software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO"

Transcript

1 software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO

2 Indice generale 1. IL SOFTWARE LATERLIFE TERMINI E DEFINIZIONI LA HOME PAGE DEL SOFTWARE L'inserimento dei dati IL DATABASE Il database dei prodotti in laterizio Il database dei materiali complementari LA PROCEDURA DI CALCOLO La verifica della performance termo-igrometrica La verifica della performance acustica La verifica della performance ambientale secondo l'approccio LCA IL REPORT FINALE...12 RIFERIMENTI NORMATIVI...14 ALLEGATO 2. Il Database dei prodotti complementari...16 ALLEGATO 2. Il Database dei prodotti complementari

3 1. IL SOFTWARE LATERLIFE Il software LATERLIFE è uno strumento di calcolo in grado di valutare il profilo ambientale di soluzioni tecniche in laterizio. Per profilo ambientale di una soluzione tecnica, si intende la caratterizzazione di tutti quei parametri, relativi alla soluzione tecnica, che ne definiscono e caratterizzano le performance dal punto di vista termico, igrometrico, acustico, ed ecologico. Il profilo ambientale definito attraverso l'uso dello strumento, consente quindi all'utente di valutare contemporaneamente le prestazioni di una o più soluzioni a confronto, in risposta non soltanto ad istanze di tipo normativo (DPR n. 59/2009, DM 26/6/2009 Linee guida per la certificazione energetica, D.P.C.M Requisiti acustici passivi degli edifici, in attesa dell emanazione del nuovo testo legislativo previsto dalla legge 88/2009 -ART.11-) ma ad esigenze più ampie di scelta e verifica della compatibilità ambientale dei prodotti e delle soluzioni scelte in un ottica di ciclo di vita. Il tool, sulla base della procedura di calcolo descritta di seguito, è in grado di effettuare per soluzioni tecniche realizzate in laterizio definite dall utente le seguenti verifiche di caratteristiche e prestazioni Tabella 1: le verifiche effettuate dal software LATERLIFE VERIFICA RIFERIMENTO NORMATIVO INDICE UNITÀ DI MISURA DPR 59/2009 Massa superficiale M s [kg/m 2 ] DPR 59/2009 Trasmittanza termica U [W/m 2 K] TERMICA DPR 59/2009 Trasmittanza Termica Periodica Y IE [W/m 2 K] Dlgs 10/07/2009 Sfasamento s [h] Dlgs 10/07/2009 Fattore di Attenuazione f a [--] IGROMETRICA DPR 59/2009 Tabella delle pressioni di saturazione Tabella della quantità di condensa accumulata per strato/mese [Pa] [kg] ACUSTICA D.P.C.M Potere Fonoisolante Rw [db] AMBIENTALE TC 350 pren15804 Acidificazione [kg SO 2 eq] Eutrofizzazione [kg PO 4--- eq] Riscaldamento Globale (GWP100) [kg CO 2 eq] Riduzione dello strato di ozono (ODP) [kg CFC -11 eq] Ossidazione fotochimica [kg C 2H 4] Uso di risorse energetiche [MJ eq] 3

4 2. TERMINI E DEFINIZIONI Categoria di elementi tecnici categoria di prodotti: Classe di prodotti edilizi caratterizzata dalla comune funzione propria di una o più unità tecnologiche e che si configura come componente caratterizzante un sub-sistema tecnologico Categorie di soluzioni tecniche (Unità tecnologiche) : Il termine è impiegato nel presente studio e nel relativo strumento software con riferimento al concetto di Unità tecnologica come definito in (UNI 10838: ott.1999) Le categorie identificate fanno riferimento alla funzione di involucro (chiusura verticale e orizzontale) e di separazione fra unità a diverso regime termico-igrometrico (partizioni interne) Elemento Tecnico: Prodotto edilizio più o meno complesso capace di svolgere completamente o parzialmente funzioni proprie di una o più unità tecnologiche e che si configura come componente caratterizzante di un subsistema tecnologico. (UNI 10838: ott.1999) Life Cycle Assessment: raccolta, analisi e valutazione degli input, output e dei potenziali impatti ambientali di un sistema o di un prodotto durante tutto il suo ciclo di vita (ISO 14040) Prestazione edilizia: (UNI 10838: ott.1999) Comportamento reale dell organismo edilizio e/o delle sue parti nelle effettive condizioni d uso e di sollecitazione. Le prestazioni edilizie vengono normalmente classificate in: a) prestazioni ambientali; b) prestazioni tecnologiche. Profilo ambientale di una soluzione tecnica: caratterizzazione di tutti quei parametri che ne definiscono e caratterizzano le prestazioni dal punto di vista termico, igrometrico, acustico, ed ecologico Reference Service Life: la durata di vita di un prodotto da costruzione attesa in relazione alle specifiche condizioni d'uso [ISO 21930:2007] Sistema tecnologico dell organismo edilizio: Insieme strutturato di unità tecnologiche e/o di elementi tecnici definiti nei loro requisiti tecnologici e nelle loro specificazioni di prestazione tecnologica. (UNI 10838: ott.1999) Soluzione Tecnica o Soluzione di progetto: Progetto dell organismo edilizio e delle sue parti funzionali giustificato dall espressione delle specifiche di prestazione. (UNI 10838: ott.1999) Specifica di prestazione tecnologica: Valore di variabili o di attributi, univocamente individuati, che definisce e delimita la risposta progettuale alle specificazioni di prestazione tecnologica di un elemento tecnico o di un sub-sistema tecnologico. (UNI 10838: ott.1999) Specificazione di prestazione tecnologica: Espressione di un requisito tecnologico, secondo valori di variabili e/o attributi univocamente definiti, attribuito ad un elemento tecnico e/o un sub-sistema tecnologico. (UNI 10838: ott.1999) Strato: Parte che realizza una soluzione tecnica identificata dalla funzione svolta e dall impiego di determinate categorie di prodotti Subsistema tecnologico: Sottoinsieme strutturato del sistema tecnologico dell organismo edilizio caratterizzato dall omogeneità funzionale degli elementi tecnici che lo compongono. (UNI 10838: ott.1999) Unità tecnologica: Raggruppamento di funzioni, compatibili tecnologicamente, necessarie per l ottenimento di prestazioni ambientali.. (UNI 10838: ott.1999) 4

5 3. LA HOME PAGE DEL SOFTWARE Dopo la registrazione, l utente ha accesso alla maschera iniziale di input. Attraverso questa maschera l utente potrà comporre la stratigrafia dell elemento da verificare. Figura 1: La Homepage del software LATERLIFE con la maschera di inserimento dei dati Gli strati sono ordinati dall'alto verso il basso in modo tale che, nel caso di soluzioni tecniche di chiusura (pareti o solai) il primo strato inserito rappresenti la superficie esterna della soluzione mentre l'ultimo rappresenti la superficie interna L'inserimento dei dati All'utente si richiede, inizialmente, di selezionare dalla finestra a comparsa la località di riferimento e la tipologia di 5

6 soluzione tecnica da verificare (chiusura verticale, chiusura orizzontale, partizione verticale, partizione orizzontale). Il software, sulla base di tali scelte, evidenzierà all utente la zona climatica di calcolo (secondo le indicazioni del DPR 412/1993), e i limiti normativi per la verifica dei valori di Trasmittanza termica e di Trasmittanza Termica periodica, di cui al DPR n.59/2009. Successivamente, l utente è chiamato a comporre la stratigrafia della soluzione selezionando, tra le scelte proposte da tendine a scomparsa, prima la categoria di elementi tecnici MUR.RETT [muratura portante realizzata con blocchi in laterizio] MUR.ARM [muratura armata realizzata con blocchi in laterizio] MUR.POR [muratura portante realizzata con blocchi in laterizio rettificati] TAM.RETT [muratura di tamponamento realizzata con blocchi in laterizio rettificati] MUR.INC [muratura portante realizzata con blocchi in laterizio ad incastro] TAM [muratura di tamponamento realizzata con blocchi in laterizio] LEG [elementi in legno] DIV [muratura per divisori interni realizzata con blocchi in laterizio] FAV [muratura realizzata con elementi in laterizio faccia a vista ] PAV [pavimentazioni in laterizio] COP [manto di copertura in laterizio] SOL [solaio in laterocemento] ISO [materiali isolanti] INT [intonaci] MAL [malte] IMP [guaine impermeabilizzanti] CLS [cemento e calcestruzzo] FIN [finiture] e successivamente, all interno della categoria selezionata, il materiale preferito tra quelli compresi nell elenco. Per alcuni tra i materiali complementari (es. isolanti, malte, intonaci), all utente è richiesto di inserire lo spessore. Al contrario, alcune tipologie di strato presentano valori che derivano dalla selezione che può essere fatta fra i prodotti presenti nel database. Per la categoria solaio lo spessore è da selezionare fra quelli inseriti e risulta dallo spessore dei blocchi in laterizio e dello strato della soletta in calcestruzzo. Per la categoria murature, lo spessore fisso è determinato dal tipo di blocco selezionato. TIP:All utente, in questa prima fase di sviluppo del software, non è consentito di inserire nuovi materiali ma di elaborare soluzioni esclusivamente a partire dai materiali presenti nel database. Una volta inseriti correttamente tutti gli stati, attraverso il comando Calcola il software esegue il calcolo preliminare dei valori di Spessore s, Massa superficiale 1 M s Massa superficiale con intonaco M f2, Trasmittanza termica U, Trasmittanza Termica Periodica Y IE, Sfasamento s, Fattore di Attenuazione f a. In questo modo, prima di procedere con il calcolo completo dei restanti parametri igrometrici, acustici ed ambientali, l utente potrà verificare la rispondenza della prestazione alle esigenze progettuali e ai requisiti minimi previsti dalla normativa nazionale e procedere ad eventuali modifiche prima di generare il report completo del profilo ambientale. TIP:Il software segnala in rosso i valori di progetto con conformi ai limiti normativi previsti per la tipologie di elemento e per il contesto climatico di analisi Terminata questa prima fase, selezionando un pulsante di comando, l utente potrà generare il documento PDF del profilo ambientale completo della soluzione tecnica, che include il report delle indicazioni di input fornite, e il calcolo delle prestazioni termiche, igrometriche, acustiche nonché il profilo LCA, salvandolo, se lo se desidera, su supporto personale. 1 Per Massa Superficiale si faccia riferimento alla definizione riportata nell'allegato A comma 18. del Dlgs 192/ Per Massa superficiale con intonaco si intende il valore espresso in kg/m 2 della massa areica della struttura 6

7 4. IL DATABASE I database dai quali il software ricava le informazioni sono: Database geografico: creato a partire dalle località italiane nella norma UNI Database climatico: creato sulla base della UNI ricavando, per le principali località italiane i dati climatici principali quali: gradi giorno GG; T max estiva; T ; temperature orarie medie in estate; Umidità relativa. Database Materiali laterizi: per ogni prodotto in laterizio sono disponibili per le operazioni di calcolo le seguenti informazioni: tipologia di prodotto - dimensioni [lxlxh] - spessore [m] densità d [kg/m 3 ] - conducibilità termica equivalente λeq. [W/mK] - calore specifico c [J/kgK] - permeabilità al vapore [µ] peso dell'elemento in laterizio [kg] peso della malta o del calcestruzzo per 1m 2 di muratura o solaio [kg] Acidificazione [kg SO 2 eq] Eutrofizzazione [kg PO 4--- eq] - Riscaldamento Globale (GWP100) [kg CO 2 eq] - Riduzione dello strato di ozono (ODP) [kg CFC -11 eq] - Ossidazione fotochimica [kg C 2H 4] Consumo di energia non rinnovabile [MJ eq]. I dati relativi ad indicatori di impatto ambientale e di uso di risorse energetiche sono riferiti alla fase di produzione (LCA cradle to gate) e ad una unità di prodotto in peso (1 kg) Database materiali complementari: per ogni materiale sono disponibili per le operazioni di calcolo le seguenti informazioni: tipologia di prodotto - spessore [m] densità d [kg/m 3 ] - conducibilità termica λ [W/mK] - calore specifico c [J/kgK] - permeabilità al vapore [µ] Acidificazione [kg SO 2 eq] Eutrofizzazione [kg PO 4--- eq] - Riscaldamento Globale (GWP100) [kg CO 2 eq] - Riduzione dello strato di ozono (ODP) [kg CFC -11 eq] - Ossidazione fotochimica [kg C 2H 4] - Consumo di energia non rinnovabile [MJ eq]. I dati relativi ad indicatori di impatto ambientale e di uso di risorse energetiche sono riferiti alla fase di produzione (LCA cradle to gate)e ad una unità di prodotto in peso (1 kg) Il database del software è stato costruito selezionando, da un lato i principali prodotti in laterizio, dall'altro i principali materiali complementari disponibili sul mercato e caratterizzanti la pratica corrente del costruire in laterizio. 4.1 Il database dei prodotti in laterizio Ai fini del calcolo delle prestazioni ambientali della soluzione tecnica, all'interno del database dei prodotti in laterizio, dal momento che il prodotto in laterizio (con la sola esclusione dei prodotti in laterizio per manti da copertura) concorre alla prestazione dell'elemento tecnico componendosi con altri materiali a realizzare uno strato composto (muratura,solaio), i dati relativi ai prodotti in laterizio, sono stati aggregati con i dati relativi ai materiali complementari (es malta, getto in cls, armatura), a comporre strati di elementi tecnici in laterizio quali: muratura in mattoni pieni UNI murati con malta tradizionale muratura armata in blocchi di in laterizio (normali, alleggeriti, rettificati, ad incastro) murati con malta tradizionale muratura armata in blocchi di in laterizio (normali, alleggeriti, rettificati, ad incastro) murati con malta termica muratura portante in blocchi di laterizio (normali, alleggeriti, rettificati, ad incastro) murati con malta tradizionale muratura portante in blocchi di laterizio (normali, alleggeriti, rettificati, ad incastro) murati con malta termica muratura di tamponamento in blocchi in laterizio (normali, alleggeriti, rettificati, ad incastro) murati con malta tradizionale muratura di tamponamento in blocchi in laterizio (normali, alleggeriti, rettificati, ad incastro) murati con malta termica divisori in blocchi di laterizio (normali, alleggeriti, rettificati, ad incastro) murati a malta tradizionale divisori in blocchi di laterizio (normali, alleggeriti, rettificati, ad incastro) murati a malta termica muratura faccia a vista elementi per pavimentazione in laterizio solai in latero-cemento con travetto con fondello in laterizio o con travetto in c.a.p. manti di copertura in laterizio I dati primari relative alle caratteristiche geometriche e prestazionali dei prodotti in laterizio (dimensioni, spessore, densità, conducibilità termica equivalente, calore specifico, resistenza alla diffusione del vapore, peso dell'elemento in 7

8 laterizio, peso della malta), sono stati ricavati direttamente dalla documentazione tecnica prodotta dalle aziende per il mercato. Per quanto riguarda la caratterizzazione del profilo ambientale dei prodotti in laterizio, la valutazione degli impatti nel ciclo di vita di blocchi, blocchi alleggeriti, blocchi per solaio, mattoni per faccia a vista, mattoni tipo UNI, elementi per coperture e per pavimentazione, è stata condotta a partire dai dati specifici ricavati dal Database ANDIL 2008 sulla produzione di elementi in laterizio, come di seguito specificato nel Cap Il database dei materiali complementari Il database dei materiali complementari è composto a partire da informazioni relative a materiali complementari selezionati dal mercato, correntemente impiegati nella realizzazione di elementi tecnici verticali e orizzontali in laterizio. Il database è suddiviso in cinque categorie (isolanti, guaine impermeabilizzanti, malte, intonaci, finiture, cementi e calcestruzzi, elementi lignei), per ognuna delle quali sono disponibili, i dati relativi a densità, conducibilità termica, calore specifico, resistenza al passaggio del vapore. Il database include i prodotti con prestazioni standard, maggiormente impiegati nelle opere di costruzione in Italia, prodotti da marchi consolidati nel mercato delle costruzioni che presentino qualità ambientali dichiarate. Il profilo ambientale dei materiali complementari, è stato realizzato a partire dalla banca dati internazionale Ecoinvent opportunamente modificato in relazione alle informazioni specifiche relative al processo di produzione, raccolte direttamente dalle aziende italiane produttrici. 5. LA PROCEDURA DI CALCOLO I dati numerici contenuti nei database, sono interpretati ed elaborati dal software sulla base di metodologie di calcolo consolidate, come riportate di seguito per ogni categoria di risultato. 5.1 La verifica della prestazione termo-igrometrica MASSA SUPERFICIALE Ms: il calcolo risulta dall applicazione della formula M f =dxs [kg/m 2 ] {1.1} dove d è la densità [kg/m 3 ] e s lo spessore [m] TRASMITTANZA TERMICA U: il calcolo risulta dall applicazione della formula 1 U= [α i. +s 1 / λ 1. +s 2 / λ 2. +s 3 / λ 3. +s n /λ n. 1/C+α e ] [W/m2 K] dove {1.2} α i e α e sono i coefficienti di adduzione interno ed esterno [W/m 2 K] e s lo spessore [m] λ è la conducibilità termica [W/mK] C è la conduttanza dell intercapedine d aria [W/mK] così come riportata nella UNI EN ISO 6946 TRASMITTANZA TERMICA PERIODICA Y IE : il calcolo risulta dall applicazione della formula Y 12 = 1 Z 12 [W/m 2 K] {1.3} 8

9 dove Z 12 è un elemento della matrice di trasferimento del calore [ ] che esprime l'fornisce l'ampiezza della temperatura sul lato 2 quando il lato 1 è soggetto a una variazione periodica di densità di flusso termico con un'ampiezza di 1 W/ m 2, così come riportata nella UNI EN ISO SFASAMENTO s: il calcolo risulta dall applicazione della formula Δt Y = T 2Π arg Y mn [h] {1.4} dove T è il periodo della variazione [s] Y mn è la trasmittanza termica periodica così come riportata nella UNI EN ISO f= Y 12 U 0 [ ] FATTORE DI ATTENUAZIONE f : il calcolo risulta dall applicazione della formula {1.5} dove Y 12 è la Trasmittanza termica periodica [W/m 2 K] e U O la Trasmittanza termica calcolata in accordo con la ISO 6946 ignorando i ponti termici [W/m 2 K] così come riportata nella UNI EN ISO VERIFICA DI GLASER: condotta in accordo con il metodo di calcolo riportato nella UNI EN ISO La verifica della prestazione acustica Il software calcola la prestazione acustica di isolamento ai rumori aerei in termini di indice di valutazione del Potere Fonoisolante utilizzando formule empiriche che sono state recepite anche in ambito UNI e che sono riportate nella pubblicazione dell ANDIL Prestazioni termiche e acustiche di soluzioni di involucro in laterizio faccia a vista (disponibile all indirizzo: L aspetto più rilevante introdotto dalla legislazione attuale è che le grandezze di cui si richiede la verifica fanno tutte riferimento alla reale situazione in opera dei componenti edilizi, ovvero devono essere misurate ad edificio eseguito. Il valore del Potere Fonoisolante calcolato dal software dovrà pertanto essere utilizzato in via previsionale tenendo conto della riduzione del livello prestazionale che può manifestarsi in opera per effetto di modalità esecutive. Inoltre, con riferimento alle pareti di facciata, la normativa in materia impone la verifica dell indice di valutazione dell isolamento acustico (D2m,nT,w), rispetto al quale vengono fissati i valori limite. L isolamento acustico offerto dalla facciata di un edificio dipende dalla prestazione di potere fonoisolante dei diversi elementi costituenti la facciata stessa, il suo valore numerico è condizionato significativamente dalla prestazione acustica degli elementi in grado di dare luogo ad una maggiore trasmissione (tipicamente gli infissi, i cassonetti degli avvolgibili, le prese d aria), ma anche dalle caratteristiche geometriche della facciata in rapporto all ambiente ad essa retrostante. Il valore del Potere Fonoisolante calcolato dal software dovrà pertanto essere utilizzato in via previsionale per calcolare l isolamento acustico della facciata in opera tenuto conto di quanto sopra. POTERE FONOISOLANTE R w: Il potere fono-isolante delle pareti verticali è stato valutato sulla base delle relazioni di calcolo empiriche di seguito riportate, in relazione alla diversa composizione della parete. All'utente è chiesto di selezionare dal menu a tendina relativo alla Verifica Acustica, ed in base alla soluzione tecnica configurata, la formula di calcolo idonea. 9

10 Pareti pesanti monostrato Formula UNI TR 11175: 2005 per pareti monolitiche 50<m >400 Kg/m 2 Rw= 20lg m' [db] {1.6} Formula per pareti costituite da un paramento massiccio in elementi di laterizio forati con cappotto termico rivestito in listelli di laterizio spessi 1 o 2 cm Rw= 20lg m'+ 2 [db] {1.7} Pareti pesanti multistrato Formula per pareti costituite da due paramenti massicci in elementi di laterizio pieni o forati con intercapedine riempita con materiale termoisolante fibroso Rw= 20lg m'+ 5 [db] {1.8} Formula per pareti costituite da due paramenti massicci in elementi di laterizio pieni o forati con intercapedine riempita con materiale termoisolante a celle chiuse Rw= 20lg m'+ 2 [db] {1.9} dove m rappresenta la massa areica (intesa per unità di sueprficie) dell intera parete espressa in kg/m 2. 10

11 5.3 La verifica della performance ambientale secondo l'approccio LCA Il profilo ambientale dei prodotti è stato definito attraverso la metodologia di Valutazione del Ciclo di Vita del prodotto (LCA) in conformità alle prescrizioni della norma internazionale ISO e della bozza di strandard pren Sustainability of construction works Environmental product declarations core rules for the product category of construction products elaborata dal gruppo di lavoro TC 350 Sustainability of Construction Works - WG3 Product Level. Gli indicatori di impatto sono stati ricavati utilizzando il metodo di CML 2001 (per la caratterizzazione degli indicatori Acidificazione, Eutrofizzazione, Riscaldamento Globale (GWP100), Riduzione dello strato di ozono (ODP) e Ossidazione fotochimica e il metodo EPD Draft limitatamente alla caratterizzazione dell indicatore Non renewable, fossil. Tale scelta è stata operata in accordo con le tabelle C2-C3-C4-C6-C7 dell Annex C del pren15804 riportanti i fattori di caratterizzazione previsti dallo standard per ognuno degli indicatori elencati. Il profilo ambientale dei materiali è stato calcolato adottando l unità di massa 1kg quale unità dichiarata. Il sistema dei confini è stato strutturato sulla base della regola cradle to gate ed include quindi tutti i processi a partire dalla fase di approvvigionamento delle materie prime fino al confezionamento del prodotto prima dell uscita dal cancello dello stabilimento di produzione. Non include la fase di trasporto del materiale al cantiere ne alcuno scenario di fine vita, né il contributo della soluzione tecnica all impatto ambientale durante la fase di uso dell edificio in cui è collocata. L analisi tiene in considerazione il consumo di risorse primarie, energetiche e di materiali, le emissioni in aria e in acqua. In ognuna di queste fasi produttive, sono inclusi i consumi ausiliari associati al processo relativi ai trasporti e alla movimentazione interna. Non sono inclusi i consumi elettrici per l illuminazione e i condizionamento degli ambienti di produzione. I mix energetici impiegati nella produzione del laterizio, si riferiscono al contesto italiano. I risultati della valutazione sono espressi in forma numerica e in forma grafica. La tabella riporta, per ogni singolo strato, e nel totale per la soluzione tecnica, gli indicatori di impatto ambientale cradle to gate di Riscaldamento Globale, Acidificazione, Eutrofizzazione, Riduzione dello strato di Ozono, Ossidazione fotochimica, Consumo di risorse energetiche, valutati sia nel ciclo di vita. La tabella riporta, inoltre, il dato relativo all impatto tale ponderato della soluzione tecnica. ll totale ponderato rappresenta l impatto annuale della soluzione tecnica, valutato in una prospettiva di Reference Service Life pari a 100 anni ed è calcolato: considerando, in aggiunta all impatto ambientale relativo alla fase di produzione, l incidenza, espressa anch essa sotto forma di indicatori ambientali, dei cicli di manutenzione/sostituzione di ogni singolo strato, nella durata di vita utile; normalizzando la somma dei valori degli impatti dei singoli strati così calcolati, per ognuno dei sei indicatori, rispetto al rapporto tra la Trasmittanza termica periodica di Progetto YIE,p e la trasmittanza termica limite YIE,lim della soluzione tecnica. E' così possibile valutare il profilo ambientale della soluzione, in relazione alle prestazioni termiche, al contesto climatico di riferimento, e alla diversa durabilità dei materiali che compongono l'elemento o la soluzione tecnica. La durata di vita utile dei materiali presenti nel database è stata dedotta da banche dati internazionali. In aggiunta ai dati numerici, i sei istogrammi riportano, per ognuno dei sei indicatori di impatto, il contributo di ogni strato della soluzione tecnica all'impatto totale ponderato. TIP: Per soluzioni tecniche per le quali non è prevista, ai sensi di legge, la verifica della trasmittanza termica periodica YIE, (zona climatica E, partizioni interne verticali e orizzontali) non viene effettuata alcuna normalizzazione dei valori LCA Il software si propone quale strumento di supporto alla progettazione, in grado di offrire al progettista non soltanto una verifica dei dati prestazionali significativi delle soluzioni tecniche di involucro previste dal progetto, ma soprattutto gli elementi utili al confronto tra soluzioni alternative sulla base del profilo ambientale ponderato in rapporto alla prestazione termica estivo assicurata in uso rispetto a quanto richiesto dalla normativa. 11

12 6. IL REPORT FINALE Cliccando sul pulsante Report Avanzato presente sulla homepage, il software genera un documento, archiviabile in formato PDF, salvando il file tramite l'apposito pulsante, nel quale sono riportate tutte le informazioni relative alle condizioni a contorno, ai limiti normativi di riferimento, alla configurazione dell'elemento, nonché i risultati delle valutazioni sulle prestazioni termoigrometriche, acustiche ed ambientali relative all'elemento. Figura 2: La prima parte del report riepiloga le condizioni a contorno definite per l'impostazione dei calcoli Figura 3: La seconda sezione, riepiloga la stratigrafia e la prestazione termica del componente, descritto anche attraverso una immagine grafica che riproduce in scala spessori e materiali 12

13 Figura 4: La terza, quarta e quinta sezione riportano i risultati rispettivamente delle verifiche igrometriche, termich einregime dinamico ed acustiche TIP: In riferimento ai valori di calcolo relativi alla prestazione igrometrica, il software segnalerà eventuali dissonanze rispetto ai limiti normativi previsti per la zona climatica e la tipologia di elemento, evidenziando in giallo i valori di condensa superiore al limita ma ammissibili, e in rosso i valori relativi alla formazione di condensa non conformi, in modo da facilitare la verifica da parte dell'utente. 13

14 Figura 5: Il rapporto finale, scaricabile dall'utente in formato PDF, riporta il profilo completo della performance ambientale della soluzione tecnica analizzata RIFERIMENTI NORMATIVI - DPR n. 59/ Dlgs 10/07/2009 Linee guida per la certificazione energetica - Legge n.447/ ISO 14050: Gestione Ambientale Vocabolario - pren Sustainability of construction works Environmental product declarations core rules for the product category of construction products - UNI 8192:1981 Edilizia residenziale - Sistema tecnologico Classificazione e terminologia - UNI 10349:1994 Riscaldamento e raffrescamento degli edifici - Dati climatici - UNI EN ISO 6946:2008 Componenti ed elementi per edilizia - Resistenza termica e trasmittanza termica - Metodo di calcolo - UNI EN ISO 13786:2008 Prestazione termica dei componenti per edilizia - Caratteristiche termiche dinamiche - Metodi di calcolo - UNI EN ISO 13788:2003 Prestazione igrotermica dei componenti e degli elementi per edilizia Temperatura superficiale interna per evitare l umidità - superficiale critica e condensazione interstiziale - Metodo di calcolo - UNI EN ISO (2002), Acustica edilizia. Stima delle prestazioni acustiche degli edifici a partire dalle prestazioni dei prodotti. Isolamento acustico dal rumore esterno. - UNI TR (2005), Acustica in edilizia. Guida alle norme serie UNI EN per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici. Applicazione alla tipologia costruttiva nazionale. 14

blocco termofonoisolante ISO 30 isola dal rumore, dal freddo e dal caldo rispettando l'ambiente

blocco termofonoisolante ISO 30 isola dal rumore, dal freddo e dal caldo rispettando l'ambiente blocco termofonoisolante ISO 30 isola dal rumore, dal freddo e dal caldo rispettando l'ambiente ISO30: il blocco termofonoisolante per pareti divisorie interne Le pareti divisorie tra unità immobiliari

Dettagli

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA Essenzialmente, l armatura offre un incremento di resistenza a trazione e a taglio nonchè, ovviamente, a flessione mentre i blocchi e la malta assorbono prevalentemente

Dettagli

Comportamento dinamico dell involucro opaco

Comportamento dinamico dell involucro opaco Comportamento dinamico dell involucro opaco Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari E-mail: pietro.stefanizzi@poliba.it Bari, 3 ottobre 2014 CONDUTTIVITA TERMICA? UNI 10351:1994 Materiale solido

Dettagli

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB)

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) 5 VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) I nuovi decreti sull efficienza energetica degli edifici L entrata in vigore del D.Lgs 192 nell ottobre 2005 ha portato alla ribalta anche nel nostro Paese il

Dettagli

Conducibilità Termica [W/mK]

Conducibilità Termica [W/mK] ANALISI DEL RISPARMIO ENERGETICO E DEI BENEFICI DERIVANTI DALL UTILIZZO DI FACCIATE VENTILATE Questo lavoro nasce dall intento di dare una risposta il più attendibile possibile e attinente alle condizioni

Dettagli

blocco termoisolante BREVETTATO

blocco termoisolante BREVETTATO blocco termoisolante BREVETTATO 1 blocco termoisolante Quadro Normativo RENDIMENTO ENERGETICO NELL EDILIZIA La Comunità Europea ha emanato nel 2002 la Direttiva 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER Impianti di Climatizzazione e Condizionamento a.a. 2011-12 - Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti 1 CALCOLO DEI CARICHI TERMICI E DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER ALCUNI CASI DI STUDIO Il

Dettagli

L INVOLUCRO. Efficienza energetica nel regime invernale

L INVOLUCRO. Efficienza energetica nel regime invernale L INVOLUCRO Efficienza energetica nel regime invernale L involucro Regime invernale D.Lgs. 192/05 e 311/06 Allegato I: Devono essere rispettate TUTTE le seguenti prescrizioni Determinazione dell indice

Dettagli

Cantiere Galassi-Varmo

Cantiere Galassi-Varmo Cantiere Galassi-Varmo Riccardo Berti 27 ottobre 2014 1 1 Norme tecniche di riferimento UNI 10351 Materiali da costruzione. Conduttività termica e permeabilità al vapore; UNI 10355 Murature e solai. calcolo;

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

avvio della procedura di scelta del contraente ELABORATI AMMINISTRATIVI E TECNICI

avvio della procedura di scelta del contraente ELABORATI AMMINISTRATIVI E TECNICI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO OPERE CIVILI Progetto : Fase : Categoria : Titolo: RICERCA DI UN PARTNER PRIVATO PER LA REALIZZAZIONE DI UN INTERVENTO FINALIZZATO

Dettagli

CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI

CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI QUADRO NORMATIVO L.373/1976 Introduce il primo concetto di prestazione energetica, in particolare riferimento alla coibentazione degli impianti di produzione di energia.

Dettagli

Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione

Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione Centro Edile per la Sicurezza e la Formazione Il presente depliant è stato stampato su carta riciclata. SISTEMI E MATERIALI INNOVATIVI PER L ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI ESISTENTI SISTEMI E MATERIALI

Dettagli

...la soluzione definitiva!

...la soluzione definitiva! ...la soluzione definitiva! Località Bellavista, 25 (C.P. 275) Strada Statale n. 2 Cassia km 249,4 53036 Poggibonsi, Siena tel. +39 0577 979 048 fax +39 0577 979 394 e-mail: info@unibloc.it - url: www.unibloc.it

Dettagli

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E TECNICI PUNTO ENERGIA L Attestato di Prestazione Energetica alla luce del Decreto Legge 63/2013. Esempi di calcolo. Prof. Ing. Dimitrios

Dettagli

COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO

COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari Dipartimento di Architettura ed Urbanistica Sezione Fisica Tecnica Via Orabona 4-7025 Bari p.stefanizzi@poliba.it

Dettagli

Soluzioni tecniche per pareti in laterizio. energeticamente efficienti

Soluzioni tecniche per pareti in laterizio. energeticamente efficienti Soluzioni tecniche per pareti in laterizio energeticamente efficienti Presentazione Progettare e costruire case oggi, nell era tecnologica ed evoluta in cui viviamo, comporta nuove problematiche da affrontare.

Dettagli

Efficienza Energetica degli Edifici : Isolamento e Prestazioni del Laterizio

Efficienza Energetica degli Edifici : Isolamento e Prestazioni del Laterizio Efficienza Energetica degli Edifici : Isolamento e Prestazioni del Laterizio SOGGETTO PROPONENTE Abitare A+ OBIETTIVI E FINALITA DEL CORSO Il corso orienta il progettista alla sperimentazione architettonica

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 Descrizione della struttura: PARETE PERIMETRALE ESTERNA Codice: M1 Trasmittanza

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento Isolamenti, termo cappotto e case di legno L isolamento dell involucro Isolare in maniera ottimale un edificio consente un risparmio dei consumi di energia dal 40 fino ed oltre il 70%. Investire nel miglioramento

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

Progettazione e ottimizzazione dell involucro edilizio 24/04/2013. Componenti dell involucro edilizio

Progettazione e ottimizzazione dell involucro edilizio 24/04/2013. Componenti dell involucro edilizio Componenti dell involucro edilizio Progettazione e ottimizzazione dell involucro edilizio Relatore Dott. Ing. Costantino Carlo Mastino mastino@fisicatecnica-unica.it http://www.fisicatecnica-unica.it Pareti

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

Pareti leggere e stratificate in laterizio Costruire bene per vivere meglio

Pareti leggere e stratificate in laterizio Costruire bene per vivere meglio 2 Pareti leggere e stratificate in laterizio Costruire bene per vivere meglio Indice Premessa pag. 3 Soluzioni tecniche pag. 4 Articolazione e contenuti delle schede pag. 4 Livelli prestazionali pag. 5

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale

Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Torino, 18 Aprile 2012 Arch. Stefano Dotta Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione

Dettagli

Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET ABSTRACT

Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET ABSTRACT Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET arch. Consuelo Nava A cura di R. Astorino ABSTRACT NORMATIVE TECNICHE DI RIFERIMENTO D.Lgs 19 agosto 2005, n 192 Attuazione della direttiva 2002/91CE

Dettagli

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Per l isolamento termico e acustico di pareti e coperture imputrescibile inattaccabile da muffe, batteri o roditori anallergico riciclabile ecologico

Dettagli

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo 1-Efficaci elementi di schermatura delle superfici vetrate ( esterni o interni) 2-Ottimizzare la ventilazione naturale 3-Eventuale ventilazione

Dettagli

Laterizi Impredil s.r.l.

Laterizi Impredil s.r.l. Laterizi Impredil s.r.l. CATALOGO GENERALE 2013 Soluzioni su misura per qualsiasi intervento edilizio Benessere abitativo nel costruire intelligente pag. 1 Il risparmio energetico pag. 4 Normativa per

Dettagli

LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA

LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA NZEB e ZEB definizioni a confronto La Direttiva 2010/31/UE ( EPBD recast 2010) sulla prestazione energetica degli edifici

Dettagli

ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Ing. MARIA CRISTINA GRILLO Consulente LCA per ARCA

ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Ing. MARIA CRISTINA GRILLO Consulente LCA per ARCA ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE Venerdì 10 Ottobre 2014 Palazzo della ricerca e della conoscenza Fondazione Edmund Mach San Michele all Adige (TN) IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Introduzione

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO Immobile Alloggi E.R.P.S. INDIRIZZO Via Cerruti BIOGLIO ( BI ) COMMITTENTE INDIRIZZO Comune di Bioglio Via Cerruti

Dettagli

I DECRETI ATTUATIVI ex L. 90/2013 di recepimento della Direttiva sulla prestazione energetica degli edifici

I DECRETI ATTUATIVI ex L. 90/2013 di recepimento della Direttiva sulla prestazione energetica degli edifici I DECRETI ATTUATIVI ex L. 90/2013 di recepimento della Direttiva sulla prestazione energetica degli edifici Materiali e sistemi per un involucro ad elevate prestazioni. I falsi miti e le criticità. Ing.

Dettagli

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Per l isolamento termico e acustico di pareti e coperture imputrescibile inattaccabile da muffe, batteri o roditori anallergico riciclabile ecologico

Dettagli

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997 RELAZIONE ACUSTICA Legge 447 del 26 ottobre 1995 D.P.C.M. 05 dicembre 1997 COMMITTENTE: Mario Bianchi EDIFICIO: Palazzina 4 unità Residenziali INDIRIZZO Via Verdi 12, Milano INTERVENTO: Valutazione del

Dettagli

PARETI E DIVISORIE PERIMETRALI IN MURATURA. Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco EDILIZIA

PARETI E DIVISORIE PERIMETRALI IN MURATURA. Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco EDILIZIA COMFORT TERMICO ED ACUSTICO NELL EDILIZIA PARETI PERIMETRALI E DIVISORIE IN MURATURA Isolanti minerali in lana di vetro per tutte le esigenze di protezione da calore, rumore e fuoco 2 Isolanti minerali

Dettagli

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati EDILTIRRENO EXPO Carrara, 16 Maggio 2008 Simone Secchi Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e Design _ Università di

Dettagli

Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE. BioPLUS

Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE. BioPLUS Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE BioPLUS SISTEMA BREVETTATO BIOPLUS TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE termica+acustica+antisismica BIOPLUS è un sistema costruttivo brevettato, composto

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 INDICE GENERALE: 1. Introduzione pag. 3 2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 3. Stratigrafia del divisorio di copertura e caratteristiche tecniche dei prodotti pag. 5 4. Calcolo della trasmittanza

Dettagli

Termofisica dell involucro edilizio

Termofisica dell involucro edilizio Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 Termofisica dell involucro edilizio Problematiche termoigrometriche dell elemento di involucro edilizio opaco prof. ing. Anna Magrini, Università

Dettagli

Complesso residenziale, Trondheim

Complesso residenziale, Trondheim Complesso residenziale, Trondheim Fig. 3.54 Sezione verticale. Immagini tratte da: Hegger, Fuchs, Stark, Zeumer, Energy Manual Sustainable Architecture, Institut fur internazionale Architektur-Dokumentation

Dettagli

Involucro in laterizio.

Involucro in laterizio. Involucro in laterizio. Soluzioni per il risparmio energetico Ing. Dario Mantovanelli dario.mantovanelli@wienerberger.com 2 WIENERBERGER AG 230 stabilimenti in 30 nazioni 3 Wienerberger Spa Le fornaci

Dettagli

CONTROTERRA PAVIMENTI VERSO L ESTERNO COPERTURE SOLUZIONE IN SACCO CONTRO TERRA RISCALDAMENTO PAVIMENTI CONTRO TERRA SOTTOFONDI U=0,8MALTA

CONTROTERRA PAVIMENTI VERSO L ESTERNO COPERTURE SOLUZIONE IN SACCO CONTRO TERRA RISCALDAMENTO PAVIMENTI CONTRO TERRA SOTTOFONDI U=0,8MALTA TERMICODEMOLIZIONE ISOLA CON Sistemi e soluzioni per l isolamento termico in argilla espansa ai sensi del nuovo Decreto 26 giugno 2015 sull efficienza energetica in edilizia (NZEB - edifici a energia quasi

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI EDILIZI AD ALTA PRESTAZIONE ENERGETICA

TECNOLOGIE PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI EDILIZI AD ALTA PRESTAZIONE ENERGETICA TECNOLOGIE PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI EDILIZI AD ALTA PRESTAZIONE ENERGETICA PROGRAMMA Parte I - Caratteristiche tecniche e sostenibilità dei materiali isolanti Celenit Parte II - Isolamento termico

Dettagli

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO IPOTESI DI MASSIMA DELLA DISTRIBUZIONE INTERNA Dall analisi delle esigenze degli

Dettagli

Attacco in fondazione della muratura: soluzioni

Attacco in fondazione della muratura: soluzioni Attacco in fondazione della muratura: soluzioni Roberto Calliari Chi ben comincia è a metà dell opera! Questo detto popolare si può correttamente applicare nella costruzione di un edificio efficiente.

Dettagli

LA CASA COSTRUITA PER L UOMO VALUTARE IL COMPORTAMENTO ENERGETICO DELL EDIFICIO

LA CASA COSTRUITA PER L UOMO VALUTARE IL COMPORTAMENTO ENERGETICO DELL EDIFICIO LA CASA COSTRUITA PER L UOMO VALUTARE IL COMPORTAMENTO ENERGETICO DELL EDIFICIO Arch. Daniele Maffia Ing. Leonardo Maffia maffia@studiolce.it maffia@studio-maia.it maia.it LA CASA COSTRUITA PER L UOMO

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO.

SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO. SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO. Dalla Scandinavia, dove di inverni se ne intendono, arriva la soluzione per costruire murature con il massimo isolamento termico. Lecablocco Bioclima Zero

Dettagli

ALLEGATO A Calcoli di progetto PREMESSA Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

da oltre 40 anni costruendo successi

da oltre 40 anni costruendo successi da oltre 40 anni costruendo successi Estratto dal Catalogo Generale 2010 Lecablocco Bioclima Zero, una famiglia completa Lecablocco Bioclima Zero è la famiglia di blocchi multistrato in argilla espansa

Dettagli

LATERIZIO & ACUSTICA

LATERIZIO & ACUSTICA Te c n o l o g i a p e r c o s t r u i re b e n e s s e re LATERIZIO & ACUSTICA LATERIZIO & ACUSTICA Il binomio LATERIZIO & ACUSTICA nasce dal fatto che la base del principio fisico su cui si basa l isolamento

Dettagli

peter erlacher naturno RISANAMENTO ENERGETICO convegno klimahouse 2014 www.agenziacasaclima.it

peter erlacher naturno RISANAMENTO ENERGETICO convegno klimahouse 2014 www.agenziacasaclima.it RISANAMENTO ENERGETICO convegno klimahouse 2014 www.agenziacasaclima.it relatore peter erlacher, naturno (bz) fisica tecnica & edilizia sostenibile www.erlacher-peter.it bolzano, 25 gennaio 2014 Consumo

Dettagli

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE Claudioforesi S.r.l. via Fosso, 2/4 60027 S. Biagio Osimo (AN) Tel. 071 7202204 071 7109309 Fax. 071 7108180

Dettagli

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT System pag. 2 INTRODUZIONE pag. 4 Mapesilent system pag. 4 PRESTAZIONI E POSA IN OPERA pag. 6 ESEMPIO DI CALCOLO ACUSTICO pag. 7 ESEMPIO DI CALCOLO TERMICO pag. 8 COMPONENTI

Dettagli

SPECIALE ponte termico

SPECIALE ponte termico Speciale-Ponte Termico - Edizione 1 - Revisione 0 del 23 aprile 2015 SPECIALE ponte termico Calcolo ponte termico: metodi ed esempi di analisi agli elementi finiti - finestra - solaio - balcone NOTA AGGIORNAMENTI

Dettagli

Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia

Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia Risparmio energetico e comfort in un edificio a uso abitativo Federico Fontanili Studio Alfa Reggio Emilia La verifica termica, acustica e microclimatica effettuata in sito su un edificio massivo, costruito

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD)

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Isolamento acustico di facciata: effetto delle connessioni rigide nelle pareti doppie S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Nella realizzazione

Dettagli

02/10/2011 TERMOTECNICA E IMPIANTI A.A. 2011/2012. U.03 Trasmittanza (pareti opache) U.03 Trasmittanza (pareti opache) 2/49

02/10/2011 TERMOTECNICA E IMPIANTI A.A. 2011/2012. U.03 Trasmittanza (pareti opache) U.03 Trasmittanza (pareti opache) 2/49 U03 U.03 Trasmittanza (pareti opache) U.03 Trasmittanza (pareti opache) 1/49 CONDUTTIVITA TERMICA U.03 Trasmittanza (pareti opache) 2/49 1 CONDUTTIVITA TERMICA (UNI 10351) U = 1 + α i j 1 Lj + λ j k 1

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

IL PROGETTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI NZEB

IL PROGETTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI NZEB IL PROGETTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI NZEB Scopriamo quali elementi normativi sono stati introdotti dai decreti attuativi alla Legge 90/2013 e quali le principali novità da considerare nella progettazione

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Industriale Caratteristiche termiche delle strutture edilizie Calcolo del fabbisogno energetico degli edifici Prof. Simone Secchi Calcolo della trasmittanza termica Metodo di calcolo riportato nella norma UNI EN ISO

Dettagli

LCA dei solai in laterocemento

LCA dei solai in laterocemento Elisabetta Palumbo Ricerca LCA dei solai in laterocemento In un ottica di sostenibilità ambientale, la progettazione e la costruzione di soluzioni tecniche di solaio non possono prescindere dalla valutazione

Dettagli

POROTON 800. 23x30x24. Elemento portante in zona sismica. Dimensioni L x S x H (mm) 230 x 300 x 240. Peso dell elemento (kg) 14,0

POROTON 800. 23x30x24. Elemento portante in zona sismica. Dimensioni L x S x H (mm) 230 x 300 x 240. Peso dell elemento (kg) 14,0 Elemento portante in zona sismica 800 23x30x24 Dimensioni L x S x H (mm) 230 x 300 x 240 Peso dell elemento (kg) 14,0 Percentuale di foratura (%) 45 Numero pezzi al m 2 17,1 Numero pezzi per pacco 48 Resistenza

Dettagli

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO prof. ing. Vincenzo Corrado Dipartimento Energia, Politecnico di Torino vincenzo.corrado@polito.it Introduzione al concetto di ponte termico

Dettagli

Large Valorisation on Sustainability of Steel Structures. AMECO3 software. Dicembre 2014 AMECO

Large Valorisation on Sustainability of Steel Structures. AMECO3 software. Dicembre 2014 AMECO Large Valorisation on Sustainability of Steel Structures 3 software Dicembre 2014 1 Presentazione generale : Software relativo al Life Cycle Assessment di ponti ed edifici con struttura in acciaio Calcoli

Dettagli

VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO

VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO Cinzia Buratti, Elisa

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

Prestazioni termiche

Prestazioni termiche I seminari del laterizio ANDIL - Associazione Nazionale degli Industriali del Laterizio Prestazioni termiche dell involucro edilizio Facoltà di Ingegneria Università di Pisa prof.ssa Maria Luisa Beconcini

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Committente: Callegaro Group Adria Sede Legale: Tel. 0426/42603 Fax. 0426/21491 Oggetto: RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Versione: 1.1 Revisione:

Dettagli

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam Pregyver sistema lastre- Pregyroche PANNELLI ACCOPPIATI I PANNELLI ACCOPPIATI SINIAT I pannelli preaccoppiati Siniat

Dettagli

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. Isolamento acustico di facciata su pareti con isolamento a cappotto in polistirene espanso. ANALISI DEL COMPORTAMENTO

Dettagli

EDILCALC. Calcolo Termico e Igrometrico di pareti opache in edilizia. Calcolo semplificato componenti finestrati

EDILCALC. Calcolo Termico e Igrometrico di pareti opache in edilizia. Calcolo semplificato componenti finestrati EDILCALC Calcolo Termico e Igrometrico di pareti opache in edilizia Calcolo semplificato componenti finestrati Calcolo semplificato della Classe Energetica degli edifici residenziali Sintesi funzionale

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI Scheda: MR1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI Codice Struttura: Descrizione Struttura: MR.01 Muratura perimetrale composta da blocco in laterizio da 12 cm, strato d'aria di

Dettagli

I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda

I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda Giuseppe Desogus Laboratorio Efficienza Energetica, Sardegna Ricerche Il Laboratorio Efficienza Energetica Coordinatore

Dettagli

Una linea selezionata di prodotti, pensati per il risparmio energetico.

Una linea selezionata di prodotti, pensati per il risparmio energetico. Una linea selezionata di prodotti, pensati per il risparmio energetico. ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO SECONDO L A NORMATIVA E LA LEGISLAZIONE VIGENTE In materia di efficienza energetica l Italia

Dettagli

STRUTTURE OPACHE VERTICALI PERIMETRALI A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

STRUTTURE OPACHE VERTICALI PERIMETRALI A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 5 STRUTTURE OPACHE VERTICALI PERIMETRALI A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano Le strutture opache verticali perimetrali sono quelle strutture che delimitano l edificio verticalmente:

Dettagli

Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a:

Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a: Un nuovo modo di vedere l edificio Il bisogno di contenere il consumo energetico ha portato i progettisti a: - Trovare soluzioni sempre più spinte per ridurre la trasmissione del calore nella fase invernale

Dettagli

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni.

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni. L ACUSTICA Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici Ing. Paolo Marinoni Celenit SpA Soluzioni ecobiocompatibili per l isolamento acustico UN PRODOTTO SOSTENIBILE

Dettagli

ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO

ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO allegato1:allegato tecnico...1 1. Introduzione...2 2. Il fabbisogno energetico di un edificio...2 2.1. Trasmittanza...2 3. La coibentazione e la sostituzione dei vetri semplici...4

Dettagli

Manti di copertura in laterizio: soluzioni per il comfort termoigrometrico

Manti di copertura in laterizio: soluzioni per il comfort termoigrometrico 2 Manti di copertura in laterizio: soluzioni per il comfort termoigrometrico Indice Premessa pag. 3 I modelli di funzionamento delle coperture pag. 4 Le soluzioni tecniche ed i criteri di scelta pag. 9

Dettagli

Massa e comfort: necessità di una adeguata capacità termica areica interna periodica

Massa e comfort: necessità di una adeguata capacità termica areica interna periodica Costanzo Di Perna, Francesca Stazi, Andrea Ursini Casalena, Alessandro Stazi Ricerca Massa e comfort: necessità di una adeguata capacità termica areica interna periodica Attraverso monitoraggi e analisi

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

ecologico sostenibile efficiente con studio alternativo alla massa

ecologico sostenibile efficiente con studio alternativo alla massa il Tetto certificato ecologico sostenibile efficiente con studio alternativo alla massa Tetti in Legno Ventilati Ad alta efficienza energetica Conformi al DLGS 311/06 e DPR 2/4/09, n 59 TETTI IN LEGNO

Dettagli

6 - Energia netta: Involucro

6 - Energia netta: Involucro 6 - Energia netta: Involucro 153 Sommario 6.1 Elementi disperdenti... 158 6.1.1 Inserisci elemento... 159 6.1.1.1 Nuovo elemento opaco... 161 6.1.1.1.1 Definizione della trasmittanza dell elemento opaco...

Dettagli

ESERCITAZIONE. Corso per certificatori energetici degli edifici. ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE. Ing. Sonia Subazzoli 1/40

ESERCITAZIONE. Corso per certificatori energetici degli edifici. ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE. Ing. Sonia Subazzoli 1/40 Corso per certificatori energetici degli edifici ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE Ing. Sonia Subazzoli 1/40 SOMMARIO DELLA LEZIONE 1. RIPASSO DEL BILANCIO ENERGETICO; ESEMPI DI CALCOLO DI TRASMITTANZA,

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

Risparmio energetico. Detrazione fiscale Basso spessore RISTRUTTURARE

Risparmio energetico. Detrazione fiscale Basso spessore RISTRUTTURARE Risparmio energetico CoMfort Detrazione fiscale Basso spessore RISTRUTTURARE c o n g l i i s o l a n t i t e r m o r i f l e t t e n t i o v e r- a l l Quando la tecnologia avanza tutto si assottiglia...

Dettagli

PRODOTTI IN LANA DI ROCCIA EDILIZIA

PRODOTTI IN LANA DI ROCCIA EDILIZIA PRODOTTI IN LANA DI ROCCIA EDILIZIA ORIGINE E CARATTERISTICHE CHIMICO FISICHE LANA DI ROCCIA FIBROROCK La lana di roccia Fibrorock è un prodotto naturale ottenuto dalla fusione alla temperatura di 00 C

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO

ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO P.I. Luciano Sonda Amm. Delegato di ISOLARE srl 78 Isolamento termico degli edifici.

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 La Finestra sul PVC La Finestra sul PVC n. 80 del 08/10/2014 PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 Il 2 ottobre sono state pubblicate da UNI le nuove versioni della UNI/TS

Dettagli

Risparmio energetico e normativa per le costruzioni in laterizio

Risparmio energetico e normativa per le costruzioni in laterizio Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Ricerca 23 ottobre 2006 Risparmio energetico e normativa per le costruzioni in

Dettagli