Scuola e gioco. L istituzione di scuole pubbliche destinate all educazione e alla formazione delle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola e gioco. L istituzione di scuole pubbliche destinate all educazione e alla formazione delle"

Transcript

1 Scuola e gioco L istituzione di scuole pubbliche destinate all educazione e alla formazione delle nuove generazioni è una conquista dello Stato moderno. In Itala il tardivo raggiungimento dell Unità nazionale ha rallentato l avvio di questo processo a differenza di quanto è avvenuto in altre realtà europee e nordamericane. Nel 1861, infatti, al momento della nascita del Regno d Italia, nella Penisola si registrava un tasso altissimo di analfabetismo. Si calcola che solo il 3-4 % della popolazione sapesse scrivere e leggere perfettamente la lingua italiana mentre almeno il 90% degli italiani, specialmente nel centro e nel sud del paese, risultava analfabeta. Questa drammatica situazione preoccupò i nostri governanti che cercarono di porvi riparo con una serie di disposizioni (legge Casati del 1859, legge Coppino del 1877) ma solo agli inizi del XX secolo diventarono più evidenti gli effetti positivi degli interventi dello Stato in campo scolastico. Il fatto è che inizialmente è l istituzione delle scuole elementari venne affidata ai Comuni che non sempre si dimostravano capaci di provvedere al bisogno. In questa situazione i vari governi presieduti da Giovanni Giolitti all alba del nuovo secolo decisero di avocare a sé ogni competenza in materia scolastica e nel volgere di poco tempo si assistette alla nascita di una rete di scuole omogeneamente distribuite su tutto il territorio nazionale. Nelle nostre contrade il problema dell analfabetismo era gravissimo. Nel 1870, quando anche il Lazio entrò a far parte del Regno d Italia, a Suso su circa 2300 abitanti solo tre erano alfabeti. Le fonti per lo studio sistematico di questi problemi sono i censimenti nazionali della popolazione che si svolgono ogni dieci anni (dal 1861 in poi ) e, per gli uomini, i fogli matricolari che vengono istruiti puntualmente dal giorno di visita di leva e registrano il curriculum del soldato

2 fino al proscioglimento della sua classe. Se si esaminano questi fogli per i nati dal 1880 al 1899 (le classi che sono chiamate combattere nel ) si nota subito che la percentuale degli analfabeti risulta in costante lieve calo rispetto ai dati del Esse, invece, si abbassa dai nati dal 1900 in poi, a dimostrazione che l intervento dello stato è risultato efficace. Limitatamente nel nostro territorio, per i combattenti della grande guerra emerge un altro dato interessante: tra i soldati provenienti da Sezze ci sono meno analfabeti rispetto a quelli provenienti da Suso. Da ciò si può evincere che gli sforzi dell Amministrazione comunale per combattere l analfabetismo nella campagna furono poco efficaci. Va anche detto, però, che i susaroli,almeno nei primi successivi al 1870, si mostrarono poco interessati a frequentare la scuola che da molti genitori veniva considerata una perdita di tempo. I bambini venivano avviati subito al lavoro, quasi sempre nella Pianura Pontina. Ancora più marcato risultava l analfabetismo tra le femmine. A dispetto di tutto ciò, va detto, ad onore dei soldati, che essi si batterono valorosamente su tutti i campi di guerra in Italia e fuori del Paese e contribuirono a scrivere una delle pagine più drammatiche ma anche più esaltanti della nostra storia nazionale. Ad essi e soprattutto ai Caduti sui diversi fronti deve andare la nostra perenne riconoscenza. Il fenomeno dell evasione o dispersione scolastica, per usare termini attuali, sollecitò l interessamento di molti intellettuali come Giovanni Cena o Sibilia Aleramo che crearono scuole nell Agro Pontino proprio per sottrarre all analfabetismo tanti bambini delle nostre zone che già all età di 9-10 anni lavoravano in pianura. Per creare una scuola non si richiedevano allora mezzi enormi. Erano necessari un aula, di solito presa in affitto dai privati, dei banchi, una lavagna, gesso e inchiostro. Anche a Suso diversi ambienti vennero

3 adattati ad aule scolastiche. In breve tutte le contrade ebbero le loro piccole scuole e maestri attenti a fare opera di sensibilizzazione presso le famiglie sulla fondamentale importanza di mandare i propri figli ad apprendere almeno i rudimenti dell istruzione. Anche le bambine sempre più numerose si sedettero, e con ottimi risultati, sui banchi di scuola. Nacquero le prime borse per contenere l abbecedario e qualche quaderno. Erano borse di stoffa cucite alla meglio da mamme o zie volenterose. Verso la metà degli anni venti cominciarono a diffondersi anche da noi le borse di cartone portate a tracolla. Le bambine vi inserivano a volte anche bambole sempre di stoffa, per i maschi era invece obbligatorio portare con sé una fionda e una trottola. Andare a scuola era anche un occasione per dedicarsi ai giochi soprattutto perché a casa raramente erano concessi momenti lucidi. I maestri, in genere molto severi, non gradivano la presenza a scuola di simili strumenti e spesso si adoperavano a sequestrarli per poi restituirli agli alunni solo alla fine dell anno scolastico. A scuola si doveva stare solo per imparare a leggere e scrivere. In caso contrario veniva messa in funzione una sottile bacchetta spesso offerta al maestro dai ragazzi stessi. Le bacchette sulle palme delle mani, a volte, qualche ceffone facevano parte integrante del processo educativo e nessuno ne metteva in discussione la sana utilità. Naturalmente i ragazzi non potevano restare senza fionda o trottola. Ne costruivano altre ma avevano l accortezza di nasconderle prima di entrare in classe per recuperarle alla fine delle lezioni. A volte, purtroppo, nel nascondiglio non si trovava. Qualcuno aveva provveduto a rubare i preziosi strumenti di lavoro e così bisognava ricostruire il tutto per non sfigurare di fronte ai compagni. Le classi erano molto numerose. In alcuni casi si arrivava a 40 alunni per classe. Spesso si trattava di pluriclassi che vedevano insieme alcuni alunni del terzo, quarto e quinto anno della scuola primaria. Nessuno se ne

4 lamentava. L importante era appropriarsi dell arte di scrivere e far di conto, ritenuta difficilissima dalle persone anziane. Le aule erano prive di riscaldamento e d inverno spesso si battevano i denti. In rari casi si disponeva di una stufa ma per metterla in funzione gli alunni dovevano provvedere a portare ciascuno un pezzo di legno da casa. Per combattere il freddo molti bambini portavano con sé il cosiddetto scaldino. Era un barattolo sul quale era affisso un manico di filo di ferro della lunghezza di circa un metro. Dopo aver praticato alla base di esso alcuni fori per permettere alla cenere di cadere, veniva riempito per circa un terzo di brace e nel restante spazio venivano inseriti piccoli pezzi di legno. Attraverso il manico il barattolo veniva fatto roteare e nel vortice che ne seguiva i pezzi di legno prendevano immediatamente fuoco sviluppando una bella fiamma che provvedeva a riscaldare più mani intirizzite dal freddo. I maestri e tante maestre soffrivano anch essi il freddo e le difficoltà di raggiungere a volte a piedi sedi piuttosto distanti dal centro di Sezze, come in altre parti d Italia. Ma erano puntuali sul lavoro. Essi avvertivano la scuola come una missione, quella di redimere la popolazione italiana da secoli di ignoranza per portarla a competere dignitosamente e orgogliosamente, visto il nostro illustre passato, con le nazioni più avanzate. Sentivano come proprio il dovere di contribuire a fare gli italiani e guardavano prima al bene della Nazione e solo in via secondaria al proprio interesse. Primo dovere era quello di insegnare a tutti la lingua italiana perché le nuove generazioni di italiani imparassero a capirsi tra di loro. Oggi si assiste ad una rinascita dei dialetti e qualche solone tuona contro la scuola che avrebbe imposto su tutto il territorio la lingua italiana. Costoro molto superficialmente dimenticano che per molto tempo anche dopo il raggiungimento dell Unità nazionale tra gli italiani non era facile intendersi e

5 solo l italiano, lingua colta, poteva riuscire a fare di un popolo disperso una nazione. Le famiglie e gli alunni, sapevano apprezzare l abnegazione dei maestri e li ringraziavano con alcuni piccoli doni : uova, dolci, frutta, la pizza di uova alla fine dell anno scolastico. Questo mondo sembra oggi molto lontano eppure ha caratterizzato la vita di tutti noi fino agli inizi degli anni sessanta. Lo abbiamo voluto ricordare perché forse in esso possono essere rintracciati dei valori tuttora validi, capaci di aiutare le nuove generazioni ad orientarsi in un mondo diverso e sempre più globalizzato. La guerra con gli schioppitti Cambiano i tempi, cambiano le abitudini e gli interessi, ma «alla guerra» i bambini giocano oggi come ieri. Negli ultimi tempi sono i videogiochi ad imperare, fino a trenta anni fa erano gli «schioppitti», le «pistole a lastichetti» e gli «stoppacculo». Erano «armi» facili da costruire, bastava qualche pezzo di legno, un coltellino e tanta buona volontà. L 'ingegno dei piccoli guerrieri era enorme. Le munizioni per le loro pistole - gli elastichetti -, non si compravano in armeria - in cartolibreria -. Che fare? Semplice, si prendeva una vecchia camera d'aria, la si tagliava accuratamente con il coltellino comprato alla fiera del paese, e il gioco era fatto. Per gli «schioppitto» e lo «stoppacculo» le munizioni non erano un problema: bastoncini di legno per il primo e ghiande per il secondo, si trovavano in grande quantità. I piccoli passavano interi pomeriggi a combattere senza esclusione di colpi. Di quelle battaglie resta il ricordo nelle parole dei padri e dei nonni. E' curioso come

6 ancora oggi, chi vuole imbarcarsi in un'impresa per cui non dispone di mezzi idonei, sia velocemente liquidato come uno che «vò fa la guera co' gli schioppitti». I bambini di un tempo non giocavano però solo con «armi» innocue. Un «giocattolo» ancora molto amato ai nostri giorni è la «frezza» - meglio conosciuto come mazzafionda -. I bambini - e i genitori - sapevano bene che con quell'attrezzo ci si poteva fare veramente male. Si trovò allora una variante meno cruenta alla guerra vera e proprio. Si giocava «a spacca» dove l'unico rischio che si correva era di tornare a casa senza mazzafionda. Si faceva la conta e chi usciva doveva posizionare il suo amato giocattolo per terra. A debita distanza i compagni scagliavano sassi, con la propria «frezza», contro la mazzafionda «nemica». Quando si mancava il bersaglio, la propria arma diventava l'obiettivo degli altri compagni. Si passavano così momenti spensierati, all'aria aperta e in movimento. Quello che oggi non accade più. I giochi elettronici, dove si possono uccidere migliaia di persone in pochi minuti, formano le nuove generazioni di guerrieri. Formare però è una parola grande, un tempo il gioco era veramente una scuola di vita, gli attrezzi dovevano essere costruiti, ci voleva pazienza e abnegazioni, erano necessari dei sacrifici, oggi invece i genitori, un amico o un parente, regalano direttamente il necessario per conquistare il mondo, distruggere la terra, o colonizzare lo spazio. Il gioco perde così la sua funzione educativa e diventa un mero passatempo. Almeno per i passatempo, forse, era meglio quando si stava peggio.

7 Il gioco tra presente e passato Il gioco è fondamentale per la crescita di un bambino, lo aiuta a socializzare con gli altri, ad esprimersi e a sviluppare fantasia e ingegno. Chiunque di noi nell età adolescenziale ha passato ore e ore a giocare e a divertirsi e prima di noi, senza dubbio, lo hanno fatto i nostri genitori e i nostri nonni. Capita spesso che questi raccontino delle loro esperienze, di quando passavano ore e ore a realizzare i loro strumenti ludici oppure di quando insieme ad altri coetanei davano vita ad emozionanti sfide con il pitto o con i sassetti. I giochi di una volta non erano come quelli della nostra generazione, erano realizzati artigianalmente con materiali comuni quali legno, latta, carta. Con un po di pazienza ed ingegno i bambini di ieri fabbricavano oggetti come lo schioppitto di canna, lo stoppacculo, il pitto, il ziccaflò, la carrozza col filo di ferro, la frezza ecc.. attraverso questi giochi i nostri nonni sono cresciuti ed hanno imparato a vivere. Oggi, causa il progresso e le tecnologie, i giocattoli sono completamente diversi da quelli di allora, sono costruiti utilizzando materie plastiche, non sono più realizzati artigianalmente ma prodotti in serie nelle fabbriche. Inoltre la maggior parte di essi permettono solo giochi individuali; ricordiamo in proposito le Playstation, molto apprezzate e gettonate tra i ragazzi. Tali videogiochi realizzati con grafiche accattivanti e sempre più realistici spesso creano solo dipendenza oltre che alterare le capacità psichiche del giocatore. Per i più piccoli sono preferibili attività alternative alla propria Playstation oppure i classici giochi di società, i quali permettono di comprendere il mondo che li circonda, di esprimersi liberamente e mettere alla prova le proprie capacità. Oltre ad essere cambiati i giochi, sono anche cambiati gli ambienti dove poter divertirsi, i nostri nonni giocavano all aria aperta a diretto contatto con la natura; oggi, invece, trovare degli spazi verdi, luogo di incontro e relax, è

8 sempre più difficile e questo, purtroppo, costringe i più piccoli ad essere relegati in ambienti angusti. Oggi riproporre i giochi con cui i bambini di ieri si divertivano non avrebbe più senso in quanto essi non appartengono più alla nostra cultura moderna, però, non possiamo negare un pizzico di invidia ed ammirazione nel rivedere i nostri nonni sorridenti e gioiosi giocare tra loro mentre noi non riusciamo ad essere felici nonostante la ricchezza. Questo dimostra che ci si possa divertire anche con poco. La pupa di pezza Quando ero bambina giocavo spesso con la pupa di pezza. Lo facevo nei ritagli di tempo che mi restavano dopo aver studiato, riordinato la casa e preparato il pranzo a mio fratello e alle mie sorelle, perché i miei genitori andavano a lavorare. Se qualche pomeriggio ero libera, insieme alle mie amiche ci riunivamo e giocavamo a sassetti, nascondino o a cecalatti, a corda, a zoppì etc ma il nostro gioco preferito era la pupa di pezza, una piccola bambola che noi facevamo utilizzando stoffe vecchie di vestiti che non si utilizzavano più. Il busto, la testa e le braccia le facevamo ognuno separati e li riempivamo di pezzi di stoffa per poi cucirli insieme. Le gambe non le facevamo perché non erano necessarie, poiché il vestito che le cucivamo era molto lungo (abito da sera) e le gambe non si vedevano; poi le facevamo un cappellino di carta e glielo poggiavamo sulla testa. Infine, facevamo anche un lettino di pezza: si prendeva un pezzo di stoffa molto largo all interno del quale si mettevano pezzettini di stoffa per imbottirlo dopodichè lo chiudevamo cucendolo. Cosi mettevamo la bambola a dormire e noi continuavamo a raccontarci delle storie. Benilde Ciarelli

9 Un poco la invidio mia madre perché con le sue amiche di infanzia, per quel poco di tempo che aveva riusciva a giocare e a divertirsi, costruivano ed inventavano insieme giochi e storie, ciò che oggi non accade più, molto probabilmente perché tutto già inventato (se cosi possiamo dire) da coloro che inventano per professione, non esiste più il piacere di dire questo l ho fatto io. Giocare è un modo per stare insieme con altri bambini; vuol dire socializzare, infatti, per il bambino è molto importante giocare, perché è soprattutto con esso che il bambino comunica e diventa grande. Probabilmente gli adulti di oggi, (poco meno quelli di qualche anno fa), comunicano poco con i loro figli a causa della vita frenetica che si conduce e, proprio per questo, dovremmo riflettere un pochino sulla vita di questi futuri adulti cercando di comunicare un poco di più con loro. Maria Antonietta Rapone Vari tipi di trottole o pitti. Le trottole più piccole sono ricavate dalle ghiande mentre i pitti, pizzangre e pizzangrelle sono realizzate artigianalmente. Le prime si facevano girare lanciandole con pollice ed indice. I secondi con la stroppola, una sottile cordicella di cotone. La lippa: composta da due pezzi di legno. Si gioca in coppia o a squadre.

10 Fionda o frezza composta da forcinella, elastici, soletta. Utilizzata per giocare a spacca o per la caccia a piccoli volatili. Fuciletto o schioppitto composto da un pezzo di canna (da lancio) ed un archetto (la forza di spinta). Le munizioni sono ghiande o piccole bacche. Pupa di pezza : giocattolo preferito dalle bambine di una volta. Veniva confezionato dalle stesse utilizzando vecchie stoffe. Stoppacculo : all estremità anteriore della canna è applicata una ghianda (che funge da proiettile) e all altra la stoppa. Spingendo il bastoncino in avanti, per effetto dell aria che si comprime all interno della canna, la ghianda viene espulsa accompagnata da un botto. Carrozza realizzata in assi di legno e ruote ricavate dalla sezione di tronchi di piccole dimensioni. Al centro di queste veniva praticato un foro ed inserite alle estremità dei due assi. Talvolta l asse anteriore poteva essere mobile. Frezza o fionda pronta all uso.

11 Palla di pezza composta da diversi stracci tenuti insieme da una sottile cordicella. È l antenato degli attuali palloni di cuoio. Il cerchio: i bambini inserivano l estremità della canna nella parte interna del cerchio e correndo lo facevano ruotare.

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare.

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare. SCHEDA n 4 6) Individuazione dei temi da indagare per delineare i quadri di società relativi alle quattro generazioni: famiglia, lavoro, casa, cibo, abbigliamento, gioco, mezzi di trasporto, mezzi di comunicazione,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi. Anno scolastico 2005/2006. Dal progetto di Circolo Facciamo un gioco

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi. Anno scolastico 2005/2006. Dal progetto di Circolo Facciamo un gioco Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Anno scolastico 2005/2006 Dal progetto di Circolo Facciamo un gioco Musica in gioco!! I bambini e le bambine della sezione 4/B della scuola dell infanzia Albertario

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale I NONNI FANNO LA STORIA La seconda guerra mondiale In occasione del 25 aprile, giorno della liberazione dal regime nazifascista, abbiamo intervistato i nostri nonni per conoscere la guerra che loro hanno

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro

Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro Al Sindaco del Comune di Medicina Nara Rebecchi Al Dirigente Scolastico - Istituto Comprensivo di Medicina Proff.Santi Spadaro e p.c. all Assessore all Ambiente del Comune di Medicina all Assessore all

Dettagli

Consiglio della settimana 33/2011 a scuola. Un arbitro in ciascun giocatore

Consiglio della settimana 33/2011 a scuola. Un arbitro in ciascun giocatore A scuola Consiglio della settimana 33/2011 a scuola Un arbitro in ciascun giocatore Che ne dite di iniziare il nuovo anno scolastico con un torneo di calcio speciale per far incontrare le classi, gli alunni

Dettagli

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico?

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? SCHEDA n 3 3) Costruzione di un grafico temporale individuale con le quattro generazioni a confronto. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? Possiamo costruire

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino La nostra storia La nostra storia In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino a oggi. Imparerai a ricostruire

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2%

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2% Risultati Floriani In questo documento sono riportati i risultati ottenuti dall analisi delle risposte del questionario proposto agli 460 studenti dell Istituto Floriani; quelli compilati e restituiti

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI

NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI NOI BAMBINI in cammino verso i DIRITTI I bisogni dei bambini e delle bambine sono stati chiamati DIRITTI. Un diritto stabilisce quello che ci è permesso fare e quello che deve fare chi si occupa di noi

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE IN CLASSE SONO COSI Interessato dalle cose nuove ma ho difficoltà a stare tranquillo ed attento. Mi alza di continuo; Mi distraggo sempre! E pare che io

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Abitudini e stili di vita degli adolescenti 2005

Abitudini e stili di vita degli adolescenti 2005 Abitudini e stili di vita degli adolescenti 2005 Tu sei: 1 Maschio 2 Femmina In che città abiti? Prov Quanti anni hai? Nella compilazione del questionario leggi attentamente le indicazioni riportate e

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE. Prof.ssa Carla Guatteri LA RICHIESTA DI AIUTO DEL GENITORE PER IL FIGLIO ADOLESCENTE Prof.ssa Carla Guatteri IL CASO DI K. K. È UNA RAGAZZA ITALIANA IL SUO PERCORSO SCOLASTICO ALL INTERNO DEL NOSTRO ISTITUTO INIZIO CONCLUSIONE

Dettagli

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 Questionari per: - docenti dell istituto - alunni classi terze secondaria - genitori classi terze secondaria Composti da tre punti di analisi con 8 domande

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Primo Comprensivo A. Moro - P. Virgilio M. Francavilla Fontana

Primo Comprensivo A. Moro - P. Virgilio M. Francavilla Fontana Primo Comprensivo A. Moro - P. Virgilio M. Francavilla Fontana I bambini di quattro anni della Scuola dell Infanzia C. Collodi per la hanno così ringraziato il loro splendidi Nonni. Hanno memorizzato la

Dettagli

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don

Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don Dopo il recente evento sismico,le associazioni Incontrarti e Piccole onde hanno avuto l'occasione di proporre alla classe III B della scuola don Milani un laboratorio sul tema del cambiamento. Stimolati

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO

Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO Team Firestorm PROGETTO SCIENTIFICO ALESSIO MICHELE AURORA LUCA MARTINA GIANLUCA DOMANDA E possibile rendere divertente l apprendimento della grammatica? PERCHE ABBIAMO SCELTO LA GRAMMATICA Abbiamo fatto

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

siamo cinque lo sai e in tante parole ci troverai

siamo cinque lo sai e in tante parole ci troverai Il progetto Cart anchio è stato inserito nell ambito di un progetto più ampio di tutoring che coinvolgerà la classe 5^ B e la classe 1^ B per tutto l anno scolastico e che prevede varie attività in cui

Dettagli

GIOCHI SENZA SQUADRE

GIOCHI SENZA SQUADRE GIOCHI SENZA SQUADRE Età: 5-8 anni Questi giochi (50) sono proposti nel seguente modo: si ritaglia la descrizione del gioco, si piega il pezzo di carta e s inseriscono tutti i 50 foglietti in un sacchetto.

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita Maura Gelati Università di Lecce 1. Integrazione Oggi la legislazione italiana garantisce a tutti i soggetti in situazione di disabilità di assolvere

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

Poesia pronuncio questa parola e mi rivedo bambina, nei caldi pomeriggi estivi,

Poesia pronuncio questa parola e mi rivedo bambina, nei caldi pomeriggi estivi, Poesia pronuncio questa parola e mi rivedo bambina, nei caldi pomeriggi estivi, impiegare il mio tempo (durante la pennichella di mamma) a sporcare di versi infantili fogli strappati dai quaderni di scuola.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli