ogni cittadino può ospitare una bancarella e vendere di tutto, i bambini scendono per strada e suonano chitarre e batterie. Questo è il giorno in cui i nostri ragazzi possono finalmente mostrare quello che hanno imparato nel corso dell anno, a tutta la comunità mi dice Johannes, 60 anni, pensionato. E racimolare qualche spicciolo. Quand ero bambina vendevo per strada i miei giocattoli, era tutto un gioco mi dice Nikki, segretaria universitaria. Non è la fiera del baratto rivela Indre, studentessa lituana di lungo corso nelle università olandesi tutt altro. Questa è l occasione per gli olandesi di levarsi dalle proprie soffitte gli oggetti più improbabili. Ed è l unico giorno in cui possono farlo perché solo oggi non hanno bisogno di una licenza per vendere. I bambini diventano artisti di strada, per loro è un gioco, ma la verità è che questo è un popolo di commercianti. Sin da bambini, sanno vendersi e sanno vendere. In effetti, sono stati gli olandesi a inventare il mercato azionario. La giornata finisce con un tramonto lunghissimo, studenti internazionali, turisti e cittadini olandesi partecipano a un atmosfera di fratellanza post-alcolica facendo la fila per urinare su piastroni gialli di plastica. Jessie e Connie, inzuppate completamente, hanno rinunciato a ballare con un uomo nudo. Amsterdam è ubriaca fradicia. Da domani tornerà ad essere l ombelico d Europa. Le lattine che galleggiano nei canali saranno rimosse, la spazzatura raccolta, l urina slavata dalle strade. Come, qualcuno si augura, i tweet di Geert Wilders. Chiedere di politica e crisi economica, durante la Festa della Regina, e' paragonabile a mettere a palla "Meno male che Silvio c'e'" durante un concerto degli Afterhours. Delirio arancione tra passanti (sopra), edifici (al centro) e statuette di plastica (pagina seguente). La to do list di Jessie e Connie (a sinistra). 40 m i x ta p e m i x ta p e 41

22 ECO-MILANO CHIAMA FASHION BUISNESS SABRINA de mercurio Eppur si muove. La Peggio Gioventù italiana, quella della disoccupazione endemica e delle opportunità negate, supera il muro dell indifferenza innalzato dalla crisi economica, facendosi imprenditrice di se stessa. A Milano, centro propulsore della moda internazionale, un gruppo di giovani con background molto diversi tra loro, ha creato degli spazi d incontro, in cui è possibile acquistare abiti vintage ed eco-friendly, scoprire nuovi designers, partecipare ad aperitivi, dj set e presentazioni di nuove collezioni, in collaborazione con stilisti, grafici e videoartisti. Sfidando i i sampietrini meneghini ho scoperto quattro meravigliose realtà metropolitane, poliedriche, vivaci e green oriented. Spazi ricchi di opportunità per chi li progetta e di stimoli per chi ne usufruisce. 42 m i x ta p e m i x ta p e 43

23 MEET2BIZ : Incontrarsi per fare eco-business Alzaia Naviglio Grande 14 Incedo a passi tremanti per la Ripa di Porta Ticinese, sfidando a viso aperto il gelo dell inverno milanese, e solo ora capisco cosa intendesse dire Nada cantando Ma che freddo fa con le sue note ancora calde (almeno loro) nelle orecchie, mi accingo ad entrare da Meet2Biz, dove mi accoglie Silvia Bentivoglio, la giovane e sorridente proprietaria dello shop. MIXTAPE : Puoi descrivermi lo spazio in cui ci troviamo? Silvia Bentivoglio : È un ambiente polifunzionale, che si presenta come un concept store basato sul concetto di sostenibilità ed accessibilità (qui vige una price policy precisa, per la quale la media dei costi deve mantenersi bassa ed avvicinarsi a tutte le fasce d età), ma riveste anche il ruolo di showroom, offrendo in più servizi di creazione e gestione ai marchi di giovani designers, e di social platform, grazie ad eventi e dj set tematici. MX : Facciamo un passo indietro, torniamo al the day before l inizio del tuo progetto : raccontaci cosa ti ha spinto ad iniziare questo percorso. S : E stato un percorso molto naturale. Una tesi sul vintage, pubbliche relazioni, un mulino di 400 mq dove ho cominciato ad organizzare mostre, live, sfilate e poi lavori per agenzie, tour operator il tutto in completa autonomia, base fondamentale per muoversi fra creatività, economia e giovani talenti. Devo però ringraziare i miei soci Luca e Claudia, che mi hanno aiutato a convogliare le mie mille esperienze in quello che oggi è Meet2Biz. MX : Quali obiettivi senti di aver raggiunto e quali sfide ti si prospettano? S : Credo di aver creato un punto di riferimento per le collezioni degli artisti e gli eventi interattivi (un mix di moda, design e fotografia) legati a periodi particolari dell anno, in rispondenza delle varie fashion & design weeks, ma soprattutto di dare visibilità e sostegno a brands emergenti che utilizzano materiali di qualità e dalla filiera controllata, rispettando il loro iter professionale e tutelandone l artigianalità. Un esempio su tutti è Moku. Mi auguro di continuare su questa strada, mantenendo la mia indipendenza e quella delle persone con cui collaboro. MX : Cosa consiglieresti ad un ragazzo che volesse intraprendere un iter professionale simile al tuo? S : È indispensabile l umiltà, mettersi sempre in discussione, saper ideare qualcosa di nuovo (riprodurre le idee altrui non funziona a lungo termine e non fa la differenza necessaria per andare avanti), infine trovare una via laterale per fronteggiare le difficoltà : per me i problemi costituiscono uno stimolo, una possibilità altrimenti non potrei fare questo lavoro. MX : Il tuo mantra? S : Il nome del progetto : Meet2Biz, ovvero incontrarsi per fare business. Da soli non si fa nulla, perché le relazioni che si costruiscono valgono spesso più dell incasso immediato. Credo poi di avere nel dna il verso di una canzone dei Casino Royale, The Future, che dice : Ogni stop è un altro start. Silvia Bentivoglio e Luca Cecchi (responsabile eventi speciali) insieme a Claudia Pedroni, assente ingiustificata nella foto (responsabile produzione e coordinamento generale) formano il team di Meet2Biz. LAUNDRY : TO BE RE-USE Via Vigevano 20 Weee! Accomodati dove vuoi!. Marco Russo, socio del Laundry, mi fa sentire subito a casa. Forse parte del merito va anche alle innumerevoli lavatrici che definiscono lo spazio intorno a noi, donandogli un allure domestica. Ci rilassiamo attorno ad un tavolino, aspettando David Beltram, l art director, che, sentendosi nominato, appare pronto sulla soglia, munito di caffè americano e di un accento squisitamente straniero, per l esattezza colombiano. Riunitosi il team, possiamo impostare il programma dei lavaggi. MIXTAPE : Puoi descrivermi lo spazio in cui ci troviamo? Marco Russo (socio dell attività) & David Beltram (art director) : È una piattaforma di lavoro libera, dove si offrono le materie prime e gli spazi ai giovani professionisti (designers, grafici, cool hunters, musicisti), per migliorare in toto il concept store, sulla base di un equo scambio di competenze all insegna dell ecosostenibilità e di una filiera produttiva a basso impatto ambientale. Qui puoi lavare i vestiti e partecipare attivamente al contesto, interagendo con esso attraverso le tue abilità creative. Si ospitano mostre, dj set, collezioni di giovani stilisti ed anche una linea di t-shirt creata ad hoc per lo store da diversi artisti. MX : Facciamo un passo indietro torniamo al the day before l inizio del vostro progetto : raccontaci cosa vi ha spinto ad iniziare questo percorso. M : In realtà il progetto ha pochi mesi di vita ma moltissime specificità, che chiamiamo lavaggi e che possono declinarsi in musicali, visivi etc All inizio avevamo un altro socio, andato via per motivi personali gli è subentrato David, che, con la sua verve, sta riorganizzando le attività ri-creative del Laundry, curandosi in particolar modo di ridimensionare la superficie dedicata al vintage puro ed ampliare la serie di abiti second hand, con una stilizzazione tout court per accontentare i clienti più esigenti. MX : Quali obiettivi sentite di aver raggiunto e quali sfide vi si prospettano? M&D : Creare abiti con stoffe vintage e dar loro nuova vita, utilizzare le materie prime che già esistono senza creare ulteriori sprechi, fornire un prodotto che non sia costato un sacrificio al pianeta, ma che abbia arricchito umanamente noi che lo produciamo e gli artisti che di volta in volta contribuiscono al nostro progetto, ci sembra già un bel traguardo. Siamo inoltre molto fieri di annunciare la nostra prossima collaborazione con la designer Marta Bettiga, per la nuova linea di t-shirts dello shop e altri eventi. Seguiteci sulla nostra pagina facebook o sul sito!. MX : Cosa consiglieresti ad un ragazzo che volesse intraprendere un iter professionale simile al vostro? M : A chiunque voglia intraprendere un attività imprenditoriale, posso solo consigliare di non mollare mai, ma se le sue azioni sono permeate dalla passione di sicuro non mollerà!. MX : Il vostro mantra? M : RE-USE. Il riuso è alla base di tutto ciò che è Laundry, la sua anima. La location è re-use, il prodotto è re-use, la comunicazione è re-use. Noi siamo re-use. Abbiamo creato uno scenario in cui l individuo si fa collettività, in un complesso gioco di specchi riflessi, dove ognuno dona visibilità all altro. Marco Russo e Francesco Marconi (soci Laundry) 44 m i x ta p e m i x ta p e 45

24 PARTICELLE COMPLEMENTARI : Riciclo, accessibilità, sostenibilità e condivisione Via Pollaiuolo, 3 Isola Inserendomi in un susseguirsi di strade, stradine e viottoli nel bel quartiere di Isola, giungo in un cortile dall aria decisamente europea : è difficile spiegare l atmosfera che vi si respira all interno, ma dà la netta sensazione che sia frutto di un progetto affettivo, di un architettura sentimentale. Mi dirigo sulla sinistra, salgo una scaletta di ferro ed arrivo allo shop, dove mi aspetta Stefania Fulghesu, che tenterà di spiegarmi la formula di questa affascinante teoria che prende il nome di Particelle Complementari. MIXTAPE : Puoi descrivermi lo spazio in cui ci troviamo? Stefania Fulghesu (responsabile dello store) : Particelle nasce come progetto, prima ancora che come shop, per rispondere ad alcune istanze : conoscere il contenuto etico dei prodotti che acquistiamo e indossiamo, per selezionare brands e articoli sostenibili al di fuori dei circuiti (rispettabilissimi) dell equosolidale. La nostra formula si basa su questi principi : riciclo, accessibilità, sostenibilità e condivisione, valori che si rispecchiano nella struttura effettiva dell eco-shop, la cui superficie è egualmente ripartita in tre aree principali : vintage, brands emergenti e reparto ecologico, con detersivi alla spina e prodotti da toeletta vegani. MX : Facciamo un passo indietro torniamo al the day before l inizio del vostro progetto : raccontaci cosa vi ha spinto ad iniziare questo percorso. S : Il progetto è il risultato di una maturazione personale, una reazione verso un sistema moda usa e getta e le sue logiche insane : volevamo fornire un alternativa pratica al solito negozio, offrendo trasparenza sul percorso dell abito, dalla sua produzione all arrivo in store. La nostra musa ispiratrice è stata la nostra ex-socia Monica, esperta in discipline ambientali. MX : Quali obiettivi sentite di aver raggiunto e quali sfide vi si prospettano? S : Sentiamo di aver creato un luogo non di consumo fine a se stesso ma di condivisione non è un caso che sia stato aperto all interno del Frida, storico locale milanese, il cui slogan è : Non volevamo un bar come tanti ma un bar per tanti. Il nostro obiettivo è di offrire una scelta concreta, accessibile, con una media dei costi molto bassa e quindi sostenibile per la maggior parte delle persone. Noi lo consideriamo un laboratorio di idee in progress, un viatico per il riuso, l autoproduzione e la distribuzione di beni di uso comune. MX : Cosa consiglieresti ad un ragazzo che volesse intraprendere un iter professionale simile al vostro? S : Di non aspettarsi risultati immediati, perché in Italia la moda etica non è ancora una realtà acquisita e consolidata : è necessario impegnarsi nel fare informazione e nel sollecitare il mutamento delle nostre abitudini di consumo. MX : Il vostro mantra? In realtà sono due aforismi : Attento a ciò che scegli di desiderare, potresti ottenerlo e Vuoi far ridere Dio? Raccontagli i tuoi piani! Stefania Fulghesu e una collaboratrice SERENDEEPITY : Passioni personali e combinazioni multisensoriali La sostanziale capacità di incappare in una serie di eventi e situazioni che ti portano alla scoperta di qualcosa, mentre ne stai cercando un altra : ecco cosa si avverte entrando da Serendeepity, dove una sequenza di note, avvalorata dalla presenza di Nicola Mazzetti e Cristian Croce alla consolle, ti accoglie all ingresso e invita a proseguire all interno, come in un club. MIXTAPE : Puoi descrivermi lo spazio in cui ci troviamo? Nicola Mazzett & Cristian Croce : È l ambiente dove possiamo condividere col mondo le nostre passioni, un luogo d incontro, un perpetuo emotion sharing, grazie ai nostri dj set pomeridiani e alle numerose partecipazioni agli eventi artistici della città. Qui puoi associare diversi interessi creando delle combinazioni multisensoriali (vista, tatto, udito), in un contesto da living room, ultimamente arricchito da una nuova sezione dedicata ai libri, frutto del nostro recente inserimento nel circuito Interno 4, un progetto di librerie settorializzate nei centri storici delle città. MX : Facciamo un passo indietro torniamo al the day before l inizio del vostro progetto : raccontaci cosa vi ha spinto ad iniziare questo percorso. N&C : La spinta è chiaramente legata alla passione, pura passione. Quando ci siamo buttati in quest impresa, lo abbiamo fatto con quella dose di entusiasmo e incoscienza necessari per intraprendere un cammino che sulla carta nessun commercialista consiglierebbe! MX : Quali obiettivi sentite di aver raggiunto e quali sfide vi si prospettano? N&C : Vi sono miriadi di idee, poi alcune riusciamo ad attuarle ed altre no. Il nostro obiettivo è la perseveranza, il continuo impegno a portare avanti i nostri progetti perché sentiamo che è giusto, non saprei come spiegarlo altrimenti. Il momento è difficile per tutti, ma la sfida ci dà ancora più motivazione. Un evento a cui partecipiamo da più anni è Il Salone del Mobile, in occasione del quale utilizziamo lo spazio esterno allo store per la presentazione di nuovi artisti e designers. MX : Cosa consigliereste ad un ragazzo che volesse intraprendere un iter professionale simile al vostro? N&C : Tutto questo lavoro si basa su passione, zelo e tenacia : sono gli elementi base senza i quali non si può iniziare un cammino del genere, considerate inoltre le difficoltà del momento. MX : Il vostro mantra? Vinile, vinile, vinile, vinile, vinile, vinile Nicola Mazzetti, Cristian Croce e Francesca Vituccio (soci di Serendeepity). 46 m i x ta p e m i x ta p e 47

25 GLOSSARIO Sviluppo Sostenibile Lo sviluppo sostenibile è un concetto molto semplice. Significa garantire una migliore qualità della vita per tutti, nel presente e per le generazioni future. - Opportunities for Change, Department of the Environment, Transport and the Regions, Moda Sostenibile S intende il sistema per il quale i prodotti vengono creati ponendo massima attenzione alla provenienza delle materie prime (che possono bollarsi della certificazione di agricoltura biologica, essere materiale di recupero o fibre naturali etc ) e alla produzione stessa, rispettando la dignità dei lavoratori e avvalendosi di processi (industriali o artigianali) sostenibili, dunque sopportabili dalla Terra. Eco Friendly Indica quella gamma di prodotti che non necessariamente utilizzano fibre derivanti da agricoltura biologica ma rientrano in un sistema produttivo rispettoso dell ambiente. Re-use Vuol dire rendere del materiale già utilizzato nuovamente utile per lo stesso scopo per cui è stato realizzato o per un nuovo fine. Eco Shop Fa riferimento alla tipologia di negozi specializzata nel commercio di prodotti ecologici, alcuni dei quali possono rientrare in una categoria più vasta, come quella del concept store, dove vanno ad integrarsi e interagire diversi settori (abbigliamento, alimentare, editoria ), aventi in comune una politica di base sensibile all ambiente. 48 m i x ta p e m i x ta p e 49

26 Things found under car seats - Everybody loses something 3 LAURA BAGNERA m i x ta p e 51

27 m i x ta p e m i x ta p e 53

28 m i x ta p e The Sketchbook Project è una biblioteca itinerante di libri d artista. Il progetto è stato creato dal collettivo newyorchese ArtHouse Coop e fino ad ora hanno partecipato 30 mila persone di 94 nazionalità diverse, e i loro Schetchbooks saranno esposti in un tour internazionale di gallerie d arte.

29 a cura di Roberto strino 56 m i x ta p e m i x ta p e 57

30 after padania Io prima degli album degli Afterhours ho le sensazioni, come le madri che sanno già il colore degli occhi del figlio che sguscerà fuori dalle loro gambe. E il movimento mediatico degli ultimi giorni mi ha fatto sentire come le quattordicenni che per la prima volta entrano in una discoteca vestite da salami che vogliono tornare al macello. Mentre Padania degli AfteR sta per uscire dal tendone della produzione, la Lega Nord è in ginocchio per un terremoto con epicentro all interno del partito. La gente beve il cocktail a base di scandalo+giornalismo ed il cielo di primavera è grigio brillante, come un pavone dalla coda nera. Il singolo La Tempesta è In Arrivo ha l alone profetico, ma nei casolari in mezzo alla pianura non avranno sentito niente, occupati a contare soldi. Mentre ascolto in anteprima i pezzi penso all affresco sociale, che ormai è diventato il presupposto e il punto di arrivo dei musicisti più impegnati del nostro paese, con la nuova sfumatura del calarsi nella soggettività, come un itinerario balzachiano trasudante di particolari, con il pathos contenuto dalla compostezza delle architetture che sostengono gli arrangiamenti. Ma accostando Padania agli altri release sociali ci si sbaglia di grosso. Non c è traccia di formalismi derivanti da qualche ideologia novecentesca. Il marcato carattere analitico che spesso ha trasceso la politica della band milanese, in questo passaggio storico si è rivelato un punto di forza, evitando di far cadere i testi nell indulgenza o nel giudizio sommario. Alla fine di quest anno ci sarà l inevitabile verdetto che decreterà il migliore album italiano, e il primo tempo di questo 2012 ha avuto l onore di accogliere la competizione silenziosa e ingombrante di tre colonne portanti della scena alternative, ovvero Offlaga Disco Pax, Il Teatro Degli Orrori e i già nominati Afterhours. Qualche anno fa il cantastorie degli Offlaga, Max Collini, con il successo di Socialismo Tascabile si è aperto la pista di bardo sinistroide nell era post-conversione di Giovanni Lindo Ferretti, con il suo raccontato monotonale su beat elettronici che procedevano impietosi come carri funebre. Balanite, il secondo capitolo della saga ODP, si è rivelato un classico bis sotto tono. Questi dati hanno reso il terzo lavoro, Gioco Di Società, un punto critico della loro storia, dove rischiano molta credibilità data la scelta di non aver cambiato modalità sonore, costringendo la loro commedia umana in allestimenti rumoristici sempre più minimali e privi di elementi analogici. Al terzo release ci sono arrivati anche il messianico Pierpaolo Capovilla e il suo Teatro superband, composto da pezzi dei SuperElasticBubblePlastic e One- DimensionalMan. Il loro esordo seguito dall acclamato presunto capolavoro A Sangue Fred e il primo tempo di questo 2012 ha avuto l'onore di accogliere la competizione silenziosa e ingombrante di tre colonne portanti della scena alternativa. do li ha fatti eleggere dall ex pubblico dei MarleneKuntz come migliore, e forse unica vera, rock-band italiana. Il Mondo Nuovo dovrebbe essere la loro consacrazione, in cui hanno passato il microfono agli immigrati, che dipingono la penisola in modo così estraneo alla sua complicata storia da risultare brutalmente categorico. Tutto questo mette sul piatto tre individui dagli ego mastodontici, con le loro rispettive band. La pacatezza di Max Collini e la prorompenza di Pierpaolo Capovilla caratterizzano questi due personaggi agli antipodi che giocano la stessa partita, con Manuel Agnelli che entra nell ulti- mo minuto da iena con la voglia di mordere ancora, e punta al cuore dei peccati di superbia del belpaese, la pianura più inquinata d Europa. Le voci protagoniste in ogni brano di Padania appartengono alle anime che vagano nel purgatorio italiano degli anni della crisi socio-economica, la stessa che fa da sfondo alle figure di Gioco Di Società degli Offlaga e del Mondo Nuovo Ora dalla mischia dovra' emergere chi ha raccontato meglio la contemporaneita'. del Teatro, ma con il filtro di chi non è mai stato compassionevole nel giudicare gli esseri umani. Ora dalla mischia dovrà emergere chi ha raccontato meglio la contemporaneità, con il vantaggio di Collini e Capovilla di sembrare merce più fresca pur avendo la stessa età di Agnelli. 58 m i x ta p e m i x ta p e 59

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards

Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards Intervista a Stefan Di Kun_Tiqi Surfboards Abbiamo fatto due chiacchiere con Stefan, shaper tedesco trasferitosi da qualche anno in Cantabria, dove ha aperto il primo laboratorio-negozio europeo che produce

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

ALLA RICERCA DEI COLORI PERDUTI

ALLA RICERCA DEI COLORI PERDUTI dai 7 anni SERIE ROSSA scuola primaria ALLA RICERCA DEI COLORI PERDUTI UNA FIABA SULL INQUINAMENTO AUTORE: M. Strianese SCHEDE DIDATTICHE: G. Marchegiani ILLUSTRAZIONI: V. Grassini PAGINE: 128 PREZZO:

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi 2OTT Silvia Minguzzi Silvia Minguzzi si occupa professionalmente di formazione, coaching e crescita personale (vedi sito). Come spettatrice segue assiduamente

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO

condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO condividi Alchimia Digitale >> ARTICOLI LAMPO Introduzione Immagina questo... Ti siedi per scrivere un articolo. Apri un nuovo documento di testo sul tuo computer, metti le dita sulla tastiera... e poi

Dettagli

Batti la crisi col cervello!

Batti la crisi col cervello! Batti la crisi col cervello! 20 suggerimenti per vivere meglio consumando meno alimentazione trasporti economia domestica denaro tempo libero calcola il valore della tua AltraCard! Batti la crisi col cervello!

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

50 Template Di Articoli Copia/Incolla

50 Template Di Articoli Copia/Incolla 50 Template Di Articoli Copia/Incolla Come superare il blocco dello scrittore con questi 50 modelli di articoli, pronti, da utilizzare infinite volte Francesco Diolosà Luca Datteo www.alchimiadigitale.com

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono?

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono? io sono l alternativa non alternativa L'Aura Abela è l'artista forse più conosciuta presente nel nuovo cd di Enrico Ruggeri dal titolo "Le canzoni ai testimoni" uscito il 24 gennaio. L'Aura è colei che

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli