Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corte di Cassazione - copia non ufficiale"

Transcript

1 Penale Sent. Sez. 3 Num Anno 2014 Presidente: SEZIONEPENALECAMERADICONSIGLIODEL COMPOSTADA:A Relatore: AMORESANO SILVIO Data Udienza: 16/10/2014 sui ricorsi proposti da: SENTENZA 1) Robaldo Gianna nata a Savona il ) Rossignoli Daniela nata a Ostiglia il ) Bassora Ave nata a S.Benedetto Po il ) Bertone William nato a Savona il ) Vallarino Roberta nata a Savona il ) Braga Daniele nato a Legnano il avverso l'ordinanza del del Tribunale di Savona udita la relazione svolta dal Consigliere Silvio Amoresano; udito il Pubblico Ministero, in persona del sost.proc.gen. Fulvio Baldi,che ha concluso chiedendo il rigetto dei ricorsi;

2 RITENUTO IN FATTO 1. Il Tribunale di Savona, con ordinanza in data , rigettava le richieste di riesame, proposte nell'interesse di Gianna Robaldo, Daniela Rossignoli, Ave Bassora, William Bertone, Roberta Vallarino, Daniele Braga, avverso il decreto del GIP presso il Tribunale di Savona, emesso il , con cui era stato disposto il sequestro preventivo "delle quattro unità immobiliari ricavate dall'originario immobile sito a Celle Ligure". Rilevava il Tribunale che i rilievi difensivi non erano idonei a contrastare la condivisibile motivazione del provvedimento impugnato e che sussistevano i presupposti di cui all'art.321 c.p.p. A prescindere dalla configurabilità dell'ipotizzato reato di cui all'art.388 c.p. (peraltro improcedibile non risultando proposta querela), il decreto del GIP, secondo il Tribunale, risultava motivato, sia con riferimento al fumus che al periculum in mora, anche riguardo al reato di cui all'art.44 DPR 380/2001. E tanto emergeva dalla intestazione del provvedimento, in cui era riportata al n.1 la descrizione degli abusi edilizi commessi, con espressa indicazione dell'incremento del carico urbanistico; dalla descrizione in motivazione, anche con richiamo ai rilievi fotografici allegati all'informativa della p.g. del , dell'illecito edilizio; dalla qualificazione dell'immobile come corpo di reato. Tanto premesso, riteneva il Tribunale sussistente il fumus del reato di cui all'art.44 DPR 380/2001, essendo stato l'immobile preesistente, trasformato, senza alcun permesso di costruire, in quattro unità immobiliari; sussisteva inoltre il periculum in mora, essendo indubitabile l'aggravamento del carico urbanistico determinato dall'insediamento di ulteriori tre nuclei familiari. Infine, assolutamente irrilevante era la circostanza che gli istanti Rossignoli, Bassora, Bertone, Vallarino e Braga non fossero indagati, potendo il sequestro preventivo essere disposto relativamente ad un bene a chiunque appartenente, purchè collegato al reato. 2. Ricorre per cassazione Gianna Robaldo, a mezzo del difensore, denunciando la violazione di legge ed il difetto di motivazione ex art.125 comma 3 c.p.p. Erroneamente il Tribunale ha ritenuto che il provvedimento del GIP fosse motivato, sia in punto di "fumus" che di "periculum". Quanto al periculum il GIP motiva con esclusivo riferimento al reato di cui all'art.388 c.p., per cui esso non è, contrariamente a quanto assume il Tribunale, "agevolmente evincibile" in relazione al reato edilizio. Peraltro, del tutto apoditticamente, viene affermato l'aggravamento del carico urbanistico, non specificandosi quale incidenza possa avere sull'equilibrio urbanistico e sull'ordinato assetto del territorio, l'insediamento di tre nuovi nuclei familiari. Il Tribunale, infine, non svolge alcuna indagine in ordine all'esistenza del fumus e del periculum in mora in relazione al reato di cui all'art.388 c.p., benché il provvedimento di sequestro (e la conseguente richiesta di riesame) fosse incentrato solo su siffatto reato. Con motivi nuovi in data si deduce la violazione del combinato disposto dell'art.17 comma 1 letta) n.2 del D.L n.133 e degli artt.3 comma 1 lett.b) e 37 comma 6 DPR 380/2001 e 2 comma 2 c.p., dovendosi ritenere ricompresi negli interventi di manutenzione straordinaria anche quelli comportanti frazionamento o accorpamento di unità immobiliari purchè (come nel caso di specie) non venga modificata la volumetria complessiva degli edifici e sia mantenuta l'originaria destinazione d'uso. Il fatto contestato al capo 1 non può, pertanto, considerarsi più reato. 3. Ricorrono per cassazione Daniela Rossignoli, Ave Bassora, William Bertone, Roberta Vallarino; Daniele Braga, a mezzo del difensore. Dopo una premessa in fatto, denunciano la violazione di legge in relazione all'art.125 co.3 c.p.p. ed il difetto di motivazione, nonché la inosservanza od erronea applicazione dell'art.388 co.7 c.p. 2

3 La convalida del sequestro ed il contestuale provvedimento di sequestro preventivo erano stati motivati con esclusivo riferimento al reato di cui all'art.388 c.p.; il Tribunale travisa completamente il provvedimento del GIP. Con il secondo motivo denunciano la violazione di legge in relazione all'art.125 co.3 c.p.p. ed il difetto di motivazione. Anche a voler ritenere, per mera ipotesi, che il provvedimento impugnato sia stato motivato anche in relazione al reato edilizio, non risultano indicate in concreto le conseguenze negative derivanti dall'aumento del carico urbanistico. Con il terzo motivo denunciano la violazione di legge ed il difetto di motivazione ex art.125 co.3 c.p.p. in relazione agli artt.1140 co. 2 e 1803 c.c., non avendo tenuto conto il Tribunale che i ricorrenti non erano indagati e si trovavano in condizione di perfetta buona fede in relazione all'occupazione degli immobili sequestrati. Peraltro il Tribunale contraddittoriamente, da un lato, ritiene che i ricorrenti non avessero alcun titolo legittimante l'occupazione degli immobili e, dall'altro, assume che essi detenessero in base ad rapporto "in nero". Con il quarto motivo denunciano la violazione di legge ed il difetto di motivazione ex art.125 co.3 c.p.p., non avendo il Tribunale tenuto conto che la violazione edilizia era stata realizzata e perfezionata da altro soggetto e che l'aggravamento del carico urbanistico va verificato in concreto e non può essere presunto. Con il quinto motivo, infine, denunciano l'inosservanza dell'art.8 della CEDU, essendo stata la misura cautelare reale applicata nei confronti di terzi in buona fede. Con motivi nuovi in data si denuncia la inosservanza dell'art2 comma 2 c.p. e dell'art.3 DPR 380/2001, come riformulato dal D.L n.133, dovendosi considerare l'intervento eseguito come di manutenzione straordinaria, che non necessita di permesso di costruire. Essendo sufficiente la semplice comunicazione di inizio lavori, il fatto non è più previsto come reato. CONSIDERATO IN DIRITTO 1. I ricorsi sono infondati e vanno, pertanto, rigettati. 2. Vanno preliminarmente esaminati i motivi nuovi, deducendosi con essi che sarebbe intervenuta, a seguito del D.L.n.133/2014 "abolitio criminis" in relazione alla fattispecie contestata. Si assume, invero, che l'intervento eseguito (trasformazione della originaria unica unità abitativa in quattro unità immobiliari), non avendo comportato né aumento di volumi né mutamento di destinazione d'uso, rientrerebbe, per effetto della nuova normativa, nelle ipotesi di manutenzione straordinaria, eseguibile quindi con semplice denuncia di inizio attività. Il fatto contestato al capo 1) non costituirebbe più reato, per cui il disposto sequestro sarebbe illegittimo. t Avl L'assunto difensivo non pcd essere condiviso. Secondo la giurisprudenza di questa Corte, formatasi in relazione alla normativa preesistente (cfr. ex multis Cass. pen. n.1893 del questa Corte) "In materia edilizia sono realizzabili con denuncia di inizio attività gli interventi di ristrutturazione edilizia di portata minore, ovvero che comportano una semplice modifica dell'ordine in cui sono disposte le diverse parti dell'immobile, e con conservazione della consistenza urbanistica iniziale, classificabili diversamente dagli interventi di ristrutturazione edilizia descritti dall'arti, comma primo lett. c) DPR n.380 del 2001, che portano ad un organismo in tutto o in parte diverso dal precedente con aumento delle unità immobiliari o modifiche del volume, sagoma, prospetti o superfici e per i quali è necessario il preventivo permesso di costruire." (conf.cass.pen.sez.3 n del ). In motivazione si evidenzia che "la stessa attività di ristrutturazione, del resto, può attuarsi attraverso una serie di interventi che, singolarmente considerati, ben potrebbero ricondursi agli altri tipi dianzi enunciati. L'elemento caratterizzante, però è la connessione finalistica delle opere eseguite, che non devono essere riguardate partitamente ma valutate nel loro complesso al fine di individuare se esse siano o meno rivolte al recupero edilizio dello spazio attraverso la realizzazione di un edificio in tutto o in parte nuovo" e dopo aver esaminato gli artt.10 comma 1 lett.c) e 22 comma 3 lett.a) DPR 3

4 380/01 conclude che "Dalle disposizioni legislative dianzi ricordate si deduce che sono sempre realizzabili previa mera denunzia di inizio dell'attività le ristrutturazioni edilizie di portata minore: quelle cioè che determinano una semplice modifica dell'ordine in cui sono disposte le diverse parti che compongono la costruzione, in modo che, pur risultando complessivamente innovata, questa conserva la sua iniziale consistenza urbanistica (diverse da quelle descritte nel citato DPR, art.10 comma 1 lett.c) che possono incidere sul carico urbanistico)" Il D.L. n.133/2014 ha indubbiamente innovato, avendo ricompreso nell'ambito degli interventi di manutenzione straordinaria "anche quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico purchè non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l'originaria destinazione d'uso". I ricorrenti non tengono conto, però, che l'intervento di "frazionamento" dell'originaria unica unità abitativa in quattro ~distinte unità abitative, risulta eseguito su un immobile abusivo. Risulta pacificamente che in relazione all'immobile in questione era intervenuta sentenza di condanna nei confronti di Robaldo Gianna (emessa dal GIP della Pretura Circondariale di Savona il ), passata in giudicato, tanto che esso era stato oggetto di provvedimento esecutivo di demolizione emesso dalla Procura della Repubblica di Savona. E questa Corte ha più volte affermato che "non è applicabile il regime della D.I.A. a lavori edilizi che interessino manufatti abusivi che non siano stati sanati né condonati, in quanto gli interventi ulteriori (sia pure riconducibili, nella loro oggettività, alle categorie della manutenzione straordinaria, del restauro e/o risanamento conservativo, della ristrutturazione, della realizzazione di opere costituenti pertinenze urbanistiche) ripetono le caratteristiche di illegittimità dell'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente" (cfr.cass.pen.sez.3 n del ; conf.cass. sez. 3 n.1810 del ; v.anche di recente Cass. sez. 3 n del ). 3. Venendo ai motivi dei singoli ricorsi, possono essere trattati congiuntamente (perché comuni) quelli riguardanti la motivazione del provvedimento del GIP e la ritenuta sussistenza da parte del Tribunale del fumus e del periculum in mora A norma dell'art.309 comma 9 c.p.p. (richiamato dall'art.324 comma 7 c.p.p.) " il Tribunale può annullare il provvedimento impugnato o riformarlo in senso favorevole all'imputato anche per motivi diversi da quelli enunciati ovvero può confermarlo per ragioni diverse da quelle indicate nella motivazione del provvedimento stesso". E, secondo la giurisprudenza di questa Corte, il potere-dovere attribuito al giudice del riesame dall'art.309, comma nono, ultima parte, cod.proc. pen., di confermare le ordinanze impugnate "per ragioni diverse da quelle indicate nella motivazione del provvedimento stesso" non è esercitabile solo quando la motivazione di quest'ultimo sia radicalmente assente o meramente apparente, dovendo in tali ipotesi, essere rilevata la nullità del provvedimento impugnato per violazione di legge (Cass.pen. sez. 2 n del ). E' illegittima, pertanto, l'ordinanza con cui il Tribunale, in sede di riesame del sequestro preventivo disposto su conforme richiesta del pubblico ministero ai sensi del primo comma dell'art.321 cod.proc.pen., confermi la misura cautelare reale per finalità del tutto diverse, atteso che in tal modo lo stesso non si limita -come è nel suo potere- ad integrare la motivazione del decreto impugnato, ma sostanzialmente adotta un diverso provvedimento di sequestro in pregiudizio del diritto al contraddittorio dell'interessato" (cass. sez. 6 n del ) Il Tribunale, davanti al quale era stata dedotta l'insussistenza del fumus e del periculum non solo del reato di cui all'art.388 c.p. ma anche del reato di cui all'art.44 lett.b) DPR 380/2001 (pag.2 ordinanza), ha rilevato che, a prescindere dal delitto (allo stato improcedibile), risultava assorbente il rilievo che il provvedimento cautelare era stato "disposto, e motivato (anche) sulla base dell'esistenza di gravi indizi del reato di cui all'art.44 lett.b) d.p.r 380/2001, e del "periculum in mora" riscontrato in relazione a tale fattispecie". 4 4

5 Quanto al "fumus", il GIP aveva già evidenziato che l'indagata, oltre a non ottemperare all'ordine di demolizione, aveva, senza essere in possesso del necessario permesso a costruire, frazionato l'unità immobiliare, creando quattro unità abitative (pag.3 ordinanza GIP). Il Tribunale ha ulteriormente ribadito la sussistenza di un "robusto fumus commissi delicti", risultando, dalle indagini preliminari ed in particolare dall'annotazione della p.g. del che nell'immobile sottoposto a sequestro erano state realizzate, senza permesso di costruire, opere edilizie finalizzate al frazionamento dell'immobile. E che tale condotta integri il reato di cui all'art.44 lett.b) DPR 380/2001 non può essere revocato in dubbio, come si è visto in precedenza, e come del resto non è sostanzialmente contestato dagli stessi ricorrenti, i quali invocano piuttosto, con i motivi nuovi, l'intervenuta "abolitio criminis" per effetto del D.L.n.133/ In ordine al "periculum", non c'è dubbio che esso debba presentare i caratteri della concretezza e dell'attualità. In tal senso si sono pronunciate espressamente le Sezioni Unite (Cass. Sez. U Adelio), sottolineando che, "ancorché manchi per le misure cautelari reali una previsione esplicita di concretezza come quella codificata per le misure sulla libertà personale alla lettera c) dell'art. 274 c.p.p., è nella fisiologia del sequestro preventivo di cui all'art. 321 c.p.p., quale misura anch'essa limitativa di libertà costituzionalmente garantite, che il pericolo debba essere contrassegnato dalla effettività e dalla concretezza. Pertanto, spetta al giudice di merito con adeguata motivazione compiere una attenta valutazione del pericolo derivante dal libero uso della cosa pertinente all'illecito penale. In particolare, vanno approfonditi la reale compromissione degli interessi attinenti al territorio ed ogni altro dato utile a stabilire in che misura il godimento e la disponibilità attuale della cosa da parte dell'indagato o di terzi possa implicare una effettiva ulteriore lesione del bene giuridico protetto, ovvero se l'attuale disponibilità del manufatto costituisca un elemento neutro sotto il profilo della offensività. In altri termini, il giudice deve determinare, in concreto, il livello di pericolosità che la utilizzazione della cosa appare in grado di raggiungere in ordine all'oggetto della tutela penale, in correlazione al potere processuale di intervenire con la misura preventiva cautelare. Per esempio, nel caso di ipotizzato aggravamento del c.d. carico urbanistico va delibata in fatto tale evenienza sotto il profilo della consistenza reale ed intensità del pregiudizio paventato, tenendo conto della situazione esistente al momento dell'adozione del provvedimento coercitivo" (Cass.Sez.Un.n del 2003). Anche la giurisprudenza successiva ha costantemente ribadito che il sequestro preventivo di cose pertinenti al reato può essere adottato anche su un'opera ultimata, se la libera disponibilità di essa possa concretamente pregiudicare gli interessi attinenti alla gestione del territorio ed incidere sul carico urbanistico", il pregiudizio del quale va valutato avendo riguardo agli indici di consistenza dell'insediamento edilizio, del numero dei nuclei familiari, della dotazione minima degli spazi pubblici per abitare, nonché della domanda di strutture e di opere collettive (cfr. Cass.pen.sez.3 n.6599 del ed in precedenza Cass.sez.3 n del ; sez.4 n del ; Sez.3 n.4745 del ; sez.2 n del ) Il Tribunale, nel sottolineare che la sussistenza del periculum era chiaramente evincibile nel provvedimento del GIP (pag.3 ordinanza Trib.), ha integrato la motivazione precisando che dal frazionamento illegittimo dell'immobile emergeva con evidenza l'aumento del carico urbanistico dal momento che l'insediamento di tre nuovi nuclei familiari "con l'uso dell'immobile sulla domanda di strutture ed opere collettive quali servizi idrici, fognature, strade, parcheggi, opere pubbliche" gravava sulle strutture preesistenti e, comunque, comportava "ulteriori conseguenze sul bene giuridico tutelato, rappresentato dal regolare assetto del territorio" (pag.4 ord.). Tale motivazione non può dirsi certo apodittica o apparente, per cui non può essere denunciata in sede di legittimità. A norma dell'art.325 c.p.p., il ricorso per cassazione può essere proposto, invero, soltanto per violazione di legge. Secondo le sezioni unite di questa Corte ( sentenza n.5876 del , P.C. Ferazzi in proc. Bevilacqua, Rv ), nella nozione concetto dì "violazione di legge" rientrano la mancanza assoluta di motivazione o la presenza di motivazione meramente apparente, in quanto correlate all'inosservanza di precise norme processuali, quali ad esempio l'art.125 c.p.p., che 5

6 impone la motivazione anche per le ordinanze, ma non la manifesta illogicità della motivazione, la quale può denunciarsi nel giudizio di legittimità soltanto tramite lo specifico ed autonomo motivo di ricorso dall'art.606 lett.e) c.p.p.. Tali principi sono stati ulteriormente ribaditi dalle stesse Sezioni Unite con la sentenza n del Ivanov,Rv , secondo cui nella violazione di legge debbono intendersi compresi sia gli "errores in iudicando" o "in procedendo", sia quei vizi della motivazione così radicali da rendere l'apparato argomentativo posto a sostegno del provvedimento o del tutto mancante o privo dei requisiti minimi di coerenza, completezza e ragionevolezza e quindi inidonee a rendere comprensibile l'itinerario logico seguito dal giudice. 4. Quanto ai soggetti non indagati, va ricordato che oggetto del sequestro preventivo può essere qualsiasi bene- a chiunque appartenente e, quindi, anche a persona estranea al reatopurchè esso sia, anche indirettamente, collegato al reato e, ove, lasciato in libera disponibilità, idoneo a costituire pericolo di aggravamento o di protrazione delle conseguenze del reato ovverodi agevolazione della commissione di ulteriori fatti penalmente rilevanti" (cfr.cass.pen.sez.5 n del ; conf.cass.pen.sez.4 n dell' ; sez.3 n del ). Il sequestro preventivo non finalizzato alla confisca implica, invero, l'esistenza di un collegamento tra il reato e la cosa e non tra il reato e il suo autore, sicchè possono essere oggetto del sequestro anche le cose in proprietà del terzo estraneo se la loro libera disponibilità possa favorire la prosecuzione del reato stesso "(Cass. Sez. 3 n.1806 del ). Conseguentemente, in relazione al sequestro disposto ai sensi dell'art.321 comma 1 c.p.p., da un lato, non è neppure necessario l'individuazione del responsabile del reato (cfr.cass.pen.sez.2 n del ) e, dall'altro, è irrilevante la buona fede del terzo (cfr.cass.pen.sez.3 n.40480/2010). E' necessario, però, che si accerti, come emerge dalle pronunce sopra richiamate, il collegamento specifico del bene, oggetto del sequestro, medesimo con il reato ed il periculum in mora (e si è visto in precedenza come tali elementi debbano ritenersi sussistenti). Peraltro, non può parlarsi neppure di buona fede dei soggetti non indagati. A parte il fatto che neppure in questa sede hanno fornito prova del titolo in base al quale si trovano nell'immobile sottoposto a sequestro (se non attraverso un generico richiamo ad un contratto di comodato ex art.1803 c.c.), essi, con il ricorso alla normale diligenza, avrebbero potuto accertare che si trattava di un immobile abusivo, in ordine al quale era stato emesso ordine di demolizione non ottemperato e che erano state anzi realizzate nuove opere (sempre abusive) per il frazionamento dell'originaria unica unità abitativa in quattro unità. P. Q. M. Rigetta i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali. Così deciso in Roma il

REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche. Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona

REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche. Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona REATI EDILIZI: TECNICHE INVESTIGATIVE DI P.G. Maria Teresa Leacche Magistrato della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sulmona Definizioni Reato: violazione di un precetto munito di sanzione

Dettagli

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva In tema di gestione dei rifiuti, quando il deposito di rifiuti non possiede i requisiti fissati

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N. 15988: autorizzazioni per la realizzazione di impianti fotovoltaici e loro ubicazione in zone classificate agricole. «ai sensi dell

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE /h (I 373 96 /14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VINCENZO ROMIS Dott. GIACOMO FOTI Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Consigliere -

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Consigliere - 19129/14 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE Composta dai Sigg.ri Magistrati Dott. Alfredo Teresi Dott.ssa Chiara Graziosi Dott. Andrea Gentili

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006 CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438 SENTENZA N. 1488 REG. GENERALE n. 43848/05 pubblica udienza del 28.9.2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria 1 Ruolo e compiti della polizia giudiziaria SOMMARIO 1. Funzioni di polizia giudiziaria. 2. Attività di iniziativa. 3. Attività delegata. 3.1. Notificazioni. 1. Funzioni di polizia giudiziaria Il nuovo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente N. 00346/2015 REG.PROV.COLL. N. 03852/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 23484 Anno 2014 Presidente: FIALE ALDO Relatore: DI NICOLA VITO Data Udienza: 07/03/2014 SENTENZA sul ricorso proposto da Petroni Domenico, nata a Canosa di Puglia il 09/09/1971

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI Ottava Sezione Penale Collegio F Il Tribunale di Napoli, composto dai sottoscritti magistrati:

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 34917 Anno 2015 Presidente: FRANCO AMEDEO Relatore: RAMACCI LUCA Data Udienza: 09/07/2015 sul ricorso proposto da: SENTENZA PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA ez. 3, Sentenza n. 42178 del 2009 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Camera di consiglio Dott. LUPO Ernesto

Dettagli

Carte credito, vaglia postale veloce,carta

Carte credito, vaglia postale veloce,carta Carte di credito, vaglia postale veloce,carta di Pagamento,penale,pagamenti,internet,legalgeek Cassazione Feriale Penale del 15 settembre 12 dicembre 2011, n. 45946 testo Civile.it " I reati sono stati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Seconda) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Seconda) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. II, 19 febbraio 2014, n. 497 Edilizia e urbanistica - Legittimità annullamento DIA per impianto di cogenerazione non conforme allo strumento urbanistico. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Non è più soggetta ad autorizzazione la installazione del singolo impianto che produce emissione in atmosfera,

Dettagli

Svolgimento del processo

Svolgimento del processo Cass.Pen., sez.iii, 26.01.07, n. 2902 Rifiuti Sentenze - Materiali di risulta da lavori edili - Riutilizzo per pavimentazione - Verifica di pregiudizi per l'ambiente - Necessità di utilizzare il test di

Dettagli

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di Palermo, Sezione Seconda, ha pronunciato la seguente SENTENZA N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg.

Dettagli

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Integra il reato di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti l'accumulo di "beni destinati alla rottamazione" elencati nel catalogo europeo dei rifiuti (CER) quali i veicoli e i pneumatici fuori uso,

Dettagli

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) -n. 19962 del 22 gennaio 2013 (dep. 9 maggio 2013)- Collegio

Dettagli

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense Egregio Collega, il tuo quesito, in buona sostanza, è il seguente: In base alla normativa vigente, sono ripetibili dal soccombente le spese generali e/o forfettarie non liquidate dal Giudice nella sentenza?

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Cassazione penale: Sequestro preventivo di un impianto fotovoltaico in zona agricola

Cassazione penale: Sequestro preventivo di un impianto fotovoltaico in zona agricola Cassazione penale: Sequestro preventivo di un impianto fotovoltaico in zona agricola L'esecuzione in assenza o in difformità degli interventi subordinati a denuncia di inizio attività (DIA), allorché non

Dettagli

avverso la ordinanza n. 76/14 in data 20/9/2014 del Tribunale di Ancona in funzione di giudice del riesame;

avverso la ordinanza n. 76/14 in data 20/9/2014 del Tribunale di Ancona in funzione di giudice del riesame; Cass., Sez. II, 3 febbraio 2015, n. 4998 Sentenza sul ricorso proposto da: M.M., nato a (OMISSIS); avverso la ordinanza n. 76/14 in data 20/9/2014 del Tribunale di Ancona in funzione di giudice del riesame;

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA LOMBARDIA MILANO SEZIONE IV Registro Sentenze: Registro Generale: 2841/2006 ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. 28352: reati fiscali e tributari in relazione ad attività di trasporto rifiuti. «Questa Corte ha costantemente affermato, sulla scia

Dettagli

No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi

No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) - n. 19111 del 9 aprile 2013 (dep. 3 maggio 2013) - Collegio

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 5 Num. 16972 Anno 2015 Presidente: MERONE ANTONIO Relatore: CHINDEMI DOMENICO Data pubblicazione: 19/08/2015 SENTENZA sul ricorso 1847-2012 proposto da: COMUNE DI POSITANO in persona

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N. 31382: trasporto di rifiuti senza osservare le prescrizioni contenute nell autorizzazione ed individuazione del luogo di consumazione

Dettagli

Piano Casa regionale: brevi riflessioni a margine del convegno del 1 ottobre 2009 per tecnici

Piano Casa regionale: brevi riflessioni a margine del convegno del 1 ottobre 2009 per tecnici Piano Casa regionale: brevi riflessioni a margine del convegno del 1 ottobre 2009 per tecnici comunali, geometri e geometri laureati della provincia di Bergamo. (avv. Mauro Fiorona - www.studiolegalefgs.com)

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE

PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE * * * Si riscontra il quesito in oggetto, articolato in due questioni: 1) in primo luogo chiarire se sia corretto il convincimento secondo

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

Indagini finanziarie senza limiti

Indagini finanziarie senza limiti Indagini finanziarie senza limiti Estendibili anche ai privati non titolari di partita IVA I dati e le notizie dei conti correnti bancari intestati al contribuente in proprio possono essere legittimante

Dettagli

SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori

SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori È necessario un titolo abilitativo per installare condizionatori e climatizzatori e, nel caso, un'autorizzazione

Dettagli

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli;

- che i contratti conclusi in violazione delle regole sulla competenza professionale sono nulli; CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 30 agosto 2013, n. 19989 Svolgimento del processo Con citazione del 6/6/1992 De L. D. proponeva opposizione al decreto ingiuntivo con il quale gli era stato ingiunto di pagare

Dettagli

La storia della guida in stato di ebbrezza viene da lontano ed ha ricevuto nel tempo molteplici modifiche della relativa disciplina.

La storia della guida in stato di ebbrezza viene da lontano ed ha ricevuto nel tempo molteplici modifiche della relativa disciplina. 186 PATENTE La storia della guida in stato di ebbrezza viene da lontano ed ha ricevuto nel tempo molteplici modifiche della relativa disciplina. Negli anni più recenti, oltre a attribuire inizialmente

Dettagli

Distanze e Pubblica Amministrazione

Distanze e Pubblica Amministrazione Capitolo 8 Distanze e Pubblica Amministrazione Caso 8.1 Nel rilasciare i permessi di costruzione, il Comune deve tutelare l esistenza di diritti di terzi sugli immobili? I provvedimenti abilitativi della

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo

Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo Diritto di ritenzione: legittimo solo in caso di unico vincolo contrattuale Tribunale Milano, sez. XI, ordinanza 22.11.2012 commento e testo Altalex.it (Pierluigi D'Urso) L'ordinanza in rassegna accorda

Dettagli

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707.

Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. Interpretazione del regolamento condominiale (in materia di Bed & Breakfast) Cass. Civ., sez. II, sentenza 20 novembre 2014 n. 24707. REGOLAMENTO DI CONDOMINIO LIMITAZIONI - INTERPRETAZIONE Le norme contenute

Dettagli

Ossevatorio sulla Corte di cassazione

Ossevatorio sulla Corte di cassazione Ossevatorio sulla Corte di cassazione Sequestro preventivo La questione Sequestro preventivo - Sito web Ammissibilità Manifestazione del pensiero Libertà di stampa Testata giornalistica telematica registrata

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP

Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP Nel caso di infortuni sul lavoro, non basta la nomina di un soggetto addetto al servizio di prevenzione e protezione in uno specifico stabilimento,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento N. 00720/2014 REG.PROV.COLL. N. 00202/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

MOTIVI DELLA DECISIONE

MOTIVI DELLA DECISIONE Sentenza n. 16972 del 19 agosto 2015 (ud 8 luglio 2015) - della Cassazione Civile, Sez. V - Pres. MERONE Antonio - Est. CHINDEMI Domenico - Pm. ZENO Immacolata - - - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

I MATERIALI PROVENIENTI DA DEMOLIZIONI EDILI SONO RIFIUTI SE NON RICORRONO LE CONDIZIONI PER L APPLICAZIONE DEI REGIMI DI FAVORE

I MATERIALI PROVENIENTI DA DEMOLIZIONI EDILI SONO RIFIUTI SE NON RICORRONO LE CONDIZIONI PER L APPLICAZIONE DEI REGIMI DI FAVORE I MATERIALI PROVENIENTI DA DEMOLIZIONI EDILI SONO RIFIUTI SE NON RICORRONO LE CONDIZIONI PER L APPLICAZIONE DEI REGIMI DI FAVORE Nota a Corte di Cassazione - Sez. III Penale - sentenza del 7 aprile 2008,

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

(Omissis), rappresentato e difeso dagli avv. (Omissis), con domicilio eletto presso (Omissis) in (Omissis), viale (Omissis);

(Omissis), rappresentato e difeso dagli avv. (Omissis), con domicilio eletto presso (Omissis) in (Omissis), viale (Omissis); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE SEZIONE QUINTA ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 5720 del 2011, proposto

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA N. 00730/2014 REG.PROV.COLL. N. 00071/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Il CONSIGLIO DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA PER LA REGIONE SICILIANA

Il CONSIGLIO DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA PER LA REGIONE SICILIANA N. 00171/2014REG.PROV.COLL. N. 00871/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il CONSIGLIO DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA PER LA REGIONE SICILIANA in sede giurisdizionale ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia - Sezione staccata SENTENZA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia - Sezione staccata SENTENZA. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia - Sezione staccata di Brescia - ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.8/98 promosso da

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE. sentenza

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE. sentenza Rifiuti Giurisprudenza Discariche esistenti Discariche nuove Piano di adeguamento Proroghe Applicabilità Esclusa se c è stata l approvazione del piano di adeguamento Sentenza della Corte di Cassazione

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA N. 09478/2013 REG.PROV.COLL. N. 01472/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Bis) ha pronunciato

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità

Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Parere n. 1/2010 - Ristrutturazione edilizia attuata con demolizione e ricostruzione. Onerosità Si chiede parere in merito all onerosità ovvero all eventuale gratuità di un intervento di ristrutturazione

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 10 maggio 2013, n. 1221 Edilizia e urbanistica - Distanze legali - Costruzione distanza legale e principio di prevenzione ex artt. 873 e 875 c.c. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

2. La R.I. ltd., in persona del legale rappresentante, a mezzo dell avv. R.Q., propone ricorso per cassazione deducendo:

2. La R.I. ltd., in persona del legale rappresentante, a mezzo dell avv. R.Q., propone ricorso per cassazione deducendo: Reati fiscali - Omesso versamento Iva - Imponibilità - Vendita on line Svolgimento del processo 1. Con l ordinanza in epigrafe il tribunale del riesame di Varese confermò il decreto emesso il 23.3.2013

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 6 Num. 9815 Anno 2015 Presidente: BIANCHINI BRUNO Relatore: MANNA FELICE Data pubblicazione: 13/05/2015 SENTENZA sul ricorso 8846-2012 proposto da: RAU MIRIA11,(RAUMRM52E55H5010) elettivamente

Dettagli

LE RISTRUTTURAZIONI E IL RISPETTO DELLA SAGOMA

LE RISTRUTTURAZIONI E IL RISPETTO DELLA SAGOMA LE RISTRUTTURAZIONI E IL RISPETTO DELLA SAGOMA BREVI NOTE SULLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE N. 309/2011 1. AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA SENTENZA N. 309/2011 DELLA CORTE COSTITUZIONALE...2 2. LA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. 13008: art. 659 c.p. (Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone) e responsabilità del gestore di un esercizio commerciale.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) contro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) contro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione VI) N. 1201/2010 REG.DEC. N. 1942/2009 REG.RIC. ha pronunciato la presente DECISIONE sul ricorso numero

Dettagli

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MILANO SEZIONE 3 riunita con l'intervento dei Signori: NATOLA LIVIO MICHELE Presidente FUSARO SERGIO Relatore GESUALDI

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Condannato in primo e secondo grado, ricorre in Cassazione - Rigetto.

Condannato in primo e secondo grado, ricorre in Cassazione - Rigetto. Cassazione Penale, Sez. 4, 22 dicembre 2011, n. 47798 - Caduta dall'alto per mancanza di cavi di sicurezza ai quali agganciarsi e responsabilità di un coordinatore per la sicurezza Fonte: Osservatorio

Dettagli

TAR Milano, Sez. III, sentenza n. 2271 del 2015

TAR Milano, Sez. III, sentenza n. 2271 del 2015 La fecondazione eterologa è parte del diritto costituzionale alla salute e, come tale, non può essere discriminata dal Servizio sanitario rispetto a quella omologa. Con la sentenza sotto riprodotta il

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net Una sentenza della Suprema Corte smentisce le prassi di mancato sequestro degli abusivi edilizi terminati CASSAZIONE: PER I REATI EDILIZI È AMMISSIBILE IL SEQUESTRO DI UN IMMOBILE COSTRUITO ABUSIVAMENTE

Dettagli

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino Page 1 of 5 numero 21.2011 25 maggio 2011 IL PUNTO Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino di Federica Caponi, SELF Servizi e Formazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. SANSONE Luigi - Presidente Dott. IPPOLITO Francesco -

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02271/2015 REG.PROV.COLL. N. 03246/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621. Avv. Adolfo Tencati

Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621. Avv. Adolfo Tencati RIFLESSI CIVILISTICI DEL SEQUESTRO PREVENTIVO ANTIMAFIA Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621 Avv. Adolfo Tencati Il trust è illegittimo (sham) quando la segregazione patrimoniale mira a realizzare fini

Dettagli

Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni.

Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni. Lavoro a tempo determinato: ammissibile lo scorrimento a catena di mansioni Cassazione, sez. lavoro, sentenza 24.08.2004 n. 16661 Anche nel caso di ricorso al lavoro a termine è ammissibile lo scorrimento

Dettagli

Giurisprudenza - CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 giugno 2015, n. 12486

Giurisprudenza - CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 giugno 2015, n. 12486 Giurisprudenza - CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 giugno 2015, n. 12486 Lavoro subordinato - Estinzione del rapporto - Mancanza di titoli - Impossibilità temporanea - Illegittimo Svolgimento del processo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) N. 03963/2015 REG.PROV.COLL. N. 02235/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato la presente

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 2249 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 2249 del 2007, proposto da: N. 01874/2013REG.PROV.COLL. N. 02248/2007 REG.RIC. N. 02249/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Cass. civ. Sez. II, Sent., 25/02/2014, n. 4489 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRIOLA

Dettagli

La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte

La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte La difesa del contribuente tra esigenze di effettività e rischio di riscossione anticipata

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01139/2013 REG.PROV.COLL. N. 01629/2007 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Tar Toscana, sez. II, 31 gennaio 2006, n. 249 - d.i.a. -

Tar Toscana, sez. II, 31 gennaio 2006, n. 249 - d.i.a. - Tar Toscana, sez. II, 31 gennaio 2006, n. 249 - d.i.a. - Sul ricorso n. 3016/1993 proposto dalla Società Sani Frigo, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall'avv. Alessandro

Dettagli