Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale"

Transcript

1 Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Torino, 18 Aprile 2012 Arch. Stefano Dotta

2 Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Accordo di di Programma ITACA Regione Marche ITC-CNR Università Politecnica delle Marche Partenariato Armines Ecole des Mines (Paris) iisbe Italia 2B Environmental Consultants Environment Park

3 Obiettivi di di Progetto Strutturazione e definizione della prima banca dati LCA di materiali e prodotti per l edilizia Sviluppo ed applicazione di un sistema di valutazione della qualità ambientale di materiali e prodotti per l edilizia

4 Categorie di di impatto ambientale assunte come metodo di di riferimento nazionale INDICATORI INDICATORI DI DI IMPATTO IMPATTO AMBIENTALE AMBIENTALE GLOBALI GLOBALI Impatti Impatti Potenziali Potenziali u.eq u.eq /u.f. /u.f. Flussi Flussi in in input/output input/output Effetto Effetto serra serra CO CO 2 Consumo 2 Consumo di di energia energia Assottigliamento Assottigliamento ozono ozono CFC-11 CFC-11 Consumo Consumo di di acqua acqua Ossidazione Ossidazione fotochimica fotochimica C C 2 H 2 H 4 Depauperamento 4 Depauperamento abiotico abiotico Acidificazione Acidificazione SO SO 2 Smaltimento 2 Smaltimento rifiuti rifiuti inerti inerti Eutrofizzazione Eutrofizzazione PO PO Rifiuti Rifiuti non non pericolosi pericolosi Tossicità Tossicità umana umana 1.4-DB 1.4-DB Rifiuti Rifiuti pericolosi pericolosi Ecotossicità Ecotossicità PAF PAF m 2 yr 2 yr Rifiuti Rifiuti radioattivi radioattivi u.eq u.eq /u.f. /u.f. MJ MJ Sb Sb

5 1. 1. Definizione della struttura della banca dati Schematizzazione prezzario regionale Suddivisione dei materiali in categorie funzionali

6 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione A: A: Descrizione generale A. DESCRIZIONE GENERALE A. DESCRIZIONE GENERALE Nome Nome Categoria di materiale Categoria di materiale Ambito applicativo Ambito applicativo Unità funzionale Unità funzionale Descrizione Descrizione Cod. Rif. Cod. Rif. Immagine Immagine Sezione B: B: Caratteristiche fisiche B. CARATTERISTICHE FISICHE B. CARATTERISTICHE FISICHE Dimensioni Dimensioni Conduttività termica Conduttività termica Resistenza termica Resistenza termica Resistenza al vapore Resistenza al vapore mm Densità mm Densità /m 3 /m 3 W/mK Calore specifico J/K W/mK Calore specifico J/K m 2 K/W Altro m 2 K/W Altro m Altro m Altro

7 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione C: C: Indicatori di di qualità del del dato C. INDICATORI DI QUALITA' DEL DATO C. INDICATORI DI QUALITA' DEL DATO Dato Primario Dato Primario Nome merceologico Nome merceologico Nome azienda Nome azienda Indirizzo Indirizzo Periodo acquisizione Periodo acquisizione Ultima revisione Ultima revisione Geografia Geografia Produzione analizzata Produzione analizzata Regole di allocazione Regole di allocazione Fasi di ciclo di vita Fasi di ciclo di vita Contestualizzazione Contestualizzazione Aggiornamento mix energetico Aggiornamento mix energetico Trasporti di distribuzione Trasporti di distribuzione Aggiunta scenari di fine vita Aggiunta scenari di fine vita Dato Secondario Dato Secondario Fonte Fonte Periodo di aquisizione Periodo di aquisizione Ultima revisione Ultima revisione Geografia Geografia Tecnologia Tecnologia Regole di allocazione Regole di allocazione Fasi del ciclo di vita Fasi del ciclo di vita Contestualizzazione Contestualizzazione Verifica processo produttivo Verifica processo produttivo Modifica mix energetico Modifica mix energetico Trasporti di distribuzione Trasporti di distribuzione Trasporti di importazione Trasporti di importazione Aggiunta scenari di fine vita Aggiunta scenari di fine vita

8 Riunione Tecnica c/o Regione Lombardia Roma 27 Maggio Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione D: D: Indicatore aggregato di di valutazione della qualità del del dato D. INDICATORE AGGREGATO DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA' AMBIENTALE D. INDICATORE AGGREGATO DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA' AMBIENTALE Range di classificazione di categoria A <X C <Y Range di classificazione di categoria A <X C <Y Punteggio singolo di valutazione della qualità ambientale Punteggio singolo di valutazione della qualità ambientale A, B o C A, B o C Grafico polare di categoria Grafico polare di categoria Grafico polare Grafico polare

9 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione E: E: Etichettature o certificazioni ambientali pregresse od od in in essere E. ETICHETTATURE O CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PREGRESSE OD IN ESSERE E. ETICHETTATURE O CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PREGRESSE OD IN ESSERE Tipo (EPD, Emas, ) Ente rilascio Luogo rilascio Data rilascio Periodo validità Tipo (EPD, Emas, ) Ente rilascio Luogo rilascio Data rilascio Periodo validità Sezione F: F: Altre informazioni utili F. ALTRE INFORMAZIONI UTILI F. ALTRE INFORMAZIONI UTILI

10 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Sezione G: G: Indicatori di di impatto ambientale globali G. INDICATORI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI G. INDICATORI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI Impatti Potenziali u.eq /u.f. Flussi in input/output Impatti Potenziali u.eq /u.f. Flussi in input/output Effetto serra CO Effetto serra 2 Consumo di energia CO 2 Consumo di energia Assottigliamento ozono CFC-11 Consumo di acqua Assottigliamento ozono CFC-11 Consumo di acqua Ossidazione fotochimica C Ossidazione fotochimica 2 H 4 Depauperamento abiotico C 2 H 4 Depauperamento abiotico Acidificazione SO Acidificazione 2 Smaltimento rifiuti inerti SO 2 Smaltimento rifiuti inerti Eutrofizzazione PO Eutrofizzazione Rifiuti non pericolosi PO Rifiuti non pericolosi Tossicità umana 1.4-DB Rifiuti pericolosi Tossicità umana 1.4-DB Rifiuti pericolosi Ecotossicità PAF m Ecotossicità 2 yr Rifiuti radioattivi PAF m 2 yr Rifiuti radioattivi u.eq /u.f. u.eq /u.f. MJ MJ Sb Sb

11 2. 2. Strutturazione della scheda tecnica di di prodotto Area approfondimento: Informazioni aggiuntive Vengono riportati gli indicatori di impatto ambientale di cui alla Sezione G suddivisi per: contributo relativo al processo produttivo contributo relativo ai trasporti contributo relativo agli scenari di fine vita

12 3. 3. Esempi di di schede tecniche di di prodotto complete C C A. DESCRIZIONE GENERALE Nome A. DESCRIZIONE GENERALE Piastrelle in ceramica Categoria Nome di materiale Pavimenti Piastrelle in ceramica Ambito Categoria applicativo di materiale Rivestimento Pavimenti di pavimenti Unità Ambito funzionale applicativo 1 Rivestimento di pavimenti Descrizione Unità funzionale Piastrelle 1 di produzione Italiana. L'analisi condotta risulta valida sia per piastrelle monocottura che bicottura. Le Descrizione Piastrelle di produzione Italiana. L'analisi condotta risulta dimensioni riportate di seguito sono solo indicative. La scheda valida sia per piastrelle monocottura che bicottura. Le in oggetto può essere applicata anche a piastrelle dimensioni riportate di seguito sono solo indicative. La scheda dimensioni differenti. in oggetto può essere applicata anche a piastrelle di dimensioni differenti. B. CARATTERISTICHE FISICHE Dimensioni B. CARATTERISTICHE FISICHE 200x200x10 mm Densità 2000 /m 3 3 Conduttività Dimensioni termica 200x200x W/mKmm Calore Densità specifico J/K /m Resistenza Conduttività termica termica m K/W W/mKAltro Calore specifico 920 J/K Resistenza al vapore termica m 2 K/WAltro Altro Resistenza al vapore m Altro Dato Primario Dato Secondario Nome Dato merceologico Primario Fonte Dato Secondario Ecoinvent Nome Nome azienda merceologico Periodo Fontedi aquisizione 2003 Ecoinvent Indirizzo Nome azienda Ultima Periodo revisione di aquisizione Indirizzo Geografia Ultima revisione Italia 2007 Periodo acquisizione Tecnologia Geografia Larga Italia scala Ultima Periodo revisione acquisizione Regole Tecnologia di allocazione Nessuna Larga allocazione scala Geografia Ultima revisione Fasi Regole del ciclo di allocazione di vita LCA Nessuna di produzione allocazione completa Produzione Geografianalizzata Fasi del ciclo di vita LCA di produzione completa Regole Produzione di allocazione analizzata Fasi Regole di ciclo di di allocazione vita Contestualizzazione Fasi di ciclo di vita Verifica Contestualizzazione processo produttivo Contestualizzazione Modifica Verifica mix processo energetico produttivo Aggiornamento Contestualizzazione mix energetico Trasporti Modifica distribuzione mix energetico Trasporti Aggiornamento di distribuzione mix energetico Trasporti Trasporti di importazione di distribuzione Aggiunta Trasporti scenari di distribuzione fine vita Aggiunta Trasporti scenari di importazione di fine vita Aggiunta scenari di fine vita Aggiunta scenari di fine vita D. INDICATORI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI Impatti D. INDICATORI Potenziali DI IMPATTO AMBIENTALE u.eq GLOBALI /u.f. Flussi in input/output u.eq /u.f. Effetto Impatti serrapotenziali 9.09E-01 u.eq CO 2 /u.f. Consumo Flussi di in energia input/output 1.57E+01 u.eq MJ /u.f. Assottigliamento Effetto serra ozono 1.01E E-01 CFC-11 Consumo Consumo di acqua di energia 1.52E E+01 CO MJ 2 Ossidazione Assottigliamento fotochimica ozono 1.01E E-07 C 2H CFC-11 Depauperamento Consumo di acqua abiotico 7.19E E+01 4 Sb 1.01E-04 SO Acidificazione Ossidazione fotochimica 3.34E-03 Smaltimento Depauperamento rifiuti inerti abiotico 2 4 C 2H 3.86E E-03 Sb 2 Eutrofizzazione Acidificazione 3.61E E-03 PO 4--- SO Rifiuti Smaltimento non pericolosi rifiuti inerti 3.08E E-01 Tossicità Eutrofizzazione umana 2.94E E DB 4--- Rifiuti Rifiuti pericolosi non pericolosi 1.07E E-02 PO 2 Ecotossicità Tossicità umana 4.25E E-01 PAF m1.4-db yr Rifiuti Rifiuti radioattivi pericolosi 1.15E E-03 Ecotossicità PAF m yr E-01 Rifiuti radioattivi 1.15E-05 E. INDICATORE AGGREGATO DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA' AMBIENTALE Range E. INDICATORE di classificazione AGGREGATO di categoriadi VALUTAZIONE DELLA QUALITA' min AMBIENTALE Max Punteggio Range di singolo classificazione di valutazione di categoria della qualità ambientale min Max Punteggio singolo di valutazione della qualità ambientale Grafico polare di categoria Grafico polare di categoria A A A. DESCRIZIONE GENERALE Nome A. DESCRIZIONE GENERALE Mattone pesante interra Categoria Nome di materiale Murature Mattone - Elementi pesante interra laterizio Ambito Categoria applicativo di materiale Murature Murature portanti - Elementi e portate in laterizio Unità Ambito funzionale applicativo (u.f.) 1 ton Murature portanti e portate Descrizione Unità funzionale (u.f.) Il mattone 1 ton in terra cruda della linea interra (mattone pesante), può essere utilizzato come accumulo termico, massa Descrizione Il mattone in terra cruda della linea interra (mattone acustica, appesantimento, termo-igroregolazione. Applicazioni pesante), può essere utilizzato come accumulo termico, massa vari: parete interne, tamponamenti, muri di Trombe/accumulo, acustica, appesantimento, termo-igroregolazione. Applicazioni rivestimento interno, solai ecc. vari: parete interne, tamponamenti, muri di Trombe/accumulo, rivestimento interno, solai ecc. B. CARATTERISTICHE FISICHE Dimensioni B. CARATTERISTICHE FISICHE 150x55x290 mm Densità 1450 /m 3 3 Conduttività Dimensioni termica 150x55x W/mKmm Calore Densità specifico J/K /m Resistenza Conduttività termica termica 0,62 per s=29cm 0.47 Percentuale Calore specifico di foratura m K/W W/mK % J/K Resistenza al vapore termica 0,628per s=29cm Percentuale di foratura 0 m 2 K/W Altro % Resistenza al vapore m 8 Altro C. INDICATORI DI QUALITA' DEL DATO Dato C. Primario INDICATORI DI QUALITA' DEL DATO Dato Secondario Nome Dato merceologico Primario Mattone in terra cruda Fonte Dato Secondario Nome Nome azienda merceologico Laterizi Mattone Brioni in srl terra cruda Periodo Fontedi aquisizione Indirizzo Nome azienda Via Laterizi Ronchi, Brioni srl Gonzaga Ultima Periodo revisione di aquisizione Indirizzo (MN) Via Ronchi, Gonzaga Geografia Ultima revisione 2007 (MN) Tecnologia Geografia Periodo acquisizione Ultima Periodo revisione acquisizione Regole Tecnologia di allocazione Geografia Ultima revisione Italia 2009 Fasi Regole del ciclo di allocazione di vita Produzione Geografianalizzata Produzione Italia mensile Fasi del ciclo di vita Regole Produzione di allocazione analizzata Non Produzione applicabilemensile Fasi Regole di ciclo di di allocazione vita LCA Non di produzione applicabilecompleta Contestualizzazione Fasi di ciclo di vita LCA di produzione completa Verifica Contestualizzazione processo produttivo Contestualizzazione Modifica Verifica mix processo energetico produttivo Aggiornamento Contestualizzazione mix energetico Trasporti Modifica distribuzione mix energetico Trasporti Aggiornamento di distribuzione mix energetico Trasporti Trasporti di importazione di distribuzione Aggiunta Trasporti scenari di distribuzione fine vita Aggiunta Trasporti scenari di importazione di fine vita Aggiunta scenari di fine vita Aggiunta scenari di fine vita D. INDICATORI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI Impatti D. INDICATORI Potenziali DI IMPATTO AMBIENTALE u.eq GLOBALI /u.f. Flussi in input/output u.eq /u.f. Effetto Impatti serrapotenziali 2.02E+02 u.eq CO 2 /u.f. Consumo Flussi di in energia input/output 3.59E+03 u.eq MJ /u.f. Assottigliamento Effetto serra ozono 2.90E E+02 CFC-11 Consumo Consumo di acqua di energia 2.93E E+03 CO MJ 2 Ossidazione Assottigliamento fotochimica ozono 1.86E E-05 C 2H CFC-11 Depauperamento Consumo di acqua abiotico 1.59E E+03 4 Sb 1.86E-02 SO Acidificazione Ossidazione fotochimica 5.92E-01 Smaltimento Depauperamento rifiuti inerti abiotico 2 4 C 2H 4.57E E+00 Sb 2 Eutrofizzazione Acidificazione 8.20E E-01 PO 4--- SO Rifiuti Smaltimento non pericolosi rifiuti inerti 3.07E E+00 Tossicità Eutrofizzazione umana 2.57E E Rifiuti Rifiuti pericolosi non pericolosi 1.4-DB PO 3.17E E+00 2 Ecotossicità Tossicità umana 1.71E E+01 PAF m1.4-db yr Rifiuti Rifiuti radioattivi pericolosi 2.00E E-01 Ecotossicità PAF m yr E+01 Rifiuti radioattivi 2.00E-03 E. INDICATORE AGGREGATO DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA' AMBIENTALE Range E. INDICATORE di classificazione AGGREGATO di categoriadi VALUTAZIONE DELLA QUALITA' min AMBIENTALE Max Punteggio Range di singolo classificazione di valutazione di categoria della qualità ambientale min Max Punteggio singolo di valutazione della qualità ambientale Grafico polare di categoria Grafico polare di categoria Grafico polare Grafico polare Grafico polare Grafico polare

13

14 Sistema di rating per gli edifici sostenibili basato sull SBTool di iisbe promosso da ITACA. Approvato dal 2004 dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni Italiane. Adottato ufficialmente da 13 Regioni e dalla Provincia di Trento. Da Aprile 2011 disponibile a livello nazionale per le certificazioni di mercato oltre che pubbliche.

15 5 aree di valutazione 19 categorie, 35 criteri A Qualità del sito B Consumo di risorse C Carichi ambientali D Qualità ambientale indoor E Qualità del servizio

16 ATTUALE VALUTAZIONE MATERIALI B4 Materiali eco-compatibili B4.1 Riutilizzo delle strutture esistenti B 4.6 Materiali riciclati/recuperati B 4.7 Materiali da fonti rinnovabili B 4.9 Materiali per finiture B 4.10 Materiali riciclabili o smontabili CRITERI QUASI OGGETTIVI

17 NECESSARIA UNA MAGGIORE OGGETTIVITA LCA LIFE CYCLE ASSESSMENT (VALUTAZIONE IMPATTI NEL CICLO VITA) BANCA DATI LCA PER I MATERIALI DA COSTRUZIONE EVOLUZIONE PROTOCOLLO ITACA

18 NUOVI CRITERI - PROTOCOLLO ITACA CO 2 inglobata nella costruzione Energia inglobata nella costruzione Acidificazione Eutrofizzazione Tossicità umana Ecotossicità INDICATORI DI DI IMPATTO AMBIENTALE GLOBALI Impatti Impatti Potenziali u.eq u.eq /u.f. /u.f. Flussi Flussi in in input/output Effetto Effetto serra serra CO CO 2 Consumo 2 Consumo di di energia energia Assottigliamento Assottigliamento ozono ozono CFC-11 CFC-11 Consumo Consumo di di acqua acqua Ossidazione Ossidazione fotochimica fotochimica C 2 H 2 4 Depauperamento 4 Depauperamento abiotico abiotico Acidificazione Acidificazione SO SO 2 Smaltimento 2 Smaltimento rifiuti rifiuti inerti inerti Eutrofizzazione Eutrofizzazione PO PO Rifiuti Rifiuti non non pericolosi pericolosi Tossicità Tossicità umana umana 1.4-DB 1.4-DB Rifiuti Rifiuti pericolosi pericolosi Ecotossicità Ecotossicità PAF PAF m 2 yr 2 yr Rifiuti Rifiuti radioattivi radioattivi u.eq u.eq /u.f. /u.f. MJ MJ Sb Sb

19 ECO-PROFILO PROTOCOLLO ITACA

20 PROCESSO DI ATTESTAZIONE ESIT MARCHIO PER LA SOSTENIBILITA DELL AMBIENTE COSTRUITO E LA DIFFUSIONE DELLA CERTIFICAZIONE PROTOCOLLO ITACA 1. RICHIESTA PREVENTIVO 2. REGISTRAZIONE PRODOTTO 3. ANALISI LCA 4. VALIDAZIONE ANALISI LCA 5. EMISSIONE ECO-PROFILO

21 VALUTAZIONE PROTOCOLLO ITACA BANCA DATI ECO-PROFILO CO 2 INGLOBATA NELL EDIFICIO

22 CONFORME ALLA EN dichiarazioni ambientali di prodotto: -regole di calcolo LCA -struttura e contenuti EPD RICONOSCIUTA DALLA PIATTAFORMA ECO ARMONIZZAZIONE EPD (INDICATORI COMUNI) ALLINEAMENTO CRITERI DI VALUTAZIONE SUI MATERIALI DA COSTRUZIONE NEI SISTEMI EUROPEI DI CERTIFICAZIONE

23 GRAZIE PER L ATTENZIONE! ach. stefano dotta Environment Park S.p.A. Via Livorno 60, 10144, Torino

IL PATTO DEI SINDACI E L EDILIZIA SOSTENIBILE: il ruolo strategico dei Regolamenti Edilizi

IL PATTO DEI SINDACI E L EDILIZIA SOSTENIBILE: il ruolo strategico dei Regolamenti Edilizi INIZIATIVA ITALIANA PER LA VALORIZZAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI SOSTENIBILI IL PATTO DEI SINDACI E L EDILIZIA SOSTENIBILE: il ruolo strategico dei Regolamenti Edilizi Il Protocollo ITACA e

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO

software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO software LATERLIFE per la verifica delle prestazioni ambientali di soluzioni tecniche in laterizio MANUALE D'USO Indice generale 1. IL SOFTWARE LATERLIFE...3 2. TERMINI E DEFINIZIONI...4 3. LA HOME PAGE

Dettagli

O: opere pubbliche Come adottare i criteri ambientali nel settore delle opere pubbliche. Lo stato di avanzamento dei CAM edilizia

O: opere pubbliche Come adottare i criteri ambientali nel settore delle opere pubbliche. Lo stato di avanzamento dei CAM edilizia Forum Internazionale degli Acquisti Verdi Milano, Palazzo delle Stelline 30/31 ottobre 2013 VII edizione SEMINARI E APPROFONDIMENTI A CURA DEL GDL ACQUISTI VERDI O: opere pubbliche Come adottare i criteri

Dettagli

LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA

LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA LA DEFINIZIONE DI EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO IN UN OTTICA DI CICLO DI VITA NZEB e ZEB definizioni a confronto La Direttiva 2010/31/UE ( EPBD recast 2010) sulla prestazione energetica degli edifici

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Piacenza, 22 Novembre 2013 Agricoltura e Sostenibilità Perchè l agricoltura ha la necessità

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale

Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale Rev. 01 - Marzo 2013 Numero di registrazione: S-P-00427 Data approvazione: 25 marzo 2013 Periodo

Dettagli

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale

Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Life Cycle Assessment Analisi del ciclo e Valutazione dell Impatto Ambientale Sviluppo sostenibile Lo sviluppo è sostenibile quando soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL L Azienda L Azienda 1 Lean Six Sigma : Combining Six Sigma

Dettagli

Il piacere della casa isolata

Il piacere della casa isolata Il piacere della casa isolata La rivista ALTROCONSUMO ha diffuso nel mese di marzo 2014 un articolo inerente guida agli interventi su tetto, pareti e pavimenti che riducono le dispersioni di energia e

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l.

Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l. 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 3 DOCUMENTO Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l. COMMITTENTE Regione Piemonte RESPONSABILE DI SETTORE STEFANO DOTTA RESPONSABILE DI

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A.

Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A. 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 5 DOCUMENTO Analisi LCA di Elemento laterizio Bio-term setti sottili 20x30x19 c45 ST della Vincenzo Pilone S.p.A. RESPONSABILE DI SETTORE STEFANO DOTTA RESPONSABILE DI PROGETTO

Dettagli

ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Ing. MARIA CRISTINA GRILLO Consulente LCA per ARCA

ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Ing. MARIA CRISTINA GRILLO Consulente LCA per ARCA ARCA 3.00 VERSO UN MERCATO SOSTENIBILE Venerdì 10 Ottobre 2014 Palazzo della ricerca e della conoscenza Fondazione Edmund Mach San Michele all Adige (TN) IL SOFTWARE LCA-ARCA IL GARNI DI LENZUMO (TN) Introduzione

Dettagli

3. TIPOLOGIA Conformemente a quanto previsto dall RT-33 è attivata la tipologia ispettiva: progettazione e realizzazione.

3. TIPOLOGIA Conformemente a quanto previsto dall RT-33 è attivata la tipologia ispettiva: progettazione e realizzazione. ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE CORSO DI FORMAZIONE PROTOCOLLO ITACA RIVOLTO AL PERSONALE ISPETTIVO SETTORE DI ACCREDITAMENTO EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

2. SEDI DI SVOLGIMENTO Il corso di formazione si svolgerà: ROMA, presso la Sede di Filca CISL Via del Viminale 43.

2. SEDI DI SVOLGIMENTO Il corso di formazione si svolgerà: ROMA, presso la Sede di Filca CISL Via del Viminale 43. ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE AVVISO CORSO DI FORMAZIONE PROTOCOLLO ITACA RIVOLTO AL PERSONALE ISPETTIVO SETTORE DI ACCREDITAMENTO EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

Le macchine Movimento Terra nel cantiere sostenibile Roberto Paoluzzi, Direttore CNR-Imamoter

Le macchine Movimento Terra nel cantiere sostenibile Roberto Paoluzzi, Direttore CNR-Imamoter convegno nazionale POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE paesaggi e territori progettare, costruire, ristrutturare: dallo scavo all edificio ad energia quasi zero Le macchine Movimento Terra

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA 2009

PROTOCOLLO ITACA 2009 Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale PROTOCOLLO ITACA 2009 Art. 9, Schema Legge Regionale: Norme per l edilizia sostenibile LINEE GUIDA E DISCIPLINARE TECNICO

Dettagli

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Per l isolamento termico e acustico di pareti e coperture imputrescibile inattaccabile da muffe, batteri o roditori anallergico riciclabile ecologico

Dettagli

Presentazione Green Building casa di riposo famiglia bianchi

Presentazione Green Building casa di riposo famiglia bianchi Presentazione Green Building casa di riposo famiglia bianchi Green Building Il Green Building affianca enti locali, professionisti, imprese private, cooperative edilizie e agenzie territoriali per la casa

Dettagli

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Life Cycle Analysis UNI EN ISO 14040-2006: LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici

Dettagli

Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche

Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche M. Cellura, S. Longo, A. Orioli,

Dettagli

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE

STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Strumenti per la Eco-Progettazione Pagina 1 di 7 STRUMENTI PER LA ECO-PROGETTAZIONE Massimo Marino, Stefano Rossi Life Cycle Engineering Studio Ingegneri Associati Via Livorno, 60 10144 Torino Riassunto

Dettagli

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie

Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Isolante termoacustico in PET riciclato da bottiglie Per l isolamento termico e acustico di pareti e coperture imputrescibile inattaccabile da muffe, batteri o roditori anallergico riciclabile ecologico

Dettagli

Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6.

Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6. Dec. Ass. 7 luglio 2010 (1). Definizione delle caratteristiche tecniche costruttive per gli interventi di bioedilizia di cui all art. 3 della legge regionale 23 marzo 2010, n. 6. Pubblicato sulla Gazz.

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA IL RECUPERO ENERGETICO NELLA FILIERA DI PRODUZIONE DEL COMPENSATO - APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA G.L. Baldo*, M. Marino*; S. Rossi*; x ** *Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it

Dettagli

Impiantistica ecologica

Impiantistica ecologica Impiantistica ecologica Dipl.-Ing. Thomas Zelger IBO Vienna thomas.zelger@ibo.at Sommario Linee guida di impiantistica ecologica Metodi per la valutazione ecologica Ottimizzazione ecologica: scelta del

Dettagli

Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2

Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2 Analisi del ciclo di vita (LCA) Esempio 2 Perché questo studio è stato scelto come esempio? Realizzare un indagine LCA (Life Cycle Analysis analisi del ciclo di vita) è un progetto complesso, che occupa

Dettagli

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio Esperienza metodologica: servizio di gestione mense scolastiche Scuola elementare "G.Bombonati" di Ferrara Applicazione dell'lca Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio L Analisi del Ciclo di Vita L Analisi

Dettagli

PRESTAZIONI DELL INVOLUCRO

PRESTAZIONI DELL INVOLUCRO PROTOCOLLO ITACA RESIDENZIALE PRESTAZIONI DELL INVOLUCRO EDIFICIO PRESTAZIONI DELL INVOLUCRO - Disperde l energia attraverso l involucro - Riceve energia dall esterno e dall interno IL SISTEMA EDIFICIO

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI RISPARMIO ENERGETICO E FONTI RINNOVABILI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI RISPARMIO ENERGETICO E FONTI RINNOVABILI COLLEGIO DEI GEOMETRI E DEI GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO Piazza Molise,n.25/27 86100 CAMPOBASSO Sito:www.geometricb.it e-mail:info@geometricb.it LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Dettagli

Serramenti in PVC: rendimento energetico di classe A

Serramenti in PVC: rendimento energetico di classe A INTRODUZIONE Serramenti in PVC: rendimento energetico di classe A La sempre crescente sensibilità e coscienza ambientale diffusa nell attuale società induce e spinge gli acquirenti e gli utenti a influenzare

Dettagli

Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo di vita

Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo di vita ECOMONDO Rimini Fiera 4.11.2010 Valutazioni di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l LCA? Architettura e sostenibilità sviluppo di un modello di valutazione economico-ambientale basato sul ciclo

Dettagli

Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto tra batterie usa e getta e ricaricabili

Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto tra batterie usa e getta e ricaricabili Rifiuti e Life Cycle Thinking Per un uso sostenibile delle risorse ed una gestione virtuosa dei rifiuti Milano, 24-06-2015 Analisi del ciclo di vita di scelte di consumo potenzialmente sostenibili: confronto

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO (EPD) DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E L IGIENE DI

DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO (EPD) DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E L IGIENE DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO (EPD) DI PRODOTTI PER LA PULIZIA E L IGIENE DI CODICE CPC 35322 GRUPPO CODICE CPC 35 PCR PCR 2011:10 DETERGENTS AND WASHING PREPARATIONS, VERSION 1.0, 2011 08 30 NUMERO

Dettagli

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA SOMMARIO - PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA 4 5 6 8 GENERALITà IL PRODOTTO Vital LE APPLICAZIONI Assorbimento

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Tipologia di materiale: Blocco Termico Tamponamento 18x30x38 Superpor. Codice materiale: 5044

SCHEDA TECNICA. Tipologia di materiale: Blocco Termico Tamponamento 18x30x38 Superpor. Codice materiale: 5044 SCHEDA TECNICA F.B.M. Fornaci Briziarelli Marsciano S.p.A Sede legale via XXIV Maggio 1 06055 - Marsciano PG p.iva 00297430548 Tel 0039 07587461 Fax 0039 0758748990 email: fbm@fbm.it Tipologia di materiale:

Dettagli

Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza

Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza 7 Conferenza Annuale Responsible Care Giuseppe Abello ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

Il Progetto Cluster P.RE.MURA

Il Progetto Cluster P.RE.MURA Il Progetto Cluster P.RE.MURA Responsabile Scientifico: Prof. Ulrico Sanna Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Relatrici: Ing. Lorenza Di Pilla

Dettagli

La BIO-ARCHITETTURA : cos'è?

La BIO-ARCHITETTURA : cos'è? La BIO-ARCHITETTURA : cos'è? la bio-architettura non è sicuramente un fenomeno legato alla moda ma piuttosto il frutto di una sensibilità che va sempre più maturando nei confronti di temi come il rispetto

Dettagli

Analisi LCA dei possibili scenari di smaltimento delle materie plastiche

Analisi LCA dei possibili scenari di smaltimento delle materie plastiche Luca Ferrari* Paolo Neri** Riccardo Melloni*** Paolo Pozzi**** Analisi LCA dei possibili scenari di smaltimento delle materie plastiche * Laureato in Ingegneria Gestionale presso l Università di Parma

Dettagli

APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA

APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA SOMMARIO APPROCCIO PRESTAZIONALE ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE DEGLI EDIFICI: CONSIDERAZIONI SULL APPLICAZIONE DEL PROTOCOLLO ITACA ing. Paola Zampiero 1 1 Dottore di Ricerca esperto in

Dettagli

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Alessandra Fusi, Riccardo Guidetti alessandra.fusi@unimi.it Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Introduzione all analisi LCA La metodologia LCA è definita come il procedimento

Dettagli

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam Pregyver sistema lastre- Pregyroche PANNELLI ACCOPPIATI I PANNELLI ACCOPPIATI SINIAT I pannelli preaccoppiati Siniat

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

Equilibrio Naturale Costruito. Applicazioni e dati tecnici

Equilibrio Naturale Costruito. Applicazioni e dati tecnici Equilibrio Naturale Costruito Applicazioni e dati tecnici La situazione attuale. La nostra mission. Il continuo aumento della richiesta di risorse e il contemporaneo sfruttate ha portato alla necessità

Dettagli

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile?

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Prima di rispondere a questa domanda esponendo i risultati di uno studio scientifico effettuato sulla problematica

Dettagli

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da:

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da: ANALISI DEL CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE SOSTENIBILE DEI MATERIALI numero 14 gennaio 2011 2 Sommario{ 3 Introduzione 4 Certificazioni e controlli per le costruzioni 5 I servizi per la sostenibilità

Dettagli

per l Ambiente Srl stefano.alini@radicigroup.com

per l Ambiente Srl stefano.alini@radicigroup.com PERFORMANCE, INNOVAZIONE, SOSTENIBILITÀ: i principali drivers di competitività aziendale Stefano Alini 1 - Irma Cavallotti 2 1 RadiciChimica SpA 2 ICA - Società di Ingegneria Chimica per l Ambiente Srl

Dettagli

I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda

I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda I materiali tradizionali per l efficienza energetica degli edifici: La terra cruda Giuseppe Desogus Laboratorio Efficienza Energetica, Sardegna Ricerche Il Laboratorio Efficienza Energetica Coordinatore

Dettagli

Carlo Ravazzolo. Coperture edili

Carlo Ravazzolo. Coperture edili Carlo Ravazzolo Coperture edili Concetto di BioEdilizia Negli ultimi anni, nell abitare sono emersi molti degli effetti negativi legati all uso spesso incauto e spropositato dei prodotti dell industria

Dettagli

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO Serie CAMELOT 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice G Piastrelle ceramiche pressate a secco con basso assorbimento d acqua GRUPPO BIaGL DIMENSIONI

Dettagli

Comportamento dinamico dell involucro opaco

Comportamento dinamico dell involucro opaco Comportamento dinamico dell involucro opaco Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari E-mail: pietro.stefanizzi@poliba.it Bari, 3 ottobre 2014 CONDUTTIVITA TERMICA? UNI 10351:1994 Materiale solido

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Tipologia di materiale: Blocco Termico Tamponamento 20x25x25 Superpor. Codice materiale: 36

SCHEDA TECNICA. Tipologia di materiale: Blocco Termico Tamponamento 20x25x25 Superpor. Codice materiale: 36 SCHEDA TECNICA F.B.M. Fornaci Briziarelli Marsciano S.p.A Sede legale via XXIV Maggio 1 06055 - Marsciano PG p.iva 00297430548 Tel 0039 07587461 Fax 0039 0758748990 email: fbm@fbm.it Tipologia di materiale:

Dettagli

Criteri ambientali e di sicurezza per la certificazione dei materiali da costruzione per un edilizia sostenibile

Criteri ambientali e di sicurezza per la certificazione dei materiali da costruzione per un edilizia sostenibile Materiali da Costruzione di genesi geologica e da operazioni di recupero e riciclaggio rifiuti: stato dell'arte sulla certificazione di qualità ambientale e sanitaria dell'intera filiera di produzione

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 Soluzioni in lana di roccia per la sicurezza in caso di Incendio. Arch. Fermo Mombrini Il Gruppo

Dettagli

Ecosostenibilità degli isolanti in poliuretano

Ecosostenibilità degli isolanti in poliuretano Ecosostenibilità degli isolanti in poliuretano Commissione Tecnica ANPE Introduzione La definizione, ampiamente condivisa, del concetto di sviluppo sostenibile risale alla stesura, nel 1987 del rapporto

Dettagli

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE Classe 2^ C.A.T. Modulo N. 2 _ ORGANISMO EDILIZIO E SUOI ELEMENTI E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Questionario N. 3a Fondazioni Muratura

Dettagli

ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA MARCHE

ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA MARCHE ERRATA CORRIGE MANUALE STRUMENTI DI CALCOLO PROTOCOLLO ITACA Par. 2.3 Foglio 2.1.1 3.1.1b - Pag. 17: Sezione Serramenti In questa sezione vengono inseriti i materiali impiegati nei serramenti collocati

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104-R-3926

RAPPORTO DI PROVA 110104-R-3926 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia

Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure della Regione Lombardia EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ED ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI NEL NUOVO QUADROLEGISLATIVO politiche, procedure, buone pratiche Il fabbisogno di energia primaria degli edifici nelle nuove procedure

Dettagli

CRITICITA NELLA VALUTAZIONE DI ZERO ENERGY BUILDINGS

CRITICITA NELLA VALUTAZIONE DI ZERO ENERGY BUILDINGS ECOMONDO 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l LCA? CRITICITA NELLA VALUTAZIONE LIFE CYCLE SUSTAINABILITY ASSESSMENT DI ZERO ENERGY BUILDINGS Michele Paleari Politecnico di

Dettagli

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1

AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Controllo del comportamento termoigrometrico nelle chiusure verticali opache AIRROCK HD ALU AIRROCK HD K1 Approfondimenti tecnici prestazione termoigrometrica spunti progettuali analisi ed esempi applicativi

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare Piatti monouso in PP, PS, PLA, polpa di cellulosa e piatti riutilizzabili in porcellana Bicchieri monouso in PP, PS, PLA, cartoncino

Dettagli

file://c:\programmi\nis\report\4_facciata_semplice.html

file://c:\programmi\nis\report\4_facciata_semplice.html REL AZI ONETECNI CA-I SOL AMENTOACUSTI CO PE. RT. 09 file://c:\programmi\nis\report\4_facciata_semplice.html Piano Terra - Sala Riunioni parete nord Volume ambiente ricevente: 452,70 (m 3 ) 42 (db) Indice

Dettagli

CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato

CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato Fabrizio Piva - Amministratore Delegato - CCPB srl Bologna e mail:

Dettagli

La sostenibilità nei trattamenti di bonifica. Elena Sezenna

La sostenibilità nei trattamenti di bonifica. Elena Sezenna La sostenibilità nei trattamenti di bonifica "Green" e Sostenibile di cosa si tratta? 2 Green Si prefigge di ridurre al minimo l'impatto ambientale di un'attività (inclusi gas serra e altre emissioni in

Dettagli

Strumento di valutazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici. Manuale Modulo Strumenti di calcolo

Strumento di valutazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici. Manuale Modulo Strumenti di calcolo Strumento di valutazione della sostenibilità energetico ambientale degli edifici Manuale Modulo Strumenti di calcolo Copyright 2009 ITC-CNR Alcuni Diritti Riservati Quest opera è rilasciata ai termini

Dettagli

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO prof. ing. Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica

Dettagli

A PROPO SITO DELL AMBIE NTE

A PROPO SITO DELL AMBIE NTE 07/2015 07/2014 A PROPO SITO DELL AMBIE NTE La prestazione ambientale di un prodotto consiste nell impatto delle fasi del suo ciclo di vita. Se la fase di design è fondamentale, anche tutte le altre, dalla

Dettagli

Energy. La soluzione. sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato. Sistemi moderni di posa integrata del serramento esterno

Energy. La soluzione. sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato. Sistemi moderni di posa integrata del serramento esterno Energy Sistemi moderni di posa integrata del serramento esterno La soluzione sostenibile universale a scomparsa a preventivo immediato Il giunto di posa con MonoBlok Il giunto di posa è l insieme di elementi

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria Industriale ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Relazione riassuntiva risultati del progetto OBIETTIVI DEL LAVORO

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

La progettazione di un edificio residenziale nell ambito dei protocolli ambientali

La progettazione di un edificio residenziale nell ambito dei protocolli ambientali La progettazione di un edificio residenziale nell ambito dei protocolli ambientali Passaggi chiave, criticità, percorsi ed esempi con i protocolli LEED e ITACA ASPETTI ENERGETICI Prof. Ing. Anna Magrini

Dettagli

Corso di aggiornamento 1

Corso di aggiornamento 1 REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale Tecniche

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto

Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto Sostenibilità ambientale. Il ciclo di vita dei serramenti in PVC. LCA e EPD - Dichiarazione ambientale di prodotto Ing. MARCO PIANA PVC Forum Italia- Centro di informazione sul PVC 1 Il PVC Forum Italia:

Dettagli

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno.

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA il marchio di qualità degli edifici in legno ARCA, ARchitettura Comfort Ambiente è il primo sistema di certificazione dedicato alle costruzioni

Dettagli

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA in collaborazione con: Provincia di Parma Relatore: Chiar.mo Prof. MARCO BERGONZONI Correlatore:

Dettagli

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno.

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA il marchio di qualità degli edifici in legno ARCA, ARchitettura Comfort Ambiente è il primo sistema di certificazione dedicato alle costruzioni

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

ENERGIA ED EMISSIONI

ENERGIA ED EMISSIONI PROTOCOLLO ITACA RESIDENZIALE ENERGIA ED EMISSIONI ENERGIA ED EMISSIONI IL SISTEMA EDIFICIO - IMPIANTO EDIFICIO - Disperde l energia attraverso l involucro - Riceve energia dall esterno e dall interno

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

Relazione di Analisi di Ciclo di Vita del prodotto PLANET NEO 62

Relazione di Analisi di Ciclo di Vita del prodotto PLANET NEO 62 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 3 DOCUMENTO Relazione di Analisi di Ciclo di Vita del prodotto PLANET NEO 62 COMMITTENTE Regione Piemonte RESPONSABILE DI SETTORE STEFANO DOTTA RESPONSABILE DI PROGETTO LUCA

Dettagli

News novembre 2013. Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento. L ateneo dentro la città

News novembre 2013. Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento. L ateneo dentro la città IMMAGINE PUBBLICITÀ EDITORIA UFFICIO STAMPA Vicenza - Corso Palladio, 155 Tel 0444 327206 Fax 0444 809819 News novembre 2013 Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento L ateneo

Dettagli

EPD ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION. RINA Services S.p.A. Barbara Cavanna

EPD ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION. RINA Services S.p.A. Barbara Cavanna EPD ENVIRONMENTAL PRODUCT DECLARATION Il ruolo del certificatore RINA Services S.p.A. Barbara Cavanna 9 Aprile 2010 Che cos è l EPD? Foto L EPD è un etichetta di tipo III Dichiarazione Ambientale di Prodotto

Dettagli

Si riporta una sintesi dei risultati

Si riporta una sintesi dei risultati Le filiere del recupero degli imballaggi in Lombardia Lucia Rigamonti, Mario Grosso, Michele Giugliano L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment LCA) consente una visione globale della filiera

Dettagli

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1)

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli