Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale"

Transcript

1 Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Torino, 18 Aprile 2012 Arch. Stefano Dotta

2 Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Accordo di di Programma ITACA Regione Marche ITC-CNR Università Politecnica delle Marche Partenariato Armines Ecole des Mines (Paris) iisbe Italia 2B Environmental Consultants Environment Park

3 Obiettivi di di Progetto Strutturazione e definizione della prima banca dati LCA di materiali e prodotti per l edilizia Sviluppo ed applicazione di un sistema di valutazione della qualità ambientale di materiali e prodotti per l edilizia

4 Categorie di di impatto ambientale assunte come metodo di di riferimento nazionale INDICATORI INDICATORI DI DI IMPATTO IMPATTO AMBIENTALE AMBIENTALE GLOBALI GLOBALI Impatti Impatti Potenziali Potenziali u.eq u.eq /u.f. /u.f. Flussi Flussi in in input/output input/output Effetto Effetto serra serra CO CO 2 Consumo 2 Consumo di di energia energia Assottigliamento Assottigliamento ozono ozono CFC-11 CFC-11 Consumo Consumo di di acqua acqua Ossidazione Ossidazione fotochimica fotochimica C C 2 H 2 H 4 Depauperamento 4 Depauperamento abiotico abiotico Acidificazione Acidificazione SO SO 2 Smaltimento 2 Smaltimento rifiuti rifiuti inerti inerti Eutrofizzazione Eutrofizzazione PO PO Rifiuti Rifiuti non non pericolosi pericolosi Tossicità Tossicità umana umana 1.4-DB 1.4-DB Rifiuti Rifiuti pericolosi pericolosi Ecotossicità Ecotossicità PAF PAF m 2 yr 2 yr Rifiuti Rifiuti radioattivi radioattivi u.eq u.eq /u.f. /u.f. MJ MJ Sb Sb

5 1. 1. Definizione della struttura della banca dati Schematizzazione prezzario regionale Suddivisione dei materiali in categorie funzionali

6 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione A: A: Descrizione generale A. DESCRIZIONE GENERALE A. DESCRIZIONE GENERALE Nome Nome Categoria di materiale Categoria di materiale Ambito applicativo Ambito applicativo Unità funzionale Unità funzionale Descrizione Descrizione Cod. Rif. Cod. Rif. Immagine Immagine Sezione B: B: Caratteristiche fisiche B. CARATTERISTICHE FISICHE B. CARATTERISTICHE FISICHE Dimensioni Dimensioni Conduttività termica Conduttività termica Resistenza termica Resistenza termica Resistenza al vapore Resistenza al vapore mm Densità mm Densità /m 3 /m 3 W/mK Calore specifico J/K W/mK Calore specifico J/K m 2 K/W Altro m 2 K/W Altro m Altro m Altro

7 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione C: C: Indicatori di di qualità del del dato C. INDICATORI DI QUALITA' DEL DATO C. INDICATORI DI QUALITA' DEL DATO Dato Primario Dato Primario Nome merceologico Nome merceologico Nome azienda Nome azienda Indirizzo Indirizzo Periodo acquisizione Periodo acquisizione Ultima revisione Ultima revisione Geografia Geografia Produzione analizzata Produzione analizzata Regole di allocazione Regole di allocazione Fasi di ciclo di vita Fasi di ciclo di vita Contestualizzazione Contestualizzazione Aggiornamento mix energetico Aggiornamento mix energetico Trasporti di distribuzione Trasporti di distribuzione Aggiunta scenari di fine vita Aggiunta scenari di fine vita Dato Secondario Dato Secondario Fonte Fonte Periodo di aquisizione Periodo di aquisizione Ultima revisione Ultima revisione Geografia Geografia Tecnologia Tecnologia Regole di allocazione Regole di allocazione Fasi del ciclo di vita Fasi del ciclo di vita Contestualizzazione Contestualizzazione Verifica processo produttivo Verifica processo produttivo Modifica mix energetico Modifica mix energetico Trasporti di distribuzione Trasporti di distribuzione Trasporti di importazione Trasporti di importazione Aggiunta scenari di fine vita Aggiunta scenari di fine vita

8 Riunione Tecnica c/o Regione Lombardia Roma 27 Maggio Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione D: D: Indicatore aggregato di di valutazione della qualità del del dato D. INDICATORE AGGREGATO DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA' AMBIENTALE D. INDICATORE AGGREGATO DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA' AMBIENTALE Range di classificazione di categoria A <X C <Y Range di classificazione di categoria A <X C <Y Punteggio singolo di valutazione della qualità ambientale Punteggio singolo di valutazione della qualità ambientale A, B o C A, B o C Grafico polare di categoria Grafico polare di categoria Grafico polare Grafico polare

9 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione E: E: Etichettature o certificazioni ambientali pregresse od od in in essere E. ETICHETTATURE O CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PREGRESSE OD IN ESSERE E. ETICHETTATURE O CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PREGRESSE OD IN ESSERE Tipo (EPD, Emas, ) Ente rilascio Luogo rilascio Data rilascio Periodo validità Tipo (EPD, Emas, ) Ente rilascio Luogo rilascio Data rilascio Periodo validità Sezione F: F: Altre informazioni utili F. ALTRE INFORMAZIONI UTILI F. ALTRE INFORMAZIONI UTILI

10 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione G: G: Indicatori di di impatto ambientale globali G. INDICATORI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI G. INDICATORI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI Impatti Potenziali u.eq /u.f. Flussi in input/output Impatti Potenziali u.eq /u.f. Flussi in input/output Effetto serra CO Effetto serra 2 Consumo di energia CO 2 Consumo di energia Assottigliamento ozono CFC-11 Consumo di acqua Assottigliamento ozono CFC-11 Consumo di acqua Ossidazione fotochimica C Ossidazione fotochimica 2 H 4 Depauperamento abiotico C 2 H 4 Depauperamento abiotico Acidificazione SO Acidificazione 2 Smaltimento rifiuti inerti SO 2 Smaltimento rifiuti inerti Eutrofizzazione PO Eutrofizzazione Rifiuti non pericolosi PO Rifiuti non pericolosi Tossicità umana 1.4-DB Rifiuti pericolosi Tossicità umana 1.4-DB Rifiuti pericolosi Ecotossicità PAF m Ecotossicità 2 yr Rifiuti radioattivi PAF m 2 yr Rifiuti radioattivi u.eq /u.f. u.eq /u.f. MJ MJ Sb Sb

11 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Area approfondimento: Informazioni aggiuntive Vengono riportati gli indicatori di impatto ambientale di cui alla Sezione G suddivisi per: contributo relativo al processo produttivo contributo relativo ai trasporti contributo relativo agli scenari di fine vita

12 3. 3. Esempi di di schede tecniche di di prodotto complete C C A. DESCRIZIONE GENERALE Nome A. DESCRIZIONE GENERALE Piastrelle in ceramica Categoria Nome di materiale Pavimenti Piastrelle in ceramica Ambito Categoria applicativo di materiale Rivestimento Pavimenti di pavimenti Unità Ambito funzionale applicativo 1 Rivestimento di pavimenti Descrizione Unità funzionale Piastrelle 1 di produzione Italiana. L'analisi condotta risulta valida sia per piastrelle monocottura che bicottura. Le Descrizione Piastrelle di produzione Italiana. L'analisi condotta risulta dimensioni riportate di seguito sono solo indicative. La scheda valida sia per piastrelle monocottura che bicottura. Le in oggetto può essere applicata anche a piastrelle dimensioni riportate di seguito sono solo indicative. La scheda dimensioni differenti. in oggetto può essere applicata anche a piastrelle di dimensioni differenti. B. CARATTERISTICHE FISICHE Dimensioni B. CARATTERISTICHE FISICHE 200x200x10 mm Densità 2000 /m 3 3 Conduttività Dimensioni termica 200x200x W/mKmm Calore Densità specifico J/K /m Resistenza Conduttività termica termica m K/W W/mKAltro Calore specifico 920 J/K Resistenza al vapore termica m 2 K/WAltro Altro Resistenza al vapore m Altro Dato Primario Dato Secondario Nome Dato merceologico Primario Fonte Dato Secondario Ecoinvent Nome Nome azienda merceologico Periodo Fontedi aquisizione 2003 Ecoinvent Indirizzo Nome azienda Ultima Periodo revisione di aquisizione Indirizzo Geografia Ultima revisione Italia 2007 Periodo acquisizione Tecnologia Geografia Larga Italia scala Ultima Periodo revisione acquisizione Regole Tecnologia di allocazione Nessuna Larga allocazione scala Geografia Ultima revisione Fasi Regole del ciclo di allocazione di vita LCA Nessuna di produzione allocazione completa Produzione Geografianalizzata Fasi del ciclo di vita LCA di produzione completa Regole Produzione di allocazione analizzata Fasi Regole di ciclo di di allocazione vita Contestualizzazione Fasi di ciclo di vita Verifica Contestualizzazione processo produttivo Contestualizzazione Modifica Verifica mix processo energetico produttivo Aggiornamento Contestualizzazione mix energetico Trasporti Modifica distribuzione mix energetico Trasporti Aggiornamento di distribuzione mix energetico Trasporti Trasporti di importazione di distribuzione Aggiunta Trasporti scenari di distribuzione fine vita Aggiunta Trasporti scenari di importazione di fine vita Aggiunta scenari di fine vita Aggiunta scenari di fine vita D. INDICATORI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI Impatti D. INDICATORI Potenziali DI IMPATTO AMBIENTALE u.eq GLOBALI /u.f. Flussi in input/output u.eq /u.f. Effetto Impatti serrapotenziali 9.09E-01 u.eq CO 2 /u.f. Consumo Flussi di in energia input/output 1.57E+01 u.eq MJ /u.f. Assottigliamento Effetto serra ozono 1.01E E-01 CFC-11 Consumo Consumo di acqua di energia 1.52E E+01 CO MJ 2 Ossidazione Assottigliamento fotochimica ozono 1.01E E-07 C 2H CFC-11 Depauperamento Consumo di acqua abiotico 7.19E E+01 4 Sb 1.01E-04 SO Acidificazione Ossidazione fotochimica 3.34E-03 Smaltimento Depauperamento rifiuti inerti abiotico 2 4 C 2H 3.86E E-03 Sb 2 Eutrofizzazione Acidificazione 3.61E E-03 PO 4--- SO Rifiuti Smaltimento non pericolosi rifiuti inerti 3.08E E-01 Tossicità Eutrofizzazione umana 2.94E E DB 4--- Rifiuti Rifiuti pericolosi non pericolosi 1.07E E-02 PO 2 Ecotossicità Tossicità umana 4.25E E-01 PAF m1.4-db yr Rifiuti Rifiuti radioattivi pericolosi 1.15E E-03 Ecotossicità PAF m yr E-01 Rifiuti radioattivi 1.15E-05 E. INDICATORE AGGREGATO DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA' AMBIENTALE Range E. INDICATORE di classificazione AGGREGATO di categoriadi VALUTAZIONE DELLA QUALITA' min AMBIENTALE Max Punteggio Range di singolo classificazione di valutazione di categoria della qualità ambientale min Max Punteggio singolo di valutazione della qualità ambientale Grafico polare di categoria Grafico polare di categoria A A A. DESCRIZIONE GENERALE Nome A. DESCRIZIONE GENERALE Mattone pesante interra Categoria Nome di materiale Murature Mattone - Elementi pesante interra laterizio Ambito Categoria applicativo di materiale Murature Murature portanti - Elementi e portate in laterizio Unità Ambito funzionale applicativo (u.f.) 1 ton Murature portanti e portate Descrizione Unità funzionale (u.f.) Il mattone 1 ton in terra cruda della linea interra (mattone pesante), può essere utilizzato come accumulo termico, massa Descrizione Il mattone in terra cruda della linea interra (mattone acustica, appesantimento, termo-igroregolazione. Applicazioni pesante), può essere utilizzato come accumulo termico, massa vari: parete interne, tamponamenti, muri di Trombe/accumulo, acustica, appesantimento, termo-igroregolazione. Applicazioni rivestimento interno, solai ecc. vari: parete interne, tamponamenti, muri di Trombe/accumulo, rivestimento interno, solai ecc. B. CARATTERISTICHE FISICHE Dimensioni B. CARATTERISTICHE FISICHE 150x55x290 mm Densità 1450 /m 3 3 Conduttività Dimensioni termica 150x55x W/mKmm Calore Densità specifico J/K /m Resistenza Conduttività termica termica 0,62 per s=29cm 0.47 Percentuale Calore specifico di foratura m K/W W/mK % J/K Resistenza al vapore termica 0,628per s=29cm Percentuale di foratura 0 m 2 K/W Altro % Resistenza al vapore m 8 Altro C. INDICATORI DI QUALITA' DEL DATO Dato C. Primario INDICATORI DI QUALITA' DEL DATO Dato Secondario Nome Dato merceologico Primario Mattone in terra cruda Fonte Dato Secondario Nome Nome azienda merceologico Laterizi Mattone Brioni in srl terra cruda Periodo Fontedi aquisizione Indirizzo Nome azienda Via Laterizi Ronchi, Brioni srl Gonzaga Ultima Periodo revisione di aquisizione Indirizzo (MN) Via Ronchi, Gonzaga Geografia Ultima revisione 2007 (MN) Tecnologia Geografia Periodo acquisizione Ultima Periodo revisione acquisizione Regole Tecnologia di allocazione Geografia Ultima revisione Italia 2009 Fasi Regole del ciclo di allocazione di vita Produzione Geografianalizzata Produzione Italia mensile Fasi del ciclo di vita Regole Produzione di allocazione analizzata Non Produzione applicabilemensile Fasi Regole di ciclo di di allocazione vita LCA Non di produzione applicabilecompleta Contestualizzazione Fasi di ciclo di vita LCA di produzione completa Verifica Contestualizzazione processo produttivo Contestualizzazione Modifica Verifica mix processo energetico produttivo Aggiornamento Contestualizzazione mix energetico Trasporti Modifica distribuzione mix energetico Trasporti Aggiornamento di distribuzione mix energetico Trasporti Trasporti di importazione di distribuzione Aggiunta Trasporti scenari di distribuzione fine vita Aggiunta Trasporti scenari di importazione di fine vita Aggiunta scenari di fine vita Aggiunta scenari di fine vita D. INDICATORI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI Impatti D. INDICATORI Potenziali DI IMPATTO AMBIENTALE u.eq GLOBALI /u.f. Flussi in input/output u.eq /u.f. Effetto Impatti serrapotenziali 2.02E+02 u.eq CO 2 /u.f. Consumo Flussi di in energia input/output 3.59E+03 u.eq MJ /u.f. Assottigliamento Effetto serra ozono 2.90E E+02 CFC-11 Consumo Consumo di acqua di energia 2.93E E+03 CO MJ 2 Ossidazione Assottigliamento fotochimica ozono 1.86E E-05 C 2H CFC-11 Depauperamento Consumo di acqua abiotico 1.59E E+03 4 Sb 1.86E-02 SO Acidificazione Ossidazione fotochimica 5.92E-01 Smaltimento Depauperamento rifiuti inerti abiotico 2 4 C 2H 4.57E E+00 Sb 2 Eutrofizzazione Acidificazione 8.20E E-01 PO 4--- SO Rifiuti Smaltimento non pericolosi rifiuti inerti 3.07E E+00 Tossicità Eutrofizzazione umana 2.57E E Rifiuti Rifiuti pericolosi non pericolosi 1.4-DB PO 3.17E E+00 2 Ecotossicità Tossicità umana 1.71E E+01 PAF m1.4-db yr Rifiuti Rifiuti radioattivi pericolosi 2.00E E-01 Ecotossicità PAF m yr E+01 Rifiuti radioattivi 2.00E-03 E. INDICATORE AGGREGATO DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA' AMBIENTALE Range E. INDICATORE di classificazione AGGREGATO di categoriadi VALUTAZIONE DELLA QUALITA' min AMBIENTALE Max Punteggio Range di singolo classificazione di valutazione di categoria della qualità ambientale min Max Punteggio singolo di valutazione della qualità ambientale Grafico polare di categoria Grafico polare di categoria Grafico polare Grafico polare Grafico polare Grafico polare

13

14 Sistema di rating per gli edifici sostenibili basato sull SBTool di iisbe promosso da ITACA. Approvato dal 2004 dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni Italiane. Adottato ufficialmente da 13 Regioni e dalla Provincia di Trento. Da Aprile 2011 disponibile a livello nazionale per le certificazioni di mercato oltre che pubbliche.

15 5 aree di valutazione 19 categorie, 35 criteri A Qualità del sito B Consumo di risorse C Carichi ambientali D Qualità ambientale indoor E Qualità del servizio

16 ATTUALE VALUTAZIONE MATERIALI B4 Materiali eco-compatibili B4.1 Riutilizzo delle strutture esistenti B 4.6 Materiali riciclati/recuperati B 4.7 Materiali da fonti rinnovabili B 4.9 Materiali per finiture B 4.10 Materiali riciclabili o smontabili CRITERI QUASI OGGETTIVI

17 NECESSARIA UNA MAGGIORE OGGETTIVITA LCA LIFE CYCLE ASSESSMENT (VALUTAZIONE IMPATTI NEL CICLO VITA) BANCA DATI LCA PER I MATERIALI DA COSTRUZIONE EVOLUZIONE PROTOCOLLO ITACA

18 NUOVI CRITERI - PROTOCOLLO ITACA CO 2 inglobata nella costruzione Energia inglobata nella costruzione Acidificazione Eutrofizzazione Tossicità umana Ecotossicità INDICATORI DI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI Impatti Impatti Potenziali u.eq u.eq /u.f. /u.f. Flussi Flussi in in input/output Effetto Effetto serra serra CO CO 2 Consumo 2 Consumo di di energia energia Assottigliamento Assottigliamento ozono ozono CFC-11 CFC-11 Consumo Consumo di di acqua acqua Ossidazione Ossidazione fotochimica fotochimica C 2 H 2 4 Depauperamento 4 Depauperamento abiotico abiotico Acidificazione Acidificazione SO SO 2 Smaltimento 2 Smaltimento rifiuti rifiuti inerti inerti Eutrofizzazione Eutrofizzazione PO PO Rifiuti Rifiuti non non pericolosi pericolosi Tossicità Tossicità umana umana 1.4-DB 1.4-DB Rifiuti Rifiuti pericolosi pericolosi Ecotossicità Ecotossicità PAF PAF m 2 yr 2 yr Rifiuti Rifiuti radioattivi radioattivi u.eq u.eq /u.f. /u.f. MJ MJ Sb Sb

19 ECO-PROFILO PROTOCOLLO ITACA

20 PROCESSO DI ATTESTAZIONE ESIT MARCHIO PER LA SOSTENIBILITA DELL AMBIENTE COSTRUITO E LA DIFFUSIONE DELLA CERTIFICAZIONE PROTOCOLLO ITACA 1. RICHIESTA PREVENTIVO 2. REGISTRAZIONE PRODOTTO 3. ANALISI LCA 4. VALIDAZIONE ANALISI LCA 5. EMISSIONE ECO-PROFILO

21 VALUTAZIONE PROTOCOLLO ITACA BANCA DATI ECO-PROFILO CO 2 INGLOBATA NELL EDIFICIO

22 CONFORME ALLA EN dichiarazioni ambientali di prodotto: -regole di calcolo LCA -struttura e contenuti EPD RICONOSCIUTA DALLA PIATTAFORMA ECO ARMONIZZAZIONE EPD (INDICATORI COMUNI) ALLINEAMENTO CRITERI DI VALUTAZIONE SUI MATERIALI DA COSTRUZIONE NEI SISTEMI EUROPEI DI CERTIFICAZIONE

23 GRAZIE PER L ATTENZIONE! ach. stefano dotta Environment Park S.p.A. Via Livorno 60, 10144, Torino

IL PATTO DEI SINDACI E L EDILIZIA SOSTENIBILE: il ruolo strategico dei Regolamenti Edilizi

IL PATTO DEI SINDACI E L EDILIZIA SOSTENIBILE: il ruolo strategico dei Regolamenti Edilizi INIZIATIVA ITALIANA PER LA VALORIZZAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI SOSTENIBILI IL PATTO DEI SINDACI E L EDILIZIA SOSTENIBILE: il ruolo strategico dei Regolamenti Edilizi Il Protocollo ITACA e

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ DEGLI EDIFICI IL PROTOCOLLO ITACA

CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ DEGLI EDIFICI IL PROTOCOLLO ITACA CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ DEGLI EDIFICI IL PROTOCOLLO ITACA Andrea Moro Sistema Protocollo ITACA ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE ITACA Associazione

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO

ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI: COMPARAZIONE TRA INSUFFLAGGIO CON FIBRA DI CELLULOSA E ISOLAMENTO CLASSICO A CAPPOTTO P.I. Luciano Sonda Amm. Delegato di ISOLARE srl 78 Isolamento termico degli edifici.

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università costituenti:

Dettagli

ESIT e la certificazione Protocollo ITACA

ESIT e la certificazione Protocollo ITACA INIZIATIVA ITALIANA PER LA VALORIZZAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI SOSTENIBILI ESIT e la certificazione Protocollo ITACA Lecce, 9 novembre 2011 Claudio Capitanio iisbe Italia Protocollo ITACA

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

Le macchine Movimento Terra nel cantiere sostenibile Roberto Paoluzzi, Direttore CNR-Imamoter

Le macchine Movimento Terra nel cantiere sostenibile Roberto Paoluzzi, Direttore CNR-Imamoter convegno nazionale POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE paesaggi e territori progettare, costruire, ristrutturare: dallo scavo all edificio ad energia quasi zero Le macchine Movimento Terra

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione LCA: applicazione ai componenti di involucro vetrato di Anna Bogliolo Relatore: Gabriella

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL L Azienda L Azienda 1 Lean Six Sigma : Combining Six Sigma

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

gruppo di lavoro Edilizia e climatizzazione LCA in edilizia: orientamenti normativi e criticità applicative

gruppo di lavoro Edilizia e climatizzazione LCA in edilizia: orientamenti normativi e criticità applicative Rete Italiana LCA pescara. 13 marzo 2008 gruppo di lavoro Edilizia e climatizzazione LCA in edilizia: orientamenti normativi e criticità applicative monica lavagna. politecnico di milano. dipartimento

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Piacenza, 22 Novembre 2013 Agricoltura e Sostenibilità Perchè l agricoltura ha la necessità

Dettagli

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali ME_2 PM Classificazione dei materiali

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 09-03-2007 REGIONE VENETO INIZIATIVE ED INTERVENTI REGIONALI A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 09-03-2007 REGIONE VENETO INIZIATIVE ED INTERVENTI REGIONALI A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 09-03-2007 REGIONE VENETO INIZIATIVE ED INTERVENTI REGIONALI A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO N. 25 del 13 marzo 2007 Il Consiglio

Dettagli

2. SEDI DI SVOLGIMENTO Il corso di formazione si svolgerà: ROMA, presso la Sede di Filca CISL Via del Viminale 43.

2. SEDI DI SVOLGIMENTO Il corso di formazione si svolgerà: ROMA, presso la Sede di Filca CISL Via del Viminale 43. ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE AVVISO CORSO DI FORMAZIONE PROTOCOLLO ITACA RIVOLTO AL PERSONALE ISPETTIVO SETTORE DI ACCREDITAMENTO EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

3. TIPOLOGIA Conformemente a quanto previsto dall RT-33 è attivata la tipologia ispettiva: progettazione e realizzazione.

3. TIPOLOGIA Conformemente a quanto previsto dall RT-33 è attivata la tipologia ispettiva: progettazione e realizzazione. ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE CORSO DI FORMAZIONE PROTOCOLLO ITACA RIVOLTO AL PERSONALE ISPETTIVO SETTORE DI ACCREDITAMENTO EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

O: opere pubbliche Come adottare i criteri ambientali nel settore delle opere pubbliche. Lo stato di avanzamento dei CAM edilizia

O: opere pubbliche Come adottare i criteri ambientali nel settore delle opere pubbliche. Lo stato di avanzamento dei CAM edilizia Forum Internazionale degli Acquisti Verdi Milano, Palazzo delle Stelline 30/31 ottobre 2013 VII edizione SEMINARI E APPROFONDIMENTI A CURA DEL GDL ACQUISTI VERDI O: opere pubbliche Come adottare i criteri

Dettagli

Edilizia sostenibile (bio-edilizia)

Edilizia sostenibile (bio-edilizia) Edilizia sostenibile (bio-edilizia) - L.R. 4/07 - L.R. 14/09 LINEE GUIDA - IL PROTOCOLLO ITACA - IL PREZZARIO - IL CAPITOLATO SPECIALE - Ing. Stefano Talato Dirigente Osservatorio Regionale Appalti 05/05/2011

Dettagli

Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS

Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS FEDERCHIMICA - 15 MARZO 2011-5 workshop T.A.C.E.C. Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS Ing. Marco Piana ANALISI LCA APPLICATA ALLA PRODUZIONE

Dettagli

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO Giuseppe Bitonti Product Manager Lo scenario socio economico

Dettagli

Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto tra batterie usa e getta e ricaricabili

Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto tra batterie usa e getta e ricaricabili Rifiuti e Life Cycle Thinking Per un uso sostenibile delle risorse ed una gestione virtuosa dei rifiuti Milano, 24-06-2015 Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto

Dettagli

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra Biagio Naviglio a, Massimiliano Fabbricino b, Anna Cozzolino b a. Stazione Sperimentale

Dettagli

Riduzione di emissioni di gas serra nel settore residenziale

Riduzione di emissioni di gas serra nel settore residenziale Riduzione di emissioni di gas serra nel settore residenziale Marco Piana WWW.AIPE.BIZ 1 Consumi di energia ed emissioni di co2 in Europa 2 Consumi di energia all anno anno per abitazione media 3 Emissioni

Dettagli

ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Ing. MARIA CRISTINA GRILLO Consulente LCA per ARCA

ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Ing. MARIA CRISTINA GRILLO Consulente LCA per ARCA ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE Venerdì 10 Ottobre 2014 Palazzo della ricerca e della conoscenza Fondazione Edmund Mach San Michele all Adige (TN) IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Introduzione

Dettagli

Il piacere della casa isolata

Il piacere della casa isolata Il piacere della casa isolata La rivista ALTROCONSUMO ha diffuso nel mese di marzo 2014 un articolo inerente guida agli interventi su tetto, pareti e pavimenti che riducono le dispersioni di energia e

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO PROTOCOLLO ITACA PER PROFESSIONISTI REGIONE LAZIO - MODULO BASE

CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO PROTOCOLLO ITACA PER PROFESSIONISTI REGIONE LAZIO - MODULO BASE e iisbe ITALIA e con il patrocinio dell Istituto ITACA, organizzano il corso di 32 ore su CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITA DEGLI EDIFICI CORSO ESPERTO PROTOCOLLO ITACA PER PROFESSIONISTI REGIONE LAZIO

Dettagli

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Sviluppo sostenibile Lo sviluppo è sostenibile quando soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle

Dettagli

OGGETTO: Progetto MARIE, Programma Med 2007-2013, Realizzazione percorso formativo in

OGGETTO: Progetto MARIE, Programma Med 2007-2013, Realizzazione percorso formativo in Perugia, ottobre 2013 OGGETTO: Progetto MARIE, Programma Med 2007-2013, Realizzazione percorso formativo in materia di efficienza energetica e tecniche innovative per ridurre i consumi energetici degli

Dettagli

LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA

LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA NZEB e ZEB definizioni a confronto La Direttiva 2010/31/UE ( EPBD recast 2010) sulla prestazione energetica degli edifici

Dettagli

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile?

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Prima di rispondere a questa domanda esponendo i risultati di uno studio scientifico effettuato sulla problematica

Dettagli

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare Piatti monouso in PP, PS, PLA, polpa di cellulosa e piatti riutilizzabili in porcellana Bicchieri monouso in PP, PS, PLA, cartoncino

Dettagli

Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l.

Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l. 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 3 DOCUMENTO Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l. COMMITTENTE Regione Piemonte RESPONSABILE DI SETTORE STEFANO DOTTA RESPONSABILE DI

Dettagli

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment)

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Dr. Daniele Cespi Dr. Fabrizio Passarini Dr. Luca Ciacci Dr. Ivano Vassura Prof. Luciano Morselli

Dettagli

Il serramento in classe A+

Il serramento in classe A+ Il serramento in classe A+ MARCO PIANA Centro di Informazione sul PVC Il serramento rappresenta il componente più interessante per definire il comportamento energetico dell edificio. Classificare l energia

Dettagli

software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO

software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO Indice generale 1. IL SOFTWARE LATERLIFE...3 2. TERMINI E DEFINIZIONI...4 3. LA HOME PAGE

Dettagli

Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2

Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2 Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2 Perché questo studio è stato scelto come esempio? Realizzare un indagine LCA (Life Cycle Analysis analisi del ciclo di vita) è un progetto complesso, che occupa

Dettagli

CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato

CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato Fabrizio Piva - Amministratore Delegato - CCPB srl Bologna e mail:

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale

Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale Rev. 01 - Marzo 2013 Numero di registrazione: S-P-00427 Data approvazione: 25 marzo 2013 Periodo

Dettagli

www.eambiente.it www.eenergia.info

www.eambiente.it www.eenergia.info www.eambiente.it www.eenergia.info Progetto CARBOMARK Monitoraggio delle emissioni e metodi di approccio al mercato Dr. Federico Balzan eambiente srl Castellavazzo, 21 marzo 2011 LCA Come si crea l eccellenza

Dettagli

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Strumenti per la Eco-Progettazione Pagina 1 di 7 STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Massimo Marino, Stefano Rossi Life Cycle Engineering Studio Ingegneri Associati Via Livorno, 60 10144 Torino Riassunto

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza

Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza 7 Conferenza Annuale Responsible Care Giuseppe Abello ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria

Dettagli

Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti

Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti comunicare dati ambientali oggettivi, accurati e scientificamente dimostrati sui propri prodotti; monitorare gli impatti ambientali connessi

Dettagli

Paolo Stimamiglio PRONTI per non consumare

Paolo Stimamiglio PRONTI per non consumare Il ruolo dell isolamento termico nei nuovi edifici a consumo zero Paolo Stimamiglio PRONTI per non consumare 1 Pionieri negli anni 60 1963 La STIFER (Soc. Ferdinando Stimamiglio) avvia, per prima in Europa,

Dettagli

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini Lab. di Ecologia del Paesaggio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali, Università del Salento Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Qualificazione della sostenibilità di edifici residenziali. Claudio DEL PERO

Qualificazione della sostenibilità di edifici residenziali. Claudio DEL PERO Qualificazione della sostenibilità di edifici residenziali Claudio DEL PERO Bologna, 15 ottobre 2015 Obiettivo Nell ambito della sua attività di ricerca, il Politecnico di Milano ha sviluppato in collaborazione

Dettagli

SUSTAINABLE BUILDING DESIGN

SUSTAINABLE BUILDING DESIGN SUSTAINABLE BUILDING DESIGN UN NUOVO MODO DI PROGETTARE: - CONCETTO DI SOSTENIBILITA - ALTA EFFICIENZA ENERGETICA - INNOVAZIONE: (B.I.M.) Building Information Modeling IL CONCETTO DI EDIFICIO SOSTENIBILE

Dettagli

Relazione di Analisi di Ciclo di Vita del prodotto Isolante termo acustico in fiocchi di cellulosa CELLUFLOC NESOCELL

Relazione di Analisi di Ciclo di Vita del prodotto Isolante termo acustico in fiocchi di cellulosa CELLUFLOC NESOCELL 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 3 DOCUMENTO Relazione di Analisi di Ciclo di Vita del prodotto Isolante termo acustico in fiocchi di cellulosa CELLUFLOC NESOCELL COMMITTENTE Regione Piemonte RESPONSABILE

Dettagli

Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A.

Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A. 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 5 DOCUMENTO Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A. RESPONSABILE DI SETTORE STEFANO DOTTA RESPONSABILE DI PROGETTO

Dettagli

Catalogo di offerte formative per lo sviluppo di competenze di base nell edilizia sostenibile

Catalogo di offerte formative per lo sviluppo di competenze di base nell edilizia sostenibile Catalogo di offerte formative per lo sviluppo di competenze di base nell edilizia sostenibile Trento, 5 dicembre 2010 L offerta formativa proposta nel presente catalogo è rivolta allo sviluppo delle competenze

Dettagli

I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda

I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda Giuseppe Desogus Laboratorio Efficienza Energetica, Sardegna Ricerche Il Laboratorio Efficienza Energetica Coordinatore

Dettagli

Il Progetto Cluster P.RE.MURA

Il Progetto Cluster P.RE.MURA Il Progetto Cluster P.RE.MURA Responsabile Scientifico: Prof. Ulrico Sanna Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Relatrici: Ing. Lorenza Di Pilla

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

La BIO-ARCHITETTURA : cos'è?

La BIO-ARCHITETTURA : cos'è? La BIO-ARCHITETTURA : cos'è? la bio-architettura non è sicuramente un fenomeno legato alla moda ma piuttosto il frutto di una sensibilità che va sempre più maturando nei confronti di temi come il rispetto

Dettagli

Distretto delvetro Artistico di Murano

Distretto delvetro Artistico di Murano Nicola Favaro Distretto delvetro Artistico di Murano 260 aziende, di cui 30 industriali 1200 addetti Fatturato di 100 milioni di Euro Produzione di Oggetti artistici Lampadari Specchi Oggetti al lume Novembre

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA 2009

PROTOCOLLO ITACA 2009 Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale PROTOCOLLO ITACA 2009 Art. 9, Schema Legge Regionale: Norme per l edilizia sostenibile LINEE GUIDA E DISCIPLINARE TECNICO

Dettagli

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio Esperienza metodologica: servizio di gestione mense scolastiche Scuola elementare "G.Bombonati" di Ferrara Applicazione dell'lca Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio L Analisi del Ciclo di Vita L Analisi

Dettagli

Presentazione Green Building casa di riposo famiglia bianchi

Presentazione Green Building casa di riposo famiglia bianchi Presentazione Green Building casa di riposo famiglia bianchi Green Building Il Green Building affianca enti locali, professionisti, imprese private, cooperative edilizie e agenzie territoriali per la casa

Dettagli

BEST UP Design Library

BEST UP Design Library BEST UP Design Library Parametri e certificazioni: come rendere la sostenibilità più accessibile a imprese e designer LCA come strumento strategico nello sviluppo di prodotti ecocompatibili 11 dicembre

Dettagli

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment)

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment) Progetto SISTER Finanziamento Regione Toscana DOCUP Ob. 2 Anni 2000-2006 Azione 2.8.4. Potenziamento del sistema regionale di servizi telematici e di comunicazione per le PMI L analisi del ciclo di vita

Dettagli

Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico

Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico Progettazione ed esecuzione di edifici a basso consumo energetico Relatore: Ing. Raffaela Fontana PO Attuazione del PEAR ed Efficienza Energetica Giunta Regione Marche Convegno su EDIFICI A ENERGIA QUASI

Dettagli

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Life Cycle Analysis UNI EN ISO 14040-2006: LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici

Dettagli

Sportello Energia. Impianti fotovoltaici, termici e rinnovabili

Sportello Energia. Impianti fotovoltaici, termici e rinnovabili Sportello Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI Impianti fotovoltaici, termici e rinnovabili Strumento operativo specifico in campo energetico: sistema edificio impianto, fonti rinnovabili, efficienza, incentivi,

Dettagli

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ED ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI NEL NUOVO QUADROLEGISLATIVO politiche, procedure, buone pratiche Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER IL SERVIZIO DI LOGISTICA DISTRIBUTIVA DI PASTI NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER IL SERVIZIO DI LOGISTICA DISTRIBUTIVA DI PASTI NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA Environmental Product Declaration DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER IL SERVIZIO DI LOGISTICA DISTRIBUTIVA DI PASTI NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA Revisione 1 del 31/07/2006 Convalida N. S-P-00111

Dettagli

Impiantistica ecologica

Impiantistica ecologica Impiantistica ecologica Dipl.-Ing. Thomas Zelger IBO Vienna thomas.zelger@ibo.at Sommario Linee guida di impiantistica ecologica Metodi per la valutazione ecologica Ottimizzazione ecologica: scelta del

Dettagli

15.05.2012. ISOLAMENTO DI STRUTTURE LEGGERE Sfasamento, inerzia termica e tenuta all`aria. Il comfort negli edifici dal dopoguerra

15.05.2012. ISOLAMENTO DI STRUTTURE LEGGERE Sfasamento, inerzia termica e tenuta all`aria. Il comfort negli edifici dal dopoguerra ISOLAMENTO DI STRUTTURE LEGGERE Sfasamento, inerzia termica e tenuta all`aria Il comfort negli edifici dal dopoguerra? + + + = 1 Quando si parla di comfort abitativo, si parla di Isolamento invernale Traspirabilità

Dettagli

TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU)

TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU) Università degli Studi di Bergamo, Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Anno Accademico 2010-2011 CORSO TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU) Prof.ssa Ing. Paola Zampiero

Dettagli

METODI DI VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ DEGLI EDIFICI

METODI DI VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ DEGLI EDIFICI CELENIT I PUNTI DELLA SOSTENIBILITÀ METODI DI VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ DEGLI EDIFICI Testi: M. Barucco SOMMARIO I PUNTI DELLA SOSTENIBILITÀ 3 3 4 6 7 8 9 10 11 CHE COSA SIGNIFICA COSTRUIRE SOSTENIBILE

Dettagli

EPD ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION. RINA Services S.p.A. Barbara Cavanna

EPD ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION. RINA Services S.p.A. Barbara Cavanna EPD ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION Il ruolo del certificatore RINA Services S.p.A. Barbara Cavanna 9 Aprile 2010 Che cos è l EPD? Foto L EPD è un etichetta di tipo III Dichiarazione Ambientale di Prodotto

Dettagli

Confronto tra veicoli elettrici, veicoli tradizionali, ibridi ed ibridi

Confronto tra veicoli elettrici, veicoli tradizionali, ibridi ed ibridi Tavolo degli Esperti Analisi del ciclo di vita dei veicoli well to wheel Milano 12 Aprile 2012 Confronto tra veicoli elettrici, veicoli tradizionali, ibridi ed ibridi plug-in tramite LCA P.Girardi Introduzione

Dettagli

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna Ecomondo Rimini, 4 Novembre 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l'lca? LCA di sistemi energetici per la produzione di energia da biomasse: come affrontare il problema dell

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno.

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA il marchio di qualità degli edifici in legno ARCA, ARchitettura Comfort Ambiente è il primo sistema di certificazione dedicato alle costruzioni

Dettagli

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da:

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da: ANALISI DEL CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE SOSTENIBILE DEI MATERIALI numero 14 gennaio 2011 2 Sommario{ 3 Introduzione 4 Certificazioni e controlli per le costruzioni 5 I servizi per la sostenibilità

Dettagli

Carlo Ravazzolo. Coperture edili

Carlo Ravazzolo. Coperture edili Carlo Ravazzolo Coperture edili Concetto di BioEdilizia Negli ultimi anni, nell abitare sono emersi molti degli effetti negativi legati all uso spesso incauto e spropositato dei prodotti dell industria

Dettagli

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente + Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente Annalisa Corrado - Coordinatrice Gruppo di Lavoro Multietichetta

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria Industriale ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Relazione riassuntiva risultati del progetto OBIETTIVI DEL LAVORO

Dettagli

PERCHE IL FOTOVOLTAICO? - CONVIENE ENERGETICAMENTE? - CONVIENE AMBIENTALMENTE? - CONVIENE ECONOMICAMENTE?

PERCHE IL FOTOVOLTAICO? - CONVIENE ENERGETICAMENTE? - CONVIENE AMBIENTALMENTE? - CONVIENE ECONOMICAMENTE? PERCHE IL FOTOVOLTAICO? - CONVIENE ENERGETICAMENTE? - CONVIENE AMBIENTALMENTE? - CONVIENE ECONOMICAMENTE? CONVIENE ENERGETICAMENTE? SI! Per costruire un sistema fotovoltaico di 1 kwp (pannelli, struttura

Dettagli

ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA MARCHE

ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA MARCHE ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA Par. 2.3 Foglio 2.1.1 3.1.1b - Pag. 17: Sezione Serramenti In questa sezione vengono inseriti i materiali impiegati nei serramenti collocati

Dettagli

Classe CasaClima GOLD < 10 kwh/m 2 a. Nuova Scuola Primaria a 15 classi Edificio a impatto zero. Comune di Monteveglio (BO)

Classe CasaClima GOLD < 10 kwh/m 2 a. Nuova Scuola Primaria a 15 classi Edificio a impatto zero. Comune di Monteveglio (BO) Classe CasaClima GOLD < 10 kwh/m 2 a Nuova Scuola Primaria a 15 classi Edificio a impatto zero Comune di Monteveglio (BO) UBICAZIONE Provincia: Comune: via: Coordinate (lat., long.): Altitudine: Bologna

Dettagli

Soluzioni tecniche per pareti in laterizio. energeticamente efficienti

Soluzioni tecniche per pareti in laterizio. energeticamente efficienti Soluzioni tecniche per pareti in laterizio energeticamente efficienti Presentazione Progettare e costruire case oggi, nell era tecnologica ed evoluta in cui viviamo, comporta nuove problematiche da affrontare.

Dettagli

La crescente attenzione in ambito normativo

La crescente attenzione in ambito normativo Ambiente Consapevoli riusi Sostituibilità e recuperabilità sono nuove classi di esigenza per i materiali dell edilizia: minimizzare l uso delle risorse non rinnovabili e massimizzare l impiego di quelle

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

PROGETTAZIONE SCOLASTICA BIOCOMPATIBILE

PROGETTAZIONE SCOLASTICA BIOCOMPATIBILE Dipartimento di Sanità Pubblica PROGETTAZIONE SCOLASTICA BIOCOMPATIBILE ARCH STEFANO DELLI - DELEGATO A.N.A.B. stefanodelli@iperbole.bologna.it ANAB Associazione Nazionale Architettura Biologica ANAB è

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

Efficienza Energetica degli Edifici : Isolamento e Prestazioni del Laterizio

Efficienza Energetica degli Edifici : Isolamento e Prestazioni del Laterizio Efficienza Energetica degli Edifici : Isolamento e Prestazioni del Laterizio SOGGETTO PROPONENTE Abitare A+ OBIETTIVI E FINALITA DEL CORSO Il corso orienta il progettista alla sperimentazione architettonica

Dettagli

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA SOMMARIO - PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA 4 5 6 8 GENERALITà IL PRODOTTO Vital LE APPLICAZIONI Assorbimento

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

LCA dei solai in laterocemento

LCA dei solai in laterocemento Elisabetta Palumbo Ricerca LCA dei solai in laterocemento In un ottica di sostenibilità ambientale, la progettazione e la costruzione di soluzioni tecniche di solaio non possono prescindere dalla valutazione

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA

APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA SOMMARIO APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA ing. Paola Zampiero 1 1 Dottore di Ricerca esperto in

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli