Programmare LEGO NXT con Java

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programmare LEGO NXT con Java"

Transcript

1 Programmare LEGO NXT con Java

2 Overview NXT Hardware Ambiente di sviluppo Eclipse Java Virtual Machine Programmare con JAVA

3 NXT hardware 4 Inputs (digitali e analogici) 3 Outputs (supporto per encoders) Schermo (100x64 pixels) 4 Bottoni Suono USB e Bluetooth

4 Processori Processore principale: Atmel 32-bit ARM processor, AT91SAM7S KB FLASH 64 KB RAM 48 MHz Co-processore: Atmel 8-bit AVR processor, ATmega48 4 KB FLASH 512 Byte RAM 8 MHz

5 Comunicazione tramite Bluetooth e USB Bluetooth wireless communication CSR BlueCoreTM 4 v2.0 +EDR System Supports the Serial Port Profile (SPP) Internal 47 KByte RAM External 8 MBit FLASH 26 MHz USB 2.0 Full speed com port (12 Mbit/s)

6 Monitor, Suono e bottoni Display in bianco e nero 100 x 64 pixel LCD Uscita audio con canale con risoluzione a 8-bit resolution 4 bottoni

7 Schema a blocchi del mattoncino intelligente

8 Qualche dettaglio 3 output con connessione a 6-fili che supportano anche l'input dagli encoder 4 input con connessione a 6-fili che supportano: - segnali digitali - segnali analogici - protocollo I2C - high speed port, IEC Type 4/EN LEGO ha distribuito tutta la documentazione

9 Documentazione online - cliccare sul bottone NXTreme button per informazioni e downloads per utenti avanzati Open source firmware!!! SDK Software Developer Kit HDK Hardware Developer Kit BDK Bluetooth Developer Kit

10 Motori Encoder integrato nel motore con sensibilità 1 Posizioni relative e non assolute Velocità massima pari a circa 200 RPM Coppia massima 24 Ncm Motori estremamente robusti

11 Motori

12 Sensori nel kit Sensore a ultrasuoni (3cm-100cm) Sensore di luce attivo Sensore acustico DB and DBA Sensore di contatto

13 Cavi di connessione I cavi LEGO NXT (come I connettori DEC RJ-12 ma al contrario) Schemi: Analog input

14 3 rd Party Sensors Prezzi da $30 a $50 HiTechnic (www.hitechnic.com) Esteticamente simili ai sensori LEGO Autorizzati da LEGO MindSensors (www.mindsensors.com) Compatibili ma meno curati esteticamente

15 HiTechnic Sensors Color Sensor Compass Sensor Acceleration Sensor More coming Prototype board Gyro sensor (analog, not I2C digital) IR Link (to talk to RCX and other LEGO IR devices) IR Seeker (for robo soccer, for example)

16 MindSensors Sensors Acceleration Sensor RCX to NXT communications link PS2 controller interface Motor Multiplexor Magnetic Compass Pneumatic Pressure Sensor

17 Bluetooth Utilizzabile per scaricare i programmi Permette il trasferimento di dati da un NXT all'altro (fino a quattro collegati in rete) Permette il controllo a distanza da parte di qualsiasi dispositivo con BT

18 Linguaggi di programmazione NXT-G NXC e NBC (in ambiente BricX) Robot C pblua Java ed altri

19 NXT-G code Ambiente di sviluppo della LEGO Programmazione grafica Basato su National Instruments LabView Ottimo per programmi semplici Ideale per I ragazzi delle scuole medie inferiori ed elementari

20 NXC e NBC NXC (Not exactly C) è un linguaggio simile al C Costruito sull'assembler NBC, the Next Byte Code Utilizza il firmware standard della LEGO e un firmware potenziato

21 NXC in BricxCC BricxCC è un ambiente di sviluppo Supporta tutte le piattaforme LEGO E' opensource e compatibile anche con hardware non LEGO

22 Robot C Linguaggio di programmazione di Carnegie Mellon s per varie piattaforme (tra cui VEX, RCX e NXT) Firmware dedicato Costo30 $

23 Robot C Linguaggio di programmazione di Carnegie Mellon s per varie piattaforme (tra cui VEX, RCX e NXT) Firmware dedicato Costo30 $

24 pblua New firmware, and language Small portable language for embedded systems By Ralph Hemple, the author of pbforth for the RCX Compiles on brick! Use any terminal device to talk to it

25 Altri linguaggi Java MS Robotic Studio!!!!!!!!!! Si deve scaricare un piccolo programma client Il controllo reale è fatto dal PC

26 Programmare con Java Linguaggio orientato agli oggetti Senza fare un corso sul linguaggio cercheremo subito di: Utilizzare i motori Acquisire dati dai sensori

27 Link utili

28 La rivoluzione di Java - permette la realizzazione di programmi non legati ad una architettura precisa - Macchina Virtuale (JVM), i programmi non vengono compilati in codice macchina (nativo) ma in un codice intermedio chiamato bytecode - JVM e JDK

29 Architettura JVM

30 Paradigma della OOP Entità fondamentale è la classe, contenente: - lo stato, cioè i campi dell oggetto; - le procedure per la gestione, i metodi. Incapsulamento, ereditarietà

31 Classi e Oggetti

32 Un problema...

33 La soluzione Nel package navigation c'è la classe differentialpilot DifferentialPilot(float wheeldiameter, float trackwidth, Motor leftmotor, Motor rightmotor)

34 Esempio di oggetto

35 LEJOS lejos è una VM Java ridotta per l'nxt lejos NXJ offre: Object oriented language (Java) Preemptive threads (tasks) Arrays, including multi-dimensional Recursion Synchronization Exceptions Java types including float, long, and String Most of the java.lang, java.util and java.io classes A Well-documented Robotics API

36 Il NOSTRO riferimento

37 Installazione in window Oppure dalla cartella sul desktop: - fantom driver - jdk - Lejos - Eclipse

38 Trasferire il firmware nell'nxt htm

39 Il primo programma import lejos.nxt.button; public class HelloWorld { public static void main (String[] args) { System.out.println("Hello World"); Button.waitForAnyPress(); } }

40 Per fortuna abbiamo Eclipse

41 Controllo dei motori I nostri motori sono a corrente continua dotato di due morsetti, la velocità e il verso di rotazione dell'albero dipendono da: - tensione applicata - corrente assorbita dal rotore - carico applicato

42 Struttura dei motori DC la corrente scorre negli avvolgimenti e si genera un campo magnetico la parte sinistra del rotore è respinta dal magnete di sinistra ed attirata da quello di destra. la coppia genera la rotazione

43 Struttura dei motori DC quando gli avvolgimenti si allineano orizzontalmente, il commutatore inverte la direzione di corrente attraverso gli avvolgimenti, modificando il campo magnetico; il processo ritorna quindi allo stato di partenza e il ciclo si ripete (http://it.wikipedia.org/wiki/file:electric_motor.gif)

44 Controllo PWM dei motori DC Modulazione di larghezza di impulso, dall'inglese pulse-width modulation onda quadra di duty cycle variabile che permette di controllare la potenza assorbita da un carico elettrico

45 Controllo dei motori dell'nxt i connettori sono a sei fili. controllo degli attuatori con segnali PWM alla tensione di 4,3 V e con correnti da 700 ma fino a 1 A valore di picco il motore è anche equipaggiato con una protezione termica interna due collegamenti per le informazioni provenienti dal decoder integrato nel motore

46 Controllo software dei motori htm

47 La classe NXTRegulatedMotor Ha tre istanze, una per ogni motore e i seguenti metodi principali: - forward(), backward(), stop() - gettachocount(), setspeed(int speed), Delay - rotate(int angle), rotateto(int angle) - rotaterotate(int angle,boolean immediatereturn), rotateto(int angle,booleanimmediatereturn), (boolean)isrotating()

48 Primi esempi di gestione motori Per un uso di base Per utilizzare l'encoder. Gestione della rotazione, inerzia e freno. Esecuzione rotazione in un thread Regolazione della velocità

49 Il primo programma

50 Cosa usare

51 La soluzione

52 Controllo software dei motori

53 Altri metodi della classe NXTRegulatedMotor boolean ismoving(); int getlimitangle() int getspeed() int getactualspeed() boolean isstalled() resettachocount() void setacceleration(int acceleration) void getacceleration() suspendregulation()

54 Altre classi per i motori La classe NXTMotor per esempio è utile quando non si vuole regolare la velocità dei motori. - setpower(int apower) Used to control motor power directly. Use a value between 0 and int getpower()

55 Provare i programmi Riportati al seguente link: Scrivere un programma per replicare il movimento di un motore B in base allo spostamento manuale di un motore A

56 Gli encoder Il trasduttore di posizione angolare, è un dispositivo elettromeccanico che converte la posizione angolare del suo asse rotante in segnali elettrici numerici digitali Gli encoder si possono dividere in due grandi categorie: * assoluti (http://it.wikipedia.org/wiki/codice_gray) * relativi (noti anche come incrementali)

57 Gli encoder relativi

58 Gli encoder relativi hanno in genere da 100 a aree per giro due piste fuori fase permettono di ottenere sia la posizione che la direzione della rotazione

59 Controllo dei motori in retroazione Gli encoder, tramite opportune funzioni, permettono di controllare la velocità, la posizione e di sincronizzare i motori.

60 Controllo dei Sensori Lejos mette a disposizione diverse classi per controllare e interrogare i sensori, le porte di collegamento vengono identificate con SensorPort.S1, S2, S3 o S4. Iniziamo dal più semplice: il sensore di contatto La classe è la TouchSensor, che va istanziata con il costruttore TouchSensor(SensorPort port)

61 Il sensore di contatto

62 Esempio di utilizzo del sensore di contatto import lejos.nxt.lcd; import lejos.nxt.sensorport; import lejos.nxt.touchsensor; public class TouchTest { public static void main(string[] args) throws Exception { TouchSensor touch = new TouchSensor(SensorPort.S1); while (!touch.ispressed()) { // try again } LCD.drawString("Finished", 3, 4); } }

63 Lettura dei valori dal sensore Come si può notare dall'esempio, per interrogare il sensore si usa il metodo Bool ispressed()

64 Programma di esempio task main() { SetSensor( S1, SENSOR_TOUCH ); } while( true ) { if( Sensor(S1)==0 ) { OnFwd(OUT_AB,50); } else { OnRev(OUT_AB,50); Wait(500); OnFwd(OUT_A,50); Wait(500); } }

65 Esercizi 1) Spostare in avanti per 2 secondi con potenza pari al 25% e tornare indietro per 1 secondo con velocità al 50%. 2) Mettere a velocità massima solo una ruota per tre secondi. 3) Mettere a velocità massima una ruota e massima negativa l'altra, per 3 secondi.

66 Esercizi da svolgere 4) Cosa cambia nel comportamento dell'esercizio 2 e 3? 5) Ripetere le istruzioni degli esercizi precedenti per tre volte usando un blocco di ripetizione, intervallando ogni ripetizione con tre secondi di pausa. 6) Usando il righello e gli altri strumenti necessari, determinare per quanto tempo devo far funzionare i motori al 50% perché il robot si sposti di 20 cm in linea retta. Come posso fare per avere una risposta più precisa?

67 Esercizi da svolgere 7) Far muovere il robot lungo il perimetro di un quadrato di lato 40 cm, al 60% della velocità utilizzando una delle funzioni degli esercizi precedenti. 8) Il robot si deve muovere a velocità costante pari al 50%. In caso di urto (rilevato dal sensore di contatto) deve arretrare di 20 cm, ruotare di 120 e ripartire al velocità costante.

68 Esercizi da svolgere 9) Contiamo gli urti: il robot si deve muovere a velocità costante, pari al 60%, in caso di urto (rilevato dal sensore di contatto) deve incrementare un'apposita variabile. Se il numero nella variabile è pari deve arretrare di 20 cm, ruotare di 120 e ripartire a velocità costante, se il numero è dispari deve arretrare di 20 cm, ruotare di 180 e ripartire a velocità costante.

69 Il sensore di luminosità Il sensore determina il livello di luminosità nell'ambiente; può anche emettere luce per poi rilevare quella riflessa.

70 Il sensore di luminosità

71 Controllo e utilizzo del sensore di luminosità La classe per l'utilizzo del sensore di luminosità è LightSensor istanziata con il costruttore LightSensor(SensorPort port) Possiamo interrogarlo con i metodi getlightvalue() getnormalizedlightvalue() oppure SensorPort.S1.readRawValue() SensorPort.S1.readValue()

72 Esempio di utilizzo del sensore di luminosità import lejos.nxt.lcd; import lejos.nxt.lightsensor; import lejos.nxt.sensorport; public class LightTest { } public static void main(string[] args) throws Exception { } LightSensor light = new LightSensor(SensorPort.S1); while (true) { } LCD.drawInt(light.getLightValue(), 4, 0, 0); LCD.drawInt(light.getNormalizedLightValue(), 4, 0, 1); LCD.drawInt(SensorPort.S1.readRawValue(), 4, 0, 2); LCD.drawInt(SensorPort.S1.readValue(), 4, 0, 3);

73 Il monitor dell'nxt Il monitor risulta utile per Debugging Settaggio di parametri Messaggi durante l'esecuzione Grafica Giochi

74 Carateristiche del monitor Il display ha una risoluzione 100 x 64 px è possibile disegnare qualsiasi cosa sullo schermo, ma visualizzeremo solo numeri o testi

75 Principali funzioni per il controllo del monitor La classe non ha istanze, solo metodi statici In modalità testo x da 0 to 15 e y da 0 a 7 void drawstring(string str, int x, int y) void drawint(int i, int x, int y) void drawint(int i, int places, int x, int y) void clear()

76 Esempi di utilizzo del display import lejos.nxt.lcd; public class LCDTest { public static void main(string[] args) throws Exception { LCD.drawString("Free RAM:", 0, 0); LCD.drawInt((int) System.getRuntime().freeMemory(), 6, 9, 0); Thread.sleep(2000); } }

77 Esercizi 1) Visualizzare sul monitor dell'nxt il valore di luminosità rilevato dal sensore impostato in modalità percentuale e poi in modalità raw. 2) Scrivere un programma per seguire una linea scura su fondo bianco utilizzando un solo sensore di luminosità.

78 Esercizi 3) Far ruotare per 360 il robot attorno al proprio asse. Memorizzare per ogni grado la luminosità rilevata utilizzando un vettore. Al termine della rotazione individuare l'angolo in cui è stata rilevata la massima luminosità e quindi riportare il robot in quella posizione.

79 Sensore ad ultrasuoni Valuta la distanza degli oggetti tramite onde acustiche E' un sensore intelligente, utilizza il protocollo I2C

80 Programmi 1) Far muovere in linea retta il robot fino a quando incontra un ostacolo ad una distanza inferiore a 40 cm. In questo caso farlo ruotare su se stesso di un angolo casuale compreso tra 100 e 180 e farlo di nuovo muovere in linea retta. Terminare il programma dopo cinque incontri.

81 Programmi 2) Far muovere il robot in linea retta. Quando viene rilevato un ostacolo ad una distanza inferiore al metro, la velocità deve diminuire direttamente proporzionale alla distanza fino ad annullarsi a 40 cm dall'ostacolo stesso. In ogni caso, giunto a 50 cm dall'ostacolo, il robot deve ruotare di 180 e riprendere il movimento rettilineo al 75% della velocità massima.

82 Programmi 3) Usare il sensore ad ultrasuoni per determinare la velocità di avvicinamento ad un muro (in cm/s) del vostro robot e visualizzarla sul monitor in modo che sia leggibile. Confrontare il risultato con una misura spazio/tempo effettuata da voi e con i calcoli teorici effettuati conoscendo il diametro della ruota e il numero di giri della ruota.

Programmare LEGO NXT con BricX

Programmare LEGO NXT con BricX Programmare LEGO NXT con BricX Overview NXT Hardware Ambiente di sviluppo NXC Programmare con NXC Interazione NXT - PC NXT hardware 4 Inputs (digitali e analogici) 3 Outputs (supporto per encoders) Schermo

Dettagli

Programmazione dei robot

Programmazione dei robot Programmazione dei robot Concetti introduttivi Il kit Mindstorms NXT è un sistema che permette di costruire e programmare i robot Lego Mindstorms. Il componente principale del kit è un piccolo computer

Dettagli

La nuova generazione (NXT) di

La nuova generazione (NXT) di moria flash, 64Kbyte di RAM e clock a 48MHz. Un coprocessore Atmel AVR ad 8bit con 4Kbyte di memoria flash e 512Byte di RAM. Un CSR BlueCore 4, con 47Kbyte di RAM interna, memoria flash esterna ad 8Mbit

Dettagli

Una guida per l utilizzazione educativa del robot Mindstorms NXT con programmazione Java

Una guida per l utilizzazione educativa del robot Mindstorms NXT con programmazione Java Università degli Studi di Padova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica tesi di laurea Una guida per l utilizzazione educativa del robot Mindstorms NXT con programmazione Java

Dettagli

Realizzazione di un robot olonomo

Realizzazione di un robot olonomo UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Realizzazione

Dettagli

ROBOCUP JR ITALIA 2012

ROBOCUP JR ITALIA 2012 Rete di scuole per la ROBOCUP JR ITALIA ROBOCUP JR ITALIA 2012 Riva del Garda (TN) 19-21 aprile Della squadra Another Brick Istituto ITIS Marconi di Gorgonzola La Rete di scuole per la Robocup Jr ITALIA

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Corso di ingegneria informatica e automatica Automazione I Realizzazione di una macchinina in grado di evitare le collisioni Di Alessandro Giuseppi All attenzione

Dettagli

Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua

Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua Controllo di un Motore Elettrico in Corrente Continua ARSLAB - Autonomous and Robotic Systems Laboratory Dipartimento di Matematica e Informatica - Università di Catania, Italy santoro@dmi.unict.it Programmazione

Dettagli

A.S. 2010-2011. 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS.

A.S. 2010-2011. 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS. I.T.I.S. M.BARTOLO - PACHINO Progetto Introduzione alla robotica A.S. 2010-2011 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS. 2. Conoscenza dell unità programmabile - programmazione dei vari elementi

Dettagli

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca)

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Lego Mindstorms NXT è un kit robotico programmabile rilasciato dalla Lego alla fine di Luglio 2006.

Lego Mindstorms NXT è un kit robotico programmabile rilasciato dalla Lego alla fine di Luglio 2006. Mindstorms NXT 2.0 Scritto da Prof. S. Giannitto - Amministratore 28/10/2010 Lego Mindstorms NXT è un kit robotico programmabile rilasciato dalla Lego alla fine di Luglio 2006. Rimpiazza il kit Lego Mindstorms

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

2 - Introduzione al linguaggio Java

2 - Introduzione al linguaggio Java 2 - Introduzione al linguaggio Java Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni. Laboratorio Base HackLab Terni Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.org Cos'è? è una piattaforma di prototipazione elettronica open-source basata su microcontrollore

Dettagli

Java: Compilatore e Interprete

Java: Compilatore e Interprete Java: Compilatore e Interprete Java Virtual Machine Il bytecode non è Linguaggio Macchina. Per diventarlo, deve subire un ulteriore trasformazione che viene operata dall interprete Java in modalità JIT

Dettagli

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; }

Esercizi Java. class somma2 { static int somma(int a,int b) {return a+b; } Java è un linguaggio di programmazione c indipendente dalla piattaforma, ovvero un linguaggio di programmazione che permette di compilare i programmi una volta sola e di installarli su computer che usano

Dettagli

Scrivere un programma in Java

Scrivere un programma in Java Programmare in JAVA Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA uff. 0577 234850 - interno: 7102 Stanza 119 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Candidato: Ardilio Angelica Classe: 5 B - I.T.I.S. Elettronica ed Elettrotecnica. T.P.S.E.E. Tecnologia & Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici ARDUINO.

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it

Programmazione II. Lezione 4. Daniele Sgandurra 30/09/2011. daniele.sgandurra@iit.cnr.it Programmazione II Lezione 4 Daniele Sgandurra daniele.sgandurra@iit.cnr.it 30/09/2011 1/46 Programmazione II Lezione 4 30/09/2011 Sommario 1 Esercitazione 2 Panoramica della Programmazione Ad Oggetti 3

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma

Eclipse. Avviare un progetto e compilare un semplice programma Eclipse Avviare un progetto e compilare un semplice programma Descrizione di Eclipse Eclipse è un ambiente di sviluppo che facilita la scrittura ed il debug di programmi java Permette di: Scrivere il codice

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse

Prova Finale a.a. 2011/2012. Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse Prova Finale a.a. 2011/2012 Laboratorio 1: Introduzione a Java e Eclipse 1 Java 6 Standard Edition Linguaggio Java (... (javac, Tool di sviluppo Librerie per l'interfaccia grafica Librerie di base Macchina

Dettagli

Rete di scuole per la ROBOCUP JR ITALIA. ROBOCUP JR ITALIA 2012 Riva del Garda (TN) 19-21 aprile

Rete di scuole per la ROBOCUP JR ITALIA. ROBOCUP JR ITALIA 2012 Riva del Garda (TN) 19-21 aprile Rete di scuole per la ROBOCUP JR ITALIA ROBOCUP JR ITALIA 2012 Riva del Garda (TN) REPORT DI DOCUMENTAZIONE Della squadra: SALENTO Istituto: IIS F. BOTTAZZI dfi CASARANO (LE) 2 IL NOSTRO ISTITUTO 3 La

Dettagli

Le command line di Java

Le command line di Java Le command line di Java Esercitazioni di Programmazione 2 Novella Brugnolli brugnoll@science.unitn.it Ambiente di lavoro Per compilare ed eseguire un programma Java abbiamo bisogno di: The JavaTM 2 Platform,

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter.

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. Corso di BASCOM AVR - (34) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. La struttura interna dei Mini Moduli è composta

Dettagli

Sensori di temperatura a termocoppia K Guida Utente

Sensori di temperatura a termocoppia K Guida Utente Sensori di temperatura a termocoppia K Guida Utente 1 INDICE: 1 INTRODUZIONE... 2 2 APPLICAZIONI TIPICHE:... 2 3 NORME DI INSTALLAZIONE:... 2 3.1 Connessione elettrica su acquisitori M1 ed MD4:... 2 3.2

Dettagli

EVALITA 2011. NXT Speech. Utilizzo di comandi vocali nell'interazione con robot Lego Mindstorm NXT CANGIANO GENNARO

EVALITA 2011. NXT Speech. Utilizzo di comandi vocali nell'interazione con robot Lego Mindstorm NXT CANGIANO GENNARO EVALITA 2011 NXT Speech Utilizzo di comandi vocali nell'interazione con robot Lego Mindstorm NXT CANGIANO GENNARO Università degli Studi di Napoli Federico II Indice generale 1.Introduzione...3 2.Hardware...3

Dettagli

Java: Compilazione e Traduzione. Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA. C: Editing, compilazione, esecuzione

Java: Compilazione e Traduzione. Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA. C: Editing, compilazione, esecuzione Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA A.A. 2007/08 Tutor: Barbara Pettazzoni barbara.pettazzoni@studio.unibo.it Java: Compilazione e Traduzione Editing, compilazione, esecuzione

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Primi programmi in Java. Lezione IV

Primi programmi in Java. Lezione IV Primi programmi in Java Lezione IV Scopo della lezione Realizzare dei semplici programmi scritti in Java. Esercitarsi nelle operazioni necessarie per passare dalla scrittura di codice Java all esecuzione

Dettagli

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo IPSES S.r.l. Scientific Electronics MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo La gamma più completa per il controllo intelligente dei motori passo passo I nostri sistemi sono la soluzione

Dettagli

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

Progettazione del robot

Progettazione del robot Progettazione del robot MINDSTORMS EV3 Anche quest anno abbiamo deciso di usare unmattoncinolegomindstormsev3.sitratta di un evoluzione dellaversione precedentenxt2.0, migliorata sotto diversi aspetti.

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "Ciao"; protected int n; public General() { n = 1; public

Dettagli

NXT Guida rapida di utilizzo. a cura di Rob Widger

NXT Guida rapida di utilizzo. a cura di Rob Widger NXT Guida rapida di utilizzo a cura di Rob Widger Guida rapida di utilizzo NXT Indice Introduzione... 2 1. Un approccio semplice... 3 2. Impostazione dell hardware... 4 3. Utilizzo di NXT senza software...

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi What is LabVIEW???? Pietro Giannone University of Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT TESI DI LAUREA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT RELATORE: Prof. Michele Moro LAUREANDO: Marco Beggio Corso di laurea Specialistica in Ingegneria

Dettagli

Rete di scuole per la

Rete di scuole per la Rete di scuole per la ROBOCUP JR ITALIA ROBOCUP JR ITALIA 2011 Catania 14-16 aprile della squadra DANCE dell Istituto ITIS G.B.Pininfarina di Moncalieri (Torino) ROBOCUP JR ITALIA 2011 - Catania 14-16

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 08 Traduzione ed esecuzione di programmi Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente materiale didattico

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

1. Contenuti della confezione. 2. Visualizzazione del prodotto

1. Contenuti della confezione. 2. Visualizzazione del prodotto 1. Contenuti della confezione 1. 2. adattatore per corrente 3. Custodia 4. Cavo USB 5. 6. Certificato di garanzia 7. Info legali e precauzioni d uso 2. Visualizzazione del prodotto 15 16 3 4 5 6 1 2 13

Dettagli

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base

Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Sistema operativo Definizione Parte del software che gestisce I programmi applicativi L interfaccia tra il calcolatore e i programmi applicativi Le funzionalità di base Architettura a strati di un calcolatore

Dettagli

Progetto Giochi di robotica

Progetto Giochi di robotica Progetto Giochi di robotica Classe 1ªG Proff. Marco Manfrin Silvia Ferraresso I.T.I.S. Carlo Zuccante a.s. 2012-2013 1. INTRODUZIONE Questo e-book serve ad avvicinare gli appassionati della robotica alla

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA ESSEBI Srl NUOVE FRONTIERE DEL MONITORAGGIO STRUTTURALE MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA Roma, 4 maggio 2011 Facoltà di Architettura via Gramsci, 53 Roma MONITORAGGIO WIRELESS I principali

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO HSRIO_BROCHURE.DOC HSRIO HIGH SPEED REMOTE INPUT OUTPUT Nome documento: Hsrio_Brochure.doc Responsabile: Bassignana Luigi Data: 01/04/2008 1 DESCRIZIONE Sistema modulare di IO remoto ad alta velocità,

Dettagli

Descrizione del Test Range della Società SAMA

Descrizione del Test Range della Società SAMA NOTA TECNICA OGGETTO: Descrizione del Test Range della Società SAMA Autore Franco Marchetti. Approvazione Alessio Alleva. Pag 1 di 11 Sommario 1 SCOPO... 3 2 DESCRIZIONE DELL HARDWARE DEL TEST RANGE...

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

M. Bartolo. Istituto di Istruzione Secondaria Superiore

M. Bartolo. Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Istituto di Istruzione Secondaria Superiore M. Bartolo PACHINO (SR) LICEO Classico -LICEO Scientifico LICEO delle Scienze Applicate - Liceo delle Scienze Umane I.T.I.S. (Elettronica e Elettrotecnica -

Dettagli

Corso di programmazione Arduino DI MALVEZZI DAVIDE

Corso di programmazione Arduino DI MALVEZZI DAVIDE Corso di programmazione Arduino DI MALVEZZI DAVIDE Argomenti Pin digitali e pin analogici Gestione di timer e bottoni Utilizzo della porta seriale Oggetto String Controllo di schermi LCD Utilizzo dell

Dettagli

Programmazione in ambiente

Programmazione in ambiente Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Programmazione in ambiente Android Laura Montanini - laura.montanini@univpm.it Corso di Tecnologie per le TLC 2013-2014

Dettagli

Corso di Robotica Autonoma Esperienza 1

Corso di Robotica Autonoma Esperienza 1 Università degli studi di Padova Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica Corso di Robotica Autonoma Esperienza 1 Nicola Chessa 1014413 Nicola Dalla Benetta 1020097 Davide Zanin 1035601 A.A.

Dettagli

Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE)

Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE) NOTE GENERALI: Corso di TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO A.A. 2013/2014, Docente: Ing. Marcello Bonfè SPUNTI PER PROGETTI DI APPROFONDIMENTO (TESINE FACOLTATIVE) 1. Ogni progetto deve essere PERSONALE,

Dettagli

Analisi e commenti riguardanti programmi in LeJOS

Analisi e commenti riguardanti programmi in LeJOS Corso di Laurea Triennale in Ingegneria dell Informazione Analisi e commenti riguardanti programmi in LeJOS Candidato: Nicolò Siviero Ballini, 542447 Relatore: Prof. Michele Moro A.A. 2009/10 Indice 1

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Fondamenti di programmazione in Java. Lezione III

Fondamenti di programmazione in Java. Lezione III Fondamenti di programmazione in Java Lezione III Scopo della lezione Descrivere gli strumenti che utilizzeremo nel resto del corso per sviluppare programmi in java UltraEdit Java SDK Imparare a scrivere

Dettagli

FileMaker 8. Installazione dei driver client FileMaker 8 ODBC e JDBC

FileMaker 8. Installazione dei driver client FileMaker 8 ODBC e JDBC FileMaker 8 Installazione dei driver client FileMaker 8 ODBC e JDBC 2004-2005 Filemaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 12 Giovedì 16-04-2015 1 Confronto architetture C/S e

Dettagli

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario.

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione per

Dettagli

ROBOCUP JUNIOR. CATANIA, Aprile SenigalliaRobot. A cura di: Mazzanti Matteo Stefanini Alessandro Simone Giovanni

ROBOCUP JUNIOR. CATANIA, Aprile SenigalliaRobot. A cura di: Mazzanti Matteo Stefanini Alessandro Simone Giovanni ROBOCUP JUNIOR CATANIA, 14-16 Aprile 2011-04- 06 SenigalliaRobot A cura di: Mazzanti Matteo Stefanini Alessandro Simone Giovanni Liceo E. Medi Senigallia INDICE CAP.1 indicazione dei componenti della squadra,

Dettagli

Pixel Pitch (mm) 0.248x0.248 Peso solo monitor 2,8kg Profondità (mm) 11,9 Colore nero

Pixel Pitch (mm) 0.248x0.248 Peso solo monitor 2,8kg Profondità (mm) 11,9 Colore nero TOPFLEX 222Y 1920x1080 pixel 2x22" www.multimonitortrading.it PREZZO iva inclusa: 690,00 Totale diagonale : 39" Multimonitor con bracci indipendenti -Supporto con piede a Y Opzione Orizzontale Opzione

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED Fasar Elettronica propone un innovativa e performante famiglia di prodotti per l'ambiente embedded, che comprende sistemi completi e singoli

Dettagli

Moduli di sicurezza multifunzione programmabili serie CS MP GEMNIS. versione 11

Moduli di sicurezza multifunzione programmabili serie CS MP GEMNIS. versione 11 Moduli di sicurezza multifunzione programmabili serie CS MP GEMNIS versione 11 Moduli di sicurezza multifunzione programmabili Introduzione Un modulo della serie Gemnis è un dispositivo di sicurezza programmabile

Dettagli

Sistema di monitoraggio delle correnti in ingresso in impianti fotovoltaici

Sistema di monitoraggio delle correnti in ingresso in impianti fotovoltaici Sistema di monitoraggio delle correnti in ingresso in impianti fotovoltaici "L uso della piattaforma CompactRIO ha consentito l implementazione di un sistema di monitoraggio adatto ad essere utilizzato

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Percorsi Abilitanti Speciali A.A. 2013/2014 classe abilitazione C320 LABORATORIO MECCANICO TECNOLOGICO Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Pag. 2 SOMMARIO Presentazione delle caratteristiche

Dettagli

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding»

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding» Il codingnella nella didattica metacognitiva Cos è il coding? Per coding si intende la stesura di un programma, cioè di una sequenza di istruzioni che eseguite da un calcolatore danno vita alla maggior

Dettagli

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1 Installare Java Il programma può essere scaricato dal seguente indirizzo: http://www.java.com/it/download/windows_ie.jsp?locale=it&host=www.java.com Per installare la JDK è necessario: 1. scaricare il

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Centrale di allarme Gsm Skywalker

Centrale di allarme Gsm Skywalker Centrale di allarme Gsm Skywalker Centrale di allarme ad alta stabilità ed affidabilità. Dotata di combinatore telefonico Gsm+Pstn Tastiera per programmazione Batteria al Lithio integrata Sirena integrata

Dettagli

ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM. Specifiche Funzionali: Parametri Elettrici. Conformità. Garanzia 12 mesi

ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM. Specifiche Funzionali: Parametri Elettrici. Conformità. Garanzia 12 mesi ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM ISO-FREE è il primo sistema di Functional Training a corpo libero, che incorpora l abilità di riconoscere i movimenti dell utente unitamente al suo equilibrio e postura.

Dettagli

Introduzione all uso di Eclipse

Introduzione all uso di Eclipse Introduzione all uso di Eclipse Daniela Micucci Programmazione Outline Eclipse: concetti generali Definire un workspace Creare un project Importare un file Utilizzo 1 Introduzione Eclipse è un ambiente

Dettagli

La robotica nel laboratorio di Fisica

La robotica nel laboratorio di Fisica La robotica nel laboratorio di Fisica Armando Bracci Liceo Scientifico F. Cecioni Viale Risorgimento 104, 57124 Livorno bracci_a@liceocecioni.org In questo intervento viene descritta una sperimentazione

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Wattmetri da laboratorio

Wattmetri da laboratorio Wattmetri da laboratorio Wattmetro trifase DC-1MHz a 6 canali indipendenti 3193 Wattmetro monofase 100kHz per bassissime potenze 3332 Wattmetro mono-trifase 100kHz 3331 Wattmetro trifase DC-1MHz a 6 canali

Dettagli

- Memoria interna flash e scheda SD da 2 - Software SoftPCE opzionale

- Memoria interna flash e scheda SD da 2 - Software SoftPCE opzionale Torsiometro universale PCE-MMT E torsiometro universale per sistemi e ingegneria meccanica / 1... 5000 Nm / protezione IP 64 / frequenza 50... 2000 Hz / differenti sensori con TEDS memoria interna flash

Dettagli

Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata

Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata Il sistema Mitrol si presenta come un pannello operatore dotato di display LCD a colori con Touch Screen, all interno del quale è installata tipicamente una monoscheda, contenente tutte le CPU richieste

Dettagli

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 500 TS

TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 500 TS TRONCATRICE DOPPIA TESTA ELETTRONICA 500 TS 500 TS - 500 CD - 500 D2K Troncatrice doppia testa elettronica Le troncatrici a doppia testa Pertici vantano caratteristiche uniche in quanto a robustezza e

Dettagli

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 2 e 4 pag vuota Finalità-Obiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni pag. 7 Schema elettrico pag. 9 Circuito stampato pag 10 Elenco componenti

Dettagli